A cura di Adolfo Vescovo. SCHEDA XI - Gli incidenti stradali - pagina1 di 12

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A cura di Adolfo Vescovo. SCHEDA XI - Gli incidenti stradali - pagina1 di 12"

Transcript

1 SCHEDA XI. Gli incidenti stradali A cura di Adolfo Vescovo - pagina1 di 12

2 Sezione La responsabilità e la copertura assicurativa In Italia, la norma primaria che regola la materia della responsabilità derivante da incidente stradale è l Art del Codice Civile che cita testualmente: Il conducente di un veicolo senza guida di rotaie è obbligato a risarcire il danno prodotto a persone o a cose dalla circolazione del veicolo, se non prova di aver fatto tutto il possibile per evitare il danno. Nel caso di scontro tra veicoli si presume, fino a prova contraria, che ciascuno dei conducenti abbia concorso ugualmente a produrre il danno subito dai singoli veicoli. Il proprietario del veicolo o, in sua vece, l'usufruttuario o l acquirente con patto di riservato dominio, è responsabile in solido col conducente, se non prova che la circolazione del veicolo è avvenuta contro la sua volontà. In ogni caso le persone indicate dai commi precedenti sono responsabili dai danni derivati da vizi di costruzione o da difetto di manutenzione del veicolo. Fino al 1969 i veicoli potevano circolare anche senza assicurazione in quanto questa era facoltativa. In assenza di una copertura assicurativa il danneggiato doveva ottenere il risarcimento del danno direttamente dal responsabile dell incidente. Questo fatto creava notevoli problemi e contenziosi che si risolvevano spesso con l impossibilità, da parte del danneggiato, di recuperare il dovuto. La situazione viene risolta con la Legge 24/12/69, n. 990 che ha introdotto in Italia l obbligatorietà dell assicurazione per danni a terzi a seguito di circolazione stradale. Negli anni tale legge è stata perfezionata ed integrata da alcune modifiche derivanti anche dal recepimento di direttive comunitarie atte ad uniformare la materia per tutti i Paesi della comunità. Fino a non molti anni fa, il conducente italiano che si recava all estero aveva bisogno di una particolare estensione assicurativa, la cosiddetta carta verde, che oggi, a seguito appunto dell omogeneità delle coperture assicurative, non viene più richiesta da numerosi Stati. Una delle più significative integrazioni viene introdotta dall Art. 28 della Legge 19 Febbraio 92, n. 142 che ha esteso il diritto al risarcimento dei danni fisici anche ai familiari del conducente responsabile del sinistro (rimangono esclusi solo i danni alle cose dei familiari). Molte persone pensano che l aver stipulato un contratto di assicurazione li metta al riparo da qualsiasi richiesta di denaro. Tale convincimento è errato perché: il massimale prescelto potrebbe essere troppo basso e, quindi, non sufficiente a coprire integralmente l importo da risarcire; la polizza potrebbe prevedere una franchigia a carico dell assicurato; e, caso più grave, la Compagnia, dopo aver pagato il danno alla controparte, potrebbe richiedere all assicurato il rimborso di quanto pagato ( diritto di rivalsa ). L Art. 18 della Legge 990 dice:... Per l intero massimale di polizza l assicuratore non può opporre al danneggiato, che agisce direttamente nei suoi confronti, eccezioni derivanti dal contratto, né clausole che prevedano l eventuale contributo dell assicurato al risarcimento del danno. L assicuratore ha tuttavia diritto di rivalsa verso l assicurato nella misura in cui avrebbe avuto contrattualmente diritto di rifiutare o ridurre la propria prestazione. - pagina2 di 12

3 Che cosa significa? La legge stabilisce che la Compagnia che assicura un determinato veicolo è obbligata a pagare il dovuto alla controparte (il danneggiato deve essere sempre tutelato) ma poi può, in alcuni casi, rivalersi sul conducente responsabile del sinistro. Quali sono i casi in cui l assicuratore può esercitare la rivalsa? Nelle Norme che regolano l assicurazione R.C. Auto è espressamente previsto che l assicurazione non é operante: se il conducente non è abilitato a norma delle disposizioni in vigore, salvo il caso di patente scaduta da non oltre 180 giorni e successivamente rinnovata alle stesse condizioni di validità e prescrizioni precedentemente esistenti; nel caso di assicurazione della responsabilità per i danni subiti dai terzi trasportati, se il trasporto non è effettuato in conformità alle disposizioni vigenti od alle indicazioni della carta di circolazione; nel caso di veicolo guidato da persona in stato di ebbrezza o sotto l influenza di sostanze stupefacenti ovvero alla quale sia stata applicata la sanzione ai sensi degli Artt. 186 e 187 D.Lgs. 30 Aprile 1992, n Nei predetti casi ed in tutti gli altri in cui sia applicabile l Art. 18 della Legge n. 990, la Compagnia di Assicurazione eserciterà il diritto di rivalsa per le somme che abbia dovuto pagare al terzo in conseguenza dell inopponibilità di eccezioni prevista dalla citata norma. Come si può evitare la rivalsa? Sottoscrivendo dei contratti assicurativi che prevedano l esclusione o la limitazione della rivalsa ma soprattutto rispettando le regole indicate alla precedente Sezione IX e, più precisamente: bisogna controllare la patente ricordandosi di rinnovarla prima della scadenza; sul veicolo non possono salire più persone di quante sono previste dalla carta di circolazione; non bisogna mettersi alla guida di un veicolo se è stato assunto alcool o si è sotto l effetto di sostanze stupefacenti. Il diritto al risarcimento di un danno prodotto dalla circolazione dei veicoli di ogni specie si prescrive in due anni (Art del Codice Civile) Sezione Il risarcimento diretto (D.P.R. 254/2006) Il 31 dicembre 2006, dopo quasi trent anni di attività, ha cessato di operare il Consorzio per l Indennizzo Diretto. La relativa Convenzione (CID) venne sottoscritta nel 1978 e prevedeva una procedura semplice e rapida per ottenere il risarcimento dei danni subiti in un incidente stradale direttamente dal proprio assicuratore invece che dall'assicuratore del veicolo responsabile. Limitata inizialmente ai soli danni a cose, dal giugno del 2004 la procedura CID era stata estesa anche ai sinistri con danni alle persone. Nel 2006 è stata promulgata una legge definita Risarcimento Diretto (D.P.R. 254/2006) che ha modificato sensibilmente tutte le norme relative all indennizzo di un danno da circolazione stradale. La prima differenza è che mentre la Convenzione CID si - pagina3 di 12

4 basava su un accordo volontario tra le varie Compagnie di assicurazione, l adesione alla nuova Convenzione CARD (Convenzione tra gli Assicuratori per il Risarcimento Diretto) è obbligatoria per legge per tutte le Imprese nazionali di Assicurazione che esercitano il ramo Responsabilità Civile Autoveicoli in Italia. La nuova legge è diventata operativa per tutti i sinistri auto accaduti dal 01 Febbraio La procedura di risarcimento diretto stabilisce che il conducente o il relativo proprietario, che non si ritiene, in tutto o in parte, responsabile dell incidente, non deve più inoltrare la richiesta dei danni all assicuratore del veicolo responsabile dell incidente, ma deve invece indirizzare la richiesta al proprio assicuratore. L assicuratore, dopo aver accertato la totale o parziale ragione del proprio assicurato, provvederà a liquidare i danni subiti e ad agire in rivalsa nei confronti dell assicuratore del veicolo responsabile del sinistro. Perché si possa applicare il Risarcimento Diretto è condizione obbligatoria che ci sia stata collisione tra due veicoli a motore, entrambi identificati, con targa italiana e regolarmente assicurati con Compagnie che aderiscano alla CARD (ricordo che l adesione è facoltativa solo per le imprese estere). L incidente deve essere avvenuto in Italia, Repubblica di San Marino o Città del Vaticano e i veicoli devono essere immatricolati nei predetti Stati. A differenza di quanto era previsto con la CID, con la nuova procedura vengono compresi, tra i veicoli targati, anche le macchine agricole ed i ciclomotori purché provvisti della nuova targa (introdotta dal D.P.R. 153/2006 in vigore dal 14/07/2006). Sono inoltre inclusi i danni derivanti da urto con un rimorchio agganciato alla motrice oppure con una parte di un veicolo identificato distaccatasi dallo stesso. Non è possibile avvalersi della procedura di Risarcimento Diretto in caso di: 1) incidente che coinvolge un solo veicolo a motore (richiesta di risarcimento danni all assicuratore del responsabile civile); 2) incidente con più di due veicoli (richiesta di risarcimento danni all assicuratore del responsabile civile); 3) incidente accaduto all estero (richiesta di risarcimento al mandatario dei sinistri oppure all organismo di indennizzo italiano CONSAP); 4) incidente accaduto in Italia con un veicolo con targa non italiana (richiesta di risarcimento danni all UCI); 5) assenza di collisione tra due veicoli (richiesta di risarcimento danni all assicuratore del responsabile civile); 6) collisione con rimorchi non agganciati alla motrice (richiesta di risarcimento danni all assicuratore del responsabile civile); 7) collisione con veicolo non identificato (richiesta di risarcimento danni al Fondo di Garanzia delle Vittime della Strada); 8) collisione con veicolo non assicurato (richiesta di risarcimento danni al Fondo di Garanzia delle Vittime della Strada). Nel caso sussistano tutte le condizioni per poter aderire alla procedura di Risarcimento Diretto verranno risarciti i seguenti danni: - pagina4 di 12

5 - i danni subiti dal veicolo assicurato senza alcun limite; - i danni alle cose trasportate di proprietà del conducente e dell Assicurato, proprietario del veicolo, senza alcun limite; - le lesioni subite dal conducente (proprietario o meno del veicolo) fino al 9% di Invalidità Permanente (c.d. lesioni di lieve entità). Il Codice delle Assicurazioni stabilisce che, ogni qual volta si verifichi un sinistro tra veicoli soggetti all assicurazione obbligatoria R.C.Auto, i conducenti o, se persone diverse, i proprietari dei veicoli devono denunciare il sinistro alla propria Compagnia di assicurazione utilizzando il Modulo di Constatazione Amichevole (CAI), comunemente noto come modulo blu. Rispetto a tutte le informazioni richieste dal modulo, devono essere riportate almeno le seguenti: 1) nomi degli assicurati; 2) nomi delle compagnie di assicurazione (da rilevare sul contrassegno esposto sul parabrezza); 3) targhe dei veicoli coinvolti nel sinistro; 4) circostanze del sinistro desumibili dalla casistica indicata al centro del modulo o dal grafico dell'incidente; 5) data dell incidente 6) firma dei due conducenti o assicurati (se possibile) o firma del conducente o assicurato in caso di disaccordo sulle modalità dell incidente. La denuncia di sinistro deve essere presentata sia dal conducente/proprietario che non si ritiene responsabile del sinistro sia dal conducente/proprietario che riconosce la propria responsabilità per la causazione dell incidente. E molto importante che il modulo blu sia firmato da entrambi i conducenti, poiché se vi è firma congiunta: - il conducente che si è assunto la responsabilità dell incidente non potrà successivamente modificare la versione dei fatti in modo da disconoscere la sua responsabilità; - i tempi di risposta della Compagnia per la liquidazione dei danni al veicolo ed alle cose trasportate si accorciano da giorni. Modulo CAI Constatazione Amichevole d Incidente (in vigore dal 2004) - pagina5 di 12

6 Come abbiamo appena visto, gli unici soggetti che possono avvalersi dell indennizzo diretto sono il proprietario ed il conducente del veicolo. Tuttavia, dal 1 gennaio 2006 era già cambiata la normativa relativa al risarcimento del danno del terzo trasportato (i passeggeri del veicolo). La nuova normativa ha semplificato il processo di risarcimento per il terzo trasportato che deve sempre rivolgersi all assicuratore del veicolo sul quale era a bordo, indipendentemente dall accertamento della responsabilità per la causazione del sinistro. In questo caso, però, l assicuratore del veicolo provvederà a liquidare il danno entro il limite del massimale minimo di legge (attualmente euro ,35). Se il danno supera detto massimale minimo, il terzo trasportato può richiedere la parte eccedente al responsabile civile ed al suo assicuratore, se il responsabile è assicurato per la R.C.Auto e sempre che sia assicurato per un massimale superiore a quello minimo di legge. Sezione Tipologie di incidente stradale Prima di affrontare il tema del comportamento da tenere in caso di incidente stradale che coinvolge un veicolo di soccorso, dobbiamo vedere quali sono le differenti tipologie di incidente e, soprattutto, quali sono le relative caratteristiche e conseguenze. Possiamo distinguere gli incidenti stradali in: incidente (anche autonomo) senza feriti con solo danni a cose (altri veicoli e/o strutture fisse); - pagina6 di 12

7 incidente con feriti lievi (trasportati o terzi); incidente con feriti gravi; incidenti con feriti con lesioni gravissime; incidente mortale In tutti i casi sopra indicati bisogna seguire alcune regole fondamentali previste espressamente dal Codice della Strada. L Art 189 del C.d.S. intitolato Comportamento in caso di incidente prevede che: l utente della strada, in caso di incidente comunque ricollegabile al suo comportamento, ha l obbligo di fermarsi e prestare assistenza; non deve creare intralcio alla circolazione; deve fornire le proprie generalità, nonché le altre informazioni utili ai fini risarcitori, alle persone danneggiate Il mancato rispetto di quanto sopra comporta, oltre alla sanzione amministrativa, anche la perdita di punti dalla patente: non osservare gli obblighi previsti in caso di incidente (intralcio alla circolazione, scambio generalità) < 2 punti; non fermarsi in caso di incidente con soli danni a cose (causato dal proprio comportamento) < 4 punti; darsi alla fuga in caso di incidente con gravi danni ai veicoli e/o danni alle persone (causato dal proprio comportamento) < 10 punti + sospensione della patente Incidente senza feriti con solo danni a cose Nell incidente nessuna persona è rimasta ferita ma si sono verificati danni alle cose (altri veicoli, strutture strada, proprietà private). In questo caso può essere elevata una sanzione ai sensi dell Art. 15 del C.d.S. con obbligo del ripristino dei luoghi. In autostrada l incidente può essere rilevato dagli ausiliari della viabilità (che però non emettono sanzioni). I veicoli, se marcianti, devono essere rimossi nel caso ostruiscano la circolazione (Art. 189 comma 3 C.d.S.). Se non si provvede in merito, la sanzione prevede anche la decurtazione di 2 punti dalla patente. In questa tipologia di sinistro non emerge una responsabilità penale. Incidenti con feriti norme generali In tutti gli incidenti con feriti, siano essi lievi o gravi, il conducente coinvolto deve: attivarsi per il soccorso dei feriti; non rimuovere i veicoli; aspettare sul posto le Forze dell ordine Nei casi di incidenti con feriti su segnalazione degli organi di Polizia Stradale può essere disposta dalla Prefettura la sospensione della patente e dal Dipartimento Trasporti Terrestri la revisione della patente (è necessario, di conseguenza, rifare l esame) - pagina7 di 12

8 Chiunque, in caso di incidente comunque ricollegabile al suo comportamento con danno alle persone, non ottempera all obbligo di fermarsi, è punito con la reclusione da tre mesi a tre anni. Si applica la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da uno a tre anni. Sono applicabili le misure previste dagli artt. 281 (divieto di espatrio), 282 (obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria), 283 (obbligo di dimora) e 284 (arresti domiciliari) del Codice di Procedura Penale ed è possibile procedere all arresto, ai sensi dell art.381 del C.P.P. (comma 6 art. 189 C.d.S. modificato dal l art. 2, legge 9 aprile 2003, n 72). Chiunque, in caso di incidente comunque ricollegabile al suo comportamento, non ottempera all obbligo di prestare l assistenza occorrente alle persone ferite, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni. Si applica la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida per un periodo non inferiore ad un anno e sei mesi e non superiore a cinque anni (comma 7 art C.d.S. modificato dall art. 2, legge 9 aprile 2003, n 72). Incidenti con feriti lievi In caso di incidente con feriti, anche se lievi, è obbligatorio aspettare le Forze dell Ordine in quanto l incidente deve essere rilevato. I veicoli non devono essere rimossi a meno che non risultino essere in posizione pericolosa per gli altri utenti della strada, come può accadere, per esempio, in autostrada. In questo caso vale la protezione legale offerta dall art. 54 del Codice Penale (Stato di necessità) secondo il quale non è punibile chi ha commesso il fatto per esservi stato costretto dalla necessità di salvare se od altri dal pericolo attuale di un danno grave alla persona. Al responsabile vengono elevati i contesti ai sensi del Codice della Strada. In presenza di feriti lievi non emerge una responsabilità penale a meno che uno dei feriti non eserciti il diritto di querela (art 120 C.P.) per lesioni (art. 590 C.P.) Incidente con feriti gravi o gravissimi Come possiamo capire se ci troviamo di fronte ad un sinistro con feriti lievi o piuttosto con feriti gravi o gravissimi? La risposta ci viene data dal Codice Penale che all Art. 583 così stabilisce: La lesione personale è grave 1) se dal fatto deriva una malattia che metta in pericolo la vita della persona offesa, ovvero una malattia o un incapacità di attendere alle ordinarie occupazioni per un tempo superiore ai quaranta giorni; 2) se il fatto produce l indebolimento permanente di un senso o di un organo. La lesione personale è gravissima quando dall evento deriva 1) una malattia certamente o probabilmente insanabile 2) la perdita di un senso 3) la perdita di un arto o mutilazione che lo renda inservibile 4) la perdita dell uso di un organo 5) la perdita della capacità di procreare 6) lo sfregio permanente al volto 7) una grave difficoltà nella favella - pagina8 di 12

9 Indipendentemente dalla gravità delle lesioni ed in considerazione del fatto che ci troviamo nell ambito della non volontarietà degli eventi (per gli incidenti stradali si parla sempre di colpa e non di dolo ), anche in questi casi non emerge una responsabilità penale salvo sempre il diritto di querela per lesioni che può essere esercitato da parte della persona offesa. Può essere disposto il sequestro del veicolo ai sensi e per le finalità previste dall art. 354 C.P.P. Incidente mortale Il comportamento che un conducente deve tenere, se rimane coinvolto in un incidente mortale, è analogo a quello che abbiamo già visto nel caso di incidente con soli feriti. Quelle che cambiano sensibilmente sono, invece, le procedure e le conseguenze di siffatto evento. Innanzitutto dobbiamo ricordarci che il luogo dove è accaduto l incidente viene trattato come una vera e propria scena del crimine. Gli agenti che intervengono sul posto devono esperire rilievi fotografici e planimetrici e viene disposto il sequestro penale dei veicoli coinvolti. A differenza di quanto avviene per le lesioni personali colpose, dove non sussiste responsabilità penale se non a seguito di querela, per l ipotesi di reato di omicidio colposo la denuncia penale scatta d ufficio (art. 589 C.P.). In caso di condanna la pena è della reclusione da uno a cinque anni. Sezione Coinvolgimento in incidente stradale Nota bene: in questa sezione del Manuale affrontiamo i casi nei quali potremmo trovarci quando, durante lo svolgimento del turno di servizio, rimaniamo coinvolti in un incidente a bordo dell ambulanza. Le indicazioni che seguono rappresentano uno schema generale di comportamento che tiene presente, in primo luogo, quanto previsto dalla Legge e, secondariamente, le esigenze di sicurezza e di tutela dell autista e dell Associazione di appartenenza. Non si tratta, quindi, di regole obbligatorie (ad eccezione degli obblighi derivanti dalla Legge) ma di norme comportamentali consigliate e che andrebbero concordate con la Centrale Operativa 118 di competenza. Poniamoci le seguenti domande per provare a riassumere le situazioni in cui potremmo trovarci quando abbiamo un incidente stradale alla guida di una autoambulanza: 1) l ambulanza, dopo l incidente, è marciante? 2) l incidente ha causato feriti? 3) sono in servizio o fuori servizio? 4) sono con paziente a bordo? 5) sono in codice verde o giallo/rosso? Le prime regole da rispettare, indipendentemente dalle risposte date, sono quelle generali che abbiamo visto al capitolo precedente. Abbiamo l obbligo di: fermarci (anche in codice rosso con paziente a bordo) prestare soccorso agli eventuali feriti - pagina9 di 12

10 fornire le nostre generalità 1) L ambulanza è marciante? NO Se ci troviamo in questa situazione, indipendentemente dal fatto di essere in servizio o fuori servizio; in codice verde o giallo/rosso; con o senza feriti la procedura da adottare è la seguente: accertarsi delle condizioni di salute di tutte le persone coinvolte nell incidente; avvisare la C.O. dell interruzione del servizio e dell indisponibilità del mezzo; se abbiamo un paziente a bordo, richiedere alla C.O. l invio di un altro mezzo per il trasporto del paziente; se l incidente ha causato feriti, richiedere l invio dei mezzi di soccorso e l intervento delle FF.OO. per i rilevamenti; continuare a monitorare il paziente e/o gli eventuali feriti fino all arrivo dei mezzi in ausilio; scambiare le generalità con gli altri coinvolti; se possibile, compilare la Constatazione Amichevole di Incidente (se permesso dalle disposizioni interne dell Associazione) 1) L ambulanza è marciante? SI 2) L incidente ha causato feriti? NO In questo caso adotterò delle procedure leggermente differenti nel caso in cui, al momento del sinistro, il mio mezzo è con oppure senza paziente a bordo, indipendentemente da tutte le altre varianti (in o fuori servizio e codice del servizio). Ambulanza con paziente a bordo 1) sospendere la marcia 2) accertarsi delle condizioni di tutte le persone coinvolte 3) contattare la C.O. 4) provvedere ad un breve scambio di informazioni (associazione, nome della controparte, targhe, recapiti telefonici) 5) proseguire il servizio 6) a missione ultimata contattare la controparte e provvedere allo scambio completo delle generalità ed eventualmente compilare la Constatazione Amichevole di Incidente Ambulanza senza paziente a bordo 1) sospendere la marcia 2) accertarsi delle condizioni di tutte le persone coinvolte 3) contattare la C.O. per l eventuale interruzione del servizio > se il servizio viene sospeso - pagina10 di 12

11 4) provvedere allo scambio completo delle generalità e, se possibile, compilare la Constatazione Amichevole di Incidente > se il servizio non viene sospeso 5) provvedere ad un breve scambio di informazioni (associazione, nome della controparte, targhe, recapiti telefonici) 6) proseguire il servizio 7) a missione ultimata contattare la controparte e provvedere allo scambio completo delle generalità e, se possibile, compilare la Constatazione Amichevole di Incidente 1) L ambulanza è marciante? SI 2) L incidente ha causato feriti? SI In questo caso è opportuno distinguere tre situazioni in cui ci possiamo trovare al momento del coinvolgimento nel sinistro: senza paziente a bordo (scarico) con paziente non critico a bordo (carico codice verde) con paziente critico a bordo (carico codice giallo/rosso) Ambulanza senza paziente a bordo (a scarico) 1) sospendere la marcia verso la destinazione 2) accertarsi delle condizioni di tutte le persone coinvolte 3) contattare la C.O. per richiedere l interruzione del servizio e l invio dei mezzi di soccorso 4) richiedere l intervento delle FF.OO. per i rilevamenti 5) continuare a prestare soccorso ai feriti fino all arrivo dei mezzi in ausilio 6) effettuare lo scambio delle generalità con gli altri coinvolti e, se possibile, compilare la Constatazione Amichevole di Incidente. Se il servizio non viene sospeso dalla C.O.: 7) provvedere ad un breve scambio di informazioni (associazione, nome della controparte, targhe, recapiti telefonici) 8) proseguire il servizio 9) a missione ultimata contattare la controparte e provvedere allo scambio completo delle generalità ed eventualmente compilare la Constatazione accertare le reali condizioni dei coinvolti Ambulanza con paziente non critico a bordo (a carico in codice verde) 1) sospendere la marcia verso la destinazione 2) accertarsi delle condizioni di tutte le persone coinvolte rispetto alla gravità del paziente - pagina11 di 12

12 3) contattare la C.O. e, sulla base delle precedenti valutazioni, concordare se proseguire verso la destinazione o attendere un secondo mezzo di soccorso 4) richiedere l intervento delle FF.OO. per i rilevamenti 5) continuare a prestare soccorso ai feriti fino all arrivo dei mezzi in ausilio 6) effettuare lo scambio delle generalità con gli altri coinvolti e, se possibile, compilare la Constatazione Amichevole di Incidente. Se il servizio non viene sospeso dalla C.O.: 7) provvedere ad un breve scambio di informazioni (associazione, nome della controparte, targhe, recapiti telefonici) 8) proseguire il servizio 9) a missione ultimata contattare la controparte e provvedere allo scambio completo delle generalità ed eventualmente compilare la Constatazione accertare le reali condizioni dei coinvolti Ambulanza con paziente critico a bordo (a carico in codice giallo/rosso) 1) sospendere la marcia verso la destinazione 2) accertarsi delle condizioni di tutte le persone coinvolte rispetto alla gravità del paziente 3) contattare la C.O. e, sulla base delle precedenti valutazioni, concordare se proseguire verso la destinazione o attendere un secondo mezzo di soccorso 4) richiedere l intervento delle FF.OO. per i rilevamenti 5) continuare a prestare soccorso al paziente ed ai feriti fino all arrivo dei mezzi in ausilio 6) effettuare lo scambio delle generalità con gli altri coinvolti e, se possibile, compilare la Constatazione Amichevole di Incidente. Se il servizio non viene sospeso dalla C.O.: 7) provvedere ad un breve scambio di informazioni (associazione, nome della controparte, targhe, recapiti telefonici) 8) proseguire il servizio 9) a missione ultimata contattare la controparte e provvedere allo scambio completo delle generalità ed eventualmente compilare la Constatazione accertare le reali condizioni dei coinvolti. - pagina12 di 12

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

Fascicolo informativo

Fascicolo informativo Polizza Auto Fascicolo informativo Contratto di Assicurazione per Autovetture Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Nota Informativa comprensiva del Glossario e le Condizioni di Assicurazione,

Dettagli

Condizioni contrattuali polizza motocicli, ciclomotori e altri veicoli

Condizioni contrattuali polizza motocicli, ciclomotori e altri veicoli Condizioni contrattuali polizza motocicli, ciclomotori e altri veicoli La Compagnia di assicurazione diretta del INDICE Servizio Assistenza Clienti Servizio Sinistri +390306762100 Per chiamate dall estero

Dettagli

Guida pratica alle Assicurazioni

Guida pratica alle Assicurazioni Guida pratica alle Assicurazioni Le regole delle Assicurazioni R.C. Auto, Vita, Previdenziali e Malattia spiegate dall Autorità di vigilanza del settore Sommario Che cosa è l ISVAP 5 Assicurazioni R.C.

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Contratto di assicurazione per autovetture

Contratto di assicurazione per autovetture Contratto di assicurazione per autovetture Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Nota Informativa comprensiva del Glossario, le Condizioni di Assicurazione e, dove prevista, la Proposta, deve

Dettagli

AUTO CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTOVETTURE. Genertel S.p.A.

AUTO CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTOVETTURE. Genertel S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTOVETTURE Genertel S.p.A. AUTO Il presente Fascicolo informativo, contenente la Nota Informativa e le Condizioni di Assicurazione, deve essere consegnato

Dettagli

protezione al volante

protezione al volante auto e moto protezione al volante IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: NOTA INFORMATIVA COMPRENSIVA DEL GLOSSARIO CONDIZIONI GENERALI DI ASSICURAZIONE COMPRENSIVE DELL INFORMATIVA SULLA PRIVACY

Dettagli

AUTOSYSTEM PIÙ DRIVERSYSTEM PIÙ MOTOSYSTEM PIÙ. Le polizze più complete per i tuoi veicoli. Condizioni di assicurazione. www.toroassicurazioni.

AUTOSYSTEM PIÙ DRIVERSYSTEM PIÙ MOTOSYSTEM PIÙ. Le polizze più complete per i tuoi veicoli. Condizioni di assicurazione. www.toroassicurazioni. AUTOSYSTEM PIÙ DRIVERSYSTEM PIÙ MOTOSYSTEM PIÙ Le polizze più complete per i tuoi veicoli Condizioni di assicurazione www.toroassicurazioni.it Indice Pagina AUTOSYSTEM PIÙ - DRIVERSYSTEM PIÙ - MOTOSYSTEM

Dettagli

GENERALI SEI IN AUTO

GENERALI SEI IN AUTO GENERALI SEI IN AUTO AUTOVETTURE Il presente Fascicolo informativo, contenente Nota informativa, comprensiva del Glossario Condizioni di Assicurazione deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

AUTOVETTURE FASCICOLO INFORMATIVO. Helvetia Italia Assicurazioni S.p.A. una Società del Gruppo Helvetia.

AUTOVETTURE FASCICOLO INFORMATIVO. Helvetia Italia Assicurazioni S.p.A. una Società del Gruppo Helvetia. FASCICOLO INFORMATIVO Contratto di assicurazione di responsabilità civile per la circolazione di veicoli a motore di tipo: AUTOVETTURE Mod. FI-VAUTO1 - Ed. 04/2014 Il presente fascicolo informativo, riservato

Dettagli

Cosa rischiate quando utilizzate, comprate o vendete una macchina per costruzioni non conforme?

Cosa rischiate quando utilizzate, comprate o vendete una macchina per costruzioni non conforme? Cosa rischiate quando utilizzate, comprate o vendete una macchina per costruzioni non conforme? Introduzione Le macchine per costruzioni immesse sul mercato europeo devono rispettare le norme Ue e tutti

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

Genertel S.p.A. Prima della sottoscrizione leggere attentamente la Nota Informativa.

Genertel S.p.A. Prima della sottoscrizione leggere attentamente la Nota Informativa. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER LA CIRCOLAZIONE DI ALTRI VEICOLI Genertel S.p.A. G l S A ALTRI ALTRI VEICOLI Il presente Fascicolo informativo, contenente la Nota Informativa e le Condizioni di Assicurazione,

Dettagli

Nobis Compagnia di Assicurazioni INFORMATIVA, COMPRENSIVA DEL GLOSSARIO NOBISTRUCK A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE LA CIRCOLAZIONE

Nobis Compagnia di Assicurazioni INFORMATIVA, COMPRENSIVA DEL GLOSSARIO NOBISTRUCK A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE LA CIRCOLAZIONE Indice Nobis Compagnia di Assicurazioni I. NOTA NOBISTRUCK INFORMATIVA, COMPRENSIVA DEL GLOSSARIO Pagina della Nota informativa A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE... 1.... 2. DI RESPONSABILITÀ... CIVILE PER

Dettagli

Cosa fanno gli altri?

Cosa fanno gli altri? Cosa fanno gli altri? Sig. Morgan Moras broker di riassicurazione INCENDIO (ANIA) Cosa fanno gli altri? rami assicurativi no copertura polizza incendio rischi nominali - rischio non nominato - esplosione,

Dettagli

IN AUTO PIÙ NEW Autocarri e altri veicoli da lavoro

IN AUTO PIÙ NEW Autocarri e altri veicoli da lavoro Arca Assicurazioni S.p.A. Contratto di assicurazione di responsabilità civile per la circolazione di veicoli a motore (R.C.A.) e per i danni al veicolo IN AUTO PIÙ NEW Autocarri e altri veicoli da lavoro

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

CARD CONVENZIONE tra ASSICURATORI

CARD CONVENZIONE tra ASSICURATORI CARD CONVENZIONE tra ASSICURATORI per il RISARCIMENTO DIRETTO in attuazione dell art.13 del Decreto del Presidente della Repubblica del 18 luglio 2006, n. 254 Ed. 240107 1 Definizioni Agli effetti della

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

CONTRATTO DI ASSICURAZIONE MULTIRISCHI ALTRI VEICOLI

CONTRATTO DI ASSICURAZIONE MULTIRISCHI ALTRI VEICOLI CONTRATTO DI ASSICURAZIONE MULTIRISCHI ALTRI VEICOLI Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Nota Informativa, comprensiva del Glossario e le Condizioni di assicurazione deve essere consegnato

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

Fascicolo Informativo edizione 01.04.2015. Modello: AZ FI000 VEIC RCAARD AFOARD 01042015 0019. Il presente Fascicolo Informativo, contenente:

Fascicolo Informativo edizione 01.04.2015. Modello: AZ FI000 VEIC RCAARD AFOARD 01042015 0019. Il presente Fascicolo Informativo, contenente: CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER LA RESPONSABILITA CIVILE AUTO E CORPI VEICOLI TERRESTRI Autocarri Camper - Autocase - Motocarri - Targhe Prova Autobus Filobus Macchine Operatrici e carrelli Macchine Agricole

Dettagli

TESTATA DA UTILIZZARSI PER GLI STAMPATI DI GRUPPO

TESTATA DA UTILIZZARSI PER GLI STAMPATI DI GRUPPO ZuriGò Contratto di Assicurazione di Responsabilità Civile Auto e Altri Rischi Diversi Autobus, rimorchi di autobus, autocarri, rimorchi di autocarri, motocarri, ciclomotori per trasporto cose, macchine

Dettagli

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI COS E A CHI E RIVOLTA COSA OFFRE RC PROFESSIONALE È un programma assicurativo studiato per offrire una copertura completa e personalizzabile in base alle specifiche esigenze. Sono previste garanzie in

Dettagli

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE Al Comune di Lamporecchio Ufficio Tecnico Lavori Pubblici - Piazza Berni, 1-51035 Lamporecchio (PT) OGGETTO: CONCESSIONE DEI LAVORI DI COSTRUZIONE E GESTIONE DI UN IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO ALIMENTATO

Dettagli

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI Sommario: 5064.0 QUADRO GENERALE 5064.1 ORARIO DI LAVORO 5064.1.1 Durata dell'orario di lavoro settimanale 5064.1.2 Riposi intermedi 5064.1.3

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

AUTOSYSTEM PIÙ. Contratto di Assicurazione di Responsabilità Civile Auto e dei Rami Danni

AUTOSYSTEM PIÙ. Contratto di Assicurazione di Responsabilità Civile Auto e dei Rami Danni AUTOSYSTEM PIÙ Contratto di Assicurazione di Responsabilità Civile Auto e dei Rami Danni Contratto di assicurazione di Tutela Legale per la copertura dei rischi di assistenza stragiudiziale e giudiziale

Dettagli

Guaranteed Asset Protection INSURANCE

Guaranteed Asset Protection INSURANCE CARDIF ASSURANCES RISQUES DIVERS S.A. POLIZZA COLLETTIVA N. 5253/02 Guaranteed Asset Protection INSURANCE (data dell ultimo aggiornamento: 31.01.2012) IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO, CONTENENTE LA NOTA

Dettagli

SCHEMI OPERATIVI. Indice: COPIA AGGIORNATA 07.04.2013. Redatti dal Commissario Aggiunto Gianni Sansonne

SCHEMI OPERATIVI. Indice: COPIA AGGIORNATA 07.04.2013. Redatti dal Commissario Aggiunto Gianni Sansonne SCHEMI OPERATIVI COPIA AGGIORNATA 07.04.2013 Redatti dal Commissario Aggiunto Gianni Sansonne Indice:. Pagina 2: Equiparazione delle patenti rilasciate fino al 18.01.13 alle nuove categorie previste dal19.01.13;.

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

Contratto di Assicurazione Autovetture

Contratto di Assicurazione Autovetture Fascicolo Informativo Modello 35000 - Edizione Aprile 2015 Contratto di Assicurazione Autovetture Responsabilità Civile verso Terzi, Incendio e Furto, Cristalli e Perdite Pecuniarie, Kasko, Eventi Naturali

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA Roma 9 marzo 2015 Prot. n. 45-15 001407 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia che esercitano la r.c.

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

copertura all applicazione amministrative,

copertura all applicazione amministrative, La trattazione di questo articolo, divenuto in questi ultimi tempi di crescente attualità, in quanto è in costante aumento il numeroo dei veicoli in circolazione sprovvisti della copertura assicurativa,

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER NATANTI

CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER NATANTI CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER NATANTI Il presente fascicolo informativo contenente: a) Nota Informativa, comprensiva del glossario; b) Condizioni di assicurazione Deve essere consegnato al contraente

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

ART. 1 (Modifiche al codice penale)

ART. 1 (Modifiche al codice penale) ART. 1 (Modifiche al codice penale) 1. Dopo l articolo 131 del codice penale, le denominazioni del Titolo V e del Capo I sono sostituite dalle seguenti: «Titolo V Della non punibilità per particolare tenuità

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

CARD CONVENZIONE tra ASSICURATORI

CARD CONVENZIONE tra ASSICURATORI CARD CONVENZIONE tra ASSICURATORI per il RISARCIMENTO DIRETTO in attuazione dell art.13 del Decreto del Presidente della Repubblica del 18 luglio 2006, n. 254 Ed. 2013 1 INDICE PARTE PRIMA CARD DIRITTI

Dettagli

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende)

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende) RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing (Enti e Aziende) Richiesta di abbonamento del Il/La sottoscritta Nome Cognome Legale Rappresentante dell Azienda Attività Sede Legale

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER AUTOVETTURE PRODOTTO NUOVA 1a GLOBAL

NOTA INFORMATIVA PER AUTOVETTURE PRODOTTO NUOVA 1a GLOBAL headerl_headerr_footerr[jpiepag_con1]_footerl[jpiepag_con1] $c1$ c:\form\logo\unipol_div_sai.jpg c:\form\logo\ c:\form\logo\piedino_solo_datisoc.bmp 70 50 c:\form\logo\unipol_bollino.bmp 100 Ellena_unipolsai.png

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI TERMINI E CONDIZIONI GENERALI Leggere attentamente Termini e Condizioni prima di noleggiare una vettura con Atlaschoice. I Termini si applicano a qualsiasi prenotazione effettuata con Atlaschoice tramite

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

Norme che regolano il contratto

Norme che regolano il contratto Norme che regolano il contratto Mod. 250/B ed. 04/2007 (dati tipografia, n copie) L assicurazione in generale DEFINIZIONI Nel testo di polizza si intendono per: Assicurazione: il contratto di assicurazione

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

I CONTRATTI. DI merci. avv. prof. Maurizio Riguzzi

I CONTRATTI. DI merci. avv. prof. Maurizio Riguzzi I CONTRATTI NELL autotrasporto DI merci avv. prof. Maurizio Riguzzi 532 CONTRATTO DI TRASPORTO DELLE MERCI E OBBLIGAZIONI DELLA FILIERA Sommario: 532.0 QUADRO GENERALE 532.1 CONTRATTO DI TRASPORTO DI

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

DUAL RC professionale

DUAL RC professionale P.I. LINE - tailor made DUAL RC professionale Proposta di assicurazione per la Responsabilità Civile Professionale di Commercialisti, Tributaristi, Avvocati Consulenti del Lavoro, Società di Servizi (EDP)

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito ALLEGATO 1 Via A. Picco Oggetto: istanza di ammissione alla gara relativa servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria delle macchine operatrici di ACAM Ambiente s.p.a.. Il sottoscritto...., nato

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO

ISTRUZIONI PER L USO ASSOCIAZIONE DI BOLOGNA Servizi alla Comunità Settore Autoriparazione AUTO SOSTITUTIVA ISTRUZIONI PER L USO Premessa pag. 3 Tipologie con le quali è possibile gestire il servizio pag. 4 Aspetti gestionali

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA ART.1 - DEFINIZIONE DEL SERVIZIO Sono definiti

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie.

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie. ENTRA IN VIGORE LA PATENTE UNICA EUROPEA (parte generale) 19 gennaio 2013: entra in vigore la patente dell Unione Europea, unica ed uguale per tutti i cittadini europei, in formato card, con la foto digitale

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli