della Provincia di Roma sui derivati finanziari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "della Provincia di Roma sui derivati finanziari"

Transcript

1 DERIVATI Presentazione del servizio di assistenza della Provincia di Roma sui derivati finanziari

2

3 Le indagini Istituzionali 2005 Commissione i Finanze della Camera Commissione i Finanze della Camera. Indagine conoscitiva sulle problematiche relative alla diffusione degli strumenti finanziari derivati. Aggiornamento indagine conoscitiva del Senato della Repubblica. Dossier sugli strumenti finanziari derivati e le cartolarizzazioni nelle pubbliche amministrazioni Commissione Finanze e Tesoro del Senato della Repubblica. Indagine conoscitiva sull utilizzo dei derivati nella P. A.

4 Cosa sono Strumenti finanziari il cui valore dipende ( deriva ) dall andamento di un attività sottostante che può essere finanziaria (azioni, tassi di interesse) o reale (oro, petrolio etc). Finalità C Copertura: Proteggere la propria posizione da variazioni dei prezzi di mercato: ad es. con il derivato si neutralizza la variabilità dei tassi di interesse o dei tassi di cambio; inoltre è possibile modificare le caratteristiche ti del debito ristrutturandolo tt e riducendo quindi il costo; Speculazione: realizzare un profitto basato sull evoluzione attesa del prezzo sottostante; t t Arbitraggio: quando si sfrutta un momentaneo disallineamento tra l andamento del prezzo del derivato e quello dello strumento t sottostante.

5 Rischi Complessità dello strumento; Errori nelle valutazioni degli andamenti futuri delle variabili finanziarie; Rischio di controparte ovvero rischio di credito. Problemi Costi e commissioni implicite non valutate; Esposizione dei bilanci alla volatilità dei mercati finanziari; Occultamento di operazioni di finanziamento dietro l operazione di ristrutturazione del debito; Trasferimento alle generazioni future degli oneri aggiuntivi generati dalle operazioni;

6 Dimensioni del mercato Valore del debito nozionale ineterssato da derivati alla fine di marzo 2009: 24.5 mld Euro; Valore di mercato (ovvero perdita o guadagno potenziale): mld Euro; Comuni che hanno stipulato derivati (fine 2007): 737 di cui 82 al di sotto di 2000 abitanti; Province che hanno stipulato derivati (alla fine del 2007): 40

7 2009 Commissione Finanze e Tesoro del Senato della Repubblica Documento conclusivo La Commissione RILEVA Elementi dai quali si evidenziano operazioni poco trasparenti e condizioni di non adeguato equilibrio tra gli interessi delle PA e quelle delle Banche proponenti i contratti. Sinking fund incompatibile con le regole che presiedono l attività degli enti territoriali Necessità di un fondo accantonamento quote capitale per le operazioni bullet Necessità di chiarire la portata della dichiarazione di operatore qualificato richiesta dalla norma ( art.41 tuf) Confusione tra Advisor e banca controparte PROPONE IL DIVIETO DI SOTTOSCRIZIONE DEI CONTRATTI DERIVATI AGLI ENTI DI Più PICCOLE DIMENSIONI ED AI COMUNI CON POPOLAZIONE INFERIORE A ABITANTI CON ESCLUSIONE DEI CAPOLUOGHI DI PROVINCIA istituzione di un organismo pubblico di consulenza

8 Finalità non di copertura dei contratti Utilizzo dell up front per spese correnti Utilizzo dei differenziali positivi per spese correnti invece che per spese in conto capitale Procedure di scelta dei contraenti non rispettose dei criteri di concorsualità Procedure amministrative non regolamentate Presenza della giurisdizione inglese Previsione del rilascio di una delega di pagamento a fronte del derivato Qualificazione impropria degli enti come operatori qualificati Conflitto di interesse tra advisor e controparti

9 Finalità I derivati sono strumento di gestione del debito finalizzati alla copertura dai rischi di tasso. Il fine è contenere il rischio derivante dall esposizione all aumento dei tassi e ridurre il costo dell indebitamento. In realta sono stati utilizzati per il reperimento di risorse aggiuntive Up front L up front è il premio che una controparte (banca) può corrispondere all altra parte (ente locale) al momento della stipula del contratto. Tale somma è in realtà un vero e proprio debito. Esso è stato utilizzato per il finanziamento di spese correnti, con una sostanziale violazione del dettato costituzionale ex art. 119.

10 Richiesta, da parte dei contraenti, del rilascio della delegazione di pagamento a garanzia delle operazioni. Rapporti con le banche Rilascio della dichiarazione di operatore specializzato da parte degli enti, in particolar modo in quelli di minore dimensione, pur in presenza di limitata conoscenza dei mercati finanziari Presenza di clausole che tendono ad escludere l applicazione dell eccessiva onerosità dei contratti a vantaggio delle banche Sottoposizione dei contratti alla legge inglese e scrittura degli stessi in lingua inglese

11 Assenza di procedure selettive nella scelta dell intermediario finanziario Problemi procedurali Mancata distinzione tra la figura dell advisor e l operatore finanziario con cui sono stati stipulati i contratti Incertezza e incoerenza nelle procedure amministrative seguite per la stipulazione dei contratti con sovrapposizione di ruoli tra Consiglio, Giunta e Dirigente e in ogni caso assenza di disciplina specifica nel regolamento di contabilità dell ente

12 Allocazione impropria i dell up front Problemi contabili Allocazione impropria dei flussi differenziali positivi e negativi Totale assenza della rilevazione del MTM, cioè del valore teorico di chiusura del contratto.

13 Assenza di procedure per la valutazione della convenienza economica complessiva dell operazione Problemi gestionali Valutazione economica effettuata dagli operatori finanziari, i i senza sufficiente i contraddittorio con l ente, con evidente conflitto di interesse. Assenza di procedure e previsioni contrattuali per il monitoraggio costante del mark to market al fine di valutare l esposizione dell ente e quindi le eventuali poste da inserire in bilancio in via prudenziale.

14 Convenienza economica Accertamento della convenienza economia complessiva dell operazione Il vantaggio che deve essere preso in considerazione i non è la sola attualizzazione i del flussi, ma in una valutazione finanziaria e economica della complessiva situazione dell ente, in relazione ai rischi e all allungamento del debito (pag. 4 delibera 52/2008). La valutazione deve considerare: Rischi del nuovo debito Durata del nuovo debito Modalità di estinzione i nuovo debito La valutazione deve essere fatta necessariamente ex ante; In molti casi la convenienza economica è stata effettuata dalle banche con evidente conflitto di interesse. Assenza della previsione di monitoraggio costante del mark to market al fine di valutare l esposizione dell ente e quindi le eventuali poste da inserire in bilancio in via prudenziale.

15 La normativa Legge n. 448 del 28/12/2001, art D.M. Economia n. 389 del 1/12/2003 Circolare MEF del 27/5/2004 di riferimento Legge n. 296 del 27/12/2006, art.1 commi 736,737,738 - Circolare Mef n 296 del 31 gennaio 2007 Legge n. 244 del 24/12/2007, art.1 commi da 381 a 384 D.l. n.112 del 25/6/2008 art Legge n. 203 del 22/12/2008 art. 3

16 DERIVATI Essere consapevoli di quello che si fa Rispondere alla sfida che deriva dal dichiararsi operatore qualificato Colmare il gap informativo e professionale con gli interlocutori bancari IC Comuni e la Provincia i diroma insieme Per una gestione consapevole Rispondere al meglio a alle Sollecitazioni della Corte dei Conti e della normativa e quindi provare a sviluppare la nota informativa Come obiettivi ulteriori sviluppare la capacità di seguire il contratto per Evitare di incorrere in responsabilità nel caso di inerzie Si prende alla lettera l auspicio della Corte dei Conti che si fondava sulla possibilità di mettere in rete contratti tti e valutazioni e condizioni

17 Decreto Legge 25 giugno 2008 n. 112 Art. 62 comma 8, come modificato dall art. 3 della legge 22 dicembre 2008 n.203 Gli enti di cui al comma 2 allegano al bilancio di previsione e al bilancio i consuntivo una nota informativa che evidenzi i gli oneri e gli impegni finanziari, rispettivamente stimati e sostenuti, derivanti da contratti relativi a strumenti finanziari derivati o da contratti di finanziamento che includono una componente derivata.

18 STRUTTURA DELLO SWAP Data Nozionale Tasso Fisso Tassi Fisso Tasso Floor Tasso Variabile Pagato Cap Tasso Cap Floor Incassato Pagato Digitale 30/06/ ,16 4,8610 4,5 30/06/ ,89 4,8312 4,5 31/12/ ,78 4,8181 Indice + 0,75 5,85 6,60 3,15 4,60 30/06/ ,35 4,8034 Indice + 0,75 5,85 6,60 3,15 4,60 31/12/ ,94 4,7871 Indice + 0,75 5,85 6,60 3,15 4,30 30/06/ ,68 4,7688 Indice + 0,75 5,85 6,60 3,15 4,30 31/12/ ,26 4,7482 Indice + 0,75 5,85 6,60 3,15 4,30 30/06/ , ,7251 Indice + 0, , , , ,30 31/12/ ,30 4,6990 Indice + 0,75 5,85 6,60 3,15 4,30 30/06/ ,10 4,6694 Indice + 0,75 5,85 6,60 3,15 4,30 31/12/ ,97 4,6356 Indice + 0,75 5,85 6,60 3,15 4,30 30/06/ ,19 4,5969 Indice + 0,75 5,85 6,60 3,15 4,30 31/12/ ,27 4,5522 Indice + 0,75 5,85 6,60 3,15 4,30 30/06/ ,67 4,5002 Indice + 0,75 5,85 6,60 3,15 4,30 31/12/ ,56 4,4393 Indice + 0,75 5,85 6,60 3,15 4,00 30/06/ , ,3670 Indice + 0, , , , ,00 31/12/ ,35 4,2804 Indice + 0,75 5,85 6,60 3,15 4,00 30/06/ ,58 4,1749 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 31/12/ ,40 4,0441 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 30/06/ ,22 3,8784 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 31/12/ ,05 3,8620 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 30/06/ ,51 3,8426 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 31/12/ ,35 3,8338 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 30/06/ ,24 3,8232 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 31/12/ ,40 3,8105 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 30/06/ ,23 3,7947 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 31/12/ ,47 3,8004 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 30/06/ ,65 3,8073 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 31/12/ ,50 3,8163 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 30/06/ ,61 3,8279 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 31/12/ , ,8259 Indice + 0, , , , ,60 30/06/ ,93 3,8234 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 31/12/ ,14 3,8206 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 30/06/ ,18 3,8168 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 31/12/ ,48 3,8114 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 30/06/ ,40 3,8031 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 31/12/ ,64 3,8052 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 30/06/ ,07 3,8092 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 31/12/ ,61 3,8207 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 30/06/ ,16 4,0617 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 31/12/ ,51 4,0618 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 Indice = Euribor 6 mesi - base: act/360 - fixing: 2 BD in advanced

19 ALLEGATO BILANCIO DI PREVISIONE art. 62 DL 112/2008 comma 8 Ente: Comune di XYZ Controparte: Banca ABC Tipo contratto : Interest Rate Swap Denominazione Contratto : Irs con Collar Digitale Data di Sottoscrizione: 17/11/2006 Nozionale Iniziale: ,89 Nozionale al : ,68 Durata: 20 anni Data Inizio: 30/06/2006 Data Fine: 31/12/2026 UP-Front NO Tassi scambiati Tasso fisso medio sul totale indebitamento alla data di sottoscrizione (base Tasso A (pagato dalla Controparte) 30/360 - Unadjusted). Dal 30/06/06 al 30/06/2007: paga tasso fisso pari al 4,50% (base: Act /360 adjusted) ; Tasso B (pagato dall' Ente) Dal 30/06/2007 al 31/12/2026: tasso variabile, delimitato all'interno di un tetto massimo (Cap) e da un livello minimo (Floor), maggiorato da uno spread. Definizione Tasso Variabile Indice di riferimento (pagato dall'ente) Euribor 6 mesi (base: Act/360 Adjusted - Fixing: 2 BD in Advanced) Spread (pagato dall' Ente) 0,750% Componenti Opzionali Cap 5,85%; Floor 3,15% fino al 31/12/2024; 2,80% fino a scadenza; Digital Floor Mark to market Alla data di stipula (17/11/2006) : ,13 Al 10/03/2009 : ,16 Flussi semestrali (Differenziali Attesi) giu ,62 dic ,72 giu ,39 dic ,20 giu ,46 dic ,19 Totale ,58 Strategie Creazione fondo Rischi Estinzione anticipata in ipotesi di MTM positivo Valore tasso al momento della sottoscrizione Valore tasso semestre di riferimento 4,8610% 4,7668% 4,5000% 4,3000%

20 PIANO FINANZIARIO DEI DIFFERENZIALI ATTESI Data Nozionale Tasso A Gamba A Tasso B Gamba B Differenziali Differenziali attesi al 09/03/2009 attesi al 17/11/2006 Delta 30/06/ ,68 4, ,67 4, , , , ,10 31/12/ ,26 4, ,98 4, , , , ,62 30/06/ ,73 4, ,91 4, , , , ,27 31/12/ ,30 4, ,95 4, , , , ,70 30/06/ , , ,29 4, , , , ,44 30/12/ ,97 4, ,10 4, , ,19 424, ,56 29/06/ ,19 4, ,09 4, , ,16-361, ,65 31/12/ ,27 4, ,20 3, , , , ,62 28/06/ ,67 4, ,52 4, , , , ,10 31/12/ ,56 4, ,85 4, , , , ,17 30/06/ ,54 4, ,50 4, , , , ,50 31/12/ ,35 4, ,95 4, , , , ,19 30/06/ ,58 4, ,17 4, , , , ,53 31/12/ ,40 4, ,43 4, , , , ,02 30/06/ ,22 3, ,16 4, , , , ,90 30/12/ ,05 3, ,15 4, , , , ,49 30/06/ ,51 3, ,50 4, , , , ,09 29/12/ ,35 3, ,70 4, , , ,42 87,91 29/06/ , , , , , , , ,60 31/12/ ,40 3, ,63 4, , , , ,38 28/06/ ,23 3, ,12 5, , , , ,10 31/12/ ,47 3, ,68 5, , , , ,26 30/06/ ,65 3, ,62 5, , , , ,34 31/12/ ,50 3, ,94 5, , , , ,90 30/06/ ,61 3, ,99 5, , , , ,17 31/12/ , , , , , , , ,13 30/06/ ,93 3, ,91 5, , , , ,80 30/12/ ,14 3, ,22 5, , , , ,30 30/06/ ,18 3, ,05 5, , , , ,91 29/12/ ,48 3, ,78 5, , , , ,53 28/06/ ,40 3, ,77 4, , , ,18-256,15 31/12/ ,64 3, ,92 5, , , ,49-335,54 30/06/ , , ,95 5, , , ,08-345,94 31/12/ ,61 3, ,07 5, , , ,82-207,77 30/06/ ,16 4, ,90 5, ,01-84,11-67,38-16,73 31/12/ ,51 4, ,05 5, ,13-43,08-35,77-7,31 Totale: , , , , ,80 La colonna differenziali indica i valori netti attesi dei flussi di cassa alle date di pagamento

21 ANALISI DEI FLUSSI DI CASSA PIANO FINANZIARIO DIFFERENZIALI SCAMBIATI - DIFFERENZIALI ATTESI ALLA DATA DI SOTTOSCRIZIONE

22 ANALISI DEI RISCHI TASSO FORWARD si ipotizza che il tasso Euribor 6 mesi cresca nel tempo sulla base dei tassi di mercato attesi; Si analizzano i flussi di cassa generati nei periodi successivi sulla base di ipotesi sull andamento della curvadei tassi forward d ll d i t i f d Inferiore; CASO ESTREMO POSITIVO si iipotizza che iltasso Euribor 6 mesi venga costantemente fissato, nel corso della vita dello Swap, ad un valore più basso rispetto alla Barriera I f i CASO ESTREMO NEGATIVO si ipotizza che il tasso Euribor 6 mesi venga costantemente fissato, nel corso della vita dello Swap, ad un valore più alto rispetto alla Barriera Superiore;

23 CASO ESTREMO INFERIORE Data Nozionale Tasso A Gamba A Tasso B Gamba B Opzioni B Differenziali 30/06/ ,68 4, ,67 4, ,05 FIX 6.131,62 31/12/ ,26 4, ,98 4, ,26 DOWN ,72 30/06/ ,73 4, ,91 4, ,52 DOWN ,39 31/12/ ,30 4, ,95 4, ,75 DOWN ,20 30/06/ ,10 4, ,29 4, ,83 DOWN ,46 30/12/ ,97 4, ,10 4, ,91 DOWN 9.259,19 29/06/ ,19 4, ,09 4, ,93 DOWN 8.323,16 31/12/ ,27 4, ,20 4, ,77 DOWN 4.207,43 28/06/ ,67 4, ,52 4, ,61 DOWN 6.706,91 CASO ESTREMO SUPERIORE Data Nozionale Tasso A Gamba A Tasso B Gamba B Opzioni B Differenziali 30/06/ ,68 4, ,67 4, ,05 FIX 6.131,62 31/12/ , , , , ,87 87 UP , /06/ ,73 4, ,91 6, ,65 UP ,74 31/12/ ,30 4, ,95 6, ,92 UP ,97 30/06/ ,10 4, ,29 6, ,23 UP ,94 30/12/ ,97 4, , , , UP , /06/ ,19 4, ,09 6, ,57 UP ,48 31/12/ ,27 4, ,20 6, ,67 UP ,47

24 ANALISI DEI RISCHI SENSITIVITA Variazione dei flussi di cassa netti e del Valore di Mercato del derivato sulla base di shock paralleli o shift Irregolari delle curve. Si analizzano gli effetti in termini di flussi di cassa e di mark-to-market in ipotesi di shock di curva e sulla base di simulazioni di tasso. ANALISI PER SCENARI generazione di scenari e distribuzione probabilistica al fine di stimare i costi e i benefici delle operazioni.

25 Le barriere inferiori della struttura presentano probabilità molto alte di essere superate dall indice nei prossimi semestri; tali valori risultano inizialmente decrescenti nel corso del tempo. La probabilità media per tutta la struttura, ponderata per i valori nominali, è pari al 58.53%. Al momento della sottoscrizione del derivato quest ultimo dato era pari al 30,80%. Le barriere superiori della struttura presentano probabilità basse di essere superate dall indice; tali valori risultano crescenti nel corso del tempo. La probabilità media di tutta la struttura, ponderata per i valori nominali, è pari al 10,54% Al momento della sottoscrizione del derivato quest ultimo dato era pari al 9,02%.

26 Mark to Market La struttura del derivato può essere scomposta nei seguenti elementi: Al momento della sottoscrizione del drivato il mark- to market era il seguente:

27 RESOCONTO DELL'ATTIVITA' DEL SERVIZIO COMUNI ADERENTI 7 AMMONTARE DEL DEBITO SOTTOSTANTE ,930 NUMERO DI CONTRATTI ESAMINATI 14 QUESTIONARI COMPILATI ON LINE 10 NUMERO DI DELIBERE/DETERMINAZIONI ESAMINATE 23 REPORT CONSEGNATI 7

28 DENOMINAZIONE CONTRATTO IMPORTO DEBITO SOTTOSTANTE ANNO DI SOTTOSCRIZIONE CS con Up front , Irs con collar , Interst rate swap plain vanilla , Interst rate swap plain vanilla , Interst rate swap plain vanilla , Mirror Swap , Irs con Collar , Irs con Purple Collar , Collar swap , Collar swap , Amortising i swap con collar , Zero cost collar in arriears , Irs con Purple Collar , Amortising swap con collar ,

29 Questionario on line Come hanno risposto i comuni ( n. 10 questionari ) Domanda Si No Domanda Si No Contratto in essere conseguente a precedente rinegoziazione (indicare si o no) 7 3 Stima dei differenziali prima della sottoscrizione 7 3 Presenza all'interno dell'ente di personale con esperienza e competenza finanziaria al momento della sottoscrizione: 3 7 Quantificazione Mark to Market alla data di negoziazione Nessuna risposta L'ente di è avvalso di consulenza indipendente 10 L'ente è riuscito a quantificare i differenziali di cassa (fissati o prospettici) generati dal derivato 3 7 La banca controparte rivestiva anche le funzioni di Advisor 8 2 L'ente è riuscito a monitorare il mtm del derivato 10 L'ente ha valutato gli effetti in termini di differenziali attesi prospettici del derivato nel 10 corso degli anni L'ente ha avuto accesso con frequenza periodica ai dati di mercato o analisi ispecialistiche sull'operazione in derivati 9 1 L'ente era a conoscenza del valore di mercato e/o della sesitività dello stesso alle variazioni dei tassi di mercato 9 1 Indicare se è stata inviata la comunicazione al MEF: 9 1

30 Questionario on line Come hanno risposto i comuni ( n. 10 questionari ) Obiettivo primario della sottoscrizione e/o rinegoziazione Finalità dei contratti Ristrutturazione indebitamento Ottenere flussi di cassa positivi 10 2 Riduzione rischi 1 Finanziamento investimenti 1

31 Questionario on line - Come hanno risposto i comuni ( n. 10 questionari ) Procedure amministrative Procedura Consiglio Indicare quali dei seguenti atti autorizzativi interni sono stati adottati con riferimento i alle operazioni i in derivati Indicare quali dei seguenti atti autorizzativi interni sono stati adottati con riferimento alle eventuali operazioni di rinegoziazione Delibera di Comunale Delibera di Giunta Comunal e DD Altro Qualificazione impropria degli enti come operatori qualificati Specificare se il Vostro Comune è stato classificato Retail 0 Qualificato 7 Nessuna 3

32 Questionario on line - Come hanno risposto i comuni ( n. 10 questionari ) Indicare, se conosciuto, rating della Banca controparte Rating controparte Non conosciuto 7 Conosciuto 0 Vuoto 3 Da quale legge è regolata l'operazione in derivati? Qual è la giurisdizione competente? Presenza della Normativa Italiana 9 giurisdizione inglese Normativa anglosassone ( isda ) 1 Altro 0

33 Questionario on line - Come hanno risposto i comuni ( n. 10 questionari ) Il vostro comune ha usufruito di consulenza esterna finanziaria e/o legale con riferimento all operazione in derivati Conflitto di interesse tra advisor e controparti Si 3 No 7 Vuoto 0

34 ANALISI FINANZIARIA Up front Ricevuto 6 Pagato 1 Non Percepito 6 Ammontare Rientrante nel limite dell'1% del nozionale 5 inizialei i Non rientrante nel limite 1% del 2 nozionale iniziale Destinazione Non ricavabile dalla documentazione ricevuta Destinato alla chiusura anticipata di un precedente contratto Destinato alla riduzione indebitamento t finanziamento opere pubbliche 5 2 1

35 ANALISI FINANZIARIA Analisi dei flussi di cassa netti Contratti che presentano un flusso di cassa netto negativo 7 Flussi di cassa scambiati al 30/6/2010 Flussi futuri ( curva forward) Contratti per i quali si prevedono flussi di cassa negativi , ,94 Analisi del MTM ad oggi mark to market negativo 10 mark to market positivo , ,46 Differenziale Differenziale , ,52

36 ANALISI FINANZIARIA Contratti con Costi impliciti Contratti con Opzioni digitali 6 3 Contratti da fisso a variabile rischio di tasso Amortising Swap 6 2

37 AREE DI CRITICITA` RILEVATE NELL ANALISI GIURIDICO LEGALE DEI SINGOLI CONTRATTI ( i contratti presi in considerazione sono n.11 relativi a n.5 report già consegnati) Procedura autorizzativa seguita Classificazione del Comune Distinzione i della posizione i di advisor da quella di controparte t bancaria nell operazione in derivati Rating della controparte bancaria

38 Aree di Criticità rilevate nell'analisi giuridico - legale dei singoli contratti (N.11) Procedura/Documentazione autorizzativa Completa 4 Incompleta 2 Non ricevuta 5 Classificazione del Comune. Cliente retail o non professionale 0 Cliente/operatore qualificato o professionale 10 Nessuna classificazione 1 Distinzione della posizione di advisor da quella di controparte bancaria nell operazione in derivati Sì 0 Rating della controparte bancaria Adeguato (conforme al D.M. 389/2003) 1 No 5 Non applicabile 5 Nessuna rilevazione 1 Non adeguato (non conforme al D.M. 389/2003) 0 Non conosciuto 10

39 Aree di Criticità rilevate nell'analisi giuridico - legale dei singoli contratti Possibilità di attivare un procedimento giudiziario nei confronti della controparte bancaria. Sì 2 No 2 Da valutare 3 Non applicabile 4 Possibilità di esperire la procedura di annullamento per autotutela Sì 2 No 0 Non applicabile 9 Nessuna rilevazione 0

40 DERIVATI Obiettivo prioritario: La Redazione della nota informativa ex art. 62, comma 8, d.l. n. 112/2008 I Comuni e la Provincia di Roma insieme Per una gestione consapevole Obiettivi secondari: Valutazione della convenienza economica delle nuove operazioni Creazione di una rete informativa sulle condizioni contrattuali Assistenza e valutazione dell informativa finalizzata alla trasparenza dei contratti, in linea con la bozza di regolamento MEF in corso di preparazione Costruzione di una comunità di enti e di operatori per la gestione e valutazione delle problematiche inerenti gli strumenti finanziari a disposizione degli enti locali.

41 Attività da svolgere insieme Assistenza diretta nella rinegoziazione dei contratti con le banche Assistenza legale per eventuali contenziosi con le banche Negoziazione unitaria delle condizioni di accesso al credito Valutazione e gestione del debito Studio e analisi di eventuali proposte in materia di finanziamento degli investimenti o di rinegoziazione del debito.

42 Arrivederci al prossimo anno

Nota sui derivati allegata ai sensi dall art. 62 del d.l. 112/2008

Nota sui derivati allegata ai sensi dall art. 62 del d.l. 112/2008 Nota sui derivati allegata ai sensi dall art. 62 del d.l. 112/2008 1 Obiettivi delle Operazioni Swap. Le operazioni Swap sottoscritte dal Comune di Campi Bisenzio, del tipo Interest Rate Swap Plain Vanilla,

Dettagli

L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali. Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità

L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali. Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità Intervento nell ambito del Ciclo di Seminari Glocus - FareFuturo L Innovazione nei Territori Roma, 23 ottobre

Dettagli

Strumenti finanziari derivati ed enti locali

Strumenti finanziari derivati ed enti locali Strumenti finanziari derivati ed enti locali Torino, 17 aprile 2008 Lorenzo Ferreri Pagina 1 di 28 Sommario Definizioni Operatività Tipologie Interest Rate Swap IRS Normativa Classificazione operatori

Dettagli

Nota sui derivati allegata ai sensi dall art. 62 del d.l. 112/2008

Nota sui derivati allegata ai sensi dall art. 62 del d.l. 112/2008 Nota sui derivati allegata ai sensi dall art. 62 del d.l. 112/2008 1 Obiettivi delle Operazioni Swap. Le operazioni Swap sottoscritte dal Comune di Campi Bisenzio, del tipo Interest Rate Swap Plain Vanilla,

Dettagli

Tesoreria, Finanza e Risk Management per gli Enti Locali. Derivati: Gestione del Rischio e Valore di Mercato

Tesoreria, Finanza e Risk Management per gli Enti Locali. Derivati: Gestione del Rischio e Valore di Mercato Tesoreria, Finanza e Risk Management per gli Enti Locali Derivati: Gestione del Rischio e Valore di Mercato COMUNE DI MONTECATINI TERME 16 marzo 2009 1. Introduzione La valutazione del derivato del Comune

Dettagli

LS Advisor ANALISI SINTETICA DEI DERIVATI STIPULATI DAL COMUNE DI ROMA

LS Advisor ANALISI SINTETICA DEI DERIVATI STIPULATI DAL COMUNE DI ROMA ANALISI SINTETICA DEI DERIVATI STIPULATI DAL COMUNE DI ROMA Gli swap sono accordi tra società per scambiarsi futuri pagamenti. L accordo definisce le date in cui i pagamenti vengono scambiati e il modo

Dettagli

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano La gestione e la ristrutturazione del debito 1 Evoluzione nella gestione del debito: Dalla semplice amministrazione del rimborso del debito, stabilendo piano ammortamento, quote capitale, interessi passivi,

Dettagli

Perizia contratti derivati NUOVA B.B. Sas

Perizia contratti derivati NUOVA B.B. Sas Perizia contratti derivati NUOVA B.B. Sas Contratto n 1 Banca CRT IRS Plain Vanilla Caratteristiche Strumento Derivato Data Sottoscrizione 04/09/2000 Nominale 516.456,90 Data iniziale 06/09/2000 Scadenza

Dettagli

1 - Informazioni sui contenuti fondamentali dei contratti.

1 - Informazioni sui contenuti fondamentali dei contratti. Comune di Prato - Relazione al rendiconto della gestione 2011 Allegato alla relazione tecnica del responsabile dei servizi finanziari Nota sui derivati allegata al bilancio ai sensi dall art. 62 del d.l.

Dettagli

Strumento finanziario derivato. Contratto derivato su tassi d interesse

Strumento finanziario derivato. Contratto derivato su tassi d interesse Scheda Prodotto Interest Rate Swap (IRS) ed IRS Multifase (IRSM) IMPORTANTE: Le caratteristiche del prodotto sotto riportato hanno pura finalità informativa e non riportano né approfondiscono tutti gli

Dettagli

RELAZIONE DELL INDAGINE CIRCA IL RICORSO AGLI

RELAZIONE DELL INDAGINE CIRCA IL RICORSO AGLI Sezione Regionale di Controllo per l Umbria RELAZIONE DELL INDAGINE CIRCA IL RICORSO AGLI STRUMENTI DI FINANZA DERIVATA CONDOTTA PER UN CAMPIONE DI ENTI LOCALI DELLA REGIONE UMBRIA (allegata alla deliberazione

Dettagli

Le operazioni di indebitamento strutturate con derivati. Nota informativa.

Le operazioni di indebitamento strutturate con derivati. Nota informativa. (si prega di citare il presente protocollo nella risposta) spazio per l etichetta Oggetto: Allegato al Bilancio di Previsione 2014: Le operazioni di indebitamento strutturate con derivati. Nota informativa.

Dettagli

Le operazioni d indebitamento strutturate con derivati

Le operazioni d indebitamento strutturate con derivati Le operazioni d indebitamento strutturate con derivati Allegato al Bilancio di Previsione per l esercizio finanziario 2013 Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 67 del 26 27 luglio 2013

Dettagli

Regione Calabria NOTA INFORMATIVA. Allegata al Rendiconto generale della regione Calabria esercizio finanziario 2011

Regione Calabria NOTA INFORMATIVA. Allegata al Rendiconto generale della regione Calabria esercizio finanziario 2011 Regione Calabria NOTA INFORMATIVA SUGLI ONERI E GLI IMPEGNI DERIVANTI DA CONTRATTI RELATIVI A STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI Allegata al Rendiconto generale della regione Calabria esercizio finanziario

Dettagli

Analisi dell andamento del Debito -31/12/2003 31/12/2005-

Analisi dell andamento del Debito -31/12/2003 31/12/2005- Dipartimento II Servizio 6 GESTIONE DEL DEBITO MONITORAGGIO INVESTIMENTI Analisi dell andamento del Debito -31/12/2003 31/12/2005- 1. Introduzione Obiettivo del Report è produrre l analisi del debito al

Dettagli

COMUNE di ORISTANO. Settore Programmazione e Gestione delle Risorse

COMUNE di ORISTANO. Settore Programmazione e Gestione delle Risorse COMUNE di ORISTANO COMUNI de ARISTANIS Settore Programmazione e Gestione delle Risorse NOTA SUI DERIVATI (allegato al rendiconto di gestione 2014 - art. 1 comma 383 Legge 244/2007) La presente nota è allegata

Dettagli

I contratti di interest rate swap Aspetti finanziari e legali evidenziati dall analisi di casi pratici

I contratti di interest rate swap Aspetti finanziari e legali evidenziati dall analisi di casi pratici Studio Gallone I contratti di interest rate swap Aspetti finanziari e legali evidenziati dall analisi di casi pratici Scaletta Argomenti Gli strumenti finanziari derivati: definizioni Pagina 3 Diffusione

Dettagli

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo Danilo unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS Definizione Modalità di utilizzo Elementi di valutazione: valore minimo e valore temporale Relazione di parità Copyright SDA

Dettagli

FLOOR - INTEREST RATE FLOOR. Opzione su tassi d interesse

FLOOR - INTEREST RATE FLOOR. Opzione su tassi d interesse Scheda Prodotto FLOOR IMPORTANTE: Le caratteristiche del prodotto sotto riportato hanno pura finalità informativa e non riportano né approfondiscono tutti gli elementi di rischiosità connessi al prodotto

Dettagli

NOTA INFORMATIVA OPERAZIONI DI FINANZA DERIVATA (SWAP)

NOTA INFORMATIVA OPERAZIONI DI FINANZA DERIVATA (SWAP) NOTA INFORMATIVA OPERAZIONI DI FINANZA DERIVATA (SWAP) Art. 62 del D.L. 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, sostituito dall art. 3 comma 1 della legge

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO ALLEGATO ALLA RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL RENDICONTO DELL ESERCIZIO 2008 NOTA INTEGRATIVA IN MERITO AI CONTRATTI IN STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI AI SENSI DELL ART. 1, C. 383,

Dettagli

NEGLI ENTI LOCALI 19 APRILE 2010 INTRODUZIONE

NEGLI ENTI LOCALI 19 APRILE 2010 INTRODUZIONE CONTRATTI BANCARI INTEREST RATE SWAP NEGLI ENTI LOCALI 19 APRILE 2010 INTRODUZIONE PREMESSA Numerosi enti locali negli ultimi dieci anni hanno sottoscritto i tanto discussi contratti derivati I.R.S., c.d.

Dettagli

POSITION PAPER. Ottobre 2009

POSITION PAPER. Ottobre 2009 Considerazioni ABI sul documento di consultazione del MEF recante lo schema di Regolamento dei contratti relativi agli strumenti finanziari derivati sottoscritti da Regioni ed Enti Locali Ottobre 2009

Dettagli

NOTA INFORMATIVA OPERAZIONI DI FINANZA DERIVATA (SWAP)

NOTA INFORMATIVA OPERAZIONI DI FINANZA DERIVATA (SWAP) NOTA INFORMATIVA OPERAZIONI DI FINANZA DERIVATA (SWAP) Art. 62 del D.L. 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, sostituito dall art. 3 comma 1 della legge

Dettagli

Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi

Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi Prof. Manuela Geranio, Università Bocconi Prof. Giovanna Zanotti, Università Bocconi Assolombarda, 1 Aprile 2008, Milano Agenda I. Obiettivi

Dettagli

LA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO DEGLI ENTI PUBBLICI

LA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO DEGLI ENTI PUBBLICI LA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO DEGLI ENTI PUBBLICI A cura di Gian Nereo Mazzocco Verona, 11 febbraio 2006 La ristrutturazione del debito In base al D.M. 1.12.2003 n. 389 sono consentite le seguenti operazioni:

Dettagli

Indebitamento ed altre forme finanziarie per gli Enti Locali Novità del DL 112/2008 convertito nella legge 133/2008

Indebitamento ed altre forme finanziarie per gli Enti Locali Novità del DL 112/2008 convertito nella legge 133/2008 Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale Scuola Interregionale Lombardia, Piemonte, Liguria Indebitamento ed altre forme finanziarie per gli Enti Locali Novità del DL 112/2008 convertito

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT Il Forward Rate Agreement (F.R.A.) è un contratto su tassi di interesse in base al quale due controparti si impegnano a scambiare ad una data futura prestabilita un certo ammontare

Dettagli

Gli strumenti derivati per la gestione dell'indebitamento e la copertura del rischio di tasso. 22 Gennaio 2003

Gli strumenti derivati per la gestione dell'indebitamento e la copertura del rischio di tasso. 22 Gennaio 2003 Gli strumenti derivati per la gestione dell'indebitamento e la copertura del rischio di tasso. 22 Gennaio 2003 Agenda Premessa L analisi delle passività come presupposto La diversificazione La riduzione

Dettagli

Nota informativa derivati Regione Lazio (Legge 6 agosto 2008 n. 133)

Nota informativa derivati Regione Lazio (Legge 6 agosto 2008 n. 133) Nota informativa derivati Regione Lazio (Legge 6 agosto 2008 n. 133) 1 Nota: Le stime per il triennio 2013 2015 sono basate sulle curve al 31 ottobre 2012 2 Indice Premessa... 5 Mutuo Dexia Crediop, scadenza

Dettagli

CAP. Opzione su tassi d interesse

CAP. Opzione su tassi d interesse Scheda Prodotto CAP IMPORTANTE: Le caratteristiche del prodotto sotto riportato hanno pura finalità informativa e non riportano né approfondiscono tutti gli elementi di rischiosità connessi al prodotto

Dettagli

risultanze dell indagine in tema di operazioni di finanza derivata di cui alla deliberazione n. FVG/283/2009/VSGF del

risultanze dell indagine in tema di operazioni di finanza derivata di cui alla deliberazione n. FVG/283/2009/VSGF del Deliberazione n. FVG/ 348 /2010/VSGF REPUBBLICA ITALIANA la CORTE DEI CONTI Sezione di controllo della regione Friuli Venezia Giulia VI Collegio composto dai seguenti magistrati: CONSIGLIERE: avv. Fabrizio

Dettagli

Nota informativa derivati Regione Lazio (Legge 6 agosto 2008 n. 133)

Nota informativa derivati Regione Lazio (Legge 6 agosto 2008 n. 133) Nota informativa derivati Regione Lazio (Legge 6 agosto 2008 n. 133) Nota: Le stime per il triennio 2015 2017 sono basate sulle curve al 31 ottobre 2014 2 Indice Premessa... 5 Mutuo Dexia Crediop, scadenza

Dettagli

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO MPI PERCORSO FUNZIONALE CREDIO DISPENSA DEI DOCENI MAERIALI INEGRAIVI A SUPPORO DELLE LEZIONI CURAORE: C. ZARA LA GESIONE DEL RISCHIO DI ASSO DI INERESSE Questo materiale è a disposizione esclusiva degli

Dettagli

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI : STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI La contabilizzazione dei derivati di negoziazione (speculativi) e di copertura. Esempi e scritture contabili relative all «interest rate swap» (Irs). di Alessio Iannucci

Dettagli

Le operazioni di indebitamento strutturate con derivati. Nota informativa.

Le operazioni di indebitamento strutturate con derivati. Nota informativa. (si prega di citare il presente protocollo nella risposta) spazio per l etichetta Oggetto: Allegato al Rendiconto 2014: Le operazioni di indebitamento strutturate con derivati. Nota informativa. Premessa

Dettagli

RELAZIONE SULL INDAGINE RELATIVA ALLE FORME DI FINANZA INNOVATIVA, CON PARTICOLARE RIGUARDO A STRUMENTI DI FINANZA DERIVATA DELLA REGIONE LOMBARDIA

RELAZIONE SULL INDAGINE RELATIVA ALLE FORME DI FINANZA INNOVATIVA, CON PARTICOLARE RIGUARDO A STRUMENTI DI FINANZA DERIVATA DELLA REGIONE LOMBARDIA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA RELAZIONE SULL INDAGINE RELATIVA ALLE FORME DI FINANZA INNOVATIVA, CON PARTICOLARE RIGUARDO A STRUMENTI DI FINANZA DERIVATA DELLA REGIONE

Dettagli

Matteo Trotta, Vice-Direttore Ufficio Studi e Ricerche Consultique

Matteo Trotta, Vice-Direttore Ufficio Studi e Ricerche Consultique Matteo Trotta, Vice-Direttore Ufficio Studi e Ricerche Consultique OBIETTIVO DERIVATI La copertura dai rischi finanziari L attività di impresa è caratterizzata da una serie di rischi finanziari, principalmente

Dettagli

I contratti derivati: nozione, tipologia e peculiarità del contenzioso ed analisi finanziaria. Nicola Benini- partner Ifa Consulting

I contratti derivati: nozione, tipologia e peculiarità del contenzioso ed analisi finanziaria. Nicola Benini- partner Ifa Consulting I contratti derivati: nozione, tipologia e peculiarità del contenzioso ed analisi finanziaria Nicola Benini- partner Ifa Consulting Classificazione dei derivati finanziari Le principali categorie Forward/

Dettagli

Gli interventi di finanza derivata della Regione Calabria

Gli interventi di finanza derivata della Regione Calabria Gli interventi di finanza derivata della Regione Calabria Il quadro normativo La materia è disciplinata a livello statale dall art. 41 della legge 28 dicembre 2001 n. 448 e dal relativo regolamento attuativo

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di interesse 2 Il rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso di interesse può essere

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

DEPFA BANK PERFORMANCE IN FINANCE

DEPFA BANK PERFORMANCE IN FINANCE DEPFA BANK PERFORMANCE IN FINANCE L IMPATTO DELLA NUOVA NORMATIVA SULLE STRUTTURE IMPLEMENTABILI EXECUTIVE SUMMARY Panoramica sulle strutture consentite dal decreto Swap di tasso di cambio Swap di tasso

Dettagli

Indebitamento sottostante

Indebitamento sottostante Indebitamento sottostante Copertura Specifica Copertura Generica Alta correlazione con sottostante Bassa correlazione con sottostante Annullamento rischio di mercato (es. tasso) Persistono rischi di mercato

Dettagli

Nota informativa derivati Regione Lazio (Legge 6 agosto 2008 n. 133)

Nota informativa derivati Regione Lazio (Legge 6 agosto 2008 n. 133) Nota informativa derivati Regione Lazio (Legge 6 agosto 2008 n. 133) 1 Nota: Le stime per il triennio 2012 2014 sono basate sulle curve al 28 ottobre 2011 2 Indice Premessa... 5 Mutuo Dexia Crediop, scadenza

Dettagli

CONSULENZA COSTO FUNDING

CONSULENZA COSTO FUNDING CONSULENZA COSTO FUNDING (compresa nell abbonamento ad entrambe le membership Tassi Imprese & Professionisti e Plus Tesorerie aziendali ). Il Cliente ha a disposizione il servizio di consulenza denominato

Dettagli

Pronuncia n. 77 /2008

Pronuncia n. 77 /2008 Pronuncia n. 77 /2008 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI Sezione Regionale di Controllo per la Liguria Composta dai seguenti magistrati: dott. Antonio SCUDIERI dott. Giuliano GALLANTI dott. Luisa D

Dettagli

Dr.ssa Maria Cannata. Audizione: Indagine conoscitiva sugli strumenti finanziari derivati. Camera dei Deputati VI Commissione Finanze

Dr.ssa Maria Cannata. Audizione: Indagine conoscitiva sugli strumenti finanziari derivati. Camera dei Deputati VI Commissione Finanze Dr.ssa Maria Cannata Audizione: Indagine conoscitiva sugli strumenti finanziari derivati Camera dei Deputati VI Commissione Finanze Roma, 10 febbraio 2015 26 ... 27 3. ATTIVITA IN DERIVATI DEGLI ENTI TERRITORIALI

Dettagli

Protocollo n. 23379 Deliberazione n. 76. Verbale delle deliberazioni della GIUNTA PROVINCIALE. Seduta del 08 maggio 2012 Ore 13,25

Protocollo n. 23379 Deliberazione n. 76. Verbale delle deliberazioni della GIUNTA PROVINCIALE. Seduta del 08 maggio 2012 Ore 13,25 Provincia di Rovigo Protocollo n. 23379 Deliberazione n. 76 Verbale delle deliberazioni della GIUNTA PROVINCIALE Seduta del 08 maggio 2012 Ore 13,25 Oggetto 01: Avvio operazioni di monitoraggio e valutazione

Dettagli

1a Edizione Risorse Comuni

1a Edizione Risorse Comuni 1a Edizione Risorse Comuni Gli strumenti innovativi per la gestione efficiente della finanza dell ente Focus sulle tecniche di gestione attiva del debito Relatore: Giampiero Bergami Milano, 22 gennaio

Dettagli

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE E DI PRICING PER L EMISSIONE/NEGOZIAZIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE E DI PRICING PER L EMISSIONE/NEGOZIAZIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE METODOLOGIA DI VALUTAZIONE E DI PRICING PER L EMISSIONE/NEGOZIAZIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE Delibera del Consiglio di Amministrazione Padergnone, 16 gennaio 2014 AGGIORNAMENTO

Dettagli

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 GLI STRUMENTI DERIVATI Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Gli strumenti derivati Sono strumenti finanziari la cui esistenza e valutazione dipendono dal valore di un'altra attività chiamata sottostante che può

Dettagli

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 114 2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 2.2.7.1 Gerarchia del fair value 2. Bilancio consolidato Le tabelle di seguito forniscono una ripartizione delle attività e passività per

Dettagli

CONTRATTI E TASSI SWAP

CONTRATTI E TASSI SWAP CONTRATTI E TASSI SWAP FLAVIO ANGELINI Sommario. In queste note vengono definite, analizzate e valutate le tipologie più comuni di contratti interest rate swap e si discute l importanza che i tassi swap

Dettagli

Deliberazione n. 196 /2008

Deliberazione n. 196 /2008 Deliberazione n. 196 /2008 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: Dott. Nicola Mastropasqua Dott. Giorgio Cancellieri Dott. Giuliano

Dettagli

Deliberazione n. 7/2008

Deliberazione n. 7/2008 Deliberazione n. 7/2008 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua dott. Giancarlo Penco dott. Giuliano Sala

Dettagli

La valutazione dei derivati illiquidi

La valutazione dei derivati illiquidi La valutazione degli attivi illiquidi detenuti dagli intermediari finanziari La valutazione dei derivati illiquidi ROBERTO CONTINI Banca Intermobiliare S.p.A. Milano 12 luglio 2012 S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Gli Strumenti Finanziari secondo i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Relatore: Dott. Stefano Grumolato Verona, aprile 2008 Overview dell intervento Strumenti finanziari e tecniche di valutazione

Dettagli

Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione

Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione Verona, 14/03/2006 Dr. Marco Rubini 1 Indice dell intervento Rischi finanziari a cui è sottoposta l azienda e modalità di copertura; Criteri

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE DELL IMPRESA E OPERAZIONI DI FINANZA STRAORDINARIA IL PROBLEMA DELLA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DEI CONTRATTI DERIVATI

RISTRUTTURAZIONE DELL IMPRESA E OPERAZIONI DI FINANZA STRAORDINARIA IL PROBLEMA DELLA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DEI CONTRATTI DERIVATI RISTRUTTURAZIONE DELL IMPRESA E OPERAZIONI DI FINANZA STRAORDINARIA IL PROBLEMA DELLA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DEI CONTRATTI DERIVATI Marco Carbone Tavola rotonda TopLegal 23/ 09/ 2010 ARGOMENTI TRATTATI

Dettagli

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (Testo Unico della Finanza) Il valore dello strumento deriva (dipende)

Dettagli

Derivati per Enti locali Luoghi comuni e realtà dei fatti. Valerio Paolucci

Derivati per Enti locali Luoghi comuni e realtà dei fatti. Valerio Paolucci Derivati per Enti locali Luoghi comuni e realtà dei fatti Valerio Paolucci 24.02.2011 Come viene presentata la situazione dalla stampa Prodotti oltremodo complessi Trappole costruite dalle banche Clienti

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani Introduzione al Corporate Financial Risk Management Lorenzo Faccincani 1 Il Corporate Financial Risk Management Il Corporate Financial Risk Management può essere definito come il complesso delle attività

Dettagli

Logo della repubblica Italiana CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA

Logo della repubblica Italiana CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA Logo della repubblica Italiana CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA DELIBERAZIONE N. 4 / 2009 nell adunanza pubblica del 5 marzo 2009 composta dai seguenti magistrati: Presidente

Dettagli

APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R.

APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R. APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R.S F.R.A IL FORWARD RATE AGREEMENT E IL CONTRATTO TRAMITE IL QUALE LE PARTI

Dettagli

LE OPERAZIONI DI SWAP: FAIR VALUE E MARGINE DI INTERMEDIAZIONE

LE OPERAZIONI DI SWAP: FAIR VALUE E MARGINE DI INTERMEDIAZIONE LE OPERAZIONI DI SWAP: FAIR VALUE E MARGINE DI INTERMEDIAZIONE ABI, Forum BANCHE E PA 2012 Gestione delle passività degli enti locali e operatività in strumenti finanziari Roma, 23 febbraio 2012 Roberto

Dettagli

Documento adottato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 21/12/2010

Documento adottato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 21/12/2010 Policy di Valutazione e Pricing e Regole Interne per la negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dal Credito Cooperativo ravennate e imolese Soc. coop. (ai sensi delle Linee guida interassociative

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Strumenti OTC per la gestione del rischio di tasso e di cambio Copyright SDA Bocconi 2007 Prof. Michele Rutigliano 1 Strumenti

Dettagli

La revisione del debito degli Enti Locali mediante contratti derivati: analisi dei costi e dei rischi

La revisione del debito degli Enti Locali mediante contratti derivati: analisi dei costi e dei rischi La revisione del debito degli Enti Locali mediante contratti derivati: analisi dei costi e dei rischi Riccardo Cesari (Università di Bologna) Pisa, 14 novembre 2011 1 1 Alcuni riferimenti normativi Art.

Dettagli

composta dai magistrati: Pres. Sez. Silvio AULISI Cons. Giuseppe GINESTRA Cons. Vittorio CIRO CANDIANO I Referendario Natale LONGO Componente

composta dai magistrati: Pres. Sez. Silvio AULISI Cons. Giuseppe GINESTRA Cons. Vittorio CIRO CANDIANO I Referendario Natale LONGO Componente Del. n. 93/2008 Corte dei Conti Sezione Regionale di Controllo per la Calabria composta dai magistrati: Pres. Sez. Silvio AULISI Presidente Cons. Giuseppe GINESTRA Componente Cons. Luigi CONDEMI Componente

Dettagli

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Milano 12 marzo Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore 3 Un Azienda ha la necessità di finanziare la sua attività caratteristica per un importo

Dettagli

Banca Valsabbina Tasso Misto 01/07/2011-2016 ISIN IT0004739048

Banca Valsabbina Tasso Misto 01/07/2011-2016 ISIN IT0004739048 BANCA VALSABBINA S.C.p.A. Sede Legale: Vestone (Bs) via Molino, 4 Direzione Generale: Brescia via XXV Aprile, 8 Tel. 030 3723.1 Fax 030 3723.430 - Iscritta al Registro Imprese e CCIAA di Brescia REA n.9187

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

Dinamica indebitamento

Dinamica indebitamento 2.7 DINAMICA E COSTO DELL INDEBITAMENTO, STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI La tabella sottostante riporta l indebitamento globale del Comune, suddiviso per soggetto finanziatore e tipologia di contratto, con

Dettagli

Metodologia di valutazione e di pricing e Regole Interne per l emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento

Metodologia di valutazione e di pricing e Regole Interne per l emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento Metodologia di valutazione e di pricing e Regole Interne per l emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento 2014 PREMESSA Il presente documento definisce ed illustra

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. Espletamento dei servizi finanziari connessi alla emissione di prestiti obbligazionari

CAPITOLATO SPECIALE. Espletamento dei servizi finanziari connessi alla emissione di prestiti obbligazionari Allegato B CAPITOLATO SPECIALE Espletamento dei servizi finanziari connessi alla emissione di prestiti obbligazionari Art. 1 - Oggetto Oggetto del presente capitolato è la regolamentazione delle condizioni

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONI RIUNITE IN SEDE DI CONTROLLO

CORTE DEI CONTI SEZIONI RIUNITE IN SEDE DI CONTROLLO SEZIONI RIUNITE IN SEDE DI CONTROLLO Indagine conoscitiva sull'utilizzo e la diffusione degli strumenti di finanza derivata e delle cartolarizzazioni nelle pubbliche amministrazioni Senato della Repubblica

Dettagli

Lombardia/31/2009/PRSE

Lombardia/31/2009/PRSE Lombardia/31/2009/PRSE REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Antonio Caruso Consigliere

Dettagli

Misurazione dei rischi nei contratti derivati

Misurazione dei rischi nei contratti derivati I nuovi scenari e i profili di rischio dei servizi di investimento Programma di Ricerca scientifica di rilevante Interesse Nazionale (PRIN) denominato MISURA Misurazione nei contratti derivati Marcello

Dettagli

1º Convegno Nazionale

1º Convegno Nazionale Programma www.almaiura.it 1º Convegno Nazionale sulla Finanza Derivata Venerdì 11 aprile 9.30-10.00 La definizione dei contratti derivati Prof. Avv. Francesco Caputo Nassetti Avvocato e Professore a contratto

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 13 Gli Swap nella gestione dei rischi

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 13 Gli Swap nella gestione dei rischi DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 13 Gli Swap nella gestione dei rischi Febbraio 2003 GLI SWAP NELLA GESTIONE DEI RISCHI DOCUMENTO ARISTEIA N. 13 GLI SWAP NELLA GESTIONE DEI RISCHI SOMMARIO: 1. Introduzione

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. Espletamento dei servizi finanziari relativi alla concessione di mutui fino al 31/12/2011

CAPITOLATO SPECIALE. Espletamento dei servizi finanziari relativi alla concessione di mutui fino al 31/12/2011 Allegato A CAPITOLATO SPECIALE Espletamento dei servizi finanziari relativi alla concessione di mutui fino al 31/12/2011 Art. 1 - Oggetto Oggetto del presente capitolato è la regolamentazione delle condizioni

Dettagli

Regione Calabria NOTA INFORMATIVA SUGLI ONERI E GLI IMPEGNI DERIVANTI DA CONTRATTI RELATIVI A STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

Regione Calabria NOTA INFORMATIVA SUGLI ONERI E GLI IMPEGNI DERIVANTI DA CONTRATTI RELATIVI A STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI Regione Calabria NOTA INFORMATIVA SUGLI ONERI E GLI IMPEGNI DERIVANTI DA CONTRATTI RELATIVI A STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI (Art. 62 del D.L n. 112 /2008,convertito, con modificazioni, dalla legge n. 133/08,

Dettagli

I CONTRATTI SWAP SUI TASSI D INTERESSE

I CONTRATTI SWAP SUI TASSI D INTERESSE . I CONTRATTI SWAP SUI TASSI D INTERESSE 1. LA STRUTTURA 2 2. I COSTI 5 3 LA VALUTAZIONE 8 4. RIFLESSIONI E CONSIDERAZIONI 10 5. IL CASO DELLA PROVINCIA DI PISA 15 1 La struttura di uno swap I derivati

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Convegno ODC Milano Milano 26 gennaio 2006 Intervento di Emanuele Facile e.facile@fin-innovations.com 1 Gli auspici

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

Banca Atestina di Credito Cooperativo società cooperativa

Banca Atestina di Credito Cooperativo società cooperativa Policy di valutazione e pricing dei Prestiti Obbligazionari della BCC Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 17/02/2011 Aggiornato con delibera del Consiglio di Amministrazione del

Dettagli

"Problematiche relative al collocamento di strumenti finanziari derivati"

Problematiche relative al collocamento di strumenti finanziari derivati VI Commissione Finanze" della Camera dei Deputati "Problematiche relative al collocamento di strumenti finanziari derivati" Audizione del Direttore Generale della CONSOB Dott. Massimo Tezzon 30 ottobre

Dettagli

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCANAGNI CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa in qualità di emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento Società Cooperativa fondata nel 1901 - Codice ABI

Dettagli

Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo

Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo TITOLO ABSTRACT TIPOLOGIA CORRELAZIONI CON ALTRI DOCUMENTI Politiche di valutazione, pricing

Dettagli

La gestione del rischio di interesse e di mercato. Giuseppe Squeo

La gestione del rischio di interesse e di mercato. Giuseppe Squeo La gestione del rischio di interesse e di mercato Giuseppe Squeo 1 Il rischio di interesse: modalità esposizione Le modalità di esposizione al rischio di interesse sono: rischio di riprezzamento, quando

Dettagli

Forum Banche e PA 2011

Forum Banche e PA 2011 Forum Banche e PA 2011 Quali strumenti per l attuale gestione delle passività di un ente locale? Relatore: Marcello Marconi Dirigente della Posizione di Staff al Servizio Finanziario del Comune di Reggio

Dettagli

Utilizzo e ristrutturazione dei prodotti derivati nelle imprese italiane

Utilizzo e ristrutturazione dei prodotti derivati nelle imprese italiane Utilizzo e ristrutturazione dei prodotti derivati nelle imprese italiane Convegno ODC Milano Milano 26 gennaio 2006 Intervento di Emanuele Facile e.facile@fin-innovations.com 1 Agenda 1. Introduzione:

Dettagli

Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo

Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo TITOLO ABSTRACT TIPOLOGIA CORRELAZIONI CON ALTRI DOCUMENTI Politiche di valutazione, princing

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO MISTO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO MISTO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO MISTO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO MISTO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO MISTO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO MISTO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

COMUNE DI AVELLINO SETTORE FINANZIARIO. Capitolato Speciale

COMUNE DI AVELLINO SETTORE FINANZIARIO. Capitolato Speciale Allegato B COMUNE DI AVELLINO SETTORE FINANZIARIO Capitolato Speciale AFFIDAMENTO DEI SERVIZI FINANZIARI E ATTIVITA DI CONSULENZA NECESSARI ALL EMISSIONE DI BUONI OBBLIGAZIONARI COMUNALI (BOC) Art. 1 Oggetto

Dettagli