CONSIGLIO COMUNALE DEL 11 DICEMBRE 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSIGLIO COMUNALE DEL 11 DICEMBRE 2013"

Transcript

1 CONSIGLIO COMUNALE DEL 11 DICEMBRE 2013 Sono le dell'11 dicembre Dichiaro aperta la seduta. La parola al Segretario per l'appello. [Il Segretario comunale procede all'appello per la verifica del numero legale] Passiamo alla nomina degli scrutatori: Barbieri, Luchin e Segantin. Iniziamo con l'ordine del giorno. PUNTO N. 1: Integrazione autorizzazione alla proposizione di un ricorso ex Art. 700 c.p.c. nel corso del giudizio pendente presso il Tribunale di Rovigo finalizzato alla sospensione in via cautelare dei contratti derivati stipulati dal Comune di Badia Polesine con Banca Infrastrutture Innovazione Sviluppo Spa. GASTONE FANTATO - Sindaco Una brevissima premessa. Non voglio farvi tutta la storia, la triste storia dei derivati. Avevamo a suo tempo intentato causa alla banca, alla Banca Intesa BIIS, rilevando alcune scorrettezze nella presentazione dei prodotti. La causa, se avete letto la nota che ha mandato l'avvocato, è stata assegnata ad un Giudice, alla dottoressa Varotto, però poi l'attività è stata sospesa, come ben saprà il Consigliere Tomì, per cui di fatto è là in un limbo. Visto il danno che continua a provocare, con l'avvocato Miccoli, che è il nostro avvocato, abbiamo pensato di fare un'istanza al Giudice affinché fossero sospesi gli effetti negativi nei confronti del Comune dell'applicazione dei contratti derivati. Per questo, che poi dovrebbe servire anche in sede di causa vera e propria, ci siamo serviti anche di una società di certificazione di questi aspetti, fra le tante che c'erano state proposte, e che ha mandato tutta la sua documentazione sui cinque contratti derivati principali, sostanzialmente. Tenete presente che vi sono stati mandati tutti i files relativi alle perizie proprio perché possiate rendervi conto degli elementi di criticità del rapporto col Comune di Badia. Quelli che ci sono stati indicati... se andate a vedere, verso la fine di ciascuna perizia è indicato quanto è in questo momento il negativo accumulato. Ho fatto io la somma, non c'è da nessuna parte, per questi che sono indicati in queste perizie, sono di 1

2 negativo accumulato. L'avvocato Miccoli, che ci ha mandato via mail l'altra mattina tutta questa cosa, che prima non era disponibile, ci ha pregato di metterlo all'ordine del giorno del Consiglio per acquisire per l'anno 2013 la posizione, sperando che per lo meno il Tribunale la prenda in considerazione quanto prima. Le motivazioni le trovate tutte nella nota che ha preparato l'avvocato, che è poi il testo della delibera che andremo a fare. Più di tanto credo non valga la pena di dire. Se c'è qualche domanda ben volentieri. Se ci sono delle domande, prego. Nessuna domanda. Passiamo alla votazione. Chi è favorevole alla delibera alzi la mano. 9 favorevoli. Chi è contrario? Nessuno. Astenuti? 4 astenuti. Immediata esecutività. Chi è favorevole alzi la mano. 9 favorevoli. Chi è contrario? Nessuno. Astenuti? 4 astenuti. Prima di passare al secondo punto, passo la parola al Consigliere Giulio Barbieri. GIULIO BARBIERI - Consigliere Penso che anche voi rappresentanti della politica, Consiglieri, in questi giorni avrete sentito molti nostri concittadini chiedere dei dati sulla sicurezza badiese. Penso che pur non essendo un Bronx Badia Polesine, anzi penso che sia sicuramente nei confronti di altre città ancora un'isola felice, però si potrebbe dare una risposta ai nostri concittadini. Vi leggo due o tre righe che ho scritto. Tutti noi conosciamo gli avvenimenti microcriminali accaduti nella nostra Badia in questi ultimi giorni. Sappiamo che le forze dell'ordine sono vigili ed attente ed offrono il massimo della loro opera. Ma non basta. Dobbiamo tutti insieme trovare una soluzione per rispondere alle attese della cittadinanza, commercianti ed artigiani in primis, che in questo momento sono i più vulnerabili alle scorribande notturne di questi signori. Chiedo all'amministrazione comunale, al Sindaco ed agli Assessori di farsi carico per un incontro con le categorie sopra citate per trovare una soluzione equa alla domanda di sicurezza che i nostri concittadini ci chiedono. Ho parlato con alcuni commercianti, anzi mi hanno chiesto alcuni commercianti, ed anche col Presidente dell'associazione commercianti, sono disponibili a venire ad una riunione, parlarne e vedere di trovare tutti insieme una soluzione. Ripeto, Badia non è il Bronx, questo sia ben chiaro, però è meglio prevenire che curare. 2

3 GASTONE FANTATO - Sindaco Volevo solo dire che poi in occasione dell'interrogazione del Consigliere Luchin, anche se è di altro tenore, farò qualche considerazione in merito. GIULIO BARBIERI - Consigliere Se ce la faccio ad arrivare fino all'ultimo, perché... GASTONE FANTATO - Sindaco Non è all'ordine del giorno. GIULIO BARBIERI - Consigliere Sì, esattamente. Grazie lo stesso. 3

4 PUNTO N. 2: Istituzione Commissione consiliare "Statuto e Regolamenti" ed approvazione disciplina di funzioni. GASTONE FANTATO - Sindaco Il nostro Statuto e il nostro Regolamento sono datati. Hanno bisogno di essere aggiornati sia perché è cambiata la normativa, in parte, sia perché in parte sono cambiate le esigenze operative sia del Consiglio comunale che in generale dell'ente. Per fare ciò, l'attuale nostro regolamento prevede venga istituita una apposita Commissione. Tale Commissione, che è una Commissione consiliare, dovrà essere costituita da tre rappresentanti della maggioranza, che verranno votati dalla maggioranza, e due rappresentanti della minoranza che verranno votati dalla minoranza. Non ci sono, quindi, inciuci, equivoci o roba del genere. Infatti la proposta prevede sia l'approvazione di un mini regolamento che riguarda l'istituzione di questa Commissione, dove ci sono le finalità, la composizione etc., come vi ho detto, ma la cosa più importante, oltre a cose abbastanza scontate, è che ci sono dei tempi precisi. Dal momento in cui la Commissione si insedierà e si insedierà su convocazione del Presidente del Consiglio comunale, da quel giorno ha 60 giorni di tempo per presentare la nuova proposta di Statuto e ne avrà invece 30 per presentare la nuova proposta di regolamento del Consiglio comunale. Se questa sera approviamo la delibera e facciamo le nomine, tecnicamente una volta adottato questo, potremo arrivare a febbraio, per i primi di marzo, ad avere questa possibilità di approvare sia lo Statuto che il Regolamento. Tutto qua. Sostanzialmente è questo. Un'ultima cosa. La normativa mi pare che preveda che il Presidente del Consiglio comunale e il Sindaco possano sempre partecipare come uditori alle sedute. Il Presidente sarà anche segretario e stenderà un verbale delle sedute. Sono formalità. MIRKO LUCHIN - Consigliere [Fuori microfono - incomprensibile] Le sedute sono pubbliche, quindi possono partecipare tutti. GASTONE FANTATO - Sindaco In generale le sedute delle Commissioni consiliari sono sempre pubbliche. 4

5 MIRKO LUCHIN - Consigliere [Fuori microfono - incomprensibile] Sì, pubbliche. MIRKO LUCHIN - Consigliere [Fuori microfono - incomprensibile] GASTONE FANTATO - Sindaco Le Commissioni consiliari sono quelle nominate dal Consiglio comunale etc. etc.. MIRKO LUCHIN - Consigliere [Fuori microfono - incomprensibile] Non c'entra niente, è una cosa personale. GASTONE FANTATO - Sindaco Non so chi l'abbia invitata a non partecipare. E` certamente una stupidaggine. Il Consigliere comunale ha diritto di partecipare a qualsiasi riunione aperta al pubblico e tutte sono aperte al pubblico, però per norma... [incomprensibile - microfono spento] Se avete altre domande... Per chiarezza, questa sera votiamo solo l'approvazione del regolamento, che verrà pubblicato all'albo pretorio per 15 giorni e poi diventerà esecutivo. Successivamente si faranno le nomine della Commissione. Chi è favorevole all'approvazione del regolamento alzi la mano. Favorevoli all'unanimità. Votiamo per l'immediata esecutività. Chi è favorevole? Favorevoli all'unanimità. 5

6 PUNTO N. 3: Ratifica delibera della Giunta comunale n. 137 in data 06/11/2013 ad oggetto: "Variazioni al bilancio di previsione esercizio finanziario 2013". ANDREA BERTOLASO - Assessore Queste variazioni di questa prima delibera riguardano le prime variazioni, la prima parte dell'assestamento di bilancio, relative e conseguenti alla verifica degli equilibri del bilancio di previsione 2013 che abbiamo fatto in data 30/9. In particolare sono state necessarie e conseguenti l'abolizione dell'imu sull'abitazione principale per quanto riguarda la prima rata e il suo conseguente ristoro da parte dello Stato, nonché per finanziare alcune altre spese relative ad alcuni servizi di istituto. Vado a leggervele nel dettaglio e così avete anche modo per completezza e chiarezza di comprenderle. Per quanto riguarda la parte entrata, sono variazioni in più complessivamente di euro, di cui euro correlate alla spesa. Riguardano le risorse che attualmente vado a definire e discendono da maggiori accertamenti per fondo solidarietà comunale, che praticamente sono dei trasferimenti statali, dal contributo statale per il minor gettito Imu conseguente all'abolizione della prima rata di giugno e ad accertamenti relativi all'imposta sulla pubblicità. In particolare euro per accertamenti sull'imposta della pubblicità, euro per fondo di solidarietà comunale (sono trasferimenti statali), euro per contributo statale relativo al minore gettito Imu. Le minori entrate individuate, che sono complessivamente di euro,si riferiscono alla variazione relativa all'abolizione dell'imu e in particolare euro relativamente all'abitazione principale e per gli altri immobili. Le variazioni in più dell'uscita, della spesa, sono complessivamente euro e sono finanziate per con le entrate che ho menzionato precedentemente e cioè la maggiore entrata per gli accertamenti sull'imposta sulla pubblicità e per i trasferimenti statali relativi al fondo di solidarietà, per la parte restante di euro attraverso storni di fondi. Sono state necessarie per dare copertura alle spese di gestione fino al 31/12. Le maggiori spese si riferiscono in particolare a: euro relativamente ad una restituzione allo Stato del maggiore gettito Imu, che poi è andato a finanziare ed alimentare il fondo di solidarietà comunale, 1000 euro per contributi associativi, euro per l'aggio sull'imposta della pubblicità ed affissioni, euro relativamente a spese di gestione ed utenze per quanto riguarda la pubblica illuminazione e consumi acqua, euro 5100 per trasferimenti di assistenza sociale. Le economie sono state individuate in 5000 euro per prestazioni di segreteria, 6000 euro per fondo mobilità albo segretari, 2300 euro per alcuni servizi informatici, 5000 euro 6

7 per interessi sulla scopertura di cassa, per restituzione trasferimenti statali, per interessi sui mutui, per prestazioni professionali, euro per spese diverse di gestione, euro per gestione delle utenze e infine 7500 euro per prestazioni di servizi assistenziali. Ci sono delle domande? Nessuna domanda. Passiamo alla votazione. Chi è favorevole alle variazioni del bilancio di previsione alzi la mano. 11 favorevoli. Chi è contrario? Nessuno. Astenuti? 4 astenuti. Votiamo l'immediata esecutività. Chi è favorevole alzi la mano. 11 favorevoli. Chi è contrario? Nessuno. Astenuti? 4 astenuti. 7

8 PUNTO N. 4: Ratifica delibera della Giunta comunale n. 147 in data 29/11/2013 ad oggetto: "Variazioni al bilancio di previsione esercizio finanziario 2013". ANDREA BERTOLASO - Assessore Per quanto riguarda le variazioni di bilancio di questa seconda delibera, sono relative alla seconda parte dell'assestamento e riferite alla verifica degli equilibri che abbiamo fatto a settembre. Anche questa per quanto riguarda la parte entrata concerne l'abolizione dell'imu, in questo caso della seconda rata, in cui abbiamo accertato principalmente un maggiore contributo statale per euro, ed inoltre abbiamo ragguagliato le spese per raggiungere il fine anno. Vi risparmio la lettura di tutte le spese. Se avete delle indicazioni, tanto alla fine andavo a leggere quello che c'era scritto nella relazione del responsabile. Se avete delle domande da farmi, sono qui a disposizione. Se ci sono delle domande, prego. GASTONE FANTATO - Sindaco Volevo chiedere all'assessore se può dirci (io lo so, evidentemente) qual è l'indicazione di chiusura del bilancio di questo esercizio, considerate le difficoltà nelle quali ci siamo mossi. Tutto qua. Credo che sia da sottolineare. ANDREA BERTOLASO - Assessore Sindaco, la ringrazio per questa domanda. Possiamo guardare positivamente questa annata, nel senso che nonostante le difficoltà, riusciamo a fare quadrare il bilancio a zero, che è quello che un'amministrazione deve fare. La cosa più importante che devo far rilevare è che nonostante durante la verifica degli equilibri il pareggio di bilancio era stato preventivato con un'entrata straordinaria, che è l'alienazione di alcuni immobili... se vedete nella relazione, i euro, nella parte delle minori entrate, erano stati individuati come alienazioni di immobili per finanziare il disavanzo, parte del disavanzo del Questo significa che con questa variazione riusciamo a coprire il disavanzo del 2011, metà del disavanzo 2011, con la parte corrente e questo è - tra virgolette - un vanto, nel senso che riusciamo a coprire l'inattività del 2011 con la parte corrente e non con parti straordinarie del bilancio. Effettivamente è una cosa che non pensavamo di fare quando abbiamo fatto la verifica degli equilibri, ma grazie agli introiti e alla politica che abbiamo attuato, siamo riusciti a chiudere il bilancio come avevamo pensato, quindi a zero, senza alcun disavanzo. Le 8

9 cose verranno valutate sicuramente a rendiconto, che faremo il prossimo anno, ma già posso dirvi che dalle prime indicazioni che vediamo con queste due ultime variazioni il bilancio si chiude in pareggio finanziario. Si sono altre domande? Altrimenti passiamo alla votazione. LAURA CABASSA - Consigliere [Fuori microfono - incomprensibile]...faccio presente che questa documentazione è arrivata in tempi veramente... è necessario che vengano recapitate almeno 7 giorni prima del Consiglio comunale, perché... i tempi sono sempre molto stretti. Grazie Consigliere, faremo del nostro meglio sicuramente. Passiamo alla votazione. Chi è favorevole alle variazioni del bilancio alzi la mano. 11 favorevoli. Chi è contrario? Nessuno. Astenuti? 4 astenuti. Votiamo l'immediata esecutività. Chi è favorevole? 11 favorevoli. Contrari? Nessuno. Astenuti? 4 astenuti. 9

10 PUNTO N. 5: Approvazione convenzione per la gestione della "Rete provinciale Informagiovani" periodo 2013/1014. CLAUDIO BRUSEMINI - Assessore Inizio a fare una breve cronistoria dello sportello Informagiovani presso la nostra Provincia e nello specifico presso il nostro Comune. Gli Informagiovani del Veneto sono sorti alla fine degli anni '80 grazie alla legge regionale 20/88 e già dal 1997 si era pensato ad una convenzione per una rete provinciale Informagiovani fra la Provincia di Rovigo e dieci Comuni polesani, realizzando così un primo sistema organico di centri e punti informativi al servizio della popolazione giovanile. Questo primo protocollo di intesa prevedeva ruoli diversificati per la Provincia, il Comune di Rovigo e gli altri Comuni aderenti, che erano Ariano, Castelmassa, Rovigo, Castelnovo Bariano, Corbola, Occhiobello, Polesella, Porto Viro, Taglio di Po e Villadose. In particolare all'amministrazione provinciale spettava la funzione di guida, promozione e raccordo, al Comune di Rovigo il ruolo di agenzia provinciale, mentre gli altri Comuni gestivano le informazioni e tenevano i contatti con l'utenza. L'anno successivo il nostro Comune riteneva di aderire all'accordo, trainando così via via altre municipalità, quali Adria, Bergantino, Ceregnano, Costa, Ficarolo, Fiesso, Gaiba, Stienta, Melara e Porto Tolle. L'originaria convenzione è stata rinnovata più volte, allargandosi di anno in anno a nuovi Comuni, ma soprattutto toccando i nuovi settori di competenza, perché il mondo del lavoro giovanile si trasformava velocemente e diventavano sempre più consueti termini come flessibilità e precarietà. Sono nate nuove tipologie di bisogni e di domanda afferenti la sfera professionale, il tempo libero, il turismo, la dimensione personale. Sono stati, e lo sono ancora, anni di forte tensione sociale e culturale. Siglando questa convenzione con almeno 15 Amministrazioni locali del territorio polesano, si vuole continuare in un'iniziativa alla quale tutti crediamo, la si vuole, se possibile, rafforzare nel suo organico di centri e di punti di informazione, dei quali l'informagiovani di Rovigo continua a rappresentare il supporto informatico e organizzativo. La Provincia mantiene il ruolo di coordinamento e garantisce il buon andamento del servizio. E` a lei in genere che ci rivolgiamo per tutto quanto attiene alla normativa sul mercato del lavoro, sollecitandola spesso a riunioni e incontri periodici di formazione degli operatori. Sono però le singole Amministrazioni comunali che devono garantire la migliore gestione del servizio secondo gli standard fissati dalle Conferenze nazionali in materia. In particolare gli operatori dovranno possedere una precisa conoscenza del contesto territoriale ove operano, dimostrare buone capacità di relazione interpersonale e 10

11 conoscenze di base sulle tecniche informatiche. I Comuni dovranno dotare il proprio servizio di ambienti, materiali ed attrezzature adeguate, con particolare riguardo ai sistemi informatici e corrispondere anche un contributo individuale quale quota parte per i servizi comuni. La quota forfetaria da corrispondere, che nel nostro caso ammonta ad euro 2000 per la durata di 12 mesi a partire dalla sottoscrizione della convenzione, è fissa e determinata per numero di abitanti; dà diritto all'uso su licenza dei programmi e della banca dati, alla disponibilità di un operatore del centro Informagiovani di Rovigo e del coordinamento del servizio, nonché alla promozione dello sportello locale. La quota prevede il versamento delle rate al Comune di Rovigo calcolate in dodicesimi, proporzionalmente alla durata effettiva del servizio sul 2013 e con saldo finale entro il 30/9/2014. La Provincia supporta i Comuni anche economicamente con un intervento di euro l'anno. In chiusura d'anno, mi permetto di osservare che gli accessi al nostro Informagiovani vedono una media giornaliera di quasi 5 persone provenienti da un comprensorio che si spinge fino a Trecenta, Giacciano e Lendinara, non escludendo neppure la bassa padovana. Sono soprattutto giovani diplomati in cerca di primo impiego, ma vi sono anche trentenni che hanno necessità di riqualificarsi per non rimanere fuori da un circuito lavorativo tanto selettivo. Su questo l'ex Assessore Barbieri conosce le problematiche dello sportello Informagiovani. Fino ad ora era stato gestito direttamente dai servizi sociali. Esistendo da qualche mese il centro P3, dove ci sono dei supporti informatici che danno la possibilità dell'uso gratuito delle linee internet, per cui puoi contattare direttamente le banche dati, abbiamo pensato come Amministrazione di far gestire il servizio e lo sportello all'assessorato alle Politiche Giovanili, nello specifico al nostro Assessore Casarotto, logicamente sempre supportato dai servizi sociali che conoscono il territorio in maniera molto approfondita. Questa sera vi chiediamo l'approvazione di questa convenzione. Ci sono delle domande? Passiamo alla votazione. Chi è favorevole all'approvazione della convenzione alzi la mano. Favorevoli all'unanimità. Votiamo l'immediata esecutività. Chi è favorevole? Favorevoli all'unanimità. 11

12 PUNTO N. 6: Approvazione della convenzione tra il Comune di Badia Polesine e l'azienda Territoriale per l'edilizia Residenziale della provincia di Rovigo per l'istruttoria delle domande di assegnazione alloggio e la formazione delle graduatorie. CLAUDIO BRUSEMINI - Assessore Anche qua ho preparato una piccola relazione per rendere edotti in maniera specifica su quella che è la funzione di questa convenzione che si andrà eventualmente a stipulare con l'azienda Ater. L'Art. 5 della L.R. 10 del '96 disciplina l'assegnazione e la fissazione dei canoni degli alloggi di edilizia residenziale pubblica. Prevede la possibilità che le funzioni di istruttoria delle domande per l'assegnazione delle case di edilizia pubblica, l'attribuzione di punteggi e la formazione della graduatoria provvisoria siano eseguiti dall'azienda Territoriale per l'edilizia Residenziale competente, previa stipula di apposita convenzione con il Comune che ha indetto il bando. In tal caso l'istruttoria è condotta da una apposita Commissione istituita presso l'ater e costituita dal Presidente della Giunta regionale. In relazione a ciò, l'ater di Rovigo con lettera del 14 giugno scorso propone di rinnovare la convenzione col Comune di Badia per i bandi del triennio 2013/2015, prevedendo che sia l'ater stessa, come negli anni passati, ad esaminare ciascuna domanda di assegnazione verificando la completezza e la regolarità del modulo, nonché l'esistenza della documentazione richiesta, invitando, se necessario, i concorrenti interessati a produrre i certificati mancanti e proponendo l'attribuzione dei punteggi. Una volta completata tale fase, le domande verranno trasmesse all'apposita Commissione, la quale provvederà all'attribuzione di punteggi provvisori e all'approvazione della graduatoria, quindi all'invio di tale atto al Comune per la pubblicazione all'albo pretorio. Inoltre provvederà a fornire le informazioni richieste dagli interessati anche ai fini della presentazione di eventuali ricorsi. Scaduti i termini di presentazione dei ricorsi, l'apposita Commissione provvederà alla redazione della graduatoria definitiva, che sarà trasmessa al Comune per la relativa approvazione e pubblicazione all'albo pretorio. Provvederà inoltre a riaccertate da ultimo la sussistenza dei requisiti dell'utente prima di assegnargli l'alloggio. L'Azienda Territoriale si impegna naturalmente a fornire tramite i propri uffici tutte le consulenze richieste in merito all'applicazione della legge regionale, che disciplina la materia relativamente al bando, domande ed assegnazione. In relazione a questi servizi, il Comune di Badia Polesine riconoscerà all'ater di Rovigo un corrispettivo pari ad euro 85 cadauna per le prime 30 domande, di euro 80 per le successive domande fino a 60 e di euro 75 per quelle ulteriori, sempre più Iva. Si precisa 12

13 che detto importo forfetario è comprensivo anche delle spese postali, telefoniche, nonché del rimborso dei gettoni di presenza per il funzionamento della Commissione, di cui all'art. 5 della legge 10/96, come previsto in proposito dalla L.R. 10/96. E` bene sottolineare che la convenzione in oggetto attiene al solo aspetto tecnico delle procedure istruttorie, perché sarà sempre di competenza e responsabilità comunale l'assegnazione degli alloggi a chi ne ha diritto. Per quanto sopra premesso, considerato che già in passato con successive deliberazioni consiliari, quali da ultima la n. 52 del 2010, si era provveduto a concludere analoghi accordi per i bandi di assegnazione alloggi fino al 2012, per cui adesso sono qua a chiedere l'approvazione di questa convenzione relativamente ai bandi 2013, 2014 e Approfitto anche, visto che parliamo di case, di appartamenti, per dirvi che il bando che è scaduto il 16 di novembre relativo alle nuove richieste di alloggi e domande che saranno esaminate dalla Commissione per la quale questa sera approveremo la convenzione, nel 2013 sono state 53 le domande, una in meno dell'anno scorso, anche se le esigenze sono aumentate. Tanti non hanno fatto domanda per risparmiare i 15 euro della marca da bollo. Un altro passaggio: disponibilità di alloggi. Nel 2013 sono stati assegnati due alloggi. Uno dei due è stato assegnato come emergenza abitativa. Vi spiego. Due anni fa un componente di una famiglia di Badia ha avuto un grosso incidente stradale, per cui si è ridotto alla non autosufficienza. In questo caso il Comune, non avendo questi una fissa dimora, ha dovuto, per emergenza abitativa, individuare un alloggio e due anni fa si è riusciti a individuarlo in un alloggio sfitto dell'ater. Con decreto del Sindaco sono stati inseriti in questo alloggio. Il decreto dura due anni solo. Dopo di che il soggetto deve arrangiarsi e lasciare l'abitazione perché si spera che nei due anni la situazione sia risolta. Questo non è successo, anzi quell'alloggio era piccolo di dimensione per i componenti del nucleo, erano troppo pochi i metri quadri a disposizione del numero delle persone. Ecco che è stato individuato un nuovo alloggio e questa emergenza abitativa durerà per altri due anni. Questi sono due alloggi che sono stati assegnati. Entro fine anno, inizi del prossimo, non dico che abbiamo buone speranze, ma siamo quasi certi che altri due alloggi si renderanno disponibili. Stiamo pressando l'ater perché provveda a fare quei piccoli interventi di manutenzione, visto e considerato che in questi due alloggi c'è solamente qualcosa da sistemare, ma non sono interventi radicali tipo impianti o servizi igienici. Già è una promessa, anzi è quasi una certezza che i due alloggi verranno resi disponibili. 13

14 Se ci sono delle domande, prego. MIRKO LUCHIN - Consigliere Comunico che voteremo a favore di questo provvedimento. L'unico distinguo che il Consigliere Luchin Mirko, facente parte della Lega Nord, chiede è che ci sia una distinzione nella disponibilità di assegnazione di alloggi dell'ater prediligendo prima i cittadini del Comune di Badia Polesine che i cittadini extracomunitari che arrivano da altri Comuni perché a Badia c'è disponibilità di due alloggi e vengono a sapere queste cose. Siccome è tutto al vaglio del Comune, la Commissione del Comune dà il via libera a questi alloggi, chiedo che vengano prediletti i cittadini di Badia rispetto ad altri. L'unico distinguo che volevo chiedere all'assessore Brusemini è questo. CLAUDIO BRUSEMINI - Assessore Esiste una legge regionale che prevede una graduatoria in base a certi canoni, in base a certe situazioni familiari, in base alla residenza, a quanti anni di residenza ha il richiedente nel Comune per il quale fa domanda e in base a tutto questo viene redatta una graduatoria. Noi siamo tenuti a seguire la graduatoria, per cui quando si rende disponibile un alloggio, prendiamo la graduatoria, guardiamo il primo in lista, lo convochiamo, facciamo vedere l'alloggio e se i metri quadri disponibili dell'alloggio sono confacenti ai bisogni della famiglia, in quel caso viene assegnato, facendo prima il riscontro se le condizioni sono quelle nel momento in cui aveva fatto domanda, logicamente, perché se nell'anno ha vinto al totocalcio, i soldi per comperarsi l'appartamento potrebbe anche averli. Consigliere Luchin, è un fattore prettamente tecnico che l'amministrazione segue. Volevo aggiungere anche un'altra cosa, che questa graduatoria è fatta dalla somma, come dicevo prima, di un punteggio, per ogni tipologia di famiglia si vede il reddito, se ci sono persone portatrici d'handicap, la residenza, tutto questo ti dà diritto alla fine ad un certo punteggio. Se ti trovi primo, hai diritto all'assegnazione dell'alloggio. Non è che si possa dire: questo non mi piace, lo salto, vado al secondo. Questo non è assolutamente possibile. In ogni caso questa è la graduatoria Abbiamo tre italiani, la quarta è una famiglia marocchina ma residente a Badia ormai da 15 anni. Continuando, il quinto, il sesto, il settimo, l'ottavo, il nono, sono ancora italiani, il decimo è una famiglia cinese. Questo è quello che dobbiamo per legge seguire e credo che sia anche un indice di democrazia e di giustizia. 14

15 MIRKO LUCHIN - Consigliere La ringrazio della delucidazione. Ho tanta voglia di dire delle cose che non si possono dire in Consiglio comunale, a dire la verità! CLAUDIO BRUSEMINI - Assessore Scusi Consigliere, dimenticavo un'altra cosa. Il regolamento (non c'era lei) nella passata Amministrazione è stato variato, tra l'altro, in punti che si potevano variare, perché non si possono variare dove ci sono punti fissi per legge, ma ci sono dei punti discrezionali sui quali il Comune può intervenire. Ricordo che c'era in Commissione il Consigliere Checchinato e il dottor Alessio Morini. Abbiamo inserito un discorso di residenzialità aumentandola, mi sembra, di qualche anno, venendo incontro a richieste di altri Consiglieri. MIRKO LUCHIN - Consigliere La ringrazio, Assessore, è riuscito a tenermi calmo rispetto a quello che volevo dire! La ringrazio tantissimo. Altre domande? Nessuna domanda. Passiamo alla votazione. Chi è favorevole all'approvazione della convenzione alzi la mano. Favorevoli all'unanimità. Votiamo per l'immediata esecutività. Chi è favorevole alzi la mano. Favorevoli all'unanimità. 15

16 PUNTO N. 7: Adesione ordine del giorno afferente a "Attenzione e ripristino risorse a favore della fragilità idraulica del Polesine". GASTONE FANTATO - Sindaco E` una delibera sostanzialmente di approvazione di un ordine del giorno che ci è stata richiesta dal Consorzio di Bonifica. Nel testo, come avete visto, purtroppo anche i Consorzi hanno sofferto le riduzioni e l'impoverimento progressivo delle risorse pubbliche dell'italia, però questo si è tradotto in particolare per quanto ci riguarda da vicino nella mancata esecuzione di opere come la pulizia degli scoli consorziali, insieme a deficienze che riguardano anche purtroppo chi sulla terra ci vive, perché anche qualche deficienza di quel tipo... guardo il Consigliere che è Presidente della Commissione Agricoltura e con il quale abbiamo fatto ordinanze. Al di là di questo, se i fondi per gli interventi sulla bonifica da parte della Regione sono stati ridotti del 90%, è evidente che il risultato è questo. Ci ha chiesto il Consorzio e noi abbiamo volentieri aderito che ci fosse questa condivisione di questo problema. Non c'è niente di male ad aderirvi, anzi spero che qualcosa succeda, non certo per merito del Comune di Badia, ma se tutti insieme facciamo una certa pressione ed aumentiamo soprattutto la sensibilizzazione nei confronti della manutenzione della rete di bonifica... fra parentesi, il Veneto aveva una grandissima tradizione con il Magistrato alle Acque durante la Repubblica ed era severissimo con chi non la rispettava. Purtroppo adesso le cose sono cambiate e non sono cambiate in meglio. Comunque la proposta è quella di aderire alla richiesta del Consorzio, alla quale aderiranno credo tutti i Comuni polesani. Ci sono delle domande? MIRKO LUCHIN - Consigliere Solo una curiosità. Ci sono stati dei problemi ultimamente? Non capisco bene il suo discorso. Abbiamo avuto dei problemi nell'avere risorse maggiori per quello che è successo? GASTONE FANTATO - Sindaco Noi non abbiamo risorse di questo tipo, perché la competenza qui è tutta del Consorzio di Bonifica, che ormai è un Consorzio unico Adige Po. Il problema è, per quanto ci riguarda, di fare rispettare le ordinanze di escavo degli scoli che sono di competenza 16

17 degli agricoltori, soprattutto quegli scoli che sono frontisti delle nostre strade. Al di là di questo, che è un obbligo prescritto dal regolamento di polizia rurale, l'agricoltura ne va a soffrire quando un campo viene allagato ed è successo abbastanza spesso recentemente. Comunque comporta dei danni. Se il Consorzio fa il suo dovere, avendo i mezzi ovviamente, ed anche gli agricoltori fanno il loro dovere, penso che tutti ne trarremo beneficio. Tutto qua. Altre domande? Passiamo alla votazione. Chi è favorevole all'adesione alla delibera alzi la mano. Favorevoli all'unanimità. 17

18 PUNTO N. 8: Regolamento comunale per l'utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso - Modifiche e integrazioni. GIANNI STROPPA - Vice Sindaco Quello che è oggetto di discussione questa sera è la modifica dell'art. 17 del regolamento comunale delle aree verdi, un regolamento che abbiamo approvato il 6 marzo del Senza andare a leggere tutti i dispositivi dell'art. 17, le due cose fondamentali che andiamo a modificare sono queste e cioè il comma 4, di cui do lettura: "quale contropartita per l'adozione dell'area verde per eseguire gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, il Comune riconoscerà un contributo economico pari a 0,20 euro a metro quadrato di area assegnata da riportare nella convenzione sottoscritta dalle parti e da considerare alla scadenza della stessa". Il dato è questo, che l'importo totale del contributo viene scritto a bilancio come autorizzazione di spesa e verrà liquidato entro il 31 gennaio dell'anno successivo. Questa modifica si è resa necessaria in quanto c'è stata la trasformazione da Tia, che era nell'anno 2011, a Tares. Questo è il motivo tecnico. Quindi mentre prima questo tipo di corresponsione entrava nel piano finanziario della formulazione della Tia, questo non è più possibile e come tale deve essere inserito come extra forma di bilancio. L'importo del rimborso è lo stesso. L'altra introduzione, che è solo un anticipo di quello che faremo, è quello che è stato inserito nel comma 2 lett. b), in cui diciamo: "la creazione di orti urbani destinati alla sola coltivazione di ortaggi, piccoli frutti, fiori ed erbe aromatiche ad uso del soggetto adottante, secondo le pratiche che saranno riportate in un apposito regolamento". Comunque rimanda ad un regolamento successivo. Queste sono le due cose fondamentali di questa modifica di questo regolamento e l'abbiamo fatto soprattutto per dare la possibilità entro il 31 gennaio di potere rimborsare chi ha fatto i lavori di manutenzione del verde durante l'anno Due numeri: chi quest'anno ha ristipulato le convenzioni, sono stati nel numero di una decina di privati, per una somma complessiva in metri quadrati di Mentre per quanto riguarda i contratti di sponsorizzazione, sono state 7-8 ditte ed anche qua gratuitamente gestiscono aree verdi per un totale di mt. quadrati. Abbiamo fatto una convenzione anche con una ditta locale, l'abafoods, la quale in entrata da Badia, versante di Lendinara, si occupa della gestione del verde, dei fossati verdi, della manutenzione, per uno sviluppo di circa 2300 mt. lineari. Se ci sono domande, prego. 18

19 Nessuna domanda. Passiamo alla votazione. Chi è favorevole alle modifiche e integrazioni del regolamento alzi la mano. Favorevoli all'unanimità. Votiamo per l'immediata esecutività. Chi è favorevole alzi la mano. Favorevoli all'unanimità. 19

20 PUNTO N. 9: Permesso di costruire in deroga agli strumenti urbanistici - Art. 14 D.P.R. 380/01 - "Costruzione cabina elettrica in ditta Biscopan Srl". GIANNI STROPPA - Vice Sindaco Questo è un altro argomento ritengo semplice al punto all'ordine del giorno, nel senso che si tratta dell'applicazione di un Art. 14 del D.P.R. 380 e dà la possibilità di costruire in deroga, di autorizzare il responsabile dell'ufficio ad autorizzare in deroga agli strumenti urbanistici vigenti, non rispettando le distanze dai confini di proprietà. Il motivo è molto semplice, in quanto questa cabina pubblica viene costruita ai confini della proprietà, in modo da accedere per quanto riguarda la parte privata dall'interno della proprietà alla cabina, mentre per quanto riguarda il punto di consegna da parte di Enel di accedere direttamente dall'esterno, con due situazioni distinte. Questo è il motivo. Abbiamo già ricevuto le autorizzazioni da parte degli enti. Sono ditte queste alle quali dobbiamo in tutte le maniere dare una mano, a chi investe. Vi dirò anche che per quanto riguarda il Suap, stiamo partendo con la fase di sperimentazione, in modo che tutte le pratiche edilizie arrivino in maniera informatica via Pec. Diceva quello: eppur si muove! Domande? Passiamo alla votazione. Chi è favorevole al permesso di costruire in deroga alzi la mano. Favorevoli all'unanimità. Votiamo per l'immediata esecutività. Chi è favorevole alzi la mano. Favorevoli all'unanimità. 20

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per

PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per finanziamento lavori realizzazione sezione asilo nido rione Borgo, chi illustra? Romani, assessore Romani per

Dettagli

VERBALE N. 94 del 22.12.2014

VERBALE N. 94 del 22.12.2014 VERBALE N. 94 del 22.12.2014 . Prego Assessore Mauro Scroccaro. Ancora grazie. Anche questo

Dettagli

COMUNE DI NUORO CONSIGLIO COMUNALE DEL 17 NOVEMBRE

COMUNE DI NUORO CONSIGLIO COMUNALE DEL 17 NOVEMBRE COMUNE DI NUORO CONSIGLIO COMUNALE DEL 17 NOVEMBRE 2011 I. D. N. S.n.c. Istituto Dattilografico Nuorese di Uscidda Agostina & Co. Sede legale: Via Mannironi, 125 /FAX 0784/203726 Sede operativa: Via Nonnis,

Dettagli

PUNTO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO: Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. tantissimi anni quali sono catastalmente i confini

PUNTO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO: Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. tantissimi anni quali sono catastalmente i confini Prego Assessore. Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. PRESIDENTE: Passo la parola all Assessore DI CIAMPINO - APPARTENENZA TRA IL COMUNE DI MARINO E IL COMUNE - PIANO DI VARIAZIONE AMBITO

Dettagli

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO METANO PROMOSSO DAL COMUNE DI TORINO E PREORDINATO A LIMITARE GLI EFFETTI INQUINANTI SULL AMBIENTE DEI TRADIZIONALI GAS DI SCARICO.

Dettagli

Regione Molise -25- Resoconti Consiliari

Regione Molise -25- Resoconti Consiliari Regione Molise -25- Resoconti Consiliari RISPOSTA ALL INTERPELLANZA, A FIRMA DEI CONSIGLIERI FUSCO PERRELLA, LATTANZIO, CAVALIERE,IORIO, AD OGGETTO: "CONVENZIONE TRA LE FORZE DI POLIZIA E TRENITALIA -

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Presidente Ringrazio il consigliere Beretta. Ha chiesto la parola la consigliera Cercelletta, ne ha facoltà.

Presidente Ringrazio il consigliere Beretta. Ha chiesto la parola la consigliera Cercelletta, ne ha facoltà. CONSIGLIO COMUNALE DEL 16.12.2013 Interventi dei Sigg.ri Consiglieri Sistema Bibliotecario dell Area Metropolitana di Torino, Area Ovest (SBAM Ovest) Approvazione della bozza di convenzione e della bozza

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO !!"#!!$$! &$ #'$ $(! '! #) $ *+),+ $ # -$)-'!! "'$. )!/ #! '#$!#$ -'$ $0 1 1 2 1 3 1 1 1!45!!6!!!&$#$0$&"$! $$!! $ #' #)! $!!#' $ -!0$ 7$$$-$$!#$-$$$0&!-$ $ -!$*8,5 IL CONSIGLIO COMUNALE Ricbiamata la

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri).

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri). Il Presidente propone la trattazione dell ordine del giorno urgente presentato dal gruppo consiliare Lega Nord Lega Lombarda avente per oggetto: Accesso al contributo regionale per l installazione di pannelli

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

LA FATTURA ELETTRONICA di Giuliano Marrucci

LA FATTURA ELETTRONICA di Giuliano Marrucci LA FATTURA ELETTRONICA di Giuliano Marrucci FUORI CAMPO Luca Richelli insegna informatica musicale al conservatorio di Verona. E siccome di informatica ci capisce, quando a fine corso ha dovuto fare la

Dettagli

Presidente: Lo possiamo dare per letto, si? Grazie Sindaco. Ha chiesto di intervenire il Consigliere Di Gregorio. Prego Consigliere.

Presidente: Lo possiamo dare per letto, si? Grazie Sindaco. Ha chiesto di intervenire il Consigliere Di Gregorio. Prego Consigliere. OGGETTO: Pratica Edilizia 09/2010 - Adozione ai sensi dell art. 16 della L.R. n. 20/2011 del Piano Urbanistico Esecutivo della maglia AL/2, localizzata tra Via Piave, Via De Gemmis e Via Po Presidente:

Dettagli

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA DEBITI P.A. decreto del fare Di Emanuele Bellano PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA L impegno che il Ministero dell Economia in particolare sta attuando con grande determinazione

Dettagli

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE.

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PUNTO N. 6 DEL 27/06/2011 OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PRESIDENTE: Prima di passare al punto successivo, volevo dire che probabilmente per quanto

Dettagli

Città di Caselle Torinese

Città di Caselle Torinese Città di Caselle Torinese Regolamento per l'erogazione di contributi a titolo di prestito d'onore a sostegno del reddito di sopraggiunto licenziamento o CIGS o mobilità. in caso Approvato con deliberazione

Dettagli

Al Signor PRESIDENTE del Consiglio Comunale di SOLOPACA. Al SINDACO del Comune di SOLOPACA. Al SEGRETARIO del Comune di SOLOPACA

Al Signor PRESIDENTE del Consiglio Comunale di SOLOPACA. Al SINDACO del Comune di SOLOPACA. Al SEGRETARIO del Comune di SOLOPACA Al Signor PRESIDENTE del Consiglio Comunale di SOLOPACA Al SINDACO del Comune di SOLOPACA Al SEGRETARIO del Comune di SOLOPACA OGGETTO: INTERROGAZIONE" Ai sensi degli artt. 43 del D.Lgs. 267/2000 e 40

Dettagli

pubblicitario on-line sul sito del Comune di Santa Lucia del

pubblicitario on-line sul sito del Comune di Santa Lucia del PRESIDENTE: Passiamo adesso al terzo punto all'ordine del Giorno, avente ad oggetto: " Approvazione Regolamento sponsorizzazione per la disciplina e la gestione dello spazio pubblicitario on-line sul sito

Dettagli

Oggetto: Procedimento PS 10001 invio casi ricevuti da Altroconsumo

Oggetto: Procedimento PS 10001 invio casi ricevuti da Altroconsumo Inviata tramite PEC Alla c.a. Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato Piazza G. Verdi, 6/a 00198 Roma Milano, 19 novembre 2015 Oggetto: Procedimento PS 10001 invio casi ricevuti da Altroconsumo

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

LE ANALISI E LE PROPOSTE DEL SIAP SUI PRESTITI AGEVOLATI, CON RELAZIONE ALLE POLITICHE ABITATIVE IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLA POLIZIA DI STATO

LE ANALISI E LE PROPOSTE DEL SIAP SUI PRESTITI AGEVOLATI, CON RELAZIONE ALLE POLITICHE ABITATIVE IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLA POLIZIA DI STATO LE ANALISI E LE PROPOSTE DEL SIAP SUI PRESTITI AGEVOLATI, CON RELAZIONE ALLE POLITICHE ABITATIVE IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLA POLIZIA DI STATO I PRESTITI AGEVOLATI SONO DELLE FORME DI FINANZIAMENTO (

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DEL 09.03.2012. Interventi dei Sigg. consiglieri

CONSIGLIO COMUNALE DEL 09.03.2012. Interventi dei Sigg. consiglieri CONSIGLIO COMUNALE DEL 09.03.2012 Interventi dei Sigg. consiglieri Gestione del servizio di segreteria comunale in forma associata tra i comuni di Orbassano e Villar Dora. Costituzione ed approvazione

Dettagli

N. 10/2013 Seduta del 20.11.2013

N. 10/2013 Seduta del 20.11.2013 VERBALE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10/2013 Seduta del 20.11.2013 L anno 2013 addì 20 del mese di novembre alle ore 20.10 nella Residenza Municipale, previa convocazione con avvisi scritti, tempestivamente

Dettagli

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Dott.ssa GIULIA CANDIANI (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Innanzitutto due parole di presentazione: Altroconsumo è una associazione indipendente di consumatori, in cui io lavoro

Dettagli

COMUNE DI ALTAVILLA VICENTINA PROVINCIA DI VICENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI ALTAVILLA VICENTINA PROVINCIA DI VICENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI ALTAVILLA VICENTINA PROVINCIA DI VICENZA Nr. 30 del 07/06/2010 COPIA Prop. n. 20274 Impegno n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Oggetto: INTERROGAZIONE PRESENTATA DAI CONSIGLIERI

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Delibera del Consiglio Comunale di Asolo n.15/2003

Delibera del Consiglio Comunale di Asolo n.15/2003 Delibera del Consiglio Comunale di Asolo n.15/2003 Data di convocazione: 11-04-2003 Oggetto: Esame ed approvazione "Regolamento comunale di semplificazione dei procedimenti di spesa in economia". Il Sindaco

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/6 MISSIONE IN CALABRIA 11 marzo 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 15.00. PRESIDENTE. Buongiorno. La Commissione la ringrazia. Ci scusiamo, ma come sempre siamo in

Dettagli

Regione Molise -34- Resoconti Consiliari

Regione Molise -34- Resoconti Consiliari Regione Molise -34- Resoconti Consiliari RISPOSTA ALL INTERROGAZIONE, A FIRMA DEL CONSIGLIERE MICONE, AD OGGETTO: DELIBERAZIONE DI GIUNTA REGIONALE N. 576 DEL 3 NOVEMBRE 2013 E N. 607 DEL 18 NOVEMBRE 2013.

Dettagli

Legge provinciale 15 maggio 2013, n. 9 articolo 1 DOMANDE FREQUENTI

Legge provinciale 15 maggio 2013, n. 9 articolo 1 DOMANDE FREQUENTI QUESITO 1 Chi ha una abitazione concessa in comodato d uso potrebbe fare domanda per gli interventi sull articolo 1? Se paga l IMUP su quell abitazione quale abitazione principale, si QUESITO 2 Sono finanziabili

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

COMUNE DI CUMIANA PROVINCIA DI TO DEL CONSIGLIO COMUNALE N.69

COMUNE DI CUMIANA PROVINCIA DI TO DEL CONSIGLIO COMUNALE N.69 C o p i a Al b o COMUNE DI CUMIANA PROVINCIA DI TO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.69 OGGETTO: ESTINZIONE ANTICIPATA MUTUI CONTRATTI CON LA CASSA DEPOSITI E PRESTITI S.P.A. AI SENSI DELL'ART.

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

L AZIENDUCCIA. Personaggi: Cav. Persichetti, Agente 008, Cav. Berluscotti, Assunto.

L AZIENDUCCIA. Personaggi: Cav. Persichetti, Agente 008, Cav. Berluscotti, Assunto. L AZIENDUCCIA Analisi: Sketch con molte battute dove per una buona riuscita devono essere ben caratterizzati i personaggi. Il Cavalier Persichetti e il cavalier Berluscotti devono essere 2 industriali

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE AI GIOVANI DI AGEVOLAZIONI IN CONTO INTERESSI PER L APERTURA DI NUOVE ATTIVITA NEL TERRITORIO DI FLORIDIA DELIBERATO DAL CONSIGLIO

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

DEL CONSIGLIO COMUNALE

DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA COMUNE DI MONTECATINI VAL DI CECINA PROVINCIA DI PISA -------------- DELIBERAZIONE N. 71 in data: 27.11.2008 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: COMUNICAZIONI DEL SINDACO L anno

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE UNICA PER LE POLITICHE DEL LAVORO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE UNICA PER LE POLITICHE DEL LAVORO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE UNICA PER LE POLITICHE DEL LAVORO (D.Lgs 23 dicembre 1997, n. 469) SOMMARIO TITOLO I - Norme di organizzazione ART. 1 Ambito di applicazione ART. 2 Finalità ART.

Dettagli

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio:

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio: allegato 1) PUNTO N. 3 all O.d.G.: Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina meccanica. Cedo la parola al Sindaco. MARCO FABBRI Sindaco: Sì, grazie

Dettagli

Modifiche al Regolamento per l individuazione delle. modalità di assegnazione degli alloggi E.R.P. e per la

Modifiche al Regolamento per l individuazione delle. modalità di assegnazione degli alloggi E.R.P. e per la Allegato 1) PUNTO N. 2 all O.d.G.: Modifiche al Regolamento per l individuazione delle modalità di assegnazione degli alloggi E.R.P. e per la gestione della mobilità dell utenza. Legge regionale n. 24/2001

Dettagli

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Benvenuto/a o bentornato/a Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Non pensare di trovare 250 pagine da leggere,

Dettagli

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 Oggetto: Quarto Punto all OdG: Modifica Elenco Annuale LL.PP. Anno 2013 e Piano Triennale OO.PP. 2013-2015. PRESIDENTE: Quarto Punto all OdG: Modifica

Dettagli

RESOCONTO SOMMARIO 338.

RESOCONTO SOMMARIO 338. COMUNE DI MESSINA - CONSIGLIO COMUNALE RESOCONTO SOMMARIO 338. SEDUTA DI MERCOLEDI 21 NOVEMBRE 2012 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GIUSEPPE PREVITI Pag. Proposta di deliberazione: Calabrò Felice 3 Capurro Giuseppe

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 16 del CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 16 del CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI NAGO-TORBOLE PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 16 del CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Servizio pubblico di trasporto urbano: rinnovo della convenzione per la gestione associata del

Dettagli

LA GIUNTA MUNICIPALE

LA GIUNTA MUNICIPALE LA GIUNTA MUNICIPALE Premesso che: - con la sottoscrizione di un protocollo di intesa in data 02.12.2004 la Provincia di Rovigo, il Consorzio per lo Sviluppo del Polesine, i Comuni di Melara, Bergantino,

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 1076 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Approvazione delle "Disposizioni per la valutazione della condizione economica dei

Dettagli

I.S.P. Istituto Stenodattilo Professional, società a responsabilità limitata Via G. Galilei, 206 - Giulianova Teramo

I.S.P. Istituto Stenodattilo Professional, società a responsabilità limitata Via G. Galilei, 206 - Giulianova Teramo CONSIGLIO COMUNALE DEL 01 OTTOBRE 2015 APERTURA LAVORI APERTURA LAVORI QUINDI COSI PROSEGUE: Buona sera a tutti. Signor Segretario, Iniziamo facendo l appello nominale, per favore. Sono presenti n 11 Consiglieri:

Dettagli

Esame lingua d interpretariato

Esame lingua d interpretariato Certificato INTERPRET d interprete interculturale: Test modello Gennaio 2014 Esame lingua d interpretariato Contenuto Introduzione pagina 2 Composizione dell esame pagina 3 Parte 1 dell esame: colloquio

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COPIA WEB Deliberazione N. 42 In data 25.09.2014 Prot. N. 14229 OGGETTO: COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Sessione ordinaria

Dettagli

Appunti di contabilità del condominio approfondimento

Appunti di contabilità del condominio approfondimento Appunti di contabilità del condominio approfondimento I documenti contabili obbligatori ai sensi del codice civile sono il bilancio preventivo con relativo riparto ed il bilancio consuntivo. Necessari,

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 33

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 33 O R I G I N A L E VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 33 SESSIONE STRAORDINARIA - SEDUTA PUBBLICA 1^ CONVOCAZIONE Verbale letto, approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE Lobascio Giuseppe

Dettagli

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa Letto, confermato e sottoscritto IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO F.TO: B. BUSCEMA F.TO: G. QUARRELLA CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE La presente deliberazione verrà affissa all albo Pretorio

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE N. 64 in data 28/09/2010 Proposta n. 65 Oggetto: ORDINE DEL GIORNO PRESENTATO DAL GRUPPO CAVRIAGO COMUNE RIGUARDO LA MODIFICA DEL REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

COPIA. Verbale di deliberazione della Giunta

COPIA. Verbale di deliberazione della Giunta COMUNE DI AGNOSINE DELIBERAZIONE N. 54 COPIA in data 24/09/2015 Verbale di deliberazione della Giunta OGGETTO: ADESIONE A DOTE SPORT REGIONE LOMBARDIA CONTRIBUTO FINO A 200 EURO SPESE CORSI ATTIVITÀ SPORTIVE

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi.

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. LA CENTRALE RISCHI Di Emanuele Bellano MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. Noi volevamo avere qualche informazione per un mutuo. Allora

Dettagli

BILANCIO PARTECIPATIVO Incontro del 1 febbraio 2011

BILANCIO PARTECIPATIVO Incontro del 1 febbraio 2011 BILANCIO PARTECIPATIVO Incontro del 1 febbraio 2011 Assessorato al Bilancio Comune di Ostra (AN) 1 - Premessa Con queste diapositive si vuol tentare di illustrare come funziona il bilancio di un comune

Dettagli

COMUNE DI RONCOFREDDO Provincia di Forlì-Cesena

COMUNE DI RONCOFREDDO Provincia di Forlì-Cesena COMUNE DI RONCOFREDDO Provincia di Forlì-Cesena COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 46 Del 15-10-13 Oggetto: REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DI POSTI AUTO - AP= PROVAZIONE L'anno

Dettagli

COMUNE DI ARPAISE PROVINCIA DI BENEVENTO Cap : 82010 Cod. Fisc.: 80003370626

COMUNE DI ARPAISE PROVINCIA DI BENEVENTO Cap : 82010 Cod. Fisc.: 80003370626 COMUNE DI ARPAISE PROVINCIA DI BENEVENTO Cap : 82010 Cod. Fisc.: 80003370626 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE C O P I A Numero 15 Del 05-08-14 Oggetto: Determinazione aliquote IMU - anno 2014. L'anno

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERA DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DEMO ANAGRAFICO E SOCIO CULTURALE. Data avvio Proposta : 21/09/2012

PROPOSTA DI DELIBERA DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DEMO ANAGRAFICO E SOCIO CULTURALE. Data avvio Proposta : 21/09/2012 PROPOSTA DI DELIBERA DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DEMO ANAGRAFICO E SOCIO CULTURALE Data avvio Proposta : 21/09/2012 Illustrano l argomento OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE DEL PIANO ANNUALE COMUNALE PER

Dettagli

OGGETTO: PROGRAMMA DI BENEFICI A FAVORE DI CITTADINI IN SITUAZIONE DI DISAGIO LAVORATIVO MEDIANTE L ISTITUZIONE DEL PRESTITO D ONORE

OGGETTO: PROGRAMMA DI BENEFICI A FAVORE DI CITTADINI IN SITUAZIONE DI DISAGIO LAVORATIVO MEDIANTE L ISTITUZIONE DEL PRESTITO D ONORE OGGETTO: PROGRAMMA DI BENEFICI A FAVORE DI CITTADINI IN SITUAZIONE DI DISAGIO LAVORATIVO MEDIANTE L ISTITUZIONE DEL PRESTITO D ONORE Introduce brevemente il Sindaco che passa la parla all Assessore di

Dettagli

COMUNE DI OCCHIOBELLO PROVINCIA DI ROVIGO SETTORE OPERATIVO 4 - AREA LAVORI PUBBLICI - DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE AREA LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI OCCHIOBELLO PROVINCIA DI ROVIGO SETTORE OPERATIVO 4 - AREA LAVORI PUBBLICI - DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE AREA LAVORI PUBBLICI COMUNE DI OCCHIOBELLO PROVINCIA DI ROVIGO SETTORE OPERATIVO 4 - AREA LAVORI PUBBLICI - DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE AREA LAVORI PUBBLICI N. determinazione 753 Del 17.12.2007 N. Gen. 1801 Del 28.12.2007

Dettagli

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Comune di Agrigento Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Ordine del Giorno 1. Designazione scrutatori; 2. Relazione previsionale e programmatica 2013 2015. Bilancio di Previsione 2013. Bilancio

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

www.saveriotommasi.it Silvio Berlusconi e la Mafia

www.saveriotommasi.it Silvio Berlusconi e la Mafia www.saveriotommasi.it Silvio Berlusconi e la Mafia 66 Silvio Berlusconi e la mafia LA BOMBA DI MANGANO Trascrizione della telefonata intercettata dalla Polizia, nella quale Berlusconi e Dell Utri parlano

Dettagli

V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L C O N S I G L I O C O M U N A L E

V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L C O N S I G L I O C O M U N A L E CODICE ENTE: 107708 PANDINO Originale DELIBERAZIONE N 68 del 29/12/2008 V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L C O N S I G L I O C O M U N A L E Adunanza ordinaria di prima convocazione pubblica

Dettagli

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per Verbale di Consiglio del 25 gennaio 2012 INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI PERNIGOTTI E OLIVERI IN MERITO AGLI STRUMENTI DA ADOTTARE PER COMUNICARE CON I PAESI EMERGENTI ED ECONOMICAMENTE FORTI COME LA CINA

Dettagli

COMUNE DI VIGONZA. Provincia di Padova

COMUNE DI VIGONZA. Provincia di Padova COMUNE DI VIGONZA Provincia di Padova REGOLAMENTO per l individuazione dei soggetti aventi accesso e priorità per l acquisto o la locazione degli immobili di edilizia convenzionata. Artt. 17 e 18 del D.P.R.

Dettagli

C O M U N E D I M O N T E V A G O PROVINCIA DI AGRIGENTO

C O M U N E D I M O N T E V A G O PROVINCIA DI AGRIGENTO Città Termale C O M U N E D I M O N T E V A G O PROVINCIA DI AGRIGENTO Originale di Deliberazione del Consiglio Comunale N 79 del Registro Delibere Data 06.11.2009 OGGETTO: Parco Eolico ed energie alternative.

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Sessione Ordinaria di prima convocazione OGGETTO: I.U.C. - CONFERMA AZZERAMENTO ALIQUOTE TASI anno 2015

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Sessione Ordinaria di prima convocazione OGGETTO: I.U.C. - CONFERMA AZZERAMENTO ALIQUOTE TASI anno 2015 COMUNE DI ALEZIO Provincia di LECCE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA N. 27 Del 30/07/2015 Sessione Ordinaria di prima convocazione OGGETTO: I.U.C. - CONFERMA AZZERAMENTO ALIQUOTE TASI anno 2015

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A BARI 26 gennaio 2010 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE VINCENZO DE LUCA. La seduta inizia alle 18.29.

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A BARI 26 gennaio 2010 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE VINCENZO DE LUCA. La seduta inizia alle 18.29. MISSIONE A BARI 26 gennaio 2010 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE VINCENZO DE LUCA 1/6 La seduta inizia alle 18.29. PRESIDENTE. Siamo in audizione durante la seconda missione in Puglia come Commissione parlamentare

Dettagli

4. I verbi del comunicare Scrivete l esempio usando il LEI Sono lieto di Mi pregio Sono costretto a

4. I verbi del comunicare Scrivete l esempio usando il LEI Sono lieto di Mi pregio Sono costretto a 1 IL REGISTRO LINGUISTICO 2 Scrivere nel registro colto/solenne - esercitazioni 1. PER COMINCIARE Egregio Signore Gentile Signore/a Gentilissimo/a Chiarissimo Professore Spettabile Ditta (Egregio Sig.

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA

COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE Indetto ai sensi dell art. 11 della legge 9

Dettagli

COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE BANDO PUBBLICO IL DIRETTORE

COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE BANDO PUBBLICO IL DIRETTORE COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE BANDO PUBBLICO IL DIRETTORE VISTO il Decreto n. 4114 del 25 luglio 2005 con il quale il Dirigente della Direzione Generale Politiche Territoriali e Ambientali

Dettagli

Comunità Rotaliana - Königsberg

Comunità Rotaliana - Königsberg Comunità Rotaliana - Königsberg (Provincia di Trento) VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 53 dell Organo esecutivo della Comunità Oggetto: Individuazione dell immobile da destinare a sede della Comunità e L anno

Dettagli

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAI CONSIGLIERI MENGHI E MUNAFO DEL COMITATO ANNA MENGHI IN MERITO AL PROGETTO DEL PERCORSO PEDONALE MECCANIZZATO NELLA GALLERIA DEL COMMERCIO.

Dettagli

COMUNE DI LOVERO (Provincia di Sondrio)

COMUNE DI LOVERO (Provincia di Sondrio) COPIA COMUNE DI LOVERO (Provincia di Sondrio) DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 022 del registro deliberazioni OGGETTO: APPROVAZIONE TARIFFE IMU 2012. L anno duemiladodici, addì uno di Ottobre, ore

Dettagli

CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO

CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO N 66 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: ESTINZIONE ANTICIPATA DI ALCUNI MUTUI PASSIVI CON LA CASSA DEPOSITI E PRESTITI S.P.A. Oggi ventisei del mese di

Dettagli

5HJRODPHQWR SHU YHLFROL HFFH]LRQDOL H WUDVSRUWL LQ FRQGL]LRQL *************** Grazie, Presidente. La Provincia di Brindisi,

5HJRODPHQWR SHU YHLFROL HFFH]LRQDOL H WUDVSRUWL LQ FRQGL]LRQL *************** Grazie, Presidente. La Provincia di Brindisi, DELIBERA N. del N. 6 all Ordine del Giorno: 5HJRODPHQWR SHU YHLFROL HFFH]LRQDOL H WUDVSRUWL LQ FRQGL]LRQL GLHFFH]LRQDOLWj$SSURYD]LRQHª *************** PRESIDENTE Relaziona l'assessore Mancini. Prego. Assessore

Dettagli

Porto i saluti, a tutti i partecipanti, da parte di CGIL CISL UIL della regione FRIULI VENEZIA GIULIA.

Porto i saluti, a tutti i partecipanti, da parte di CGIL CISL UIL della regione FRIULI VENEZIA GIULIA. Porto i saluti, a tutti i partecipanti, da parte di CGIL CISL UIL della regione FRIULI VENEZIA GIULIA. E sicuramente un onore per me, che sono fresco di nomina, avere l incarico di relatore per le Parti

Dettagli

L anno duemiladodici, addì quindici del mese di febbraio in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 11,00

L anno duemiladodici, addì quindici del mese di febbraio in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 11,00 PAG. 1 OGGETTO: Prospettata vendita a terzi delle unità immobiliari realizzate in regime di edilizia convenzionata nell area sita in Via Falcone n 32 - Lottizzazione LE VERGINI Lotto n 21 - Attuale proprietario

Dettagli

MINUSVALENZE PREGRESSE: COME RECUPERARLE E VIVERE (QUASI) FELICI

MINUSVALENZE PREGRESSE: COME RECUPERARLE E VIVERE (QUASI) FELICI 06/12/2013 In questo Diario di Bordo parliamo dell astruso meccanismo italiano di tassare le plusvalenze nel risparmio amministrato e di come utilizzare il proprio zainetto fiscale per ridurre la tassazione

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a. firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a

Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a. firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a Buja. Prego. Cons. FASIOLO Rudi (senza microfono) Un altra interrogazione

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20.

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20. 1/5 MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 11.20. PRESIDENTE. Buongiorno. Innanzitutto la ringraziamo e ci scusiamo del ritardo, ma stiamo finendo

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

(Durante la discussione entra in aula l'assessore Nespoli). ASSESSORE ARCH. FORNONI:

(Durante la discussione entra in aula l'assessore Nespoli). ASSESSORE ARCH. FORNONI: Il Presidente propone la trattazione dell ordine del giorno n. 106 avente per oggetto: programma triennale dei lavori pubblici 2008-2010. Variazione all'elenco annuale per l'anno 2008. (Durante la discussione

Dettagli

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa Letto, confermato e sottoscritto IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO F.TO: B. BUSCEMA F.TO: G. QUARRELLA CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE La presente deliberazione verrà affissa all albo Pretorio

Dettagli