ISTITUTI DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE TOMMASO FAZELLO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTI DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE TOMMASO FAZELLO"

Transcript

1 ISTITUTI DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE TOMMASO FAZELLO Liceo Classico T. Fazello - Liceo Scientifico "E. Fermi" Menfi - Liceo Artistico"G.Bonachia" Sezione Classica SCIACCA V D DOCUMENTO FINALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Coordinatrice di classe Prof.ssa Gabriella Bassi ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Via A. De Gasperi n SCIACCA (AG) - C. F Tel. 0925/21642 Fax 0925/ Sito Web:

2 Parte I : Informazioni di carattere generale sulla scuola pag. 3 Finalità pag. 3 Parte II: a) Elenco dei docenti del Consiglio di classe pag. 4 b) Variazioni del Consiglio di classe pag. 4 c) Configurazione della classe e prospetto riassuntivo pag. 5 d) Modalità di lavoro del Consiglio di classe pag. 6 e) Programmi svolti pag. 6 f) Strumenti di verifica utilizzati pag. 7 g) Obiettivi raggiunti pag. 7 h) Criteri di valutazione pag. 8 i) Attività extra, para, intercurriculari pag. 9 Elenco degli allegati 2

3 Parte Prima Informazioni di carattere generale Unico Liceo Classico di Stato nel comune di Sciacca, l Istituto Tommaso Fazello può vantare una storia centenaria nel corso della quale ha sempre risposto con professionalità e puntualità alle istanze formative della popolazione studentesca di riferimento, proveniente dal comune di Sciacca e quelli viciniori. Negli anni 90 la scuola ha posto in essere una serie di mini sperimentazioni: Lingua straniera quinquennale, P.N.I., corso Brocca ad indirizzo classico, scissione cattedre di Lettere al ginnasio. Dall anno scolastico 2000/2001 all Istituto è stato aggregato il Liceo scientifico di Menfi e alla nuova unità scolastica è stata riconosciuta l autonomia. L attività di ricerca in questo istituto ha permesso di rivisitare la programmazione curricolare, di individuare una sostanziale omogeneità nei criteri generali di valutazione e di comporre quindi un P.O.F. che gli organi collegiali aggiornano annualmente. A partire dall anno scolastico 2001/02 vengono finanziati ed attivati diversi progetti P.O.N (informatica, lingue straniere: inglese, russo, francese, spagnolo). Sono state promosse attività di stages locali, nazionali e all estero. Dall anno scolastico 2002/03, inoltre, è stato istituito il corso di matematica avanzata e corsi pomeridiani di matematica, fisica, biologia e chimica propedeutici alle preselezioni universitarie. Dall anno 2005/2006 la scuola programma ed effettua esperienze di scambio con l estero. Dall anno 2006/2007 l Istituto è diventato Test Center per l acquisizione dell E.C.D.L. Dall anno 2008 il Liceo Classico T. Fazello ha la Certificazione di Qualità UNI EN ISO 9001: Dall anno 2008/2009 la scuola si avvale dell uso del registro elettronico. Nell anno 2009 il Liceo Classico T. Fazello ottiene la Certificazione di Qualità UNI EN ISO 9001: Nell anno 2010/2011 viene introdotto il Nuovo ordinamento ministeriale arricchito da un ampliamento dell offerta formativa che potenzia l ambito scientifico. Dall anno 2013/2014 l Istituto ha ampliato la sua offerta formativa in seguito all aggregazione del Liceo Artistico G. Bonachia. FINALITÀ Finalità permanente: Maturazione di un habitus mentale e di forme comportamentali che abbiano come solidi e imprescindibili referenti il rispetto, la legalità, l amore per la cultura. Finalità dell offerta formativa anno scolastico 2013/2014: - Acquisizione di un metodo autonomo per il proprio sviluppo culturale. - Acquisizione di una documentata memoria storica del passato per una comprensione critica del presente. - Sviluppo di una sensibilità specifica per l arte, per la poesia, per il libero pensiero. - Riconduzione dei saperi umanistici e scientifici a sintesi centrata sull uomo ed ancorata ai suoi valori universali. - Formazione di intelligenze duttili, capaci di gestire il cambiamento continuo che caratterizza la nostra età scientifico- tecnologica e la nostra società complessa. - Promozione di una cultura della pace nel mondo, favorendo,attraverso scambio di giovani, la conoscenza di culture diverse. - Acquisizione dei processi epistemologici della scienza. - Promozione di una cultura della legalità che susciti nel giovane la coscienza dei propri diritti e dei propri doveri contro la cultura dell omertà e della prevaricazione. - Saperi disciplinari: conoscenze e competenze stabilite dai Dipartimenti disciplinari ( si rimanda alle programmazioni prodotte dai singoli Consigli di classe. Per elementi più analitici si rimanda al P.O.F. pubblicato all albo e depositato in segreteria. 3

4 Parte Seconda a) ELENCO DEI DOCENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE Spinelli Giuseppa Friscia Francesca Indelicato Luisa Trapani Rosa Bassi Gabriella Colletti Angela Ribaudo Andrea Passalacqua Antonina Ferrante Giuseppe Giannì Emma (Religione) (Italiano) (Latino e Greco) (Storia e Filosofia) (Inglese) (Fisica) (Matematica) (Scienze) (Storia dell Arte) (Educazione Fisica) b) VARIAZIONI DEL CONSIGLIO DI CLASSE DISCIPLINE CURRICOLARI (1) ANNI DI CORSO (2) CLASSE III LICEO (3) CLASSE IV LICEO (3) CLASSE V LICEO (3) Religione III - IV - V Italiano III - IV - V Latino III - IV - V * Greco III - IV - V Storia III - IV - V Filosofia III - IV - V Lingua Inglese III - IV - V Matematica III - IV - V * Fisica IV - V * Scienze III - IV - V Arte III - IV - V Ed. Fisica III - IV - V * Note: 1) Elenco di tutte le discipline previste nel triennio. 2) Anni di corso nei quali è prevista la disciplina. 3) In corrispondenza di ogni disciplina è contraddistinto con (*) l anno in cui vi sia stato un cambiamento di docente rispetto all anno precedente. 4

5 c) CONFIGURAZIONE DELLA CLASSE Elenco Alunni: 1. Allegro Marcantonio 2. Bono Maddalena 3. Campo Lilli 4. Casà Marta 5. Catania Chiara 6. Friscia Virginia 7. Interrante Mariangela 8. Lombardo Simona 9. Mangiaracina Veronica 10. Marciante Paolo 11. Miceli Lorella 12. Miceli Sabella 13. Riggio Alessandra 14. Russo Sara Maria Giusy 15. Sabella Vincenza 16. Spallino Maria 17. Tramonte Marie Claire 18. Tramuta Antonino 19. Triboi Irina 20. Vaccaro Lorena Prospetto riassuntivo CLASSE ISCRITTI STESSA CLASSE ISCRITTI DA ALTRA CLASSE PROMOSSI SENZA DEBITO GIUDIZIO SOSPESO NON PROMOSSI TERZA QUARTA QUINTA 20 5

6 d) MODALITÀ DI LAVORO DEL CONSIGLIO DI CLASSE MODALITA' Religione Italiano Latino Greco Storia Filosofia Inglese Matematica Fisica Scienze Arte Lezione Frontale * * * * * * * * * * * * Lezione Partecipata * * * * * * * * * * * * Problem Solving * * * * * * * * Metodo Induttivo * * * * * * * * * * Metodo Deduttivo * * * * * * * * * * Lavoro di Gruppo * * * * * * * * * * Discussione Guidata * * * * * * * * * * * Simulazioni I Prova * * Simulazioni III Prova Tip. A * Simulazioni III Prova Tip. B * * * Simulazioni III Prova Tip. C * * * * * Ed. Fisica Note: 1. In corrispondenza di ogni disciplina le modalità di lavoro utilizzate sono contraddistinte con (*). 2. Per quanto riguarda la terza prova, nella classe sono state condotte simulazioni con le prime tre tipologie. La tipologia C risulta la più rispondente alle competenze-abilità della classe: 30 quesiti a scelta multipla suddivisi per cinque materie con un punteggio di 0,50 per ogni risposta corretta e di 0 per ogni risposta errata o omessa e con un eventuale arrotondamento in eccesso in caso di punteggio non pieno. Le materie oggetto della terza prova sono: Latino Storia- Inglese Fisica Storia dell Arte. Vedasi esempi di simulazione con relativa griglia ( All. D) e) PROGRAMMI SVOLTI (All. A) Religione - Italiano - Latino - Greco - Storia - Filosofia - Inglese - Scienze - Matematica - Fisica Storia dell Arte - Educazione Fisica 6

7 Strumenti Utilizzati f) STRUMENTI DI VERIFICA UTILIZZATI Religione Italiano Latino Greco Storia Filosofia Inglese Matematica Fisica Scienze Arte Interrogazione Lunga * * * * * * * Interrogazione Breve * * * * * * * * * * * * Prova di Laboratorio Componiment o Problema * * * * Questionario * * * * * * * * * * Esercizi * * * * * * * * Traduzioni * * * Ed. Fisica Note: In corrispondenza di ogni disciplina è contraddistinto con (*) il tipo di strumento di verifica utilizzato. g) OBIETTIVI RAGGIUNTI 1. Obiettivi generali (educativi e formativi): a) Conoscenze sicure e diffuse in ordine alle materie con qualche approfondimento autonomo. b) Capacità di apprendimento, applicazione e rielaborazione. c) Utilizzazione delle conoscenze acquisite per eseguire specifici compiti e risolvere problematiche e situazioni anche nuove. d) Capacità logiche di astrazione e deduzione. 2. Capacità trasversali (relazionali, comportamentali e cognitive): a) Disponibilità ad ascoltare ed accettare l altro nella diversità. b) Capacità di dialogo e confronto all interno del gruppo classe e con la comunità scolastica. c) Acquisizione di un comportamento responsabile e autonomo. d) Sviluppo delle capacità di comprensione, di analisi e di sintesi. e) Acquisizione del lessico specifico delle singole discipline. 3. Conoscenze, competenze e capacità Vedansi gli allegati B di: Religione - Italiano - Latino - Greco - Storia - Filosofia - Inglese - Scienze - Matematica - Fisica Storia dell Arte - Educazione Fisica 7

8 h) CRITERI DI VALUTAZIONE: STANDARD D'ISTITUTO IN TERMINI DI RISULTATI FORMATIVI ATTESI Conoscenze Acquisite Applicazione delle Conoscenze Autonomia nella rielaborazione delle conoscenze (analisi - sintesi - giudizio) Abilità linguistico espressive (scritto - orale) Impegno e partecipazione Voto < 3 Quasi nullo del bagaglio di conoscenze Lo studente non riesce ad applicare le poche conoscenze acquisite Nessuna autonomia Lo studente non risponde alle domande postegli oppure risponde in modo non coerente e consegna elaborati in bianco o quasi Lo studente non partecipa al dialogo educativo svolge raramente i compiti assegnatigli ed in modo approssimativo Voto 3 Molto basso l aumento del bagaglio di conoscenze Lo studente riesce ad applicare con molta difficoltà le conoscenze acquisite Minima autonomia Lo studente risponde in modo estremamente superficiale e frammentario e consegna elaborati confusi Lo studente partecipa al dialogo educativo in modo incostante, svolge raramente i compiti assegnateli Voto 4 Basso l aumento del bagaglio di conoscenze, che risultano complessivamente inadeguate Lo studente riesce ad applicare con difficoltà le conoscenze acquisite Lo studente mostra una autonomia molto limitata Lo studente espone in modo superficiale e frammentario, gli elaborati scritti risultano incompleti e superficiali Lo studente partecipa al dialogo educativo in modo incostante, non sempre svolge i compiti assegnateli Voto 5 L aumento del bagaglio di conoscenze risulta apprezzabile ma non vengono raggiunti gli obiettivi minimi disciplinari Lo studente riesce ad applicare con qualche difficoltà le conoscenze acquisite Lo studente mostra una limitata autonomia Lo studente espone in modo superficiale, gli elaborati scritti risultano imprecisi o incompleti Lo studente partecipa al dialogo educativo in modo incostante, non sempre svolge i compiti assegnatigli Voto 6 L aumento del bagaglio di conoscenze risulta adeguato Lo studente riesce ad applicare le conoscenze acquisite a semplici situazioni nuove Lo studente mostra una certa autonomia nell analisi e nella sintesi Lo studente espone e compone in modo sostanzialmente corretto, senza utilizzare un vocabolario particolarmente ricco Lo studente partecipa regolarmente al dialogo educativo, svolge i compiti assegnateli Voto 7 Conoscenze complete e discretamente approfondite Lo studente riesce ad applicare le conoscenze acquisite a situazioni nuove Sintetizza correttamente ed effettua qualche valutazione personale Lo studente scrive e si esprime con chiarezza, usando un vocabolario adeguato; limitato l uso di nuove strutture Lo studente partecipa regolarmente al dialogo educativo, svolge sempre i compiti assegnatigli Voto 8 Conoscenze complete ed abbastanza approfondite Lo studente riesce ad applicare con disinvoltura le conoscenze acquisite a situazioni nuove Sintetizza correttamente ed effettua valutazioni autonome Lo studente scrive e si esprime con chiarezza, usando un vocabolario ricco ed appropriato Lo studente partecipa al dialogo educativo in modo costante, svolge sempre in modo preciso i compiti assegnatigli Voto 9 Conoscenze complete ed approfondite Sa applicare quanto appreso con disinvoltura a situazioni nuove Sintetizza correttamente ed effettua valutazioni personali Lo studente scrive e si esprime con chiarezza, usando un vocabolario ricco ed appropriato Lo studente partecipa al dialogo educativo in modo attivo, svolge sempre in modo preciso i compiti assegnatigli Voto 10 Il bagaglio di conoscenze risulta ampio, completo, coerente Sa applicare quanto appreso in modo ottimale Sintetizza correttamente ed effettua in piena autonomia valutazioni personali Lo studente scrive e si esprime con chiarezza, usando un vocabolario ricco ed appropriato; adeguato l uso di nuove strutture Lo studente partecipa al dialogo educativo in modo propositivo, svolge sempre in modo preciso i compiti assegnatigli Se gli elementi di giudizio sono disomogenei, il voto esprimerà i valori medi 8

9 ATTIVITÀ EXTRA, PARA, INTERCURRICULARI - Partecipazione alle conferenze sul Progetto di Istituto Il Bosone di Higgs, anno Partecipazione alle conferenze sul Progetto di Istituto anno E tra gli altri, incontri con gli scrittori e giornalisti : Piero Angela e Antonio Caprarica. - Progetto Legalità: partecipazione alla giornata della legalità ad Alcamo Vento della Legalità. - Partecipazione al premio Legalità e Sviluppo indetto dalla Fondazione Generale dei Carabinieri Ignazio Milillo - Incontro con il procuratore Salvatore Vella per la presentazione del libro La Forza del Gruppo - Partecipazione all ex convento San Francesco con un video su Don Luigi Sturzo in ricordo della sua vita e il suo impegno. Vincitori del primo premio. - Progetto: La Scoperta delle Emozioni - Corso P.O.N. di informatica e conseguimento della E.C.D.L. - Corsi P.O.N. di inglese e conseguimento del P.E.T. - Corso P.O.N. di spagnolo. - Corso P.O.N di chimica e biologia. - Corso P.O.F di chimica, biologia, matematica e fisica. - Laboratorio Teatrale Musicals: Cleopatra ; Hercules ; Antigone - Progetto : David di Donatello. - Partecipazione al Musical : My Fair Lady - Partecipazione a rappresentazioni teatrali classiche a Siracusa - Partecipazione alle opere liriche al Teatro Massimo di Palermo - Viaggio di Istruzione ad Atene ( IV liceo) - Viaggio di Istruzione a Praga ( V liceo) - Visita al Museo d Arte Moderna e Contemporanea di Palermo - Partecipazione al Giorno della memoria : Un ricordo, una testimonianza, Arnoldo Foà - Attività d Orientamento: Orienta Sicilia - Conferenza sul Cuore - Conferenza sulla Terapia del dolore - Attività di volontariato: ABIO (associazione bambini in ospedale); Agape ( disabili); Sacro Cuore di Sciacca ( preparazione e partecipazione della mensa della Solidarietà ) - Corso sulla prevenzione: LILT - Donazione Avis SI ALLEGANO: 1) Allegati A: programmi svolti n.12 2) Allegati B: relazioni finali docenti n.12 3) Allegati C: griglie di valutazione n. 9 4) Allegato D: esempio di simulazione terza prova con relativa griglia di valutazione Sciacca li, 13 maggio 2014 Gli alunni Firma del coordinatore Timbro Firma del Preside della scuola (F.to Prof.ssa G. Bassi) (F.to Prof. V..Randazzo) 9

10 LICEO CLASSICO STATALE «T. FAZELLO» SCIACCA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGRAMMI 10

11 All. A LICEO CLASSICO STATALE «T. FAZELLO» SCIACCA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGRAMMA DI RELIGIONE Svolto nella classe V D dalla Prof.ssa Spinelli Giuseppa ********* 1) I giovani e la religione 2) Le relazioni umane 3) L amore nella cultura classica, greca e latina 4) La chiesa e i problemi etici 5) Questioni di etica generale 6) La bioetica e la dimensione valoriale dell esistenza 7) La fecondazione artificiale, l eutanasia 8) La dottrina sociale cristiana 10)La chiesa in dialogo con le altre religioni Sciacca 13/05/2014 Gli alunni Il Docente (F.to Prof.ssa Spinelli Giuseppa) 11

12 All. B Relazione finale del docente: Friscia Francesca Materia ITALIANO Classe V D A.S. 2013/2014 In relazione alla programmazione curricolare sono stati conseguiti i seguenti obiettivi in termini di: CONOSCENZE In relazione alla sfera del sapere gli alunni, in media, hanno raggiunto un livello di preparazione buono. Conoscono, nelle linee generali, le caratteristiche europee delle grandi correnti letterarie tra Ottocento e Novecento, mentre hanno maggiormente approfondito lo studio degli autori più rappresentativi della letteratura italiana. Di ogni autore conoscono, in generale, la vita, le opere, il contesto storico-culturale in cui ha operato, ma soprattutto hanno interiorizzato e rielaborato quanto di significativo emerge dall analisi dei testi proposti. Mi preme sottolineare che, rispetto a quanto previsto all inizio dell anno scolastico, il programma ha subito dei tagli a causa delle numerose interruzioni dell attività didattica. COMPETENZE/CAPACITA /ABILITA In relazione alla sfera del saper fare gli alunni hanno pienamente raggiunto, pur con differenti livelli di profitto, gli obiettivi fissati nel Piano di lavoro annuale. Riescono, infatti, ad orientarsi con prontezza nelle questioni inerenti al programma; sanno confrontare autori, opere e valutare con discernimento critico; sono capaci di analizzare e contestualizzare i testi, di giustificare adeguatamente le proprie interpretazioni; di esporre in forma grammaticalmente corretta e lineare; di produrre testi scritti di diverso tipo sapendo padroneggiare il registro formale e i linguaggi specifici. 12

13 CONTENUTI DISCIPLINARI E TEMPI DI REALIZZAZIONE ESPOSTI PER: Unità didattiche e/o Moduli e/o Percorsi formativi ed Eventuali approfondimenti U.D. Modulo Percorso formativo Approfondimento Periodo (espresso in ore) Romanticismo. Manzoni 8 Leopardi 10 Scapigliatura. Positivismo: Naturalismo e Verismo 4 Giovanni Verga 6 Caratteri generali del Decadentismo. Decadentismo in Italia 4 Giovanni Pascoli 8 Gabriele D Annunzio 4 Avanguardie 2 Italo Svevo 5 Luigi Pirandello 6 Giuseppe Ungaretti 4 Eugenio Montale 6 Divina Commedia 10 Compiti in classe 18 Verifiche orali ed approfondimenti 17 Ore svolte dal docente nell intero anno scolastico:

14 METODOLOGIE (Lezione frontale, gruppi di lavoro, processi individualizzati, attività di recupero sostegno e integrazione, ecc.) Lo studio delle correnti letterarie e dei singoli autori ha avuto come punto di partenza l accostamento diretto ai testi, che ha consentito di cogliere aspetti significativi dell opera e di correlarla al sistema letterario e al contesto culturale. Si è scelto, pertanto, di adottare il metodo induttivo, cui è spesso seguita la discussione guidata. Non sono state necessarie attività di recupero o di sostegno, semmai ho preferito seguire più da vicino quel gruppo di alunni che ha incontrato delle difficoltà nell assimilazione di vaste tematiche letterarie. MATERIALI DIDATTICI (testo adottato, attrezzature, spazi e tempi laboratori, tecnologie audiovisive e/o multimediali, ecc.) Il testo in adozione in questa classe è Luperini-Cataldi-Marchiani-Marchese, Il nuovo la scrittura e l interpretazione, volumi 5 e 6 della casa editrice Palumbo. Il testo di Divina Commedia invece è Jacomuzzi-Dughera, La Divina Commedia, della casa editrice SEI. Si è anche utilizzato il materiale audiovisivo in dotazione della scuola a cura di Romano Luperini e Pietro Cataldi, fotocopie fornite dall insegnante, mappe concettuali. TIPOLOGIE DELLE PROVE DI VERIFICA UTILIZZATE Le verifiche sono avvenute fondamentalmente attraverso forme di produzione orali e scritte. Sono state curate verifiche orali, per quanto possibile, a scadenza mensile e sono state effettuate prove scritte sia tradizionali come il tema, sia di nuova tipologia come l analisi testuale e il saggio breve. A disposizione della commissione sono depositate in segreteria i seguenti esempi delle prove: N. 6 compiti in classe: saggi brevi, analisi testuale, temi di ordine generale. CRITERI DI VALUTAZIONE DEL PROFITTO ORALE: Conoscenza specifica dell argomento. Padronanza dei contenuti e abilità di soluzione dei problemi proposti. Organicità e coerenza del discorso. Abilità di tipo critico, riflessivo argomentativo Padronanza della lingua italiana. Conoscenza ed utilizzo della terminologia specifica. Vedasi Standard di valutazione d istituto (presenti nella parte generale del Documento) 14

15 LICEO CLASSICO TOMMASO FAZELLO Anno scolastico 2013/2014 All. A PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE V D DOCENTE FRISCIA FRANCESCA L età della Restaurazione e delle lotte per l indipendenza: il Romanticismo. Il contesto storico-politico ed economico; le riviste, gli intellettuali, la filosofia, l immaginario, le poetiche, la questione della lingua. Il Romanticismo Italiano e la polemica classicoromantica. ALESSANDRO MANZONI. La funzione storica e l importanza dei Promessi Sposi. Gli Inni Sacri. Gli scritti di poetica. Le tragedie. Le Odi. Dal Fermo e Lucia ai Promessi Sposi. Incontro con il romanzo: la scrittura e l interpretazione. Testi: - LETTERA A CESARE D AZEGLIO SUL ROMANTICISMO - Da LE ODI: Il cinque maggio - Da ADELCHI: Il coro dell atto IV - I PROMESSI SPOSI: approfondimento tematico Ermengarda, Lucia e Gertrude. GIACOMO LEOPARDI La formazione. Il sistema filosofico leopardiano. La poetica. Lo Zibaldone. Le operette morali. I Canti: la scrittura e l interpretazione. Testi: - Da I CANTI: La sera del dì di festa L infinito Alla luna A Silvia Il sabato del villaggio Il canto notturno di un pastore errante dell Asia La ginestra (in sintesi) - Da LE OPERETTE MORALI: Dialogo della Natura e di un Islandese. Il Realismo in Europa. La Scapigliatura milanese. L Età del Positivismo: Naturalismo francese e Verismo italiano. GIOVANNI VERGA La formazione, la poetica, l ideologia. La rivoluzione tematica e stilistica. Dalla fase romantica all adesione al Verismo. Le novelle. I Malavoglia e Mastro-don Gesualdo. Testi: - Da VITA DEI CAMPI: Rosso Malpelo La lupa - Da I MALAVOGLIA: La prefazione L addio di Ntoni 15

16 Caratteri generali del Decadentismo: estetismo e simbolismo. GIOVANNI PASCOLI La poetica del fanciullino e l ideologia piccolo-borghese: dal socialismo alla fede umanitaria. La visione del mondo. Il simbolismo e il mito della famiglia. Testi: - Il fanciullino - Da MYRICAE: Novembre X Agosto L assiuolo Lavandare Temporale Lampo Tuono - Da CANTI DI CASTELVECCHIO Il gelsomino notturno GABRIELE D ANNUNZIO La vita inimitabile di un mito di massa. L ideologia e la poetica. Dall estetismo al superuomo. I romanzi: Il Piacere; Le vergini delle rocce. Le Laudi: Alcyone. Testi: - Da CANTO NOVO: O falce di luna calante - Da IL PIACERE: Il ritratto di Andrea Sperelli - Da LE VERGINI DELLE ROCCE: Il programma politico del superuomo - Da ALCYONE: La pioggia nel pineto L età dell Imperialismo. Le avanguardie: caratteri generali. Crepuscolarismo e Futurismo. Espressionismo, Dadaismo e Surrealismo. FILIPPO TOMMASO MARINETTI Primo Manifesto di fondazione del Futurismo ITALO SVEVO La visione del mondo, la cultura e la poetica. Caratteri dei romanzi sveviani: vicenda, temi e soluzioni formali in Una vita. Senilità: un quadrilatero perfetto di personaggi. La Coscienza di Zeno, grande romanzo d avanguardia. Testi: - Da LA COSCIENZA DI ZENO Lo schiaffo del padre LUIGI PIRANDELLO La cultura letteraria, filosofica e psicologica. Il relativismo. L umorismo. I personaggi e le maschere nude, la forma e la vita. Le novelle: dall umorismo al surrealismo. Il fu Mattia Pascal. Sei Personaggi in cerca d autore. Testi: - Da L UMORISMO L arte epica compone, quella umoristica scompone (parte II, cap. VI) La forma e la vita (parte II, cap. V) La differenza tra umorismo e comicità: l esempio della vecchia imbellettata (parte II, 16

17 cap. II) - Da NOVELLE PER UN ANNO Il treno ha fischiato - Da IL FU MATTIA PASCAL Adriano Meis e la sua ombra (cap. XV) Pascal porta i fiori alla sua tomba (cap.xviii) Lo strappo nel cielo di carta (cap. XII) - Da SEI PERSONAGGI IN CERCA D AUTORE L irruzione dei personaggi sul palcoscenico Da svolgere: GIUSEPPE UNGARETTI La religione della parola: la formazione, la poetica. Testi: - Da L ALLEGRIA San Martino del Carso Veglia Mattina Soldati EUGENIO MONTALE La sua centralità nel canone poetico del Novecento. Ossi di seppia come romanzo di formazione. Testi: - Da OSSI DI SEPPIA Non chiederci la parola Spesso il male di vivere ho incontrato DIVINA COMMEDIA (PARADISO) Canti, I-III-VI ( vv ; vv ; vv ; vv ) -XI-XVII -XXXIII Sciacca 13/05/2014 Firma del docente (F.to prof.ssa Friscia Francesca) Gli alunni: 17

18 Liceo Classico Statale T. Fazello - Sciacca (AG) ALL. A PROGRAMMA DI LATINO Prof.ssa Luisa Indelicato Anno Scolastico 2013/2014 Classe V D LETTERATURA L età Giulio-Claudia: contesto storico e culturale: C. Rufo. V. Massimo. Seneca il Retore. La favola e Fedro Seneca biografiche Dialoghi Trattati Epistulae morales ad Lucilium Apokolokyntosis Tragedie Lo stile Lucano Notizie biografiche Pharsalia: la nuova epica; i personaggi Lo stile La satira: caratteristiche del genere Persio Notizie biografiche Satire Il moralismo e i caratteri delle Satire Petronio e il romanzo Notizie biografiche Satyricon: trama, modelli, tecnica narrativa, temi, personaggi e lingua L età dei Flavi: il contesto storico-culturale L epica di età flavia Valerio Flacco Notizie biografiche Argonautica: argomento, personaggi e caratteristiche L epigramma: Marziale Notizie biografiche L opera Poetica, modelli, tecnica compositiva e stile Plinio il Vecchio Notizie biografiche Una vita intensa tra otium e negotium Naturalis historia Quintiliano Notizie biografiche Institutio oratoria La pedagogia e l oratore ideale Dall esperienza dinastica al principato adottivo: contesto storico e culturale Giovenale Notizie biografiche 18

19 L opera: la poetica dell indignatio delle prime satire e la rassegnazione delle ultime satire Lo stile e la lingua Svetonio: le biografie Plinio il Giovane Notizie biografiche Il Panegirico a Traiano e l epistolario Modelli e stile Tacito Notizie biografiche Agricola Germania Dialogus de oratoribus Historiae Annales Concezione e prassi storiografica Lo stile Il pessimismo L età di Adriano e degli Antonini: contesto storico-culturale Da svolgere: Apuleio Notizie biografiche Opere filosofiche Apologia Florida Metamorfosi: l avventura di Lucio-l asino e la novella di Amore e Psiche La lingua e lo stile Nascita e diffusione del Cristianesimo: l Apologetica Dai Severi alla Tetrarchia Le prime espressioni letterarie dell Occidente cristiano: gli Acta martyrum e le Passiones ISant Ambrogio, San Girolamo, Sant Agostino ( in breve) CLASSICO Servi sunt. Immo homines (Ep. 47,1-5) De Brevitate Vitae par. 1-5 Quintiliano, fondatore della scienza pedagogica Il ruolo dei genitori nel processo formativo dei figli (I, 1,6-7) Le virtù del maestro ideale Marziale Medico o becchino Tra Taide e Quinto Un decalogo per vivere felici Tacito Il matricidio (Ann. XIV) cap. 3 e 8 ANTOLOGIA IN TRADUZIONE ITALIANA Fedro Il rapporto con Esopo ( Prologus) Il lupo e l agnello Il soldato e la vedova (Appendix Perottina 15) Lucano Un orrendo rito magico (Pharsalia, VI, ) 19

20 Petronio Trimalchione entra in scena (Satyricon, 32-33; 34, 5-10) La matrona di Efeso (Satyricon, ) Valerio Flacco Medea vista da Valerio Flacco (VII, 1-22) Marziale La mia pagina ha il sapore dell uomo Medico o becchino? Petit gemellus La vita felice L epigramma per la piccola Erotion (V, 34) Plinio il Vecchio Descrivo la natura cioè la vita ( Praef ) Quintiliano Il professore ideale (Institutio Oratoria: I, 2, 4-15) Pregi e difetti del sistema scolastico (Institutio Oratoria: I, 2; 4; 6-8;18-24) Giovenale Satira VI: La meretrix Augusta Plinio il Giovane La morte di Plinio il Vecchio (Ep. 6,16, 13-22) L affabilità di Traiano (Pan. 4, 1-7) I primi cristiani in Asia Minore (Epist. X, 96-97) Tacito Nunc demum redit animus (Agricola, 3) Un popolo incontaminato (Germania, 4) I boni mores dei Germani (Germania, 17-18) Affronto un opera densa di eventi, di lotte, di atrocità (Hist. I, 1-3) Da svolgere: Apuleio Proemio (Met. I, 1) Amore e Psiche (in sintesi) Lucio si trasforma in asino ( Met, 3, 24-26) MATERIALI DIDATTICI Genius loci- Mortarino Reali- Turazza- Loescher Auctorum lectio, G. Casillo, R. Urrano, LOFFREDO EDITORE, vol. 3 Latino Italiano, M. Anzani, M. Motta, Minerva Scuola Sciacca, 13 maggio 2014 L insegnante (Prof.ssa Luisa Indelicato) Gli alunni 20

21 Liceo Classico Statale T. Fazello - Sciacca (AG) ALL. A PROGRAMMA DI GRECO Prof.ssa Luisa Indelicato Anno Scolastico Classe V D LETTERATURA L Età ellenistica e i regni ellenistici: contesto storico-culturale La nuova figura dell intellettuale e il suo rapporto con il potere La Commedia di mezzo e nuova Menandro: Notizie biografiche Le opere (Il bisbetico; La ragazza tosata; L arbitrato; Lo scudo; La ragazza di Samo) Tematiche, lingua e stile Callimaco: un poeta intellettuale e cortigiano Notizie biografiche Le opere (Gli Aitia; I Giambi; Gli Inni; L Epillio Ecale; Gli Epigrammi) La poetica e lo stile Teocrito e la poesia bucolica Notizie biografiche Il Corpus teocriteo I caratteri e lo stile della poesia di Teocrito Apollonio Rodio Notizie biografiche Le Argonautiche: fra tradizione e modernità; personaggi e ideologia dell autore L Epigramma Origine e sviluppo dell epigramma; le scuole L Antologia Palatina Leonida Anite Nosside Asclepiade Meleagro Eroda e i mimiambi Caratteri generali della storiografia ellenistica: Gli storici di Alessandro La storia nell età dei Diadochi Polibio Notizie biografiche Le storie: genesi e contenuto la storia pragmatica la teoria delle forme di governo le ragioni dello storico lo stile 21

22 La cultura giudaico-ellenistica: l incontro di due civiltà La Bibbia dei Settanta Roma imperiale e il mondo greco: aspetti storico-culturali La retorica in epoca ellenistica L anonimo del Sublime Plutarco Notizie biografiche Vite Parallele e Moralia I caratteri e lo stile delle opere La Seconda Sofistica Da svolgere: Luciano di Samosata: Notizie biografiche Produzione del periodo neosofistico I Dialoghi La produzione romanzesca: Storia vera e Lucio o L asino Il romanzo greco e Longo Sofista La letteratura cristiana: Il Nuovo Testamento e la letteratura delle origini I Vangeli Gli Atti degli Apostoli ANTOLOGIA Letture in traduzione italiana Menandro Il Bisbetico: I turbamenti di Cnemone (Atto I, VV ); Il monologo di Cnemone (Atto III, VV ) La ragazza tosata: Il prologo di Ignoranza (Atto I, VV. 1-76) L arbitrato: La scena dell arbitrato (Atto II, VV ); Il mistero dell anello (Atto III, VV ) Lo scudo: Il Prologo: una morte apparente (Atto I, VV. 1-96) Callimaco Aitia: Prologo contro i Telchini (Fr. I, 1-38 Pfeiffer); Acontio e Cidippe (Fr. 67, 1-14; 1-77 Pfeiffer) Inni: Inno a Demetra (VV ); Per i lavacri di Pallade (VV ) Teocrito Gli idilli bucolici: Il Ciclope (XI) I mimi: Le Siracusane (XV, 1-95) Apollonio Rodio Le Argonautiche: L angoscia di Medea innamorata (III, ); Giasone eroico (III, ; ) Leonida Epitafio di se stesso (A.P. VII, 715); Gli ospiti sgraditi (A.P. VI, 302); Un destino orribile (A.P. VII, 506); L ubriacona (A.P. VII, 455) Nosside Nosside e Saffo (A.P. VII, 718) Anite Bambini e animaletti (A.P. VI, 312; VII, 202, 190) 22

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher PERCORSO DISCIPLINARE ITALIANO DOCENTE: prof.ssa Maria Siliquini DISCIPLINA: ITALIANO CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura

Dettagli

RELAZIONE FINALE DI GRECO

RELAZIONE FINALE DI GRECO Liceo Classico Statale T. Fazello - Sciacca (AG) ALL.B RELAZIONE FINALE DI GRECO Prof.ssa Vita Ciaccio Anno Scolastico 2011-2012 Classe III D OBIETTIVI In relazione al piano di lavoro curriculare sono

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. 2013/14 SCUOLA: Liceo linguistico Manzoni DOCENTE: Elena Bordin MATERIA: Italiano Classe: V Sezione: M OBIETTIVI: COGNITIVI (Conoscenze, competenze): Riconoscere i sottocodici

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

conoscere lo svolgimento della storia letteraria italiana dei secoli XIX e XX.

conoscere lo svolgimento della storia letteraria italiana dei secoli XIX e XX. ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE 5 SEZ.F INDIRIZZO scientifico PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. Marina Lugetti Italiano Langella, Frare, Gresti, Motta, Letteratura. it, ed. Bruno

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

CONOSCENZE Riconoscere i fenomeni linguistici a livello lessicale, morfologico e sintattico;

CONOSCENZE Riconoscere i fenomeni linguistici a livello lessicale, morfologico e sintattico; Istituto di Istruzione Superiore Liceo Scientifico, Liceo Classico, Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico TITO LUCREZIO CARO 35013 CITTADELLA (PD) Via Alfieri, 58 PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. : 2010

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5 C Indirizzo:

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5CSC Indirizzo:

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 3AS Indirizzo di studio Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Silvia Carminati

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 5^ AS CLASSE Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Giuliana

Dettagli

LICEO STATALE G. GUACCI

LICEO STATALE G. GUACCI LICEO STATALE G. GUACCI BENEVENTO Programmazione Didattica Modulare di Lingua e Letteratura Italiana Classe III sezione B Ind. Scienze Applicate Anno scolastico 2015 2016 Presentazione della classe: La

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE Classe 4 a C A.S. 2015/2016 Disciplina: Italiano Docente: prof. ssa Anna Schiavo Ore settimanali: quattro Libro di

Dettagli

Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Abilità dello studente

Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Abilità dello studente Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Competenze Abilità dello studente A Padroneggiare gli strumenti espressivi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 ITALIANO (BIENNIO CLASSICO E SCIENTIFICO) Obiettivi generali dell insegnamento della lingua italiana nel biennio sono: affinare le capacità espressive

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo : LICEO SCIENTIFICO MATERIA: INGLESE ANNO SCOLASTICO 2014/15 Profssa TERESA VOLGARINO

Dettagli

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO Finalità generali La consapevolezza della propria identità culturale attraverso il recupero di radici e archetipi che trovano nel mondo greco e romano le loro

Dettagli

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno*

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno* Programmazione di Dipartimento (Area 1) Lettere Programmazione di Lingua Letteratura Italiana Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico II Biennio A. S. 2013-2014 Programmazione disciplinare per anno

Dettagli

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 MATERIA ITALIANO N ore settimanali n.4 INSEGNANTE Sergio Spadoni CLASSE IV C LIVELLO DI PARTENZA Il comportamento degli allievi non è sempre corretto e disciplinato

Dettagli

Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO

Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO Finalità formative generali di tipo cognitivo I docenti di Italiano e Latino del triennio riconoscono

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE Giordano BRUNO Piano di lavoro della classe prima G A.S. 2010/2011 Docente Mariarosa MAZZA

LICEO SCIENTIFICO STATALE Giordano BRUNO Piano di lavoro della classe prima G A.S. 2010/2011 Docente Mariarosa MAZZA LICEO SCIENTIFICO STATALE Giordano BRUNO Piano di lavoro della classe prima G A.S. 2010/2011 Docente Mariarosa MAZZA OBIETTIVI IN TERMINI DI CONOSCENZE,COMPETENZE E CAPACITA La classe deve apprendere le

Dettagli

Programma delle singole materie

Programma delle singole materie Programma delle singole materie Materia: Storia dell'arte Anno scolastico 2011-2012 Libro di testo Comunicarte, Omar Calabrese, Ed. Le Monnier, (voll. 5 e 6) Altri strumenti didattici Proiettore; L.I.M.;

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. SCUOLA: CIVICO LICEO LINGUISTICO A.MANZONI DOCENTE: FABIO NUNZIATA MATERIA: ITALIANO Classe 5 Sezione H OBIETTIVI Cognitivi 1. conoscere adeguatamente le regole del

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C Insegnante : Piera Buono ITALIANO : obiettivi COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE - prestare attenzione in situazione di ascolto - individuare gli elementi

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 LICEO CLASSICO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

Programma di Storia dell'arte Docente: Silvia Verga a.s. 2014/2015

Programma di Storia dell'arte Docente: Silvia Verga a.s. 2014/2015 Programma di Storia dell'arte Docente: Silvia Verga a.s. 2014/2015 Premessa metodologica L insegnamento della Storia dell Arte mira a fare conoscere le diverse forme espressive dell arte, la cui fruizione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di LATINO DIPARTIMENTO DI LETTERE LICEO CLASSICO ANNO SCOLASTICO 2013-14

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di LATINO DIPARTIMENTO DI LETTERE LICEO CLASSICO ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di LATINO DIPARTIMENTO DI LETTERE LICEO CLASSICO ANNO SCOLASTICO 2013-14 Triennio Questa programmazione è stata elaborata dal Dipartimento di Greco-Latino, tenuti presenti il D.P.R.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15 PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 04-5 Competenze previste Abilità dello studente Conoscenze sapersi orientare sui concetti generali relativi alle istituzioni statali,

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

FRACCOLA DOMENICO IV A SCIENTIFICO MATEMATICA

FRACCOLA DOMENICO IV A SCIENTIFICO MATEMATICA MOD01P-ERGrev5 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE A.S. 2013/014 Pag 1 di 8 Docente Classe Sezione Indirizzo Disciplina FRACCOLA DOMENICO IV A SCIENTIFICO MATEMATICA Composizione della classe Alunni ripetenti

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LETTERE AL GINNASIO Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno: aver raggiunto una conoscenza adeguata

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

Istituto di istruzione secondaria di II grado - Bressanone

Istituto di istruzione secondaria di II grado - Bressanone Istituto di istruzione secondaria di II grado - Bressanone Anno scolastico 2015 / 2016 Piano di lavoro individuale LICEO "Dante Alighieri" Classe: V LICEO linguistico e scientifico Insegnante: ZERBI Raffaella

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e conoscenze su aspetti del passato. CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Individuazione delle parole del tempo (prima, dopo, poi, infine, mentre ). Individuazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSI SECONDE SA

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSI SECONDE SA PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSI Monte ore annuo 132 66 MODULO DI RACCORDO MODULO DI RACCORDO Il testo poetico: introduzione Il tramonto della Repubblica OBIETTIVI OBIETTIVI Gli obiettivi

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri PROGETTAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE IV SEZIONE A DISCIPLINA: Lingua e Cultura Latina DOCENTE:

Dettagli

DIPARTIMENTO DI STORIA DELL'ARTE Programmazione disciplinare triennio

DIPARTIMENTO DI STORIA DELL'ARTE Programmazione disciplinare triennio DIPARTIMENTO DI STORIA DELL'ARTE Programmazione disciplinare triennio Classi: terze indirizzo classico, linguistico e scienze umane Prendere consapevolezza del valore estetico dell'opera d'arte nelle varie

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI

FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI CLASSE I LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE A.S.2015/2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F LICEO SCIENTIFICO STATALE G. CASTELNUOVO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F Testi adottati: Corrado Bologna, Paola Rocchi, Rosa fresca aulentissima, ed.loescher (vol.4-5-6)

Dettagli

CONTENUTI 3. IL ROMANZO DA CERVANTES ALLA NARRATIVA DELL OTTOCENTO CONOSCENZE

CONTENUTI 3. IL ROMANZO DA CERVANTES ALLA NARRATIVA DELL OTTOCENTO CONOSCENZE LICEO ARTISTICO P. GOBETTI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 CLASSE IV B INSEGNANTE: CINZIA BELTRAMI PROGRAMMAZIONE ITALIANO Consolidare la conoscenza della lingua italiana Conoscere le coordinate storico-culturali

Dettagli

Programmazione pedagogico-didattica per. l insegnamento della Religione Cattolica. Secondo Biennio e Quinto Anno

Programmazione pedagogico-didattica per. l insegnamento della Religione Cattolica. Secondo Biennio e Quinto Anno Programmazione pedagogico-didattica per l insegnamento della Religione Cattolica Secondo Biennio e Quinto Anno Anno scolastico 2012/2013 Docente referente: Prof.ssa A. Graziella Lobina PROGRAMMAZIONE DI

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI"

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI" Indirizzi: Scienze applicate- Scienze umane- Economico-sociale - Linguistico- Classico-Musicale Via Roma, 66-81059 VAIRANO PATENORA-SCALO (CE) Tel.-fax- 0823/988081

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO: LINGUISTICO CLASSE: V MATERIA: FILOSOFIA Modulo n 1 KANT E LA FILOFOFIA CRITICA Il significato del criticismo come filosofia del limite. La Critica

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE GEOMETRI -TURISMO P. BRANCHINA - A D R A N O -

ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE GEOMETRI -TURISMO P. BRANCHINA - A D R A N O - ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE GEOMETRI -TURISMO P. BRANCHINA - A D R A N O - ALL. A RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE MATERIA RELIGIONE CATTOLICA Prof. DORIA MARIA DOLORES classe e indirizzo V B GEOMETRA

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri PROGETTAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE III SEZIONE A DISCIPLINA: Lingua e Letteratura Italiana DOCENTE:

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Via Saint Denis 200 20099 Sesto San Giovanni Tel.: 02.26224610/16/10 Fax 02.2480991 Sito: www.iisdenicola.it - e_mail uffici: info@iisdenicola.it Anno scolastico: 2013/2014

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. Situazione iniziale Anno Scolastico

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

Conoscenze, abilità e competenze. Saper collocare. fatti nel tempo e nello spazio;conoscere il contesto storico in cui nasce la letteratura

Conoscenze, abilità e competenze. Saper collocare. fatti nel tempo e nello spazio;conoscere il contesto storico in cui nasce la letteratura Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BUCCARI MARCONI Indirizzi: Trasporti Marittimi / Apparati ed Impianti

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI E LETTERE BIENNIO ITALIANO e 3. lavoro individuale 4. lavoro di gruppo 5. laboratorio di lettura e scrittura 6. correzione sistematica collettiva e individualizzata degli esercizi eseguiti a casa e delle

Dettagli

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE N. 1 INDICAZIONI PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEI LICEI (in riferimento

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO CLASSI PRIME Conoscenze Il sistema e le strutture fondamentali della lingua italiana ai diversi livelli: fonologia, ortografia, morfologia, sintassi del verbo. Le strutture della

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

PROGRAMMA di Storia dell Arte. Prof. Carlo Bianchi

PROGRAMMA di Storia dell Arte. Prof. Carlo Bianchi ESAMI DI STATO SESSIONE ORDINARIA 2012/2013 CLASSE V SEZIONE B. PROGRAMMA di Storia dell Arte Prof. Carlo Bianchi Libro/i di testo in adozione: Itinerario nell Arte. Autori: Cricco-Di Teodoro Editore:

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero. Piano di lavoro di FILOSOFIA

Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero. Piano di lavoro di FILOSOFIA Liceo delle Scienze Umane Alessandro da Imola /Imola Anno scolastico 2013/14 Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero Piano di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Istituto Statale d'istruzione Superiore R.FORESI LICEO CLASSICO LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENZE UMANE FORESI ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO BRIGNETTI ISTITUTO ALBERGHIERO E DELLA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA

L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA Che cos è L indirizzo si caratterizza per lo studio delle lingue straniere in stretto collegamento con il latino e l italiano. L obiettivo primario è far acquisire

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE I.I.S. Federico II di Svevia PROGRAMMAZIONE DI CLASSE a. s. 2013-2014 classe VB docente coordinatore Prof.ssa Teresa CARUSO La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI PROGRAMMAZIONE PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE A. S. 2009/2010 Fisica Classe quinta C liceo Ore annuali: DOCENTE: Giorgio Follo Obiettivi disciplinari Conoscenze Elettromagnetismo: teoria e semplici applicazioni.

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE VITRUVIO POLLIONE FORMIA. a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO ANNUALE STORIA E GEOGRAFIA. Docente : Giuliano Maria

LICEO CLASSICO STATALE VITRUVIO POLLIONE FORMIA. a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO ANNUALE STORIA E GEOGRAFIA. Docente : Giuliano Maria LICEO CLASSICO STATALE VITRUVIO POLLIONE FORMIA a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO ANNUALE STORIA E GEOGRAFIA Classe V sez. C Docente : Giuliano Maria Per gli OBIETTIVI GENERALI e la VALUTAZIONE, si fa riferimento

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

PROGRAMMA PREVENTIVO

PROGRAMMA PREVENTIVO COD. Progr.Prev. PAGINA: 1 PROGRAMMA PREVENTIVO A.S. 2014/2015 SCUOLA Civico Liceo linguistico A.Manzoni DOCENTE: Olivia Maneo MATERIA: Storia dell Arte Classe 5 SezioneHL 800 Il Romanticismo. Europa romantica.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

PIANO DI LAVORO. Prof. ssa MARIA RITA BRANCIFORTE STORIA CLASSE V SEZIONE CLM

PIANO DI LAVORO. Prof. ssa MARIA RITA BRANCIFORTE STORIA CLASSE V SEZIONE CLM Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. ssa

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Ketti Demo Disciplina Storia Classe II Sezione A n. alunni 23 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO https://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/.. 1 di 5 26/01/2015 14.06 PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE G. MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. - SCIENTIFICO BROCCA CLASSICO - SOCIO PSICOPEDAGOGICO Via Togliatti 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371 - FAX

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO

PROGRAMMA DI ITALIANO LICEO SCIENTIFICO "A. EINSTEIN" ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE V C Prof. Paolo Albergati PROGRAMMA DI ITALIANO Testo in adozione: G. Baldi, S. Giusso, M. Razetti, G. Zaccaria, La letteratura, Paravia,

Dettagli

Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie?

Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie? Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie? A cura dell I.I.S.S. di LERCARA FRIDDI A.S.2013-2014 Progetto P.O.F. UNA BUSSOLA PER ORIENTARSI! DOCENTE: Terrasi Francesca Nuovo impianto organizzativo

Dettagli

Protocollo dei saperi imprescindibili a.s. 2012-2013 Ordine di scuola: professionale Indirizzi Servizi Commerciali

Protocollo dei saperi imprescindibili a.s. 2012-2013 Ordine di scuola: professionale Indirizzi Servizi Commerciali INDICE PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 1 P. 2 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 2 P. 3 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 3 P. 4 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 4 P. 5 PROTOCOLLO

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ITALIANO BIENNIO Il Liceo Classico promuove lo sviluppo e l approfondimento delle quattro abilità di base (ascolto, lettura, rielaborazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: V B Indirizzo:

Dettagli

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Allegato 8 PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Scuola Primaria PERCORSI FORMATIVI E CRITERI DI VALUTAZIONE Il Piano Educativo e Didattico d Istituto (P.E.D.) è la programmazione dei percorsi formativi

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI RELIGIONE hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw CATTOLICA ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 CLASSE III L Indirizzo Linguistico COORDINATORE: JESSICA NARDO 1. COMPONENTI DEI CONSIGLI DI CLASSE DOCENTE Lanza Saragene Filippo

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Paciolo D Annunzio. liceo classico - liceo linguistico - liceo scientifico

Paciolo D Annunzio. liceo classico - liceo linguistico - liceo scientifico Paciolo D Annunzio liceo classico - liceo linguistico - liceo scientifico Sede 2 Sede: Via Alfieri 43036 Fidenza(PR) tel +039 0524 526102 www.paciolo-dannunzio.gov.it VISITE GUIDATE (su prenotazione) MICROSTAGE

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

INDIRIZZO CLASSICO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE A.S. 2015 / 2016

INDIRIZZO CLASSICO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE A.S. 2015 / 2016 Istituto Statale d'istruzione Superiore R.FORESI LICEO CLASSICO LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENZE UMANE FORESI ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO BRIGNETTI ISTITUTO ALBERGHIERO E DELLA

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE Via Togliatti 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371 - FAX 5544315 e-mail:gveronese@legalmail.it

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B

PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B LICEO SCIENTIFICO STATALE PIETRO SETTE SANTERAMO IN COLLE A.S. 2011/12 PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B Libri di testo adottati: R. Luperini - P. Cataldi - L. Marchiani - F. Marchese, La

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ARTE E IMMAGINE DOCENTE: NOVERO MARIA TERESA

ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ARTE E IMMAGINE DOCENTE: NOVERO MARIA TERESA ISTITUTO COMPRENSIVO CIRIE II SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO DI SAN CARLO C. ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ARTE E IMMAGINE DOCENTE: NOVERO MARIA TERESA Premessa Lo studio della disciplina

Dettagli