della Provincia di Roma sui derivati finanziari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "della Provincia di Roma sui derivati finanziari"

Transcript

1 DERIVATI Presentazione del servizio di assistenza della Provincia di Roma sui derivati finanziari

2

3 Le indagini Istituzionali 2005 Commissione i Finanze della Camera Commissione i Finanze della Camera. Indagine conoscitiva sulle problematiche relative alla diffusione degli strumenti finanziari derivati. Aggiornamento indagine conoscitiva del Senato della Repubblica. Dossier sugli strumenti finanziari derivati e le cartolarizzazioni nelle pubbliche amministrazioni Commissione Finanze e Tesoro del Senato della Repubblica. Indagine conoscitiva sull utilizzo dei derivati nella P. A.

4 Cosa sono Strumenti finanziari il cui valore dipende ( deriva ) dall andamento di un attività sottostante che può essere finanziaria (azioni, tassi di interesse) o reale (oro, petrolio etc). Finalità C Copertura: Proteggere la propria posizione da variazioni dei prezzi di mercato: ad es. con il derivato si neutralizza la variabilità dei tassi di interesse o dei tassi di cambio; inoltre è possibile modificare le caratteristiche ti del debito ristrutturandolo tt e riducendo quindi il costo; Speculazione: realizzare un profitto basato sull evoluzione attesa del prezzo sottostante; t t Arbitraggio: quando si sfrutta un momentaneo disallineamento tra l andamento del prezzo del derivato e quello dello strumento t sottostante.

5 Rischi Complessità dello strumento; Errori nelle valutazioni degli andamenti futuri delle variabili finanziarie; Rischio di controparte ovvero rischio di credito. Problemi Costi e commissioni implicite non valutate; Esposizione dei bilanci alla volatilità dei mercati finanziari; Occultamento di operazioni di finanziamento dietro l operazione di ristrutturazione del debito; Trasferimento alle generazioni future degli oneri aggiuntivi generati dalle operazioni;

6 Dimensioni del mercato Valore del debito nozionale ineterssato da derivati alla fine di marzo 2009: 24.5 mld Euro; Valore di mercato (ovvero perdita o guadagno potenziale): mld Euro; Comuni che hanno stipulato derivati (fine 2007): 737 di cui 82 al di sotto di 2000 abitanti; Province che hanno stipulato derivati (alla fine del 2007): 40

7 2009 Commissione Finanze e Tesoro del Senato della Repubblica Documento conclusivo La Commissione RILEVA Elementi dai quali si evidenziano operazioni poco trasparenti e condizioni di non adeguato equilibrio tra gli interessi delle PA e quelle delle Banche proponenti i contratti. Sinking fund incompatibile con le regole che presiedono l attività degli enti territoriali Necessità di un fondo accantonamento quote capitale per le operazioni bullet Necessità di chiarire la portata della dichiarazione di operatore qualificato richiesta dalla norma ( art.41 tuf) Confusione tra Advisor e banca controparte PROPONE IL DIVIETO DI SOTTOSCRIZIONE DEI CONTRATTI DERIVATI AGLI ENTI DI Più PICCOLE DIMENSIONI ED AI COMUNI CON POPOLAZIONE INFERIORE A ABITANTI CON ESCLUSIONE DEI CAPOLUOGHI DI PROVINCIA istituzione di un organismo pubblico di consulenza

8 Finalità non di copertura dei contratti Utilizzo dell up front per spese correnti Utilizzo dei differenziali positivi per spese correnti invece che per spese in conto capitale Procedure di scelta dei contraenti non rispettose dei criteri di concorsualità Procedure amministrative non regolamentate Presenza della giurisdizione inglese Previsione del rilascio di una delega di pagamento a fronte del derivato Qualificazione impropria degli enti come operatori qualificati Conflitto di interesse tra advisor e controparti

9 Finalità I derivati sono strumento di gestione del debito finalizzati alla copertura dai rischi di tasso. Il fine è contenere il rischio derivante dall esposizione all aumento dei tassi e ridurre il costo dell indebitamento. In realta sono stati utilizzati per il reperimento di risorse aggiuntive Up front L up front è il premio che una controparte (banca) può corrispondere all altra parte (ente locale) al momento della stipula del contratto. Tale somma è in realtà un vero e proprio debito. Esso è stato utilizzato per il finanziamento di spese correnti, con una sostanziale violazione del dettato costituzionale ex art. 119.

10 Richiesta, da parte dei contraenti, del rilascio della delegazione di pagamento a garanzia delle operazioni. Rapporti con le banche Rilascio della dichiarazione di operatore specializzato da parte degli enti, in particolar modo in quelli di minore dimensione, pur in presenza di limitata conoscenza dei mercati finanziari Presenza di clausole che tendono ad escludere l applicazione dell eccessiva onerosità dei contratti a vantaggio delle banche Sottoposizione dei contratti alla legge inglese e scrittura degli stessi in lingua inglese

11 Assenza di procedure selettive nella scelta dell intermediario finanziario Problemi procedurali Mancata distinzione tra la figura dell advisor e l operatore finanziario con cui sono stati stipulati i contratti Incertezza e incoerenza nelle procedure amministrative seguite per la stipulazione dei contratti con sovrapposizione di ruoli tra Consiglio, Giunta e Dirigente e in ogni caso assenza di disciplina specifica nel regolamento di contabilità dell ente

12 Allocazione impropria i dell up front Problemi contabili Allocazione impropria dei flussi differenziali positivi e negativi Totale assenza della rilevazione del MTM, cioè del valore teorico di chiusura del contratto.

13 Assenza di procedure per la valutazione della convenienza economica complessiva dell operazione Problemi gestionali Valutazione economica effettuata dagli operatori finanziari, i i senza sufficiente i contraddittorio con l ente, con evidente conflitto di interesse. Assenza di procedure e previsioni contrattuali per il monitoraggio costante del mark to market al fine di valutare l esposizione dell ente e quindi le eventuali poste da inserire in bilancio in via prudenziale.

14 Convenienza economica Accertamento della convenienza economia complessiva dell operazione Il vantaggio che deve essere preso in considerazione i non è la sola attualizzazione i del flussi, ma in una valutazione finanziaria e economica della complessiva situazione dell ente, in relazione ai rischi e all allungamento del debito (pag. 4 delibera 52/2008). La valutazione deve considerare: Rischi del nuovo debito Durata del nuovo debito Modalità di estinzione i nuovo debito La valutazione deve essere fatta necessariamente ex ante; In molti casi la convenienza economica è stata effettuata dalle banche con evidente conflitto di interesse. Assenza della previsione di monitoraggio costante del mark to market al fine di valutare l esposizione dell ente e quindi le eventuali poste da inserire in bilancio in via prudenziale.

15 La normativa Legge n. 448 del 28/12/2001, art D.M. Economia n. 389 del 1/12/2003 Circolare MEF del 27/5/2004 di riferimento Legge n. 296 del 27/12/2006, art.1 commi 736,737,738 - Circolare Mef n 296 del 31 gennaio 2007 Legge n. 244 del 24/12/2007, art.1 commi da 381 a 384 D.l. n.112 del 25/6/2008 art Legge n. 203 del 22/12/2008 art. 3

16 DERIVATI Essere consapevoli di quello che si fa Rispondere alla sfida che deriva dal dichiararsi operatore qualificato Colmare il gap informativo e professionale con gli interlocutori bancari IC Comuni e la Provincia i diroma insieme Per una gestione consapevole Rispondere al meglio a alle Sollecitazioni della Corte dei Conti e della normativa e quindi provare a sviluppare la nota informativa Come obiettivi ulteriori sviluppare la capacità di seguire il contratto per Evitare di incorrere in responsabilità nel caso di inerzie Si prende alla lettera l auspicio della Corte dei Conti che si fondava sulla possibilità di mettere in rete contratti tti e valutazioni e condizioni

17 Decreto Legge 25 giugno 2008 n. 112 Art. 62 comma 8, come modificato dall art. 3 della legge 22 dicembre 2008 n.203 Gli enti di cui al comma 2 allegano al bilancio di previsione e al bilancio i consuntivo una nota informativa che evidenzi i gli oneri e gli impegni finanziari, rispettivamente stimati e sostenuti, derivanti da contratti relativi a strumenti finanziari derivati o da contratti di finanziamento che includono una componente derivata.

18 STRUTTURA DELLO SWAP Data Nozionale Tasso Fisso Tassi Fisso Tasso Floor Tasso Variabile Pagato Cap Tasso Cap Floor Incassato Pagato Digitale 30/06/ ,16 4,8610 4,5 30/06/ ,89 4,8312 4,5 31/12/ ,78 4,8181 Indice + 0,75 5,85 6,60 3,15 4,60 30/06/ ,35 4,8034 Indice + 0,75 5,85 6,60 3,15 4,60 31/12/ ,94 4,7871 Indice + 0,75 5,85 6,60 3,15 4,30 30/06/ ,68 4,7688 Indice + 0,75 5,85 6,60 3,15 4,30 31/12/ ,26 4,7482 Indice + 0,75 5,85 6,60 3,15 4,30 30/06/ , ,7251 Indice + 0, , , , ,30 31/12/ ,30 4,6990 Indice + 0,75 5,85 6,60 3,15 4,30 30/06/ ,10 4,6694 Indice + 0,75 5,85 6,60 3,15 4,30 31/12/ ,97 4,6356 Indice + 0,75 5,85 6,60 3,15 4,30 30/06/ ,19 4,5969 Indice + 0,75 5,85 6,60 3,15 4,30 31/12/ ,27 4,5522 Indice + 0,75 5,85 6,60 3,15 4,30 30/06/ ,67 4,5002 Indice + 0,75 5,85 6,60 3,15 4,30 31/12/ ,56 4,4393 Indice + 0,75 5,85 6,60 3,15 4,00 30/06/ , ,3670 Indice + 0, , , , ,00 31/12/ ,35 4,2804 Indice + 0,75 5,85 6,60 3,15 4,00 30/06/ ,58 4,1749 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 31/12/ ,40 4,0441 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 30/06/ ,22 3,8784 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 31/12/ ,05 3,8620 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 30/06/ ,51 3,8426 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 31/12/ ,35 3,8338 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 30/06/ ,24 3,8232 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 31/12/ ,40 3,8105 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 30/06/ ,23 3,7947 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 31/12/ ,47 3,8004 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 30/06/ ,65 3,8073 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 31/12/ ,50 3,8163 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 30/06/ ,61 3,8279 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 31/12/ , ,8259 Indice + 0, , , , ,60 30/06/ ,93 3,8234 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 31/12/ ,14 3,8206 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 30/06/ ,18 3,8168 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 31/12/ ,48 3,8114 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 30/06/ ,40 3,8031 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 31/12/ ,64 3,8052 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 30/06/ ,07 3,8092 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 31/12/ ,61 3,8207 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 30/06/ ,16 4,0617 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 31/12/ ,51 4,0618 Indice + 0,75 5,85 6,60 2,8 3,60 Indice = Euribor 6 mesi - base: act/360 - fixing: 2 BD in advanced

19 ALLEGATO BILANCIO DI PREVISIONE art. 62 DL 112/2008 comma 8 Ente: Comune di XYZ Controparte: Banca ABC Tipo contratto : Interest Rate Swap Denominazione Contratto : Irs con Collar Digitale Data di Sottoscrizione: 17/11/2006 Nozionale Iniziale: ,89 Nozionale al : ,68 Durata: 20 anni Data Inizio: 30/06/2006 Data Fine: 31/12/2026 UP-Front NO Tassi scambiati Tasso fisso medio sul totale indebitamento alla data di sottoscrizione (base Tasso A (pagato dalla Controparte) 30/360 - Unadjusted). Dal 30/06/06 al 30/06/2007: paga tasso fisso pari al 4,50% (base: Act /360 adjusted) ; Tasso B (pagato dall' Ente) Dal 30/06/2007 al 31/12/2026: tasso variabile, delimitato all'interno di un tetto massimo (Cap) e da un livello minimo (Floor), maggiorato da uno spread. Definizione Tasso Variabile Indice di riferimento (pagato dall'ente) Euribor 6 mesi (base: Act/360 Adjusted - Fixing: 2 BD in Advanced) Spread (pagato dall' Ente) 0,750% Componenti Opzionali Cap 5,85%; Floor 3,15% fino al 31/12/2024; 2,80% fino a scadenza; Digital Floor Mark to market Alla data di stipula (17/11/2006) : ,13 Al 10/03/2009 : ,16 Flussi semestrali (Differenziali Attesi) giu ,62 dic ,72 giu ,39 dic ,20 giu ,46 dic ,19 Totale ,58 Strategie Creazione fondo Rischi Estinzione anticipata in ipotesi di MTM positivo Valore tasso al momento della sottoscrizione Valore tasso semestre di riferimento 4,8610% 4,7668% 4,5000% 4,3000%

20 PIANO FINANZIARIO DEI DIFFERENZIALI ATTESI Data Nozionale Tasso A Gamba A Tasso B Gamba B Differenziali Differenziali attesi al 09/03/2009 attesi al 17/11/2006 Delta 30/06/ ,68 4, ,67 4, , , , ,10 31/12/ ,26 4, ,98 4, , , , ,62 30/06/ ,73 4, ,91 4, , , , ,27 31/12/ ,30 4, ,95 4, , , , ,70 30/06/ , , ,29 4, , , , ,44 30/12/ ,97 4, ,10 4, , ,19 424, ,56 29/06/ ,19 4, ,09 4, , ,16-361, ,65 31/12/ ,27 4, ,20 3, , , , ,62 28/06/ ,67 4, ,52 4, , , , ,10 31/12/ ,56 4, ,85 4, , , , ,17 30/06/ ,54 4, ,50 4, , , , ,50 31/12/ ,35 4, ,95 4, , , , ,19 30/06/ ,58 4, ,17 4, , , , ,53 31/12/ ,40 4, ,43 4, , , , ,02 30/06/ ,22 3, ,16 4, , , , ,90 30/12/ ,05 3, ,15 4, , , , ,49 30/06/ ,51 3, ,50 4, , , , ,09 29/12/ ,35 3, ,70 4, , , ,42 87,91 29/06/ , , , , , , , ,60 31/12/ ,40 3, ,63 4, , , , ,38 28/06/ ,23 3, ,12 5, , , , ,10 31/12/ ,47 3, ,68 5, , , , ,26 30/06/ ,65 3, ,62 5, , , , ,34 31/12/ ,50 3, ,94 5, , , , ,90 30/06/ ,61 3, ,99 5, , , , ,17 31/12/ , , , , , , , ,13 30/06/ ,93 3, ,91 5, , , , ,80 30/12/ ,14 3, ,22 5, , , , ,30 30/06/ ,18 3, ,05 5, , , , ,91 29/12/ ,48 3, ,78 5, , , , ,53 28/06/ ,40 3, ,77 4, , , ,18-256,15 31/12/ ,64 3, ,92 5, , , ,49-335,54 30/06/ , , ,95 5, , , ,08-345,94 31/12/ ,61 3, ,07 5, , , ,82-207,77 30/06/ ,16 4, ,90 5, ,01-84,11-67,38-16,73 31/12/ ,51 4, ,05 5, ,13-43,08-35,77-7,31 Totale: , , , , ,80 La colonna differenziali indica i valori netti attesi dei flussi di cassa alle date di pagamento

21 ANALISI DEI FLUSSI DI CASSA PIANO FINANZIARIO DIFFERENZIALI SCAMBIATI - DIFFERENZIALI ATTESI ALLA DATA DI SOTTOSCRIZIONE

22 ANALISI DEI RISCHI TASSO FORWARD si ipotizza che il tasso Euribor 6 mesi cresca nel tempo sulla base dei tassi di mercato attesi; Si analizzano i flussi di cassa generati nei periodi successivi sulla base di ipotesi sull andamento della curvadei tassi forward d ll d i t i f d Inferiore; CASO ESTREMO POSITIVO si iipotizza che iltasso Euribor 6 mesi venga costantemente fissato, nel corso della vita dello Swap, ad un valore più basso rispetto alla Barriera I f i CASO ESTREMO NEGATIVO si ipotizza che il tasso Euribor 6 mesi venga costantemente fissato, nel corso della vita dello Swap, ad un valore più alto rispetto alla Barriera Superiore;

23 CASO ESTREMO INFERIORE Data Nozionale Tasso A Gamba A Tasso B Gamba B Opzioni B Differenziali 30/06/ ,68 4, ,67 4, ,05 FIX 6.131,62 31/12/ ,26 4, ,98 4, ,26 DOWN ,72 30/06/ ,73 4, ,91 4, ,52 DOWN ,39 31/12/ ,30 4, ,95 4, ,75 DOWN ,20 30/06/ ,10 4, ,29 4, ,83 DOWN ,46 30/12/ ,97 4, ,10 4, ,91 DOWN 9.259,19 29/06/ ,19 4, ,09 4, ,93 DOWN 8.323,16 31/12/ ,27 4, ,20 4, ,77 DOWN 4.207,43 28/06/ ,67 4, ,52 4, ,61 DOWN 6.706,91 CASO ESTREMO SUPERIORE Data Nozionale Tasso A Gamba A Tasso B Gamba B Opzioni B Differenziali 30/06/ ,68 4, ,67 4, ,05 FIX 6.131,62 31/12/ , , , , ,87 87 UP , /06/ ,73 4, ,91 6, ,65 UP ,74 31/12/ ,30 4, ,95 6, ,92 UP ,97 30/06/ ,10 4, ,29 6, ,23 UP ,94 30/12/ ,97 4, , , , UP , /06/ ,19 4, ,09 6, ,57 UP ,48 31/12/ ,27 4, ,20 6, ,67 UP ,47

24 ANALISI DEI RISCHI SENSITIVITA Variazione dei flussi di cassa netti e del Valore di Mercato del derivato sulla base di shock paralleli o shift Irregolari delle curve. Si analizzano gli effetti in termini di flussi di cassa e di mark-to-market in ipotesi di shock di curva e sulla base di simulazioni di tasso. ANALISI PER SCENARI generazione di scenari e distribuzione probabilistica al fine di stimare i costi e i benefici delle operazioni.

25 Le barriere inferiori della struttura presentano probabilità molto alte di essere superate dall indice nei prossimi semestri; tali valori risultano inizialmente decrescenti nel corso del tempo. La probabilità media per tutta la struttura, ponderata per i valori nominali, è pari al 58.53%. Al momento della sottoscrizione del derivato quest ultimo dato era pari al 30,80%. Le barriere superiori della struttura presentano probabilità basse di essere superate dall indice; tali valori risultano crescenti nel corso del tempo. La probabilità media di tutta la struttura, ponderata per i valori nominali, è pari al 10,54% Al momento della sottoscrizione del derivato quest ultimo dato era pari al 9,02%.

26 Mark to Market La struttura del derivato può essere scomposta nei seguenti elementi: Al momento della sottoscrizione del drivato il mark- to market era il seguente:

27 RESOCONTO DELL'ATTIVITA' DEL SERVIZIO COMUNI ADERENTI 7 AMMONTARE DEL DEBITO SOTTOSTANTE ,930 NUMERO DI CONTRATTI ESAMINATI 14 QUESTIONARI COMPILATI ON LINE 10 NUMERO DI DELIBERE/DETERMINAZIONI ESAMINATE 23 REPORT CONSEGNATI 7

28 DENOMINAZIONE CONTRATTO IMPORTO DEBITO SOTTOSTANTE ANNO DI SOTTOSCRIZIONE CS con Up front , Irs con collar , Interst rate swap plain vanilla , Interst rate swap plain vanilla , Interst rate swap plain vanilla , Mirror Swap , Irs con Collar , Irs con Purple Collar , Collar swap , Collar swap , Amortising i swap con collar , Zero cost collar in arriears , Irs con Purple Collar , Amortising swap con collar ,

29 Questionario on line Come hanno risposto i comuni ( n. 10 questionari ) Domanda Si No Domanda Si No Contratto in essere conseguente a precedente rinegoziazione (indicare si o no) 7 3 Stima dei differenziali prima della sottoscrizione 7 3 Presenza all'interno dell'ente di personale con esperienza e competenza finanziaria al momento della sottoscrizione: 3 7 Quantificazione Mark to Market alla data di negoziazione Nessuna risposta L'ente di è avvalso di consulenza indipendente 10 L'ente è riuscito a quantificare i differenziali di cassa (fissati o prospettici) generati dal derivato 3 7 La banca controparte rivestiva anche le funzioni di Advisor 8 2 L'ente è riuscito a monitorare il mtm del derivato 10 L'ente ha valutato gli effetti in termini di differenziali attesi prospettici del derivato nel 10 corso degli anni L'ente ha avuto accesso con frequenza periodica ai dati di mercato o analisi ispecialistiche sull'operazione in derivati 9 1 L'ente era a conoscenza del valore di mercato e/o della sesitività dello stesso alle variazioni dei tassi di mercato 9 1 Indicare se è stata inviata la comunicazione al MEF: 9 1

30 Questionario on line Come hanno risposto i comuni ( n. 10 questionari ) Obiettivo primario della sottoscrizione e/o rinegoziazione Finalità dei contratti Ristrutturazione indebitamento Ottenere flussi di cassa positivi 10 2 Riduzione rischi 1 Finanziamento investimenti 1

31 Questionario on line - Come hanno risposto i comuni ( n. 10 questionari ) Procedure amministrative Procedura Consiglio Indicare quali dei seguenti atti autorizzativi interni sono stati adottati con riferimento i alle operazioni i in derivati Indicare quali dei seguenti atti autorizzativi interni sono stati adottati con riferimento alle eventuali operazioni di rinegoziazione Delibera di Comunale Delibera di Giunta Comunal e DD Altro Qualificazione impropria degli enti come operatori qualificati Specificare se il Vostro Comune è stato classificato Retail 0 Qualificato 7 Nessuna 3

32 Questionario on line - Come hanno risposto i comuni ( n. 10 questionari ) Indicare, se conosciuto, rating della Banca controparte Rating controparte Non conosciuto 7 Conosciuto 0 Vuoto 3 Da quale legge è regolata l'operazione in derivati? Qual è la giurisdizione competente? Presenza della Normativa Italiana 9 giurisdizione inglese Normativa anglosassone ( isda ) 1 Altro 0

33 Questionario on line - Come hanno risposto i comuni ( n. 10 questionari ) Il vostro comune ha usufruito di consulenza esterna finanziaria e/o legale con riferimento all operazione in derivati Conflitto di interesse tra advisor e controparti Si 3 No 7 Vuoto 0

34 ANALISI FINANZIARIA Up front Ricevuto 6 Pagato 1 Non Percepito 6 Ammontare Rientrante nel limite dell'1% del nozionale 5 inizialei i Non rientrante nel limite 1% del 2 nozionale iniziale Destinazione Non ricavabile dalla documentazione ricevuta Destinato alla chiusura anticipata di un precedente contratto Destinato alla riduzione indebitamento t finanziamento opere pubbliche 5 2 1

35 ANALISI FINANZIARIA Analisi dei flussi di cassa netti Contratti che presentano un flusso di cassa netto negativo 7 Flussi di cassa scambiati al 30/6/2010 Flussi futuri ( curva forward) Contratti per i quali si prevedono flussi di cassa negativi , ,94 Analisi del MTM ad oggi mark to market negativo 10 mark to market positivo , ,46 Differenziale Differenziale , ,52

36 ANALISI FINANZIARIA Contratti con Costi impliciti Contratti con Opzioni digitali 6 3 Contratti da fisso a variabile rischio di tasso Amortising Swap 6 2

37 AREE DI CRITICITA` RILEVATE NELL ANALISI GIURIDICO LEGALE DEI SINGOLI CONTRATTI ( i contratti presi in considerazione sono n.11 relativi a n.5 report già consegnati) Procedura autorizzativa seguita Classificazione del Comune Distinzione i della posizione i di advisor da quella di controparte t bancaria nell operazione in derivati Rating della controparte bancaria

38 Aree di Criticità rilevate nell'analisi giuridico - legale dei singoli contratti (N.11) Procedura/Documentazione autorizzativa Completa 4 Incompleta 2 Non ricevuta 5 Classificazione del Comune. Cliente retail o non professionale 0 Cliente/operatore qualificato o professionale 10 Nessuna classificazione 1 Distinzione della posizione di advisor da quella di controparte bancaria nell operazione in derivati Sì 0 Rating della controparte bancaria Adeguato (conforme al D.M. 389/2003) 1 No 5 Non applicabile 5 Nessuna rilevazione 1 Non adeguato (non conforme al D.M. 389/2003) 0 Non conosciuto 10

39 Aree di Criticità rilevate nell'analisi giuridico - legale dei singoli contratti Possibilità di attivare un procedimento giudiziario nei confronti della controparte bancaria. Sì 2 No 2 Da valutare 3 Non applicabile 4 Possibilità di esperire la procedura di annullamento per autotutela Sì 2 No 0 Non applicabile 9 Nessuna rilevazione 0

40 DERIVATI Obiettivo prioritario: La Redazione della nota informativa ex art. 62, comma 8, d.l. n. 112/2008 I Comuni e la Provincia di Roma insieme Per una gestione consapevole Obiettivi secondari: Valutazione della convenienza economica delle nuove operazioni Creazione di una rete informativa sulle condizioni contrattuali Assistenza e valutazione dell informativa finalizzata alla trasparenza dei contratti, in linea con la bozza di regolamento MEF in corso di preparazione Costruzione di una comunità di enti e di operatori per la gestione e valutazione delle problematiche inerenti gli strumenti finanziari a disposizione degli enti locali.

41 Attività da svolgere insieme Assistenza diretta nella rinegoziazione dei contratti con le banche Assistenza legale per eventuali contenziosi con le banche Negoziazione unitaria delle condizioni di accesso al credito Valutazione e gestione del debito Studio e analisi di eventuali proposte in materia di finanziamento degli investimenti o di rinegoziazione del debito.

42 Arrivederci al prossimo anno

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SULLE TEMATICHE RELATIVE AGLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

INDAGINE CONOSCITIVA SULLE TEMATICHE RELATIVE AGLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI Sezioni riunite in sede di controllo INDAGINE CONOSCITIVA SULLE TEMATICHE RELATIVE AGLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI VI COMMISSIONE PARLAMENTARE Maggio 2015 INDAGINE CONOSCITIVA SULLE TEMATICHE RELATIVE

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore I principali prodotti derivati Elementi informativi di base Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice I - Premessa 3 II - Cosa sono i prodotti derivati 4 III - I principali prodotti

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

Commenti, chiarimenti e controdeduzioni alla. Relazione sulla situazione finanziaria del Comune di Roma

Commenti, chiarimenti e controdeduzioni alla. Relazione sulla situazione finanziaria del Comune di Roma Commenti, chiarimenti e controdeduzioni alla Relazione sulla situazione finanziaria del Comune di Roma elaborata dal Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato del MEF 1 a cura di Marco Causi 2

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

DUAL RC professionale

DUAL RC professionale P.I. LINE - tailor made DUAL RC professionale Proposta di assicurazione per la Responsabilità Civile Professionale di Commercialisti, Tributaristi, Avvocati Consulenti del Lavoro, Società di Servizi (EDP)

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI I. Disposizioni generali 1. Le presenti Regole di esecuzione delle istruzioni dei clienti riguardanti i contratti di compensazione delle differenze (CFD) e gli strumenti

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Operativitàin derivati Marialaura Napoli 2 Agenda I contratti derivati nell attuale quadro normativo Novità introdotte dalla Dir. 2004/39 Le sedi

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit.

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. http://www.borsaitaliana.it/borsa/azioni/scheda.html?isin=it0004781412&lang=en http://www.borsaitaliana.it/borsa/derivati/idem-stock-futures/lista.html?underlyingid=ucg&lang=en

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali Luglio 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO Regolamento del fondo comune di investimento immobiliare chiuso riservato ad investitori qualificati PATRIMONIO UNO promosso da Patrimonio

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo Luca Cappellina GRETA, Venezia Che cosa sono i futures. Il futures è un contratto che impegna ad acquistare o vendere, ad una data futura,

Dettagli

Tipologie di strumenti finanziari

Tipologie di strumenti finanziari Tipologie di strumenti finanziari PRINCIPALI TIPOLOGIE DI STRUMENTI FINANZIARI: Azioni Obbligazioni ETF Opzioni 1 Azioni: definizione L azione è un titolo nominativo rappresentativo di una quota della

Dettagli

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale di Luca Martini e Valerio Vimercati (*) In un contesto dove l accesso al credito da parte delle imprese risulta

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli