Settant anni di Leonardo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Settant anni di Leonardo"

Transcript

1 Settant anni di Leonardo Piccolo itinerario della memoria Io vi parlo qui del tempo in cui, ragazzi, andavamo a scuola; del tempo che vorremmo tornasse, ma è impossibile. Dei sogni, delle speranze che avevamo nel cuore; della nostra innocenza; delle lucciole che credevamo stelle perché piccolo piccolo era il nostro mondo, basso basso il nostro cielo. Vi parlo delle stesse cose che voi ricordate, e se ve le siete scordate v aiuto a ricordarle. Di quelle cose perdute che voi ora ritrovate nei vostri figli, e vorreste - tanto sono belle - che non le perdessero mai. Giovanni Mosca, Ricordi di scuola

2

3 «Settanta mi dà tanto.» Con questo significativo ed indovinato slogan, la Centrale del Latte di Milano celebrava, pochi anni or sono, il suo settantesimo anniversario. Il motivo di fondo che ci ha spinto a mettere insieme questa piccola collezione di ricordi e di immagini è che crediamo, a tutti gli effetti, di poter dire altrettanto. L analogia, del resto, è più che anagrafica: se il latte è il primo e prezioso nutrimento che ci fa crescere nel corpo, una scuola elementare sa di essere la prima comunità dove i bimbi trovano cibo per la mente e per l animo. Per settant anni la Leonardo da Vinci ha svolto questo compito con assiduità e dedizione, piccola piccola tra giganti dell educazione come il Politecnico e le Facoltà di Città Studi, ma ben conscia di dare un contributo che non ha confronti: seminare semi di cultura, socialità, umanità che, se a Dio piacerà, fioriranno. Anni più buoni ed anni meno buoni: ma che hanno sempre visto tanti bimbi entrare dalle sue grandi porte, impazienti o timorosi, con un sorriso o con un capriccio, e altrettanti lasciarla per entrare, ormai quasi ragazzi, nella vita. Ma una scuola non è un mondo chiuso: di questa città, di questo Paese la Leonardo ha condiviso la storia, le vicissitudini, i successi, le tragedie, i mutamenti di costume. E per sua natura è stata, prima di ogni altra cosa, testimone del tempo. Vogliamo allora proporvi questo piccolo percorso della memoria : perché pensiamo che questi ricordi e queste immagini non debbano andar perduti; perché speriamo suscitino in voi il ricordo di quei giorni lontani, quando con una cartella sulle spalle tornavate felici da mamma e papà; perché, soprattutto, crediamo che sulla memoria si fondi la dignità dell uomo. La memoria (quella vera, che non risiede nelle pagine del libri, ma solo negli attori vivi dei momenti passati) è purtroppo soggetta all inesorabile scure del tempo: così, non è stato facile recuperare al ricordo fatti, persone e soprattutto atmosfere. Per nostra fortuna, nel ricostruire la storia della scuola fino alla metà degli anni 50 abbiamo avuto il privilegio di poter far uso della Cronaca della Leonardo, due stupendi volumi scrupolosamente redatti dal primo direttore della Leonardo, Piero Bianchi, che ha conservato con cura immagini e documenti di quei tempi, corredandoli di minuziose descrizioni tutte vergate con una stupenda e ormai introvabile calligrafia. Per il periodo successivo, del quale non esiste purtroppo una documentazione nemmeno lontanamente paragonabile, ci siamo avvalsi in primo luogo del prezioso contributo di Eugenio e Consuelo Merzagora, che in occasione del sessantesimo anniversario curarono con Federico Roberti il primo resoconto della storia della scuola, traccia insostituibile per questo lavoro (talora ricalcata pedissequamente: non si poteva far di meglio!). Ma essenziali sono state le testimonianze vive di molti ex-alunni della Leonardo, che ci hanno permesso di ricostruire molti aspetti della vita passata della scuola. Ricordiamo tra i tanti Gisella Vita-Finzi, Paolo Ossi, Valentina ed Antonio Fortichiari. Un grazie anche a tutti coloro che ci hanno fornito materiale iconografico (foto, pagelle, quaderni, diplomi) che ha costituito un importante complemento a quanto reperibile nella Cronaca. Nel tentativo di inquadrare almeno a grandi linee questo percorso nella storia in grande ci siamo ampiamente avvalsi di materiale iii

4 iv presente sulla rete : citiamo in particolare lo stupendo sito sulla storia di Milano (http://www.storiadimilano.it) curato da Paolo Colussi e Maria Grazia Tolfo. La realizzazione di questo volumetto non sarebbe stata tuttavia possibile senza il prezioso contributo e la dedizione di tante persone. Prima di tutto della Direttrice Donata Andreotti, che ha creduto in questa iniziativa fin dal primo momento, sostenendola con entusiasmo e partecipazione. Del precedente Consiglio di Circolo, che ha promosso le iniziative per il LXX, e di quello attuale che ha raccolto la non facile eredità di metterle in atto. Ed infine di tutti i genitori e degli insegnanti che, con il loro lavoro hanno fornito, raccolto, selezionato le testimonianze ed il materiale iconografico, dando reale consistenza ad una piccola idea. Vogliamo ricordare in particolare, in ordine alfabetico e senza distinzione di ruoli, Giuseppe Aguzzi, Walter Barontini, Emanuela Bassani, Elena Bonati, Nadia Caccia, Giorgia Camera, Giovanna De Putti, Sabina Lanzoni, Antonella Morgillo, Laura Pellegrinelli, Liana Tortora, Maria Rita Trotta, scusandoci fin da ora con chi fosse rimasto inavvertitamente escluso dalla lista. Un discorso a parte va fatto per Giancarlo Redaelli che, come ex-alunno, genitore di alunni, ma anche insegnante e prezioso educatore, non sapremmo proprio dove collocare: a lui un grazie particolarmente sentito per tutti i ricordi di cui ci ha fatto partecipi. Vogliamo ringraziare anche il Prof. Claudio Beccari del Politecnico di Torino, che ha fornito al curatore consigli preziosi per l utilizzo del sistema di editoria L A TEX 2ε usato per realizzare questo opuscolo (lungi da noi definirlo libro ), e Sara Iacopini che, con invidiabile cura e precisione, ci ha aiutato a comporre queste pagine in una veste tipografica decente. Un grazie del tutto particolare va al Politecnico di Milano e al suo Rettore, Prof. Giulio Ballio che, offrendosi di stampare questo lavoro (in tempi non propriamente rosei per le finanze dell Università e della Ricerca), ci ha permesso di andare oltre i buoni propositi ; al Prof. Andrea Silvestri, Direttore del Servizio di Storia dell Ateneo, che ha dato un sostegno insostituibile per sviluppare la collaborazione ed approfondire i legami tra Leonardo e Politecnico; ad Annamaria Galbani, del Centro di Documentazione per la Storia dell Ateneo, che ci ha aiutato a ricostruire la storia di Città Studi; alla Fondazione Politecnico, che ha supportato finanziariamente il lavoro di Sara; ad Angelo Civardi, del Centro Fotoriproduzione e Stampa, che ha seguito con scrupolosità e precisione la realizzazione di questo volumetto. Ed infine a tutti i colleghi ad amici del Poli che per qualche tempo hanno smesso i panni austeri di docenti universitari per tornare a vestire quelli di leonardini d un tempo. Quanto a me, come redattore e curatore di queste pagine, non resta che chieder perdono a Giulia e Andrea, leonardini di oggi e di ieri, e alla loro mamma Silvia, per aver loro sottratto in questi mesi molto del poco tempo che riusciamo a passare insieme. Ma, soprattutto, consentitemi di dedicare il lavoro che ho svolto alla memoria di mio padre e ad una leonardina della prima ora, a me sì tanto cara: mamma Bianca. Roberto Piazza

5 v

6

7 Se attraverso l educazione si forma e si plasma l anima di un popolo, se dalla scuola si sprigionano le forze vitali che alimentano e forgiano i futuri cittadini, immensa è l importanza dell edificio che accoglie la gioventú di un popolo e la guida dai primi passi dell infanzia alle grandi vie della vita. Luigi Lorenzo Secchi Tutto cominciò quando... L attuale zona di Città Studi corrisponde alla località denominata Cascine doppie : fino al primo decennio dello scorso secolo, un antica strada si staccava dalla via Nino Bixio e, con l andamento dell odierna via Pascoli, perveniva alla rustica chiesetta delle Cascine doppie, che sorgeva proprio nel luogo oggi occupato dalla casa di piazza Leonardo 10. L agglomerato rurale, formato da cascinali e da osterie raggruppate attorno alla chiesetta, sorgeva al posto dei viali e dei giardini dell attuale piazza. La strada omonima era un importante arteria suburbana, che proseguiva oltre le cascine e dopo aver attraversato il Cavo Taverna, raggiungeva la Forcella di Lambrate, dove si biforcava nella strada che portava all abitato di Lambrate ed in quella che conduceva a Pioltello. Poco prima della Grande Guerra ebbe il via un ambizioso programma di trasformazione della zona, che prevedeva di raggruppare nell area alcuni istituti di istruzione superiore quali «...il Regio Istituto tecnico superiore, la Regia Scuola superiore di agricoltura, la Regia Scuola di medicina veterinaria, la Regia Accademia scientifico-letteraria, il Regio Osservatorio astronomico, i Regi Istituti clinici di perfezionamento, il Regio Orto botanico». Una Città degli Studi, per l appunto. Le gravi difficoltà sorte con il sopraggiungere della guerra furono tuttavia causa di un sensibile allungamento dei tempi. I lavori per realizzare l edificio del Politecnico (come si sarebbe poi chiamato il Regio Istituto tecnico superiore, che si trovava originariamente in Piazza Cavour) erano stati ad esempio sospesi e, ripresi alla fine del 1919, erano finiti solo nel Tra il 26 ed il 27 era stata anche sistemata a giardino Piazza Leonardo ed ultimato l Istituto di Chimica Industriale, che appariva al giovane ingegnere Carlo Emilio Gadda (sublime apostata della benemerita professione) «edificio alquanto teatrale, pizzuto e dolomitico, ma soprattutto assai sciocco, popolarmente denominato Kremlino» (Pianta di Milano - Decoro dei palazzi, in «L Ambrosiano», 6 luglio 1931). Sul lato occidentale della piazza, in vista del decennale fascista che l Amministrazione voleva celebrare con la realizzazione di significative opere pubbliche, si decide la realizzazione di una scuola elementare modello. I lavori hanno inizio parallelamente a quelli per altre tre scuole tipo in diverse zone della città: la Tommaso Grossi, la Pietro Micca e la Luigi Cadorna. La cronaca della scuola riferisce che l ideatore della struttura ad atrio centrale, atrii laterali, tre corpi fu il vicepodestà Dorici: in realtà il progetto effettivo viene elaborato da Luigi Lorenzo Secchi, la cui intensa attività di progettista e direttore lavori si applica essenzialmente nel campo dell edilizia scolastica e sportiva, campi che Secchi sente strettamente connessi sotto 1

8 2 Gli esordi la spinta di una sentita motivazione sociale. Negli anni immediatamente precedenti Secchi aveva progettato o diretto i lavori di numerose opere pubbliche, tra queste: la piscina della scuola all aperto Umberto di Savoia, denominata anche Casa del sole nel parco Trotter, la piscina Guido Romano, più nota come Ponzio (che Secchi vede non più come un unicum centralizzato e selettivo secondo gli schemi del grande edificio termale, bensì come un impianto costruito in una zona periferica e popolare, aperto ad un pubblico più vasto, con una fruizione prevalentemente balneare e sportiva ), diversi impianti sportivi tra cui la trasformazione dell Arena e il Giuriati, e alcune scuole che Secchi progettò con criteri moderni ed innovativi, applicando gli aspetti tipologici, tecnici ed estetici che aveva teorizzato nella sua pubblicazione del 1927 Edifici scolastici italiani primari e secondari. Norme tecnico-igieniche per lo studio dei progetti. Il progetto della Leonardo, elaborato dalla commissione dell Ufficio Tecnico del Comune presieduta da Umberto Massari, si avvale ampiamente della recente esperienza compiuta da Secchi con la realizzazione della scuola Giovan Battista Perasso, in via Bottego. Nell articolo Le opere pubbliche del Comune di Milano nell anno decimo, in Milano, XLVIII (1932), G.Baselli descrive in questo modo il progetto elaborato dalla Commissione Massari: «L unità modello corrispondente ad una unità didattica è composta da 30 aule: il fabbricato che la compone a forma di U, ha un ingresso comune e due uscite l una per i maschi, l altra per le femmine; contiene laboratori per avviamento al lavoro, locali a piano terreno o primo piano per la direzione, due bidellerie, l alloggio per il custode, la visita medica, nonché aule per il canto e per il disegno, due palestre poste agli estremi, l impianto per le docce. Un ampio cortile ben sistemato ed adornato di piante serve per le esercitazioni all aperto. L area idonea allo scopo ha forma rettangolare con lati all incirca di m ; l edificio è composto da almeno due piani oltre il terreno. In un primo tempo si trovò opportuno costruire solo la fronte ed un ala del fabbricato, potendosi, quando i bisogni scolastici saranno aumentati, aggiungere l altra ala; sembrò pure utile prevedere la possibilità di sovralzare gli edifici stessi di un piano, con il che la loro capacità verrà aumentata, raggiungendo nel contempo un migliore effetto estetico. Anzi sin d ora uno degli edifici, e precisamente quello di viale Romagna ( la Leonardo ) venne fatto a tre piani oltre il terreno, con vantaggio evidente. Altre caratteristiche importanti da rilevare: la larga applicazione di rivestimenti di pietre naturali, l assoluta semplicità delle linee, la notevole ampiezza delle scale sempre in marmo con zoccolature pure in marmo; l applicazione lungo tutti i corridoi di uno zoccolino di pietra, per mantenere facilmente la pulizia, e la formazione superiormente sino a quasi due metri di altezza di uno zoccolo lavabile; l applicazione nelle pareti e nei pavimenti dei prodotti migliori e più moderni; l uso di tinte calde e vivaci; l adozione di robusti apparecchi di chiusura di lega di alluminio: così pure in lega di alluminio saranno gli attaccapanni». La scuola elementare Leonardo da Vinci viene progettata seguendo questo modello. Vengono inoltre resi abitabili i locali seminterrati, isolandoli completamente dal suolo con vespai ed intercapedini, per poterli adibire a mensa, laboratori e piscina: forte della sua esperienza nel campo delle piscine, Secchi dota infatti la Leonardo di una piccola vasca natatoria coperta con acqua riscaldata (5 12, 5 m, profondità variabile da 50 a 90 cm), soddisfacendo le sue convinzioni pedagogiche. A tale proposito, è interessante notare quanto lo stesso Secchi scrive nell articolo Le costruzioni igienico-sportive del Comune nel Decennale in Milano, XLIX (1933): «... Dette piscine infatti consentiranno veramente di iniziare all amore del nuoto

9 3 le scolaresche, che potranno esercitarsi in tanto salutare esercizio in ogni tempo dell anno: e per tale ragione furono caldamente desiderate e furono viste attuare con gioia da quanti si interessano da anni al problema del nuoto: e in questo nuovissimo tipo di piscine cui si è trovata sede in locali seminterrati delle ultime scuole costruite e in via di costruzione, furono adottati i più moderni e perfezionati impianti tecnici, mentre non fu dimenticata quella ricerca estetica che non deve mai andare disgiunta dai luoghi di educazione o di istruzione della gioventù. E non essendo quivi possibile profondere conforto di fiori o piante, si richiede alle note vivaci e gaie della ceramica quella armonia serena che deve far corona ad una vasca: e furono adottate piastrelle di ceramica azzurra per la scuola di Piazza Leonardo da Vinci, piastrelle che formano non soltanto la decorazione interna ed esterna della vasca, ma anche quella delle pareti dell ampio salone che racchiude in sé docce e pediluvi». Il 4 gennaio 1932, inizia la costruzione della Leonardo che sarà sospesa esattamente un anno più tardi, dopo l ultimazione delle prime 23 aule più una palestra e alcuni locali di supporto formanti un unità funzionale. La spesa è di lire ,22 con un avanzo (sì, avete capito bene: un avanzo) di lire ,60 rispetto allo stanziamento. La seconda unità funzionale, comprendente le rimanenti aule normali, tre aule speciali, la seconda palestra, il refettorio e la cucina, è completata nel corso dello stesso anno, con l ulteriore spesa di circa un milione di lire. Quando nacque, la Leonardo era costituita da 10 sezioni femminili, provenienti dalla Caterina da Siena e dalla G. Tavani Arquati, e da 10 sezioni maschili, provenienti dalla Tito Speri. Gli alunni erano in tutto 852, con classi costituite da oltre 40 alunni. Il Direttore della scuola, Piero Bianchi, e la segretaria, Edvige Locatelli, sarebbero rimasti alla Leonardo fino al La solenne manifestazione dell entrata delle scolaresche ebbe luogo il 19 aprile 1933, quando erano state ultimate l ala centrale e l ala femminile; il completamento dell ala maschile avvenne nel corso dell anno scolastico Poche settimane dopo, il 10 maggio 1933, la Leonardo venne visitata da re Vittorio Emanuele III. Il Corriere della Sera descriveva così la manifestazione: «Qui era convenuta una folla considerevole specialmente di genitori degli alunni e delle alunne; le scolaresche, in divisa di Balilla e di Giovani Italiane, hanno intonato inni patriottici, e il Sovrano ha percorso le modernissime aule, scendendo anche nella piscina sotterranea...all uscita acclamazioni scroscianti si sono rinnovate» (Corriere della Sera, 11 maggio 1933). A testimonianza dell interesse suscitato dalla realizzazione della scuola, la cronaca della Leonardo ricorda le visite di eterogenee commissioni di studio: Congressisti stampa tecnica; Giornalisti siamesi; Ingegneri Zurighesi; Missione argentina; Studenti universitari... Manifestazioni patriottiche destinate a lasciare un impronta anche esteriore si susseguirono nei primi tempi dell attività della scuola, dove già campeggiavano nell atrio le due grandi lapidi con il proclama del re per l entrata in guerra del 1915 (a sinistra) ed il bollettino della vittoria di Diaz (a destra). L 11 giugno 1933 avvenne la solenne benedizione della bandiera. Il 17 giugno 1934 ebbe luogo la cerimonia della consacrazione delle aule a sessanta Caduti: maestri ed ingegneri, crocerossine, irredentisti e martiri fascisti. Il 2 giugno 1935 il Gruppo rionale Tonoli, i cui rapporti con la scuola stavano diventando via via più stretti, preceduto dalla fanfara dei giovani fascisti, donò alla scuola un frammento di roccia del Grappa e dell acqua del Piave, che tuttora fanno mostra di sè nell atrio. Nei primi anni i vita, venne anche scelto lo stem-

10 4 Gli esordi ma della Leonardo, originariamente un ex libris, destinato a durare nel tempo e ad accompagnare le comunicazioni della scuola. Si tratta del presunto ritratto di Leonardo di autore ignoto che si conserva nella Galleria degli Uffizi di Firenze, incorniciato dalla frase leonardesca Naturalmente li omini boni desiderano conoscere. Oltre a questa, altre frasi di Leonardo, quali L ingegno senza esercizio si guasta, Non si volta chi a stella è fiso e Non vale vale fortuna a chi non s affatica, vennero affrescate in vari punti della scuola e riprodotte insieme ad altre sui vasi destinati ad ornare i davanzali delle aule a partire dall ottobre In seguito, gli insegnanti sarebbero stati invitati a curare le piantine di primule sui davanzali. Figura 2.1: Pagina della Storia della Leonardo, con la costituzione iniziale della Scuola

11 5 Luoghi e gente di piazza Leonardo nei ricordi di una mente acuta... Quel trasloco a Lambrate si verificò in tutta puntualità: il novecentesco evento, ruota inesorabile, stritolò le ultime, le più care briciole della speranza. Nuovi edifici e nuove vie fanno oggi degli ex prati uno de più moderni e dinamici quartieri della metropoli, insignite le vie e le piazza con i nomi che son vanto del pensiero umano e della scienza, quali Spinoza, Assuero e Giuseppe Colombo. I nostri architetti si prodigarono alle geniali strutture, la Formen und Farben alle forme, ai colori: del cioccolato Nubia al verde pisello. I pinnacoli del Kremlino sovrastano ed adombrano, pur dominando ogni cosa, principalmente la vaccheria svizzera della Scuola Superiore di Agricoltura: è un edificio, il Kremlino, de più necessarî allo sviluppo delle scienze e delle tecniche. Regalato al Politecnico dal civismo di un oblatore (lombardo, beninteso, come tutti gli oblatori), il brav uomo era stato preso da un impellente necessità: quella di disfarsi di alcuni milioni, che giudicava avrebbero sopravanzato alle spese de proprî funerali e ai relativi annunci del Corriere della Sera. Né si ingannò: e detto fatto. Quando finalmente la mole superba rifulse in tutto il suo visigotico fulgore nel cielo azzurrissimo di Lombardia, sul verde smeraldino de prati (dall alto tu ti abbandoni anima alla distesa pianura, verso il popolo infinito de pioppi), nessuno più si ricordava come adibire quel casamento: una strana paresi aveva occupato le anime degli esecutori testamentarî e de tutori politecnicali: i milioni, benché fossero molti, erano divenuti calcestruzzo, cuspidi, pinnacoli, finestroni, finestrini Tu penetravi nottetempo le porte e le scale tenebrose del Kremlino, ed erano, l antro e la porta, destituiti d ogni presenza di umani: solo un gatto, un gatto quadrumane, ti fuggiva innanzi, più nero e più zitto dell ombre: o due iridi gialle ti affisavano immobilmente, topazî incastonati nella tenebra. Quel grande istituto giuridico sociale che è a Milano la «portinara», in quell antro, in quella porta, neppur vi avevi notizia (gli antri) Ospitavano strana gente, per lo più a coppie, donne biondastre o nerissime, che si potevano supporre zigane, polacche, slovacche, violinisti boemi di passaggio, russi interessati in certe aste di tappeti, armeni od ebrei venuti d America o ritornanti in America: tutto un mondo instabile, spregiudicato, capelluto, avvilito o sfrontato, lugubre o variopinto, che pesava grandemente sullo stomaco della Regia questura e dava gran da fare ai più indaffarati vicebrigadieri, non offrendo plausibili motivi da poterli sfrattare in quarantott ore. C. E. Gadda, Un fulmine sul 220 (Sullo sfondo: Il Gaddone di Tullio Pericoli domina Piazza Leonardo.)

12 6 Gli esordi Figura 2.2: Planimetria della località detta Cascine doppie intorno all anno 1910, sovrapposta alla planimetria della Città degli Studi relativa al 1927.

13 7 Figura 2.3: Immagini dell area di Città Studi all inizio dello scorso secolo. doppie, l Antica osteria della pulce e l interno della chiesa delle Cascine. Dall alto: le Cascine

14 8 Gli esordi Figura 2.4: Il Kremlino e la piazza Leonardo da Vinci negli anni 30, visti dall edificio del Politecnico. Figura 2.5: La piazza verso la fine degli anni 30 (sulla destra in basso l edificio della Leonardo ).

15 9 Figura 2.6: Il cortile della Leonardo durante la costruzione della scuola. Figura 2.7: A sinistra: re Vittorio Emanuele III fa la sua entrata nella Leonardo. piccolo re nel cortile della scuola A destra: il

16 10 Gli esordi Figura 2.8: Inviti alla benedizione della bandiera e alla cerimonia di consegna del frammento di roccia del Grappa e dell acqua del Piave. Figura 2.9: La cerimonia del primo alzabandiera l 11 giugno 1933.

17 11 Figura 2.10: Balilla e Giovani Italiane davanti alla lapide con il bollettino della vittoria di Diaz. Figura 2.11: Balilla con i quadri dei Caduti che verranno appesi nelle aule loro consacrate.

18

19 La scuola deve essere sempre più fascista. Non bisogna mai credere di aver dato al proprio insegnamento un indirizzo troppo fascista. Quando si tratta del Fascismo, io in genere amo gli eccessi, e siccome noi vogliamo formare l italiano nuovo e vogliamo che le nuove generazioni realizzino appieno il Fascismo, per questo vi ripeto che non bisogna avere incertezza. Benito Mussolini. Luci ed ombre del ventennio Figlio di una maestra e maestro anch egli (anche se per pochi mesi e solo come supplente), Mussolini ebbe chiara fin dall inizio l importanza della Scuola per la formazione dell italiano nuovo e per consolidare il consenso al nuovo regime. L attenzione del regime verso la scuola fu quindi, fin dai primi anni, estremamente vivace e puntuale, attraverso una politica scolastica che riflette in pieno le luci e le ombre del ventennio fascista. Da una parte infatti la scuola deve assumere la funzione primaria di volano del regime, riassumendo in sé i propositi celebrativi del rinnovato orgoglio nazionale e limitando gli impulsi all analisi critica e allo sviluppo delle libere convinzioni nei giovani. Dall altra, per converso, la scuola riflette il dato di fatto più originale della nuova fase storica che il Paese sta vivendo, con l affacciarsi alla vita politica e sociale di larghi strati della piccola e media borghesia confinati ai margini dei processi decisionali nell italia umbertina e giolittiana e radicalmente trasformati dal primo conflitto mondiale: l allargamento della base sociale porta con sé anche un ampia richiesta di forme partecipative e assistenziali innovative promosse dal nuovo regime che coinvolgono la Scuola in maniera diretta. La struttura della Scuola Elementare venne delineata nel 1923 nell ambito della riforma Gentile. Erano previsti un grado inferiore di tre anni ed uno superiore di due, con esami di profitto in terza e quinta. I programmi, pur dando rilievo primario alla formazione storica e sociale dei bambini (si veda l inserto che segue), volevano comunque favorire lo sviluppo delle capacità espressive, dando ampio spazio al disegno ed al canto nel triennio inferiore. Negli anni seguenti la riforma Gentile subì numerosi ritocchi. L educazione fisica, l istruzione militare e la partecipazione alle manifestazioni del regime acquistarono via via rilevanza nella vita scolastica, dove al momento tradizionale dell istruzione si affiancò quello della cosiddetta educazione fascista : significativamente, il Ministero della Pubblica Istruzione si trasformò nel 1929 in Ministero dell Educazione Nazionale. Di esso divenne parte integrante l Opera Nazionale Balilla (O. N. B.) per l assistenza e l educazione fisica e morale della gioventù che, sorta nel 1933 come organismo indipendente, raccoglieva i giovani dai 6 ai 18 anni. Oltre ad occuparsi dell educazione fisica, morale e politica, l Opera assorbì nel 1930 le attività parascolastica e di assistenza come doposcuola, ricreatori, refezione, fino ad allora gestite dai patronati scolastici. A partire dal giugno 1936, l addestramento dei balilla trovò la sua consacrazione nel sabato fascista, istituito dal ministro De Vecchi. Un notevole strumento di propaganda divenne, a partire dall anno scolastico , il 13

20 testo unico di stato per le elementari, che poteva contare anche su firme prestigiose quali quella del premio Nobel Grazia Deledda. Per eliminare ogni possibile autonomia, nel 1933 l istruzione primaria, in precedenza dipendente soprattutto dai comuni, passò integralmente allo Stato. Quanto ai maestri, dopo la liquidazione di ogni libera associazione sindacale e la piú o meno forzata adesione alla Corporazione degli Insegnanti, fu loro imposto, nel febbraio del 1929, il giuramento al regime. All interno di questo quadro generale, la Leonardo venne a situarsi come scuola particolarmente efficiente ed attenta a costruirsi un accurata e ben definita immagine: a cominciare dalla divisa che - prescindendo da quella del balilla - venne ufficialmente adottata a partire dall anno scolastico , e che era sostanzialmente uguale a quella odierna. Riccamente dotata (fin dai primi anni esisteva un proiettore sonoro ed era stato installato un impianto radio con diffusori nelle aule), la scuola incrementò le sue attrezzature e attività grazie anche al volontariato. Nel nacque l istituzione Amiche della Scuola, per fiancheggiare l opera dell O.N.B.: vennero organizzate lotterie ed iniziative che permisero l integrazione di alcune forme assistenziali come la refezione (che riguardava comunque solo il 5% degli alunni). Le Amiche della Scuola erano promotrici di numerose iniziative tra cui le cerimonie di congedo delle quinte, accompagnate da doni ricordo dal tono decisamente propagandistico. Parallelamente alle Amiche della Scuola, assunse indubbia rilevanza il Gruppo Tonoli, il nucleo fascista della zona, che aveva sede in via Andrea del Sarto e che era sempre pronto ad offrire foto e medaglie del Duce ai Balilla e alle Giovani Italiane della Leonardo. L anno scolastico era costellato da adunate nei cortili, saggi ginnici, rappresentazioni teatrali, a cui si aggiungevano le specifiche celebrazioni della marcia su Roma, dell anniversario della vittoria, della nascita di Roma e così via. Non mancavano tuttavia iniziative più familiari, come la ciliegiata d addio delle quinte (giugno 1935) o i doni dei bambini di quinta a quelli di prima (dicembre 1936 una bambolina per le femmine ed una busta decorata con nettapenne e cannuccia per i maschi). La scuola partecipava attivamente alle gare di risparmio indette dalle banche, ai concorsi dell I. N. A., persino alla settimana del silenzio e della disciplina del traffico promossa dal Regio Automobile Club d Italia. Caratteristiche erano, nel campo dell assistenza sanitaria erogata dall ente nazionale per la mutualità scolastica assorbito poi dalla G. I. L. le cure per i bambini giudicati gracili: tra queste le cure attiniche con raggi UV che venivano effettuate nell ampia sala al primo piano che oggi ospita le bacheche del museo della scuola. Una scuola, dunque, che sembrava rispecchiare in pieno l obiettivo dichiarato nelle premesse ai programmi ministeriali di favorire «l agile indagare dello spirito popolare, irrequieto e mai sazio di perché; il rapimento nella contemplazione dei quadri luminosi dell arte e della vita; la comunicazione con le grandi anime, fatte vive e quasi presenti attraverso le parole del maestro». Forse, però, la vita quotidiana di quei bambini era più simile a quella descritta da Giovanni Mosca ne Il balilla col paltoncino, con cui, quasi a far da contrappunto alla frase di apertura, ci piace chiudere questo capitolo. «Adunata! Adunata!»...Allineai il mio plotone con gli altri, e accanto a Martinelli, fiero, diritto, con l occhio acceso, col cuore che batteva insieme ai tamburi, insieme agli altri che, impazienti, già segnavano il passo sognando le bandiere, l assalto, la polvere luminosa delle battaglie, stava Ronconi col paltoncino: il berretto, troppo largo per quella testina, gli scendeva fin sugli occhi e non si vedeva che la bocca e il piccolo mento affilato...

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Giuseppe Massari ONORE AL CARABINIERE ANTONIO BONAVITA Medaglia d Argento al Valor Militare www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia

Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia Marzio Barbero e Natasha Shpuza 1. 80 anni fa E il 28 febbraio 1929 quando due ingegneri, Alessandro Banfi Nota 1 e Sergio Bertolotti Nota 2, riescono

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli