Guida ai servizi per genitori, figli e

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida ai servizi per genitori, figli e"

Transcript

1 Guida ai servizi per genitori, figli e

2 Indirizzi utili Essere coppia diventare famiglia Essere genitori Uno spazio per me Cittadini immigrati SuperGenitori Abitare I giovani e lo sport Un aiuto concreto La famiglia fa cultura Una famiglia aperta Se serve una mano Per una politica a misura delle famiglie

3 La vita dei genitori è oggi sempre più stretta tra impegni di lavoro e responsabilità familiari. Non è facile conciliare al meglio la dimensione lavorativa con il ruolo di madre e padre, aver tempo da trascorrere con i figli e assolvere senza affanno compiti e responsabilità genitoriali. Nella convinzione che le famiglie, pur in una fase di cambiamenti veloci e tumultuosi, sono il perno della società e che occorra sostenerne la funzione sociale con iniziative precise e concrete, l Amministrazione ha adottato un piano famiglia con azioni coerenti e trasversali (che interessano i vari assessorati), ha messo a punto un mix di strumenti (servizi alle persone, interventi e agevolazioni fiscali, interventi per favorire la conciliazione tra attività lavorativa e cure famigliari ) che possa garantire un reale sostegno alle responsabilità familiari all interno della già ampia offerta territoriale. Su questi temi il lavoro dell Amministrazione è supportato dalla Consulta delle Politiche Familiari, dalla Consulta delle Politiche per l Infanzia e dal Consiglio delle Donne. Questa Guida, elaborata dall Assessorato alle Politiche Sociali con l aiuto della Consulta e dei tanti uffici e servizi interessati, è uno strumento per orientarsi nell ampia offerta di servizi, a seconda delle necessità della propria famiglia, e poterne quindi usufruire al meglio. Ringraziamo la Banca Popolare di Bergamo per il contributo alla realizzazione della Guida. L Amministrazione Comunale

4 Indirizzi utili del Comune di Bergamo n POISS - Porta Orientamento e Informazioni Servizi Sociali POISS è il servizio rivolto a tutti i cittadini, famiglie o singoli residenti nel Comune di Bergamo, che offre informazioni, orienta la domanda di servizi e prestazioni di carattere sociale, assistenziale e sociosanitario, legge il bisogno sociale e lo indirizza verso le risposte più idonee. I cittadini vi si possono rivolgere gratuitamente per ogni necessità e informazione. Tutti i cittadini POISS - Porta Orientamento e Informazioni Servizi Sociali con sede unica in Via S. Lazzaro 3 - Tel Orari: da lunedì a venerdì ore n Servizio Sociale Il Servizio Sociale del Comune è un servizio di primo livello con funzioni di consulenza e sostegno psico-sociale, promozione e partecipazione. Si occupa della presa in carico, intesa come costruzione di un progetto tendente all autonomia ed al recupero delle risorse della persona. I destinatari possono essere le famiglie o i singoli soggetti che nel corso della loro storia incontrano ostacoli di ordine sociale, educativo o assistenziale che necessitano di aiuto e supporto. Il Servizio Sociale opera in rete con gli organismi pubblici, le associazioni e i gruppi di volontariato del privato sociale, presenti nel territorio. Tutti i cittadini Gli interessati devono rivolgersi al POISS che indirizza la domanda all assistente sociale di competenza n Servizi per l Infanzia I Servizi per l Infanzia fanno parte dell Istituzione per i Servizi alla Persona del Comune di Bergamo. Si occupano della gestione degli asili nido, degli spazi gioco, delle ludoteche e sviluppa progetti innovativi per la prima infanzia e famiglie. Servizi per l Infanzia Via Borgo Palazzo 25, Bergamo Tel fax Orari: lunedì - mercoledì - giovedì dalle ore 9.00 alle ore e martedì - venerdì dalle ore alle ore Minori e famiglie

5 n Unità Operativa Minori Ha compiti di programmazione, coordinamento e gestione di interventi e servizi finalizzati a rispondere alle problematiche emergenti, in un ottica di sostegno al minore e alla famiglia. I servizi e gli interventi dell area minori perseguono finalità promozionali, preventive e riparative nella prospettiva di sostenere e accompagnare i minori verso uno sviluppo evolutivo sano, garantendo la tutela dei minori stessi. Nell area minori sono promossi e attuati progetti territoriali aventi l obiettivo di sostenere e favorire lo sviluppo di una comunità educante attraverso strategie di promozione dell autonomia, del benessere e della prevenzione del disagio minorile. Minori e famiglie Via S. Martino della Pigrizia 52 Tel Orari: da lunedi a venerdi dalle ore 9.00 alle n Servizi Scolastici La Divisione Sviluppo e Controllo Servizi Scolastici e Socio-educativi si occupa, nell ambito del diritto allo studio, di servizi ed interventi finalizzati alla realizzazione del diritto all istruzione e a facilitare la frequenza scolastica. Si occupa, inoltre, dell autorizzazione al funzionamento, accreditamento, sospensione e revoca delle autorizzazioni per le strutture socio-assistenziali. Minori e famiglie Piazza Cavour,1 Tel fax Orari: da lunedi a venerdi dalle ore 9.00 alle ore n URP Ufficio relazioni con il pubblico Si occupa dei rapporti con i cittadini, garantendo l esercizio dei diritti di informazione, di accesso e di partecipazione (come previsto dalla legge 241/1990 e successive modifiche). L URP dialoga con e per i cittadini, li assiste nel loro rapporto con la Pubblica Amministrazione. Si presta ad aiutare a vivere al meglio la città, come luogo in cui si possono trovare in- formazioni, ascolto e risposte, come è nel diritto di ogni cittadino. Palazzo Frizzoni, Piazza Matteotti 27 - piano terra - Numero Verde: Tel /025/026 Fax Aperto dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle e dalle alle 17.00

6 Essere coppia... diventare famiglia Numerosi enti svolgono un ruolo di promozione e supporto per favorire o consolidare l approccio e l utilizzo di servizi che aiutano la coppia che sta progettando la realizzazione della famiglia e successivamente i genitori nel loro impegno con i figli. n Consultorio A.S.L. Le sue attività sono finalizzate alla promozione e al benessere nelle varie fasi del ciclo di vita individuale, di coppia e della famiglia. Il Consultorio può: accompagnare la coppia durante la gravidanza; seguire con attenzione il momento della nascita ed essere valido sostegno nella fase del post-nascita e della prima infanzia; affiancare il singolo nel suo sviluppo affettivo e sessuale. Appositi progetti sostengono la madre durante l allattamento e lo svezzamento. Gli operatori possono consigliare e indirizzare la donna per problemi di tutela sociale della maternità e quindi nuovamente sostenere i genitori nel complesso rapporto genitori-figli. Nel Consultorio le attività psico-sociali e ostetrico-ginecologiche sono integrate in una logica di Equipe pluridisciplinare. Il Consultorio familiare pubblico si propone come naturale riferimento territoriale e presidio accessibile nelle emergenze socio-familiari. È il luogo ove rivolgersi non solo per interventi sanitari o psico-sociali, ma anche per la promozione del benessere familiare e della comunità. Queste finalità pongono il Consultorio pubblico in rapporto diretto con gli Enti locali, con l Ambito territoriale, con l associazionismo familiare e con quanti concorrono a valorizzare e sviluppare il protagonismo delle famiglie. Progettualità nel consultorio Progetto Regionale Percorso Nascita in collaborazione con gli Ospedali Riuniti di Bergamo. Progetto Prevenzione Depressione post Partum che oltre a sostenere le neo mamme mette in risalto la risorsa della collaborazione fra le diverse professionalità presenti nel consultorio. Progetto Nascere Famiglia dell Ambito di Bergamo, esperienza di accompagnamento dentro casa dei genitori nella loro esperienza di cura e nella ridefinizione degli equilibri personali e di coppia. Per appuntamenti rivolgersi all ASL, Palazzina 18 A nero, Via Borgo Palazzo 130, di persona o per Tel

7 n Centro Bambino e Famiglia È un servizio dell ASL che offre servizi specialistici per il bambino e la famiglia con particolare attenzione alle problematiche riferite alla violenza e agli abusi dei minori. Sviluppa servizi di tipo preventivo finalizzati alla genitorialità responsabile, e di presa in carico delle relazioni familiari con interventi psicoterapeutici. I servizi offerti: valutazione e trattamento dei genitori valutazione del danno e sostegno del bambino abusato psicoterapia individuale per i minori colloqui psicologici clinici con adulti mediazione familiare servizio consultazione 0-5 interventi clinici multifamiliari per la cura delle famiglie multiproblematiche con minori a rischio di maltrattamento interventi clinici con gruppi di minori interventi per disturbi post traumatici da stress consulenza alla coppie che iniziano l iter della fecondazione assistita screening per la depressione post partum valutazione del profilo di sviluppo del bambino Per appuntamenti rivolgersi alla sede in Via S. Martino della Pigrizia 52 Tel dalle ore 8.30 alle da lunedi a venerdi. n Servizio Minori e Adolescenti È un servizio dell ASL che coordina e promuove servizi rivolti a minori e agli adolescenti della provincia di Bergamo e offre un servizio di informazione e consulenza rivolto anche a genitori, insegnati, educatori, Enti e Istituzioni del territorio. Fra le varie attività: ascolto psicologico per gli studenti delle scuole superiori. Adolescenti e loro famiglie Via Borgo palazzo 130 padiglione n.18 Tel Orari: Telefonare per appuntamento dalle ore 8.30 alle ore

8 Essere coppia... diventare famiglia n Consultorio Scarpellini È un associazione di solidarietà familiare senza scopo di lucro a favore delle famiglie e del loro ruolo educativo. Offre un servizio di consulenza e sostegno aperto a tutti (famiglie, coppie, genitori, fidanzati, stranieri). I servizi, offerti da un equipe di specialisti (psicologi, assistenti sociali, educatori, medici, avvocati e consulenti etici), sono: consulenza alla coppia (fidanzati, coppie in difficoltà, separate e non) consulenza familiare (aiuta a leggere il disagio e i bisogni nell ambito delle relazioni familiari) consulenza genitoriale Via Conventino 8, Tel Orari: da lunedì a sabato dalle ore 9.00 alle lunedì, mercoledì e sabato venerdì n Ospedali Riuniti Servizi: Assistenza gravidanza, visite, esami di laboratorio prenatale, pap test, mammografia, ecografia, accompagnamento dell ostetrica, accompagnamento alla nascita, interruzione volontaria di gravidanza (non si rilascia però certificazione), ambulatorio menopausa, visite prevenzione tumori pronto soccorso per violenza. È previsto un servizio di mediazione linguistica-culturale a chiamata. Largo Barozzi 1, Tel n Tutele della maternità e congedi parentali La Legge 53 del 2000 Disposizioni per il sostegno alla maternità e della paternità prevede la possibilità per i genitori lavoratori dipendenti di usufruire di congedi parentali fino all ottavo mese di età per ogni figlio, per un totale di 10 mesi (elevabili a 11). Per ricevere consulenza sull utilizzo dei congedi e ottenere le informazioni sulla normativa ci si può rivolgere agli sportelli sindacali Per informazioni sulla L. 53/2000 e le politiche di conciliazione del lavoro consultare il sito oppure scrivere una a: segreteria.

9 n Nascere famiglia Si tratta di un progetto sperimentale dell Ambito Territoriale 1 di Bergamo di sostegno alle famiglie in condizione di fragilità, interessate dalla nascita del primo figlio, nel periodo che va dall attesa ai primi tre anni di vita del bambino; di accompagnamento verso la rete territoriale dei servizi e delle offerte per la prima infanzia. Il progetto, avendo come finalità il potenziamento delle competenze familiari in situazione di fragilità sociale a diversi livelli, prevede l avvio di quattro diverse forme di intervento: sostegno alla famiglia nei primi mesi di vita del bambino maternage alle madri gruppi per genitori implementazione della rete di sostegno alle famiglie con bimbi 0-3 Famiglie al primo figlio che frequentano i corsi di preparazione al parto organizzati dal Consultorio Familiare dell ASL e dall Azienda Ospedaliera di Bergamo Segreteria Ostetricia Ospedali Riuniti di Bergamo e Consultorio Familiare ASL n Percorso nascita Il percorso nascita è un programma di accompagnamento all evento nascita (gravidanza, parto, puerperio) in grado di garantire alla donna/coppia non solo assistenza sanitaria ma anche sostegno e ascolto Donne in fase di gravidanza, al momento della nascita del figlio e al rientro a casa. Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti di Bergamo e Consultorio Familiare ASL

10 Essere coppia... diventare famiglia n A casa con tuo figlio, il primo anno di vita Per sostenere le famiglie in un periodo arduo ma bello e irripetibile, l Amministrazione Comunale mette a disposizione un integrazione economica al mancato reddito di padri e madri che scelgono, come opzione al servizio Nido, di rimanere in congedo parentale per accudire il figlio appena nato, sino al primo anno di età. L integrazione è pari a 350 mensili erogati fino a un massimo di 6 mesi. Il voucher è elevato a 450 mensili nei casi di nascita gemellare e nei casi di presenza di un genitore solo. Possono accedere le famiglie che hanno un reddito pari ad un valore ISEE non superiore a ,00. Sportello dell Istituzione Servizi alla Persona - Servizi per l Infanzia, Via Borgo Palazzo 25, Tel Orari: lunedì-mercoledì dalle 9.00 alle martedì-giovedì-venerdì dalle alle Ad ogni nuovo nato a Bergamo viene inviata una lettera d augurio - tradotta in sei lingue - e alcune informazioni relative ai servizi che l Amministrazione Comunale mette a disposizione delle famiglie dei neonati. Nella busta oltre ad un biglietto omaggio per i neogenitori per una serata al cinema o a teatro, si trova l invito ad aderire all iniziativa «Il nome del tuo bambino ad un albero della città». 10

11 Essere genitori Crescere un bambino è un compito appassionante e impegnativo che merita sostegno: ogni genitore sperimenta momenti di soddisfazione, ma anche di dubbio, fatica e solitudine. Condividere con le famiglie l avventura della crescita è un importante passo verso la costruzione di una comunità che accoglie e educa. n Centro Incontra Il Centro Incontra per la Genitorialità è un servizio del Comune e della Provincia di Bergamo, progettato dal Gruppo di studio Genitori e genitorialità, che offre: aggiornamenti costanti (via mail) sulle iniziative formative e gli eventi realizzati sul territorio provinciale su argomenti di interesse per genitori e operatori sociali e scolastici; informazioni sui gruppi genitori, le associazioni, i comitati genitori esistenti; informazioni su progetti, iniziative, servizi, rivolti a genitori e famiglie, realizzati in provincia e fuori provincia; informazioni e orientamento per i genitori impegnati nelle scuole nei comitati e negli organi collegiali; consulenza a gruppi genitori per la progettazione di percorsi formativi e iniziative e per aspetti inerenti alla vita associativa (costituzione, partecipazione a bandi ); documentazione inerente a ricerche, convegni e sperimentazioni del Gruppo di studio provinciale Genitori & Genitorialità. Genitori (singolarmente o in gruppi e associazioni), amministratori, operatori sociali e scolastici, persone impegnate nelle comunità (volontari, sacerdoti, allenatori sportivi, ecc ). Centro Incontra per la Genitorialità c/o Centro Famiglia del Comune di Bergamo, Via S. Martino della Pigrizia 52 Tel Orari: da lunedì a venerdì dalle ore 9.30 alle

12 Essere genitori n Spazio genitori È un servizio di aggregazione e supporto alla famiglia pensato per favorire il confronto tra gli adulti. La finalità principale è di sostenere la crescita sociale dei genitori attraverso l incontro e lo scambio. Si compone di due azioni: SPORTELLO GENITORI è la possibilità di affrontare insieme ad un esperto i dubbi e le difficoltà dei genitori di fronte ai comportamenti dei propri bambini. Genitori di bambini di età compresa tra 0 e 10 anni. divisione e di scambio di esperienze attraverso incontri a tema con la presenza di un esperto. Genitori di bambini di età compresa tra 0 e 6 anni. Sportello Genitori: presso il Centro Polivalente, Via S. Caterina 16, su appuntamento. Gruppi di incontro: programmati presso lo Spazio Gioco OPLA nel Parco Locatelli, Via Diaz 1. Per prenotazioni e informazioni Tel GRUPPI DI INCONTRO è uno spazio che offre ai genitori un occasione di conn Sportello Genitori/Scuola Gestito dalle principali associazioni dei genitori per la scuola (Age, Agesc, Cgd, CoorCoGe), lo sportello mette a frutto l esperienza di genitori impegnati nella collaborazione tra scuola e famiglie ed è a disposizione dei genitori, degli organi collegiali e dei comitati genitori, interessati ad avere un confronto, conoscere esperienze e buone prassi, chiedere informazioni o consulenze per la risoluzione di problemi (anche con il coinvolgimento dell Ufficio Scolastico Provinciale), accedere a una formazione di base. c/o URP dell Ufficio Scolastico Provinciale, Via Pradello 12, Tel sportello Orari: aperto in periodo scolastico ogni sabato dalle 9.30 alle

13 n Progetti Extrascolastici di territorio Si tratta di progetti in diversi quartieri finalizzati alla costruzione di una comunità che educhi e che tuteli la crescita dei minori. Le attività puntano a coinvolgere, rinforzare e innovare il lavoro svolto da soggetti territoriali già attivi (Oratori, Associazioni, gruppi di genitori) I destinatari sono i minori ma anche le famiglie e gli adulti che operano come volontari, operatori professionali o portatori di interesse. Dove n S. Anna/B.go Palazzo - Spazio compiti, percorsi formativi per genitori, attivazione rete sociale n Pignolo - Laboratorio compiti elementari e medie, percorsi formativi per genitori, formazione volontari CRE, attivazione rete sociale n Loreto - Gioco del sabato pomeriggio per bambini 6-10, collaborazione CRE, momenti aggregativi per famiglie, partecipazione rete sociale n S. Paolo - Laboratorio Compiti elementari e medie, percorsi per genitori, momenti aggregativi per ragazzi, attivazione rete sociale n Città Alta - Attività estive, sostegno e formazione genitori, partecipazione rete sociale n Redona - Spazio Compiti Medie, Spazio educativo informale interno all Oratorio, collaborazione CRE, partecipazione rete sociale n S.Caterina - Laboratorio compiti elementari e medie, percorsi formativi per genitori, gruppo Mettiamoci in gioco, partecipazione rete sociale n Malpensata - Spazio aiuto compiti bambini 6-11, momenti aggregativi con adolescenti, attivazione rete sociale n Grumello al Piano - Punto Gioco 6-10 anni, Spazio Non-solo-gioco in Oratorio, Spazio Compiti Elementari-Medie in Biblioteca, partecipazione rete sociale Servizio Sociale Circoscrizione Via S. Lazzaro 3, Tel o educatori Oratorio S.Anna Servizio Sociale Circoscrizione Via S. Lazzaro 3 o educatori Oratorio di Pignolo Servizio Sociale Circoscrizione Largo Roengten, 3 Tel o educatori Oratorio di Loreto Servizio Sociale Circoscrizione Largo Roengten, oppure Educatori Oratorio S. Paolo Serv. Sociale Circoscrizione o educatori Oratorio Il Seminarino di via Tassis Servizio Sociale Circoscrizione Via Legrenzi, Tel o educatori Oratorio di Redona Servizio Sociale Circoscrizione Via Legrenzi, Tel o educatori Oratorio di S.Caterina Servizio Sociale Circoscrizione Via Furietti, Tel o educatori Oratorio Malpensata Servizio Sociale Circoscrizione Via Rampinelli 7. Tel o coordinatore Centro Giovanile di Via Feramolino 13

14 Uno spazio per me Il sistema pubblico della prima infanzia, per offrire un opportunità educativa e sociale, per favorire l integrazione, per facilitare la conciliazione delle scelte professionali, per valorizzare il sistema familiare, prevede tipologie differenziate di servizi per bambini e genitori. n Asilo nido È un servizio a valenza educativa che si affianca alla famiglia per offrire ai bambini e alle bambine dai 3 mesi ai 3 anni esperienze adeguate ai loro bisogni di crescita. Le domande delle famiglie non residenti nel Comune di Bergamo vengono prese in considerazione solo a disponibilità di posti. La retta mensile è differenziata e calcolata in base alla dichiarazione ISEE. Gli asili nido hanno orari differenziati per adeguarsi alle necessità delle famiglie. Le iscrizioni sono aperte nel mese di maggio di ogni anno presso l Ufficio Servizi per l Infanzia in via Borgo Palazzo 25, Bergamo - Tel Fax ARCOBALENO - Borgo Palazzo Vicolo Morla, 3 - Tel aperto dalle ore 7.30 alle ore L ERBA VOGLIO - Longuelo Via Toscanini, 6 - Tel aperto dalle ore 7.30 alle ore LORETO - Loreto Via Agazzi, 6 - Tel aperto dalle ore 7.30 alle ore LA BIRBA - Città Alta Via Solata, 11 - Tel aperto dalle ore 7.30 alle ore IL BRUCO VERDE - Valtesse Via Biava, 24/a - Tel aperto dalle ore 7.30 alle ore IL PESCO - Monterosso Via L. Da Vinci, 5 - Tel aperto dalle ore 7.30 alle ore AMBARABA - Borgo S. Caterina Via Vezza d Oglio, 15 - Tel aperto dalle ore 7.30 alle ore LA BOTTEGA DI ARCHIMEDE - Campagnola Via Quasimodo - Tel aperto dalle ore 7.30 alle ore

15 IL CILIEGIO - Boccaleone Via P. Isabello, 6 - Tel aperto dalle ore 7.30 alle ore IL PIOPPO - Celadina Via D. Paci, 6 - Tel aperto dalle ore 7.30 alle ore I CORIANDOLI - Malpensata Via W.A.Mozart, 2 - Tel aperto dalle ore 7.30 alle ore IL VILLAGGIO - Villaggio degli Sposi Via D.Valvassori, 7 - Tel aperto dalle ore 7.30 alle ore n Spazi gioco Gli spazi per bambini e adulti sono luoghi di prima socializzazione per le famiglie con bambini fino a 3 anni che non frequentano l asilo nido. Gli educatori accolgono, una o due volte la settimana, piccoli gruppi di bambini accompagnati da un adulto di riferimento. Offrono ai genitori occasioni di incontro e confronto con altri adulti (genitori, nonni, baby-sitter, operatori) per condividere e mettere in comune saperi ed esperienze. All interno dello Spazio Gioco Oplà, lo Spazio Bebè accoglie una volta la settimana le mamme e i loro bambini da 0 a 12 mesi. Le neo-mamme trovano un luogo di incontro dove raccontare i dubbi e le emozioni della loro esperienza di maternità. Spazio Gioco Oplà, Parco Locatelli, Via Diaz 1 - Tel Orari: aperto da settembre a luglio da martedì al venerdì dalle ore 9.30 alle All interno lo Spazio Bebè è aperto il mercoledì dalle ore alle Spazio Gioco Il Sabato del Villaggio, Via Vavassori 7 - Tel Orari: aperto da settembre a luglio il sabato dalle ore 9.30 alle

16 Uno spazio per me n Ludoteche Offrono ai bambini, con ingresso libero, occasioni di gioco, di divertimento e di crescita. Promuovono la diffusione della cultura del gioco proponendo: laboratori espressivi, e creativi, sia all interno che all esterno; visite e laboratori gioco per le scuole; tornei ludici (biglie, scacchi, calcetto, ecc ecc ); progetto Prestito gioco ; Banca del giocattolo. Promuovono una grande festa a settembre, in chiusura delle iniziative estive, e una festa a carnevale. Le ludoteche promuovono, una rete di collegamento con altre agenzie educative quali: scuole, servizi comunali, associazioni. Per bambini e bambine da 3 a 11 anni e alle loro famiglie. Il servizio è aperto, oltre che alle famiglie della città di Bergamo, anche a quelle della provincia. Per bambini dai 3 ai 6 anni è necessaria la presenza di un adulto. Ludoteca Giocagulp, Parco Turani di Redona, Via Don Gnocchi 3 Tel Orari: da settembre: martedì-giovedì ore ; sabato / ; Il mercoledì e il venerdì ingresso riservato alle sole scuole; Da giugno lunedì-mercoledì-giovedì ore ; martedi e venerdi dalle ore 9.30 alle Ludoteca Parco Locatelli, Via Diaz 1 Tel Orari: da settembre martedì-venerdì dalle ore alle 18.30; lunedì-giovedì dalle ore alle Da giugno lunedì-martedì-giovedì e venerdì dalle ore alle

17 n Estate in gioco con i bambini È un progetto promosso per offrire una serie di iniziative dedicate ai bambini da 0 a 11 anni, con i loro genitori, nonni, babysitter, che rimangono in città nel periodo estivo. Le attività di gioco, socializzazione e animazione sono proposte in contesti attrezzati e piacevoli, come i parchi pubblici o i giardini della Città. Non è un C.R.E. (Centro Ricreativo Estivo) Quattro le proposte: GIOCAPARCO giochi e animazione per bambini da 0 a 6 anni e le loro famiglie. Ingresso libero. OASI IN PARCO laboratori ludici e animazione per bambini da 0 a 11 anni e le loro famiglie. Ingresso libero. n Centro ricreativo estivo diurno (CRED) È un servizio del Comune di Bergamo che prevede la realizzazione di attività diversificate di natura educativa e socio-ricreativa rivolte ai minori, di età compresa tra i 6 e i 15 anni, che durante il mese di agosto restano in città. TROVAMICI spazi gioco attivati nel mese di agosto con attività ludiche di animazione e relax per bambini da 0 a 3 anni accompagnati da un adulto di riferimento. Servizio ad iscrizione. FESTA ANNUALE DELLE LUDOTECHE Iniziativa in co-promozione con gli enti e le associazioni del territorio che si occupano di infanzia. L appuntamento offre giochi, spettacoli e ristoro per grandi e piccoli. Ingresso libero Iscrizioni e informazioni presso l Ufficio Servizi per l Infanzia, via Borgo Palazzo 25 - Tel L ammissione al Centro è riservata ad un massimo di 100 minori, residenti nel Comune di Bergamo, in età compresa tra i 6 anni e i 15 anni. Disabili di età superiore ai 15 anni possono essere ammessi in casi particolari. Come Il servizio è attivato nel mese di agosto di ogni anno, con funzionamento dal lunedì al venerdì (festività escluse), nel seguente orario: dalle ore 9.00 alle ore 17.00, con il servizio di refezione. È prevista una retta. Dove Sportello contributi, Via S. Lazzaro 3, Tel nel periodo compreso tra maggio e giugno. Orari: dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore Il CRED è attivato annualmente, in collaborazione con l Ufficio pastorale dell età evolutiva della Curia Vescovile di Bergamo, presso l Istituto Capitanio, via S.Antonino, 11/b. 17

18 Uno spazio per me n Centri ricreativi estivi I Cre sono servizi fondamentali per le famiglie, garantendo attività educative e ricreative qualificate e divertenti per i bambini nel corso delle vacanze scolastiche. Per sostenere l offerta promossa dagli Oratori e da diverse associazioni private, il Comune contribuisce economicamente alle iniziative, alleggerendo il costo per i bilanci familiari. Da giugno a inizio agosto, per i minori da 3 a 14 anni, a seconda delle modalità organizzative degli enti promotori. È prevista una retta di frequenza. Alcuni CRE prevedono la mensa, quasi tutti gite, uscite in piscina e attività esterne. A maggio l Amministrazione distribuisce nelle scuole un fascicolo con tutte le indicazioni per le iscrizioni. n Centro polivalente Età evolutiva e famiglie Il Centro Polivalente - Età Evolutiva e Famiglie, in Borgo S. Caterina, è un servizio educativo per le famiglie e i loro figli. Promuove e realizza progetti, percorsi educativi, azioni di sostegno alla genitorialità e di accompagnamento allo sviluppo per i minori. Si compone di 3 servizi: SPAZIO GIOCO: è un servizio educativo che soddisfa la necessità di un sostegno alla genitorialità per gli adulti e il bisogno ludico e di socializzazione dei bambini Per bambini 0-3 anni accompagnati da un adulto di riferimento. SPAZIO POLIFUNZIONALE: è uno spazio a disposizione di gruppi formali e informali che ne fanno richiesta e per atti- 18 vità rivolte alle famiglie e ai minori del quartiere Per adulti e minori (0-18 anni). COORDINAMENTO DELLE AGENZIE EDUCATIVE: le diverse agenzie educative del quartiere (scuola, oratorio, associazioni, rappresentanze genitori,...) sono messe in rete, per un confronto e l avvio di proposte educative e formative per i minori e le famiglie di S. Caterina Per lo Spazio Gioco le preiscrizioni e informazioni presso il Centro Polivalente - Via S.Caterina 16. Gli educatori accolgono 2 gruppi di bambini, per ogni gruppo la disponibilità è di due mattine la settimana dalle 9.00 alle 12.00, accompagnati da un adulto di riferimento. Per prenotazioni per lo Spazio Polifunzionale e informazioni Tel

19 Cittadini immigrati Servizi e iniziative a supporto delle famiglie straniere che necessitano di orientamento e assistenza, anche di tipo specialistico. Uno degli obiettivi prioritari è quello di facilitarne l integrazione. Inoltre, gli operatori del Servizio Sociale possono usufruire, in casi di necessità, di un servizio di Mediazione Culturale. n Sportello Migrazioni Lo Sportello offre servizi diversificati fra i quali: informazioni, orientamento e assistenza diretta per le pratiche in materia migratoria; colloqui di indirizzo ed accompagnamento gli stranieri verso i servizi territoriali competenti; predispone le pratiche di idoneità alloggiativa per gli stranieri residenti nel Comune di Bergamo; garantisce la prima accoglienza in città per stranieri. Il Servizio Sociale inoltre, si occupa di particolari situazioni di cittadini extraco- munitari non residenti ma domiciliati sul territorio comunale, in regola con il permesso di soggiorno. Stranieri con o senza residenza, e italiani. Donne straniere sole e/o con minori, famiglie multiproblematiche, minori stranieri non accompagnati Sportello Migrazioni e Servizio Sociale, Via Borgo Palazzo 23/b - Tel n Agenzia per l Integrazione Associazione senza fini di lucro la cui finalità è quella di facilitare, stimolare e sostenere l integrazione tra italiani e immigrati. Servizi offerti: consulenza progettuale, traduzioni e interpretariato, formazione per le scuole, le parrocchie, enti privati e immigrati, barometro dell integrazione, mediazione socio-culturale, archivio dell immigrazione-migrazione Tutti i cittadini italiani e stranieri interessati e gli enti coinvolti dal tema dell immigrazione Via Pignolo 42/C - Tel

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Servizio Attività del Tempo Libero 1 REALIZZATA A CURA DI: Servizio Attività del Tempo Libero Comune di Bolzano Michela Voltani Elena Bettini Anita Migl COORDINAMENTO PROGETTO Cristina

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia

Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA QUADERNI LEGISLATIVI Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia A cura Incarico speciale Controllo parlamentare e Testi unici Sebastiano Di Bella

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE 1. GENERALITÁ Il Glossario delle Funzioni l settore sociale descrive i servizi associati alle Funzioni l settore sociale, definiti ed identificati sulla base

Dettagli

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Campagna per la promozione dell affidamento familiare Il primo diritto che andrebbe assicurato ad ogni bambino è quello

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

Approvato con. D.C.C. n.17/2008

Approvato con. D.C.C. n.17/2008 Approvato con. D.C.C. n.17/2008 REGOLAMENTO UNICO PER L ACCESSO AL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIO -ASSISTENZIALI E PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI E DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari

Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari Comune della Spezia A cura del Centro di Responsabilità dei Servizi Sociosanitari del Comune della Spezia Assessorato alle Politiche Sociali, della Salute e della

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Project Work La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Autori Barbara Gastaldin, Elisabetta Niccolai, Federica Lodolini Servizi ASP Seneca Distretto Pianura Ovest, Servizio Sociale Minori

Dettagli

Premiato nel 2008 dalla FIS e FISI come miglior sci club d Italia Riconosciuto nel 2010 dalla FIS tra i migliori 8 sci club al mondo

Premiato nel 2008 dalla FIS e FISI come miglior sci club d Italia Riconosciuto nel 2010 dalla FIS tra i migliori 8 sci club al mondo I corsi del C.A.S. in collaborazione con le Scuole Sci Monte Pora, Spiazzi, Vareno, 90 Foppolo e Alta Valle Brembana Stagione 2010-2011 Formula Località Giorno e Orario Livelli Età bus (*) White M. Pora

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI PER IL MIGLIORAMENTO DELLECONDIZIONI DI CURA ED EDUCAZIONE DI MINORI DI ETA DA 0 A 36 MESI.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI PER IL MIGLIORAMENTO DELLECONDIZIONI DI CURA ED EDUCAZIONE DI MINORI DI ETA DA 0 A 36 MESI. COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI PER IL MIGLIORAMENTO DELLECONDIZIONI DI CURA ED EDUCAZIONE DI MINORI DI ETA DA 0 A 36 MESI. Approvato con deliberazione

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA EROGATI DAL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI DELL AMBITO DISTRETTUALE URBANO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 _l_ sottoscritt in qualità di padre

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli