IL LEGNO E ISUOI DERIVATI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL LEGNO E ISUOI DERIVATI"

Transcript

1 IL LEGNO E ISUOI DERIVATI 1

2 INTRODUZIONE Il legno, grazie alla sua versatilità, è una materia prima utilizzata sia come combustibile sia come materiale da costruzione nell industria e nell arredamento. Si chiama legno da costruzione quello che avendo forma di tronchi, travi, travicelli, pali, viene usato soprattutto nell industria edile (per esempio nell ossatura dei tetti, per pali di sostegno di condutture elettriche, ecc.). Invece, viene chiamato legname da lavoro il legno che, sotto forma di panconi, assi, assicelle, fogli, compensati, piallacci ecc., viene usato per la costruzione di mobili, serramenti e in altri lavori comuni. Questo legno, ricavabile principalmente dal fusto delle piante e qualche volta anche dai rami più grossi o dalle radici, è quello maggiormente adoperato in falegnameria. CLASSIFICAZIONE BOTANICA Si definiscono alberi le piante legnose alte almeno 5-6 metri, formate da un fusto principale (tronco) che, ad una certa distanza dal suolo, si suddivide in rami (che formano la chioma). Gli arbusti, invece, sono piante legnose più piccole con molti rami che si suddividono già a livello del suolo. Alberi e arbusti sono perenni, cioè non muoiono d inverno. Una classificazione semplificata delle piante le suddivide in tre grandi gruppi: Conifere (o Aghifoglie), Latifoglie e Palme. A loro volta i gruppi si dividono in famiglie, poi in generi ed infine in specie. Alcuni esempi: Appartengono al gruppo delle Conifere (dal latino fabbricanti di coni ovvero pigne e altri frutti legnosi) le famiglie delle Pinaceae, delle Cupressaceae e delle Taxodiaceae. Nella famiglia delle Pinaceae fanno parte vari generi di piante come gli abeti, i pini e i cedri. Infine, un Abete, può essere della specie dell Abete Rosso (albero di Natale) oppure dell Abete Bianco (altro albero ornamentale da giardino). Le Latifoglie, invece, sono tutte quelle piante (la maggior parte) che hanno foglie solitamente piatte e con superficie più estesa come ad esempio la Quercia, il Castagno, il Tiglio e altri alberi da frutto. Della famiglia delle Palme fanno parte piante come le canne e le Palme propriamente dette. Il legno che si può produrre dalle piante dei tre gruppi viene classificato nel modo indicato nella Tabella 1. Gruppo Tipo di legno Conifere Softwood Latifoglie Hardwood 1 Palme Legno di scarso impiego 2 Tabella 1 I due suffissi Hard e soft sono prevalentemente usati come aggettivi riferiti alla massa volumica e non, come farebbe supporre il il loro reale significato tecnico, alla durezza del legno, anche se sia quello che presenta la minor massa volumica sia quelli caratterizzati dai suoi valori più elevati appartengono alle latifoglie 1 In realtà tra queste ci sono anche legni teneri (Pioppo. Tiglio, ecc.) 2 A differenza delle latifoglie, le palme non producono vero legno, e i loro fusti che non hanno rami sono ricoperti non da corteccia ma da uno strato di forti e dure fibre. 2

3 Sviluppo di un albero Gli alberi si sviluppano in altezza per divisione delle cellule che si trovano alle estremità degli apici; mentre si sviluppano in spessore grazie alla produzione di legno sempre nuovo. Il tronco delle conifere e delle latifoglie comprende un insieme di tuboli dalle pareti ispessite. Nel loro complesso questi tuboli o vasi vengono detti xilema, cioè legno dell albero: trasportano acqua e sali minerali, assorbiti dalle radici, sino ai rami e rafforzano il tronco e i rami. Esternamente allo xilema vi è un altro sistema di tubi conduttori, il floema o libro, che trasporta la linfa elaborata, preparata dalle foglie, verso tutte le parti dell albero. Entrambi questi tessuti sono prodotti da un sottile strato di cellule dette cambio. Figura 1 Figura 2 La quantità di legno prodotto da una pianta varia da una stagione all altra. In primavera, periodo di maggiore sviluppo e quindi di maggiore necessità d acqua, si forma un gran numero di grossi vasi (legno di primavera). In estate e in autunno, invece, si formano soltanto dei piccoli vasi. D inverno, lo sviluppo dell albero si arresta totalmente. Lo stesso ciclo si ripete l anno successivo ed è visibile sotto forma di una seri di anelli concentrici, quando un tronco viene tagliato trasversalmente. Il numero di questi anelli annuali permette di stabilire l età dell albero. Negli alberi vecchi solo gli anelli esterni comprendono legno vivente, il cosiddetto alburno, mentre il centro del tronco o durame o cuore, è costituito di cellule morte (ed ha spesso un colore più scuro perché impregnato di resine). Non sempre però le differenze tra queste due zone sono distinguibili. In tal caso il legno viene detto indifferenziato; altrimenti, se c è una netta distinzione cromatica, viene detto differenziato e il suo utilizzo viene preferito al precedente grazie alla sua maggior durezza e resistenza alle alterazioni biologiche indotte da funghi e insetti. La tabella seguente riporta i principali tipi di legnami differenziati e indifferenziati prodotti in Italia. legnami indifferenziati Legnami differenziati Abete, Faggio, Acero, Betulla Larice, Pino, Noce, Quercia e Robinia 3

4 Figura 3 Figura 4 I raggi midollari, che convergono verso il centro del tronco, sono serie lineari di cellule vive mediante le quali le sostanze nutritive vengono portate ai vasi dello xilema. Infine, attorno al floema c è un ultimo strato di cambio. Dalla superficie di questo vengono prodotte le cellule del sughero, che formano la corteccia. Nei legnami da costruzione impiegati comunemente in Italia, per la maggior parte costituiti da conifere, l ampiezza degli anelli è un elemento di primaria importanza; si rileva in particolare che anelli larghi sono indice di accrescimento rapido ma determinano una diminuzione del volume e conseguentemente della massa, delle pareti cellulari, con ovvie conseguenze sulle resistenze meccaniche correlate allo spessore del tronco. 4

5 Caratteristiche chimiche Le pareti delle cellule legnose sono formate da una complessa sovrapposizione di strati, ognuno dei quali ha una particolare microstruttura e composizione chimica.. I costituenti fondamentali presenti nelle pareti cellulari sono la cellulosa, parzialmente cristallina, la lignina, mancante di struttura cristallina, e le emicellulose, amorfe. La maggiore percentuale di cellulosa presente nel legno delle conifere ne rende preferibile l impiego nelle industrie cartarie rispetto alle latifoglie. Oltre ai costituenti principali, compaiono nel legno altre sostanze che originariamente si trovano nella linfa ma che, con il procedere del fenomeno di duramificazione dovuto all età o all essiccazione successiva al taglio dell albero, si depositano all interno delle cavità cellulari. Se tali sostanze risultano solubili vengono chiamate estrattivi (tannino, resina, gomme ecc.), in quanto vi è la possibilità di estrarle dal legno; se invece sono insolubili vanno a occupare parte delle cavità cellulari in forma sia amorfa che cristallina (silicati,fosfati,carbonati ecc.) che andranno poi a costituire la maggior parte delle ceneri di combustione. Gli estrattivi sono responsabili di varie CARATTERISTICHE E PROPRIETA caratteristiche del legno; oltre a essere all'origine della formazione del durame, sono responsabili delle colorazioni diverse da quella biancastro-giallognola propria della parete cellulare, nonché dell'odore e del sapore caratteristici di alcune specie legnose. Composti organici del legno Carbonio, idrogeno e ossigeno si combinano tra loro per formare i principali composti organici del legno e cioè cellulosa, emicellulose. lignina e piccole quantità di sostanze pectiche Le proporzioni di cellulosa, emicellulose e lignina (espresse in percentuale del peso del campione di legno anidro) risultano approssimativamente le seguenti: cellulosa 40-50% (circa uguale nelle Conifere e nelle Latifoglie): emicellulose 20% nelle Conifere e 15-35% nelle Latifoglie: lignina 25-35% nelle Conifere e 17-25% nelle Latifoglie. La proporzione di sostanze pectiche è molto ridotta La cellulosa è un polimero organico composto da molecole di glucosio. un monosaccaride che viene sintetizzato, tramite l'attività fotosintetica, dall'ossido di carbonio (CO) presente nell'atmosfera. Le suddette molecole sono legate tra loro a formare ima lunga catena filiforme. Il processo di ripetuta unione di unità del monomero glucosio è detto "polimerizzazione".la formula empirica della cellulosa è. pertanto. (C 6 H ) n ove il suffisso n indica il grado di polimerizzazione cioè il numero di monomeri di glucosio contenuti all'interno della macromolecola. Allo stato nascente, il valore di n varia tra 8000 e Le emicellulose risultano chimicamente simili alla cellulosa in quanto sono entrambe carboidrati. Tale termine comprende tutti i composti chimici a base di carbonio, idrogeno e ossigeno nei quali gli ultimi due elementi sono presenti nelle stesse proporzioni in cui compaiono nella formula dell'acqua. Le emicellulose hanno, inoltre, molecola cateniforme come quella della cellulosa ma il loro grado di polimerizzazione è molto più ridotto e in media, circa uguale a unità monomeriche. Diversamente dalla cellulosa, che è composta esclusivamente da glucosio, le emicellulose includono altri monosaccaridi. Le sostanze pectiche sono carboidrati o composti di natura analoga, in quanto formati dall'aggregazione di molecole di acido galatturonico. Anch'esse presentano struttura filiforme e si idratano facilmente assumendo una consistenza gelatinosa La lignina è il componente della parete cellulare che differenzia il legno dagli altri materiali cellulosici prodotti in natura. La lignificazione, ovvero la deposizione di lignina all'interno delle pareti, costituisce l'ultimo stadio dello sviluppo cellulare. La lignma. infatti, è prodotta esclusivamente da cellule vive ed il completamento del processo di lignificazione coincide praticamente con il degradamene del protoplasma e con la morte della cellula. La lignina non è un carboidrato ma ha una natura prevalentemente aromatica e può essere visto come un complesso polimero tridimensionale. ( I composti aromatici sono derivati da una serie di idrocarburi di cui il più semplice (e forse il più familiare) è il benzene (C 6H 6) ) 5

6 Per quanto concerne l impiego del legno nelle costruzioni, deve essere sottolineato il fatto che alcuni estrattivi, come i tannini, possono esercitare un azione aggressiva sui metalli, pregiudicando la resistenza meccanica delle chiodature e dei connettori, oppure possono interferire negativamente sulla tenuta degli incollati, sulle operazioni di verniciatura e tinteggiatura. La composizione chimica del legno è importante anche se spesso, viene trascurata e i suoi elementi di base possono trovare utile impiego in alcuni processi produttivi. Tale è per esempio il caso della lignina, che viene usata come legante, da sola o con i tannini, per la produzione di adesivi fenolici. Caratteristiche morfologiche ed estetiche Per descrivere un qualsiasi legno si fa riferimento al colore (anche se non è sempre possibile definire tutte le sue sfumature) e ad altre caratteristiche che possono essere agevolmente individuate e descritte. Queste caratteristiche si riferiscono alle sezioni longitudinali del legno: la tessitura, la fibratura, la venatura, il disegno, il colore, la lucentezza, l'odore, il sapore, l'untuosità. La tessitura dipende dalla grandezza degli elementi cellulari e dalla compattezza dei tessuti; la rilevazione della tessitura è effettuata a vista e si distinguono tre conformazioni: Tessitura fine, quando non è percepibile a occhio nudo perché appare uniformemente compatta, come avviene nel bosso, nel faggio e nel pino; Tessitura media quando i tessuti, non del tutto compatti, possono essere appena percepibili singolarmente, come nel larice, nell'abete e nel pioppo; Tessitura grossolana, quando si vedono agevolmente delle striature longitudinali derivanti dai vasi, come nel caso del legno di latifoglie (quercia, olmo, castagno, frassino) e dai canali resiniferi, come nei legni delle conifere. La fibratura indica la direzione in cui sono disposti gli elementi cellulari e in particolare come essi si susseguono dalla base verso la cima dell'albero. La fibratura è diritta negli alberi cresciuti regolarmente, senza essere sottoposti a forti sollecitazioni di torsione da vento; in quelli invece che hanno subito sollecitazioni di torsione da vento o la cui crescita è stata disturbata da altre cause, la fibratura si presenta inclinata, elicoidale, intrecciata o comunque irregolare. La fibratura si può osservare soprattutto nelle superfici longitudinali in seguito alo spacco del legno. La venatura indica la successione degli anelli di accrescimento evidenziata dal contrasto di colore e di compattezza tra le zone a legno primaticcio e a legno tardivo che costituiscono gli anelli stessi; la venatura può essere regolare o irregolare, differenziata o indistinta; è particolarmente evidente nelle conifere, dove si manifesta con l'alternanza di strisce parallele chiare e scure, mentre nel legno di betulla, per esempio, la venatura non è evidenziata a causa della mancata differenziazione degli anelli di accrescimento. Il disegno, dovuto all andamento delle tracce degli anelli di crescita, conferisce valore estetico al materiale. In particolare, sono utilizzati termini come fiammato, quando si presentano disegni a fiamma 6

7 più o meno aggrovigliati, oppure a rigatino, quando la sezione radiale si presenta a bande alternate lucide e opache, o ancora si può avere la presenza di marezzature dovute a irregolarità di accrescimento che conferiscono notevole pregio al legno. 1. Figura 5 Il colore dei legnami può variare entro una gamma molto estesa, dal bianco al nero. Le variazioni di colore del legno invece si producono con l esposizione all aria e l invecchiamento tramite l ossidazione e la degradazione fotochimica (dei raggi ultravioletti) degli estrattivi e della lignina in esso contenuti. Altre variazioni di colore si possono avere nelle zone intaccate da funghi. La lucentezza è data dalla riflessione della luce sopra una superficie levigata e nel caso del legno richiede una tessitura fine e compatta. Gli odori e i sapori dei legnami invece sono indotti dalla presenza di particolari estrattivi (resine, zuccheri e tannini). Nei legnami stagionati l odore è pressoché impercettibile. L untuosità dipende dall affioramento sulla superficie di olii, cere e altre sostanze grasse presenti nelle cellule legnose. L untuosità può influenzare l applicazione di adesivi e vernici. Caratteristiche fisiche Per lo studio del comportamento del legno, sia nelle costruzioni sia nei lavori di falegnameria, è essenziale conoscere quale correlazione esista tra l umidità del legno dell albero vivente e dopo che è stato abbattuto e ridotto in travi, tavole ecc. L umidità, data dalla presenza dell acqua libera all interno delle cavità cellulari nella fase liquida (linfa) o di vapore, e dell acqua collegata in modo più complesso alle pareti cellulari, è espressa quantitativamente dal rapporto: U % = Pu Ps 100 P s 7

8 Dove U% indica l umidità relativa percentuale, P u è il peso iniziale del materiale, P s è il peso allo stato assolutamente secco. Una volta che l albero è stato abbattuto, il tronco incomincia gradualmente a perdere l acqua attraverso l evaporazione e l umidità si attesta attorno al 12-15%. Un'altra grandezza importantissima alla quale sono collegate le principali caratteristiche fisiche e meccaniche del legno è la densità, definita come: ρ = M V La densità varia entro ampi limiti secondo l essenza e il contenuto di umidità (per esempio, con il 15% di umidità la densità varia tra 350 e 1100 kg/m 3 (si veda più avanti la Tabella 2). La porosità, è quindi l imbibizione (la capacità di assorbire acqua), caratterizza tutti i legnami: presentano migliori capacità di assorbimento i legni teneri piuttosto che quelli duri e i legni senza resina più di quelli resinosi. Per quanto riguarda le singole parti, sono soggette a imbibizione l alburno più del durame e la zona primaverile degli anelli più di quella tardiva. La perdita dell acqua contenuta nell albero, dopo il suo abbattimento, ne determina la contrazione o ritiro, che comincia a rilevarsi quando l umidità scende al di sotto del 30% circa, ovvero quando l acqua contenuta nelle cavità cellulari è completamente evaporata. Benché le essenze dure tendano generalmente a ritirarsi più di quelle tenere, a stagionatura avvenuta le dure, a causa della loro maggiore densità (e quindi minore porosità), risentono in modo meno apprezzabile delle normali variazioni dell umidità ambientale. E opportuno rilevare infine che il legno tende a raggiungere un equilibrio igroscopico con l ambiente in cui si trova, perciò forma e dimensioni possono modificarsi anche a seguito delle variazioni stagionali di umidità. Dal punto di vista termico ed elettrico, il legno si presenta come un discreto isolante. La reazione al fuoco è molto elevata, anche se l accensione avviene solo in presenza di temperature superiori a 260 C. La resistenza al fuoco è favorita in particolare dai bassi valori della conducibilità e del coefficiente di dilatazione termica che caratterizzano tutti i legnami. La durevolezza varia secondo la natura del legno, il tipo di taglio e di lavorazione cui è stato sottoposto, e l ambiente in cui viene conservato. Tutte le specie di legnosi si conservano bene in ambiente secco, mentre solo alcune risultano durevoli anche se immerse in acqua; queste stesse specie tenderebbero invece a deteriorarsi in regime vario di umidità e aridità che sarebbero causa di alterni rigonfiamenti e contrazioni. L umidità favorisce la proliferazione di funghi e batteri, mentre la presenza di resine e tannino rende il legno durevole e sicuro. 8

9 Caratteristiche meccaniche Per caratteristiche meccaniche s intende l insieme di forze che il legno esplica per opporsi alle deformazioni; tali caratteristiche dipendono da vari fattori, quali: - la compattezza del legno e il suo peso specifico (più il legno è compatto e massiccio, più è resistente); - l'umidità, e quindi il grado di stagionatura (l aumento del tasso di umidità abbassa la resistenza); - la direzione in cui è applicata la forza deformante (per tener conto dell anisotropia e della disomogeneità del legno). La resistenza meccanica, espressa dal carico necessario a provocare le deformazioni permanenti (σ 0 ) o la rottura del materiale (σ m ) e si misura in N/mm 2 (MPa). Le principali forme di resistenza di un legno sono: La resistenza alla compressione: per il legno è compresa (secondo la varietà) tra 20 e 80 MPa; è massima nella direzione delle fibre (assiale) mentre si riduce anche al 15-20% di tali valori nel caso di compressione trasversale (radiale o tangenziale). La resistenza alla trazione: È superiore di circa 2-3 volte a quella di compressione. La resistenza alla torsione, al taglio e la durezza sono analoghe ai materiali metallici. La fendibilità: indica l attitudine del legno a dividersi secondo piani paralleli alle fibre. La resistenza allo spacco che indica la possibilità di lavorare oggetti di forma allungata o di potere penetrare il legno con chiodi o viti senza spaccarlo. La tabella seguente riporta le principali caratteristiche di alcuni legnami e la comparazione con altri materiali da costruzione. Tabella 2 Conifere Latifoglie MATERIALE MODULO DI DENSITA (kg/dm 3 ) A compressione A trazione ELASTICITA Lungo la fibra Ortogonale alla fibra Lungo la fibra (MPa) Abete Rosso 0, Pino Silvestre 0, Cipresso 0, Larice 0, RESISTENZA (MPa) (σ m ) Pioppo 0, Olmo 0, Castagno 0, Faggio 0, Noce 0, Ulivo 0, Robinia 0, Acciaio Fe 360 7, Alluminio 2, Titanio 4, Fibra di Carbonio 2, Ghisa (G100) Calcestruzzo 2, Nota 1): In grigio chiaro sono riportati i materiali omogenei ed isotropi. In grigio scuro i materiali omogenei ed anisotropi. Il legno e le fibre di carbonio sono materiali disomogenei ed anisotropi. Nota 2): Come si vede dai valori riportati, tutti i legnami presentano una maggiore resistenza alla trazione rispetto alla compressione. Ciò è dovuto ad un adattamento naturale delle piante per resistere alla sollecitazione del vento. Altri materiali 9

10 LEGNI TENERI, SEMIDURI, DURI La crescita veloce di un albero genera legno dolce mentre la crescita lenta produce legno più consistente. A questo proposito si possono riconoscere piante a legno tenero come il tiglio, il pino cirmolo, l abete e il salice, e a legno duro come il noce, il bosso, l olivo, la quercia, l acero, il rovere e il frassino. Il grado di durezza è una caratteristica importante delle varie essenze di legno, tanto che sta alla base di uno dei più comuni sistemi di classificazione I legni teneri I legni teneri (o dolci ) si lavorano facilmente ma altrettanto facilmente si scalfiscono, hanno scarsa resistenza e raramente vengono utilizzati per strutture da lasciare in vista perché non si prestano a essere perfettamente rifiniti. A questa categoria appartengono l abete, la balsa e il pino per citare le essenze più usate. Le più importanti varietà d abete sono due: l abete bianco e l abete rosso. Il primo si riconosce dal colore grigio cenere della corteccia ed è considerato quello di minor pregio. Infatti il suo già poco compatto legno è cosparso di nodosità che contrastano con il suo bianco a venature rossastre. Viene usato per costruire strutture portanti di mobili e serramenti. L abete rosso, di colore giallognolo, ha invece essenza molto più consistente ed è adoperato per lavori che esigono una buona resistenza: mobili,listelli per rifiniture, alcuni strumenti musicali. Il legno di balsa, originario del versante occidentale dell America meridionale, è fra i più teneri e leggeri che esistano. La sua fibra spugnosa, permette addirittura di lavorarlo con particolari stampi di metallo. Grazie alla sua leggerezza, viene impiegato nel modellismo o per costruire galleggianti. Il pino comprende almeno 90 specie, ognuna delle quali ha una sua caratteristica peculiare. Fornisce un legno tenero, di colore chiaro, e profumato. La sua essenza risulta essere più dura e resistente di quella dell abete e viene usato per i lavori più comuni: costruzioni in genere, impalcature, infissi e perlinature sia per interni che per esterni. I legni semiduri Le essenze semidure più usate sono il ciliegio, il castagno, il faggio, il noce e l olmo. Il legno di castagno ha un colore marrone chiaro, venato di scuro che lo rende adattissimo a lavori di ebanisteria e alla costruzione di strutture esterne. Infatti, oltre che sopportare bene l umidità, il legno di castagno è elastico e resistente. Il ciliegio fornisce un legname ottimo: duro e compatto, di colore rosso bruno venato. Il maggiore difetto del legno di ciliegio, è che si deforma facilmente e tende a tarlarsi. Viene spesso usato nei lavori e ebanisteria e nella costruzione di mobili. Il legno di faggio ha la caratteristica di curvarsi molto facilmente, ma è soggetto al tarlo ed ha la fibra poco elastica. Il colore del suo legno è rossastro e, anche se considerato di media durezza, viene adoperato 10

11 per la costruzione di pavimenti, sedie e per essere tornito. Il suo pregio maggiore è quello di essere poco deformabile per cui viene usato per la costruzione di utensili da lavoro e da cucina. Il noce possiede una fibra flessibile, ma molte volte subisce l azione dei parassiti, che lo tarlano. Ha un colore marrone molto delicato, variabile nell intensità a seconda che il noce sia giovane o vecchio. Viene generalmente impiegato nella costruzione di mobili di lusso, nella tornitura e nella produzione di piallacci. L olmo dà legname duro e pregiato; la sua fibra è grossolana e tenace, compatta ed elastica. Resiste notevolmente all umidità, ha un colore marrone chiaro, venato di linee rossicce e trova largo spazio nei lavori di tornitura, nella costruzione di mobili e arredamenti di carattere rustico. Viene facilmente attaccato dai parassiti. I legni duri Alla categoria delle essenze dure (o forti ) appartengono tutti i legni più nobili, tradizionalmente usati per i lavori di ebanisteria, insieme ad altri di minor pregio ma pur sempre caratterizzati da elevata compattezza e ottima resistenza alle sollecitazioni. Ricorrere a legni di questo tipo è indispensabile quando si vogliono realizzare pezzi torniti o sagomati. I più usati sono l acacia, l olivo, il frassino (legni europei), il palissandro, il teck, l ebano e il mogano (legni esotici). Il legno di acacia è molto ben lavorabile, essendo molto pieghevole e compatto. Proprio in virtù della compattezza che possiede la sua essenza resiste ottimamente all umidità. In falegnameria viene utilizzato per la costruzione di strutture esterne, pali di sostegno, travi, scale e elementi per imbarcazioni. Il suo colore aranciato, risalta particolarmente con la lucidatura della superficie, che si presta, peraltro molto bene, a tale operazione. L olivo fornisce legname a essenza dura estremamente compatta. Possiede un colore giallognolo, venato di righe più scure ed è gradevolmente profumato. Molto pregiato in ebanisteria, il legno di olivo, fornisce splendide prestazioni nell intarsio, nella costruzione di mobili ed oggetti torniti. Il frassino produce un legno che si presta particolarmente ad essere lavorato. E di colore madreperlaceo venato e la sua principale caratteristica è la tenacia della fibra. E molto usato nella costruzione di mobili, rivestimenti e arredamenti rustici. Il palissandro si può essere lavorato molto bene al tornio e in ebanisteria, giacché la sua fibra si fende difficilmente. Il suo maggior difetto è di essere poco durevole; a volte si imbarca. Il colore rossastro violaceo è di ottimo effetto per lavori ricercati ed intarsi. Il teck, proveniente dall Indocina è di facile lavorazione. Richiede stagionatura, ma avvenuta questa può essere adoperato anche per la pavimentazione di locali e per costruzioni navali. I mobili costruiti in teck sono considerati di un certo pregio, per il bel colore marrone scuro e per la loro solidità. L ebano è certamente uno dei legni più pregiati che esistono sul nostro pianeta. Si distingue in diverse specie, per colore e durezza. Fra queste la più pregiata è la varietà con legno nero, con la quale le tribù dell America tropicale costruivano e modellavano i loro amuleti. La principale particolarità di questo 11

12 legno è che non galleggia, essendo più pesante dell acqua. La sua fibra, eccezionalmente dura, viene lavorata al tornio, intarsiata, impiegata nella rifinitura di mobili di lusso e applicata a parti di strumenti musicali. Il legno di mogano, proveniente dall America tropicale, è praticamente indeformabile; la sua grana molto fine permette di impiegarlo in varie lavorazioni. Possiede un bellissimo colore rossastro a venatura regolare e, anche se presenta alcune difficoltà nella lucidatura, trova notevole applicazione nella costruzione di mobili. 12

13 LA PRIMA LAVORAZIONE Per prima lavorazione si intende tutto l insieme delle lavorazioni con le quali dall albero si arriva alla produzione di legname segato, sfogliati, tranciati, trucioli, particelle, cascami. Pertanto in questo capitolo verranno analizzate tutte le fasi dei processi che portano alla produzione dei suddetti materiali. In particolare, per quanto riguarda il legname segato, si evidenziano le seguenti fasi: Abbattimento, Segagione, Stagionatura, Essiccazione e Conservazione. Abbattimento Il periodo migliore per l abbattimento delle piante mature è l inverno, periodo in cui l attività vitale della pianta è pressoché nulla. La circolazione dei succhi nutritivi è minima perciò minori sono le possibilità di alterazione della massa legnosa. Gli alberi, sfrondati dai rami, vengono recisi a mezzo di due tagli leggermente inclinati e fra loro distanziati. Segagione Uno dei malanni più gravi che spesso mette a dura prova l abilità tecnica del falegname, è l imbarcamento del legno. In particolare, la prima causa della deformazione del legno è il modo in cui il tavolame è stato ricavato dal tronco, vale a dire il sistema di segagione. Nella figura 8 si nota l effetto deformante predetto in un tronco tagliato tangenzialmente agli anelli annuali o, meglio, parallelamente agli assi. Osserviamo che la tavola di centro tende a restringersi verso le estremità a causa della diversa maturità delle cellule lungo la superficie di taglio. Le tavole successive di destra e di sinistra, invece si inarcano nel senso opposto al midollo. Tale sistema di segagione è il più pratico ed il più usato e dà tavolame di lunghezze maggiori e abbastanza uniformi, ma tecnicamente è il sistema peggiore per i motivi accennati. Per evitare tali inconvenienti di imbarcatura si preferisce adottare altri sistemi come quelli rappresentati in figura 9. Figura 6 Figura 7 13

14 Stagionatura ed Essiccazione Esempio di macchina per il taglio dei tronchi Le tavole, dopo essere state segate, devono essere ripulite dalla segatura che, trattenendo l umidità, ne favorisce il danneggiamento; successivamente si procede selezionando le tavole per dimensione e per qualità, queste vengono quindi accatastate interponendo dei listelli per passare poi alla stagionatura (essiccazione naturale) o all essiccazione artificiale. Il procedimento di essiccazione del legno risulta fondamentale, in quanto ne riduce il ritiro durante l impiego, evitando così deformazioni (fessurazioni e curvature), lo protegge dall attacco dei funghi e comporta un aumento della resistenza meccanica. Nel caso della stagionatura le cataste di legno vengono collocate in file parallele separate da corridoi dove circoli liberamente l aria, su piazzali privi d erba, drenati e al riparo dalla pioggia e dal sole. Il tempo di stagionatura dipende da vari fattori come lo spessore delle tavole, la suddivisione tra durame ed alburno, fattori climatici, ecc. ed oscilla intorno ad un anno per ogni centimetro di spessore. L essiccazione artificiale viene invece eseguita in appositi impianti detti essiccatoi, che possono essere di tipo discontinuo o continuo. Nei primi il funzionamento delle attrezzature viene interrotto al termine di ogni singolo carico; negli essiccatoi continui il materiale viene invece spostato lungo una linea di lavorazione ove è sottoposto alle diverse fasi del trattamento. Nello schema di Figura 10 è rappresentato lo schema di un essiccatoio discontinuo: In una stanza con doppio fondo viene accatastato il legname. Attraverso i fori ricavati nei due fondi filtra dell aria che viene riscaldata dalle serpentine S le quali sono percorse da vapore surriscaldato. L aria calda investe le tavole e assorbe la loro l umidità. Un ventilatore V provvede a far circolare l aria nel senso indicato e a farla attraversare il serbatoio refrigerante A. In tal modo avviene il raffreddamento dell aria con la separazione della condensa nel deposito D. Lo schema illustrato (Riscaldamento di aria secca Assunzione di vapore Lieve compressione Raffreddamento 14

15 con condensazione di vapore) è quello utilizzato negl impianti di condizionamento dell aria nei locali umidi. Conservazione Figura 8 Per quanto riguarda la conservazione del legname nei magazzini e nei depositi è buona norma che questi abbiano una temperatura sui C e un umidità non superiore al 35 %; in corrispondenza del fatto che lo stato igrometrico del legno non si parifica subito con quello ambientale ma, dopo l essiccazione può rimanere inferiore. Nelle nostre regioni bisogna provvedere che il materiale abbia un grado d umidità compreso fra il 20 e il 25 %, cioè quello che più si addice agli ambienti chiusi delle abitazioni. 15

16 DERIVATI DEL LEGNO Con il termine generico LEGNAME si indica il legno impiegato in vario modo nell industria come materiale da costruzione o come materia prima per altre lavorazioni (per esempio, per la produzione di carta da cellulosa nell industria chimica) o come combustibile; in relazione alle forme prodotte commercialmente, il legname e ripartito in base alla seguente tipologia: - legname rotondo o tondame; - legname segato; - legname per fendere; - legno per industrie chimiche; - legna da ardere o da carbone. La difficoltà sempre maggiore di prelevare ingenti quantità di legname dalle foreste ha spinto l industria verso la realizzazione di manufatti più complessi, con caratteristiche fisico - meccaniche simili a quelle del legno, ma ottenuti grazie a una successiva lavorazione della materia prima. Un altro limite del legno, oltre alla difficoltà di reperimento è rappresentato dalla forma che ha in natura: partendo dalla pianta, si possono ritagliare facilmente elementi come colonne, nella parte strutturale verticale, o mensole, nella parte strutturale orizzontale, mentre sorgono problemi se si devono ottenere elementi di notevole superficie e volume. A volte questa difficoltà può essere risolta congiungendo le tavole di costa, operazione che comporta tuttavia grande dispendio di denaro e di lavoro, senza contare che si potrebbero successivamente presentare il problema del ritiro o quello del rigonfiamento delle singole tavole per effetto delle variazioni termoigrometriche, con conseguente deformazione o sconnessione dell assemblaggio realizzato. Inoltre, per alcuni lavori, le tavole non devono presentare imperfezioni ed è perciò necessario disporre di molto legname allo scopo di poter selezionare quello più adatto. Pertanto, sia per questi motivi, che hanno una grande importanza economica, sia per vantaggi tecnici che si possono ottenere, è molto frequente il ricorso a pannelli alternativi al legno. I pannelli derivati dal legno si possono distinguere nelle seguenti categorie: - COMPENSATI E PANIFORTI; - PANNELLI DI PARTICELLE LEGNOSE; - PANNELLI DI FIBRA E PANNELLI DI LEGNO LAMELLARE Materiali di prima lavorazione La prima lavorazione si esegue a partire dal materiale grezzo indicato anche come legno rotondo o tondame, che è costituito da fusti interi o di parti di fusti stramati, ottenuti mediante depezzatura (riduzione del fusto in pezzi) trasversale (toppi o tronchi da sega). 16

17 Dal fusto intero si ricavano i pali, elementi di forma grossolanamente cilindrica con sezione circolare di diametro medio di circa 25 cm, che tende a restringersi verso un estremità, e un altezza che raggiunge 2,5 3 m nelle latifoglie, 4 m nelle conifere. Essi possono essere utilizzati come pali da fondazione o puntelli da costruzione. Dal tondame si ottengono i materiali di prima lavorazione, che possono essere direttamente utilizzati ( e in questo caso si ha il legname segato, che comprende travi, tavole, travetti, morali) oppure possono essere sottoposti a successive lavorazioni (sfogliati, tranciati e sottoprodotti). A = scaglie, D = polveri, F= trucioli di pialla C =scaglie piatte, E = scaglie allungate Figura 9 tranciatura sfogliatura 17

18 Classificazione dei vari tipi di segati, sfogliati, tranciati ed altri sottoprodotti. (disegni in Figura 11) LEGNAME SEGATO: TIPO: CARATTERISTICHE: DIMENSIONI: TRAVI: Sono elementi di sezione rettangolare con spigolo vivo o smussato. Lato maggiore 20cm e lunghezza La lunghezza è variabile in base all uso. variabile in base all uso. TRAVETTE: Sono travi secondarie. Vengono utilizzate per sostegno di tavolati 8-15 x cm e lunghezza 3-6 m. o altro. MORALI: Segati di sezione quadrata o rettangolare. Sono utilizzate in edilizia 5-8 cm e lunghezza 4 m. per la realizzazione dei tetti. LISTELLI: Segati di sezione rettangolare impiegati in edilizia Le dimensioni variano da 1 x 2 a 4 x 4 cm e la lunghezza da 2 a 4 m. TAVOLE: Segati di sezione rettangolare. Si dividono in: - Tavole non refilate o tavole coniche ottenute dal taglio longitudinale del tronco. - Tavole refilate rastremate o tavole refilate o coniche ottenute refilando gli smussi lungo la rastremazione del tronco. - Tavole parallele ottenute refilandogli smussi laterali e le superfici in modo che abbiano una sezione costante. SFOGLIATI: Sono fogli di legno ottenuti dal tronco o da altri pezzi di legno mediante macchine, dette appunto sfogliatrici, nelle quali i fusti sono messi in rotazione attorno all'asse longitudinale e tagliati con una lama posta tangenzialmente alla superficie. I fogli ottenuti costituiscono il punto di partenza per la lavorazione del compensato. TRANCIATI Sono fogli sottili ottenuti tagliando un tronco o altri blocchi di legno nella direzione delle fibre mediante una lama affilata che compie un movimento in linea retta. La tranciatura si applica solitamente a legni fini, radiche e legni figurati (legni con variazioni di colore e di lucentezza) per ottenere un materiale da impiegare in impiallaciature, intarsi e decorazione. TRUCIOLI Sezione rettangolare con uno spessore di mm, larghezza non inferiore a 16cm, lunghezza fino a 4 m. Fogli di legno di spessore compreso tra qualche frazione di millimetro e 1-3mm. Fogli con uno spessore di 3mm. Sono strisce o pezzi di legno ottenuti come scarto della lavorazione del legno con Hanno uno spessore estremamente ridotto. la pialla o la fresa. PARTICELLE ( o CHIPS) Sono frammenti truciolari e scaglie di piccole dimensioni ottenuti dalla Hanno uno spessore estremamente ridotto frammentazione di tronchetti, cascami di legno o sottoprodotti agricoli (come considerando che derivano da frammenti tabacco, canapa e arbusti fibrosi) e vengono impiegati nella fabbricazione di di truciolari e di altri materiali legnosi. pannelli di fibre e di particelle. CASCAMI: Sono ottenuti dallo sfrido di lavorazione, cioè da pezzi residui del taglio, che non fanno parte dell assorbimento definitivo dei tronchi da sega.. Possono essere impiegati in lavorazioni successive o come materiale combustibile. Sono cascami le seguenti parti di materiali: Intestatura o testate: sezione trasversali o rotelle tolte dalle estremità dei tronchi per regolarizzare la forma. Sciaveri: sono due tavole estreme ottenute dal taglio del tronco secondo piani paralleli longitudinali dalle quali non è possibile ricavare altri segati; si indicano con il termine punta nel caso in cui la loro lunghezza sia inferiore a quella del tronco. Refili: sono le listarelle che vengono eliminate dai bordi laterali delle tavole in modo da far loro assumere sezione rettangolare. Ritagli: sono pezzi tagliati dalle estremità delle tavole per ridurle alle dimensione desiderata. Segatura: sono particelle di legno prodotte dalle lame durante la segagione. Viene utilizzata come combustibile, materiale assorbente ed elementi isolanti. Polvere, farina, particelle di legno: polvere finissima costituita di frammenti più piccoli di quella della segatura, derivati dalla lisciatura del legno con abrasivi. 18

19 Classificazione dei tagli Essendo il legno, a causa dell orientamento delle sue fibre, un materiale disomogeneo ed anisotropo, è necessario distinguere bene tra loro i vari tipi di taglio a seconda delle direzioni e degli angoli impiegati. In primo luogo, per quanto riguarda la direzione del tagliente, esso può spostarsi secondo una linea retta, ed allora si parlerà di taglio rettilineo, oppure secondo una traiettoria circolare determinante il taglio periferico. In entrambi i casi per separare il truciolo elementare dal pezzo in lavorazione è necessario provocare una frattura localizzata utilizzando una forza che dipende dalla forma geometrica del legno e dall umidità di questo. Occorre pertanto definire due angoli che indicano l inclinazione del filo del tagliente con la direzione delle fibre. - Φ = angolo formato dal filo del tagliente con la direzione della fibratura; - Ω = angolo formato dalla traiettoria del tagliente con la direzione della fibratura. I casi caratteristici sono i tre seguenti: Figura 10 E il caso della tranciatura nel senso della lunghezza del tronco, della segagione per lungo, della scanalatura per il lungo, della piallatura e della fresatura. E il caso della segagione vera e propria. E il caso della troncatura trasversale, della tranciatura di fianco e della sfogliatura se la direzione di spostamento del tagliente è tangenziale. 19

20 MATERIALI DI SECONDA LAVORAZIONE I materiali ottenuti dopo la prima lavorazione possono essere messi in opera direttamente oppure essere sottoposti a un secondo trattamento dal quale, mediante l impiego di tecniche di vario genere, si ottengono manufatti compositi più complessi. Tra i principali prodotti finiti di seconda lavorazione vi sono: tipo: travi e pilastri composti: caratteristiche: Sono ottenuti da due o più elementi (eventualmente incastrati a dente di sega) e fissando la giunzione con colle o elementi metallici; sono utilizzati in edilizia allorché si richiedano elevate capacità di resistenza. dimensione Sono in legno massiccio o lamellare, con sezione di dimensioni non inferiori a 40 cm. tipo: pannelli: caratteristiche: Sono utilizzati soprattutto nella fabbricazione di mobili e nello arredamento di interni. dimensione Sono elementi costruttivi di ampia superficie e spessore ridotto. tipo: listoni, listelli, tavolette, perline e doghe: caratteristiche: Sono in legno massello o in pannelli lamellari. Tra queste tre categorie di materiali verranno analizzati in dettaglio i pannelli. Il pannello comunemente utilizzato nell industria del mobile può essere di tre tipi: Compensato, Truciolare e di Fibra 20

L albero e il tronco

L albero e il tronco IL LEGNO L albero e il tronco Ciclo di produzione Trasporto: Camion Teleferica Fluitazione Rotaie Segagione Tipi di segagione Il taglio e gli effetti del ritiro Tipi di segati Sfogliati Tranciati Prodotti

Dettagli

LE ESSENZE LEGNOSE ESSENZE TENERI O DOLCI Le essenze tenere o dolci sono facilmente lavorabili e si prestano bene al taglio, ma con altrettanta facilità sono sensibili a urti, graffi e scalfitture e hanno

Dettagli

Di Elisa Rossi & Marina Capria. Le essenze legnose

Di Elisa Rossi & Marina Capria. Le essenze legnose Di Elisa Rossi & Marina Capria Le essenze legnose ESSENZE TENERE O DOLCI Le essenze tenere o dolci sono facilmente lavorabili, sono sensibili a urti, graffi e scalfitture e hanno una scarsa resistenza;

Dettagli

PRODUZIONE DEI TRONCHI

PRODUZIONE DEI TRONCHI MATERIALI: LEGNO IERI E OGGI Cent anni fa: il banco era di legno massello Oggi: il banco è di ferro e truciolare laminato QUANDO IL LEGNO ENTRAVA OVUNQUE 1) Macchinari 2) Strutture per le case 3) Mezzi

Dettagli

Figura 1: A sinistra Quercia / A destra Abete rosso

Figura 1: A sinistra Quercia / A destra Abete rosso INTRODUZIONE IL LEGNO COME MATERIALE DA COSTRUZIONE Caratteristiche e struttura del legno Nel comparto edilizio le opere in legno possono impiegare non solo componenti, prodotti o semilavorati in legno

Dettagli

IERI E OGGI. Cent anni fa: il banco di legno massello. Oggi: il banco di ferro e truciolare

IERI E OGGI. Cent anni fa: il banco di legno massello. Oggi: il banco di ferro e truciolare IL LEGNO IERI E OGGI Cent anni fa: il banco di legno massello Oggi: il banco di ferro e truciolare Il legno Definizione Le caratteristiche Sezione di un tronco La produzione: dal taglio alla segheria La

Dettagli

Corso di Tecnologie delle Costruzioni Civili

Corso di Tecnologie delle Costruzioni Civili Università di Pisa Dipartimento di Ingegneria dell'energia, dei Sistemi, del Territorio e delle Costruzioni DESTEC Corso di Tecnologie delle Costruzioni Civili Linda Giresini 8 Novembre 2012 Legno: origine

Dettagli

04/05/2015 1. CARATTERISTICHE FISICHE. Caratteristiche fisiche del legno

04/05/2015 1. CARATTERISTICHE FISICHE. Caratteristiche fisiche del legno Caratteristiche fisiche del legno Il legno per le costruzioni si ricava dalla parte interna dei grossi fusti degli alberi. È un materiale con una struttura complessa, non omogenea e anisotropa (sottoposto

Dettagli

Fin dall'antichità più preistorica il legno, è stato utilizzato dall'uomo non solo per riscaldarsi, ma anche per la costruzione di palafitte,

Fin dall'antichità più preistorica il legno, è stato utilizzato dall'uomo non solo per riscaldarsi, ma anche per la costruzione di palafitte, Fin dall'antichità più preistorica il legno, è stato utilizzato dall'uomo non solo per riscaldarsi, ma anche per la costruzione di palafitte, capanne, utensili. Erano di legno i pali per costruire le capanne.

Dettagli

Supporto freeware associato al testo di educazione tecnica Tecnica per il tuo futuro, fascicolo 06.

Supporto freeware associato al testo di educazione tecnica Tecnica per il tuo futuro, fascicolo 06. Supporto freeware associato al testo di educazione tecnica Tecnica per il tuo futuro, fascicolo 06. Tutti i contenuti freeware sono distribuiti con licenza CommonCreative. Puoi quindi visualizzarli, scaricarli,

Dettagli

I PIÙ DIFFUSI TIPI DI LEGNO PER INTERNI - MASSELLO

I PIÙ DIFFUSI TIPI DI LEGNO PER INTERNI - MASSELLO I PIÙ DIFFUSI TIPI DI LEGNO PER INTERNI - MASSELLO CEDRO Legno dolce di colore arancio chiaro viene utilizzato per costruire carcasse pannelli e fascie. L'odore caratteristico che emana tiene lontani gli

Dettagli

falegname di casa con il fai da te tipi di legno macchine lavorazioni colle incastri riparazioni tornitura curvatura finitura

falegname di casa con il fai da te tipi di legno macchine lavorazioni colle incastri riparazioni tornitura curvatura finitura falegname di casa con il fai da te tipi di legno macchine lavorazioni colle incastri riparazioni tornitura curvatura finitura Valerio Poggi falegname di casa con il fai da te www.faidatebook.it - info@faidatebook.it

Dettagli

Le essenze legnose. Pomilio Giovanni IC

Le essenze legnose. Pomilio Giovanni IC Le essenze legnose Pomilio Giovanni IC 1 Classificazione delle essenze legnose In botanica (la scienza che studia le piante) l essenza indica un arbusto o un albero con parti legnose. Il termine può essere

Dettagli

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche:

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche: IL LEGNO 1 Perché è importante il legno? E stato il primo combustibile usato dall uomo per scaldarsi, per cuocere i cibi e fondere i metalli. E stato il primo materiale utilizzato per costruire case, recinti,

Dettagli

LEZIONE 7. PROGETTO DI STRUTTURE IN LEGNO Parte I. Modelli e criteri. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A.

LEZIONE 7. PROGETTO DI STRUTTURE IN LEGNO Parte I. Modelli e criteri. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. 2007-2008 Facoltà di Architettura Università degli Studi di Genova LEZIONE 7 PROGETTO DI STRUTTURE IN LEGNO Parte I. Modelli e criteri IL MATERIALE

Dettagli

Compensati - Truciolari - Tamburati - MDF Laminati- Legnami IGNIFUGO

Compensati - Truciolari - Tamburati - MDF Laminati- Legnami IGNIFUGO TRUCIOLARE TRUCIOLARE PIOPPO TRUCIOLARE IGNIFUGO TRUCIOLARE IMPIALLACCIATO mm. 4 305 x 213 mm.6 376 x 213 mm.10 425 x 210 1 lato Tanganica 9 mm. A/retro 375 x 185 5 305 x 213 8 376 x 213 14 425 x 212 2

Dettagli

Classificazione. Sono diversi i criteri di classificazione del legno, in base alla durezza si distinguono in:

Classificazione. Sono diversi i criteri di classificazione del legno, in base alla durezza si distinguono in: Classificazione Sono diversi i criteri di classificazione del legno, in base alla durezza si distinguono in: Legni dolci: - Conifere leggere, legni a scarso contenuto resinoso, si degradano facilmente

Dettagli

CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA

CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA AA 2008-2009 Arch. Elisa Adorni Legno LEGNO: materiale con caratteristiche molto variabili a seconda delle specie arboree Fattori climatici e morfologia

Dettagli

IL POTERE CALORIFICO DEL LEGNO di Bernardo Hellrigl

IL POTERE CALORIFICO DEL LEGNO di Bernardo Hellrigl Torna all indice Foto: A. Raise IL POTERE CALORIFICO DEL LEGNO di Bernardo Hellrigl Relatore Stefano Grigolato Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-Forestali Università degli Studi di Padova Progetto

Dettagli

dataholz.com Denominazione: wsf

dataholz.com Denominazione: wsf Descrizione generale Per gli elementi di legno massiccio con incastri femmina e/o maschio si tratta di listelli di legno massiccio di conifera o di latifoglie con uno spessore (t) 14 mm, dotati in una

Dettagli

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche:

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche: IL LEGNO 1 Perché è importante il legno? E stato il primo combustibile usato dall uomo per scaldarsi, per cuocere i cibi e fondere i metalli. E stato il primo materiale utilizzato per costruire case, recinti,

Dettagli

Il brico dalle mille idee...

Il brico dalle mille idee... Il brico dalle mille idee... IL LEGNO E SUE CARATTERISTICHE Peculiarità del legno 2 Caratteristiche del legno Il legno è il materiale ricavato dai fusti delle piante, in particolare dagli alberi ma anche

Dettagli

prof. Adolfo F. L. Baratta Percorsi Abilitanti Speciali Classe A016 Costruzioni, Tecnologia delle costruzioni e Disegno Tecnico Legni

prof. Adolfo F. L. Baratta Percorsi Abilitanti Speciali Classe A016 Costruzioni, Tecnologia delle costruzioni e Disegno Tecnico Legni Percorsi Abilitanti Speciali Classe A016 Costruzioni, Tecnologia delle costruzioni e Disegno Tecnico Legni Roma, 11 aprile 2014 08 Classificazione degli alberi Le foreste rappresentano il 29,6% della superficie

Dettagli

Conoscere il legno. Essenze e cause di degrado.

Conoscere il legno. Essenze e cause di degrado. Dicembre 2007 EDILIZIA PROFESSIONALE Conoscere il legno. Essenze e cause di degrado. SigmaKalon Univer S.p.a. Via Monte Rosa, 7 28010 Cavallirio (NO) Tel. (0163) 806 611 Fax (0163) 806 696 info@sigmakalon.it

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado G.F. da Tolmezzo. CORSO DI TECNOLOGIA Studio dei materiali IL LEGNO

Scuola Secondaria di Primo Grado G.F. da Tolmezzo. CORSO DI TECNOLOGIA Studio dei materiali IL LEGNO Scuola Secondaria di Primo Grado G.F. da Tolmezzo CORSO DI TECNOLOGIA Studio dei materiali IL LEGNO IL LEGNO E uno dei materiali più antichi ed ha rappresentato per l uomo il modo di risolvere, per molti

Dettagli

LEZIONE 8. ARCHITETTURA TECNICA II Docente: Prof. Ing. Santi Maria Cascone ANNO ACCADEMICO 2015-2016

LEZIONE 8. ARCHITETTURA TECNICA II Docente: Prof. Ing. Santi Maria Cascone ANNO ACCADEMICO 2015-2016 LEZIONE 8 I PRODOTTI IN LEGNO E A BASE DI LEGNO IL TAGLIO DEL LEGNO E possibile ottenere delle travi in legno massiccio a 4 fili a partire dalla sezione circolare del tronco in tre modi differenti: Con

Dettagli

INTRODUZIONE AL LEGNO LAMELLARE

INTRODUZIONE AL LEGNO LAMELLARE INTRODUZIONE AL LEGNO LAMELLARE E un materiale da costruzione prefabbricato, la sua materia prima è il legno tagliato in tavole, comunemente chiamate lamelle, con limiti di larghezza e lunghezza, sovrapposte

Dettagli

U.D.: LEGNO Prof. ssa R. D'Imporzano

U.D.: LEGNO Prof. ssa R. D'Imporzano 1 Uso: Combustibile Uso: Costruzione mobili, case, oggetti e carta Forma: cilindro 2 Il legno è un materiale naturale, biologico, rinnovabile che si contraddistingue per le sue innumerevoli proprietà,

Dettagli

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011. Il legno. Ing. Emanuele Zamperini

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011. Il legno. Ing. Emanuele Zamperini CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 Il legno IL LEGNO COME MATERIALE STRUTTURALE (1) PREMESSA: Il legno è un materiale: - di origine biologica; - disponibile in natura in elementi

Dettagli

specie legnose e colori

specie legnose e colori 1 PINO (Pinus sylvestris) È un legno che garantisce un ottimo rapporto qualità/prezzo. Lavoranti in Legno si approvvigiona direttamente dal nord Europa e più precisamente dalla Scandinavia, dove si trovano

Dettagli

Solai in legno. 6.1 Caratteristiche delle strutture lignee

Solai in legno. 6.1 Caratteristiche delle strutture lignee 6 Solai in legno 71 6.1 Caratteristiche delle strutture lignee Particolare importanza, nei fabbricati monumentali in muratura, assumono gli orizzontamenti a struttura lignea. Va precisato che i solai con

Dettagli

STRUTTURA DEL LEGNO Il legno si divide in cinque zone differenti: corteccia: Rivestimento esterno, ha la funzione di proteggere la pianta da

STRUTTURA DEL LEGNO Il legno si divide in cinque zone differenti: corteccia: Rivestimento esterno, ha la funzione di proteggere la pianta da Prof. Carlo Carrisi INTRODUZIONE Col nome legno si intende quella parte del fusto, dai rami alle radici dei vegetali arborei che si trova al disotto della corteccia; è formato prevalentemente da fibre

Dettagli

STRUTTURE IN LEGNO I

STRUTTURE IN LEGNO I Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì STRUTTURE IN LEGNO I AGGIORNAMENTO 13/01/013 CONIFERE (essenze resinose) Sono alberi che vivono in alta montagna. CONIFERA

Dettagli

Specie legnose e colori

Specie legnose e colori Pino Il legno di pino utilizzato dalla falegnameria Cortese è ricco di resina e unto al tatto. In questa conifera il limite tra gli anelli annuali è chiaramente riconoscibile per la chiara differenza nello

Dettagli

IL PARQUET Caratteristiche e varietà di essenze

IL PARQUET Caratteristiche e varietà di essenze Come promesso, in questo secondo numero, avremo modo di definire le principali caratteristiche del parquet per poi fare una carrellata sulle più diffuse essenze legnose utilizzate nella produzione di parquet,

Dettagli

Prof. T. Basiricò a.a. 2015-16. Il legno

Prof. T. Basiricò a.a. 2015-16. Il legno è sempre stato un materiale molto apprezzato e utilizzato in edilizia grazie al suo facile reperimento e alla sua versatilità, per svariate applicazioni, per costruire case, mobili, utensili, veicoli e

Dettagli

Costruzioni in legno. Caratteristiche meccaniche Metodi di calcolo

Costruzioni in legno. Caratteristiche meccaniche Metodi di calcolo Costruzioni in legno Caratteristiche meccaniche Metodi di calcolo Bozza del 18/5/21 Costituzione del tronco Bozza del 18/5/21 Difetti Bozza del 18/5/21 Relazione tra Umidità, Umidità relativa e Temperatura

Dettagli

FIRE RESISTANCE OF WOODEN STRUCTURES

FIRE RESISTANCE OF WOODEN STRUCTURES FIRE RESISTANCE OF WOODEN STRUCTURES 43 CORSO ISPETTORI ANTINCENDI INTERNATIONAL FIRE-FIGTHERS WORKSHOP FIRE SERVICE COLLEGE Moreton in Marsh-UK 30 th September 2 th October 2003 I.A. Antonio Giulio Durante

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

progettazione di edifici con strutture portanti in legno 21 ottobre 2011 durabilità 1 arch. m.sc. andrea zanchetta

progettazione di edifici con strutture portanti in legno 21 ottobre 2011 durabilità 1 arch. m.sc. andrea zanchetta durabilità 1 Il legno è un materiale durabile? Sala del maggior consiglio, Palazzo Ducale Venezia XVI secolo principi generali Il legno è un materiale durabile? Analisi capriate di copertura Palazzo Ducale

Dettagli

LEGNO: caratteristiche fisiche e meccaniche

LEGNO: caratteristiche fisiche e meccaniche LEGNO: caratteristiche fisiche e meccaniche Alessandra Marini Università di Bergamo alessandra.marini@unibg.it LEGNO Le prestazioni meccaniche del legno sono intimamente connesse all origine naturale del

Dettagli

STRUTTURE IN LEGNO LAMELLARE

STRUTTURE IN LEGNO LAMELLARE STRUTTURE IN LEGNO LAMELLARE TECNOLOGIA e CALCOLO MORETTI INTERHOLZ s.r.l. dott. ing. Alberto AGOSTINI Direttore Tecnico Produzione (NTC 2008) IL MATERIALE MATERIA PRIMA: Abete rosso, Larice, Pino, Abete

Dettagli

Capitolo 11 - PRODOTTI DELLE INDUSTRIE DEL LEGNO

Capitolo 11 - PRODOTTI DELLE INDUSTRIE DEL LEGNO 1raccolta provinciale degli usi 21-07-2005 10:10 Pagina 140 Capitolo 11 - PRODOTTI DELLE INDUSTRIE DEL LEGNO Sommario a) Legno comune Sezione I Parte generale Contrattazioni in genere Clausola di approvazione

Dettagli

RW 100 RW 105 Sistemi in alluminio-legno

RW 100 RW 105 Sistemi in alluminio-legno RW 100 RW 105 Sistemi in alluminio-legno 1 IL MEGLIO DI DUE MATERIALI Una calda atmosfera che dura nel tempo La robustezza dell alluminio e il fascino del legno, un connubio perfetto per un serramento

Dettagli

Tradizione ed innovazione. La classificazione del legname massiccio strutturale.

Tradizione ed innovazione. La classificazione del legname massiccio strutturale. Convegno SICUREZZA E COMFORT NELLE ABITAZIONI CON STRUTTURE DI LEGNO Verona, 16 Giugno 2001 Tradizione ed innovazione. La classificazione del legname massiccio strutturale. Prof. Ing. Luca UZIELLI Prof.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica IL LEGNO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica IL LEGNO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Corso di Tecnologia di chimica applicata Tesina IL LEGNO Docente: Prof. G. Siracusa Allievi: Giuseppe Aloini

Dettagli

DEPOSITO CIPPATO. La passione per la perfezione. Proposte di trasporto e stoccaggio. www.eta-italia.it. ... il mio sistema di riscaldamento

DEPOSITO CIPPATO. La passione per la perfezione. Proposte di trasporto e stoccaggio. www.eta-italia.it. ... il mio sistema di riscaldamento DEPOSITO CIPPATO... il mio sistema di riscaldamento Proposte di trasporto e stoccaggio La passione per la perfezione 1 La passione per la perfezione www.eta-italia.it Il legno, una scelta etica per l ambiente

Dettagli

TRATTAMENTO DEL LEGNO PER ESTERNI

TRATTAMENTO DEL LEGNO PER ESTERNI 1 Il brico dalle mille idee... TRATTAMENTO DEL LEGNO PER ESTERNI Il legno all esterno impregnanti e vernici 2 I manufatti in legno esposti all'esterno sono sottoposti a molteplici fattori di degrado: Agenti

Dettagli

Il legno come combustibile

Il legno come combustibile Approfondimento Il legno come combustibile Le biomasse soddisfano circa il 15% degli usi energetici primari nel mondo; tra esse la più nota è il legno, il più antico combustibile utilizzato dall uomo per

Dettagli

Holz Building studio di ingegneria bioedilizia strutture e case in legno

Holz Building studio di ingegneria bioedilizia strutture e case in legno La Holz Building nasce da uno studio di ingegneria che da diversi anni coltiva l interesse per la bioedilizia, specializzatosi in particolar modo nella progettazione e produzione di strutture e case in

Dettagli

GLI ALBERI IL BOSCO IL LEGNO

GLI ALBERI IL BOSCO IL LEGNO PARTE PRIMA GLI ALBERI IL BOSCO IL LEGNO Gli alberi forestali della nostra Provincia Gli alberi che formano i boschi della nostra Provincia sono comuni a tutto l arco alpino, e non solo. In questo manuale

Dettagli

I classe. II classe. Resistenza all usura: Durabilità: III classe. Durezza: Ossidazione:

I classe. II classe. Resistenza all usura: Durabilità: III classe. Durezza: Ossidazione: RIFORESTAZIONE 2 RIFORESTAZIONE 3 4 CARATTERISTICHE Il legno è un materiale naturale. I pavimenti in questo materiale creano un atmosfera calda intima, donano un immagine elegante ad ogni tipo di abitazione

Dettagli

BETULLA IMPIEGHI PANNELLO: mobili, piani per tavoli,cucine,

BETULLA IMPIEGHI PANNELLO: mobili, piani per tavoli,cucine, BETULLA mobili, piani per tavoli,cucine, arredamento in genere. Legno di colore biancastro di provenienza euro-asiatica di grana finissima e dalla fibra generalmente diritta Modulo di elasticità longitudinale:

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN DISEGNO INDUSTRIALE A.A.

CORSO DI LAUREA IN DISEGNO INDUSTRIALE A.A. Principi di Ecodesign Docente: arch. Adriano Magliocco Il legno Informazioni ambientali CORSO DI LAUREA IN DISEGNO INDUSTRIALE A.A. 2005-06 Vantaggi: materiale ecologico in quanto biologico, quindi risorsa

Dettagli

Parquet per esterno Il prodotto, la posa e la nuova norma UNI 11538-1

Parquet per esterno Il prodotto, la posa e la nuova norma UNI 11538-1 Parquet per esterno Il prodotto, la posa e la nuova norma UNI 11538-1 ing. Rita D Alessandro ufficio normative EdilegnoArredo A.I.P.P.L. dr. Stefano Berti CNR IVALSA 2 Soluzioni architettoniche moderne

Dettagli

abitare il benessere case in legno

abitare il benessere case in legno abitare il benessere Noi della LEGNOMAX riteniamo che vivere in una casa in legno dia un senso di benessere difficilmente riscontrabile in altre costruzioni; la salubrità e il comfort di una casa in legno

Dettagli

CAPITOLO 12 Materiali composti

CAPITOLO 12 Materiali composti CAPITOLO 12 Materiali composti Problemi di conoscenza e comprensione 12.1 Un materiale composito è un sistema di materiali composto da una miscela o una combinazione di due o più micro- o macro- costituenti

Dettagli

Parquet in legno CHARISMA Scheda tecnica Essenze

Parquet in legno CHARISMA Scheda tecnica Essenze Parquet in legno CHARISMA Scheda tecnica Essenze 2 4 5 6 8 9 10 Pavimenti in laminato Classici FAMILY LINE COMFORT LINE RESIDENCE LINE OLD STYLE Misure e caratteristiche Finiture Scheda tecnica Pavimento

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Legno strutturale Classificazione a vista dei legnami secondo la resistenza meccanica Parte 3: Travi Uso Fiume e Uso Trieste

Legno strutturale Classificazione a vista dei legnami secondo la resistenza meccanica Parte 3: Travi Uso Fiume e Uso Trieste NORMA ITALIANA Legno strutturale Classificazione a vista dei legnami secondo la resistenza meccanica Parte 3: Travi Uso Fiume e Uso Trieste UNI 11035-3 OTTOBRE 2010 Structural timber Visual strength grading

Dettagli

LISTINO PREZZI INDICE. TAVOLAME Gruppo 1. TRANCIATI Gruppo 2. PANNELLI MONOSTRATO Gruppo 3 PANNELLI 3-STRATI

LISTINO PREZZI INDICE. TAVOLAME Gruppo 1. TRANCIATI Gruppo 2. PANNELLI MONOSTRATO Gruppo 3 PANNELLI 3-STRATI LISTINO PREZZI INDICE TAVOLAME Gruppo 1 TRANCIATI Gruppo 2 PANNELLI MONOSTRATO Gruppo 3 PANNELLI 3-STRATI ELEMENTI PER PORTE - LISTONI 3-STRATI PER FINESTRE - Gruppo 4 PORTE GREZZE PER INTERNI PANIFORTI

Dettagli

Colla di montaggio Pro

Colla di montaggio Pro Scheda prodotto Prodotto COLLA DI MONTAGGIO PRO è una colla e un mastice per fughe dalla qualità pregiata, a presa rapida e capace di mantenere l elasticità, a base di polimero MS ad elevata adesione iniziale.

Dettagli

MATERIALI PER GLI INFISSI:

MATERIALI PER GLI INFISSI: lezione di approfondimento MATERIALI PER GLI INFISSI: LEGNO, ACCIAIO, ALLUMINIO, MATERIE PLASTICHE E VETRO Porte e finestre. Criteri generali n Materiali impiegati per gli infissi In ordine di tempo, sono

Dettagli

ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI

ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI L arboricoltura da legno ha come primo scopo la produzione di assortimenti di pregio utilizzati

Dettagli

LA LEGNA: FONTE DI CALORE PRIMORDIALE

LA LEGNA: FONTE DI CALORE PRIMORDIALE La storia ci dice che il legno è il più antico combustibile utilizzato dall uomo per il riscaldamento delle abitazioni e la cottura dei cibi. La sua lenta ma inesorabile sostituzione è cominciata circa

Dettagli

LEGNO IMPREGNATO IN AUTOCLAVE

LEGNO IMPREGNATO IN AUTOCLAVE Il brico dalle mille idee... LEGNO IMPREGNATO IN AUTOCLAVE Il legno all esterno e l impregnazione in autoclave 2 Il deterioramento del legno all esterno I manufatti in legno esposti all'esterno sono sottoposti

Dettagli

IL RISCALDAMENTO A PANNELLI RADIANTI

IL RISCALDAMENTO A PANNELLI RADIANTI IL RISCALDAMENTO A PANNELLI RADIANTI IL MODO CORRETTO PER ESEGUIRE LA POSA DEL PARQUET SU MASSETTO CON RISCALDAMENTO A PANNELLI RADIANTI E QUALI ACCORGIMENTI METTERE IN ATTO PER IL CORRETTO MANTENIMENTO

Dettagli

IL LEGNO COME COMBUSTIBILE

IL LEGNO COME COMBUSTIBILE IL LEGNO COME COMBUSTIBILE Il legno è uno dei materiali più preziosi offerti dalla natura. Fin dall'antichità più preistorica è stato utilizzato dall'uomo non solo per riscaldarsi, ma anche per la costruzione

Dettagli

ALLEGATO 3 COMUNE DI UDINE Servizio Patrimonio e Ambiente Unità Organizzativa Cimiteri ed Onoranze Funebri

ALLEGATO 3 COMUNE DI UDINE Servizio Patrimonio e Ambiente Unità Organizzativa Cimiteri ed Onoranze Funebri ALLEGATO 3 COMUNE DI UDINE Servizio Patrimonio e Ambiente Unità Organizzativa Cimiteri ed Onoranze Funebri ******* Allegato Tecnico al Capitolato Speciale d appalto relativo alla fornitura di cofani in

Dettagli

I LATERIZI seconda parte

I LATERIZI seconda parte Materiali per l architettura (6CFU) prof. Alberto De Capua Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 I LATERIZI seconda parte Informazioni

Dettagli

BONDEX I DANNI PER IL LEGNO Nemici del legno Raggi - UV il legno diventa grigio. Usura, Inquinamento e temperature Umidità il carico dell umidità provoca lo scaturire e dimiminuire del legno e porta alla

Dettagli

Tettostyr. Un tetto per tutte le stagioni. Vantaggi. Sistema Tettostyr autoportante. Sistema Tettostyr per piani di copertura esistenti

Tettostyr. Un tetto per tutte le stagioni. Vantaggi. Sistema Tettostyr autoportante. Sistema Tettostyr per piani di copertura esistenti Tettostyr Un tetto per tutte le stagioni I pannelli compositi Tettostyr, in legno e lastre isolanti termoacustiche, permettono di realizzare la copertura desiderata in modo semplice e veloce sia in ristrutturazione

Dettagli

6. - Provenienza. - Per provenienza del legname s'intende il luogo di origine dei tronchi.

6. - Provenienza. - Per provenienza del legname s'intende il luogo di origine dei tronchi. A) LEGNAME COMUNE 1. - Categorie del prodotto. - Il legname viene commercializzato stagionato e non stagionato. Si distingue in: AI) legname da costruzione; A2) legname da falegnameria (non esotico); A3)

Dettagli

3 strati. Millennium Taglio sega

3 strati. Millennium Taglio sega 3 strati Millennium Taglio sega MADE IN ITALY 1 Il fascino eterno dei pavimenti in legno naturale. Mille Taglio seg Capolavori d altri tempi rivivono nelle interpretazioni più contemporanee in armonia

Dettagli

Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno. Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER

Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno. Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER Dati aggregati Fiper aggiornati al 31/12/2012 84 impianti di teleriscaldamento a biomassa 22 impianti

Dettagli

SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO BENFER SCHOMBURG INTERNATIONAL

SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO BENFER SCHOMBURG INTERNATIONAL SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO CARATTERISTICHE TECNICHE: Solidone è un legante idraulico formulato con cementi speciali ad alta resistenza

Dettagli

POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure

POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure 1) Generalità I pannelli del sistema UNICLIC si possono fissare in due diversi modi: A Per incastrare i pannelli, si possono ruotare inserendo la

Dettagli

SOLUZIONI VINCENTI. per il segmento LEGNO. In questa raccolta. Scheda n. Segmento Materiali lavorati Destinazioni d uso 1 LEGNO MDF ANTE PER CUCINA

SOLUZIONI VINCENTI. per il segmento LEGNO. In questa raccolta. Scheda n. Segmento Materiali lavorati Destinazioni d uso 1 LEGNO MDF ANTE PER CUCINA SOLUZIONI VINCENTI per il segmento LEGNO In questa raccolta Scheda n. Segmento Materiali lavorati Destinazioni d uso 1 LEGNO MDF ANTE PER CUCINA 2 LEGNO MDF ANTE PER CUCINA 3 LEGNO MASSELLO ANTE PER CUCINA

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

UNI 11371 - Massetti per parquet e pavimentazioni di legno - proprietà e caratteristiche prestazionali

UNI 11371 - Massetti per parquet e pavimentazioni di legno - proprietà e caratteristiche prestazionali RETTONDINI p.i. PAOLO Via Stazione, 10 39030 Chienes (BZ) C.F.: RTTPLA55M24I105Y P.I.: 02512570215 Tel. e Fax: +39 0474565425 Cell.: +39 334 6844931 E-mail: rettondini@tin.it E-Mail posta certificata:

Dettagli

Makrolon Lastra compatta di policarbonato

Makrolon Lastra compatta di policarbonato 1. Generalità Utensili Per la lavorazione delle lastre è possibile utilizzare gli utensili d uso comune per il legno e i metalli. Consigliamo l impiego di utensili con taglienti in metallo duro. E importante

Dettagli

IL LEGNO DI CASTAGNO, CONFRONTO CON ALTRI LEGNI

IL LEGNO DI CASTAGNO, CONFRONTO CON ALTRI LEGNI CICLO DI SERATE LE CASTAGNE OCCASIONE PER IL TERRITORIO IL LEGNO DI CASTAGNO, CONFRONTO CON ALTRI LEGNI Cassano Valcuvia 05 marzo 2014 Dott. Agronomo Massimo Raimondi Consulente Tecnico del Consorzio Castanicoltori

Dettagli

Strutturalmente il legno è costituito da: - 50% di carbonio. - 42% di ossigeno. -6% di idrogeno. -2% di minerali, azoto, pigmenti.

Strutturalmente il legno è costituito da: - 50% di carbonio. - 42% di ossigeno. -6% di idrogeno. -2% di minerali, azoto, pigmenti. Il legno è fornito, come noto, dai fusti degli alberi e consta di un insieme di cellule le quali non sono però sparse nella comune massa, ma, avendo determinate funzioni da svolgere, sono raggruppate in

Dettagli

Trasportatori meccanici fissi

Trasportatori meccanici fissi Trasporti interni Trasportatori meccanici fissi Trasportatori meccanici fissi Trasportatori a rulli e a catene trasportatori a rulli trasportatori a catene Trasportatori a nastro Trasportatori a piastre

Dettagli

Il tetto ventilato per il benessere e il risparmio energetico

Il tetto ventilato per il benessere e il risparmio energetico Il tetto ventilato per il benessere e il risparmio energetico Costruire una copertura in legno che prevede la circolazione sottostante dell aria, permette di unire i vantaggi di risparmio energetico ai

Dettagli

PROPRIETÀ DEI MATERIALI

PROPRIETÀ DEI MATERIALI ESERCITAZIONE 1 PROPRIETÀ DEI MATERIALI SONO LE GRANDEZZE IL CUI VALORE DESCRIVE IL COMPORTAMENTO DEL MATERIALE IN PRESENZA DELLE DIVERSE SOLLECITAZIONI E CONDIZIONI DI SERVIZIO COSTITUISCONO L ELEMENTO

Dettagli

ESTERNO ANTISCIVOLO. I listoni vanno immagazzinati al coperto ed in un luogo ben ventilato, evitando l esposizione diretta al sole

ESTERNO ANTISCIVOLO. I listoni vanno immagazzinati al coperto ed in un luogo ben ventilato, evitando l esposizione diretta al sole REGOLE PER LO STOCCAGGIO E LA POSA IN OPERA DEI PAVIMENTI PER ESTERNO ANTISCIVOLO COLLOCAMENTO DEI LISTONI STOCCAGGIO I listoni vanno immagazzinati al coperto ed in un luogo ben ventilato, evitando l esposizione

Dettagli

Protezione del legno. Protezione del legno. Durabilità delle costruzioni di legno. Constatazione. Durabilità delle costruzioni di legno.

Protezione del legno. Protezione del legno. Durabilità delle costruzioni di legno. Constatazione. Durabilità delle costruzioni di legno. Durabilità delle costruzioni di legno Constatazione Wangen a. Aar, CH - 1549-1559 I ponti stradali... - molto esposti - molto sensibili al degrado - durabilità discutibile Alcuni ponti stradali di legno

Dettagli

APERTURE TRADIZIONALI VESUVIANE

APERTURE TRADIZIONALI VESUVIANE APERTURE TRADIZIONALI VESUVIANE Le aperture praticate nelle facciate degli edifici, sin dall inizio dei tempi, hanno avuto sempre una particolarmente attenzione da parte dei costruttori e progettisti,

Dettagli

GUIDA ALLE PAVIMENTAZIONI PER ESTERNI IN LEGNO

GUIDA ALLE PAVIMENTAZIONI PER ESTERNI IN LEGNO GUIDA ALLE PAVIMENTAZIONI PER ESTERNI IN LEGNO Le pavimentazioni per esterni in legno conferiscono all'ambiente eleganza e calore. Diverse le essenze tra cui scegliere, dai classici Pino di Svezia e Larice,

Dettagli

PERLINE E PIALLATI MASSIMA VERSATILITÀ PER SUPERFICI INTERNE ED ESTERNE.

PERLINE E PIALLATI MASSIMA VERSATILITÀ PER SUPERFICI INTERNE ED ESTERNE. PERLINE E PIALLATI MASSIMA VERSATILITÀ PER SUPERFICI INTERNE ED ESTERNE. FROM WOOD TO WONDERS. 2 HASSLACHER NORICA TIMBER Perline e piallati Perline e piallati HASSLACHER NORICA TIMBER 3 INDICE TROVERETE

Dettagli

Tecnologia dei Materiali e degli Elementi Costruttivi. Leganti, malte per murature, intonaci

Tecnologia dei Materiali e degli Elementi Costruttivi. Leganti, malte per murature, intonaci Tecnologia dei Materiali e degli Elementi Costruttivi Leganti, malte per murature, intonaci Firenze, lunedì 16 ottobre 2006 LEGANTI Materiali che opportunamente ricondotti allo stato di polvere e miscelati

Dettagli

Guida alla fresatura Spianatura 1/24

Guida alla fresatura Spianatura 1/24 SPIANATURA Guida alla fresatura Spianatura 1/24 SCELTA INSERTO/FRESA Una fresa con un angolo di registrazione inferiore a 90 agevola il deflusso dei trucioli aumentando la resistenza del tagliente. Gli

Dettagli

PROCESSI DI FORMATURA PLASTICA DI LAMIERE: PIEGATURA

PROCESSI DI FORMATURA PLASTICA DI LAMIERE: PIEGATURA PROCESSI DI FORMATURA PLASTICA DI LAMIERE: PIEGATURA 1 PIEGATURA È uno tra i più comuni metodi di lavorazione delle lamiere Utilizzata sia come processo a sé stante, sia in combinazione con altre operazioni

Dettagli

I combustibili --- Appartengono a questa categoria, la legna da ardere, i carboni fossili e il coke di carbone.

I combustibili --- Appartengono a questa categoria, la legna da ardere, i carboni fossili e il coke di carbone. I combustibili --- DEFINIZIONE DI COMBUSTIBILE I combustibili sono tutti quei materiali che bruciando, producono calore. Per bruciare, i combustibili devono utilizzare ossigeno. Esistono tre tipi di combustibili

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Ponti termici e Serramenti Novembre 2011 Cosa sono i ponti termici I Ponti Termici sono punti o zone dove il comportamento termico dell edificio è diverso

Dettagli

LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO

LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO Perché si abbia la formazione del truciolo deve esserci un moto relativo utensile pezzo Sforzo di compressione dell utensile sul pezzo

Dettagli

MANUALE DIDATTICO LEGNO

MANUALE DIDATTICO LEGNO MANUALE DIDATTICO sui temi della raccolta, del riciclo e del recupero dei rifiuti di imballaggio Anno 2010/2011 Un iniziativa con il patrocinio di Ministero dell Istruzione dell Università e Ricerca Un

Dettagli

Ridolfi Vasco & Figlio Posa in opera Parquet & Scale LA LEVIGATURA

Ridolfi Vasco & Figlio Posa in opera Parquet & Scale LA LEVIGATURA LA LEVIGATURA La levigatura del pavimento di legno consiste nelle operazioni di spianamento e di lisciatura della superficie in modo da renderla adatta ai successivi trattamenti di finitura. Si effettua

Dettagli