Quesiti e problemi (sul libro da pag. 600)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quesiti e problemi (sul libro da pag. 600)"

Transcript

1 apitolo 23 Dal carbonio agli idrocarburi Queiti e problemi (ul libro da pag. 600) 2 Gli idrocarburi aturi: alcani e cicloalcani 1 Qual è il numero dei legami covalenti in una molecola di etano? 7 2 Qual è il numero dei legami covalenti nel propano? 10 3 Nei eguenti compoti individua il tipo di ibridazione dell atomo di carbonio in neretto. a)!!! p 3 b)! "!! p 2 c)! #! p 4 Traforma i eguenti cheletri carbonioi nell idrocarburo corripondente. a) b) 3 L iomeria c) Quale idrocarburo ha più formule di truttura? a) 2 6 b) 3 8 c) 4 10 a) Ricotruici la geometria molecolare dei eguenti compoti organici, aiutandoti, e poibile, con i modellini molecolari. a) 3 8 b) 6 12 Per ciacun compoto, hai un unica poibilità oppure divere? a) ha una poibilità b) ha cinque poibilità he coa rappreentano le divere poibilità? gli iomeri 7 Diegna gli iomeri del pentano Individua i poibili iomeri dei eguenti compoti. a) 4 10 b) " " c) 3 8 O non ha iomeri 9 Individua i poibili iomeri ottici dei eguenti compoti. a) b) c) O!!O!!O 2!O l!!n 2!!!!!! O!! N 2 " O O O 2 O N 2 l O N 2 ' " O O O 2 O opyright 2010 Zanichelli Editore Spa, Bologna Idee per inegnare la chimica con Valitutti, Tifi, Gentile LE IDEE DELLA IMIA econda edizione Zanichelli

2 apitolo 23 Dal carbonio agli idrocarburi 4 La nomenclatura degli idrocarburi aturi 10 Qual è il numero di atomi di carbonio in un gruppo etile? 2 11 Il pentadecano è un idrocarburo con 15 atomi di carbonio. Qual è la ua formula di truttura? ( 2 ) ompleta le eguenti trutture e denomina i corripondenti alcani. a)!! 2-metilpropano b) 2,2,3-trimetilpentano c) 2,2,4-trimetileano 13 Denomina i eguenti alcani. 2 a) 2!!! 3 3-etil-2,3-dimetilpentano b)!! 2! 2,2-dimetilbutano 14 Diegna le trutture dei eguenti alcani. a) 2,3,4-trimetileano b) 3,3,4,4-tetrametilnonano ( 2 ) 4 c) 3-etil-2,3,5-trimetileptano 2 15 Diegna le trutture dei eguenti alcani. a) 4-iopropil-2-metil-ottano 2 2 b) 4-ter-butil-nonano ( 2 ) 3 c) 4,5-dietil-2,3,4,5-tetrametildecano ( 2 ) Denomina i eguenti compoti ciclici. 2 2 c) 2, 3, 4-trimetilpentano d) 3 2, 2, 3, 3-tetrametilpentano opyright 2010 Zanichelli Editore Spa, Bologna Idee per inegnare la chimica con Valitutti, Tifi, Gentile LE IDEE DELLA IMIA econda edizione Zanichelli 2009 a) a) etilcicloeano b) metilciclopentano c) metilciclopropano d) metilciclobutano b) c) d)

3 apitolo 23 Dal carbonio agli idrocarburi 17 Diegna le trutture dei eguenti compoti. a) 2,2-dimetileptano b) 4-etil-3-metileptano 2 c) 4-etil-2,4-dimetileano 2 5 Proprietà fiiche e chimiche degli idrocarburi aturi 19 Due molecole organiche con la tea formula bruta ( 5 12 ) hanno anche proprietà fiiche e chimiche uguali? no 20 Quali ono le reazioni caratteritiche degli alcani? le reazioni di otituzione e di combutione 21 Spiega come varia il punto di ebollizione negli idrocarburi lineari e ramificati. i compoti lineari hanno punti di ebollizione maggiori dei loro iomeri ramifi cati 22 Decrivi le fai di inizio, propagazione e termine delle reazioni di alogenazione degli alcani. Ripondi in dieci righe. 23 Quali ono i poibili derivati alogenati derivati dalle eguenti reazioni? a) b) l l + l (oppure 2 l + l) d) 4-iopropileptano e) 1,3-dimetilcicloeano 18 Diegna le trutture dei eguenti radicali. a) propile b) iopropile c) ec-butile d) cicloeile e) n-pentile 6 Gli idrocarburi inaturi: alcheni e alchini 24 Qual è la differenza fra un alchene e un alchino? un alchene ha almeno un doppio legame carbonio-carbonio, un alchino almeno un triplo 25 Qual è l ibridazione del carbonio nell acetilene? p 26 Perché un alchene può avere iomeria ci-tran? 27 ompleta le trutture dei eguenti alcheni e denominale. a) " 9 9 b) 9 " " 2,3-dimetil-1-butene " 2,3-dimetil-2-pentene c) 9 9 " 9 " 3,4-dimetil-2-pentene opyright 2010 Zanichelli Editore Spa, Bologna Idee per inegnare la chimica con Valitutti, Tifi, Gentile LE IDEE DELLA IMIA econda edizione Zanichelli

4 apitolo 23 Dal carbonio agli idrocarburi 28 Scrivi le trutture dei eguenti alcheni. a) 2,3-dimetil-2-butene " b) 4-etil-2-eptene " 2 c) 3-etil-2,4-dimetil-4-decene "( 2 ) 4 29 Denomina i eguenti alchini. a)! #! 2 2-pentino b)! # 3-metil-1-butino c) 2! #! 2-pentino 30 Scrivi le formule dei eguenti alchini. a) 2-butino # b) 4-metil-2-pentino # 35 ompleta e bilancia le eguenti reazioni di addizione u alcheni e alchini. a)! 2! "! + l! 2! l! 2! b)! "! +! 2!! c) 2 "! + 2 2!! d)! 2! #! + 2 Pd! 2! "! Pd! 2! 2! 2! 7 Gli idrocarburi aromatici 36 ome mai non è poibile attribuire un unica formula di truttura al benzene? 37 Quali ono le due formule limite del benzene? 38 he coa ignifica che gli elettroni π del benzene ono delocalizzati? 39 Scrivi le formule dei eguenti compoti. a) metilbenzene c) propino # d) 4,4-dimetil-1-pentino # 31 Eitono tre buteni: crivi le formule di truttura e indica quale dei due avrà un maggiore punto di ebollizione e qual è il più tabile. b) butilbenzene c) iopropilbenzene butene ci-2-butene 3 tran-2-butene (il più tabile) 32 Qual è la definizione di reagente nucleofilo? 33 he caratteritiche deve avere un reagente elettrofilo? 34 he coa è un carbocatione? opyright 2010 Zanichelli Editore Spa, Bologna Idee per inegnare la chimica con Valitutti, Tifi, Gentile LE IDEE DELLA IMIA econda edizione Zanichelli Diegna le trutture dei eguenti compoti. a) 2-bromo-4-nitrotoluene NO 2 b) o-clorotirene " 2 l

5 c) m-diclorobenzene l l 41 apitolo 23 Dal carbonio agli idrocarburi ompleta la eguente reazione. O 2 + l d) 1,4-dinitrobenzene NO 2 O 2 NO 2 l Review (ul libro da pag. 602) 1 2 Quale alcano ha il punto di ebollizione più alto? a) 6 14 b) 4 10 c) 3 8 d) 5 12 ompleta le eguenti reazioni. a) b) 2 2 l 2 2 l c) 2 2 OSO 3 2 OSO 3 3 Scrivi la reazione di combutione bilanciata per l idrocarburo O 2 9O O 4 Suggerici un metodo di preparazione per la molecola. 2 " + 5 Quale truttura non è un iomero dell eano? a)! 2! 2 b) c)!! 2 d)!! 6 ompleta le reazioni eguenti. a) b) In quale delle due i apprezza un immediato cambiamento di colore? Spiega perché. a) b) enza catalizzatore il 2 non reagice col benzene i oerva un cambiamento di colore olo in a) opyright 2010 Zanichelli Editore Spa, Bologna Idee per inegnare la chimica con Valitutti, Tifi, Gentile LE IDEE DELLA IMIA econda edizione Zanichelli

6 apitolo 23 Dal carbonio agli idrocarburi 7 Quale compoto addiziona più facilmente 2? a) 4 b) 3 8 c) 6 14 d) Scrivi le formule di truttura di almeno tre iomeri dell eano. 9 Quale tra i eguenti compoti può avere due enantiomeri? a) 1-bromopentano b) 2-bromopropano c) 3-bromopentano d) 2-bromopentano 10 Secondo la regola di ückel, una molecola organica ciclica è aromatica e poiede 4n+2 elettroni π (con n = 0,1,2,3...). Sono quindi aromatiche le molecole che poiedono 2,6,10,14 ecc. elettroni π. onidera i eguenti compoti. a) ciclobutadiene b) benzene c) naftalene Diegna le formule di truttura delle molecole. Indica quanti doppi legami e quanti elettroni π contengono e, in bae alla regola di ückel, tabilici e ono aromatiche. a) 2 doppi legami e 4e π; non è aromatica; b) 3 doppi legami e 6e π; è aromatica; c) 5 doppi legami e 10e π; è aromatica Draw the tructural formula for 3-ethyl-2,4,5- trimethtyloctane. ( 2 ) The benzene ring i the implet member of what cla of organic compound? aromatic hydrocarbon What cla of organic compound include all aturated hydrocarbon? alkane Explain what hydrogenation i. ydrogenation i an electrophilic addition typical of inatured hydrocarbon, in which a double (or triple) bond i aturated by 2. 6 opyright 2010 Zanichelli Editore Spa, Bologna Idee per inegnare la chimica con Valitutti, Tifi, Gentile LE IDEE DELLA IMIA econda edizione Zanichelli 2009

Quesiti e problemi. 3 L isomeria. 7 Disegna gli isomeri del pentano. 8 Gli isomeri sono composti che

Quesiti e problemi. 3 L isomeria. 7 Disegna gli isomeri del pentano. 8 Gli isomeri sono composti che SUL LIBRO DA PAG 410 A PAG 412 apitolo 19 Dal carbonio agli idrocarburi Queiti e problemi ESERIZI 2 Gli idrocarburi aturi: alcani e cicloalcani 1 Qual è il numero di legami covalenti in una molecola di

Dettagli

LA CHIMICA ORGANICA. Premessa e prerequisiti. Riguardo alla disciplina

LA CHIMICA ORGANICA. Premessa e prerequisiti. Riguardo alla disciplina LA IMIA ORGANIA Premessa e prerequisiti Riguardo alla disciplina Questo testo facilitato è pensato per gli allievi del biennio superiore. In un istituto tecnico commerciale la chimica viene generalmente

Dettagli

Chimica Organica. Definizione. La chimica organica è la chimica dei composti contenenti carbonio

Chimica Organica. Definizione. La chimica organica è la chimica dei composti contenenti carbonio Chimica Organica Definizione La chimica organica è la chimica dei composti contenenti carbonio I carbonati, il biossido di carbonio e i cianuri metallici sono un eccezione in quanto vengono classificati

Dettagli

Circuito Simbolico. Trasformazione dei componenti

Circuito Simbolico. Trasformazione dei componenti Circuito Simbolico Principio di bae E poibile applicare a tutte le leggi matematiche che regolano un circuito la traformata di Laplace, in modo da ottenere un nuovo circuito con delle proprietà differenti.

Dettagli

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE L ibridizzazione o ibridazione è una ricombinazione dei propri orbitali atomici che un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

Programmazione Disciplinare: Chimica Organica e Biochimica Classi: III

Programmazione Disciplinare: Chimica Organica e Biochimica Classi: III Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Disciplinare: Chimica Organica e Biochimica Classi: III I Docenti della Disciplina Salerno, lì... settembre 2014 Finalità della Disciplina:

Dettagli

isomeria di struttura isomeria di posizione isomeria di catena stereoisomeria isomeria di conformazione isomeria di configurazione 'isomeria ottica

isomeria di struttura isomeria di posizione isomeria di catena stereoisomeria isomeria di conformazione isomeria di configurazione 'isomeria ottica ISOMERIA L'isomeria di struttura è connessa al diverso modo in cui gli atomi di due o più composti si legano tra loro in sequenza. Ci sono due forme: isomeria di posizione e isomeria di catena. La stereoisomeria

Dettagli

SOLUZIONI DEGLI ESERCIZI

SOLUZIONI DEGLI ESERCIZI Valitutti, Taddei, Kreuzer, Massey, Sadava, Hillis, Heller, Berenbaum Dal carbonio agli OGM PLUS Chimica organica, biochimica e biotecnologie SOLUZIONI DEGLI ESERCIZI Capitolo 1 Dal carbonio agli idrocarburi

Dettagli

Rappresentazione schematica degli orbitali e degli elettroni del carbonio

Rappresentazione schematica degli orbitali e degli elettroni del carbonio L'atomo di carbonio L'elemento chimico carbonio ha numero atomico 6 (Z = 6) e massa atomica relativa 12,011. I suoi elettroni tendono a riempire progressivamente gli orbitali atomici, partendo dai sottolivelli

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

COMBUSTIBILI. Combustibili fossili convenzionali. Combustibili alternativi. Gas naturale. Biomasse. Petrolio e derivati. Idrogeno.

COMBUSTIBILI. Combustibili fossili convenzionali. Combustibili alternativi. Gas naturale. Biomasse. Petrolio e derivati. Idrogeno. COMBUSTIBILI Combustibili fossili convenzionali Gas naturale Petrolio e derivati Carbone Combustibili alternativi Biomasse Idrogeno Classificazione dei combustibili convenzionali I combustibili di interesse

Dettagli

Appunti di Chimica Organica Elementi per CdL Ostetricia CHIMICA ORGANICA. Appunti di Lezione. Elementi per il corso di Laurea In Ostetricia

Appunti di Chimica Organica Elementi per CdL Ostetricia CHIMICA ORGANICA. Appunti di Lezione. Elementi per il corso di Laurea In Ostetricia CHIMICA ORGANICA Appunti di Lezione Elementi per il corso di Laurea In Ostetricia Autore: Roberto Zanrè A.A. 2009/2010 1 Atomo di C e ibridizzazione sp 2 Nel suo stato fondamentale l atomo di C presenta

Dettagli

La Chimica organica di base

La Chimica organica di base 1 ESPANSINE A La himica organica di base 1. I composti organici La himica organica studia i composti organici, costituiti prevalentemente da carbonio, distinti dai composti inorganici perché si riteneva

Dettagli

Modulo di CHIMICA ORGANICA

Modulo di CHIMICA ORGANICA orso di Laurea TEIE DELLA PEVEZIE ELL'AMBIETE E EI LUGI DI LAV orso Integrato di himica e Biochimica Modulo di IMIA GAIA Prof. Giuseppe Faita a.a. 03/4 Introduzione La himica rganica è la chimica dei composti

Dettagli

Controllore Processo. Le principali componenti del sistema sono: il rivelatore di errore, il controllore che ha il compito di trasformare il segnale

Controllore Processo. Le principali componenti del sistema sono: il rivelatore di errore, il controllore che ha il compito di trasformare il segnale CONTROLLORI DI TIO ID rincipi di funzionamento Il termine controllo definice l azione volta per portare e mantenere ad un valore prefiato un parametro fiico di un impianto o di un proceo (ad eempio, la

Dettagli

La nomenclatura dei composti organici polifunzionali. Appendice

La nomenclatura dei composti organici polifunzionali. Appendice Appendice A La nomenclatura dei composti organici polifunzionali on oltre 37 milioni di composti organici già conosciuti e le molte migliaia in più che si creano quotidianamente, assegnare un nome a ciascun

Dettagli

Nomenclatura IUPAC e struttura di alcheni e alchini

Nomenclatura IUPAC e struttura di alcheni e alchini Imparare la chimica con l aiuto del computer Nomenclatura IUPAC e struttura di alcheni e alchini Aggiornata alla nuova nomenclatura IUPAC 2009. Con questa esercitazione imparerete a disegnare semplici

Dettagli

Le ipotesi di base che si utilizzano sono le stesse quattro già viste con riferimento al caso della flessione semplice e cioè:

Le ipotesi di base che si utilizzano sono le stesse quattro già viste con riferimento al caso della flessione semplice e cioè: LEZIONI N 44 E 45 CALCOLO A ROTTURA DELLA SEZIONE PRESSOINFLESSA PROBLEMI DI VERIFICA La procedura di verifica dei pilatri di c.a., ottopoti a forzo normale e momento flettente, è baata ulla cotruzione

Dettagli

3. Catene di Misura e Funzioni di Trasferimento

3. Catene di Misura e Funzioni di Trasferimento 3.. Generalità 3. Catene di Miura e Funzioni di Traferimento 3.. Generalità Il egnale che rappreenta la grandezza da miurare viene trattato in modo da poter eprimere quet ultima con uno o più valori numerici

Dettagli

PROGETTO LS-OSA CORREZIONE QUESITO DI CHIMICA UNA SVISTA IN LABORATORIO COME UTILIZZARE LA RUBRIC. ( In evidenza: le abilità da valutare )

PROGETTO LS-OSA CORREZIONE QUESITO DI CHIMICA UNA SVISTA IN LABORATORIO COME UTILIZZARE LA RUBRIC. ( In evidenza: le abilità da valutare ) PROGETTO LS-OSA CORREZIONE QUESITO DI CHIMICA UNA SVISTA IN LABORATORIO COME UTILIZZARE LA RUBRIC ( In evidenza: le abilità da valutare ) INDICAZIONI SEGUITE PER LA FORMULAZIONE DI UNA PROVA DI SIMULAZIONE

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2003

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2003 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 003 Il candidato riolva uno dei due problemi e 5 dei 0 queiti in cui i articola il quetionario. PROLEMA Si conideri un tetraedro regolare T di vertici

Dettagli

Lezione 12. Regolatori PID

Lezione 12. Regolatori PID Lezione 1 Regolatori PD Legge di controllo PD Conideriamo un regolatore che eercita un azione di controllo dipendente dall errore attravero la eguente legge: t ut = K et K e d K de t P + τ τ+ D. dt La

Dettagli

Capitolo IV L n-polo

Capitolo IV L n-polo Capitolo IV L n-polo Abbiamo oervato che una qualiai rete, vita da due nodi, diventa, a tutti gli effetti eterni, un bipolo unico e queto è in qualche miura ovvio e abbiamo anche motrato come cotruire

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5 B Indirizzo:

Dettagli

Corso di Microonde II

Corso di Microonde II POITECNICO DI MIANO Coro di Microonde II ezi n. 3: Generalità ugli amplificatori ineari Coro di aurea pecialitica in Ingegneria delle Telecomunicazi Circuiti attivi a microonde (Amplificatori) V in Z g

Dettagli

Serie completa di Modelli Molecolari per la Chimica Organica

Serie completa di Modelli Molecolari per la Chimica Organica EdiSES Istruzioni per l utilizzo dei modelli molecolari Serie completa di Modelli Molecolari per la Chimica Organica allegati ai seguenti volumi: Chimica Organica - Paula Y. Bruice Elementi di Chimica

Dettagli

Gli Alcheni : struttura e nomenclatura

Gli Alcheni : struttura e nomenclatura Gli Alcheni : struttura e nomenclatura Alcheni Gli alcheni sono idrocarburi che contengono un doppio legame carbonio-carbonio sono anche detti olefine o idrocarburi insaturi La formula molecolare è C n

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

Note su alcuni principi fondamentali di macroeconomia Versione parziale e provvisoria. Claudio Sardoni Sapienza Università di Roma

Note su alcuni principi fondamentali di macroeconomia Versione parziale e provvisoria. Claudio Sardoni Sapienza Università di Roma Note u alcuni principi fondamentali di macroeconomia Verione parziale e provvioria Claudio Sardoni Sapienza Univerità di Roma Anno accademico 2010-2011 ii Indice Premea v I Il breve periodo 1 1 Il fluo

Dettagli

n. 9/2010 La nuova rilevazione trimestrale del fatturato di alcune divisioni dell informazione e comunicazione A. Cirianni

n. 9/2010 La nuova rilevazione trimestrale del fatturato di alcune divisioni dell informazione e comunicazione A. Cirianni n. 9/200 La nuova rilevazione trimetrale del fatturato di alcune diviioni dell informazione e comunicazione A. Cirianni ISTAT Servizio Editoria - Centro tampa n. 9/200 La nuova rilevazione trimetrale del

Dettagli

Prova di ammissione al corso di laurea in Medicina e Chirurgia 2013

Prova di ammissione al corso di laurea in Medicina e Chirurgia 2013 Francesco Ranaldi Chimica organica VERSO L UNIVERSITÀ Le domande sono tratte dalle prove di ammissione emesse annualmente dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR) e le soluzioni

Dettagli

SERIE OMOLOGHE E GRUPPI FUNZIONALI.

SERIE OMOLOGHE E GRUPPI FUNZIONALI. SERIE OMOLOGE E GRUPPI FUZIOALI. 1. Le serie omologhe e i gruppi funzionali I composti organici sono estremamente numerosi, ma la loro descrizione può essere semplificata se li si raggruppa in cosiddette

Dettagli

L acidità del protone legato al carbonio in α compete con la. quanto accade con gli acidi carbossilici e le ammidi primarie e secondarie

L acidità del protone legato al carbonio in α compete con la. quanto accade con gli acidi carbossilici e le ammidi primarie e secondarie CHIMICA ACIDO-BASE DI COMPOSTI CARBONILICI Produzione di enolati: deprotonazione al carbonio in a ad un gruppo carbonilico (aldeidi, chetoni, esteri) L acidità del protone legato al carbonio in α compete

Dettagli

Lezione 2. Campionamento e Aliasing. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1

Lezione 2. Campionamento e Aliasing. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1 Lezione 2. Campionamento e Aliaing F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1 Schema della lezione 1. Introduzione 2. Il campionatore ideale 3. Traformata di un egnale campionato 4. Teorema del campionamento

Dettagli

30. CHIMICA ORGANICA - ALCANI. 30.1. Chimica organica

30. CHIMICA ORGANICA - ALCANI. 30.1. Chimica organica 30. IMIA ORGANIA - ALANI 30.1. himica organica R. La chimica organica è quella branca della chimica che studia le sostanze presenti negli organismi viventi? D. No. Un tempo si credeva che i composti organici

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5C Indirizzo:

Dettagli

Classe: 5ESC Indirizzo: Liceo Scientifico Materia: Scienze naturali (Chimica, Biologia,

Classe: 5ESC Indirizzo: Liceo Scientifico Materia: Scienze naturali (Chimica, Biologia, LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5ESC Indirizzo:

Dettagli

Sostituzioni sull anello aromatico

Sostituzioni sull anello aromatico Sostituzioni sull anello aromatico Criteri per stabilire l esistenza di carattere aromatico 1. Il composto deve essere ciclico, planare e deve avere una nuvola ininterrotta di elettroni π sopra e sotto

Dettagli

COS'E' LA CHIMICA ORGANICA?

COS'E' LA CHIMICA ORGANICA? COS'E' LA CIMICA ORGANICA? La chimica organica è quella branca della chimica che studia i composti del CARBONIO ma perché la chimica del carbonio è così importante da meritare una disciplina ad essa dedicata?

Dettagli

Areni Composti aromatici

Areni Composti aromatici Areni Composti aromatici Areni: composti contenenti l anello benzenico Aromatico: aggettivo usato un tempo per indicare fragrante, ora indica la elevata stabilità di un sistema ciclico contenente elettroni

Dettagli

Indice. 1 Le misure, 4. 3 Le forze e il moto, 118 2 Le forze e l equilibrio, 40 III. Unità 5 Equilibrio del corpo rigido, 80

Indice. 1 Le misure, 4. 3 Le forze e il moto, 118 2 Le forze e l equilibrio, 40 III. Unità 5 Equilibrio del corpo rigido, 80 III Indice Premea, V Introduzione, Un po di curioità..., Il metodo perimentale, 3 Le miure, Unità Miure ed errori, 6. Le miure, 6. L incertezza della miura, 0.3 L errore relativo,. Il Sitema Internazionale

Dettagli

Chimica. concetti e modelli SCIENZE. G. Valitutti M. Falasca A. Ti A. Gentile. Chimica organica e biochimica con Chemistry in English

Chimica. concetti e modelli SCIENZE. G. Valitutti M. Falasca A. Ti A. Gentile. Chimica organica e biochimica con Chemistry in English 1 2 3 Idee per il tuo futuro G. Valitutti M. Falasca A. Ti A. Gentile himica concetti e modelli himica organica e biochimica con hemistry in English SIENZE opyright 2012 Zanichelli editore S.p.A., Bologna

Dettagli

Daniele Trovò allievo dell ITIS Natta di Padova Reazioni degli acidi carbossilici 1

Daniele Trovò allievo dell ITIS Natta di Padova Reazioni degli acidi carbossilici 1 Indice: Pagina Acidità degli acidi carbossilici 2 eattività degli acidi carbossilici 4 Preparazione dei cloruri 5 Preparazione delle anidridi 6 Preparazioni degli esteri 7 Preparazioni delle ammidi 8 Sintesi

Dettagli

Spettroscopia 13 C NMR

Spettroscopia 13 C NMR L analisi degli spettri 13 C NMR non differisce molto da quella dell 1 H. La principale differenza risiede nella minore sensibilità osservata nella registrazione degli d spettri 13 C che pertanto richiedono

Dettagli

Quesiti e problemi. 10 Rappresenta la struttura di Lewis delle seguenti. 11 Perché gli angoli di legame nella molecola BH 3

Quesiti e problemi. 10 Rappresenta la struttura di Lewis delle seguenti. 11 Perché gli angoli di legame nella molecola BH 3 SUL LIBR DA PAG 206 A PAG 210 apitolo 11 Le forze intermolecolari e gli stati condensati della materia Quesiti e problemi ESERIZI 1 La forma delle molecole 1 Dai una definizione di angolo di legame. 2

Dettagli

Teorema del Limite Centrale

Teorema del Limite Centrale Teorema del Limite Centrale Una combinazione lineare W = a 1 X + a Y + a 3 Z +., di variabili aleatorie indipendenti X,Y,Z, ciacuna avente una legge di ditribuzione qualiai ma con valori attei comparabili

Dettagli

potenziale elettrico: Volt carica elettrica: Coulomb temperatura: grado centigrado e grado kelvin

potenziale elettrico: Volt carica elettrica: Coulomb temperatura: grado centigrado e grado kelvin Corso di Chimica Medica e Biochimica (lauree triennali) Programma del corso (argomenti delle lezioni per un corso di 2 CFU = 13 14 lezioni): 1) L'atomo: nucleo, elettroni, orbitali, orbitali ibridi. 2)

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Docenti Materia Classi Alessandra Cattaneo Erminia Palma Scienze Integrate (Chimica) biennio PIANO DI LAVORO ANNUALE 1. Finalità Promuovere negli allievi lo sviluppo e il perfezionamento delle capacità

Dettagli

Poiché la retta è definita dall equazione: y = a + bx. Capitolo 4. Regressione e Correlazione.

Poiché la retta è definita dall equazione: y = a + bx. Capitolo 4. Regressione e Correlazione. Diaz - Appunti di tatitica - AA 1/ - edizione 9/11/1 Cap. 4 - Pag. 1 Capitolo 4. Regreione e Correlazione. Regreione Il termine regreione ha un'origine antica ed un ignificato molto particolare. L inventore

Dettagli

1 Generalità sui sistemi di controllo

1 Generalità sui sistemi di controllo 1 Generalità ui itemi di controllo Col termine proceo nell impiantitica chimica i intende un inieme di operazioni eeguite u una certa quantità di materia allo copo di modificarne in tutto o in parte alcune

Dettagli

Stato limite ultimo di sezioni in c.a. soggette. SLU per sezioni rettangolari in c.a. con. determinazione del campo di rottura

Stato limite ultimo di sezioni in c.a. soggette. SLU per sezioni rettangolari in c.a. con. determinazione del campo di rottura Univerità degli Studi di Roma Tre Coro di Progetto di trutture - A/A 2008-0909 Stato limite ultimo di ezioni in c.a. oggette a preoleione SLU per ezioni rettangolari in c.a. con doppia armatura determinazione

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN. PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA: SCIENZE NATURALI CLASSI: QUINTE CORSO: LICEO SCIENTIFICO e CLASSICO AS 2014-2015 Moduli Libro Di Testo Competenze di base Abilità Conoscenze Disciplina Concorrenti Atomi,

Dettagli

Capitolo. Il comportamento dei sistemi di controllo in regime permanente. 6.1 Classificazione dei sistemi di controllo. 6.2 Errore statico: generalità

Capitolo. Il comportamento dei sistemi di controllo in regime permanente. 6.1 Classificazione dei sistemi di controllo. 6.2 Errore statico: generalità Capitolo 6 Il comportamento dei itemi di controllo in regime permanente 6. Claificazione dei itemi di controllo 6. Errore tatico: generalità 6. Calcolo dell errore a regime 6.4 Eercizi - Errori a regime

Dettagli

Capitolo 16. La teoria dell equilibrio generale. Soluzioni delle Domande di ripasso

Capitolo 16. La teoria dell equilibrio generale. Soluzioni delle Domande di ripasso eanko & aeutigam icoeconomia anuale delle oluzioni Capitolo 16 La teoia dell equilibio geneale Soluzioni delle Domande di ipao 1. L analii di equilibio paziale tudia la deteminazione del pezzo e della

Dettagli

4 Risposta sismica del sistema terreno-struttura

4 Risposta sismica del sistema terreno-struttura 4 Ripota imica del itema terreno-truttura 4.1 ANALISI DELL INTERAZIONE TERRENO-STRUTTURA 4.1.1 Generalità Il itema di cui i è tudiata la ripota imica conta di due parti con differenti proprietà (fig. 4.1):

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: VAsa Opzione:

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Chimica, Materiali e Biotecnologie

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Chimica, Materiali e Biotecnologie ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Chimica, Materiali e Biotecnologie L indirizzo Chimica, Materiali e Biotecnologie è finalizzato all acquisizione di un complesso di competenze riguardanti:

Dettagli

Ing. Mariagrazia Dotoli Controlli Automatici NO (9 CFU) Antitrasformata di Laplace PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE

Ing. Mariagrazia Dotoli Controlli Automatici NO (9 CFU) Antitrasformata di Laplace PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE L'operazione di paaggio invero dal dominio della frequenza complea al dominio del tempo F() f(t) è detta antitraformata o traformazione invera di Laplace. Data una funzione

Dettagli

Slide del corso di. Controllo digitale

Slide del corso di. Controllo digitale Slide del coro di Controllo digitale Coro di Laurea in Ingegneria Informatica e dell Informazione Univerità di Siena, Dip. Ing. dell Informazione e Sc. Matematiche Parte III Sitemi a dati campionati Gianni

Dettagli

Diagramma circolare di un motore asincrono trifase

Diagramma circolare di un motore asincrono trifase Diagramma circolare di un motore aincrono trifae l diagramma circolare è un diagramma che permette di leggere tutte le grandezze del motore aincrono trifae (potenza rea, perdite nel ferro, coppia motrice,

Dettagli

Pier Carlo Montevecchi Maria Luisa Navacchia La Chimica organica

Pier Carlo Montevecchi Maria Luisa Navacchia La Chimica organica Pier Carlo Montevecchi Maria Luisa Navacchia La Chimica organica ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B 00173 Roma (06)

Dettagli

E opportuno fare precedere questa lezione e quelle che seguiranno da tre considerazioni.

E opportuno fare precedere questa lezione e quelle che seguiranno da tre considerazioni. Capitolo 6 Teorie e modelli di crecita economica E opportuno fare precedere queta lezione e quelle che eguiranno da tre coniderazioni. 1. Qui affronteremo dei modelli teorici che i rifericono oprattutto

Dettagli

Definizione delle specifiche per un sistema di controllo a retroazione unitaria

Definizione delle specifiche per un sistema di controllo a retroazione unitaria Definizione delle pecifiche per un itema di controllo a retroazione unitaria Obiettivi del controllo Il itema di controllo deve eere progettato in modo da garantire un buon ineguimento dei egnali di riferimento

Dettagli

Quesiti e problemi. 12 Individua l elemento del terzo periodo che appartiene. 13 Completa la parte evidenziata del sistema periodico,

Quesiti e problemi. 12 Individua l elemento del terzo periodo che appartiene. 13 Completa la parte evidenziata del sistema periodico, SUL LIBR DA PAG 184 A PAG 18 Quesiti e problemi 1 L energia di legame 1 Definisci l energia di legame. L energia di legame è la quantità di energia che è necessario fornire a una mole di sostanza per rompere

Dettagli

PROVA STRUTTURATA DI CHIMICA ORGANICA

PROVA STRUTTURATA DI CHIMICA ORGANICA 1. Una delle seguenti definizioni di gruppo funzionale è errata. Quale? "In chimica organica, i gruppi funzionali sono gruppi di atomi presenti in ogni molecola A. dai quali dipendono le caratteristiche

Dettagli

11. LO SCAMBIO TERMICO PER CONDUZIONE

11. LO SCAMBIO TERMICO PER CONDUZIONE . LO SCAMBIO ERMICO PER CONDUZIONE. Premea: i meccanimi di tramiione del calore In ermodinamica i è definito il calore come la forma aunta dall energia in tranito uando la ua tramiione da un corpo ad un

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E DELLA LOGISTICA

FONDAZIONE MALAVASI ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E DELLA LOGISTICA FONDAZIONE MALAVASI ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E DELLA LOGISTICA PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: SCIENZE INTEGRATE (CHIMICA) DOCENTE: Luca Grillini CLASSE II SEZ.A A.S.2014/2015

Dettagli

Prot. N 1223/C14 Montegalda, 18 Giugno 2014

Prot. N 1223/C14 Montegalda, 18 Giugno 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. Toaldo di MONTEGALDA Via Cattaneo 51 3 6 0 4 7 M O N T E G A L D A ( V i c e n z a ) 0444 636064 fax 0444 737054 Codice ficale 80015890249 Codice Itituto VIIC826007 Sito

Dettagli

ELETTRONICA ANALOGICA INDUSTRIALE PARTE 4. Retroazione

ELETTRONICA ANALOGICA INDUSTRIALE PARTE 4. Retroazione Retroazione Eetto della retroazione ul guadagno Riduzione della ditorione Impedenze di ingreo e di ucita Reti di retroazione Ripota in requenza Eetto della retroazione ui poli Margini di guadagno e di

Dettagli

Molecole singole come elementi attivi nei circuiti elettronici

Molecole singole come elementi attivi nei circuiti elettronici Molecole singole come elementi attivi nei circuiti elettronici La corrente che attraversa una singola molecola deve essere necessariamente misurabile. Il fatto che una corrente di 1 na potesse attraversare

Dettagli

Esempio 1 Si consideri la sezione di un solaio latero-cementizio (1 m) di caratteristiche geometriche:

Esempio 1 Si consideri la sezione di un solaio latero-cementizio (1 m) di caratteristiche geometriche: Si riporta di eguito la rioluzione di alni eercizi riguardanti il calcolo del momento reitente e del dominio di preoleione di ezioni in cemento armato. In tutte le applicazioni ucceive i è utilizzato per

Dettagli

Paolo Rocco. Automatica

Paolo Rocco. Automatica Paolo Rocco Dipene ad uo degli tudenti del Politecnico di Milano per i cori da cinque crediti didattici Automatica Ingegneria Aeropaziale E vietato l uo commerciale di queto materiale Avvertenza Queta

Dettagli

Dipartimento di Scienze Liceo Scientifico A. Vallisneri di Lucca. Programmazione Classe Quarta Nuovo Ordinamento A. S. 2014/15

Dipartimento di Scienze Liceo Scientifico A. Vallisneri di Lucca. Programmazione Classe Quarta Nuovo Ordinamento A. S. 2014/15 Dipartimento di Scienze Liceo Scientifico A. Vallisneri di Lucca Premessa: Programmazione Classe Quarta Nuovo Ordinamento A. S. 2014/15 Il dipartimento fa proprie le indicazioni nazionali riguardanti gli

Dettagli

La Densità dei Liquidi

La Densità dei Liquidi La Densità dei Liquidi A) Alcuni valori di densità di Liquidi Valori della densità di liquidi sono riportati sul Perry, Kern, Gallant B) Metodi di Predizione 1) Metodo addittivo di Schroeder Tra i metodi

Dettagli

Lezione 11. Equilibrio dei mercati del credito e della moneta bancaria. domanda di credito delle imprese = offerta delle banche;

Lezione 11. Equilibrio dei mercati del credito e della moneta bancaria. domanda di credito delle imprese = offerta delle banche; Lezione 11. Equilibrio dei mercati del credito e della moneta bancaria L E d = L domanda di credito delle impree = offerta delle banche; M d H = M M domanda di moneta (legale e bancaria) delle famiglie

Dettagli

Sostanze estinguenti in relazione al tipo di incendio

Sostanze estinguenti in relazione al tipo di incendio Sostanze estinguenti in relazione al tipo di incendio L estinzione dell incendio si ottiene per raffreddamento, sottrazione del combustibile soffocamento. Tali azioni possono essere ottenute singolarmente

Dettagli

Nota dell editore Presentazione

Nota dell editore Presentazione 00PrPag 3-08-2007 11:42 Pagina V Autori Nota dell editore Presentazione XI XIII XV Parte I Chimica 1 Struttura dell atomo 3 Teorie atomiche 3 Costituenti dell atomo 4 Numeri quantici 5 Tipi di orbitali

Dettagli

Giornata di studio Per la presentazione del Software Giuditta 3.1

Giornata di studio Per la presentazione del Software Giuditta 3.1 Giornata di tudio Per la preentazione del oftware Giuditta 3. Introduzione ul concetto dell uo del oftware per l analii di richio anitaria I oftware nacono per effettuare delle imulazioni di calcolo, enza

Dettagli

Università di Firenze Corso di Laurea in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI

Università di Firenze Corso di Laurea in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Univerità di Firenze Coro di Laurea in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio Coro di TECNICA DELLE COSTRUZIONI APPUNTI DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI ( prof. Gianno Bartoli e prof. Maurizio Orlando)

Dettagli

Project Management Base

Project Management Base Mater in Management e Getione dell'innovazione http://www.rieforum.org/mater/index.php?option=com_content&view=article&id=48&itemid=53&lang=it Management Bae Modulo 1/3 Seconda Parte Sabato 16 Febbraio

Dettagli

2. LA DIFFUSIONE - CONCETTI BASE

2. LA DIFFUSIONE - CONCETTI BASE LA DIFFUSIONE . LA DIFFUSIONE - CONCETTI BASE Molte reazioni e molti procei di rilevante importanza nel trattamento dei materiali i baano ul traporto di maa. Queto traporto può avvenire o all interno di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI SCIENZE A.S. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE DI SCIENZE A.S. 2014-2015 PROGRAMMAZIONE DI SCIENZE A.S. 2014-2015 In base alla Delibera del Collegio dei docenti del liceo Nomentano e in base alla suddivisione del periodo scolastico in trimestre e pentamestre, i docenti effettueranno

Dettagli

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle STRUTTURA ATOMO Com è fatto l atomo ATOMO UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle PROTONI particelle con carica elettrica positiva e

Dettagli

Formule di Struttura delle Molecole Organiche

Formule di Struttura delle Molecole Organiche Formule di Struttura delle Molecole Organiche Costituzione L ordine in cui gli atomi di una molecola sono connessi è chiamata costituzione o connettività. La costituzione di una molecola deve essere determinata

Dettagli

L interpolazione areale: una soluzione al problema del confronto fra dati riferiti a sistemi spaziali differenti

L interpolazione areale: una soluzione al problema del confronto fra dati riferiti a sistemi spaziali differenti L interpolazione areale: una oluzione al problema del confronto fra dati riferiti a itemi paziali differenti Maria Michela Dickon, Giueppe Epa, Diego Giuliani e Emanuele Taufer 1. Introduzione Accade di

Dettagli

Indice. Il metodo sperimentale. La materia che cos è. Come lavora lo scienziato. unità a2 La composizione della materia 30

Indice. Il metodo sperimentale. La materia che cos è. Come lavora lo scienziato. unità a2 La composizione della materia 30 Indice Le parti riportate negli incorniciati con questo fondino azzurro sono disponibili nel libro digitale proposto, unitamente a molti altri contenuti, nel DVD allegato. modulo0 Il metodo sperimentale

Dettagli

La chimica organica, la chimica della vita

La chimica organica, la chimica della vita La chimica organica, la chimica della vita 1 - Introduzione...2 1.1 Diffusione nell ambiente...2 1.2 Stabilità dei legami del carbonio...3 1.3 Formule di rappresentazione dei composti organici...3 2 -

Dettagli

Il meccanismo della clorurazione del metano, ovvero, i radicali liberi in azione

Il meccanismo della clorurazione del metano, ovvero, i radicali liberi in azione Reattività degli alcani, ovvero, perché si può stare tranquillamente seduti sopra ad un barile di benzina (e un po' meno in un bagno di acido solforico) Abbiamo già ricordato che gli alcani sono composti

Dettagli

Liceo Scientifico L. B. Alberti. Cagliari. Quiz di Chimica. Raccolta tratta dai Test di Ammissione in Medicina 2002 2008. Anno Scolastico 2009/2010

Liceo Scientifico L. B. Alberti. Cagliari. Quiz di Chimica. Raccolta tratta dai Test di Ammissione in Medicina 2002 2008. Anno Scolastico 2009/2010 Liceo Scientifico L. B. Alberti Cagliari Quiz di Chimica Raccolta tratta dai Test di Ammissione in Medicina 2002 2008 Anno Scolastico 2009/2010 Paolo Zucca paolo.zucca@gmail.com DISCLAIMER: I presenti

Dettagli

La manutenzione. Definizioni. Evoluzione storica. Manutenzione: Manutenibilità: Dott.ssa Brunella Caroleo

La manutenzione. Definizioni. Evoluzione storica. Manutenzione: Manutenibilità: Dott.ssa Brunella Caroleo La Dott.a Brunella Caroleo Definizioni Manutenzione: È il controllo cotante degli impianti e l inieme dei lavori di riparazione e otituzione neceari ad aicurare il funzionamento regolare e a mantenere

Dettagli

Trasformata di Laplace ESEMPI DI MODELLIZZAZIONE

Trasformata di Laplace ESEMPI DI MODELLIZZAZIONE Traformata di Laplace ESEMPI DI MODELLIZZAZIONE Introduzione La traformata di Laplace i utilizza nel momento in cui è tata individuata la funzione di traferimento La F.d.T è una equazione differenziale

Dettagli

Le proteine. Polimeri composto da 20 diversi aminoacidi

Le proteine. Polimeri composto da 20 diversi aminoacidi Le proteine Polimeri composto da 20 diversi aminoacidi (D. Voet, J.G. Voet, Biochemistry, 3 ed., John Wiley & Sons, 2004) PROTEINE come ATTUATORI nella cellula Trasporto elettronico Trasporto di ioni e

Dettagli

Dispense del Corso di Macchine. COMBUSTIBILI e COMBUSTIONE

Dispense del Corso di Macchine. COMBUSTIBILI e COMBUSTIONE Dispense del Corso di Macchine COMBUSTIBILI e COMBUSTIONE SOMMARIO 1. COMBUSTIBILI... 2 1.1. Introduzione... 2 1.2. Combustibili solidi... 2 1.3. Combustibili liquidi... 5 1.4. Combustibili gassosi...

Dettagli

Ciclo butano. Ciclo propano. Ciclo pentano. Ciclo esano. Il ciclo petrolifero

Ciclo butano. Ciclo propano. Ciclo pentano. Ciclo esano. Il ciclo petrolifero I COMBUSTIBILI La combustione è la rapida ossidazione di un combustibile da parte di un comburente; la reazione è accompagnata da quel fenomeno fisico visibile che è denominato fiamma e dalla produzione

Dettagli

Chimica Organica I. Corrado Tringali. Laurea Triennale in Chimica Materiali didattici per il corso. Prima parte - Introduzione

Chimica Organica I. Corrado Tringali. Laurea Triennale in Chimica Materiali didattici per il corso. Prima parte - Introduzione Corrado Tringali Chimica Organica I Laurea Triennale in Chimica Materiali didattici per il corso Prima parte - Introduzione Copia pdf disponibile gratuitamente per gli studenti che seguono il corso, solo

Dettagli

Teoria delle decisioni in condizione di certezza e rischio

Teoria delle decisioni in condizione di certezza e rischio Teoria delle deciioni in condizione di certezza e richio Appunti di Fioravante PATRONE http://www.fioravante.patrone.name/default.htm Deciori (razionali) interagenti verione del 16 giugno 2010 Indice 1

Dettagli