Passeggiate invernali Piste per slittino Escursioni con le racchette da neve Sci alpinismo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Passeggiate invernali Piste per slittino Escursioni con le racchette da neve Sci alpinismo"

Transcript

1 Passeggiate invernali Piste per slittino Escursioni con le racchette da neve Sci alpinismo Malghe romantiche, un panorama che toglie il fiato ed una cucina tipica altoatesina Le nostre proposte: Il divertimento Vi aspetta! Associazione Turistica Val Casies - Monguelfo - Tesido Testi: Bachmann Siegfried, proposte escursioni: Sapelza Paul Immagini: SMG, Huber Josef, Ass. Turistica

2 Anche l inverno è tempo di escursioni Su sentieri sgomberi dalla neve, con le racchette da neve, sugli sci o con le slitte anche l inverno è tempo di escursioni! Equipaggiamento: A questo proposito vale il principio: Con l equipaggiamento adatto è divertente. Inoltre la buona qualità ed i materiali giusti sono un importante fattore di sicurezza. Orientamento: Dovreste dare spesso un occhiata alla cartina non solo per orientarvi meglio. Tenete presente che d inverno l orientamento é più difficile che d estate. Buona pianificazione: Informatevi prima di partire sulle condizioni del tempo e della neve (valanghe!). Informate la vostra famiglia dell itinerario prescelto e dell orario di ritorno. Legenda: piste per slittino pass. invernali e piste per slittino sci alpinismo/ciaspole escursione con le racchette da neve pass. invernali facile medio difficile per bambini Informazioni alpine per l Alto Adige: Informazioni gratuite sui rifugi, i sentieri, la pianificazione dei tour, bollettino delle valanghe, prezzi dei rifugi ecc. vengono fornite da Alpin Info. tel Bollettino meteo e bollettino valanghe: Emergenza:

3 Escursioni invernali Le montagne come terapia escursionistica: Camminare con i bastoncini: corretto impiego Il soggiorno in montagna é sano se lo si sfrutta correttamente, questo il risultato di uno studio del medico prof. Humpeler. Camminare regolarmente con i bastoncini in alta quota é una vera e propria fonte di salute e di giovinezza e produce nuove energie vitali. A 1500 metri di altitudine si riducono i valori di pressione e di glicemia nel sangue. Si dorme meglio e si perde peso più facilmente senza impegnativi allenamenti. Per sgravare le articolazioni gli escursionisti dovrebbero rispettare la lunghezza e l impiego corretto dei bastoncini. Il bastoncino andrebbe puntato all altezza del baricentro corporeo ed il punto ottimale sta fra il tallone del piede che avanza e le dita di quello che segue. Inoltre i bastoncini dovrebbero essere tenuti paralleli alla gamba che dà la spinta e quindi leggermente orientati all indietro. La corretta lunghezza dei bastoncini si ha quando, tenendoli verticalmente davanti al corpo, l angolo fra omero e avambraccio è leggermente superiore ai 90 gradi.

4 Slittino A cosa deve badare chi pratica lo slittino? Il più delle volte la salita al punto di partenza della pista di slittino avviene lungo la pista stessa, il che comporta un certo pericolo. Su queste piste si deve dunque fare attenzione sia in salita agli slittini che scendono, che in discesa alle persone che salgono. Di regola la precedenza va comunque data ai pedoni, sempre che non ci trovi su un tracciato a loro interdetto. Si devono però rispettare anche tutte le altre persone che scendono con lo slittino ed in modo particolare ai bambini! Chi ha ambizioni sportive non dovrebbe dunque mai allenarsi con la sua slitta da competizione lungo queste piste, ma sulle apposite piste da gara che sono interdette al pubblico ed hanno una salita separata.

5 La malga Uwaldalm dove si gode il più bel panorama sulla Val Casies È l affermazione indovinata di un turista che ha detto: Il paradiso me lo immagino così bello! Dal parcheggio del rifugio Talschlusshütte 1465m si segue il segnavia Nr.12 attraverso il ponte, di lì a sinistra e dopo il maso Schlosser di nuovo a sinistra prima di raggiungere dopo pochi metri prendendo a destra il vecchio tratturo, delimitato da steccati e cespugli. Nelle vicinanze del maso Burger si attraversa il ponte sul Rio di Foi/Pfoibach e si prosegue lungo la strada forestale attraverso il bosco innevato. Di continuo s incontrano delle piccole radure che offrono delle belle vedute sulla nostra valle e sulle Dolomiti di Braies che si stagliano nel cielo verso sud-ovest. Si attraversa ora una seconda volta l impetuoso ruscello di montagna, si cammina per prati alpestri recintati e si raggiunge in breve il bivio a sinistra 1930m che ci conduce in direzione ovest per prati e boschi alla malga Uwaldalm 2042m. P a r t i c o l a r i t à l u n g o i l c a m m i n o I ciuffi della barba di bosco (licheni) su tronchi e rami conferiscono ai nostri boschi un aspetto bizzarro. Si tratta di una simbiosi fra un fungo e un alga: l alga produce con la luce del sole delle sostanze organiche dalla cui decomposizione e mineralizzazione il fungo si nutre. Dalla parte di fungo che si muoiono l alga trae a sua volta le sostanze minerali neccesarie alla crescita. Un moto perpetuo come solo in natura si può incontrare. L usnea barbata, questo il nome significato, é un valido indicatore ambientale che ci informa che qui l aria è ancora buona. Non distrugge l albero. Punto di partenza & parcheggio: Rifugio Talschlusshütte a S.Maddalena/Casies 1465m Discesa: discesa per l itinerario di salita Tempo di percorso: ca. 2 ore Grado di difficoltà: Dislivello: 577m Pista per slittino: media

6 Escursione alpestre nel fantastico bosco invernale alla malga Stumpfalm 1968m Dal parcheggio del rifugio Talschlusshütte 1465m si segue il segnavia Nr.47/48, attraverso il ponte sul Rio Pudio/Pidig Bach, si gira subito a sinistra e dopo il maso Schlosser a destra. Il sentiero conduce qui lungo un antico tratturo affiancato da steccati, verso la valle di Tscharniet. Da entrambi i lati ci accompagnano le tracce della pista naturale di slittino, sullo sfondo ci intrattiene e ci tranquillizza lo scrosciare del Rio Tscharniet/Tscharnietbach. Sempre seguendo la strada forestale Nr.47 si raggiunge la malga Köfler Alm 1808m. Qui si attraversa su uno stretto ponticello l omonimo rio per poi raggiungere, dopo ca. 20 minuti, la malga Stumpfalm 1968m. Punto di partenza & parcheggio: Rifugio Talschlusshütte a S.Maddalena/Casies 1465m Lunghezza: 4,5 km Discesa: discesa per l itinerario di salita Tempo di percorso: 2 ore Grado di difficoltà: Dislivello: 503m Noleggio slittini: Sport Burger, tel Pista slittini: medio fino difficile P a r t i c o l a r i t à l u n g o i l c a m m i n o : Il toponimo tedesco Tscharniet deriverebbe dal celtico cerr e significherebbe contorto, fitto. I vecchi pini cembri sono spesso contorti, nel dialetto locale Tschergge. La sillaba finale iet deriva dal latino etum e significa qui l ammassamento di determinate piante la zona in cui crescono (solo) pini cembri (che sono stati però abbattuti per creare un pascolo). (A. Draxl)

7 Il piacere di camminare senza confini: lungo il Rio Pudio/Pidig Bach alla malga Kradorfer Alm Dal rifugio Talschlusshütte 1465m all ingresso della Valle del Rio Pudio/Pidig seguendo il segnavia Nr.49 ci si addentra nella valle lungo il tracciato per il fondo passando per alcuni tipici masi appaiati sul versante sinistro. Il sentiero comincia poi a salire leggermente, sulla nostra destra l acqua del Rio Pudio/Pidig Bach scroscia sotto una pesante coltre di neve e ghiaccio. Nel paesaggio invernale incontaminato si vedono tracce di lepri bianche e caprioli. Presto il bosco si dirada. Il sentiero costeggia in una stretta curva a sinistra la riva del ruscello e già si vede la malga Kradorfer Alm 1704m. P a r t i c o l a r i l u n g o i l c a m m i n o : La bellezza di questo paesaggio é nata nel corso di molti secoli. Dato che le valli erano paludose, intercalate da boschi e minacciate da inondazioni, i nostri antenati realizzarono i loro insediamenti contadini sui versanti solatii delle montagne. Così utilizzarono anche i ripidi e caldi alpeggi sopra il limite del bosco e crearono deforestando con il fuoco nuove malghe per i loro bovini. Punto di partenza & parcheggio: Rifugio Talschlusshütte a S.Maddalena/Casies 1465m Lunghezza: 2,5 km Discesa: discesa per l itinerario di salita Tempo di percorso: 60 minuti Grado di difficoltà: Dislivello: 239m Noleggio slittini: Sport Burger, tel Pista slittini: facile

8 Escursione invernale per le famiglie alla baita Messner a 1659m Presso il rifugio Talschlusshütte 1465m, all ingresso della Valle del Rio Pudio/Pidig, si trova il parcheggio. Di lì, seguendo il segnavia Nr.49 addentrandoci nella valle, subito dopo l officina del tornitore proseguiamo sempre diritti per un fantastico bosco innevato. Accompagnati dall impetuoso Rio Pudio/Pidig Bach raggiungiamo, già dopo ca. 30 minuti dal rifugio Talschlusshütte, la meta della nostra passeggiata, la baita Messner Hütte a 1659m. Punto di partenza & parcheggio: Rifugio Talschlusshütte a S.Maddalena/Casies 1465m Lunghezza: 2 km Discesa: discesa per l itinerario di salita Tempo di percorso: 45 minuti Grado di difficoltà: Dislivello: 200m Noleggio slittini: Sport Burger, tel Pista slittini: facile

9 Escursioni e slittate divertenti da Hubi alla malga Aschtalm 1950m Divertimento allo stato puro Dal parcheggio del rifugio Talschlusshütte 1465m si sale a sinistra attraverso i prati, sempre al bordo della pista da sci, si passa per i masi Hackler e si raggiunge il casale di Ampfertal lungo la via delle malghe. Lì s incontra già il primo cartello con la scritta Ascht ed il Nr.10. Dopo ca. 1 ora e 15 minuti si raggiunge già la nostra meta, la malga Aschtalm a 1950m. Di lí si gode una fantastica vista su non meno di 16 baite. Una fantastica offerta per gli slittatori: se la discesa da qui dovesse essere troppo breve, si può salire per altri ca. 200 metri di altitudine alle baite Pfinn 2152m e scendere poi di lì fino a S.Maddalena. P a r t i c o l a r i t à l u n g o i l c a m m i n o La cappella ad Ampfertal. Nel 1815 Agnes Ampferthaler, figlia del contadino, avrebbe visto sgorgare un immagine della Madonna dalla fontana. Quando cercò di raccogliere l immagine dall acqua con un setaccio, questa si sarebbe inspiegabilmente dissolta. Per questo motivo fu eretta la cappella. Punto di partenza & parcheggio: Rifugio Talschlusshütte a S.Maddalena/Casies 1465m Lunghezza: 3,5 km + 1,5 km Discesa: discesa per l itinerario di salita Tempo di percorso: 1 ora e 15 min + 40 minuti Grado di difficoltà: Dislivello: 485m + 200m Noleggio slittini: malga Aschtalm Pista slittini: facile

10 Escursione da S.Martino passando per il maso Karbacher e la valle di Quaira/Karbacher Tal innevata fino alle malghe Gallfall In automobile fino a S.Martino o fino al maso Karbacher Hof 1440m. Qui la strada asfaltata termina con una sbarra ed inizia l escursione verso le malghe Gallfall, distanti 3 km. Seguiamo i segnavia 36 e 42. Dopo mezz ora raggiungiamo un bacino idrico (produzione di energia elettrica) e poco dopo la malga Leachalm. Di lì si sale un po e dopo ca. 20 minuti scorgiamo un gioiello della natura invernale, la malga Gallfallalm a 1667m di altitudine. P a r t i c o l a r i t à l u n g o i l c a m m i n o : Qualche valle in quota é diventata famosa negli ultimi anni anche oltre i confini. Ciò si deve ai vacanzieri che ne avevano scoperto la bellezza paesaggistica, le montagne, la quiete e la natura allora ancora per lo più intatta dei valloni alpestri. Questa valle può essere considerata ancora oggi - e soprattutto d inverno - una vera oasi di solitudine e di quiete. Non vi sono rifugi aperti! Punto di partenza & parcheggio: S.Martino/Casies 1267m opp. presso Karbacher Hof 1440m a S.Martino/Casies Lunghezza: 3 km Discesa: discesa per l itinerario di salita Tempo di percorso: 1 1 ½ ore Grado di difficoltà: Dislivello: 230m Possibilità di ristoro: le malghe non sono gestite Escursione invernale + escursione con le ciaspole!

11 Breve passeggiata per i masi a S.Martino Il piacere di fare il contadino. Al passo coi tempi. Un reddito accessorio è indispensabile La passeggiata per i masi a S. Martino é un primo, comodo itinerario di scoperta di ca. 2 ore di cammino. Dall ufficio turistico si cammina sul marciapiede lungo la strada di fondovalle fino alla Marakirchl (cappella di Maria), di lì si gira a sinistra per l Hotel Waldruhe nell abitato di Prateria/Preindl. Verso sud-ovest ci si offre una fantastica veduta sulla Croda del Becco/Seekofel 2810m. Si scende poi alla Säge, si passa per lo Sporthotel; dopo ca. 200 m di strada asfaltata attraversiamo sulla sinistra il Rio Casies, quindi lungo la riva del Rio Pudio/Pidig passiamo per i masi Örler, Galler e Blasler, segnati dal vento e dalle intemperie. Un capitello, quale modesta testimonianza di cultura cristiana occidentale si trova lungo il torrente. Passando il ponte in legno si ritorna alla strada principale, e lì o si fa ritorno al punto di partenza o si prosegue all interno della valle fino al casale di Kapaiern. Passando a destra del capitello lungo l itinerario meditativo si attraversa nuovamente il torrente per fare ritorno a S. Martino per la strada poderale sulla sinistra orografica della valle. P a r t i c o l a r i t à l u n g o i l c a m m i n o : Il paesaggio insediativo é attualmente ancora caratterizzato da una buona quantità di masi singoli e a due edifici separati ( Paarhöfe ) dalle linee ancora pure: buone proporzioni fra zoccolo in muratura e parte superiore in legno ed ancora pochi masi completamente in legno in un paesaggio tipico a casali. Qua e là un altra rastrelliera per essiccare il fieno ( Harpfe ), un antico forno per il pane, la vasca isolata di una fontana, un crocifisso lungo il cammino o una cappelletta, un idillio quasi intimo. Per quanto ancora? Punto di partenza & parcheggio: Ufficio Turistico a S.Martino/Casies 1276m Lunghezza: 4,5 km Tempo di percorso: 2 ore Grado di difficoltà: Dislivello: 50m Parcheggio: S.Martino/Chiesa parrocchiale

12 Bella escursione con panorama sulle Dolomiti a monte dei caratteristici casali: Schindelholz A passo tranquillo partiamo dal sagrato di Colle in direzione di Schindelholz seguendo con attenzione il segnavia Nr Il sentiero conduce in brevi tornanti salita fino ad un crocifisso. Di lì si prende a destra e si prosegue fino alla cappella di Schindelholz 1478m. Quindi un importante bivio a sinistra e si prosegue in discesa seguendo con attenzione i segnavia 21A e 55 fino al casale di Hölzl e giù fino a Brückenwirt/Prati. A questo punto si hanno due possibilità per il ritorno: a) Con l autobus di linea fino alla fermata Durnwald e di ritorno al punto di partenza b) Oppure attraverso il ponte del Rio Pudio/Pidig e lungo la vecchia strada di Casies - Talblickweg fino al casale di Durnwald, alla cappella Maria Hilf (Maria Ausiliatrice) a sinistra per fare ritorno al parcheggio. Punto di partenza & parcheggio: Piazza della Chiesa a Colle/Casies 1260m Lunghezza: 10 km Tempo di percorso: 3 ore Grado di difficoltà: Dislivello: 200m

13 Escursione attraverso il paesaggio rurale sul versante solatio di Colle a) Dall Hotel Stoll a Planca di Sotto si percorre la vecchia strada di Casies verso l interno della valle fino ai masi Schuher e Kohler. Al primo incrocio si prende a sinistra, si attraversa il torrente e si arriva al casale di Wiesen. Dopo aver attraversato la strada principale s incontra lungo la strada sinistra del casale la nota cappella del Sacro Cuore. Ora il sentiero prosegue in salita, ci porta attraverso una lingua di bosco fino a Colle di Sopra ed oltre con una bella vista sull insediamento case sparse di Colle, passando per tipici masi singoli e a due edifici fino alla chiesa di S. Nicolò. L escursione può condurre, dopo una breve visita alla chiesa (all interno si trova una guida artistica) direttamente a Planca di Sotto. b) Chi é entusiasta del paesaggio, scende a sinistra presso il Turmhotel Gschwendt fino a raggiungere la strada principale, prosegue diritto fino al casale di Durna/Durnwald, alla cappella Maria Hilf prende a sinistra e prosegue passando per l Hotel Waldheim fino al punto di partenza. c) porta dalla chiesa parrocchiale di Colle al Turmhotel Gschwendt per scendere passando per Henzing, Förrer e Mahr fino all albergo Brückenwirt/Prati. Di lì si fa ritorno a Planca di Sotto con l autobus di linea per la vecchia strada di Casies. Riferimento: pista di slittino Rossbrunn, punto di partenza: Hotel Waldheim Dislivello: 130m Grado di difficoltà: difficoltà media. Punto di partenza & parcheggio: Hotel Stoll a Colle/Casies Lunghezza + tempo di percorso: a) 6 km, 2 ore; b) 6,5 km, 2 ½ ore; c) 13 km, 4½ ore Grado di difficoltà: Dislivello: 100m

14 Il tour alla famosa Malga di Tesido di Fuori Classica meta escursionistica di Tesido Da Tesido presso il negozio di generi alimentari si risale la strada del paese, si passa per il capitello gotico e per la chiesa parrocchiale in direzione dell Hotel Alpenhof; subito a destra per Guggenberg e si segue la strada forestale fino al prossimo incrocio. Attenzione: di lì si prende a sinistra e si raggiunge in pochi minuti, dopo una stretta curva a destra il punto finale al grande parcheggio. Lì inizia il percorso a piedi seguendo sempre il segnavia Nr.38 A fino alla malga di Tesido di Fuori a 2012m. Sulla destra si aprono di continuo delle belle vedute sulle Dolomiti. P a r t i c o l a r i t à l u n g o i l c a m m i n o : Per chi ama gli animali facciamo riferimento ad un interessante elemento naturale: sulla corteccia di alcuni, pochi alberi possiamo osservare dei cosiddetti anelli. Per assumere la linfa degli alberi il picchio tridattilo deve infatti praticare dei piccoli fori in linea intorno al tronco degli alberi da cui può trarre il suo nutrimento: linfa, larve, formiche ecc.. (Un gioco di ricerca per i bambini!) Punto di partenza & parcheggio: Albergo Mudler Hof a Tesido 1584m Lunghezza: 3,5 km Discesa: per l itinerario di salita Tempo di percorso: 90 min. Grado di difficoltà: Dislivello: 420m Pista slittini: facile

15 Casali Escursione a Tesido Viziati dai raggi del Sole e dal fantastico panorama sulle Dolomiti! Dall Ufficio Turistico di Tesido si passa a destra dell officina meccanica e si sale per la ripida strada passando per il maso Marenklhof fino alla tabella con l indicazione Bergbauernhof Restaurant Seppila ed al segnavia Nr.38 B. Lì si prende a sinistra e si prosegue sempre per la strada asfaltata fino al casale di Haspa 1360m. Lungo lo stesso percorso si ritorna alla stretta curva a sinistra con l indicazione Nr.21 A, si prende a destra per un bella lingua boschiva fino alla prima strada che interseca. QUI si sale di nuovo passando per l antico mulino e si prosegue diritti per la strada asfaltata fino al limitare del bosco. Si sale poi in ampie curve per prati e campi innevati passando per dei masi e con un fantastico panorama sulle Dolomiti verso sud-est fino ad un incrocio importante a 1498m con un deciso cambiamento di direzione verso sinistra. Per la strada montana con il segnavia Nr.31 e 56 si passa per il punto panoramico di Moncucco e si scende alla strada di Riva di Sotto. Di lì si prosegue a sinistra passando per l Hotel Alpenhof per raggiungere il punto di partenza. Punto di partenza: Ufficio Turistico a Tesido 1206m Lunghezza: 8 km Tempo di percorso: ca. 2 ½ ore Grado di difficoltà: Dislivello: 300m Parcheggio: nelle vicinanze della chiesa

16 Sulla via del sole di Riva di Sotto incontro alle Dolomiti Dalla chiesa parrocchiale si segue la strada asfaltata in direzione ovest fin su all Hotel Alpenhof. A quel punto si é già superata la maggior parte del dislivello di quest escursione invernale e si prosegue poi sempre per la strada Nr.21 attraverso una stretta fascia di bosco, passando per dei bei masi sparsi su ampi prati e campi fino al maso Feichter a 1377m. Al limitare del bosco c è la possibilità di sedersi e di godere un bel panorama su una parte dell Alta Pusteria; particolarmente interessante è però la catena delle Dolomiti, quasi disegnate con linee sottili all orizzonte a congiungere formalmente i paesi di Monguelfo, Braies, Villabassa, Dobbiaco, San Candido e la Valle di Sesto. Punto di partenza & parcheggio: presso la Chiesa Parrocchiale a Tesido Lunghezza: 3,5 km Discesa: discesa per l itinerario di salita Tempo di percorso:1 ora Grado di difficoltà: Dislivello: 165m P a r t i c o l a r i t à l u n g o i l c a m m i n o : Quale sarà mai l origine del nome Pusteria? Il Dr. Josef Rampold scrive in proposito: poiché nell Alta Pusteria orientale si stabilirono temporaneamente anche popoli slavi, i loro esperti di etimologia fanno risalire il nome allo slavo pustu, forse derivato a sua volta dalla pianura ungherese della Pusta che sta ad indicare una landa desolata. Lo studioso locale Finsterwalder pensa più volentieri ad un nome proprio di origine celtica Busturus che sarebbe vissuto nella conca brunicense e che sarebbe stato un principe della stirpe dei Saevates (insediati presso l attuale San Lorenzo). Anche il nome Pustrissa é conosciuto ormai a molti.

17 Escursione meditativa a cappelle e luoghi religiosi cristiani a Val Casies Monguelfo Tesido L arte sacra mostra dei valori che al giorno d oggi hanno perso d importanza, ma che risvegliavano un anelito alla globalità umana. Se l uomo lascia agire su di sé lo spirito e la storia, potrebbe riuscire a sperimentare lo spirito dell orientamento e dell armonia. La fede cristiana fu portata molto tempo fa nella nostra regione dai legionari romani.la cristianizzazione vera e propria avvenne però alla fine del IV secolo in Valle d Isarco all opera del vescovo Vigilio di Trento ed alla metà del V secolo da nord attraverso il vescovo Valentino. La fede cristiana ha lasciato per secoli la sua impronta sulla regione. Camminando vi renderete spesso conto l armonia della natura, della gente e degli insediamenti. Le chiese con i loro campanili rossi o verdi (in segno di appartenenza alla rispettiva diocesi: verde per Salisburgo rosso per Bressanone), le cappelle ed i santuari, i crocifissi lungo i sentieri, nella stube dei masi e sulle vette delle montagne testimoniano della fede della popolazione che qui vive da secoli. A v v e r t e n z e i m p o r t a n t i : Informatevi presso chi vi ospita o negli uffici turistici sui seguenti aspetti: Il sentiero é percorribile d inverno? Sono aperte le cappelle? Eventualmente non lo fossero, dove si può ritirare la chiave? Quali cappelle si possono visitare durante l escursione? Sulla piantina sono indicate tutte le chiese, le cappelle, i capitelli ed i monumenti. Informazioni scritte sono disponibili nelle varie cappelle.

18

19 Escursione per Montecosta: la patria dei contadini d inverno Dal parcheggio della scuola media di Monguelfo a 1087m si prosegue per la via per il castello e dopo il maso a destra si segue sempre l indicazione Montecosta/Villabassa Nr.45. Singoli masi lungo il percorso, ripidi pendii e stretti ponticelli lasciano immaginare cosa abbia significato per secoli gestire un maso in queste condizioni. Dopo ca. un ora arriviamo al punto più alto e più bello a 1460m con panorama sulla Val Pusteria e sulle Dolomiti Orientali. Prima di scendere, si prende a destra e dopo la centralina elettrica nuovamente a destra. In ampie curve scendiamo per il Montecosta, passiamo per la preziosa chiesetta detta Mooskirche, per la zona artigianale verso est fino alla chiesa parrocchiale dove incontriamo la Via von Kurz. Lì si prende a destra attraverso il ponte sulla Rienza e ci si trova subito alla fermata dell autobus per Monguelfo. Punto di partenza & parcheggio: Scuola Media a Monguelfo 1087m Lunghezza: ca. 8 km Tempo di percorso: ca. 2 ½ ore Grado di difficoltà: Dislivello: 320m Ritorno: da Villabassa in treno oppure in autobus P a r t i c o l a r i t à l u n g o i l c a m m i n o La chiesa di Maria Magdalena im Moos citata già nel XIII secolo, fu realizzata nelle sue forme odierne da Paola Gonzaga, moglie di Leonardo, ultimo conte di Gorizia, pare per la salute ritrovata ai bagni di Braies Vecchia nel Preziosi affreschi di Simone da Tesido, seconda metà del XV secolo (chiavi in canonica vicino alla chiesa parrocchiale!)

20 Per Novale, il maso Lettner, i Bagni di Monguelfo e il Gailerhof di ritorno a Monguelfo Verso est il Picco di Vallandro, Monte Lungo, Monte Serla, la Croda e la Rocca dei Baranci Che colori, quando le montagne ed il sole s incontrano. Le Dolomiti, mandano scintille la mattina quando splende il sole e si tingono di rosso la sera al tramonto Dalla fermata dell autobus in Via Stazione a 1087m si cammina sul marciapiedi verso l uscita del paese e 50 m dopo il sottopassaggio si prende a destra per arrivare poco dopo ad un incrocio con il cartello Novale/ Ried. Si prende nuovamente a destra e si prosegue diritti per la strada asfaltata. Si arriva ben presto ad un ponte con l indicazione Lettner Hof, si lascia la strada e si sale per una via asfaltata sempre lungo il torrente. Dopo diversi tornanti si raggiunge il Lettner Hof. Lì, seguendo il numero 39 che ci impegna nuovamente, si gira a destra per proseguire poi diritti per bosco. Dopo una breve camminata si arriva al termine della nostra salita con il cartello Restaurant Gailer Hof con l ormai noto segnavia Nr.39. Fin lì si impiega ca. 1 km e ½, ma con dislivelli inferiori. Lì ci si riposa e si fa poi ritorno a Monguelfo per la via normale di 2 km. Punto di partenza: fermata d autobus in Via Stazione a Monguelfo 1087m Lunghezza: percorso circolare di 5 km Tempo di percorso: 2 ore Grado di difficoltà: fino Dislivello: 144m Parcheggio: nr.4, dietro il Bar Parkcafé P a r t i c o l a r i t à l u n g o i l c a m m i n o : Il fascino di un fiocco di neve: il fiocco di neve cade come cristallo dal cielo o come pallina dal cannone da neve. I cristalli di neve mutano nel loro tragitto fino a terra: aumentano di dimensioni con l umidità dell aria e assumono forme esagonali o diverse a seconda della temperatura. I fiocchi di neve sono composti fino al 95% di aria che ne riduce la densità e per questo cadono così lentamente dal cielo. Anche il colore bianco della neve le è dato dall aria che si trova al suo interno.

21 Grande giro del castello a Monguelfo: un tour con svariati motivi fotografici sul passato, la natura selvaggia ed il paesaggio agricolo Dalla fermata dell autobus in Via Stazione a 1087m si attraversa il centro del paese, si passa a destra del padiglione della musica nella Piazza Centrale e si prosegue fino al ponte che attraversa il Rio di Casies. Lì si prende subito in direzione est seguendo l indicazione Grande giro del castello sulla vecchia strada di Casies finché, dopo ca. 50 minuti si gira nuovamente a destra, si attraversa una passerella in legno per proseguire poi subito a sinistra. Dopo una breve salita, un ampio giro per i prati innevati fino al bosco, si incontra l antica via per il castello. Si cammina poi in discesa verso l esterno della valle per il bosco innevato, si passa per il castello di Monguelfo, per il parco commemorativo di Paul Troger e per la scuola media fino a tornare al punto di partenza. P a r t i c o l a r i t à l u n g o i l c a m m i n o : I signori von Welsperg che governarono per oltre 800 anni dall omonimo castello, pervennero alla ricchezza ed agli onori non tanto con iniziative guerresche, ma con una saggia politica matrimoniale, una notevole abilità mercantile, mineraria e amministrativa e ricoprendo importanti cariche. È forse per questo che nel settore esterno del castello non si incontrano imponenti opere di difesa, mentre il mastio, il vero bastione è all interno del castello. (Kernburg) Punto di partenza: fermata d autobus in Via Stazione a Monguelfo 1087m Lunghezza: 6 km Tempo di percorso: 2 ore Grado di difficoltà: Dislivello: 100m Parcheggio: nr.4, dietro il Bar Parkcafé

22 Escursione lungo le rive della Rienza, al lago artificiale di Valdaora, alle oasi delle quiete nel bosco invernale, nel paesaggio ricoperto di rugiada e luccicanti cristalli di neve, passando per il casale di Salla e di ritorno al punto di partenza Dalla fermata dell autobus in Via Stazione a 1087m si attraversa il ponte e, seguendo l indicazione pista ciclabile in direzione di Valdaora, si percorrono ancora alcuni metri per arrivare sulla destra, prima del sottopassaggio, sulla pista ciclabile. Si cammina quindi sempre lungo la pista ciclabile, lungo la nuova circonvallazione, la scuderia, la linea ferroviaria della Val Pusteria ed il lago artificiale di Valdaora in un paesaggio fantastico. Dopo ca. 5 km, al termine della diga, si incontra una strada su cui si prosegue a sinistra leggermente in salita. Sulla collina a destra c é il cimitero di Valdaora di Sopra. Lì all incrocio si prende nuovamente a sinistra e si cammina seguendo il segnavia Nr.39 passando per ampi prati e campi coperti di neve, per grandi masi, attraverso boschi meravigliosi fino al casale di Salla a 1239m. Lì si offre un magnifico panorama per dei bei motivi fotografici. Dopo un breve riposo si prosegue ancora per ca. 2,5 km attraverso il bosco silenzioso prima che ci si apra una fantastica veduta su Monguelfo e sull imbocco della Val Casies che merita anche qui qualche fotografia. Lentamente si scende e la lunga, ma meritevole escursione si conclude. Punto di partenza: fermata d autobus in Via Stazione a Monguelfo 1087m Lunghezza: ca. 11 km Tempo di percorso: ca. 3 ½ fino 4 ore Grado di difficoltà:, ma lunga Segnaletica: fare attenzione alla segnaletica ciclistica per Salla n 39 Parcheggio: n 4, dietro il Bar Parkcafè

23 L Alpe di Nemes ai piedi della Cresta Carnica/Sesto Nr.131 Viaggiamo in direzione San Candido, lì si prende la strada per Sesto e si arriva al passo di Monte Croce Comelico a 1636m. All Hotel Passo Monte Croce sulla sinistra c é un grande parcheggio. Di lì si prende subito a sinistra seguendo il segnavia Nr.131 per ca. 30 min. attraverso un bellissimo bosco innevato, all inizio leggermente in salita e quindi in piano per dei biotopi ed alcuni ponti lunghi e stretti realizzati in legno. Dopo altri 45 min. raggiungiamo, sempre per il segnavia Nr.131 una delle malghe più belle dell Alta Val Pusteria l Alpe di Nemes a 1877m. Sulla grande terrazza ci attende una veduta fantastica sulle frastagliate cime dei Monti pallidi le Dolomiti di Sesto. Una gentile cameriera ed il gestore del rifugio che suona la fisarmonica dà nuova vitalità ai muscoli stanchi delle gambe con qualche passo di danza. Ritorniamo al passo seguendo lo stesso itinerario. Punto di partenza & parcheggio: Passo Monte Croce 1636m a Sesto Lunghezza: 6,5 km Discesa: per l itinerario di salita Tempo di percorso: 3 ore Grado di difficoltà: Dislivello: 240m

24 Invitante escursione a Sesto: una sinfonia di natura e opera dell uomo: i prati di larici all imbocco della Val Fiscalina Viaggiamo attraverso l Alta Pusteria fino a S.Candido, lì deviamo per Sesto fino al grande parcheggio della funivia del Monte Elmo a Sesto. Di lì ci inoltriamo nella valle, passando per l Hotel Waldheim, per il monumento alla nota guida alpina Sepp Innerkofler (caduto nel 1915 sul Monte Paterno), attraversiamo il ponte Rio di Sesto e quindi a sinistra passiamo per la zona sportiva e ci addentriamo nella bellissima Val Fiscalina. Attraversiamo dei luminosi boschi di larici ricoperti di licheni, dove sono molti fienili, con grandi cappe di neve sul tetto, conferiscono al paesaggio un fiabesco fascino invernale. Dopo un ora raggiungiamo già il Dolomitenhof a 1460m. Dopo una breve pausa per riprendere fiato ci mettiamo in cammino per raggiungere dopo 1 km e ½ il rifugio Fondo Valle, a 1548m. Punto di partenza & parcheggio: impianto Monte Elmo a Sesto Lunghezza: 5,5 km Discesa: discesa per l itinerario di salita Tempo di percorso: 1,5 ore Grado di difficoltà: Dislivello: 350m P a r t i c o l a r i t à l u n g o i l c a m m i n o : In Val Fiscalina: la Meridiana di Sesto composta dalle vette dolomitiche di Cima Nove, Cima Dieci, Cima Undici, Cima Dodici, e Cima Uno è sicuramente l orologio solare più imponente della Terra.

25 Val Campo di Dentro/Sesto/Alte Säge (antico mulino): escursione nel dolce del paesaggio circondato da rocce: Cima Tre Scarperi, Rocca dei Baranci ecc. Prima di S.Candido si devia in Valle di Sesto e dopo ca. 4 km presso il cartello indicatore a destra in Via Campo di Dentro. Si può lasciare l automobile già al parcheggio e seguendo il segnavia Nr.105 incominciare la marcia di 5 km. Si cammina in un paesaggio meraviglioso, profondamente innevato. Di continuo dei raggi di sole fanno capolino fra i rami spogli dei larici. Dopo ca. 1 ora si cammina leggermente in salita per una distesa di pini mughi, passando davanti a pini cembri e grigie rocce dolomitiche fino al rifugio Tre Scarperi 1626m che raggiungiamo dopo ca. 1 ora e ½. Un indimenticabile panorama dolomitico vi dà il benvenuto. Sulla grande terrazza baciata dai raggi del sole una bevanda fresca ci fará senz altro bene. Punto di partenza & parcheggio: Valle Campo di Dentro a Sesto prima della Alten Säge Lunghezza: 5 km Discesa: discesa per l itinerario di salita Tempo di percorso: 1,50 ore Grado di difficoltà: Dislivello: 420m Pista slittini: facile

26 Escursioni con le ciaspole La tecnica delle racchette da neve La forma più comoda di muoversi a piedi nella neve alta é quella di utilizzare le racchette da neve. Con o senza bastoncini, - é sempre una forma di rigenerazione per singoli, gruppi e famiglie che amano una vacanza attiva su moderato terreno alpino, su strade forestali i su dolci pendii innevati. Camminare con le racchette non é complicato. Le moderne racchette sono relativamente strette cosicché camminando si inciampa assai di rado. Regole importanti: attraversare i pendii é scomodo, é meglio seguire in salita e in discesa la verticale; attraversando dei ruscelli innevati fare attenzione al ghiaccio che si cela sotto la coltre nevosa; in caso di neve molto dura o di pendii troppo ripidi può essere consigliabile togliere le racchette da neve; scambiarsi il ruolo di apripista nella neve alta fa in modo che nessuno si trovi senza fiato. Se ciò nonostante é troppo faticoso, é meglio tornare indietro: è raro che il cammino diventi più facile. Un principio importante: partire per tempo.

27 Scialpinismo Informazioni importanti per scialpinisti Lo scialpinismo ha riscosso negli ultimi anni grande interesse ed entusiasmo in molte persone. Il magico paesaggio invernale pieno di sensazioni, la scelta responsabile degli itinerari, il valore dell avventura nella neve, la conquista di osai nascoste, l emozionante discesa sugli sci e non ultimi lo stimolo e la tensione di dover affrontare passaggi e momenti in parte anche pericolosi, accoppatiti allo sviluppo tecnico dell equipaggiamento, hanno contribuito al successo di questa disciplina sportiva. Alcune considerazioni da fare: Quale itinerario è alla portata della mia condizione fisica? Quali caratteristiche ha il mio itinerario? Dislivello, ripidità, strettoie, pendii esposti, pericolo di valanghe, tempi di salita, orientamento, equipaggiamento, compagni d avventura ecc... Fattore sicurezza: Informarsi presso il servizio valanghe, adeguarsi alle condizioni della neve e del tempo, portarsi al seguito ARVA, telefono cellulare, pala ecc.. Abbigliamento: biancheria asciutta da indossare in vetta Non dimenticare viveri e bevande al sacco Rispettare l ambiente: Utilizzare possibilmente i mezzi di trasporto pubblico. Rispettare gli animali in letargo, non disperdere i rifiuti ecc.

28 La Forcella di Ciarnil / Kalksteinjöchl, per passare in valle di Villgraten (A) una sfida interessante per chi si muove con le racchette da neve o chi fa scialpinismo nel paesaggio alpestre innevato Dal rifugio Talschlusshütte si segue il segnavia Nr.47/48 attraverso il ponte, quindi subito a sinistra e dopo lo Schlosser Hof a destra. Il sentiero segue un antico tratturo in direzione della Valle di Tscharniet. Sulla destra ci accompagna la pista naturale di slittino, sulla sinistra un fantastico paesaggio invernale. Ad un altitudine di ca. 1627m si arriva ad un bivio con una segnaletica chiara; si prende a destra attraverso un ponte in legno e seguiamo la strada forestale Nr.48. Prima del prossimo attraversamento del Rio Tscharniet, ad un altitudine di ca. 1851m, (sulla destra una centralina elettrica), si abbandona definitivamente il sentiero e si sale attraverso un rado e accogliente bosco di larici sulla destra orografica del rio un vero Eldorado per chi ama lo scialpinismo o le racchette da neve, si passa per le nuove baite alpestri a 1976m, e sulla sinistra in salita per delle ampie dorsali. A ca. 2000m, già al di sopra del limite del bosco, si va ancora per un po a sinistra e si vede già di lì, in direzione est, il passaggio della Forcella di Ciarnil 2349m (Kalksteinjöchl), vigilato dalle vette della Geil e Körl Spitze. Punto di partenza: Malghetta a S.Maddalena/Casies 1465m Discesa: discesa per l itinerario di salita Tempo di percorso: ca. 2 ½ ore Grado di difficoltà: facile Dislivello: 884m Esposizione: nord Parcheggio: parcheggio dietro l Hotel Magdalenahof

29 Bel giro panoramico passando per la malga Aschtalm, le baite Pfinnhütten, la forcella Pfinnscharte e il Monte Alto Il piacere della vetta: respirare a fondo e sentirsi felici! Dal parcheggio del rifugio Talschlusshütte a 1465m seguendo il bordo della pista si raggiunge la via delle malghe (descrizione Ascht Nr.10 ). Si prosegue poi per una larga strada forestale per il bosco innevato fino alla malga Aschtalm a 1950m. Si prosegue verso ovest per la via delle malghe fino alla malga Pfinnalm a 2152m e quindi fino alla forcella Pfinnscharte a 2395m. Attenzione al pericolo di valanghe; solo con un manto nevoso stabile si può percorrere il pendio della vetta. In ca. ½ ora in ripida salita lungo la cresta si sale al Monte Alto a 2539m (Hohen Mann). La bellissima veduta a 360 ripaga della fatica. E poi c è il piacere della discesa! Come ci mostra la carta escursionistica, si può salire anche sulla sinistra orografica del rio verso la malga Ascht, passando per un bosco rado ed un ampio alpeggio con fienili grandi e piccoli e per le malghe Pfinn in direzione del Monte Alto. Dalla forcella da una quota di 2499m si gira a sinistra e si sale al Monte Alto per la cresta nord. Per chi si muove con le racchette da neve: come già descritto prima, per la strada forestale Nr.10 fino alle malghe Pfinn 2152m, lì in ca. 45 minuti di salita, si raggiunge lungo l avvallamento la forcella Pfinnscharte 2359m. Punto di partenza: Malghetta a S.Maddalena/Casies 1465m Discesa: discesa per l itinerario di salita Tempo di percorso: ca. 3 ½ ore Grado di difficoltà: facile, richiede una buona condizione fisica Dislivello: 1100m Esposizione: sud + est Parcheggio: parcheggio dietro l Hotel Magdalenahof

30 Il Rotlahner un monte facile e noto agli sciatori nelle Alpi di Casies Sole invernale: L aria é fredda ed il cielo e azzurro ghiaccio la mattina, quando l amante della natura si allaccia le racchette o gli sci. Dal parcheggio del rifugio Talschlusshütte 1465m si segue il segnavia Nr.47 attraverso il ponte, si prende subito a sinistra e dopo pochi metri di nuovo a destra. Questo itinerario scialpinistico o da racchette da neve conduce parallelamente alla pista di slittino ed al Rio Tscharniet fino su alla malga Köfler Alm a 1806m. Si passa davanti al grande masso di roccia (non si segue la strada forestale) e si prosegue diritti per una ripida fascia di bosco, fra pini mughi e cembri che scricchiolano sotto il peso della neve fino alla malga Kasermähder Alm a 2048m. Il dolce pendio innevato degli Stieresböden porta alla forcella detta Heimwaldjöchl a 2648m; lì si prende a destra ed in ca. ¼ d ora si raggiunge la meta. P a r t i c o l a r i t à l u n g o i l c a m m i n o : Quando in tarda primavera i contadini mettono dentro il fieno, la vita dei vitelli e di molte vacche si sposta sugli alpeggi. Oltre il limite del bosco i verdi prati alpestri forniscono il pasto per gli animali. Casari e pastori si ritirano per tre mesi con gli animali conducendo una vita molto semplice. In questo periodo però le malghe Kasermähder Alm sono dominate da una silenziosa solitudine. Punto di partenza: Malghetta a S.Maddalena/Casies 1465m Discesa: discesa per l itinerario di salita Tempo di percorso: 3 ½ ore Grado di difficoltà: media; ad eccezione dei due ripidi pendii (sotto la malga Kasermähder Alm e nella zona dello Heimwaldjoch) l escursione non presenta alcuna difficoltà. Dislivello: 1270m Esposizione: principalmente i pendii a sud-ovest Parcheggio: parcheggio dietro l Hotel Magdalenahof

31 Escursione con le ciaspole: la Forcella di Casies per secoli un passaggio conveniente per uomini e animali: pellegrini, contrabbandieri, venditori ambulanti, cacciatori, pastori ed anche per qualche appassionato Dal parcheggio del rifugio Talschlusshütte a 1465m si segue il segnavia Nr.49 verso l interno della valle, si passa vicino ad un tracciato per il fondoe ad un officina di tornitore, andando sempre diritti per una scura abetaia. Quindi in parte sul sentiero ed in parte per alpeggi innevati arriva alla malga Pidigalm 1674m. Lì si prosegue diritti passando davanti a fienili di diversa foggia, in parte anche con paravalanghe sempre sul lato alla destra orografica, parallelamente al rio si arriva alla malga Oberbergalm e quindi si sale più ripidamente alla Forcella di Casies a 2205m. P a r t i c o l a r i t à l u n g o i l c a m m i n o Fino alla fine della prima guerra mondiale (trattato di pace di Saint Germain 1919), per questa valle passavano i pellegrini diretti a Obermauern (A). I contrabbandieri utilizzavano la Forcella di Casies 2205m, per portare nella valle merci di vitale importanza quali bestiame, sale, tabacco, saccarina ecc Anche i commercianti di tappeti delle famiglie povere e numerose dalla valle di Defereggen (A) vendevano la loro merce da noi prima di proseguire per il Trentino. Punto di partenza: Malghetta a S.Maddalena/Casies 1465m Discesa: discesa per l itinerario di salita, dalla malga Kradorfer Alm anche possibile girare a sinistra Tempo di percorso: 2 ½ ore Grado di difficoltà: media; le difficoltà alpinistiche sono limitate, nella parte alta breve ma ripida Dislivello: 740m Esposizione: esposizione sud Parcheggio: parcheggio subito dietro l Hotel Magdalenahof

32 La malga Uwaldalm dove si gode il più bel panorama sulla Val Casies È l affermazione indovinata di un turista che ha detto: Il paradiso me lo immagino così bello! a) Dal parcheggio del rifugio Talschlusshütte 1465m si segue il segnavia Nr.12 attraverso il ponte, di lì a sinistra e dopo il maso Schlosser di nuovo a sinistra prima di raggiungere dopo pochi metri prendendo a destra il vecchio tratturo, delimitato da steccati e cespugli. Nelle vicinanze del maso Burger si attraversa il ponte sul Rio di Foi/Pfoibach e si prosegue lungo la strada forestale attraverso il bosco innevato. Di continuo s incontrano delle piccole radure che offrono delle belle vedute sulla nostra valle e sulle Dolomiti di Braies che si stagliano nel cielo verso sud-ovest. Si attraversa ora una seconda volta l impetuoso ruscello di montagna, si cammina per prati alpestri recintati e si raggiunge in breve il bivio a sinistra 1930m che ci conduce in direzione ovest per prati e boschi alla malga Uwaldalm 2042m. b) Scorciatoia: circa 100m prima del ponte sul Pfoibach, la si tralascia per innalzarsi a destra per un prato limitato da una staccionata; entrati nel bosco (croce), oltre il ponte di q. 1522m, si risale per la vecchia strada della Pfoital, che resta con lunghi ripidi tratti sulla sinistra orografica. A q c, invece di proseguire per la strada che con un tornante a sinistra si collega alla strada forestale per Uwaldalm, si puó continuare direttamente ritrovando, poco oltre la strada. Questa, 1930m dopo un ponte piega definitivamente a sinistra e ci porta direttamente alla malga Uwaldalm. P a r t i c o l a r i t à l u n g o i l c a m m i n o : I ciuffi della barba di bosco (licheni) su tronchi e rami conferiscono ai nostri boschi un aspetto bizzarro. Si tratta di una simbiosi fra un fungo e un alga: l alga produce con la luce del sole delle sostanze organiche dalla cui decomposizione e mineralizzazione il fungo si nutre. Dalle parti di fungo che muoiono l alga trae a sua volta le sostanze minerali necessarie alla crescita. Un moto perpetuo come solo in natura si può incontrare. L usnea barbata, questo il nome scientifico, é un valido indicatore ambientale che ci informa che qui l aria è ancora buona. Non distrugge l albero. Punto di partenza: Malghetta a S.Maddalena/Casies 1465m Discesa: discesa per l itinerario di salita Tempo di percorso: ca. 2 ½ ore Grado di difficoltà: di media difficoltà, semplice tour con il carattere di escursione sugli sci Dislivello: 577m Esposizione: sudest - nordest Possibilità di ristoro: le malghe non sono gestite Parcheggio: parcheggio dietro l Hotel Magdalenahof

33 Il classico itinerario sci-alpinistico e con le racchette da neve della Val Casies attraverso la malga di Foi/Pfoital fino al Monte Alta Croce a) Dal parcheggio del rifugio Talschlusshütte 1465m si segue il segnavia Nr.12 attraverso il nuovo ponte, si prende a sinistra e quindi nuovamente a sinistra allo Schlosserhof e dopo pochi metri si gira a destra sul vecchio tratturo delimitato da steccati e cespugli. Di continuo si aprono piccole radure che offrono vedute da fotografare sulla nostra valle e sulle Dolomiti di Braies verso sud-ovest. Dopo ca. 90 minuti si raggiunge il bivio per la malga Uwaldalm. b) Scorciatoia: circa 100m prima del ponte sul Pfoibach, la si tralascia per innalzarsi a destra per un prato limitato da una staccionata; entrati nel bosco (croce), oltre il ponte di q. 1522m, si risale per la vecchia strada della Pfoital, che resta con lunghi, ripidi tratti sulla sinistra orografica. A q c, invece di proseguire per la strada che con un tornante a sinistra si collega alla strada forestale per Uwaldalm, si puó continuare direttamente ritrovando, poco oltre la strada. Questa, 1930m dopo un ponte piega definitivamente a sinistra e ci porta direttamente alla malga Uwaldalm. Si affronta quindi il largo pendio sovrastante, tendendosi preferibilmente nei pressi della dorsale, fino all ampio pianoro denominato Platte, dove si conclude la parte piú facile dell itinerario. Si continua per la dorsale con diversi tratti pianeggianti, ora piú stretta e parzialmente rocciosa, ma abbastanza ben praticabile (in qualche punto, con condizioni poco favorevoli, togliere eventualmente gli sci). A q. 2445m, o anche a 2500m c., con un netto traverso a d.ci si collega all itinerario precedente, poco sotto il Pfoisee 2572m per il quale di prosegue fino in vetta. È anche possibile, evitando il traverso, continuare per la dorsale raggiungendo direttamente il Mittlerers Hochkreuz 2702m e, poco oltre, la croce dell Hochkreuzspitze. Consigliamo la discesa per la Valle di Pfoi oppure lungo l itinerario di salita. Punto di partenza: Malghetta a S.Maddalena/Casies 1465m Tempo di percorso: 4 ½ ore Grado di difficoltà: di media difficoltà; per sciatori medi area ampia ed aperta con pochi pendii ripidi dove è necessario fare attenzione con la neve fresca Dislivello: 1274m Esposizione: esposizioni sud-est Parcheggio: parcheggio dietro l Hotel Magdalenahof

34 Con le racchette da neve lungo l itinerario meditativo: Va, Maddalena e Martino ti accompagnano! La nostra vita si é fatta inquieta e noi tutti con essa. Assomiglia ad una discesa per un torrente nella quale siamo sballottati di onda in onda, di pietra in pietra, di gorgo in gorgo. Perciò abbiamo bisogno di baite tranquille, per ritrovare noi stessi e per ritrovare Dio. (Reinhold Stecher, vescovo emerito di Innsbruck) Dalla chiesa parrocchiale di S.Maddalena si segue la strada principale e si scende al ponte, lì, sulla sinistra, al bivio con una via laterale, c é il primo punto meditativo. Si passa poi davanti alla cappelletta e si scende a sinistra attraverso il ponte del Rio Casies e dopo una breve salita a destra. Si cammina ora per una strada poderale sempre sul lato sinistro del rio si passa per diversi punti meditativi. Ben presto si attraversa la strada asfaltata e si costeggia in direzione sud l inizio del bosco di latifoglie; i segnavia gialli e bianchi con le iniziali di S.Martino e S.Maddalena su grandi blocchi di pietra mostrano la strada. Passando per antichi muri a secco, tipici steccati, ad un impalcatura per essiccare il fieno e per diversi piccoli capitelli si arriva al casale di Schuher. Si scende a destra; per evitare la strada bisognerebbe naturalmente camminare ai margini della via. Un altro blocco di pietra vicino al limitare del bosco ci mostra la strada a destra per un ponte fino alla frazione di Kapaiern. Subito a sinistra e per la scarpata alberata del torrente si passa per altre stazioni e si scende a S. Martino. L itinerario meditativo si può percorrere sia partendo da S. Maddalena che da S. Martino, - d inverno con le racchette da neve. (la descrizione dell itinerario é in chiesa.) Punto di partenza: presso la Chiesa a S.Maddalena/Casies Lunghezza: 3 km Tempo di percorso: 1 ora Grado di difficoltà: facile Dislivello: 120m Parcheggio: presso la Chiesa a S. Maddalena, presso la Chiesa a S.Martino Ritorno: con l autobus oppure con le ciaspole

35 Escursione con le racchette da neve lungo il sentiero panoramico di Casies Dal rifugio Talschlusshütte a 1465m camminiamo per 5 minuti verso l interno della valle e nelle vicinanze del fienile dei masi Hackler iniziamo a salire. Al crocefisso lungo la via prendiamo a sinistra, attraversiamo con attenzione la pista da sci, passiamo per il nuovo tipico essiccatore del fieno e per l antico casale di Huiben a 1265m, (merita una visita il museo contadino) fino a raggiungere Weißberg. La cappella del maso ci indica la direzione da lontano. Lì si gode una bella veduta della Val Casies fino alle Dolomiti di Braies. La croda rossa di Braies 3136m verso ovest si staglia nel cielo azzurro. Di lì per stretti sentieri nei prati e nei boschi raggiungiamo il punto di ristoro Lanzberg. La terrazza solatia, il panorama e la buona cucina invitano a sostare. Ci attendono però ancora alcuni chilometri di cammino lungo il quale ci possiamo orientare solo al grande punto bianco (sentiero panoramico). Esso ci indica il cammino per i masi Harmer, S.Martino, Kargruben, Steinegge fino al casale di Prati/Colle a 1280m. Lì possiamo slacciare le racchette da neve e scendere per la strada asfaltata fino alla strada principale. Lì, vicino alla cappella del Sacro Cuore c é la fermata dell autobus di linea. Naturalmente possiamo affrontare questa escursione con le racchette in modo più tranquillo e percorrendone solo dei tratti. La cartina escursionistica allegata ci mostra alcune possibilità di accedere e di abbandonare l itinerario con le relative fermate dell autobus. Punto di partenza: Malghetta a S.Maddalena/Casies 1465m Dislivello: 250m Lunghezza: 8,5 km Grado di difficoltà: facile; ma lunga Tempo di percorso: ca. 3 ore. Ritorno: in autobus

36 Da Planca di Sotto per la malga Schuher Alm, il Monte Calvo fino al Corno Alto Dal parcheggio all Hotel Stoll si va in direzione est, si passa davanti alla cappelletta di S. Floriano e si sale seguendo il segnavia Nr.91 sulla destra orografica del Rio Fosco. Dopo ca. 45 minuti s incontra la via che sale da Planca di Sopra lungo la quale proseguiamo a destra per girare poco dopo a sinistra in direzione della malga Schuher Alm. Si abbandona però qui la via normale delle malghe e si sale direttamente attraverso un rado bosco di abeti sulla sinistra del ruscello. Ad un altitudine di 1751m si attraversa un sentiero e si cammina per ampi prati fino alla malga Schuher Alm a 1958m. Già da qui si gode un fantastico panorama sulle Dolomiti. Il nostro giro ci porta ora in direzione sud sulla nota Alta Via di Dobbiaco Nr.24; sulla nostra sinistra possiamo ammirare il Monte Cavallo/Rosszogel 2163m e il Monte Spina/Stacher Riedl 2173m. Per un ampia dorsale saliamo al Monte Calvo/Golfen 2493m e per coloro che mirano al successo c è ancora ca. ½ ora fino alle meta vera e propria, il Corno Alto/Hochhorn a 2623m. Punto di partenza & parcheggio: Hotel Stoll a Colle/Casies 1213m Discesa: discesa per l itinerario di salita Tempo di percorso: ca. 5 ore Grado di difficoltà: media - difficile; per medi sciatori; area aperta con pendii moderati, le difficoltà alpinistiche sono minime Dislivello: 1400m esposizione: Sud-est periodo: dicembre fino marzo

37 Escursione panoramica: per il Monte Luta e Monte Salmone Fantastica, ma la salita é lunga Dall Ufficio turistico di Tesido a 1203m in macchina si va a sinistra, si passa davanti al capitello gotico ed alla chiesa parrocchiale in direzione dell Hotel Alpenhof e subito a destra per Moncucco, seguendo quindi la strada nel bosco fino al prossimo incrocio. Attenzione: di lì si prende a sinistra e si raggiunge dopo pochi minuti, dopo una stretta curva a destra ed altri 300m il grande parcheggio. Di lì si prosegue a piedi prendendo a 1590m un sentiero con il segnavia Nr.31 a sinistra in direzione ovest. Dopo la prima curva si prende a sinistra un sentiero ripido e scosceso che porta direttamente ad una strada forestale che porta in alto. La si attraversa e si sale tranquillamente, facendo però attenzione al segnavia bianco e rosso ed al Nr.31. Il paesaggio si fa sempre più emozionante, passiamo già per la cosiddetta Kampfzone (zona di combattimento) a 2000m di quota. Ad una certa distanza si distingue già la croce in vetta al Monte Luta/Lutterkopf 2145m. Da entrambi i lati si presenta un fantastico panorama montano. Il tour prosegue su una zona alpestre verso nord. Seguendo sempre la dorsale si raggiunge, dopo una lunga camminata, una staccionata con un apertura che porta direttamente all Alpe di Tesido di fuori. Si prosegue però per superare l ultima salita al Monte Salomone/Durakopf a 2275m. Dalla vetta si scende verso ovest ad un ampio avvallamento detto Klenkboden 2186m. Di lì si scende verso sud per un ampio paesaggio alpestre all Alpe di Tesido di fuori/taistner Vorderalm 2012m. Di lì ancora, per la via delle malghe o per la pista di slittino si scende in ca. 1 ora e ½ al punto di partenza del Mudler Hof. Punto di partenza & parcheggio: Albergo Mudler Hof a Tesido 1584m Salita: ca. 3 fino 3 ½ ore Discesa: ca. 2 ore, possibilità per slittare fino all albergo Mudler Hof Grado di difficoltà: salita piuttosto ripida per il bosco zona alpestre dolce e senza ostacoli in gran parte comoda discesa Dislivello: ca. 700m Pista slittini: facile

38 Tranquilla escursione a metà costa in senso orario per prati e boschi di Riva di Sotto a Tesido Il punto di partenza é l incrocio 100 metri dietro l Hotel Alpenhof a monte di Tesido (sulla via per il Mudlerhof dove si gira lo skibus). Seguiamo sempre la via per Riva di Sotto sgombera dalla neve per 3 km lungo il segnavia Nr.21 fino al maso Feichter a 1377m. Di lì si sale con le racchette da neve, a seconda dell innevamento o lungo il limitare del bosco (segnavia, Nr.21 ) o nel bosco (21a) fino al nascosto maso Kirmle a 1577m. Si segue la via di accesso al maso fino all incrocio (per il ristorante Mudlerhof a sinistra una meritevole puntata) e proseguiamo a sud-est lungo la strada fino al segnavia che, per chi si muove con le racchette da neve, indica chiaramente a destra per il bosco. Si scende in direzione sud-ovest per il bosco e i prati fino al punto di partenza. (attenzione al segnavia soprattutto nel bosco); Variante dall incrocio Kirmle /Mudlerhof: lungo la strada (segnavia Nr.31 ) per il casale di Moncucco/Guggenberg al punto di partenza. Punto di partenza: parcheggio Skibus-piazzale di manovra: incrocio Hotel Alpenhof 1320m Dislivello: 260m Tempo di percorso: 2 fino 3 ore Grado di difficoltà: facile Nota: se si abbandona il segnavia, l orientamento nel bosco è difficile Parcheggio: Skibus-piazzale di manovra: incrocio Hotel Alpenhof Escursione con le ciaspole

39 Costa di Monguelfo Giro degli alberghi Per prati boschi della Costa di Monguelfo. Punto di partenza: Monguelfo parcheggio all ingresso del paese uscita centro (100 metri - fermata dell autobus). Itinerario: seguiamo sempre la via Riedinger libera dalla neve (segnavia Nr.35 ), passiamo per l Hotel Bad Waldbrunn fino al bivio. Di lì saliamo per il bosco con le racchette da neve seguendo l apposito segnavia fino all Hotel Gailer Hof a 1231m. Per prati e boschi facciamo ritorno a Monguelfo. Punto di partenza: Monguelfo parcheggio all inizio del paese uscita centro (100 metri fermata d autobus) Dislivello: 240m Grado di difficoltà: facile Tempo di percorso: 1,5-2 ore Escursione con le ciaspole

40 Escursione a Prato Piazza la piccola Alpe di Siusi pusterese Il punto di partenza é il parcheggio presso l albergo Brückele a 1491m. Si cammina per ca. ½ km sulla strada per Prato Piazza/Plätzwiese e si passa poi alla strada forestale con il segnavia Nr.37. Già dopo pochi tornanti si lascia la strada e si cammina in direzione est per un sentiero nel bosco che conduce lungo il Rio Stolla/Stollabach. Si attraversa il torrente, si supera una ripida salita prima di arrivare alla piccola malga Stollaalm. Si prende poi a sinistra e si cammina per un ampia distesa innevata fino all albergo Prato Piazza 1996m. P a r t i c o l a r i t à l u n g o i l c a m m i n o : Le Dolomiti non sono le montagne più alte pericolose, ma le più belle (Reinhold Messner). Una genesi di oltre 250 milioni di anni nel Mare di Teti ha dato origine a questa meraviglia composta principalmente da alghe, conchiglie, piccoli animali, (roccia magmatica - vulcanismo), e dunque da banchi corallini pietrificati. Punto di partenza & parcheggio: Brückele/Ponticello a Braies 1491m Salita: ca. 2 ore Discesa: 1 ½ ore Grado di difficoltà: facile; piuttosto ripido nel tratto intermedio Dislivello: 500m Discesa: discesa per l itinerario di salita

41 Escursione da Prato Piazza al rifugio Vallandro ed alla Croce dei riduci Arriviamo in automobile fino all incrocio per Ferrara di Braies e giriamo a sinistra in Valle di Braies Vecchia per arrivare quindi, passando per Ponticello fin su a Prato Piazza/Plätzwiese 1996m. Il punto di partenza é il grande parcheggio al limitare del bosco. Si cammina quindi in direzione sud passando davanti all albergo Prato Piazza e, sempre alla stessa altitudine, al bellissimo tracciato per il fondo e quindi fino al Rifugio Vallandro/Dürrensteinhütte a 2040m che raggiungiamo in ca. 30 minuti. Di qui un sentiero stretto col segnavia Nr.34 e l indicazione Croce dei reduci porta in 50 minuti al Monte Specie/Strudelkopf a 2307m. Di qui si gode una veduta assai varia sulle Dolomiti Orientali. Scendendo si segue lo stesso itinerario della salita. Punto di partenza & parcheggio: prima dell albergo Prato Piazza 1996m, raggiungibile solo con attrezzatura invernale Salita: ca. 1 ½ ore. Discesa: ca. 1 ora Grado di difficoltà: facile; dalla fortezza area sciistica facile senza difficoltà tecniche né sciistiche, né alpinistiche. Scegliendo con criterio il tracciato il pericolo di valanghe è inesistente. P a r t i c o l a r i t à l u n g o i l c a m m i n o : I resti di un fortino vicino al rifugio Vallandro ci ricordano la Grande Guerra del Per due anni e mezzo si combatté anche qui la guerra in montagna fra gli eserciti italiano ed austriaci che resta ineguagliata nella storia. L inverno 1916/17 portò fino ad otto metri di neve e molti furono i morti per le valanghe.

42 Prato Piazza e le Crepe di Val Chiara a 2711m Lo sforzo sarà premiato da un panorama fantastico L albergo Prato Piazza a 1996m é il punto di partenza di questa escursione. Proprio dietro la casa inizia il sentiero col segnavia Nr.40 che seguiamo per un breve tratto. Poi si prosegue lentamente in direzione est. Dopo ca. 1 ora arriviamo ad un piccolo avvallamento; aggiriamo la zona rocciosa sulla destra. Camminiamo poi in campo aperto in direzione nord est e raggiungiamo in ca. 25 minuti la ripida dorsale delle Crepe di Val Chiara/Helltaler Schlechten. L ampia dorsale ci indica chiaramente il sentiero in direzione nord per raggiungere la cima a 2711m. Punto di partenza & parcheggio: prima dell albergo Prato Piazza 1996m, raggiungibile solo con attrezzatura invernale Tempo di percorso: ca. 2-2 ½ ore. Grado di difficoltà: facile Dislivello: 720m Discesa: discesa per l itinerario di salita

Passeggiate invernali Piste per slittino Escursioni con le racchette da neve Sci alpinismo

Passeggiate invernali Piste per slittino Escursioni con le racchette da neve Sci alpinismo Passeggiate invernali Piste per slittino Escursioni con le racchette da neve Sci alpinismo Malghe romantiche, un panorama che toglie il fiato ed una cucina tipica altoatesina Le nostre proposte: Il divertimento

Dettagli

CON LE CIASPOLE AI RIFUGI NELLE VALLI DELL OSSOLA

CON LE CIASPOLE AI RIFUGI NELLE VALLI DELL OSSOLA CON LE CIASPOLE AI RIFUGI NELLE VALLI DELL OSSOLA 1) VALLE ANTRONA itinerario 1 2) VAL BOGNANCO itinerari 2 e 3 3) VAL DIVEDRO itinerari 4, 5 e 6 4) ALPE DEVERO itinerari 7 e 8 5) VAL FORMAZZA itinerari

Dettagli

Costa degli Etruschi, itinerari trekking

Costa degli Etruschi, itinerari trekking Costa degli Etruschi, itinerari trekking Camminare è sinonimo di contatto con la terra. Tracce e sentieri raccontano attimi o secoli di spostamenti lenti. Nell epoca del non c è tempo una semplice passeggiata

Dettagli

6 ITINERARI PER IL NORDIC WALKING NEL PARCO DEL BEIGUA

6 ITINERARI PER IL NORDIC WALKING NEL PARCO DEL BEIGUA Camminare tra mare e monti 6 ITINERARI PER IL NORDIC WALKING NEL PARCO DEL BEIGUA 1 Progetto Turismo Attivo cofinanziato dal Sistema Turistico Locale Italian Riviera Provincia di Savona con i fondi di

Dettagli

SCUOLA INTERREGIONALE DI ALPINISMO L.P.V. DISPENSA DI ARRAMPICATA SU: GHIACCIO VERTICALE CASCATE DI GHIACCIO

SCUOLA INTERREGIONALE DI ALPINISMO L.P.V. DISPENSA DI ARRAMPICATA SU: GHIACCIO VERTICALE CASCATE DI GHIACCIO COMMISSIONE INTERREGIONALE SCUOLE DI ALPINISMO E SCIALPINISMO LIGURE-PIEMONTESE-VALDOSTANA SCUOLA INTERREGIONALE DI ALPINISMO L.P.V. DISPENSA DI ARRAMPICATA SU: GHIACCIO VERTICALE CASCATE DI GHIACCIO Premessa:

Dettagli

Abruzzo, regione verde d Europa. Parco Nazionale d Abruzzo, Lazio e Molise

Abruzzo, regione verde d Europa. Parco Nazionale d Abruzzo, Lazio e Molise 2 Abruzzo, regione verde d Europa 4 Parco Nazionale d Abruzzo, Lazio e Molise 14 Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga 26 Parco Nazionale della Majella 38 Parco Naturale Regionale del Sirente

Dettagli

Sant Omobono Terme, Novembre 2014

Sant Omobono Terme, Novembre 2014 DISTRETTO DELL ATTRATTIVITÀ DEL LEMINE VALLE IMAGNA Distretti dell attrattività. Iniziative di area vasta per l attrattività territoriale integrata turistica e commerciale della Lombardia (Linea B) Sant

Dettagli

Tra le acque nei monti. Tra le acque nei monti. Guida alla natura del sito di importanza comunitaria Lago di Ganna. Parco Regionale Campo dei Fiori

Tra le acque nei monti. Tra le acque nei monti. Guida alla natura del sito di importanza comunitaria Lago di Ganna. Parco Regionale Campo dei Fiori copertina.qxd 10/10/2007 13.15 Pagina 1 Parco Regionale Campo dei Fiori Parco Regionale Campo dei Fiori Via Trieste, 40 21030 Brinzio (Va) - Italia Tel. 0039 0332 435386 Fax 0039 0332 435403 www.parcocampodeifiori.it

Dettagli

Raccontiamoci le favole.. Rac olta di favole sul ambiente

Raccontiamoci le favole.. Rac olta di favole sul ambiente Raccontiamoci le favole... Raccolltta dii ffavolle sullll ambiientte REGIONE DEL VENETO Presidente Luca Zaia Assessore all Ambiente Maurizio Conte Segretario Regionale per l Ambiente Mariano Carraro ARPAV

Dettagli

Masi con gusto 2011/12. Guida ai sapori contadini. Edito nel luglio 2011

Masi con gusto 2011/12. Guida ai sapori contadini. Edito nel luglio 2011 Edito nel luglio 2011 dall Unione Agricoltori e Coltivatori Diretti Sudtirolesi Via C. M. Gamper 5 39100 Tel. 0471 999 308 Fax 0471 981 171 info@gallorosso.it www.gallorosso.it 8 a edizione Masi con gusto

Dettagli

SENTIERI GEOLOGICI SUL MONTE TERMINILLO

SENTIERI GEOLOGICI SUL MONTE TERMINILLO SENTIERI GEOLOGICI SUL MONTE TERMINILLO Itinerari nella geodiversità del Lazio, dai mari tropicali mesozoici ai ghiacciai del Quaternario di GIANCARLO DE SISTI Nato nel 1959, alpinista, laureato in geologia,

Dettagli

in bici tra Lodi e Milano

in bici tra Lodi e Milano Provincia di Lodi Comune di Paullo in bici tra Lodi e Milano 10 ITINERARI CICLABILI DAL PUNTO PARCO CASA DELL ACQUA DI PAULLO > INTRODUZIONE _ PAULLO, TERRA DI CONFINE L a storia di Paullo è indissolubilmente

Dettagli

Ente Nazionale del Turismo Giapponese

Ente Nazionale del Turismo Giapponese Ente Nazionale del Turismo Giapponese Benvenuti in Giappone Aprite un atlante e date uno sguardo alla vasta regione costituita dall Asia e dal Pacifico. Quasi esattamente al centro vedrete l arcipelago

Dettagli

Provincia di Padova. Parco un da Scoprire. Proposte Didattiche Anno Scolastico 2013-2014

Provincia di Padova. Parco un da Scoprire. Proposte Didattiche Anno Scolastico 2013-2014 Provincia di Padova Parco un da Scoprire Proposte Didattiche Anno Scolastico 2013-2014 Indice Presentazione Parco Colli Euganei - pag. 4 Ed. Ambientale - pag. 5 Musei Colli Euganei - pag. 12 Parco Avv.

Dettagli

LE STAZIONI RIFIORISCONO

LE STAZIONI RIFIORISCONO FERROVIE DELLO STATO S.p.A. Direzione Generale di Gruppo per le Risorse Umane Politiche Sociali Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. Direzione Movimento Terminali Viaggiatori e Merci LE STAZIONI RIFIORISCONO

Dettagli

e zone sotto la lente

e zone sotto la lente e zone sotto la lente Condizioni Funzioni Effetti Premessa Già oggetto di una gran polemica, chiusa nel 2001 dal rifiuto massiccio del popolo d introdurre nelle località il limite generalizzato di 30 km/h,

Dettagli

Le parabole di Gesù spiegate ai bambini

Le parabole di Gesù spiegate ai bambini Anno LXXXIX - N. 3 Marzo 2011 L Angelo in Famiglia - Pubb. mens. - Sped. abb. post. - 50% Bergamo Direzione ed Amministrazione: Società Editrice SS. Alessandro Ambrogio Bassiano - Bergamo - Viale Papa

Dettagli

1 FRIULI-VENEZIA GIULIA: Osterie in Friuli (track 1)

1 FRIULI-VENEZIA GIULIA: Osterie in Friuli (track 1) 1 FRIULI-VENEZIA GIULIA: Osterie in Friuli (track 1) Signor Driussi, Lei è Presidente del Comitato Friulano Difesa Osterie. In che anno e per quale motivo è nato questo Comitato? L anno di nascita è il

Dettagli

Costruire con vetro e luce rispettando gli uccelli

Costruire con vetro e luce rispettando gli uccelli Costruire con vetro e luce rispettando gli uccelli Impressum Costruire con vetro e luce rispettando gli uccelli Autori: Hans Schmid, Petra Waldburger & Daniela Heynen Collaborazione: Martin Roessler, Wilfried

Dettagli

SCARPETTA STRAVINCE. Appare evidente che ELEZIONI AMMINISTRATIVE

SCARPETTA STRAVINCE. Appare evidente che ELEZIONI AMMINISTRATIVE NUMERO QUARANTUNO Periodico gargnanese di informazione, attualità e cultura ESTATE 2004 Edito da: ASSOCIAZIONE CULTURALE ULISSE 93 http://web.tiscali.it/enpiasa Direttore: Franco Mondini PERCHè A GARGNANO

Dettagli

1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA. 1.1 - L erosione dell acqua

1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA. 1.1 - L erosione dell acqua 1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA 1.1 - L erosione dell acqua Gocce d acqua precipitano urtando con violenza il suolo coperto da detriti (foglie, rami, steli d erba,... fig. 1.1). A qualche centimetro

Dettagli

Bellezza e cultura di un territorio. ancora. tutto da valutare.

Bellezza e cultura di un territorio. ancora. tutto da valutare. UN CONCORSO PER I GIOVANI: II EDIZIONE PREMIO DI STUDIO EUGENI D AURIA ANNO 2009 Bellezza e cultura di un territorio ancora tutto da valutare. Lavoro a cura di Annalisa Pierro. Temi trattati: emigrazione

Dettagli

IL CLIMA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

IL CLIMA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA IL CLIMA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA a cura di Il clima del Friuli Venezia Giulia Il clima viene definito come l'insieme delle condizioni atmosferiche medie (temperatura, umidità, pressione, venti...) e

Dettagli

Identitá collettiva, patrimonio culturale e cittadinanza attiva

Identitá collettiva, patrimonio culturale e cittadinanza attiva Identitá collettiva, patrimonio culturale e Bozza per uso interno da non divulgare I risultati della ricerca Ricerca finanziata nell ambito del progetto Genius Loci finanziato con fondi protocollo di intesa

Dettagli

Brani tratti dal Libro "La mia vita come un'avventura"

Brani tratti dal Libro La mia vita come un'avventura Brani tratti dal Libro "La mia vita come un'avventura" Titolo Originale dell'opera "Lessons from the Varsity of life", London, Pearson, 1933. 1 PARAGRAFO - Suo Padre Creazione di Toro Seduto (dal sito

Dettagli

una carezza per l anima

una carezza per l anima una carezza per l anima l amore e la saggezza delle guide per manifestare la tua essenza stazione celeste Caro Lettore, Questo è un dono per te, si tratta di un libretto speciale. Abbine cura perché contiene

Dettagli

Insieme si può. Viaggio verso la sostenibilità ambientale e sociale. A cura di David K. Lind

Insieme si può. Viaggio verso la sostenibilità ambientale e sociale. A cura di David K. Lind Insieme si può Viaggio verso la sostenibilità ambientale e sociale A cura di David K. Lind Questo libro è stampato su carta CYCLUS OFFSET della cartiera Dalum (www.dalumpapir.dk), prodotta al 100% con

Dettagli