Compendio sui contratti derivati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Compendio sui contratti derivati"

Transcript

1

2 MASSIMILIANO ELIA ILARIA MOLINARI Compendio sui contratti derivati Un faro sugli interest rate swap Editrice Le Fonti Milano

3 Tutti i diritti sono riservati. È vietata la riproduzione e la distribuzione anche parziale e con qualsiasi strumento del presente prodotto editoriale senza previo consenso scritto dell Editore. Tutte le informazioni riportate sono state verificate nel migliore dei modi dall autore e dall editore. Tuttavia entrambi declinano la responsabilità per eventuali ed involontari errori. Le opinioni ed i punti di vista non necessariamente coincidono e rispecchiano quelli dell autore e/o dell editore. ISBN Prima edizione Copyright 2009 Editrice Le Fonti S.r.l. Via Raimondo Franchetti, Milano Tel r.a. Fax

4 INDICE Hanno detto VII Introduzione IX Capitolo 1 Contratti derivati Irs: natura, contenuto, casi. a. Interest rate swap: definizione e finalità finanziaria 1 Un percorso che parte da lontano 3 b. I parametri contrattuali 5 Importo di riferimento e durata 5 Tassi, calcolo e periodo degli interessi dare/avere 5 c. La misura del fenomeno derivati in Italia 6 d. L amministrazione pubblica e l azienda: 7 due casi per un intero sistema Il comune di Milano 7 L azienda Bull Automation srl 9 Capitolo 2 La dichiarazione di operatore qualificato : uso e abuso da parte degli intermediari. a. L articolo 31 del Regolamento Consob: 11 contenuto, specificità, necessità. b. Interpretazione della giurisprudenza 13 Orientamento ambrosiano 13 Orientamento piemontese 14 Orientamento scaligero, la quarta 15 via e la soluzione trentina Capitolo 3 Le novità normative della direttiva Mifid a. La best execution e le specifiche sui derivati Otc 17 b. La classificazione dei clienti 19 c. La verifica dei requisiti di professionalità 22 III

5 Compendio sui contratti derivati Capitolo 4 Adeguatezza e appropriatezza dell operazione di investimento in strumenti derivati a. Regolamento Consob 11522/98 25 b. La direttiva Mifid e il Regolamento Consob 16190/07 26 c. La comunicazione Consob n Capitolo 5 Responsabilità contrattuale e precontrattuale dell intermediario. a. Obbligo di informazione 31 b. Violazione dei doveri comportamentali 33 c. Risoluzione del contratto 37 d. Risarcimento del danno 40 Capitolo 6 Rimedi a disposizione dei clienti a. Nullità 43 b. Vizi della volontà 47 c. Errore essenziale 48 Capitolo 7 Onere della prova e nesso di causalità a. Natura della responsabilità dei servizi di investimento 51 b. La specifica diligenza 53 c. Concorso di colpa 54 Capitolo 8 Rimodulazioni del derivato ed effetti per clienti e banca a. Upfront e i suoi effetti 57 b. Informazioni obbligatorie nella rimodulazione 58 del contratto e leva finanziaria c. Aumento del nozionale e durata del contratto 59 IV

6 Indice Capitolo 9 Prese di posizione della recente giurisprudenza e della dottrina italiana a. Cassazione S.U. 19 dicembre b. Massimario 65 Capitolo 10 Azione e reazione delle Autorità di controllo a. La Consob 70 Comunicazione b. La Banca d Italia 73 c. La Corte dei Conti 75 d. Il regolamento del Ministero dell Economia 77 Capitolo 11 Nella giungla dei termini: vademecum 81 Capitolo 12 Allegati 87 Bibliografia 95 V

7

8 HANNO DETTO Warren Buffet I derivati? Un arma di distruzione di massa che pone rischi mega catastrofici per i mercati finanziari. 4 marzo 2003 Domenico Siniscalco I derivati, a volte, assomigliano a droghe pesanti 24 marzo 2004 Massimo Tezzon, direttore generale Consob è verosimile che gli enti locali non siano in grado di valutare la correttezza del pricing delle clausole più complesse 30 ottobre 2007 Mario Draghi, Governatore di Banca d Italia Le operazioni in derivati devono essere riservate a una clientela qualificata e accompagnate da massima trasparenza... Carenze su questo fronte possono recare gravi danni alla reputazione di una banca I derivati sono utili per gestire determinati rischi finanziari; non devono essere usati per migliorare temporaneamente i flussi di cassa abbassando gli oneri, in modo non trasparente, alle amministrazioni future. 30 ottobre 2007 I derivati sono strumenti innovativi per il trasferimento del rischio ma anche armi a doppio taglio la trasparenza richiede una drastica semplificazione e standardizzazione dei contratti per assicurare corretti incentivi, almeno nel caso dei derivati di credito, una parte del rischio deve restare in modo esplicito a carico dellʹoriginator 20 ottobre 2008 VII

9

10 INTRODUZIONE Questo compendio sugli strumenti finanziari derivati è stata una sfida interessante. Abbiamo voluto spiegare cosa sono questi prodotti, come funzionano e soprattutto le conseguenze che hanno portato sul mercato italiano alle imprese e agli enti locali che li hanno acquistati. E lo abbiamo fatto nel momento in cui si fa un gran parlare di derivati, delle inchieste aperte da Procure della Repubblica e delle denunce presentate dagli avvocati che cercano di difendere i loro assistiti (imprese o enti locali) che sono rimasti scottati dai prodotti swap, come vengono definiti in gergo finanziario. La nostra analisi si è focalizzata su un particolare tipo di strumenti derivati: gli Interest rate swap, ovvero gli swap sui tassi di interesse. E non a caso. L ultima rilevazione della Banca d Italia sottolinea come il 73% di contratti swap che vengono negoziati su mercati non regolamentati (la maggioranza) siano proprio interest rate. Si tratta di contratti venduti a imprese ed enti locali a copertura dal rialzo dei tassi di interesse, una situazione che avrebbe potuto generare nel lungo periodo problemi di squilibri di bilancio ai soggetti stessi. Alle imprese perché indebitate per l acquisto di immobili o altri beni strumentali all azienda. A Regioni, Province, Comuni perennemente esposte con il mondo finanziario per esigenze di spesa pubblica. Il punto è che gli Interest rate swap sono prodotti piazzati da banche e finanziare senza alcun apparente intento speculativo, ma che in realtà in molti casi si sono rivelati una trappola. Pericolosa. Perché il modo in cui erano stati concepiti e strutturati ha evidenziato lacune in termini di trasparenza, un intento speculativo in termini di modalità di calcolo delle voci dare/avere, forti perdite di bilancio per i clienti in termini di risultato. Sono sotto osservazione (e anche oggetto di indagine) molti contratti interest rate swap: secondo l indagine svolta a maggio del 2009 da Il Sole24Ore sui dati della Banca d Italia, nell ultimo trimestre del 2008 solo le banche italiane vantavano crediti nei confronti di imprese, enti locali, famiglie produttrici e private riconducibili a contratti derivati in essere per 47,44 miliardi di euro, l importo più alto dal Sono le aziende che hanno sottoscritto swap, con perdite potenziali per 7 miliardi di euro e che, per questo motivo, sono state segnalate immediatamente alla Centrale Rischi della Banca d Italia. Con una conseguenza su tutte: il peggioramento del giudizio di merito dell azienda e delle possibilità di ripagare il suo debito (rating). E la preclusione, in molti casi, di nuovo accesso al credito. IX

11 Compendio sui contratti derivati Gli enti locali coinvolti con contratti swap sono invece 530 comuni, 44 Province, 18 Regioni esposti fino a giugno del 2008, per importi di riferimento pari a 35,6 miliardi di euro. La Guardia di Finanza a giugno del 2009 ha comunicato di aver aperto 24 indagini diverse tra gennaio del 2008 e maggio del 2009 sull uso di strumenti derivati di cui 16 per truffa, appropriazione indebita e falso in bilancio su 44 enti di cui 41 comuni, due regioni e una provincia oltre a Poste Italiane. Sotto l occhio (abbastanza) vigile di Procure della Repubblica, Guardia di finanza, Magistratura, Autority per la tutela della borsa e dei mercati finanziari (Consob), Corte dei Conti e Banca d Italia sono finite le modalità di vendita di questi prodotti da parte di banche e di altri intermediari, la disinvoltura con cui hanno trattato indifferentemente i clienti come operatori qualificati ponendoli sul loro stesso piano in termini di conoscenze e dunque di tutela, la complessità con cui hanno strutturato il contratto rendendone quasi impossibile la comprensione anche agli stessi addetti ai lavori. E alterandone, dunque, la natura di difesa dell equilibrio di bilancio (e dunque dell azienda o dell ente pubblico stesso) per far posto a intenti puramente speculativi. La giurisprudenza, mentre questo compendio andava in stampa, continuava a fare il suo corso. La materia è viva e in continuo aggiornamento. Alcuni istituti di credito sono stati sanzionati, altri stanno aspettando gli esiti delle indagini. È anche per questo motivo che questo compendio non pretende di essere totalmente esaustivo su materie riguardo le quali solo le sentenze dei Tribunali avranno valore assoluto, ma vuole cercare di fissare dei puntichiave che professionisti, addetti ai lavori e responsabili del mondo imprenditoriale italiano possano tenere bene in mente. Perché se i contratti derivati Interest rate swap sono stati usati finora in modo forse sbagliato, alterandone la reale natura che sottende la loro funzione, non è detto che questo debba accadere ancora in futuro. Con la speranza di essere riusciti a spiegare che tipo di prodotti sono, come funzionano, le novità normative introdotte nel mondo del risparmio anche per cercare di sanare lacune troppo profonde in materia, i diritti e i rimedi che possono essere messi in campo da chi è stato danneggiato dal loro uso, gli abusi del mondo finanziario nel venderli a clienti a volte impreparati ad utilizzarli e il modo con cui le Autorità di vigilanza sul mercato stanno reagendo, lasciamo a voi il giudizio su questo compendio. Con l ambizione di aver fatto chiarezza su quanto già è apparso evidente. A noi e a chi, gli Interest rate swap, li ha conosciuti da vicino. Ed è rimasto scottato. GLI AUTORI X

12

INDICE. Prefazione... Introduzione...

INDICE. Prefazione... Introduzione... Prefazione... Introduzione... V IX CAPITOLO I I SERVIZI E LE ATTIVITAv DI INVESTIMENTO 1.1. Servizi ed attività di investimento, strumenti finanziari e prodotti finanziari..... 2 1.2. Servizi accessori....

Dettagli

La responsabilità degli intermediari finanziari

La responsabilità degli intermediari finanziari La responsabilità degli intermediari finanziari Mondovì 9.11.2012 Avv. Luigi Dentis Indice dell intervento Le fonti normative e regolamentari Responsabilità per nullità dell ordine Responsabilità per violazione

Dettagli

INDICE. Pag. Introduzione... 1

INDICE. Pag. Introduzione... 1 INDICE Introduzione... 1 CAPITOLO PRIMO PREMESSA: INSUFFICIENZE DEL MERCATO E CRISI DELLE REGOLE 1.1. Architettura istituzionale e market failures: introduzione al problema... 9 1.2. Cultura di impresa

Dettagli

Catalogo SYSTEM SERVICE MAGGIO 2014 Area: Avvocati ON LINE

Catalogo SYSTEM SERVICE MAGGIO 2014 Area: Avvocati ON LINE Catalogo SYSTEM SERVICE MAGGIO 2014 Area: Avvocati ON LINE Categoria: A.2.1: Principi generali CNF0361 Il Codice Deontologico Categoria: D.7.7: Accertamento dell'imposta, controllo formale e liquidazione

Dettagli

Strumenti finanziari derivati ed enti locali

Strumenti finanziari derivati ed enti locali Strumenti finanziari derivati ed enti locali Torino, 17 aprile 2008 Lorenzo Ferreri Pagina 1 di 28 Sommario Definizioni Operatività Tipologie Interest Rate Swap IRS Normativa Classificazione operatori

Dettagli

IL BILANCIO DELLE IMPRESE ALLA LUCE DEI NUOVI IAS/IFRS

IL BILANCIO DELLE IMPRESE ALLA LUCE DEI NUOVI IAS/IFRS COLLANA FINANZAEDIRITTO Rosita Donzì IL BILANCIO DELLE IMPRESE ALLA LUCE DEI NUOVI IAS/IFRS AGGIORNATO ALLA FINANZIARIA 2008 Rosita Donzì Il bilancio delle imprese alla luce dei nuovi IAS/IFRS Editore

Dettagli

IL RAPPORTO BANCA - IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA 2

IL RAPPORTO BANCA - IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA 2 COLLANA FINANZAEDIRITTO Camillo Marcolini IL RAPPORTO BANCA - IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA 2 AGGIORNATO ALLA FINANZIARIA 2008 Camillo Marcolini Il rapporto banca impresa alla luce di Basilea 2 Editore

Dettagli

LA TUTELA CAUTELARE IN TEMA DI MARCHI E DI CONCORRENZA SLEALE

LA TUTELA CAUTELARE IN TEMA DI MARCHI E DI CONCORRENZA SLEALE COLLANA FINANZAEDIRITTO Davide Cesiano LA TUTELA CAUTELARE IN TEMA DI MARCHI E DI CONCORRENZA SLEALE AGGIORNATO ALLA FINANZIARIA 2008 Davide Cesiano La tutela cautelare in tema di marchi e di concorrenza

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone)

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... Introduzione... XIII XV Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) 1. Aspetti

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 998 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ANGELA NAPOLI Disposizioni per la tutela dei risparmiatori e istituzione del Fondo di garanzia

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Introduzione... 1

INDICE SOMMARIO. Introduzione... 1 SOMMARIO Introduzione... 1 CAPITOLO 1 I SERVIZI E LE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO 1. L elenco dei servizi (e delle attività) di investimento... 9 2. Gli strumenti finanziari... 10 3. La nozione di prodotto

Dettagli

Strumento finanziario derivato. Contratto derivato su tassi d interesse

Strumento finanziario derivato. Contratto derivato su tassi d interesse Scheda Prodotto Interest Rate Swap (IRS) ed IRS Multifase (IRSM) IMPORTANTE: Le caratteristiche del prodotto sotto riportato hanno pura finalità informativa e non riportano né approfondiscono tutti gli

Dettagli

INDICE I CONTRATTI E LE CONDOTTE

INDICE I CONTRATTI E LE CONDOTTE INDICE Introduzione. Speculazione e prudenza, di ANGELO DOLMETTA......... XIII I CONTRATTI E LE CONDOTTE DANIELE MAFFEIS L UFFICIO DI DIRITTO PRIVATO DELL INTERMEDIARIO E IL CONTRATTO DERIVATO OVER THE

Dettagli

DELIBERAZIONE n.26/2008

DELIBERAZIONE n.26/2008 Repubblica Italiana la Corte dei Conti Sezione regionale di controllo per il Molise nell adunanza del 21 aprile 2008 *********** composta dai magistrati: dott. Mario Casaccia dott. ssa Patrizia Ferrari

Dettagli

IL TRUST: COMPARAZIONE TRA LA PROPRIETA CIVILE E LA PROPRIETA DEL TRUSTEE

IL TRUST: COMPARAZIONE TRA LA PROPRIETA CIVILE E LA PROPRIETA DEL TRUSTEE COLLANA FINANZAEDIRITTO Giusi Fortunato IL TRUST: COMPARAZIONE TRA LA PROPRIETA CIVILE E LA PROPRIETA DEL TRUSTEE AGGIORNATO ALLA FINANZIARIA 2008 Giusi Fortunato Il trust: comparazione tra la proprietà

Dettagli

Consiglio Superiore della Magistratura Ordine dei dottori commercialisti e esperti contabili di Trieste Ordine degli avvocati di Trieste

Consiglio Superiore della Magistratura Ordine dei dottori commercialisti e esperti contabili di Trieste Ordine degli avvocati di Trieste Incontro di studio su Gli strumenti finanziari derivati: profili di tutela tra aspetti economici e questioni giuridiche Trieste, 14 maggio 2010 Consiglio Superiore della Magistratura Ordine dei dottori

Dettagli

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; Pm (conforme) Destro. LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE OMISSIONE DELLA COMUNICAZIONE DEI

Dettagli

Gli strumenti derivati sono utilizzati nel mondo finanziario con specifiche finalità:

Gli strumenti derivati sono utilizzati nel mondo finanziario con specifiche finalità: I prodotti derivati I derivati. Una definizione. Per strumenti finanziari derivati si intende un ampia famiglia di prodotti finanziari che, pur essendo molto diversi tra loro, possiedono una peculiarità

Dettagli

Violazione dell obbligo di astensione e nesso di causalità

Violazione dell obbligo di astensione e nesso di causalità SOSTANZA E RIGORE NELLA GIURISPRUDENZA AMBROSIANA DEL CONFLITTO DI INTERESSI DANIELE MAFFEIS La presente nota è redatta per la rivista Corriere Giuridico ed è ivi in corso di pubblicazione. Violazione

Dettagli

MILANO, VENERDI 14, SABATO 15 OTTOBRE 2011 Hotel Gran Visconti Palace - Viale Isonzo, 14 - Milano A.F.A.P.

MILANO, VENERDI 14, SABATO 15 OTTOBRE 2011 Hotel Gran Visconti Palace - Viale Isonzo, 14 - Milano A.F.A.P. MILANO, VENERDI 14, SABATO 15 OTTOBRE 2011 Hotel Gran Visconti Palace - Viale Isonzo, 14 - Milano A.F.A.P. ASSOCIAZIONE PER LA FORMAZIONE e L AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN COLLABORAZIONE CON ASSO CTU

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Aggiornamenti al documento Edizione Descrizione Settembre 2008 Approvata dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 25/9/2008

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Aggiornamenti al documento Edizione Descrizione Settembre 2008 Approvata dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 25/9/2008

Dettagli

Trasparenza, bisogno di credito, utilizzo eterodosso dei derivati

Trasparenza, bisogno di credito, utilizzo eterodosso dei derivati Trasparenza, bisogno di credito, utilizzo eterodosso dei derivati Avv. Matteo Zambelli Camera Civile Veneziana Venezia - Mestre, 28 Aprile 2010 Gli strumenti finanziari derivati Se l operazione nonostante

Dettagli

La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie

La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie Padova, 18 giugno 2010 Aiga, Sezione di Padova Le regole di comportamento nella distribuzione dei prodotti finanziari emessi

Dettagli

Indebitamento sottostante

Indebitamento sottostante Indebitamento sottostante Copertura Specifica Copertura Generica Alta correlazione con sottostante Bassa correlazione con sottostante Annullamento rischio di mercato (es. tasso) Persistono rischi di mercato

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte generale... pag. 1. Capitolo I La responsabilità (F. Martini)...» 3

INDICE SOMMARIO. Parte generale... pag. 1. Capitolo I La responsabilità (F. Martini)...» 3 Indice sommario 1.1 INDICE SOMMARIO Parte generale...................... pag. 1 Capitolo I La responsabilità (F. Martini)............» 3 1.1. Gli elementi costitutivi della responsabilità.............»

Dettagli

COMUNE di ORISTANO. Settore Programmazione e Gestione delle Risorse

COMUNE di ORISTANO. Settore Programmazione e Gestione delle Risorse COMUNE di ORISTANO COMUNI de ARISTANIS Settore Programmazione e Gestione delle Risorse NOTA SUI DERIVATI (allegato al rendiconto di gestione 2014 - art. 1 comma 383 Legge 244/2007) La presente nota è allegata

Dettagli

Luglio 2015. Le azioni delle banche non quotate: problematiche e possibili soluzioni

Luglio 2015. Le azioni delle banche non quotate: problematiche e possibili soluzioni Luglio 2015 Le azioni delle banche non quotate: problematiche e possibili soluzioni Avv. Massimo Cerniglia, coordinatore area legale nazionale Federconsumatori 1. Lo scenario in cui si è realizzato negli

Dettagli

Le somme illegittimamente addebitate dalle banche si possono recuperare

Le somme illegittimamente addebitate dalle banche si possono recuperare Le somme illegittimamente addebitate dalle banche si possono recuperare IL NOME ANTARES TRAE ORIGINE DALLA STELLA PIÙ LUMINOSA DELLA COSTELLAZIONE DELLO SCORPIONE, PARTE DELL ASSOCIAZIONE STELLARE SCORPIUS-CENTAURUS,

Dettagli

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza Modalità, Organizzazione e Procedure Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE A PREMESSA...2 1. Normativa di riferimento...2 D APPROPRIATEZZA...4

Dettagli

Deliberazione n. 196 /2008

Deliberazione n. 196 /2008 Deliberazione n. 196 /2008 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: Dott. Nicola Mastropasqua Dott. Giorgio Cancellieri Dott. Giuliano

Dettagli

Avvocato Massimiliano Elia relazione del 26-11-2014

Avvocato Massimiliano Elia relazione del 26-11-2014 Nozione di strumento finanziario derivato: L'art. 1 III comma del T.U.F., stabilisce che per strumenti finanziari derivati si intendono quelli individuati al comma II lettere d,e,f,g,h,i,j. Per strumenti

Dettagli

PUBBLICAZIONI IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA

PUBBLICAZIONI IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA VALERIO SANGIOVANNI PUBBLICAZIONI IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA (aggiornamento: marzo 2009) Avv. e RA Valerio Sangiovanni Tel.: 0039 / 349 / 64 65 142 Via Spinola 5 Fax: 0039 / 02 / 43 91 24

Dettagli

MiFID POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

MiFID POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA MiFID POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Documento approvato dal C.d.A. del 19/12/2014 Sommario 1. Premessa...3 2. Criteri Di Classificazione Statica Della Clientela...5 2.1. Controparti Qualificate...5

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

1. È configurabile un obbligo per l intermediario di comunicare all investitore i prezzi di carico dei diritti d opzione?

1. È configurabile un obbligo per l intermediario di comunicare all investitore i prezzi di carico dei diritti d opzione? NON CORRETTA QUANTIFICAZIONE DA PARTE DELL INTERMEDIARIO DEI PREZZI DI CARICO DEI DIRITTI D OPZIONE RELATIVI AD UN AUMENTO DI CAPITALE DI SOCIETÀ QUOTATA: RESPONSABILITA INTERMEDIARIO Il sig. [ ] Tizio,

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini TITOLO ABSTRACT AUTORE CONTATTO DI RIFERIMENTO TIPOLOGIA CORRELAZIONI CON ALTRI DOCUMENTI LOCALIZZAZIONE UTENTI DI RIFERIMENTO Strategia di esecuzione

Dettagli

SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI

SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI maggio 2007 SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI INTRODUZIONE La MiFID (Markets in Financial Instruments Directive) affronta in modo globale la disciplina

Dettagli

DERIVATI: CONTRATTO NULLO SOLO SE MANCA L ALEA PER IL CLIENTE

DERIVATI: CONTRATTO NULLO SOLO SE MANCA L ALEA PER IL CLIENTE DERIVATI: CONTRATTO NULLO SOLO SE MANCA L ALEA PER IL CLIENTE L ALEA È ASSENTE SOLO SE STRUTTURALMENTE È IMPOSSIBILE UN RISULTATO FAVOREVOLE AL LA MASSIMA CLIENTE (Nota a Trib. Napoli, dott. Ciro Caccaviello,

Dettagli

INDICE. Parte I L ORGANIZZAZIONE PUBBLICA E LA VIGILANZA

INDICE. Parte I L ORGANIZZAZIONE PUBBLICA E LA VIGILANZA INDICE Premessa del curatore alla terza edizione...................... Notizie sugli autori..................................... XVII XIX Parte I L ORGANIZZAZIONE PUBBLICA E LA VIGILANZA Capitolo I PRINCIPI

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI 1. Definizioni Strategia di Esecuzione o anche semplicemente Strategia : le misure, i meccanismi e le procedure adottate da MPS Capital Services - Banca

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo I IL MERCATO FINANZIARIO

INDICE SOMMARIO. Capitolo I IL MERCATO FINANZIARIO INDICE SOMMARIO Premessa... XVII Introduzione... XIX Capitolo I IL MERCATO FINANZIARIO 1. Il concetto di mercato... 1 2. Segmenti tradizionali del mercato finanziario e l attenuarsi del significato della

Dettagli

Parte Prima IL CONTRATTO

Parte Prima IL CONTRATTO INDICE SOMMARIO Presentazione... V Introduzione di Francesco Capriglione 1. Un progetto di ricerca su «contratto e mercato»... 1 2. Asimmetrie informative del mercato...... 5 3. (Segue):... e funzione

Dettagli

La nuova regolamentazione dei contratti derivati Frascati, Villa Tuscolana, 23 ottobre 2010 Seminario L innovazione nei territori La nuova classe

La nuova regolamentazione dei contratti derivati Frascati, Villa Tuscolana, 23 ottobre 2010 Seminario L innovazione nei territori La nuova classe La nuova regolamentazione dei contratti derivati Frascati, Villa Tuscolana, 23 ottobre 2010 Seminario L innovazione nei territori La nuova classe dirigente Fondazione Fare Futuro Fondazione Glocus Gestione

Dettagli

Gli obblighi informativi del franchisor

Gli obblighi informativi del franchisor Gli obblighi informativi del franchisor La fase precedente la conclusione del contratto di franchising è particolarmente delicata, e per tale motivo ha costituito oggetto di attenta regolamentazione, sia

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Tipo: Normativa Pagina: 1/18 POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Oggetto Redatto da Validato da Approvazione Data approvazione Policy di Classificazione della clientela della Banca Alpi Marittime

Dettagli

Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale

Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale 29 agosto 2008 Vito Meloni - Dottore Commercialista e Revisore 1 Scaletta intervento: La responsabilità del Revisore; I presupposti di danno erariale; Fattispecie

Dettagli

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (Testo Unico della Finanza) Il valore dello strumento deriva (dipende)

Dettagli

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi MiFID review: scenari e prospettive Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi AGENDA MiFID I: ricapitoliamo MiFID review: le ragioni MiFID review: le novità MiFID review: stato dell arte 2 MiFID I: ricapitoliamo

Dettagli

INDICE EMITTENTI. 2. INDIVIDUAZIONE DELLE MODALITÀ DI NOMINA CON VOTO DI LISTA DEI COMPONENTI L ORGANO DI CONTROLLO di Francesco Saverio Martorano

INDICE EMITTENTI. 2. INDIVIDUAZIONE DELLE MODALITÀ DI NOMINA CON VOTO DI LISTA DEI COMPONENTI L ORGANO DI CONTROLLO di Francesco Saverio Martorano Introduzione, di Francesco Capriglione... XIII EMITTENTI 1. DETERMINAZIONE DELLA QUOTA DI PARTECIPAZIONE PER LA PRESENTAZIONE DELLE LISTE PER LA NOMINA DEGLI AMMINISTRATORI di Andrea Zoppini 1. Il voto

Dettagli

LA REVISIONE DELLA MIFID TRA TUTELA DELL INVESTITORE E NUOVE NORME PER IL MERCATO

LA REVISIONE DELLA MIFID TRA TUTELA DELL INVESTITORE E NUOVE NORME PER IL MERCATO LA REVISIONE DELLA MIFID TRA TUTELA DELL INVESTITORE E NUOVE NORME PER IL MERCATO Milano, Spazio Chiossetto, Via Chiossetto 20 mercoledì 28 e giovedì 29 maggio 2014 In collaborazione con DESTINATARI Il

Dettagli

Sul tema: F. Sartori, Le regole di condotta degli intermediari finanziari. Disciplina e forme di tutela, Giuffrè, 2004.

Sul tema: F. Sartori, Le regole di condotta degli intermediari finanziari. Disciplina e forme di tutela, Giuffrè, 2004. Cassazione civile, sez. I, 25 giugno 2008, n. 17340: Il concetto di informazione adeguata e l ambito applicativo della regole di adeguatezza (suitability rule) Ai sensi del Testo Unico delle disposizioni

Dettagli

AIFI. CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO per Investment Companies di private equity (contenuto minimo)

AIFI. CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO per Investment Companies di private equity (contenuto minimo) AIFI ASSOCIAZIONE ITALIANA DEL PRIVATE EQUITY E VENTURE CAPITAL CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO per Investment Companies di private equity (contenuto minimo) Indice LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DEL PRESENTE

Dettagli

SOMMARIO. Capitolo 1 - Dal contratto di assicurazione ai prodotti finanziari emessi da imprese di assicurazione di Laura Mazzuoccolo

SOMMARIO. Capitolo 1 - Dal contratto di assicurazione ai prodotti finanziari emessi da imprese di assicurazione di Laura Mazzuoccolo SOMMARIO Elenco Autori... Abbreviazioni... V VII Introduzione... 1 di Luca Zitiello Capitolo 1 - Dal contratto di assicurazione ai prodotti finanziari emessi da imprese di assicurazione di Laura Mazzuoccolo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. TRIBUNALE di CUNEO SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. TRIBUNALE di CUNEO SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE di CUNEO Il Tribunale, nella persona del Giudice d.ssa ROBERTA BONAUDI ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile di I Grado iscritta

Dettagli

NUMERICA PUBBLICITÀ S.R.L.

NUMERICA PUBBLICITÀ S.R.L. NUMERICA PUBBLICITÀ S.R.L. CODICE ETICO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE: FEBBRAIO 2007 DOCUMENTO AGGIORNATO A: MARZO 2009 Pag. 2/23 INDICE 1 Premesse 4 2 Obiettivo 6 3 Struttura del Codice Etico

Dettagli

Decisione N. 2075 del 07 aprile 2014

Decisione N. 2075 del 07 aprile 2014 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) GRECO Membro designato

Dettagli

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE)

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Le principali novità introdotte con il recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Direttiva 2004/39/CE ( dirett. di 1 livello ) Markets in Financial Instruments Directive o MiFID Direttiva 2006/73/CE

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini TITOLO ABSTRACT AUTORE CONTATTO DI RIFERIMENTO TIPOLOGIA CORRELAZIONI CON ALTRI DOCUMENTI LOCALIZZAZIONE UTENTI DI RIFERIMENTO Strategia di esecuzione

Dettagli

VENDITA DI COSA ALTRUI. CONTRATTO PRELIMINARE DI VEN- DITA

VENDITA DI COSA ALTRUI. CONTRATTO PRELIMINARE DI VEN- DITA 191 ARGOMENTO VENDITA DI COSA ALTRUI. CONTRATTO PRELIMINARE DI VEN- DITA 1. Traccia Tizio, dopo aver preso contatto con Caio, intenzionato ad acquistare un immobile, che crede di Tizio, ma che in realtà

Dettagli

LA REVISIONE DELLA MIFID TRA TUTELA DELL INVESTITORE E NUOVE NORME PER IL MERCATO

LA REVISIONE DELLA MIFID TRA TUTELA DELL INVESTITORE E NUOVE NORME PER IL MERCATO LA REVISIONE DELLA MIFID TRA TUTELA DELL INVESTITORE E NUOVE NORME PER IL MERCATO Milano, Spazio Chiossetto, Via Chiossetto 20 mercoledì 28 e giovedì 29 maggio 2014 In collaborazione con DESTINATARI Il

Dettagli

LA RESPONSABILITA DEL PROMOTORE FINANZIARIO

LA RESPONSABILITA DEL PROMOTORE FINANZIARIO . LA RESPONSABILITA DEL PROMOTORE FINANZIARIO Gorizia, 21 novembre 2014 Monica Damian mdamian@bancafideuram.it Albo PF n. 375088 1 QUADRO NORMATIVO DIRETTIVA MIFID 2004/39/CE D.lgs. 24-2-1998 n.58 Testo

Dettagli

Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo

Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo 1 Premessa Le modifiche in materia di Credito al Consumo sono volte: ad ampliare l ambito di applicazione della disciplina contenuta nel Testo Unico Bancario

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Abbreviazione delle principali riviste...

INDICE SOMMARIO. Abbreviazione delle principali riviste... INDICE SOMMARIO Abbreviazione delle principali riviste... XI Capitolo 1 AGENZIA E DISTRIBUZIONE COMMERCIALE. NORMATIVA ED ACCORDI ECONOMICI COLLETTIVI. LA DIRETTIVA CEE 86/653 1. La distribuzione commerciale...

Dettagli

Utilizzo strumentale della clausola statutaria simul stabunt simul cadent

Utilizzo strumentale della clausola statutaria simul stabunt simul cadent Utilizzo strumentale della clausola statutaria simul stabunt simul cadent L utilizzo della clausola simul stabunt simul cadent in un contesto che tende a realizzare la revoca anticipata di un dato amministratore

Dettagli

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29 00.romaneNadotti:Layout 1 25-09-2009 15:15 Pagina vi Gli Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore In questo volume... Il sito xiii xiv xvi xvii xxiii PARTE I Concetti fondamentali Capitolo 1 Il sistema

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Indice - Premessa...2 Il documento redatto dalla Banca di Credito Cooperativo dell Alto Reno relativo alla propria strategia di esecuzione e di trasmissione

Dettagli

LENZI & ASSOCIATI STUDIO LEGALE

LENZI & ASSOCIATI STUDIO LEGALE LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA DELLE BANCHE QUALI INTERMEDIARI FINANZIARI: GLI OBBLIGHI INFORMATIVI E DI PROFILATURA DELLA CLIENTELA DOPO LA MIFID CASTELLANZA 11 MARZO 2010 ROBERTO LENZI

Dettagli

LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DERIVATI: NOTE IN TEMA DI QUALIFICAZIONE GIURIDICA

LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DERIVATI: NOTE IN TEMA DI QUALIFICAZIONE GIURIDICA LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DERIVATI: NOTE IN TEMA DI QUALIFICAZIONE GIURIDICA 1) Cenni introduttivi Nella prassi gestoria dei contratti derivati Interest Rate Swap accade assai frequentemente di trovarsi

Dettagli

Luiss. L azione per danni da informazione non corretta sul mercato finanziario. Sabrina Bruno. Febbraio 2004 CERADI

Luiss. L azione per danni da informazione non corretta sul mercato finanziario. Sabrina Bruno. Febbraio 2004 CERADI Luiss Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli CERADI Centro di ricerca per il diritto d impresa L azione per danni da informazione non corretta sul mercato finanziario Sabrina

Dettagli

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari. Torniamo ai nostri lettori con una edizione del nostro Bollettino Informativo interamente dedicata alla nuova disciplina comunitaria che riguarda i mercati, gli strumenti finanziari ed i servizi di investimento:

Dettagli

Comunicato stampa Informazioni: +41 61 280 8188 press@bis.org www.bis.org

Comunicato stampa Informazioni: +41 61 280 8188 press@bis.org www.bis.org Comunicato stampa Informazioni: +41 61 280 8188 press@bis.org www.bis.org 10 dicembre 2012 Rassegna trimestrale BRI: le misure di policy e il calo dei rischi a breve trainano i mercati Nei tre mesi fino

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Alcuni strumenti finanziari particolari Alcuni strumenti proposti nel panorama internazionale Gli strumenti ai quali faremo riferimento sono: i financial

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO IL CONTRATTO DERIVATO LA NOZIONE, LA FUNZIONE, LA STORIA

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO IL CONTRATTO DERIVATO LA NOZIONE, LA FUNZIONE, LA STORIA XIII Prefazione alla prima edizione... Prefazione alla seconda edizione... Elenco delle principali abbreviazioni... IX XI XXI CAPITOLO PRIMO IL CONTRATTO DERIVATO LA NOZIONE, LA FUNZIONE, LA STORIA Guida

Dettagli

La Best Execution nel Mercato Obbligazionario: un caso pratico per il segmento retail. 3 2 1 MiFID! Direttore Generale TLX S.p.A.

La Best Execution nel Mercato Obbligazionario: un caso pratico per il segmento retail. 3 2 1 MiFID! Direttore Generale TLX S.p.A. La Best Execution nel Mercato Obbligazionario: un caso pratico per il segmento retail Milano, 27 marzo 2007 Alessandro Zignani 3 2 1 MiFID! Direttore Generale TLX S.p.A. 1 Agenda 1. Il mercato obbligazionario

Dettagli

CASSA RURALE PINETANA FORNACE E SEREGNANO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente

CASSA RURALE PINETANA FORNACE E SEREGNANO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CASSA RURALE PINETANA FORNACE E SEREGNANO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CASSA RURALE PINETANA FORNACE E SEREGNANO - Banca di Credito Cooperativo - Società Cooperativa

Dettagli

Indice per materia... IX Indice delle abbreviazioni... XVII Indice bibliografico... XXI Indice dei materiali... XXXV

Indice per materia... IX Indice delle abbreviazioni... XVII Indice bibliografico... XXI Indice dei materiali... XXXV Sommario Indice per materia... IX Indice delle abbreviazioni... XVII Indice bibliografico... XXI Indice dei materiali... XXXV PARTE PRIMA: CONSIDERAZIONI GENERALI... 1 1 Introduzione... 3 2 Definizione...

Dettagli

INDICE I SINTESI... 2 II PREMESSA... 2 III DISPOSIZIONI GENERALI... 2

INDICE I SINTESI... 2 II PREMESSA... 2 III DISPOSIZIONI GENERALI... 2 STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI IMPARTITI ALLA BANCA NAZIONALE DEL LAVORO S.P.A, GRUPPO BNP PARIBAS, DAI PROPRI CLIENTI AL DETTAGLIO E PROFESSIONALI INDICE I

Dettagli

TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE PRIMA CIVILE. Il Tribunale di Torino - sezione 1 civile SENTENZA. Contro

TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE PRIMA CIVILE. Il Tribunale di Torino - sezione 1 civile SENTENZA. Contro TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE PRIMA CIVILE Il Tribunale di Torino - sezione 1 civile in composizione monocratica ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile iscritta in primo grado al n.18076

Dettagli

- Prof. Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia. - Prof. Emanuele Lucchini Guastalla Membro designato dalla Banca d'italia

- Prof. Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia. - Prof. Emanuele Lucchini Guastalla Membro designato dalla Banca d'italia IL COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Antonio Gambaro Presidente (Relatore) - Prof. Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia - Prof. Emanuele Lucchini Guastalla

Dettagli

Perde tutti i propri averi in investimenti sbagliati. La banca risarcisce anche il lucro cessante Cassazione Sentenza n. 16674/2012 commento e testo

Perde tutti i propri averi in investimenti sbagliati. La banca risarcisce anche il lucro cessante Cassazione Sentenza n. 16674/2012 commento e testo Perde tutti i propri averi in investimenti sbagliati. La banca risarcisce anche il lucro cessante Cassazione Sentenza n. 16674/2012 commento e testo Studio legale law.it Ricco, ma incapace di gestire il

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI N B.4 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 10/12/2015 Data di efficacia: 14/12/2015 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 BEST EXECUTION...

Dettagli

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 GLI STRUMENTI DERIVATI Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Gli strumenti derivati Sono strumenti finanziari la cui esistenza e valutazione dipendono dal valore di un'altra attività chiamata sottostante che può

Dettagli

ISVAP - REGOLAMENTO n. 5 del 16 OTTOBRE 2006. Confronto parte formazione ed informativa all assicurato con bozza di regolamento del 4 agosto 2006

ISVAP - REGOLAMENTO n. 5 del 16 OTTOBRE 2006. Confronto parte formazione ed informativa all assicurato con bozza di regolamento del 4 agosto 2006 ISVAP - REGOLAMENTO n. 5 del 16 OTTOBRE 2006 Confronto parte formazione ed informativa all assicurato con bozza di regolamento del 4 agosto 2006 Parte I - Disposizioni di carattere generale Art. 2 - (Definizioni)

Dettagli

La Direttiva Mifid. Principali novità e procedure di adeguamento. Avv. Fabio Civale Milano, 17 aprile 2007

La Direttiva Mifid. Principali novità e procedure di adeguamento. Avv. Fabio Civale Milano, 17 aprile 2007 La Direttiva Mifid Principali novità e procedure di adeguamento Milano, 17 aprile 2007 1 Linea dell intervento A. La Direttiva MIFID B. Regole di condotta e categorie di clientela C. Valutazione di adeguatezza

Dettagli

http://www.newsoftsrl.it

http://www.newsoftsrl.it Applicazione software per la Consulenza Finanziaria secondo la normativa MiFID http://www.newsoftsrl.it 1 MiFid Markets in Financial Instruments Directive MiFid e' la direttiva 2004/39/Ce relativa ai mercati

Dettagli

La vigilanza sull attività di gestione collettiva del risparmio

La vigilanza sull attività di gestione collettiva del risparmio La vigilanza sull attività di gestione collettiva del risparmio Roma 24 maggio 2013 Avv. Agostino Papa 1 Gestione collettiva del risparmio: cenni La gestione collettiva del risparmio è il servizio che

Dettagli

Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro

Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro N. 388 del 05.10.2012 La Memory A cura di Raffaele Covino Avvocato e Funzionario della DTL Modena (1) Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro Con sentenza n. 16375 del 26 settembre

Dettagli

Informativa sul rischio

Informativa sul rischio Informativa sul rischio Premessa AFX Capital e SuperTradingOnline (STO) sono marchi commerciali di AFX Capital Markets Ltd. e AFX Markets Ltd. AFX Capital Markets Ltd. è autorizzata e regolamentata dalla

Dettagli

Regolamento di attribuzione del codice ISBN e di erogazione dei servizi dell Agenzia ISBN

Regolamento di attribuzione del codice ISBN e di erogazione dei servizi dell Agenzia ISBN Regolamento di attribuzione del codice ISBN e di erogazione dei servizi dell Agenzia ISBN L attribuzione del prefisso ISBN e i servizi dell Agenzia ISBN sono erogati alle condizioni di cui al presente

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI Edizione Luglio 2013 Il presente documento rappresenta la sintesi delle attività svolte

Dettagli

IL PROGRAMMA. Libertà di stabilimento e di prestazione di servizi da parte degli intermediari comunitari

IL PROGRAMMA. Libertà di stabilimento e di prestazione di servizi da parte degli intermediari comunitari IL PROGRAMMA Modulo I I soggetti e il contesto operativo e regolamentare 1 2 dicembre 2011 - ore 15.00-19.00 Gli intermediari finanziari di cui al Titolo V del TUB a) La nascita della regolamentazione

Dettagli

BCC di Valledolmo Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

BCC di Valledolmo Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob BCC di Valledolmo Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob marzo 2012 Delibera Cda del 16 maggio 2012 Indice BCC di Valledolmo

Dettagli

RILEVAZIONE SULLE ESPOSIZIONI RILEVANTI Risposte a quesiti di interesse generale

RILEVAZIONE SULLE ESPOSIZIONI RILEVANTI Risposte a quesiti di interesse generale RILEVAZIONE SULLE ESPOSIZIONI RILEVANTI Risposte a quesiti di interesse generale 1. Modalità di rilevazione delle quote di OICR Q. In merito al trattamento delle quote di OICR sono fornite indicazioni

Dettagli

II. Conclusione del contratto, parti contraenti, limitazione della responsabilità e prescrizione

II. Conclusione del contratto, parti contraenti, limitazione della responsabilità e prescrizione Termini e condizioni generali I. Ambito di applicazione 1. I seguenti Termini e condizioni disciplinano la cessione in affitto delle stanze dell Hotel ai fini di accoglienza alberghiera, nonché tutti i

Dettagli

2. L INFORMATIVA PRECONTRATTUALE GLOSSARIO 8 APPROFONDIMENTI 14 NORMATIVA 16. 2.3. L informativa su operazioni e servizi

2. L INFORMATIVA PRECONTRATTUALE GLOSSARIO 8 APPROFONDIMENTI 14 NORMATIVA 16. 2.3. L informativa su operazioni e servizi 2. L INFORMATIVA PRECONTRATTUALE 2.3. L informativa su operazioni e servizi 1 GLOSSARIO 8 APPROFONDIMENTI 14 NORMATIVA 16 2.3. L INFORMATIVA SU OPERAZIONI E SERVIZI Al termine del capitolo sarai in grado

Dettagli

Datio in solutum. di Leonardo Cipriano

Datio in solutum. di Leonardo Cipriano Datio in solutum di Leonardo Cipriano La datio in solutum (dazione in pagamento o prestazione in luogo dell'adempimento ex art. 1197, co. 1 c.c.) indica la "prestazione in luogo di adempimento", cioè la

Dettagli

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo 3/2009 Il Caso La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo IN BREVE La Cassazione è intervenuta per la prima volta sulla disciplina del concordato preventivo, di recente

Dettagli