The future of Italian teaching: media, social networks, new technologies and multi-disciplinary perspectives

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "The future of Italian teaching: media, social networks, new technologies and multi-disciplinary perspectives"


1 The future of Italian teaching: media, social networks, new technologies and multi-disciplinary perspectives Il futuro della didattica italiana: media, social network, nuove tecnologie e scenari multi-disciplinari 5-6 October, 2012 The American University of Rome CONFERENCE ABSTRACTS Day 1, Friday Oct Maria Antonietta Diana (Life-Long Learning, Istituto N. Mandela Roma) + ARTI = ITALIANO L2. Percorso di apprendimento della lingua italiana2 attraverso il Teatro, l Architettura, la Pittura e la Scultura. Secondo il modello teorico dell approccio comunicativo con orientamento umanisticoaffettivo si sta promuovendo una sinergia con contaminazione interdisciplinare tra le arti e la glottodidattica. Su questo terreno vorrei testimoniare quale ricchezza di suggestioni e di pratiche applicazioni scaturisca dall incontro tra la magia delle arti e la classe di lingua. LE ALTRAE ITALIAE : percorso tra lingua e poesia, intesa come mezzo per evocare il ricordo-presentazione della tipologia architettonica delle case del paese di provenienza con versi nella lingua d origine. L intero percorso ha avuto bisogno di un setting d aula di circa due mesi con possibilità di un intesa emotiva per far riaffiorare le abitudini e le emozioni della 1

2 vita quotidiana ed esprimerle nella lingua d arrivo:l italiano L2. Presentazione Casa dell Architettura-Aquario Romano-Roma. Target :apprendenti stranieri adulti,livello B2/C1 LE ALTRE CENERENTOLE: rilettura della fiaba di Cenerentola con realizzazione delle scarpette con materiali (stoffe,colori,pietre colorate) provenienti dai vari Paesi degli apprendenti. Realizzazione del workshop presso Museo Nazionale d Arte Orientale, Roma MNAO. Target: apprendenti stranieri età 7 / 90 anni, livello A2/B1. ALFABETIERE INTERCULTURALE : realizzazione dell alfabeto attraverso il disegno di un oggetto tipico del Paese di provenienza. Descrizione dell uso dell oggetto come didascalia. Realizzazione con l artista italo-belga Stampone e museo MACRO di Roma. Target : apprendenti adulti, livello A2. UNO, NESSUNO E CENTOMILA di L. Pirandello: lettura del testo attraverso la tecnica teatrale della mimesi (interiorizzazione della parola con espressione del corpo-pedagogia dell espressione ). Realizzazione con l Università di Roma3 dipartimento MimesiLab. Target: apprendenti adulti, livello B2/C1. I diversi progetti sono stati realizzati in una prospettiva interculturale e per promuovere l italiano L2 in sinergia con i maggiori Musei e Istituzioni culturali italiani. Mary Ann McDonald Carolan, (Fairfield University) East/West Dialogue: Italy and China This paper posits interdisciplinary study, in this case of Italy and China, as a way to insure the relevance and viability of Italian Studies. Courses that examine Italy s relationship to other cultures offer insight into the reception of foreign cultures. The relationship between China and Italy throughout the ages provides a framework for understanding both countries. Initially, the promise of riches from trade inspired Italians to venture to China. In the fourteenth century Marco Polo famously wrote of his travels to the East in Il Milione. This text inspired Columbus, who possessed a heavily annotated version of the travelogue, to explore a new route to the East. Thus the discovery of the new world in the fifteenth century resonates with the European preoccupation with the East. The Jesuit Matteo Ricci traveled to China in the sixteenth century as a one of the first Westerners who had learned the language well enough to read and write classical Chinese, the language of scholars and officials. This accomplishment, along with Ricci s appreciation of indigenous Chinese culture and Confucianism in particular, allowed the Jesuit to develop a dialogue regarding religion 2

3 and culture. In the eighteenth century Giuseppe Castiglione, an Italian Jesuit who took the Chinese name of Lang Shi-Ning, assisted in the design of the Imperial Garden in addition to his work as a court painter. Early in the twentieth century Imperial China granted a concession zone in Tientsin (now Tianjin) to the Kingdom of Italy. Administered by an Italian official from Rome for almost forty years, the zone was finally returned to Nationalist China following he conclusion of World War II. In contemporary times, we see representations of dynamic social and cultural change in Antonioni's documentary Chung Kuo (1972), Bertolucci's epic tale The Last Emperor (1987) and Amelio s haunting drama The Missing Star (2006). The examination concludes with a consideration of Chinese presence in Italy today as represented in Saviano s novel Gomorrah as well as in recent Italian documentaries such as Miss Little China and Giallo a Milano. Sharon Hecker, (IES Abroad/Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano) Cracking the Code: What Leonardo Can Show Us About Teaching Art History in Today s Study Abroad Setting Italy s artistic patrimony can provide an unparalleled opportunity for a student s entry into its culture, and being in Italy offers students a unique chance to study artworks firsthand. Yet today s generation arrives in Italy oversaturated with images and convinced that it is sufficient to see masterpieces hastily or online. The traditional field trip to visit great works of art no longer suffices to capture students imaginations beyond initial appreciation. Art history teachers must therefore develop new approaches that transform students from passive listeners to active participants. I argue that the key to engaging today s students is a unique kind of interactivity. I illustrate successful strategies that I have devised to make art relevant to students in my course, Cracking the Code: Leonardo da Vinci and Renaissance Art in Milan. Focused preparatory lectures, with subsequent on-site interactive worksheets designed to lead students to engage physically, psychologically and intellectually with the works of art, culminating in customized follow-up activities in class, all enliven the artwork and Italian culture even for students with no previous background. For example, after a lecture on Renaissance perspective, students try their hand at drawing the perspective trompe l oeil while standing inside Bramante s San Satiro Church. Following a lecture on fresco painting in Italy, students trace the pounce marks while viewing Raphael s preparatory cartoon for the School 3

4 of Athens. They even choose and identify with a character in Leonardo s Last Supper and try to replicate Leonardo s unusual techniques. By teaching through what I call a material mindset, one elicits a deeper appreciation for art and the cultural questions it poses. Finally, students regain a sense of curiosity, which was Leonardo s greatest quality and is also the key to effective learning. Rosetta D Angelo, (Ramapo College of New Jersey) Barbara Zaczek, (Clemson University) A Translation Case Study: Umberto Piersanti s Olimpo (no abstract received) Santa Casciani, (John Carroll University) Framing Grace: Artists and Poets of the Italian Renaissance In this paper, I will address how an interdisciplinary approach to studying the relationship between art and poetry allows the learner to better understand the times in which both poets and artists of the Italian Renaissance produced their literary/poetic texts. In this approach, the instructor must facilitate the learning experience by exposing the learner to the understanding of how a given period in history develops. Furthermore, the learner must understand that authors not only recall an answer one another across boundaries of time and space but also question other disciplines. Therefore, in order to shrink the distance that exists between the home culture and to that of the target country, the learner must be exposed to a process based on critical and analytical thinking where s/he thinks of him/herself as part of a community of global learning. After an introduction of the latest theories of Intercultural Fluency, where students are led to see more fully the period that they are studying, the paper will address directly the practical aspects of the organization of a course including reading materials, lecture preparations, and logistic details, taught part on campus and part during a short term study trip in Italy. The presenter will also share the response from students claiming that the course represented a life-changing experience, allowing them to promote future courses with this format offered at John Carroll University. 4

5 Luigi Ferri, (John Carroll University) Identity without Boundaries: A Literary Approach on the Road The paper will address how an interdisciplinary approach, co-taught by professors in Italian Literature and Psychology, combining insights from both the Humanities and Social Science fields of scholarship which have traditionally maintained an unhelpful wall of separation can contribute to a fuller understanding of critical issues such as Italian nationhood. Specifically, the paper will demonstrate how literature can be enriched by psychological theories, which study how identity can be read in a global context. In this process, we see how literary works and psychology are able to design and re-design the map of knowledge in a new and holistic way. Therefore, in order to capture the meaning of literature through a psychological understanding of identity, the paper will demonstrate how cultural meaning cannot be grasped in isolation, but from the web of relations that constitutes it. For instance, in examining stories and poetry written by immigrants in Italy, this study will illustrate the relationship between their native cultures and the Western one. Furthermore, in analyzing both Luigi Pirandello s The Late Mattia Pascal, and Italo Calvino s Marcovaldo, the paper will address the concept of national identity through an interdisciplinary understanding (literature/psychology) of its formation in two very important moments in modern Italian history: the passage from the 19 th to the 20 th century, after the Unification, and the 1950s, when Italians went through the changes imposed by consumerism. This paper is a result of a Summer Institute with 30 students in Italy. Nick Santilli, (John Carroll University) Identity without Boundaries: A Psychological Approach on the Road The paper will address how an interdisciplinary approach, co-taught by professors in Psychology and Italian, combining insights from both the Humanities and Social Science fields of scholarship which have traditionally maintained an unhelpful wall of separation can contribute to a fuller understanding of critical issues such as Italian nationhood, immigration, technology and media. The paper will address the psychological theory, according to which, identity remains one of the most powerful concepts in modern psychology. Erikson, the father of modern identity development theory, considered identity as the seminal stage in psychosocial development whereby a person consolidates the work of earlier periods of 5

6 development into a consolidated whole in preparation for the rigors of adult life. Today, developmental psychologists are expanding Erikson s earlier notions of psychosocial development to consider identity from multiple standpoints: identity in the context of emerging adulthood; ethnic, sexual, moral, and social identity, and identity in a global context. Identity is no longer considered a unitary construct but instead is multifaceted. The study will analyze both classic and contemporary views of identity development in the psychological context of past and present Italy, and will focus on the role of one s identity in the modern global world and its concomitant challenges, most notably how identity shapes and is shaped by the experiences of Italian nationhood, immigration, technology, and media. The presenter will also share the response from students resulting from a community-learning assessment of the various communities met throughout a Summer Institute Program in Italy. Annalisa Pontis, (Università degli Studi di Salerno) Il ruolo dell immagine nella didattica della lingua italiana: dalla teoria alla pratica Il ruolo assegnato all immagine, nell insegnamento linguistico, durante gli ultimi quaranta anni, mostra un rafforzamento del suo uso, secondo una doppia evoluzione: da un lato, l insegnamento/apprendimento delle lingue non è più solamente linguistico ma anche culturale; dall altro l immagine è un mezzo d espressione, di cui la cultura occidentale fa un uso crescente e che è sempre di più familiare al pubblico di apprendenti. Sebbene, però, l immagine sia sempre più presente nella vita degli apprendenti, non viene usata secondo regole precise e molti docenti non sanno facilitarne l uso e l interpretazione. Oggi l uso dell immagine nell insegnamento delle lingue può essere un mezzo privilegiato poiché può rappresentare, allo stesso tempo, lo scopo e il mezzo didattico. Inoltre, l uso dell immagine è svincolato dal peso della tradizione pedagogica che coinvolge l insegnamento della lingua materna. Quindi, tra tutti gli strumenti didattici che possono contribuire all apprendimento delle lingue, l immagine è certamente uno dei materiali più interessanti, perché dimostra come, per comprendere e spiegare il codice lingua, si deve fare appello ad un altro codice. Partendo da uno sperimentale approccio multi-disciplinare e considerando che per risultare didatticamente efficaci, le immagini devono essere accompagnate da attività che riescano a coniugare gli obiettivi di apprendimento con il piacere di utilizzare quel materiale, gli obiettivi di questa proposta saranno: verificare se 6

7 nell insegnamento del testo letterario è stimolante scegliere testi in cui siano presenti anche immagini fotografiche; e, attraverso esempi di attività didattiche, mostrare alcune modalità sperimentali di uso del testo letterario e fotografico. Annalisa Mosca, (Purdue University) C'era un volta... come adesso. Come aggiornare e tecnologizzare i corsi avanzati di lingua, di introduzione alla letteratura o tematici di letteratura. This presentation will show how complete texts with a certain level of difficulty can be presented and contextualized by bringing them up to today and relating them to students life. The presentation wishes to exemplify a practical way, "un percorso", in which courses like composition courses, often "bridge courses" between the language and literature divide, can be used to develop proficiency, literacy, interest and motivation. In addition, I also wish to show a simple but effective way for any literature to be updated and modernized in today's global world through the use of simple technology. Such modernization is geared to developing student's interest and analitycal skills. The main example is taken from a composition and conversation course that I have taught in which the main text used is a short novel. It also offers other examples of possible "percorsi". Maria Rita Liuni, (Università per Stranieri Dante Alighieri di Reggio Calabria) Letteratura in gioco Le moderne teorie didattiche danno sempre più importanza al ruolo della letteratura in quanto veicolo di cultura e di lingua. Quando parliamo di letteratura, nei corsi di italiano L2, siamo soliti pensare ad un insegnamento esclusivamente rivolto a discenti di livello avanzato per le difficoltà che i testi narrativi presentano. Questo lavoro vuole dimostrare invece quanto un brano letterario possa essere utile e facilmente adoperabile anche ad un livello B1 del QCER. L accesso al testo letterario è reso fruibile grazie anche all uso dei mezzi multimediali (audio e video) che, ormai da decenni, sono entrati in gioco nella didattica che ricerca sempre metodi alternativi che favoriscano e sostengano l apprendimento. 7

8 Letteratura in gioco mi è sembrato il titolo più adatto ad una lezione che mira non solo a far conoscere a studenti stranieri, provenienti da molti e diversi paesi, il nostro patrimonio culturale e letterario, ma soprattutto a fare con la lingua o meglio a giocare con la lingua perché giocando s impara! Il gioco promuove infatti l apprendimento perché è libertà, creatività, fantasia, divertimento, cooperazione e collaborazione. Oggetto di questa attività sarà un brano di Italo Calvino tratto da Il barone rampante. Durante la fase della motivazione, la parte più importante, mi servirò di un video animato, per raccontare, a grandi linee, la storia e le avventure di Cosimo. Il video con le immagini aiuterà lo studente a raggiungere una maggiore e completa comprensione divertendosi. Per la seconda parte della lezione utilizzerò un testo non troppo esteso corredato da attività per lo sviluppo della comprensione, del lessico e della produzione orale. Graziano Serragiotto, (Università Ca Foscari ) L apprendimento integrato della lingua italiana e di contenuti non linguistici (CLIL) Insegnare una disciplina non linguistica attraverso una lingua straniera è una delle sfide metodologiche della glottodidattica. Il CLIL (Content and Language Integrated Learning) rende l acquisizione linguistica più spontanea, con una maggiore esposizione non solo quantitativa ma anche qualitativa alla lingua straniera e favorisce lo spostamento del focus dell attenzione dalla forma al contenuto veicolato, con una ricaduta positiva anche dal punto di vista dell apprendimento di contenuti scientifici e professionali favorendo la motivazione all apprendimento. La classe CLIL offre un più alto grado di autenticità delle attività, perché non si simula la necessità di utilizzare una lingua ma la si usa in un contesto di reali necessità di studio e professionali. L insegnamento delle discipline attraverso una lingua straniera implica l esigenza che l input venga reso comprensibile da codici extralinguistici, risorsa poco sfruttata nell insegnamento tradizionale della lingua, dove la lingua cerca di spiegare se stessa attraverso perifrasi o traduzioni in lingua madre. Alcune discipline non linguistiche si prestano in particolar modo ad accogliere un approccio didattico di tipo CLIL, in quanto già possiedono la caratteristica di accompagnare il linguaggio verbale con cartine, mappe, grafici, immagini, ecc. come supporto 8

9 alla comprensione dei contenuti e potenziamento del messaggio linguistico. In questo caso, si realizza uno spostamento dell attenzione dalla forma linguistica ai contenuti disciplinari veicolati in LS e, di conseguenza, il fatto che l input (il contenuto disciplinare) abbia caratteristiche di massima comprensibilità, sia in senso ricettivo che produttivo, nonostante alcune imprecisioni, finisce per avere una precedenza sulla correttezza formale fine a se stessa della performance linguistica. Giovanna Carloni, (Università degli Studi di Urbino Carlo Bo ) CLIL e nuove tecnologie: nuovo ambiente di apprendimento per italiano L2/LS Obiettivo del presente contributo è l analisi dell applicazione delle nuove tecnologie nell ambito dell approccio CLIL, ultima frontiera glottodidattica sia in Italia che all estero. La componente multidisciplinare di questo approccio, che consiste nell insegnamento di contenuti disciplinari in lingua seconda e straniera, è stata integrata con l uso di nuove tecnologie all interno di un innovativo progetto di ricerca condotto presso l Università degli Studi di Urbino. Sarà presentato l impianto teorico-metodologico sotteso alla progettazione ed applicazione del servizio integrato di consulenza CLIL e nuove tecnologie mirato alla creazione di un ambiente di apprendimento volto a rispondere ai bisogni di digital-age learners. L analisi del modello di integrazione delle nuove tecnologie (corpora, social networks, cloud computing, Web 2.0) nella didattica e nella formazione di docenti CLIL costituirà il fulcro della relazione. All interno di una Pedagogia 2.0 si illustrerà la valenza didattica e l applicazione di strumenti digitali utili per promuovere in una classe CLIL di italiano L2/LS: attività collaborative, inquiry-based tasks, creazione e condivisione di enduser generated knowledge, espressione dell identità dell apprendente in lingua straniera mediante produzione e condivisione di artefacts, negoziazione di significato, creatività, personalizzazione, peer critiquing, contatti con esperti madrelingua del settore disciplinare oggetto di studio e conseguente sviluppo di Professional Learning Networks (PLNs), uso di e- portfolio e apprendimento autonomo. La progettazione di un ambiente di apprendimento integrato CLIL e i processi formativi attivati mediante l uso delle nuove tecnologie consentiranno inoltre di delineare il nuovo profilo del docente mediato da una tecnologia digitale in continua evoluzione. 9

10 Maria Grazia De Angelis Nelson, (Saint Mary s College of California) The Webfolio s Era Webfolios are electronic versions of portfolios. Students and faculty can place all their work on a webpage and connect it to each other s folios, and/or to other webpages and internet resources to share ideas. Webfolios can combine text and written material with audio and video files such as podcasts, films, pictures, and PowerPoint presentations. Webfolios can be restricted or public. Webfolios can document a complete record of student s College experience, including assignments, papers, presentations, reflections, and multimedia projects. This presentation will focus on the pedagogical benefits of Webfolios both inside and outside the classroom and ways that Webfolios can be assessed. I will share examples of student projects using different Webfolio services. Nevena Ceković-Rakonjac, (Università di Belgrado), Dragana Radojević, (Università di Belgrado) Apprendenti e il loro corpus: una proposta didattica basata su un corpus di italiano LS Nonostante il costante aumento nell ultimo decennio dei corpora orali di italiano L1 e L2, il loro sfruttamento nella didattica di italiano L2 è ancora trascurato. Il presente contributo mira a proporre una modalità di applicazione delle tecnologie moderne all utilizzo di un corpus orale di italiano LS ITALBEG, costituito presso il Dipartimento di Italianistica dell Università di Belgrado. L attività didattica, che prende come spunto il corpus in questione e coinvolge gli studenti del livello B1, consiste nell uso delle registrazioni audio e delle rispettive trascrizioni ortografiche della produzione orale dei partecipanti, i quali sono tenuti ad analizzare le proprie prove orali svolte a distanza di un anno, focalizzandosi sugli aspetti lessicali, morfosintattici e discorsivi della loro interlingua. Nell ambito dell attività proposta, l apprendente è invitato ad assumersi la responsabilità del proprio percorso di apprendimento e la consapevolezza di un eventuale progresso o regresso linguistico nel corso del tempo. Sottoponendosi quindi all autoriflessione metalinguistica ed all introspezione, lo studente si trova a poter utilizzare il corpus al fine di aumentare la consapevolezza linguistica ed a migliorare le proprie prestazioni in italiano LS. Le osservazioni fornite dagli apprendenti in modo autonomo vengono infine analizzate da parte dei docenti con lo scopo di valutare le 10

11 loro competenze reali, prestando particolare attenzione all individuazione degli aspetti dell interlingua trascurati dalla loro analisi. I risultati della nostra ricerca indicano i corpora orali di italiano L2 quale uno strumento utile ai fini didattici ed evidenziano le problematiche peculiari da prendere in considerazione nella progettazione dei futuri sillabi di italiano LS. Giorgio Simonetto, (Società Dante Alighieri, Salisburgo) Babelweb. Praticare le lingue romanze con risorse WEB 2.0 I siti internet del portale Babelweb ( rendono possibili pratiche di apprendimento e di didattica dell'italiano L2/LS secondo l'approccio orientato all'azione sfruttando le potenzialità comunicative del WEB 2.0 Blog e siti internet impiegati come piattaforme di comunicazione e scambio costituiscono contesti autentici, in cui i discenti possono praticare la lingua come attori della comunicazione, con obiettivi comunicativi reali e comportamenti collaborativi, come raccomandato dal Consiglio d'europa. La compresenza nei siti di contributi in diverse lingue romanze stimola l'intercomprensione e induce alla scoperta che le competenze in una lingua romanza consentono la ricezione passiva di altre lingue della stessa famiglia, schiudendo nuovi orizzonti linguistici e incoraggiando pratiche di interculturalità. Le opportunità offerte da Babelweb per la lezione di lingua sono considerevoli anche nel favorire l'esperienza ludica di ambiti culturali alti come la poesia e il cinema, o incoraggiando l'uso creativo di quella particolarissima combinazione di arte figurativa e linguaggio verbale che è il fumetto. Nello spirito dei social network, chi partecipa diventa membro di una comunità multilingue impegnata contribuendo a creare, ad esempio, un grande libro di ricette di tutto il mondo, o un grande album di racconti di viaggio nelle diverse lingue romanze. Babelweb è stato realizzato nel 2009 nell'ambito di un progetto europeo LLP. Dal febbraio 2011 viene attualizzato e promosso nell'ambito di un nuovo progetto europeo che prevede l'aggiunta di uno speciale sito, Babelweb.Pro, per insegnanti e ricercatori che raccoglie pubblicazioni, saperi e materiali sulla glottodidattica Web

12 Alessandra Giglio, (Università degli Studi di Genova) Racconto L2.0 : esiti e risultati di uno strumento per narrare in Rete La Rete globale, il Web 2.0 e le nuove strumentazioni tecnologiche che permettono di essere costantemente online sembrano essere le avvisaglie di una rivoluzione culturale, sociologica e comunicativa a cui stiamo, più o meno consciamente, assistendo: tale rivoluzione è pari forse solamente a quanto successo ai tempi di Gutenberg e dell avvento della stampa a caratteri mobili. Molteplici prodotti culturali, infatti, stanno mutando forma: il diario personale viene pubblicato e condiviso con più persone; la stessa letteratura cessa d essere un atto intimo e personale per divenire collaborativa; il materiale di studio è sempre più spesso frutto del lavoro delle comunità di apprendimento. Inoltre, è oggigiorno sempre più importante essere in grado di comunicare in più modalità e in più lingue con gli attori sociali che assistono a questa rivoluzione socio- comunicativa. Il progetto Racconto L2.0 nasce proprio alla luce di queste considerazioni: nell ambito dell insegnamento della lingua italiana a studenti stranieri, si è pensato infatti di creare un ponte, un fruttuoso collegamento tra l esercizio della produzione scritta creativa e le tecnologie del Web 2.0. Il blog, strumento di estrema facilità d uso e di diffusione capillare tra i giovani, diventa un luogo virtuale che permette di cimentarsi nella scrittura creativa di un racconto di fantasia, con una serie di regole definite a priori dall insegnante, in modo da rispettare gli obiettivi didattici preposti; il risultato verrà poi valutato dalla comunità virtuale che decreterà, così, la produzione vincente. Il presente intervento ha lo scopo, quindi, di illustrare il progetto e le sue specifiche tecniche e didattiche, analizzandone i risultati derivanti dalle sperimentazioni con oltre 70 studenti in differenti contesti di insegnamento e con quasi 50 docenti in formazione. Baiba Bankava, (Università degli Studi di Catania / Associazione Lettone degli Insegnanti di Italiano), Iveta Jonina, (Università di Lettonia / ALII) Il ruolo del docente di lingue straniere tra nuove tecnologie e tradizione Negli ultimi dieci anni, anche nell insegnamento, le nuove tecnologie si stanno sviluppano con estrema velocità. Come confermano molti studiosi, tra i quali Abruzzese (1996), Calvani (2000), Maragliano (2001), esse sono una risorsa immensa nel processo di insegnamento e 12

13 apprendimento delle lingue straniere. Spesso però accade che lo studente sia già più abile e preparato del docente nell utilizzo e nella conoscenza di questi strumenti e proprio questo divario comporta le maggiori difficoltà ma anche grandissime opportunità. Qual è quindi oggi, ma soprattutto domani, il ruolo del docente contemporaneo, di qualsiasi materia, lingue straniere incluse, nel contesto accademico? La presente proposta d intervento tratterrà le esperienze che le relatrici hanno acquisito presso l Università della Lettonia e l Università degli Studi di Catania. La relazione includerà un analisi della situazione attuale dell utilizzo delle tecnologie moderne presso i due Atenei nei corsi di italiano LS e due questionari (uno compilato dagli studenti di italiano e l altro dai loro docenti) per valutare le conoscenze, abilità e attitudini nel campo delle nuove tecnologie informatiche. Infine verranno mostrate le attività CALL (Computer Assisted Language Learning) che, nell apprendimento del vocabolario italiano, hanno avuto maggiore successo in confronto all approccio tradizionale (fotocopie ed altro supporto cartaceo) nel quadro di un esperimento svolto all Università della Lettonia. I risultati dismostrano che l introduzione di nuove tecnologie permette di cambiare il rigido modello didattico dove l insegnante è l unica fonte di sapere e porta gli studenti più facilmente a prendere l iniziativa nella scoperta delle informazioni in modo divertente, visivamente stimolante e, soprattutto, interattivo. Rosemonde Gurtner, (The American University of Rome) "Il web/blended learning per guidare gli studenti verso un processo metacognitivo. Strategie d'apprendimento e progetto SAV". Questo contributo intende descrivere un'esperienza di didattica di italiano L2 che prende in esame una delle mete glottodidattiche dell insegnamento dell italiano a stranieri: la competenza glottomatetica, che fa riferimento alla capacità dello studente di imparare ad imparare. Un insegnante vuole, non solo insegnare la lingua, ma guidare i propri studenti nell acquisizione delle diverse strategie di apprendimento in modo da offrire loro la possibilità di moltiplicare le possibilità di apprendimento linguistico nelle diverse situazioni della vita reale. 13