Scenari crepuscolari avvolgono

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scenari crepuscolari avvolgono"

Transcript

1 della diocesi di como 12 Anno XXXVI - 24 marzo ,20 Periodico Settimanale Poste Italiane S.P.A. Sped. In Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (Conv. In L. 27/02/2004 N 46) Art. 1, Comma 1, Dcb Como Europa 7 Mondo 8 Como 16 Sondrio 29 Barroso: solo insieme si esce dalla crisi presidente della l Commissione europea ha incontrato gli studenti della Cattolica. Chiesa Copta: la morte di papa Shenouda III In carica da 41 anni. Storico, nel 1973, l incontro con papa Paolo VI a Roma. Allergie in continua crescita Con la primavera cresce il lavoro degli allergologi. Ne è affetto il 25% dei comaschi. Giovani o adulti in crisi? Incontro dell associazione Spartiacque sul tema dell emergenza educativa. Editoriale Verso l eterofobia? di don Angelo Riva Scenari crepuscolari avvolgono la vecchia Europa. Scenario numero 1: il presente. La Corte di Cassazione italiana afferma che non c è spazio, nel nostro ordinamento, per la legalizzazione del matrimonio omosessuale, anche se questo avviene in altri Paesi europei. Riconosce però che le coppie omosessuali hanno diritto a un trattamento omogeneo rispetto a quelle eterosessuali. Esultano i movimenti per la parità dei diritti. La Chiesa ribadisce la sua idea. Il matrimonio è uno solo, quello tra un uomo e una donna: lo esige il bene comune della società soprattutto dei figli. Altri tipi di unioni libere, per es. fra due persone dello stesso sesso, non possono pretendere riconoscimento pubblico: si offuscherebbe il valore del matrimonio. Giusto, invece, riconoscere e tutelare diritti e spettanze eventualmente sorti all interno dell unione libera (per es. il diritto del partner a dire la propria circa un trattamento sanitario delicato cui deve essere sottoposto l altro partner): ma per fare questo laddove già non lo si è fatto basta e avanza lo strumento del diritto civile (per es.: per il subentro del partner nel contratto di locazione in caso di morte, basta fare testamento), senza scomodare figure pasticciate di piccolo matrimonio (i cosiddetti PACS o DICO). Resta poi, per la Chiesa, la delicata questione della cura pastorale delle persone omosessuali: con loro la Chiesa non può rinunciare ad essere Maestra, ma deve pure mostrarsi Madre (solo nella visione distorta del relativista le due cose sono necessariamente in conflitto). Con tutto ciò, siamo all oggi. Scenario numero 2: il futuro prossimo. Cambiano gli ordinamenti di cui parla la Cassazione. Registrando l evoluzione dei costumi, anche lo Stato italiano legalizza il matrimonio omosessuale. La Chiesa però non cambia la sua posizione: una fedeltà più grande, a Dio e all uomo, non glielo permette. Ma ormai la sua voce è minoritaria e non contribuisce (qualcuno dice ingerisce ) granché nella formazione delle leggi. A motivo di questo no all omosessualità (e di altro), qualcuno saluta la compagnia. A chi rimane, la Chiesa ripete serena la domanda di Gesù: volete andarvene anche voi?. In schiettezza e libertà, si va avanti. Scenario numero 3: il futuro remoto. Tintinnano le manette. La posizione della Chiesa (che è rimasta uguale) sull omosessualità viene valutata non più solo politicamente scorretta, ma penalmente perseguibile. Reato di omofobia, o di apologia della discriminazione sessista. Per il Superiore religioso, che non ha accettato in monastero un candidato dichiaratamente omosessuale, si apre un fascicolo in Procura. La lotta all omofobìa ha prodotto l eterofobìa Ovviamente stiamo lavorando di fantasia. Però, mentre ci prepariamo alla fase 2 (ormai prossima), ci domandiamo, con un filo di apprensione: a quando la fase 3?. Se è vero che, come riferisce Avvenire del 14 marzo, alla BBC inglese, durante un dibattito, la popstar Will Young ha affermato che sarebbe ben giusto ( rightfully ) portare davanti a un magistrato le parole del card. O Brien (arcivescovo di Saint Andrews ed Edimburgo) sull omosessualità. Naturalmente qualche Nostradamus di casa nostra profetizza, citando in anticipo il Concilio Vaticano III, di non temere, perché prima di allora la Chiesa avrà cambiato idea sull omosessualità. Vedremo. Il mio parere su questa profezia? Meglio le manette. L Italia si scopre razzista. La relazione dell Unar La relazione al Parlamento sull effettiva applicazione del principio di parità di trattamento e sull efficacia dei meccanismi di tutela mette in evidenza l avanzare di eventi di razzismo e discriminazione in Italia. La maggior parte delle segnalazioni arriva dal mondo dei mass-media, con una preoccupante percentuale di episodi che viaggiano on line, attraverso i siti internet e i blog. 3 Italia 4 Una ricerca del Censis sul valore degli italiani Chiesa 11 Pastorali a confronto su nuove forme di welfare Como 17 Lavoro: un infortunio ogni due giorni Chiavenna 30 Una mostra dedicata alle cure palliative barrage a mogodè, a pag 26

2 2 Sabato, 24 marzo 2012 Idee e opinioni Scuola e tecnologie informatiche. Computer, internet, social network, skype: sono realtà più o meno nuove e nuovissime che s interfacciano sempre di più col meccanismo antico e fascinoso dell educazione e della scuola. E in qualche modo vanno a modificare equilibri, modalità, relazioni. Non è detto che il mondo scolastico debba rincorrere le novità tecnologiche. Certo, però, non può fare a meno di considerarle, conoscerle e, probabilmente, padroneggiarle, nel senso che l ambiente proprio della formazione e dell educazione, della crescita di consapevolezza, è proprio sulla misura della consapevolezza (e della responsabilità) che si relaziona agli strumenti, alle tecnologie, ai mezzi di comunicazione. Detto questo, basta guardare con attenzione al mondo della scuola per scoprire ogni giorno sfaccettature e provocazioni nuove proprio sul rapporto con le tecnologie. Così, ad esempio, s incontra il fenomeno dei compiti on line, con reti di compagni di scuola che trovano nuove modalità di studio insieme grazie alla comunicazione in tempo reale via Internet. Oppure ci s imbatte in circolari preoccupate di dirigenti scolastici che vietano gli scambi tra docenti e allievi su Facebook. O, ancora ed è questione potenzialmente più ampia ci si ritrova a ripensare la costruzione e l utilizzo dei classici libri di testo in chiave elettronica. O la didattica on line, magari a L opinione di Alberto Campoleoni Educare nel tempo del computer e dei social network distanza. Si potrebbero aggiungere altri fronti, anche molto diversi tra loro, nei quali però il denominatore comune è la trasformazione culturale oltre che tecnologica (e indotta dallo sviluppo tecnologico) avviata nel campo scolastico ed educativo. La Fondazione Agnelli nel 2010 segnalava come il 72,2% degli studenti italiani possedesse una connessione Internet a casa (e la media europea è il 71,5%: siamo curiosamente all avanguardia). Non solo: il 45,5% dei quindicenni usa il computer da quando aveva 10 anni. È la prospettiva dei nativi digitali. Se la tecnologia ha cambiato il mondo, anche e forse soprattutto quello dei nostri ragazzi, appare chiaro come la scuola ne sia fortemente provocata. In ordine, ad esempio, a una migliore conoscenza tecnica (essere protagonisti del proprio mondo è una finalità del percorso educativo vuol dire anche conoscere e usare bene i mezzi a disposizione) e, dicevamo, soprattutto in ordine alla consapevolezza e alla padronanza dei mezzi a disposizione. Facebook promuove o danneggia la relazione tra allievo e docente? Ha ragione un preside di preoccuparsi per un livello nuovo e quasi incontrollabile di comunicazione, potenzialmente eversivo delle reti codificate? Quanto viene messa in gioco la distanza, ma anche l autorevolezza che pure fanno parte di una relazione educativa in un mondo di comunicazioni virtuali che, per definizione, abbattono proprio le distanze? Ruoli diversi, deontologia professionale quante riflessioni si potrebbero fare. Tante domande, cui peraltro sono possibili risposte differenti. Ecco, sta qui la sfida degli educatori: lasciarsi provocare, scrutare il nuovo con passione, avendo a cuore il compito antichissimo eppure così contemporaneo di aiutare a crescere i più piccoli, valorizzando talenti e personalità, lo sviluppo integrale, la dimensione della ricerca, la capacità di relazioni autentiche. Nel mondo reale e virtuale di oggi. Alberto Campoleoni spigolature di Stefano Novati Primato della coscienza e obiezione Talvolta si pretende che i cristiani agiscano nell esercizio della loro professione senza riferimento alle loro convinzioni religiose e morali, e persino in contraddizione con esse Aveva ventuno anni, tre mesi e diciotto giorni. Si chiamava Massimiliano, un ragazzino secondo i criteri della nostra società. E pur essendo figlio del veterano Fabio Vittore - il servizio militare era infatti obbligatorio per tutti i figli dei graduati - si rifiutò di arruolarsi nell esercito romano; per ragioni di coscienza apprendiamo dagli atti del processo giunti ai giorni nostri. Per tale ragione il 12 marzo dell anno 295 d.c., sotto il consolato di Tusco e Anulino, nei pressi di Cartagine, a Tebessa venne condannato a morte e giustiziato. Condotto nel Foro, dinanzi al proconsole Dione, con fermezza affermò: Non mi è lecito fare il soldato, giacché sono cristiano. Per tale ragione viene ricordato il 12 marzo di ogni anno dalla Chiesa Cattolica come Santo Patrono degli Obiettori di coscienza. È forse questo il primo grande esempio cristiano. Ma cos è questo obiettare, questo non-fare, se non una necessaria presa di posizione per un credente anche dei giorni nostri? È o non è questa una parte integrante della vocazione dei laici, seppur nella passività del non compiere un azione, i quali sono continuamente chiamati a risanare le istituzioni e le condizioni del mondo, se ve ne siano che provocano al peccato, così che tutte siano rese conformi alle norme della giustizia e, anziché ostacolare, favoriscano l esercizio delle virtù (Lumen Gentium, Capitolo IV)? Ma non è certo questo un fatto riservato solo ai cattolici: in nome delle leggi non scritte universali - agrapha dogmata - scriveva Sofocle parlando delle vicende di Antigone e Creonte. È motivo pertanto di attenzione, anche da parte nostra, quanto sta succedendo negli USA in questi mesi, a partire dal 20 gennaio scorso quando l Amministrazione Obama diffuse un regolamento che prevedeva l obbligo per tutti i datori di lavoro (anche di scuole, ospedali ed enti no-profit cattolici e non) di includere nelle assicurazioni offerte ai loro dipendenti la copertura contraccettiva e abortiva. Sappiamo tutti che in campagna elettorale (che siano gli Stati Uniti d America o la città di Como nei prossimi mesi nulla cambia), tutto diventa flessibile, tutto diventa strategia, tutto è motivo di perdita o di acquisto di voti. Se non proprio tutto, diciamo molto. Ed è così che anche il presidente Obama, di fronte alla levata di scudi del mondo cattolico e protestante, di parte del mondo ebraico e islamico, ma anche di alcune associazioni no-profit non confessionali e di giuristi del calibro di Carter Snead, docente presso la Facoltà di legge di Notre Dame, Mary Ann Glendon, docente di Harvard, o Robert George dell Università di Princeton, personalmente ha fatto marcia indietro. E ha richiesto una sorta di aggiustamento consistente nello spostare la fornitura dei servizi assicurativi dal datore di lavoro alla compagnia assicuratrice. Non sarebbe più, cioè, il datore di lavoro il soggetto tenuto a fornire al proprio dipendente i servizi di controllo delle nascite contenuti nei pacchetti assicurativi, ma lo sarebbe la compagnia assicuratrice fornitrice di una polizza che li contiene. Unacceptable, inaccettabile, la risposta a questa mossa di Obama. Per capire meglio la posta in gioco, ci viene incontro la traduzione del documento redatto dall organizzazione The Becket Fund for Religious Liberty di Washington, sottoscritto dalla Conferenza Episcopale Americana e intitolato appunto Inaccettabile: I farmaci che inducono l aborto, i mezzi di sterilizzazione e gli anticoncezionali costituiscono una clausola obbligatoria della polizza che le istituzioni religiose o i singoli credenti sottoscrivono. Quei servizi saranno cioè garantiti a chi è assicurato da dette polizze semplicemente in virtù delle condizioni contenute nella polizza stessa. Chiaramente una riduzione di libertà, un imposizione ex-lege mascherata di buonismo e demagogia - sanità pagata per tutti - molto grave. Chiarissime e adatte a ciò risuonano in me le parole di Benedetto XVI il 10 gennaio 2011, nel discorso al Corpo diplomatico accreditato presso la Santa Sede: Si tende a considerare la religione, ogni religione, come un fattore senza importanza, estraneo alla società moderna o addirittura destabilizzante, e si cerca con diversi mezzi di impedirne ogni influenza nella vita sociale. Si arriva così a pretendere che i cristiani agiscano nell esercizio della loro professione senza riferimento alle loro convinzioni religiose e morali, e persino in contraddizione con esse, come, per esempio, là dove sono in vigore leggi che limitano il diritto all obiezione di coscienza degli operatori sanitari o di certi operatori del diritto. Vigilare, sempre. E denunciare ciò che stride alla nostra coscienza senza aver timore nel pensare e agire diversamente, con il rischio di passar per oscurantisti e retrogradi. Quante volte ci capita di sentire infatti questi rimproveri sul posto di lavoro, tra amici, a scuola per i più giovani, magari addirittura in parrocchia? È sempre buona norma, in questi casi, far risuonare le parole del Manzoni: il buon senso c era, ma se ne stava nascosto per paura del senso comune. Stella Polare Forse l abitudine al linguaggio scientifico, così asettico e impersonale, ce lo ha fatto dimenticare, ma in realtà nessun linguaggio è neutro. Veicola sempre suggestioni, rappresentazioni, giudizi, ed è ingenuo non accorgersene. Così, ad esempio, interruzione volontaria della gravidanza edulcora il più brutale termine aborto, quasi si trattasse solo di spingere un interruttore. Salute riproduttiva è locuzione ingegnosa per mettere al riparo, sotto l ombrello della cura della salute, azioni che con la lotta alla sterilità hanno ben poco da spartire, come i concepimenti da parte di donne single over 50. Contraccezione d emergenza induce a ignorare che il composto chimico contenuto nella pillola del giorno dopo antagonizza non l inizio, ma la prosecuzione di una gravidanza già iniziata, rendendo inospitale l ambiente uterino per il frutto del concepimento. E così via. Una pulizia del linguaggio sarebbe più che mai salutare. Così sarebbe meglio parlare di generazione, piuttosto che di fecondazione o di fertilizzazione, termini che evocano un contesto zootecnico oppure agricolo, piuttosto che lo spessore umano e relazionale (da preservare) del donare la vita. Analogamente il termine embrione, nella sua frigidità biologica, non sembra davvero fatto per sollecitare le nostre corde emozionali: e se invece, in maniera assai più pertinente, usassimo la parola figlio per indicare ogni vita umana concepita, anche piccolissima? Che risonanza produrrebbe su di noi l idea di un figlio ibernato, congelato, sbucciato (per fargli la diagnosi pre-impianto), selezionato, pattumato etc.? Trattandosi di questioni terminologiche e di linguaggio, non vorremmo che a qualcuno possano sembrare discussioni oziose. In realtà i problemi bioetici sono oggigiorno la frontiera della nostra vertigine. Qualche esempio. Negoziare sul diritto alla vita, che costituisce il primo cardine dell ordine morale e del bene comune pubblico, significa rimettere in discussione i fondamenti stessi della civiltà umana. Trasformare l uomo nella sua radice genetica come cerca di fare la biongegneria equivale a concentrare un potere enorme nelle di don angelo riva Quando il linguaggio nasconde la realtà mani dei tecnici (e degli uomini d affari che li finanziano): ne usciremo indenni? Chiamare all esistenza una vita umana personale, e poi escluderla dai più elementari diritti umani, rischia di essere il grimaldello che fa saltare, o perlomeno incrina, l intero impianto dello Stato di diritto. Niente esagerazioni allarmistiche, quindi, né stucchevoli crociate moralizzatrici, ma sguardo lucido di fronte al reale: di questo non possiamo fare a meno. Senza dire dei riflessi teologici dell intera faccenda. Giustamente si dice che le odierne questioni bioetiche hanno ormai sempre più a che fare non con il V ( non uccidere ) o il VI comandamento ( non commettere azioni impure ), ma con il I: uomo, non voler fare il Dio, quello che crea e può distruggere; tu non sei Dio: sono io il tuo solo Dio, e tu non ne avrai un altro fuori di me, neanche te stesso. Attenzione: questa non è roba religiosa e basta. Un uomo che agisce come Dio, senza esserlo, rappresenta un pericolo e una minaccia per tutti. Anche per chi in Dio (quello vero) non ci crede.

3 Attualità Sabato, 24 marzo In Italia ancora si profilano le ombre di razzismo e discriminazione Il dato emerge dalla Relazione presentata al Parlamento dall Unar; fino al 28 marzo si celebra una settimana di informazione I n Italia si fa vedere ancora l ombra del razzismo, che nella maggior parte dei casi viene espressa nei confronti di cittadini dell Europa dell Est e dei Balcani: è quanto si evince leggendo la relazione al Parlamento per il 2011, messa a punto dall Unar, l Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali. Sotto accusa, ai primi posti, i mass media e il lavoro, come luoghi più frequenti di discriminazione. Questo emerge dalla Relazione al Parlamento 2011 sull effettiva applicazione del principio di parità di trattamento e sull efficacia dei meccanismi di tutela, diffusa nei giorni scorsi dal Dipartimento per le Pari Opportunità della presidenza del Consiglio. Da mercoledì 21 marzo, e fino al prossimo 28, in tutta Italia, con una serie di iniziative, si celebra la Settimana di azione contro ogni razzismo, giunta alla sua settima edizione. Manifestazioni si sono tenute anche a Como e a Sondrio. Fra i principali dati della Relazione, curata dall Unar grazie al monitoraggio del suo Contact center, la geografia delle discriminazioni vede al primo posto il Centro Italia con il 32,3% delle segnalazioni pertinenti, il Nord Ovest con il 27,5%, il Nord Est con il 25,9%, e il Sud e isole con il 14,3%. «L Italia è stata recentemente oggetto di monitoraggio da parte dell Onu, anche a seguito degli eventi di razzismo verificatisi sul territorio, con particolare riferimento al caso di Firenze del 13 dicembre scorso si legge in una nota dell Unar e, alla luce della recrudescenza di comportamenti razzisti, nella Relazione si evidenzia la necessità di un salto di qualità per l adozione, da parte del Governo, di un piano organico di prevenzione e contrasto dei fenomeni di discriminazione razziale». Dal monitoraggio dell Unar emerge che «il flusso di contatti per il 2011 evidenzia innanzitutto una forte crescita delle istruttorie relative agli eventi di discriminazione: dalle 766 del 2010 si è passati alle mille del Le istruttorie giudicate pertinenti sono state, l anno passato, 799: 259 in più rispetto al Sul fronte degli altri contatti si legge nella Relazione al Parlamento si nota un calo delle richieste di informazione (da 90 a 64), mentre le altre chiamate sono quasi raddoppiate (da 89 a 154 nel 2011)». Con la piena operatività del sito web attivo dal 15 marzo del 2010, si nota una crescita forte del numero di contatti che nell anno appena passato sono arrivati a quota Nel complesso, quindi, nel 2011 l Unar ha avuto oltre ventimila contatti, una cifra quasi doppia rispetto al Quanto alla distribuzione territoriale delle segnalazioni: nel 2011 un caso di discriminazione su cinque è avvenuto in Lombardia (21%), dato stabile rispetto al biennio precedente. Un altro quinto proviene dal Lazio (19%), confermando anche per quest anno il calo iniziato nel Veneto, Emilia Romagna e Toscana sono le regioni di seconda fascia, rispettivamente con il 12,2%, il 10,4% e il 10,8% delle segnalazioni pertinenti. Sono così i grandi poli urbani (le province di Milano e Roma soprattutto) a veicolare il maggior numero di istruttorie per motivi di razzismo. Per quanto riguarda l ambiente in cui si consumano maggiormente le discriminazioni, «per il secondo anno consecutivo si legge nella Relazione al Parlamento i mass-media sono al primo posto, facendo segnare un lieve incremento rispetto al 2010 che ha portato il dato al 22,6% del totale dei casi. A seguire l ambito lavorativo che l anno scorso ha ottenuto il 19,6% delle denunce, percentuale di oltre otto punti superiore a quella del 2010 (11,3%). Sul versante del lavoro fa notare ancora la Relazione spicca il dato dell accesso all occupazione (73%). Anche in questo caso le conseguenze sono ben note: procedure selettive su base etnica, segregazione occupazionale, accesso differenziato al mercato del lavoro». Si mantiene più o meno stabile, invece, l indicazione rispetto ai casi registrati nella vita pubblica (16,7%), mentre sono in flessione (10,9%) gli eventi relativi all erogazione di servizi da parte di enti pubblici; c è poi da notare il lieve calo delle discriminazione segnalate rispetto alla casa (6,3% nel 2011 contro l 8,9% del 2010). Riguardo all erogazione di servizi da parte di enti pubblici molto alta è la quota attinente ai servizi socio assistenziali (40,3%). «Il dato del settore media è eloquente commenta Massimiliano Monanni, direttore generale dell Unar. Si tratta non solo di fenomeni di stereotipizzazione degli stranieri o di altri target a rischio di discriminazione e pregiudizio, ma soprattutto del propagarsi irrefrenabile di xenofobia e razzismo on line, a partire da social networks e blog. Unar ha deciso di contrastare con decisione questi fenomeni in stretta collaborazione con la Polizia postale, anche se esistono limiti normativi che potranno essere superati solo attraverso la ratifica, da noi sollecitata, del Protocollo addizionale alla Convenzione sul cybercrime del Consiglio d Europa. Sul lavoro l Unar, grazie a un accordo operativo con le organizzazioni sindacali e datoriali, ha svolto una intensa attività di sensibilizzazione che ha condotto ad azioni positive e iniziative pilota. Tutte queste iniziative hanno iniziato a dare frutti, facendo incrementare le segnalazioni in materia di discriminazioni nei luoghi di lavoro. La crisi economica, poi, acuisce la situazione e oggettivamente ha influito». ENRICA LATTANZI L eaders di tutte le religioni, presenti nel nostro Paese, si sono ritrovati a inizio settimana a Palazzo Chigi per trovare insieme una via italiana all integrazione. L incontro è stato promosso dal ministro alla Cooperazione internazionale e all Integrazione, Andrea Riccardi, che in collaborazione con il ministero dell Interno, rappresentato dal ministro Annamaria Cancellieri, ha indetto una Conferenza permanente Religioni, cultura e integrazione. Ci unisce ha detto Riccardi la preoccupazione per un passaggio delicato della società italiana: l integrazione. In questo senso, le comunità religiose e i loro responsabili posso essere mediatori per l integrazione virtuosa nella società italiana. Alla riunione, hanno preso parte il segretario generale del Cici- Moschea di Roma, AbdAllah Redouane, il presidente dell Ucoii (Unione delle Comunità islamiche d Italia), Izzedine Elzir, il presidente dell Unione induista italiana (Uii), Franco Di Maria, il presidente della Federazione delle Chiese evangeliche, Massimo Aquilante. I cristiani ortodossi erano rappresentanti dai patriarcati di Mosca, di Costantinopoli e Serbia e dal vescovo della diocesi italiana della Chiesa ortodossa romena, mons. Siluan Span. Per la Chiesa cattolica erano, invece, presenti il direttore dell Ufficio Cei per l ecumenismo e il dialogo interreligioso, mons. Gino Battaglia, e il direttore generale della Fondazione Migrantes, mons. Giancarlo Perego. Come ha ricordato il ministro Riccardi, oggi in Italia vivono 2 milioni e 900 mila immigrati cristiani (1 milione e mezzo sono ortodossi); 1 milione e 300 mila musulmani, più di 150 mila buddhisti, meno di 100 mila induisti e 60 mila sikh. Così integrazione di Maria Chiara Biagioni Il ruolo fondamentale delle religioni commenta l avvio della Conferenza mons. Gino Battaglia. Quali le finalità dell incontro? Vi erano i responsabili delle diverse comunità religiose in Italia. Comunità che non sono omologabili tra loro, data la disparità di questi mondi religiosi. Erano poi presenti alcuni rappresentanti del mondo accademico coinvolti a vario titolo in questo tipo di problematiche. La finalità dell iniziativa è quella di esaminare alcuni grandi dossier che riguardano l integrazione, e di affrontarli da un punto di vista anche religioso. Si è parlato, per esempio, della scuola, delle intese, dei luoghi di culto, della formazione e dell ingresso dei ministri di culto, ecc. C è stato anche un momento di riflessione comune in cui i diversi esponenti religiosi hanno espresso problemi e attese. L intenzione, dunque, è quella di esaminare, di volta in volta, argomenti sensibili che possono avere rilevanza per l integrazione di queste comunità nel nostro Paese. Non è stata stabilita un agenda, però c è la prospettiva di ulteriori incontri. Cosa attendersi dai leaders religiosi? C è la preoccupazione di arrivare a delineare una via d integrazione italiana, considerando che quello dell immigrazione e dell immigrazione di cittadini di altra religione, oltre che di altra nazionalità, sia un fatto relativamente recente per il nostro Paese, che necessita di una riflessione che chiami in causa anche i responsabili religiosi di queste comunità. Mi sembra poi che l aspetto positivo è l aver individuato nei leaders religiosi dei possibili mediatori d integrazione: hanno un pulpito e hanno un seguito e, in fondo, l appartenenza religiosa è un aspetto importante dell identità di chi è immigrato, che può essere addirittura riscoperto nell esperienza della migrazione. Nel giorno della riunione a Palazzo Chigi a Tolosa un uomo ha sparato davanti ad una scuola ebraica uccidendo 4 persone, di cui 3 bambini... Abbiamo ricordato l episodio di Tolosa... Si tratta di un gesto antireligioso perché non ci può essere nessuna religione che accetta o che ammette l uso della violenza per dare la morte ad altri. Certo, occorrerà attendere di capire la reale matrice che sta sotto all attentato di Tolosa. Sembra che ci sia una motivazione neonazista. Rimane comune il problema di purificare, disintossicare il clima, perché certi discorsi circolano e, alla fine, una certa predicazione del disprezzo o dell intolleranza può anche ispirare gesti folli.

4 4 Sabato, 24 marzo 2012 Italia Unità d Italia Le parole di Napolitano chiudono i festeggiamenti Compiaciuto, il presidente della Repubblica ha chiuso al Quirinale le celebrazioni di Italia 150. Una chiusura che in realtà ha voluto essere un apertura a un opera del rilancio del nostro patrimonio unitario, che giustamente è stata indicata come una sorta di consegna permanente per l avvenire. Questo, d altra parte, è tanto più vero dopo le turbolenze finanziarie ed economiche, che sembrano avere passato il picco più preoccupante, ma sono ancora ben lontane dall essere risolte. D altro canto non è banale la coincidenza che le celebrazioni dell unità si chiudono con un governo che di fatto è di unità nazionale. L anno centocinquantesimo infatti è stato caratterizzato da una fibrillante cronaca, da una crisi gravissima, che appunto sottolinea la necessità di ritornare ai fondamentali. Una ricerca curata dal Censis mette in evidenza il superamento del disastro antropologico dell egoismo. Gli italiani riscoprono le persone... Muoversi nella crisi e nella lunga fase di ristrutturazione, che si delinea a tutti i livelli, richiede appunto, da un lato, un di più di consapevolezza, dall altro, un di più d investimento. In realtà, questo passaggio celebrativo ha messo bene in evidenza quanto entrambi i piani siano necessari e si debbano tenere insieme. L Italia ha bisogno della sua identità e, d altra parte, la deve mettere in gioco, la deve immediatamente spendere in un quadro europeo che ha bisogno di una prospettiva adeguata e in un orizzonte mondiale che non dà nulla per scontato, come dimostrano le vicende che, dall India all Africa, coinvolgono nostri compatrioti, oltre che le stesse missioni militari in cui l Italia è impegnata. La riscoperta e il rilancio del nostro patrimonio unitario peraltro è avvenuta nel segno della pluralità: le iniziative celebrative sono state migliaia e la stessa cerimonia conclusiva, prima del discorso di Napolitano, era stata giocata proprio sulla pluralità dei registri, dall attore al giornalista, dalla scrittrice agli scolari. Solo valorizzando e armonizzando, organizzando, il naturale pluralismo dell Italia e degli italiani si potranno raggiungere quei risultati in termini di coesione interna e di proiezione esterna che l Italia deve oggi con grande urgenza nuovamente produrre, se la crisi si vuole superare davvero. Da questo punto di vista è anche possibile una lettura più serena e realistica della stessa nostra storia unitaria. Molti sono stati i segni di un approccio maturo, che superi finalmente tanti stereotipi e tante retoriche, spesso contrapposte in modo sterile. Anche il recupero delle identità degli antichi Stati, poi necessariamente proiettati nel quadro unitario, merita di essere sottolineato, per valorizzare le diversità, comprese e ricondotte al senso del bene comune. La cifra sintetica che può qualificare il 151 anno che si apre è insomma il tempo di una sobrietà convinta, fondata sulle idee, sui principi e sulla rettitudine personale. Perché c è da lavorare, molto. FRANCESCO BONINI A chiusura delle celebrazioni per il centocinquantesimo dell Unità d Italia, la Fondazione Censis ha promosso la ricerca I valori degli italiani. Dall individualismo alla riscoperta delle relazioni. Un elemento caratterizzante della trasformazione socioeconomica del Paese è stato il forte soggettivismo, Le persone si dicono meno desiderose di consumare e attente ai modelli familiari; crescono la voglia di onestà e il bisogno di fede che ha portato a quello che la ricerca del Censis ha definito disastro antropologico (crescita dell aggressività, diffusione delle patologie individuali, mancanza di senso del futuro e della trascendenza). Adesso, però, la ricerca mostra che il soggettivismo è in crisi e le cose stanno cambiando: Paola Ricci Sindoni, docente di filosofia morale all Università di Messina, commenta i dati più significativi. Un primo aspetto è che le persone affermano di avere meno desiderio di acquistare beni di consumo... «Le notizie delle turbolenze dei mercati finanziari e i correttivi del governo per ridurre il debito pubblico e il rischio di una disgregazione sociale hanno avuto un forte impatto sulle coscienze. Come ci dice sempre il Papa, il crollo di certe sicurezze economiche e finanziarie possono riconvertirsi in valori, nella misura in cui ci misuriamo con i nostri bisogni e diamo un taglio ai desideri che spesso sono indotti dalla pubblicità. Questo lascia anche più spazio alle relazioni. Se il soggetto riempie il suo tempo nel soddisfare i suoi desideri, non ne ha per gli altri. I genitori imparano di nuovo a dire no ai capricci dei figli e a ragionare con loro spiegando i motivi per cui è superfluo comprare un giocattolo in più». Ritorna anche la tendenza a cercare modelli: il padre si piazza al primo posto (22,1%), la madre (12,9) al secondo. Come giudica questo fatto? «Ciò dimostra l importanza del ruolo della famiglia, che è sempre dirompente nella formazione della coscienza. In famiglia infatti s impara la fiducia nell altro, il rispetto, la solidarietà. Questa è la riscoperta non di un valore tradizionale, come viene ironicamente etichettato da chi vorrebbe sostenere che tutto è famiglia, ma di un valore che è sempre attuale. Cambiano i contesti sociali, culturali ed economici, ma il valore resta». Rispetto agli anni Ottanta, oggi si registra anche un aumento di chi si dice credente: dal 45,1% al 65,6%... «Certamente la persona è costitutivamente aperta alla trascendenza, ma questo bisogno deve essere ben indirizzato per evitare una gestione del sacro secondo le proprie esigenze». I valori coesivi degli italiani sono il senso della famiglia (65,4%), il gusto per la qualità della vita (25%), la tradizione religiosa (21,5%), l amore per il bello (20,1%), la voglia d intraprendere (19,9%), i legami comunitari locali (11,5%): sono questi i valori su cui scommettere per l Italia del futuro? «Sono valori importanti soprattutto la famiglia, la tradizione religiosa, i legami con il territorio. La qualità della vita riflette anche un trend imposto dalla moda ecologica». Coesistono sregolatezza e richiesta di normazione: come se lo spiega? «Spesso si attiva una pratica psicologica secondo la quale a me tutto è permesso, mentre gli altri fanno paura e vanno regolati. C è poca sensibilità nel capire che io sono anche gli altri: tutto ciò che fanno gli altri mi riguarda e anch io devo essere regolato dalla legge. Spesso i giovani sono severi verso i comportamenti dei loro coetanei, ma non fanno autocritica». Alla domanda cosa serve all Italia al primo posto ci sono moralità e onestà... «Questo fa pensare: lo specchio in cui l italiano medio si va a riflettere è la classe politica, a cui abbiamo consegnato le speranze di una società civile migliore e di un welfare più a misura dei nostri bisogni. Quando la classe politica delude fortemente sul piano del rispetto delle regole, emerge giustamente il bisogno di moralità tra i cittadini contro il malcostume». Gli italiani riscoprono la prossimità, fidandosi di chi sta loro più vicino, ma non tanto dei lontani... «Le relazioni s incarnano nelle persone e, quindi, si attivano fiducia e rispetto laddove li puoi anche ricevere in un riconoscimento reciproco. Ciò che vale nelle relazioni corte non può valere anche in quelle lunghe, che sono astratte e lontane. Sarebbero accolte se ci fosse anche un ethos collettivo maggiormente diffuso, come era negli anni dopo la guerra quando c era un sentire comune che apparentava le diverse classi sociali e le diverse regioni italiane. Oggi non è più così». GIGLIOLA ALFARO Un dossier promosso dall Agesc chiede 200milioni di euro in più, all anno, per il servizio educativo Adeguare i finanziamenti per la «Scuola paritaria» U n adeguamento dei fondi per il sistema scolastico paritario da realizzarsi gradualmente nel giro di tre anni 200 milioni di euro in più all anno usando un mix di strumenti che comprenda da una parte le convenzioni attualmente in atto e dall altra una detrazione fiscale alle famiglie, in attesa di poter adottare strumenti più equi e adeguati all interno delle norme generali per l istruzione. A chiederlo, in attesa che anche l Italia adotti gli standard europei, è l Agesc (Associazione genitori scuole cattoliche) nel dossier Scuola statale e paritaria: numeri, costi e... risparmi, curato da Università di Genova e Politecnico di Milano. Il dossier evidenzia in particolare i costi della sistema scolastico statale e paritario dal 2006 al 2009, ultimo anno in cui si conoscono i dati del ministero dell Istruzione. Dopo il calo progressivo dei finanziamenti al sistema di istruzione paritario, è gravissimo, secondo l Agesc, l ulteriore taglio di oltre 25 milioni di euro effettuato tra il 2009 e il 2011: quasi il 5% a fronte di un aumento degli studenti del sistema paritario (circa l 1%). Nel 2007 l Agesc aveva calcolato la spesa sostenuta dallo Stato per ogni studente di scuola paritaria. Le tabelle indicano un costo annuo per alunno di euro 584 nella scuola dell infanzia (euro nella statale), 866 nella primaria (6.525 nella statale), 106 nella secondaria di primo grado (7.232 nella statale) e 51 per le superiori (7.147 nella statale). Complessivamente il risparmio per lo Stato nel 2006 è stato di circa 6 miliardi di euro, mentre il finanziamento al sistema paritario è stato di circa 532 milioni per 1 milione e 30mila studenti. Per questo l Agesc parla di sussidiarietà della famiglia a favore dello Stato. Dal 2006 a oggi la popolazione scolastica continua a crescere mentre la spesa di Stato ed Enti locali cala di un miliardo e 100 milioni, secondo fonti Miur. Con circa il 12% degli studenti, le scuole non statali paritarie hanno ricevuto un finanziamento che è inferiore all 1% della spesa pubblica complessiva commentano i ricercatori dell Agesc. Per quanto riguarda i tagli, nel 2009 rispetto al 2006 sono stati nell ordine del 2% sia per le paritarie che per tutta l istruzione. Paragonando le cifre della scuola paritaria con quelle della statale, in media per ogni alunno del sistema paritario risulta un risparmio per lo Stato di circa 6 mila euro. Ma i tagli subiti dal sistema scolastico paritario sono ancora più pesanti se si considera che fra il 2004 e il 2009 gli alunni disabili nelle scuole paritarie sono cresciuti del 7% l anno (contro il 4,5% nelle statali) e gli alunni stranieri sono aumentati del 49%. Secondo l Ocse, gran parte dei Paesi dell Ue finanzia il sistema scolastico non statale coprendo fra il 50 e l 80% dei suoi costi; in sei Paesi del Nord Europa il finanziamento supera l 80% e in Svezia arriva al 93%. In questo momento di crisi dei conti dello Stato osserva l Agesc un investimento simile non pare realisticamente proponibile né alla politica né all opinione pubblica italiane; purtroppo in Italia non è ancora possibile ragionare in termini economici sul tema della parità, perché prima vengono sempre i pregiudizi ideologici e le conseguenti campagne di disinformazione. Tuttavia è ragionevole proporre un limitato incremento del finanziamento.

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO Premessa: Dalla ricerca La preparazione dei fidanzati al matrimonio ed alla famiglia oggi in Italia, commissionata dalla

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

L INSEMINAZIONE E LA FECONDAZIONE ARTIFICIALI: SONO ACCETTABILI MORALMENTE?

L INSEMINAZIONE E LA FECONDAZIONE ARTIFICIALI: SONO ACCETTABILI MORALMENTE? L INSEMINAZIONE E LA FECONDAZIONE ARTIFICIALI: SONO ACCETTABILI MORALMENTE? Quando si ha l inseminazione e la fecondazione artificiali omologhe? Quando lo spermatozoo e l ovulo provengono dalla stessa

Dettagli

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Riccardo Ferrigato, Il terzo incomodo. Critica della fecondazione eterologa, San Paolo, 2015, pp. 160, 14.00, ISBN 9788821595035 Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Il terzo incomodo. Critica

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI

DIVENTARE GENITORI OGGI In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia Sintesi della ricerca Roma, 1 ottobre 2014 La genitorialità come dimensione individuale L esperienza della genitorialità

Dettagli

Inserto. Diocesi. insieme. Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ?

Inserto. Diocesi. insieme. Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ? Inserto insieme Diocesi Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ? INSERTO Il Servizio Diocesano per la Pastorale Scolastica e il Servizio Diocesano per l

Dettagli

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto 1.Premessa La Scuola cattolica privilegia la promozione integrale della persona, adempie ad una funzione educativa e didattica ed è chiamata ad assolvere un compito

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento PROGETTO EDUCATIVO 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento Nella Scuola dell Infanzia Stella Mattutina l azione educativa mira al raggiungimento delle

Dettagli

Flussi di cittadini in Italia

Flussi di cittadini in Italia Flussi di cittadini in Italia Il fenomeno dell immigrazione in Italia secondo gli ultimi dati del Ministero del lavoro riguarda più di 4 milioni di stranieri con un incidenza sulla popolazione

Dettagli

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE N. 1 INDICAZIONI PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEI LICEI (in riferimento

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235)

SCUOLA PRIMARIA. PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235) Pag. 1 di 5 SCUOLA PRIMARIA PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235) Nell attuale società frammentata e sempre più complessa, di fronte all

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA RELIGIONE CATTOLICA L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei percorsi scolastici il valore della cultura religiosa e il contributo che i principi del cattolicesimo

Dettagli

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione cattolica nel Mondo del Lavoro MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune I Promotori del Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

NOTA SU LA BUONA SCUOLA

NOTA SU LA BUONA SCUOLA NOTA SU LA BUONA SCUOLA Roma, 23 ottobre 2014 Il documento presenta aspetti prevalentemente di tipo politico e amministrativo prefigurando una "Buona scuola" come una scuola bene amministrata, e organizzando

Dettagli

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE Grazie a voi ragazzi, ai vostri Professori, ai vostri Presidi che vi hanno dato il permesso di partecipare al nostro incontro. Il nostro incontro formativo di oggi ha un titolo particolare: Facebook: Dalla

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre

PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre Pag. 1 di 5 Nell attuale società frammentata e sempre più complessa, di fronte all emergenza educativa, diventa urgente la necessità che tutti gli educatori si confrontino ed elaborino serie proposte educative

Dettagli

FEDERAZIONE REGIONALE DEI C.A.V. E DEI M.P.V. UMBRI APPELLO A TUTTI I CANDIDATI ALLE ELEZIONI PER IL RINNOVO DEL CONSIGLIO REGIONALE UMBRO

FEDERAZIONE REGIONALE DEI C.A.V. E DEI M.P.V. UMBRI APPELLO A TUTTI I CANDIDATI ALLE ELEZIONI PER IL RINNOVO DEL CONSIGLIO REGIONALE UMBRO FEDERAZIONE REGIONALE DEI C.A.V. E DEI M.P.V. UMBRI APPELLO A TUTTI I CANDIDATI ALLE ELEZIONI PER IL RINNOVO DEL CONSIGLIO REGIONALE UMBRO Chi ha a cuore il bene comune della Regione in cui vive quando

Dettagli

La Chiesa Cattolica per la libertà religiosa

La Chiesa Cattolica per la libertà religiosa La Chiesa Cattolica per la libertà religiosa Ordinario di Diritto Canonico nella Università Cattolica di Milano e Direttore del Centro Studi sugli enti ecclesiastici e gli altri enti senza fini di lucro.

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE. anno scolastico 2015-2016

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE. anno scolastico 2015-2016 PROGETTO DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE SCUOLA SECONDARIA SECONDO GRADO anno scolastico 2015-2016 1 PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Anno Scolastico 2015-2016 FINALITÀ GENERALI: Il riferimento alla

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Intervento di Stefano Tabò Condivido molto, quasi tutto di quello che è

Dettagli

(Decreto del Presidente della Repubblica n. 350 del 21 luglio 1987)

(Decreto del Presidente della Repubblica n. 350 del 21 luglio 1987) Programma di Insegnamento della Religione Cattolica nella Scuola Media (Decreto del Presidente della Repubblica n. 350 del 21 luglio 1987) 1. Natura e finalità. 1. L'insegnamento della religione cattolica

Dettagli

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG intervento di alfredo mantovano Care amiche e cari amici! una giornalista poco fa mi chiedeva di riassumere in poche parole-chiave il messaggio che il popolo

Dettagli

CHE COSA SI INTENDE PER PROCREAZIONE ASSISTITA?

CHE COSA SI INTENDE PER PROCREAZIONE ASSISTITA? CHE COSA SI INTENDE PER PROCREAZIONE ASSISTITA? Oggi la scienza può interferire coi processi riproduttivi, e modificarli in vitro al di fuori delle loro modalità naturali. Preliminarmente dobbiamo allora

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

Tecnologia Solidale per la Dignità della Persona Disabile

Tecnologia Solidale per la Dignità della Persona Disabile Tecnologia Solidale per la Dignità della Persona Disabile Nell ambito della visita pastorale del Pontificio Consiglio per la Salute della Santa Sede alle persone con disabilità della comunità veronese,

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

Una manovra di rigore ed equità.

Una manovra di rigore ed equità. Una manovra di rigore ed equità. Ispirata all'art. 3 della Costituzione: "È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona".

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti DOMENICA 27 SETTEMBRE Parrocchia SS. Nazario e Celso MM. - Urgnano Oratorio S. Giovanni Bosco FESTA DI INIZIO ANNO PASTORALE Ore 10.30 S. MESSA di apertura del nuovo ANNO PASTORALE In questa occasione

Dettagli

Renato Frisanco. (Settore Studi e Ricerche della Fondazione Italiana per il Volontariato di Roma)

Renato Frisanco. (Settore Studi e Ricerche della Fondazione Italiana per il Volontariato di Roma) Renato Frisanco (Settore Studi e Ricerche della Fondazione Italiana per il Volontariato di Roma) Vorrei portare un contributo come ricercatore. Avendo coordinato alcune indagini sul volontariato di settore

Dettagli

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di vatican Service News

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di <i>vatican Service News</i> Pagina 4 Angelus dell Acr con il papa in Vaticano, i Messaggi pontifici per la Giornata Mondiale del Malato e la Giornata Mondiale della Comunicazioni Sociali, l AdunanzA Eucaristica a Catanzaro, una giovane

Dettagli

Breve informativa su alcuni disegni di legge in discussione nel parlamento italiano

Breve informativa su alcuni disegni di legge in discussione nel parlamento italiano BOZZA Breve informativa su alcuni disegni di legge in discussione nel parlamento italiano Diritto e questioni di genere a cura del Centro Diocesano per la Pastorale Familiare e dell Ufficio Catechistico

Dettagli

Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia

Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI: IL PUNTO DI VISTA DELLE COPPIE IN PMA Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia SINTESI DEI RISULTATI Roma, 18 maggio 2016 A otto anni di distanza dalla

Dettagli

Carta dei Valori, della Cittadinanza e dell'integrazione

Carta dei Valori, della Cittadinanza e dell'integrazione Carta dei Valori, della Cittadinanza e dell'integrazione L ITALIA, COMUNITA DI PERSONE E DI VALORI L Italia è uno dei Paesi più antichi d Europa che affonda le radici nella cultura classica della Grecia

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI 2.1. DATI STATISTICI

1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI 2.1. DATI STATISTICI 1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI. DATI STATISTICI N.d.R.: I dati qui di seguito riportati sono stati ricavati dal sito www.istat.it e sono aggiornati al: - 13/11/2013 (dati sui matrimoni) - 23/06/2014

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

RILEGGENDO LA LETTERA ALLE FAMIGLIE DI GIOVANNI PAOLO II / 4. La dignità della procreazione

RILEGGENDO LA LETTERA ALLE FAMIGLIE DI GIOVANNI PAOLO II / 4. La dignità della procreazione RILEGGENDO LA LETTERA ALLE FAMIGLIE DI GIOVANNI PAOLO II / 4 La dignità della procreazione Non è sicuramente casuale che Giovanni Paolo II, nella Lettera alle famiglie, cominci a trattare della procreazione

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

M.C. Bartolomei Venezia, 27.09.2014 Convegno La riflessione di don Germano Pattaro sul matrimonio 1

M.C. Bartolomei Venezia, 27.09.2014 Convegno La riflessione di don Germano Pattaro sul matrimonio 1 1 Molto opportuna è questa iniziativa intesa a riprendere il pensiero di Germano Pattaro sul Matrimonio insieme all ecumenismo, uno dei nuclei caratterizzanti la sua eredità teologica, anche se non il

Dettagli

(Patrick Geddes, 1919)

(Patrick Geddes, 1919) "Ogni città è in fondo una città sacra: perché un nocciolo di sentimenti religiosi è sempre rintracciabile all'origine delle sue attività e dei suoi spazi collettivi, e quindi della sua stessa esistenza,

Dettagli

La bioetica tra fede e ragione

La bioetica tra fede e ragione La bioetica tra fede e ragione PROF. ANDREA PORCARELLI D o c e n t e d i P e d a g o g i a g e n e r a l e e s o c i a l e a l l U n i v e r s i t à d i P a d o v a D o c e n t e d i E t i c a g e n e

Dettagli

CONVOCAZIONE STRAORDINARIA DEL CONSIGLIO PASTORALE 12 dicembre 2013

CONVOCAZIONE STRAORDINARIA DEL CONSIGLIO PASTORALE 12 dicembre 2013 Nei giorni 5 e 12 dicembre 2013 è stato convocato il Consiglio Pastorale della Comunità per riflettere sul questionario proposto quale strumento di lavoro per il Sinodo Straordinario sulla Famiglia indetto

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Quando la famiglia raddoppia

Quando la famiglia raddoppia AI PADRI, ALLE MADRI, AI FIGLI Quando la famiglia raddoppia Guida INFORMATIVA alla separazione non più coniugi.. ma sempre genitori a cura di FABIO BARZAGLI NETWORK EDUCATIVO PATERNITA.INFO www.paternita.info

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 Il Progetto Educativo di Istituto (PEI) che definisce l identità e le finalità educative e culturali dell istituto Bertoni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti #Ondemand: cosa desideriamo come oratorio? A partire da una riflessione sulla pastorale giovanile a Scandiano, iniziata

Dettagli

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica 1. Tutti cercano l amore. Tutti anelano ad essere amati e a donare amore. Ognuno è creato per un

Dettagli

BIOETHICA Collana di Studi e testi 6

BIOETHICA Collana di Studi e testi 6 BIOETHICA Collana di Studi e testi 6 Ai miei genitori e ai miei fratelli e sorelle, con grande affetto José María Antón, L.C. LA FECONDAZIONE IN VITRO, CONTRO NATURA? Alcune riflessioni etiche IF PRESS

Dettagli

CONFERENZA INTERNAZIONALE Protezione civile e aiuti umanitari, uniti per affrontare disastri e crisi. Roma, 10-11 novembre 2011

CONFERENZA INTERNAZIONALE Protezione civile e aiuti umanitari, uniti per affrontare disastri e crisi. Roma, 10-11 novembre 2011 CONFERENZA INTERNAZIONALE Protezione civile e aiuti umanitari, uniti per affrontare disastri e crisi Rafforzare la cooperazione sul campo per una capacità di risposta internazionale più efficace Roma,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Etica in emergenza

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Etica in emergenza Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Etica in emergenza Argomenti della lezione Il codice deontologico della Croce Rossa applicato alle emergenze: Il comportamento con i mass media Il rispetto

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Titolo documento: IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Relatore/Autore: DON. DIEGO SEMENZIN Luogo e data: S. FLORIANO, 22 APR. 2001 Categoria Documento: Classificazione: Sintesi/Trasposizione di

Dettagli

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore Lettera ai Sacerdoti, ai Membri dei Consigli pastorali parrocchiali, ai Membri dei Consigli per gli Affari economici, ai Membri del Consiglio pastorale decanale del Decanato di Monza Carissimi, è ancora

Dettagli

Mediazione e mediatori interculturali: indicazioni operative

Mediazione e mediatori interculturali: indicazioni operative Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro Organismo Nazionale di Coordinamento per le politiche di integrazione sociale degli stranieri Mediazione e mediatori interculturali: indicazioni operative

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazio ne nella madre lingua COMPETENZE SPECIFICHE Conoscere il

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Verbale della riunione del Dipartimento di Religione Cattolica del Liceo Scientifico Statale Vito Volterra di Ciampino.

Verbale della riunione del Dipartimento di Religione Cattolica del Liceo Scientifico Statale Vito Volterra di Ciampino. 1 Ciampino, 10 settembre 2013 Verbale della riunione del Dipartimento di Religione Cattolica del Liceo Scientifico Statale Vito Volterra di Ciampino. Si è riunito in data odierna alle ore 9,00 nella sala

Dettagli

Collana Uomo & Donna 1

Collana Uomo & Donna 1 Collana Uomo & Donna 1 S.O.S. INFANZIA Come costruire un mondo a misura di bambino a cura di Laura Tortorella I IF Press Copyright by IF Press srl IF Press srl Ctr. La Murata, 49-03017 Morolo (FR) info@if-press.com

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE EDUCA

LA FAMIGLIA CHE EDUCA LA FAMIGLIA CHE EDUCA Messaggio alle famiglie - Pasqua 2009 Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola L educazione delle virtù umane è alla base dell educazione cristiana Il senso dell autorità La famiglia

Dettagli

Programmazione pedagogico-didattica per. l insegnamento della Religione Cattolica. Secondo Biennio e Quinto Anno

Programmazione pedagogico-didattica per. l insegnamento della Religione Cattolica. Secondo Biennio e Quinto Anno Programmazione pedagogico-didattica per l insegnamento della Religione Cattolica Secondo Biennio e Quinto Anno Anno scolastico 2012/2013 Docente referente: Prof.ssa A. Graziella Lobina PROGRAMMAZIONE DI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Sacra Famiglia Parrocchia dell Annunciazione della B.V. Maria Via Centro n 33 Moniego di Noale 30030 (VE) Arcobaleno

Sacra Famiglia Parrocchia dell Annunciazione della B.V. Maria Via Centro n 33 Moniego di Noale 30030 (VE) Arcobaleno PROGETTO EDUCATIVO D ISTITUTO Anno scolastico 2010/2011 (dalle indicazioni F.I.S.M. di Padova) LA SCUOLA La scuola è luogo di incontro e di crescita di persone. Persone sono gli insegnanti e persone sono

Dettagli

IL PROTOCOLLO OPERATIVO TRA DIPARTIMENTO 13 NOVEMBRE 2014

IL PROTOCOLLO OPERATIVO TRA DIPARTIMENTO 13 NOVEMBRE 2014 DoCumentazione IL PROTOCOLLO OPERATIVO TRA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA E CONFERENZA NAZIONALE VOLONTARIATO GIUSTIZIA SULLO STATUTO E LE MODALITÀ D AZIONE DEL VOLONTARIATO IN AMBITO

Dettagli

Dal «celebrare» all «essere» sacramento delle nozze

Dal «celebrare» all «essere» sacramento delle nozze Dal «celebrare» all «essere» sacramento delle nozze CORSI PER FIDANZATI: PREPARARE A CELEBRARE BENE UN RITO O PREPARARE AD UNA NUOVA IDENTITÀ? Mons. Carlo Rocchetta Direttore del Centro di Pastorale Familiare

Dettagli

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE E PROPRIO NECESSARIO UN SITO PARROCCHIALE? DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLV GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

Dettagli

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino I figli non sono vostri figli. Sono i figli e le figlie della sete che di sé stessa ha la vita... Voi siete gli archi da cui i figli, come frecce vive, sono scoccate in avanti. L'Arciere vede il bersaglio

Dettagli

Il matrimonio cristiano. chi si sposa in chiesa sa quello che fa?

Il matrimonio cristiano. chi si sposa in chiesa sa quello che fa? Il matrimonio cristiano chi si sposa in chiesa sa quello che fa? Antonio Tavilla IL MATRIMONIO CRISTIANO chi si sposa in chiesa sa quello che fa? religione e spiritualità www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA. di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009

ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA. di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009 ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009 1 Il Rituale ispiratore Rito dell iniziazione cristiana degli adulti,

Dettagli

Diploma in Teologia pratica: specializzazione in Pastorale Familiare

Diploma in Teologia pratica: specializzazione in Pastorale Familiare pontificia università gregoriana Vivere insieme è un arte, un cammino paziente, bello e affascinante Papa Francesco (risponde ai fidanzati 14.02.2014) Facoltà di Teologia Dipartimento di Teologia Morale

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

Nuovi poteri e/o nuove responsabilità?

Nuovi poteri e/o nuove responsabilità? Nuovi poteri e/o nuove responsabilità? Antinomie degli effetti del movimentismo femminile sulla bioetica Liana M. Daher Dipartimento di Scienze della Formazione Università degli Studi di Catania daher@unict.it

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A LICEO SCIENTIFICO STATALE "Donato Bramante" Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) MPI: MIPS25000Q - Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97290566 Sito: www.liceobramante.gov.it - E-mail: mips25000qistruzione.it

Dettagli

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa.

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. 1 Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. Il contesto di riferimento: Numerosa ormai è la presenza, nelle aule scolastiche, di bambini adottati nazionalmente ed internazionalmente.

Dettagli

Servizio sociale e immigrazione. Di Daniela Simone

Servizio sociale e immigrazione. Di Daniela Simone Servizio sociale e immigrazione Di Daniela Simone Nel mondo, da secoli, l immigrazione è un fenomeno presente. Nell enciclopedia delle scienze sociali si afferma che Il fenomeno delle migrazioni è antico

Dettagli

Proposte per un welfare equo e sostenibile

Proposte per un welfare equo e sostenibile Proposte per un welfare equo e sostenibile Il Forum ANIA Consumatori ha tra i propri compiti statutari quello di stimolare la riflessione sul ruolo sociale dell assicurazione nei nuovi assetti del welfare.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli