Area AVVOCATI. Codice Titolo Crediti PROF Ore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Area AVVOCATI. Codice Titolo Crediti PROF Ore"

Transcript

1 ENIAC SpA via Aurelia, LOREGGIA PD Tel Fax C.F. e P.IVA e Reg. Imp. di PD IT C.S ,00 i.v. Area AVVOCATI Categoria: Deontologia CNF0196 Il rischio professionale dell'avvocato: profili di responsabilità civile, penale e disciplinare. Strumenti di tutela 2 2,12 1. Il rapporto di colleganza 2. Rapporto di colleganza e dovere di difesa nel processo 3. Rapporti con il Consiglio dell Ordine 4. Obbligo dell avvocato di corrispondere con il collega 5. Rapporto tra difensore di fiducia e difensore d ufficio 6. Sostituzione del collega nell attività di difesa CNF0199 Dovere di colleganza: quali confini? 2 2,12 CNF0224 Quindici anni di codice deontologico tra etica e legge 1 1,22 CNF0250 La riforma forense 3 3 Categoria: Diritto Amministrativo CNF0163 La responsabilità da provvedimento: la responsabilità da contatto e da ritardo La responsabilità da provvedimento amministrativo: introduzione. 2. La tesi della responsabilità extracontrattuale da provvedimento illegittimo: una tesi in via di superamento? 3. Altre tesi sulla natura della responsabilità da provvedimento. 4. Le più recenti acquisizioni della dottrina e gli arresti della giurisprudenza sulla c.d. responsabilità da contatto. 5. Danno da ritardo e da disturbo. CNF0168 La responsabilità della pubblica amministrazione: profili generali La responsabilità da provvedimento amministrativo: introduzione 2. La tesi della responsabilità extracontrattuale da provvedimento illegittimo: una tesi in via di superamento? 3. Altre tesi sulla natura della responsabilità da provvedimento 4. Le più recenti acquisizioni della dottrina e gli arresti della giurisprudenza sulla c.d. responsabilità da contatto 5. Danno da ritardo e da disturbo CNF0203 Discrezionalità tecnica della pubblica amministrazione. Caratteristiche e limiti del sindacato giurisdizionale 2 2 Categoria: Diritto Civile CNF0094 Buona fede e abuso del diritto La buona fede e l abuso del diritto alla luce della sentenza Renault n / La rilevanza costituzionale della clausola generale della buona fede 3. Il rapporto di strumentalità tra abuso del diritto e buona fede 4. Gli elementi caratterizzanti la figura dell abuso del diritto 5. Sentenza Renault : un orientamento ormai consolidato? 6. I rapporti tra l abuso del diritto ed inesistenza del diritto 7. Una figura specifica dell abuso del diritto: l abuso del processo 8. L abuso del processo alla luce della sentenza 23726/2007 della Corte di Cassazione CNF0138 Semplificazione del processo civile D. Lgs. N. 150/ La legge ll decreto 183 del La cassazione in merito all'art L'efficacia del rito del lavoro 5. Il rito dell'art. 702 bis 6. La relazione illustrativa 7. L'art. 281 sexies CNF0142 L'espropriazione per pubblica utilità 1 1,22 1. La proprietà privata nella Costituzione 2. La pianificazione urbanistica e il ruolo delle Regioni 3. Il vincolo espropriativo e il vincolo conformativo 4. Il procedimento espropriativo 5. L indennità di esproprio CNF0161 Il pignoramento e gli strumenti sostitutivi o alternativi al pignoramento 1 1

2 1. Definizione del pignoramento 2. Natura del pignoramento 3. La modifica all'art. 492 c.p.c 4. Mancato invito all'elezione del domicilio 5. L'invito dell'ufficiale giudiziario al debitore all'individuazione di nuovi beni 6. Il provvedimento dell'ufficiale giudiziario di liquidazione delle spese del professionista 7. Le modifiche apportate dalla legge n. 80 del 2005 CNF0162 L'esecuzione forzata riformata dalle ll. nn. 80/2005, 263/2005, 52/2006 e 69/ Espropriazione forzata. Cenni storici. Funzione. Natura giurisdizionale. 2. Interventi normativi: dal 1998 al 2005: novità introdotte. 3. La Riforma del 2006: novità introdotte. La disciplina dei creditori legittimati all intervento. La disciplina dei titoli esecutivi. L art. 642 c.p.c. Il decreto ingiuntivo immediatamente esecutivo. Tempestività e tardività intervento. La nuova disciplina del pignoramento: il nuovo art. 492 c.p.c. Ricerca dei beni. Dovere di collaborazione del debitore. Intervento di nuovi creditori. I poteri dell ufficiale giudiziario. Delega al professionista delle operazioni di vendita. Le scritture contabili. L. 52/2006: la figura dell estimatore dei beni. 4. L espropriazione immobiliare: trasformazione e gestione del bene pignorato. La nuova disciplina in tema di custodia. I termini per il deposito delle certificazioni ipocatastali ex art. 567 c.p.c.. 5. La disciplina della vendita: vendita senza incanto ed eventuale vendita con incanto. 6. Le nuove norme dirette all accelerazione del processo esecutivo: Novità in tema di termine per la conversione del pignoramento (anticipazione), in tema di termine di nomina dell esperto per la relazione estimativa (anticipazione) ed altre. La nuova disciplina della cauzione. Reclamo contro il provvedimento di sospensione del procedimento esecutivo. La sospensione d ufficio del processo esecutivo. 7. La vendita telematica: accenni. CNF0164 Crisi dell'impresa e accordi di ristrutturazione del debito L accertamento della verità come fondamento del processo canonico di nullità del matrimonio 2. Assenza di conflitto nel processo canonico di nullità del matrimonio 3. La delibazione delle sentenze ecclesiastiche di nullità del matrimonio 4. I rapporti tra sentenze di separazione e divorzio e sentenze ecclesiastiche di nullità del matrimonio 5. La prevalenza dell atto sul matrimonio rapporto alla luce della più recente giurisprudenza 6. La sentenza 1343/2011 della Corte di Cassazione: convivenza prolungata dei coniugi e incompatibilità assoluta con l ordine pubblico CNF0165 Contratti dei consumatori Gli obiettivi della normativa sui contratti dei consumatori 2. La contrattazione standardizzata nel codice civile del La nozione del consumatore 4. La tutela dei consumatori nei contratti 5. Il codice del consumo (D. LGS. 206/2005) 6. La trasparenza, gli obblighi di informazione e la correttezza nei contratti dei consumatori 7. L equità nei contratti dei consumatori 8. Il contratto di vessatorietà delle clausole nei contratti dei consumatori 9. La sanzione prevista dal codice del consumo per le clausole vessatorie 10. L azione inibitoria collettiva 11. L azione di classe. CNF0166 Contratto di affidamento fiduciario a beneficio di minori Applicazioni del trust per la famiglia. Il concetto di famiglia: famiglia tradizionale e famiglia di fatto. 2. Trattazione di un caso: famiglia di fatto. 3. Trust: conferimento dei beni. Scopo perseguito. Profili di incompatibilità del trustee con la posizione di tutore. Possibilità di richiedere anticipazioni. Il conferimento di partecipazioni societarie. 4. Il contratto di affidamento fiduciario. 5. La legge n. 43 del 2010 della Repubblica di San Marino (art.1). 6. Il programma: fulcro dell affidamento. Esempio di elaborazione del programma: lettura art. 3 del contratto redatto dal Notaio Caracciolo (individuazione situazioni giuridiche affidate, possibilità di modifica ed incremento delle stesse, gestione delle posizioni soggettive, modus operandi dell affidatario, individuazione dei soggetti beneficiari). 7. L affidatario: poteri. Il concetto di proprietà funzionalizzata. 8. Trattazione di un caso di studio. Profili dottrinali: operatività del meccanismo negoziale condizionale. Il garante del contratto e poteri dispositivi. Contratto pluripersonale. Il contratto a favore di terzo (artt cc e ss). Termine finale ed effetti. CNF0167 Contratto di affidamento fiduciario a benefico di disabile e Utilità del Trust di garanzia in sede di alienazione di farmacia La figura della colpa 2. Giurisprudenza e colpa medica 3. Art Artifizio dell'elevata probabilità logica CNF0172 Passaggio generazionale dell?impresa e trasformazione di società in Trust 1 1 CNF0180 Trust: visione d'insieme, atti di destinazione e trust nel sistema della responsabilità patrimoniale 1 1,12 1. Atti di destinazione e trust nel sistema della responsabilità patrimoniale: autonomia privata e tutela dei creditori 2. L art ter C.C. 3. La disciplina degli effetti della destinazione patrimoniale 4. La sentenza 30 marzo 2011 del Tribunale di Vicenza 5. La meritevolezza degli interessi con riguardo agli atti di destinazione 6. Trust e sue caratteristiche 7. Il trust come affidamento

3 CNF0188 Aspetti fiscali del Trust 1 1,25 CNF0190 Le tutele sinallagmatiche Cosa si intende per sinallagma 2. L autotutela e le eccezioni dilatorie 3. Il principio di vicinanza della prova 4. Principio di persistenza del diritto 5. Art del c.c. 6. Tutela sinallagmatica anticipata 7. Giurisprudenza in tema di risoluzione anticipata del contratto 8. Rifiuto anticipato 9. Artt 1662 e 2224 c.c 10. Art Conclusioni CNF0197 Contratto preliminare e rimedi 2 2,25 CNF0204 L'Araba Fenice: Il danno esistenziale nella giurisprudenza successiva alle note decisioni delle Sezioni Unite nn /3/4/5 dell'11/11/ CNF0206 La responsabilità civile del provider 1 1 CNF0222 La certezza dell'acquisto dell'avente causa dal donatario 1 1,13 CNF0223 Circolazione dei beni di provenienza donativa 1 1,05 CNF0230 Visione d'insieme dei Trust in Italia e nell'ambito della procedura di amministrazione e di sostegno 1 1 CNF0231 Le applicazioni del Trust in materia societaria: in particolare il Trust liquidatorio e nelle procedure concorsuali. Gli adempimenti fiscali 1 1 CNF0233 L'opposizione di terzo all?esecuzione e i terzi nel processo esecutivo 1 1,23 CNF0235 Trust nell'ambito del diritto di famiglia e per il passaggio generazionale dell'impresa di famiglia 1 1,15 CNF0240 Aggiornamento giurisprudenziale in materia civile 3 3 CNF0251 Introduzione al Trust in Italia 1 1 Categoria: Diritto Civile - Ecclesiastico CNF0122 Il contenzioso corrente sulle cause di nullità del matrimonio 1 1,25 1. L accertamento della verità come fondamento del processo canonico di nullità del matrimonio 2. Assenza di conflitto nel processo canonico di nullità del matrimonio 3. La delibazione delle sentenze ecclesiastiche di nullità del matrimonio 4. I rapporti tra sentenze di separazione e divorzio e sentenze ecclesiastiche di nullità del matrimonio 5. La prevalenza dell atto sul matrimonio rapporto alla luce della più recente giurisprudenza 6. La sentenza 1343/2011 della Corte di Cassazione: convivenza prolungata dei coniugi e incompatibilità assoluta con l ordine pubblico Categoria: Diritto del Lavoro CNF0150 La deflazione del contenzioso del lavoro: l'arbitrato Origini del Diritto del Lavoro. 2. Conciliazione e Arbitrato. Orientamenti dottrinali e giurisprudenziali). Disciplina art c.c. Arbitrato rituale e irrituale. 3. Evoluzione legislativa in tema di arbitrato. Arbitrato secondo Equità. 4. La Riforma del Diritto del lavoro: Obiettivi. Intervento del Presidente della Repubblica. 5. Legge 183/2010 Collegato lavoro: artt. 30, 32; D. Lgs. 276/2003 artt. 76, 79. Direttiva Sacconi : riduzione dei poteri del personale ispettivo nell attività di accertamento. 6. L arbitrato nella L. 183/2010: artt. 412, 412 ter, 412 quater c.p.c. CNF0221 Il potere disciplinare nel lavoro pubblico dopo il d.lgs. 150/ CNF0247 Flessibilità in entrata nell'area del lavoro non subordinato (lavoro a progetto, associazione in partecipazione, partita IVA, lavoro accessorio) 1 1,13 CNF0249 Flessibilità in uscita (licenziamenti individuali e collettivi) 2 2 CNF0254 Il potere disciplinare del datore di lavoro 1 1 Categoria: Diritto dell'unione Europea Cooperazione giudiziaria in materia civile in ambito comunitario e transnazionale in tema di divorzio, CNF0217 separazione, obbligazioni alimentari e sottrazione di minori 3 3 Categoria: Diritto Fallimentare CNF0245 Gli strumenti per la composizione negoziale della crisi d?impresa 1 1,28 Categoria: Diritto informatico CNF0218 Al via le comunicazioni telematiche 2 2

4 Categoria: Diritto Penale CNF0089 Causalità e colpa nella responsabilità medica: temi classici e nuovi orientamenti giurisprudenziali La figura della colpa 2. Giurisprudenza e colpa medica 3. Art Artifizio dell'elevata probabilità logica CNF0192 Approdi vecchi e nuovi in tema di sostanze stupefacenti 3 3,22 CNF0195 Udienza preliminare: i riti alternativi al dibattimento tra premiabilità ed esigenze di deflazione L Udienza Preliminare: udienza di filtro o smistamento? 2. La figura del Giudice nell Udienza Preliminare e la sua funzione di controllo 3. Riforma Carotti 4. Attuale assetto dell Udienza Preliminare 5. Problematiche connesse all Udienza Preliminare 6. Conclusioni CNF0200 Le indagini preliminari e le investigazioni difensive fra istanze di giustizia e aspettative garantistiche: le indagini difensive e i mezzi di ricerca della prova 2 2,2 1. Processo e contraddittorio 2. Ruolo del Pm 3. Garanzie dell'imputato 4. I mezzi di ricerca della prova 5. Contraddittorio e indagini preliminari 6. Le indagini difensive 7. Conclusioni CNF0229 Processo penale e Scienza 3 3 Categoria: Diritto Processuale Civile CNF0236 Il Decreto Sviluppo e le novità in materia di appello e ricorso per cassazione 2 2 CNF0237 L'ennesima riforma a tappe della giustizia civile nell'ultimo biennio 1 1,32 Categoria: Diritto Processuale Penale CNF0220 Questioni aperte in materia di misure cautelari personali 3 3 Categoria: Diritto Tributario CNF0111 Sistemi di accertamento del lavoratore autonomo e strategie di difesa I vari tipi di accertamento 2. Le indagini fiscali 3. Le indagini fiscali da liste selettive 4. Le indagini fiscali da iniziative d ufficio 5. L accesso presso lo studio professionale o presso la sede aziendale 6. L accesso presso i locali adibiti ad abitazione 7. Le indagini finanziarie 8. L accertamento sintetico: il redditometro e lo spesometro CNF0253 Costi da reato e fatture false: novità legislative ed emergenti criticità 1 1 Categoria: Eventi CNF0078 Contratti derivati over the counter: natura, struttura, clausole a rischio di nullità, meritevolezza Contratti derivati over the counter 2. Condotta dell intermediario nella negoziazione dei derivati regolamentati e over the counter 3. Dovere di organizzazione e situazione di conflitto di interessi 4. Profili contrattuali 5. Profili relativi alla condotta CNF0079 Che cosa è un contratto derivato: definizione economica Che cosa è un contratto derivato 2. Tipologia dei contratti derivati: future, forward, opzioni, swap IRS 3. Funzionamento di un derivato 4. Nozionale, up front, scadenze, commissioni implicite 5. I derivati OTC ed exchange traded 6. I derivati par e non par 7. Up front e commissioni occulte 8. Come individuare le commissioni occulte CNF0083 Aspetti tecnico- contabili dei derivati 1 1,33

5 1. Derivati e imprenditori 2. Derivati ed Enti pubblici 3. Si può parlare di truffa? CNF0084 La truffa ai danni degli Imprenditori e degli Enti pubblici Oggetto sociale della società stipulante il contratto derivato 2. Poteri degli amministratori 3. Contratti stipulati in violazione dell'oggetto sociale 4. Validità del contratto 5. Responsabilità degli amministratori e del collegio sindacale 6. La nozione di operatore qualificato e gli obblighi di informazione dell intermediario CNF0085 Oggetto sociale della società stipulante il contratto derivato Oggetto sociale della società stipulante il contratto derivato 2. Poteri degli amministratori 3. Contratti stipulati in violazione dell'oggetto sociale 4. Validità del contratto 5. Responsabilità degli amministratori e del collegio sindacale 6. La nozione di operatore qualificato e gli obblighi di informazione dell intermediario CNF0086 Derivati. Aspetti processuali: Atp conciliativo, ricorso di urgenza Aspetti processuali: Atp conciliativo, ricorso d urgenza 2. La giurisprudenza: i tre orientamenti di merito e la Cassazione, nuove prospettive 3. Le principali eccezioni 4. Le difese più ricorrenti delle banche 5. Le domande in causa, l onere della prova, il problema dell operatore qualificato 6. Aspetti legati alla transazione con la banca CNF0091 La perizia di parte a corredo della citazione in giudizio o della mediazione/transazione. Parte II La perizia di parte a corredo della citazione in giudizio 2. L adeguatezza, l idoneità, la convenienza del contratto 3. L appropriatezza del contratto 4. I costi della perizia CNF0092 La perizia di parte a corredo della citazione in giudizio o della mediazione/transazione. Parte I Perizia di parte a corredo della citazione in giudizio o della mediazione/transazione. 2. Documentazione da consultare ed allegare 3. Ricostruzione storica 4. I flussi finanziari 5. La struttura del derivato 6. I tassi tra le controparti 7. Le commissioni implicite CNF0145 Anatocismo bancario: interventi legislativi e giurisprudenziali 1 1 CNF0146 Anatocismo e usura nei rapporti bancari: Problematiche inerenti capitalizzazione degli interessi, CMS e prescrizione Esame della sentenza 24418/2010 delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione 2. Le problematiche relative al dies a quo della decorrenza del termine di prescrizione dell azione di ripetizione da parte del correntista 3. Le problematiche riguardanti le commissioni di massimo scoperto 4. Le clausole contrattuali di capitalizzazione degli interessi CNF0147 Anatocismo e usura nei rapporti bancari: effetto della prescrizione e delle rimesse extra fido sui ricalcoli peritali L anatocismo bancario: gli effetti sui ricalcoli peritali 2. L anatocismo bancario: la prescrizione 3. Le rimesse extra fido CNF0148 Anatocismo e usura nei rapporti bancari: criteri e modalità di ricalcolo, analisi di un quesito e accertamento dei tassi usurari Sviluppo di un quesito posto al CTU alla luce dei principi della sentenza 24418/2010 delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione 2. Analisi preliminare 3. Criteri e modalità di ricalcolo 4. L accertamento dei tassi usurari CNF0177 Opzioni: Funzionamento del mercato e metodi di valutazione Cosa sono le opzioni 2. Caratteristiche delle opzioni 3. Strategie con le opzioni 4. Opzioni esotiche e digitali CNF0186 Derivati: caratteristiche generali ed impieghi 1 1

6 1. I rischi dell attività imprenditoriale, I DERIVATI: caratteristiche e finalità GLI INTEREST RATE SWAP: nozioni, tipologia, valutazione; I DERIVATI: recenti sviluppi IL COLLOCAMENTO DI DERIVATI PRESSO IMPRESE ED ENTI LOCALI: modalità, termini e condizioni, asimmetria informativa e "operatore qualificato", up- front e swap non par 2. Le azioni delle Autorità di Vigilanza: le indagini della Consob e della Banca d?italia, le perdite subite da imprese ed Enti locali, funzioni, compiti e prerogative della Banca d?italia e della Consob 3. SWAP: NATURA ECONOMICA E RISVOLTI GIURIDICI: swap di copertura, swap con finalità speculative e swap di finanziamento 4. LA NOZIONE DI OPERATORE QUALIFICATO: Principi e comportamenti, protezione dell operatore economico, la specifica competenza ed esperienza, i doveri dell intermediario 5. Dottrina e giurisprudenza: l art. 31 del Regolamento Consob e la valutazione della professionalità ed esperienza, le posizioni assunte dai Tribunali e le recenti sentenze delle Corti d Appello di Venezia e Milano 6. SINTESI E CONCLUSIONI CNF0189 L'utilizzo dei derivati in una logica integrata attivo/passivo. Rischio contabile e rischio finanziario La buona fede e l abuso del diritto alla luce della sentenza Renault n / La rilevanza costituzionale della clausola generale della buona fede 3. Il rapporto di strumentalità tra abuso del diritto e buona fede 4. Gli elementi caratterizzanti la figura dell abuso del diritto 5. Sentenza Renault : un orientamento ormai consolidato? 6. I rapporti tra l abuso del diritto ed inesistenza del diritto 7. Una figura specifica dell abuso del diritto: l abuso del processo 8. L abuso del processo alla luce della sentenza 23726/2007 della Corte di Cassazione CNF0191 Strumenti finanziari derivati ed Enti locali: normativa, criticità e correttivi suggeriti dalla magistratura contabile in sede di controllo Funzione di controllo e giurisdizionale della Corte dei Conti 2. Decreto 389/03 3. Enti locali e derivati 4. Esempi di utilizzo dei derivati da parte degli Enti locali CNF0193 L'impiego dei derivati negli Enti Territoriali: polveriera o polverone? La stampa su Derivati ed Enti Locali 2. Obiettivi nell utilizzo dei derivati 3. Gli effetti delle operazioni con derivati effettuate da BNL 4. Conclusioni CNF0198 Strumenti finanziari derivati: il quadro normativo e gli aspetti scrutinati dalla magistratura ordinaria 1 1 CNF0201 Principali elementi di contestazione dei contratti derivati collocati presso le imprese: normativa e contenzioso - Strumenti derivati e giudizio di responsabilità amministrativo erariale 2 2 CNF0202 Swap: Funzionamento del mercato e metodi di valutazione 1 1 Categoria: Pacchetti completi CNF0211 Pacchetto Deontologia 1-5 crediti formativi 5 5 CNF0212 Pacchetto Deontologia 2-5 crediti formativi 5 5,12 CNF0213 Pacchetto Diritto Penale e Penale Europeo - 10 crediti formativi 10 10,62 CNF0214 Pacchetto Civile 1-15 crediti formativi 15 15,5 CNF0215 Pacchetto Civile 2-20 crediti formativi CNF0216 Pacchetto Civile 3-25 crediti formativi 25 25,12 Categoria: Previdenza CNF0227 La sfida di Cassa Forense: sostenibilità finanziaria e sostenibilità sociale 2 2

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO DEBT RESTRUCTURING AND BANKRUPTCY ALERT Febbraio 2012 LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Negli ultimi mesi i giornali hanno parlato molto di due interventi legislativi

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14)

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Curriculum in Consulente del lavoro PIANO DI STUDIO COORTE DI RIFERIMENTO A.A. 2014-2015 I anno II anno IUS 01 - Istituzioni

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE Protocollo PCT di Reggio Emilia 1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE 1.1 Premessa Per effetto dell art.16 bis, 3 comma, del D.L. n.179/2012, conv. con modifiche nella L. 24.12.2012, n. 228 e dell'art. 44

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Transazione fiscale e composizione della crisi da sovraindebitamento Evoluzione normativa e giurisprudenziale

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Transazione fiscale e composizione della crisi da sovraindebitamento Evoluzione normativa e giurisprudenziale CIRCOLARE N. 19/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 6 maggio 2015 OGGETTO: Transazione fiscale e composizione della crisi da sovraindebitamento Evoluzione normativa e giurisprudenziale

Dettagli

Rivoluzione nella conciliazione e arbitrato in materia di lavoro Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano

Rivoluzione nella conciliazione e arbitrato in materia di lavoro Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Il parere del Consulente Rivoluzione nella conciliazione e arbitrato in materia di lavoro Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Nel Collegato un importante riconoscimento del ruolo della categoria

Dettagli

Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI

Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRENTO TRIBUNALE CIVILE DI TRENTO Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI FORMA DEL PIGNORAMENTO L atto di pignoramento deve contenere l avvertimento al debitore che, se intende

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Commissione Protocolli. Regola n. 17 I mutui bancari e le clausole vessatorie

Commissione Protocolli. Regola n. 17 I mutui bancari e le clausole vessatorie Commissione Protocolli Regola n. 17 I mutui bancari e le clausole vessatorie In caso di contratti di finanziamento tra Istituti di Credito e soggetti qualificabili come "consumatori", il Notaio, pur in

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan-

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan- Civile Sent. Sez. 1 Num. 26065 Anno 2014 Presidente: SALVATORESALVAGO Relatore: Data pubblicazione: SENTENZA sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA GRAZIA Elettivamente

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

LEGGE 10 novembre 2014, n. 162

LEGGE 10 novembre 2014, n. 162 LEGGE 10 novembre 2014, n. 162 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 132, recante misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Page 1 of 16 DECRETO-LEGGE 12 settembre 2014, n. 132 Misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione dell'arretrato in materia di processo civile. (14G00147) (GU n.212

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli