CONSIGLIO COMUNALE DEL 11 DICEMBRE 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSIGLIO COMUNALE DEL 11 DICEMBRE 2013"

Transcript

1 CONSIGLIO COMUNALE DEL 11 DICEMBRE 2013 Sono le dell'11 dicembre Dichiaro aperta la seduta. La parola al Segretario per l'appello. [Il Segretario comunale procede all'appello per la verifica del numero legale] Passiamo alla nomina degli scrutatori: Barbieri, Luchin e Segantin. Iniziamo con l'ordine del giorno. PUNTO N. 1: Integrazione autorizzazione alla proposizione di un ricorso ex Art. 700 c.p.c. nel corso del giudizio pendente presso il Tribunale di Rovigo finalizzato alla sospensione in via cautelare dei contratti derivati stipulati dal Comune di Badia Polesine con Banca Infrastrutture Innovazione Sviluppo Spa. GASTONE FANTATO - Sindaco Una brevissima premessa. Non voglio farvi tutta la storia, la triste storia dei derivati. Avevamo a suo tempo intentato causa alla banca, alla Banca Intesa BIIS, rilevando alcune scorrettezze nella presentazione dei prodotti. La causa, se avete letto la nota che ha mandato l'avvocato, è stata assegnata ad un Giudice, alla dottoressa Varotto, però poi l'attività è stata sospesa, come ben saprà il Consigliere Tomì, per cui di fatto è là in un limbo. Visto il danno che continua a provocare, con l'avvocato Miccoli, che è il nostro avvocato, abbiamo pensato di fare un'istanza al Giudice affinché fossero sospesi gli effetti negativi nei confronti del Comune dell'applicazione dei contratti derivati. Per questo, che poi dovrebbe servire anche in sede di causa vera e propria, ci siamo serviti anche di una società di certificazione di questi aspetti, fra le tante che c'erano state proposte, e che ha mandato tutta la sua documentazione sui cinque contratti derivati principali, sostanzialmente. Tenete presente che vi sono stati mandati tutti i files relativi alle perizie proprio perché possiate rendervi conto degli elementi di criticità del rapporto col Comune di Badia. Quelli che ci sono stati indicati... se andate a vedere, verso la fine di ciascuna perizia è indicato quanto è in questo momento il negativo accumulato. Ho fatto io la somma, non c'è da nessuna parte, per questi che sono indicati in queste perizie, sono di 1

2 negativo accumulato. L'avvocato Miccoli, che ci ha mandato via mail l'altra mattina tutta questa cosa, che prima non era disponibile, ci ha pregato di metterlo all'ordine del giorno del Consiglio per acquisire per l'anno 2013 la posizione, sperando che per lo meno il Tribunale la prenda in considerazione quanto prima. Le motivazioni le trovate tutte nella nota che ha preparato l'avvocato, che è poi il testo della delibera che andremo a fare. Più di tanto credo non valga la pena di dire. Se c'è qualche domanda ben volentieri. Se ci sono delle domande, prego. Nessuna domanda. Passiamo alla votazione. Chi è favorevole alla delibera alzi la mano. 9 favorevoli. Chi è contrario? Nessuno. Astenuti? 4 astenuti. Immediata esecutività. Chi è favorevole alzi la mano. 9 favorevoli. Chi è contrario? Nessuno. Astenuti? 4 astenuti. Prima di passare al secondo punto, passo la parola al Consigliere Giulio Barbieri. GIULIO BARBIERI - Consigliere Penso che anche voi rappresentanti della politica, Consiglieri, in questi giorni avrete sentito molti nostri concittadini chiedere dei dati sulla sicurezza badiese. Penso che pur non essendo un Bronx Badia Polesine, anzi penso che sia sicuramente nei confronti di altre città ancora un'isola felice, però si potrebbe dare una risposta ai nostri concittadini. Vi leggo due o tre righe che ho scritto. Tutti noi conosciamo gli avvenimenti microcriminali accaduti nella nostra Badia in questi ultimi giorni. Sappiamo che le forze dell'ordine sono vigili ed attente ed offrono il massimo della loro opera. Ma non basta. Dobbiamo tutti insieme trovare una soluzione per rispondere alle attese della cittadinanza, commercianti ed artigiani in primis, che in questo momento sono i più vulnerabili alle scorribande notturne di questi signori. Chiedo all'amministrazione comunale, al Sindaco ed agli Assessori di farsi carico per un incontro con le categorie sopra citate per trovare una soluzione equa alla domanda di sicurezza che i nostri concittadini ci chiedono. Ho parlato con alcuni commercianti, anzi mi hanno chiesto alcuni commercianti, ed anche col Presidente dell'associazione commercianti, sono disponibili a venire ad una riunione, parlarne e vedere di trovare tutti insieme una soluzione. Ripeto, Badia non è il Bronx, questo sia ben chiaro, però è meglio prevenire che curare. 2

3 GASTONE FANTATO - Sindaco Volevo solo dire che poi in occasione dell'interrogazione del Consigliere Luchin, anche se è di altro tenore, farò qualche considerazione in merito. GIULIO BARBIERI - Consigliere Se ce la faccio ad arrivare fino all'ultimo, perché... GASTONE FANTATO - Sindaco Non è all'ordine del giorno. GIULIO BARBIERI - Consigliere Sì, esattamente. Grazie lo stesso. 3

4 PUNTO N. 2: Istituzione Commissione consiliare "Statuto e Regolamenti" ed approvazione disciplina di funzioni. GASTONE FANTATO - Sindaco Il nostro Statuto e il nostro Regolamento sono datati. Hanno bisogno di essere aggiornati sia perché è cambiata la normativa, in parte, sia perché in parte sono cambiate le esigenze operative sia del Consiglio comunale che in generale dell'ente. Per fare ciò, l'attuale nostro regolamento prevede venga istituita una apposita Commissione. Tale Commissione, che è una Commissione consiliare, dovrà essere costituita da tre rappresentanti della maggioranza, che verranno votati dalla maggioranza, e due rappresentanti della minoranza che verranno votati dalla minoranza. Non ci sono, quindi, inciuci, equivoci o roba del genere. Infatti la proposta prevede sia l'approvazione di un mini regolamento che riguarda l'istituzione di questa Commissione, dove ci sono le finalità, la composizione etc., come vi ho detto, ma la cosa più importante, oltre a cose abbastanza scontate, è che ci sono dei tempi precisi. Dal momento in cui la Commissione si insedierà e si insedierà su convocazione del Presidente del Consiglio comunale, da quel giorno ha 60 giorni di tempo per presentare la nuova proposta di Statuto e ne avrà invece 30 per presentare la nuova proposta di regolamento del Consiglio comunale. Se questa sera approviamo la delibera e facciamo le nomine, tecnicamente una volta adottato questo, potremo arrivare a febbraio, per i primi di marzo, ad avere questa possibilità di approvare sia lo Statuto che il Regolamento. Tutto qua. Sostanzialmente è questo. Un'ultima cosa. La normativa mi pare che preveda che il Presidente del Consiglio comunale e il Sindaco possano sempre partecipare come uditori alle sedute. Il Presidente sarà anche segretario e stenderà un verbale delle sedute. Sono formalità. MIRKO LUCHIN - Consigliere [Fuori microfono - incomprensibile] Le sedute sono pubbliche, quindi possono partecipare tutti. GASTONE FANTATO - Sindaco In generale le sedute delle Commissioni consiliari sono sempre pubbliche. 4

5 MIRKO LUCHIN - Consigliere [Fuori microfono - incomprensibile] Sì, pubbliche. MIRKO LUCHIN - Consigliere [Fuori microfono - incomprensibile] GASTONE FANTATO - Sindaco Le Commissioni consiliari sono quelle nominate dal Consiglio comunale etc. etc.. MIRKO LUCHIN - Consigliere [Fuori microfono - incomprensibile] Non c'entra niente, è una cosa personale. GASTONE FANTATO - Sindaco Non so chi l'abbia invitata a non partecipare. E` certamente una stupidaggine. Il Consigliere comunale ha diritto di partecipare a qualsiasi riunione aperta al pubblico e tutte sono aperte al pubblico, però per norma... [incomprensibile - microfono spento] Se avete altre domande... Per chiarezza, questa sera votiamo solo l'approvazione del regolamento, che verrà pubblicato all'albo pretorio per 15 giorni e poi diventerà esecutivo. Successivamente si faranno le nomine della Commissione. Chi è favorevole all'approvazione del regolamento alzi la mano. Favorevoli all'unanimità. Votiamo per l'immediata esecutività. Chi è favorevole? Favorevoli all'unanimità. 5

6 PUNTO N. 3: Ratifica delibera della Giunta comunale n. 137 in data 06/11/2013 ad oggetto: "Variazioni al bilancio di previsione esercizio finanziario 2013". ANDREA BERTOLASO - Assessore Queste variazioni di questa prima delibera riguardano le prime variazioni, la prima parte dell'assestamento di bilancio, relative e conseguenti alla verifica degli equilibri del bilancio di previsione 2013 che abbiamo fatto in data 30/9. In particolare sono state necessarie e conseguenti l'abolizione dell'imu sull'abitazione principale per quanto riguarda la prima rata e il suo conseguente ristoro da parte dello Stato, nonché per finanziare alcune altre spese relative ad alcuni servizi di istituto. Vado a leggervele nel dettaglio e così avete anche modo per completezza e chiarezza di comprenderle. Per quanto riguarda la parte entrata, sono variazioni in più complessivamente di euro, di cui euro correlate alla spesa. Riguardano le risorse che attualmente vado a definire e discendono da maggiori accertamenti per fondo solidarietà comunale, che praticamente sono dei trasferimenti statali, dal contributo statale per il minor gettito Imu conseguente all'abolizione della prima rata di giugno e ad accertamenti relativi all'imposta sulla pubblicità. In particolare euro per accertamenti sull'imposta della pubblicità, euro per fondo di solidarietà comunale (sono trasferimenti statali), euro per contributo statale relativo al minore gettito Imu. Le minori entrate individuate, che sono complessivamente di euro,si riferiscono alla variazione relativa all'abolizione dell'imu e in particolare euro relativamente all'abitazione principale e per gli altri immobili. Le variazioni in più dell'uscita, della spesa, sono complessivamente euro e sono finanziate per con le entrate che ho menzionato precedentemente e cioè la maggiore entrata per gli accertamenti sull'imposta sulla pubblicità e per i trasferimenti statali relativi al fondo di solidarietà, per la parte restante di euro attraverso storni di fondi. Sono state necessarie per dare copertura alle spese di gestione fino al 31/12. Le maggiori spese si riferiscono in particolare a: euro relativamente ad una restituzione allo Stato del maggiore gettito Imu, che poi è andato a finanziare ed alimentare il fondo di solidarietà comunale, 1000 euro per contributi associativi, euro per l'aggio sull'imposta della pubblicità ed affissioni, euro relativamente a spese di gestione ed utenze per quanto riguarda la pubblica illuminazione e consumi acqua, euro 5100 per trasferimenti di assistenza sociale. Le economie sono state individuate in 5000 euro per prestazioni di segreteria, 6000 euro per fondo mobilità albo segretari, 2300 euro per alcuni servizi informatici, 5000 euro 6

7 per interessi sulla scopertura di cassa, per restituzione trasferimenti statali, per interessi sui mutui, per prestazioni professionali, euro per spese diverse di gestione, euro per gestione delle utenze e infine 7500 euro per prestazioni di servizi assistenziali. Ci sono delle domande? Nessuna domanda. Passiamo alla votazione. Chi è favorevole alle variazioni del bilancio di previsione alzi la mano. 11 favorevoli. Chi è contrario? Nessuno. Astenuti? 4 astenuti. Votiamo l'immediata esecutività. Chi è favorevole alzi la mano. 11 favorevoli. Chi è contrario? Nessuno. Astenuti? 4 astenuti. 7

8 PUNTO N. 4: Ratifica delibera della Giunta comunale n. 147 in data 29/11/2013 ad oggetto: "Variazioni al bilancio di previsione esercizio finanziario 2013". ANDREA BERTOLASO - Assessore Per quanto riguarda le variazioni di bilancio di questa seconda delibera, sono relative alla seconda parte dell'assestamento e riferite alla verifica degli equilibri che abbiamo fatto a settembre. Anche questa per quanto riguarda la parte entrata concerne l'abolizione dell'imu, in questo caso della seconda rata, in cui abbiamo accertato principalmente un maggiore contributo statale per euro, ed inoltre abbiamo ragguagliato le spese per raggiungere il fine anno. Vi risparmio la lettura di tutte le spese. Se avete delle indicazioni, tanto alla fine andavo a leggere quello che c'era scritto nella relazione del responsabile. Se avete delle domande da farmi, sono qui a disposizione. Se ci sono delle domande, prego. GASTONE FANTATO - Sindaco Volevo chiedere all'assessore se può dirci (io lo so, evidentemente) qual è l'indicazione di chiusura del bilancio di questo esercizio, considerate le difficoltà nelle quali ci siamo mossi. Tutto qua. Credo che sia da sottolineare. ANDREA BERTOLASO - Assessore Sindaco, la ringrazio per questa domanda. Possiamo guardare positivamente questa annata, nel senso che nonostante le difficoltà, riusciamo a fare quadrare il bilancio a zero, che è quello che un'amministrazione deve fare. La cosa più importante che devo far rilevare è che nonostante durante la verifica degli equilibri il pareggio di bilancio era stato preventivato con un'entrata straordinaria, che è l'alienazione di alcuni immobili... se vedete nella relazione, i euro, nella parte delle minori entrate, erano stati individuati come alienazioni di immobili per finanziare il disavanzo, parte del disavanzo del Questo significa che con questa variazione riusciamo a coprire il disavanzo del 2011, metà del disavanzo 2011, con la parte corrente e questo è - tra virgolette - un vanto, nel senso che riusciamo a coprire l'inattività del 2011 con la parte corrente e non con parti straordinarie del bilancio. Effettivamente è una cosa che non pensavamo di fare quando abbiamo fatto la verifica degli equilibri, ma grazie agli introiti e alla politica che abbiamo attuato, siamo riusciti a chiudere il bilancio come avevamo pensato, quindi a zero, senza alcun disavanzo. Le 8

9 cose verranno valutate sicuramente a rendiconto, che faremo il prossimo anno, ma già posso dirvi che dalle prime indicazioni che vediamo con queste due ultime variazioni il bilancio si chiude in pareggio finanziario. Si sono altre domande? Altrimenti passiamo alla votazione. LAURA CABASSA - Consigliere [Fuori microfono - incomprensibile]...faccio presente che questa documentazione è arrivata in tempi veramente... è necessario che vengano recapitate almeno 7 giorni prima del Consiglio comunale, perché... i tempi sono sempre molto stretti. Grazie Consigliere, faremo del nostro meglio sicuramente. Passiamo alla votazione. Chi è favorevole alle variazioni del bilancio alzi la mano. 11 favorevoli. Chi è contrario? Nessuno. Astenuti? 4 astenuti. Votiamo l'immediata esecutività. Chi è favorevole? 11 favorevoli. Contrari? Nessuno. Astenuti? 4 astenuti. 9

10 PUNTO N. 5: Approvazione convenzione per la gestione della "Rete provinciale Informagiovani" periodo 2013/1014. CLAUDIO BRUSEMINI - Assessore Inizio a fare una breve cronistoria dello sportello Informagiovani presso la nostra Provincia e nello specifico presso il nostro Comune. Gli Informagiovani del Veneto sono sorti alla fine degli anni '80 grazie alla legge regionale 20/88 e già dal 1997 si era pensato ad una convenzione per una rete provinciale Informagiovani fra la Provincia di Rovigo e dieci Comuni polesani, realizzando così un primo sistema organico di centri e punti informativi al servizio della popolazione giovanile. Questo primo protocollo di intesa prevedeva ruoli diversificati per la Provincia, il Comune di Rovigo e gli altri Comuni aderenti, che erano Ariano, Castelmassa, Rovigo, Castelnovo Bariano, Corbola, Occhiobello, Polesella, Porto Viro, Taglio di Po e Villadose. In particolare all'amministrazione provinciale spettava la funzione di guida, promozione e raccordo, al Comune di Rovigo il ruolo di agenzia provinciale, mentre gli altri Comuni gestivano le informazioni e tenevano i contatti con l'utenza. L'anno successivo il nostro Comune riteneva di aderire all'accordo, trainando così via via altre municipalità, quali Adria, Bergantino, Ceregnano, Costa, Ficarolo, Fiesso, Gaiba, Stienta, Melara e Porto Tolle. L'originaria convenzione è stata rinnovata più volte, allargandosi di anno in anno a nuovi Comuni, ma soprattutto toccando i nuovi settori di competenza, perché il mondo del lavoro giovanile si trasformava velocemente e diventavano sempre più consueti termini come flessibilità e precarietà. Sono nate nuove tipologie di bisogni e di domanda afferenti la sfera professionale, il tempo libero, il turismo, la dimensione personale. Sono stati, e lo sono ancora, anni di forte tensione sociale e culturale. Siglando questa convenzione con almeno 15 Amministrazioni locali del territorio polesano, si vuole continuare in un'iniziativa alla quale tutti crediamo, la si vuole, se possibile, rafforzare nel suo organico di centri e di punti di informazione, dei quali l'informagiovani di Rovigo continua a rappresentare il supporto informatico e organizzativo. La Provincia mantiene il ruolo di coordinamento e garantisce il buon andamento del servizio. E` a lei in genere che ci rivolgiamo per tutto quanto attiene alla normativa sul mercato del lavoro, sollecitandola spesso a riunioni e incontri periodici di formazione degli operatori. Sono però le singole Amministrazioni comunali che devono garantire la migliore gestione del servizio secondo gli standard fissati dalle Conferenze nazionali in materia. In particolare gli operatori dovranno possedere una precisa conoscenza del contesto territoriale ove operano, dimostrare buone capacità di relazione interpersonale e 10

11 conoscenze di base sulle tecniche informatiche. I Comuni dovranno dotare il proprio servizio di ambienti, materiali ed attrezzature adeguate, con particolare riguardo ai sistemi informatici e corrispondere anche un contributo individuale quale quota parte per i servizi comuni. La quota forfetaria da corrispondere, che nel nostro caso ammonta ad euro 2000 per la durata di 12 mesi a partire dalla sottoscrizione della convenzione, è fissa e determinata per numero di abitanti; dà diritto all'uso su licenza dei programmi e della banca dati, alla disponibilità di un operatore del centro Informagiovani di Rovigo e del coordinamento del servizio, nonché alla promozione dello sportello locale. La quota prevede il versamento delle rate al Comune di Rovigo calcolate in dodicesimi, proporzionalmente alla durata effettiva del servizio sul 2013 e con saldo finale entro il 30/9/2014. La Provincia supporta i Comuni anche economicamente con un intervento di euro l'anno. In chiusura d'anno, mi permetto di osservare che gli accessi al nostro Informagiovani vedono una media giornaliera di quasi 5 persone provenienti da un comprensorio che si spinge fino a Trecenta, Giacciano e Lendinara, non escludendo neppure la bassa padovana. Sono soprattutto giovani diplomati in cerca di primo impiego, ma vi sono anche trentenni che hanno necessità di riqualificarsi per non rimanere fuori da un circuito lavorativo tanto selettivo. Su questo l'ex Assessore Barbieri conosce le problematiche dello sportello Informagiovani. Fino ad ora era stato gestito direttamente dai servizi sociali. Esistendo da qualche mese il centro P3, dove ci sono dei supporti informatici che danno la possibilità dell'uso gratuito delle linee internet, per cui puoi contattare direttamente le banche dati, abbiamo pensato come Amministrazione di far gestire il servizio e lo sportello all'assessorato alle Politiche Giovanili, nello specifico al nostro Assessore Casarotto, logicamente sempre supportato dai servizi sociali che conoscono il territorio in maniera molto approfondita. Questa sera vi chiediamo l'approvazione di questa convenzione. Ci sono delle domande? Passiamo alla votazione. Chi è favorevole all'approvazione della convenzione alzi la mano. Favorevoli all'unanimità. Votiamo l'immediata esecutività. Chi è favorevole? Favorevoli all'unanimità. 11

12 PUNTO N. 6: Approvazione della convenzione tra il Comune di Badia Polesine e l'azienda Territoriale per l'edilizia Residenziale della provincia di Rovigo per l'istruttoria delle domande di assegnazione alloggio e la formazione delle graduatorie. CLAUDIO BRUSEMINI - Assessore Anche qua ho preparato una piccola relazione per rendere edotti in maniera specifica su quella che è la funzione di questa convenzione che si andrà eventualmente a stipulare con l'azienda Ater. L'Art. 5 della L.R. 10 del '96 disciplina l'assegnazione e la fissazione dei canoni degli alloggi di edilizia residenziale pubblica. Prevede la possibilità che le funzioni di istruttoria delle domande per l'assegnazione delle case di edilizia pubblica, l'attribuzione di punteggi e la formazione della graduatoria provvisoria siano eseguiti dall'azienda Territoriale per l'edilizia Residenziale competente, previa stipula di apposita convenzione con il Comune che ha indetto il bando. In tal caso l'istruttoria è condotta da una apposita Commissione istituita presso l'ater e costituita dal Presidente della Giunta regionale. In relazione a ciò, l'ater di Rovigo con lettera del 14 giugno scorso propone di rinnovare la convenzione col Comune di Badia per i bandi del triennio 2013/2015, prevedendo che sia l'ater stessa, come negli anni passati, ad esaminare ciascuna domanda di assegnazione verificando la completezza e la regolarità del modulo, nonché l'esistenza della documentazione richiesta, invitando, se necessario, i concorrenti interessati a produrre i certificati mancanti e proponendo l'attribuzione dei punteggi. Una volta completata tale fase, le domande verranno trasmesse all'apposita Commissione, la quale provvederà all'attribuzione di punteggi provvisori e all'approvazione della graduatoria, quindi all'invio di tale atto al Comune per la pubblicazione all'albo pretorio. Inoltre provvederà a fornire le informazioni richieste dagli interessati anche ai fini della presentazione di eventuali ricorsi. Scaduti i termini di presentazione dei ricorsi, l'apposita Commissione provvederà alla redazione della graduatoria definitiva, che sarà trasmessa al Comune per la relativa approvazione e pubblicazione all'albo pretorio. Provvederà inoltre a riaccertate da ultimo la sussistenza dei requisiti dell'utente prima di assegnargli l'alloggio. L'Azienda Territoriale si impegna naturalmente a fornire tramite i propri uffici tutte le consulenze richieste in merito all'applicazione della legge regionale, che disciplina la materia relativamente al bando, domande ed assegnazione. In relazione a questi servizi, il Comune di Badia Polesine riconoscerà all'ater di Rovigo un corrispettivo pari ad euro 85 cadauna per le prime 30 domande, di euro 80 per le successive domande fino a 60 e di euro 75 per quelle ulteriori, sempre più Iva. Si precisa 12

13 che detto importo forfetario è comprensivo anche delle spese postali, telefoniche, nonché del rimborso dei gettoni di presenza per il funzionamento della Commissione, di cui all'art. 5 della legge 10/96, come previsto in proposito dalla L.R. 10/96. E` bene sottolineare che la convenzione in oggetto attiene al solo aspetto tecnico delle procedure istruttorie, perché sarà sempre di competenza e responsabilità comunale l'assegnazione degli alloggi a chi ne ha diritto. Per quanto sopra premesso, considerato che già in passato con successive deliberazioni consiliari, quali da ultima la n. 52 del 2010, si era provveduto a concludere analoghi accordi per i bandi di assegnazione alloggi fino al 2012, per cui adesso sono qua a chiedere l'approvazione di questa convenzione relativamente ai bandi 2013, 2014 e Approfitto anche, visto che parliamo di case, di appartamenti, per dirvi che il bando che è scaduto il 16 di novembre relativo alle nuove richieste di alloggi e domande che saranno esaminate dalla Commissione per la quale questa sera approveremo la convenzione, nel 2013 sono state 53 le domande, una in meno dell'anno scorso, anche se le esigenze sono aumentate. Tanti non hanno fatto domanda per risparmiare i 15 euro della marca da bollo. Un altro passaggio: disponibilità di alloggi. Nel 2013 sono stati assegnati due alloggi. Uno dei due è stato assegnato come emergenza abitativa. Vi spiego. Due anni fa un componente di una famiglia di Badia ha avuto un grosso incidente stradale, per cui si è ridotto alla non autosufficienza. In questo caso il Comune, non avendo questi una fissa dimora, ha dovuto, per emergenza abitativa, individuare un alloggio e due anni fa si è riusciti a individuarlo in un alloggio sfitto dell'ater. Con decreto del Sindaco sono stati inseriti in questo alloggio. Il decreto dura due anni solo. Dopo di che il soggetto deve arrangiarsi e lasciare l'abitazione perché si spera che nei due anni la situazione sia risolta. Questo non è successo, anzi quell'alloggio era piccolo di dimensione per i componenti del nucleo, erano troppo pochi i metri quadri a disposizione del numero delle persone. Ecco che è stato individuato un nuovo alloggio e questa emergenza abitativa durerà per altri due anni. Questi sono due alloggi che sono stati assegnati. Entro fine anno, inizi del prossimo, non dico che abbiamo buone speranze, ma siamo quasi certi che altri due alloggi si renderanno disponibili. Stiamo pressando l'ater perché provveda a fare quei piccoli interventi di manutenzione, visto e considerato che in questi due alloggi c'è solamente qualcosa da sistemare, ma non sono interventi radicali tipo impianti o servizi igienici. Già è una promessa, anzi è quasi una certezza che i due alloggi verranno resi disponibili. 13

14 Se ci sono delle domande, prego. MIRKO LUCHIN - Consigliere Comunico che voteremo a favore di questo provvedimento. L'unico distinguo che il Consigliere Luchin Mirko, facente parte della Lega Nord, chiede è che ci sia una distinzione nella disponibilità di assegnazione di alloggi dell'ater prediligendo prima i cittadini del Comune di Badia Polesine che i cittadini extracomunitari che arrivano da altri Comuni perché a Badia c'è disponibilità di due alloggi e vengono a sapere queste cose. Siccome è tutto al vaglio del Comune, la Commissione del Comune dà il via libera a questi alloggi, chiedo che vengano prediletti i cittadini di Badia rispetto ad altri. L'unico distinguo che volevo chiedere all'assessore Brusemini è questo. CLAUDIO BRUSEMINI - Assessore Esiste una legge regionale che prevede una graduatoria in base a certi canoni, in base a certe situazioni familiari, in base alla residenza, a quanti anni di residenza ha il richiedente nel Comune per il quale fa domanda e in base a tutto questo viene redatta una graduatoria. Noi siamo tenuti a seguire la graduatoria, per cui quando si rende disponibile un alloggio, prendiamo la graduatoria, guardiamo il primo in lista, lo convochiamo, facciamo vedere l'alloggio e se i metri quadri disponibili dell'alloggio sono confacenti ai bisogni della famiglia, in quel caso viene assegnato, facendo prima il riscontro se le condizioni sono quelle nel momento in cui aveva fatto domanda, logicamente, perché se nell'anno ha vinto al totocalcio, i soldi per comperarsi l'appartamento potrebbe anche averli. Consigliere Luchin, è un fattore prettamente tecnico che l'amministrazione segue. Volevo aggiungere anche un'altra cosa, che questa graduatoria è fatta dalla somma, come dicevo prima, di un punteggio, per ogni tipologia di famiglia si vede il reddito, se ci sono persone portatrici d'handicap, la residenza, tutto questo ti dà diritto alla fine ad un certo punteggio. Se ti trovi primo, hai diritto all'assegnazione dell'alloggio. Non è che si possa dire: questo non mi piace, lo salto, vado al secondo. Questo non è assolutamente possibile. In ogni caso questa è la graduatoria Abbiamo tre italiani, la quarta è una famiglia marocchina ma residente a Badia ormai da 15 anni. Continuando, il quinto, il sesto, il settimo, l'ottavo, il nono, sono ancora italiani, il decimo è una famiglia cinese. Questo è quello che dobbiamo per legge seguire e credo che sia anche un indice di democrazia e di giustizia. 14

15 MIRKO LUCHIN - Consigliere La ringrazio della delucidazione. Ho tanta voglia di dire delle cose che non si possono dire in Consiglio comunale, a dire la verità! CLAUDIO BRUSEMINI - Assessore Scusi Consigliere, dimenticavo un'altra cosa. Il regolamento (non c'era lei) nella passata Amministrazione è stato variato, tra l'altro, in punti che si potevano variare, perché non si possono variare dove ci sono punti fissi per legge, ma ci sono dei punti discrezionali sui quali il Comune può intervenire. Ricordo che c'era in Commissione il Consigliere Checchinato e il dottor Alessio Morini. Abbiamo inserito un discorso di residenzialità aumentandola, mi sembra, di qualche anno, venendo incontro a richieste di altri Consiglieri. MIRKO LUCHIN - Consigliere La ringrazio, Assessore, è riuscito a tenermi calmo rispetto a quello che volevo dire! La ringrazio tantissimo. Altre domande? Nessuna domanda. Passiamo alla votazione. Chi è favorevole all'approvazione della convenzione alzi la mano. Favorevoli all'unanimità. Votiamo per l'immediata esecutività. Chi è favorevole alzi la mano. Favorevoli all'unanimità. 15

16 PUNTO N. 7: Adesione ordine del giorno afferente a "Attenzione e ripristino risorse a favore della fragilità idraulica del Polesine". GASTONE FANTATO - Sindaco E` una delibera sostanzialmente di approvazione di un ordine del giorno che ci è stata richiesta dal Consorzio di Bonifica. Nel testo, come avete visto, purtroppo anche i Consorzi hanno sofferto le riduzioni e l'impoverimento progressivo delle risorse pubbliche dell'italia, però questo si è tradotto in particolare per quanto ci riguarda da vicino nella mancata esecuzione di opere come la pulizia degli scoli consorziali, insieme a deficienze che riguardano anche purtroppo chi sulla terra ci vive, perché anche qualche deficienza di quel tipo... guardo il Consigliere che è Presidente della Commissione Agricoltura e con il quale abbiamo fatto ordinanze. Al di là di questo, se i fondi per gli interventi sulla bonifica da parte della Regione sono stati ridotti del 90%, è evidente che il risultato è questo. Ci ha chiesto il Consorzio e noi abbiamo volentieri aderito che ci fosse questa condivisione di questo problema. Non c'è niente di male ad aderirvi, anzi spero che qualcosa succeda, non certo per merito del Comune di Badia, ma se tutti insieme facciamo una certa pressione ed aumentiamo soprattutto la sensibilizzazione nei confronti della manutenzione della rete di bonifica... fra parentesi, il Veneto aveva una grandissima tradizione con il Magistrato alle Acque durante la Repubblica ed era severissimo con chi non la rispettava. Purtroppo adesso le cose sono cambiate e non sono cambiate in meglio. Comunque la proposta è quella di aderire alla richiesta del Consorzio, alla quale aderiranno credo tutti i Comuni polesani. Ci sono delle domande? MIRKO LUCHIN - Consigliere Solo una curiosità. Ci sono stati dei problemi ultimamente? Non capisco bene il suo discorso. Abbiamo avuto dei problemi nell'avere risorse maggiori per quello che è successo? GASTONE FANTATO - Sindaco Noi non abbiamo risorse di questo tipo, perché la competenza qui è tutta del Consorzio di Bonifica, che ormai è un Consorzio unico Adige Po. Il problema è, per quanto ci riguarda, di fare rispettare le ordinanze di escavo degli scoli che sono di competenza 16

17 degli agricoltori, soprattutto quegli scoli che sono frontisti delle nostre strade. Al di là di questo, che è un obbligo prescritto dal regolamento di polizia rurale, l'agricoltura ne va a soffrire quando un campo viene allagato ed è successo abbastanza spesso recentemente. Comunque comporta dei danni. Se il Consorzio fa il suo dovere, avendo i mezzi ovviamente, ed anche gli agricoltori fanno il loro dovere, penso che tutti ne trarremo beneficio. Tutto qua. Altre domande? Passiamo alla votazione. Chi è favorevole all'adesione alla delibera alzi la mano. Favorevoli all'unanimità. 17

18 PUNTO N. 8: Regolamento comunale per l'utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso - Modifiche e integrazioni. GIANNI STROPPA - Vice Sindaco Quello che è oggetto di discussione questa sera è la modifica dell'art. 17 del regolamento comunale delle aree verdi, un regolamento che abbiamo approvato il 6 marzo del Senza andare a leggere tutti i dispositivi dell'art. 17, le due cose fondamentali che andiamo a modificare sono queste e cioè il comma 4, di cui do lettura: "quale contropartita per l'adozione dell'area verde per eseguire gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, il Comune riconoscerà un contributo economico pari a 0,20 euro a metro quadrato di area assegnata da riportare nella convenzione sottoscritta dalle parti e da considerare alla scadenza della stessa". Il dato è questo, che l'importo totale del contributo viene scritto a bilancio come autorizzazione di spesa e verrà liquidato entro il 31 gennaio dell'anno successivo. Questa modifica si è resa necessaria in quanto c'è stata la trasformazione da Tia, che era nell'anno 2011, a Tares. Questo è il motivo tecnico. Quindi mentre prima questo tipo di corresponsione entrava nel piano finanziario della formulazione della Tia, questo non è più possibile e come tale deve essere inserito come extra forma di bilancio. L'importo del rimborso è lo stesso. L'altra introduzione, che è solo un anticipo di quello che faremo, è quello che è stato inserito nel comma 2 lett. b), in cui diciamo: "la creazione di orti urbani destinati alla sola coltivazione di ortaggi, piccoli frutti, fiori ed erbe aromatiche ad uso del soggetto adottante, secondo le pratiche che saranno riportate in un apposito regolamento". Comunque rimanda ad un regolamento successivo. Queste sono le due cose fondamentali di questa modifica di questo regolamento e l'abbiamo fatto soprattutto per dare la possibilità entro il 31 gennaio di potere rimborsare chi ha fatto i lavori di manutenzione del verde durante l'anno Due numeri: chi quest'anno ha ristipulato le convenzioni, sono stati nel numero di una decina di privati, per una somma complessiva in metri quadrati di Mentre per quanto riguarda i contratti di sponsorizzazione, sono state 7-8 ditte ed anche qua gratuitamente gestiscono aree verdi per un totale di mt. quadrati. Abbiamo fatto una convenzione anche con una ditta locale, l'abafoods, la quale in entrata da Badia, versante di Lendinara, si occupa della gestione del verde, dei fossati verdi, della manutenzione, per uno sviluppo di circa 2300 mt. lineari. Se ci sono domande, prego. 18

19 Nessuna domanda. Passiamo alla votazione. Chi è favorevole alle modifiche e integrazioni del regolamento alzi la mano. Favorevoli all'unanimità. Votiamo per l'immediata esecutività. Chi è favorevole alzi la mano. Favorevoli all'unanimità. 19

20 PUNTO N. 9: Permesso di costruire in deroga agli strumenti urbanistici - Art. 14 D.P.R. 380/01 - "Costruzione cabina elettrica in ditta Biscopan Srl". GIANNI STROPPA - Vice Sindaco Questo è un altro argomento ritengo semplice al punto all'ordine del giorno, nel senso che si tratta dell'applicazione di un Art. 14 del D.P.R. 380 e dà la possibilità di costruire in deroga, di autorizzare il responsabile dell'ufficio ad autorizzare in deroga agli strumenti urbanistici vigenti, non rispettando le distanze dai confini di proprietà. Il motivo è molto semplice, in quanto questa cabina pubblica viene costruita ai confini della proprietà, in modo da accedere per quanto riguarda la parte privata dall'interno della proprietà alla cabina, mentre per quanto riguarda il punto di consegna da parte di Enel di accedere direttamente dall'esterno, con due situazioni distinte. Questo è il motivo. Abbiamo già ricevuto le autorizzazioni da parte degli enti. Sono ditte queste alle quali dobbiamo in tutte le maniere dare una mano, a chi investe. Vi dirò anche che per quanto riguarda il Suap, stiamo partendo con la fase di sperimentazione, in modo che tutte le pratiche edilizie arrivino in maniera informatica via Pec. Diceva quello: eppur si muove! Domande? Passiamo alla votazione. Chi è favorevole al permesso di costruire in deroga alzi la mano. Favorevoli all'unanimità. Votiamo per l'immediata esecutività. Chi è favorevole alzi la mano. Favorevoli all'unanimità. 20

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL P.R.G., NEL CAPOLUOGO E NELLE FRAZIONI. Approvato con

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017.

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017. Comune di Folgaria Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Deliberazione del Consiglio Comunale

Deliberazione del Consiglio Comunale Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Ordinaria Seduta di Prima convocazione Comune di Finale Ligure Provincia di Savona Numero progressivo 56 OGGETTO Determinazione delle aliquote e detrazioni

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

STATUTO DEL CONSORZIO TRA I COMUNI DI BORGARO TORINESE E CASELLE TORINESE

STATUTO DEL CONSORZIO TRA I COMUNI DI BORGARO TORINESE E CASELLE TORINESE STATUTO DEL CONSORZIO TRA I COMUNI DI BORGARO TORINESE E CASELLE TORINESE ART. 1- DENOMINAZIONE E NATURA DEL CONSORZIO 1. Il Consorzio già esistente tra i Comuni, nel cui territorio ricade la Frazione

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA STRAORDINARIA DI 1 CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA N 25 DEL 14/08/2014 COPIA Oggetto: Tributo per i Servizi Indivisibili (TASI) - Aliquote per l'anno

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI INFO BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI Le informazioni contenute in questo documento non vanno in alcun modo a sostituire i contenuti dei bandi e

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

GIORGIO MOTTOLA Chiedo scusa, io avevo preso il biglietto ad Alta Velocità per il treno delle 14.20. Posso prendere questo?

GIORGIO MOTTOLA Chiedo scusa, io avevo preso il biglietto ad Alta Velocità per il treno delle 14.20. Posso prendere questo? IL BIGLIETTO INFLESSIBILE di Giorgio Mottola CLAUDIA DI PASQUALE Tutto si gioca sull Alta Velocità. Intanto i pendolari si devono arrangiare perché sembra che non interessino a nessuno. Ma i passeggeri

Dettagli

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI 6 Settore: Tutela Ambientale Servizio Proponente:Servizi per l'ambiente Responsabile del Procedimento:G.Laudicina Responsabile del Settore: R.Quatrosi DETERMINAZIONE

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra-

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra- . ROMA CAPITALE BANDO DI GARA D'APPALTO SEZIONE I) AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale - Dipartimento Risorse Economiche - Direzione per la

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

La legge sul Volontariato della Regione Lazio

La legge sul Volontariato della Regione Lazio La legge sul Volontariato della Regione Lazio Legge 29 del 1993 Art. 2 Attività ed organizzazioni di volontariato 1. Ai sensi dell'art. 2 della legge n. 266 del 1991: a) l'attività di volontariato disciplinata

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO CEMENTO E SOLO CEMENTO Il futuro di Salò non può essere ancora di mattoni, di seconde case, di case vuote e di case invendute. La volumetria approvata (oltre 250 appartamenti) corrisponde a circa il 10%

Dettagli

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE sede: Casella Postale N.6 C/O Ufficio Postale Rm 161 Via della Fotografia 107 00142 Roma Mail: orti.urbani.tre.fontane@gmail.com REGOLAMENTO INTERNO Art. 1 - Scopo

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Comune di Isola del Liri

Comune di Isola del Liri SERVIZIO 1 - SEGRETERIA DEL SINDACO U.R.P. AFFARI GENERALI E PERSONALE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, AI SENSI DELL ART. 110, COMMA 1, DEL D. LGS. 267/2000, DI N. 1

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

COMUNE DI PIANEZZA PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI PIANEZZA PROVINCIA DI TORINO ESTRATTO COMUNE DI PIANEZZA PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI COMUNICAZIONI INTERROGAZIONI INTERPELLANZE. L anno duemilaquattordici addì trenta del mese di settembre alle ore 21:00 nella Sala delle adunanze

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO L ITALIA È PIENA DI ZINGARI FALSO. In Italia rom, sinti e camminanti sono circa 170mila cioè lo 0,25% della popolazione complessiva, UNA DELLE PERCENTUALI PIÙ

Dettagli