Emese Erhardt COME CAMBIA L ITALIANO DEI TELEGIORNALI DAGLI ANNI 60 AD OGGI. Estratto da:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Emese Erhardt COME CAMBIA L ITALIANO DEI TELEGIORNALI DAGLI ANNI 60 AD OGGI. Estratto da:"

Transcript

1 Emese Erhardt COME CAMBIA L ITALIANO DEI TELEGIORNALI DAGLI ANNI 60 AD OGGI Estratto da: Tesi di Laurea Specialistica in Lingua Italiana in situazioni di contatto Università per Stranieri di Perugia Anno Accademico Relatrice: Stefania Spina 1

2 Emese Erhardt COME CAMBIA L ITALIANO DEI TELEGIORNALI DAGLI ANNI 60 AD OGGI La televisione - guida nella cultura delle masse, ha una funzione particolare nel cambiamento del linguaggio? Numerosi studi parlano del complesso rapporto tra mass media e costruzione di una identità sociale. Il presente riguarda l italiano parlato basandosi su una fetta specifica del linguaggio televisivo: un corpus dei telegiornali scelti di vari anni. Prende in considerazione il posto occupato da questo linguaggio particolare di tipo trasmesso nel continuum tra parlato e scritto. utilizzando Attraverso l utilizzo degli strumenti di analisi computazionali, con la trascrizione dei dati in linguaggio XML della Text Encoding Initiative presenta una carrellata di fenomeni linguistici cambiamenti nel tempo della lingua telegiornalistica. 1. Sull italiano della televisione 1.1. Da scuola di lingua a uno specchio delle varietà Simone parla di una Terza Fase della Storia dell uomo, dopo gli altri due capisaldi come l invenzione della scrittura e l invenzione della stampa dopo l oralità e la scrittura. Da qualche decennio con i computer e i media la nostra mente si specializza alla visione e all ascolto. Questo passaggio ha prodotto cambiamenti anche nel modo di pensare. Per conseguenza, i saperi che circolano oggi, nella Terza Fase, sono meno articolati, meno sottili, e, addirittura, possono fare a meno di basarsi su formulazioni verbali. Questo fatto ha spinto alcuni a sostenere che, alla svolta tra il secolo XX e il XXI, il sapere generale si è degradato per qualità - mentre forse ha solamente cambiato natura. 1 E stata la televisione con il linguaggio immediato, meno ricercato, le sue parole che hanno una plasticità e concretezza, a diminuite le distanze tra lingua parlata e scritta. Questo tipo di comunicazione il più delle volte è asimmetrico, unidirezionale, privo di interazioni tra i partecipanti: tra una struttura complessa, specializzata ed i singoli individui, o piccoli gruppi. La televisione si inserisce nella storia dei sistemi comunicativi dopo i giornali, la radio e il cinema,dagli inizi si considera come un piccolo teatro domestico, trasmette la cultura, è strumento di educazione e formazione. Senz altro in un primo periodo nettamente con uno scopo pedagogico ha dato una spinta efficace e una svolta uniforme alla diffusione dell italiano e al rinnovamento dello stesso. De Mauro arriva a queste conclusioni: Essa ha arricchito e modificato in più punti l insieme lessicale della lingua comune. Ha portato i ceti più colti verso l abbandono totale della dialettofonia e l adozione integrale dell italiano in ogni circostanza a rapporto sociale. ( ) Il 1 R. SIMONE, La Terza Fase. Forme di sapere che stiamo perdendo, Laterza, Bari, 2000, p. XII. 2

3 vocabolario dei ceti meno colti si è arricchito di voci italiane; ( ) L età della televisione ha significato il recupero d una possibilità d unità culturale e di comunione linguistica. 2 Nel 1976 nascono le tv private e locali che in seguito poi dal 1991 con la creazione dei grandi network e l approvazione della legge Mammì trasmettono anche in diretta. La RAI non ha più il monopolio sul sistema. I profondi cambiamenti Portano una novità anche nel campo linguistico. La tv fino allora scuola di lingua, ora riflette la lingua diversificata del popolo. Simone definisce la lingua della televisione uno specchio del plurilinguismo italiano. 3 Da allora in poi la televisione invece di uno scopo pedagogico mira a intrattenere il pubblico, sui teleschermi si presentano giornalisti e conduttori con una pronuncia dell italiano distante da quello standard. Diventa portavoce di gente di ogni luogo, età e provenienza sociale,. In questo caso riflette da un lato una cultura di massa, ma dal punto di vista linguistico non più un modello unico italiano, ma una grande varietà. In questo grande contenitore multimediale troviamo le varietà diatopiche: i vari dialetti; varietà diacroniche: l italiano del presente e del passato, i dialetti del presente e del passato, e oggi anche la voce italiana straniera; varietà diastratiche: dovute al fattore sociale; varietà diafasiche: vari registri formali e meno formali e altri codici. Oggi il post-tv significherebbe l era della televisione digitale, sia terrestre che satellitare che per ora esiste accanto alla televisione normale, ma è già in grado di definire nuovi modelli comunicativi, tematici, mobili e interattivi. la televisione digitale è un sistema complesso ( ): non si tratta solo di un ampliamento dell offerta dei canali ma anche del moltiplicarsi delle piattaforme sulle quali fruire la programmazione tv nei suoi nuovi e diversi formati: da computer al telefono cellulare di ultima generazione, all i-pod che consente la visione di formati audiovisivi brevi o lunghi, scaricati da Internet ( ) o scambiati direttamente all interno della rete degli amici. 4 Esiste una vasta gamma di offerte dal punto di vista quantitativo: la TV tematica satellitare, TV commerciale libera, la TV baby-sitter. Oggi - secondo il suggerimento di Aroldi - dovremmo parlare non più di televisione ma piuttosto di televisioni al plurale Una lingua trasmessa Durante gli anni vari sono stati gli articoli, le critiche, le analisi più o meno scientifiche che riflettevano sul carattere di questo nuovo linguaggio. Solo a partire degli anni 90 appaiono degli studi basati su dati reali, in base alle videoregistrazioni di alcune 2 T. DE MAURO, Storia linguistica dell Italia unita, Laterza, Roma-Bari, 1999, pp Cfr. R. SIMONE, Specchio delle mie lingue, in «Italiano e oltre», N 2, 1987, p Alcuni dividono in tre parti la storia della televisione: Paleo-tv ( ); Neo-tv ( );Post-tv (2000-) Cfr. Aroldi

4 trasmissioni di campione, trascritte in formato elettronico, tra questi ad esempio: Diadori 1993, Spina 2000, Nacci Alcuni si inseriscono nel filone della linguistica dei corpora. 5 In questo eterogeneità dei programmi, dove confluiscono vari generi possiamo dire che le caratteristiche della lingua della televisione sono le caratteristiche della lingua italiana oggi in uso, rappresentata anch essa da una grande commistione di generi. La caratteristica più evidente del parlato televisivo è proprio la connessione tra codice verbale ed altri codici, per esempio quello iconico, e la stretta interazione tra di loro. 6 La lingua della televisione mostra caratteristiche sia del parlato che dello scritto, nonostante tra i due corra una grande differenza. Si colloca in un continuum tra oralità e scrittura. Nel linguaggio televisivo la parola nella sua integrità tra codici verbali prossemici e simbolici, musica e grafica è diventata ripetibile, ha preso corpo, ed ha una influenza sulla lingua parlata. Questo si vede appunto nel tempo come lo stesso linguaggio è cambiato, nello specchio possiamo riscontrare la sua influenza. La lingua è stata trasmessa e percepita, interiorizzata e ha registrato dei cambiamenti nelle coscienze. Lo scopo dell intrattenimento fa pensare all oralità ma ha caratteristiche proprie, una struttura progettata in precedenza, più legata alla cultura scritta. Sabatini la definisce lingua trasmessa 7. L hic et nunc della comunicazione con le immagini destinati a masse ha attraversato paradossalmente lo spazio e il tempo, al suo interno esiste una grande complessità, come dimostrano le sottovarietà delle molteplici trasmissioni. Se pensiamo al lavoro preparatorio delle varie trasmissioni vediamo il forte legame con la lingua scritta, dove la lingua è preceduta da una preformazione ben definita, basata sulla lingua scritta. I testi delle notizie dei telegiornali, per esempio, ma anche di altri programmi sono stati scritti tipicamente per essere letti. E un parlato che si avvicina molto allo scritto, è un parlato controllato, parlato recitato in base a una copione in cui gli attori tentano di riprodurre un italiano medio simile a quello della vita reale. Andiamo da un copione più rigido dei telegiornali fino al parlato semi-spontaneo dei talk-show. Anche per questo possiamo definirli testi misti, testi ibridi. 8 Questa commistione di codici si infittisce ulteriormente per il fatto che la parola viene combinata con delle immagini, scritte, segni grafici. E difficile trovare caratteristiche linguistiche comuni a tutti i testi trasmessi, ma in generale si può dire che il messaggio trasmesso deve specificare con chiarezza i confini del testo, deve essere conciso per catturare l attenzione, e per arrivare ad un pubblico molto vasto. I vari programmi sono fortemente condizionati dal tempo a disposizione, che dura spesso da una pubblicità all altra. In questo tempo stabilito si deve possibilmente far arrivare al pubblico tutte le informazioni. In opposizione il fenomeno dell intrattenimento ha prodotto un comportamento linguistico preciso che potremmo definire sproloquio, mostra caratteristiche proprie in certi 5 Cfr. S. SPINA, L italiano della televisione: una varietà intermedia tra scritto e parlato. Il caso delle dislocazioni, in: E. Schafroth (ed.), Lingua e mass media, Romanistischer Verlag, Bonn, 2006, pp Cfr. M. A. CORTELAZZO, Italiano d oggi, Esedra, Padova, 2000, p Cfr. F. SABATINI, La comunicazione orale, scritta e trasmessa: la diversità del mezzo, della lingua e delle funzioni, in: Educazione linguistica nella scuola superiore, Istituto di psicologia CNR, Roma, 1982, pp Cfr. S. SPINA, L italiano della televisione: una varietà intermedia tra scritto e parlato. Il caso delle dislocazioni, in: E. Schafroth (ed.), Lingua e mass media, Romanistischer Verlag, Bonn, 2006, pp

5 rituali attraverso i quali si instaura il rapporto tra emittente e il pubblico, tipiche della tecnologia di cui si serve. L emittente è sempre vincolato dalla presenza di un microfono e quindi la spontaneità viene limitata. Giornalista, conduttore, ospite, ecc ruoli predefiniti - davanti ad una telecamera necessariamente controllerà le sue parole. Inoltre deve porre attenzione verso i due tipi di riceventi, uno presente davanti alle telecamere e l altro, il pubblico più ampio davanti agli schermi. Da questa duplice interazione nascono delle modalità di trasmissione che non sono presenti nel parlato e nello scritto tradizionale. Riguardo al contesto, gli elementi paralinguistici che sono presenti anche nel parlato qui sono regolati anche da chi guida le telecamere, l osservazione dei gesti, postura, mimica è quindi regolata da chi sceglie di mostrare l una o l altra immagine, delle varie inquadrature. Nei telegiornali, poi, vediamo il giornalista per alcuni secondi, poi le immagini che riguardano il fatto, o lo corredano, e queste a volte non sono legate realmente. Nella nostra mente si collegano e producono l effetto della comunicazione. Oppure è diretta sempre dalla regia quale particolare dell immagine si vuol far vedere, che volendo o no trasmette altri significati sottostanti. Inquadrature che nemmeno in una conversazione faccia a faccia focalizziamo abitualmente. Non ci dimentichiamo di un effetto: la riconoscibilità su cui l emittente punta in questa storia del rapporto con il pubblico. La familiarità parte da tutte le informazioni già note per l ascoltatore. In più si accorciano le distanze tra emittente e destinatario che deve sentirsi a casa sua in televisione. La cattura è proprio lì: la televisione parla come me, mi rispecchia La lingua trasmessa dei telegiornali Tra le varie trasmissioni in questo studio si sono scelti i telegiornali come un possibile specchio del linguaggio. La storia della televisione comincia proprio con il telegiornale: con il TG1 del 3 gennaio 1954, alle ore Come campioni alcuni telegiornali, rappresentano un modello del giornalismo italiano ma anche della lingua in cambiamento. All inizio il telegiornale era essenzialmente una lettura quasi radiofonica delle notizie prevalentemente sulla politica interna ed estera. E sempre stato una guida anche per i quotidiani che prendevano poi la scaletta delle sue notizie. Negli anni 60 il primo cambiamento significativo avviene con l ingresso dei corrispondenti ma i telegiornali sono caratterizzati soprattutto dallo scopo nettamente pedagogico di un parlare corretto e cominciano ad apparire vari approfondimenti. Gli anni 70 sono influenzati da una diversa partizione tra i telegiornali dei vari canali, il taglio politico è molto più rilevante che in precedenza, migliorano le tecnologie, appaiono nuovi linguaggi. Nel 1976 nascono le TV private che rappresentano una concorrenza tra servizio pubblico e privato. Alla soglia degli anni 80 che rappresenterà l era della neo-televisone, con radicali cambiamenti la televisione si distacca via via dalla ricerca di soluzioni linguistiche formalmente e esteticamente gratificanti e si propone come semplice strumento di comunicazione. 11 Gli anni 90, caratterizzati dalla nascita dei network commerciali, portano novità nella forma: cambia la grafica, si introduce il sommario delle notizie contrassegnato dalla musica. 9 Cfr. G. ANTONELLI, L italiano nella società della comunicazione, Mulino, Bologna, R. LEVI, Le trasmissioni TV che hanno fatto (o no) l Italia, Rizzoli, Milano, 2002, p Cfr. F. MONTELEONE, Storia della radio e della televisione in Italia, Marsilia, Venezia, 1999, pp

6 Oggi la globalizzazione detta le sue regole. 4-5 principali agenzie internazionali d informazione occidentali decidono quali informazione dare, di conseguenza il 90 per cento delle notizie diffuse nel mondo riguarda l Occidente. L attenzione agli altri continenti è subordinata in gran parte a fatti che coinvolgono direttamente persone e interessi occidentali. Lo dimostra il fenomeno delle guerre ignorate e tanti avvenimenti drammatici, di cui sviluppi non si hanno ulteriori notizie. 12 Chiaramente le notizie trasmesse sembrano rappresentare il mondo intero, ma sono appunto soprattutto del mondo occidentale, secondo i meccanismi della sua guida politica e economica. In questo stile di vita l informazione è sempre più spettacolarizzata, condizionata dagli indici di ascolto. L informalità, la ricerca della spettacolarità è caratteristica di altri programmi, ma anche i telegiornali prendono sempre di più a uno stile più vicino agli spettatori, s intravede la volontà di intrattenimento, prendono. 13 Informazione e spettacolo dunque s incrociano nella comunicazione televisiva, e nascono gli ibridi. L Infotainment, quando lo spettacolo inquina l informazione Evidentemente è un formato che attira il pubblico, ma a volte si cade a trasformarsi in una misera Telenovela 14.. Il linguaggio dei telegiornali rispecchia fedelmente ciò che condivide rispettivamente con lo scritto e l orale. Da un lato il messaggio raggiunge i destinatari a grandi distanze, e non condivide con loro la stessa situazione comunicativa, non è previsto un feedback da parte dei destinatari; dall altro si utilizza la voce, e la comunicazione si basa in gran parte sulla componente visiva. La produzione collettiva del messaggio, destinazione di massa, asimmetria dei ruoli fra emittente e destinatario, presenza di certi tratti della comunicazione non verbale (visivo, acustico) ed assenza di altri (tatto, olfatto), sono gli elementi della lingua trasmessa. Lo scritto è presente nei titoli, i grafici aiutano a comprendere il messaggio, e ultimamente una scritta in fondo ci fornisce altre notizie contemporaneamente a quello che si sta dicendo. Queste scritte hanno particolari caratteristiche strutturali dovute alla necessità di concisione e di facile lettura del messaggio. Il parlato dei telegiornali si presenta come un parlato non spontaneo ma scritto e preparato precedentemente, come le domande dei giornalisti o il limitato spontaneità degli intervistati. Nel suo interno esistono vari tipi di questo parlato, le presentazioni delle vari notizie che descrivono i fatti e i commenti giornalistici delle riprese visive o i piccoli documentari che approfondiscono dettagliatamente una tematica, un fatto, la storia di qualche personalità: Sul piano linguistico possiamo rilevare delle caratteristiche proprie. Rossini Favretti in un suo studio su L oralità del testo televisivo sottolinea la peculiare semplificazione del messaggio linguistico, anche al livello grammaticale. 12 Cfr. P. LORIGA, Le domande della società globale, NetOne (Rete internazionale dei media nella prospettiva del mondo unito) Convegno del 5-7/11/2004, Roma 13 Cfr. P. DIADORI, L italiano televisivo. Aspetti linguistici, extralinguistici, glottodidatici, Bonacci, Roma, 1994, p Cfr. L. D ABBICCO, Infotainment: quando lo spettacolo inquina l informazione, in «Summa», 2003/3, pp

7 Domina,... nei telegiornali italiani, una rappresentazione statica, una messa in relazione degli eventi, delle istituzioni o delle persone realizzata attraverso l esplicitazione di processi verbali relazionali o esistenziali. Frequente è l omissione del verbo essere. Non solo nei titoli sovrimposti ricorrono gruppi nominali con funzione assoluta, ma anche nelle prime pagine 15 Possiamo rintracciare non solamente semplificazione ma una grande eterogeneità all interno dei telegiornali non solo per i vari tipi di parlato preparato, ma anche per i suoi personaggi, dall uomo di strada agli scienziati provenienti da qualsiasi ambiente sociale, o territorio. 3. I dati 3.1. I telegiornali analizzati La ricerca si basa su un corpus di cinque telegiornali del canale 1: di tre il punto di partenza è stato il video integrale in formato digitale, di due erano disponibili solo alcuni spezzoni. 16 a) Edizione: Orario: serale N di parole: 2463 N dei parlanti: 6: il giornalista conduttore ed altri 5 giornalisti tutti uomini Ambientazione: studio Rai, 1 servizio Trascrittore: Ilaria Vitagliano b) Edizione: Orario: serale N di parole: 2463 N dei parlanti: 6: il giornalista conduttore ed altri 5 giornalisti tutti uomini Ambientazione: studio Rai, 1 servizio Trascrittore: Ilaria Vitagliano c) Edizione: Orario: serale N di parole: 2856 N dei parlanti: 14: il giornalista conduttore ed altri 10 giornalisti, 1 politico, 2 operai intervistati, tutti uomini Ambientazione: studio Rai, 2 interviste, 1 servizio, 2 interventi politici Trascrittore: Ilaria Vitagliano c) Edizione: Durata: N di parole: R. ROSSINI FAVRETTI, L oralità del testo televisivo, in «Studi italiani di linguistica teorica ed applicata», N 2-3, 1988, pp Per i due telegiornali del 1966 e del 1967 sono state utilizzate le trascrizioni effettuate del progetto Parlar italiano (www.parlaritaliano.it); per il telegiornale del 1998 è stata utilizzata la trascrizione effettuata da Stefania Spina per il Corpus di italiano televisivo (www.sspina.it/cit) 7

8 N dei parlanti: 18: il giornalista conduttore uomo ed altri giornalisti, 1 donna, 7 uomini; 4 intervistati e 5 politici intervenuti, Ambientazione: studio Rai, 8 servizi, 4 interviste Trascrittore: Emese Erhardt e) Edizione: Orario: Durata: 26 N di parole: 5133 N dei parlanti: 23: il giornalista conduttore donna ed altri giornalisti, 1 donna, 2 uomini; 6 intervistati e 13 persone intervenute Ambientazione: studio Rai, 16 servizi, 25 interviste Trascrittore: Stefania Spina f) Edizione: 2006 Orario: Durata: N di parole: 4297 N dei parlanti: 28: il giornalista conduttore donna ed altri giornalisti, 6 donne, 9 uomini; 7 intervistati e 5 politici intervenuti Ambientazione: studio Rai, 14 servizi, 6 interviste Trascrittore: Emese Erhardt 3.2. Le trascrizioni e le annotazioni La ricerca si basa sul corpus dei cinque telegiornali: di tre il punto di partenza è stato il video integrale in formato digitale, di due erano disponibili solo alcuni spezzoni. 17 I testi sono stati trascritti in formato elettronico da tastiera e successivamente è stato usato il linguaggio XML (extensible Markup Language) per la codifica dei fenomeni linguistici, in modo da avere un corpus finale analizzabile con l ausilio di strumenti computazionali. Per quanto riguarda la trascrizione, si sono seguite le normali convenzioni grafiche dell italiano standard. Per assicurare una corretta rilevazione dei fenomeni da analizzare si è fatto in modo che la trascrizione fosse il più possibile rigorosa e non ambigua. Si è tenuto conto della comprensività: si è adoperato la semplice trascrizione delle parole, senza l interpunzione o elementi cinesici. Sono state segnalate le pause più importanti, e in ogni caso si è cercato di essere coerenti, in modo da aver adoperato gli stessi criteri in tutte e cinque le trascrizioni. Questo tipo di trascrizione semplice ed uniforme segue i il sistema ASCII (American Standard Code for Information Interchange), introdotto in america nel 1968, usato oggi proprio per la sua leggibilità da qualsiasi sistema operativo e manipolabile da qualunque software di scrittura o di analisi linguistica. Il suo svantaggio è che non rappresenta il testo nella sua differenziazione, non ha corsivi, grassetti, sottolineature, rientri di testo, ma è una sequenza uniforme e indifferenziata dello stesso tipo di caratteri. ASCII è in grado di 17 Per i due telegiornali del 1966 e del 1967 sono state utilizzate le trascrizioni effettuate del progetto Parlar italiano (www.parlaritaliano.it); per il telegiornale del 1998 è stata utilizzata la trascrizione effettuata da Stefania Spina per il Corpus di italiano televisivo (www.sspina.it/cit) 8

9 rappresentare 128 caratteri (o 256 nella sua versione estesa), che comprendono le lettere maiuscole e minuscole dell alfabeto latino, le cifre e alcune decine di caratteri speciali. 18 Le trascrizioni dei 5 telegiornali hanno dato luogo alla creazione di un corpus di parole. La marcatura nella fase successiva: l annotazione dei testi è stata utilizzata per compensare le perdite di informazione che un video subisce nel momento in cui viene trascritto in formato ASCII (indicazione dei turni, pause, elementi paralinguistici, descrizione delle immagini, ecc...). La marcatura o metacodifica dei testi in linguaggio XML è costituita da caratteri delimitatori particolari,: <titoli>il franco francese svalutato del tre quattro per cento dopo l'uscita dal serpente monetario # la lira si è deprezzata di un altro due per cento prestito di un miliardo di dollari all'italia approvato dalla comunità europea</titoli> 19 Nel corpus in particolare è stata effettuata un'annotazione di tipo strutturale (titoli, spezzoni da studio, servizi, interviste, interventi pubblici) e un'annotazione di tipo linguistico (suddivisione in turni, caratteristiche dei parlanti: sesso, ruolo, pause, termini tecnici, forestierismi). Successivamente, a queste informazioni strutturate è stato aggiunto il contenuto linguistico attraverso un'annotazione automatica per categoria grammaticale e la lemmatizzazione (pos tagging). Questa annotazione permette di disambiguare molte delle ambiguità della lingua italiana (la compro la casa), e di effettuare sul corpus interrogazioni molto specifiche. Riassumendo la fase del lavoro preparatorio: Tabella 1 - Fasi del lavoro preparatorio Dati Esempi Video originali in formato digitale: video - integri del 76, del 98, del 06 - spezzoni del 66 e del Trascrizioni e poi c'è stata questa fuga verso la salita di san Sebastianelli 3. Annotazione manuale delle <u who="gm"> e poi c'è stata trascrizioni questa fuga verso la salita di san 4. Annotazione automatica per categoria grammaticale 18 Cfr.: S. SPINA: Fare i conti con le parole, Guerra, Perugia, 2001, pp Trascrizione, TG1, Del testo XML, TG1, Sebastianelli </u> <u who="gm" sex="m" role="giornalista"> e CON e poi ADV poi c' CLI ci 9

10 5. Il corpus interrogabile è AUX:fin essere stata VER:ppast essere stare questa DET:demo questo fuga NOUN fuga verso PRE verso la ART la salita NOUN salita di PRE di san NOUN san Sebastianelli NP Sebastianelli 3.3. La Text Encoding Iniziative e il linguaggio XML Lo standard scelto per l'annotazione del corpus è quello della TEI 21 (Text Encoding Initiative), standard internazionale ed interdisciplinare che consente di rappresentare in formato elettronico le caratteristiche (linguistiche, letterarie, filologiche...) dei testi, con scopi didattici, di ricerca e di archiviazione. Le convenzioni per la descrizione fisica e logica dei testi soono state pubblicate nel 1994 in alcune Guidelines (Guidelines for the electronic text encoding and interchange), queste prime versioni sono note anche come TEI P3. La TEI nel 2000 si è trasformata in un consorzio e nel 2001 ha pubblicato la nuova versione delle Guidelines, chiamata TEI P4, che è compatibile con il linguaggio XML. Questo prezioso lavoro ha fornito un sistema di annotazione complesso, ma studiato in modo specifico per corpora linguistici. E uno standard di grande valore, è uno dei più strutturati e più convincenti soprattutto anche per la ricerca delle trascrizioni di testi parlati, dove altrimenti non sarebbe possibile segnalare con tale precisione il testo nella sua interezza: pause, aspetti prosodici, contesto situazionale. Uno dei linguaggi standard utilizzati dalla TEI è la XML. E un linguaggio non proprietario, indipendente dal software, indipendente dalla lingua dei testi che si vogliono codificare, e che prevedono la possibilità di interscambio dei documenti elettronici attraverso la rete Internet, consentendo la loro diffusione globale. Come linguaggio di marcatura è composto da: 1. Contenuto - il testo da descrivere 2. Markup - la descrizione e le informazioni sulla sua struttura a. Entities - simboli per indicare caratteri speciali nel testo che non possono essere descritti solamente con i caratteri ASCII b. Tags - le marche che segnano l'inizio e la fine di parti del testo, questi elementi sono racchiusi nei simboli: <>, la fine contrasegnata dal simbolo: /. <p>tesi di Laurea di II livello: Come cambia l'italiano dei telegiornali: dagli anni '60 ad oggi</p> Approfondimenti sulla TEI: 22 Del testo XML, TG1, In questo caso l etichetta <p> e segnala l inizio e la fine di un paragrafo. 10

11 Ogni marca può contenere specificazioni più approfondite attraverso l uso di attributi: <u who="gm"> molte bombe <foreign>molotov</foreign> </u> 23 LA TEI (Versione P4) è costituita da 400 marche diverse per descrivere le caratteristiche fisiche (turni di parola ecc.), strutturali (titoli, sezioni ecc.), logiche (citazioni, parti enfatizzate ecc.) e linguistiche (nomi propri, parti di lingua straniera, termini tecnici ecc.) del testo. Tabella 2 - Esempi di marche del corpus analizzato Caratteristiche fisiche: giornalista conduttore giornalista maschile turno di parola tipo di trasmissione Caratteristiche strutturali: sezioni Caratteristiche logiche: temi Caratteristiche linguistiche: termini technici parole straniere pausa parte di lingua francese pausa elementi non compresi con certezza dal trascrittore who="gc" who="gm" <u> type="studio" type="intervista" type="servizio" <div> "cronaca" "estero" "spettacolo" "economia" <term> <foreign> <pause/> <language id="fr"> <pause/> <unclear/> Riassumendo, la struttura dei documenti esaminati in formato elettronico segue le Guidelines della Text Encoding Iniziative (P4), ed è composta da tre elementi fondamentali: 1. TEI Header le dichiarazioni sui telegiornali codificati, l autore, la lingua e il codificatore. 2. Testo i documenti veri e propri con le marche che li descrivono. 3. Document Type Definition gli elmenti usati per la codifica e la sintassi che li regola. 3.3 Annotazione grammaticale, lemmatizzazione e sistema di interrogazione dei dati 23 Del testo XML, TG1, L etichetta: who="gm" segnala che il parlante è un giornalista uomo. 11

12 Per arrivare a un corpus interrogabile come è stato accennato prima è stato eseguito l'annotazione per categoria grammaticale attraverso il software TreeTagger, dell'università di Stoccarda, in una sua versione riveduta e più mirata all'annotazione del parlato elaborata dall'università per Stranieri di Perugia. Il Tagset utilizzato per questo lavoro è la seguente: Tabella 3 - Lista delle categorie grammaticali ADJ ADV ADV:mente ART ARTPRE AUX:fin AUX:fin:cli AUX:geru AUX:geru:cli AUX:infi AUX:infi:cli AUX:ppast AUX:ppre CHE CLI CON DET:demo DET:indef DET:num DET:poss DET:wh INT NEG NOCAT NOUN NPR NUM PRE PRO:demo PRO:indef PRO:num PRO:pers PRO:poss PUN SENT VER2:fin VER2:fin:cli VER2:geru VER2:geru:cli VER2:infi VER2:infi:cli aggettivo (bello) avverbio, escluse forme in -mente (bene) avverbio in -mente (solamente) articolo (il, uno) preposizione articolata (dal, sul...) forme finite dell'ausiliare (ho, saremo, verremo, andrebbe) forme finite dell'ausiliare con clitico gerundio dell'ausiliare gerundio dell'ausiliare con clitico (essendoci) infinito dell'ausiliare infinito dell'ausiliare con clitico (averlo) participio passato dell'ausiliare participio presente dell'ausiliare che (tutti gli usi di che) clitico congiunzione coordinata (e, ma...) aggettivo dimostrativo aggettivo indefinito aggettivo numerale aggettivo possessivo wh determiner (*quante* cose) interiezione (ah, mhm, ciao, grazie...) negazione non-linguistic element nome nome proprio numero preposizione (di, per) pronome dimostrativo pronome indefinito pronome numerale pronome personale pronome possessivo non-sentence-final punctuation mark sentence-final punctuation mark forma finita di verbo modale (posso, vuoi, dovrebbero) forma finita di verbo modale con clitico gerundio di verbo modale gerundio di verbo modale con clitico (potendolo) infinito di verbo modale infinito di verbo modale con clitico (poterlo) 12

13 VER2:ppast VER2:ppre VER:fin VER:fin:cli VER:geru VER:geru:cli VER:infi VER:infi:cli VER:ppast VER:ppast:cli VER:ppre WH participio passato di verbo modale participio presente di verbo modale forma finita di verbo (vedo, parlerai, mangeremmo) forma finita di verbo con clitico gerundio di verbo gerundio di verbo con clitico infinito di verbo infinito di verbo con clitico participio passato di verbo participio passato di verbo con clitico participio presente di verbo wh word (tutti gli introduttori di interrogative dirette e tutti i subordinanti) In una prima fase automatica ciascuna parola è stata associata ad una categoria grammaticale tramite il software, e in una seconda fase manuale sono stati corretti gli errori. Una volta annotato, il corpus è stato indicizzato attraverso il software CWB (Corpus WorkBench), Università di Stoccarda, che importa dati XML e li indicizza per poter essere interrogati. I dati sono stati messi in rete e seri interrogabili attraverso il linguaggio CQP (Corpus Query Processor): un linguaggio di interrogazione creato specificamente per dati linguistici estratti da corpora. Il risultato dell annotazione è un corpus di dati in formato standard interrogabili anche a distanza e riutilizzabili per annotazioni successive. 4. Fenomeni dell italiano in movimento Dall analisi soprattutto diacronica del linguaggio telegiornalistico nell arco del determinato periodo della storia della televisione, sono emersi alcuni fenomeni linguistici più caratterizzanti: grammaticali, fonologici, morfo-sintattici, lessicali. I dati si riportano in riassuntivo nei rispettivi garfici dei numeri. Per una visione più obiettiva possibile i fenomeni contati con l aiuto del motore di ricerca sono relativizzati sempre al numero di parole di ciascun telegiornale. e moltiplicati per 1000 per avere un numero usabile per la ricerca. Ad esempio se nei telegiornali degli anni 60 i turni di parole sono 32, su 6760 parole l indicatore sarà: 4,7 (32/6760x1000=4,733728). Sono segnalati solo i primi decimali per una più semplice consultabilità dei dati. Le parole dei due telegiornali del 66 e del 67 sono state sommate in modo da esaminare nell insieme i telegiornali degli anni Caratteri generali Nei telegiornali degli anni 60 degli inizi abbiamo solo uno speaker ed una lettura semplice e lenta per la nostra percezione di ora - delle notizie, senza i titoli. In quello del 67 vediamo apparire una cartina,spiegare cornice della notizia letta sull Africa. Dagli anni 70 i telegiornali vengono introdotti da titoli, di frasi intere, lunghe, e illustrate con alcune immagini che riguardano le notizie. Abbiamo già un servizio in diretta. 13

14 Le notizie in seguito sono sempre più illustrate da foto e poi da filmati. Le immagini tecnicamente diventano sempre migliori, e c è una crescente velocità nel cambiare gli spezzoni. I testi corrispondono esattamente alle immagini che si vedono nello stesso momento in cui vengono pronunciati. Negli anni intervengono sempre più parlanti, sia giornalisti che intervistati. Da un'unica persona che legge le notizie arriviamo a una trasmissione movimentata, a uno stile che assomiglia a una vita frenetica. Figura 1 - Parlanti Figura 2 - Turni di parola Le donne acquistano sempre più spazio nel mondo giornalistico, sia come intervistatrici che conduttrici più tardi. Il numero crescente dei turni di parola rispecchia la crescita del numero dei parlanti, ma anche delle notizie sempre più riassuntive all interno dei telegiornali. La lunghezza media dei singoli turni di parola dimostra il passare negli anni, da un quasi monologo, di frasi, o turni piuttosto lunghi, a un accorciamento e moltiplicazione dei turni. Le frasi saranno più brevi - avendo anche più notizie - e riassuntive, più semplici da ricordarsi. Ci sono notizie introdotte da turni più lunghi e illustrate con interviste di tanti turni più brevi. Il numero finale del TG del 2006 mostra di nuovo un apparente crescita. In realtà nel telegiornale del 2006 sono inseriti dei servizi più ampi di storia o documentaristici che alla fine portano a un risultato di lunghezza media più alta. Figura 3 - Argomenti principali 14

15 Cambiano i luoghi. All inizio il conduttore legge tutta la notizia nello studio, poi abbiamo sempre più servizi e anche interviste sulle strade, nei luoghi degli avvenimenti. Nei primi anni gli argomenti principali erano la politica interna, la politica estera e naturalmente tutte le varie notizie della cronaca. E curioso che in Italia oggi interessino di più le notizie riguardanti l Italia che l estero, infatti uno spazio molto grande è dato alla politica interna. Economia e cronaca crescono col tempo. Lo spettacolo o notizie spettacolarizzate prendono spazio soprattutto dagli ultimi anni. Perfino la cronaca viene trattata sempre di più come notizia di spettacolo, ai fatti si aggiungono note spettacolarizzanti. Economia, politica estera avranno meno spazio Tratti fonologici Figura 4 - e/ed, a/ad Il comportamento della congiunzione e e della preposizione a davanti a parola che comincia per vocale mostra dei cambiamenti. Secondo Sabatini ad e ed sono in regresso nell italiano medio. Abbiamo rilevato che questo è vero soprattutto per la congiunzione e. 24 Negli anni 60 si usavano quasi in uguale misura con la congiunzione ed davanti ai vocali, cosa che non possiamo affermare per i giorni d oggi. Infatti vediamo nella tabella delle differenze il numero crescente, e questo a favore della congiunzione e, che per gli anni 00 il numero indica: 27,6 contro ed: 1,8. Per quanto riguarda la preposizione a e ad davanti ai vocali non mostra grandi differenze tra i due usi, ma sembra affermarsi di più in ogni caso la preposizione ad contro a. Ogni volta il numero di ad è maggiore di a. Per esempio: visite e esami gratuiti in molti ambulatori ( 00) 24 Cfr. F. SABATINI, L italiano dell uso medio: Una realtà tra le varietà linguistiche italiane, in G. HOLTUS/E. RADTKE, a cura di, Gesprochenes Italienich in Geschichte und Gegenwart, Tübingen, Narr., 1985, p

16 4.3. Tratti morfo-sintattici a. aggettivo+nome E interessante la particolare funzione delle coppie di aggettivo + nome nello stile giornalistico parlato. Pensiamo soprattutto agli aggettivi qualificativi che in realtà sarebbero più caratteristici nei testi letterari. L enfasi è una componente fondamentale del notiziario e consapevolmente o no viene attualizzata dai giornalisti anche attraverso l intonazione (il ritmo veloce, con l assenza di pause), ma anche attraverso l uso degli aggettivi che possono prendere la funzione di esprimere un giudizio, ma soprattutto una forte enfatizzazione. Queste espressioni in tal modo diventano degli stereotipi usati prima di tutto nel linguaggio giornalistico parlato, ma entrano attraverso la televisione anche nell uso quotidiano. Per esempio: la mancata intesa conclude il comunicato ( 60) un largo scambio di vedute una piccola folla plaudente ( 90) molti hanno nascosto un sincero sgomento ( 90): dopo le forti impennate delle scorse settimane molti risparmiatori ( 90) Un esempio tipico della spettacolarizzazione sui risultati di una ricerca storica: una sorprendente rivelazione è di uno storico dell arte ( 00) b. la frequenza dei nomi e dei verbi Sull interessante rapporto tra l uso dei nomi e dei verbi a confronto con le altre categorie grammaticali, Voghera 25 deduce che la loro variazione è profondamente connessa alla fondamentale diversità tra il parlare e lo scrivere. La differenza è legata alla diversa pianificazione delle due categorie. Nel parlato sono meno frequenti i nomi perché tendiamo a tenere di più in memoria porzioni di testo. Nel contesto situazionale non è necessario riferirsi agli elementi che sono presenti, i parlanti possono sostituire i nomi con espressioni deittiche o anche con costituenti nulli. Secondo Voghera questo può variare in rapporto ai diversi tipi di testo. L alta frequenza di nomi è caratteristica dei testi informativi. Figura 5 - Nomi e verbi 25 Crf. M. VOGHERA, La misura delle categorie sintattiche, in T. DE MAURO/I. CHIARI, a cura di, Parole e numeri. Analisi quantitative dei fatti di lingua, Aracne, Roma, 2005, pp

17 Nel nostro caso si tratta dei testi trasmessi che avvicinano alla pianificazione dello scritto, ma nello stesso tempo si tratta rappresentano un parlato altamente informativo. I numeri più alti dei nomi confermano l alta densità informativa. Voghera dice inoltre che i verbi tendono ad aumentare man mano che si passa dai testi monologici a quelli dialogici. Di conseguenza la frequenza dell uso dei verbi varia in rapporto alla quantità di dialogo. I telegiornali dei primi anni erano più monologici e oggi c è un uso più alto del dialogo. Cresce quindi anche il numero dei verbi. c. pronomi personali Figura 6 Occorrenze dei pronomi personali In relazione a quanto abbiamo detto sopra, nel linguaggio scritto - parlato dei telegiornali i pronomi personali vengono quasi evitati, si preferisce usare i nomi. Si evidenzia inoltre chiaramente la tendenza dell italiano relativa all uso dei pronomi lui / lei / loro al posto di egli / esso / essa / essi / esse. Di questi ultimi troviamo alcuni esempi solamente degli anni 60. poiché essi si assumono la responsabilità ( 60) d. superlativi Tabella 4 - Occorrenze dei superlativi Il numero di superlativi indica una crescita fino agli anni 90. issimo/a/i/e, emblema del più, raggiunge il culmine nelle epoche delle grandi concorrenze. I superlativi sono tipici del parlato giornalistico per esprimere un enfasi maggiore dando un valore diverso alla notizia. gravissime le accuse potentissimo ministro dell industria ( 90) critiche durissime di esponenti politici ( 00) e. c è presentativo Indicatore 0 0,6 2,1 1,8 17

18 Tabella 5 - Occorrenze di c'è presentativo La particella ci come rileva Sabatini 26, originariamente con valore di avverbio di luogo qui, oggi ha un uso larghissimo in unione con i verbi essere, avere e con altri verbi. Ha in gran parte perduto il suo significato originario: la sua funzione è quella di rinforzo semantico e fonico alle forme verbali. Il ci seguito da che: c è presentativo è più presente negli anni 70 e ancora di più oggi. C è presentativo rende più dinamica la distribuzione dell informazione all interno della frase, spiega ulteriormente qualcosa, rende più vicino allo spettatore il dato fatto, tendenza caratteristica di oggi, e nell era delle grandi concorrenze. Gli esempi sottolineano appunto il suo ruolo di rinforzo semantico. c' erano dei ragazzi che hanno visto che hanno sentito ( 70) ci sono tante che hanno problemi allo stomaco ( 00) f. c è attualizzaznte Tabella 6 - Occorrenze di c'è attualizzante c' erano dei motivi particolari in Italia c è un importante novità sulla legge elettorale ( 90) Frasi di questo tipo, in cui la particella ci insieme al verbo essere conserva una sfumatura di avverbio di luogo, che però ha un valore attualizzante, sono presenti in maggior numero nei telegiornali degli anni 90. Avvicinandoci alle notizie date attraverso dialoghi c è una crescita di questo fenomeno tipico del parlato più che dello scritto. g. stare + gerundio Indicatore 0 0,3 0,1 0, Indicatore 0,2 2,8 3,1 1,6 Tabella 7 - Occorrenze di stare + gerundio Indicatore 0,1 0,6 0,5 0,9 L azione durativa espressa dal verbo stare accanto al modo gerundio è un espressione usata in misura meggiore nel parlato, e si trasferisce quindi anche nel linguaggio giornalistico trasmesso. il gruppo dirigente revisionista sovietico sta elaborando un trattato ( 60) lo sta rivivendo col trauma di quel momento ( 90) 26 Cfr. F. SABATINI, L italiano dell uso medio: Una realtà tra le varietà linguistiche italiane, in G. HOLTUS/E. RADTKE, (a cura di) Gesprochenes Italienich in Geschichte und Gegenwart, Tübingen, Narr., 1985, p

19 L uso di stare + gerundio sembra dimostrare una crescita rispetto ai primi anni. Col tempo non si usa soltanto con il valore durativo ma spesso per esprimere con enfasi il presente. per ora sta andando forte ( 00) h. passivo Tabella 8 - Occorrenze dei passivi Indicatore 5,7 11,4 3,3 1,3 Le costruzioni passive si usavano di più nell epoca della scuola di lingua che oggi. Il numero più basso rispecchia il nostro linguaggio colloquiale di oggi, dove si tende a scegliere soluzioni più semplici, più dirette e più dinamiche, come anche le dislocazioni. Non tutte le espressioni passive sono accompagnate dal complemento d agente. Dove è stato usato il complemento d agente proprio per enfatizzare il soggetto è nelle notizie di cronaca e qualche volta in quelle sulla politica. è stato ucciso da un proiettile questo gruppo di fuggitivi è stato intercettato da una pattuglia della polizia è stata devastata dai dimostranti è stato dimostrato dal voto unanime ( 70) dovrà essere esaminata dallo psichiatra Cesare Piccinini incaricato dal tribunale di Parma ( 90) i. il condizionale Tabella 9 Occorrenze del condizionale Indicatore 0,5 0,9 1,9 1,6 L uso del condizionale è tipico del linguaggio giornalistico. Anche in questo caso abbiamo rilevato una certa concordanza nella paralella crescita delle notizie di cronaca in provincia di Varese sarebbero sepolti i resti di alcune persone rapite ( 70) si farebbero i nomi di quattro probabili mandanti del duplice omicidio ( 90) j. il futuro Tabella 10 - Occorrenze del futuro Indicatore 2,2 6,3 6,4 4,8 di cui in Politica 86,67% 95% 60,61% 76,19% 19

20 Il futuro in generale è usato di più nelle notizie di politica, sia interna che estera, per esprimere progetti, promesse, strategie in qui si tende a dire: faremo. efficaci strumenti di governo potrà essere assicurato il vostro avvenire ( 60) staremo a vedere se questa proposta che esce da questo congresso sarà una apprezzabile enunciazione di principio oppure se qualcuno del partito socialista tenderà una mano per trasformarla in proposta politica concreta ( 70) questo accordo avrà la durata di quattro anni e potrà essere rinnovato per altri quattro ( 90) si discuterà da gennaio anche della possibilità di unificare i vari enti previdenziali ( 00) Il numero minore degli ultimi anni indica l attuale semplificazione del linguaggio: spesso si usa il presente anche per esprimere il futuro, o addirittura il verbo è omesso: traffico aereo regolare venerdì prossimo ( 00) k. il passato remoto Tabella 11- Occorrenze del passato remoto Indicatore 1,2 0,3 0,9 1,1 In generale il passato remoto si usava di più nei primi anni e non più oggi. Nel parlato colloquiale standard è meno frequente, e la televisione in seguito rispecchia quindi il linguaggio usato quotidianamente. L aumento del 2000 si riferisce a un caso particolare in cui nel telegiornale è stato inserito un servizio di tipo storico. Tutti i casi riguardano questa notizia. la prima volta fu nel gennaio scorso quando sembrò che il governo di Hanoi fosse disposto a negoziare ( 60) animò la resistenza a Firenze e diventò rettore dopo la liberazione ( 00) 4.4 Tratti sintattici Tabella 12 - Le subordinate Indicatore 7,8 15,3 13,2 10,9 Le congiunzioni subordinate sono presenti di più negli anni 70, dove il linguaggio della televisione era ancora più progettato e studiato essendo una scuola di lingua. aspettiamo adesso di vedere, se avremo la possibilità, un servizio ( 70) 20

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv di Blindsight Project (Onlus per Disabili Sensoriali www.blindsight.eu) INTRODUZIONE Le Linee Guida per l audiodescrizione filmica di Blindsight Project,

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE Arianna Danelon 1 1 Università degli Studi di Torino, Scuola di Dottorato in Scienze del Linguaggio

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Dipartimento di Elettrotecnica, Elettronica, Informatica Università di Trieste

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Oggetti sintattici e oggetti semantici Rosario Culmone, Luca Tesei Lucidi tratti dalla dispensa Elementi di Semantica Operazionale R. Barbuti, P.

Dettagli

CHE LAVORO FAI? UNITÁ 2. Ciao, Pablo. dove vai? Io vado a lavorare. Pablo: Pablo:

CHE LAVORO FAI? UNITÁ 2. Ciao, Pablo. dove vai? Io vado a lavorare. Pablo: Pablo: CHE LAVORO FAI? Rachid: Rachid: Rachid: Rachid: Ciao, Pablo. dove vai? Io vado a lavorare. Che lavoro fai? Io lavoro in fabbrica. E tu? Io faccio il muratore. Anche lui è muratore. Si chiama Rachid. Lui

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli

L ANALISI DEL TESTO IN RELAZIONE AI DESTINATARI. DALLA SELEZIONE ALLA DIDATTIZZAZIONE DEI TESTI. ESEMPI DI DOMANDE DALLA PROVA B.

L ANALISI DEL TESTO IN RELAZIONE AI DESTINATARI. DALLA SELEZIONE ALLA DIDATTIZZAZIONE DEI TESTI. ESEMPI DI DOMANDE DALLA PROVA B. Servizio Linguistico di Ateneo SeLdA L ANALISI DEL TESTO IN RELAZIONE AI DESTINATARI. DALLA SELEZIONE ALLA DIDATTIZZAZIONE DEI TESTI. ESEMPI DI DOMANDE DALLA PROVA B. Silvia Gilardoni Università Cattolica

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA I REPARTO- Ufficio Formazione

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA I REPARTO- Ufficio Formazione STATO MAGGIORE DELLA DIFESA I REPARTO- Ufficio Formazione SMD FORM 004 DIRETTIVA PER LA VALUTAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE CONOSCENZE LINGUISTICHE IN AMBITO FORZE ARMATE Edizione 2005 I ELENCO DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA

Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA Livelli A1-C2 Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Nota Il Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA descrive i contenuti delle prove PLIDA per ognuno dei sei

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO LAVORO DELLA PERCEZIONE UDITIVA NEL LINGUAGGIO Identificazione e rafforzamento delle caratteristiche fonemiche della lingua e, contemporaneamente, inibizione delle caratteristiche che le sono estranee

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Utilizzare Swisscom TV

Utilizzare Swisscom TV Swisscom (Svizzera) SA Contact Center CH-3050 Bern www.swisscom.ch 125474 12/2010 Utilizzare Swisscom TV Panoramica delle funzioni più importanti Indice Funzioni importanti quadro generale 3 Funzione PiP

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione 1 PREMESSA...3 PRIMA PARTE...4 1. Il Curriculum Vitae...4 Modello...5 Fac simile 1...6 2. Il Curriculum Europass...7

Dettagli

PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL

PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL CONSERVAZI ONE ED ACCESSI BI LI TÀ I N NTERNETDICOLLEZI ONIAUDI OVI SI VE I PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL 1. IL RUOLO DELLE BIBLIOTECHE AUDIOVISIVE Il fine principale è la conservazione

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli