Dossier scientifico sul latte e derivati Fattorie Italia Bleu-Blanc-Cœur

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dossier scientifico sul latte e derivati Fattorie Italia Bleu-Blanc-Cœur"

Transcript

1 Dossier scientifico sul latte e derivati Fattorie Italia Bleu-Blanc-Cœur

2 Fondamenta del progetto Fattorie Italia BBC La composizione lipidica dei prodotti Fattorie Italia BBC vuole essere in questo senso un contributo all apportazione nella dieta su larga scala di Omega 3 naturali. I protocolli utilizzati dalla catena di produzione incorporano questi principi e definiscono: il modo di produrre, i contenuti delle razioni animali, le condizioni di controllo analitico e l'organizzazione della tracciabilità documentale. Queste specifiche sono definite sulla base di dati scientifici e tecnici acquisiti da Fattorie Italia BBC in partnership con istituti di ricerca pubblici o attraverso prove in campo con gli stessi associati. Fattorie Italia BBC promuovono un approccio che utilizza fonti naturali di Omega 3: da introdurre su larga scala nella catena alimentaria. La produzione di latte con questi nutrienti soddisfa pienamente le esigenze tecnico nutrizionali per il consumo umano. * Tenore in Proteine e grassi. Il latte prodotto risponde perfettamente alle esigenze * Qualità del grasso. della lavorazione del formaggio: * Colore e sapore dei prodotti finali Dalla composizione in acidi grassi del latte dipende: *La consistenza del burro e formaggio * La qualità nutrizionale del grasso del latte * La qualità organolettica dei prodotti lattiero-caseari Studi clinici sugli Omega 3 Diversi studi hanno confermato le molte osservazioni e le ipotesi avanzate precedentemente da molti ricercatori e medici sui benefici per la salute degli Omega 3. Oggigiorno è dimostrato che gli Omega 3 sono direttamente coinvolti nella diminuzione del rischio cardiovascolare. Lo studio di Lione, guidato dal Dr. Michel de Lorgeril, è una delle dimostrazioni che ha avuto maggior successo. Lo studio è stato fatto su di un gruppo di 300 persone che avevano già avuto un attacco di cuore. Come risultato la mortalità cardiovascolare successivamente all assunzione di Omega 3 è diminuita dell 80%. Gli Omega 3 hanno suscitato interesse anche per ridurre il rischio di alcuni tumori, le malattie mentali come la depressione o malattie neurodegenerative come l Alzheimer.

3 Studi clinici sul latte e derivati BBC Corinne MALPUECH-BRUGERE, Julien MOURIOT, Carole BOUE-VAYSSE, Nicole COMBE, Jean-Louis PEYRAUD, Pascale LERUYET, Guillaume CHESNEAU, Béatrice MORIO, Jean-Michel CHARDIGNY, UMR Nutrition Humaine INRA, CRNH Auvergne. OBBIETTIVO DELLO STUDIO: Studiare l'impatto del consumo di prodotti lattiero-caseari BBC sui parametri sanguigni che riflettono il rischio di infarto / ictus tra volontari sani. MATERIALI E METODI: 111 uomini e donne, reclutati per lo studio clinico, hanno consumato per 3 settimane, 3 alimenti (burro, budini, biscotti), prodotti con latte di mucche nutrite con una dieta di controllo (mais, grano, soia) o una dieta arricchita con Omega 3 (via di lino estruso). La composizione in acidi grassi del latte di vacca utilizzato per gli alimentati della prova (dieta arricchita con Omega 3) è conforme alle specifiche tecniche dei protocolli BBC Tabella 1: Valori della composizione del latte Latte Latte BBC Controllo Ricco di Oméga3 ALA 0,2 0,6 CLA 0,4 0,7 C16:0 34,6 27,9 LA/ALA 6,1 2,2 C16:0/ALA 157,3 47,3 ALA = acido alfa linolenico- precursore di Omega 3; CLA = Acido linolenico coniugato acido grasso trans il più presente nei ruminanti. C16:0 acido palmitico(ag saturi). MISURE: 2 prelievi di sangue uno all'inizio dell'esperimento e uno alla fine (tre settimane più tardi). - I parametri misurati sono stati : concentrazione di colesterolo (HDL, LDL, totale).

4 RISULTATI: Totale colesterolo (mmol/l) Volontari/prodotti controllo Prima Effetti osservati dopo il consumo Volontari/prodotti BBC Prima Effetti osservati dopo il consumo 4,4±0,8 0,1±0,4 4,9±0,8-0,1±0,5 HDL-C (mmol/l) 1,7±0,5 1,7±0,5 0,01±0,2 0,05±0,2 LDL-C (mmol/l) 2,3±0,8 2,6±0,8 0,1±0,3-0,1±0,4 LDL-C/HDL-C 1,5±0,6 1,7±0,7 0,06±0,2-0,1±0,4 Totale colesterolo/hdl-c HDL colesterolo buono ; LDL -colesterolo cattivo 2,7±0,7 3±0,8 0,1±0,3-0,2±0,5 La concentrazione plasmatica di colesterolo HDL (colesterolo buono) non è stato alterato dalle diete sperimentali. Al contrario, le concentrazioni di colesterolo totale (- 0,13 mmol / L), il colesterolo LDL (colesterolo cattivo) (-0,14 mmol / L) e rapporto LDL / HDL (-0,14) e colesterolo totale / HDL (-0, 18) è diminuita nei volontari che hanno consumato per 3 settimane prodotti lattiero-caseari che sono conformi alle specifiche di BBC. CONCLUSIONI: Il consumo di latticini BBC riduce i livelli ematici di colesterolo in volontari sani. Questi risultati sono relazionabili con una riduzione del 9,5% del rischio di infarto al miocardico. Pertanto, il consumo di latte BBC può essere associato alla riduzione dei rischi cardiovascolari.

5 Studio LA CATENA ALIMENTARE CERNh(Centre d'enseignement, recherche en nutrition humaine; INRA (Institut National de la Recherche Agronomique); Associazione Bleu-Blanc-Coeur; OBBIETTIVO DELLO STUDIO Misure degli effetti di introdurre Omega 3 naturali (Tradi-lin) nella dieta degli animali, sulla salute dell uomo MATERIALI E METODI Comparare due tipi di catena alimentare : 1-regime alimentare controllo : animali nutriti con alimenti classici (soia, mais, girasole) 2-regime alimentare protocollo BBC : animali nutriti con le stesse materie prime più una media del 5% di semi di lino estruso nella razione. PROTOCOLLO Prove Zootecniche Prodotti Volontari Lotto BBC: 5 % Tradilin Prodotti protocollo BBC Lotto controllo : iso Prodotti controlli proteina e energia Vacche da latte Bovini da carne Maiali Pollo da carne Latte, burro Carne, Salumi Uova Cross-over- con placebo 75 adulti sani con età tra i 25 e i 45 anni, divisi in tre gruppi per 3 mesi con la proibizione di alimentarsi con altri prodotti animali. MISURE: - Le misure dei risultati sono state eseguite con le rispettive modalità: - Profilo degli acidi grassi (Omega 3, AGS). - Profilo di acidi grassi dal siero sanguigno de volontari. - Profilo degli acidi grassi degli eritrociti sanguigni dei volontari Prove sensoriali (panel test) sui prodotti per l alimentazione dei volontari

6 RISULTATI 1-/I risultati mostrano: Miglioramento nella composizione interna lipidica dei prodotti di origine animale. Minor quantità di acidi grassi insaturi, e maggiore quantità di AG essenziali polinsaturi Omega 3 Migliore equilibrio tra acidi grassi essenziali: rapporto Omega 3 / Omega 6 <5 Composizione degli acidi grassi dei campioni prelevati al gruppo controllo e al gruppo protocollo BBC in mg/volontario/giorno. Controllo Protocolli BBC Differenza C 16 : O ± ± 3100 *** C18 : 2 ( n-6) ± ± 780 C18 : 2 cis 9 trans ± ± 100 *** C18 : 3 ( n-3) 753 ± ± 290 *** C20 : 4 ( n-6) 281 ± ± 50 *** C20 : 5 ( n-3) 4 ± 1 24 ± 5 *** C22 : 5 ( n-3) 28 ± 5 66 ± 14 *** C22 : 6 ( n-3) 73 ± ± 46 *** AGS ± ± 7100 *** AGMI ± ± 4130 *** AGPI ± ± 1360 *** AGS Acidi grassi saturi; AGMI Acidi grassi mono-insaturi; AGPI Acidi grassi pili-insaturi *** P< 0.05 ** P< 0.01 * P <0.001) 2-/I risultati mostrano: La modifica del profilo degli acidi grassi nel sangue dei volontari del gruppo protocolli BBC : Aumento della percentuale di Omega 3 nel siero sanguigno (P <0,001) Aumento della percentuale di Omega 3 nei fosfolipidi precursori e derivati a lunga catena di Omega 3 : EPA, DHA) negli eritrociti (P <0,001).

7 Effetto del regime alimentare sulla composizione degli acidi grassi nel siero sanguigno dei volontari (Espressi in percentuale degli AG totali) Controllo Protocolli BBC Differenza C 16 : O 19,5 ± 1,8 18,5 ± 1,7 ** C18 : 2 ( n-6) 31,3 ± 31,6 31,6 ± 4,2 CLA 0,28 ± 0,07 0,42 ± 0,13 *** C18 : 3 ( n-3) 0,44 ± 0,11 0,93 ± 0,30 *** C20 : 4 ( n-6) 7,7 ± ± 1.1 *** C20 : 5 ( n-3) 0,52 ± 0, ± 0,17 *** C22 : 5 ( n-3) 0,35 ± 0,08 0,45 ± 0,10 *** C22 : 6 ( n-3) 1,51 ± 0,24 1,67 ± 0,29 ** AGS 27,7 ± 2,3 26,5 ± 2,2 AGMI 27,9 ± 2,5 28,9 ± 3,3 AGPI 44,4 ± 4,1 44,5 ± 4,5 AGS : Acidi grassi saturi; AGMI; Acidi grassi mono-insaturi; AGPI Acidi grassi pili-insaturi (***P< 0.05 ** P< 0.01 * P <0.001) CONCLUSIONI I risultati mostrano che l'introduzione di prodotti con Omega 3 nella catena alimentaria apporta un beneficio nutrizionale significativo per la salute umana. Senza cambiare le proprie abitudini alimentari, i volontari del gruppo protocolli BBC hanno migliorato i loro parametri lipidici del sangue (aumento di CLA, ALA, EPA, DH) e diminuito il rapporto Omega 6/ Omega 3. Si può quindi affermare che l introduzione di prodotti animali, con queste caratteristiche, nella dieta alimentare, possono comportare effetti positivi a medio e lungo termine per la salute umana.

8 Studio DIABETICI CERNh (Centre d'enseignement, recherche en nutrition humaine; INRA (Institut National de la Recherche Agronomique); Valorex (Associazione Bleu-Blanc-Cœur); CONTESTO Il diabete di tipi 2 è una malattia grave, che colpisce più di due milioni di persone in Francia, secondo la previsione della OMS l incidenza di questa malattia dovrebbe raddoppiarsi nei prossimi 10 anni. I nostro stile di vita (sedentario, alimentazione squilibrata) è la causa principale dell apparizione del diabete di tipo 2. Il diabetedi tipo 2 è uno dei principali fattori di rischio per infortuni alle coronarie e malattie cardio vascolari. Prima causa di morte in Europa. Il diabete di tipo 2 o (diabete non insulino-dipendente) si caratterizza per un accumulo di glucosio nel sangue. Il tasso di zucchero (glicemia) e di insulina ( insulinemia) sono troppo elevati. Si parle di insulino-resistenza. PROBLEMATICHE DELLA RICERCA Determinare se i prodotti della filiera BBC hanno effetti sull insulino resistenza e/o sulle complicazione del diabete (peso, colesterolo, trigligeridi). In effetti, il latte e i derivati, le uova la carne ecc della filiera BBC contengono un alto contenuto di Omega 3 (acidi grassi essenziali) capaci di diminuire l insulino-resistenza e di migliorare i parametri che complicano il diabete. PROTOCOLLO Il protocollo è stato validato da un comitato etico. Le prove sono state fatte in un programma di ospedalizzazione con una metodica clinica. La durata delle prove è stata di 105 giorni su 54 volontari di un ospedale della Bretagna (Lorien 56 Francia) I volontari erano diabetici, con un alto contenuto di grassi nel sangue (colesterolo, e trigligeridi elevati.) e obesi ( un indice di massa corporea IMC medio di 31,5 con una media di 90 kg per 1,69 m) Sono stati divisi in modo random in tre gruppi. Ciascun gruppo di volontari ha consumato lo stesso tipo di prodotti e la stessa quantità. L apporto calorico medio del menù era di 1970 kcal.

9 La sola differenza risiedeva nell origine dei prodotti, filere convenzionali e filiere BBC: Nel primo gruppo (gruppo controllo) i prodotti animali e il pane erano standard. Nel secondo gruppo (prova 1) il pane e le uova BBCe il latte e la carne standard. Nel terzo cruppo (prova 2) le uova il burro il latte, yogurt, carne erano BBBC. RISULTATI 1/ Nei gruppi sperimentali (prova 1- prova 2) i volontari sono dimagriti (p<0,05). Questo non è successo per il gruppo controllo. Sono dimagriti per la dimensione della cintura (p<0,01) e per i fianchi (p<0,05). 2/ Nei gruppi sperimentali (prova 1- prova 2) i volontari hanno migliorato il loro bilancio lipidico: hanno diminuito il loro tasso di trigligeridi (-20% p<0,05) e migliorato il rapporto colesterolo buono/ cattivo(hdl/ LDL) 2/ Nel gruppo (prova 2) ( che consumavano un menu completo BBC) hanno verificato si è registrata una diminuzione significativa dell insulino resistenza (-26% p<0,05). CONCLUSIONI La letteratura scientifica è piena di studi per darci spigazione che ci permettono di comprendere quello che è avvenuto durante la prova. Ci possono ben spiegare come gli Omega 3 hanno permesso un miglior funzionamento del metabolismo cellulare e del sistema enzimatico. Il fatto importante è che questi cambiamenti sono avvenuti crazie all utilizzo di prodotti alimentari con certe caratteristiche. Si può quindi affermare che si sono registrate delle variazioni significative per controllare i valori antropometrici che causano l accumulo di lipidi nel sangue e il diabete di tipo 2. Tutti queste modificazioni sono state ottenute senza modificare il regime alimentare, ma si l origine dei prodotti utilizzati Questo prova che con l alimentazione si può migliorare la salute umana.

10 STUDIO DI OBESITÀ E SINDROME METABOLICA (Progetto di ricerca europeo intitolato EUREKA) Bleu-Blanc-Coeur ha coordinato uno studio clinico nel 2006 sul tema "sovrappeso e obesità" in partnership con il CERN, INRA e VALOREX. Questo studio ha seguito a due gruppi di 80 volontari obesi per 9 mesi: Gruppo 1 hanno utilizzato prodotti della filiera BBC. Gruppo 2 hanno utilizzato prodotti standard. Perchè questo studio Tutti sanno che il sovrappeso è legato al consumo eccessivo di cibo. Ma nessun regime alimentare ha portato una soluzione efficace e sostenibile ai problemi di obesità. Tutto ciò suggerisce che il controllo del sovrappeso coinvolge simultaneamente la quantità, ma anche la qualità del nostro cibo (è noto che il problema principale sono i grassi). Da almeno 20 anni, si stà consumando grassi vegetali più ricchi di acidi grassi saturi (AGS) come olio di palma e di omega-6 (girasole, mais, soia) o per esempio, grassi nascosti (piatti pronti, dolci industriali ecc ). La composizione dei prodotti di origine animale col tempo ha aumentato notevolmente l uso di mangimi ricchi di Omega 6 (mais, soia). Dal 1980, le raccomandazioni dietetiche per ridurre il consumo di grassi saturi (animali) a favore di grassi polinsaturi (origine vegetale) non hano ottenuto grandi risultati, infatti, l obesità è diventata una vera e propria epidemia dei tempi moderni. Inoltre consumo eccessivo di oli vegetali contribuisce a squilibrare il rapporto Omega6/Omega 3 nella nostra dieta, riducendo il rapporto tra grassi saturi / polinsaturi. Questo studio sulla nutrizione umana, quindi multifattoriale, vuole dimostrare scientificamente l'impatto che può avere migliorare la catena alimentare:. L Agricoltura può essere utile per una perdita di peso sostenibile e per migliorare la nostra salute?

11 Protocollo di ricerca I volontari dello studio presentavano tutti una taglia della cintura elevata ed avevano almeno due dei seguenti criteri di inclusione (dettaglio dei valori soglia): Pressione arteriosa > 130/85 mm Hg Cintura > 80 cm (F) e 92 cm (M) Trigligeridi > 1,7 g / L Il test è in doppio cieco: né i volontari né il medico sa qual è l'origine dei prodotti consumati: prodotti controllo prodotti BBC. Colesterolo- HDL < 1, 29 mmol g/l (Fe) et1,04 mmol/l (He) Glicemia a digiuno > 6,1 mmol / l g / L I Prodotti Le raccomandazioni di consumo di ciascin prodotto sono stati: 25 g burro/ giorno (grupo 1 BBC) 25 g di margarina per il (gruppo 2 controllo) 150 g di latte parzialmente scremato/ al giorno + 30 g di formaggio / giorno 10 uova per settimana 1 fetta di prosciutto /giorno; 50/ grammi di pancetta 3 salsicce ogni due settimane 100 grammi di pane + 10 grammi di tradilin / giorno I piani sono stati prescritti da un dietista. I menu erano normo-calorie (valore medio) per un adulto. Sono stati vietati tutti i tipi di grassi chiamati "nascosti" (dolci, piatti pronti, salse industriali.), e anche il pesce. Il test è stato costruito in modo da confrontare due modalità di alimentazione: Alimentazione tradizionale: quella dei nostri nonni, dove prodotti di origine animale sono stati ampiamente consumati, ma gli animali hanno ricevuto alimenti naturalmente dotati di Omega 3 => Gruppo 1. Una dieta ricca di AGS e AG Omega 3

12 Alimentazione contemporanea: seguendo le raccomandazioni correnti per un alimento bilanciato, vale a dire ridurre il consumo di acidi grassi saturi (origine animale) a favore di acidi grassi polinsaturi (AGPI), uso di quindi grassi vegetali contenenti Omega 6) => Gruppo 2: dieta ricca di AGPI e di AG Omega 6. Descrizione Regime alimentare 1 Regime alimentare 2 Bleu-Blanc-Cœur regime simile al 1960 Régime reppresentativo di un alimentazione contemporanea AGS / AGPI 3 1 Oméga 6 / Oméga % grassi animali 75% 60% AGS / Omega AGS : Acidi grassi saturi; AGPI Acidi grassi pili-insaturi I valori misurati Le misure fatte: Profilo degli acidi grassi del siero e degli eritrociti Parametri antropometrici: Peso, cintura e fianchi, massa grassa. Bilancio lipoproteico: Trigligeridi, Colesterolo totale, HDL c, LDL c Glicemia e insulina Misure di marcadori biologici delle infiammazioni Tensione arteriale sistolica e diastolica Transaminasi (marcatori della steatosi epatica) Inchiesta di qualità di vita In questi due sistemi alimentari si cerca di capire e spiegare cosa è successo negli ultimi 40 anni nei nostri piatti.

13 Risultati Questo studio prima di tutto ha dimostrato la biodisponibilità superiore degli Omega 3, naturali introdotti nella dieta con prodotti di origine animale (carne, latticini, uova.) I profili degli acidi grassi eseguite sul siero e negli eritrociti dei volontari indicano biodisponibilità eccellente del regime di grassi BBC. Il tasso di Omega 3 (precursori e derivati) sono risultati significativamente aumentati nel gruppo di volontari BBC; il rapporto di Omega6/Omega3 è migliorata. Somma deli acidi Omega 6 Somma deli acidi Omega 3 Lino Controllo Lino Controllo Menu con i criteri BBC in correlazione con la perdita di peso: Si è dimostrato che il menu BBC promuove la perdita di peso con una diminuzione dell'indice di massa corporea, peso, cintura e circonferenza fianchi. Si può sostenere che la perdita di peso dei volontari del gruppo BBC si mantiene nel tempo. Come prova le misure effettuate 6 mesi dopo l inizio delle prove mostrano una stabilizzazione del peso nei volontari del gruppo BBC mentre il gruppo controllo gradualmente riguadagnato il peso perduto. I menu nutrizionali, basato su prodotti BBC migliora tutti i criteri di obesità in modo permanente. Nonostante un significativo contributo di acidi grassi polinsaturi nel gruppo 2 controllo, non si osservano differenze sui criteri di lipidi nel sangue (colesterolo,

14 trigliceridi). Invece, nel gruppo 1 BBC, si nota un chiaro miglioramento dei criteri esaminati (transaminasi). Questi valori possono spiegare la stabilizzazione del peso nel tempo, il gruppo BBC riesce a mantenere il miglioramento raggiunto. L'ipotesi di una componente qualitativa di obesità è confermata. Questo studio dimostra che i grassi di origine animale come carne, latticini, uova (...) consumati, possono contribuire per produrre un equilibrio nutrizionale adatto per controllare la buona salute. Dobbiamo quindi garantire la qualità della dieta dei nostri animali, nutrirli bene e fare prodotti con buone qualità nutrizionali e molto più saporiti. Conclusioni L oggetto di questo studio è molto originale. Si dimostra che si può intervenire nella catena alimentare con prodotti equilibrati nutrizionalmente che facciano da base di una dieta sana e bilanciata. Con questo studio che segue le precedenti pubblicazioni in riviste scientifiche internazionali e hanno già dimostrato il valore di questo approccio in volontari sani (studio pubblicato in "Annals of Nutrition and Metabolism", 2002) e volontari diabetici (OCL: "Semi oleosi Fats Fat ", 2004). Questo studio ambizioso e innovativo ha ricevuto il sostegno finanziario dei Ministeri della Sanità, della ricerca e dell'agricoltura. Questi supporti mostrano l'interesse delle politiche di prevenzione per affrontare i problemi nutrizionali e sociali come l'obesità e limitare le malattie cardiovascolari senza l uso di farmaci. E molto meglio prevenire i disturbi nutrizionali, piuttosto che curare le malattie che ne derivano. I risultati di questo studio particolarmente efficace e promettente prova che la prevenzione per una buona nutrizione inizia nei campi e passa per le stalle dei nostri animali per finire nei nostri piatti.

15 Lista delle Referenze. - Malpuech-Brugères C, Mouriot J, Boue-Vaysse C, Combe N, Peyraud JL, LeRuyet P, Chesneau G, Morio B, Chardigny JM., Differential impact of milk fatty acid profiles on cardiovascular risk biomarkers in healthy men and women. European Journal of Clinical Nutrition. - Hurtaud C, Faucon F, Couvreur S, Peyraud JL, Linear relationship between increasing amounts of extruded linseed in dairy cow diet and milk fatty acid composition and butter properties. Journal of Dairy Science. - Sympoura F, Cornu A, Tournayre P, Massouras T, Berdagué JL, Martin B, Odor compounds in cheese made from the milk of cows supplemented with extruded linseed and alpha-tocopherol. Journal of Dairy Science. - Zachut M, Arieli A, Lehrer H, Livshitz L, Yakoby S and Moallem U, Effects of increased supplementation of n-3 fatty acids to transition dairy cows on performance and fatty acid profile in plasma, adipose tissue, and milk fat. Journal of Dairy Science. - Emmerson L Les vaches sont en bonnes santé avec la graine de lin. L éleveur laitier, numéro 184, octobre Petit HV, Benchaar C Importance de la nature des graisses alimentaires sur la reproduction des vaches laitières. - Ambrose DJ, Kastelic JP, Corbett R, Pitney PA, Petit HV, Small JA, Zalkovic P Lower pregnancy losses in lactating dairy cows fed a diet enriched in alpha-linolenic acid. Journal of Dairy Science. - Mathieu, Fougere, Bergot, Demerle, Brunschwig, Chatellier Effet sur la composition du lait et les performances des vaches laitières de la distribution d un concentré à base de graines de lin extrudées. Rencontre Recherche Ruminants. - Douabin S, Chesneau G, Lande N, Labalette F Les bénéfices environnementaux de la culture du lin oléagineux. Journées de la Recherche Valorex. - Martin C, Rouel J, Jouany JP, Doreau M, Chilliard Y Methane output and diet digestibility in response to feeding dairy cows crude linseed, extruded linseed, or linseed oil. Journal of Animal Science.

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015 SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. S.I.A.N.) ) ASL NO SOROPTIMIS INTERNATIONAL D ITALIA CLUB DI NOVARA ISTITUTO PARITARIO SACRO CUORE NOVARA E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

PERCHE MANGIAMO? Gli alimenti sono necessari per. .il FUNZIONAMENTO dell organismo. e per il suo ACCRESCIMENTO

PERCHE MANGIAMO? Gli alimenti sono necessari per. .il FUNZIONAMENTO dell organismo. e per il suo ACCRESCIMENTO PROGETTO ALIMENTAZIONE E CULTURA Impariamo a nutrirci per crescere meglio CIRCOLO DIDATTICO DI ARICCIA Centro Studi Regionale per l Analisi e la Valutazione del Rischio Alimentare (CSRA) - IZS Lazio e

Dettagli

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI.

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Premessa L'indice glicemico (IG) di un alimento, definito come l'area sotto la curva (AUC) della

Dettagli

Tu sei nel cuore di Fondo Est!

Tu sei nel cuore di Fondo Est! Tu sei nel cuore di Fondo Est! Prevenzione della Sindrome Metabolica 1 Fondo EST in collaborazione con Unisalute ti invita a partecipare alla campagna TU SEI NEL CUORE DI FONDO EST. Si tratta di uno screening

Dettagli

colesterolo sotto controllo

colesterolo sotto controllo Come tenere il colesterolo sotto controllo LAVORIAMO INSIEME PER PROTEGGERE LA TUA VITA Cos è il colesterolo alto (ipercolesterolemia)? Come succede a molti di noi, non hai mai pensato al colesterolo o

Dettagli

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Cagliari, mercoledì 30 novembre 2011 METTI IL FORMAGGIO SARDO NELLA TUA DIETA Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Giovanna Maria Ghiani Specialista in Scienza

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista DALLA PREISTORIA AD OGGI: STILI DI VITA DIVERSI 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% DALLA PREISTORIA

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

ZONA PLUS TEST ESITO TEST: Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA

ZONA PLUS TEST ESITO TEST: Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA ESITO TEST: Cod. ID: 123456 Data: 10/01/2011 Paziente: ROSSI MARIO ZONA PLUS TEST Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA Glicemia Insulinemia Indice HOMA ANALITA DESCRIZIONE

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

Additional information >>> HERE <<<

Additional information >>> HERE <<< Additional information >>> HERE

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

Alimentazione Equilibrata

Alimentazione Equilibrata Gli standard nutrizionali Alimentazione Equilibrata Per soddisfare in modo ottimale il fabbisogno dietetico dei propri cittadini, molti paesi del mondo hanno elaborato e messo a disposizione delle collettività

Dettagli

ZONA PLUS TEST Valutazione del rapporto tra acidi grassi omega6 e omega3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA

ZONA PLUS TEST Valutazione del rapporto tra acidi grassi omega6 e omega3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA ESITO TEST: Cod. ID: 123456 CCV: 574 Data: 01/01/2013 Paziente: Rossi Mario Referto a cura di: NatrixLab Via Cavallotti, 16 42122 Reggio Emilia Aut.n. 67 del 26.01.10 Direttore Sanitario Dott. Michele

Dettagli

3) Il Colesterolo. Le diverse forme di colesterolo, HDL e LDL, note al grande pubblico come colesterolo buono e cattivo, non 1

3) Il Colesterolo. Le diverse forme di colesterolo, HDL e LDL, note al grande pubblico come colesterolo buono e cattivo, non 1 3) Il Colesterolo Il colesterolo è un normale e indispensabile costituente del nostro organismo, per la maggior parte presente nel bilayer fosfolipidico delle membrane cellulare, alle quali conferisce

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Corso di Formazione Mangia Giusto Muoviti con Gusto A.S. 2008-2009 I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Dietista Dott.ssa Barbara Corradini Dipartimento di Sanità

Dettagli

I macronutrienti. Nutrizione e Vita di Gallo dr Ubaldo - info@italianutrizione.it

I macronutrienti. Nutrizione e Vita di Gallo dr Ubaldo - info@italianutrizione.it I macronutrienti 1 Ogni alimento può essere composto da: Carboidrati Proteine Grassi Questi sono conosciuti come macronutrienti 2 Il cibo va forse valutato solo in funzione del suo apporto calorico? ASSOLUTAMENTE

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

CHE COSA FARE DOPO UN INFARTO MIOCARDICO O UNA MALATTIA CORONARICA

CHE COSA FARE DOPO UN INFARTO MIOCARDICO O UNA MALATTIA CORONARICA Lega Friulana per il Cuore CHE COSA FARE DOPO UN INFARTO MIOCARDICO O UNA MALATTIA CORONARICA Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Valutazione sperimentale di formulazioni di pane e biscotti a basso indice glicemico

Valutazione sperimentale di formulazioni di pane e biscotti a basso indice glicemico Valutazione sperimentale di formulazioni di pane e biscotti a basso indice glicemico Premessa L'indice glicemico (IG) di un alimento, definito come l'area sotto la curva (AUC) della glicemia conseguente

Dettagli

Serena Missori Specialista in Endocrinologia. U.O. D Geriatria Ospedale S. Andrea Roma II Facoltà di Medicina Università La Sapienza di Roma

Serena Missori Specialista in Endocrinologia. U.O. D Geriatria Ospedale S. Andrea Roma II Facoltà di Medicina Università La Sapienza di Roma Serena Missori Specialista in Endocrinologia U.O. D Geriatria Ospedale S. Andrea Roma II Facoltà di Medicina Università La Sapienza di Roma IL FULCRO della SM è l'obesita' CENTRALE SINDROME METABOLICA

Dettagli

Senza il dolce, il cuore è più leggero.

Senza il dolce, il cuore è più leggero. Il diabete Il diabete Opuscolo redatto da Franco Veglio*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*, appartengono anche i seguenti titoli: Senza il dolce, il cuore è più leggero. L attività fisica

Dettagli

Salute, Benessere, Carattere. Guida la tua vita! Il mio benessere? Una questione di stile!

Salute, Benessere, Carattere. Guida la tua vita! Il mio benessere? Una questione di stile! ri-esco Salute, Benessere, Carattere. Guida la tua vita! Il mio benessere? Una questione di stile! Esistono molti modi di alimentarsi, e un solo modo di nutrirsi STATO NUTRIZIONALE Adattato da: Bedogni

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

DIETA. Ovvero MANGIARE PER LA VITA

DIETA. Ovvero MANGIARE PER LA VITA Regione PIEMONTE- ASL2-Torino Ambulatorio di Cardiologia OSPEDALE S. Giovanni Bosco Tel.011-2402310 Progetto GIOTTO Responsabile Drssa Bianca BIANCHINI DIETA Ovvero MANGIARE PER LA VITA Questo piccolo

Dettagli

GLI ACIDI GRASSI OMEGA 3 ACIDO ALFA LINOLENICO. inibisce. stimola

GLI ACIDI GRASSI OMEGA 3 ACIDO ALFA LINOLENICO. inibisce. stimola GLI OMEGA 3 PARTE I NOTA BENE: QUANTO SEGUE HA SOLO UN VALORE INFORMATIVO GENERICO E MAI PRESCRITTIVO. PERTANTO PRIMA DI INTRAPRENDERE TUTTA, O ANCHE IN PARTE, LA PROCERURA SOTTOSCRITTA, E ASSOLUTAMENTE

Dettagli

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi:

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi: Legumi I legumi sono considerati la carne dei poveri per il loro contenuto proteico. Sono utilissimi ai vegetariani e ai vegani (questi, a differenza dei vegetariani, non utilizzano neanche i latticini

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Diabete e alimentazione Relatore: Giovanna Foschini Data 19 marzo 2014 Sede Sala Piccolotto UN PO DI STORIA Un po' di storia... Papiro di Ebers (1550 a.c.)

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

INDICE PREFAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE 13 PARTE 1 PRINCIPI DELL ALIMENTAZIONE

INDICE PREFAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE 13 PARTE 1 PRINCIPI DELL ALIMENTAZIONE INDICE PREFAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE 13 PARTE 1 PRINCIPI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE 15 L aspettativa di vita.........................................17 La grande illusione.........................................17

Dettagli

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE Per sentirsi bene e in salute è necessario non solo raggiungere un peso salutare ma è necessario fare anche dei cambiamenti nel proprio stile di vita e nel proprio modo

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

More details >>> HERE <<<

More details >>> HERE <<< More details >>> HERE http://urlzz.org/curacolest/pdx/nasl3715/

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

Carcinoma mammario e sue recidive

Carcinoma mammario e sue recidive Fattori ormonali, metabolici, nutrizionali e carcinoma mammario Sindrome metabolica Insulina Fattori di crescita Carcinoma mammario e sue recidive Grassi ed alcol nella dieta Ormoni sessuali Sedentarietà

Dettagli

INVESTIRE IN SALUTE. Progetto: TU SEI NEL CUORE DI. AZIONE DI SENSIBILIZZAZIONE E DI PREVENZIONE DELLA SINDROME METABOLICA

INVESTIRE IN SALUTE. Progetto: TU SEI NEL CUORE DI. AZIONE DI SENSIBILIZZAZIONE E DI PREVENZIONE DELLA SINDROME METABOLICA ASSOCIAZIONE PRO SENECTUTE DI PEIA-ONLUS via Don Brozzoni n 32 24020 Peia (BG) cod. fiscale 90017120164 (Iscritta nel Registro Generale Regionale del Volontariato al n. 26038 dal 24.10.2000) e-mail prosenectute_peia@virgilio.it

Dettagli

Avvio progetto sindrome metabolica. Adesione

Avvio progetto sindrome metabolica. Adesione Avvio progetto sindrome metabolica Adesione 1. i medici associati in super rete, super gruppo e CPT sono obbligati ad aderire e NON devono comunicare l'adesione al distretto di competenza; 2. I medici

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione ALIMENTAZIONE Appunti di lezione CORRETTA ALIMENTAZIONE Un adolescente (13-15 anni) Ha bisogno per crescere di: Energia e Nutrienti Ossia di alimentarsi, ma con misura nè troppo, ne troppo poco. Il termine

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

2. Caratteristiche di una alimentazione equilibrata

2. Caratteristiche di una alimentazione equilibrata Dipartimento delle Professioni Sanitarie Guida al percorso di assistenza nutrizionale in riabilitazione cardiologica Servizio Dietetico Responsabile: Dr.ssa Maria Luisa Masini 2. Caratteristiche di una

Dettagli

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Al fine di comporre correttamente la propria dieta è bene conoscere le qualità dei principali alimenti che in base alle loro principali caratteristiche nutrizionali

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

PREVENIRE LE MALATTIE CARDIOVASCOLARI

PREVENIRE LE MALATTIE CARDIOVASCOLARI Informazioni per i cittadini su efficacia e sicurezza delle cure PREVENIRE LE MALATTIE CARDIOVASCOLARI Stili di vita e farmaci contro infarto, ictus & C. Le malattie cardiovascolari, fra cui infarto o

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

SIAMO CIO CHE MANGIAMO Come l alimentazione può aiutarci a mantenerci in salute. Chiara Segré, PhD Giornata Nazionale della Previdenza 14 Maggio 2014

SIAMO CIO CHE MANGIAMO Come l alimentazione può aiutarci a mantenerci in salute. Chiara Segré, PhD Giornata Nazionale della Previdenza 14 Maggio 2014 SIAMO CIO CHE MANGIAMO Come l alimentazione può aiutarci a mantenerci in salute Chiara Segré, PhD Giornata Nazionale della Previdenza 14 Maggio 2014 L alimentazione è il più importante fattore ambientale

Dettagli

4) Trigliceridi. Composizione chimica

4) Trigliceridi. Composizione chimica 4) Trigliceridi I trigliceridi sono i grassi per eccellenza. Le persone adulte possono variare di peso in maniera considerevole solo in due modi: o variando la massa magra, cioè il muscolo, o variando

Dettagli

Un problema di cuore.

Un problema di cuore. Le malattie cardiovascolari nella donna Le malattie cardiovascolari nella donna Opuscolo redatto da Maria Lorenza Muiesan* e Maria Vittoria Pitzalis*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*,

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO?

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? LIDIA ROVERA UOA Gastroenterologia Dietetica e Nutrizione Clinica ASO Ordine Mauriziano-Torino I.R.C.C. Candiolo LUCIA FRANSOS Dietista AIC -Piemonte e

Dettagli

Gli acidi grassi omega-3 sono detti polinsaturi a causa del fatto che la loro catena comprende vari doppi legami.

Gli acidi grassi omega-3 sono detti polinsaturi a causa del fatto che la loro catena comprende vari doppi legami. A cura del Dott Giancarlo Piovaccari Direttore Dipartimento Malattie Cardiovascolari-Rimini Gli Omega-3 (o PUFA n-3) sono una categoria di acidi grassi essenziali (ai quali appartengono anche gli Omega

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

Il tumore della mammella: Stili di Vita

Il tumore della mammella: Stili di Vita Il tumore della mammella: Stili di Vita Studi in corso in Piemonte A. Pezzana SoSD Dietetica e Nutrizione clinica Presidio ospedaliero Torino Nord Emergenza San Giovanni Bosco A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria

Dettagli

Alimentazione e salute

Alimentazione e salute ASL Napoli 1 Centro Progetto Quadrifoglio: educare alla salute Alimentazione e salute Dott. Giuseppe Manco, UOMI Distretto 23 Dott. Pio Russo Krauss, Settore Educazione Sanitaria ed Ambientale Dott.ssa

Dettagli

RELAZIONE PERDITA DI PESO ANALISI GRAFICA TRAINING ANALYSIS TAFURO

RELAZIONE PERDITA DI PESO ANALISI GRAFICA TRAINING ANALYSIS TAFURO RELAZIONE PERDITA DI PESO ANALISI GRAFICA TRAINING ANALYSIS TAFURO Il primo quesito che ho posto ai miei pazienti Dario Corcione e Vincenzo Dello Iacono è l obiettivo che volessero raggiungere. Per raggiungere

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO una corretta informazione per un benessere psicofisico Mangiare o nutrirsi? Mangiare è un atto ricco di significati che va ben oltre il semplice soddisfacimento fisiologico Nutrirsi

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA VETERINARIA E DEGLI ALIMENTI UFFICIO XII L' approccio alla malattia diabetica si basa su tre

Dettagli

ALIMENTAZIONE E DIABETE

ALIMENTAZIONE E DIABETE ALIMENTAZIONE E DIABETE Dott.ssa Elena Cimino Scuola di Specializzazione in Endocrinologia e Malattie del Metabolismo Università dell Insubria Sede Milano Bicocca UOS Diabetologia Clinica Medica Ospedale

Dettagli

Alimentazione nel mondo. I.C. D.Galimberti Bernezzo

Alimentazione nel mondo. I.C. D.Galimberti Bernezzo Alimentazione nel mondo Nord/Sud Una divisione economica più che geografica Situazione mondiale Il 35% dell intera popolazione della terra ha un alimentazione insufficiente, inferiore cioè a 2000 Kcal

Dettagli

La frutta secca, un alternativa alimentare ideale. Alessandra Bordoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti Università di Bologna

La frutta secca, un alternativa alimentare ideale. Alessandra Bordoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti Università di Bologna La frutta secca, un alternativa alimentare ideale Alessandra Bordoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti Università di Bologna Cos è la frutta secca Frutti oleosi (noci, nocciole, mandorle, ecc) (in

Dettagli

cibi sì e cibi no per vincere colesterolo, diabete e ipertensione riza

cibi sì e cibi no per vincere colesterolo, diabete e ipertensione riza cibi sì e cibi no per vincere colesterolo, diabete e ipertensione riza Testi e grafica a cura della Redazione di Le ricette PerdiPeso e di Fiorella Coccolo Copertina: Roberta Marcante Immagini: Shutterstock

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE 1 Dicembre 2006 Dietista Silvia Scremin Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione U.L.SS. n.6 Vicenza MENÙ DOCUMENTO

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

Jama, 2001, 285(19):2486-2496

Jama, 2001, 285(19):2486-2496 Sommariio esecutiivo delllle lliinee-guiida ATP-III per lla prevenziione delllle mallattiie coronariiche Jama, 2001, 285(19):2486-2496 FASE 1. DETERMINARE IL PROFILO LIPIDICO-LIPOPROTEICO NEL SOGGETTO

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Dipartimento di Scienze Cliniche e Sperimentali ALIMENTAZIONE, RISCHIO CARDIOVASCOLARE E METABOLICO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Dipartimento di Scienze Cliniche e Sperimentali ALIMENTAZIONE, RISCHIO CARDIOVASCOLARE E METABOLICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Dipartimento di Scienze Cliniche e Sperimentali ALIMENTAZIONE, RISCHIO CARDIOVASCOLARE E METABOLICO Relatore: Dott.ssa Chiara Becchetti Assegnista di ricerca Brescia 19/03/2015

Dettagli

Nutrizione umana LIPGENE. Diffusione. Dimostrazione

Nutrizione umana LIPGENE. Diffusione. Dimostrazione Il progetto LIPGENE: domande e risposte Nutrizione umana Biotecnologia vegetale Nutrizione animale LIPGENE Economia Scienze del consumatore Diffusione e Dimostrazione 1 Parte prima: il progetto Lipgene

Dettagli

10 REGOLE PER UNA SANA ALIMENTAZIONE

10 REGOLE PER UNA SANA ALIMENTAZIONE 10 REGOLE PER UNA SANA ALIMENTAZIONE A cura della dietista Nicoletta dott.ssa Colombi In collaborazione con Fondazione casa dei Premolesi La figura del dietista Il dietista è un professionista sanitario

Dettagli

NOVITÀ PER IL MEDICO

NOVITÀ PER IL MEDICO DIABETE GESTAZIONALE Paolo Macca - Irene Carunchio 20 NOVITÀ PER IL MEDICO Spesso durante la gravidanza si tende ad assecondare la donna e in particolare i suoi desideri alimentari. La dieta restrittiva

Dettagli

Siamo quello che mangiamo

Siamo quello che mangiamo Siamo quello che mangiamo Una sana alimentazione rappresenta il primo intervento di prevenzione a tutela della salute e dell armonia psico-fisica organismo è una macchina biochimica che consuma carburante

Dettagli

CONSUMO ALIMENTARE DI CARNI E RISCHIO DI CANCRO A cura di Angela Maria Vittoria GRIZZANTI

CONSUMO ALIMENTARE DI CARNI E RISCHIO DI CANCRO A cura di Angela Maria Vittoria GRIZZANTI CONSUMO ALIMENTARE DI CARNI E RISCHIO DI CANCRO A cura di Angela Maria Vittoria GRIZZANTI A.A. 2012-2013 Il consumo di carne è aumentato dalla seconda guerra mondiale. Anche se questo aumento è stato a

Dettagli

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Università degli Studi di Pavia Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Direttore: Prof. Anna Tagliabue

Dettagli

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica EVOLUZIONE ED OBESITA Dott.ssa D Angelo Angelica Definizione di obesità Per obesità si intende la presenza di un eccesso della massa corporea. Il grado di obesità si misura con l indice di massa corporea

Dettagli

Applicazioni dell acido pinoleico quale inibitore dell appetito in prodotti alimentari

Applicazioni dell acido pinoleico quale inibitore dell appetito in prodotti alimentari Applicazioni dell acido pinoleico quale inibitore dell appetito in prodotti alimentari Presentazione Obesità Meccanismo d azione Riduzione dell appetito PinnoThin Risultati Applicazioni Claims Obesità

Dettagli

Comune di Bologna Settore Istruzione. (alcune informazioni per una corretta alimentazione)

Comune di Bologna Settore Istruzione. (alcune informazioni per una corretta alimentazione) Comune di Bologna Settore Istruzione (alcune informazioni per una corretta alimentazione) Anno 2012 a cura di: Alves Carpigiani Nutrizionista Responsabile della U.O. Igiene Nutrizione Controllo pasti nidi

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi.

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. Perché mangiamo L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. L energia è necessaria per ogni attività del nostro corpo:

Dettagli

Modelli dietetici: Evidenze scientifiche ed epidemiologiche

Modelli dietetici: Evidenze scientifiche ed epidemiologiche Modelli dietetici: Evidenze scientifiche ed epidemiologiche Valeria del Balzo Unità di Ricerca di Scienza dell Alimentazione e Nutrizione Umana Dipartimento di Medicina Sperimentale Sapienza Università

Dettagli

SCEGLI IL GUSTO. 7 febbraio 2013 Body Worlds. Anna Caroli

SCEGLI IL GUSTO. 7 febbraio 2013 Body Worlds. Anna Caroli SCEGLI IL GUSTO 7 febbraio 2013 Body Worlds Anna Caroli Terminato l iter diagnostico esami del sangue biopsia enterica Oggi so di essere celiaco Cosa faccio e cosa mangio Il Medico fornisce le prime e

Dettagli

Alimentazione equilibrata e lavoro d ufficio

Alimentazione equilibrata e lavoro d ufficio Il benessere comincia dall ufficio 4 ottobre 2008 Alimentazione equilibrata e lavoro d ufficio Dott.ssa Cristina Angeloni Università di Bologna Dipartimento di Biochimica G.Moruzzi Centro Ricerche sulla

Dettagli

Capitolo 4 I menu per ritrovare la linea in 14 giorni 95. Capitolo 5 Cucinare con i cibi che non alzano la glicemia 115

Capitolo 4 I menu per ritrovare la linea in 14 giorni 95. Capitolo 5 Cucinare con i cibi che non alzano la glicemia 115 Sommario Introduzione Conosci l indice glicemico e perdi peso senza sacrifici 7 Capitolo 1 La glicemia dei cibi e i meccanismi che fanno ingrassare 13 Capitolo 2 L importanza dell indice glicemico 33 Capitolo

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

Vegetariani e vegani

Vegetariani e vegani Estremisti o progressisti? Vegetariani e vegani Per alcuni eliminare la carne (ma anche altri alimenti) dalla propria dieta è alla pari di una moda, per altri un modo per lavarsi la coscienza nei confronti

Dettagli

Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina

Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina Il Regolamento (UE) 1169/2011 è entrato in vigore il 13 dicembre 2011 e verrà applicato in modo graduale, tramite tappe intermedie. Il testo unico raccoglie

Dettagli

Mix Esc lusivo di. Carboidrati a lento rilascio. Carboidrati a lento rilascio (Sucromalt & Fibersol ) F Glu Glu Glu. Tempo (ore)

Mix Esc lusivo di. Carboidrati a lento rilascio. Carboidrati a lento rilascio (Sucromalt & Fibersol ) F Glu Glu Glu. Tempo (ore) Triple Care Sucromalt Mix Esc lusivo di Carboidrati a lento rilascio Fibersol Il Sucromalt è prodotto con un processo enzimatico brevettato a partire da saccarosio e maltosio, ed è costituito da un mix

Dettagli

OSTEOPOROSI e ALIMENTAZIONE: quali indicazioni possono risultare efficaci?

OSTEOPOROSI e ALIMENTAZIONE: quali indicazioni possono risultare efficaci? OSTEOPOROSI e ALIMENTAZIONE: quali indicazioni possono risultare efficaci? Una corretta alimentazione, in tutte le fasi della vita, è il miglior modo di prevenire l osteoporosi. L osteoporosi deve essere

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

L ASL di Mantova per la ristorazione scolastica

L ASL di Mantova per la ristorazione scolastica Dipartimento di Prevenzione Medica Area Promozione della Salute Servizio di Igiene Alimenti e Nutrizione (SIAN) L ASL di Mantova per la ristorazione scolastica Determinanti della salute (CDC) Dr Maria

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti L ALFABETO DELLA CORRETTA NUTRIZIONE Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti delle membrane cellulari hanno destato negli ultimi anni maggior interesse. E ormai

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO

PRONTUARIO DIETETICO Pag. 1/107 File Prontuario Dietetico Rev. 01 Redazione Dott. Patrizia Turcato - Servizio Dietetica Data applicazione 3 gennaio 2011 Verifica Dr. Mauro Bertassello - Direttore Presidi Ospedalieri Copia

Dettagli

Il modello della piramide alimentare: La Dieta Mediterranea

Il modello della piramide alimentare: La Dieta Mediterranea PROGRAMMA DELLE LEZIONI: 1. Introduzione al corso 2. Screening e valutazione nutrizionale 3. Linee guida per una sana alimentazione 4. Piramide alimentare 5. Prova in itinere 6. Etichettatura degli alimenti

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli