ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE ENRICO TOSI - BUSTO ARSIZIO DOCUMENTO FINALE DI PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE. classe QUINTA sez.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE ENRICO TOSI - BUSTO ARSIZIO DOCUMENTO FINALE DI PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE. classe QUINTA sez."

Transcript

1 ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE ENRICO TOSI - BUSTO ARSIZIO DOCUMENTO FINALE DI PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE classe QUINTA sez. AF CLIL Indirizzo: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING Composizione del Consiglio di classe RELIGIONE MARTINI GEDEONE ED. FISICA GRISONI LAURA ITALIANO CHIOCCHI NADIA STORIA CHIOCCHI NADIA INGLESE L1 REINA RITA FRANCESE L2 LUPI BARBARA TEDESCO L2 DENNA GIULIA SPAGNOLO L2 FRINGUELLINO SARA MATEMATICA TORRENTE GIANLUCA DIRITTO ECONOMIA BRUN ORNELLA POLITITICA ECONOMA AZIENDALE BENEDETTI FRANCESCA ARC MAGNOLI ROBERTO Specificità dell indirizzo di studio Indirizzo Amministrazione, finanza e marketing Struttura del curricolo Gli indirizzi sviluppano modelli organizzativi e curricolari flessibili. Tra le sue caratteristiche peculiari si segnalano in particolare: - un impianto disciplinare organizzato per Unità Tematiche al fine di evidenziare i nuclei fondanti delle diverse aree disciplinari, facilitare il conseguimento di competenze interdisciplinari, rendere trasparenti e certificati i percorsi; - la definizione di un monte ore triennale per ogni disciplina. L Istituto ha stabilito la collocazione delle discipline nell arco del secondo biennio e del quinto anno, secondo criteri stabiliti in coerenza con il profilo culturale e professionale dell indirizzo di studi. Per tutti gli indirizzi il curricolo è stato articolato in un Area comune, per un monte ore triennale di 1485 ore e un Area di indirizzo, per un monte ore triennale di 1683 ore, in cui vengono introdotte discipline specifiche: l ultimo anno è caratterizzato dalle discipline che maggiormente concorrono

2 alla definizione della figura in uscita. La caratterizzazione dell Indirizzo Amministrazione, finanza e marketing L indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing sviluppa competenze connesse alla gestione dei sistemi aziendali e potenzia le capacità di coordinare i rapporti tra l azienda e l ambiente in cui si opera. Lo studente di Amministrazione, finanza e marketing è in grado di: - operare nell ambito dell organizzazione, della programmazione, dell amministrazione, della finanza e del controllo aziendale con particolare attenzione alle dinamiche del territorio - utilizzare gli strumenti del marketing - comunicare con linguaggi appropriati e con codici diversi - comunicare in due lingue straniere anche su argomenti tecnici - utilizzare le tecnologie e i programmi informatici dedicati alla gestione amministrativofinanziaria. L indirizzo distingue tra Area Comune e di Area di Indirizzo. Nella prima Area si collocano discipline che in sede di progettazione prestano particolare attenzione agli aspetti comunicativi e ai settori dell indirizzo, fatti salvi elementi di conoscenza, abilità e competenza irrinunciabili per la disciplina. Nella seconda si collocano invece discipline che più specificamente costruiscono la figura in uscita in rapporto alle finalità del presente progetto. Quadro orario Quadro orario Amministrazione, Finanza e Marketing Secondo biennio 3^ anno 4^ anno Lingua e letteratura italiana Lingua inglese Storia, Cittadinanza e Costituzione Matematica Scienze Motorie e sportive RC o attività alternative Totale ore area comune Seconda lingua straniera Economia aziendale Informatica 2 2 Diritto 3* 3* 3 Economia politica 3* 2* 3 Totale ore area indirizzo Totale ore Quinto anno

3 * Le ore di diritto ed economia politica sono accorpate secondo la seguente scansione: 6 ore di diritto nel terzo anno 5 ore di economia politica nel quarto anno Evoluzione della classe nel triennio (in relazione alla composizione numerica e agli aspetti didattici) La classe è stata formata nel triennio da studenti provenienti dal Biennio dell Orientamento Anno 2012/13 iscritti n. 31 Anno 2013/14 iscritti n. 31 Anno 2014/15 iscritti n. 31 Permanenza del corpo docente Nel corso del triennio, il corpo docente è stato stabile a eccezione della lingua inglese e delle seconde lingue straniere che hanno visto la presenza di nuovi insegnanti nel corso del triennio. Profilo comportamentale della classe e profitto conseguito La classe appare consapevole dell utilità del lavoro scolastico. Il rapporto tra studenti e insegnanti è stato corretto. L attenzione in aula e il senso di responsabilità della maggioranza degli alunni hanno favorito un clima di lavoro regolare e disciplinato, anche se certamente con esiti diversificati in relazione alle personali potenzialità degli studenti e al diverso grado di impegno degli stessi nel lavoro domestico. Alcuni alunni possono vantare un curriculum eccellente: hanno, infatti, interagito in modo autonomo e attivo nell arco dell intero triennio, consolidando valide competenze sia per quanto riguarda gli aspetti umanistici e linguistici sia per quanto riguarda l ambito giuridico-economico di indirizzo. Diversi allievi hanno senz altro compiuto un percorso di maturazione, giungendo a risultati complessivamente discreti, ottenuti grazie a un impegno consapevole. Questi allievi sanno, infatti, applicare con una certa sicurezza le abilità acquisite in situazioni nuove e semplici, non riportano in modo pedissequo i contenuti, ma sanno filtrarli con una certa consapevolezza e autonomia di giudizio. Altri studenti, che all inizio del percorso non avevano ancora sviluppato un metodo di studio organizzato, hanno progressivamente migliorato impegno e profitto, raggiungendo accettabili in tutte le discipline. Buona parte degli studenti ha evidenziato uno spiccato interesse per l ambito giuridico-aziendale e logico matematico, nonché per le lingue straniere e quest ultimo aspetto si è espresso anche in una notevole motivazione alla partecipazione alle attività internazionali. Appare evidente dalla lettura del documento che questo gruppo di allievi, a partire dalla classe terza, è stato coinvolto in una serie di attività che ha permesso loro di arricchire il proprio curriculum e la propria formazione personale con una molteplicità di esperienze di apprendimento fuori dall aula. Anche gli studenti in situazioni meno favorevoli o di carattere più timido hanno risposto sempre con entusiasmo alle iniziative proposte dall Istituto. Il Consiglio di classe ha sempre ritenuto queste iniziative un opportunità straordinaria di crescita non solo nel ruolo di studenti, ma anche in quello di persone e cittadini consapevoli. Si è ritenuto di favorire pertanto questo approccio didattico che è stato reso possibile dal rendimento di profitto e dalla disponibilità a svolgere un attività didattica che è stata necessariamente concentrata nel tempo.

4 LINEA DIDATTICA Sono state scelte le seguenti linee didattiche: - la didattica per competenze (in prevalenza monodisciplinare) che ha consentito di dare il massimo grado di elasticità e flessibilità all'insegnamento. - il ricorso a sostegno e\o recupero in itinere, che ha permesso il raggiungimento degli obiettivi prefissati attraverso la realizzazione di interventi calibrati sui tempi di apprendimento e sui bisogni formativi di ciascun alunno. Le modalità del recupero delle carenze sono state individuate in un sistema di sostegno tramite sportello pomeridiano di consulenza, ogni qualvolta nel corso degli ultimi tre anni ciò sia stato reso possibile dalla presenza di fondi finalizzati, a supporto e a integrazione della normale azione didattica e del recupero in itinere. Le modalità della valutazione Una delle caratteristiche del corso di studi è l organizzazione per competenze dei curricoli. È in atto a livello di istituto una didattica orientata allo sviluppo di competenze, ispirata ai principi del framework europeo delle competenze e fondata, oltre che sull acquisizione di conoscenze, sullo sviluppo di abilità calate in contesti concreti di operatività. Tale didattica ha imposto un adeguamento del sistema valutativo, che si è orientato alla rilevazione del possesso delle competenze di base disciplinari e a quelle di cittadinanza, a esse complementari; pertanto gli strumenti di misurazione e valutazione di percorso si sono ampliati e diversificati, per offrire allo studente una più ampia gamma di possibilità di applicazione dei saperi. In tal senso risulta importante la verifica di una progressione nell acquisizione delle abilità connesse alle competenze individuate in termini di obiettivi didattici fondamentali. Dopo la fine del primo quadrimestre si è effettuata nel secondo biennio una sessione di prove comuni su competenze di base, in primo luogo per testare gli allievi in relazione agli standard dell istituto e in secondo luogo per offrire agli studenti una prima occasione di confronto su prove condivise a livello di dipartimenti disciplinari, che presentassero dunque un maggior tasso di obiettività. Nella successiva parte dell anno scolastico si è preferito puntare maggiormente sul potenziamento delle competenze tramite l esercitazione e la pratica a livello di classe e individuale, testando gli alunni sulla base di prove configurate in connessione con i percorsi specifici. La valutazione ha fatto dunque riferimento a descrittori di competenza e di abilità, misurati in livelli nella valutazione di percorso, i quali si traducono in voti numerici sulla base della seguente corrispondenza: CORRISPONDENZA LIVELLO/VOTO LIVELLO VOTO I livelli sono fasce di prestazione; l indicazione della corrispondenza con il voto, dunque, non è da

5 intendersi in modo meccanico, ma come risultato di un attento e più articolato processo di valutazione. Recupero delle competenze Nella progettazione delle Unità Tematiche ogni disciplina ha fissato in itinere le attività di recupero e di approfondimento. Durante il corso di studi è stato offerto agli studenti, quando le risorse economico specificatamente allocate lo hanno consentito, uno sportello sulle discipline fondanti e/o che hanno manifestato solitamente risultati sensibilmente problematici in forma di attività di sostegno organizzate per disciplina (non per classe) con la presenza di un insegnante in qualità di consulente. In assenza di fondi, si è provveduto soprattutto tramite recupero in itinere. Competenze di cittadinanza e obiettivi trasversali alle discipline Nella valutazione di fine anno si è tenuto conto, oltre che dei risultati delle singole materie, anche dello sviluppo di competenze chiave di cittadinanza, che risultano trasversali all impianto disciplinare e che mirano a operare sull impianto educativo dell offerta formativa. In particolare si è operato sulle seguenti competenze di cittadinanza, che sono state tenute sotto osservazione anche nei momenti valutativi periodici (quadrimestri) e sulle quali si è espressa una valutazione descrittiva in livelli, come da tabella sotto riportata: COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA Competenze non cognitive rilevate nel corso di tutta l attività didattica e classificate periodicamente dai singoli docenti nel registro personale. COLLABORARE E PARTECIPARE livello 6: interagisce in gruppo comprendendo i diversi punti di vista, valorizzando le proprie e le altrui capacità livello 5: interagisce in gruppo comprendendo i diversi punti di vista, valorizzando le proprie capacità livello 4: interagisce in gruppo comprendendo i diversi punti di vista livello 3: non sempre interagisce nel gruppo in maniera funzionale alle attività proposte livello 2: non interagisce nel gruppo in maniera funzionale e corretta livello 1: non interagisce nel gruppo e non collabora affatto alle attività IMPARARE A IMPARARE; livello 6: organizza in modo pienamente adeguato alle situazioni proposte il proprio apprendimento e attua un metodo di studio corretto e funzionale livello 5: organizza in modo adeguato il proprio apprendimento nella maggior parte delle situazioni proposte e attua un metodo di studio corretto livello 4: organizza in modo sufficientemente adeguato il proprio apprendimento e attua un metodo di studio nel complesso accettabile livello 3: non è pienamente autonomo nell organizzazione del proprio apprendimento e attua un metodo di studio discontinuo livello 2: non sa organizzare i propri apprendimenti in molte situazioni e attua un metodo di studio complessivamente inefficace livello 1: non sa organizzare i propri apprendimenti e attua un metodo di studio del tutto inefficace e improduttivo

6 AGIRE IN MODO AUTONOMO E RESPONSABILE; livello 6: sa inserirsi in modo attivo e consapevole nella vita sociale e far valere i propri diritti riconoscendo al contempo quelli altrui, nel rispetto delle regole livello 5: sa inserirsi in modo consapevole nella vita sociale e rispetta le regole livello 4: sa agire nella dimensione sociale in modo sufficientemente responsabile e rispetta le regole fondamentali livello 3: non sempre sa inserirsi in modo responsabile e talora non rispetta le regole livello 2: non agisce con adeguata consapevolezza della dimensione sociale e spesso non rispetta le regole livello 1: adotta atteggiamenti eccessivamente individualistici e non rispetta le regole Cittadinanza e Costituzione I docenti di Italiano, inglese, francese e spagnolo hanno affrontato con gli alunni il tema dell emigrazione e immigrazione. Si sono ripercorsi gli eventi che hanno coinvolto gli italiani a partire dall Ottocento, dedicando particolare attenzione alla situazione di quei paesi che alcuni alunni hanno visitato in occasione degli scambi internazionali (Canada e Uruguay), fino ad arrivare all analisi della situazione che oggi coinvolge l Italia nella gestione delle migrazioni nell'area del Mediterraneo. Credito scolastico e formativo Una volta determinata la fascia entro cui attribuire il credito scolastico sulla base della media ottenuta nelle diverse discipline, verranno prese in considerazione, per l attribuzione di quest ultimo, le seguenti voci: il voto di condotta, la media dei voti, le attività complementari e integrative, la partecipazione con interesse e profitto all IRC o Attività Alternativa, il credito formativo; per il credito formativo verranno prese in considerazione le certificazioni esterne relative ad attività sociali, culturali ed educative, corsi di formazione, purché attinenti ai contenuti e alle abilità delle diverse aree disciplinari (volontariato con percorso di formazione e impegno continuativo, sport agonistico almeno a livello regionale, studio e pratica di uno strumento musicale, attività lavorative solo se pertinenti all indirizzo di studio; altre certificazioni informatiche, linguistiche e di carattere professionale). Preparazione all esame Per la preparazione della prima e seconda prova sono state effettuate delle simulazioni, secondo il calendario di seguito riportato. Nel corso dell anno gli alunni hanno svolto prove che, pur con i dovuti adeguamenti richiesti dal tempo più limitato, hanno rispecchiato la tipologia richiesta dall Esame di stato. Per la preparazione alla terza prova scritta, si sono realizzate nel corso dell'anno due simulazioni, somministrando per le 4 discipline 3 quesiti a risposta singola (tipologia B), mirati, nel caso delle lingue straniere, alla comprensione di un breve testo assegnato. Le discipline coinvolte nelle simulazioni sono state Inglese, Diritto o Scienze delle finanze, Matematica e Seconda lingua. Per la valutazione delle prove si è scelto di assegnare un punteggio per ogni disciplina secondo la stessa scala di valutazione e successivamente di farne la media, pervenendo ad un'unica valutazione in quindicesimi. L'esito delle simulazioni suggerisce, quindi, di predisporre la prova su 4 discipline e di dare agli studenti un tempo sufficientemente ampio per lavorare con profitto (2,30 ore nell'ipotesi appunto di 4 discipline con 3 quesiti).

7 I^ prova scritta: 6 maggio Italiano (6 h) II^ prova scritta 7 maggio Economia aziendale (6 h) III^ prova scritta 10 marzo Diritto, Inglese, Matematica, Seconda lingua (2h 30 ) 16 aprile Scienze delle finanze,inglese, Matematica, Seconda lingua (2h 30 ) Colloquio interdisciplinare Non si prevede una specifica simulazione: ogni disciplina attuerà le strategie necessarie per l acquisizione delle competenze di produzione orale. Vengono allegati i testi delle simulazioni somministrate. Attività C.L.I.L. La 5^AFClil è la terza classe dell Istituto a compiere integralmente e organicamente la sperimentazione CLIL (art. 4, punto 3 del DPR 275 dell'8 marzo 1999). Il CLIL è un approccio didattico che promuove l'educazione bilingue e prevede quindi l apprendimento integrato di discipline non linguistiche e di una lingua straniera con le seguenti finalità: - migliorare le competenze linguistiche nella lingua straniera veicolare utilizzata come strumento per apprendere e per sviluppare abilità cognitive, per acquisire contenuti (sapere) e competenze (saper fare) in un ambito disciplinare. CLIL, nella sua progettualità didattico-educativa, è learner-centred e consente la costruzione di nuove conoscenze a un alunno dinamicamente immerso in esperienze plurime di apprendimento e in contesti complessi, caratterizzati da una ricca varietà di opportunità, stimoli e risorse. Ciò è perfettamente in linea con la scuola della riforma che, ricordiamo, chiede a noi docenti di attuare il passaggio dalla linearità e pura sequenzialità della programmazione per obiettivi (tipica di un modello conservatore di insegnamento), alla reticolarità di una nuova didattica, incentrata sulla programmazione e valutazione per competenze. L insegnamento di una materia in lingua straniera, inoltre, crea un contesto di apprendimento interculturale stimola la capacità di riflessione e di ragionamento autonomo potenzia lo sviluppo di competenze trasversali, basilari in una realtà sempre più globale migliorare le competenze comunicative nella lingua straniera veicolare potenzia le competenze linguis che più spendibili in a vità pra che e professionali s mola la capacità di analisi e di confronto crea maggiore apertura e disponibilità alla mobilità nell'istruzione e nel lavoro. Nei primi due anni di studio, nel biennio unico, la maggior parte degli studenti della classe ha svolto un percorso didattico CLIL, articolato in una serie di discipline (storia, matematica, scienze materia, scienze natura, diritto-economia, TIC, informatica) insegnate in lingua inglese per almeno il 20% del monte ore annuale e per alcune discipline in lingua francese. Nel triennio il percorso didattico CLIL è proseguito all'interno dell'indirizzo AFM nelle discipline aziendali e giuridiche, matematica e storia. Le linee guida per il passaggio a nuovo ordinamento (DPR 15 marzo 2010, art.8, comma 3) prevedono per il quinto anno di tutte le classi, l insegnamento di una disciplina non linguistica in lingua veicolare. Seguendo le indicazioni riportate nelle norme transitorie del 25 luglio 2014 con nota MIURAOODGOS prot. n. 4969, in alternativa all'insegnamento di un'unica disciplina i Consigli di classe possono sviluppare progetti interdisciplinari in lingua straniera, con il coinvolgimento delle discipline d indirizzo e di alcune discipline dell area generale, avvalendosi di strategie di

8 collaborazione e cooperazione. Il Collegio Docenti individua le discipline interessate, i CdC indicano i contenuti e il monte ore programmato. Così come auspicato nella normativa, nell istituto si é formato un CLIL team che vede la collaborazione dei docenti di discipline dell area d indirizzo e di alcune discipline dell area generale con i docenti di lingua, avente lo scopo di sostenere la progettazione delle attività didattiche dei consigli di classe secondo le caratteristiche dell indirizzo di studi e delle peculiarità della classe. Inoltre, a sostegno delle attività la scuola attiva importanti collaborazioni con assistenti di lingua, assistenti Erasmus, studenti universitari e con la partecipazione a reti di scuole, nonché con esperti e imprenditori che realizzano nelle classi interventi mirati in lingua straniera. Classe terza 2012/2013: storia, matematica, economia aziendale e diritto per un numero complessivo di 93 ore Classe quarta 2013/14: storia, matematica, economia politica, economia aziendale per un totale di 115 Classe quinta 2014/2015: matematica, aziendale, diritto e storia per un numero complessivo 80 ore. Si è, infatti, preferito continuare nell attività CLIL diffusa su più discipline. Il tema comune è stato quello di lavorare su casi aziendali reali soprattutto in economia aziendale: Kia, JD, Kelloggs, Nats e Davis e in Diritto e Economia Politica Panasonic and Japan's changing culture, Nike: the sweatshop debate, Logitech, The European Energy Market Le discipline Storia e Matematica hanno invece operato su alcuni temi come indicato sul programma di studio. Anche a seguito dell esperienza CLIL, 5 studenti hanno conseguito una certificazione IGCSE (International General Certificate of Secondary Education) rilasciata dall Università di Cambridge, un attestazione di competenze disciplinari in lingua straniera per Accounting (6). ATTIVITA CURRICOLARI ED EXTRACURRICOLARI Orientamento L attività prevista dal DM 487/97 si è sviluppata nel corso degli ultimi diciotto anni scolastici con l obiettivo di costruire un percorso di attività che renda lo studente maggiormente consapevole delle proprie attitudini, delle possibilità offerte dal contesto in cui vive in funzione della scelta post-diploma e capace di acquisire informazioni sulla tipologia degli studi universitari, sulla formazione professionale superiore e sul mondo del lavoro. L attività di orientamento, realizzata nel corso dell anno scolastico 2014/2015 e a cui gli studenti della classe hanno partecipato, hanno permesso agli stessi di: assumere informazioni dirette sul contesto (mercato del lavoro, Università) acquisire metodica di ricerca acquisire consapevolezza riguardo alle attitudini attraverso la somministrazione di test di orientamento. Gli studenti della classe hanno sostenuto i test di Orientamento Alma Orientati e Alma Diploma. Nel corso dell anno scolastico, al fine di sostenere gli studenti a una scelta più consapevole, è stato organizzato un incontro con ex-studenti dell ITE Tosi che hanno portato la loro esperienza in campo professionale e/o universitario.

9 Gli studenti hanno avuto l opportunità di partecipare alle Giornate Aperte organizzate dalle Università Bocconi, Cattolica, LIUC, Statale, Bicocca, Politecnico e Insubria e ai Saloni dell Orientamento di Erba e Milano. Nel corso dell assemblea degli studenti del 25 marzo 2015 si è tenuto, a cura delle dott. sse Cecilia Di Rienzo ed Elena Galante, l incontro GIOVANI AL TIMONE, nel quale è stato aperto un focus relativo alla navigazione sui siti istituzionali per aiutare gli studenti a comprendere come e dove trovare informazioni il più possibile oggettive relative alle diverse Università e ai corsi di laurea offerti. Certificazioni informatiche Hanno ottenuto la certificazione, i seguenti studenti: ECDL Core Level ECDL Advanced Word, P.P. Longhi, Paciotretti, Bianchi, Airoldi, Caccia, Alessio, Perinu, Tapparo, Nisoli, Colombo Alessandro, Minotti, Castellano Longhi Certificazioni lingue straniere Inglese IGCS Cognome Nome Pet First Delf b1 Delfb2 Dele b2 Accounting AIROLDI SILVIA x X o ALESSIO SAMUELA x X x o X BENDO ANDREA x X BIANCHI FEDERICO x x BIGANZOLI MATTIA x X CASTIGLIONI ALESSANDRO x COLOMBO ALESSANDRO X X X COLOMBO ROBERTO X X CRESPI ELIA X DONATI LUCA X o FONTOLAN SIMONE X X o GATTI STEFANO X LONGHI MATTIA X x o X MAZZILLI THOMAS X NISOLI ANGELA X X o PACCIORETTI MIRIAM X X PAGANINI FEDERICA X x PERINU MATTEO X PIROLA JACOPO X X ROSSETTI FABIO X SHI FEDERICO X TAPPARO ANDREA X x x

10 X: certificazione acquisita O: esame sostenuto CERTILINGUA Gli alunni Airoldi, Alessio, Fontolan e Tapparo possiedono i requisiti per potersi candidare per CertiLingua, un Attestato europeo di eccellenza per competenze plurilingui e competenze europee/internazionali promosso dalla Direzione Generale per gli Ordinamenti scolastici e per l Autonomia scolastica del MIUR. L Attestato europeo di eccellenza CertiLingua costituisce un elemento di valore aggiunto al Diploma di scuola secondaria di 2 grado e ha l obiettivo di favorire la mobilità degli studenti e di garantire trasparenza e comparabilità delle competenze maturate nei percorsi scolastici dei vari Paesi. Viene rilasciato agli studenti delle scuole che aderiscono alla RETE nazionale e che al termine della sessione degli Esami di Stato al Quinto anno siano in possesso dei seguenti requisiti: 1) competenze linguistiche di livello B2 o superiore del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue, accertate tramite Ente Certificatore riconosciuto a livello internazionale, in almeno 2 lingue diverse dalla propria lingua madre; 2) frequenza di corsi CLIL (Content and Language Integrated Learning) in una o più discipline, per almeno 70 ore nell ultimo biennio (oppure 140 negli ultimi 4 anni); 3) competenze di cittadinanza europea a livello 4 del Quadro Comune per le Competenze Europee realizzato da European Elos Network); competenze maturate tramite la partecipazione a progetti di cooperazione internazionale. I candidati sono Alessio, Airoldi, Colombo Roberto, Tapparo, Fontolan. IMPRESA FORMATIVA SIMULATA rete GET-IN internazionale Tipo di attività L'esperienza di Impresa Formativa Simulata, che nella nostra scuola si svolge dal 1999, è considerata un'attività anch essa valida per far partecipare il tessuto produttivo locale alla crescita culturale e professionale dei nostri allievi. Il progetto prevede la realizzazione di un microsistema aziendale mediante la creazione di un ambiente di lavoro reale, identico a quello di una vera impresa, dove gli studenti imparano il lavoro con la simulazione dell'attività completa di un'azienda, dove le transazioni con il mondo esterno, la produzione, il commercio con IFS della rete Get-in che comprende aziende tedesche, austriache e altoatesine, avvengono in modo virtuale. La simulazione consiste nel creare l'operatività degli ambienti in cui far svolgere i compiti reali della professione: la costituzione della società, le operazioni di acquisto di beni, vendita di merci e materiali, emissione di fatture e documenti contabili, redazione di tutte le scritture contabili, stesura di bilanci e la compilazione di tutti i documenti di pagamento commerciali e fiscali. Gli aspetti costitutivi e i documenti utili sono affrontati in modo specifico redigendo Business Plan, Atto costitutivo e Statuto, documenti per la camera di commercio. Altro aspetto importante dell esperienza è la partecipazione alle Fiere che la rete regionale della Lombardia o di altre reti nazionali e internazionali organizzano, in cui gli studenti si impegnano nel realizzare materiale pubblicitario di vario genere e progettano l allestimento dello stand, talvolta anche partecipando ai concorsi banditi dall ente organizzatore. La possibilità di gestire transazioni commerciali con IFS straniere, in lingua inglese, e la predisposizione di materiale di promozione, consente il consolidamento della stessa e il suo

11 utilizzo in ambito tecnico. L IFS costituisce un valido strumento didattico per: creare una forte interazione tra discipline umanistiche-storiche e discipline d indirizzo, anche con lo scopo di dare spessore etico-sociale a esse; fornire agli studenti una specializzazione attraverso l approfondimento, disciplinare e interdisciplinare, delle competenze tecniche, scientifiche e linguistiche; sviluppare capacità creative e progettuali necessarie per intercettare l innovazione; realizzare didattica laboratoriale, attraverso il quale lo studente è chiamato ad affrontare diverse problematiche disciplinari con metodologie di tipo induttivo; improntare ad una pedagogia collaborativa, rendendo gli studenti protagonisti degli apprendimenti; accrescere la motivazione allo studio e guidare i giovani alla ricerca di vocazioni personali; assolvere un compito complesso, verificabile e finalizzato. Discipline coinvolte Economia aziendale, diritto, inglese, informatica, tedesco. Risorse esterne Incontro Tutor aziendale Rag. Zanetta. Incontro in lingua tedesca relativo ai rapporti commerciali Italia-Germania. Commercialista Rag. Trotti Notaio Tosi per introduzione agli aspetti giuridici della Costituzione (21/3/13). Visita alla Camera di Commercio Di Busto Arsizio analisi adempimenti in fase di costituzione e servizi diversi. Strumenti Personal computer Portale IFSNETWORK, IFSCONFAO, portale GET-IN Internet Fiere IFS Partecipazione alla Fiera di Vienna 1-2 aprile 2014 degli alunni Mazzilli e Castellano. Tempi di realizzazione Classe ore 80 complessive curricolari ed extracurricolari STAGE ESTIVO L'esperienza dell'alternanza Scuola-lavoro e di stage estivi, svolta da più di vent anni dal nostro istituto, è considerata un'attività valida per far partecipare il tessuto produttivo locale alla crescita culturale e professionale dei nostri allievi. É importante evidenziare come questa attività abbia coinvolto solo gli studenti che hanno richiesto espressamente di poter svolgere questa esperienza, non avendo svolto attività di Alternanza scuola-lavoro nel corso dell anno scolastico. Nel corso dell estate 2014 sono stati coinvolti nell'esperienza 129 alunni delle classi Terze e Quarte

12 che hanno svolto la loro attività di lavoro presso aziende diverse per settore di appartenenza (industriale, assicurativo, bancario, turistico) e dimensioni, private e pubbliche e presso professionisti. Nel corso dell estate 2014 un gruppo di 22 alunni ha svolto l attività di stage presso le aziende indicate nella tabella seguente: classe cognome nome ragione sociale 5AFCLIL Airoldi Silvia Credito Valtellinese Sc 5AFCLIL Alessio Samuela Credito Valtellinese Sc 5AFCLIL Bendo Andrea Faggiano Rag. Antonio Studio Commercialisti 5AFCLIL Bianchi Federico Val.Co Srl 5AFCLIL Caccia Marco Azienda Lombarda Per L'edilizia Residenziale 5AFCLIL Castiglioni Alessandro Miosotis Transport Di Mauri Giuseppe & C. S.N.C. Banca Di Credito Cooperativo di Busto Garolfo e 5AFCLIL Colombo Alessandro Buguggiate 5AFCLIL Colombo Roberto Banca Popolare Di Sondrio 5AFCLIL Di Rienzo Michele Siva Srl 5AFCLIL Fontolan Simone Comsel Srl 5AFCLIL Gagliardi Mattia Provincia Varese 5AFCLIL Longhi Mattia Banca Popolare Di Sondrio 5AFCLIL Minotti Marica Martina Studio Consulenza Aziendale Carollo Dott. Alfonso 5AFCLIL Nisoli Angela Mb Impianti Snc 5AFCLIL Paganini Federica Banca Popolare Di Sondrio 5AFCLIL Perin Isacco Agusta Westland Spa 5AFCLIL Perinu Matteo Ct6 Societa' Di Servizi E Consulenze Srl Pinzone Vecchio Omar Zocchi Marco Assicurazioni 5AFCLIL 5AFCLIL Pirola Jacopo Celb Srl 5AFCLIL Rossetti Fabio Utensileria Bustese Srl 5AFCLIL Tapparo Andrea Sesa Spa 5AFCLIL Tosi Arianna Studio Dott.Ssa Antonella Marcora Alcuni alunni hanno chiesto di svolgere il tirocinio estivo anche al termine della classe Terza, pertanto nell estate 2013 hanno dedicato 4 settimane a questa esperienza: 5AFCLIL Castellano Nicoletta Tilar Italia Srl 5AFCLIL Nisoli Angela Studio Merlini E Associati 5AFCLIL Pirola Jacopo C.E.L.B. S.R.L. 5AFCLIL Perinu Matteo CT6 Societa' Di Servizi E Consulenze Srl 5AFCLIL Pinzone Vecchio Omar Zocchi Marco Assicurazioni 5AFCLIL Colombo Roberto Gse Packaging Srl 5AFCLIL Gagliardi Mattia C.R.S.Srl Tutta la classe ha partecipato al corso sulla sicurezza di otto ore organizzato da Inail e hanno superato il test i seguenti alunni.

13 Learning Week Cultura del progetto a scuola. Made in Italy come valore, innovazione e strategia Gli studenti di seguito in elenco hanno partecipato alla Learning Week dal 26 maggio al 31 maggio Un progetto didattico interdisciplinare che si è svolto a Milano presso la sede della Società Umanitaria, pensato a supporto dell educazione alla cultura del progetto, che ha un suo ruolo, una sua particolarità da svolgere ora, in pieno clima di sforzo per salvare le culture locali, i saperi legati al fare manuale, le espressioni di un arte applicata effettiva. Produrre innovazione tramite il Design è infatti diventata questione vitale ed indispensabile per il sistema produttivo nazionale ed internazionale. Classe cognome nome 5AFCLIL Airoldi Silvia 5AFCLIL Alessio Samuela 5AFCLIL Bendo Andrea 5AFCLIL Colombo Alessandro 5AFCLIL Colombo Roberto 5AFCLIL Donati Luca 5AFCLIL Fontolan Simone 5AFCLIL Le Thi Huong 5AFCLIL Longhi Mattia 5AFCLIL Mazzilli Thomas 5AFCLIL Minotti Marica Martina 5AFCLIL Paccioretti Miriam 5AFCLIL Paganini Federica 5AFCLIL Perinu Matteo 5AFCLIL Rossetti Fabio 5AFCLIL Tapparo Andrea 5AFCLIL Tosi Arianna Il progetto Network Scuola Impresa Il programma Network Scuola Impresa è stato avviato nel 2008 con l obiettivo di costruire una relazione tra scuole e aziende per facilitare la diffusione della cultura di impresa e favorire l orientamento al lavoro e il placement degli studenti più meritevoli nel mondo del lavoro. Esso permette agli studenti di prendere visione delle procedure di gestione di una grande azienda delle comunicazioni, li introduce al mondo del lavoro al fine di supportarli nella scelta dell'indirizzo universitario e consente, inoltre ai docenti un confronto con le logiche manageriali attuate da una grande azienda. Importante è la figura del Maestro Di Mestiere, uomini di azienda che, appositamente preparati da ELIS, sono impegnati nei vari progetti e conducono le attività con gli studenti e in stretto rapporto con i docenti. Il progetto ha permesso di realizzare un network stabile tra aziende e scuola migliorando le relazioni tra i due mondi e in alcuni casi portando anche all adeguamento delle attività scolastiche in considerazioni delle necessità aziendali. Il nostro Maestro di mestiere è stato l Ing. Sartaroli Francesco e la nostra azienda tutor è stata Telecom. Nello specifico le attività realizzate, molte delle quali gestite come lavori di gruppo, si sono concentrate su quanto segue: La storia e l organizzazione di Telecom Italia

14 La storia delle Telecomunicazioni In Italia L organizzazione Telecom Italia a supporto del Business Telecom Italia: Scenari del futuro tecnologico Il Cloud Computing Long Term Evolution (LTE) and mobile ultrabroadband Software Defined Network & Network Functions Virtualization Smart Cities L amministrazione del personale Il gruppo di lavoro in Telecom Italia Definizioni di gruppo di lavoro/team Le fasi dello sviluppo del team Le dinamiche di gruppo Strategie per la gestione del conflitto Il funzionamento dei gruppi La comunicazione La gestione del gruppo Sviluppare il problem solving Leadership e collaboratori Percezione e aspettative Telecom Italia: Case Study Il bilancio di una grande azienda Il concetto di valore aziendale Il sistema azienda Il Bilancio Il processo di amministrazione Credito e finanziamenti Campus Nel mese di luglio (21 luglio - 1 agosto) si è tenuto a Roma, curato da Telecom e Elis, un Corso residenziale che ha visto un alunno per ogni classe coinvolta a operare su un project work con tema: Costruzione di un drone. Attività culturali e sportive hanno completato il progetto della settimana. In rappresentanza della classe ha partecipato Tosi Arianna. STAGE EVENTO BRITISH Nel corso dell anno scolastico alcuni studenti hanno avuto l opportunità di collaborare alla realizzazione della Fiera dell istruzione britannica Study in the UK a cura del British Council che si è svolta il 28 Febbraio a Milano presso l Atahotel Executive. Scopo della fiera, la seconda in Italia organizzata dal British Council, era quello di promuovere gli scambi e la mobilità internazionale degli studenti universitari. Erano presenti all evento 35 istituti britannici, con propri stand e materiali informativi. I 18 studenti sono stati impegnati nel servizio di interpretariato (mediatori linguistici) agli stand degli espositori britannici e in attività di supporto all organizzazione per attività connesse all'accoglienza di singoli visitatori e gruppi, anche di stranieri. Per la classe 5AFCLIL hanno partecipato: Andrea Tapparo, Elia Crespi, Jacopo Pirola, Miriam Paccioretti. ATTIVITA INTERNAZIONALI Scambi Lo scambio all estero e le altre esperienze internazionali si sono dimostrate un valido strumento

15 per la realizzazione degli obiettivi didattici ed educativi delineati dai singoli progetti. Dal punto di vista linguistico gli allievi hanno potuto rafforzare le abilità di comprensione e di esposizione, attraverso la pratica quotidiana della lingua straniera in famiglia, a scuola e durante le visite. Gli scambi hanno permesso inoltre una presa di contatto con una realtà e con abitudini diverse dalle proprie, favorendo così un educazione interculturale volta al superamento di pregiudizi. Grazie agli scambi è stata offerta infine agli allievi l opportunità di effettuare il confronto tra sistemi scolastici diversi e di approfondire le loro conoscenze in campo sociale, storico, geografico e politico del paese partner. Classe terza destinazione Progetti Periodo Alessio, Longhi, Paccioretti, Invicta Grammar School Comenius Ottobre 2012 Colombo Alessandro, Donati, Maidstone (UK) From virtual marzo 2013 Paganini, Tapparo to real) ITE.M Airoldi e Bendo Hakfar Hayarok - Tel Aviv Leadership Marzo 2013 for Giftet students Classe quarta Destinazione Periodo Partecipanti tutta la classe a Lycée M. Dassault - Bordeaux gennaio 4-14 aprile eccezione di Gatti Francia Attività di scambio Classe quinta destinazione Periodo Colombo Roberto, Perinu, Castellano Yang Chung High School di Seul 24 febbraio 4 marzo gennaio 2015 Tapparo, Bendo, Alessio, Trafalgar School - Montreal 24 ottobre -2 novembre 2014 Longhi, Donati, Minotti, 1-10 marzo Colomo Alessandro Tosi, Paccioretti Scuola Italiana di Montevideo settembre marzo Soggiorni estivi Classe terza Partecipanti Destinazione Periodo Gagliardi Chicago Giugno 2012 Colombo Alessandro, Airoldi, Alessio, Caccia, Arizona Luglio 2013 Castiglioni, Mazzilli, Paccioretti Bianchi Boston Luglio 2013 Biganzoli Wrexham Luglio Colombo Robetto, Tapparo, Perinu Long Island Luglio

16 Classe quarta Partecipanti Destinazione Periodo Gagliardi, Bignazoli Los Angeles Luflio 2014 Rossetti Arizona Luglio 2014 Bianchi Chicago Luglio 2014 Ospitalità partner stranieri Gagliardi Per scambio Lane Tech Chicago Aprile 2014 Wold School Forum - Kanto International School Classe seconda Periodo Longhi, Gagliardi, Nisoli Ospitalità Ottobre 2011 Airoldi Delegazione Vladivostok Settembre 2014 Federazione Russa Laboratori I laboratori sono stati per gli allievi un occasione di applicazione e approfondimento delle competenze espressive. I percorsi di apprendimento hanno permesso anche ai partecipanti di mettersi in gioco, attraverso la realizzazione di iniziative, prodotti o eventi specifici per ciascuna attività. Partecipanti Anno Corso Castiglioni Fotografia Paccioretti Nisoli musica Corsi di lingue orientali Partecipanti Anno Corso Minotti, Airoldi Giapponese Donati Le Thi, Castiglioni Cinese Shi, Longhi, Alessio Castigliani / Cinese Giochi matematici Longhi Donati Airoldi, Longhi, Donati 2013/ Concorso Premio letterario 2014 l Informazione

17 Il giornale l Informazione nell ambito della quarta edizione del Premio letterario Mille e Una Storia ha conferito il terzo premio a Tapparo per il racconto Un ragazzo proiettato nel duemilacredici. Progetto Foibe ed esodo degli italiani dell'istria, di Fiume e della Dalmazia: memoria di un viaggio senza ritorno (classe terza) Nell'anno 2012/2013, un gruppo di allievi Bendo, Minotti, Castellano, Nisoli, Tapparo, Caccia, Alessio, Perinu, Airoldi, Paganini, Gatti, Shi, Castiglioni, Fontolan; longhi, Paccioretti, Gagliardi, coordinato dal docente di storia, ha partecipato al concorso ottenendo il secondo posto nella competizione, promossa dalla Regione Lombardia e dall'associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia. L'elaborato, realizzato in gran parte in orario extracurricolare, è consistito in una video intervista a una testimone di origine giuliana fuggita dalla propria terra e oggi abitante a Busto Arsizio, e in un approfondimento storico delle tragiche vicende legate al confine orientale. Gli allievi Nisoli, Minotti, Castiglioni e Perinu hanno partecipato alla premiazione, tenutasi lunedì 11 febbraio 2013 nell Aula del Consiglio regionale della Lombardia, alla presenza della commissione giudicatrice del concorso, presieduta da Carlo Saffioti, mentre gli allievi Tapparo, Gatti, Castiglioni sono intervenuti alla manifestazione provinciale dell'anvgd, svoltasi sabato 9 febbraio 2013 presso l Università dell Insubria. Gli studenti hanno altresì collaborato ad animare le celebrazioni per la Giornata del ricordo presso l'aula Magna dell'istituto. Progetto Buon Compleanno Europa I ragazzi hanno partecipato al concorso"buon compleanno Europa" realizzando un video avente ad oggetto il percorso dell integrazione europea, nelle diverse lingue studiate nella classe. PIME Nel mese di gennaio dell anno scolastico , tutta la classe si è recata al PIME di Busto Arsizio per partecipare a un incontro sulle diverse religioni del mondo, quali il Cristianesimo, l Islamismo, il Buddismo e l Ebraismo, il cui tema principale era la differenza culturale secondo le diverse religioni. L incontro era inserito nel progetto di Cittadinanza della classe quarta che ha avuto lo scopo di far riflettere gli alunni sul tema delle differenze culturali e dell integrazione. Debate (quinta) L alunno Tapparo ha partecipato, dopo aver ricevuto una preparazione specifica, alle selezioni nazionali di Public Speaking per English Speaking Union che si sono tenute a Genova l 8 marzo Conferenze (classe terza) Nel corso della classe terza gli alunni hanno partecipato alle seguenti conferenze, anche legate a particolari progetti in cui sono stati coinvolti: Convegno sul diritto internazionale Incontro con Anna Maria Habermann Incontro con Guardia di Finanza: aspetti sulla legalità economica (solo Nisoli) Incontro Progetto Martina legato al tema del cancro Incontro con lo scrittore Nedo Fiano relativa alla deportazioni tedesche.

18 Conferenze (classe quarta) Partecipanti: tutta la classe - Incontro con il magistrato: concetti di legalità nella vita quotidiana. Partecipanti: tutta la classe Incontro commercio internazionale Incontro LIUC tema Evoluzione pubblicità. Partecipazione Baff e visione del Film 'Il Capitale Umano '. Conferenze e altre attività (classe quinta) Incontro a cura della LIUC tenutosi in aula Magna dalle sul tema 'I mercati e la crisi finanziaria'. Incontro a cura della LIUC sul tema dei Trasporti in Lombardia. Incontro con il dott. Collu sul caso General Electric in lingua inglese (discipline interessate Ec. Politica e aziendale). Visita Expo 13 maggio. Visione dello Spettacolo Preferisco di no di Karakorum Teatro nell'aula Magna del Tosi. Nell ambito del progetto AgisScuola relativa alla proiezione di film in occasione del centenario della prima guerra mondiale, la classe ha partecipato alla visione del film 'Torneranno i prati' (2014) di Ermanno Olmi. Progetto Hack4School L alunno Tapparo nell anno scolastico 2011/12 ha partecipato al workshop, promosso da Asset Camera Azienda Speciale della Camera di Commercio di Roma, in collaborazione con il Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca, per immaginare, progettare e realizzare la scuola del futuro, per ragionare sui bisogni e sui desideri di chi vive la scuola e sulle possibilità che le tecnologie digitali offrono per realizzarle. Viaggio Premio Inaugurazione anno scolastico Quirinale 2011 Tapparo 2012 Alessio COLLABORAZIONE ALL ORGANIZZAZIONE E ALLA REALIZZAZIONE DELLE ATTIVITA DI ISTITUTO ORIENTAMENTO BIENNIO 2014/15 Partecipanti: Tosi, Gagliardi, Longhi, Airoldi e Paccioretti. OPEN DAY Samos 2012/13 Partecipanti: Longhi, Perin, Paccioretti, Caccia, Alessio, Tosi, Airoldi, Minotti, Castallano, Tapparo, Colombo Alessandro, Castiglioni, Perinu. OPEN DAY 2014/2015 Partecipanti: Donati, Minotti, Castellano, Tosi, Colombo Alessandro, Di Rienzo, Caccia, Alessio, Perinu, Nisoli, Castiglioni, Airoldi, Perin, Paccioretti, Mazzilli. ACCOGLIENZA PRIME 2013/14 Partecipanti: Tapparo, Colombo Alessandro, Tosi. ATTIVITÁ DI TUTORING 2012/13 Partecipanti: Bendo - Alessio (economia aziendale).

19 ORGANIZZAZIONE DIPLOMA DAY e Partecipanti: Airoldi, Minotti, Alessio, Caccia, Gagliardi, Colombo Alessandro. ORGANIZZAZIONE MERCATINO LIBRI IN COLLABORAZIONE con l'associazione 'NOI DEL TOSI' estate 2012 e 2013 Partecipanti: Airoldi, Minotti, Alessio, Castellano.

20 MATEMATICA Prof. Gianluca Torrente QUADRO DELLE COMPETENZE SVILUPPATE NEL CORSO DELL ANNO SCOLASTICO COMPETENZE Utilizzare le strategie del pensiero razionale negli aspetti dialettici e algoritmici per affrontare situazioni problematiche, elaborando opportune soluzioni. Utilizzare il linguaggio e i metodi propri della matematica per organizzare e valutare adeguatamente informazioni qualitative e quantitative. DESCRITTORI DI ABILITÁ Risolvere problemi di ricerca operativa. Determinare il dominio e le linee di livello di una funzione in due variabili. Determinare massimi e minimi di una funzione di due variabili. Tracciare ed interpretare il grafico di una funzione economica. Costruire ed interpretare un diagramma di redditività. Comunicare usando il lessico e operando collegamenti. Giudizio sul livello medio della classe Generalmente gli alunni hanno mostrato interesse per le attività svolte in classe ed in alcuni casi, sono stati anche propositivi evidenziando una buona abilità nell analisi di situazioni problematiche. Un gruppo limitato di alunni, manifesta difficoltà dovute o a un impegno soprattutto domestico poco costante oppure a carenze logico-operative che hanno portato ad un utilizzo non sempre corretto delle procedure di calcolo o a matematizzare situazioni problematiche in modo impreciso. Mediamente la classe ha raggiunto un livello buono nell'acquisizione dei contenuti e nella capacità di affrontare operativamente i compiti relativi alla materia di studio, mentre risulta un po limitato il linguaggio specifico. La progressione nell'apprendimento è adeguata ed il livello medio raggiunto quasi buono Metodologia di insegnamento Si è posta quale priorità l acquisizione di competenze ad abilità tali da portare gli studenti ad un approccio analitico delle situazioni problematiche proposte da cui discendere l acquisizione di conoscenze. L abitudine alla lettura attenta dei problemi al fine di analizzare le variabili presenti, ad interpretare e descrivere in modo adeguato i fenomeni osservati, a dare organicità alle conoscenze che ne derivavano, ha stimolato gli alunni a seguire un percorso sempre più logico e meno meccanico nella risoluzione degli esercizi. Soprattutto nella prima parte del programma, relativo alle applicazioni economiche delle funzioni di una variabile, si è partiti dall analisi di casi semplici per arrivare attraverso la generalizzazione e formalizzazione dei concetti teorici, a ricercare procedimenti risolutivi alternativi che meglio si adattassero alle diverse situazioni problematiche anche complesse. Questo approccio ha favorito l apprendimento dei moduli successivi quali ad esempio le funzioni a due variabili, quali naturali estensioni dei primi o degli argomenti trattati nell anno precedente. Ad un approccio teorico degli argomenti, si è sempre preferito il metodo operativo e, in subordine, la lezione applicazione, seguite dalla sistematizzazione da parte del docente. Gli esercizi svolti sia in classe che a casa, sono stati di difficoltà crescente al fine di condurre gradualmente gli alunni al conseguimento degli obiettivi programmati. Si è sempre cercato di stimolare la deduzione tramite esercizi e domande mirate alla scoperta di procedimenti e collegamenti.

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como Corso di Laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Classe L-12 Mediazione Linguistica

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

CALENDARIO ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN USCITA A.S. 2014/2015 (prima versione, aggiornato al 28.01.2015)

CALENDARIO ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN USCITA A.S. 2014/2015 (prima versione, aggiornato al 28.01.2015) CALENDARIO ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN USCITA A.S. 2014/2015 (prima versione, aggiornato al 28.01.2015) Si ricorda che le attività di orientamento predisposte per l'anno scolastico 2014/2015 sono state

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli