Giovedì 20 Settembre Bioetica. Prof. Don Massimiliano Cucchi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giovedì 20 Settembre 2012. Bioetica. Prof. Don Massimiliano Cucchi"

Transcript

1 Giovedì 20 Settembre 2012 Bioetica Prof. Don Massimiliano Cucchi Testo: appunti delle lezioni. Dice che ai fini dell esame sono sufficienti gli appunti presi bene. Non servono libri di testo. Il primo strumento fondamentale per approcciare la bioetica è la sapienza. Cosa è la sapienza? Nella bioetica c è tanta disinformazione e anche cattiva informazione. Le cose che riguardano la bioetica spesso vengono poste in modo non preciso e di conseguenza non veritiero. Sapienza: profondo sapere, grande conoscenza e perfezione intellettuale (definizione vocabolario Treccani). E una definizione parziale, che mette in evidenza solo un aspetto, quello conoscitivo, e che si stacca dalla radice latina, cioè dalla vera etimologia. Sapienza: dal latino sapio (che è un verbo culinario, che indica la capacità che il cuoco aveva di dosare opportunamente gli ingredienti per render i cibi gustosi). Quindi propriamente il sapiente non è solo colui che sa molte cose. Il sapiente se ci si riferisce solo all aspetto culturale andrebbe definito dotto. Il sapiente conosce il gusto delle cose e le sa rendere appetibili. In bioetica si fa riferimento a questo significato di sapienza. La sapienza è importante in bioetica perché parlando dello statuto epistemologico della bioetica vedremo che è interdisciplinare, mette insieme diverse materie, è trasversale, il sapiente sa tenere conto di queste diverse materie e sa farle dialogare tra di loro. Una componente importante è la medicina, ma anche il diritto. Essere sapienti significa sapere discernere qual è l aspetto prioritario in ogni singolo caso. Ma non basta la sapienza per fare bene la bioetica, sono importanti anche tanti altri atteggiamenti o disposizioni, che si ritrovano nei doni dello spirito santo, che sono sette (sapienza, intelletto, fortezza, consiglio, timor di Dio, scienza, pietà). Ripercorriamo ciascuno di questi doni dello Spirito Santo e di vedere la loro applicazione nel campo della bioetica. I doni dello spirito si trovano in Isaia 11,1-4. I frutti dello Spirito sono 9 e sono elencati in Galati 5, 22. Vedremo che la bioetica è una materia molto complessa, le discipline che entrano a farne parte sono: medicina, diritto, economia, politica, morale (etica, filosofia, antropologia), psicologia, teologia. Dettaglio doni dello spirito in relazione alla bioetica. 1 Sapienza: tenere conto delle varie discipline che compongono la bioetica, saperle fare interagire e dialogare, saperle anche utilizzare in maniera appropriata e coerente, anche in maniera gerarchica, essere in grado di decidere quale aspetto mettere al primo posto risulta fondamentale. Il rischio di sbagliare la gerarchia (ad esempio mettere al primo posto l aspetto economico) ha la conseguenza di non considerare più prioritaria la persona umana, ma solo un mezzo. 2 Intelletto: il vocabolario Treccani: complesso delle facoltà psichiche e mentali che consentono di pensare, comprendere e spiegare; quoziente intellettivo che si determina tramite test; intelligenza artificiale, quella alla base del modo di procedere dei computer. Anche qui è sradicato il riferimento al latino, viene colto il dato mnemonico collegato con il QI a fini selettivi. Si parla anche di intelligenza artificiale, mentalità informatica, dove la persona intelligente è quella che sa memorizzare molte cose. Dal latino: intus legere, leggere dentro, la persona intelligente non è l erudito o chi sa elaborare molti dati, ma chi sa andare in profondità, soprattutto quando sono coinvolte delle persone (fa l esempio dell eutanasia, dice che prima di staccare la spina bisogna chiedersi PERCHE una persona chiede di morire, questa è l intelligenza in bioetica). Non essere superficiali e frettolosi. Il contrario di intelligente nel vocabolario è stupido, che deriva dal latino dalla freccia spuntata, che, guarda caso, non riesce ad andare in profondità. Uno stupido è un superficiale, che giudica per sentito dire o sulla base dell apparenza. 3 Scienza: il vocabolario stavolta è molto vicino al significato etimologico, dal verbo scio, sapere. La scienza dice la competenza, l erudizione, la preparazione che si ha in un determinato ambito. E importante dire come però si arriva ad avere questa competenza. Attraverso tre cose: lo studio, l osservazione, l esperienza (lo studio teorico deve tenere conto della realtà). Anche qui un 1

2 pericolo è quello di identificare la scienza con lo studio, rischiando di rimanere ad un livello superficiale, teorico. Infatti esistono diversi livelli di bioetica: generale, speciale e clinica, che è quella che si fa direttamente al letto del paziente). 4 Fortezza: oltre che uno dei sette doni dello Spirito Santo è una delle quattro virtù cardinali. Anche qui il vocabolario si avvicina abbastanza al significato vero etimologico, perché dice che non si tratta solo di forza fisica ma di forza morale e spirituale, come forza di volontà, determinazione, abnegazione. In bioetica la fortezza definisce il fare tutto ciò che è possibile, ma solo ciò che è possibile. Pensiamo a tutto quello che è il capitolo dell etica di fine vita. Così non si rischia di cadere nell accanimento terapeutico, ma nemmeno nell abbandono (rischio che si corre quando ci si concentra sull impossibile). Sbagliato dire: non c è più niente da fare, forse contro la malattia, ma non a sostegno del paziente. Bisogna fare tutto il possibile ma solo il possibile per evitare deliri d onnipotenza, accanimento terapeutico o abbandono. In bioetica la fortezza è di fondamentale importanza. 5 Consiglio: suggerimento da dare una persona che deve risolvere i dubbi o fare delle scelte, dice il vocabolario. Aiutare una persona che deve prendere delle decisioni. In bioetica il consiglio richiede due atteggiamenti fondamentali: l ascolto empatico (prima di consigliare bisogna saper ascoltare, per cercare di capire bene in che situazione si trova l altra persona), utilizzando l intelletto (per leggere tra le righe, scoprire ciò che spesso viene dissimulato). L ascolto empatico non passa solo attraverso il tempo e il silenzio, ma anche il linguaggio non verbale, l atteggiamento del corpo, il linguaggio, la postura. Clinein (da cui deriva clinica) vuol dire chinarsi, indica il gesto del medico che nel visitare il paziente si china su di lui. Il secondo atteggiamento è il rispetto dell autonomia decisionale dell altra persona, non mi devo imporre, non devo creare sudditanza ma il mio consiglio deve essere un mezzo utile a fare valutazioni e prendere decisioni, deve essere messo al servizio della sua libertà. Qui entra tutta la questione del testamento biologico, o dei DAT, dichiarazioni anticipate di trattamento. Cita il caso di Eluana Englaro, in cui il padre ha voluto fare questa battaglia nella legalità per affermare il valore della libertà decisionale. La questione della libertà è estremamente delicata e spinosa. 6 Pietà: viene da pietas latina, che indica non una forma di compatimento, ma il senso del dovere che uno aveva verso gli altri e in primis verso i genitori, gli Dei e la patria. Oggi il termine ha perso il senso latino. Come senso del dovere non resta più solo un moto interiore, ma diventa qualcosa di concreto, di fattivo, è qualcosa per cui mi do da fare. La pietà ci spinge a prenderci cura delle persone, diventa cura concreta. Vedi la Pietà di Michelangelo, dovere di madre che non si ferma neppure davanti alla croce. 7 Timor di Dio: si rischia di pensare alla soggezione, ma il termine giusto è rispetto. La radice etimologica è re-spicio, da specio, guardare, ri-guardare, guardare ripetutamente, quando si osserva, non è uno sguardo frettoloso, superficiale, ma è uno sguardo che si ferma, che si fissa. Quante volte nel Vangelo si dice che Gesù fissa lo sguardo. E uno sguardo profondo, penetrante. Ma può significare anche avere riguardo, avere premura, avere a cuore una situazione. Lettera Ebrei: tenere fisso lo sguardo su Gesù, autore e perfezionatore della nostra fede. Questo ultimo atteggiamento riassume un po tutto quello che riguarda la nostra tradizione cristiana, ma anche in bioetica bisogna tenere lo sguardo fisso sui principi fondamentali, ma andando in profondità. Nemo dat quod non habet, San Tommaso, se io non fisso lo sguardo su qualcosa di bello, di vero, di giusto, di buono non posso restituire qualcosa di bello, di vero, di giusto, di buono. Rispetto non è prendere le distanze, ma guardare qualcosa e questo sguardo che mi arricchisce mi serve perché quello che ricevo lo posso ridonare agli altri. E importante il linguaggio, la precisazione, la chiarezza, in bioetica. Abbiamo sentito dire che nel caso di Eluana si doveva staccare la spina ma non c era nessuna spina da staccare. Le cose spesso vengono comunicate in modo tendenzioso da media. La sfida nostra è di affrontare le questioni bioetiche con un ottica laica, non laicista. Bisogna riconoscere che quei valori che noi cattolici 2

3 deriviamo dalla Sacra Scrittura sono valori universali che rendono l essere umano più umano. Non si può entrare in un dibattito bioetico proclamando valori cattolici, bisogna saperli tradurre. Mail: Bioetica Prof. Don Massimiliano Cucchi Giovedì 27 Settembre 2012 Bisogna sapere quali elementi e quali aspetti mettere al centro e oggi inizieremo ad affrontare direttamente che cosa è la bioetica e ci accorgeremo della complessità della materia e dell importanza di essere sapienti, nel senso che abbiamo considerato la lezione precedente. Se ci venisse chiesto che cosa è la bioetica che risposta intuitiva daremmo? Risposte da brainstorming: - medicina e discussione - etica in riferimento alla biologia - comportamento in riferimento alla vita - non tutto ciò che è tecnicamente possibile è eticamente lecito (GPII) Vediamo lo statuto epistemologico della bioetica, con che cosa si ha a che fare quando si parla di bioetica, in modo particolare consideriamo prima di tutto la definizione: che cosa è la bioetica? Poi considereremo l oggetto materiale e formale (Cosa indaga la bioetica (materiale)? Da quale punto di vista (formale)?) Poi abbiamo la metodologia: come procede la bioetica? Ha una metodologia interdisciplinare che non va confusa con la pluridisciplinarità. Interdisciplinare non vuol solo dire che alla bioetica partecipano diverse discipline, ma anche che devono collaborare. Poi: qual è il fine della bioetica? Nelle prossime lezioni affronteremo queste questioni, e oggi partiremo dalla sua definizione. Di per sé la parola bioetica resta un po oscura. Molti dicono che la bioetica è una disciplina: ma la parola disciplina per definire la bioetica non va bene perché richiama alla mente regole, definizioni, studio, esercizio, disciplina è l insieme delle norme che vengono date per regolare qualcosa, anche nel sentire comune la disciplina richiama il rigore; ma la bioetica ha a che fare con la persona umana e la vita, non si occupa di un oggetto, va rispettata una certa libertà di esercizio nella bioetica e quindi non si può applicare come una disciplina. Alcuni dicono che la bioetica è una dottrina: ma non va bene per due motivi, il primo è che sarebbe fuori luogo parlare di indottrinamento nel rapporto con un paziente, il secondo è che la dottrina richiama qualcosa di religioso, tutto quello che richiama il clericale viene visto con sospetto come dogmatico, da prendere così come è, come un postulato; quindi intendere la bioetica come una dottrina è pericoloso perché veicola l idea di voler inculcare qualcosa. E quindi fondamentale il tema della libertà, e le due definizioni sopra entrambe vanno a minare la libertà del paziente. Bisogna però intendere bene cosa si intende per libertà. L 11 ottobre del 1962 si è inaugurato il Vaticano II, stiamo per fare 50 anni, e alcuni studiosi dicono che il cambiamento più importante prodotto dal Vaticano II è contenuto in un piccolo documento, Dignitatis Humanae, che tratta della libertà religiosa, ma prima di scendere nel dettaglio, fa una riflessione su cosa è la libertà, ribaltando l ordine gerarchico tra la libertà e la verità, prima c era la verità, e solo dopo la libertà (pensiamo al modo di procedere dell inquisizione). Questo documento dice che nessuno mette in discussione l importanza della verità ma questa non può calpestare la libertà. La libertà è il bene più grande che i cieli abbiano dato all uomo (Don Chishotte). Il problema è che oggi molti intendono la libertà in senso assoluto, l unico limite è il rispetto delle libertà delle altre persone. Bisogna precisare invece che la nostra libertà non è assoluta. Se uno non è cristiano, dove trova questa affermazione per quanto importante e inviolabile non è assoluta? Nella costituzione italiana, la quale dice che all uomo vanno riconosciuti i diritti inviolabili tra i quali la libertà, ma poi dice anche che la libertà 3

4 non è assoluta. La nostra libertà è definita in due aggettivi: relativa e responsabile. Vuol dire che questa libertà la devo collocare all interno di un orizzonte entro cui muoversi, e inoltre le persone devono rispondere di come la utilizzano. Qui entra in gioco il rapporto tra la verità e la libertà, nel senso che io uso in modo responsabile della mia libertà quando la oriento alla verità. Questo è un discorso in teoria che il nostro vescovo ha tradotto così: ci sono tre livelli per interpretare la libertà: liberi da (legami, vincoli, è la libertà dell adolescente, della ribellione), liberi di (liberi di portare avanti un progetto, di fare scelte, di costruire qualcosa, è la libertà del giovane che ha davanti ha sé il futuro e decide come spendere la propria vita, è già un livello superiore, più nobile di libertà), liberi per (questo per dice che io spendo la mia libertà a servizio di qualcosa di più grande, è la libertà dell adulto che spende la propria libertà per un ideale, per la famiglia, per i figli, per una vocazione). Anche nella bioetica va intesa bene la libertà e devo esercitare questo livello più alto. Parla della battaglia portata avanti da Beppino Englaro e dice che il livello di libertà sotteso era la libertà da. Ma se la legge arriva a legalizzare questo tipo di libertà, dice, ci troveremmo nel Far West. Questa idea di libertà viene definita come principio di autonomia o di autodeterminazione. La differenza la fa l ordine in cui vengono messi i valori, i principi. Per i cristiani la libertà è importante ma non è al primo posto, ma al primo posto non c è nemmeno la verità. Altri la considerano una teoria: definire la bioetica come una teoria non va bene, è pericoloso, perché la teoria è astratta, un insieme di nozioni, di speculazioni, mentre la bioetica è qualcosa di estremamente concreto, pratico, si fa al letto del paziente, le tematiche della bioetica toccano molto da vicino le persone (parla della fecondazione assistita), nel considerarla teoria nel colgo solo un aspetto, quello preliminare, di studio. Per alcuni è una scienza: la scienza risponde soprattutto alla domanda come?, in riferimento alla tecnica, ma anche qui c è stata una deriva, perché nell antichità la scienza rispondeva anche a perché?, perché il come apriva una prospettiva solo meccanicistica portando ad una visione riduttiva di uomo. Il perché dà profondità alla visione di uomo, apre alla dimensione del mistero, l uomo porta in sé un mistero che non si può possedere e determinare. Oggi molti scienziati hanno abbandonato la domanda del perché, perché è pericolosa, portando fuori dall immanenza del dimostrabile. La bioetica invece deve chiedersi sempre il perché, alcuni vorrebbero che la bioetica servisse a dire cosa si può fare e cosa no, ma questo può avvenire solo dopo avere indagato le ragioni di un atto, il giusto e lo sbagliato. La bioetica è una materia: è una parola riduttiva, ricorda la scuola, lo studio, ma la bioetica non è solo studio, materia ricorda anche la fisicità, la persona nel suo dato biologico, ma la persona è corpo e anima, spirito incarnato. Abbiamo usato 5 termini per dire che nessuno di questi va bene, perché o sono parziali o portano con sé delle pericolose derive. Tre definizioni di bioetica (dice che non ha trovato in diversi libri una definizione uguale). La prima (Enciclopedia della bioetica 1971, in inglese, il termine è stato coniato nel 1970, ultimo aggiornamento 1995): la bioetica è uno studio sistematico degli atti umani nell ambito della vita e della cura della salute, condotto alla luce dei valori e dei principi morali. Sistematico è un aggettivo di fondamentale importanza, perché studio sistematico allude ad una attività finalizzata a mettere nel giusto ordine i valori di cui tenere conto e qui torniamo alla sapienza, importante dono dello Spirito Santo. Atti umani: in alcune traduzioni si trova condotta umana, l atto umano è l atto volontario compiuto con ragione e libertà e di conseguenza con responsabilità. Gli atti umani hanno sempre un duplice effetto, transitivo e intransitivo, riflessivo, che ricade sul soggetto, sia nel bene che nel male. Nessun atto umano può avere la pretesa di essere neutro, perché determina sempre su chi lo compie una modificazione a livello ontologico. Questa non è un idea religiosa ma antropologica (fa l esempio di una donna che decida di abortire, e delle forti conseguenze che ne porta a lungo, se non per tutta la vita). Le intenzioni cambiano radicalmente il significato di un atto. Nell ambito della vita e della cura della persona: la bioetica ha uno sguardo anche globale, non si intende solo la vita fisica dell uomo ma anche l ambiente, gli altri esseri viventi, riguarda tutto il fenomeno vita, non solo l uomo. Per salute non si intende solo salute fisica ma secondo la definizione dell OMS come benessere fisico, psichico e sociale. Non dobbiamo pensare solo al problema legato alla malattia. Quando la bioetica si approccia ad un malato terminale non si deve 4

5 preoccupare solo della sofferenza fisica ma anche, e soprattutto, di quella interiore, e anche della sua vita sociale. Il medico che voglia avere un approccio bioetico dovrà ad esempio calibrare la morfina in modo da lasciare il più possibile il paziente capace di relazione. Condotto alla luce dei valori e dei principi morali: la bioetica ha lo scopo di mettere nel giusto ordine i valori e i principi morali. Immaginiamo un comitato bioetico composto da persone di diverse estrazioni politiche, culturali e religiose e vediamo da dove si derivano i valori di riferimento: dalla costituzione, dalla filosofia, dal buon senso comune (in America questa idea è diffusissima, il riferimento alla consuetudine). Ma se non siamo tra cristiani non possiamo parlare di legge naturale o divina. Il problema è che il senso comune cambia radicalmente e di conseguenza i valori che vi si appoggiano (si pensi alla rivoluzione sessuale dal 68 in poi). Parla della vignetta girata su face book dei due vecchietti insieme dopo 50 anni di matrimonio che dicono che sono cresciuti in un epoca in cui le cose rotte si aggiustavano. Fa una discorso in relazione ai cambiamenti portati dalla rivoluzione sessuale, che ha messo in discussione la stabilità della famiglia e la capacità di che ne fa parte di fare sacrifici per tenerla insieme (e quindi di dare un esempio alle nuove generazioni). Oggi i ragazzi davanti ai sacrifici si tirano indietro, ma sono per primi i genitori a non farli. E vero dunque che il sentire comune influisce sulla vita e bisogna dimostrare che si può esprimere un giudizio sul sentire comune, quando questo non va nella direzione della verità. Chiede quali sono i principi, che oltre alle fonti sopracitati, i cristiani derivano anche dalla Sacra Scrittura: vita, famiglia, lavoro, libertà, salute, giustizia, pace, dignità della persona, bene, felicità, verità, Amore. Su questi valori sono più o meno d accordo tutti, non vanno a toccare gli approcci diversi, la differenza dipende dall ordine in cui questi valori sono sistemati. Se dico che la libertà viene prima della pace e se vengo privato con la forza della mia libertà, questo mi autorizza a lottare. Il catechismo della Chiesa Cattolica prende in considerazione anche la possibilità della guerra, non santa. Vediamo la famiglia e il lavoro. Quale va prima? E tra la verità e il bene? Dice che viene prima il bene. Inteso come verità nella carità (San Paolo). Giovedì 04 Ottobre 2012 Bioetica Prof. Don Massimiliano Cucchi Abbiamo iniziato a parlare dello statuto epistemologico della bioetica che si preoccupa di mettere in evidenza la struttura portante, gli elementi fondamentali della bioetica, dice cosa è la bioetica e quali sono il suo oggetto materiale e formale, come procede e le finalità. Abbiamo detto cosa non è (riassume lezione precedente, dottrina, teoria, scienza, materia etc.). Abbiamo iniziato a considerare la prima definizione e l abbiamo esaminata frase per frase. La bioetica fa riferimento agli atti umani (con ragione e responsabilità) di coloro che devono decidere, questo in caso di persona incapace. L altra volta siamo arrivati a elencare i valori e i principi morali, tutti valori fondamentali e indiscutibili, scritti nella legge naturale, ma il problema di presenta nel momento in cui questi valori vanno messi in ordine, allora non c è più consenso unanime. L ordine proposto dal Magistero della Chiesa è il seguente: 1 AMORE, valore assoluto, per amore posso sacrificare anche la mia vita (non, ovviamente, quella degli altri) 2 VITA (la vita, propria, può essere sacrificata in nome dell amore) la vita è il valore più importante, è fondamentale, nel senso che è a fondamento degli altri valori, che senza la vita non sussisterebbero. Ma sta al secondo posto, perché ciò che viene dopo può essere sacrificato per ciò che viene prima, si veda ad esempio il sacrificio dei martiri. 3 RISPETTO DELLA DIGNITA DELLA PERSONA UMANA (una delle cose che esprime meglio la dignità della persona umana, che possiamo mettere quasi allo stesso livello, è la libertà, 5

6 ma ci sono anche il lavoro, la salute, la giustizia, la ricerca della felicità, che possono venire tutti dopo e anche l ordine non è più così importante) Senza il perdono non si potranno mai conciliare la pace e la giustizia. Seconda definizione (dal Manuale di Bioetica di Sgreccia): impresa teoricamente dinamica. Impresa intesa come un azione difficile, complicata, rischiosa, perché si ha a che fare con la vita e con la dignità della persona umana, ed è una questione concreta che ci chiede di metterci in gioco e scendere in campo concretamente. Teoricamente: per arrivare a termine questa impresa ha bisogno degli strumenti giusti, l avverbio teoricamente dice che questa impresa io la porto a termine se ho dei chiari valori di riferimento. Dinamica: fa riferimento al fatto che oggi più che mai il mondo scientifico e tecnologico vedono sempre nuove acquisizioni che trovano una loro applicazione concreta, tecnica, c è quindi sempre bisogno di aggiornare e rivedere. Ma questo aggettivo fa riferimento anche alla persona umana, come soggetto e oggetto della bioetica (filosofi greci, in particolare Eraclito: l uomo è caratterizzato dal divenire). Questo dinamismo dice bene del divenire dell uomo, nel senso che l uomo deve sempre essere in grado di mettersi in discussione, in questione, di divenire, di chiedersi il perché, di essere disponibile a rivedersi, a ripensarsi, a ripartire, è importante l elasticità mentale. Non si può in bioetica calare i principi dall alto ma saperli declinare nella realtà che si ha di fronte mantenendoli pur sempre nella loro verità. Terza definizione (Adriano Pessina): coscienza critica della civiltà della tecno-scienza. Questa definizione per certi versi è intuitiva ma anche un po rivoluzionaria, perché chiama la bioetica coscienza. Chiama in causa, mette al centro la coscienza. Dice molto di più che cosa è la bioetica. Pensiamo a come sono diverse queste definizioni, questa si avvicina molto di più al concreto. Mettendo al centro la coscienza si mette al centro la persona con il dramma della sua responsabilità nella scelta. Il modo migliore e più umano per affrontare queste cose è affrontarle con coscienza, coscienza di chi deve decidere e della persona che si ha di fronte. La coscienza si deve muovere all interno di un orizzonte di valori, altrimenti rischia di essere espressione pura di soggettività. Coscienza: 1 - (dal Dizionario della lingua italiana Treccani 2009) consapevolezza che il soggetto ha di sé stesso, del mondo che lo circonda, della propria interiorità e della moralità dei suoi atti. Questa definizione mette al centro la consapevolezza, quindi la conoscenza di sé, del mondo circostante, quindi coglie un aspetto parziale che è quello conoscitivo, ed è un retaggio della cultura contemporanea, è una deriva razionalistica. Non è in sé sbagliato, ma riduttivo. Questo deriva come conseguenza dal pensiero illuministico. Mette in evidenza il dato razionale. 2 (dal Dizionario di Filosofia di Nicola Abbagnano, figura autorevole del panorama filosofico italiano) sede delle due facoltà proprie dell uomo: intelligenza e volontà. Con l intelligenza l uomo distingue il bene dal male e con la volontà decide se scegliere il bene o il male. Qui ciò che viene messo maggiormente in evidenza è il dato morale della coscienza. C è un po un retaggio del pensiero di Nietzsche quando parla della volontà di potenza, che vede l uomo come un luogo in cui tutto si risolve senza bisogno d altro, come in una sorta di corto circuito, nell ideale del superuomo. E vero che queste sono le facoltà superiori dell uomo ma non è vero che la coscienza è solo questo. Mette l accento sul dato morale. 3 (dalla psicologia) coscienza come tripartizione della psiche umana di Freud: Es, Io, Super-Io. Freud sostiene che tutto il mondo psichico dell uomo si divide in questi tre aspetti. L es comprende l insieme di tutte le pulsioni che l uomo ha dentro di sé. Le pulsioni primarie sono quelle che riguardano la sopravvivenza e la riproduzione (dice Freud che la libido è la pulsione più forte). Il super io corrisponde a quel recinto che la persona costruisce dentro di sé per arginare queste pulsioni. E i mattoni di questo recinto sono dati soprattutto dall educazione della famiglia e dalle regole imposte dalla società. Per la psicanalisi la coscienza è un recinto che deve arginare e contenere. L io è l elemento di mediazione tra i due. Anche questa è una visione riduttiva della coscienza. Mette in evidenza il dato psichico. 4 (dal Catechismo della Chiesa Cattolica, in riferimento al Vaticano II citando la Gaudium et Spes 16, che a sua volta riprende una intuizione di Sant Agostino) il nucleo più segreto e il sacrario dell uomo, dove egli si trova solo con Dio, e la Cui voce risuona nell intimità, esortando ad amare, a fare 6

7 il bene e rifuggire il male. Viene messo in evidenza soprattutto il dato spirituale, la coscienza è il luogo in cui lo Spirito di Dio parla all interiorità dell uomo. Dio parla alla nostra coscienza attraverso dei mezzi che sono: la Sacra Scrittura, il Magistero della Chiesa, testimonianza degli altri. Mette in evidenza il dato spirituale. Tutte queste quattro definizioni colgono aspetti diversi della coscienza ma nessuna è completa. La definizione bioetica di coscienza è quella di Sgreccia, che ha il merito di mettere insieme tutti gli aspetti che facevano emergere le altre definizioni: (dal Dizionario di Bioetica di Sgreccia) meccanismo interiore che, di fronte ad una scelta, suggerisce alla persona ciò che è bene e male, ciò che si deve fare o non fare, sulla base di principi etici di riferimento. Questa definizione recupera il dato conoscitivo nella distinzione tra bene e male, ma solo come suggerimento, che non annulla mai la libertà della persona; c è quindi il dato morale in ciò che si deve fare o meno sulla base dei principi morali di riferimento che derivano dall educazione e dalle regole della società in cui si vive, dato psichico, ma, se sono cristiano, anche dalla voce di Dio, dato spirituale. Un altro importante bioeticista americano è Edmund Pellegrino. Esistono solo due facoltà di bioetica nel mondo, una a Roma e una in Messico. L ultima definizione parlando di meccanismo dà l idea che la coscienza si può educare. Ognuno ha la responsabilità di educare la propria coscienza. Perché la coscienza può essere vera (quando sa riconoscere la verità) o falsa (quando confonde la verità con qualcos altro); retta (quando agisce secondo il bene che ha individuato) o erronea (quando pur avendo riconosciuto il bene sceglie il male); certa (quando sa qual è la cosa giusta da fare) o dubbiosa (quando non sa quale sia la cosa migliore da fare). In caso di dubbio, come si procede? C è una regola che viene chiamata il principio tuzioristico cattolico, che dice che nel dubbio devo sempre scegliere la cosa che tutela di più la vita. In dubio pro vita. Distribuisce una fotocopia che riporta un caso da discutere insieme. Coscienza vera ma erronea. Bioetica Prof. Don Massimiliano Cucchi Giovedì 11 Ottobre 2012 La volta scorsa abbiamo affrontato la terza e ultima definizione della bioetica, quella di Adriano Pessina, bioetica come coscienza critica. Ci siamo soffermati molto a chiederci che cosa sia la coscienza, cosa sia la bioetica, perché sia importante essere rigorosi e sapienti per cogliere anche degli aspetti che possono sembrare dettagli. Nel dubbio abbiamo visto che si deve scegliere sempre la vita, ciò che la tutela, cita nuovamente il caso Englaro. Per concludere l analisi della definizione di Pessina, la coscienza è critica (della civiltà della tecno scienza) quando: la definizione più semplice immediata ce la dà la Sacra Scrittura, in San Paolo ai Tessalonicesi 5,21 infatti si dice che bisogna esaminare attentamente ogni cosa ma trattenere quello che è bene, ci deve essere un giudizio, finalizzato a trattenere quello che è bene. La coscienza quindi è critica quando: - identifica i valori in questione, non basta identificarli ma molto importante è metterli in ordine, perché questo può cambiare molto la prospettiva e di conseguenza la scelta concreta - conosce le norme, in riferimento a quei valori, nel caso della libertà la norma di riferimento è il consenso informato, dovrò quindi conoscere il diritto, la legge - considera la situazione nel suo complesso, i primi due punti leggono la situazione soprattutto da un punto di vista oggettivo, questo punto invece chiama in causa il dato soggettivo. Considerare la situazione in bioetica prima di tutto significa tenere conto della situazione del paziente che ho di fronte, del suo grado di comprensione o di ignoranza, poi devo considerare il suo stato emotivo, la paura, che incide fortemente sulle scelte di una 7

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

Tra il dire e l educare c è di mezzo il web. Come può la comunicazione educare alla cultura dell incontro?

Tra il dire e l educare c è di mezzo il web. Come può la comunicazione educare alla cultura dell incontro? Tra il dire e l educare c è di mezzo il web. Come può la comunicazione educare alla cultura dell incontro? Marco Deriu docente di Teoria e tecnica delle comunicazioni di massa, Università Cattolica per

Dettagli

CIVILTA E MEDICINA: IL TESTAMENTO BIOLOGICO Aspetti bioetici, sociali e morali

CIVILTA E MEDICINA: IL TESTAMENTO BIOLOGICO Aspetti bioetici, sociali e morali Istituto Oncologico Marchigiano onlus CIVILTA E MEDICINA: IL TESTAMENTO BIOLOGICO Aspetti bioetici, sociali e morali dott. Marco Nocchi Regione Marche Servizio Politiche Sociali 1 LA BIOETICA tra nascere

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB.

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 DISCIPLINA: Religione CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ELENCO MODULI 1 Vivere secondo la Bibbia 2 Gesù,

Dettagli

Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2)

Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2) Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2) Riprendiamo l analisi interrotta nel corso della precedente lezione b) struttura dialogica del fatto educativo Per rispondere a criteri ermenutici, l

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Ramón Lucas Lucas SPIEGAMI. la persona

Ramón Lucas Lucas SPIEGAMI. la persona Ramón Lucas Lucas SPIEGAMI la persona 2012 Edizioni ART Titolo originale dell opera Explícame la persona 2ª edizione 2012 Via dei Del Balzo, 10-00165 ROMA Tel. 06 66 52 77 84 Fax 06 66 52 79 07 E- mail:

Dettagli

Le caratteristiche dell adolescenza. Problematiche tipiche del contesto attuale

Le caratteristiche dell adolescenza. Problematiche tipiche del contesto attuale Le caratteristiche dell adolescenza Problematiche tipiche del contesto attuale Le mete da raggiungere L obiettivo è la maturità: Fisica (corpo e capacità di generare) Mentale (generalizzazione e astrazione)

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

#Essere umani. Scuola Statale Primaria di Foglizzo Istituto Comprensivo di Montanaro (To)

#Essere umani. Scuola Statale Primaria di Foglizzo Istituto Comprensivo di Montanaro (To) #Essere umani Progetto realizzato dall insegnante di Religione Cattolica Elsa Feira con la collaborazione delle docenti Donatella Gravante, Dolores Chiantaretto, Daniela Milanaccio, Paola Racca. Scuola

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO CHIESA CRISTIANA EVANGELICA BATTISTA VIALE MICHELANGELO GRIGOLETTI, 5 PORDENONE Tel. 0434/362431 - Fax 0434/1702623 - Cell. 340-5900148 e-mail: chiesabattistapn@libero.it chiesabattistapn@gmail.com sito:

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

Dall educazione alla pedagogia

Dall educazione alla pedagogia Giuseppe Bertagna Dall educazione alla pedagogia Avvio al lessico pedagogico e alla teoria dell educazione Bergamo, ottobre 2010 CAPITOLO QUINTO Il discorso pubblico della ragione e le sue tipologie pp.

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Il valore e il senso della riflessione bioetica nella società contemporanea

Il valore e il senso della riflessione bioetica nella società contemporanea Il valore e il senso della riflessione bioetica nella società contemporanea Luca Guerra Centro di Bioetica Istituto Auxologico Italiano di Milano Il valore e il senso della riflessione bioetica nella società

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Come fare una scelta?

Come fare una scelta? Come fare una scelta? Don Alberto Abreu www.pietrscartata.com COME FARE UNA SCELTA? Osare scegliere Dio ha creato l uomo libero capace di decidere. In molti occasioni, senza renderci conto, effettuiamo

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Crescere nella Fede. alcune idee di fondo sul cammino di catechesi

Crescere nella Fede. alcune idee di fondo sul cammino di catechesi Crescere nella Fede alcune idee di fondo sul cammino di catechesi Due mentalità, due logiche Un cammino di fede Un corso di dottrina Due approcci educativi Strada La Rivelazione cristiana incontrare la

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

PRESA IN CARICO DELL ADOLESCENTE E DELLA SUA FAMIGLIA. Psicologa Acone Silvana

PRESA IN CARICO DELL ADOLESCENTE E DELLA SUA FAMIGLIA. Psicologa Acone Silvana PRESA IN CARICO DELL ADOLESCENTE E DELLA SUA FAMIGLIA Psicologa Acone Silvana L ADOLESCENTE: CHI SONO? Il compito dell adolescente è quello di "individuarsi" rispetto alla propria famiglia. Emanciparsi

Dettagli

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: l Associazione Alzheimer Svizzera chiede un accompagnamento e un assistenza completi per i malati di demenza. Pensieri suicidi nelle persone affette da

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

FORMAZIONE DELL UOMO E EDUCAZIONE COSMICA (Dalle conferenze tenute da M.M. al congresso di San Remo del 1949 e da alcuni saggi pubblicati dal 1949 al 1951 e riportati nel quaderno del Consiglio Regionale

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

Su ali di farfalla. Trasforma la tua vita e vola verso la felicità

Su ali di farfalla. Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Su ali di farfalla Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Schemi realizzati dall autrice. Laura Freni SU ALI DI FARFALLA Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Manuale www.booksprintedizioni.it

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A LICEO SCIENTIFICO STATALE "Donato Bramante" Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) MPI: MIPS25000Q - Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97290566 Sito: www.liceobramante.gov.it - E-mail: mips25000qistruzione.it

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani)

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) IL SACRAMENTO DELL AMORE EUCARESTIA Nell Eucarestia il segno

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI RELIGIONE hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw CATTOLICA ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj

Dettagli

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Anselm Grün VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Vivere le nostre relazioni al di là della morte Queriniana Introduzione Nel nostro convento tengo regolarmente dei corsi per persone in lutto, in particolare

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati 1 Lo Sport come strumento educativo Lo sport per i bambini e ragazzi rappresenta una straordinaria opportunità di crescita. Grazie all attività motoria,

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

ETICA DEL DOLORE E DELLA VITA

ETICA DEL DOLORE E DELLA VITA Sofia Tavella DIVERSAMENTE SANI ETICA DEL DOLORE E DELLA VITA I IF Press Copyright 2012 by IF Press srl IF Press srl Ctr. La Murata, 49-03017 Morolo (FR) info@if-press.com - www.if-press.com ISBN 978-88-95565-81-1

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

Circolo Didattico di Angera

Circolo Didattico di Angera Circolo Didattico di Angera COME AIUTARE I PROPRI FIGLI A STUDIARE E A FARE I COMPITI Indicazioni della scuola per i genitori degli alunni Linee guida redatte dal Nucleo di Autovalutazione e Qualità PREMESSA

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus- Anno 2014 Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri Concetto di persona

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica 1. Tutti cercano l amore. Tutti anelano ad essere amati e a donare amore. Ognuno è creato per un

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 L ASCOLTO Primo passo dell Accoglienza Padre GHERARDO ARMANI C. M. 1. La relazione di aiuto La relazione si fonda su un rapporto umano centrato sull incontro di

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata Roma, 16 Maggio 2014. Dott.ssa Francesca Alfonsi

Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata Roma, 16 Maggio 2014. Dott.ssa Francesca Alfonsi Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata Roma, 16 Maggio 2014 Dott.ssa Francesca Alfonsi La donazione di organi da vivente permette di donare un rene e parte di fegato. Secondo la legge il donatore

Dettagli

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma LA COPPIA NON PUO FARE A MENO DI RICONOSCERE E ACCETTARE CHE L ALTRO E UN TU E COME TALE RAPPRESENTA NON UN OGGETTO DA MANIPOLARE

Dettagli

COME AIUTARE I NOSTRI FIGLI A CRESCERE BENE?

COME AIUTARE I NOSTRI FIGLI A CRESCERE BENE? COME AIUTARE I NOSTRI FIGLI A CRESCERE BENE? Ogni genitore desidera essere un buon educatore dei propri figli, realizzare il loro bene, ma non è sempre in armonia con le dinamiche affettive, i bisogni,

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

E se iscrivessi mio figlio al catechismo?

E se iscrivessi mio figlio al catechismo? E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Don Alberto Abreu www.pietrascartata.com E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Perché andare al Catechismo La Parola catechismo deriva dal latino catechismus

Dettagli

Dall educazione alla pedagogia. Avvio al lessico pedagogico e alla teoria dell educazione

Dall educazione alla pedagogia. Avvio al lessico pedagogico e alla teoria dell educazione Dall educazione alla pedagogia. Avvio al lessico pedagogico e alla teoria dell educazione Capitolo 5 IL DISCORSO PUBBLICO DELLA RAGIONE E LE SUE TIPOLOGIE Dott.ssa Mabel Giraldo La seconda condizione,

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ www.lezione-online.it 1 PREFAZIONE Da sempre la letteratura psicologica, pedagogica e scientifica propone modelli che sovente, negli anni, perdono di valore e

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO FINALITA GENERALI L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei

Dettagli

Che cos è il coaching pedagogico: aiuto e ascolto dell Altro. L interazione sociale L ambiente di vita e di lavoro si mette a punto nel team work

Che cos è il coaching pedagogico: aiuto e ascolto dell Altro. L interazione sociale L ambiente di vita e di lavoro si mette a punto nel team work Clementina Gily Emilia Mallardo Meravigliosa voce, www.ilmiolibro.it (da Feltrinelli) Coaching pedagogico I Che cos è il coaching pedagogico: aiuto e ascolto dell Altro L interazione sociale L ambiente

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Progetto educativo per bambini 2014 I NUOVI MEZZI EDUCATIVI I MASS-MEDIA: CONOSCIAMO BENE IL LORO OPERARE NELLA NOSTRA SOCIETA?

Progetto educativo per bambini 2014 I NUOVI MEZZI EDUCATIVI I MASS-MEDIA: CONOSCIAMO BENE IL LORO OPERARE NELLA NOSTRA SOCIETA? Progetto educativo per bambini 2014 I NUOVI MEZZI EDUCATIVI I MASS-MEDIA: CONOSCIAMO BENE IL LORO OPERARE NELLA NOSTRA SOCIETA? Sac. Don Magloire Nkounga Dott. D Ambrosio Giuseppina 1 Quando ci possono

Dettagli