ISBN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISBN 978-88-903594-4-6"

Transcript

1

2

3 ISBN

4 Donne in bilico tra arretratezza e modernizzazione Indagine qualitativa sulle esistenze e i lavori, flessibili e precari delle donne Rapporto Commissionato dalle Consigliere di Parità della Provincia di Roma realizzato da Sabina Di Marco Roma, Maggio 2007 poi lei si sganciò, finalmente. Prese il largo per conto suo. Arrivò in posti illustrati nei libri e anche in altri, che non erano sui libri e nemmeno sulle mappe. Posti in cui lei, essendo una ragazza, non si era mai sognata di arrivare. Non da sola, perlomeno. Ray Carver, Orientarsi con le stelle, Minimum fax.

5 2

6 Indice Premessa Il metodo e il campione. Il racconto di sé, l autobiografia, le storie di vita Guida alla lettura delle interviste Le interviste Allegati A. Il mercato del lavoro e l occupazione femminile B. Bibliografia

7 4

8 Premessa La parola alle protagoniste. Donne che si raccontano in una lunga, appassionante, sincera intervista e che, in modo diretto e autentico, ci consentono di entrare nel cuore dello studio che qui presentiamo. Donne in bilico: tra generazioni diverse, tra lavoro e vita, tra precariato e autostima, tra studio e realizzazione professionale, tra arretratezza e modernizzazione, come sintetizza efficacemente l autrice nel titolo del testo che segue, da cui è stata tratta in seguito la pièce teatrale dal titolo Presente Sospeso 1. Cinzia, Silvia, Gisella, Fabiola, Laura, Lucia ed Alessandra: sette donne. Un campione random che significativamente rappresenta lo spaccato del mondo (non solo del lavoro) femminile, precario e flessibile, in Provincia. Sette - come note, a volte dolci, a volte stridule, sullo spartito della domandaofferta - le intervistate sottolineano I momenti si e i momenti no delle loro esperienze lavorative e di vita, sempre in sintonia con il nostro tempo, con un tempo che le vede oggi sospese pericolosamente, appunto, tra passato e futuro. In movimento continuo secondo una sinfonia a molti sconosciuta ed incomprensibile eppure armoniosa. A chi legge infatti le loro parole rimane dentro il suono forte del coraggio con cui affrontano le difficoltà a trovare un occupazione, il suono allegro dell autoironia con cui guardano a se stesse e al mondo, il suono profondo di denuncia delle ingiustizie e delle cose che non vanno nella nostra società. Poi, a corollario dei tanti virgolettati, segno del rispettoso ascolto delle biografie sonore di ognuna di loro, nella seconda parte dello studio, seguono i dati salienti del fenomeno analizzato, raccolti e commentati a livello scientifico, ma mai con distacco. Qual è dunque alla fine il quadro che emerge dalla presente ricerca qualitativa basata sulla tecnica del racconto autobiografico che come Consigliere di Parità della Provincia di Roma abbiamo promosso per conoscere da dentro la realtà che ogni giorno è davanti agli occhi di tutti? 1 Con la regia di Paolo Vanacore, musiche originali di Alessandro Panatteri, fonica e luci Andrea Latini e Luciano Stavola. Interpreti: Silvia Antonini, Barbara Christoffel, Michela Massimi, Eleonora Petrucci 5

9 Come intuibile, dai ritratti tratteggiati dalle protagoniste, non può scaturire un immagine unica di donna contemporanea. I vissuti infatti sono molto diversi, per età, capacità, provenienza, percorsi. Eppure, nonostante le tante differenze, le caratteristiche delle nostre finiscono per coincidere. Spesso in conflitto con la famiglia d origine, un po disilluse del partner, affaticate dalla quotidianeità, critiche verso i ritmi della grande città, non pienamente partecipi della vita politica, soddisfatte nel ruolo di madri e convinte nel fare volontariato. Insomma, una realtà da tenere in conto nelle sue diverse sfaccettature per chi come noi ha la mission della tutela e della promozione delle competenze femminili, della lotta alle discriminazioni di genere, della promozione delle pari opportunità uomodonna nel mercato lavoro. Dunque, azioni mirate da intrecciare con percorsi professionalizzanti, individuali e collettivi e politiche integrate nel territorio per dare il nostro sostegno al coraggio e alla tenacia delle tante giovani e meno giovani donne che cercano un lavoro, vogliono mettere su famiglia e realizzarsi come persone nella società. Le Consigliere di Parità Francesca Bagni Cipriani, Daniela Belotti 6

10 1. Il metodo e il campione. Il racconto di sé, l autobiografia, le storie di vita La scelta di svolgere un indagine sul lavoro precario e flessibile delle donne sul versante qualitativo, con metodi e con caratteristiche chiaramente interpretativi e legati alla soggettività del racconto personale della propria individuale esperienza, nasce dalla constatazione che l oggettività dei dati sull occupazione in Europa, così come in Italia e nella Provincia di Roma (vedi allegato 1) giustificano solo in parte, il senso profondo di smarrimento e, appunto di precarietà, avvertito in maniera così diffusa e largamente consolidata, nell immaginario collettivo e nella cultura del nostro paese. Esistono delle zone d ombra che rendono solo parzialmente descrivibili con i metodi statistici classici sull occupazione e il mercato del lavoro, il senso d inadeguatezza, le difficoltà di accesso al lavoro, l incertezza e la paura del futuro che si avverte come sentimento diffuso d instabilità sociale, soprattutto per i giovani e le donne. Il futuro non è più quello di una volta compare sul muro di una città italiana ad opera di un poeta di strada e sintetizza una cultura che nega al proprio domani possibilità di miglioramento della propria condizione. Si avverte un sentimento di rinuncia da parte delle donne e dei giovani a vedersi garantito un percorso professionale e lavorativo, un incapacità a progettare un proprio modo di affrontare il mondo del lavoro in una fase di forte transizione da un modello ad un altro. Dal lavoro maschile stabile e industriale, al lavoro femminilizzato, flessibile e terziarizzato. Dove vengono richieste abilità e competenze capaci di governare mercati instabili, risorse umane con alte aspettative e consumi in forte trasformazione. Dunque appare limitante il tentativo di dare una qualche interpretazione e lettura alle trasformazioni epocali che stiamo vivendo nel mondo del lavoro, circoscrivendo al lavoro stesso la materia d indagine. Si è ritenuto di poter attingere alle diverse sfere del vissuto soggettivo delle donne intervistate, come vasi comunicanti che concorrono alla costruzione della proprio condizione esistenziale, di cui il lavoro é parte integrante e come vedremo, costitutiva. Si è scelto dunque di affrontare il tema della precarietà/flessibilità del mercato del lavoro delle donne con delle interviste guidate a metà strada tra l autobiografia e le storie di vita, conducendo le intervistate, ma lasciandole anche abbastanza libere di dilungarsi su uno anziché un altro tema. Il percorso delle storie si è dipanato dalla famiglia di origine, alla propria vita privata, affettiva e familiare, a partire i temi del 7

11 lavoro, della professione, della formazione e del rapporto con le istituzioni e la politica. In questa libertà di racconto le intervistate hanno tessuto la narrazione di vicende private e pubbliche intersecandole e ricostruendo la propria storia personalissima e, tuttavia, spesso così comune a quella di un altra. Nella scelta del campione si è inteso innanzitutto, tener conto dei settori in cui il lavoro precario e flessibile è più presente, ma anche di quei settori, meno rilevanti mediaticamente e che tuttavia sono tra quelli in cui troviamo forme diverse di precarietà e molta occupazione femminile. Si è pertanto proceduto ad intervistare nei settori della pubblica Amministrazione, dove la presenza di precariato storico è altamente significativa, il settore della ricerca, altro mercato bloccato in cui gli accessi a carriere stabili e più tradizionali appare una chimera per quanti da decenni ruotano attorno ad università, enti di ricerca, ecc., si è esaminato inoltre il settore della cooperazione sociale e poi, attività nei beni culturali settore che nella città di Roma rappresenta uno degli ambiti che caratterizzano il mercato del lavoro, e di lavoro precario, per storici dell arte, archeologi, ecc. inoltre si è affrontato il settore privato del commercio, intervistando una giovane agente immobiliare, eppoi naturalmente una lavoratrice di call center uno dei settori più richiamati nell immaginario collettivo in associazione con lavoro precario ed alienante, infine quello della comunicazione,intervistando una donna di precariato storico alla Rai. In tal modo si è ritenuto di toccare quei settori che sono su Roma e Provincia le realtà più significative da un punto di vista socio economico del territorio, caratterizzato da pubbliche amministrazioni e terziario avanzato, appunto. Le donne sono tutte fortemente presenti nei settori menzionati, fino in alcune realtà ad arrivare ad oltre il 70% della forza lavoro. Le donne intervistate hanno in alcuni casi chiesto l anonimato e le abbiamo dunque chiamate con nomi a volte fittizi, per garantire una tutela, che per chi vive una condizione di lavoro a termine è una delle esigenze più diffuse. La dimensione territoriale non è parsa significativa nel determinare la scelta delle donne da intervistare non essendo questa una variabile che modifica in maniera sostanziale il rapporto con la dimensione precaria del lavoro in senso stretto, anche se per alcune intervistate la dimensione comunitaria a differenza di quella cittadina modifica il rapporto cittadino/istituzioni. Altra variabile di cui si è invece tenuto conto è quella dell età. Le intervistate abbracciano tutte le fasce di età dai 20 ai 30, dai 30 ai 40, e dai 40 ai 50. A confermare che oramai il lavoro precario e flessibile, tocca tutte le fasce di età e non può essere 8

12 relegato ad un evento giovanilistico. Anzi, spesso la precarietà si protrae sino alla soglia dei 50 anni, specialmente in quei settori in cui il sapere è valore aggiunto (si pensi al settore della ricerca o alla biologa della P.A.), modificando radicalmente i percorsi di vita delle persone, portando a rinunce e ad un modello di vita assolutamente inedito rispetto al passato. Anche se come vedremo in seguito, non è a nostro avviso possibile stabilire nessi causa/ effetto tra le scelte operate in ambito privato (es. avere e non avere figli) ed il lavoro. Spesso sono diversi i fattori che inducono a tale scelta e talvolta si sceglie di avere figli nonostante l instabilità economica e lavorativa. Perché la scelta di avere, o non avere figli, realizzare o meno una propria vita affettiva compiuta non è ascrivibile esclusivamente a condizioni materiali di vita, come vedremo a guidare le donne in queste scelte difficili e costitutive della propria identità e della propria vita, concorrono spesso aspettative, bisogni, ricerche identitarie appunto che legano indissolubilmente le condizioni materiali di vita ai rapporti con la famiglia di origine, a modelli sociali e culturali, a quanto d immateriale e culturale concorre nel determinare gli stili di vita. Con questa indagine, che evidentemente non pretende di avere rilevanza statistica, s intende tuttavia esplorare alcuni ambiti culturali e valoriali che spesso vengono sottovalutati nel descrivere fenomeni lavoristici. Il lavoro non si riduce, soprattutto nelle società avanzate, a fonte di reddito, il lavoro, ed in particolare per le donne ed i giovani, rappresenta il modo di essere nella società. Il modo di esistere come individui e come categorie collettive, pertanto, individuare quegli elementi che concorrono a costruire l immaginario sul precariato contribuisce a dare spunti di riflessione sul fenomeno e a mirare le politiche d intervento. 2. Guida alla lettura delle interviste Le interviste sono state realizzate toccando tutte le sfere della vita, da quella pubblica del lavoro e del rapporto con la politica e le istituzioni, a quella privata nel rapporto con la famiglia di origine, quello con i figli e il partner, nella vita di relazione con gli amici e nel quartiere. Andando a ripercorrere il proprio percorso di studi e di vita, ricostruendo valori e stili di vita, aspettative e bisogni delle intervistate. Tutte le intervistate alzandosi, a microfoni spenti, hanno rilevato il bisogno di parlare che avevano e il fatto che sempre meno vi è capacità di ascolto in una società spesso urlata, sembra essersi interrotto il filo della comunicazione attiva, dove gli interlocutori partecipano alla vita e ai pensieri dell altro. Il primo dato che risulta 9

13 significativo è il bisogno di essere ascoltate da parte delle intervistate. Ed anche il bisogno di ricostruire un percorso che nella narrazione perde il senso di frammentarietà, proprio di chi non riesce ad avere una visione progettuale della propria vita. Il dato che appare significativo dalla lettura delle interviste è quello della vita alla giornata, senza particolari aspettative per il futuro e con un modo di procedere a vista che nel lavoro si traduce nel cogliere le occasioni che vengono avanti, al di là di un disegno, di una ricerca di professionalità e di identità, ma piuttosto uno sperimentare strade per garantirsi, anche con due o tre lavori, la sussistenza e una parziale stabilità nel mercato. Le donne che abbiamo intervistato sono in bilico tra il proprio futuro e il proprio passato, alla ricerca di un identità sociale e personale che le emancipi dalle loro madri e le conduca in qualche luogo, che ancora non riescono a vedere. Il futuro appare infatti una sorta di chimera, non si aspira più alla costruzione di progetti di vita, si ambisce a permanere in una condizione di eterna contemporaneità. In un presente sospeso. Ma queste donne così poco visionarie rispetto al loro futuro, quasi miopi, a differenza delle donne del passato esibiscono una rinnovata sicurezza nelle proprie capacità e tranne che per rare eccezioni bastano a se stesse. Sanno essere sole, ed anche quando scelgono la famiglia come priorità, non rinunciano allo spazio per sé, a quella stanza tutta per sè di woolfiana memoria.. Alla domanda, quasi di colore, posta in conclusione delle singole interviste biografiche, ovvero, che donna sei? le risposte sono: in crisi, coraggiosa, leggera, tutte comunque risposte consapevoli di una condizione e di uno stato d animo, e pronte ad affrontare le difficoltà anche da sole. Questa forma di solitudine nei percorsi che si evidenzia nella distanza dalle istituzioni che non entrano se non in maniera del tutto marginale nella loro vita è una caratteristica inedita che va a definire un modo nuovo di essere. Solitario ed individualizzato, cui le donne fatte di legami e relazioni sfuggivano in epoche passate, anche di un passato recente. Entrando nel merito e provando a dare una lettura delle interviste suddivise per aree tematiche, si tentano alcune interpretazioni che evidentemente non sono esaustive del fenomeno della flessibilità/precarietà, ma contribuiscono in forma di suggestioni a descrivere un fenomeno con una forte valenza sociale, di cui le donne sono protagoniste, nel bene e nel male. 10

14 2.1 La vita familiare, ovvero la propria famiglia di origine, come luogo di costruzione dei valori e dell identità; Il campione delle intervistate conferma il dato che le origini di quanti vivono nella città di Roma e nella Provincia sono le più disparate. Roma è luogo di arrivo per molti che in origine vivevano in altri posti d Italia e anche all estero con storie di migrazioni e forte mobilità sul territorio. Da un punto di vista antropologico appare evidente la forte contaminazione tra diverse culture, dal Nord al Sud Italia, ma anche una presenza ormai consolidata e di seconda generazione di cittadini provenienti da altri Paesi (nel campione abbiamo anche una giovane donna nata in Italia di origine di Capo Verde). Nel descrivere la propria famiglia di origine tutte le intervistate esibiscono una forte capacità di analisi e una grande capacità di approfondimento, come se quello fosse un tema ampiamente sviscerato. Le questioni che riguardano la propria famiglia, i propri genitori vengono trattate con grande lucidità di analisi e forte consapevolezza delle proprie origini, attribuendovi chiare connotazioni sociali. La famiglia è senz altro luogo di affetti, luogo di costruzione d identità per le intervistate che tuttavia vi riconoscono tutti i pregi, ma anche tutti i limiti, a volte con analisi impietose circa l idea stessa di famiglia o i rapporti di coppia dei propri genitori. E come se riconoscessero un solco tra l esperienza maturata nella prima parte della loro vita e ciò che sono in età più matura. La famiglia è senz altro luogo di solidarietà e di sostegno ma si evidenziano le distanze tra il modo di vedere il lavoro, i rapporti di coppia e più in generale la società tra genitori e figli in un solco generazionale molto più marcato di quanto ci si aspetterebbe. Uno dei dati che emerge con maggiore chiarezza è una valutazione complessiva della propria famiglia di origine come luogo di conflittualità; genitori spesso in conflitto tra loro, separazioni o comunque coppie ritenute scoppiate dalle intervistate come fonti di antagonismi, anche di genere. Le intervistate, single o in coppia, marcano la distanza tra il proprio modo di concepire i rapporti e quello della famiglia di origine. Sottolineano il gap tra una visione sostanzialmente tradizionale di famiglia e la loro spesso connotata da percorsi di convivenza anziché di matrimonio e non sempre coronate da figli come fine ultimo del rapporto di coppia in una fase matura. Per queste donne la famiglia è stato sì luogo di affetti, ma anche luogo di conflitti. Si evidenzia inoltre una sostanziale distanza identitaria dalla figura materna percepita spesso come subalterna e comunque distante rispetto ad un modello di donna a cui 11

15 non si vuole proprio assomigliare. Madri che lasciano il lavoro con l avvento dei figli, insoddisfatte del proprio ruolo, cariche di aspirazioni inespresse, veicoli di costruzione di aspettative circa il lavoro e le opportunità di emancipazione che questo offre. Una visione che porta spesso le intervistate a ricercare nella realizzazione professionale ed economica un aspetto irrinunciabile, fonte di stimolo e affermazione sociale in un contesto quello del mercato del lavoro - che appare comunque ostile e poco favorevole ad accogliere le donne e valorizzarle. Le madri lasciavano il lavoro per scelta con l arrivo dei figli per quanto in maniera forzosa e indotta le figlie vengono espulse dal mercato con la maternità come inidonee a garantire la flessibilità e le performance richieste, Rosella. Il rapporto identitario con la madre risulta spesso contraddittorio, fatto più che di vicinanze, di distanze forse adesso inizio ad avvicinarmi a mia madre, adesso che sono madre anch io, sostiene Silvia. Ma le madri hanno trasferito alle loro figlie un sentimento d inadeguatezza sociale. Spesso si sono dedicate ai figli non come libera scelta, ma come scelta obbligata che dalle figlie viene imputata spesso ai padri mio padre disincentivava mia madre a lavorare, se per caso ogni tanto a lei gliene veniva la voglia, Sara. Con i padri i rapporti sono anch essi difficili, padri che assumono un ruolo critico nei confronti di figlie che si misurano come uomini con il mercato del lavoro che cercano la propria via alla realizzazione sociale anche adesso che ho avuto riconoscimenti nella mia professione, dopo tanti anni, per mio padre resto una con un lavoro precario di cui ci si deve preoccupare, Serena. Ad accomunare parte delle intervistate è inoltre la difficoltà ad emanciparsi e a lasciare la famiglia di origine e non solo per motivi legati alla condizione economica e alla precarietà contrattuale, ma anche a causa di un diffuso senso di colpa nell abbandonare genitori anziani. Colpisce la definizione di una delle intervistate che parla di una sorta di vampirismo generazionale dei vecchi sui giovani. E le donne appaiono le più vampirizzate, anche in termini emotivi. La famiglia dunque come luogo di costruzione della propria identità con tutte le contraddizioni che essa inevitabilmente porta con sé. Nella costruzione del proprio immaginario sul lavoro le donne intervistate mostrano tutti i limiti e la grande forza di storie di famiglia in cui il tema della soddisfazione nel lavoro, del riconoscimento economico, della rivendicazione sociale hanno comunque, nel bene e nel male, determinato le proprie scelte, sempre scelte di emancipazione. Ed il lavoro è ancora luogo di emancipazione sociale per le donne. 12

16 2.2 La sfera privata, affettiva ed amicale come ambito di costruzione di relazioni e di una nuova famiglia; Si evince nell ambito privato e della sfera affettiva, la difficoltà nella costruzione di rapporti nella forma tradizionale, mutuati dal passato, quando si è in coppia si tende alla convivenza in forma sostitutiva rispetto al matrimonio o comunque come forma di anticipo pre matrimoniale che non si può saltare nel passaggio alla vita adulta. La convivenza e non il matrimonio appare fase irrinunciabile in un percorso di coppia. Così come appare problematizzata la relazione con l altro sesso, la difficoltà in età adulta a trovare punti di condivisione con un eventuale partner in alcuni casi considerato come chimerico. In rari casi il partner assume il ruolo trainante, più spesso è un compagno con cui si condividono paritariamente percorsi. Non colui che conduce, spesso se non in uno scambio alla pari, viene condotto da donne sempre più consapevoli ed autonome emotivamente ed economicamente. Non rinunciano come le loro madri all indipendenza economica, neanche con l avvento dei figli, ma ancor di più non rinunciano a propri spazi emotivi, alla stanza tutta per sé di Virginia Wolf. Le donne intervistate innanzitutto pensano a sé come conquista irrinunciabile, e alla propria personale realizzazione come persone. I figli quando non ci sono sono vissuti come un costo affettivo ed economico, quando ci sono come una risorsa, fonte di energie e ottimismo. Anche se si problematizza il ruolo di madre ed il prevalere del rapporto di cura a fronte della ricerca di una relazione più cognitiva e affettiva. La divisione dei compiti tra genitori appare un tema superato, padri e madri contribuiscono alla crescita dei figli, ma permane un ruolo materno più pratico e orientato alla cura ed uno paterno più ludico ed orientato al gioco, Barbara. In alcuni casi appare che la ricerca della propria realizzazione personale e professionale venga vissuta in maniera detrattiva rispetto alla propria realizzazione legata alla sfera affettiva e di relazione, come se si fosse state costrette a scegliere tra l una o l altra. Come se per alcune di loro l impegno nella realizzazione professionale sia costato in termini di realizzazione di una vita affettiva piena e compiuta. I partner quando ci sono, sono forse un pò sbiaditi, sullo sfondo, compagni paritari a cui si ricorre nei momenti di crisi o fonti di svago. 13

17 2.3 Gli ambiti del territorio, della vita di quartiere, della mobilità sul territorio, come risposta all isolamento prodotto dalla città; La città appare sempre più costituita da quartieri dormitorio, dove si approda dopo una mobilità forsennata fatta di spostamenti per raggiungere il luogo di lavoro (spesso più di uno) e dunque con un vissuto straniante. Il quartiere è il luogo dove si approda senza tessere legami particolari, si fa la spesa e si compra il giornale, ma la relazione ed il legame si limita a questo. Cittadine della città le intervistate ne vivono anche tutta la valenza anonima a discapito di una possibilità maggiore di relazione e di radicamento. Si evince con chiarezza che il territorio, il quartiere non viene vissuto dalle intervistate come luogo di aggregazione, come comunità di affetti, ma piuttosto come luogo di transito. Quando non proprio ostile, Giorgia che descrive il suo quartiere come un luogo diviso tra persone agli arresti domiciliari e tossicomani, dove non vorrebbe veder crescere il proprio figlio. Confermando l idea di una città che riesce poco ad aggregare, a produrre luoghi di partecipazione, mentre viene enfatizzata la dimensione di provincia per le opportunità di relazioni di qualità che offre, per la possibilità d impegno anche politico che consente, per la maggiore vicinanza tra istituzione e cittadino. La città risulta essere ostile mentre la provincia accogliente e comunitaria. 2.4 Le scelte scolastiche e formative; Le intervistate hanno quasi tutte un istruzione medio alta (diploma, laurea e post laurea), tuttavia il percorso formativo nei periodi della scuola e dell Università non sembra essere particolarmente enfatizzato. Nella descrizione dei propri percorsi formativi si evince intanto un atteggiamento quasi neutro di scarsa partecipazione, come se le scelte effettuate non fossero state in alcun modo fonte di un preciso intendimento, di una scelta attitudinale e di un progetto professionale, una mancanza di orientamento e d indirizzo anche da parte della famiglia, un essere lasciate sole difronte alle scelte scolastiche e professionali. Qualche rammarico, alcune difficoltà, qualche breve entusiasmo nel percorso di studi, con istituzioni scolastiche che non diventano mai persone, maestri, raramente scelte di passione. Forse a causa di uno scarso orientamento e indirizzo in alcuni casi si evince la distanza tra i propri interessi, hobbies, impegni nel tempo libero o in forma residuale e le scelte scolastiche e universitarie e professionali. 14

18 Il nesso tra istruzione e professione appare spesso casuale. Evidenziando il gap tra il mondo dell istruzione e quello del lavoro che risultano essere due ambiti distinti e distanti. Le intervistate spesso avevano diverse ambizioni o non avevano affatto ambizioni rispetto al lavoro oggi svolto. Tranne in casi rari, Carla, dove la scelta professionale (archeologa) è autenticamente una passione che aiuta anche a sottovalutare la forma contrattuale con cui la professione si esercita, per Carla il tipo di contratto non appare rilevante, è piuttosto rilevante il tipo di prestazione richiesta e il livello di gratificazione ottenuto. La formazione in età più adulta viene spesso vissuta come contingenza, come opportunità finalizzata a cogliere una proposta di lavoro ed anche in questo caso con uno scarso indirizzo rispetto ad un progetto complessivo, ma mirata alla contingenza, al carpe diem. Ci si riposiziona in età adulta rispetto alla formazione in relazione alle opportunità di lavoro che offre. Il rapporto attitudini formazione lavoro, sembra ancora lontano da venire. 2.5 La ricerca del lavoro e le opportunità offerte dal mercato; Le difficoltà di ingresso e permanenza nel mercato del lavoro da parte di queste donne conferma il comune sentimento di difficoltà di accesso accentuato negli ultimi anni, per tutti, donne, uomini giovani e meno giovani. L assenza delle istituzioni nell agevolare l incontro domanda/offerta di lavoro e la presenza di luoghi comuni e pregiudizi legati forse più all età che al genere, contribuiscono ad allontanare le persone dal mercato del lavoro, relegandolo in condizioni di vera marginalità. La giovinezza appare come l attributo principale a garantire competitività sul mercato, sembrano pesare poco le esperienze maturate, non la competenza, la professionalità, ma la giovinezza, la disponibilità, la duttilità. Vi è inoltre un evidente denuncia della casualità nella realizzazione dei percorsi, legati alla casualità alla realizzazione di uno stage o alla risposta ad un annuncio, o alla segnalazione di un amico, per trovare un lavoro saltuario che poi diviene il proprio lavoro stabilmente a full time, in forma precaria. La ricerca del lavoro si realizza per lo più, a disconfermare il luogo comune senza nessuna raccomandazione, solo il passaparola e inviando il curriculum, ma mai attraverso canali istituzionali (es. Centri per l Impiego). La casualità nel trovare un primo lavoro a cui poi ci si aggrappa perché sembra impossibile trovarne un altro, la difficoltà nel perseguire un progetto professionale e 15

19 l assenza di percorsi che garantiscano accesso al lavoro e la grande possibilità di cambiarlo, il lavoro, se si vuole. Si rimarca tuttavia una differenza tra ieri ed oggi, ieri si trovava lavoro anche inviando un curriculum, oggi no. Io non chiedo un lavoro a tempo indeterminato, io chiedo un contratto, ma non trovo neanche quello. Come se le aziende fossero molte di meno e le persone che cercano lavoro sempre di più, Chiara. Appare inoltre forte la richiesta di modernizzazione dei metodi con cui ovviare al gap tra offerta e domanda di lavoro, si suggeriscono costruzione di banche dati, bacini tematici di precari cui attingere ecc. lamentando istituzioni assenti e inadempienti. Il dato realmente significativo è legato all assenza di qualunque forma codificata di orientamento al lavoro, e di accesso al mercato. Donne sole con i propri percorsi che hanno fatto di necessità virtù e si destreggiano, a volte abilmente, in un mondo ostile. 2.6 Il lavoro e la stabilità occupazionale; Il lavoro risulta essere ancora un elemento costitutivo determinante per l identità sociale e uno spartiacque per le donne con le generazioni precedenti. Sono una donna diversa dal passato perché ho un lavoro, una professione, un istruzione, una riconoscibilità sociale. Mi allontano dai modelli tradizionali anche grazie al lavoro, grazie a questo costruisco una nuova identità di genere. Dunque per le donne il possedere o meno un occupazione di qualità appare ancora più determinante in una fase di transizione culturale dai modelli genitoriali, e sociali industriali a nuovi modelli paritari. Tuttavia alla rivendicazione di genere si affianca ancora la rivendicazione di classe, il bisogno del lavoro come mero bisogno economico e non esistenziale ed identitario. E l istruzione e la mobilità sociale come rivendicazione del passaggio da una condizione sociale ad un altra per donne che la ricercano non più di riflesso come condizione legata al matrimonio, ma come personale rivendicazione sociale in maniera del tutto inedita rispetto al passato. Rivendicazione di genere e di classe dunque nel lavoro, che diviene ai primi posti nella graduatoria dei valori delle donne, che sembrano non rinunciarvi in termini di principi e che si trovano costrette a farlo a causa di un welfare poco inclusivo e ad un mercato del lavoro selvaggio. Il lavoro mantiene ancora una centralità indiscussa come mezzo di affermazione ancora prima di ben più evidenti differenze, fa la differenza. Non mi sento diversa per la pelle, per la cittadinanza, perché donna, ma per il lavoro sì, quel contratto e la precarietà, mi fanno 16

20 sentire diversa, diversa anche dai miei genitori che sono immigrati in italia da Capo Verde, ma hanno lavorato con un contratto a tempo indeterminato e la sicurezza del lavoro. Un tratto comune che si evince da queste storie di precarietà e flessibilità contrattuale è l essere costretti all aprogettualità professionale e a prendere quello che capita mi sono riciclata continuamente, dice Sara, e non si può tenere barra su un progetto di realizzazione professionale si è in balia del mercato e di quello che offre momentaneamente saltuariamente e non valgono lauree e specializzazioni, sembra un indistinto in cui l esperienza e la competenza non si cumulano, non fanno carriera. Percorsi aprogettuali per un mercato ed una società senza progetto, che non valorizza e non riconosce meriti. In più la convinzione che non basta un solo lavoro ma ne servono più di uno e per garantire salario e per evitare di perderne uno e non trovarsi nulla tra le mani, la pluricommittenza come ammortizzatore sociale come unica possibilità per affrontare la disoccupazione possibile. La vita tra due o più lavori, così se finisce uno ho sempre l altro. Non vorrei molto, non mi aspetto più di fare carriera. Vorrei solo più sicurezza e la possibilità di avere un po di tempo libero. Anche solo per leggere, Sara. Un altro dato che appare evidente è che nel lavoro atipico incontriamo spesso una forma di discrasia tra il contratto (autonomo) ed il lavoro effettivamente svolto (subordinato). Un altro dato che emerge con grande chiarezza è che non esiste l idea di carriera come avanzamento gerarchico o economico, ci si preoccupa in una condizione di precarietà di garantirsi una certa orizzontalità di lavoro, di mantenere almeno lo status quo, trovare solo un modo per restare a galla. 2.7 La propensione alla progettualità e al futuro; Appare evidente dalle interviste la tendenza a ridurre le aspettative circa il futuro nelle intervistate più grandi di età, e una visione complessiva delle intervistate che le porta a enfatizzare la contemporaneità e il presente senza riporre particolare investimenti nel futuro, che diviene una sorta di luogo rimosso di cui non si sanno decifrare i codici, qualcosa di assente, impossibile da prefigurare. Le intervistate alla domanda sul futuro, si scherniscono, rifuggono, si accontentano di quello che hanno. E quello che hanno è una profonda fiducia in loro stesse, donne coraggiose, ottimiste, realiste, ironiche, leggere. 17

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE LICEO SCIENTIFICO DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

FAMIGLIA E SOGGETTI SOCIALI

FAMIGLIA E SOGGETTI SOCIALI MOD. ISTAT/IMF-10/B1.03 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Provincia INDAGINE STATISTICA MULTISCOPO SULLE FAMIGLIE FAMIGLIA E SOGGETTI SOCIALI 1 2... Comune... Sezione di Censimento...

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

LA NORMATIVA ITALIANA PER L EDILIZIA SOCIALE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi

LA NORMATIVA ITALIANA PER L EDILIZIA SOCIALE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi LA NORMATIVA ITALIANA PER L EDILIZIA SOCIALE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi Protocollo di intervista semi- strutturata Dati intervista Intervista n. 2 Data intervista: 16 maggio

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità Il percorso in quinta elementare La proposta di lavoro è finalizzata a sostenere gli alunni nella fase di passaggio alla scuola media. È necessario infatti un azione orientativa che aiuti gli alunni a

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Matteo SIMONE Silvio Trivelloni sceglie l Atletica Leggera alla scuola media con il Concorso Esercito Scuola e poi diventa un Atleta

Dettagli

Il Quotidiano in Classe

Il Quotidiano in Classe Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati dagli studenti sul HYPERLINK "ilquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Matilde Soana Supervisione di Sofia Macchiavelli

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI

DIVENTARE GENITORI OGGI In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia Sintesi della ricerca Roma, 1 ottobre 2014 La genitorialità come dimensione individuale L esperienza della genitorialità

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19.

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19. Insegnante intervistata: 12 anni di insegnamento; al momento dell intervista insegna nelle classi II di una scuola primaria Durata intervista: 30 minuti 1. Ti chiederei gentilmente di pensare ad un bambino

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

Nota importante all'articolo!

Nota importante all'articolo! Nota importante all'articolo! In seguito alla pubblicazione della seguente intervista ci sono giunte diverse segnalazioni attendibili che, contrariamente a quanto lasciato intendere nell intervista stessa,

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante.

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante. I RAGAZZI E LE RAGAZZE RACCONTANO Daniele Quando aveva 13 anni Daniele viveva vicino a Milano con la sua famiglia: mamma, papà e Emanuele, il fratello maggiore, con cui andava molto d accordo; anzi, possiamo

Dettagli

UNA VITA PER LE RAGAZZE MADRI Intervista a Carolina Caspary, responsabile dell Hogar San Francisco a Posadas

UNA VITA PER LE RAGAZZE MADRI Intervista a Carolina Caspary, responsabile dell Hogar San Francisco a Posadas UNA VITA PER LE RAGAZZE MADRI Intervista a Carolina Caspary, responsabile dell Hogar San Francisco a Posadas Carolina Caspary è l assistente sociale argentina responsabile del Centro di accoglienza per

Dettagli

Volti e orizzonti del volontariato

Volti e orizzonti del volontariato 33 Convegno nazionale delle Caritas Diocesane Volti e orizzonti del volontariato Indagine sul volontariato giovanile nel contesto delle Caritas diocesane 1 Torino, 22-25 giugno 2009 Indice Il percorso

Dettagli

SCEGLIERE CON CONSAPEVOLEZZA. Come i genitori possono aiutare i figli in questo percorso

SCEGLIERE CON CONSAPEVOLEZZA. Come i genitori possono aiutare i figli in questo percorso SCEGLIERE CON CONSAPEVOLEZZA Come i genitori possono aiutare i figli in questo percorso Dott.ssa Cinzia Ginevri Blasi Orientare significa... Porsi in una condizione di ascolto Indicare un percorso Garantire

Dettagli

Donne che non hanno paura del fuoco

Donne che non hanno paura del fuoco STUDIO DI PSICOLOGIA CORSO DELLE TERME 136 MONTEGROTTO T. (PD) DOTT.SSA MARISA MARTINELLI WWW.VEDEREBENE.IT Donne che non hanno paura del fuoco (Revisione appunti conferenze psicologia del femminile) Perché

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

Precariato in Italia e Olanda

Precariato in Italia e Olanda Precariato in Italia e Olanda Gentile signora, Mi chiamo Tonnie van Bezouw e sono una studentessa olandese. Mi sono laureata in lingua e cultura italiana presso l Università Utrecht e al momento sto scrivendo

Dettagli

peraversi continua... Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione www.peraversi.it Dott.ssa Alessia Simoncini

peraversi continua... Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione www.peraversi.it Dott.ssa Alessia Simoncini Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione Sai mamma, mi domando spesso perché la mia vera mamma non mi ha potuto tenere, forse aveva troppi figli, forse era povera

Dettagli

Convegno Cristina Rossi 2012. Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive

Convegno Cristina Rossi 2012. Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive Convegno Cristina Rossi 2012 Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive Paolo Guiddi Anna Granata http://www.youtube.com/watch?v=sqflj Wp2EMk&feature=relmfu Donare il sangue Forma di inclusione?

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

1. Adolescenza e consapevolezza

1. Adolescenza e consapevolezza 1. Adolescenza e consapevolezza Riflessione E-ducazione (portar fuori) ed evoluzione La consapevolezza: conoscersi per autoeducarsi Il distacco dalle sicurezze dell infanzia Individuarsi: le mie attese,

Dettagli

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo?

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? Il senso dei due incontri che vengono proposti sta nel riflettere sulla nostra

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

Survey Internazionale sulla Famiglia Risultati italiani

Survey Internazionale sulla Famiglia Risultati italiani Survey Internazionale sulla Famiglia Risultati italiani L indagine Obiettivo Indagare l opinione delle utenti di alfemminile sul concetto di famiglia al giorno d oggi. Date ottobre 2011 Numero di rispondenti

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

IVAN E PADRE LIVIO TESTIMONIANZA SU GIOVANI E FAMIGLIE

IVAN E PADRE LIVIO TESTIMONIANZA SU GIOVANI E FAMIGLIE IVAN E PADRE LIVIO TESTIMONIANZA SU GIOVANI E FAMIGLIE Padre Livio: Vediamo ora tre incontri di Ivan con tre gruppi di pellegrini. Sono in gran parte dei giovani. E possiamo ben dire che gli incontri con

Dettagli

La Famiglia P. Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento

La Famiglia P. Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento La Famiglia P Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento Segnalazione 14/02/2012 Ospedale Pediatrico Meyer La piccola G. (2 mesi e 7 giorni) si trova ricoverata al reparto di Terapia Intensiva

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Una prima analisi dei pareri espressi dai giovani e dalle loro madri nell'indagine Idea e nello studio qualitativo condotto dall unit

Una prima analisi dei pareri espressi dai giovani e dalle loro madri nell'indagine Idea e nello studio qualitativo condotto dall unit Uscire o rimanere? Una prima analisi dei pareri espressi dai giovani e dalle loro madri nell'indagine Idea e nello studio qualitativo condotto dall unit unità di Urbino. Gabriella Cortesi - Nicola Giampietro

Dettagli

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 3 Maggio 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Il nostro campione Meggiorini Riccardo nazionalità: Italia nato a: Isola Della Scala (VR) il: 4 Settembre 1985 altezza: 183 cm peso: 75 kg Società di appartenenza:

Dettagli

MODULO 3: ORIENTAMENTO AL LAVORO

MODULO 3: ORIENTAMENTO AL LAVORO Area economico - giuridica Disciplina: diritto - economia Gruppo: Pordenone Docente: Valeria Laura Valleriani Istituto: I.S.I.S. di Spilimbergo (PN) MODULO 3: ORIENTAMENTO AL LAVORO Classe 3B IPSC (14

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Contraccezione: tre donne si raccontano. Dati qualitativi

Contraccezione: tre donne si raccontano. Dati qualitativi Contraccezione: tre donne si raccontano. Dati qualitativi A cura di Paola Parenti Psicologa, Direttore del Dipartimento delle Ricerche Motivazionali TNS HEALTHCARE UNO SGUARDO IN PROFONDITÀ SU DONNE E

Dettagli

La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio*

La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio* La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio* Per arrivare a comprendere le cause e il contesto di una crisi coniugale, è indispensabile capire anzitutto che l equilibrio della relazione di

Dettagli

2OTT. Sogni e obiettivi: intervista a Silvia Minguzzi

2OTT. Sogni e obiettivi: intervista a Silvia Minguzzi Sogni e obiettivi: intervista a Silvia Minguzzi 2OTT Silvia Minguzzi Silvia Minguzzi si occupa professionalmente di formazione, coaching e crescita personale (vedi sito). Come spettatrice segue assiduamente

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

Designers' Inquiry - italiano INFORMAZIONI PERSONALI. 1. Sesso 1. M 2. F. 2. Età. 3. Nazionalità 1. Italiana 2. Altro

Designers' Inquiry - italiano INFORMAZIONI PERSONALI. 1. Sesso 1. M 2. F. 2. Età. 3. Nazionalità 1. Italiana 2. Altro INFORMAZIONI PERSONALI 1. Sesso 1. M 2. F 2. Età 3. Nazionalità 1. Italiana 2. Altro 4. Qual è il tuo titolo di studio? 1. Nessun titolo di studio 2. Licenza media inferiore 3. Qualifica professional 4.

Dettagli

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE PROGETTO EDUCATIVO IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE IDENTITA DELLA SCUOLA La Scuola dell Infanzia parrocchiale S.Giuseppe vuole

Dettagli

- 1 reference coded [1,60% Coverage]

<Documents\bo_min_13_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [1,60% Coverage] - 1 reference coded [1,60% Coverage] Reference 1-1,60% Coverage Certamente. Che musica ascolti? eh, io, ascolto più musica di qualche anno fa, sul rock anni 70, o sono

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront La famiglia La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. b. a. c. d. f. e. Nonni a scuola dai nipoti oggi lezione di Internet Nove scuole, 900 anziani, 900 ragazzi Obiettivo: creare

Dettagli

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione OLIVIERO TOSCANI SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione D. Quando si nasce e si cresce in una famiglia dove si respira fotografia, diventare fotografo è un atto dovuto o può rappresentare, in ogni

Dettagli

RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 118 DEL 25.11.2015

RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 118 DEL 25.11.2015 RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 118 DEL 25.11.2015 Ottavo punto all O.d.G. O.d.G. del Consigliere Musa sulle celebrazioni matrimoniali in luoghi diversi della casa comunale Illustra il Consigliere

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA Insufficienza Intestinale cronica benigna pediatrica. Scienza, tecnica e psicologia: nuove frontiere a confronto Spello, 2-3 novembre 2012 Dott.ssa Cadonati Barbara

Dettagli

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento Riflessioni su tempo, sviluppo, regole, autonomia, fiducia, sostegno Dr.ssa Nadia Badioli IL SENSO DEI COMPITI STRUMENTO PER: incentivare

Dettagli

L OSSERVAZIONE COME METODO EDUCATVO

L OSSERVAZIONE COME METODO EDUCATVO L OSSERVAZIONE COME METODO EDUCATVO Osservazione e primo approccio L accompagnamento e il distacco tra una madre e il suo bambino comportano per entrambi un grosso sforzo di AMBIENTAMENTO alla nuova situazione

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani

Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani 1 Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani La situazione dei giovani lavoratori italiani risulta a noi particolarmente svantaggiata. La società di oggi richiede ai giovani

Dettagli

A. Completa con i verbi mancanti: indicativo (passato, presente, futuro) e congiuntivo

A. Completa con i verbi mancanti: indicativo (passato, presente, futuro) e congiuntivo LEZIONE 6 ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con i verbi mancanti: indicativo (passato, presente, futuro) e congiuntivo Mara: È vero che domenica prossima... (esserci) una festa a casa di Mirco? Lina: No,

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud Paolo DÊAmbrosio La finestra sul mare una storia del Sud Paolo D Ambrosio La finestra sul mare Proprietà letteraria riservata 2011 Paolo D Ambrosio Kion Editrice, Terni Prima edizione luglio 2011 ISBN

Dettagli

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 Relazione Incontro del 30 Settembre 2008 BAMBINI ADOTTIVI E BIOLOGICI INSIEME IN FAMIGLIA Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 La genitorialità

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

Pensavamo fosse. invece..

Pensavamo fosse. invece.. Pensavamo fosse. invece.. La presentazione che segue racconta il percorso scolastico di uno studente straniero con una lunga serie di bocciature alle spalle. Istituto Comprensivo Darfo2 La storia O. è

Dettagli

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola La frase, tratta da un noto film con Hugh Grant ( About a boy ), apre la strada a importanti riflessioni sul valore a

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli