L Italia digitale e le imprese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Italia digitale e le imprese"

Transcript

1 AZIONI E PROPOSTE IBRID ZIONE L Italia digitale e le imprese 2

2 Così come l energia è la base della vita stessa, e le idee la fonte dell innovazione, così l innovazione è la scintilla vitale di tutti i cambiamenti, i miglioramenti e il progresso umano. Theodore Levitt

3 Sommario Premessa... 3 Il digitale per un nuovo rinascimento italiano... 5 Perché?... 5 Obiettivi... 6 Come?... 7 L indagine... 7 Le proposte Le possibili azioni Appendice - L indagine CNA... 18

4 Premessa Il nostro paese vive, e ne siamo tutti consapevoli, un forte gap digitale sia in termini culturali che di infrastruttura, divario che non ci consente di concorrere ad armi pari con i competitor europei e ancor meno con quelli dei paesi di nuovo sviluppo. Il nostro sistema di micro e piccole imprese soffre in maniera particolare della spinta che il digitale potrebbe loro fornire in termini sia produttivi che di mercato. Un processo di digitalizzazione delle imprese, oltre che supportare le nostre migliori produzioni sui mercati esteri, sul cosiddetto sesto continente costituito dall economia di internet e sempre più popoloso, potrebbe migliorare in termini più che proporzionali il concepimento della produzione stessa. Siamo sostenitori quanto fautori della necessità di una ibridazione della manifattura italiana, valorizzare la nostra millenaria tradizione innestando le nuove tecnologie di prototipazione e produzione nella concezione stessa del fare impresa. La necessità dunque di contaminarsi, di mettere a confronto contenuti e contenitori è quanto mai necessaria per l imprenditoria italiana, spesso legata ad approcci individualistici che hanno fatto spegnere quella spinta creativa quanto innovatrice che, da sempre, l hanno caratterizzata. Il 2015 è l anno che ha evidenziato, se pur timidamente, dei segnali di ripresa economica, soprattutto per quel che riguarda alcuni settori principalmente legati all export ed al Made in Italy, oltre ad una forte spinta dell economia digitale e delle imprese più innovative. È necessario far ripartire la domanda interna e allo stesso tempo provare a riformulare alcune concezioni legate al fare impresa, ad alcuni criteri di produzione e di fornitura di servizi più vicini ad elementi di innovazione. Riposizionare la ricerca italiana verso la piccola e micro impresa è sempre più essenziale per supportare l evoluzione economica che il nostro paese sta subendo. Theodore Levitt affermava che l economia italiana sarebbe stata più di altri investita dai processi di globalizzazione a causa delle sue produzioni frammentate e dei mercati di nicchia a cui si riferivano. Per sfruttare tale processo sarebbe stato necessario rendere più mainstream tali nicchie di mercato, rendere alcune produzioni tipicamente italiane di maggior diffusione (un po come sta avvenendo sul food), staccarle dai marchi traino (strategia usata fino ad adesso) e rendere la produzione stessa elemento distintivo. È ovvio che per aumentare la diffusione di alcune produzioni bisognerebbe render meno costose le produzioni stesse. Su questo punto è l innovazione e la ricerca che possono supportare le micro imprese nel processo di ibridazione che in parte sta già avvenendo. CNA vuole supportare questo passaggio e vuole soprattutto sostenere la nascita di nuove imprese da competenze sempre più legate a nuove logiche di produzione e fornitura. 4

5 Il digitale per un nuovo rinascimento italiano Sono passati oramai troppi anni da quando l Italia aveva una leadership culturale globale: cinema, moda, cibo erano i nostri ambasciatori nel mondo. Oggi si rincorrere, si gioca di rimessa, non si riesce più a riempire di significati originali le parole lavoro, impresa, sostenibilità, innovazione. Sono necessari un progetto condiviso di futuro e una cultura che sia in grado di concepirlo. Abbiamo provato tante strade, tanti modelli, inseguendo miti e mutuando di volta in volta schemi da mondi completamente diversi. Siamo invece convinti che la nostra via sia chiara e vogliamo tracciarla riprendendoci tre parole: Artigianalità, come idea di lavoro e di innovazione: la passione del fare le cose con le proprie mani, di farle per bene, di imparare e insegnare. Una parola che oggi ha una nuova vita: le startup tecnologiche, l advanced manufacturing, le aziende che ibridano manifattura e digitale sono tutte artigiane nel DNA e conferiscono vigore al termine artigianato. Made in Italy, che deve reinventarsi nelle forme e nell immaginario internazionale: Le imprese che producono Italia partono dalle nostre tradizioni e devono rinascere in rete. Non possono farlo senza il saper fare, il territorio e una forte trazione digitale. Competenze, stravolte dalla cultura digitale: non si può prescindere da una scuola nuova, dall ideologica unione tra mani e cervello, umanesimo e tecnologia, analogico e digitale, oltre che da una piena valorizzazione delle idee, del merito, del talento e della qualità. Gli artigiani, le piccole imprese di questo Paese, le grandi piattaforme digitali, gli innovatori della scuola, le istituzioni intelligenti, i cittadini tutti, devono contribuire a costruire una nuova economia fondata sulle competenze digitali che rappresentano la chiave per ripensare l eccellenza italiana portandola a pieno titolo nella modernità, puntando sui suoi asset strategici. Il digitale come struttura, non come semplice mezzo. Perché? Perché parlare di economia digitale come se fosse un settore di mercato suona come se, cento anni fa, avessimo parlato di economia elettrica. Perché chi diffonde la paura del digitale frena il Paese per mantenere interessi particolari. E che la rete sia lo strumento per valorizzare le diversità produttive e culturali e non lo strumento per creare nuovi monopoli. Perché il digitale e l innovazione non sono commodity della manifattura, non sono accessori. Sono invece la spina dorsale delle nuove imprese, culturalmente digitali, fatte da imprenditori che reinventano ogni giorno il made in Italy, alleandosi con i maestri artigiani, con quelli del cibo, della moda, del design, della meccanica di precisione. 5

6 Obiettivi L obiettivo principale di questa attività è la diffusione tra le micro e piccole imprese di visioni differenti dello stesso fare impresa, far loro comprendere l importanza dei processi di innovazione ed evoluzione tecnologica avuti negli ultimi anni in relazione alle produzioni manifatturiere e non, trasmettere l utilità e le potenzialità del web come strumento di diffusione, racconto e possibile vendita delle nostre produzioni e servizi. CNA, in seguito all indagine sviluppata sul campione di oltre 3mila piccole e micro imprese, ha verificato lo stato dell arte dell economia di questa dimensione d impresa e tende ad avviare un azione importante di spinta verso una nuova manifattura, un diverso utilizzo delle tecnologie, un miglior posizionamento nei mercati esteri grazie alla forza di internet. Costruire dunque una cassetta degli attrezzi composta di tanti arnesi, metodi, esperienze, che costituiscano un progetto per connettere le mille idee ed energie che spuntano ovunque nel nostro Paese. Miriamo a far emergere un idea sfidante di Paese che abbia capacità di crescita e sostenibilità economica, con policy chiare e strategie di lungo termine a supporto di un economia in continua evoluzione. CNA vuole dunque costruire una grande aggregazione di contenuti e proposte coinvolgendo in questo le imprese quanto le piattaforme abilitanti, le istituzioni quanto i designer e le comunità di innovatori, in un processo virtuoso che porti valore aggiunto al sistema delle imprese e riconoscibilità delle nostre produzioni quanto dell Italia stessa. La necessità è quella di indirizzare, instradare verso potenziali percorsi validi e nel contempo contribuire a formare l humus migliore nei territori dove le stesse aziende si instaureranno, provando a trasmetter loro una cultura ancorata sì alla tradizione ma con logiche di export e di attenzione ai mercati stranieri. CNA si propone dunque di consegnare al Governo un insieme di possibili azioni da realizzare in tempi brevissimi per la crescita digitale delle micro e piccole imprese italiane, vero fulcro della nostra economia e potenziali elementi di un vero, nuovo, rinascimento italiano. In questo lavoro la Confederazione ha posto tre possibili obiettivi da raggiungere sfidando il Governo nell attuazione di azioni e strategie atte a soddisfare tali obiettivi. CNA propone poi tre possibili strade da perseguire nel vantaggio alle imprese per colmare il gap digitale che caratterizza, speriamo ancora per poco, le imprese italiane. Come? Irrorando di digitale il sistema delle piccole e micro imprese italiane per supportare un processo di crescita e di posizionamento sui mercati internazionali quanto mai più urgente e necessario. Mettendo in contatto le aziende più tradizionali con quelle che del digitale ne hanno fatto mestiere e facendoli confrontare su processi di collaborazione e percorsi comuni. 6

7 Inserendo nel sistema delle imprese italiane giovani disposti a formare e formarsi in uno scambio di competenze digitali vs tradizionali. Contribuendo a costruire luoghi fisici e virtuali di contaminazione, di co-progettazione e prototipazione, di design dal basso o diffuso, di innovazione quanto di ricerca, di collaborazione alla produzione e produzione distribuita. Luoghi atti a far crescere reti e sensibilità differenti in un processo di crescita di nuove classi dirigenti imprenditoriali pronte ad affrontare il futuro, quel futuro che cambia ogni giorno. L indagine La scarsa diffusione delle tecnologie digitali nelle imprese italiane è spesso indicata come uno dei fattori strutturali da cui origina la bassa crescita della nostra economia. Il deficit digitale risulterebbe particolarmente marcato nelle imprese di più piccola dimensione che, tuttavia, rappresentano una realtà non osservata dalla statistica ufficiale. Infatti, annualmente l Istat effettua una rilevazione dedicata alla diffusione delle tecnologie digitali nel sistema imprenditoriale nazionale utilizzando però un campione che esclude le imprese fino a 10 addetti. Di fatto, dunque, non esistono numeri ufficiali in grado di evidenziare quale è l effettivo livello di digitalizzazione delle micro-imprese. CNA si è proposta di colmare questa lacuna promuovendo un indagine mediante la somministrazione di un questionario a un campione composto da imprese di cui l 85,3% del totale ha meno di 10 addetti. Oltre la metà delle imprese del campione (52,9%) appartiene all industria in senso stretto (25,7% manifattura e 27,2% edilizia costruzioni e impiantistica), il 4,1% opera nel settore dei trasporti mentre il restante 43,0% nei settori dei servizi (30,6% servizi per la persona e 12,4% servizi per le imprese). Presentiamo qui una breve descrizione dell indagine, i cui dati troverete in forma completa in allegato e dalla quale emerge immediatamente che il livello di digitalizzazione nelle micro e piccole imprese è tutt altro che irrilevante. Presenza su web Internet è ormai un patrimonio di tutte le imprese, ma purtroppo solo una parte delle micro dispone di un proprio sito internet. La presenza di internet quale strumento di lavoro (ad esempio per il reperimento di informazioni, per effettuare pagamenti on-line o interagire con la PA) è rilevata nel 95% delle imprese del campione e non dipende dalla dimensione delle stesse. La dimensione aziendale diventa invece un fattore discriminante quando si considera la capacità delle imprese a utilizzare il web in maniera attiva mediante l adozione di un proprio sito internet con il quale, ad esempio, promuovere le proprie attività. Se, infatti quasi il 98% delle imprese con più di 20 dipendenti dispone di un proprio sito web, questa percentuale si riduce col diminuire della dimensione dell impresa e si attesta al 61% tra le imprese fino a 9 addetti e a quasi all 87% in quelle appartenenti al segmento dimensionale addetti. 7

8 Anche la motivazione che spinge le imprese a dotarsi di un proprio sito internet sembra dipendere dalla dimensione aziendale. In particolare la maggioranza delle imprese, a prescindere dalla loro dimensione, si dotano di un proprio sito internet per sviluppare l immagine dell impresa e dei suoi prodotti. La mancata dotazione di un sito internet, soprattutto tra le micro imprese, dipende più dai costi finanziari o dai costi opportunità (e, in particolare, dedicare personale alla gestione del sito) che dalla percezione dell utilità derivante dallo strumento che invece rimane alta. In termini di dotazioni hardware per la connettività, dall indagine si evince che ancora oggi circa un 12% di imprese non possiede un computer e un 23% non possiede un pc portatile, addirittura oltre il 50% delle imprese non possiede un tablet mentre è più frequente l uso di smartphone, infatti soltanto il 20% delle imprese non lo utilizza. Tali dati rimangono pressoché invariati analizzando soltanto le dotazione delle micro imprese. La difficoltà delle piccole imprese a digitalizzarsi a causa di vincoli di natura finanziaria viene confermata quando si considerano la spesa per corsi di aggiornamento/formazione a favore dei dipendenti e l impiego di consulenti esterni specializzati in ICT, infatti solo il 16% delle imprese con meno di dieci addetti ha svolto formazione in materia di tecnologie ICT a favore dei dipendenti nell ultimo anno, contro il 41% di quelle con più di 20 addetti, e solo il 35,4% si avvale di consulenti esterni esperti in materia. 8

9 Il commercio elettronico Il commercio elettronico è un altro elemento trattato dall indagine CNA dalla quale emerge che il 26,5% delle imprese del campione sono attive nel commercio elettronico con differenze poco significative nelle varie classi dimensionali. In realtà la dimensione aziendale diventa rilevante a seconda che le imprese operino come acquirenti o come venditori. Nel caso degli acquisti, di nuovo, la dimensione aziendale è ininfluente: le imprese che comprano on-line sono circa il 25% in tutte le classi dimensionali. Nel caso delle vendite, invece, solo il 12% circa delle micro-imprese ha colto l opportunità di operare on-line contro il 21% circa delle imprese con più di 20 addetti. Dai dati fin qui commentati risulta dunque evidente che le imprese italiane percepiscono pienamente le potenzialità offerte dalla presenza sul web. Ciò nonostante vi è ancora una grande parte di imprese micro che non dispone di questo strumento. La rinuncia al web non dipende da un ritardo culturale delle imprese più piccole quanto dalla loro impossibilità di sostenere il costo in investimenti ICT. Questa circostanza appare evidente considerando che, a prescindere dalla dimensione, la quasi totalità delle imprese ( oltre il 94% in tutte le classi dimensionali) utilizza almeno un social media, ovvero uno strumento internet che permette loro di essere presente sul web con costi sostenibili. 9

10 La fabbricazione digitale Nel 2014 una micro-impresa manifatturiera (il 26,2%) su quatto ha utilizzato strumenti di fabbricazione digitale. Si tratta di una quota significativa ma ancora lontana rispetto al 44,4% delle imprese con più di 20 addetti. Nelle micro imprese il dato è più basso e scende sotto il 15%. Tra gli strumenti, certamente quelli di prototipazione, di più facile utilizzo, risultano quelli più scelti, ma si distanziano davvero di poco dalle stampanti 3D, le fresatrici e le tagliatrici laser. Un dato confortante è quello che riguarda i luoghi di contaminazione e co-produzione, infatti un impresa su cinque risulta aver frequentato un fablab o un makerspace come luogo di confronto, approfondimento, progettazione e prototipazione. La digitalizzazione della PA L urgenza di innalzare qualitativamente il livello di informatizzazione emerge con evidenza dall indagine CNA. Mentre risulta chiaramente quali sono le attività più tradizionali che maggiormente riguardano l utilizzo di strumenti informatici all interno dell impresa, con una preponderanza per contabilità, fatturazione, gestione della clientela e fatturazione. L attuale livello di informatizzazione delle PA è giudicato del tutto inadeguato rispetto alle necessità delle imprese da circa il 53% delle imprese con meno di 10 addetti. L inadeguatezza del livello di informatizzazione della PA si evince anche considerando il numero di pratiche burocratiche effettuate on-line. In media, solo una micro-impresa su tre (il 28,3%) riesce a sbrigare più della metà delle pratiche per via telematica. 10

11 11

12 Le proposte Crediamo fermamente sia necessario costruire e realizzare un Piano Straordinario per la Digitalizzazione della micro e piccola impresa italiana, che consenta di incrementare i livelli di produttività e meglio posizionare la stessa nei confronti dei competitor stranieri. Lo Stato deve attuare il più grande piano di contaminazione e diffusione della cultura digitale in Italia. Soltanto partendo dalle micro imprese, vera forza numerica e propulsiva della nostra economia, si potranno raggiungere risultati importanti in termini di aumento della produttività del lavoro e del posizionamento delle nostre produzioni nei principali mercati di sbocco. L innovazione tecnologica e digitale, un più stretto dialogo tra le amministrazioni pubbliche e il mondo produttivo, oltre ad importanti azioni di sostegno e supporto alla micro imprenditoria potranno spingere l economia italiana verso una nuova frontiera globale. Tale piano deve avere un tempo di realizzazione brevissimo per accelerare il più possibile il processo di digitalizzazione e avanzamento tecnologico, colmando così quanto prima il gap digitale delle imprese italiane. Non partiamo dall anno zero, è chiaramente apprezzabile l impegno negli ultimi anni dei Governi sulle tematiche del digitale focalizzando poco però l attenzione sui piccoli segmenti del panorama imprenditoriale. Le proposte che tracceremo qui di seguito mirano ad impegnare più attori in un processo di sviluppo potenziale. I corpi intermedi, quale la stessa confederazione, in azioni di diffusione di cultura digitale e di contaminazione tra imprese, trasmettendo e accompagnando loro alle potenzialità del digitale su tutti gli ambiti. Il Governo e le Istituzioni nell avviare, attraverso azioni con piccoli investimenti e effetti molto importanti per la crescita comune, un serio cambio di paradigma culturale, con una spinta forte verso le nuove competenze e tecnologie. Il sistema del credito che potrebbe finanziare le imprese assecondandone le esigenze di innovazione, senza troppi vincoli che risulterebbero un enorme freno alla potenziale crescita. Portare massicciamente la presenza delle imprese sul web attraverso propri spazi e processi di informazione. Nel 2015 le micro e piccole imprese che possiedono un sito web sono il 65% del totale. CNA chiede al Governo, tramite il Piano Straordinario su citato, di impegnarsi per raggiungere in 2 anni il 100% di micro e piccole imprese in possesso di un proprio sito web per meglio informare sulle proprie attività, Proposta CNA In 2 anni passare dal 65% al 100% di micro-piccole imprese con un sito web raccontare la propria esperienza, offrire servizi e rendere visibili le proprie produzioni/servizi. Le imprese che non dispongono di un sito web hanno dichiarato che non lo possiedono a causa principalmente di mancanza di risorse finanziarie quanto di risorse umane pur non disconoscendo l importanza di una presenza sul web. 12

13 E infatti crediamo utile un processo di contaminazione e informazione che dev esser svolto su tutto il panorama di questa tipologia dimensionale d impresa. CNA sta tentando di portare avanti un azione mirante proprio a fornire un prezioso bagaglio informativo alle imprese tradizionali attraverso una importante partnership con le principali piattaforme abilitanti (Amazon e Google in primis) e per mezzo di un azione di matching con le imprese digitali che offrono i loro servizi in veri e propri btob diffusi in tutta Italia. La proposta è quella dunque di riuscire a riconoscere e sviluppare maggiormente e a livello istituzionale attività come Digitaly (è questo il nome del progetto CNA), che consentono approfondimenti e maggiore conoscenza dell ambito digitale e di come le tecnologie hardware e software possano supportare le imprese nelle loro quotidiane attività. Sarebbe anche auspicabile attivare le Regioni che non l avessero ancora realizzati, dei percorsi di formazione, attraverso la formula del voucher a richiesta, sulla digitalizzazione delle proprie attività e rivolti a tutte le imprese. Voucher di micro finanziamento per la partecipazione a brevi percorsi formativi sui temi e strutturati in base ad un format nazionale personalizzabile dalle regioni in base alle peculiarità produttive dei territori. Incrementare l utilizzo da parte delle micro e piccole imprese dei sistemi di commercio elettronico per aumentare la presenza sul web delle produzioni italiane. Sempre attraverso l indagine CNA oltre ad emergere un chiaro e netto uso di internet per finalità lavorative anche per quelle imprese di micro e piccole dimensioni (95%) e un importante utilizzo dei social media per la promozione delle proprie attività (53%), appare interessante il dato riguardante il commercio elettronico. Oltre il 26% delle imprese di micro e piccole dimensioni è attiva nel commercio elettronico. Sono molte le imprese che utilizzano internet nell acquisto di prodotti e servizi, in particolare le imprese che forniscono servizi alle persone e ad altre imprese, ben il 50% delle imprese attive sull e-commerce acquista dal web una quota vicina al 10% del suo totale acquisti ed il restante 50 % supera quella soglia attestandosi in media intorno ad un 25% del totale degli acquisti provenienti dal web. Dati certamente confortanti soprattutto se raffrontanti con le imprese che vendono attraverso i canali multimediali che si attestano intorno al 13% del totale con una quota di fatturato derivante da tali vendite soltanto del 10%. Proposta CNA In 2 anni passare dal 27% al 50% di micro-piccole attive nel commercio elettronico CNA chiede dunque al Governo di attuare alcune misure necessarie a raggiungere in due anni un più elevato livello di commercializzazione digitale, passando dal 27% di micro e piccole imprese che vendono/acquistano sul web ad almeno la metà del panorama di tali imprese. 13

14 CNA chiede inoltre al Governo di impegnarsi nel raggiungimento del mercato unico digitale che sarebbe un importante svolta per consentire a imprese e cittadini opportunità e risparmi importanti. Regole chiare in tutta Europa. Incrementare il numero di imprese manifatturiere che hanno utilizzato le tecnologie di fabbricazione digitale. Il 26% delle micro e piccole imprese della manifattura, afferenti al campione analizzato, ha utilizzato almeno una volta strumenti di fabbricazione digitale (es. Stampanti 3d, Fresatrici, Tagliatrici laser, macchine a controllo numerico) o ho affidato fasi di produzione a strutture che usano tali strumenti. Un dato di certo rilevante ma che non viene poi del tutto confermato dall assiduità di tale utilizzo ma che comunque evidenzia una costante crescita di tali strumenti con continue Proposta CNA innovazioni. E comunque fondamentale che almeno una volta le imprese si trovino a usare tali strumentazioni di produzione o prototipazione per poter percepire il potenziale supporto alla crescita o quanto meno alla rivisitazione dei processo di produzione manifatturiera delle stesse imprese. E per questo motivo che CNA chiede al Governo di adoperarsi nella costruzione di azioni che consentano la nascita di strutture di ibridazione della manifattura e un più semplice utilizzo di strumenti utili a tale processo. Ciò al fine di raggiungere il 40% di micro e piccole imprese che, almeno una volta, hanno utilizzato strumenti di fabbricazione digitale. In 2 anni passare dal 26% al 50% di micro-piccole imprese manifatturiere che almeno una volta hanno utilizzato strumenti di fabbricazione digitale Spingere l acceleratore nel processo di digitalizzazione della Pubblica Amministrazione. Emerge poi dall indagine una elevata insoddisfazione per il livello di informatizzazione delle pubbliche amministrazioni rispetto ai bisogni dell impresa. Oltre il 53% del campione dell indagine ha infatti giudicato del tutto inadeguato tale livello. Soltanto il 24% delle imprese del campione ha dichiarato di espletare telematicamente almeno la metà degli adempimenti burocratici richiesti. CNA chiede al Governo di impegnarsi per accelerare il processo di digitalizzazione della PA a supporto soprattutto delle micro e piccole imprese e ad elevare tale livello di soddisfazione, perché un efficiente sistema telematico che permetta di interagire con la PA, in maniera semplice e tempestiva, è fondamentale per le imprese e per l intero Sistema-Italia, con benefici complessivi stimati in 70 miliardi di euro dal Politecnico di Milano. Proposta CNA In 2 anni passare dal 24% al di micro-piccole 50% imprese che svolgono almeno la metà degli adempimenti burocratici via web. 14

15 Le possibili azioni Bisogna premettere che il presente quadro propositivo è stato elaborato considerando alcune delle misure che sono state varate di recente dall attuale e dal precedente Governo in materia di digitalizzazione e che potrebbero essere riferite al mondo che CNA rappresenta. Abbiamo riferito tali attività relazionandole alle aree di intervento analizzate durante l evento che abbiamo organizzato, cercando di strutturare delle proposte il più universali possibile ma riferite alle sole imprese con meno di 10 dipendenti che, più di altri, soffrono il gap digitale. In particolare abbiamo analizzato le seguenti misure che, una volta attivate, magari con alcune correzioni, potrebbero esser di certo utili nel processo di digitalizzazione delle imprese anche se sarebbe meglio riferirle solo alle imprese di piccolissime dimensioni: Voucher IT Inserito nel Destinazione Italia in vigore dal dicembre 2013, in attesa del decreto direttoriale per la piena operatività. Voucher che andrebbero a finanziare acquisto di hardware, software e servizi per il miglioramento dell efficienza aziendale, con un importante dotazione di risorse (100 mln di euro). Credito d imposta per la digitalizzazione Inserito nel Destinazione Italia in vigore dal dicembre 2013 e in attesa di decreto attuativo. Riguardante principalmente l attivazione di reti di connettività digitale avanzata anch esso ha un importante dotazione (50 mln di euro). Artigianato Digitale Ha completato l iter di legge e sarà attivo da domani. Strumento di sostegno alle imprese che si associano per operare sulla manifattura sostenibile e l artigianato digitale, prevede un interessante formula di sovvenzione con restituzione di parte del sovvenzionato. Dotazione esigua (9,6 milioni di euro). Turismo digitale Anche questa misura ha complato l iter di legge e sarà attiva dai prossimi giorni. Riguarda un credito d imposta riferito alle strutture ricettive o a agenzie di viaggio e tour operator relativamente alla digitalizzazione di alcune attività o processi. Crescere in digitale Progetto varato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per diffondere le competenze digitali tra i giovani e avvicinare al Web le imprese italiane attraverso un percorso formativo per acquisire competenze digitali strategiche e tirocini per supportare la digitalizzazione delle PMI italiane. Ovvio che la prima importante azione che il Governo dovrà impegnarsi a portare avanti, con più convinzione forse di quanto stia già facendo, è la piena attuazione dell Agenda digitale, particolarmente per l asset dedicato a infrastrutture e architetture nel consentire a tutti i territori capacità di accesso omogenee. Un infrastruttura adeguata di accesso è, infatti, il requisito di base per la digitalizzazione del paese. La Pubblica Amministrazione deve stimolare l innovazione e favorire lo sviluppo di un sistema economico sociale incentrato sulla diffusione delle nuove tecnologie. Le imprese italiane, soprattutto le micro, hanno bisogno di una forte sinergia tra settore pubblico e privato e di una campagna di diffusione di competenze digitali per le stesse imprese come per i cittadini e la Pubblica Amministrazione anche mediante un coinvolgimento più stringente con il mondo dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. 15

16 Le competenze digitali sono il principale elemento di accelerazione per la trasformazione digitale del Paese. La sfida è anche quella relativa al costruire un nuovo genere di bene comune: infrastrutture tecnologiche e immateriali che mettano in comunicazione persone e oggetti, integrando informazioni e generando intelligenza, producendo inclusione e migliorando la vita del cittadino ed il business per le imprese, anche attraverso azioni di promozione della social innovation. La micro impresa italiana è infatti naturalmente inserita all interno dei concetti di smart cities e social community per l apporto che fornisce quotidianamente al territorio e alle comunità che lo vivono, ma va accompagnata ad acquisire consapevolezza di questo suo status. Dunque acquisizione di competenze, accompagnamento e supporto/sostegno, anche economicofinanziario, sono i principali bisogni che le micro imprese italiane devono soddisfare per poter compiere il grande salto digitale loro richiesto. Un piano Straordinario per la Digitalizzazione delle micro e piccole imprese italiane non prevede particolari investimenti da parte del sistema paese in termini finanziari quanto un vero e proprio passaggio culturale che non può oggi non esser affrontato. Di seguito vengono presentate alcune azioni che si allineano a quelle in corso di attuazione e che potrebbero, con piccoli interventi finanziari, ottenere un serio riposizionamento nei mercati da parte delle nostre micro e piccole imprese sfruttando il web e le tecnologie produttive. MERCATO In considerazione dell esistenza dei voucher sulla digitalizzazione ancora non attivati, proponiamo, di modificare tale strumento agendo sull istituzione di un bonus fiscale e contributivo sugli acquisti di tecnologie hardware e software e sugli investimenti in web marketing e web advertising o comunque rivolti ad incrementare la presenza sul web e l utilizzo di nuove tecnologie. Si dovrebbe ipotizzare un bonus selettivo, rivolto soltanto alle imprese con meno di dieci dipendenti che hanno investito sulla digitalizzazione della proprie attività, ragionando su un tetto massimo, così come fa la misura dei Voucher IT, e un eventuale differenziazione della percentuale di bonus relazionandolo alla tipologia di investimento. Inserendo tra le voci agevolate anche tutti i costi inerenti il web marketing ed il web advertising, le social media strategy e le consulenze per il posizionamento sui motori di ricerca e sul web (SEO), oltre all acquisto di tempo in strutture di prototipazione e co-produzione, co-working, fablab e incubatori/acceleratori. MERCATO - Inserire elementi incentivanti per l acquisto via web atti a colmare i costi sostenuti per i pagamenti elettronici e stimolare l attivazione, da parte delle imprese, di canali e-commerce. Ad esempio il recupero, sempre sotto forma di credito di imposta, di una quota (ad esempio il 5%) degli acquisti di prodotto/servizio effettuati attraverso il web. 16

17 PRODUZIONE - Interessante l attivazione della misura sull artigianato digitale e la manifattura sostenibile anche se la dotazione finanziaria è davvero esigua ed elevato il numero di imprese che deve costituirsi in associazione. Riteniamo invece valido il meccanismo di sovvenzione cospicua con restituzione non totale e cadenzata, elemento valido che può effettivamente valutare la bontà di un investimento. Chiediamo la possibile rivisitazione di tale strumento, una volta esaurite le risorse, convertendolo in un fondo per l ibridazione d impresa, un fondo pubblico a copartecipazione privata legato allo sviluppo dell innovazione nelle filiere di produzione italiane. Un fondo centrale alimentato da risorse pubbliche (MIUR, MISE, altro) poi spacchettato in micro-fondi territoriali legati a progetti per la contaminazione, l innovazione e lo sviluppo di filiera, monitorabili e di immediata percezione. Il fondo potrebbe finanziare l innovazione di prodotto/processo per le imprese mediante l acquisto o la modifica/miglioramento di macchinari di nuova generazione che potrebbero supportare e/o modificare i processi produttivi. Le imprese dovrebbero partecipare con quote di investimento al singolo progetto di filiera che attiverà una porzione (micro-fondo) del Fondo centrale di Contaminazione ove potranno esser riversate ulteriori quote da altri enti pubblici o privati sul territorio. I meccanismi di finanziamento potrebbero esser utilizzati quelli della misura attuale, magari rivedendo la ripartizione delle quote. Al micro-fondo dovrebbero partecipare anche gli istituti superiori e/o le Università che possiedono laboratori tecnici da implementare o trasformare, andando a creare dei veri e propri Contamination/Hybridization Lab, dove il sistema delle imprese del territorio potrà analizzare le potenzialità delle innovazioni digitali in termini di produzione e diffusione della produzione, condividere idee e progettualità in un luogo che possa così supportare la crescita di azioni comuni o progetti d impresa legati a una programmazione di filiera. COMPETENZE/LAVORO Istituzione di un sistema di credito d imposta per interventi formativi o di sostegno destinati ad imprese sotto i dieci dipendenti per spese effettuate su: o formazione sulla ibridazione dei processi produttivi, sul digital marketing o su temi strettamente connessi ai processi di digitalizzazione della propria impresa; o stage da parte di giovani con competenze digitali da avvicinare alla propria impresa per lo sviluppo di attività o percorsi di digitalizzazione delle proprie attività; o mini-consulenze da parte di specialisti ICT o imprese digitali per la costruzione di piani di digitalizzazione potenzialmente da realizzare. PA - Supportare le Amministrazioni virtuose, a tutti i livelli, con sistemi di incentivazione legati all avvio, implementazione o completamento di processo di digitalizzazione delle loro strutture, valutati dalle PMI che ottengono o meno un servizio o che espletano telematicamente in maniera efficiente o meno ad adempimenti burocratici. 17

18 Appendice L indagine CNA Digitale e ICT nelle piccole e micro imprese italiane Tavole dei risultati

19 STRUTTURA DEL CAMPIONE (composizioni %) SETTORI CLASSI DIMENSIONALI Manifattura 21% ,3% Alimentari 5% ,1% Costruzioni + impianti 27% oltre 20 3,6% Trasporti 4% Servizi per la persona 31% Servizi per le imprese 12% Totale 100% Totale 100,0% IMPRESE CHE SI AVVALGONO DI CONSULENTI ESTERNI SPECIALIZZATI IN ICT (quote %) SETTORI CLASSI DIMENSIONALI Manifattura 44,2% ,4% Alimentari 49,1% ,1% Costruzioni + impianti 37,2% oltre 20 73,9% Trasporti 51,0% Servizi per la persona 40,2% Servizi per le imprese 42,6% Totale 40,4% Totale 40,4% 19

20 IMPRESE CHE HANNO OFFERTO CORSI DI FORMAZIONE IN ICT AI DIPENDENTI NEL 2014 SETTORI CLASSI DIMENSIONALI Manifattura 16,4% ,9% Alimentari 10,5% ,4% Costruzioni + impianti 12,3% oltre 20 41,3% Trasporti 10,2% Servizi per la persona 22,4% Servizi per le imprese 36,8% Totale 17,6% Totale 0,0% IMPRESE CHE UTILIZZANO INTERNET PER FINALITA LAVORATIVE SETTORI CLASSI DIMENSIONALI Manifattura 95,6% ,4% Alimentari 94,7% ,7% Costruzioni + impianti 95,9% oltre 20 95,7% Trasporti 91,8% Servizi per la persona 88,5% Servizi per le imprese 98,7% Totale 95,0% Totale 95,0% IMPRESE CHE DISPONGONO DI UN SITO INTERNET SETTORI CLASSI DIMENSIONALI Manifattura 74,8% 1-9 addetti 60,8% Alimentari 77,8% addetti 86,7% Costruzioni + impianti 52,6% oltre 20 addetti 97,7% Trasporti 48,9% Servizi per la persona 62,5% Servizi per le imprese 80,4% Totale 65,5% Totale 65,5% 20

CENTRO STUDI. Nota CNA N. 9/OTTOBRE 2014 CONFEDERAZIONE NAZIONALE DELL ARTIGIANATO

CENTRO STUDI. Nota CNA N. 9/OTTOBRE 2014 CONFEDERAZIONE NAZIONALE DELL ARTIGIANATO CENTRO STUDI Nota CNA N. 9/OTTOBRE 2014 CONFEDERAZIONE NAZIONALE DELL ARTIGIANATO E DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA Sede Nazionale 00162 Roma Piazza Armellini 9A www.cna.it Tel. (06) 441881/ 44188221 BUROCRAZIA,

Dettagli

Open Data, opportunità per le imprese. Ennio Lucarelli. Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Open Data, opportunità per le imprese. Ennio Lucarelli. Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Open Data, opportunità per le imprese Ennio Lucarelli Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Prendo spunto da un paragrafo tratto dall Agenda nazionale per la Valorizzazione del Patrimonio

Dettagli

CENTRO STUDI CNA SCHEDE SINTETICHE

CENTRO STUDI CNA SCHEDE SINTETICHE SCHEDE SINTETICHE Dati al 30.06.2015 Digitalizzazione R&S Tabella di sintesi*/1 Incentivo In vigore dal Attuazione Voucher IT (Information Technology) 24 dicembre 2013 Credito d imposta 24 dicembre 2013

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA 1 Introduzione L Amministrazione Provinciale di Pesaro Urbino intende raccogliere la sfida lanciata dalla Regione Marche per lo sviluppo

Dettagli

Estratto dal paper: Il processo di adozione delle tecnologie informatiche nelle imprese artigiane di servizio: un analisi multivariata

Estratto dal paper: Il processo di adozione delle tecnologie informatiche nelle imprese artigiane di servizio: un analisi multivariata Estratto dal paper: Il processo di adozione delle tecnologie informatiche nelle imprese artigiane di servizio: un analisi multivariata Pinuccia Calia, Ignazio Drudi La diffusione e la penetrazione dell

Dettagli

Tabella di sintesi. Incentivo In vigore dal Attuazione

Tabella di sintesi. Incentivo In vigore dal Attuazione SCHEDE SINTETICHE Tabella di sintesi Incentivo In vigore dal Attuazione Digitalizzazione R&S Voucher IT (Information Technology) 24 dicembre 2013 Credito d imposta 24 dicembre 2013 Artigianato digitale

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00574 AUDIZIONE 6 maggio 2015 CONTRATTI DI RETE COME STRUMENTO DI POLITICA ECONOMICA Le organizzazioni

Dettagli

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Realizzata da CNA Produzione In collaborazione con Centro Studi CNA MANIFATTURA

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE, LA COMPETITIVITA E LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DIV. VII PMI, Startup innovative e reti di impresa Indagine sulle PMI eccellenti

Dettagli

PUNTI DI FORZA. 1. Piano operativo nazionale con obiettivi concreti e costituzione del Catasto delle infrastrutture

PUNTI DI FORZA. 1. Piano operativo nazionale con obiettivi concreti e costituzione del Catasto delle infrastrutture CRITICITÀ 1. Inadeguatezza della infrastruttura digitale (connettività) a fronte di investimenti importanti permangono profonde differenze territoriali nel paese e all'interno della stessa Regione 2. difficoltà

Dettagli

Il Management Consulting in Italia

Il Management Consulting in Italia Il Management Consulting in Italia Sesto Rapporto 2014/2015 Università di Roma Tor Vergata Giovanni Benedetto Corrado Cerruti Simone Borra Andrea Appolloni Stati Generali del Management Consulting Roma,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI Div. VIII PMI e Artigianato Indagine su

Dettagli

Innovare i territori. Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Innovare i territori. Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Innovare i territori Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 1 La Federazione CSIT Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 51 Associazioni di Categoria (fra

Dettagli

Evento Smart Cities and Communities -Milano 5 aprile 2016

Evento Smart Cities and Communities -Milano 5 aprile 2016 Evento Smart Cities and Communities -Milano 5 aprile 2016 Esperienze di successo e prospettive future Olivia Postorino AdG POR FESR 2007-2013 Un contesto in evoluzione : il ruolo delle Smart Cities Un

Dettagli

Torino Social Innovation.

Torino Social Innovation. Torino Social Innovation. Un programma di lavoro per la città e la giovane imprenditorialità. Le città e le comunità urbane sono al centro di un acceso dibattito politico-istituzionale europeo, che le

Dettagli

Agenda Digitale Marche ed e-commerce: competenze, progetti ed opportunità nella nuova programmazione

Agenda Digitale Marche ed e-commerce: competenze, progetti ed opportunità nella nuova programmazione Agenda Digitale Marche ed e-commerce: competenze, progetti ed opportunità nella nuova programmazione L Agenda Digitale Marche Ancona, 13/01/2016 D.ssa Serena Carota PF Sistemi Informativi e Telematici

Dettagli

LABORATORIO INNOVAZIONE PMI Progetto di Fondo Perequativo 2002

LABORATORIO INNOVAZIONE PMI Progetto di Fondo Perequativo 2002 Azienda Speciale Camera di Commercio di Lecco LABORATORIO INNOVAZIONE PMI Progetto di Fondo Perequativo 22 UNA SINTESI DEI RISULTATI In collaborazione con Versione st/15 aprile 25 Progetto Laboratorio

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

Il mercato italiano Open Source: domanda e offerta 1

Il mercato italiano Open Source: domanda e offerta 1 Il mercato italiano Open Source: domanda e offerta 1 Oltre il 12% delle aziende italiane usa soluzioni Open Source.(Istat 2007). Sarebbero molte di più se ci fosse una sufficiente diffusione della conoscenza

Dettagli

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1 E-BUSINESS IN CIFRE 1. PREMESSA Valutare il grado di penetrazione dell e-business nelle Pmi significa analizzare qual è il ruolo che le tecnologie sono chiamate a svolgere all interno delle aziende: nelle

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

SCENARI DEL TURISMO. 11-12 2015 www.mastermeeting.it

SCENARI DEL TURISMO. 11-12 2015 www.mastermeeting.it Smartphone e Tablet hanno registrato tassi di crescita in termini di acquisti turistici pari rispettivamente al 70% e al 20%. Credit: Sony Xperia Cresce il turismo in Italia, giunto ormai nel 2015 a un

Dettagli

FONDI STRUTTURALI EUROPEI -Programma Operativo Nazionale Per la Scuola - competenze e ambienti per l apprendimento

FONDI STRUTTURALI EUROPEI -Programma Operativo Nazionale Per la Scuola - competenze e ambienti per l apprendimento FONDI STRUTTURALI EUROPEI -Programma Operativo Nazionale Per la Scuola - competenze e ambienti per l apprendimento Il Programma Operativo Nazionale Per la Scuola - competenze e ambienti per l apprendimento,

Dettagli

Perchè puntare sulle competenze digitali per promuovere l occupabilità?

Perchè puntare sulle competenze digitali per promuovere l occupabilità? 1 Crescere in Digitale il MLPS e Unioncamere (in partnership con Google) hanno stipulato il 26/03/2015 una Convenzione per l attuazione del Progetto Crescere in Digitale Giovani per le Imprese attraverso

Dettagli

RAPPORTO 2015 SULL ECONOMIA REGIONALE Lo sviluppo digitale in Emilia-Romagna: lo stato dell arte e il ruolo delle politiche pubbliche

RAPPORTO 2015 SULL ECONOMIA REGIONALE Lo sviluppo digitale in Emilia-Romagna: lo stato dell arte e il ruolo delle politiche pubbliche RAPPORTO 2015 SULL ECONOMIA REGIONALE Lo sviluppo digitale in Emilia-Romagna: lo stato dell arte e il ruolo delle politiche pubbliche introduzione Morena Diazzi, Direttore Generale Attività produttive,

Dettagli

Riflessioni sulla e-leadership

Riflessioni sulla e-leadership PIANO NAZIONALE PER LA CULTURA, LA FORMAZIONE E LE COMPETENZE DIGITALI Riflessioni sulla e-leadership (a cura di Franco Patini e Clementina Marinoni) Nella sua più completa espressione l e-leader è una

Dettagli

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI DEI DIRIGENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI DEI DIRIGENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI DEI DIRIGENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Indice Premessa..pag. 3 1. Verso l e-government.pag. 4 2. Inadeguatezza della dotazione tecnologica...pag. 6 3. Frequenza

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

Percorso di alta formazione TECNICO SUPERIORE MARKETING E WEB STRATEGY PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE NEL SETTORE MODA

Percorso di alta formazione TECNICO SUPERIORE MARKETING E WEB STRATEGY PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE NEL SETTORE MODA 1 Percorso di alta formazione TECNICO SUPERIORE MARKETING E WEB STRATEGY PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE NEL SETTORE MODA OBIETTIVO DEL PERCORSO Il progetto intende formare una figura professionale tecnica,

Dettagli

Relazione. Autorità, signore, signori, amici artigiani, Vi ringrazio di. essere qui stasera, malgrado il caldo di questa serata di luglio.

Relazione. Autorità, signore, signori, amici artigiani, Vi ringrazio di. essere qui stasera, malgrado il caldo di questa serata di luglio. Relazione Autorità, signore, signori, amici artigiani, Vi ringrazio di essere qui stasera, malgrado il caldo di questa serata di luglio. L assemblea odierna non è solo un momento di verifica e di approvazione

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale Gestione documentale Gestione documentale Dalla dematerializzazione dei documenti

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE Ricerca e Innovazione: leve prioritarie per la crescita La nuova politica di Europa 2020 richiama il ruolo delle imprese e la

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

Chi siamo: Trame Territoriali è una Società di servizi non profit e una OLTA Tour Operator On Line

Chi siamo: Trame Territoriali è una Società di servizi non profit e una OLTA Tour Operator On Line TRAME TERRITORIALI Chi siamo: Trame Territoriali è una Società di servizi non profit e una OLTA Tour Operator On Line Cosa facciamo: Trame valorizza il territorio attraverso l identificazione, la selezione,

Dettagli

La strategia di specializzazione intelligente della Regione Lazio Francesco Mazzotta

La strategia di specializzazione intelligente della Regione Lazio Francesco Mazzotta La strategia di specializzazione intelligente della Regione Lazio Francesco Mazzotta Ricerca e Innovazione: le sinergie tra la Smart Specialisation Strategy e Horizon 2020 Roma, 9 luglio 2014 S 3 : nuovo

Dettagli

Tabella di sintesi/1

Tabella di sintesi/1 SCHEDE SINTETICHE Tabella di sintesi/1 Digitalizzazione R&S Start up innovative e PMI innovative Turismo digitale Incentivo Finanziamenti per progetti di R&S (settore ICT Agenda Digitale) Finanziamenti

Dettagli

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile.

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile. QUADRO SINOTTICO FINANZIAMENTI IMPRESE BANDI Oggetto Finanziamento Beneficiari Apertura Scadenza Stanziamento Importi finanziabili Legge n. 949/52 Bando INAIL 2014 - Contributo in c/interessi (64% del

Dettagli

Documento di sintesi del programma I-Start 2013... Premessa... Analisi delle attività a totale carico pubblico...

Documento di sintesi del programma I-Start 2013... Premessa... Analisi delle attività a totale carico pubblico... Umbria Innovazione Scarl Documento di sintesi del programma I-Start 2013 Risultati dei progetti a totale carico pubblico e a costi condivisi Sommario Documento di sintesi del programma I-Start 2013...

Dettagli

La società dell informazione e della conoscenza in Toscana Rapporto 2014 SINTESI

La società dell informazione e della conoscenza in Toscana Rapporto 2014 SINTESI Settore Sistema Informativo di Supporto alle Decisioni. Ufficio Regionale di Statistica La società dell informazione e della conoscenza in Toscana Rapporto 2014 SINTESI La società dell informazione e della

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

Roadmap per la ricerca e l innovazione

Roadmap per la ricerca e l innovazione Roadmap per la ricerca e l innovazione EXECUTIVE SUMMARY Questo documento ha l obiettivo di descrivere visioni e strategie per il futuro del manufacturing italiano. Il documento è il risultato dell'attività

Dettagli

Puglia: il POR FESR 2007-2013

Puglia: il POR FESR 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 25 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Finanziamenti regionali Puglia: il POR FESR 2007-2013 Per il programma

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati oggi i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

9a Giornata dell Economia

9a Giornata dell Economia 9a Giornata dell Economia Ravenna, 6 maggio 2011 L economia digitale: quale futuro? G. Andrea Farina Presidente & Amministratore Delegato Gruppo Itway 1 INNOVAZIONE ED ECONOMIA DIGITALE l l primo dominio

Dettagli

Gli incentivi di Invitalia per le imprese innovative

Gli incentivi di Invitalia per le imprese innovative Gli incentivi di Invitalia per le imprese innovative Bari, 28 marzo 2015 Perché promuovere nuova imprenditorialità, in particolare quella innovativa? Per creare nuovi posti di lavoro Per aprire nuovi mercati

Dettagli

Digital Manufacturing

Digital Manufacturing www.pwc.com/it Digital Manufacturing Come cambia il futuro delle imprese Digital Manufacturing Cogliere l opportunità del Rinascimento Digitale 8 Maggio 2015 Mauro Colombo Direttore Generale Confartigianato

Dettagli

quality fashion shop

quality fashion shop quality fashion shop Introduzione quality fashion shop Il MADE IN ITALY è molto più di un marchio, è passione, lavoro, garanzia. Siamo noi, la nostra identità, la nostra cultura, la nostra storia. È l

Dettagli

START-UP INNOVATIVE. Un mix di Innovazione e Talento Giovanile per lo Sviluppo virtuoso di StartUp e PMI

START-UP INNOVATIVE. Un mix di Innovazione e Talento Giovanile per lo Sviluppo virtuoso di StartUp e PMI START-UP INNOVATIVE Un mix di Innovazione e Talento Giovanile per lo Sviluppo virtuoso di StartUp e PMI Il progetto mira a supportare in modo molto concreto StartUp, Studenti Universitari e PMI attraverso

Dettagli

Regione Piemonte: prospettive per lo sviluppo di ecosistemi digitali di business

Regione Piemonte: prospettive per lo sviluppo di ecosistemi digitali di business Regione Piemonte: prospettive per lo sviluppo Abstract Il presente documento intende illustrare la strategia e l approccio adottati da CSP nell ambito del progetto DIADI 2000 (progetto 2003-2006), iniziativa

Dettagli

20/10/2015 Esaurimento fondi

20/10/2015 Esaurimento fondi QUADRO SINOTTICO FINANZIAMENTI IMPRESE BANDI Oggetto Finanziamento Beneficiari Apertura Scadenza Stanziamento Importi finanziabili Bando Microcredito FSE 2015 Finanziamento Agevolato a tasso 0 max 25.000

Dettagli

PREFAZIONE. Janez Potoc nik Commissario europeo per la Scienza e la ricerca

PREFAZIONE. Janez Potoc nik Commissario europeo per la Scienza e la ricerca PREFAZIONE Nel marzo del 2005, i leader dell UE hanno rilanciato la strategia di Lisbona con un nuovo partenariato per la crescita e l occupazione. La costruzione della società della conoscenza e una crescita

Dettagli

Rimettere le scarpe ai sogni

Rimettere le scarpe ai sogni www.pwc.com Rimettere le scarpe ai sogni 25 ottobre 2013 Erika Andreetta Retail & Consumer Goods Consulting Leader PwC Agenda Il contesto economico Gli scenari evolutivi del mondo Consumer & Retail: Global

Dettagli

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura @bollettinoadapt, 2 maggio 2016 Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura di Chiara Mancini Tag: #ricerca #PNR #PianoNazionaleRicerca #innovazione #Horizon2020 #MIUR Lo scorso Primo

Dettagli

FORUM PA 2014 «La scuola e la didattica nell era digitale» Stefano Mattevi Telecom Italia

FORUM PA 2014 «La scuola e la didattica nell era digitale» Stefano Mattevi Telecom Italia FORUM PA 2014 «La scuola e la didattica nell era digitale» Stefano Mattevi Telecom Italia Il difficile accesso degli studenti italiani alla didattica digitale Fonte: Unione Europea, «Survey of Schools:

Dettagli

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere MultiPiani si occupa dal 1994 di Comunicazione e Marketing strategico, rivolgendosi

Dettagli

SINOPSIS LAB. FASE srl - Alzano Lombardo 24 ottobre 2014. Renato Turbati Sinopsis Lab

SINOPSIS LAB. FASE srl - Alzano Lombardo 24 ottobre 2014. Renato Turbati Sinopsis Lab 1 SINOPSIS LAB Ripensare politiche e programmi in ambito di Sostenibilità. Monitoraggio e valutazione per nuove strategie di investimento comune in ottica UE 2020. Metodi e strumenti innovativi. FASE srl

Dettagli

La valutazione del personale. Come la tecnologia può supportare i processi HR

La valutazione del personale. Come la tecnologia può supportare i processi HR La valutazione del personale Come la tecnologia può supportare i processi HR Introduzione Il tema della valutazione del personale diventa semprè più la priorità nella gestione del proprio business. Con

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani

Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani Il Comune di Bologna promuove l impegno di tutti per la cura e la gestione dei beni

Dettagli

mediterranean FabLab @ School

mediterranean FabLab @ School mediterranean FabLab @ School mediterranean FabLab @ School Il Mediterranean FabLab @ School, propone un offerta formativa che garantisce l incremento dell alternanza scuola-lavoro, in ottemperanza alla

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE IN VENETO

PROGRAMMA REGIONALE DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE IN VENETO giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2888 del 28 dicembre 2012 pag. 1/11 PROGRAMMA REGIONALE DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE IN VENETO 2012-2013 ALLEGATOA alla Dgr

Dettagli

Il Piemonte di fronte alle sfide dell'agenda Digitale

Il Piemonte di fronte alle sfide dell'agenda Digitale Il Piemonte di fronte alle sfide dell'agenda Digitale Diffusione e appropriazione delle ICT da parte degli attori del sistema regionale Linux Day 2012 Free Software, Free Business Torino, 26 ottobre 2012

Dettagli

AVVISO START - UP. (D.D n. 436 del 13 marzo 2013) Presentazione di progetti per il sostegno delle Start Up

AVVISO START - UP. (D.D n. 436 del 13 marzo 2013) Presentazione di progetti per il sostegno delle Start Up AVVISO START - UP (D.D n. 436 del 13 marzo 2013) Presentazione di progetti per il sostegno delle Start Up Priorità di intervento Il contesto Le risorse PAC e l Avviso Start - up Il Piano di Azione e Coesione

Dettagli

Indagine sull Innovazione nella Piccola Impresa Manifatturiera

Indagine sull Innovazione nella Piccola Impresa Manifatturiera Fondazione Impresa + 39 041 614429 +39 339 4458663 www.fondazioneimpresa.it info@fondazioneimpresa.it Indagine sull Innovazione nella Piccola Impresa Manifatturiera All interno Focus su andamento Nuova

Dettagli

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa italiana. Milano, 20 Marzo 2007 1

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa italiana. Milano, 20 Marzo 2007 1 Il Digital Divide nella micro e piccola impresa italiana Valeria Severini, Freedata S.r.l. Milano, 20 Marzo 2007 1 La Ricerca Obiettivo definire le caratteristiche del divario digitale in Italia nelle

Dettagli

1. Voucher per misure di accompagnamento all innovazione (a valere su ADP)

1. Voucher per misure di accompagnamento all innovazione (a valere su ADP) PROPOSTE PROGETTUALI BILANCIO CAMERALE 2013 Considerato il costante diminuire delle risorse pubbliche e di conseguenza dei contributi per le imprese, abbiamo ritenuto opportuno segnalare qui di seguito

Dettagli

Ignazio Visco Governatore della Banca d Italia

Ignazio Visco Governatore della Banca d Italia L A B. 0 Vent anni di bassa produttività totale dei fattori sono la conseguenza di un'insufficiente capacità di reagire ai cambiamenti indotti dalla rivoluzione tecnologica, puntando con decisione su innovazione

Dettagli

Smart&Start Italia D.M. 24 settembre 2014. Marzo 2015

Smart&Start Italia D.M. 24 settembre 2014. Marzo 2015 Smart&Start Italia D.M. 24 settembre 2014 Marzo 2015 Smart&Start Italia Per favorire la diffusione di nuova imprenditorialità legata all economia digitale, per sostenere le politiche di trasferimento tecnologico

Dettagli

Il servizio di registrazione contabile. che consente di azzerare i tempi di registrazione delle fatture e dei relativi movimenti contabili

Il servizio di registrazione contabile. che consente di azzerare i tempi di registrazione delle fatture e dei relativi movimenti contabili Il servizio di registrazione contabile che consente di azzerare i tempi di registrazione delle fatture e dei relativi movimenti contabili Chi siamo Imprese giovani e dinamiche ITCluster nasce a Torino

Dettagli

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Con il rapporto di ricerca presentato dalla Filtea al direttivo del 6 maggio

Dettagli

Il settore dell ICT in Lombardia

Il settore dell ICT in Lombardia Il settore dell ICT in Lombardia Franco Ceruti, Direttore Regionale Milano e Provincia Intesa Sanpaolo Milano, 8 luglio 2010 ICT in Lombardia: un buon livello di diffusione tra famiglie e imprese... La

Dettagli

PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015

PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015 PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015 ALLEGATO A) 1. PREMESSA In un quadro economico connotato dal perdurare della crisi e da una forte accelerazione delle modificazioni

Dettagli

6 Le evoluzioni del digital manufacturing e i nuovi modelli di business

6 Le evoluzioni del digital manufacturing e i nuovi modelli di business 6 Le evoluzioni del digital manufacturing e i nuovi modelli di business 6.1 I Centri servizi in Italia Oggi le attività di progettazione e di ricerca avanzata per conto terzi sono svolte da operatori il

Dettagli

LIVELLO DI INFORMATIZZAZIONE

LIVELLO DI INFORMATIZZAZIONE LIVELLO DI INFORMATIZZAZIONE 10 9 8 7 74% 10 88% 74% 91% 67% 74% 10 89% 82% 25% 6 57% 75% 5 4 44% SI NO Base: totale aziende Fonte: EY-TOW, 2015 Il livello di informatizzazione delle aziende Piemontesi

Dettagli

Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE. L Economia del Turismo e la Globalizzazione:

Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE. L Economia del Turismo e la Globalizzazione: Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE L Economia del Turismo e la Globalizzazione: Un motore per l innovazione, la crescita e l occupazione 9-10 ottobre 2008 CENTRO CONGRESSI, RIVA DEL

Dettagli

IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE OINT. Percorsi e servizi per nuove imprese innovative. www.trentinosviluppo.it

IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE OINT. Percorsi e servizi per nuove imprese innovative. www.trentinosviluppo.it IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE i OINT Percorsi e servizi per nuove imprese innovative www.trentinosviluppo.it IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE Trentino Sviluppo è l agenzia creata

Dettagli

Smart&Start Italia. Dal 16 febbraio 2015 è aperta la piattaforma online attraverso la quale si possono inviare i business plan smartstart.invitalia.

Smart&Start Italia. Dal 16 febbraio 2015 è aperta la piattaforma online attraverso la quale si possono inviare i business plan smartstart.invitalia. Smart&Start Italia Per favorire la diffusione di nuova imprenditorialità legata all economia digitale, per sostenere le politiche di trasferimento tecnologico e di valorizzazione dei risultati del sistema

Dettagli

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 Sommario Presentazione generale...3 1. LA QUALITA e IL MARCHIO OSPITALITA ITALIANA...4 1.1 Elementi base della qualità totale nelle

Dettagli

L ecommerce B2c e la multicanalità

L ecommerce B2c e la multicanalità L ecommerce B2c e la multicanalità Osservatorio ecommerce B2c Netcomm - School of Management Politecnico di Milano 27 Marzo 2014 Agenda L ecommerce B2c L approccio multicanale L Osservatorio Innovazione

Dettagli

La misurazione degli investimenti nel turismo

La misurazione degli investimenti nel turismo OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE Novembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine rilevazione: ottobre 2013 Casi: 352 Periodo

Dettagli

Gli Internet Provider e le Piccole e Medie Imprese

Gli Internet Provider e le Piccole e Medie Imprese di Corrado Giustozzi e Pierluigi Ascani Torniamo dopo un anno a parlare del ruolo degli Internet Provider nella catena del valore delle piccole e medie imprese, per verificare se e quanto le aziende italiane

Dettagli

Startup in Granda Imprenditoria innovativa in provincia di Cuneo. Venerdì 11 dicembre 2015

Startup in Granda Imprenditoria innovativa in provincia di Cuneo. Venerdì 11 dicembre 2015 Startup in Granda Imprenditoria innovativa in provincia di Cuneo Venerdì 11 dicembre 2015 Le domande della ricerca Definizione di startup: che cosa sono? Quali tipologie? Quale impatto sulla crescita?

Dettagli

Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi

Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi Incontro 29 luglio 2010 - Fiorano Valutazione contesto esistente 1. Quali sono in generale i 3 punti di debolezza attuali del distretto

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011-2013 DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011-2013 DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011-2013 DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE POLITICHE DEL LAVORO E DELL OCCUPAZIONE PROGRAMMA: Innovazione e capitale umano Responsabile Ing. Marco Lobina (Direttore

Dettagli

Politecnico di Milano. Elementi per una politica dell innovazione tecnologica in Lombardia. Position Paper

Politecnico di Milano. Elementi per una politica dell innovazione tecnologica in Lombardia. Position Paper Politecnico di Milano Elementi per una politica dell innovazione tecnologica in Lombardia Position Paper 1. Obiettivi e articolazione del documento L importanza dell innovazione tecnologica in un sistema

Dettagli

Presso lo Spazio Attivo BIC di Latina

Presso lo Spazio Attivo BIC di Latina Presso lo Spazio Attivo BIC di Latina 2 CLab nati dal BANDO MIUR: AZIONE In assonanza con il bando Miur del 2013 Linea Contamination Labs dedicato alle Regioni convergenza, l azione proposta intende realizzare,

Dettagli

L etica come investimento:

L etica come investimento: L etica come investimento: il coinvolgimento in cause sociali ragione sociale: Monti Ascensori S.p.a. provincia: Bologna addetti: 140 settore: installazione, manutenzione e riparazione di ascensori sito

Dettagli

Un progetto di trasformazione verso la Net Economy.. Diffusione e sviluppo delle ICT nelle istituzioni scolastiche del lecchese.

Un progetto di trasformazione verso la Net Economy.. Diffusione e sviluppo delle ICT nelle istituzioni scolastiche del lecchese. Un progetto di trasformazione verso la Net Economy.. Diffusione e sviluppo delle ICT nelle istituzioni scolastiche del lecchese. 11 SETTEMBRE 2006 Copyright SDA Bocconi 2006 La Credibilità della Visione

Dettagli

Figure Professionali «Smart City» Smart People ESPERTO ICT. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure Professionali «Smart City» Smart People ESPERTO ICT. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure Professionali «Smart City» Smart People GREEN JOBS Formazione e Orientamento DESCRIZIONE ATTIVITA Il concetto di Smart City sta assumendo rilevanza sempre crescente e diverse città, anche in Italia,

Dettagli

La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda. Agostino Ragosa

La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda. Agostino Ragosa La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda Digitale Italiana Agostino Ragosa Forum PA 2013 Palazzo dei Congressi - Roma, 28 Maggio 2013 Il contesto L economia digitale italiana Ha registrato un

Dettagli

la tracciabilità tulain on-line

la tracciabilità tulain on-line la tracciabilità tulain on-line tulain 2015 INDICE DOCUMENTO 1. Cos è tulain on-line 2. Com è composto tulain on-line 3. Come funziona tulain on-line 4. Vantaggi per il cliente finale 5. Offerta tulain

Dettagli

Le imprese Web Active in Italia

Le imprese Web Active in Italia Le imprese Web Active in Italia per settore di attività Introduzione p. 2 Obiettivo e variabili utilizzate p. 2 La classifica p. 4 Analizziamo i dati p. 5 Metodologia p. 9 1 Le imprese Web Active in Italia

Dettagli

Stefano Barrese Responsabile Area Sales e Marketing Intesa Sanpaolo

Stefano Barrese Responsabile Area Sales e Marketing Intesa Sanpaolo Stefano Barrese Responsabile Area Sales e Marketing Intesa Sanpaolo Agenda Accordo tra ISP e Confindustria Piccola Industria: punti chiave Crescita: nuovo modello di servizio e specializzazione Credito:

Dettagli