FORMAZIONE PRESENTAZIONE CATALOGO PLASTICS ACADEMY 2014 PREMESSA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FORMAZIONE PRESENTAZIONE CATALOGO PLASTICS ACADEMY 2014 PREMESSA"

Transcript

1 ENTRA

2 FORMAZIONE LUNGO L'ARCO DELLA VITA L Europa è indiscutibilmente entrata nell era della conoscenza, con tutte le connze che tale evoluzione implica sulla vita culturale, economica e sociale. I modelli di apprendimento, di vita e di lavoro sono soggetti ad una rapida trasformazione: tutti coloro che vivono in Europa, senza alcuna eccezione, dovranno avere le opportunità per adattarsi alle esigenze del cambiamento economico e sociale e contribuire attivamente alla costruzione del futuro dell Europa. PRESENTAZIONE Così si esprimeva nel 2000 la Commissione europea, in seguito allo storico vertice del Consiglio europeo di Lisbona. Nello stesso anno 2000 Proplast lanciava Wily, un primo programma di formazione permanente dedicato ai lavoratori occupati nel nostro settore. Con piacere, con un po di orgoglio e con riconoscenza per il continuo grande lavoro dei colleghi di Plastics Academy, scrivo l introduzione a questo catalogo Esso - dopo 14 anni e con una offerta di corsi assai ampliata - continua a stimolare e supportare chi vuole intraprendere un percorso di crescita personale e di aggiornamento professionale permanente, col fine di essere protagonista di quel cambiamento che il Consiglio europeo aveva immaginato e che abbiamo visto attuarsi in modo così importante. Piero Cavigliasso Vice Presidente Proplast CATALOGO PLASTICS ACADEMY 2014 PREMESSA Nella V edizione del Catalogo dei corsi interaziendali, Plastics Academy continua a proporre percorsi formativi di eccellenza nel settore delle materie plastiche. In area tecnica, i corsi Base e Avanzato sul Processo di Stampaggio a Iniezione si confermano il nostro fiore all occhiello, insieme ai corsi di Introduzione alle Materie Plastiche, Progettazione di manufatti, High Performance Polymers e Controllo Qualità delle materie prime. Le sezioni trasversali del Catalogo si rinnovano, proponendo corsi mirati a trasferire soft skills sempre più richieste dalle aziende, come la gestione del tempo e la creazione di presentazioni commerciali efficaci. L area Commerciale si arricchisce del corso sui Social Media in Azienda, che esplora le potenzialità dei canali digitali al servizio delle imprese. Il catalogo è stato quindi rimodulato in 39 corsi suddivisi nelle nti aree tematiche: Segue 1 - Area TECNOLOGIE e PROGETTAZIONE 2 - Area MATERIALI e APPLICAZIONI 3 - Area GESTIONALE 4 - Area SVILUPPO del CAPITALE UMANO 5 - Area COMMERCIALE 6 - Area SICUREZZA

3 I FONDI INTER-PROFESSIONALI La partecipazione ai corsi può essere finanziata attraverso i fondi interprofessionali. Ogni azienda - a seguito dell adesione ad un fondo (gratuita) - accantona una quota pari al 70% del contributo obbligatorio (0,30%) versato sulle retribuzioni dei propri dipendenti, che viene girato al Fondo direttamente dall'inps. INTRODUZIONE Plastics Academy fornisce il servizio di presentazione e accompagnamento dei Piani Formativi. Tale attività è compresa tra le voci finanziabili e quindi è anch essa rendicontata SENZA costi aggiuntivi per l azienda. Per procedere nell utilizzo della Formazione finanziata contattare: - tel Plastics Academy suggerisce l utilizzo dei fondi anche per finanziare corsi MONOAZIENDALI. ASPETTI ORGANIZZATIVI Le date pianificate per le attività di formazione potranno subire modifiche in caso di eventi imprevisti. L orario e la sede dei corsi saranno definiti nella fase organizzativa di dettaglio e potranno essere gestiti dai docenti, compatibilmente agli argomenti trattati e alla necessaria flessibilità. Le aziende Consorziate a Proplast beneficiano di sconti e di modalità organizzative agevolate. pagina 3 PER INFORMAZIONI SU COSTI, DATE, ISCRIZIONI TELEFONARE A: SCRIVERE A: Sito web per consultare il catalogo on line e i programmi di formazione aggiornati - Siamo presenti anche su:

4 INDICE DEI CORSI FORMAZIONE PER IL SETTORE DELLE MATERIE PLASTICHE 2014 pag. 7 pag. 10 pag.14 pag.18 pag. 21 pag AREA TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE 2 - AREA MATERIALI e APPLICAZIONI 3 - AREA GESTIONALE 4 - AREA SVILUPPO DEL CAPITALE UMANO 5 - AREA COMMERCIALE 6 - AREA SICUREZZA pag. 5/6-26 Indice di tutti i corsi e periodo di attivazione versione stampa PER INFORMAZIONI SU COSTI, DATE, ISCRIZIONI pagina 4 Sito web per consultare il catalogo on line e i programmi di formazione aggiornati -

5 1 - AREA TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE Corso BASE sul processo di stampaggio a iniezione Corso AVANZATO sul processo di stampaggio a iniezione Il processo di Stampaggio con Tecnologia Microcellulare Corso sul processo di Compounding Post-lavorazioni di manufatti in materiale plastico Tecniche di Assemblaggio di semilavorati e componenti finiti in materiale plastico High-Performance Polymers: quali vantaggi offrono e come trasformarli Criteri di progettazione dei manufatti, tolleranze dimensionali e gestione dei fenomeni di ritiro 2 - AREA MATERIALI e APPLICAZIONI Corso Introduttivo alle Materie plastiche Corso di Introduzione ai Polimeri Termoindurenti Corso di Introduzione ai Materiali Compositi Fibrorinforzati Nanocompositi polimerici Biopolimeri e loro trasformazione Il Controllo di Qualità dei materiali polimerici Corso di Caratterizzazione Chimico-Fisico-Termica e di Resistenza alla fiamma Corso di Caratterizzazione Meccanico-Reologico-Elettrica Tecniche analitiche a confronto per identificare le problematiche su manufatti e materiali Riciclo delle Materie Plastiche: aspetti tecnici, normativi e applicazioni 3 - AREA GESTIONALE DOE for plastics - corso BASE DOE for plastics - corso AVANZATO Controllo statistico dei processi produttivi (ELEMENTI di BASE) Preparazione e presentazione di brevetti nel settore Materie Plastiche Gestione e rendicontazione di progetti finanziati per attività di ricerca e sviluppo Analisi dei costi e dell efficienza dei processi di stampaggio delle materie plastiche Analisi dei costi di stampaggio - Tecnologie Innovative 4 - AREA SVILUPPO DEL CAPITALE UMANO ESSERE (o diventare) CAPI INTERMEDI nel settore Materie Plastiche La Valutazione delle Prestazioni: metodi e strumenti di gestione delle relazioni, della comunicazione e del lavoro Sviluppare competenze di Public Speaking: corso pratico alla gestione della comunicazione in pubblico L Intelligenza Emotiva in Azienda La Gestione del Conflitto e dello Stress - Edizione Revolving La Gestione del Tempo e delle Priorità Gestione della Comunicazione Scritta Gestione di Risorse Umane Multiculturali 5 e 6 feb / 2 e 3 ott 15, 16, 17 apr / 4, 5, 6 nov 14 ott 5 giu 13 mar / 8 ott 25 mar / 24 ott 18 feb / 10 sett 10 e 11 giu / 3 e 4 dic 6 mar / 12 nov 15 mag / 23 ott 15 mag / 23 ott 15 apr / 11 dic 24 mar / 28 ott 20 mag 12 giu 13 giu 9 mag 9 giu 7-8 apr / nov 5 mag / 12 dic 26 mag 28 mar / 30 ott 6 giu 27 giu 21 nov 27 mag 20 giu 11 apr 21 feb 24 gen / 14 mar / 23 mag 19 mar 4 mar / 11 nov 1 apr INDICE CORSI E PERIODO DI ATTIVAZIONE ANNO 2014 FORMAZIONE PER IL SETTORE DELLE MATERIE PLASTICHE print pagina 5 Segue indice e periodo di attivazione I nostri servizi sono offerti a condizioni agevolate e prioritarie ai Soci del Consorzio Proplast.

6 5 - AREA COMMERCIALE Assistenza Tecnica Commerciale: la cura del rapporto con il cliente Relazioni Aziendali Cross-Culturali: come instaurare buone relazioni professionali all estero Gestire una presentazione commerciale Social Media in Azienda 6 - AREA SICUREZZA Rischi Trasversali per la Sicurezza nel settore delle Materie Plastiche Gestione del Rischio Chimico nel settore Materie Plastiche 14 feb / 26 set 4 apr 27 mar / 27 nov 21 mar / 19 set 29 set 16 giu print INDICE CORSI E PERIODO DI ATTIVAZIONE ANNO 2014 FORMAZIONE PER IL SETTORE DELLE MATERIE PLASTICHE PERCORSI FORMATIVI Aderendo ad uno dei nti percorsi di formazione si avrà diritto a un ulteriore 10% di sconto sulla quota complessiva di iscrizione (cumulabile con le altre scontistiche previste) 1. STAMPAGGIO A INIEZIONE: Corsi Stampaggio Base + Avanzato, Analisi Costi Stampaggio 2. CONTROLLO DI PROCESSI E PRODOTTI: Corsi Controllo Qualità, Doe Base + Avanzato, Controllo Statistico (Elementi di Base) 3. TECNICHE ANALITICHE: Corsi Controllo Qualità, Corsi di Caratterizzazione, Tecniche Analitiche a Confronto 4. MATERIE PLASTICHE: Corsi Introduzione alle Materie Plastiche, Riciclo 5. MATERIALI INNOVATIVI: Corsi Nanocompositi, Biopolimeri, High Performance Polymers 6. INNOVAZIONI NELLO STAMPAGGIO: Corsi Stampaggio Microcellulare, Analisi dei Costi delle Tecnologie Innovative 7. PROGETTAZIONE AVANZATA E POST LAVORAZIONI: Corsi Criteri di Progettazione, Post Lavorazioni, Assemblaggio 8. CAPITALE UMANO: Corsi Essere (o diventare) capi intermedi nel settore delle materie plastiche, La Valutazione delle Prestazioni, L Intelligenza Emotiva in Azienda 9. SVILUPPO DEL POTENZIALE: Corsi Sviluppare competenze di Public Speaking, La Gestione del Conflitto e dello Stress, La Gestione del Tempo e delle Priorità, Gestione della Comunicazione Scritta pagina 6 I nostri servizi sono offerti a condizioni agevolate e prioritarie ai Soci del Consorzio Proplast.

7 AREA TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE PER IL SETTORE DELLE MATERIE PLASTICHE 1 AREA TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE Corso BASE sul processo di stampaggio a iniezione Corso AVANZATO sul processo di stampaggio a iniezione Il processo di Stampaggio con Tecnologia Microcellulare Corso sul processo di Compounding Post-lavorazioni di manufatti in materiale plastico Tecniche di Assemblaggio di semilavorati e componenti finiti in materiale plastico High-Performance Polymers: quali vantaggi offrono e come trasformarli Criteri di progettazione dei manufatti, tolleranze dimensionali e gestione dei fenomeni di ritiro 5 e 6 feb / 2 e 3 ott 15, 16, 17 apr / 4, 5, 6 nov 14 ott 5 giu 13 mar / 8 ott 25 mar / 24 ott 18 feb / 10 set 10, 11 giu / 3, 4 dic Info Le proposte formative - ove possibile - abbineranno all approccio didattico tradizionale (lezioni in aula) l analisi di casi ed esercitazioni di problem solving svolte a bordo macchina (presso il Laboratorio Tecnologico di Proplast). pagina 7

8 1 AREA TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE FORMAZIONE PER IL SETTORE DELLE MATERIE PLASTICHE 1.1 CORSO BASE SULLO STAMPAGGIO A INIEZIONE 2 giornate 1.3 IL PROCESSO DI STAMPAGGIO CON TECNOLOGIA MICROCELLULARE L obiettivo del corso è di quello di fornire conoscenze e competenze di base sul processo di stampaggio, analizzandone le principali problematiche e le caratteristiche distintive. ll corso si divide in sessioni didattiche realizzate in aula e in esercitazioni sulle macchine, dividendo gli allievi in gruppi di un massimo di 10. Introduzione al processo di stampaggio a iniezione Il processo di funzionamento, l impostazione dei macchinari e i prodotti Prove pratiche di stampaggio a bordo macchina finalizzate ad analizzare le più frequenti difettosità e le modalità di risoluzione Sicurezza sul lavoro: conoscenza delle principali protezioni delle presse e delle attrezzature ausiliarie Periodo: 5, 6 feb / 2, 3 ott Quota di partecipazione: 800 euro (+IVA) a partecipante L obiettivo del corso è approfondire gli aspetti teorico-pratici della tecnologia di stampaggio ad iniezione microcellulare, meglio nota come MuCell. Il corso si rivolge ai tecnici che già possiedono una buona conoscenza della tecnologia di stampaggio ad iniezione di polimeri ad alte prestazioni. E prevista una prima parte in aula dedicata agli approfondimenti teorici sulla tecnologia e sulle caratteristiche specifiche della pressa ad iniezione, la seconda parte si svolgerà su una pressa attrezzata con kit di stampaggio MuCell. Per consentire un efficace attività formativa pratica sulla pressa, il numero massimo di allievi previsto è pari a 10. La tecnologia di stampaggio microcellulare MuCell Le caratteristiche della pressa ad iniezione per lo stampaggio microcellulare Cenni alla progettazione di particolari ottimizzati per lo stampaggio microcellulare Materiali ed applicazioni per lo stampaggio microcellulare Impostazione dei parametri di processo Variazione dei parametri di processo e loro influenza sulla stampaggio microcellulare Principali criticità e possibili difettosità dello stampaggio microcellulare Periodo: 14 ott - Quota di partecipazione: 400,00 euro (+IVA) a partecipante 1.2 CORSO AVANZATO SULLO STAMPAGGIO A INIEZIONE 3 giornate 1.4 CORSO SUL PROCESSO DI COMPOUNDING L obiettivo del corso è di incrementare le conoscenze e le competenze dei tecnici che operano nello stampaggio ad iniezione, migliorando il know-how sui materiali, sull ottimizzazione del processo e sulla gestione delle attrezzature. Il corso si divide in parti realizzate in aula e in parte sulle macchine dividendo gli allievi in gruppi di un massimo di 10 allievi. Proprietà e struttura dei polimeri, criteri di scelta e caratteristiche reologiche Gli effetti delle condizioni operative sulla morfologia dei polimeri e sulle caratteristiche dei manufatti Lo stampaggio a iniezione: gestione dei parametri di trasformazione Gli stampi per materiali termoplastici: conoscenze primarie per un corretto stampaggio Impostazione dei parametri di processo su presse e attrezzature ausiliarie Il montaggio, lo smontaggio e la manutenzione degli stampi Problematiche relative allo stampaggio a iniezione Valutazione pratica dell influenza delle variabili nel processo di stampaggio Difettosità nello stampaggio a iniezione: cause e risoluzione dei difetti Problematiche energetiche Periodo: 15, 16, 17 apr / 4, 5, 6 nov - Quota di partecipazione: euro (+IVA) a partecipante L obiettivo del corso è quello di fornire una maggiore conoscenza e competenza del processo di compounding, analizzandone principali problematiche, le caratteristiche distintive e le più significative applicazioni. Principi base del processo di compounding La modifica dei polimeri via compound: cariche, rinforzi, agenti ritardanti di fiamma ed additivi Sistemi di miscelazione e di dosaggio dei materiali Applicazioni e sviluppo di compounds: come scegliere e dosare polimeri, additivi, rinforzi ed altre cariche Il corso prevede lo svolgimento di prove pratiche in laboratorio sul processo di compounding. Periodo: 5 giu Quota di partecipazione: 500 euro (+IVA) a partecipante VANTAGGI: sconti ed agevolazioni Informazioni dettagliate a pag. 3 pagina 8

9 1 AREA TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE FORMAZIONE PER IL SETTORE DELLE MATERIE PLASTICHE 1.5 POST-LAVORAZIONI DI MANUFATTI IN MATERIALE PLASTICO L obiettivo del corso è quello di analizzare le differenti tecniche di decorazione dei manufatti, confrontandole ed evidenziando limiti e vantaggi, al fine di attuare le migliori scelte progettuali e produttive. Il corso consentirà inoltre di riflettere sulle correlazioni tra il processo produttivo e le fasi di post-lavorazione. Decorazione (serigrafia, tampografia, off-set, ) Metallizzazione - Galvanizzazione Verniciatura Accorgimenti progettuali e miglioramento delle prestazioni Interazione tra materiale e sistema verniciante, influenza della vernice sulle prestazioni del manufatto Periodo: 13 mar / 8 ott 1.6 TECNICHE DI ASSEMBLAGGIO DI SEMILAVORATI E COMPONENTI FINITI IN MATERIALE PLASTICO L obiettivo del corso è quello di analizzare le differenti tecniche di assemblaggio dei manufatti, confrontandole ed evidenziando limiti e vantaggi, al fine di attuare le migliori scelte progettuali e produttive. Il corso consentirà inoltre di riflettere sulle correlazioni tra il processo produttivo e le fasi di post-lavorazione. Incollaggio con impiego di adesivi/collanti Saldatura ad aria calda, con piastra calda, a vibrazione, ad ultrasuoni e laser Fissaggio con impiego di viti Fissaggio a scatto (snap-fit) Periodo: 25 mar / 24 ott 1.7 HIGH PERFORMANCE POLYMERS: QUALI VANTAGGI OFFRONO E COME TRASFORMARLI L obiettivo del corso è quello di fornire precise indicazioni sui materiali polimerici ad altissime prestazioni al fine di utilizzarli nei manufatti in sostituzione di e/o in abbinamento con materiali tradizionali. In modo particolare il corso si concentra sulla possibilità di sostituire i materiali metallici con materie plastiche in grado di offrire elevate prestazioni. Saranno presentati e discussi casi di studio ed esempi applicativi di interesse generale. Caratteristiche distintive dei polimeri ad alte prestazioni Riflessioni e confronti relativi alla loro applicazione in sostituzione dei materiali tradizionali Metal replacement Come evitare i problemi legati alla trasformazione di questi polimeri Periodo: 18 feb / 10 set 1.8 CRITERI DI PROGETTAZIONE DEI MANUFATTI, TOLLERANZE DIMENSIONALI E GESTIONE DEI FENOMENI DI RITIRO 2 giornate L obiettivo del corso è migliorare l impostazione della progettazione di un nuovo manufatto, analizzandone criteri, problematiche e sviluppo della soluzione progettuale più opportuna. Inoltre, il corso permette di acquisire una maggiore conoscenza sull analisi del comportamento dei materiali allo stato fuso e sulle successive condizioni di raffreddamento sotto pressione all interno della cavità dello stampo. Introduzione all ideazione di manufatti: dalla scelta del materiale allo sviluppo progettuale Criteri di scelta del materiale valutando le performance funzionali e/o estetiche attese Criteri di progettazione e difettosità Come gestire errori tipici nella progettazione di manufatti Casi di studio e conclusioni Cenni di Reologia dei Materiali Termoplastici Il fenomeno del ritiro Variabili operative del processo di stampaggio e loro influenza Tolleranze: Generiche, Tecniche e Speciali nei confronti dei Polimeri termoplastici Normativa ISO IT8-12 e DIN Periodo: 10 e 11 giu / 3 e 4 dic Quota di partecipazione: 700 euro (+IVA) a partecipante VANTAGGI: sconti ed agevolazioni Informazioni dettagliate a pag. 3 pagina 9

10 AREA MATERIALI e APPLICAZIONI PER IL SETTORE DELLE MATERIE PLASTICHE 2 AREA MATERIALI e APPLICAZIONI 2.1 -Corso Introduttivo alle materie plastiche 2.2 -Corso di Introduzione ai Polimeri Termoindurenti 2.3 -Corso di Introduzione ai Materiali Compositi Fibrorinforzati Nanocompositi polimerici Biopolimeri e loro trasformazione Il controllo di qualità dei materiali polimerici Corso di Caratterizzazione Chimico-Fisico-Termica e di Resistenza alla fiamma Corso di Caratterizzazione Meccanico-Reologico-Elettrica Tecniche analitiche a confronto per identificare le problematiche su manufatti e materiali Riciclo delle Materie Plastiche: aspetti tecnici, normativi e applicazioni 6 mar / 12 nov 15 mag / 23 ott 15 mag / 23 ott 15 apr / 11 dic 24 mar / 28 ott 20 mag 12 giu 13 giu 9 mag 9 giu Info Le proposte formative - ove possibile - abbineranno all approccio didattico tradizionale (lezioni in aula) l analisi di casi ed esercitazioni di problem solving svolte anche mediante l osservazione diretta di macchine e attrezzature (presso il Laboratorio Analisi di Proplast). pagina 10

11 2 AREA MATERIALI e APPLICAZIONI FORMAZIONE PER IL SETTORE DELLE MATERIE PLASTICHE 2.1 CORSO INTRODUTTIVO ALLE MATERIE PLASTICHE 2.3 CORSO DI INTRODUZIONE AI MATERIALI COMPOSITI FIBRORINFORZATI 1/ 2 giornata L obiettivo del corso è quello di fornire un introduzione generale al mondo delle materie plastiche, per tutti coloro che vogliono avere una visione d insieme dei materiali più diffusi, delle loro principali caratteristiche e delle modalità di trasformazione e di utilizzo. Per affrontare il corso non è necessaria nessuna conoscenza chimica o tecnologica particolare: il corso è aperto a tutti. Cos è la plastica: introduzione I principali polimeri termoplastici: caratteristiche, proprietà e applicazioni Come modificare le proprietà dei polimeri: additivi, cariche minerali, fibre e pigmenti Biopolimeri e riciclabilità Le tecnologie più diffuse per l utilizzo e trasformazione dei termoplastici: lo stampaggio a iniezione l estrusione, la filmatura Il corso prevede la visita ai laboratori di Proplast, durante la quale gli allievi assisteranno ad alcuni esempi di trasformazione e di testing di polimeri termoplastici. Periodo: 6 mar / 12 nov 2.2 CORSO DI INTRODUZIONE AI POLIMERI TERMOINDURENTI 1/ 2 giornata L obiettivo del corso è fornire un introduzione generale al mondo dei polimeri termoindurenti, evidenziandone le principali caratteristiche e le differenze rispetto ai termoplastici. Il corso permetterà di acquisire competenze anche sulle tecniche di caratterizzazione e di controllo del processo di reticolazione delle resine termoindurenti in fase di trasformazione e sul loro utilizzo come matrice di materiali compositi fibrorinforzati. Il corso prevede lo svolgimento di esercitazioni pratiche in laboratorio, durante le quali gli allievi assisteranno alla preparazione di una miscela termoindurente reattiva e alla verifica del processo di reticolazione tramite analisi di laboratorio. I principali polimeri termoindurenti: caratteristiche, proprietà e applicazioni La cura di una resina: sviluppo del processo di reticolazione Termoindurenti come matrici di materiali compositi in fibra Le tecnologie più diffuse per l utilizzo e trasformazione dei termoindurenti Periodo: 15 mag / 23 ott Quota di partecipazione: 200 euro (+IVA) a partecipante L obiettivo del corso è quello di fornire ai partecipanti una visione globale delle materie prime - matrici termoindurenti e fibre di rinforzo - utilizzate per la produzione dei materiali compositi ed i loro criteri di scelta, e fornire inoltre una panoramica generale di tutte le più comuni tecniche di produzione di materiali compositi. Introduzione ai materiali compositi Le principali matrici termoindurenti: tipologie, caratteristiche e proprietà Le principali fibre di rinforzo: tipologie, caratteristiche e proprietà Le principali tecniche di trasformazione dei compositi: autoclave, RTM, infusione, ecc. Periodo: 15 mag / 23 ott Quota di partecipazione: 200 euro (+IVA) a partecipante 2.4 NANOCOMPOSITI POLIMERICI L obiettivo del corso è analizzare l evoluzione dei nano materiali, conoscendo le varie famiglie di nano cariche disponibili, le loro proprietà e le caratteristiche che esse conferiscono al materiale finale, per sviluppare prodotti e materiali in grado di soddisfare gli obblighi di legge e di offrire al cliente performance distintive. Panoramica delle varie tipologie di nano cariche, loro produzione e applicazione ai sistemi polimerici Metodi di preparazione e caratterizzazione di nanocompositi polimerici Proprietà dei nanocompositi polimerici Applicazioni industriali dei nanocompositi polimerici e trend di sviluppo Periodo: 15 apr / 11 dic VANTAGGI: sconti ed agevolazioni Informazioni dettagliate a pag. 3 pagina 11

12 FORMAZIONE PER IL SETTORE DELLE MATERIE PLASTICHE 2 AREA CARATTERIZZAZIONE, MATERIALI e APPLICAZIONI 2.5 BIOPOLIMERI E LORO TRASFORMAZIONE L obiettivo del corso è fornire una panoramica aggiornata sulle tendenze ed evoluzioni dei polimeri utilizzati per sviluppare applicazioni eco-sostenibili. Le problematiche ambientali stanno acquisendo un importanza sempre maggiore. Negli ultimi anni sono state emesse direttive e decreti dalla CE per cercare di ridurre gli impatti ambientali generati dai manufatti a fine vita e dalle problematiche relative all uso e consumo eccessivo di petrolio. Introduzione sulle normative e sull eco-compatibilità I biopolimeri: introduzione generale Le principali famiglie di biopolimeri ad oggi presenti sul mercato, le loro proprietà, la processabilità e le applicazioni esistenti. NB: Il corso prevede inoltre la dimostrazione di prove pratiche di stampaggio ed estrusione presso i laboratori Proplast. Periodo: 24 mar / 28 ott 2.7 CORSO DI CARATTERIZZAZIONE CHIMICA, FISICA, TERMICA E DI RESISTENZA ALLA FIAMMA L obiettivo del corso è di far acquisire ai partecipanti le principali metodologie per la caratterizzazione dei materiali plastici dal punto di vista delle proprietà chimico-fisiche e termiche. Il corso è particolarmente indicato per aziende che trasformano materie plastiche, al fine di fornire competenze utili alla progettazione, alla ricerca e sviluppo prodotto e alla gestione / esecuzione del Controllo Qualità, sia in fase di accettazione di materie prime e semi-lavorati, sia sul prodotto finito. Caratteristiche chimiche: prove di viscosità in soluzione e altre misure di peso molecolare, prove di cristallinità, di fusione, di cristallizzazione e di transizione vetrosa. Caratteristiche fisiche: prove di densità, ritiri, durezza, permeabilità e assorbimento d umidità Caratteristiche termiche: prove della temperatura di rammollimento (Vicat) e di inflessione (HDT) Le principali tecniche di identificazione dei polimeri termoplastici e dei loro compound : esempi Prove di resistenza alla fiamma: filo incandescente (glow wire test), UL94, LOI, CTI NB: Il corso prevede lo svolgimento di esercitazioni pratiche in laboratorio, durante le quali gli allievi assisteranno all esecuzione e alla spiegazione di alcune delle prove affrontate durante la sessione teorica (in aula). Periodo: 12 giu 2.6 IL CONTROLLO DI QUALITÀ DEI MATERIALI POLIMERICI L obiettivo del corso è accrescere la competenza degli operatori addetti al Controllo Qualità (in Laboratorio, Produzione e Magazzino) nell esecuzione delle principali operazioni di Controllo in accettazione dei polimeri termoplastici e dei loro compounds, dalle operazioni di campionamento alle analisi chimico-fisiche di caratterizzazione. Il Controllo Qualità dei fornitori: definizione delle procedure di campionamento e dei piani di controllo Come leggere la documentazione di prodotto: i certificati di analisi e le specifiche tecniche Come svolgere una adeguata registrazione dei risultati I principali metodi di analisi su granulo (DSC, umidità, MFI, viscosità, ceneri, visual inspection, colore) NB: Il corso prevede lo svolgimento di esercitazioni pratiche in laboratorio, durante le quali gli allievi assisteranno all esecuzione di prove sui polimeri termoplastici, secondo i metodi analitici più diffusi nelle operazioni di Controllo Qualità (umidità, MFI, viscosità, ceneri, controllo visivo). Periodo: 20 mag 2.8 CORSO DI CARATTERIZZAZIONE MECCANICA-REOLOGICA-ELETTRICA L obiettivo del corso è far acquisire ai partecipanti le principali metodologie per la caratterizzazione dei materiali plastici dal punto di vista delle proprietà fisico-meccaniche e reologiche. Caratteristiche meccaniche: trazione, flessione, urto Informazioni di ausilio alla progettazione: creep e fatica (cenni) La simulazione del comportamento reale dei manufatti: impatto multiassiale, invecchiamento termico ed UV Caratteristiche reologiche: indice di fusione (melt flow index), reometria capillare e rotazionale - esempi Proprietà elettriche / dielettriche: conducibilità, rigidità dielettrica (cenni) NB: Il corso prevede lo svolgimento di esercitazioni pratiche in laboratorio, durante le quali gli allievi assisteranno all esecuzione e alla spiegazione di alcune delle prove affrontate durante la sessione teorica (in aula). Periodo: 13 giu VANTAGGI: sconti ed agevolazioni Informazioni dettagliate a pag. 3 pagina 12

13 FORMAZIONE PER IL SETTORE DELLE MATERIE PLASTICHE 2 AREA CARATTERIZZAZIONE, MATERIALI e APPLICAZIONI 2.9 TECNICHE ANALITICHE A CONFRONTO PER IDENTIFICARE LE PROBLEMATICHE SU MANUFATTI E MATERIALI L obiettivo del corso è trasferire ai tecnici che trasformano e utilizzano polimeri termoplastici le conoscenze necessarie per una corretta comprensione delle caratteristiche chimico-fisiche dei materiali e una visione generale delle tecniche analitiche maggiormente utilizzate per la verifica dei problemi più tipici che possono insorgere durante la trasformazione del materiale fornito. Il corso permetterà ai partecipanti di verificare la presenza di anomalie determinate dal materiale, di impostare correttamente l analisi del problema, dialogando in modo maggiormente consapevole con i fornitori e con i laboratori esterni che potranno supportare l azienda nella risoluzione dei problemi. Approccio alla tecnica del Problem Solving Descrizione delle possibili tipologie di prove di caratterizzazione e di verifica della qualità dei materiali Impostazione e comparazione dei metodi di prova Analisi delle cause tipiche di non conformità su manufatti e materiali Il corso include l analisi e la discussione di numerosi esempi pratici e di casi di studio reali, anche proposti dai partecipanti (segnalandoli al docente una settimana prima del corso). Periodo: 9 mag 2.10 RICICLO DELLE MATERIE PLASTICHE: ASPETTI TECNICI, NORMATIVI E APPLICAZIONI L obiettivo del corso è quello di favorire la corretta valutazione della sicurezza e della eco-compatibilità dei materiali provenienti da scarti industriali e da post-consumo per la realizzazione di manufatti ed imballaggi, nel rispetto delle normative vigenti. La sostenibilità Aspetti normativi Tipologie di riciclo delle materie plastiche (con approfondimento sul riciclo meccanico e caratteristiche delle plastiche da riciclo) Applicazioni delle MPS Casi esemplificativi di materiali e prodotti Periodo: 9 giu Quota di partecipazione: 300 euro (+IVA) a partecipante VANTAGGI: sconti ed agevolazioni Informazioni dettagliate a pag. 3 pagina 13

14 AREA GESTIONALE PER IL SETTORE DELLE MATERIE PLASTICHE 3 AREA GESTIONALE DOE for plastics - corso BASE DOE for plastics - corso AVANZATO Controllo statistico dei processi produttivi (ELEMENTI di BASE) Preparazione e presentazione di brevetti nel settore Materie Plastiche Gestione e rendicontazione di progetti finanziati per attività di ricerca e sviluppo Analisi dei costi e dell efficienza dei processi di stampaggio delle materie plastiche Analisi dei costi di stampaggio - Tecnologie Innovative 7 e 8 apr / 17 e 18 nov 5 mag / 12 dic 26 mag 28 mar / 30 ott 6 giu 27 giu 21 nov Info Le proposte formative - ove possibile - abbineranno all approccio didattico tradizionale (lezioni in aula) l analisi di casi ed esercitazioni di problem solving. pagina 14

15 3 AREA GESTIONALE VANTAGGI: FORMAZIONE PER IL SETTORE DELLE MATERIE PLASTICHE sconti ed agevolazioni Informazioni dettagliate a pag DOE FOR PLASTICS CORSO BASE (PROPEDEUTICO) 2 giornate L obiettivo del corso è l apprendimento delle tecniche di Design degli Esperimenti (Design Of Experiments). Grazie a queste tecniche statistiche, che si prestano all applicazione ai problemi tecnologici più svariati (es: la messa a punto della formulazione di un nuovo prodotto, la definizione dei parametri di processo ottimali per una determinata produzione ) è possibile preparare piani sperimentali molto più efficaci, che con un minore numero di prove permettono di ottenere un maggior numero di conclusioni significative e, quindi, di migliorare l'efficienza della sperimentazione con un notevole risparmio di tempi e di costi. L approccio statistico alla progettazione degli esperimenti: introduzione, obiettivi, principali metodologie Come analizzare i dati sperimentali: statistiche descrittive, teoria delle decisioni statistiche, analisi della varianza (ANOVA): esempi ed esercitazioni Tecniche per la preparazione di piani sperimentali: i piani Full Factorial e Fractional Factorial Esempi ed esercitazioni in aula utilizzando il programma Minitab Periodo: 7 e 8 apr / 17 e 18 nov Quota di partecipazione: 800 euro (+IVA) a partecipante per corso base NB: In caso di iscrizione immediata a entrambi i corsi la quota totale è di euro (+ IVA) a partecipante (da scontare del 30% per i soci Proplast) 3.2 DOE FOR PLASTICS - CORSO AVANZATO (PER COLORO CHE POSSIEDONO LE NOZIONI DEL DOE BASE) Tecniche per l'ottimizzazione dei risultati di piani a risposta multipla: il Response Optimizer - esempi ed esercitazioni su Minitab Tecniche per la preparazione di piani sperimentali per modelli non lineari: i piani Response Surface - esempi ed esercitazioni su Minitab Periodo: 5 mag / 12 dic Quota di partecipazione: 600 euro (+IVA) a partecipante N.B. Per partecipare al corso è indispensabile aver frequentato il corso DOE Base 3.3 CONTROLLO STATISTICO DEI PROCESSI PRODUTTIVI (ELEMENTI DI BASE) L obiettivo del corso è trasferire al personale di Produzione e delle funzioni collegate (manutenzione, sviluppo prodotto, ingegneria dei processi, ecc.) le nozioni base del Controllo Statistico del Processo, in modo da essere in grado di monitorare e tenere sotto controllo il processo di produzione in tutte le sue fasi, dal controllo delle materie prime in ingresso fino ai collaudi finali, riducendo sprechi, scarti e reclami, e migliorando così l efficienza complessiva. Il significato dei piani di controllo, dei metodi di analisi e delle specifiche di prodotto La misura: ripetibilità e riproducibilità Cause comuni e cause speciali di variabilità Principi base di statistica: gli istogrammi di frequenza, la distribuzione normale, il significato di media e deviazione standard La legge del "3 Sigma" I limiti di controllo e la capacità (Cp, Cpk) dei processi produttivi Introduzione alle carte di controllo per variabili e per attributi. Saranno proposte esercitazioni pratiche e analisi di casi durante lo svolgimento del corso per favorire un apprendimento attivo da parte degli allievi. Periodo: 26 mag pagina 15

16 3 AREA GESTIONALE VANTAGGI: sconti ed agevolazioni Informazioni dettagliate a pag PREPARAZIONE E PRESENTAZIONE DI BREVETTI NEL SETTORE INDUSTRIALE DELLE MATERIE PLASTICHE L obiettivo del corso è introdurre e approfondire la tematica brevettuale per conoscere opportunità e difficoltà della preparazione e presentazione di brevetti nel settore industriale delle materie plastiche, al fine di non sottovalutare possibili opportunità di tutela delle proprie attività di ricerca e sviluppo e non cadere in contraffazione di invenzioni di altri. Il corso fornisce un inquadramento di base delle metodologie e tecniche di brevettazione, esplorando la normativa europea e internazionale, nonché fornendo un concreto supporto alla valorizzazione della innovazione industriale. La ricerca brevettuale come fonte di informazione tecnica, monitoraggio dei concorrenti e opportunità di ottenere licenze Tipi e modalità delle ricerche brevettuali (tramite Banche Dati) Il brevetto come strumento di tutela delle invenzioni Procedure e suggerimenti per la preparazione e la presentazione di una domanda di brevetto Focus sui requisiti di brevettabilità Descrizione e comparazione delle possibili tipologie di deposito delle domande di brevetto Il corso prevede la presentazione di casi di studio ed esercitazioni proposte dal docente 3.5 GESTIONE E RENDICONTAZIONE DI PROGETTI FINANZIATI A FAVORE DI ATTIVITÀ DI RICERCA E SVILUPPO Periodo: 28 mar / 30 ott L obiettivo del corso è fornire supporto alle aziende nella ricerca di finanziamenti, nella presentazione di progetti su programmi di Ricerca & Sviluppo a livello Regionale, Nazionale ed Europeo, nella redazione dei report e nella gestione economico-finanziaria. Quando, come e dove individuare le opportunità di finanziamento Presentazione di una proposta di ricerca: ideazione del progetto, individuazione dei partner, stesura della proposta Impostazione e suggerimenti per condurre l attività di reporting Gestione del progetto: aspetti tecnici, finanziari e di comunicazione Focus sull attività di rendicontazione Attività di divulgazione: diffusione e protezione dei risultati 3.6 ANALISI DEI COSTI E DELL EFFICIENZA DEI PROCESSI DI STAMPAGGIO DELLE MATERIE PLASTICHE Periodo: 6 giu L obiettivo del corso è supportare le aziende che stampano materie plastiche nella gestione di uno dei problemi più complessi: riuscire ad avere una corretta visione dei costi collegati allo stampaggio ad iniezione, per poter definire con maggior precisione il costo finale dei prodotti. Al termine del corso i partecipanti potranno: avere una migliore comprensione sulla tipologia e sull analisi dei costi valutare correttamente l influenza dei singoli fattori di costo valutare criticamente l impatto dell efficienza operativa sul costo del prodotto Introduzione sulla strutturazione dei costi aziendali La definizione del costo del prodotto: logiche e approcci a confronto L influenza dell efficienza operativa nei processi industriali Saranno proposte esercitazioni pratiche e analisi di casi durante lo svolgimento del corso per favorire un apprendimento attivo da parte degli allievi. Periodo: 27 giu pagina 16

17 3 AREA GESTIONALE VANTAGGI: FORMAZIONE PER IL SETTORE DELLE MATERIE PLASTICHE sconti ed agevolazioni Informazioni dettagliate a pag ANALISI DEI COSTI DI STAMPAGGIO - TECNOLOGIE INNOVATIVE L obiettivo del corso è quello di fornire gli elementi che consentono la determinazione del costo finale del prodotto realizzato con l'impiego di tecnologie di stampaggio innovative. In particolare la valutazione del ritorno economico è un elemento fondamentale nella valutazione di nuovi investimenti, come nel caso di tecnologie quali lo stampaggio ad iniezione microcellulare o lo stampaggio con utilizzo del condizionamento dinamico degli stampi. Il corso si rivolge a referenti aziendali che in qualche misura desiderano ampliare la propria conoscenza dei costi aziendali e dei costi produttivi che concorrono a determinare il prezzo finale dei prodotti e si propone di fornire gli elementi di supporto per una corretta valutazione dei costi diretti di produzione di particolari realizzati con l utilizzo di queste nuove tecnologie di stampaggio ad iniezione. Brevi cenni riassuntivi sulla struttura dei costi aziendali e sulla definizione del costo del prodotto Analisi dei costi diretti, fissi e variabili, nel processo di stampaggio ad iniezione Analisi dei fattori di costo, fisso e variabile, in relazione all utilizzo delle nuove tecnologie di stampaggio (microcellulare e condizionamento dinamico) Presentazione di casi di studio ed esercitazioni in aula Periodo: 21 nov pagina 17

18 AREA SVILUPPO DEL CAPITALE UMANO PER IL SETTORE DELLE MATERIE PLASTICHE 4 AREA SVILUPPO DEL CAPITALE UMANO ESSERE (o diventare) CAPI INTERMEDI nel settore Materie Plastiche La valutazione delle prestazioni: metodi e strumenti di gestione delle relazioni, della comunicazione e del lavoro Sviluppare competenze di Public Speaking: corso pratico alla gestione della comunicazione in pubblico L Intelligenza Emotiva in Azienda La Gestione del Conflitto e dello Stress - Edizione Revolving La Gestione del Tempo e delle Priorità Gestione della Comunicazione Scritta Gestione di Risorse Umane Multiculturali 27 mag 20 giu 11 apr 21 feb 24 gen / 14 mar / 23 mag 19 mar 4 mar / 11 nov 1 apr Info Le proposte formative - ove possibile - abbineranno all approccio didattico tradizionale (lezioni in aula) l analisi di casi ed esercitazioni di problem solving. pagina 18

19 AREA 4 VANTAGGI: SVILUPPO DEL CAPITALE UMANO FORMAZIONE PER IL SETTORE DELLE MATERIE PLASTICHE sconti ed agevolazioni Informazioni dettagliate a pag ESSERE (O DIVENTARE) CAPI INTERMEDI NEL SETTORE DELLE MATERIE PLASTICHE 2 giornate L obiettivo del corso è stimolare lo sviluppo del Capitale Umano, fornendo le conoscenze organizzative e gestionali utili a riflettere con maggiore consapevolezza sulla comunicazione, gli atteggiamenti, la motivazione e il clima nell ambiente di lavoro. Argomenti principali riguardano: La figura del capo : quali sono le competenze professionali richieste? È un ruolo più umano o più tecnico? Si basa più sul coinvolgimento o più sul controllo? L importanza di gestire Motivazione e Clima in modo pro-attivo, e non solo re-attivo Leadership: suggerimenti e considerazioni sulle caratteristiche di un buon leader La comunicazione interpersonale come strumento di gestione delle prestazioni Pre-cognizioni e pre-giudizi: i più comuni errori di comunicazione Alcune esercitazioni svolte durante il corso favoriranno una comprensione più approfondita dei concetti espressi e permetteranno di mettere in discussione le proprie modalità soggettive. NB: Il corso può essere indicato nel Report di Valutazione dello stress lavoro correlato come attività formativa finalizzata alla riduzione e al monitoraggio di situazioni di disagio interpersonale tali da sfociare in disfunzioni fisiche e psicologiche dei dipendenti. Periodo: 27 mag - Quota di partecipazione: 700 euro (+IVA) a partecipante 4.3 SVILUPPARE COMPETENZE DI PUBLIC SPEAKING: CORSO PRATICO ALLA GESTIONE DELLA COMUNICAZIONE IN PUBBLICO Il corso intende trasferire competenze per migliorare la gestione della comunicazione e della relazione con altri interlocutori, in situazioni di confronto e interazione all interno di gruppi di lavoro. Per sua peculiarità, il corso è gestito con un approccio pratico e induttivo, in modo da permettere ai partecipanti l immediata messa in pratica dei concetti espressi. Parlare AD altri, PER altri, CON altri: quali differenze sostanziali? Come ci presentiamo: voce, postura, sguardo, velocità dell eloquio Usare lo sguardo per valorizzare ed enfatizzare i passaggi decisivi di un discorso Imparare a parlare/leggere mantenendo il contatto con chi ascolta, interpretando il testo e supportandone a livello non verbale i passaggi più significativi Prepararsi a gestire una comunicazione mediante tecniche di respirazione e visualizzazione Esercizi, simulazioni e role-play - svolti durante tutto il percorso didattico - consentiranno di capire i concetti proposti, mettendoli in pratica. Periodo: 11 apr LA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI: METODI E STRUMENTI DI GESTIONE DELLE RELAZIONI, DELLA COMUNICAZIONE E DEL LAVORO 2 giornate 4.4 L INTELLIGENZA EMOTIVA IN AZIENDA L obiettivo del corso è l analisi delle competenze e la messa a punto di modalità e strumenti utili a impostare processi di valutazione e gestione delle prestazioni. Il corso si concentra sul concetto di Performance Management, che affronta la valutazione delle prestazioni come processo da condividere con le risorse umane valutate, al fine di intraprendere percorsi condivisi di miglioramento delle competenze e dei risultati. Analisi delle competenze e delle prestazioni Metodi e tecniche di valutazione delle prestazioni Performance management L approccio del Goal setting : quali obiettivi e motivazioni sono alla base delle prestazioni? Il ciclo di vita delle competenze e delle prestazioni Esercitazioni svolte durante il corso favoriranno una comprensione più approfondita dei concetti espressi e permetteranno di impostare il proprio sistema di valutazione delle prestazioni. Periodo: 20 giu - Quota di partecipazione: 600 euro (+IVA) a partecipante L ambiente di lavoro è uno dei contesti in cui risulta più importante riuscire a sviluppare una intelligenza che non sia solo logica, astratta, ancorata a dati oggettivi, ma che sia capace di gestire input emotivi e relazionali basati sull empatia, sul clima aziendale, sull interpretazione delle situazioni. Obiettivo del corso è quindi sviluppare consapevolezza sulle emozioni, imparare a conoscerle e approfondirne il vissuto, al fine di ri-conoscerle e utilizzarle nel modo più opportuno possibile durante le attività di lavoro. Emozioni, stati d animo e sentimenti: analisi dei concetti basilari per approfondire la conoscenza dell istinto, del controllo emotivo e della motivazione. Lavorare con Intelligenza Emotiva Il daltonismo emotivo Strategie di gestione proattiva delle emozioni : il circolo virtuoso tra comunicazione e ascolto; La gestione delle emozioni nelle situazioni critiche. Nella sessione pomeridiana, i partecipanti saranno coinvolti in attività pratiche utili a mettere alla prova la propria capacità di gestire le emozioni in modo corretto e costruttivo. Periodo: 21 feb - pagina 19

20 AREA 4 VANTAGGI: SVILUPPO DEL CAPITALE UMANO FORMAZIONE PER IL SETTORE DELLE MATERIE PLASTICHE sconti ed agevolazioni Informazioni dettagliate a pag LA GESTIONE DEL CONFLITTO E DELLO STRESS - EDIZIONE REVOLVING 4.7 LA GESTIONE DELLA COMUNICAZIONE SCRITTA Affrontare situazioni conflittuali e stressanti fa parte della normalità della nostra vita personale e lavorativa. All interno delle organizzazioni di lavoro è importante conoscere e utilizzare i comportamenti che favoriscono lo scambio di informazioni, cercando di prevenire e risolvere le principali occasioni di malinteso o di conflitto. Il conflitto: cos è, perché sorge, le diverse tipologie Lo stress: che cos è, come affrontarlo e quando è opportuno evitarlo Stress e conflitto: strategie di prevenzione e di gestione proattiva Dall intelligenza emotiva all intelligenza sociale Il circolo virtuoso tra comunicazione e ascolto Persuasione, mediazione e negoziazione: la riformulazione di obiettivi e bisogni comuni Si prevede un confronto pratico e interattivo con i docenti sulle tematiche del corso. Periodo: 24 gen / 14 mar / 23 mag 4.6 LA GESTIONE DEL TEMPO E DELLE PRIORITÀ Il corso per la finalità di supportare le persone nella gestione migliorativa delle proprie attività professionali, sviluppando la capacità di individuare / stabilire le priorità, riuscendo a pianificare le proprie (e altrui) attività in modo funzionale al tempo disponibile e agli obiettivi che sono stati affidati. Il tempo come risorsa: riflessione sul tempo (necessario / disponibile / residuo comunque sempre limitato ) La definizione degli obiettivi: elemento essenziale per la definizione di priorità e performance attese Strumenti di pianificazione: Gantt, metodo ABC, to do list Il principio di Pareto applicato alla gestione del tempo e delle priorità Delegare: imperativo categorico di tutti coloro che non hanno mai abbastanza tempo. Ma a chi delegare? Cosa? Come? Imparare a dire di no: dal dire sempre sì ad apprezzare qualche no, per il raggiungimento del miglior risultato possibile Periodo: 19 mar + 1/2 giornata di FOLLOW UP Il percorso si propone di migliorare le personali competenze di scrittura dei partecipanti, trasmettendo loro i metodi e i trucchi del mestiere per imparare a semplificare e strutturare in modo efficace le comunicazioni. Cenni di teoria della comunicazione Consigli di buona scrittura: analisi dei principali aspetti linguistici della comunicazione: sintassi, lessico (tecnicismi, pseudotecnicismi, forestierismi, sigle, termini comuni) e stile. Analisi degli strumenti di comunicazione (anatomia di lettera e ) e applicazione delle tecniche di scrittura efficace I partecipanti saranno coinvolti in esercitazioni pratiche (discussione, analisi di testi, esercizi). Periodo: 4 mar / 11 nov 4.8 GESTIONE DI RISORSE UMANE MULTICULTURALI Obiettivo del corso è fornire le competenze interculturali fondamentali per saper gestire in modo efficace relazioni e problematiche che possono emergere in contesti di lavoro caratterizzati da un crescente pluralismo culturale. Attraverso l'analisi di casi di studio, role-play e testimonianze dirette si evidenzieranno le risorse e gli strumenti che l'intercultura, intesa come modo di pensare e di operare, mette a disposizione. L'approccio interculturale: coordinate di riferimento Stereotipi, malintesi e conflitti in contesti interculturali: quali strategie? La relazione con l'altro: decentramento, ascolto attivo e capacità di mediazione Analisi e discussione di casi concreti, esercitazioni e role-play Periodo: 1 apr pagina 20

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Solo il meglio sotto ogni profilo!

Solo il meglio sotto ogni profilo! Solo il meglio sotto ogni profilo! Perfetto isolamento termico per finestre in alluminio, porte e facciate continue Approfittate degli esperti delle materie plastiche Voi siete specialisti nella produzione

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY THE FUTURE IS CLOSER Il primo motore di tutte le nostre attività è la piena consapevolezza che il colore è

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Sistem Elettrica Due Automazioni industriali

Sistem Elettrica Due Automazioni industriali Sistemi di collaudo Sistem Elettrica Due Automazioni industriali Un Gruppo che offre risposte mirate per tutti i vostri obiettivi di produzione automatizzata e di collaudo ESPERIENZA, RICERCA, INNOVAZIONE

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente Scheda di valutazione individuale area dirigenza Sessione di valutazione Nome e Cognome Valutatore Competenze e comportamenti Leggenda:,=molto indoddisfacente =insoddisfacente anno Incarico: PESATURA:

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

L'applicazione dei nanomateriali alle superfici esterne e nelle camere del profilo in PVC: finalità e obiettivi. info@novares.org

L'applicazione dei nanomateriali alle superfici esterne e nelle camere del profilo in PVC: finalità e obiettivi. info@novares.org L'applicazione dei nanomateriali alle superfici esterne e nelle camere del profilo in PVC: finalità e obiettivi Enrico Boccaleri, Ph.D.,, Leonardo Maffia, Ing., Ph.D.,, Giuseppe Rombolà, Ph.D. info@novares.org

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto. Torino, Centro Congressi Lingotto 14 15 aprile 2010

Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto. Torino, Centro Congressi Lingotto 14 15 aprile 2010 Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto INDICI E PIANI DI PROCESS CAPABILITY Prof. Biagio Palumbo (Università di Napoli Federico II - Dipartimento Ingegneria

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Documentazione per la formazione

Documentazione per la formazione La mia formazione professionale di base come assistente di farmacia Documentazione per la formazione Versione luglio 2007 Nome/cognome Farmacia Inizio della formazione professionale Fine della formazione

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO Presentazione del corso Istituzionale Il broker marittimo: la figura professionale Lo Shipbroker, in italiano mediatore marittimo, è colui che media fra il proprietario

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale I Leader nella Tecnologia dell'agitazione Agitatori ad Entrata Laterale Soluzione completa per Agitatori Laterali Lightnin e' leader mondiale nel campo dell'agitazione. Plenty e' il leader di mercato per

Dettagli