Dossier scientifico sul latte e derivati Fattorie Italia Bleu-Blanc-Cœur

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dossier scientifico sul latte e derivati Fattorie Italia Bleu-Blanc-Cœur"

Transcript

1 Dossier scientifico sul latte e derivati Fattorie Italia Bleu-Blanc-Cœur

2 Fondamenta del progetto Fattorie Italia BBC La composizione lipidica dei prodotti Fattorie Italia BBC vuole essere in questo senso un contributo all apportazione nella dieta su larga scala di Omega 3 naturali. I protocolli utilizzati dalla catena di produzione incorporano questi principi e definiscono: il modo di produrre, i contenuti delle razioni animali, le condizioni di controllo analitico e l'organizzazione della tracciabilità documentale. Queste specifiche sono definite sulla base di dati scientifici e tecnici acquisiti da Fattorie Italia BBC in partnership con istituti di ricerca pubblici o attraverso prove in campo con gli stessi associati. Fattorie Italia BBC promuovono un approccio che utilizza fonti naturali di Omega 3: da introdurre su larga scala nella catena alimentaria. La produzione di latte con questi nutrienti soddisfa pienamente le esigenze tecnico nutrizionali per il consumo umano. * Tenore in Proteine e grassi. Il latte prodotto risponde perfettamente alle esigenze * Qualità del grasso. della lavorazione del formaggio: * Colore e sapore dei prodotti finali Dalla composizione in acidi grassi del latte dipende: *La consistenza del burro e formaggio * La qualità nutrizionale del grasso del latte * La qualità organolettica dei prodotti lattiero-caseari Studi clinici sugli Omega 3 Diversi studi hanno confermato le molte osservazioni e le ipotesi avanzate precedentemente da molti ricercatori e medici sui benefici per la salute degli Omega 3. Oggigiorno è dimostrato che gli Omega 3 sono direttamente coinvolti nella diminuzione del rischio cardiovascolare. Lo studio di Lione, guidato dal Dr. Michel de Lorgeril, è una delle dimostrazioni che ha avuto maggior successo. Lo studio è stato fatto su di un gruppo di 300 persone che avevano già avuto un attacco di cuore. Come risultato la mortalità cardiovascolare successivamente all assunzione di Omega 3 è diminuita dell 80%. Gli Omega 3 hanno suscitato interesse anche per ridurre il rischio di alcuni tumori, le malattie mentali come la depressione o malattie neurodegenerative come l Alzheimer.

3 Studi clinici sul latte e derivati BBC Corinne MALPUECH-BRUGERE, Julien MOURIOT, Carole BOUE-VAYSSE, Nicole COMBE, Jean-Louis PEYRAUD, Pascale LERUYET, Guillaume CHESNEAU, Béatrice MORIO, Jean-Michel CHARDIGNY, UMR Nutrition Humaine INRA, CRNH Auvergne. OBBIETTIVO DELLO STUDIO: Studiare l'impatto del consumo di prodotti lattiero-caseari BBC sui parametri sanguigni che riflettono il rischio di infarto / ictus tra volontari sani. MATERIALI E METODI: 111 uomini e donne, reclutati per lo studio clinico, hanno consumato per 3 settimane, 3 alimenti (burro, budini, biscotti), prodotti con latte di mucche nutrite con una dieta di controllo (mais, grano, soia) o una dieta arricchita con Omega 3 (via di lino estruso). La composizione in acidi grassi del latte di vacca utilizzato per gli alimentati della prova (dieta arricchita con Omega 3) è conforme alle specifiche tecniche dei protocolli BBC Tabella 1: Valori della composizione del latte Latte Latte BBC Controllo Ricco di Oméga3 ALA 0,2 0,6 CLA 0,4 0,7 C16:0 34,6 27,9 LA/ALA 6,1 2,2 C16:0/ALA 157,3 47,3 ALA = acido alfa linolenico- precursore di Omega 3; CLA = Acido linolenico coniugato acido grasso trans il più presente nei ruminanti. C16:0 acido palmitico(ag saturi). MISURE: 2 prelievi di sangue uno all'inizio dell'esperimento e uno alla fine (tre settimane più tardi). - I parametri misurati sono stati : concentrazione di colesterolo (HDL, LDL, totale).

4 RISULTATI: Totale colesterolo (mmol/l) Volontari/prodotti controllo Prima Effetti osservati dopo il consumo Volontari/prodotti BBC Prima Effetti osservati dopo il consumo 4,4±0,8 0,1±0,4 4,9±0,8-0,1±0,5 HDL-C (mmol/l) 1,7±0,5 1,7±0,5 0,01±0,2 0,05±0,2 LDL-C (mmol/l) 2,3±0,8 2,6±0,8 0,1±0,3-0,1±0,4 LDL-C/HDL-C 1,5±0,6 1,7±0,7 0,06±0,2-0,1±0,4 Totale colesterolo/hdl-c HDL colesterolo buono ; LDL -colesterolo cattivo 2,7±0,7 3±0,8 0,1±0,3-0,2±0,5 La concentrazione plasmatica di colesterolo HDL (colesterolo buono) non è stato alterato dalle diete sperimentali. Al contrario, le concentrazioni di colesterolo totale (- 0,13 mmol / L), il colesterolo LDL (colesterolo cattivo) (-0,14 mmol / L) e rapporto LDL / HDL (-0,14) e colesterolo totale / HDL (-0, 18) è diminuita nei volontari che hanno consumato per 3 settimane prodotti lattiero-caseari che sono conformi alle specifiche di BBC. CONCLUSIONI: Il consumo di latticini BBC riduce i livelli ematici di colesterolo in volontari sani. Questi risultati sono relazionabili con una riduzione del 9,5% del rischio di infarto al miocardico. Pertanto, il consumo di latte BBC può essere associato alla riduzione dei rischi cardiovascolari.

5 Studio LA CATENA ALIMENTARE CERNh(Centre d'enseignement, recherche en nutrition humaine; INRA (Institut National de la Recherche Agronomique); Associazione Bleu-Blanc-Coeur; OBBIETTIVO DELLO STUDIO Misure degli effetti di introdurre Omega 3 naturali (Tradi-lin) nella dieta degli animali, sulla salute dell uomo MATERIALI E METODI Comparare due tipi di catena alimentare : 1-regime alimentare controllo : animali nutriti con alimenti classici (soia, mais, girasole) 2-regime alimentare protocollo BBC : animali nutriti con le stesse materie prime più una media del 5% di semi di lino estruso nella razione. PROTOCOLLO Prove Zootecniche Prodotti Volontari Lotto BBC: 5 % Tradilin Prodotti protocollo BBC Lotto controllo : iso Prodotti controlli proteina e energia Vacche da latte Bovini da carne Maiali Pollo da carne Latte, burro Carne, Salumi Uova Cross-over- con placebo 75 adulti sani con età tra i 25 e i 45 anni, divisi in tre gruppi per 3 mesi con la proibizione di alimentarsi con altri prodotti animali. MISURE: - Le misure dei risultati sono state eseguite con le rispettive modalità: - Profilo degli acidi grassi (Omega 3, AGS). - Profilo di acidi grassi dal siero sanguigno de volontari. - Profilo degli acidi grassi degli eritrociti sanguigni dei volontari Prove sensoriali (panel test) sui prodotti per l alimentazione dei volontari

6 RISULTATI 1-/I risultati mostrano: Miglioramento nella composizione interna lipidica dei prodotti di origine animale. Minor quantità di acidi grassi insaturi, e maggiore quantità di AG essenziali polinsaturi Omega 3 Migliore equilibrio tra acidi grassi essenziali: rapporto Omega 3 / Omega 6 <5 Composizione degli acidi grassi dei campioni prelevati al gruppo controllo e al gruppo protocollo BBC in mg/volontario/giorno. Controllo Protocolli BBC Differenza C 16 : O ± ± 3100 *** C18 : 2 ( n-6) ± ± 780 C18 : 2 cis 9 trans ± ± 100 *** C18 : 3 ( n-3) 753 ± ± 290 *** C20 : 4 ( n-6) 281 ± ± 50 *** C20 : 5 ( n-3) 4 ± 1 24 ± 5 *** C22 : 5 ( n-3) 28 ± 5 66 ± 14 *** C22 : 6 ( n-3) 73 ± ± 46 *** AGS ± ± 7100 *** AGMI ± ± 4130 *** AGPI ± ± 1360 *** AGS Acidi grassi saturi; AGMI Acidi grassi mono-insaturi; AGPI Acidi grassi pili-insaturi *** P< 0.05 ** P< 0.01 * P <0.001) 2-/I risultati mostrano: La modifica del profilo degli acidi grassi nel sangue dei volontari del gruppo protocolli BBC : Aumento della percentuale di Omega 3 nel siero sanguigno (P <0,001) Aumento della percentuale di Omega 3 nei fosfolipidi precursori e derivati a lunga catena di Omega 3 : EPA, DHA) negli eritrociti (P <0,001).

7 Effetto del regime alimentare sulla composizione degli acidi grassi nel siero sanguigno dei volontari (Espressi in percentuale degli AG totali) Controllo Protocolli BBC Differenza C 16 : O 19,5 ± 1,8 18,5 ± 1,7 ** C18 : 2 ( n-6) 31,3 ± 31,6 31,6 ± 4,2 CLA 0,28 ± 0,07 0,42 ± 0,13 *** C18 : 3 ( n-3) 0,44 ± 0,11 0,93 ± 0,30 *** C20 : 4 ( n-6) 7,7 ± ± 1.1 *** C20 : 5 ( n-3) 0,52 ± 0, ± 0,17 *** C22 : 5 ( n-3) 0,35 ± 0,08 0,45 ± 0,10 *** C22 : 6 ( n-3) 1,51 ± 0,24 1,67 ± 0,29 ** AGS 27,7 ± 2,3 26,5 ± 2,2 AGMI 27,9 ± 2,5 28,9 ± 3,3 AGPI 44,4 ± 4,1 44,5 ± 4,5 AGS : Acidi grassi saturi; AGMI; Acidi grassi mono-insaturi; AGPI Acidi grassi pili-insaturi (***P< 0.05 ** P< 0.01 * P <0.001) CONCLUSIONI I risultati mostrano che l'introduzione di prodotti con Omega 3 nella catena alimentaria apporta un beneficio nutrizionale significativo per la salute umana. Senza cambiare le proprie abitudini alimentari, i volontari del gruppo protocolli BBC hanno migliorato i loro parametri lipidici del sangue (aumento di CLA, ALA, EPA, DH) e diminuito il rapporto Omega 6/ Omega 3. Si può quindi affermare che l introduzione di prodotti animali, con queste caratteristiche, nella dieta alimentare, possono comportare effetti positivi a medio e lungo termine per la salute umana.

8 Studio DIABETICI CERNh (Centre d'enseignement, recherche en nutrition humaine; INRA (Institut National de la Recherche Agronomique); Valorex (Associazione Bleu-Blanc-Cœur); CONTESTO Il diabete di tipi 2 è una malattia grave, che colpisce più di due milioni di persone in Francia, secondo la previsione della OMS l incidenza di questa malattia dovrebbe raddoppiarsi nei prossimi 10 anni. I nostro stile di vita (sedentario, alimentazione squilibrata) è la causa principale dell apparizione del diabete di tipo 2. Il diabetedi tipo 2 è uno dei principali fattori di rischio per infortuni alle coronarie e malattie cardio vascolari. Prima causa di morte in Europa. Il diabete di tipo 2 o (diabete non insulino-dipendente) si caratterizza per un accumulo di glucosio nel sangue. Il tasso di zucchero (glicemia) e di insulina ( insulinemia) sono troppo elevati. Si parle di insulino-resistenza. PROBLEMATICHE DELLA RICERCA Determinare se i prodotti della filiera BBC hanno effetti sull insulino resistenza e/o sulle complicazione del diabete (peso, colesterolo, trigligeridi). In effetti, il latte e i derivati, le uova la carne ecc della filiera BBC contengono un alto contenuto di Omega 3 (acidi grassi essenziali) capaci di diminuire l insulino-resistenza e di migliorare i parametri che complicano il diabete. PROTOCOLLO Il protocollo è stato validato da un comitato etico. Le prove sono state fatte in un programma di ospedalizzazione con una metodica clinica. La durata delle prove è stata di 105 giorni su 54 volontari di un ospedale della Bretagna (Lorien 56 Francia) I volontari erano diabetici, con un alto contenuto di grassi nel sangue (colesterolo, e trigligeridi elevati.) e obesi ( un indice di massa corporea IMC medio di 31,5 con una media di 90 kg per 1,69 m) Sono stati divisi in modo random in tre gruppi. Ciascun gruppo di volontari ha consumato lo stesso tipo di prodotti e la stessa quantità. L apporto calorico medio del menù era di 1970 kcal.

9 La sola differenza risiedeva nell origine dei prodotti, filere convenzionali e filiere BBC: Nel primo gruppo (gruppo controllo) i prodotti animali e il pane erano standard. Nel secondo gruppo (prova 1) il pane e le uova BBCe il latte e la carne standard. Nel terzo cruppo (prova 2) le uova il burro il latte, yogurt, carne erano BBBC. RISULTATI 1/ Nei gruppi sperimentali (prova 1- prova 2) i volontari sono dimagriti (p<0,05). Questo non è successo per il gruppo controllo. Sono dimagriti per la dimensione della cintura (p<0,01) e per i fianchi (p<0,05). 2/ Nei gruppi sperimentali (prova 1- prova 2) i volontari hanno migliorato il loro bilancio lipidico: hanno diminuito il loro tasso di trigligeridi (-20% p<0,05) e migliorato il rapporto colesterolo buono/ cattivo(hdl/ LDL) 2/ Nel gruppo (prova 2) ( che consumavano un menu completo BBC) hanno verificato si è registrata una diminuzione significativa dell insulino resistenza (-26% p<0,05). CONCLUSIONI La letteratura scientifica è piena di studi per darci spigazione che ci permettono di comprendere quello che è avvenuto durante la prova. Ci possono ben spiegare come gli Omega 3 hanno permesso un miglior funzionamento del metabolismo cellulare e del sistema enzimatico. Il fatto importante è che questi cambiamenti sono avvenuti crazie all utilizzo di prodotti alimentari con certe caratteristiche. Si può quindi affermare che si sono registrate delle variazioni significative per controllare i valori antropometrici che causano l accumulo di lipidi nel sangue e il diabete di tipo 2. Tutti queste modificazioni sono state ottenute senza modificare il regime alimentare, ma si l origine dei prodotti utilizzati Questo prova che con l alimentazione si può migliorare la salute umana.

10 STUDIO DI OBESITÀ E SINDROME METABOLICA (Progetto di ricerca europeo intitolato EUREKA) Bleu-Blanc-Coeur ha coordinato uno studio clinico nel 2006 sul tema "sovrappeso e obesità" in partnership con il CERN, INRA e VALOREX. Questo studio ha seguito a due gruppi di 80 volontari obesi per 9 mesi: Gruppo 1 hanno utilizzato prodotti della filiera BBC. Gruppo 2 hanno utilizzato prodotti standard. Perchè questo studio Tutti sanno che il sovrappeso è legato al consumo eccessivo di cibo. Ma nessun regime alimentare ha portato una soluzione efficace e sostenibile ai problemi di obesità. Tutto ciò suggerisce che il controllo del sovrappeso coinvolge simultaneamente la quantità, ma anche la qualità del nostro cibo (è noto che il problema principale sono i grassi). Da almeno 20 anni, si stà consumando grassi vegetali più ricchi di acidi grassi saturi (AGS) come olio di palma e di omega-6 (girasole, mais, soia) o per esempio, grassi nascosti (piatti pronti, dolci industriali ecc ). La composizione dei prodotti di origine animale col tempo ha aumentato notevolmente l uso di mangimi ricchi di Omega 6 (mais, soia). Dal 1980, le raccomandazioni dietetiche per ridurre il consumo di grassi saturi (animali) a favore di grassi polinsaturi (origine vegetale) non hano ottenuto grandi risultati, infatti, l obesità è diventata una vera e propria epidemia dei tempi moderni. Inoltre consumo eccessivo di oli vegetali contribuisce a squilibrare il rapporto Omega6/Omega 3 nella nostra dieta, riducendo il rapporto tra grassi saturi / polinsaturi. Questo studio sulla nutrizione umana, quindi multifattoriale, vuole dimostrare scientificamente l'impatto che può avere migliorare la catena alimentare:. L Agricoltura può essere utile per una perdita di peso sostenibile e per migliorare la nostra salute?

11 Protocollo di ricerca I volontari dello studio presentavano tutti una taglia della cintura elevata ed avevano almeno due dei seguenti criteri di inclusione (dettaglio dei valori soglia): Pressione arteriosa > 130/85 mm Hg Cintura > 80 cm (F) e 92 cm (M) Trigligeridi > 1,7 g / L Il test è in doppio cieco: né i volontari né il medico sa qual è l'origine dei prodotti consumati: prodotti controllo prodotti BBC. Colesterolo- HDL < 1, 29 mmol g/l (Fe) et1,04 mmol/l (He) Glicemia a digiuno > 6,1 mmol / l g / L I Prodotti Le raccomandazioni di consumo di ciascin prodotto sono stati: 25 g burro/ giorno (grupo 1 BBC) 25 g di margarina per il (gruppo 2 controllo) 150 g di latte parzialmente scremato/ al giorno + 30 g di formaggio / giorno 10 uova per settimana 1 fetta di prosciutto /giorno; 50/ grammi di pancetta 3 salsicce ogni due settimane 100 grammi di pane + 10 grammi di tradilin / giorno I piani sono stati prescritti da un dietista. I menu erano normo-calorie (valore medio) per un adulto. Sono stati vietati tutti i tipi di grassi chiamati "nascosti" (dolci, piatti pronti, salse industriali.), e anche il pesce. Il test è stato costruito in modo da confrontare due modalità di alimentazione: Alimentazione tradizionale: quella dei nostri nonni, dove prodotti di origine animale sono stati ampiamente consumati, ma gli animali hanno ricevuto alimenti naturalmente dotati di Omega 3 => Gruppo 1. Una dieta ricca di AGS e AG Omega 3

12 Alimentazione contemporanea: seguendo le raccomandazioni correnti per un alimento bilanciato, vale a dire ridurre il consumo di acidi grassi saturi (origine animale) a favore di acidi grassi polinsaturi (AGPI), uso di quindi grassi vegetali contenenti Omega 6) => Gruppo 2: dieta ricca di AGPI e di AG Omega 6. Descrizione Regime alimentare 1 Regime alimentare 2 Bleu-Blanc-Cœur regime simile al 1960 Régime reppresentativo di un alimentazione contemporanea AGS / AGPI 3 1 Oméga 6 / Oméga % grassi animali 75% 60% AGS / Omega AGS : Acidi grassi saturi; AGPI Acidi grassi pili-insaturi I valori misurati Le misure fatte: Profilo degli acidi grassi del siero e degli eritrociti Parametri antropometrici: Peso, cintura e fianchi, massa grassa. Bilancio lipoproteico: Trigligeridi, Colesterolo totale, HDL c, LDL c Glicemia e insulina Misure di marcadori biologici delle infiammazioni Tensione arteriale sistolica e diastolica Transaminasi (marcatori della steatosi epatica) Inchiesta di qualità di vita In questi due sistemi alimentari si cerca di capire e spiegare cosa è successo negli ultimi 40 anni nei nostri piatti.

13 Risultati Questo studio prima di tutto ha dimostrato la biodisponibilità superiore degli Omega 3, naturali introdotti nella dieta con prodotti di origine animale (carne, latticini, uova.) I profili degli acidi grassi eseguite sul siero e negli eritrociti dei volontari indicano biodisponibilità eccellente del regime di grassi BBC. Il tasso di Omega 3 (precursori e derivati) sono risultati significativamente aumentati nel gruppo di volontari BBC; il rapporto di Omega6/Omega3 è migliorata. Somma deli acidi Omega 6 Somma deli acidi Omega 3 Lino Controllo Lino Controllo Menu con i criteri BBC in correlazione con la perdita di peso: Si è dimostrato che il menu BBC promuove la perdita di peso con una diminuzione dell'indice di massa corporea, peso, cintura e circonferenza fianchi. Si può sostenere che la perdita di peso dei volontari del gruppo BBC si mantiene nel tempo. Come prova le misure effettuate 6 mesi dopo l inizio delle prove mostrano una stabilizzazione del peso nei volontari del gruppo BBC mentre il gruppo controllo gradualmente riguadagnato il peso perduto. I menu nutrizionali, basato su prodotti BBC migliora tutti i criteri di obesità in modo permanente. Nonostante un significativo contributo di acidi grassi polinsaturi nel gruppo 2 controllo, non si osservano differenze sui criteri di lipidi nel sangue (colesterolo,

14 trigliceridi). Invece, nel gruppo 1 BBC, si nota un chiaro miglioramento dei criteri esaminati (transaminasi). Questi valori possono spiegare la stabilizzazione del peso nel tempo, il gruppo BBC riesce a mantenere il miglioramento raggiunto. L'ipotesi di una componente qualitativa di obesità è confermata. Questo studio dimostra che i grassi di origine animale come carne, latticini, uova (...) consumati, possono contribuire per produrre un equilibrio nutrizionale adatto per controllare la buona salute. Dobbiamo quindi garantire la qualità della dieta dei nostri animali, nutrirli bene e fare prodotti con buone qualità nutrizionali e molto più saporiti. Conclusioni L oggetto di questo studio è molto originale. Si dimostra che si può intervenire nella catena alimentare con prodotti equilibrati nutrizionalmente che facciano da base di una dieta sana e bilanciata. Con questo studio che segue le precedenti pubblicazioni in riviste scientifiche internazionali e hanno già dimostrato il valore di questo approccio in volontari sani (studio pubblicato in "Annals of Nutrition and Metabolism", 2002) e volontari diabetici (OCL: "Semi oleosi Fats Fat ", 2004). Questo studio ambizioso e innovativo ha ricevuto il sostegno finanziario dei Ministeri della Sanità, della ricerca e dell'agricoltura. Questi supporti mostrano l'interesse delle politiche di prevenzione per affrontare i problemi nutrizionali e sociali come l'obesità e limitare le malattie cardiovascolari senza l uso di farmaci. E molto meglio prevenire i disturbi nutrizionali, piuttosto che curare le malattie che ne derivano. I risultati di questo studio particolarmente efficace e promettente prova che la prevenzione per una buona nutrizione inizia nei campi e passa per le stalle dei nostri animali per finire nei nostri piatti.

15 Lista delle Referenze. - Malpuech-Brugères C, Mouriot J, Boue-Vaysse C, Combe N, Peyraud JL, LeRuyet P, Chesneau G, Morio B, Chardigny JM., Differential impact of milk fatty acid profiles on cardiovascular risk biomarkers in healthy men and women. European Journal of Clinical Nutrition. - Hurtaud C, Faucon F, Couvreur S, Peyraud JL, Linear relationship between increasing amounts of extruded linseed in dairy cow diet and milk fatty acid composition and butter properties. Journal of Dairy Science. - Sympoura F, Cornu A, Tournayre P, Massouras T, Berdagué JL, Martin B, Odor compounds in cheese made from the milk of cows supplemented with extruded linseed and alpha-tocopherol. Journal of Dairy Science. - Zachut M, Arieli A, Lehrer H, Livshitz L, Yakoby S and Moallem U, Effects of increased supplementation of n-3 fatty acids to transition dairy cows on performance and fatty acid profile in plasma, adipose tissue, and milk fat. Journal of Dairy Science. - Emmerson L Les vaches sont en bonnes santé avec la graine de lin. L éleveur laitier, numéro 184, octobre Petit HV, Benchaar C Importance de la nature des graisses alimentaires sur la reproduction des vaches laitières. - Ambrose DJ, Kastelic JP, Corbett R, Pitney PA, Petit HV, Small JA, Zalkovic P Lower pregnancy losses in lactating dairy cows fed a diet enriched in alpha-linolenic acid. Journal of Dairy Science. - Mathieu, Fougere, Bergot, Demerle, Brunschwig, Chatellier Effet sur la composition du lait et les performances des vaches laitières de la distribution d un concentré à base de graines de lin extrudées. Rencontre Recherche Ruminants. - Douabin S, Chesneau G, Lande N, Labalette F Les bénéfices environnementaux de la culture du lin oléagineux. Journées de la Recherche Valorex. - Martin C, Rouel J, Jouany JP, Doreau M, Chilliard Y Methane output and diet digestibility in response to feeding dairy cows crude linseed, extruded linseed, or linseed oil. Journal of Animal Science.

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Tratto dal libro "Guarire con la nuova medicina integrata".

Tratto dal libro Guarire con la nuova medicina integrata. 1. Mantenersi snelli. Il peso corporeo dev essere un valore da tenere nei ranghi. E a suggerirci i ranghi previsti è un parametro chiamato indice di massa corporea (BMI, da Body Mass Index). Si calcola

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA On. Ministro Gianni Alemanno Presidente, Prof. Ferdinando Romano Gruppo di esperti costituito presso l Istituto

Dettagli

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma 19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma ISBN 978-88-96646-46-5 2015 - Clio S.p.A., Lecce www.clioedu.it Proprietà

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta PROGRAMMA MINISAL Sottoprogetto ISS www.menosalepiusalute.it MINISAL-GIRCSI BUONE PRATICHE SULL'ALIMENTAZIONE: VALUTAZIONE DEL CONTENUTO DI SODIO, POTASSIO E IODIO NELLA DIETA DEGLI ITALIANI Consumo medio

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA, DIAGNOSI, TRATTAMENTO DIETOTERAPICO E NUTRACEUTICO

STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA, DIAGNOSI, TRATTAMENTO DIETOTERAPICO E NUTRACEUTICO Università degli Studi della Repubblica dii San Marino Università degli Studi di Parma Master in Sicurezza e Qualità dell Alimentazione in Età Evolutiva STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA,

Dettagli

La salute vien mangiando!

La salute vien mangiando! La salute vien mangiando! Sede Legale: Monza 20052 viale Elvezia, 2 tel. 039 23841 www.aslmonzabrianza.it - C.F. / P. IVA Sede Legale: Monza 20052 02734330968 viale Elvezia, 2 tel. 039 23841 www.aslmonzabrianza.it

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Carta del rischio cardiovascolare

Carta del rischio cardiovascolare donne diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. donne non diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. uomini

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione Arriva l'estate ed ecco, regolarmente, "spuntare" le solite diete dimagranti. Ne esistono

Dettagli

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale 2.1 Vitamine & antiossidanti 2.2 Elementi in traccia ed enzimi STRESS OSSIDATIVO & BILANCIO NUTRIZIONALE R Alimentazione : vitamine e carotenoidi, Antiossidanti : lipofilici Vitamine & antiossidanti ZVIT

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Biochimica della Nutrizione

Biochimica della Nutrizione Università di Roma Tor Vergata - Scienze della Nutrizione Umana Biochimica della Nutrizione Prof.ssa Luciana Avigliano 2011 VITAMINA C VITAMINA E VITAMINA C: FUNZIONA DA AGENTE RIDUCENTE Donatore monoelettronico

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE 1 L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE Le femmine devono essere in peso forma al momento dell accoppiamento Se la femmina è fortemente sottopeso aumentano le possibilità di:

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire alle persone che hanno avuto un

Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire alle persone che hanno avuto un ??? Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire alle persone che hanno avuto un infarto alcune informazioni utili a condurre la vita di ogni giorno con serenità e consapevolezza. Viene consegnata al momento

Dettagli

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori A cura dell U.O.C. Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Prevenzione Medica, A.S.L. di Pavia, V.le Indipendenza,3 0382 432451 TROVA L EQUIILIIBRIIO

Dettagli

50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa

50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa 50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa Gruppi di N Domanda Risposta argomenti Sintomi 1. Ho 52 anni e sono iperteso. Ultimamente vedo meno bene e l ottico mi ha prescritto degli occhiali.

Dettagli

Linee guida per un corretto stile di vita

Linee guida per un corretto stile di vita Linee guida per un corretto stile di vita 1 Hanno collaborato alla redazione delle Linee guida : Rosanna Barbieri Angela Bardi Antonio Dispenza Maria Naldini Marina Pacetti Maria Rosa Silvestro Corrado

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI Flavia Lombardo (a), Stefania Spila Alegiani (a), Marina Maggini (a), Roberto Raschetti (a), Angelo Avogaro

Dettagli

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte 69^ FIERA INTERNAZIONALE DEL BOVINO D LATTE Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte Dott.ssa Paola Amodeo Specialista SATA Sistemi Alimentari e Qualità degli Alimenti ARAL - Ass Reg

Dettagli

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI I PRINCIPI NUTRITIVI PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI SICUREZZA ALIMENTARE DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI ALTRI RISCHI LEGATI AL CONSUMO DI ALIMENTI I PRINCIPI NUTRITIVI I principi

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

FRANCO BERRINO EX DIRETTORE DIPARTIMENTO MEDICINA PREVENTIVA - ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI MILANO

FRANCO BERRINO EX DIRETTORE DIPARTIMENTO MEDICINA PREVENTIVA - ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI MILANO GRASSO CHE COLA Di Luca Chianca Professore io mi son permesso di portarle il cibo sponsorizzato a Expo. FRANCO BERRINO EX DIRETTORE DIPARTIMENTO MEDICINA PREVENTIVA - ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI MILANO

Dettagli

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70 Mediterranean Nutrition Group La nutrizione nei primi 1000 giorni Contributo n 70 MeNu GROUP MediterraneanNutrition LA NUTRIZIONE NEI PRIMI 1000 GIORNI UN OPPORTUNITÀ PER PREVENIRE SOVRAPPESO E OBESITÀ

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Aferesi terapeutica. Vivere con un elevato livello di colesterolo Quando dieta e farmaci non bastano

Aferesi terapeutica. Vivere con un elevato livello di colesterolo Quando dieta e farmaci non bastano Aferesi terapeutica Vivere con un elevato livello di colesterolo Quando dieta e farmaci non bastano Sommario: breve e dolce Parte 1: i dati 1 Parte 3: la lipidoaferesi 3 Colesterolo buono e colesterolo

Dettagli

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Menopausa, alimentazione ed osteoporosi Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Cambiamenti ormonali in menopausa Con la menopausa si assiste al declino della produzione ovarica di

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

TRATTAMENTO RIABILITATIVO OSPEDALIERO DELL OBESITÀ

TRATTAMENTO RIABILITATIVO OSPEDALIERO DELL OBESITÀ TRATTAMENTO RIABILITATIVO OSPEDALIERO DELL OBESITÀ Informazioni per i Pazienti Casa di cura privata Villa Garda Casa di Cura VILLA GARDA Via Monte Baldo, 89-37016 Garda (VR) Tel. 045/6208611 - Fax 045/7256132

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU NOI STESSI E SUL MONDO BISOGNI PRIMARI DELL'UOMO Quali sono i bisogni dell'uomo? Volendo semplificare i bisogni basilari sono due: vogliamo evitare

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

ASPETTI NUTRIZIONALI DELLA DIETA SENZA GLUTINE

ASPETTI NUTRIZIONALI DELLA DIETA SENZA GLUTINE COELIAC FORUM EDIZIONE NR 02_2010 IN PRIMO PIANO AGGIORNAMENTO RICERCA ASPETTI NUTRIZIONALI DELLA DIETA SENZA GLUTINE La terapia nutrizionale è l unico trattamento universalmente accettato per la celiachia,

Dettagli

Appendice A: tabelle descrittive residenti

Appendice A: tabelle descrittive residenti Appendice A: tabelle descrittive residenti 1. PARAMETRI EMATOCHIMICI DI BASE Nelle tabelle 1-12 sono riportati in dettaglio i risultati delle analisi descrittive riguardanti i parametri ematochimici di

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita SOMMARIO PRINCIPI DI NUTRIZIONE Pag. 2 I NUTRIENTI Pag. 2 LE VITAMINE Pag. 3 I GRUPPI ALIMENTARI Pag. 6 LA PIRAMIDE ALIMENTARE Pag.

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Dossier progetto Stop sussidi agli allevatori

Dossier progetto Stop sussidi agli allevatori Centro Internazionale di Ecologia della Nutrizione (NEIC) www.nutritionecology.org Dossier progetto Stop sussidi agli allevatori Introduzione Negli ultimi cinquant anni si è andato diffondendo in maniera

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Fonti alimentari di Inositolo

Fonti alimentari di Inositolo Fonti alimentari di Inositolo Agrumi Cereali integrali Frutta secca(arachidi) Semi(germe di grano) Legumi(fagioli) Lievito di birra Gli alimenti freschi contengono molto più Inositolo rispetto ai prodotti

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA. a cura del Dott.

L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA. a cura del Dott. L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA a cura del Dott. Samorindo Peci Appunti dell autore Ho fatto in modo di realizzare questo

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA. Dott. Francesco Andreoli

IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA. Dott. Francesco Andreoli IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA Dott. Francesco Andreoli CHI PRODUCE? Grande industria Piccole industrie Piccoli produttori LE ETICHETTE Sono la carta d identità del prodotto (dati reali) Il pacchetto

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Alimentazione e Cancro

Alimentazione e Cancro Alimentazione e Cancro Dott.ssa Veronica Villani Neurologo Istituto Regina Elena Alimentazione e Cancro Non si vuole proporre una dieta Si vuole fornire una panoramica sulle ricerche effettuate per valutare

Dettagli