ISBN

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISBN 978-88-903594-4-6"

Transcript

1

2

3 ISBN

4 Donne in bilico tra arretratezza e modernizzazione Indagine qualitativa sulle esistenze e i lavori, flessibili e precari delle donne Rapporto Commissionato dalle Consigliere di Parità della Provincia di Roma realizzato da Sabina Di Marco Roma, Maggio 2007 poi lei si sganciò, finalmente. Prese il largo per conto suo. Arrivò in posti illustrati nei libri e anche in altri, che non erano sui libri e nemmeno sulle mappe. Posti in cui lei, essendo una ragazza, non si era mai sognata di arrivare. Non da sola, perlomeno. Ray Carver, Orientarsi con le stelle, Minimum fax.

5 2

6 Indice Premessa Il metodo e il campione. Il racconto di sé, l autobiografia, le storie di vita Guida alla lettura delle interviste Le interviste Allegati A. Il mercato del lavoro e l occupazione femminile B. Bibliografia

7 4

8 Premessa La parola alle protagoniste. Donne che si raccontano in una lunga, appassionante, sincera intervista e che, in modo diretto e autentico, ci consentono di entrare nel cuore dello studio che qui presentiamo. Donne in bilico: tra generazioni diverse, tra lavoro e vita, tra precariato e autostima, tra studio e realizzazione professionale, tra arretratezza e modernizzazione, come sintetizza efficacemente l autrice nel titolo del testo che segue, da cui è stata tratta in seguito la pièce teatrale dal titolo Presente Sospeso 1. Cinzia, Silvia, Gisella, Fabiola, Laura, Lucia ed Alessandra: sette donne. Un campione random che significativamente rappresenta lo spaccato del mondo (non solo del lavoro) femminile, precario e flessibile, in Provincia. Sette - come note, a volte dolci, a volte stridule, sullo spartito della domandaofferta - le intervistate sottolineano I momenti si e i momenti no delle loro esperienze lavorative e di vita, sempre in sintonia con il nostro tempo, con un tempo che le vede oggi sospese pericolosamente, appunto, tra passato e futuro. In movimento continuo secondo una sinfonia a molti sconosciuta ed incomprensibile eppure armoniosa. A chi legge infatti le loro parole rimane dentro il suono forte del coraggio con cui affrontano le difficoltà a trovare un occupazione, il suono allegro dell autoironia con cui guardano a se stesse e al mondo, il suono profondo di denuncia delle ingiustizie e delle cose che non vanno nella nostra società. Poi, a corollario dei tanti virgolettati, segno del rispettoso ascolto delle biografie sonore di ognuna di loro, nella seconda parte dello studio, seguono i dati salienti del fenomeno analizzato, raccolti e commentati a livello scientifico, ma mai con distacco. Qual è dunque alla fine il quadro che emerge dalla presente ricerca qualitativa basata sulla tecnica del racconto autobiografico che come Consigliere di Parità della Provincia di Roma abbiamo promosso per conoscere da dentro la realtà che ogni giorno è davanti agli occhi di tutti? 1 Con la regia di Paolo Vanacore, musiche originali di Alessandro Panatteri, fonica e luci Andrea Latini e Luciano Stavola. Interpreti: Silvia Antonini, Barbara Christoffel, Michela Massimi, Eleonora Petrucci 5

9 Come intuibile, dai ritratti tratteggiati dalle protagoniste, non può scaturire un immagine unica di donna contemporanea. I vissuti infatti sono molto diversi, per età, capacità, provenienza, percorsi. Eppure, nonostante le tante differenze, le caratteristiche delle nostre finiscono per coincidere. Spesso in conflitto con la famiglia d origine, un po disilluse del partner, affaticate dalla quotidianeità, critiche verso i ritmi della grande città, non pienamente partecipi della vita politica, soddisfatte nel ruolo di madri e convinte nel fare volontariato. Insomma, una realtà da tenere in conto nelle sue diverse sfaccettature per chi come noi ha la mission della tutela e della promozione delle competenze femminili, della lotta alle discriminazioni di genere, della promozione delle pari opportunità uomodonna nel mercato lavoro. Dunque, azioni mirate da intrecciare con percorsi professionalizzanti, individuali e collettivi e politiche integrate nel territorio per dare il nostro sostegno al coraggio e alla tenacia delle tante giovani e meno giovani donne che cercano un lavoro, vogliono mettere su famiglia e realizzarsi come persone nella società. Le Consigliere di Parità Francesca Bagni Cipriani, Daniela Belotti 6

10 1. Il metodo e il campione. Il racconto di sé, l autobiografia, le storie di vita La scelta di svolgere un indagine sul lavoro precario e flessibile delle donne sul versante qualitativo, con metodi e con caratteristiche chiaramente interpretativi e legati alla soggettività del racconto personale della propria individuale esperienza, nasce dalla constatazione che l oggettività dei dati sull occupazione in Europa, così come in Italia e nella Provincia di Roma (vedi allegato 1) giustificano solo in parte, il senso profondo di smarrimento e, appunto di precarietà, avvertito in maniera così diffusa e largamente consolidata, nell immaginario collettivo e nella cultura del nostro paese. Esistono delle zone d ombra che rendono solo parzialmente descrivibili con i metodi statistici classici sull occupazione e il mercato del lavoro, il senso d inadeguatezza, le difficoltà di accesso al lavoro, l incertezza e la paura del futuro che si avverte come sentimento diffuso d instabilità sociale, soprattutto per i giovani e le donne. Il futuro non è più quello di una volta compare sul muro di una città italiana ad opera di un poeta di strada e sintetizza una cultura che nega al proprio domani possibilità di miglioramento della propria condizione. Si avverte un sentimento di rinuncia da parte delle donne e dei giovani a vedersi garantito un percorso professionale e lavorativo, un incapacità a progettare un proprio modo di affrontare il mondo del lavoro in una fase di forte transizione da un modello ad un altro. Dal lavoro maschile stabile e industriale, al lavoro femminilizzato, flessibile e terziarizzato. Dove vengono richieste abilità e competenze capaci di governare mercati instabili, risorse umane con alte aspettative e consumi in forte trasformazione. Dunque appare limitante il tentativo di dare una qualche interpretazione e lettura alle trasformazioni epocali che stiamo vivendo nel mondo del lavoro, circoscrivendo al lavoro stesso la materia d indagine. Si è ritenuto di poter attingere alle diverse sfere del vissuto soggettivo delle donne intervistate, come vasi comunicanti che concorrono alla costruzione della proprio condizione esistenziale, di cui il lavoro é parte integrante e come vedremo, costitutiva. Si è scelto dunque di affrontare il tema della precarietà/flessibilità del mercato del lavoro delle donne con delle interviste guidate a metà strada tra l autobiografia e le storie di vita, conducendo le intervistate, ma lasciandole anche abbastanza libere di dilungarsi su uno anziché un altro tema. Il percorso delle storie si è dipanato dalla famiglia di origine, alla propria vita privata, affettiva e familiare, a partire i temi del 7

11 lavoro, della professione, della formazione e del rapporto con le istituzioni e la politica. In questa libertà di racconto le intervistate hanno tessuto la narrazione di vicende private e pubbliche intersecandole e ricostruendo la propria storia personalissima e, tuttavia, spesso così comune a quella di un altra. Nella scelta del campione si è inteso innanzitutto, tener conto dei settori in cui il lavoro precario e flessibile è più presente, ma anche di quei settori, meno rilevanti mediaticamente e che tuttavia sono tra quelli in cui troviamo forme diverse di precarietà e molta occupazione femminile. Si è pertanto proceduto ad intervistare nei settori della pubblica Amministrazione, dove la presenza di precariato storico è altamente significativa, il settore della ricerca, altro mercato bloccato in cui gli accessi a carriere stabili e più tradizionali appare una chimera per quanti da decenni ruotano attorno ad università, enti di ricerca, ecc., si è esaminato inoltre il settore della cooperazione sociale e poi, attività nei beni culturali settore che nella città di Roma rappresenta uno degli ambiti che caratterizzano il mercato del lavoro, e di lavoro precario, per storici dell arte, archeologi, ecc. inoltre si è affrontato il settore privato del commercio, intervistando una giovane agente immobiliare, eppoi naturalmente una lavoratrice di call center uno dei settori più richiamati nell immaginario collettivo in associazione con lavoro precario ed alienante, infine quello della comunicazione,intervistando una donna di precariato storico alla Rai. In tal modo si è ritenuto di toccare quei settori che sono su Roma e Provincia le realtà più significative da un punto di vista socio economico del territorio, caratterizzato da pubbliche amministrazioni e terziario avanzato, appunto. Le donne sono tutte fortemente presenti nei settori menzionati, fino in alcune realtà ad arrivare ad oltre il 70% della forza lavoro. Le donne intervistate hanno in alcuni casi chiesto l anonimato e le abbiamo dunque chiamate con nomi a volte fittizi, per garantire una tutela, che per chi vive una condizione di lavoro a termine è una delle esigenze più diffuse. La dimensione territoriale non è parsa significativa nel determinare la scelta delle donne da intervistare non essendo questa una variabile che modifica in maniera sostanziale il rapporto con la dimensione precaria del lavoro in senso stretto, anche se per alcune intervistate la dimensione comunitaria a differenza di quella cittadina modifica il rapporto cittadino/istituzioni. Altra variabile di cui si è invece tenuto conto è quella dell età. Le intervistate abbracciano tutte le fasce di età dai 20 ai 30, dai 30 ai 40, e dai 40 ai 50. A confermare che oramai il lavoro precario e flessibile, tocca tutte le fasce di età e non può essere 8

12 relegato ad un evento giovanilistico. Anzi, spesso la precarietà si protrae sino alla soglia dei 50 anni, specialmente in quei settori in cui il sapere è valore aggiunto (si pensi al settore della ricerca o alla biologa della P.A.), modificando radicalmente i percorsi di vita delle persone, portando a rinunce e ad un modello di vita assolutamente inedito rispetto al passato. Anche se come vedremo in seguito, non è a nostro avviso possibile stabilire nessi causa/ effetto tra le scelte operate in ambito privato (es. avere e non avere figli) ed il lavoro. Spesso sono diversi i fattori che inducono a tale scelta e talvolta si sceglie di avere figli nonostante l instabilità economica e lavorativa. Perché la scelta di avere, o non avere figli, realizzare o meno una propria vita affettiva compiuta non è ascrivibile esclusivamente a condizioni materiali di vita, come vedremo a guidare le donne in queste scelte difficili e costitutive della propria identità e della propria vita, concorrono spesso aspettative, bisogni, ricerche identitarie appunto che legano indissolubilmente le condizioni materiali di vita ai rapporti con la famiglia di origine, a modelli sociali e culturali, a quanto d immateriale e culturale concorre nel determinare gli stili di vita. Con questa indagine, che evidentemente non pretende di avere rilevanza statistica, s intende tuttavia esplorare alcuni ambiti culturali e valoriali che spesso vengono sottovalutati nel descrivere fenomeni lavoristici. Il lavoro non si riduce, soprattutto nelle società avanzate, a fonte di reddito, il lavoro, ed in particolare per le donne ed i giovani, rappresenta il modo di essere nella società. Il modo di esistere come individui e come categorie collettive, pertanto, individuare quegli elementi che concorrono a costruire l immaginario sul precariato contribuisce a dare spunti di riflessione sul fenomeno e a mirare le politiche d intervento. 2. Guida alla lettura delle interviste Le interviste sono state realizzate toccando tutte le sfere della vita, da quella pubblica del lavoro e del rapporto con la politica e le istituzioni, a quella privata nel rapporto con la famiglia di origine, quello con i figli e il partner, nella vita di relazione con gli amici e nel quartiere. Andando a ripercorrere il proprio percorso di studi e di vita, ricostruendo valori e stili di vita, aspettative e bisogni delle intervistate. Tutte le intervistate alzandosi, a microfoni spenti, hanno rilevato il bisogno di parlare che avevano e il fatto che sempre meno vi è capacità di ascolto in una società spesso urlata, sembra essersi interrotto il filo della comunicazione attiva, dove gli interlocutori partecipano alla vita e ai pensieri dell altro. Il primo dato che risulta 9

13 significativo è il bisogno di essere ascoltate da parte delle intervistate. Ed anche il bisogno di ricostruire un percorso che nella narrazione perde il senso di frammentarietà, proprio di chi non riesce ad avere una visione progettuale della propria vita. Il dato che appare significativo dalla lettura delle interviste è quello della vita alla giornata, senza particolari aspettative per il futuro e con un modo di procedere a vista che nel lavoro si traduce nel cogliere le occasioni che vengono avanti, al di là di un disegno, di una ricerca di professionalità e di identità, ma piuttosto uno sperimentare strade per garantirsi, anche con due o tre lavori, la sussistenza e una parziale stabilità nel mercato. Le donne che abbiamo intervistato sono in bilico tra il proprio futuro e il proprio passato, alla ricerca di un identità sociale e personale che le emancipi dalle loro madri e le conduca in qualche luogo, che ancora non riescono a vedere. Il futuro appare infatti una sorta di chimera, non si aspira più alla costruzione di progetti di vita, si ambisce a permanere in una condizione di eterna contemporaneità. In un presente sospeso. Ma queste donne così poco visionarie rispetto al loro futuro, quasi miopi, a differenza delle donne del passato esibiscono una rinnovata sicurezza nelle proprie capacità e tranne che per rare eccezioni bastano a se stesse. Sanno essere sole, ed anche quando scelgono la famiglia come priorità, non rinunciano allo spazio per sé, a quella stanza tutta per sè di woolfiana memoria.. Alla domanda, quasi di colore, posta in conclusione delle singole interviste biografiche, ovvero, che donna sei? le risposte sono: in crisi, coraggiosa, leggera, tutte comunque risposte consapevoli di una condizione e di uno stato d animo, e pronte ad affrontare le difficoltà anche da sole. Questa forma di solitudine nei percorsi che si evidenzia nella distanza dalle istituzioni che non entrano se non in maniera del tutto marginale nella loro vita è una caratteristica inedita che va a definire un modo nuovo di essere. Solitario ed individualizzato, cui le donne fatte di legami e relazioni sfuggivano in epoche passate, anche di un passato recente. Entrando nel merito e provando a dare una lettura delle interviste suddivise per aree tematiche, si tentano alcune interpretazioni che evidentemente non sono esaustive del fenomeno della flessibilità/precarietà, ma contribuiscono in forma di suggestioni a descrivere un fenomeno con una forte valenza sociale, di cui le donne sono protagoniste, nel bene e nel male. 10

14 2.1 La vita familiare, ovvero la propria famiglia di origine, come luogo di costruzione dei valori e dell identità; Il campione delle intervistate conferma il dato che le origini di quanti vivono nella città di Roma e nella Provincia sono le più disparate. Roma è luogo di arrivo per molti che in origine vivevano in altri posti d Italia e anche all estero con storie di migrazioni e forte mobilità sul territorio. Da un punto di vista antropologico appare evidente la forte contaminazione tra diverse culture, dal Nord al Sud Italia, ma anche una presenza ormai consolidata e di seconda generazione di cittadini provenienti da altri Paesi (nel campione abbiamo anche una giovane donna nata in Italia di origine di Capo Verde). Nel descrivere la propria famiglia di origine tutte le intervistate esibiscono una forte capacità di analisi e una grande capacità di approfondimento, come se quello fosse un tema ampiamente sviscerato. Le questioni che riguardano la propria famiglia, i propri genitori vengono trattate con grande lucidità di analisi e forte consapevolezza delle proprie origini, attribuendovi chiare connotazioni sociali. La famiglia è senz altro luogo di affetti, luogo di costruzione d identità per le intervistate che tuttavia vi riconoscono tutti i pregi, ma anche tutti i limiti, a volte con analisi impietose circa l idea stessa di famiglia o i rapporti di coppia dei propri genitori. E come se riconoscessero un solco tra l esperienza maturata nella prima parte della loro vita e ciò che sono in età più matura. La famiglia è senz altro luogo di solidarietà e di sostegno ma si evidenziano le distanze tra il modo di vedere il lavoro, i rapporti di coppia e più in generale la società tra genitori e figli in un solco generazionale molto più marcato di quanto ci si aspetterebbe. Uno dei dati che emerge con maggiore chiarezza è una valutazione complessiva della propria famiglia di origine come luogo di conflittualità; genitori spesso in conflitto tra loro, separazioni o comunque coppie ritenute scoppiate dalle intervistate come fonti di antagonismi, anche di genere. Le intervistate, single o in coppia, marcano la distanza tra il proprio modo di concepire i rapporti e quello della famiglia di origine. Sottolineano il gap tra una visione sostanzialmente tradizionale di famiglia e la loro spesso connotata da percorsi di convivenza anziché di matrimonio e non sempre coronate da figli come fine ultimo del rapporto di coppia in una fase matura. Per queste donne la famiglia è stato sì luogo di affetti, ma anche luogo di conflitti. Si evidenzia inoltre una sostanziale distanza identitaria dalla figura materna percepita spesso come subalterna e comunque distante rispetto ad un modello di donna a cui 11

15 non si vuole proprio assomigliare. Madri che lasciano il lavoro con l avvento dei figli, insoddisfatte del proprio ruolo, cariche di aspirazioni inespresse, veicoli di costruzione di aspettative circa il lavoro e le opportunità di emancipazione che questo offre. Una visione che porta spesso le intervistate a ricercare nella realizzazione professionale ed economica un aspetto irrinunciabile, fonte di stimolo e affermazione sociale in un contesto quello del mercato del lavoro - che appare comunque ostile e poco favorevole ad accogliere le donne e valorizzarle. Le madri lasciavano il lavoro per scelta con l arrivo dei figli per quanto in maniera forzosa e indotta le figlie vengono espulse dal mercato con la maternità come inidonee a garantire la flessibilità e le performance richieste, Rosella. Il rapporto identitario con la madre risulta spesso contraddittorio, fatto più che di vicinanze, di distanze forse adesso inizio ad avvicinarmi a mia madre, adesso che sono madre anch io, sostiene Silvia. Ma le madri hanno trasferito alle loro figlie un sentimento d inadeguatezza sociale. Spesso si sono dedicate ai figli non come libera scelta, ma come scelta obbligata che dalle figlie viene imputata spesso ai padri mio padre disincentivava mia madre a lavorare, se per caso ogni tanto a lei gliene veniva la voglia, Sara. Con i padri i rapporti sono anch essi difficili, padri che assumono un ruolo critico nei confronti di figlie che si misurano come uomini con il mercato del lavoro che cercano la propria via alla realizzazione sociale anche adesso che ho avuto riconoscimenti nella mia professione, dopo tanti anni, per mio padre resto una con un lavoro precario di cui ci si deve preoccupare, Serena. Ad accomunare parte delle intervistate è inoltre la difficoltà ad emanciparsi e a lasciare la famiglia di origine e non solo per motivi legati alla condizione economica e alla precarietà contrattuale, ma anche a causa di un diffuso senso di colpa nell abbandonare genitori anziani. Colpisce la definizione di una delle intervistate che parla di una sorta di vampirismo generazionale dei vecchi sui giovani. E le donne appaiono le più vampirizzate, anche in termini emotivi. La famiglia dunque come luogo di costruzione della propria identità con tutte le contraddizioni che essa inevitabilmente porta con sé. Nella costruzione del proprio immaginario sul lavoro le donne intervistate mostrano tutti i limiti e la grande forza di storie di famiglia in cui il tema della soddisfazione nel lavoro, del riconoscimento economico, della rivendicazione sociale hanno comunque, nel bene e nel male, determinato le proprie scelte, sempre scelte di emancipazione. Ed il lavoro è ancora luogo di emancipazione sociale per le donne. 12

16 2.2 La sfera privata, affettiva ed amicale come ambito di costruzione di relazioni e di una nuova famiglia; Si evince nell ambito privato e della sfera affettiva, la difficoltà nella costruzione di rapporti nella forma tradizionale, mutuati dal passato, quando si è in coppia si tende alla convivenza in forma sostitutiva rispetto al matrimonio o comunque come forma di anticipo pre matrimoniale che non si può saltare nel passaggio alla vita adulta. La convivenza e non il matrimonio appare fase irrinunciabile in un percorso di coppia. Così come appare problematizzata la relazione con l altro sesso, la difficoltà in età adulta a trovare punti di condivisione con un eventuale partner in alcuni casi considerato come chimerico. In rari casi il partner assume il ruolo trainante, più spesso è un compagno con cui si condividono paritariamente percorsi. Non colui che conduce, spesso se non in uno scambio alla pari, viene condotto da donne sempre più consapevoli ed autonome emotivamente ed economicamente. Non rinunciano come le loro madri all indipendenza economica, neanche con l avvento dei figli, ma ancor di più non rinunciano a propri spazi emotivi, alla stanza tutta per sé di Virginia Wolf. Le donne intervistate innanzitutto pensano a sé come conquista irrinunciabile, e alla propria personale realizzazione come persone. I figli quando non ci sono sono vissuti come un costo affettivo ed economico, quando ci sono come una risorsa, fonte di energie e ottimismo. Anche se si problematizza il ruolo di madre ed il prevalere del rapporto di cura a fronte della ricerca di una relazione più cognitiva e affettiva. La divisione dei compiti tra genitori appare un tema superato, padri e madri contribuiscono alla crescita dei figli, ma permane un ruolo materno più pratico e orientato alla cura ed uno paterno più ludico ed orientato al gioco, Barbara. In alcuni casi appare che la ricerca della propria realizzazione personale e professionale venga vissuta in maniera detrattiva rispetto alla propria realizzazione legata alla sfera affettiva e di relazione, come se si fosse state costrette a scegliere tra l una o l altra. Come se per alcune di loro l impegno nella realizzazione professionale sia costato in termini di realizzazione di una vita affettiva piena e compiuta. I partner quando ci sono, sono forse un pò sbiaditi, sullo sfondo, compagni paritari a cui si ricorre nei momenti di crisi o fonti di svago. 13

17 2.3 Gli ambiti del territorio, della vita di quartiere, della mobilità sul territorio, come risposta all isolamento prodotto dalla città; La città appare sempre più costituita da quartieri dormitorio, dove si approda dopo una mobilità forsennata fatta di spostamenti per raggiungere il luogo di lavoro (spesso più di uno) e dunque con un vissuto straniante. Il quartiere è il luogo dove si approda senza tessere legami particolari, si fa la spesa e si compra il giornale, ma la relazione ed il legame si limita a questo. Cittadine della città le intervistate ne vivono anche tutta la valenza anonima a discapito di una possibilità maggiore di relazione e di radicamento. Si evince con chiarezza che il territorio, il quartiere non viene vissuto dalle intervistate come luogo di aggregazione, come comunità di affetti, ma piuttosto come luogo di transito. Quando non proprio ostile, Giorgia che descrive il suo quartiere come un luogo diviso tra persone agli arresti domiciliari e tossicomani, dove non vorrebbe veder crescere il proprio figlio. Confermando l idea di una città che riesce poco ad aggregare, a produrre luoghi di partecipazione, mentre viene enfatizzata la dimensione di provincia per le opportunità di relazioni di qualità che offre, per la possibilità d impegno anche politico che consente, per la maggiore vicinanza tra istituzione e cittadino. La città risulta essere ostile mentre la provincia accogliente e comunitaria. 2.4 Le scelte scolastiche e formative; Le intervistate hanno quasi tutte un istruzione medio alta (diploma, laurea e post laurea), tuttavia il percorso formativo nei periodi della scuola e dell Università non sembra essere particolarmente enfatizzato. Nella descrizione dei propri percorsi formativi si evince intanto un atteggiamento quasi neutro di scarsa partecipazione, come se le scelte effettuate non fossero state in alcun modo fonte di un preciso intendimento, di una scelta attitudinale e di un progetto professionale, una mancanza di orientamento e d indirizzo anche da parte della famiglia, un essere lasciate sole difronte alle scelte scolastiche e professionali. Qualche rammarico, alcune difficoltà, qualche breve entusiasmo nel percorso di studi, con istituzioni scolastiche che non diventano mai persone, maestri, raramente scelte di passione. Forse a causa di uno scarso orientamento e indirizzo in alcuni casi si evince la distanza tra i propri interessi, hobbies, impegni nel tempo libero o in forma residuale e le scelte scolastiche e universitarie e professionali. 14

18 Il nesso tra istruzione e professione appare spesso casuale. Evidenziando il gap tra il mondo dell istruzione e quello del lavoro che risultano essere due ambiti distinti e distanti. Le intervistate spesso avevano diverse ambizioni o non avevano affatto ambizioni rispetto al lavoro oggi svolto. Tranne in casi rari, Carla, dove la scelta professionale (archeologa) è autenticamente una passione che aiuta anche a sottovalutare la forma contrattuale con cui la professione si esercita, per Carla il tipo di contratto non appare rilevante, è piuttosto rilevante il tipo di prestazione richiesta e il livello di gratificazione ottenuto. La formazione in età più adulta viene spesso vissuta come contingenza, come opportunità finalizzata a cogliere una proposta di lavoro ed anche in questo caso con uno scarso indirizzo rispetto ad un progetto complessivo, ma mirata alla contingenza, al carpe diem. Ci si riposiziona in età adulta rispetto alla formazione in relazione alle opportunità di lavoro che offre. Il rapporto attitudini formazione lavoro, sembra ancora lontano da venire. 2.5 La ricerca del lavoro e le opportunità offerte dal mercato; Le difficoltà di ingresso e permanenza nel mercato del lavoro da parte di queste donne conferma il comune sentimento di difficoltà di accesso accentuato negli ultimi anni, per tutti, donne, uomini giovani e meno giovani. L assenza delle istituzioni nell agevolare l incontro domanda/offerta di lavoro e la presenza di luoghi comuni e pregiudizi legati forse più all età che al genere, contribuiscono ad allontanare le persone dal mercato del lavoro, relegandolo in condizioni di vera marginalità. La giovinezza appare come l attributo principale a garantire competitività sul mercato, sembrano pesare poco le esperienze maturate, non la competenza, la professionalità, ma la giovinezza, la disponibilità, la duttilità. Vi è inoltre un evidente denuncia della casualità nella realizzazione dei percorsi, legati alla casualità alla realizzazione di uno stage o alla risposta ad un annuncio, o alla segnalazione di un amico, per trovare un lavoro saltuario che poi diviene il proprio lavoro stabilmente a full time, in forma precaria. La ricerca del lavoro si realizza per lo più, a disconfermare il luogo comune senza nessuna raccomandazione, solo il passaparola e inviando il curriculum, ma mai attraverso canali istituzionali (es. Centri per l Impiego). La casualità nel trovare un primo lavoro a cui poi ci si aggrappa perché sembra impossibile trovarne un altro, la difficoltà nel perseguire un progetto professionale e 15

19 l assenza di percorsi che garantiscano accesso al lavoro e la grande possibilità di cambiarlo, il lavoro, se si vuole. Si rimarca tuttavia una differenza tra ieri ed oggi, ieri si trovava lavoro anche inviando un curriculum, oggi no. Io non chiedo un lavoro a tempo indeterminato, io chiedo un contratto, ma non trovo neanche quello. Come se le aziende fossero molte di meno e le persone che cercano lavoro sempre di più, Chiara. Appare inoltre forte la richiesta di modernizzazione dei metodi con cui ovviare al gap tra offerta e domanda di lavoro, si suggeriscono costruzione di banche dati, bacini tematici di precari cui attingere ecc. lamentando istituzioni assenti e inadempienti. Il dato realmente significativo è legato all assenza di qualunque forma codificata di orientamento al lavoro, e di accesso al mercato. Donne sole con i propri percorsi che hanno fatto di necessità virtù e si destreggiano, a volte abilmente, in un mondo ostile. 2.6 Il lavoro e la stabilità occupazionale; Il lavoro risulta essere ancora un elemento costitutivo determinante per l identità sociale e uno spartiacque per le donne con le generazioni precedenti. Sono una donna diversa dal passato perché ho un lavoro, una professione, un istruzione, una riconoscibilità sociale. Mi allontano dai modelli tradizionali anche grazie al lavoro, grazie a questo costruisco una nuova identità di genere. Dunque per le donne il possedere o meno un occupazione di qualità appare ancora più determinante in una fase di transizione culturale dai modelli genitoriali, e sociali industriali a nuovi modelli paritari. Tuttavia alla rivendicazione di genere si affianca ancora la rivendicazione di classe, il bisogno del lavoro come mero bisogno economico e non esistenziale ed identitario. E l istruzione e la mobilità sociale come rivendicazione del passaggio da una condizione sociale ad un altra per donne che la ricercano non più di riflesso come condizione legata al matrimonio, ma come personale rivendicazione sociale in maniera del tutto inedita rispetto al passato. Rivendicazione di genere e di classe dunque nel lavoro, che diviene ai primi posti nella graduatoria dei valori delle donne, che sembrano non rinunciarvi in termini di principi e che si trovano costrette a farlo a causa di un welfare poco inclusivo e ad un mercato del lavoro selvaggio. Il lavoro mantiene ancora una centralità indiscussa come mezzo di affermazione ancora prima di ben più evidenti differenze, fa la differenza. Non mi sento diversa per la pelle, per la cittadinanza, perché donna, ma per il lavoro sì, quel contratto e la precarietà, mi fanno 16

20 sentire diversa, diversa anche dai miei genitori che sono immigrati in italia da Capo Verde, ma hanno lavorato con un contratto a tempo indeterminato e la sicurezza del lavoro. Un tratto comune che si evince da queste storie di precarietà e flessibilità contrattuale è l essere costretti all aprogettualità professionale e a prendere quello che capita mi sono riciclata continuamente, dice Sara, e non si può tenere barra su un progetto di realizzazione professionale si è in balia del mercato e di quello che offre momentaneamente saltuariamente e non valgono lauree e specializzazioni, sembra un indistinto in cui l esperienza e la competenza non si cumulano, non fanno carriera. Percorsi aprogettuali per un mercato ed una società senza progetto, che non valorizza e non riconosce meriti. In più la convinzione che non basta un solo lavoro ma ne servono più di uno e per garantire salario e per evitare di perderne uno e non trovarsi nulla tra le mani, la pluricommittenza come ammortizzatore sociale come unica possibilità per affrontare la disoccupazione possibile. La vita tra due o più lavori, così se finisce uno ho sempre l altro. Non vorrei molto, non mi aspetto più di fare carriera. Vorrei solo più sicurezza e la possibilità di avere un po di tempo libero. Anche solo per leggere, Sara. Un altro dato che appare evidente è che nel lavoro atipico incontriamo spesso una forma di discrasia tra il contratto (autonomo) ed il lavoro effettivamente svolto (subordinato). Un altro dato che emerge con grande chiarezza è che non esiste l idea di carriera come avanzamento gerarchico o economico, ci si preoccupa in una condizione di precarietà di garantirsi una certa orizzontalità di lavoro, di mantenere almeno lo status quo, trovare solo un modo per restare a galla. 2.7 La propensione alla progettualità e al futuro; Appare evidente dalle interviste la tendenza a ridurre le aspettative circa il futuro nelle intervistate più grandi di età, e una visione complessiva delle intervistate che le porta a enfatizzare la contemporaneità e il presente senza riporre particolare investimenti nel futuro, che diviene una sorta di luogo rimosso di cui non si sanno decifrare i codici, qualcosa di assente, impossibile da prefigurare. Le intervistate alla domanda sul futuro, si scherniscono, rifuggono, si accontentano di quello che hanno. E quello che hanno è una profonda fiducia in loro stesse, donne coraggiose, ottimiste, realiste, ironiche, leggere. 17

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

COME AFFRONTARE UN COLLOQUIO DI SELEZIONE

COME AFFRONTARE UN COLLOQUIO DI SELEZIONE Emanuele Lajolo di Cossano COME AFFRONTARE UN COLLOQUIO DI SELEZIONE Università degli Studi - Torino, 19 aprile 2010 La prima cosa da fare PERCHE SONO QUI? QUAL E IL MIO OBIETTIVO? CHE COSA VOGLIO ASSOLUTAMENTE

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Survey Internazionale sulla Famiglia Risultati italiani

Survey Internazionale sulla Famiglia Risultati italiani Survey Internazionale sulla Famiglia Risultati italiani L indagine Obiettivo Indagare l opinione delle utenti di alfemminile sul concetto di famiglia al giorno d oggi. Date ottobre 2011 Numero di rispondenti

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale

Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale Oscar Davila Toro MATRIMONIO E BAMBINI PER LA COPPIA OMOSESSUALE www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Oscar Davila Toro Tutti i diritti riservati Dedicato

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

Codice questionario Codice città Codice scuola

Codice questionario Codice città Codice scuola Codice questionario Codice città Codice scuola 1. Sesso M F 2. Età: 3.Cittadinanza : Italiana Straniera indicare la cittadinanza: 4.Di quanti membri è composta la tua famiglia? 5. Quante ore spendi al

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso.

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Anna Contardi Ass.Italiana Persone Down www.aipd.it Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Esperienze di educazione sessuale per adolescenti con disabilità intellettiva Premessa Esisteun diritto alla

Dettagli

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de Nome: Telefono: Data: Kurs- und Zeitwunsch: 1. Ugo è a. italiano b. da Italia c. di Italia d. della Italia 3. Finiamo esercizio. a. il b. lo c. gli d. l 5. Ugo e Pia molto. a. non parlano b. non parlare

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

S T U D I O S P A Z I O

S T U D I O S P A Z I O S P A Z I O I nostri corsi 2014 La Cooperativa Co.Re.s.s. attraverso lo Spazio Arte 21, organizza percorsi dedicati alle persone che vogliono scoprire se stesse e le proprie emozioni attraverso l arte

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Pompei, area archeologica.

Pompei, area archeologica. Pompei, area archeologica. Quello che impressione è l atteggiamento di queste persone nell ultimo momento di vita. Cercano di coprirsi da qualcosa. Si intuisce che il motivo principale della causa è il

Dettagli

Prima che la storia cominci

Prima che la storia cominci 1 Prima che la storia cominci Non so da dove sia scaturita questa mia voglia di scrivere storie. So che mi piace ascoltare le narrazioni degli altri e poi ripensare quelle storie fra me e me, agitarle,

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Diventare grandi in tempi di crisi I GIOVANI LAUREATI UMBRI Andrea Orlandi

Diventare grandi in tempi di crisi I GIOVANI LAUREATI UMBRI Andrea Orlandi Diventare grandi in tempi di crisi I GIOVANI LAUREATI UMBRI Andrea Orlandi La transizione nell età adulta. I laureti umbri La distanza sociale come marca il percorso di transizione alla vita adulta, l

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA

ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI TERZO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B TERZO INCONTRO Istituto: ITC

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE NR. 8/08 CORTE D ASSISE E NR. 9066/2007 R.G.N.R. ELENCO DELLA DIFESA DI SOLLECITO RAFFAELE

PROCEDIMENTO PENALE NR. 8/08 CORTE D ASSISE E NR. 9066/2007 R.G.N.R. ELENCO DELLA DIFESA DI SOLLECITO RAFFAELE PROCEDIMENTO PENALE NR. 8/08 CORTE D ASSISE E NR. 9066/2007 R.G.N.R. ELENCO DELLA DIFESA DI SOLLECITO RAFFAELE TRASCRIZIONI INTERCETTAZIONI TELEF. Nr. 16 Data. 05.11.2007 Ora 18.34 Intercettazioni telefoniche

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

I driver e i killer del diventare adulti

I driver e i killer del diventare adulti I driver e i killer del diventare adulti Diventare adulti, cosa terribilmente difficile a farsi. È molto più facile evitarlo e passare da un infanzia a un altra infanzia Francis Scott Fitzgerald, L età

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

Intervento Raffaella Crinelli Liberare la fantasia e dare accesso al futuro

Intervento Raffaella Crinelli Liberare la fantasia e dare accesso al futuro Intervento Raffaella Crinelli Liberare la fantasia e dare accesso al futuro Grazie mille. sono io la violenza, scusatemi tanto, spero che sia una bella violenza in realtà. Mi piaceva molto il titolo della

Dettagli

Designers' Inquiry - italiano INFORMAZIONI PERSONALI. 1. Sesso 1. M 2. F. 2. Età. 3. Nazionalità 1. Italiana 2. Altro

Designers' Inquiry - italiano INFORMAZIONI PERSONALI. 1. Sesso 1. M 2. F. 2. Età. 3. Nazionalità 1. Italiana 2. Altro INFORMAZIONI PERSONALI 1. Sesso 1. M 2. F 2. Età 3. Nazionalità 1. Italiana 2. Altro 4. Qual è il tuo titolo di studio? 1. Nessun titolo di studio 2. Licenza media inferiore 3. Qualifica professional 4.

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete Una cosa sola è certa del mio futuro... VOGLIO avere dei figli! il diabete non

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO

LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO CLAIRE (UK) Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione) e la

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Attraversando il deserto un cammino di speranza

Attraversando il deserto un cammino di speranza Attraversando il deserto un cammino di speranza Kusi Evans e Albert Kwabena mi colpiscono da subito in una burrascosa giornata di febbraio lungo le rive di un canale che stanno disboscando con la loro

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI:

DIVENTARE GENITORI OGGI: In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI: ASPETTI MEDICO-SANITARI Sintesi della ricerca Roma, 2 aprile 2015 Che il nostro Paese viva un problema di scarsa natalità è un opinione che la grande parte

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

Livello A2 Unità 7 Istruzione

Livello A2 Unità 7 Istruzione Livello A2 Unità 7 Istruzione Chiavi Lavoriamo sulla comprensione 1. Ascolta il testo. Vero o Falso? Testo 1 - Ciao Marta. - Ciao Habiba, come stai? - Bene grazie. - E Aziz? Lo hai già iscritto scuola?

Dettagli

Introduzione. Gentile lettore,

Introduzione. Gentile lettore, Le 5 regole del credito 1 Introduzione Gentile lettore, nel ringraziarti per aver deciso di consultare questo e-book vorrei regalarti alcune indicazioni sullo scopo e sulle modalità di lettura di questo

Dettagli

Dai, domanda! 6. Vita romana

Dai, domanda! 6. Vita romana Italiano per Sek I e Sek II Dai, domanda! 6. Vita romana 9:46 minuti Olivia: Edward: Margherita Un vecchio proverbio dice che tutte le strade portano a Roma. E finalmente sono venuto qua, giusto in tempo

Dettagli

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate!

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Il Consiglio d'europa è un'organizzazione internazionale con 47 paesi membri. La sua attività coinvolge 150 milioni

Dettagli

Cerco un lavoro part time, qualsiasi cosa, tipo call center

Cerco un lavoro part time, qualsiasi cosa, tipo call center Cerco un lavoro part time, qualsiasi cosa, tipo call center RACCOLTA DATI PRESSO CENTRI PER L IMPEGO, STUDIO DI UN CASO: I CALL CENTER (Stefania Doglioli, Elena Ottolenghi, Gabriella Rossi, Michele Fortunato)

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

In questa lezione abbiamo ricevuto in studio il Dott. Augusto Bellon, Dirigente Scolastico presso il Consolato Generale d Italia a São Paulo.

In questa lezione abbiamo ricevuto in studio il Dott. Augusto Bellon, Dirigente Scolastico presso il Consolato Generale d Italia a São Paulo. In questa lezione abbiamo ricevuto in studio il Dott. Augusto Bellon, Dirigente Scolastico presso il Consolato Generale d Italia a São Paulo. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie 1

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Un compleanno speciale

Un compleanno speciale Testo teatrale ideato dalla classe 5D Un compleanno speciale ATTO UNICO Sceneggiatura a cura di Monica Maglione. Coreografia: Elisa Cattaneo / Alessandro Riela. Musiche: Papi, Sexy Back. Narratore: Davide

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

Supronto Back AG, Egolzwil (LU)

Supronto Back AG, Egolzwil (LU) Supronto Back AG, Egolzwil (LU) La Supronto Back AG Il datore di lavoro Willi Suter: «Siamo una tradizionale panetteria-pasticceria industriale. Io e mia moglie abbiamo iniziato 25 anni fa con un apprendista

Dettagli

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE Questionario Utenti Input Finalità 1. Promuovere lo sviluppo personale durante il percorso scolastico Per cominciare, abbiamo bisogno di alcuni tuoi dati personali e dell

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia 10 maggio 2004 La vita quotidiana di separati e in Italia Media 2001-2002 Ogni anno le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana

Dettagli

Non riflette la qualità dell insegnamento Ma tornando adesso allora a chi sono i Contadini di adesso

Non riflette la qualità dell insegnamento Ma tornando adesso allora a chi sono i Contadini di adesso Intervistato: Sebastiano Villani, Dirigente Scolastico di Stigliano e Aliano Soggetto: «Luigini» e «Contadini» oggi Luogo e data dell intervista: Stigliano, agosto 2007 Audio file: Villani Il problema

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

MASCHI CONTRO FEMMINE

MASCHI CONTRO FEMMINE MASCHI CONTRO FEMMINE OBIETTIVO Analizzare le immagini stereotipate legate all appartenenza di genere, riflettere sulle motivazioni dei diversi comportamenti di uomini e donne e sulla propria identità

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli