Glicosfingolipidi: A) Glicosfingolipidi neutri: 1) mono-, oligo-, and polyglycosylsphingoids 2) mono-, oligo-, and polyglycosylceramides.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Glicosfingolipidi: A) Glicosfingolipidi neutri: 1) mono-, oligo-, and polyglycosylsphingoids 2) mono-, oligo-, and polyglycosylceramides."

Transcript

1 Considerazioni generali. I glicolipidi sono derivati glicosilati di grassi, quali acylglicerol, ceramide e prenolo. Fanno collettivamente parte di una grande famiglia di sostanze, conosciute con il generico termine di glicoconiugati. I glicoconiugati più importanti sono: glicoproteine e glicopeptidi, peptidoglicani, proteoglicani, glicolipidi e lipopolisaccaridi. Le strutture dei glicolipidi sono complesse e difficili da descrivere. La nomenclatura dei glicolipidi ha subito numerose variazioni, soprattutto per la scoperta di nuove molecole 1. Il termine glicolipide designa ogni composto contenente 1 o più residui monosaccaridi, legati (con legame glicosidico) a un residuo idrofobico, quale acylglycerol, sphingoid, ceramide (N-acylsphingoid) o prenylphosphate. 1. Il termine glicoglicerolipide designa i glicolipidi contenenti uno o più residui di glicerolo. 2. Il termine glicosfingolipide designa quei lipidi contenenti almeno un residuo monosaccaride (idrofilico), legato al ceramide (idrofobico). Glicosfingolipidi: A) Glicosfingolipidi neutri: 1) mono-, oligo-, and polyglycosylsphingoids 2) mono-, oligo-, and polyglycosylceramides. B) Glicosfingolipidi acidi: 1) sialoglycosphingolipids (gangliosides, containing one or more sialic acid residues) 2) uronoglycosphingolipids (containing one or more uronic acid residues) 3) sulfoglycosphingolipids (containing one or more carbohydrate-sulfate ester groups) 4) phosphoglycosphingolipids (containing one or more phosphate mono- or diester groups) 5) phosphonoglycosphingolipids (containing one or more (2-aminoethyl)hydroxyphosphoryl groups) 3. Il termine glicofosfatidilinositolo indica i glicolipidi che contengono saccaridi legati (con legame glicosidico) al residuo inositolo dei fosfatidilinositoli 4. Il termine psicosina fu coniato per designare un monoglicosilsfingoide, ma non venne successivamente incoraggiato 5. Altri termini usati sono: fucoglicosfingolipide, mannoglicosfingolipide, xyloglicosfingolipide, etc. Principi sulla nomenclatura. Il numero dei residui monosaccaridi è indicato dai suffissi progressivi: diosyl-, triaosyl-, tetraosyl-, etc. 2 Ad esempio, un glicosfingolipide che contiene dieci residui monosaccaridi sarà un glycodecaosyl-. Nella tab. 1 sono denominati e abbreviati i residui monosaccaridi (tutti nella conformazione D). 1

2 Tabella 1 Nome N-acetylgalactosamine N-acetylglucosamine N-acetylneuraminic acid 1 Simbolo GalNAc GlcNAc Neu5Ac or NeuAc 5,9-N,O-diacetylneuraminic acid 1 Neu5,9Ac 2 fucose (6-deoxygalactose) galactitol galactosamine galactopyranose 3-sulfate galactose galacturonic acid glucitol glucosamine glucose glucose 6-phosphate glucuronic acid N-glycoloylneuraminic acid 1 myo-inositol mannose 4-O-methylgalactose rhamnose xylose Fuc Gal-ol GalN Galp3S Gal GalA Glc-ol GlcN Glc Glcp6P GlcA Neu5Gc or NeuGc Ins Man Gal4Me Rha Xyl 1 Acidi neuraminici acetilati e altri derivati dell acido neuraminico sono anche chiamati acidi sialici (abbreviato Sia). Classificazione dei glicolipidi sulla base della componente lipidica. 1. Glicoglicerolipidi: esteri, eteri e glucosio derivati del glicerolo sono designati da un prefisso sn 2

3 Esempio: 1,2-di-O-acyl-3-O-β-D-galactosyl-sn-glycerol 2. Glicofosfatidilinositolo: molte molecole hanno in comune un core, legato (con legame covalente) alla C- terminazione della componente peptidica 3. Glicosfingolipide: è un carboidrato contenente un derivato sfingoide o ceramide. Gli sfingoidi sono aminoalcool a lunga catena alifatica, mentre i ceramidi sono sfingoidi N-acetilati. Glicosfingolipidi neutri. 1. Monoglicosylceramide: galactosylceramide, xylosylceramide, etc. 2. Diosylceramide: lactosylceramide 3. Glicosfingolipidi neutri con catene oligosaccaridiche più grandi (tab. 2) 3

4 Tabella 2. Nomi delle radici e delle strutture Radice Simbolo Struttura della radice IV III II I ganglio Gg Gal3GalNAc4Gal4Glclacto 1 Lc Gal3GlcNAc3Gal4Glcneolacto nlc Gal4GlcNAc3Gal4Glcglobo Gb GalNAc3Gal4Gal4Glcisoglobo 2 igb GalNAc3Gal3Gal4Glcmollu Mu GlcNAc2Man3Man4Glcarthro At GalNAc4GlcNAc3Man4Glc- 1 Lacto usato qui non deve essere confuso con il lattosio (Lac). 2 Il prefisso "iso" è usato per delineare (1 3) vs. (1 4), ossia la differenza nella posizione di legame tra I residui monosaccaridi III e II, mentre il termine "neo" esprime la differenza [(1 4) vs. (1 3)] tra i residui IV e III. Il nome della radice si applica anche alle strutture che sono più corte di quelle date nella tabella 2. Quindi, gangliotriaosylceramide è il nome della struttura GalNAcβ4Galβ4GlcCer, ove il quarto residuo terminale manca. Nelle serie lacto, i residui III e IV possono formare una unità ripetitiva. Glicosfingolipidi acidi. 1. Gangliosidi: sono sialoglicosfingolipidi, denominati N-acetyl-, o anche N-glycoloylneuraminosyl-, nei quali è la posizione di acido sialico a denominare la molecola. I gangliosidi contengono residui di acido neuraminico (O-acyl). Quello dei gangliosidi è il gruppo più studiato dei glicosfingolipidi. La struttura che segue è del ganglioside GM1: 2. Glicuronoglicosfingolipidi 3. Sulfoglicosfingolipidi: contengono un gruppo estere solfato, denominato sulfatide. Sono talvolta chiamati, pertanto, sulfatoglicosfingolipidi. 4. Fosfoglicosfingolipidi: contengono ponti fosfodiesteri (2-amynoethyl phosphate, III 6 -(2- aminoethanolphospho)arthrotriaosylceramide; inositolphosphoceramide derivati). 4

5 5. Fosfonoglicosfingolipidi: sono esterificati con un acido alkylphosphonico, contenente un ponte C-P. la loro nomenclatura è meglio espressa dal prefisso phosphoryl, che denota il radicale trivalente O=P. Il residuo può essere denominato (2-aminoethyl)hydroxyphosphoryl. Le abbreviazioni Svennerholm per i gangliosidi cerebrali. In questo sistema, la lettera G indica il ganglioside, la lettera M un solo residuo di acido sialico (mono-), la D due residui (di-), la T tre residui (tri-) e la Q indica i tetrasialoglicosfingolipidi. Un numero è poi ssegnato al composto individuale, che si riferiva, inizialmente, alla sua migrazione in un determinato sistema cromatografico (tab. 3) Tabella 3. Alcune abbreviazioni in uso nel sistema Svennerholm Struttura Abbreviazioni Neu5Ac3Gal4GlcCer GM3 GalNAc4(Neu5Ac3)Gal4GlcCer GM2 Gal3GalNAc4(Neu5Ac3)Gal4GlcCer GM1a Neu5Ac3Gal3GalNAc4Gal4GlcCer GM1b Neu5Ac8Neu5Ac3Gal4GlcCer GD3 GalNAc4(Neu5Ac8Neu5Ac3)Gal4GlcCer GD2 Neu5Ac3Gal3GalNAc4(Neu5Ac3)Gal4GlcCer GD1a Gal3GalNAc4(Neu5Ac8Neu5Ac3)Gal4GlcCer GD1b Neu5Ac8Neu5Ac3Gal3GalNAc4(Neu5Ac3)Gal4GlcCer GT1a Neu5Ac3Gal3GalNAc4(Neu5Ac8Neu5Ac3)Gal4GlcCer GT1b Gal3GalNAc4(Neu5Ac8Neu5Ac8Neu5Ac3)Gal4GlcCer GT1c Neu5Ac8Neu5Ac3Gal3GalNAc4(Neu5Ac8Neu5c3)Gal4GlcCer GQ1b I glicosfingolipidi (GSLs), composti anfipatici costituiti da zucchero e ceramide, sono ubiquitari componenti della membrane plasmatica di tutte le cellule dei vertebrate. Tra le loro funzioni più importanti, intervengono nella crescita e differenziazione cellulare, oltre a permettere l adesione delle cellule alla matrice. Funzionano, inoltre, da recettori per numerosi microrganismi e loro tossine. Se ne conoscono più di 400 specie, rispetto alle diverse strutture glucidiche, sebbene solo 7 monosaccaridi sono stati trovati nei vertebrati. La recente scoperta di un nuovo derivato dell acido sialico, l acido neuraminico deaminato (KDN) e suoi derivati, indica che in futuro possono essere scoperte nuove strutture. Sotto questo aspetto, è molto interessante notare che α-galactosylceramide, mai trovato nei mammiferi, è stato identificato come un ligando per i linfociti NK. Ciò suggerisce che altri GSLs minori, anche se altrettanto importanti, devono ancora essere identificati. L eterogeneità dei glicosfingolipidi dipende, essenzialmente, dalla diversa presenza degli zuccheri e del ceramide. La struttura di quest ultimo, il cui significato biologico non è stato ancora ben compreso, può influenzare la localizzazione e le funzioni dei GSLs, probabilmente per la diretta interazione con colesterolo, fosfolipidi e proteine di membrana. Da notare che il ceramide libero, derivato da GSLs, come la sfingomielina, è in grado di mediare il segnale di traduzione intracellulare. Lo sviluppo di anticorpi monoclinali specifici ha rivelato una dettagliata distribuzione di GSLs nei tessuti e sulla superficie cellulare. I gangliosidi, ad esempio, sono espressi su neuroni, astrociti e oligodendrociti di ratti. GSLs non hanno una distribuzione uniforme sulla membrana plasmatica, così come in quelle particolari cavità, denominate caveolae, situate sulla membrana exoplasmica, dove sono anche concentrate le proteine associate alla traduzione del segnale. Ciò suggerisce che GSLs possono mediare il segnale di traduzione stesso, mediante l interazione con tali proteine. GSLs non solo circolano tra la membrana e gli organi intracellulari, ma anche si muovono lateralmente all esterno della membrana, probabilmente associate a unità ricche di colesterolo. Nel processo di sintesi di GSLs, il primo stadio è dato dal trasferimento di glucosio o galattosio a un 5

6 ceramide, in modo da produrre glucosylceramide (GlcCer) o galactosylceramide (GalCer), rispettivamente. Queste reazioni sono catalizzate in questo modo: UDP-glucosio: ceramide: glucosyltransferase (GlcT) UDP-galattosio: ceramide: galactosyltransferase (GalT) I due enzimi (GlcT e GalT) sono del tutto differenti nella struttura primaria e nella localizzazione. GlcT è una tipica glucosyltransferase di tipo III, che possiede il dominio transmembrana in N-terminale, mentre GalT è un tipo I, con dominio transmembrana C-terminale. Il dominio catalitico di GlcT è localizzato nel lato citosolico della membrana di Golgi, mentre quello di GalT risiede nel lume del reticolo endoplasmico. I due enzimi non hanno omologia. GlcT, inoltre è un enzima ubiquitario, nei tessuti di mammifero, mentre GalT è ristretto a organi specifici, quali cervello e rene. Dopo un riciclo tra membrana plasmatica e organi intracellulari, i GSLs sono finalmente trasportati ai lisosomi, ove vengono idrolizzati dalle glycosylhydrolase. Sintesi e degradazione sono perfettamente regolate nella cellula. Nel caso in cui una glycosylhydrolase manca per difetto genetico, allora un GSLs si accumula nei lisosomi e provoca una grave malattia. Sebbene diversi disordini del metabolismo di GSL, dovuti alla mancanza di una specifica glycosidase o di una proteina di attivazione, siano stati ben delucidati, tuttavia nessun disordine specifico, dovuto alla mancanza di glucosyltransferase è stato trovato. Sia le funzioni biologiche, sia il meccanismo che ne regola il metabolismo nella cellule, sembrano un vero mistero della Sfinge, alla quale si associa, infatti, la parola sfingolipide. Distribuzione dei glicosfingolipidi nella cellula. Molti GSLs sono distribuiti nelle membrane cellulari. Sebbene la loro densità, nella membrana plasmatici, sia molto alta, i 2/3 del totale di GSLs sono localizzati nelle membrane intracellulari (apparato di Golgi, endosomi, lisosomi, membrana nucleare, reticolo endoplasmico e mitocondri), le quali permettono la loro circolazione all interno degli organuli 3. Nell apparato del Golgi, i GSLs sono sintetizzati sommando i saccaridi uno a uno, mentre nei lisosomi, all inverso, sono degradati con la rimozione di ogni singolo componente. Lo smistamento nei diversi organuli (e quindi nelle diverse membrane) si realizza mediante gli endosomi. La metà di GSLs della membrana plasmatici è riciclata in minuti (il tempo varia da cellula a cellula), permanendo costante la loro densità. Molti GSLs sono trasportati tra le membrane sotto forma di piccole vescicole, le quali mantengono una struttura a doppio strato. Nella membrana plasmatici i GSLs formano dei gruppi, chiamati rafts (zattere), con colesterolo e fosfolipidi 4. Ci sono recettori per i trasduttori del segnale intercellulare, quali le proteine GPI-associate sul versante exoplasmico dei rafts e la famiglia delle chinasi src sul versante citosolico. Per quato motivo, giocano un ruolo fondamentale nella traduzione del segnale transmembrana. Piccole vescicole contenenti rafts si muovono tra complessi di Golgi, membrana plasmatici ed endosomi. Specifiche annessine possono essere coinvolte nello scarico e nella fusione vescicolare. I rafts sono estratti in frazioni a bassa densità, insolubili in Triton 100 all 1% a 4 C, denominate DIGs (detergent insolubile glycosphingolipid-enriched domains). In questa frazione sono estratte anche delle strutture microinvaginate (50nm di diametro) della membrana plasmatici, chiamate caveolae, le quali sono costituite da GSLs, colesterolo, proteine GPI-associate, famiglia src, chinasi, proteine G trimeriche, RAS e una proteina specifica, la caveolina 5. I rafts possono essere intrappolati nelle caveolae e le molecole recettoriali raggruppate più densamente. Questo può migliorare l efficienza del segnale di traduzione. I GSLs interagiscono con le molecole recettoriali e le chinasi, di cui modulano le funzioni. Inoltre sono distribuiti anche nel citosol: la frazione solubile, nel cervello, contiene il 5% del totale di gangliosidi, la cui composizione è simile a quella della frazione di membrana. Alcuni GSLs sono associati alla vicentina, un componente dei filamenti intermedi intracellulari: questa è una delle strada del ricircolo. Esistono, infine, particolari proteine del citosol, che trasferiscono i GSLs tra una membrana e l altra. 6

7 Hideyoshi Higashi (Mitsubishi Kasei Institute of Life Sciences) Localizzazione dei glicosfingolipidi, mediante una tecnica immunochimica. Molte molecole sono state identificate sulla base delle diversità nella struttura dei carboidrati, soprattutto a livello della superficie esterna delle membrane plasmatiche. I glicosfingolipidi giocano un ruolo essenziale nella ricognizione cellula-cellula, adesione cellulare, trasduzione del segnale e accrecimento/differenziazione delle cellule. Si ammette, inoltre, che tali molecole siano i recettori di alcuni batteri e virus. Essi esprimono anche antigeni tumorali e di differenziazione, usando anticorpi monoclonali 6. Questi ultimi sono stati generati dalla immunizzazione nei ratti, utilizzando glicolipidi o neoglicolipidi. Gli anticorpi monoclonali ci permettono di esaminare la distribuzione dei gangliosidi (ossia i glicosfingolipidi contenenti acido sialico) nel cervello dei ratti adulti 7 : GM1 nella sostanza bianca, GD1a nello strato molecolare, GD1b e GQ1b nello strato granulare, GT1b in tutti gli strati, ad eccezione di quelli delle cellule di Purkinje 8. In figura: struttura della corteccia cerebellare 7

8 Tadashi Tai (The Tokyo Metropolitan Institute of Medical Science, Tumor Immunology) Differenze significative, quantitative e qualitative, sono state accertate nella composizione dei gangliosidi, tra cervelli adulti e fetali. Ganglioside KDN. Appartiene alla famiglia dell acido sialico, che include N-acetylneuramininc acid (Neu5Ac) and N- glycolylneuraminic acid (Neu5Gc). La stereochimica di KDN è identica a quella di Neu5Ac e Neu5Gc, ad eccezione del gruppo N-acylamino, che è rimpiazzato da un gruppo idrossilico in posizione C-5 dell acido N-adetylneuraminico (vedi figura). Ken Kitajima (Graduate School of Bioagricultural Sciences Nagoya University KDN è anche designato come acido deaminoneuraminico e rappresenta una classe di glicosfingolipidi, dotati appunto di diversi residui KDN, presenti nei batteri, nei pesci e nei mammiferi. Tali residui sono resistenti a numerose sialidasi, derivate da batteri, virus e cellule animali. Acido N-glycolylneuraminico e acido N-acetylneuraminico. L acido sialico è un aminozucchero acido e venne isolato da Guntar Blix in forma cristallizzata dalla sialomucina, mediante idrolisi acida. Ernst Klenk isolò lo stesso cristallo dai gangliosidi cerebrali, sempre a mezzo di idrolisi acida e lo chiamò acido neuraminico. La corretta struttura venne proposta da Alfred Gottshalk, che identificò almeno 30 derivati, il cui core è rappresentato dall acido N- glycolylneuraminico (NeuGc) e dall acido N-acetylneuraminico (NeuAc). Dai tre autori fu trovato l accordo di usare il termine acido sialico, per denominare la famiglia dei derivati di acido neuraminico. Pazienti trattati con siero di cavallo, pecora e capra sviluppano anticorpi xenoantigeni di questi animali: tali antigeni sono glicoconiugati contenenti NeuGc. Non sono mai stati pubblicati lavori che dimostrino la presenza di NeuGc nei glicolipidi e nelle glicoproteine dei normali tessuti umani. Gli anticorpi anti-neugc, pertanto, sono stimolati dai glicoconiugati estranei del siero di questi animali. Lo studio sulla struttura, la biosintesi e le funzioni della famiglia di acido sialico, ha evidenziato che NeuGc è sintetizzato a partire da NauAc, mediante una reazione di idrossilazione CMP-NeuAc, che richiede il citocromo b5 e, quindi, la NADH-citocromo b5 reduttasi, il cui evento terminale è la produzione di idrossilasi 9. Molto interessante è il fatto che mrna della idrossilasi è presente in tutti i tessuti murini, ad eccezione del cervello 10. La mancanza di tale enzima, nel tessuto cerebrale, è stata dimostrata anche nell uomo. La presenza di NeuGc nei glicoconiugati cerebrali, inoltre, è una condizione sfavorevole per molte funzioni, il che fa pensare a un meccanismo specifico di soppressione nel cervello, presente in tutti i mammiferi. 8

9 Akemi Suzuki (Tokyo Metropolitan Institute of Medical Science Peptidi che mimano i glicosfingolipidi. Nel 1990 Scott e Smith riuscirono a sintetizzare, mediante una tecnica di biologia molecolare, dei peptidi in grado di indurre una risposta immunitaria. Con la stessa tecnica si è arrivati alla preparazione di molecole peptidiche che mimano strutture non peptidiche, quali i glicosfingolipidi. Questo lavoro si basa sulla ipotesi del mimetismo molecolare, per il quale un anticorpo diretto contro i glicosfingolipidi può mimare la struttura di un antigene proteico, denominato glicoreplica. Ad esempio, l anticorpo diretto contro il legame α2-9 acido sialico del polisaccaride capsulare di meningococco di gruppo C lega anche il tripeptide sintetico YRY (Tyr-Arg-Tyr). L anti-yry, inoltre, è in grado di legare anche la gp120 di HIV. Monoclonal antibody is immobilized on a plastic plate. Phage peptide library (108 library size) is incubated with the antibody. Bound phage to the antibody is eluted with acid solution and amplified. The amino acid sequence expressed on the selected phage is determined from DNA sequence analysis. Dai Ishikawa and Takao Taki (Cellular Technology Institute. Otsuka Pharmaceutical Co., Ltd.) Inibitori della biosintesi di glicosfingolipidi. Molti GSLs derivano da glucosylceramide (GlcCer, sintetizzato a partire da ceramide e UDP-glucosio. L aggiunta sequenziale di ulteriori monosaccaridi e acido sialico al GlcCer comporta la produzione di una famiglia complessa di strutture, quali le serie ganglio-, globo-, isoglobo-, neolacto- e lacto-. È atato dimostrato che un analogo del ceramide, il D-threo-1-phenyl-2-decanoylamino-1-propanolo (D-PDMP) inibisce la reazione UDP:glucosio:N-acylsphingosinaglucosyltransferasi, che produce GlcCer, ma non l analoga reazione UDPgalattosio:Nacylsphingosinagalactosyltransferasi e beta-galactocerebrosidasi. 9

10 Strutture del PDMP e del ceramide Jin-ichi Inokuchi (Graduate School of Pharmaceutical Sciences, Hokkaido University) Molti studi recenti hanno dimostrato che D-PDMP inibisce diversi eventi biologici, quali l adesione delle cellule migratorie alla laminino, la metastasi sperimentale, la risposta linfocitaria IL-2 indotta. Inoltre, non solo sopprime la sintesi di GSLs, ma permette anche l accumulo di ceramide e basi sfingoidi. Di recente, è stato dimostrato che un inibitore della α-glucosidasi I, N-butyldeoxynojirimycin, inibisce anche la GlcCer sintasi. Gangliosidi e influenza. L influenza rappresenta un valido paradigma di come un virus sia in grado di evolvere e cambiare, nelle diverse epidemie e pandemie umane 11. I virus influenzali A, B e C riconoscono, come recettore, l acido sialico e i suoi derivati 12, al quale si legano, mediante alcune glicoproteine dell envelope. Le più importanti, fra queste, sono la emagglutinina e la neuraminidasi (sialidasi). La seconda è un enzima che taglia l acido sialico dalle catene di zucchero del recettore. Yasuo Suzuki (Department of Biochemistry, University of Shizuoka School of Pharmaceutical Sciences 10

11 I gangliosidi devono tale denominazione alla loro rilevante presenza nella materia grigia cerebrale (gangli). Sono acilsfingosialoligosaccaridi, ossia un gruppo di glicosfingolipidi, contenenti uno o più residui di acido sialico. Si localizzano sulla superficie esterna dei neuroni, soprattutto nelle membrane sinaptiche, a livello delle quali sono implicati in alcune importanti funzioni: riconoscimento intercellulare, scambi ionici di membrana e sinaptogenesi. Alcuni gangliosidi, specialmente GM1 e GM4, sono particolarmente abbondanti nella mielina. I gangliosidi stimolano l adenililciclasi e forme solubili di fosfodiesterasi; a basse concentrazioni stimolano la Na+, K+- ATPasi. Aumentano, inoltre, la velocità di mielinizzazione di fibre nervose lese a livello periferico. Nelle fibre rigeneranti, oltre all attivazione degli enzimi sopra ricordati, inibiscono l afflusso di Ca++, potenzialmente lesivo per la riorganizzazione del citoscheletro cellulare. Possono anche svolgere un interessante ruolo nello sviluppo nervoso, nela sinaptogenesi e nella trasmissione sinaptica. Nel SNC, la somministrazione di gangliosidi esogeni (soprattutto GM1) accelera la maturazione nervosa nei ratti e l aprendimento neonatale; determina anche un miglioramento nelle lesioni da neurotossine. Il GM1 è stato consigliato alla dose di 100 mg per via endovenosa o intramuscolare per tre settimane e, come terapia di mantenimento, di 40 mg al giorno intramuscolo nell ictus cerebrale ischemico e traumi cerebrali (per ridurre i fenomeni degenerativi. Glicosfingolipidi come recettori di batteri e loro tossine. Ci sono molte tossine batteriche che si legano a un ganglioside o a un glicosfingolipide acido 13. Quella più conosciuta è la tossina del colera, il cui recettore è il ganglioside GM1, cui si lega mediante la subunità pentamerica B (la subunità A esercita la diretta attività tossica).. il legame della B alla GM1 di membrana può indurre un cambio di conformazione nella tossina, da cui risulta l entrata di A all interno della cellula. I residui Arg-35 e Trp-88 della subunità B partecipano al legame con GM1. Un meccanismo simile è descritto per la enterotossina labile al calore di E. Coli, strutturalmente analoga a quella del vibrione. La tossina tetanica si lega invece al ganglioside GD1b, quella del botulino al GT1b e GQ1b, mentre la δ tossina di clostridium perfrigens usa il GM2 come recettore. La tossina di shigella dysenteriae e la verotossina del ceppo enteroemorragico di E. Coli si legano ai glicosfingolipidi neutri che hanno α-1,4 galabioso nella catena (Ga2Cer, galabioside) e al trihexoside ceramide (Gb3Cer). Lo stesso legame è stato dimostrato per il ceppo uropatogeno di E. Coli 14, il quale utilizza anche il globoside (Gb4Cer) e il glicolipide di Forssman. Il propionibacterium, responsabile di malattie della pelle, si lega direttamente al lactosylceramide e agli asialorecettori, quali GA1 (asialo GM1) e GA2 (asialo GM2). Sembra che la presenza del ceramide sia indispensabile per il legame batterio/recettore, in associazione al residuo lactosyl. Interazione carboidrati-carboidrati da parte dei glicosfingolipidi. Durante l oncogenesi si verificano dei drammatici cambiamenti nella superficie dei carboidrati, i quali giocano un ruolo rilevante nella ricognizione cellula/cellula e cellula/substrato. In molti dei modelli che sono stati proposti, i carboidrati si legano a selectine, galectine e altre molecole proteiche. Nel 1989 Hakomori ha proposto un modello alternativo, nel quale l interazione tra cellule si verifica mediante il legame carboidrati-carboidrati. Varie osservazioni suggeriscono che i GSLs si legano ai rispettivi GSLs complementari di un altra cellula, proprio attraverso il legame tra i carboidrati in essi contenuti (vedi figura 1). Probabilmente i GSLs risiedono, sulla superficie cellulare, in grandi gruppi, che formano microdomini. Tali cluster GSLs possono essere riconosciuti sia dalle lectine, sia dagli anticorpi specifici, sia dai cluster GSLs complementari (figura 2). L interazione tra i corrispondenti GSLs è un processo più rapido, rispetto a quello ottenuto dalla interazione proteina/proteina, sebbene la forza sia più debole. Questo aspetto è interessante, in quanto l adesione tra cellule avverrebbe in momenti successivi: dapprima attraverso GSL/GSL, la quale indirizza il più stabile e conseguente legame tra molecole di adesione. Anche la motilità cellulare dipenderebbe dalla presenza di GSLs in superficie, così come la trasduzione del segnale da parte di molecole, quali c-src, Ras, Lyn e FAK (focal adhesion kinase). Sebbene non c è alcuna evidenza in supporto alla ipotesi che l interazione GSL/GSL avvenga in vivo, è comunque possibile che essa giuochi un ruolo nella ricognizione e/o negli eventi di segnale, per una grande varietà di fenomeni biologici. 11

12 Hypothetical scheme for organization of GSLs at cell surface and the possible cell adhesion events through GSL-GSL interaction Naoya Kojima (Tokai University, School of Engineering) 12

13 Glicolipidi e trasduzione del segnale. I microdomini dei gruppi GSLs, all interno della membrana a doppio strato, sono associati a diverse molecole di segnale. I GSLs sono relativamente ricchi in acyl catene grasse saturate, che permettono uno stretto imballaggio e conferiscono un alta temperatura di fusione. D altra parte, i fosfolipidi sono relativamente ricchi in acyl catene di grassi non saturi, che prevengono il compattamento e abbassano la temperatura di fusione 15. Nella figura i GSLs sono espressi anche come rafts. Le proteine GPI-associate e le proteine acetilate, come src tirosina chinasi e le proteine trimeriche G sono associate ai microdomini GSLs. Le proteine GPI-associate hanno, generalmente, catene acyl saturate, che si inseriscono, di preferenza, nei microdomini GSLs. La famiglia src chinasi è modificata dalle catene sature di lipidi. Il legame crociato anticorpo-mediato delle proteine GPI-associate indice attivazione della famiglia src chinasi e un transitorio aumento nella fosforilazione della tiroxina di molti substrati (vedi figura 2). Anche il legame crociato anticorpo-mediato di GSLs induce la stessa attivazione. Ciò dimostra che i due meccanismi sono molto simili nella trasduzione del segnale. Aanticorpi anti-gpi, inoltre precipitano con src, allo stesso modo di anti-gsls. Queste osservazioni suggeriscono che GSLs sono coinvolte nel segnale delle proteine GPI-associate. Kohji Kasahara (Tokyo Metropolitan Institute of Medical Science) 13

14 Il recettore EGF e Ras sono presenti nei microdomini GSLs. Il trattamento con EGF induce traslocazione di Raf-1 come MAPKK chinasi, dal citosol ai microdomini GSLs 16. Questo suggerisce che tali microdomini possono rappresentare il sito di inizio della cascata di MAP chinasi. È noto che la protein chinasi C trasloca dal citosol alla membrana, durante l attivazione. La funzione generale di GSLs nella trasduzione del segnale, quindi, sarebbe quella di concentrare recettori ed effettori su entrambi i lati della membrana, in modo da accelerare il legame durante il segnale. Glicosfingolipidi e apoptosi. L apoptosi è una forma di morte della cellula distinta, per differenze morfologiche, da un altra forma, denominata necrosi cellulare. In caso di apoptosi, le cellule condensano e frammentano il nucleo, evento seguito dalla formazione di piccoli frammenti citoplasmatici ovoidali, alcuni dei quali contengono residui picnotici del nucleo. Tali frammenti, chiamati corpi apoptotici, sono subito fagocitati dai macrofagi e dalle cellule vicine. In corso di apoptosi, il Dna della cromatina è frammentato a livello del nuclosoma. La caspasi, una famiglia di proteasi della cisterna, gioca un ruolo chiave nella induzione della apoptosi. Se questa ha inizio, si verifica una cascata di reazioni della caspasi, che conduce a una decomposizione di varie proteine intracellulari e alla frammentazione del Dna, da parte delle Dnasi, a loro volta attivate proprio dalle caspasi. Il principale processo di trasduzione del segnale, che attiva la caspasi è il sistema Fas-Fas ligando, senza trascurare altri meccanismi, tra i quali il coinvolgimento dei sialosfingolipidi. Sotto questo aspetto, sembra che il GD3 agisca come mediatore nella reazione a cascata delle caspasi, probabilmente alterando il potenziale di membrana dei mitocondri e, quindi, la loro funzione. Ciò è stato dimostrato per un aumento del GD3 nel linfoma cutaneo T (linea cellulare HuT78) e nella leucemia monolitica (linea U937). Anche l aumento del GM3 induce la differenziazione delle cellule di carcinoma del colon a cellule epiteliali, provocando apoptosi. Hisao Nojiri (Faculty of Pharmaceutical Sciences, Teikyo University) 14

15 Funzioni neuronali dei gangliosidi (Susumu Ando (Department of Biomembrane, Tokyo Metropolitan Institute of Gerontology). 1. Effetti neurotrofi. I gangliosidi aumentano la differenziazione neuronale, probabilmente in associazione al recettore di NGF (nel caso di GM1). 2. Funzioni neuronali. Il sistema nervoso è molto ricco in gangliosidi, i quali sono stati invocati nella genesi della memoria e dell apprendimento. Particolari forme di gangliosidosi, denominate Chol-1a, sono state scoperte nel In tali patologie, i gangliosidi implicati sono coinvolti nelle funzioni colinergiche, i cui meccanismi sono ancora in fase di studio. 3. Malattie nervose. La demenza senile tipo Alzheimer e la malattia di Parkinson sono le principali malattie nelle quali è stato proposto l uso terapeutico dei gangliosidi. Cellule Vα 14 NKT: un nuovo specifico linfocita per gli antigeni glicolipidici. Tale linfocita è caratterizzato da un recettore per l antigene (Vα 14) e da un marcatore NK (NK 1.1) ed esercita attività citotossica contro cellule tumorali. È anche la maggiore fonte di produzioni di IL-4/IFNγ e gioca un ruolo importante nell induzione delle malattie autoimmuni, riconoscendo una molecola MHC non classica, la CD1a. Il ligando per il recettore di Vα 14 NKT è un glicosfingolipide, l α-galactosylceramide (α-galcer), il quale attiva il linfocita nella citotossicità verso cellule tumorali in vitro e provoca il rigetto di tumore metastico sperimentale, se iniettato in vivo. Da notare, inoltre, che α-galcer può rappresentare un antigene esogeno. Di contro, il glycophosphatidylinositolo (GPI) è considerato come il ligando naturale di CD1a. Tetsu Kawano and Masaru Taniguchi (Department of Molecular Immunology, Graduate School of Medicine, Chiba University ) Solfatazione dei glicolipidi. Il gruppo solfato dei glicolipidi solfati (SGLs) è trasferito da 3 -fosfoadenosina 5 - fosfosolfato (PAPS), per mezzo della catalisi di una sulfotransferasi localizzata nella membrana del Golgi 17. Due sulfotransferasi agiscono su diversi substrati accettori e sono coinvolte nella biosintesi di SGLs: una è la cerebroside sulfotransferasi (CST. EC ), che sintetizza sulfatide (galactosylceramide solfato, SM4s), trasferendo il solfato nella posizione 3 del galattosio di galactosylceramide; l altra è la sulfotransferasi che sintetizza l epitopo HNK-1. La prima agisce sul lactosylceramide e galactosylalkylacylglycerolo, sintetizzando lactosylceramide solfato (SM3 e seminolipide (SM4g, rispettivamente. Nei tessuti normali 18 il sulfatide è un componente lipidico maggiore della guaina mielinica, ma è anche distribuita nelle cellule dei tubuli renali e in quelle epiteliali del tratto gastrointestinale. Il seminolipide è abbondante nel cervello, durante la mielinizzazione, e nella spermatogenesi a livello dei testicoli. La biosintesi di SGLs cambia con il ciclo mestruale, nell endometrio uterino e aumenta (determinando accumulo) nel cancro (per elevata attività di CST). D altra parte, gli stessi SGLs sono espressi nelle cellule di carcinoma, ma il significato di questo evento rimane sconosciuto. 15

16 The enzyme reaction of two glycolipid sulfotransferases, and the structures of major sulfated glycolipids. Koichi Honke (Osaka Medical Center for Maternal and Child Health, Research Institute) Sialilazione dei glicolipidi. 16

17 Four kinds of ganglioside biosynthetic pathways, the a-series (comprising GM3, GM2, GM1, GD1a and GT1a), the b-series (comprising GD3, GD2, GD1b,and GT1b, and GQ1b), the c-series (comprising GT3, GT2, GT1c, GQ1c, and GP1c), and the a-series (comprising GD1a), and the corresponding sialyltransferase genes are shown here. La sialilazione dei glicolipidi si realizza mediante le corrispettive sialyltransferasi 19. Alcune strutture di glicani terminali, presenti nei gangliosidi, sono contenute in alcune glicoproteine. GM3 sintasi. Il GM3 è un comune precursore dei maggiori gangliosidi ed è distribuito in quasi tutti i tessuti di mammifero. Il GM3 è sintetizzato dal trasferimento di acido sialico, dal CMP-acidosialico a un residuo terminale non ridotto di galactosio del lactosylceramide, attraverso il ponte α2,3 glycosyl. La reazione è catalizzata da GM3 sintasi. GM3 synthase competes with four other glycosyltransferases and one sulfotransferase for a common substrate, lactosylceramide. Expression of each transferase is regulated developmentally and spatially in the process of embryogenesis, differentiation and carcinogenesis, resulting in proper composition of glycosphingolipids in each tissue. Una delle funzioni biologiche di GM3 è la differenziazione di alcune cellule, quali i monociti. Schematic structure of human GM3 synthase. GM3 synthase belongs to sialyltransferase family with a transmembrane portion at NH2-terminal, a large lumenal catalytic domain with two conserved regions, so called sialylmotifs, while an invariant aspartic acid in the sialylmotif Ls of all other sialyltransferases is replaced by histidine in GM3 synthase (indicated by yellow letter). Red letters indicate amino acids conserved in sialyltransferases from mammalian sources. TM is transmembrane portion, and triangles show a potential N-glycosylation sites. Atsushi Ishii, Msaki Saito (National Cancer Center Research Institute, Virology Division) UDP-glucosio:ceramide glucosyltransferasi. La ceramide glucosyltransferasi (GlcT-1) catalizza l iniziale glicosilazione nella sintesi dei glicolipidi. Oltre 400 differenti glicolipidi derivano dal glucosylceramide, a livello del lato citosolico della membrana di Golgi, da dove si spostano verso il lume dell organulo, probabilmente a mezzo della flippasi. I glicolipidi che derivano dal lactosylceramide sono molecole di membrana ubiquitarie. Ciò significa che GlcT- 1 è diffusamente espresso nei tessuti di mammifero (cervello, cuore, muscolo, fegato, placenta, etc.). 17

18 GlcT-1 : Glucosylceramide synthase, GalT : Lactosylceramide synthase Yoshio Hirabayashi and Shinichi Ichikawa (Laboratory for Cellular Glycobiology, The Institute of Physical and Chemical Research, RIKEN) Funzioni biologiche dei glicolipididi di membrana. I glicolipidi sono un gruppo di molecole anfipatiche, costituite da grassi (ceramide) e carboidrati. Oltre a essere abbondanti nel sistema nervoso dei vertebrati, sono anche presenti in altri tessuti. In base al legame dello zucchero sul terminale del lactosylceramide, Gal-Glc-Cer, tre vie conducono alla sintesi dei glicolipidi, in modo da formare: lactoserie, globoserie e ganglioserie. Le ganglioserie contengono molti acidi sialici e sono designate gangliosidi. I glicolipidi più comuni, nei mammiferi, sono i glicosfingolipidi, la gran parte dei quali è rappresentata dai gangliosidi. Questi derivano dal glucosylceramide (GlcCer), sintetizzato da una specifica glycosyltransferasi (GlcT-1, o UGCG). Il galactosylceramide (GalCer) è formato, invece dalla galactosyltransferasi (CGT) ed è espresso soprattutto nella guaina mielinica. I glicerosfingolipidi, ad esempio galactosylalkylacylglyceride (seminolipide), si trovano invece nei testicoli, mentre il phosphatitylglucosio nelle cellule del sangue di cordone. Il colesterolo glicosilato è reperibile nelle cellule di mammifero. Table I Roles of monoglycoslated lipids in mammals: most all lipids are glycosylated. Glycolipid Distribution Synthetic enzyme Roles GlcCer ubiquitous UGCG (human,moouse, rat) precursor for GSLs biosynthesis, negative regulator for ceramide, ax elongation of neuron, multidrug resistancy GalCer myelin, kidney, CGT (human, mouse, rat) insulative function of mye ÉøGalCer unknown unknown ligand for NKT cell FucCer colon cancer, lung cancer unknown unknown Cholesteryl glucoside human skin fibroblast unknown heat shock response Galactosyldiacyl glycerol sperm (seminolipid), intestine, the nervous system CGT (the same as GalCer synthase) Phosphatidylglucose cord blood cell, HL60 unknown unknown sperm development 18

19 Table II Gene targeted mice: glycolipid functions at the whole animal level Phenotype Gene disrupted Biochemistry General GlcCer synthase (UGCG) loss of all GSLs except GalCer embryonic leathality at E7.5, enhancemant of apoptosis in ectodermal layer GalCer synthase (CGT) Sulfatide synthase (CST) GM2/GD2 (GalNAc-T) synthase GD3 synthase loss of GalCer and appearance of GlcCer in myelin, loss of seminolipid in sperm loss of sulfatide in myelin and of sulfated seminolipid in sperm loss of higher gangliosides (only GM3, GD3 and GT3) loss of higher ganglisoide (only monosialo gangliosides) ataxia, loss of insulative function of myelin, sterility in male similarity to CGT KO mouse normal development, defect in nerve regeneration normal development defect in nerve regeneration GM2/GD3 double KO loss of gangliosides except GM3 normal development, lethality to sound stress UDCG:UDP-Glc Ceramide Glucosyltransferase CGT: Ceramide Galactosyltransferase CST: Cerebroside Sufotransferase I GSLs sono distribuiti, nelle membrane cellulari, all interno dei domini lipidici. I microdomini rafts contengono sfingolipidi (GSLs e sfingomielina), colesterolo e anche proteine coinvolte nella trasduzione del segnale, quali la famiglia delle chinasi src.i domini lipidici, pertanto, intervengono in questa importante funzione, oltre a permettere l adesione cellula/cellula e il legame per agenti patogeni (tossina del colera, HIV, etc.). Yoshio Hirabayashi and Soh Osuga (Brain Science Institute, The Institute of Physical nd Chemical Research (RIKEN) 19

20 Uno sguardo sulle tossine. 1. endotossine: LPS (lipopolisaccaridi), prodotti da batteri gram-; in alcuni casi la tossina può essere strettamente associata alla parete cellulare dei gram+ (non-lps endotoxin-like molecules); 2. esotossine: sono molecule batteriche solubili, usualmente secrete nell ambiente intercellulare; occasionalmente sono legate alla superficie batterica e rilasciate a seguito della loro lisi. Ialuronidasi (strepto-staphylo). È una glicosidasi (idrolasi dei polisaccaridi), che interrompe l acido ialuronico (mucopolisaccaride acido maggiore del tessuto connettivo). Dnasi, che agisce sulla eliminazione del pus. Streptochinasi. Attiva la plasmina dal plasminogeno (digestione di coaguli di fibrina). Collagenasi ed elastasi. Lecitinasi (fosfolipasi C), o α-tossina di clostridium perfrigens. Determina lisi di tutte le cellule di mammifero, indiscriminatamente, dal momento che il suo substrato, la fosfatidilcolina (lecitina) è ubiquitario nelle membrane. Molte tossine di questo tipo sono emolisine (es.: l emolisina a freddo di staphylo aureus, che provoca una doppia zona di emolisi, è una sfingomielinasi). Α-tossina di staphylo. Forma degli aggregati esamerici (da cui originano pori omogenei in grandezza) e può coinvolgere recettori cellulari specifici. Streptolisina (emolisina di strepto). Forma pori di varia grandezza, con diverse molecole monometriche e si lega al colesterolo di membrana. Sialidasi (neuraminidasi), prodotta da clostridia, erysipelothrix, vibrioni, salmonella e altri batteri gram+. Il danno dei tessuti deriva da diversi meccanismi: a. degradazione di glicoconiugati nelle membrane cellulari dell ospite; b. aumento dello stimolo antigenico (maggiore incidenza di malattie autoimmuni); c. legame con i recettori specifici (asialoglicoproteine). tossina del bacillus antracis, costituita da 3 proteine: I (edema factor, adenilato ciclasi), II (antigene protettivo, simile alle subunità B), III (fattore letale, che provoca depressione del SNC). La olotossina (ossia, l insieme delle 3 proteine) danneggia i fagociti, aumenta la permeabilità vascolare (nei capillari), inibisce la coagulazione e l effetto battericida del siero ne conseguono: trombosi dei capillari, diminuzione della pressione, fino allo shock, edema ed emorragie, prima della morte. Tossine che bloccano la sintesi delle proteine. Molte di queste hanno una struttura topologica uniforme: A-B. la porzione A è la subunità attiva, la quale agisce all interno della cellula ed è responsabile dell effetto tossico (inbizione della sintesi proteica). La subunità B permette il legame della tossina alla superficie cellulare. In molti casi, tali tossine sono anche ADP-ribosilasi (difterite, pseudomonas aeruginasa, colera, pertosse, LT di e. coli), le quali operano mediante le proteine G della ADP ribosilazione e interferiscono con la regolazione di camp, piuttosto che con la sintesi proteica. 20

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula Mediatore chimico Recettore Trasduzione del segnale Risposta della cellula I mediatori chimici sono prodotti da cellule specializzate e sono diffusi nell organismo da apparati di distribuzione Sistemi

Dettagli

Distribuzione e composizione dei liquidi corporei

Distribuzione e composizione dei liquidi corporei Distribuzione e composizione dei liquidi corporei Cavità principali del corpo umano Dee Unglaub Silverthorn, Fisiologia umana 2010 Pearson Italia S.p.A Organizzazione generale dell organismo: un visione

Dettagli

Funzioni delle proteine del sangue:

Funzioni delle proteine del sangue: PROTEINE DEL SANGUE Funzioni delle proteine del sangue: 1. Funzioni nutrizionali 2. Regolazione dell equilibrio acido base 3. Ripartizione dell acqua nei vari distretti 4. Funzione di trasporto 5. Coagulazione

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it Recettori a tirosina chinasi I recettori a tirosina chinasi presentano vari domini Una regione di legame (extracellulare) Una regione transmembrana Una coda intracellulare con numerose tirosine scaricato

Dettagli

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici MORTE CELLULARE Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici Omeostasi tissutale (di tessuti dinamici) Sviluppo embrionale Eliminazione di strutture corporee inutili - Fasi di scultura/rimodellamento

Dettagli

I LIPIDI. - gruppo eterogeneo sia dal punto di vista chimico che funzionale; caratteristica comune è l insolubilità in acqua

I LIPIDI. - gruppo eterogeneo sia dal punto di vista chimico che funzionale; caratteristica comune è l insolubilità in acqua I LIPIDI I LIPIDI - gruppo eterogeneo sia dal punto di vista chimico che funzionale; caratteristica comune è l insolubilità in acqua - ruolo fondamentale di fornitori di energia (circa 9 kcal/grammo),

Dettagli

frazionamento). Per ciascuna frazione è determinata la quantità di proteine totali e le unità di attività enzimatica della proteina di interesse.

frazionamento). Per ciascuna frazione è determinata la quantità di proteine totali e le unità di attività enzimatica della proteina di interesse. Ogni passaggio della procedura di purificazione determina la separazione delle proteine totali presenti nel campione in una serie di frazioni (frazionamento( frazionamento). Per ciascuna frazione è determinata

Dettagli

TRASDUZIONE DEL SEGNALE LE PRINCIPALI MOLECOLE CHE PROVVEDONO ALLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI TRA LE CELLULE SONO FATTORI SOLUBILI QUALI NEUROTRASMETTITORI, ORMONI, FATTORI DI CRESCITA, CITOCHINE. UN CASO

Dettagli

Le membrane. Struttura e funzione

Le membrane. Struttura e funzione Le membrane Struttura e funzione Le membrane fungono da barriere selettive La membrana plasmatica è importante per molte funzioni Il doppio strato lipidico Molecole anfipatiche FOSFOLIPIDI STEROLI GLICOLIPIDI

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz www.fisiokinesiterapia.biz FARMACODINAMICA La farmacodinamica può essere definita come lo studio degli effetti biochimici e fisiologici dei farmaci e dei loro meccanismi d azione. Gli obiettivi dell analisi

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Regolazione della trascrizione. Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo)

Regolazione della trascrizione. Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo) Regolazione della trascrizione Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo) I geni possono essere accesi e spenti In un organismo pluricellulare adulto, vi sono molti tipi di cellule differenti,

Dettagli

GLICEROLIPIDI, SFINGOLIPIDI, COLESTEROLO 20/03/2013. Introduzione ai Rafts lipidici. Membrana Plasmatica. Glicerolipidi.

GLICEROLIPIDI, SFINGOLIPIDI, COLESTEROLO 20/03/2013. Introduzione ai Rafts lipidici. Membrana Plasmatica. Glicerolipidi. Membrana Plasmatica Introduzione ai Rafts lipidici Membrana Plasmatica Rafts lipidici Glicerolipidi Rafts lipidici GLICEROLIPIDI, SFINGOLIPIDI, COLESTEROLO Figure 10-3 Molecular Biology of the Cell ( Garland

Dettagli

04/04/14. Fondamenti di biochimica Terza edizione. Le ghiandole principali del sistema endocrino. Capitolo 13 La segnalazione biochimica

04/04/14. Fondamenti di biochimica Terza edizione. Le ghiandole principali del sistema endocrino. Capitolo 13 La segnalazione biochimica Fondamenti di biochimica Terza edizione Donald Voet Judith G. Voet Charlotte W. Pratt La segnalazione biochimica Copyright 2013 Zanichelli editore S.p.A. Gli ormoni Conce& chiave 13.1 Gli ormoni endocrini

Dettagli

DOMINI E MODULI 02/04/2014. Domini modulari delle proteine 2

DOMINI E MODULI 02/04/2014. Domini modulari delle proteine 2 Domini modulari delle proteine 1 Proteine della matrice DOMINI E MODULI La maggior parte dei peptidi consiste in disposizioni lineari di regioni globulari, ripiegate in modo indipendente, dette domini,

Dettagli

Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1

Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1 Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1 Il trasporto di sostanze attraverso la membrana cellulare può avvenire con la partecipazione attiva della membrana: in questo caso si parla di trasporto attivo

Dettagli

Seminario. Domini modulari delle proteine 1

Seminario. Domini modulari delle proteine 1 Seminario Proteine della matrice DOMINI E MODULI Domini modulari delle proteine 1 La maggior parte dei peptidi consiste in disposizioni lineari di regioni globulari, ripiegate in modo indipendente, dette

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Biochimica Strutturale con Elementi di Enzimologia corso integrato di Struttura e Funzione delle Macromolecole Biologiche

Biochimica Strutturale con Elementi di Enzimologia corso integrato di Struttura e Funzione delle Macromolecole Biologiche Biochimica Strutturale con Elementi di Enzimologia corso integrato di Struttura e Funzione delle Macromolecole Biologiche Codice Disciplina : BT019 Settore : BIO/10 N CFU: 6 Codice Corso integrato : BT067

Dettagli

LA APOPTOSI DEL GRASSO. Le Motivazioni Scientifiche e La tecnica di esecuzione in tutte le zone dove è presente un accumulo adiposo

LA APOPTOSI DEL GRASSO. Le Motivazioni Scientifiche e La tecnica di esecuzione in tutte le zone dove è presente un accumulo adiposo LA APOPTOSI DEL GRASSO Le Motivazioni Scientifiche e La tecnica di esecuzione in tutte le zone dove è presente un accumulo adiposo Adiposità Dobbiamo specificare che questo trattamento è diretto alla eliminazione

Dettagli

GLUCOSIO E INVECCHIAMENTO

GLUCOSIO E INVECCHIAMENTO GLUCOSIO E INVECCHIAMENTO Numerose sono le teorie per spiegare l eziopatogenesi dell invecchiamento La reazione di Maillard potrebbe contribuire al declino dei tessuti e delle cellule connesso all età

Dettagli

Servizi di Ricerca a Terzi. Luglio 2015

Servizi di Ricerca a Terzi. Luglio 2015 Servizi di Ricerca a Terzi Luglio 2015 Chi siamo Vera Salus Ricerca S.r.l. (VSR) è una target discovery biotech company che mette a disposizione le proprie competenze e la propria strumentazione in qualità

Dettagli

Sistemi di regolazione. MICROBIOLOGIA GENERALE C. Mazzoni 05/16

Sistemi di regolazione. MICROBIOLOGIA GENERALE C. Mazzoni 05/16 Sistemi di regolazione Importanza del controllo I componenti cellulari devono essere presenti nelle giuste concentrazioni. La composizione chimica dell ambiente che circonda la cellula è in contante cambiamento

Dettagli

7a. COMPARTIMENTI INTRACELLULARI

7a. COMPARTIMENTI INTRACELLULARI 7a. COMPARTIMENTI INTRACELLULARI contiene materiale protetto da copyright, ad esclusivo uso personale; non è consentita diffusione ed utilizzo di tipo commerciale molte delle reazioni chimiche che avvengono

Dettagli

Il TCR è un eterodimero costituito da due catene polipeptidiche chiamate catena α ecatenaβ legate insieme da un ponte disolfuro. Entrambe le catene

Il TCR è un eterodimero costituito da due catene polipeptidiche chiamate catena α ecatenaβ legate insieme da un ponte disolfuro. Entrambe le catene I linfociti T sono le cellule dell immunità adattativa responsabili della protezione verso le infezioni ad opera dei microbi intracellulari. Essi derivano da cellule staminali del midollo osseo che si

Dettagli

*Patogenesi. *Più comune malattia da accumulo lisosomiale (1:75'000 nati); AR

*Patogenesi. *Più comune malattia da accumulo lisosomiale (1:75'000 nati); AR *Più comune malattia da accumulo lisosomiale (1:75'000 nati); AR *Errore congenito del metabolismo derivante da un deficit di β-glucocerebrosidasi, glicoproteina lisosomiale codificata dal gene GBA1 (cromosoma

Dettagli

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA ENZIMI PERCHE UNA REAZIONE AVVENGA, SI DEVONO SODDISFARE TRE CONDIZIONI I SUBSTRATI DEVONO ENTRARE IN COLLISIONE LA COLLISIONE DEVE AVVENIRE CON ORIENTAMENTO CORRETTO I REAGENTI DEVONO AVERE ENERGIA SUFFICIENTE

Dettagli

Biologia e sistematica vegetale. Le membrane cellulari

Biologia e sistematica vegetale. Le membrane cellulari Biologia e sistematica vegetale Le membrane cellulari Le cellule richiedono le membrane per la loro esistenza La membrana plasmatica è quella che definisce i confini della cellula e aiuta a creare e mantenere

Dettagli

Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare

Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare Il ciclo cellulare è regolato dall azione di PROTOONCOGENI e (attivatori della proliferazione cellulare) GENI ONCOSOPPRESSORI (inibitori del ciclo

Dettagli

Meccanismi molecolari di trasduzione del segnale. Le vie di trasduzione del segnale sono molto specifiche ed estremamente sensibili.

Meccanismi molecolari di trasduzione del segnale. Le vie di trasduzione del segnale sono molto specifiche ed estremamente sensibili. Meccanismi molecolari di trasduzione del segnale. Le vie di trasduzione del segnale sono molto specifiche ed estremamente sensibili. La sensibilita delle vie di trasduzione dipende da 3 fattori: -l affinita

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

Giunzione neuromuscolare

Giunzione neuromuscolare Il calcio provoca un rimaneggiamento di membrana e la sua conseguente fusione. Questo compito è svolto dalle proteine SNARE che si agganciano tra la membrana interna pre-sinaprica e quella della vescicola.

Dettagli

Corso di Immunologia A.A. 2009-10. Il Sistema del Complemento

Corso di Immunologia A.A. 2009-10. Il Sistema del Complemento Corso di Immunologia A.A. 2009-10 Il Sistema del Complemento 1 IL COMPLEMENTO: Background Il plasma dei vertebrati contiene diverse proteine che, attivandosi sequenzialmente, svolgono una determinata funzione

Dettagli

PROCESSI REGRESSIVI DELLA MATRICE EXTRACELLULARE

PROCESSI REGRESSIVI DELLA MATRICE EXTRACELLULARE PROCESSI REGRESSIVI DELLA MATRICE EXTRACELLULARE Accumulo anomalo di molecole di varia natura nella matrice extracellulare Disorganizzazione del tessuto interstiziale Perdita di funzionalità dell interstizio

Dettagli

FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO

FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO MIELINA La mielina è una sostanza isolante a struttura lamellare, costituita prevalentemente da lipidi e proteine. Alla vista bianco-grigiastra, la mielina riveste esternamente

Dettagli

Rapporti microrganismo-ospite

Rapporti microrganismo-ospite Rapporti microrganismo-ospite La maggior parte dei microrganismi sono utili nell'ambiente sono coinvolti in importanti cicli della materia, trasformazioni geochimiche e processi biologici produttori di

Dettagli

MODIFICAZIONI POST-TRADUZIONALI DELLE PROTEINE

MODIFICAZIONI POST-TRADUZIONALI DELLE PROTEINE MODIFICAZIONI POST-TRADUZIONALI DELLE PROTEINE Nell ultima fase della sintesi proteica la catena polipeptidica neosintetizzata assume spontaneamente la sua conformazione nativa (massimo numero di legami

Dettagli

PRINCIPALI TIPI CELLULARI DEL SISTEMA NERVOSO NEURONI (CELLULE NERVOSE ) CELLULE GLIALI, O GLIA

PRINCIPALI TIPI CELLULARI DEL SISTEMA NERVOSO NEURONI (CELLULE NERVOSE ) CELLULE GLIALI, O GLIA PRINCIPALI TIPI CELLULARI DEL SISTEMA NERVOSO NEURONI (CELLULE NERVOSE ) CELLULE GLIALI, O GLIA Corteccia cerebrale ed aree associate: da 12 a 15 miliardi di neuroni Cervelletto: 70 miliardi di neuroni

Dettagli

Meccanismi Biochimici delle Neurodegenerazioni

Meccanismi Biochimici delle Neurodegenerazioni Meccanismi Biochimici delle Neurodegenerazioni Lesson1 Lesson2 Lesson3 Lesson4 Lesson5 Lesson6 INDEX Intro Aggregazione proteica: ripiegamento delle proteine sistema di controllo qualità delle proteine

Dettagli

Si dividono in: N-glicosilate (su Asparagina) O-glicosilate (su Serina o Treonina. Raramente su Tirosina, idrossiprolina, idrossilisina)

Si dividono in: N-glicosilate (su Asparagina) O-glicosilate (su Serina o Treonina. Raramente su Tirosina, idrossiprolina, idrossilisina) GLICOSILAZIONE La glicosilazione è la modificazione PTM più diffusa. Circa il 50% delle proteine umane sono glicosilate Caratteristica di molte proteine della superficie cellulare e delle d proteine di

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I BIOFISICA DELLE MEMBRANE BIOFISICA DELLE MEMBRANE Le funzioni biologiche di tutti gli organismi viventi si svolgono mediante

Dettagli

COMUNICAZIONE INTERCELLULARE

COMUNICAZIONE INTERCELLULARE COMUNICAZIONE INTERCELLULARE Recettore Cellula segnalante Cellula target Molecola che segnala Cellula segnalante Recettore Cellula target SEGNALI INTERCELLULARI Recettori di superficie La molecola segnalante

Dettagli

Continua. Peptidasi H 2 O

Continua. Peptidasi H 2 O Continua Peptidasi H 2 O Classificazione delle peptidasi 1. Meccanismo catalitico 2. Tipo di reazione catalizzata 3. Struttura molecolare e omologia 1. Meccanismo catalitico (mostrato per la chimotripsina)

Dettagli

Tipi di neurotrasmettitori

Tipi di neurotrasmettitori Tipi di neurotrasmettitori Neurotrasmettitori classici: molecole a basso peso molecolare, di varia natura: acetilcolina amine biogene (dopamina, adrenalina, noradrenalina) istamina aminoacidi (GABA, glicina,

Dettagli

Amminoacidi e Proteine

Amminoacidi e Proteine Amminoacidi e Proteine Struttura generale di un α-amminoacido R = catena laterale AMMINOACIDI (AA) CELLULARI Gli amminoacidi presenti nella cellula possono essere il prodotto di idrolisi delle proteine

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Citotossicità mediata dai linfociti T CD8 + nell eziologia eziologia di patologie neurodegenerative. Manuele Ongari

Citotossicità mediata dai linfociti T CD8 + nell eziologia eziologia di patologie neurodegenerative. Manuele Ongari Citotossicità mediata dai linfociti T CD8 + nell eziologia eziologia di patologie neurodegenerative Manuele Ongari Esame di Immunologia Scuola di specializzazione in Biochimica clinica I LINFOCITI T CD8

Dettagli

Metabolismo: Introduzione

Metabolismo: Introduzione Metabolismo: Introduzione METABOLISMO Insieme delle reazioni chimiche coordinate e integrate che hanno luogo in tutte le cellule C A T A B O L I S M O Ossidazioni esoergoniche Alimenti: Carboidrati Lipidi

Dettagli

ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA IMMUNITARIO

ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA IMMUNITARIO ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA IMMUNITARIO FUNZIONI DEL SISTEMA IMMUNITARIO difesa contro le infezioni difesa contro i tumori riconoscimento dei tessuti trapiantati e di proteine estranee CD34

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

ENERGIA: FORME UTILIZZATE DALLE CELLULE

ENERGIA: FORME UTILIZZATE DALLE CELLULE ENERGIA: FORME UTILIZZATE DALLE CELLULE NEI PROCESSI ANABOLICI - CHIMICA (ENERGIA METABOLICA): ATP ATP ADP + Pi + Energia che viene utilizzata per "far andare avanti" reazioni chimiche che "vorrebbero

Dettagli

PROCESSI DI ADESIONE ED ACCRESCIMENTO DEI TESSUTI: BIOMOLECOLE DI INTERESSE APPLICATIVO

PROCESSI DI ADESIONE ED ACCRESCIMENTO DEI TESSUTI: BIOMOLECOLE DI INTERESSE APPLICATIVO Interazione tra Biomateriali e Tessuti Anno Accademico 2004/2005 PROCESSI DI ADESIONE ED ACCRESCIMENTO DEI TESSUTI: BIOMOLECOLE DI INTERESSE APPLICATIVO Premessa Negli ultimi 20 anni, indagini in campo

Dettagli

Calcio, fosforo e magnesio

Calcio, fosforo e magnesio Calcio, fosforo e magnesio Calcio (Ca 2+) elemento più abbondante del corpo umano (dopo O, C, H, N) 1200 g in totale nell uomo adulto di cui 99% nello scheletro Fosforo (P) 850 g totali nel corpo umano

Dettagli

Regione cerniera monomero regione cerniera

Regione cerniera monomero regione cerniera Regione cerniera Tutte le Ig, sia quelle secrete che quelle presenti sulla membrana plasmatica dei linfociti B, sono costituite da quattro catene proteiche, due pesanti (H, da heavy, in rosso nel disegno)

Dettagli

Si distinguono tre diversi livelli di prevenzione. PRIMARIA Obiettivo: impedire l insorgenza della malattia DIMINUISCE l INCIDENZA

Si distinguono tre diversi livelli di prevenzione. PRIMARIA Obiettivo: impedire l insorgenza della malattia DIMINUISCE l INCIDENZA Determinanti di malattia PROFILASSI GENERALE Soggetto sano Soggetto in fase preclinica di malattia Soggetto in fase clinica di malattia Prevenzione primaria Prevenzione secondaria Prevenzione terziaria

Dettagli

Relazione struttura-funzione

Relazione struttura-funzione Biotecnologie applicate alla progettazione e sviluppo di molecole biologicamente attive A.A. 2010-2011 Modulo di Biologia Strutturale Relazione struttura-funzione Marco Nardini Dipartimento di Scienze

Dettagli

Differenziamento cellulare

Differenziamento cellulare Differenziamento cellulare Differenziamento: acquisizione progressiva di nuove caratteristiche che porta a tipi cellulari specifici (es cell muscolari, neuroni,.) Dopo la fecondazione lo zigote va incontro

Dettagli

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini.

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini. IL LATTE DEFINIZIONE GENERALE Per latte alimentare si intende il prodotto ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e di nutrizione. Le femmine dei

Dettagli

Riproduzione molecolare. Riproduzione cellulare. Riproduzione degli organismi. Gametogenesi (femminile e maschile) Fecondazione

Riproduzione molecolare. Riproduzione cellulare. Riproduzione degli organismi. Gametogenesi (femminile e maschile) Fecondazione ARGOMENTO STRUTTURA CELLULARE CONCETTO DI REGOLAZIONE GENICA REGOLAZIONE GENICA PROCARIOTI REGOLAZIONE GENICA EUCARIOTI trascrizione e maturazione RNA trasporto nucleo-citoplasma sintesi proteica via secretiva

Dettagli

Struttura e funzioni della cellula. Corso di Biofisica, Università di Cagliari 1

Struttura e funzioni della cellula. Corso di Biofisica, Università di Cagliari 1 Struttura e funzioni della cellula 1 Riferimenti Books and others Biological Physics (updated 1 st ed.), Philip Nelson, Chap. 2 Physical Biology of the Cell, Phillips et al., Chap. 2 Movies Exercise 2

Dettagli

IL-2R & IL-15R Alice Praduroux

IL-2R & IL-15R Alice Praduroux Università degli Studi di Torino Facoltà di Biotecnologie Molecolari Anno Accademico 2006/2007 Corso di Immunologia Molecolare IL-2R & IL-15R Alice Praduroux Classificazione Recettori appartenenti alla

Dettagli

Proprietà delle fibre dolorifiche

Proprietà delle fibre dolorifiche IL DOLORE 1 Proprietà delle fibre dolorifiche La percezione del dolore è generata da terminazioni nervose libere che costituiscono la parte sensitiva dei nocicettori (recettori del dolore) Gli assoni che

Dettagli

Nota dell editore Presentazione

Nota dell editore Presentazione 00PrPag 3-08-2007 11:42 Pagina V Autori Nota dell editore Presentazione XI XIII XV Parte I Chimica 1 Struttura dell atomo 3 Teorie atomiche 3 Costituenti dell atomo 4 Numeri quantici 5 Tipi di orbitali

Dettagli

Strutture molecolari della cellula: Bio-macromolecole. Prof. C. Guarino

Strutture molecolari della cellula: Bio-macromolecole. Prof. C. Guarino Strutture molecolari della cellula: Bio-macromolecole Prof. C. Guarino INTRO Ogni cellula vivente racchiude una pluralità di molecole diverse L acqua è l elemento dominante, nelle cellule vegetali e nei

Dettagli

Che significa animale transgenico o animale Knockout???

Che significa animale transgenico o animale Knockout??? Che significa animale transgenico o animale Knockout??? ORGANISMI TRANSGENICI Gli animali che sono stati ingegnerizzati per inserzione di un gene, delezione di un gene o sostituzione di un gene si chiamano

Dettagli

MALATTIE UMANE LEGATE ALL UPP: IL MORBO DI PARKINSON

MALATTIE UMANE LEGATE ALL UPP: IL MORBO DI PARKINSON MALATTIE UMANE LEGATE ALL UPP: IL MORBO DI PARKINSON La degradazione proteica è uno dei meccanismi essenziali che regolano i livelli di proteine cellulari, coinvolto in processi cellulari cruciali dal

Dettagli

Lipidi (ossidazione acidi grassi di membrana) Proteine (idrolisi) DNA (rottura, modificazione delle basi) Ossigeno atmosferico.

Lipidi (ossidazione acidi grassi di membrana) Proteine (idrolisi) DNA (rottura, modificazione delle basi) Ossigeno atmosferico. STRESS OSSIDATIVO I lipidi, così come del resto altre macromolecole quali proteine, carboidrati e acidi nucleici, possono andare incontro a reazioni di ossidazione (Figura 1). L ossidazione è un processo

Dettagli

Metabolismo degli amminoacidi

Metabolismo degli amminoacidi Metabolismo degli amminoacidi Gli amminoacidi derivati in gran parte dalla degradazione delle proteine della dieta o intracellulari possono essere ossidati per generare e energia. La quantità di energia

Dettagli

Costituzione dei viventi

Costituzione dei viventi Costituzione dei viventi La materia e costituita da elementi chimici in forma pura o in combinazioni dette composti 25 dei 92 elementi naturali sono costituenti essenziali dei viventi 4 (C, O,, N) costituiscono

Dettagli

I Composti Organici. Le Biomolecole

I Composti Organici. Le Biomolecole I Composti Organici I composti organici sono molecole tutte contenenti carbonio. Essi comprendono. 1. composti di interesse energetico che sono gli Idrocarburi ( i derivati del petrolio), 2. composti a

Dettagli

La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati. Durante l invecchiamento

La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati. Durante l invecchiamento La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati Durante l invecchiamento L invecchiamento è l incapacità di organi, tessuti, cellule e molecole a mantenere la propria integrità funzionale e strutturale perturbata

Dettagli

Corso di recupero Fisiologia cellulare/ Laboratorio di colture cellulari

Corso di recupero Fisiologia cellulare/ Laboratorio di colture cellulari Corso di laurea magistrale in BIOTECNOLOGIE DELLA RIPRODUZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO Corso di recupero Fisiologia cellulare/ Laboratorio di colture cellulari Prof.ssa Luisa Gioia COMUNICAZIONE

Dettagli

Le vescicole di trasporto trasportano un cargo da un compartimento cellulare ad un altro

Le vescicole di trasporto trasportano un cargo da un compartimento cellulare ad un altro Le vescicole di trasporto trasportano un cargo da un compartimento cellulare ad un altro Le proteine di rivestimento guidano la formazione di queste vescicole polimerizzando sulla superficie delle membrane

Dettagli

LA PROTEOLISI MEDIATA DA UBIQUITINA

LA PROTEOLISI MEDIATA DA UBIQUITINA LA PROTEOLISI MEDIATA DA UBIQUITINA 1 Mentre si è spesa moltissima attenzione e ricerca scientifica verso la comprensione del meccanismo e del controllo della sintesi proteica nel secolo scorso, la funzione

Dettagli

Le PROTEINE sono i biopolimeri maggiormente presenti all interno delle cellule, dal momento che costituiscono dal 40 al 70% del peso a secco.

Le PROTEINE sono i biopolimeri maggiormente presenti all interno delle cellule, dal momento che costituiscono dal 40 al 70% del peso a secco. Le PROTEINE sono i biopolimeri maggiormente presenti all interno delle cellule, dal momento che costituiscono dal 40 al 70% del peso a secco. Svolgono funzioni biologiche di fondamentale importanza e possono

Dettagli

La regolazione genica nei virus

La regolazione genica nei virus La regolazione genica nei virus Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Prof. Rolando Neri I VIRUS INDICE Caratteristiche dei virus: il capside e il genoma virale Classificazione virale Fasi del ciclo riproduttivo

Dettagli

NEUROPATIE AUTOIMMUNI. Autoanticorpi diretti contro i gangliosidi come risultato di neuropatie autoimmuni

NEUROPATIE AUTOIMMUNI. Autoanticorpi diretti contro i gangliosidi come risultato di neuropatie autoimmuni NEUROPATIE AUTOIMMUNI Autoanticorpi diretti contro i gangliosidi come risultato di neuropatie autoimmuni Rilevanza delle neuropatie autoimmuni Di recente, ha destato interesse presso i neurologi la disponibilità

Dettagli

APOPTOSI NECROSI: PROCESSO PASSIVO APOPTOSI: PROCESSO ATTIVO HORWITZ E SULSTAN NOBEL 2002 CED = Caenorhabditis Elegans Death genes CASPASI = Cistein-proteasi caratterizzate da un residuo Cys, necessario

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Con il supporto cellulare e la regolazione degli organi siamo ora al 3 livello o pilastro del trattamento omotossicologico. Il supporto organico è

Con il supporto cellulare e la regolazione degli organi siamo ora al 3 livello o pilastro del trattamento omotossicologico. Il supporto organico è Con il supporto cellulare e la regolazione degli organi siamo ora al 3 livello o pilastro del trattamento omotossicologico. Il supporto organico è assolutamente essenziale nelle malattie croniche e negli

Dettagli

Her-2 nel carcinoma mammario

Her-2 nel carcinoma mammario Her-2 nel carcinoma mammario Piera Balzarini U.O. Anatomia Patologica Università degli Studi di Brescia Spedali Civili di Brescia Il gene ERBB2 dà origine ad un recettore tirosin-chinasico appartenente

Dettagli

Strumenti e Tecniche di studio in patologia

Strumenti e Tecniche di studio in patologia Strumenti e Tecniche di studio in patologia Gli strumenti della patologia: Microscopia Biologia molecolare Indagini biochimiche Microscopia Ottica citopatologia ed istopatologia citochimica ed istochimica

Dettagli

IL RUOLO DEL MEDICO NUCLEARE NELL'IMAGING POLMONARE LOCALMENTE AVANZATA E. Giuseppe De Vincentis

IL RUOLO DEL MEDICO NUCLEARE NELL'IMAGING POLMONARE LOCALMENTE AVANZATA E. Giuseppe De Vincentis IL RUOLO DEL MEDICO NUCLEARE NELL'IMAGING E NEL TRATTAMENTO DELLA NEOPLASIA POLMONARE LOCALMENTE AVANZATA E METASTATICA Giuseppe De Vincentis 18 FDG PET: presupposti La degenerazione cancerosa si associa

Dettagli

Recettori di superficie

Recettori di superficie Recettori di superficie Esistono 3 classi principali di recettori di superficie 1. Recettori annessi a canali ionici 2. Recettori accoppiati alle proteine G 3. Recettori associati ad enzimi Recettori

Dettagli

Prof. Maria Alessandra Santucci

Prof. Maria Alessandra Santucci La famiglia Abl consiste di due isoforme Abl (1a e 1b ) e due isoforme Arg (1a e 1b). Le isoforme di tipo b contengono un sito di miristoilazione all N-teminale che manca nelle isoforme a. c-abl è una

Dettagli

ITIS Marconi - Padova Esame di Stato 2011/2012. Tesina sperimentale NEURAMINIDASI E FARMACI ANTI-INFLUENZALI

ITIS Marconi - Padova Esame di Stato 2011/2012. Tesina sperimentale NEURAMINIDASI E FARMACI ANTI-INFLUENZALI ITIS Marconi - Padova Esame di Stato 2011/2012 Tesina sperimentale NEURAMINIDASI E FARMAI ANTI-INFLUENZALI andidato: Marcello Dolano 5 I Relatore: prof. Mauro Tonellato NEURAMINIDASI E FARMAI ANTI-INFLUENZALI

Dettagli

I MARCATORI TUMORALI CLASSICI

I MARCATORI TUMORALI CLASSICI I MARCATORI TUMORALI CLASSICI Serenella Valaperta - Laboratorio Analisi Vanzago, 14 aprile 2011 Marcatore tumorale una sostanza misurabile quantitativamente nei tessuti e nei liquidi corporei, che possa

Dettagli

Energia chimica. muscolo. Energia meccanica

Energia chimica. muscolo. Energia meccanica Energia chimica muscolo Energia meccanica ! " # " Muscolo scheletrico Connettivo Fibre muscolari Vasi sanguigni Nervi Reticolo sarcoplasmatico Miofibrille Sarcolemma Tubuli T Nuclei Sarcoplasma Mitocondri

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata - Corso di Laurea in Scienze Biologiche - Immunologia Molecolare - dott. Claudio PIOLI - a.a.

Università di Roma Tor Vergata - Corso di Laurea in Scienze Biologiche - Immunologia Molecolare - dott. Claudio PIOLI - a.a. Anticorpi generalità Riconoscimento antigene Anticorpi Molecole MHC Recettore per l Ag dei linfociti T (TCR) Anticorpi riconoscono diversi tipi di strutture antigeniche macromolecole proteine, lipidi,

Dettagli

B.A.M.C.O MANTOVA 28 GENNAIO 2013. CELLULE STAMINALI E MALATTIE NEURODEGENERATIVE: stato dell arte e prospettive future. CHIARA FORONI, Ph.D.

B.A.M.C.O MANTOVA 28 GENNAIO 2013. CELLULE STAMINALI E MALATTIE NEURODEGENERATIVE: stato dell arte e prospettive future. CHIARA FORONI, Ph.D. B.A.M.C.O MANTOVA 28 GENNAIO 2013 CELLULE STAMINALI E MALATTIE NEURODEGENERATIVE: stato dell arte e prospettive future CHIARA FORONI, Ph.D. Sì, ma io sono così confusa Sai, quando ero una piccola cellula

Dettagli

METABOLISMO DEL Glucosio

METABOLISMO DEL Glucosio METABLISM DEL Glucosio Il metabolismo del glucosio può essere suddiviso nelle seguenti vie metaboliche: Glicolisi ssidazione del glucosio in acido piruvico e acido lattico. Via del pentoso fosfato Via

Dettagli

Citosol Ribosomi Sintesi proteica

Citosol Ribosomi Sintesi proteica CITOSOL (1) Citosol Ribosomi Sintesi proteica Biotecnologie_2012 Tutta la porzione non strutturata che costituisce la parte liquida del citoplasma. In esso si trovano in soluzione tutte le molecole necessarie

Dettagli

Le risposte indotte dai messaggeri primari hanno come risultato quello di adattare l organismo alle condizioni imposte dall ambiente esterno o

Le risposte indotte dai messaggeri primari hanno come risultato quello di adattare l organismo alle condizioni imposte dall ambiente esterno o Negli organismi superiori l integrazione funzionale dei vari organi è resa possibile da informazioni che vengono diramate per via nervosa o per via umorale. Sebbene funzionalmente distinti, questi due

Dettagli

NANOTECNOLOGIE PER LO STUDIO E LA CURA DEL CERVELLO

NANOTECNOLOGIE PER LO STUDIO E LA CURA DEL CERVELLO NANOTECNOLOGIE PER LO STUDIO E LA CURA DEL CERVELLO Tre punti chiave: 1. POTENZIALE DELLE NANOTECNOLOGIE IN AMBITO DIAGNOSTICO E TERAPEUTICO 2. COSA INTENDIAMO PER NANOMEDICINA 3. COME SVILUPPARE NANOFARMACI

Dettagli

27-08-2014 12+1 1 / 2

27-08-2014 12+1 1 / 2 Quotidiano Data Pagina Foglio 27-08-2014 12+1 1 / 2 Codice abbonamento: 097156 Quotidiano Data Pagina Foglio 27-08-2014 12+1 2 / 2 Codice abbonamento: 097156 Quotidiano Data Pagina Foglio 27-08-2014 22

Dettagli

PROTEINE. Amminoacidi

PROTEINE. Amminoacidi PROTEINE Le proteine sono le macromolecole alla base delle attività cellulari. Sono oltre diecimila per cellula, dove svolgono differenti funzioni: Sono ad esempio: enzimi: aumentano la velocità delle

Dettagli

SINTESI DELL RNA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione

SINTESI DELL RNA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione SINTESI DELL RNA Replicazione Trascrizione Traduzione L RNA ha origine da informazioni contenute nel DNA La TRASCRIZIONE permette la conversione di una porzione di DNA in una molecola di RNA con una sequenza

Dettagli

IL 12R e IL 27R. Diego Alberti

IL 12R e IL 27R. Diego Alberti IL 12R e IL 27R Diego Alberti Caratteristiche generali IL 12R e IL 27R appartengono alla famiglia di citochine/recettori di tipo I La classe I di recettori è caratterizzata da 4 residui di cisteina conservati

Dettagli

Programmi a.s. 2014-15

Programmi a.s. 2014-15 Disciplina ALIMENTAZIONE Docente BIFFANTI SUSANNA Classi 1 sezione/i A, B Programmi a.s. 2014-15 MODULO 1 - IGIENE NELLA RISTORAZIONE u.d 1.1 I MICRORGANISMI Caratteristiche generali, classificazione.

Dettagli

Biosintesi non ribosomiale di metaboliti peptidici bioattivi

Biosintesi non ribosomiale di metaboliti peptidici bioattivi Biosintesi non ribosomiale di metaboliti peptidici bioattivi Principali bersagli degli antibiotici Gli antibiotici derivano per la maggior parte da composti naturali Strutture di alcuni peptidi bioattivi

Dettagli