REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI CONSILIARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI CONSILIARI"

Transcript

1 REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI CONSILIARI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 63 dell 11 Novembre Modificato con deliberazioni di Consiglio Comunale n. 25 dell 8 Marzo 2012, n. 82 del 10 Luglio 2012, n. 140 del 20 Dicembre 2012, n. 61 dell 11 Luglio 2013, N. 90 del 22 novembre ALLEGATO AL REGOLAMENTO PER IL CONSIGLIO COMUNALE

2 2

3 REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI CONSILIARI ART. 1 - In attuazione di quanto previsto dallo Statuto comunale sono istituite le seguenti Commissioni Consiliari a carattere permanente: 1. Programmazione, Affari Generali, Società Partecipate, Consorzi, Bilancio, Personale, Innovazioni Tecnologiche, Patrimonio. 2. Territorio, Ambiente, Urbanistica, Edilizia Privata, Aziende Attività Economiche e Commercio, Industria ed Artigianato, Lavoro. 3. Lavori pubblici, Viabilità, Sicurezza, Legalità, Protezione Civile. 4. Cultura, Educazione, Tempo libero, Sport, Problematiche Giovanili. 5. Servizi Sociali, Famiglia, Sanità locale e Rapporti con Enti Sanitari Sovra Comunali ART Le Commissioni Consiliari svolgono funzioni consultive. Esse si riuniscono per effettuare un esame preventivo delle proposte di deliberazioni e di mozione, per l esame di questioni di competenza del Consiglio Comunale ed ogni volta che il parere delle Commissioni sia richiesto nell ambito dell attività del Consiglio Comunale. Le proposte di deliberazione e di mozione, che non siano state esaminate dalla Commissione competente, potranno ugualmente essere discusse e votate dal Consiglio Comunale, qualora non venga chiesto espressamente il parere della Commissione da almeno un quinto dei Consiglieri assegnati. In tal caso il Presidente della competente Commissione provvederà alla sua convocazione in maniera tale che essa si riunisca entro dieci giorni per l espressione del parere. Le relative proposte, salvo diversa decisione del Consiglio, potranno essere ugualmente discusse e votate nella successiva adunanza consiliare. 2 - In Commissione vengono svolte le interrogazioni orali secondo quanto previsto dal Regolamento per il funzionamento del Consiglio Comunale. Il presidente del consiglio comunale assegna alle commissioni gli atti da esaminare sulla base delle competenze indicate 3

4 nell articolo 1; qualora più commissioni siano competenti, si riuniscono in seduta congiunta presieduta dal presidente più anziano di età. ART. 3 I Gruppi consiliari con almeno cinque componenti designano a far parte di ciascuna Commissione due membri, i restanti gruppi un membro. Le Commissioni dovranno costituirsi entro trenta giorni dall'elezione del Presidente del Consiglio Comunale. Qualora i Gruppi Consiliari non provvedano in tempo utile alla designazione dei rispettivi membri, a ciò provvederà il Presidente del Consiglio Comunale al fine di dare compiuta composizione alle Commissioni medesime. ART. 4 1 Il Presidente del Consiglio comunica al Consiglio Comunale i nominativi dei Commissari che compongono ciascuna Commissione. Nella ipotesi di impedimento del Commissario designato, è facoltà del relativo Capogruppo o dello stesso Commissario delegare, di volta in volta e per iscritto, un altro Consigliere appartenente allo stesso gruppo consiliare. 2 In caso di surroga, il Consigliere surrogante subentra automaticamente nelle medesime Commissioni dell uscente, salvo diverse indicazioni del Capogruppo da effettuarsi seduta stante dopo la votazione della delibera di surroga. In tal caso il Presidente del Consiglio Comunale emana il provvedimento conseguente. 3 Nella ipotesi di dimissione, su designazione del relativo Capogruppo Consiliare, il Commissario dimissionario viene sostituito con provvedimento del Presidente del Consiglio. ART. 5 1 Nella prima seduta ciascuna Commissione, convocata e presieduta dal Presidente del Consiglio Comunale, previa presentazione delle candidature, provvede alla nomina del proprio Presidente, il quale viene eletto con la maggioranza di voti dei Commissari che la compongono. 4

5 2 - Nella medesima seduta, pure previa presentazione delle candidature, con distinta votazione viene eletto il Vice Presidente, il quale presiederà la Commissione in caso di assenza od impedimento del Presidente. ART Il Presidente convoca la Commissione, formula l'ordine del giorno e presiede la seduta. 2 - Il Presidente, ove venga richiesto da almeno due Commissari che rappresentino un quinto dei Consiglieri in carica oppure da un quinto dei Consiglieri Comunali o dall Assessore competente, è tenuto prontamente alla convocazione della Commissione affinché la stessa sia convocata nei successivi dieci giorni liberi. Qualora la richiesta sia diretta all esame di una proposta di deliberazione o di una mozione od allo svolgimento di un interrogazione, essa è comunicata anche al presidente del consiglio comunale, il quale, se constata l incompetenza della commissione o la competenza anche di altre, provvede a trasmetterla a chi di dovere, contestualmente informandone il presidente cui la richiesta era stata rivolta L ordine del giorno può essere inviato anche per telefax o con posta elettronica. 3 - In caso di mancato adempimento di quant anzi, su segnalazione dei Richiedenti, provvede il Presidente del Consiglio alla convocazione della Commissione. 4 - Le Commissioni, di norma e salvo particolare urgenza, vengono convocate con le stesse modalità della convocazione del Consiglio Comunale. ART Per la validità della convocazione delle Commissioni è richiesta la presenza di Commissari che siano portatori di un numero di voti pari ad almeno il 50% dei Consiglieri Comunali. 2 - Le determinazioni delle Commissioni, qualora si riferiscano a decisioni di spettanza/competenza del Consiglio Comunale, sono adottate con voto palese ed a maggioranza. I Commissari votanti, nel qual caso, esprimono un numero di voti rapportato alla consistenza del gruppo consiliare di appartenenza. I voti sono egualmente ripartiti fra i rappresentanti di 5

6 ciascun gruppo, senza attribuzioni di frazioni di voto. Il Presidente della Commissione, ai fini dell'attribuzione dei voti, attesta l'arrivo dei singoli Consiglieri ed attribuisce tali voti secondo l'ordine di presentazione dei Consiglieri alla seduta. 3 - Qualora una proposta di delibera della Giunta Comunale riporti il voto favorevole unanime dei componenti presenti in Commissione e tali Componenti rappresentino almeno i due terzi dei voti complessivi della Commissione medesima, la proposta viene iscritta all ordine del giorno del Consiglio comunale per la sola votazione. E tuttavia concesso ad uno o più Capigruppo, che rappresentino almeno un quinto dei Consiglieri comunali, la facoltà di richiedere con discussione il riesame della proposta. 4 - Le riunioni sono pubbliche, con la sola esclusione dei casi in cui venga, di volta in volta, diversamente deciso motivatamente e di quelli in cui debbano essere trattate questioni concernenti giudizi sulla qualità di persone. Ciascun Consigliere Comunale può intervenire senza diritto di voto alle sedute di ogni Commissione. 5 - Alle sedute, qualora necessario, partecipa l'assessore di riferimento e/o il Dirigente/funzionario competente per gli argomenti iscritti all'ordine del giorno. ART La convocazione delle Commissioni con il relativo ordine del giorno deve essere comunicata anche al Presidente del Consiglio Comunale, al Sindaco, agli Assessori competenti per materia, ai Capigruppo consiliari ed ai Presidenti delle Commissioni. 2 - Ai precitati dovrà parimenti essere trasmessa copia dei verbali. ART Ferma la condizione di cui all art. 7, ai Consiglieri Comunali è dovuto il gettone di presenza per l effettiva partecipazione ad ogni Commissione singolarmente convocata. Più Commissioni in seduta congiunta danno diritto alla corresponsione di un solo gettone di presenza. Il gettone di presenza non è dovuto per la partecipazione alla Conferenza dei 6

7 Capigruppo e ad altri organi similari, comunque denominati nel regolamento dell ente, in ragione della funzione di programmazione dei lavori di Consiglio e delle Commissioni Consiliari. 2 - Il Consigliere ha diritto alla corresponsione del gettone esclusivamente se è presente per oltre la metà della seduta. A tale scopo il Presidente della Commissione dichiara l inizio e la fine della seduta; attesta formalmente l abbandono della seduta sulla scorta di dichiarazione resa dal Consigliere o dal Segretario della Commissione. 3 - Per ogni riunione di commissione consiliare il segretario prescelto tra i dipendenti comunali ed indicato dall Assessore al personale - deve compilare un apposita scheda di presenza sottoscritta dai commissari e dal segretario stesso, attestante l effettiva partecipazione alle sedute. In mancanza di tale scheda non è possibile procedere alla liquidazione del gettone di presenza. Il segretario di commissione deve rilasciare apposito attestato di presenza ai commissari che ne facciano richiesta ai sensi dell art. 79, comma 6, del Tuel, uniformandosi alle dichiarazioni in corso di seduta. 4 - Il verbale delle riunioni è redatto in forma sintetica dal segretario e deve essere sottoposto alla Commissione per l approvazione nel corso della riunione stessa; qualora non se ne ravvisi l urgenza della stesura ed approvazione, in quella immediatamente successiva. Se l argomento all ordine del giorno del Consiglio Comunale è stato esaminato in Commissione, il verbale è allegato al fascicolo. ART Nell'esercizio della loro attività, tramite il loro Presidente, le Commissioni Consiliari hanno il diritto di ottenere dal Sindaco o dall'assessore alla partita le informazioni ritenute utili per lo svolgimento dei lavori. 2 - Le Commissioni, d'intesa con il Sindaco, possono svolgere indagini conoscitive; quant anzi al fine di acquisire e quindi esprimere pareri più ponderati sull argomento trattato. 7

8 ART Le Commissioni si riuniscono di norma nella Sala Consiliare. 2 - La convocazione delle commissioni in seduta congiunta spetta al presidente più anziano d'età, d'intesa con il presidente od i presidenti delle altre commissioni coinvolte. 3 - Le Commissioni, d'intesa con l Assessore competente in materia, possono chiedere l'intervento di amministratori o dirigenti delle aziende o degli Enti nei quali il Comune nomina propri rappresentanti. Nel caso in cui la specificità dei temi di competenza ne giustifichi l'utilità, la Commissione può richiedere l'audizione dei rappresentanti di Enti, Gruppi, Organismi riconosciuti dallo Statuto ed operanti nel settore di interesse, ovvero di esperti nell'argomento segnalati dall'amministrazione; ciò, pur tuttavia, senza oneri per la stessa. ART. 12 Per quanto non previsto nel presente regolamento, si applicano, per analogia ed in quanto compatibili, le disposizioni del regolamento per il funzionamento del consiglio comunale. 8

Comune di Montagnareale Provincia di Messina

Comune di Montagnareale Provincia di Messina REGOLAMENTO PER LA NOMINA ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE PER L ESAME DELLE NORME REGOLAMENTARI DELL ENTE INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento- definizioni. Art. 2 - Composizione,

Dettagli

COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LE CONSULTE

COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LE CONSULTE COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LE CONSULTE (STATUTO art. 51: Il consiglio comunale può avvalersi di consulte di settore su tematiche specifiche: giovani, cultura,solidarietà

Dettagli

STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO

STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO Art. 1 Istituzione ed impegni dell Amministrazione Comunale Il Consiglio Comunale di Santa Maria a Vico, riconosciuta

Dettagli

COMUNE DI RUSSI REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI ZONA

COMUNE DI RUSSI REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI ZONA COMUNE DI RUSSI REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI ZONA Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 2 del 25/02/2014 Art. 1 - ISTITUZIONE E FINALITA' 1. In attuazione dei principi enunciati nell art. 8 dello

Dettagli

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI DEL VOLONTARIATO ANIMALISTA

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI DEL VOLONTARIATO ANIMALISTA REGOLAMENTO CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI DEL VOLONTARIATO ANIMALISTA (approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 10 del 24.2.2011) 1 Indice Articolo 1 - Istituzione Articolo 2 Insediamento Articolo

Dettagli

App~ovab son etto di 6.6. n. $5 deb 2#BL20$5

App~ovab son etto di 6.6. n. $5 deb 2#BL20$5 App~ovab son etto di 6.6. n. $5 deb 2#BL20$5 Il "Regolamento delle Commissioni Consiliari Permanenti, D'indagine e di Studio" disciplina la tipologia, le competenze ed il funzionamento delle Commissioni

Dettagli

FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ

FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ DI BENEVENTO REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Titolo I Principi generali Art. 1 Il Forum della Gioventù della Provincia di Benevento è un organismo di partecipazione, rappresentanza

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE - atti

REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE - atti Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE - atti REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE INDICE SISTEMATICO ART.1 CONSIGLI DI QUARTIERE ART.2 COMPOSIZIONE E NOMINA DEI CONSIGLI DI QUARTIERE E DETERMINAZIONE

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE N 18 COMUNI DI CASORIA ARZANO CASAVATORE PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO ISTITUZIONALE

AMBITO TERRITORIALE N 18 COMUNI DI CASORIA ARZANO CASAVATORE PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO ISTITUZIONALE AMBITO TERRITORIALE N 18 COMUNI DI CASORIA ARZANO CASAVATORE PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO ISTITUZIONALE Articolo 1 Finalità e forma degli atti di competenza 1. Il

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA' TRA UOMO E DONNA

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA' TRA UOMO E DONNA COMUNE DI CASALEONE Provincia di Verona REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA' TRA UOMO E DONNA Approvato con deliberazione di C.C. n. 46 del 16/11/2011 Modificato con: Delibera

Dettagli

COMUNE DI ROSTA REGOLAMENTO DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI ROSTA REGOLAMENTO DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI ROSTA PROVINCIA DI Torino REGOLAMENTO DELLA GIUNTA COMUNALE Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 91 del 19.05.1994 Ultima modifica con deliberazione di Giunta Comunale n. 97 del

Dettagli

******************* Regolamento per la costituzione ed il funzionamento della Consulta Comunale per il Volontariato **************************

******************* Regolamento per la costituzione ed il funzionamento della Consulta Comunale per il Volontariato ************************** ******************* Regolamento per la costituzione ed il funzionamento della Consulta Comunale per il Volontariato ************************** Approvato con delibera consiliare n. 180 del 18 Dicembre 2012.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE UNICA PER LE POLITICHE DEL LAVORO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE UNICA PER LE POLITICHE DEL LAVORO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE UNICA PER LE POLITICHE DEL LAVORO (D.Lgs 23 dicembre 1997, n. 469) SOMMARIO TITOLO I - Norme di organizzazione ART. 1 Ambito di applicazione ART. 2 Finalità ART.

Dettagli

Città di Rivoli Provincia di Torino

Città di Rivoli Provincia di Torino Città di Rivoli Provincia di Torino REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE E DELLE COMMISSIONI CONSILIARI Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 23 gennaio 2004 Modificato con deliberazioni

Dettagli

COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI. Art. 1 Istituzione

COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI. Art. 1 Istituzione COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI Art. 1 Istituzione Il Forum giovanile, previsto dall art. 15 bis dello Statuto comunale, è strumento di autorappresentanza e di partecipazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DEGLI STRANIERI. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 81 del 30-10-2012

REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DEGLI STRANIERI. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 81 del 30-10-2012 REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DEGLI STRANIERI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 81 del 30-10-2012 Entrato in vigore il 2.11.2012 INDICE Art. 1 Istituzione Art. 2 Finalità Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI (approvato dal C.D.A. con Delibera n 139 in seduta del 25/6/1998, modificato con Delibera n 87 in

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991)

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) CAPO I DELLA COSTITUZIONE E DEL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO NAZIONALE ART. 1 Insediamento del Consiglio - Entrata in carica

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI A.S.P. AZIENDA PUBBLICA DEI SERVIZI ALLA PERSONA DEI COMUNI MODENESI AREA NORD

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI A.S.P. AZIENDA PUBBLICA DEI SERVIZI ALLA PERSONA DEI COMUNI MODENESI AREA NORD REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI A.S.P. AZIENDA PUBBLICA DEI SERVIZI ALLA PERSONA DEI COMUNI MODENESI AREA NORD Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

COMUNE DI BRUSAPORTO PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI BRUSAPORTO PROVINCIA DI BERGAMO Deliberazione di Giunta Comunale N. 2 del 16/01/2014 C O P I A Codice Ente: 10043 OGGETTO: DETERMINAZIONE DEL COSTO ORARIO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE COMUNALI. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA

Dettagli

COMUNE DI CALVENE. Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI CALVENE. Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI CALVENE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 44 DEL 29.11.2012 INDICE Art. 1 FINALITA Art. 2 COMPETENZE Art.

Dettagli

CITTÁ DI CASTELLAMMARE DI STABIA

CITTÁ DI CASTELLAMMARE DI STABIA CITTÁ DI CASTELLAMMARE DI STABIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 71 del 19/12/2011 CITTA' DI CASTELLAMMARE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ISTITUZIONE DELL 'OSSERVATORIO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO E DELLA CONFERENZA ANNUALE DEL TERZO SETTORE

REGOLAMENTO PER LA ISTITUZIONE DELL 'OSSERVATORIO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO E DELLA CONFERENZA ANNUALE DEL TERZO SETTORE REGOLAMENTO PER LA ISTITUZIONE DELL 'OSSERVATORIO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO E DELLA CONFERENZA ANNUALE DEL TERZO SETTORE Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale no 209 del 22 Novembre

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità 1) Il Consiglio comunale dei Giovani di San Polo dei Cavalieri è un organo democratico di rappresentanza

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE CAPITOLO 1 - GENERALITA Il presente regolamento è redatto in base all art. 42

Dettagli

S T A T U T O Associazione Pro Loco Judica

S T A T U T O Associazione Pro Loco Judica S T A T U T O Associazione Pro Loco Judica Allegato A Art.1 Costituzione, denominazione e sede 1.1 E Costituita nel Comune di Castel di Iudica, una Associazione denominata Pro Loco Judica con sede in M.

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI CAGLIARI (Circoscrizioni dei Tribunali Cagliari e Lanusei)

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI CAGLIARI (Circoscrizioni dei Tribunali Cagliari e Lanusei) ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI CAGLIARI (Circoscrizioni dei Tribunali Cagliari e Lanusei) Regolamento delle attivit e per il funzionamento del Consiglio dell Ordine dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL FORUM DEI GIOVANI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL FORUM DEI GIOVANI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL FORUM DEI GIOVANI INDICE ART. 1 Forum dei Giovani Finalità pag. 3 ART. 2 Principi programmatici pag. 3 ART. 3 Compiti del Forum pag. 3 ART. 4 Pareri pag. 4 ART. 5 Soci

Dettagli

COMUNE DI NOVA MILANESE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI NOVA MILANESE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI NOVA MILANESE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Capo I - Disposizioni generali Art. 1 - Finalità Art. 2 - Interpretazione del regolamento Art. 3 - Durata in carica Art. 4

Dettagli

Comune di Pesaro. Regolamento sugli organismi di rappresentanza del territorio

Comune di Pesaro. Regolamento sugli organismi di rappresentanza del territorio Comune di Pesaro Regolamento sugli organismi di rappresentanza del territorio Approvato con Delibera di Consiglio Comunale N. 51 del 30/03/2009 1 Disposizioni generali Art. 1 Condizione di attuazione Il

Dettagli

COMUNE DI MONTECORVINO PUGLIANO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL FORUM DEI GIOVANI

COMUNE DI MONTECORVINO PUGLIANO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL FORUM DEI GIOVANI - COMUNE DI MONTECORVINO PUGLIANO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL FORUM DEI GIOVANI 1 INDICE ART. 1 Forum dei Giovani Finalità pag. 4 ART. 2 Principi programmatici pag. 4 ART. 3

Dettagli

PROCEDURE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER IL LAVORO

PROCEDURE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER IL LAVORO I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 48 PROVINCIA DI PADOVA PROCEDURE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER IL LAVORO Approvato con D.G.P. in data 24.2.2000 n. 42 di reg., modificato con D.G.P.

Dettagli

Assessorato Territorio ed Ambiente

Assessorato Territorio ed Ambiente Assessorato Territorio ed Ambiente CONSIGLIO REG.LE PROTEZIONE PATRIMONIO NATURALE REGOLAMENTO INTERNO ART. 1 FUNZIONI Il Consiglio Reg.le per la Protezione del Patrimonio Naturale, che negli articoli

Dettagli

STATUTO PRO LOCO DI MADONNA DI CAMPIGLIO. Approvato dall assemblea dei soci fondatori d.d. 07.04.2008 in conformità al modello proposto dalla PAT.

STATUTO PRO LOCO DI MADONNA DI CAMPIGLIO. Approvato dall assemblea dei soci fondatori d.d. 07.04.2008 in conformità al modello proposto dalla PAT. STATUTO PRO LOCO DI MADONNA DI CAMPIGLIO Approvato dall assemblea dei soci fondatori d.d. 07.04.2008 in conformità al modello proposto dalla PAT. STATUTO DELLA PRO LOCO DI MADONNA DI CAMPIGLIO COSTITUZIONE

Dettagli

TITOLO K ORGANI COLLEGIALI. Art. K 1. Competenze e composizione. Art. K 2. Calendario delle riunioni

TITOLO K ORGANI COLLEGIALI. Art. K 1. Competenze e composizione. Art. K 2. Calendario delle riunioni TITOLO K ORGANI COLLEGIALI I - COLLEGIO DOCENTI Art. K 1. Competenze e composizione Il Collegio docenti ha le competenze ad esso attribuite dalla legge (D.l.vo n. 297/1994 e successive modificazioni).

Dettagli

Allegato A all atto rep. n.106.396/22.910 STATUTO

Allegato A all atto rep. n.106.396/22.910 STATUTO Allegato A all atto rep. n.106.396/22.910 STATUTO Art.1 (denominazione e sede) 1. é costituita l organizzazione di volontariato denominata Helios ONLUS (qui di seguito denominata Helios) 2. L organizzazione

Dettagli

STATUTO. Titolo I DENOMINAZIONE, SEDE, DURATA, OGGETTO

STATUTO. Titolo I DENOMINAZIONE, SEDE, DURATA, OGGETTO STATUTO Titolo I DENOMINAZIONE, SEDE, DURATA, OGGETTO Art. 1 (Denominazione) E costituita una società per azioni denominata Veneto Sviluppo S.p.A.. Art. 2 (Sede) 1. La società ha sede legale in Venezia.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA

REGOLAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA REGOLAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Il presente regolamento disciplina il funzionamento del senato accademico dell Università degli studi di Genova in conformità a quanto

Dettagli

STATUTO DEL FORUM PER LE POLITICHE GIOVANILI DELLA CITTA DI GROSSETO

STATUTO DEL FORUM PER LE POLITICHE GIOVANILI DELLA CITTA DI GROSSETO STATUTO DEL FORUM PER LE POLITICHE GIOVANILI DELLA CITTA DI GROSSETO Art. 1 Istituzione ed impegni dell Amministrazione Comunale Il Consiglio Comunale di Grosseto, riconosciuta l importanza di coinvolgere

Dettagli

CONSIGLIO PROVINCIALE. Composizione

CONSIGLIO PROVINCIALE. Composizione Regolamento del Consiglio e della Presidenza Provinciale delle Acli milanesi che specifica il regolamento delle Acli lombarde in coerenza con le norme del Regolamento approvato dal Consiglio nazionale

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Art. 1 Denominazione Sede - Durata E costituita l Associazione di volontariato denominata Unione Samaritana ONLUS, con sede in Milano piazza Ospedale Maggiore 3, presso l Azienda

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT INDICE Titolo I - Premessa... 2 Art. 1 Finalità... 2 Art. 2 Ambito di applicazione... 2 Art. 3 Definizioni... 2 Titolo II Organi del dipartimento e

Dettagli

STATUTO FORUM DEI GIOVANI

STATUTO FORUM DEI GIOVANI STATUTO FORUM DEI GIOVANI ART.1 ADOZIONE DELLO STATUTO L Amministrazione Comunale di Osimo, con deliberazione del Consiglio Comunale del 3.8.2011, riconosciute: - l importanza di coinvolgere i giovani

Dettagli

Regolamento del Consiglio Comunale dei Ragazzi

Regolamento del Consiglio Comunale dei Ragazzi Comune di Capriano del Colle Regolamento del Consiglio Comunale dei Ragazzi approvato con deliberazione del Consiglio Comunale N 1 Art. 1 Principi fondamentali Con riferimento alla Legge 176/91 Ratifica

Dettagli

C O M U N E D I C E R V I G N A N O D E L F R I U L I PROVINCIA DI UDINE

C O M U N E D I C E R V I G N A N O D E L F R I U L I PROVINCIA DI UDINE C O M U N E D I C E R V I G N A N O D E L F R I U L I PROVINCIA DI UDINE Verbale di deliberazione del CONSIGLIO COMUNALE Registro delibere di Consiglio Comunale ORIGINALE N. 55 OGGETTO: ADOZIONE DEL PIANO

Dettagli

CITTA METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE. Regolamento sul funzionamento e l organizzazione del Consiglio Metropolitano di Roma Capitale

CITTA METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE. Regolamento sul funzionamento e l organizzazione del Consiglio Metropolitano di Roma Capitale CITTA METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE Regolamento sul funzionamento e l organizzazione del Consiglio Metropolitano di Roma Capitale Approvato con deliberazione del Consiglio metropolitano n. 2 del 2/03/2015

Dettagli

COMUNE DI VILLA D ALMÉ Provincia di Bergamo

COMUNE DI VILLA D ALMÉ Provincia di Bergamo COMUNE DI VILLA D ALMÉ Provincia di Bergamo Nr. 66 Del 04/09/2009 Cod. Ente 10243 LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA PALESTRA DELLA SCUOLA ELEMENTARE. APPROVAZIONE IN LINEA TECNICA DEL PROGETTO DEFINITIVO.

Dettagli

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E NUMERO 5 DATA 25.01.2011 OGGETTO: Revoca concessione all Associazione Vigili del

Dettagli

Regolamento della Consulta Comunale degli Studenti universitari del Comune di Bari

Regolamento della Consulta Comunale degli Studenti universitari del Comune di Bari Regolamento della Consulta Comunale degli Studenti universitari del Comune di Bari Art. 1 Istituzione 1. Il Comune di Bari istituisce la Consulta comunale degli Studenti Universitari della Città di Bari,

Dettagli

Regolamento del Consiglio Comunale

Regolamento del Consiglio Comunale Regolamento del Consiglio Comunale I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza, 20 CAPO I I CONSIGLIERI COMUNALI Art.1 I Consiglieri Comunali 1. I Consiglieri Comunali rappresentano l intera

Dettagli

CONSULTA AMBIENTE E TERRITORIO STATUTO CONSULTA AMBIENTE E TERRITORIO

CONSULTA AMBIENTE E TERRITORIO STATUTO CONSULTA AMBIENTE E TERRITORIO CONSULTA AMBIENTE E TERRITORIO STATUTO Art. 1 Istituzione I Comuni di...istituiscono e fondano la CONSULTA AMBIENTE E TERRITORIO La Consulta ha la propria sede istituzionale presso il municipio del Comune,

Dettagli

COMUNE DI APICE Provincia di Benevento

COMUNE DI APICE Provincia di Benevento COMUNE DI APICE Provincia di Benevento Piazza della Ricostruzione,1 82021 Apice (BN) Tel.: 0824 92 17 11 Fax: 0824 92 17 42 Sito web: www.comune.apice.bn.it E-mail: info@comune.apice.bn.it originale DELIBERAZIONE

Dettagli

COMUNE DI POSTA FIBRENO

COMUNE DI POSTA FIBRENO COMUNE DI POSTA FIBRENO Provincia di Frosinone REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 31 marzo 2003 Modificato con deliberazione

Dettagli

Comune di Tivoli Città Metropolitana di Roma Capitale

Comune di Tivoli Città Metropolitana di Roma Capitale ALLEGATO Comune di Tivoli Città Metropolitana di Roma Capitale REGOLAMENTO DI COSTITUZIONE, ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA DEI COMITATI DI QUARTIERE, DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI DI

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO LICEO SCIENTIFICO E. FERMI - COSENZA

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO LICEO SCIENTIFICO E. FERMI - COSENZA REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO LICEO SCIENTIFICO E. FERMI - COSENZA Premessa: Il Consiglio d Istituto trova la sua definizione normativa nel Testo Unico delle disposizioni vigenti in materia d Istruzione

Dettagli

Statuto e Regolamento dell Associazione Culturale VIOLA VIVE

Statuto e Regolamento dell Associazione Culturale VIOLA VIVE Statuto e Regolamento dell Associazione Culturale VIOLA VIVE Art. 1 Costituzione, denominazione e sede E costituita l Associazione Culturale VIOLA VIVE con sede legale nel Comune di Viola in via Martini

Dettagli

COMUNE DI VILLA D ALMÉ Provincia di Bergamo

COMUNE DI VILLA D ALMÉ Provincia di Bergamo COMUNE DI VILLA D ALMÉ Provincia di Bergamo Nr. 119 Del 30/09/2004 Cod. Ente 10243 DELEGA ALLA SOCIETÀ EASY SHARE FINANCE S.R.L. DI BERGAMO PER RICHIESTA FINANZIAMENTO CORSI DI FORMAZIONE FONDO SOCIALE

Dettagli

COMUNE DI MONTESCUDO PROVINCIA DI RIMINI ORIGINALE di deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI MONTESCUDO PROVINCIA DI RIMINI ORIGINALE di deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI MONTESCUDO PROVINCIA DI RIMINI ORIGINALE di deliberazione della Giunta Comunale N. 24 Reg. Seduta del 07/05/2015 OGGETTO: PROGRAMMA NUOVI PROGETTI INTERVENTI, PREVISTO DALL ART. 3 COMMI 2-3 DEL

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI Articolo 1 - Attività del Consiglio L attività del Consiglio dell Ordine

Dettagli

Art. 1. Composizione. Art. 2. Nomina, durata e compensi

Art. 1. Composizione. Art. 2. Nomina, durata e compensi REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER IL PAESAGGIO (art. 81 della L.R. 11 marzo 2005 n. 12 e art. 148 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 n. 42 D.G.R. n. VIII/7977 del 6 agosto 2008 e D.G.R. n. VIII/8139 del

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - Copia 09 - VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA N. 9 Del 21.07.2008 OGGETTO: BANDO PER IL COFINANZIAMENTO DI IMPIANTI SOLARI FOTOVOLTAICI E TERMICI INTEGRATI NELLE

Dettagli

Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Moderne Regolamento di Facoltà

Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Moderne Regolamento di Facoltà Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Moderne Regolamento di Facoltà Articolo 1 La Facoltà Articolo 2 Organi e strutture della Facoltà Articolo 3 Il Preside Articolo

Dettagli

COMUNE DI APICE Provincia di Benevento

COMUNE DI APICE Provincia di Benevento COMUNE DI APICE Provincia di Benevento Piazza della Ricostruzione,1 82021 Apice (BN) Tel.: 0824 92 17 11 Fax: 0824 92 17 42 Sito web: www.comune.apice.bn.it E-mail: info@comune.apice.bn.it originale DELIBERAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO del Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR)

REGOLAMENTO del Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR) REGOLAMENTO del Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR) Premessa I Consigli Comunali dei ragazzi (CCR) sono una realtà in diversi Paesi Europei. Queste forme di rappresentanza dei giovani si stanno diffondendo

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO - Emanato con DR n. 1347. Art. 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO - Emanato con DR n. 1347. Art. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO - Emanato con DR n. 1347 del 23 luglio 2015, pubblicato in data 27 luglio 2015 sull Albo on line ed entrato in vigore il 28 luglio 2015 Art. 1 Oggetto

Dettagli

CITTA DI BUSCA P R O V I N C I A D I C U N E O

CITTA DI BUSCA P R O V I N C I A D I C U N E O CITTA DI BUSCA P R O V I N C I A D I C U N E O VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 10 OGGETTO: DELIBERA C.C. 281/1990. DELIBERA G.C. 74/2006. REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI.

Dettagli

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con delibera consiliare n. 91 del 19 dicembre 2006 Comune di Prata di Pordenone Consiglio Comunale

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE PRAEMIUM SANCTI MARTINI

STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE PRAEMIUM SANCTI MARTINI STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE PRAEMIUM SANCTI MARTINI Art. 1 Costituzione, denominazione e sede 1.1 Viene costituita l Associazione Culturale Praemium Sancti Martini con sede legale nel Comune di Vigo

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena ---ooo--- VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA G I U N T A C O M UNALE Numero Data 125 31/08/2012 COPIA OGGETTO: MODALITA, CRITERI E LIMITI PER LA CONCESSIONE

Dettagli

FORUM DEI GIOVANI CITTA DI AVELLINO REGOLAMENTO

FORUM DEI GIOVANI CITTA DI AVELLINO REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI CITTA DI AVELLINO REGOLAMENTO INDICE ARTICOLO 1 ISTITUZIONE ARTICOLO 2 - IMPEGNI DELL AMMINISTRAZIONE ARTICOLO 3 - FINALITA DEL FORUM ARTICOLO 4 - AREE DI INTERESSE ARTICOLO 5 COMPETENZE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE E L APPROVAZIONE DEI PIANI ATTUATIVI COMUNALI. Ai sensi della L.R. 5/07 e successive integrazioni e modificazioni

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE E L APPROVAZIONE DEI PIANI ATTUATIVI COMUNALI. Ai sensi della L.R. 5/07 e successive integrazioni e modificazioni REGOLAMENTO PER L ADOZIONE E L APPROVAZIONE DEI PIANI ATTUATIVI COMUNALI Ai sensi della L.R. 5/07 e successive integrazioni e modificazioni Approvato con D.C. n.20 del 16 marzo 2009 Articolo 1 Oggetto

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 68 del 22.05.2014 OGGETTO: Disposizioni urgenti per il pagamento dei debiti scaduti della Pubblica Amministrazione,

Dettagli

COMUNE DI AGRIGENTO. Socio-assistenziali. Consulta Disabili di Agrigento

COMUNE DI AGRIGENTO. Socio-assistenziali. Consulta Disabili di Agrigento f!. '-,' COMUNE DI AGRIGENTO Settore IlIo - Servizi alla persona Socio-assistenziali " la nostra civiltà contro il pizzo e l'usura" Consulta Disabili di Agrigento Regolamento attuativo ed organizzativo

Dettagli

COMUNE DI ALA. Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI.

COMUNE DI ALA. Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI. COMUNE DI ALA Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI. 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità e contenuti 1. Questo regolamento stabilisce le modalità per l

Dettagli

Regolamento Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze

Regolamento Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze ASSESSORATO alle POLITICHE SCOLASTICHE, FORMATIVE ED EDUCATIVE. EDILIZIA SCOLASTICA Regolamento Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze Assessore proponente dott. Sabato Simonetti Aprile 2009 Regolamento

Dettagli

Lo Sporting Club Monza è un Associazione privata, senza fini di lucro, con sede in Monza, Viale Brianza n.39.

Lo Sporting Club Monza è un Associazione privata, senza fini di lucro, con sede in Monza, Viale Brianza n.39. STATUTO STATUTO ARTICOLO 1 Lo Sporting Club Monza è un Associazione privata, senza fini di lucro, con sede in Monza, Viale Brianza n.39. ARTICOLO 2 E scopo del club offrire agli associati amichevole ritrovo

Dettagli

CONSULTA DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE. Premessa della Dirigente

CONSULTA DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE. Premessa della Dirigente Allegato n. 1 C.I. del 29.04.2014 ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEMARCIANO MARINA Via G. Marotti, 26 60018 MONTEMARCIANO (AN) ic.montemarciano@libero.it - www.icsmontemarciano.it Tel. 071 915239 - Fax 071 915050

Dettagli

CITTÀ DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA)

CITTÀ DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA) CITTÀ DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA) COPIA DELLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 114 del reg. Oggetto: Approvazione protocollo d intesa Poste Italiane. data 27/09/2011 L anno duemilaundici, il

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI. Consulta Provinciale delle Associazioni delle Persone con Disabilità REGOLAMENTO

PROVINCIA DI CAGLIARI. Consulta Provinciale delle Associazioni delle Persone con Disabilità REGOLAMENTO PROVINCIA DI CAGLIARI Consulta Provinciale delle Associazioni delle Persone con Disabilità REGOLAMENTO Art. 1 Sono costituiti presso la Provincia di Cagliari l Elenco provinciale delle Associazioni delle

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Città di Medicina (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Approvato dal Consiglio comunale con deliberazione n. 139 del 16/12/2004 (divenuta esecutiva in data 28/12/2004) Modificato dal

Dettagli

COMUNE DI VILLA D ALMÉ Provincia di Bergamo

COMUNE DI VILLA D ALMÉ Provincia di Bergamo COMUNE DI VILLA D ALMÉ Provincia di Bergamo Nr. 80 Del 09/10/2008 Cod. Ente 10243 D.LSG 12/04/2006 N. 163 E D.M. DEL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI 9 GIUGNO 2005. ADOZIONE SCHEMA DEL PROGRAMMA

Dettagli

COMUNE DI VILLA D ALMÉ Provincia di Bergamo

COMUNE DI VILLA D ALMÉ Provincia di Bergamo COMUNE DI VILLA D ALMÉ Provincia di Bergamo Nr. 31 Del 09/04/2009 Cod. Ente 10243 AUTORIZZAZIONE A RESISTERE IN GIUDIZIO, AVANTI LA COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI BERGAMO, AL RICORSO IN MATERIA

Dettagli

COMUNE DI NICOLOSI PROVINCIA DI CATANIA

COMUNE DI NICOLOSI PROVINCIA DI CATANIA COMUNE DI NICOLOSI PROVINCIA DI CATANIA ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. _94 Oggetto: Affidamento servizio di assistenza domiciliare anno 2009. del 31 luglio 2009 L anno duemilanove

Dettagli

Federsanità Servizi TITOLO I DENOMINAZIONE E SOCI - SEDE OGGETTO DURATA

Federsanità Servizi TITOLO I DENOMINAZIONE E SOCI - SEDE OGGETTO DURATA Federsanità Servizi STATUTO STATUTO TITOLO I DENOMINAZIONE E SOCI - SEDE OGGETTO DURATA Art. 1) Denominazione e Soci 1.1 In base all art. 20 dello statuto della Confederazione Federsanità-ANCI nazionale

Dettagli

I N D I C E TITOLO I PRINCIPI E FINALITA DEL REGOLAMENTO. Art. 1 principi fondamentali TITOLO II L ALBO E LE CONSULTE

I N D I C E TITOLO I PRINCIPI E FINALITA DEL REGOLAMENTO. Art. 1 principi fondamentali TITOLO II L ALBO E LE CONSULTE Regolamento comunale per il riconoscimento, la promozione e la valorizzazione delle libere forme associative e delle organizzazioni di volontariato (Approvato con delibera n.110/cc del 18.10.1999) I N

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 164 del 10.12.2009 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL PROGETTO DENOMINATO «INTERVENTI DI RECUPERO DEGLI SPAZI VERDI

Dettagli

COMUNE DI PESCOROCCHIANO PROVINCIA DI RIETI

COMUNE DI PESCOROCCHIANO PROVINCIA DI RIETI COMUNE DI PESCOROCCHIANO PROVINCIA DI RIETI deliberazione della Giunta Comunale su proposta del Sindaco elaborata dall Area Affari Generali Delibera n. 22 del 21/03/2014 OGGETTO: Cessione in diritto di

Dettagli

Statuto A.N.VE Nicola Gazzini. Titolo I. Costituzione e generalità

Statuto A.N.VE Nicola Gazzini. Titolo I. Costituzione e generalità Statuto A.N.VE Nicola Gazzini Titolo I Costituzione e generalità Art. 1) E costituita un Associazione democratica apartitica e aconfessionale, senza scopo di lucro denominata A.N.VE - Nicola Gazzini con

Dettagli

COMUNE DI APICE Provincia di Benevento

COMUNE DI APICE Provincia di Benevento COMUNE DI APICE Provincia di Benevento Piazza della Ricostruzione,1 82021 Apice (BN) Tel.: 0824 92 17 11 Fax: 0824 92 17 42 Sito web: www.comune.apice.bn.it E-mail: info@comune.apice.bn.it originale DELIBERAZIONE

Dettagli

ASSOCIAZIONI CRISTIANE LAVORATORI ITALIANI

ASSOCIAZIONI CRISTIANE LAVORATORI ITALIANI ASSOCIAZIONI CRISTIANE LAVORATORI ITALIANI Regolamento delle Strutture di base Approvato dal Consiglio nazionale del 4-5 luglio 2008 (modificato dal Consiglio nazionale del 19-20 giugno 2009) Regolamento

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - Copia 13 - VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA N. 13 Del 28.01.2009 OGGETTO: ADEGUAMENTO COSTO DI COSTRUZIONE ANNO 2009. L anno duemilanove il giorno ventotto

Dettagli

COMUNE DI CONSELICE Provincia di Ravenna REGOLAMENTO DELLE CONSULTE COMUNALI E DEI FORUM TEMATICI

COMUNE DI CONSELICE Provincia di Ravenna REGOLAMENTO DELLE CONSULTE COMUNALI E DEI FORUM TEMATICI COMUNE DI CONSELICE Provincia di Ravenna REGOLAMENTO DELLE CONSULTE COMUNALI E DEI FORUM TEMATICI Approvato con delibera di C.C. n. 30 del 27/4/2010 Modificato con delibera di C.C. n. 42 del 27/9/2011

Dettagli

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA COPIA COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA DELIBERAZIONE N. 1 in data: 17.01.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA ORDINARIA DI PRIMA CONVOCAZIONE - SEDUTA PUBBLICA

Dettagli

Iscritta nel Registro Nazionale delle Associazioni di Promozione Sociale

Iscritta nel Registro Nazionale delle Associazioni di Promozione Sociale U N I O N E N A Z I O N A L E P R O L O C O D I T A L I A Ente Assistenziale riconosciuto dal Ministero degli Interni con D.M. n. 559/C 11976. 12000a (121) del 18 giugno 1998 Iscritta nel Registro Nazionale

Dettagli

Deliberazione originale della Giunta Comunale

Deliberazione originale della Giunta Comunale Deliberazione originale della Giunta Comunale N. 26 del Reg. Data 3.3.2015 OGGETTO: approvazione progetto lsu L anno duemilaquindici, il giorno tre del mese di marzo alle ore 12.00, nella sala delle adunanze

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI. Art. 1 Istituzione.. Art. 2 Attribuzioni.. CAPO II ORGANI DELLA

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - Copia 10 - VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA N. 10 Del 14.01.2009 OGGETTO: PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN FAVORE DELLE FAMIGLIE NUMEROSE PER

Dettagli

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E NUMERO 43 DATA 01/06/2011 OGGETTO: Acquisto di una autovettura da adibire al servizio

Dettagli

COMUNE DI ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N- L$L delgfff. 05.2012 OGGETTO: presa d'atto di dimissioni di due Consiglieri Comunali e relativa surroga. L'anno

Dettagli