Emese Erhardt COME CAMBIA L ITALIANO DEI TELEGIORNALI DAGLI ANNI 60 AD OGGI. Estratto da:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Emese Erhardt COME CAMBIA L ITALIANO DEI TELEGIORNALI DAGLI ANNI 60 AD OGGI. Estratto da:"

Transcript

1 Emese Erhardt COME CAMBIA L ITALIANO DEI TELEGIORNALI DAGLI ANNI 60 AD OGGI Estratto da: Tesi di Laurea Specialistica in Lingua Italiana in situazioni di contatto Università per Stranieri di Perugia Anno Accademico Relatrice: Stefania Spina 1

2 Emese Erhardt COME CAMBIA L ITALIANO DEI TELEGIORNALI DAGLI ANNI 60 AD OGGI La televisione - guida nella cultura delle masse, ha una funzione particolare nel cambiamento del linguaggio? Numerosi studi parlano del complesso rapporto tra mass media e costruzione di una identità sociale. Il presente riguarda l italiano parlato basandosi su una fetta specifica del linguaggio televisivo: un corpus dei telegiornali scelti di vari anni. Prende in considerazione il posto occupato da questo linguaggio particolare di tipo trasmesso nel continuum tra parlato e scritto. utilizzando Attraverso l utilizzo degli strumenti di analisi computazionali, con la trascrizione dei dati in linguaggio XML della Text Encoding Initiative presenta una carrellata di fenomeni linguistici cambiamenti nel tempo della lingua telegiornalistica. 1. Sull italiano della televisione 1.1. Da scuola di lingua a uno specchio delle varietà Simone parla di una Terza Fase della Storia dell uomo, dopo gli altri due capisaldi come l invenzione della scrittura e l invenzione della stampa dopo l oralità e la scrittura. Da qualche decennio con i computer e i media la nostra mente si specializza alla visione e all ascolto. Questo passaggio ha prodotto cambiamenti anche nel modo di pensare. Per conseguenza, i saperi che circolano oggi, nella Terza Fase, sono meno articolati, meno sottili, e, addirittura, possono fare a meno di basarsi su formulazioni verbali. Questo fatto ha spinto alcuni a sostenere che, alla svolta tra il secolo XX e il XXI, il sapere generale si è degradato per qualità - mentre forse ha solamente cambiato natura. 1 E stata la televisione con il linguaggio immediato, meno ricercato, le sue parole che hanno una plasticità e concretezza, a diminuite le distanze tra lingua parlata e scritta. Questo tipo di comunicazione il più delle volte è asimmetrico, unidirezionale, privo di interazioni tra i partecipanti: tra una struttura complessa, specializzata ed i singoli individui, o piccoli gruppi. La televisione si inserisce nella storia dei sistemi comunicativi dopo i giornali, la radio e il cinema,dagli inizi si considera come un piccolo teatro domestico, trasmette la cultura, è strumento di educazione e formazione. Senz altro in un primo periodo nettamente con uno scopo pedagogico ha dato una spinta efficace e una svolta uniforme alla diffusione dell italiano e al rinnovamento dello stesso. De Mauro arriva a queste conclusioni: Essa ha arricchito e modificato in più punti l insieme lessicale della lingua comune. Ha portato i ceti più colti verso l abbandono totale della dialettofonia e l adozione integrale dell italiano in ogni circostanza a rapporto sociale. ( ) Il 1 R. SIMONE, La Terza Fase. Forme di sapere che stiamo perdendo, Laterza, Bari, 2000, p. XII. 2

3 vocabolario dei ceti meno colti si è arricchito di voci italiane; ( ) L età della televisione ha significato il recupero d una possibilità d unità culturale e di comunione linguistica. 2 Nel 1976 nascono le tv private e locali che in seguito poi dal 1991 con la creazione dei grandi network e l approvazione della legge Mammì trasmettono anche in diretta. La RAI non ha più il monopolio sul sistema. I profondi cambiamenti Portano una novità anche nel campo linguistico. La tv fino allora scuola di lingua, ora riflette la lingua diversificata del popolo. Simone definisce la lingua della televisione uno specchio del plurilinguismo italiano. 3 Da allora in poi la televisione invece di uno scopo pedagogico mira a intrattenere il pubblico, sui teleschermi si presentano giornalisti e conduttori con una pronuncia dell italiano distante da quello standard. Diventa portavoce di gente di ogni luogo, età e provenienza sociale,. In questo caso riflette da un lato una cultura di massa, ma dal punto di vista linguistico non più un modello unico italiano, ma una grande varietà. In questo grande contenitore multimediale troviamo le varietà diatopiche: i vari dialetti; varietà diacroniche: l italiano del presente e del passato, i dialetti del presente e del passato, e oggi anche la voce italiana straniera; varietà diastratiche: dovute al fattore sociale; varietà diafasiche: vari registri formali e meno formali e altri codici. Oggi il post-tv significherebbe l era della televisione digitale, sia terrestre che satellitare che per ora esiste accanto alla televisione normale, ma è già in grado di definire nuovi modelli comunicativi, tematici, mobili e interattivi. la televisione digitale è un sistema complesso ( ): non si tratta solo di un ampliamento dell offerta dei canali ma anche del moltiplicarsi delle piattaforme sulle quali fruire la programmazione tv nei suoi nuovi e diversi formati: da computer al telefono cellulare di ultima generazione, all i-pod che consente la visione di formati audiovisivi brevi o lunghi, scaricati da Internet ( ) o scambiati direttamente all interno della rete degli amici. 4 Esiste una vasta gamma di offerte dal punto di vista quantitativo: la TV tematica satellitare, TV commerciale libera, la TV baby-sitter. Oggi - secondo il suggerimento di Aroldi - dovremmo parlare non più di televisione ma piuttosto di televisioni al plurale Una lingua trasmessa Durante gli anni vari sono stati gli articoli, le critiche, le analisi più o meno scientifiche che riflettevano sul carattere di questo nuovo linguaggio. Solo a partire degli anni 90 appaiono degli studi basati su dati reali, in base alle videoregistrazioni di alcune 2 T. DE MAURO, Storia linguistica dell Italia unita, Laterza, Roma-Bari, 1999, pp Cfr. R. SIMONE, Specchio delle mie lingue, in «Italiano e oltre», N 2, 1987, p Alcuni dividono in tre parti la storia della televisione: Paleo-tv ( ); Neo-tv ( );Post-tv (2000-) Cfr. Aroldi

4 trasmissioni di campione, trascritte in formato elettronico, tra questi ad esempio: Diadori 1993, Spina 2000, Nacci Alcuni si inseriscono nel filone della linguistica dei corpora. 5 In questo eterogeneità dei programmi, dove confluiscono vari generi possiamo dire che le caratteristiche della lingua della televisione sono le caratteristiche della lingua italiana oggi in uso, rappresentata anch essa da una grande commistione di generi. La caratteristica più evidente del parlato televisivo è proprio la connessione tra codice verbale ed altri codici, per esempio quello iconico, e la stretta interazione tra di loro. 6 La lingua della televisione mostra caratteristiche sia del parlato che dello scritto, nonostante tra i due corra una grande differenza. Si colloca in un continuum tra oralità e scrittura. Nel linguaggio televisivo la parola nella sua integrità tra codici verbali prossemici e simbolici, musica e grafica è diventata ripetibile, ha preso corpo, ed ha una influenza sulla lingua parlata. Questo si vede appunto nel tempo come lo stesso linguaggio è cambiato, nello specchio possiamo riscontrare la sua influenza. La lingua è stata trasmessa e percepita, interiorizzata e ha registrato dei cambiamenti nelle coscienze. Lo scopo dell intrattenimento fa pensare all oralità ma ha caratteristiche proprie, una struttura progettata in precedenza, più legata alla cultura scritta. Sabatini la definisce lingua trasmessa 7. L hic et nunc della comunicazione con le immagini destinati a masse ha attraversato paradossalmente lo spazio e il tempo, al suo interno esiste una grande complessità, come dimostrano le sottovarietà delle molteplici trasmissioni. Se pensiamo al lavoro preparatorio delle varie trasmissioni vediamo il forte legame con la lingua scritta, dove la lingua è preceduta da una preformazione ben definita, basata sulla lingua scritta. I testi delle notizie dei telegiornali, per esempio, ma anche di altri programmi sono stati scritti tipicamente per essere letti. E un parlato che si avvicina molto allo scritto, è un parlato controllato, parlato recitato in base a una copione in cui gli attori tentano di riprodurre un italiano medio simile a quello della vita reale. Andiamo da un copione più rigido dei telegiornali fino al parlato semi-spontaneo dei talk-show. Anche per questo possiamo definirli testi misti, testi ibridi. 8 Questa commistione di codici si infittisce ulteriormente per il fatto che la parola viene combinata con delle immagini, scritte, segni grafici. E difficile trovare caratteristiche linguistiche comuni a tutti i testi trasmessi, ma in generale si può dire che il messaggio trasmesso deve specificare con chiarezza i confini del testo, deve essere conciso per catturare l attenzione, e per arrivare ad un pubblico molto vasto. I vari programmi sono fortemente condizionati dal tempo a disposizione, che dura spesso da una pubblicità all altra. In questo tempo stabilito si deve possibilmente far arrivare al pubblico tutte le informazioni. In opposizione il fenomeno dell intrattenimento ha prodotto un comportamento linguistico preciso che potremmo definire sproloquio, mostra caratteristiche proprie in certi 5 Cfr. S. SPINA, L italiano della televisione: una varietà intermedia tra scritto e parlato. Il caso delle dislocazioni, in: E. Schafroth (ed.), Lingua e mass media, Romanistischer Verlag, Bonn, 2006, pp Cfr. M. A. CORTELAZZO, Italiano d oggi, Esedra, Padova, 2000, p Cfr. F. SABATINI, La comunicazione orale, scritta e trasmessa: la diversità del mezzo, della lingua e delle funzioni, in: Educazione linguistica nella scuola superiore, Istituto di psicologia CNR, Roma, 1982, pp Cfr. S. SPINA, L italiano della televisione: una varietà intermedia tra scritto e parlato. Il caso delle dislocazioni, in: E. Schafroth (ed.), Lingua e mass media, Romanistischer Verlag, Bonn, 2006, pp

5 rituali attraverso i quali si instaura il rapporto tra emittente e il pubblico, tipiche della tecnologia di cui si serve. L emittente è sempre vincolato dalla presenza di un microfono e quindi la spontaneità viene limitata. Giornalista, conduttore, ospite, ecc ruoli predefiniti - davanti ad una telecamera necessariamente controllerà le sue parole. Inoltre deve porre attenzione verso i due tipi di riceventi, uno presente davanti alle telecamere e l altro, il pubblico più ampio davanti agli schermi. Da questa duplice interazione nascono delle modalità di trasmissione che non sono presenti nel parlato e nello scritto tradizionale. Riguardo al contesto, gli elementi paralinguistici che sono presenti anche nel parlato qui sono regolati anche da chi guida le telecamere, l osservazione dei gesti, postura, mimica è quindi regolata da chi sceglie di mostrare l una o l altra immagine, delle varie inquadrature. Nei telegiornali, poi, vediamo il giornalista per alcuni secondi, poi le immagini che riguardano il fatto, o lo corredano, e queste a volte non sono legate realmente. Nella nostra mente si collegano e producono l effetto della comunicazione. Oppure è diretta sempre dalla regia quale particolare dell immagine si vuol far vedere, che volendo o no trasmette altri significati sottostanti. Inquadrature che nemmeno in una conversazione faccia a faccia focalizziamo abitualmente. Non ci dimentichiamo di un effetto: la riconoscibilità su cui l emittente punta in questa storia del rapporto con il pubblico. La familiarità parte da tutte le informazioni già note per l ascoltatore. In più si accorciano le distanze tra emittente e destinatario che deve sentirsi a casa sua in televisione. La cattura è proprio lì: la televisione parla come me, mi rispecchia La lingua trasmessa dei telegiornali Tra le varie trasmissioni in questo studio si sono scelti i telegiornali come un possibile specchio del linguaggio. La storia della televisione comincia proprio con il telegiornale: con il TG1 del 3 gennaio 1954, alle ore Come campioni alcuni telegiornali, rappresentano un modello del giornalismo italiano ma anche della lingua in cambiamento. All inizio il telegiornale era essenzialmente una lettura quasi radiofonica delle notizie prevalentemente sulla politica interna ed estera. E sempre stato una guida anche per i quotidiani che prendevano poi la scaletta delle sue notizie. Negli anni 60 il primo cambiamento significativo avviene con l ingresso dei corrispondenti ma i telegiornali sono caratterizzati soprattutto dallo scopo nettamente pedagogico di un parlare corretto e cominciano ad apparire vari approfondimenti. Gli anni 70 sono influenzati da una diversa partizione tra i telegiornali dei vari canali, il taglio politico è molto più rilevante che in precedenza, migliorano le tecnologie, appaiono nuovi linguaggi. Nel 1976 nascono le TV private che rappresentano una concorrenza tra servizio pubblico e privato. Alla soglia degli anni 80 che rappresenterà l era della neo-televisone, con radicali cambiamenti la televisione si distacca via via dalla ricerca di soluzioni linguistiche formalmente e esteticamente gratificanti e si propone come semplice strumento di comunicazione. 11 Gli anni 90, caratterizzati dalla nascita dei network commerciali, portano novità nella forma: cambia la grafica, si introduce il sommario delle notizie contrassegnato dalla musica. 9 Cfr. G. ANTONELLI, L italiano nella società della comunicazione, Mulino, Bologna, R. LEVI, Le trasmissioni TV che hanno fatto (o no) l Italia, Rizzoli, Milano, 2002, p Cfr. F. MONTELEONE, Storia della radio e della televisione in Italia, Marsilia, Venezia, 1999, pp

6 Oggi la globalizzazione detta le sue regole. 4-5 principali agenzie internazionali d informazione occidentali decidono quali informazione dare, di conseguenza il 90 per cento delle notizie diffuse nel mondo riguarda l Occidente. L attenzione agli altri continenti è subordinata in gran parte a fatti che coinvolgono direttamente persone e interessi occidentali. Lo dimostra il fenomeno delle guerre ignorate e tanti avvenimenti drammatici, di cui sviluppi non si hanno ulteriori notizie. 12 Chiaramente le notizie trasmesse sembrano rappresentare il mondo intero, ma sono appunto soprattutto del mondo occidentale, secondo i meccanismi della sua guida politica e economica. In questo stile di vita l informazione è sempre più spettacolarizzata, condizionata dagli indici di ascolto. L informalità, la ricerca della spettacolarità è caratteristica di altri programmi, ma anche i telegiornali prendono sempre di più a uno stile più vicino agli spettatori, s intravede la volontà di intrattenimento, prendono. 13 Informazione e spettacolo dunque s incrociano nella comunicazione televisiva, e nascono gli ibridi. L Infotainment, quando lo spettacolo inquina l informazione Evidentemente è un formato che attira il pubblico, ma a volte si cade a trasformarsi in una misera Telenovela 14.. Il linguaggio dei telegiornali rispecchia fedelmente ciò che condivide rispettivamente con lo scritto e l orale. Da un lato il messaggio raggiunge i destinatari a grandi distanze, e non condivide con loro la stessa situazione comunicativa, non è previsto un feedback da parte dei destinatari; dall altro si utilizza la voce, e la comunicazione si basa in gran parte sulla componente visiva. La produzione collettiva del messaggio, destinazione di massa, asimmetria dei ruoli fra emittente e destinatario, presenza di certi tratti della comunicazione non verbale (visivo, acustico) ed assenza di altri (tatto, olfatto), sono gli elementi della lingua trasmessa. Lo scritto è presente nei titoli, i grafici aiutano a comprendere il messaggio, e ultimamente una scritta in fondo ci fornisce altre notizie contemporaneamente a quello che si sta dicendo. Queste scritte hanno particolari caratteristiche strutturali dovute alla necessità di concisione e di facile lettura del messaggio. Il parlato dei telegiornali si presenta come un parlato non spontaneo ma scritto e preparato precedentemente, come le domande dei giornalisti o il limitato spontaneità degli intervistati. Nel suo interno esistono vari tipi di questo parlato, le presentazioni delle vari notizie che descrivono i fatti e i commenti giornalistici delle riprese visive o i piccoli documentari che approfondiscono dettagliatamente una tematica, un fatto, la storia di qualche personalità: Sul piano linguistico possiamo rilevare delle caratteristiche proprie. Rossini Favretti in un suo studio su L oralità del testo televisivo sottolinea la peculiare semplificazione del messaggio linguistico, anche al livello grammaticale. 12 Cfr. P. LORIGA, Le domande della società globale, NetOne (Rete internazionale dei media nella prospettiva del mondo unito) Convegno del 5-7/11/2004, Roma 13 Cfr. P. DIADORI, L italiano televisivo. Aspetti linguistici, extralinguistici, glottodidatici, Bonacci, Roma, 1994, p Cfr. L. D ABBICCO, Infotainment: quando lo spettacolo inquina l informazione, in «Summa», 2003/3, pp

7 Domina,... nei telegiornali italiani, una rappresentazione statica, una messa in relazione degli eventi, delle istituzioni o delle persone realizzata attraverso l esplicitazione di processi verbali relazionali o esistenziali. Frequente è l omissione del verbo essere. Non solo nei titoli sovrimposti ricorrono gruppi nominali con funzione assoluta, ma anche nelle prime pagine 15 Possiamo rintracciare non solamente semplificazione ma una grande eterogeneità all interno dei telegiornali non solo per i vari tipi di parlato preparato, ma anche per i suoi personaggi, dall uomo di strada agli scienziati provenienti da qualsiasi ambiente sociale, o territorio. 3. I dati 3.1. I telegiornali analizzati La ricerca si basa su un corpus di cinque telegiornali del canale 1: di tre il punto di partenza è stato il video integrale in formato digitale, di due erano disponibili solo alcuni spezzoni. 16 a) Edizione: Orario: serale N di parole: 2463 N dei parlanti: 6: il giornalista conduttore ed altri 5 giornalisti tutti uomini Ambientazione: studio Rai, 1 servizio Trascrittore: Ilaria Vitagliano b) Edizione: Orario: serale N di parole: 2463 N dei parlanti: 6: il giornalista conduttore ed altri 5 giornalisti tutti uomini Ambientazione: studio Rai, 1 servizio Trascrittore: Ilaria Vitagliano c) Edizione: Orario: serale N di parole: 2856 N dei parlanti: 14: il giornalista conduttore ed altri 10 giornalisti, 1 politico, 2 operai intervistati, tutti uomini Ambientazione: studio Rai, 2 interviste, 1 servizio, 2 interventi politici Trascrittore: Ilaria Vitagliano c) Edizione: Durata: N di parole: R. ROSSINI FAVRETTI, L oralità del testo televisivo, in «Studi italiani di linguistica teorica ed applicata», N 2-3, 1988, pp Per i due telegiornali del 1966 e del 1967 sono state utilizzate le trascrizioni effettuate del progetto Parlar italiano (www.parlaritaliano.it); per il telegiornale del 1998 è stata utilizzata la trascrizione effettuata da Stefania Spina per il Corpus di italiano televisivo (www.sspina.it/cit) 7

8 N dei parlanti: 18: il giornalista conduttore uomo ed altri giornalisti, 1 donna, 7 uomini; 4 intervistati e 5 politici intervenuti, Ambientazione: studio Rai, 8 servizi, 4 interviste Trascrittore: Emese Erhardt e) Edizione: Orario: Durata: 26 N di parole: 5133 N dei parlanti: 23: il giornalista conduttore donna ed altri giornalisti, 1 donna, 2 uomini; 6 intervistati e 13 persone intervenute Ambientazione: studio Rai, 16 servizi, 25 interviste Trascrittore: Stefania Spina f) Edizione: 2006 Orario: Durata: N di parole: 4297 N dei parlanti: 28: il giornalista conduttore donna ed altri giornalisti, 6 donne, 9 uomini; 7 intervistati e 5 politici intervenuti Ambientazione: studio Rai, 14 servizi, 6 interviste Trascrittore: Emese Erhardt 3.2. Le trascrizioni e le annotazioni La ricerca si basa sul corpus dei cinque telegiornali: di tre il punto di partenza è stato il video integrale in formato digitale, di due erano disponibili solo alcuni spezzoni. 17 I testi sono stati trascritti in formato elettronico da tastiera e successivamente è stato usato il linguaggio XML (extensible Markup Language) per la codifica dei fenomeni linguistici, in modo da avere un corpus finale analizzabile con l ausilio di strumenti computazionali. Per quanto riguarda la trascrizione, si sono seguite le normali convenzioni grafiche dell italiano standard. Per assicurare una corretta rilevazione dei fenomeni da analizzare si è fatto in modo che la trascrizione fosse il più possibile rigorosa e non ambigua. Si è tenuto conto della comprensività: si è adoperato la semplice trascrizione delle parole, senza l interpunzione o elementi cinesici. Sono state segnalate le pause più importanti, e in ogni caso si è cercato di essere coerenti, in modo da aver adoperato gli stessi criteri in tutte e cinque le trascrizioni. Questo tipo di trascrizione semplice ed uniforme segue i il sistema ASCII (American Standard Code for Information Interchange), introdotto in america nel 1968, usato oggi proprio per la sua leggibilità da qualsiasi sistema operativo e manipolabile da qualunque software di scrittura o di analisi linguistica. Il suo svantaggio è che non rappresenta il testo nella sua differenziazione, non ha corsivi, grassetti, sottolineature, rientri di testo, ma è una sequenza uniforme e indifferenziata dello stesso tipo di caratteri. ASCII è in grado di 17 Per i due telegiornali del 1966 e del 1967 sono state utilizzate le trascrizioni effettuate del progetto Parlar italiano (www.parlaritaliano.it); per il telegiornale del 1998 è stata utilizzata la trascrizione effettuata da Stefania Spina per il Corpus di italiano televisivo (www.sspina.it/cit) 8

9 rappresentare 128 caratteri (o 256 nella sua versione estesa), che comprendono le lettere maiuscole e minuscole dell alfabeto latino, le cifre e alcune decine di caratteri speciali. 18 Le trascrizioni dei 5 telegiornali hanno dato luogo alla creazione di un corpus di parole. La marcatura nella fase successiva: l annotazione dei testi è stata utilizzata per compensare le perdite di informazione che un video subisce nel momento in cui viene trascritto in formato ASCII (indicazione dei turni, pause, elementi paralinguistici, descrizione delle immagini, ecc...). La marcatura o metacodifica dei testi in linguaggio XML è costituita da caratteri delimitatori particolari,: <titoli>il franco francese svalutato del tre quattro per cento dopo l'uscita dal serpente monetario # la lira si è deprezzata di un altro due per cento prestito di un miliardo di dollari all'italia approvato dalla comunità europea</titoli> 19 Nel corpus in particolare è stata effettuata un'annotazione di tipo strutturale (titoli, spezzoni da studio, servizi, interviste, interventi pubblici) e un'annotazione di tipo linguistico (suddivisione in turni, caratteristiche dei parlanti: sesso, ruolo, pause, termini tecnici, forestierismi). Successivamente, a queste informazioni strutturate è stato aggiunto il contenuto linguistico attraverso un'annotazione automatica per categoria grammaticale e la lemmatizzazione (pos tagging). Questa annotazione permette di disambiguare molte delle ambiguità della lingua italiana (la compro la casa), e di effettuare sul corpus interrogazioni molto specifiche. Riassumendo la fase del lavoro preparatorio: Tabella 1 - Fasi del lavoro preparatorio Dati Esempi Video originali in formato digitale: video - integri del 76, del 98, del 06 - spezzoni del 66 e del Trascrizioni e poi c'è stata questa fuga verso la salita di san Sebastianelli 3. Annotazione manuale delle <u who="gm"> e poi c'è stata trascrizioni questa fuga verso la salita di san 4. Annotazione automatica per categoria grammaticale 18 Cfr.: S. SPINA: Fare i conti con le parole, Guerra, Perugia, 2001, pp Trascrizione, TG1, Del testo XML, TG1, Sebastianelli </u> <u who="gm" sex="m" role="giornalista"> e CON e poi ADV poi c' CLI ci 9

10 5. Il corpus interrogabile è AUX:fin essere stata VER:ppast essere stare questa DET:demo questo fuga NOUN fuga verso PRE verso la ART la salita NOUN salita di PRE di san NOUN san Sebastianelli NP Sebastianelli 3.3. La Text Encoding Iniziative e il linguaggio XML Lo standard scelto per l'annotazione del corpus è quello della TEI 21 (Text Encoding Initiative), standard internazionale ed interdisciplinare che consente di rappresentare in formato elettronico le caratteristiche (linguistiche, letterarie, filologiche...) dei testi, con scopi didattici, di ricerca e di archiviazione. Le convenzioni per la descrizione fisica e logica dei testi soono state pubblicate nel 1994 in alcune Guidelines (Guidelines for the electronic text encoding and interchange), queste prime versioni sono note anche come TEI P3. La TEI nel 2000 si è trasformata in un consorzio e nel 2001 ha pubblicato la nuova versione delle Guidelines, chiamata TEI P4, che è compatibile con il linguaggio XML. Questo prezioso lavoro ha fornito un sistema di annotazione complesso, ma studiato in modo specifico per corpora linguistici. E uno standard di grande valore, è uno dei più strutturati e più convincenti soprattutto anche per la ricerca delle trascrizioni di testi parlati, dove altrimenti non sarebbe possibile segnalare con tale precisione il testo nella sua interezza: pause, aspetti prosodici, contesto situazionale. Uno dei linguaggi standard utilizzati dalla TEI è la XML. E un linguaggio non proprietario, indipendente dal software, indipendente dalla lingua dei testi che si vogliono codificare, e che prevedono la possibilità di interscambio dei documenti elettronici attraverso la rete Internet, consentendo la loro diffusione globale. Come linguaggio di marcatura è composto da: 1. Contenuto - il testo da descrivere 2. Markup - la descrizione e le informazioni sulla sua struttura a. Entities - simboli per indicare caratteri speciali nel testo che non possono essere descritti solamente con i caratteri ASCII b. Tags - le marche che segnano l'inizio e la fine di parti del testo, questi elementi sono racchiusi nei simboli: <>, la fine contrasegnata dal simbolo: /. <p>tesi di Laurea di II livello: Come cambia l'italiano dei telegiornali: dagli anni '60 ad oggi</p> Approfondimenti sulla TEI: 22 Del testo XML, TG1, In questo caso l etichetta <p> e segnala l inizio e la fine di un paragrafo. 10

11 Ogni marca può contenere specificazioni più approfondite attraverso l uso di attributi: <u who="gm"> molte bombe <foreign>molotov</foreign> </u> 23 LA TEI (Versione P4) è costituita da 400 marche diverse per descrivere le caratteristiche fisiche (turni di parola ecc.), strutturali (titoli, sezioni ecc.), logiche (citazioni, parti enfatizzate ecc.) e linguistiche (nomi propri, parti di lingua straniera, termini tecnici ecc.) del testo. Tabella 2 - Esempi di marche del corpus analizzato Caratteristiche fisiche: giornalista conduttore giornalista maschile turno di parola tipo di trasmissione Caratteristiche strutturali: sezioni Caratteristiche logiche: temi Caratteristiche linguistiche: termini technici parole straniere pausa parte di lingua francese pausa elementi non compresi con certezza dal trascrittore who="gc" who="gm" <u> type="studio" type="intervista" type="servizio" <div> "cronaca" "estero" "spettacolo" "economia" <term> <foreign> <pause/> <language id="fr"> <pause/> <unclear/> Riassumendo, la struttura dei documenti esaminati in formato elettronico segue le Guidelines della Text Encoding Iniziative (P4), ed è composta da tre elementi fondamentali: 1. TEI Header le dichiarazioni sui telegiornali codificati, l autore, la lingua e il codificatore. 2. Testo i documenti veri e propri con le marche che li descrivono. 3. Document Type Definition gli elmenti usati per la codifica e la sintassi che li regola. 3.3 Annotazione grammaticale, lemmatizzazione e sistema di interrogazione dei dati 23 Del testo XML, TG1, L etichetta: who="gm" segnala che il parlante è un giornalista uomo. 11

12 Per arrivare a un corpus interrogabile come è stato accennato prima è stato eseguito l'annotazione per categoria grammaticale attraverso il software TreeTagger, dell'università di Stoccarda, in una sua versione riveduta e più mirata all'annotazione del parlato elaborata dall'università per Stranieri di Perugia. Il Tagset utilizzato per questo lavoro è la seguente: Tabella 3 - Lista delle categorie grammaticali ADJ ADV ADV:mente ART ARTPRE AUX:fin AUX:fin:cli AUX:geru AUX:geru:cli AUX:infi AUX:infi:cli AUX:ppast AUX:ppre CHE CLI CON DET:demo DET:indef DET:num DET:poss DET:wh INT NEG NOCAT NOUN NPR NUM PRE PRO:demo PRO:indef PRO:num PRO:pers PRO:poss PUN SENT VER2:fin VER2:fin:cli VER2:geru VER2:geru:cli VER2:infi VER2:infi:cli aggettivo (bello) avverbio, escluse forme in -mente (bene) avverbio in -mente (solamente) articolo (il, uno) preposizione articolata (dal, sul...) forme finite dell'ausiliare (ho, saremo, verremo, andrebbe) forme finite dell'ausiliare con clitico gerundio dell'ausiliare gerundio dell'ausiliare con clitico (essendoci) infinito dell'ausiliare infinito dell'ausiliare con clitico (averlo) participio passato dell'ausiliare participio presente dell'ausiliare che (tutti gli usi di che) clitico congiunzione coordinata (e, ma...) aggettivo dimostrativo aggettivo indefinito aggettivo numerale aggettivo possessivo wh determiner (*quante* cose) interiezione (ah, mhm, ciao, grazie...) negazione non-linguistic element nome nome proprio numero preposizione (di, per) pronome dimostrativo pronome indefinito pronome numerale pronome personale pronome possessivo non-sentence-final punctuation mark sentence-final punctuation mark forma finita di verbo modale (posso, vuoi, dovrebbero) forma finita di verbo modale con clitico gerundio di verbo modale gerundio di verbo modale con clitico (potendolo) infinito di verbo modale infinito di verbo modale con clitico (poterlo) 12

13 VER2:ppast VER2:ppre VER:fin VER:fin:cli VER:geru VER:geru:cli VER:infi VER:infi:cli VER:ppast VER:ppast:cli VER:ppre WH participio passato di verbo modale participio presente di verbo modale forma finita di verbo (vedo, parlerai, mangeremmo) forma finita di verbo con clitico gerundio di verbo gerundio di verbo con clitico infinito di verbo infinito di verbo con clitico participio passato di verbo participio passato di verbo con clitico participio presente di verbo wh word (tutti gli introduttori di interrogative dirette e tutti i subordinanti) In una prima fase automatica ciascuna parola è stata associata ad una categoria grammaticale tramite il software, e in una seconda fase manuale sono stati corretti gli errori. Una volta annotato, il corpus è stato indicizzato attraverso il software CWB (Corpus WorkBench), Università di Stoccarda, che importa dati XML e li indicizza per poter essere interrogati. I dati sono stati messi in rete e seri interrogabili attraverso il linguaggio CQP (Corpus Query Processor): un linguaggio di interrogazione creato specificamente per dati linguistici estratti da corpora. Il risultato dell annotazione è un corpus di dati in formato standard interrogabili anche a distanza e riutilizzabili per annotazioni successive. 4. Fenomeni dell italiano in movimento Dall analisi soprattutto diacronica del linguaggio telegiornalistico nell arco del determinato periodo della storia della televisione, sono emersi alcuni fenomeni linguistici più caratterizzanti: grammaticali, fonologici, morfo-sintattici, lessicali. I dati si riportano in riassuntivo nei rispettivi garfici dei numeri. Per una visione più obiettiva possibile i fenomeni contati con l aiuto del motore di ricerca sono relativizzati sempre al numero di parole di ciascun telegiornale. e moltiplicati per 1000 per avere un numero usabile per la ricerca. Ad esempio se nei telegiornali degli anni 60 i turni di parole sono 32, su 6760 parole l indicatore sarà: 4,7 (32/6760x1000=4,733728). Sono segnalati solo i primi decimali per una più semplice consultabilità dei dati. Le parole dei due telegiornali del 66 e del 67 sono state sommate in modo da esaminare nell insieme i telegiornali degli anni Caratteri generali Nei telegiornali degli anni 60 degli inizi abbiamo solo uno speaker ed una lettura semplice e lenta per la nostra percezione di ora - delle notizie, senza i titoli. In quello del 67 vediamo apparire una cartina,spiegare cornice della notizia letta sull Africa. Dagli anni 70 i telegiornali vengono introdotti da titoli, di frasi intere, lunghe, e illustrate con alcune immagini che riguardano le notizie. Abbiamo già un servizio in diretta. 13

14 Le notizie in seguito sono sempre più illustrate da foto e poi da filmati. Le immagini tecnicamente diventano sempre migliori, e c è una crescente velocità nel cambiare gli spezzoni. I testi corrispondono esattamente alle immagini che si vedono nello stesso momento in cui vengono pronunciati. Negli anni intervengono sempre più parlanti, sia giornalisti che intervistati. Da un'unica persona che legge le notizie arriviamo a una trasmissione movimentata, a uno stile che assomiglia a una vita frenetica. Figura 1 - Parlanti Figura 2 - Turni di parola Le donne acquistano sempre più spazio nel mondo giornalistico, sia come intervistatrici che conduttrici più tardi. Il numero crescente dei turni di parola rispecchia la crescita del numero dei parlanti, ma anche delle notizie sempre più riassuntive all interno dei telegiornali. La lunghezza media dei singoli turni di parola dimostra il passare negli anni, da un quasi monologo, di frasi, o turni piuttosto lunghi, a un accorciamento e moltiplicazione dei turni. Le frasi saranno più brevi - avendo anche più notizie - e riassuntive, più semplici da ricordarsi. Ci sono notizie introdotte da turni più lunghi e illustrate con interviste di tanti turni più brevi. Il numero finale del TG del 2006 mostra di nuovo un apparente crescita. In realtà nel telegiornale del 2006 sono inseriti dei servizi più ampi di storia o documentaristici che alla fine portano a un risultato di lunghezza media più alta. Figura 3 - Argomenti principali 14

15 Cambiano i luoghi. All inizio il conduttore legge tutta la notizia nello studio, poi abbiamo sempre più servizi e anche interviste sulle strade, nei luoghi degli avvenimenti. Nei primi anni gli argomenti principali erano la politica interna, la politica estera e naturalmente tutte le varie notizie della cronaca. E curioso che in Italia oggi interessino di più le notizie riguardanti l Italia che l estero, infatti uno spazio molto grande è dato alla politica interna. Economia e cronaca crescono col tempo. Lo spettacolo o notizie spettacolarizzate prendono spazio soprattutto dagli ultimi anni. Perfino la cronaca viene trattata sempre di più come notizia di spettacolo, ai fatti si aggiungono note spettacolarizzanti. Economia, politica estera avranno meno spazio Tratti fonologici Figura 4 - e/ed, a/ad Il comportamento della congiunzione e e della preposizione a davanti a parola che comincia per vocale mostra dei cambiamenti. Secondo Sabatini ad e ed sono in regresso nell italiano medio. Abbiamo rilevato che questo è vero soprattutto per la congiunzione e. 24 Negli anni 60 si usavano quasi in uguale misura con la congiunzione ed davanti ai vocali, cosa che non possiamo affermare per i giorni d oggi. Infatti vediamo nella tabella delle differenze il numero crescente, e questo a favore della congiunzione e, che per gli anni 00 il numero indica: 27,6 contro ed: 1,8. Per quanto riguarda la preposizione a e ad davanti ai vocali non mostra grandi differenze tra i due usi, ma sembra affermarsi di più in ogni caso la preposizione ad contro a. Ogni volta il numero di ad è maggiore di a. Per esempio: visite e esami gratuiti in molti ambulatori ( 00) 24 Cfr. F. SABATINI, L italiano dell uso medio: Una realtà tra le varietà linguistiche italiane, in G. HOLTUS/E. RADTKE, a cura di, Gesprochenes Italienich in Geschichte und Gegenwart, Tübingen, Narr., 1985, p

16 4.3. Tratti morfo-sintattici a. aggettivo+nome E interessante la particolare funzione delle coppie di aggettivo + nome nello stile giornalistico parlato. Pensiamo soprattutto agli aggettivi qualificativi che in realtà sarebbero più caratteristici nei testi letterari. L enfasi è una componente fondamentale del notiziario e consapevolmente o no viene attualizzata dai giornalisti anche attraverso l intonazione (il ritmo veloce, con l assenza di pause), ma anche attraverso l uso degli aggettivi che possono prendere la funzione di esprimere un giudizio, ma soprattutto una forte enfatizzazione. Queste espressioni in tal modo diventano degli stereotipi usati prima di tutto nel linguaggio giornalistico parlato, ma entrano attraverso la televisione anche nell uso quotidiano. Per esempio: la mancata intesa conclude il comunicato ( 60) un largo scambio di vedute una piccola folla plaudente ( 90) molti hanno nascosto un sincero sgomento ( 90): dopo le forti impennate delle scorse settimane molti risparmiatori ( 90) Un esempio tipico della spettacolarizzazione sui risultati di una ricerca storica: una sorprendente rivelazione è di uno storico dell arte ( 00) b. la frequenza dei nomi e dei verbi Sull interessante rapporto tra l uso dei nomi e dei verbi a confronto con le altre categorie grammaticali, Voghera 25 deduce che la loro variazione è profondamente connessa alla fondamentale diversità tra il parlare e lo scrivere. La differenza è legata alla diversa pianificazione delle due categorie. Nel parlato sono meno frequenti i nomi perché tendiamo a tenere di più in memoria porzioni di testo. Nel contesto situazionale non è necessario riferirsi agli elementi che sono presenti, i parlanti possono sostituire i nomi con espressioni deittiche o anche con costituenti nulli. Secondo Voghera questo può variare in rapporto ai diversi tipi di testo. L alta frequenza di nomi è caratteristica dei testi informativi. Figura 5 - Nomi e verbi 25 Crf. M. VOGHERA, La misura delle categorie sintattiche, in T. DE MAURO/I. CHIARI, a cura di, Parole e numeri. Analisi quantitative dei fatti di lingua, Aracne, Roma, 2005, pp

17 Nel nostro caso si tratta dei testi trasmessi che avvicinano alla pianificazione dello scritto, ma nello stesso tempo si tratta rappresentano un parlato altamente informativo. I numeri più alti dei nomi confermano l alta densità informativa. Voghera dice inoltre che i verbi tendono ad aumentare man mano che si passa dai testi monologici a quelli dialogici. Di conseguenza la frequenza dell uso dei verbi varia in rapporto alla quantità di dialogo. I telegiornali dei primi anni erano più monologici e oggi c è un uso più alto del dialogo. Cresce quindi anche il numero dei verbi. c. pronomi personali Figura 6 Occorrenze dei pronomi personali In relazione a quanto abbiamo detto sopra, nel linguaggio scritto - parlato dei telegiornali i pronomi personali vengono quasi evitati, si preferisce usare i nomi. Si evidenzia inoltre chiaramente la tendenza dell italiano relativa all uso dei pronomi lui / lei / loro al posto di egli / esso / essa / essi / esse. Di questi ultimi troviamo alcuni esempi solamente degli anni 60. poiché essi si assumono la responsabilità ( 60) d. superlativi Tabella 4 - Occorrenze dei superlativi Il numero di superlativi indica una crescita fino agli anni 90. issimo/a/i/e, emblema del più, raggiunge il culmine nelle epoche delle grandi concorrenze. I superlativi sono tipici del parlato giornalistico per esprimere un enfasi maggiore dando un valore diverso alla notizia. gravissime le accuse potentissimo ministro dell industria ( 90) critiche durissime di esponenti politici ( 00) e. c è presentativo Indicatore 0 0,6 2,1 1,8 17

18 Tabella 5 - Occorrenze di c'è presentativo La particella ci come rileva Sabatini 26, originariamente con valore di avverbio di luogo qui, oggi ha un uso larghissimo in unione con i verbi essere, avere e con altri verbi. Ha in gran parte perduto il suo significato originario: la sua funzione è quella di rinforzo semantico e fonico alle forme verbali. Il ci seguito da che: c è presentativo è più presente negli anni 70 e ancora di più oggi. C è presentativo rende più dinamica la distribuzione dell informazione all interno della frase, spiega ulteriormente qualcosa, rende più vicino allo spettatore il dato fatto, tendenza caratteristica di oggi, e nell era delle grandi concorrenze. Gli esempi sottolineano appunto il suo ruolo di rinforzo semantico. c' erano dei ragazzi che hanno visto che hanno sentito ( 70) ci sono tante che hanno problemi allo stomaco ( 00) f. c è attualizzaznte Tabella 6 - Occorrenze di c'è attualizzante c' erano dei motivi particolari in Italia c è un importante novità sulla legge elettorale ( 90) Frasi di questo tipo, in cui la particella ci insieme al verbo essere conserva una sfumatura di avverbio di luogo, che però ha un valore attualizzante, sono presenti in maggior numero nei telegiornali degli anni 90. Avvicinandoci alle notizie date attraverso dialoghi c è una crescita di questo fenomeno tipico del parlato più che dello scritto. g. stare + gerundio Indicatore 0 0,3 0,1 0, Indicatore 0,2 2,8 3,1 1,6 Tabella 7 - Occorrenze di stare + gerundio Indicatore 0,1 0,6 0,5 0,9 L azione durativa espressa dal verbo stare accanto al modo gerundio è un espressione usata in misura meggiore nel parlato, e si trasferisce quindi anche nel linguaggio giornalistico trasmesso. il gruppo dirigente revisionista sovietico sta elaborando un trattato ( 60) lo sta rivivendo col trauma di quel momento ( 90) 26 Cfr. F. SABATINI, L italiano dell uso medio: Una realtà tra le varietà linguistiche italiane, in G. HOLTUS/E. RADTKE, (a cura di) Gesprochenes Italienich in Geschichte und Gegenwart, Tübingen, Narr., 1985, p

19 L uso di stare + gerundio sembra dimostrare una crescita rispetto ai primi anni. Col tempo non si usa soltanto con il valore durativo ma spesso per esprimere con enfasi il presente. per ora sta andando forte ( 00) h. passivo Tabella 8 - Occorrenze dei passivi Indicatore 5,7 11,4 3,3 1,3 Le costruzioni passive si usavano di più nell epoca della scuola di lingua che oggi. Il numero più basso rispecchia il nostro linguaggio colloquiale di oggi, dove si tende a scegliere soluzioni più semplici, più dirette e più dinamiche, come anche le dislocazioni. Non tutte le espressioni passive sono accompagnate dal complemento d agente. Dove è stato usato il complemento d agente proprio per enfatizzare il soggetto è nelle notizie di cronaca e qualche volta in quelle sulla politica. è stato ucciso da un proiettile questo gruppo di fuggitivi è stato intercettato da una pattuglia della polizia è stata devastata dai dimostranti è stato dimostrato dal voto unanime ( 70) dovrà essere esaminata dallo psichiatra Cesare Piccinini incaricato dal tribunale di Parma ( 90) i. il condizionale Tabella 9 Occorrenze del condizionale Indicatore 0,5 0,9 1,9 1,6 L uso del condizionale è tipico del linguaggio giornalistico. Anche in questo caso abbiamo rilevato una certa concordanza nella paralella crescita delle notizie di cronaca in provincia di Varese sarebbero sepolti i resti di alcune persone rapite ( 70) si farebbero i nomi di quattro probabili mandanti del duplice omicidio ( 90) j. il futuro Tabella 10 - Occorrenze del futuro Indicatore 2,2 6,3 6,4 4,8 di cui in Politica 86,67% 95% 60,61% 76,19% 19

20 Il futuro in generale è usato di più nelle notizie di politica, sia interna che estera, per esprimere progetti, promesse, strategie in qui si tende a dire: faremo. efficaci strumenti di governo potrà essere assicurato il vostro avvenire ( 60) staremo a vedere se questa proposta che esce da questo congresso sarà una apprezzabile enunciazione di principio oppure se qualcuno del partito socialista tenderà una mano per trasformarla in proposta politica concreta ( 70) questo accordo avrà la durata di quattro anni e potrà essere rinnovato per altri quattro ( 90) si discuterà da gennaio anche della possibilità di unificare i vari enti previdenziali ( 00) Il numero minore degli ultimi anni indica l attuale semplificazione del linguaggio: spesso si usa il presente anche per esprimere il futuro, o addirittura il verbo è omesso: traffico aereo regolare venerdì prossimo ( 00) k. il passato remoto Tabella 11- Occorrenze del passato remoto Indicatore 1,2 0,3 0,9 1,1 In generale il passato remoto si usava di più nei primi anni e non più oggi. Nel parlato colloquiale standard è meno frequente, e la televisione in seguito rispecchia quindi il linguaggio usato quotidianamente. L aumento del 2000 si riferisce a un caso particolare in cui nel telegiornale è stato inserito un servizio di tipo storico. Tutti i casi riguardano questa notizia. la prima volta fu nel gennaio scorso quando sembrò che il governo di Hanoi fosse disposto a negoziare ( 60) animò la resistenza a Firenze e diventò rettore dopo la liberazione ( 00) 4.4 Tratti sintattici Tabella 12 - Le subordinate Indicatore 7,8 15,3 13,2 10,9 Le congiunzioni subordinate sono presenti di più negli anni 70, dove il linguaggio della televisione era ancora più progettato e studiato essendo una scuola di lingua. aspettiamo adesso di vedere, se avremo la possibilità, un servizio ( 70) 20

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PSI_ITALIANO QUARTO BIENNIO_CLASSE SECONDA COMPETENZA ABILITA CONOSCENZE Competenza

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39 Parte I Premesse teoriche per un uso consapevole della lingua 1 Dal latino all italiano Come leggere i messaggi pubblicitari 1 La comunicazione 2 1 Cos è la comunicazione: significante, significato, segno

Dettagli

ITALIANO - CLASSE PRIMA

ITALIANO - CLASSE PRIMA ITALIANO - CLASSE PRIMA L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione) attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Comprende semplici testi di intrattenimento e

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO

MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO CULTURA ITALIANA CONTEMPORANEA MODULO 4. MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO Arianna Alessandro ariannaalessandro@um.es BLOCCO 2. La lingua italiana nei mezzi di comunicazione di massa Arianna Alessandro

Dettagli

I Diplomi dell Istituto Italiano di Cultura SILLABO

I Diplomi dell Istituto Italiano di Cultura SILLABO I Diplomi dell Istituto Italiano di Cultura SILLABO L Istituto Italiano di Cultura rilascia 5 Diplomi di conoscenza dell'italiano come lingua straniera secondo una scala di cinque livelli, disegnati in

Dettagli

DIPLOMA DI LINGUA ITALIANA SILLABO

DIPLOMA DI LINGUA ITALIANA SILLABO DIPLOMA DI LINGUA ITALIANA SILLABO PRESENTAZIONE Il Diploma di Lingua Italiana dell'istituto Italiano di Cultura di Salonicco è un attestato di conoscenza dell'italiano come lingua straniera. Viene rilasciato

Dettagli

Linee guida per la redazione di testi di comunicazione pubblica

Linee guida per la redazione di testi di comunicazione pubblica Linee guida per la redazione di testi di comunicazione pubblica a cura di Chiara Di Benedetto, Elena Lombardo, Marianna Schiavon, Matteo Viale, con il coordinamento di Michele A. Cortelazzo Sii chiaro

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria

CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria CURRICOLO DI ITALIANO al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI ITALIANO al termine della classe seconda della scuola primaria...5

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio.

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio. ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio Obiettivi specifici ITALIANO Attività ASCOLTO - Applicare le strategie dell ascolto

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca Istituto Comprensivo di Mozzate Viale Libertà, 3 22076 Mozzate (CO) tel. 0331 831491- fax 0331 262484 codice meccanografico COIC83400P c.f. 80017540131 email: COIC83400P@istruzione.it - info@comprensivomozzate.it

Dettagli

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 e-mail: info@istitutocalvino.gov.it Codice Fiscale: 97270410158 internet: www.istitutocalvino.gov.it

Dettagli

LINGUA INGLESE RICEZIONE ORALE (ASCOLTO) - SCUOLA PRIMARIA

LINGUA INGLESE RICEZIONE ORALE (ASCOLTO) - SCUOLA PRIMARIA LINGUA INGLESE RICEZIONE ORALE (ASCOLTO) - SCUOLA PRIMARIA L alunno riconosce se ha o meno capito messaggi verbali orali, chiede spiegazioni, svolge i compiti secondo le indicazioni date in lingua straniera

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO CLASSI TERZA E QUARTA Competenza 1. Interagire e comunicare oralmente in contesti di diversa natura. Al termine del II biennio ( 3^ e 4^ Scuola Primaria)

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SPAGNOLO

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SPAGNOLO LE ESSENZIALI DI SPAGNOLO classe prima Liceo linguistico comprendere informazioni dirette e concrete su argomenti quotidiani comprendere e seguire istruzioni brevi e semplici comprendere il senso generale

Dettagli

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Interagire e comunicare verbalmente in contesti di diversa natura Quando ascolta,

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati.

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CLUSONE A.S. 2014-2015 CURRICOLO DI ITALIANO Scuola Primaria Classe QUARTA _ QUARTO BIMESTRE_ COMPETENZE Indicazioni ABILITA CONOSCENZE AMBIENTE DI APPRENDIMENTO ASCOLTO E PARLATO

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE)

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative corrispondenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PER LA CLASSE PRIMA E RELATIVI COMUNICAZIONE ORALE MANTENERE L ATTENZIONE SUL MESSAGGIO ORALE,

Dettagli

Programmazione di italiano per competenze

Programmazione di italiano per competenze Programmazione di italiano per 0050_GU042400775T@0013_0018.indd 13 10/03/15 09.34 Primo anno Lingua Primo anno Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE TERZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi dai media, riconoscendone la

Dettagli

+ DIPLOMA AVANZATO DI LINGUA ITALIANA SILLABO

+ DIPLOMA AVANZATO DI LINGUA ITALIANA SILLABO + DIPLOMA AVANZATO DI LINGUA ITALIANA SILLABO L'esame è articolato in cinque prove: comprensione di testi scritti, competenza linguistica, comprensione di testi orali, produzione scritta e produzione orale.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento)

PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE P. LEVI PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento) LINGUA E CULTURA LATINA / Primo biennio / Secondo biennio / Quinto anno

Dettagli

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA ASCOLTO E PARLATO Intervenire nel dialogo e nella conversazione in modo pertinente. Interagire nello scambio comunicativo formulando domande e risposte adeguate al contesto. Esprimere il proprio punto

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale avanzato intermedio elementare C2 C1 B2 B1 A2 A1 È in grado di comprendere senza sforzo praticamente tutto ciò che ascolta o legge. Sa riassumere

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Disciplina: SPAGNOLO TRAGUARDI COMPETENZE FINE SCUOLA DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO COMPETENZE SPECIFICHE ABILITA'/CAPACITA CONOSCENZE L alunno comprende oralmente e per

Dettagli

LINGUA STRANIERA FRANCESE SEZIONE A

LINGUA STRANIERA FRANCESE SEZIONE A LINGUA STRANIERA FRANCESE SEZIONE A COMPETENZE EUROPEA COMPETENZA CHIAVE NELLA SECONDA LINGUA COMUNITARIA COMPETENZA SOCIALE E CIVICA IMPARARE AD IMPARARE SPIRITO D INIZIATIVA ED IMPRENDITORIALITA COMPETENZA

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE Istituto Comprensivo di Calderara di Reno Scuola Secondaria di Primo Grado Due Risorgimenti PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE CONTENUTI LETTURA Conoscere le strategie

Dettagli

Corsi di lingua inglese - Inglese CORSI INDIVIDUALI

Corsi di lingua inglese - Inglese CORSI INDIVIDUALI CORSI INDIVIDUALI L'Istituto propone corsi totalmente personalizzati in base alle diverse capacità di apprendimento e al differente livello di partenza di ognuno. Siamo noi a seguire il vostro ritmo di

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Competenze chiave Comunicazione nella madre lingua competenza digitale imparare a imparare competenze

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO REPUBBLICA ITALIANA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI Via Giovanni XXIII, n. 64-38065 MORI Cod. Fisc. 94024510227 - Tel. 0464-918669 Fax 0464-911029 www.icmori.it e-mail: segr.ic.mori@scuole.provincia.tn.it

Dettagli

Scuola dell Infanzia (inglese)

Scuola dell Infanzia (inglese) Scuola dell Infanzia (inglese) Nuclei Tematici Traguardi per lo Sviluppo delle Competenze Abilità Conoscenze Il sé e l altro Il bambino: inizia a sviluppare sensibilità e responsabilità da cittadino d

Dettagli

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI 58 DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI Elaborazione della figura strumentale per il curricolo e la valutazione ins. Dott. Sabini Maria Rosaria 59 Indicatore Disciplinare

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Di Bella Carmela Disciplina Italiano Classe I Sezione F n. alunni 25 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE

COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE La comunicazione nelle lingue straniere condivide essenzialmente le principali abilità richieste per la comunicazione nella madrelingua:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 3 BELLUNO PROGRAMMAZIONE PER OBIETTIVI MINIMI LINGUA INGLESE

ISTITUTO COMPRENSIVO 3 BELLUNO PROGRAMMAZIONE PER OBIETTIVI MINIMI LINGUA INGLESE ISTITUTO COMPRENSIVO 3 BELLUNO PROGRAMMAZIONE PER OBIETTIVI MINIMI LINGUA INGLESE FINE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA FINE CLASSE QUINTA SCUOLA PRIMARIA Traguardi per lo

Dettagli

FRANCESE. Ricezione orale (ascolto) Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano. Comprendere il senso generale di un una storia.

FRANCESE. Ricezione orale (ascolto) Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano. Comprendere il senso generale di un una storia. FRANCESE FINE CLASSE TERZA PRIMARIA L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Descrive oralmente e per iscritto, in modo semplice, aspetti del proprio vissuto e del

Dettagli

Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria

Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria Competenza Abilità Conoscenze Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi

Dettagli

Variazione diafasica: in rapporto alla situazione comunicativa e allo stile

Variazione diafasica: in rapporto alla situazione comunicativa e allo stile Variazione diafasica: in rapporto alla situazione comunicativa e allo stile Registri: "varietà diafasiche dipendenti primariamente dal carattere dell'interazione e dal ruolo reciproco assunto da parlante

Dettagli

Programmazione di Francese Classe I B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

Programmazione di Francese Classe I B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 Programmazione di Francese Classe I B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 Presentazione della classe: La classe formata da 21 alunni presenta una preparazione non omogenea e un livello di preparazione

Dettagli

AREA DISCIPLINARE: LINGUA FRANCESE PROGRAMMAZIONE CLASSI PRIME, SECONDE E TERZE A.S. 2014 / 2014

AREA DISCIPLINARE: LINGUA FRANCESE PROGRAMMAZIONE CLASSI PRIME, SECONDE E TERZE A.S. 2014 / 2014 AREA DISCIPLINARE: LINGUA FRANCESE PROGRAMMAZIONE CLASSI PRIME, SECONDE E TERZE A.S. 2014 / 2014 L apprendimento del francese, oltre alla lingua materna e all inglese, permette all alunno di acquisire

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME

PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TARRA BUSTO GAROLFO Via Correggio 80,- 20020 PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME SCUOLA PRIMARIA SCUOLE TARRA, MENTASTI, FERRAZZI-COVA A.S. 2014-2015 1 LINGUA ITALIANA 1. ASCOLTO

Dettagli

FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO

FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO TRAGUARDI FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO - L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse situazioni comunicative, sostenendo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ARBE-ZARA

ISTITUTO COMPRENSIVO ARBE-ZARA ISTITUTO COMPRENSIVO ARBE-ZARA SCUOLA PRIMARIA C. POERIO A.S. 2015-2016 PROGETTAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUA INGLESE LINGUA INGLESE CLASSE PRIMA ASCOLTARE E PARLARE Competenze Ascoltare attivamente. Comprendere

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE LETTERE SULLA BASE DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICULO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti.

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti. LINGUA ITALIANA Scuola dell Infanzia Campi di esperienza Traguardi per lo sviluppo della competenza Abilità Conoscenze Il sé e l altro Il bambino: Saper comunicare oralmente. Le attività di routine quotidiane.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO LINGUA FRANCESE

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO LINGUA FRANCESE Istituto Comprensivo N.D Apolito Cagnano Varano Anno scolastico 2012 / 2013 1.FINALITÀ DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO LINGUA FRANCESE 1) Comprendere l importanza della lingua straniera come

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE SCUOLA DELL INFANZIA INDICATORI I DISCORSI E LE PAROLE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni ASCOLTARE E Ascoltare brevi e semplici racconti. Capire il messaggio delle parole usate dall insegnante.

Dettagli

RACCORDO TRA LE COMPETENZE

RACCORDO TRA LE COMPETENZE L2 RACCORDO TRA LE COMPETENZE (AREA SOCIO AFFETTIVA E COGNITIVA) L2 COLLEGAMENTO TRA LE COMPETENZE DELLA SCUOLA PRIMARIA E DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Il Quadro Comune di riferimento Europeo distingue

Dettagli

Italiano Lingua Seconda. A s c o l t o. Verifica (Indicatori) Abilità Capacità Conoscenze Competenze parziali e indicazioni didatticometodologiche

Italiano Lingua Seconda. A s c o l t o. Verifica (Indicatori) Abilità Capacità Conoscenze Competenze parziali e indicazioni didatticometodologiche Italiano Lingua Seconda Competenze al termine del 1 biennio L alunna, l alunno è in grado di comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in lingua standard, anche trasmesso attraverso canali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE D ISTITUTO ITALIANO

CURRICOLO VERTICALE D ISTITUTO ITALIANO CURRICOLO VERTICALE D ISTITUTO ITALIANO OBIETTIVO GENERALE COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE 1. Prestare attenzione a chi parla 2. Saper comprendere messaggi orali 3. Capire il significato globale delle

Dettagli

UFFICIO RELAZIONI INTERNAZIONALI DOMANDA DI PARTECIPAZIONE PROGRAMMA ERASMUS+ MOBILITA AI FINI DI TIROCINIO A.A. 2015/2016

UFFICIO RELAZIONI INTERNAZIONALI DOMANDA DI PARTECIPAZIONE PROGRAMMA ERASMUS+ MOBILITA AI FINI DI TIROCINIO A.A. 2015/2016 UFFICIO RELAZIONI INTERNAZIONALI DOMANDA DI PARTECIPAZIONE A.A. 2015/2016 PROGETTO ERASMUS+ A.A. 2015-2016 Gli studenti interessati a svolgere uno stage all estero, nell ambito del programma Erasmus+,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare: ITALIANO Classe 1 Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della scuola secondaria di 1

Dettagli

FRANCESE SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

FRANCESE SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO FRANCESE SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado per la seconda lingua comunitaria (I traguardi sono riconducibili al Livello

Dettagli

LINGUA SPAGNOLA. Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo grado:

LINGUA SPAGNOLA. Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo grado: LINGUA SPAGNOLA Le indicazioni nazionali per il curricolo del primo grado di istruzione hanno individuato nuovi traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado

Dettagli

ITALIANO PRIMO BIENNIO: CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO PRIMO BIENNIO: CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO PRIMO BIENNIO: CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA COMPETENZE ASCOLTARE E PARLARE ABILITÀ (l'alunno è in grado di) Nell ascolto: - assumere un atteggiamento di ascolto individuale e collettivo

Dettagli

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI AD ASCOLTO E PARLATO L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo)

Dettagli

Guida didattica all unità 11 Raccontami

Guida didattica all unità 11 Raccontami Guida didattica all unità 11 Raccontami 1. Proposta di articolazione dell unità Presentiamo qui di seguito un ipotesi di articolazione dell unità 11, indicando una possibile scansione delle diverse tipologie

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

Vitamines 3 -- Programmazione per il terzo anno della scuola secondaria di primo grado

Vitamines 3 -- Programmazione per il terzo anno della scuola secondaria di primo grado Vitamines 3 -- Programmazione per il terzo anno della scuola secondaria di primo grado Obiettivi disciplinari Abilità Competenze Conoscenze Obiettivi educativi/comportamentali Indicazioni di carattere

Dettagli

INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUINTA

INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUINTA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUINTA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI AD ASCOLTO L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Svolge i compiti secondo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RAPALLO-ZOAGLI VIA FERRETTO, 4-16035 - RAPALLO (GE) tel. 0185 231085 C.F. 91045810107 - C.M. GEIC866008 - e-mail

ISTITUTO COMPRENSIVO RAPALLO-ZOAGLI VIA FERRETTO, 4-16035 - RAPALLO (GE) tel. 0185 231085 C.F. 91045810107 - C.M. GEIC866008 - e-mail PROGETTO ITALIANO L2 DOCENTE: CASSARO MARIA PROGETTO: ITALIANO L2 (alfabetizzazione/consolidamento) DESTINATARI: GRUPPO MISTO DI ALUNNI DI RECENTE IMMIGRAZIONE E DI SECONDA GENERAZIONE NON ITALOFONI ORE:

Dettagli

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti.

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. Come sto andando in... analisi grammaticale Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. NON HO FATTO ERRORI IN... ARTICOLO

Dettagli

Programmazione di Italiano L2 LIVELLO 1

Programmazione di Italiano L2 LIVELLO 1 Programmazione di Italiano L2 LIVELLO 1 1) ASCOLTARE E COMPRENDERE 1a) Ascoltare e comprendere semplici e brevi messaggi orali ricorrenti nel linguaggio della classe e del laboratorio 1.a.1. - rispondere

Dettagli

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA COMPETENZE NUCLEO FONDANTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comunicare -Ascoltare con attenzione le collegamenti ASCOLTO E PARLATO comunicazioni degli adulti e e dei compagni

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Giuseppe Peano - Cuneo PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE MATERIE LETTERARIE E LATINO Biennio del Nuovo Ordinamento

Liceo Scientifico Statale Giuseppe Peano - Cuneo PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE MATERIE LETTERARIE E LATINO Biennio del Nuovo Ordinamento Liceo Scientifico Statale Giuseppe Peano - Cuneo PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE MATERIE LETTERARIE E LATINO Biennio del Nuovo Ordinamento Prerequisiti I prerequisiti indispensabili perché gli allievi possano

Dettagli

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA 1 RICEZIONE ORALE 1. Familiarizzare coi primi suoni della lingua inglese 2. Comprendere semplici espressioni di uso quotidiano, pronunciate chiaramente. 3. Comprendere,

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

SPAGNOLO SECONDA LINGUA

SPAGNOLO SECONDA LINGUA SPAGNOLO SECONDA LINGUA QUINTA GINNASIO Verranno rafforzate ed ampliate le conoscenze linguistiche e le funzioni comunicative apprese nel primo anno, attraverso un analisi più complessa degli esponenti

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Istituto Comprensivo di Bosco Chiesanuova Piazzetta Alpini 5 37021 Bosco Chiesanuova Tel 045 6780 521-

Dettagli

PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI

PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI Silvana Cantù Graziella Favaro Arcangela Mastromarco Centro COME Cooperativa Farsi Prossimo Via Porpora, 26 20131 Milano tel 02.29.53.74.62

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale ASCOLTO E PARLATO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri. Usa la comunicazione orale per collaborare

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA PER LA LINGUA INGLESE

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA PER LA LINGUA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA PER LA LINGUA INGLESE Nuclei fondanti Competenze Contenuti Abilità Metodologia e strumenti Ascolto Parlato Lettura Utilizzare

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE LINGUA INGLESE

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE LINGUA INGLESE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE LINGUA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE AL TERMINE DELLA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina ITALIANO a.s. 2015/2016 Classe: 1 Sez. E INDIRIZZO: Tecnico Nautico Trasporti e Logistica Docente : Prof.ssa Pasqualina Marrosu ANNO SCOLASTICO 2015/16

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO. Promuovere la pace per evitare la guerra

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO. Promuovere la pace per evitare la guerra ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO PERCORSO VERTICALE Promuovere la pace per evitare la guerra SCUOLA DELL INFANZIA Terzo anno Competenza e abilità al termine

Dettagli

Curricolo verticale SECONDA LINGUA COMUNITARIA Francese /Spagnolo. Scuola Secondaria di I grado

Curricolo verticale SECONDA LINGUA COMUNITARIA Francese /Spagnolo. Scuola Secondaria di I grado Curricolo verticale SECONDA LINGUA COMUNITARIA Francese /Spagnolo Scuola Secondaria di I grado TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (I traguardi sono riconducibili

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE AREA LINGUISTICA L2:

CURRICOLO DISCIPLINARE AREA LINGUISTICA L2: CURRICOLO DISCIPLINARE AREA LINGUISTICA L2: Inglese, Spagnolo, Francese. Traguardi di sviluppo delle competenze prima e seconda lingua straniera L alunno: organizza il proprio apprendimento; utilizza lessico,

Dettagli

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA CLASSE 4^ a.s. 2012/2013 TRAGUARDI DI COMPETENZA ABILITÀ CONOSCENZE 1) PARTECIPARE A SCAMBI COMUNICATIVI DI VARIO GENERE CON Quando ascolta, l alunno è in grado di:

Dettagli

Il mio Portfolio per. l apprendimento. dello spagnolo. Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier. 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori

Il mio Portfolio per. l apprendimento. dello spagnolo. Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier. 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori S C U O L A S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O Il mio Portfolio per l apprendimento dello spagnolo Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori Che

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE MARCONI CAGLIARI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CLASSE: I S

ISTITUTO TECNICO STATALE MARCONI CAGLIARI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CLASSE: I S ISTITUTO TECNICO STATALE MARCONI CAGLIARI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CLASSE: I S DOCENTE: PROF.SSA CARLA COCCO OBIETTIVI EDUCATIVI E FORMATIVI

Dettagli

Competenza chiave europea di riferimento Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18/12/2006 Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012

Competenza chiave europea di riferimento Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18/12/2006 Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012 Ordine di scuola Campo di esperienza-disciplina Scuola Primaria Lingua inglese Competenza chiave europea di riferimento Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18/12/2006 Indicazioni Nazionali

Dettagli

LINGUA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

LINGUA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA LINGUA INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA PER LA LINGUA INGLESE. L'alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Descrive

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI INGLESE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI INGLESE classe prima LE ESSENZIALI DI INGLESE comprendere e decodificare semplici testi e/o messaggi orali e scritti comprendere informazioni dirette e concrete su argomenti di vita quotidiana (famiglia, acquisti,

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163

Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sede Coordinata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI fax:

Dettagli