LA MOBILITÀ INTRAURBANA A ROMA ALLA LUCE DELL APPLICAZIONE DEL MODELLO GRAVITAZIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA MOBILITÀ INTRAURBANA A ROMA ALLA LUCE DELL APPLICAZIONE DEL MODELLO GRAVITAZIONALE"

Transcript

1 LA MOBILITÀ INTRAURBANA A ROMA ALLA LUCE DELL APPLICAZIONE DEL MODELLO GRAVITAZIONALE Introduzione Dalle informazioni sui cambi di domicilio, i cosiddetti traslochi, la storia della città può trarne informazioni utili a valutare meglio i mutamenti complessivi nella struttura urbanistica e demografica, sulla quale peraltro incidono in misura notevole anche le immigrazioni dall esterno e il movimento naturale. La storia sociale ha per parte sua mostrato negli ultimi decenni un forte interesse per i percorsi degli individui attraverso le città, espressione di una più o meno riuscita integrazione sociale nell ambito urbano e particolarmente utili per affinare un interpretazione della mobilità sociale che spesso resta legata a classificazioni parziali, come quelle professionali. Il fenomeno della mobilità residenziale all interno delle città in età contemporanea pone agli storici due ordini di problemi: da una parte c è un oggettiva difficoltà nel reperimento e nell uso delle fonti, scarse dal punto di vista statistico (specie in Italia), e difficilmente accessibili o utilizzabili solo con grosso lavoro di spoglio a livello anagrafico; dall altra parte permangono forti incertezze a livello di elaborazione e interpretazione dei dati disponibili. Dopo circa 35 anni si sono resi disponibili dati sui cambiamenti di domicilio all interno del comune di Roma. In precedenza l informazione era disponibile e correntemente riportata all interno dell Annuario Statistico del comune di Roma, pubblicazione che ha ripreso la sua attività soltanto dal Questo è il motivo per cui si dedicherà inizialmente spazio all analisi dei flussi di per sé, cioè senza considerare i denominatori delle popolazioni che a questi flussi danno vita. Successivamente la descrizione prevede l analisi delle misure riferite alle popolazioni, seguendo l approccio classico dell analisi demografica per la quale un primo consistente effetto nella manifestazione dei fenomeni è chiaramente da attribuire ai contingenti di individui sottoposti al rischio di produrre gli eventi allo studio. Dinamica nel corso degli anni La mobilità a breve raggio è un fenomeno molto comune a Roma. Basti pensare che nell arco di tempo esaminato oltre la metà (54,5%) dei traslochi in entrata o in uscita dalla Capitale sono stati interni al Comune. Dalla rappresentazione grafica sottostante si nota un inversione di tendenza nel 2008, unico anno in cui i flussi interni risultano essere numericamente inferiori ai flussi da altri Comuni o dall estero. Ciò è dovuto all enorme crescita di questi ultimi ( in più rispetto al 2007, secondo i dati Istat), ed è probabile che per le immigrazioni abbia influito la recente entrata di alcuni paesi come la Romania nell Unione Europea. 11

2 Figura 1 Cambi di domicilio a Roma per tipo di flusso. Anni , , , , , , , , , , , , , , ,000 97,828 97,813 93,649 90,000 88,167 80, Flussi interni Altri flussi e dell Istat Prima di analizzare la mobilità a breve raggio, cerchiamo di dare un interpretazione al forte incremento degli altri flussi nel Nella tabella 1 sono riportati i dati dell Ufficio di Statistica del Comune di Roma 1, da cui si evince che nel 2008 vi è stato un enorme incremento delle uscite (62%) in confronto all anno precedente, più che doppio rispetto alle entrate (25,3%). Quindi la spiegazione dell entrata di nuovi paesi nell Unione Europea può essere valida solo in minima parte. I dati delle uscite dalla Capitale mostrano un quasi uguale incremento di emigrazioni sia di italiani che di stranieri (circa il 62%), con la provincia che riveste una particolare attrazione. Tabella 1a Immigrazioni a Roma per cittadinanza e luogo di origine. Anni 2007 e Italiani Stranieri Totale 2008 Italiani Stranieri Totale Provincia Provincia Resto Italia Resto Italia Estero Estero Totale flussi Totale flussi Tabella 1b Emigrazioni da Roma per cittadinanza e luogo di destinazione. Anni 2007 e Italiani Stranieri Totale 2008 Italiani Stranieri Totale Provincia Provincia Resto Italia Resto Italia Estero Estero Totale flussi Totale flussi Il totale dei flussi tra Roma e l area esterna illustrati nella tabella 1 non coincide esattamente con il dato evidenziato nella figura 1 poiché la fonte è diversa. 12

3 Tabella 1c Incremento assoluto e percentuale dal 2007 al 2008 dei flussi migratori da e per Roma. IMMIGRAZIONI Italiani Stranieri Totale EMIGRAZIONI Italiani Stranieri Totale Provincia Provincia Resto Italia Resto Italia Estero Estero Totale flussi Totale flussi IMMIGR. % Italiani Stranieri Totale EMIGR. % Italiani Stranieri Totale Provincia 13,5 23,2 14,4 Provincia 72,0 78,0 72,7 Resto Italia 13,9 28,5 15,1 Resto Italia 68,3 63,2 67,4 Estero 12,8 40,6 38,6 Estero -9,4-0,5-8,1 Totale flussi 13,7 39,1 25,3 Totale flussi 62,0 61,7 62,0 Ora diamo uno sguardo a quali sono le principali collettività straniere che nel 2008 si sono insediate a Roma e quali hanno lasciato la Capitale. Gli stranieri rappresentano il 50,5% delle entrate, e di questi la metà è di cittadinanza rumena, un dato molto significativo se consideriamo che gli ucraini, al secondo posto, sono il 4,12%. Per quanto riguarda le uscite, gli stranieri sono naturalmente una minoranza (quasi il 14%), ed anche in questo caso spiccano i rumeni, che costituiscono oltre un quarto degli stranieri che hanno abbandonato nel 2008 la Capitale. In entrambi i casi osserviamo che i gruppi di stranieri più numerosi che entrano o escono dal Comune di Roma sono gli stessi, ma pur registrando tutti un saldo positivo possiamo notare nella tabella 1d che gli ucraini (saldo +1184) sono al 2 posto per le entrate e all 8 posto per le uscite, mentre i peruviani (+195) sono al 3 posto per le uscite e al 9 posto per le entrate. Tabella 1d Immigrazioni ed emigrazioni straniere per Roma nell anno Cittadinanza N entrate % Cittadinanza N uscite % RUMENA ,61 RUMENA ,79 UCRAINA ,12 FILIPPINA 531 6,23 FILIPPINA ,57 PERUVIANA 428 5,02 POLACCA ,15 POLACCA 377 4,42 CINESE ,87 CINESE 329 3,86 BANGLADESE 979 2,81 BANGLADESE 290 3,40 MOLDOVA 771 2,21 MOLDOVA 264 3,10 AFGHANA 743 2,13 UCRAINA 251 2,94 PERUVIANA 623 1,79 ERITREA 241 2,83 altre ,74 altre ,42 TOTALE TOTALE Passiamo ad esaminare ora la mobilità a breve raggio. Nel periodo esaminato, all interno del territorio comunale si sono registrati cambi di domicilio, in maggioranza effettuati da donne (51,7%). In termini assoluti, i municipi più caldi sia in entrata che in uscita risultano essere 13

4 il 13 e l 8. Ciò non è sorprendente, in quanto sia Ostia che il municipio delle Torri sono quelli più giovani, con forte presenza di stranieri ed in forte espansione urbanistica. Tabella 2a Cambi di domicilio interni al Comune di Roma per municipio di origine. Anni Municipio Totale non localizzati Totale Tabella 2b Cambi di domicilio interni al Comune di Roma per municipio di destinazione. Anni Municipio Totale non localizzati Totale

5 Come si può osservare nella tabella 3, questi due municipi sono anche quelli che registrano il saldo maggiormente attivo dei flussi interni. Il Centro Storico (municipio 1) possiede il saldo più negativo; in generale si può affermare che a Roma negli ultimi anni vi è una chiara tendenza di spostamenti verso la periferia del Comune. I motivi di questo fenomeno sono molteplici: si può ipotizzare come causa principale il prezzo esorbitante delle abitazioni nelle zone centrali, ma anche lo smog ed il traffico che paralizza molto spesso il Centro Storico. Tabella 3 Saldo dei flussi interni per municipio ( ). Municipio SALDO Municipio SALDO Municipio SALDO Le figure sottostanti indicano gli spostamenti a breve raggio per anno, fissati pari a 100 nel 2002 per ogni singolo municipio. Alla fine del periodo osservato, il municipio 8 fa registrare il più consistente flusso sia in entrata che in uscita rispetto al Al contrario, il municipio 6 si caratterizza per una minor numero di traslochi a breve raggio sia in entrata che in uscita rispetto all inizio del periodo esaminato. Anche il Centro storico (municipio 1) risulta essere meno attraente negli ultimi anni per chi già risiede a Roma. Figura 2 Cambi di domicilio interni nel 2008 per municipio di origine (2002=100)

6 Figura 3 Cambi di domicilio interni nel 2008 per municipio di destinazione (2002=100) Interessante è l analisi dei flussi per cittadinanza: gli stranieri sono l 11,5 % di coloro che hanno traslocato all interno di Roma nei sette anni osservati ed essi mostrano una trend crescente nel tempo, soprattutto negli ultimi anni. In particolare nel 2008 si sono registrati cambi di domicilio in più da parte di stranieri. Gli italiani invece mostrano un forte calo, pari a unità, tra il 2002 ed il 2003, per poi stabilizzarsi attorno un numero di traslochi interni compreso tra e circa nei 5 anni successivi. Estrapolando la componente straniera mobile è possibile osservare le comunità che hanno registrato più cambi; naturalmente questo dato è strettamente legato alla consistenza di ogni gruppo di stranieri presenti nella Capitale 2. 2 Tabella 4 - Cittadini Stranieri a Roma. Popolazione residente per sesso e cittadinanza al 31 Dicembre Principali paesi Maschi Femmine Totale Principali paesi Maschi Femmine Totale Romania Ucraina Filippine Ecuador Polonia Egitto Bangladesh Albania Perù altri paesi Cina Rep. Popolare TOTALE ZONA Fonte: Demo Istat 16

7 Tabella 5 Cambi di domicilio interni al Comune di Roma per cittadinanza. Anni cittadinanza anno Totale % ITALIANA ,50 straniera ,50 Totale cittadinanza anno Totale % FILIPPINA ,48 RUMENA ,98 PERUVIANA ,03 BANGLADESE ,01 CINESE ,74 POLACCA ,15 ECUADOREGNA ,90 EGIZIANA ,88 SRILANKESE ,62 UCRAINA ,88 ALBANESE ,71 INDIANA ,24 MAROCCHINA ,01 MOLDOVA ,67 altri stranieri ,68 Totale I dati della tabella 5 mettono in risalto che la comunità filippina è più mobile rispetto a quella rumena, pur essendo numericamente inferiore come contingente (circa la metà); ciò probabilmente può essere dovuto alle tipologie di lavoro (domestico principalmente) che li portano a spostarsi a vivere presso le famiglie in cui lavorano. Inoltre si osserva come la comunità polacca e quella ucraina, pur essendo numericamente rilevanti (rispettivamente 3 e 7 posto tra le prime cittadinanze nel 2008) non si muovono molto, anzi sono tra le più stanziali. Gli immigrati provenienti dall Ecuador e da alcuni paesi dell Europa Orientale (Romania, Moldavia, Ucraina) fanno registrare negli anni più recenti un numero di traslochi largamente superiore a quelli iniziali: ciò è dovuto al loro enorme afflusso negli ultimi anni, specialmente nel caso dei rumeni, entrati a far parte dell Unione Europea nel In generale, il peso degli stranieri nei traslochi all interno della Capitale è come dimostra la figura 4 aumentato in modo considerevole, passando dall 8,6% del 2002 all 11,6% del 2005 e poi al 15,4% del

8 Figura 4 Percentuale di stranieri nei cambi di domicilio interni a Roma. Anni Ma quali sono i municipi che attraggono più stranieri? Esistono differenze tra le varie comunità che già vivono a Roma nella scelta del luogo di nuova residenza? A queste domande si può provare a rispondere osservando i dati riportati nella tabella 6. Tabella 6a Cambi di domicilio interni della popolazione filippina per municipio d origine e di destinazione. Roma Origine Destinazione Totale TOT. 18

9 Tabella 6b Cambi di domicilio interni della popolazione rumena per municipio d origine e di destinazione. Roma Origine Destinazione Totale TOT. Tabella 6c Cambi di domicilio interni della popolazione peruviana per municipio d origine e di destinazione. Roma Origine Destinazione Totale TOT. 19

10 Tabella 6d Cambi di domicilio interni della popolazione bangladese per municipio d origine e di destinazione. Roma Origine Destinazione Totale TOT. Tabella 6e Cambi di domicilio interni della popolazione cinese per municipio d origine e di destinazione. Roma Origine Destinazione Totale TOT. 20

11 Tabella 6f Saldi intramunicipali dei cambi di domicilio interni per le principali collettività straniere. Roma MUNICIPIO Filippine Romania Perù Bangladesh Cina Le collettività più mobili in termini assoluti sono filippini, rumeni, peruviani, bangladesi e cinesi (tabella 4). Sono proprio queste 5 comunità che abbiamo voluto mettere in luce e a tal proposito risulta evidente un dato interessante: il municipio I registra per ogni gruppo il saldo più negativo. Quindi, molti stranieri che già risiedevano nel Centro Storico hanno deciso negli anni più recenti di andare a vivere in un altra zona della Capitale. Tuttavia la scelta della nuova residenza non è la stessa per tutte le collettività: i filippini sono maggiormente insediati nella zona nord di Roma, come dimostrano i numerosi flussi per i municipi 2,19, 20 e un saldo fortemente attivo per il municipio 4. I rumeni hanno nell 8 il municipio più caldo, caratterizzato anche dal saldo in maggior misura positivo. Osservando che altri flussi, minori ma non trascurabili, contraddistinguono i municipi 13 e 20, si può concludere che essi si sono maggiormente insediati in aree periferiche, ma non vicine tra loro. Per i peruviani invece la periferia a nord-ovest (municipi 19 e 20) è la zona più popolosa, unitamente ad una recente immigrazione verso il municipio VIII, zona calda per le entrate come dimostra il saldo positivo nella tabella 5f. I bangladesi sono la comunità che risulta discostarsi più dalle caratteristiche delle altre, in quanto sembra particolarmente attirata dal municipio 6, uno dei meno estesi. Un forte flusso di immigrati bangladesi già presenti a Roma proviene dal Centro Storico, zona particolarmente repellente per essi negli anni recenti, nei quali il municipio 7 è quello con il migliore saldo e che quindi esercita una forte attrazione. 21

12 Infine i cinesi, una delle comunità più storiche immigrate nella Capitale, caldeggiano maggiormente i municipi 6 e 8, per i quali si notano anche i flussi in uscita più numerosi, oltre a quelli del municipio 1, la maggior parte dei quali si dirige verso il municipio 6. Le macrozone Per analizzare meglio la mobilità a breve raggio occorre basarsi su aree territoriali meno estese dei municipi, poiché questi al loro interno potrebbero essere un po troppo eterogenei. I dati sono disponibili anche per zona urbanistica, ma a causa della loro numerosità (oltre 150) diventerebbe troppo complesso analizzare i flussi tramite il modello gravitazionale. Così si è scelto di lavorare per macrozone, le quali sono state composte nel 1996 da Oliviero Casacchia e da Massimiliano Crisci per l area interna 3 al Raccordo, rispettando i seguenti criteri: - contiguità di zone urbanistiche - popolazione media di unità, non superiore a e non inferiore a Per effettuare un analisi completa è stato necessario costruire macrozone per l area esterna al Raccordo, seguendo gli stessi criteri ma allargando la forbice ( < P < ) 4 : 3 Queste macroaree sono state nominate da 1 a 44 ma in realtà all interno del GRA sono 43, poiché la macrozona 42, che inizialmente comprendeva una sezione del 19 municipio (Medaglie d Oro e Primavalle), è stata accorpata in parte alla 38, in parte alla 41. Quindi durante tutta la nostra analisi non considereremo la macrozona Prima di ciò, abbiamo comunque voluto fare una verifica per controllare quante zone infra-gra rientravano nel criterio dell ampiezza della popolazione dopo oltre 10 anni dalla loro costruzione: tutte le macroaree all interno del GRA sostengono al 1 gennaio 2008 una popolazione tra le ed le unità, tranne due casi in eccesso ed un caso in difetto. La media si attesta sui individui circa per macrozona, quindi si è deciso di mantenere le macrozone originali all interno del Raccordo, e di allargare la forbice all esterno. 22

13 Figura 5 Le 56 macrozone Elenco delle macrozone interne al raccordo MZ DESCRIZIONE MUNICIPIO MZ DESCRIZIONE MUNICIPIO 1 Centro storico, Aventino, Testaccio, Celio I 23 Tuscolano Sud, Appia Antica IX - XI 2 Trastevere, Gianicolense I - XVI 24 Appio Latino IX 3 Esquilino, XX Settembre I 25 Don Bosco X 4 Parioli, Flaminio, Villaggio Olimpico, V.Borghese, Villa Ada II 26 Appio Claudio, Quarto Miglio X 5 Salario, Nomentano, S.Lorenzo, Università, Verano II - III 27 Ostiense, Garbatella XI 6 Trieste II 28 EUR XI - XII 7 Nomentano III 29 Tor Marancia, Tre Fontane XI - XII 8 Monte Sacro IV 30 Torrino, Laurentino XII 9 Val Melaina IV 31 Marconi XV 10 Monte Sacro, Tufello IV 32 Portuense XV 11 Serpentara IV 33 Trullo, Magliana XV 12 Tiburtina Nord, Pietralata V 34 Buon Pastore XV - XVI 13 Tiburtina Sud, Casal Bruciato V 35 Colli Portuensi, Gianicolense XVI 14 San Basilio, Casal de Pazzi V 36 Prati XVII 15 Tor Pignattara VI 37 Tor di Quinto, Farnesina XVII-XIX-XX 16 Casilino, Quadraro VI - VII - X 38 Eroi, Medaglie d'oro XVII - XIX 17 Gordiani VI 39 Aurelio XVIII 18 Alessandrino VII 40 Val Cannuta XVIII 19 Centocelle VII 41 Primavalle XVIII - XIX 20 Tor Tre Teste, Torre Maura VII - VIII 43 Ottavia, Trionfale XIX 21 Torre Spaccata, Osteria del Curato VIII - X 44 Tomba di Nerone, Grottarossa XX 22 Tuscolana IX 23

14 Elenco delle macrozone esterne al raccordo 45 Settebagni, Bufalotta, Settecamini, Prima Porta, Labaro IV - V - XX 46 Acqua Vergine, Lunghezza, San Vittorino VIII 47 Borghesiana VIII 48 Torre Angela VIII 49 Tor Vergata, Romanina, Barcaccia, Morena VIII - X 50 Ciampino, Castel di Leva, Decima, C.Romano, P.ta Medaglia X - XI - XII 51 Mezzocamino, Spinaceto, Malafede XII - XIII 52 Palocco, Acilia Sud XIII 53 Ostia Sud, Castel Fusano, Infernetto, Castel Porziano XIII 54 Ostia Nord, Ostia Antica XIII 55 Acilia Nord, Ponte Galeria, Massimina, Pantano di Grano XIII-XV-XVI 56 Casalotti, Boccea, Castelluccia, Galeria XVIII - XIX 57 Giustiniana, La Storta, Santa Cornelia, Casano, Martignano XX Applicazione del modello gravitazionale Il modello gravitazionale cerca di spiegare i flussi migratori M che si originano in i e vanno alla destinazione j. Ravenstein e Pareto si accorsero che il flusso migratorio dipende dalla popolazione che lo origina P i e dalla popolazione del luogo di destinazione P j : più esse sono consistenti, più numeroso dovrebbe essere il flusso migratorio. Ravenstein inoltre affermò che il flusso M ij è inversamente proporzionale alla distanza che separa i da j. Per stimare questo modello in genere si opera una trasformazione logaritmica che dà luogo al modello log-normale 5. La prevalenza del valore di uno dei tre parametri sta ad indicare un maggiore effetto esercitato da esso nei cambio di domicilio osservati, naturalmente nell ipotesi irrealistica - che i traslochi dipendano esclusivamente dai 3 fattori descritti in precedenza. Tabella 7 Risultati del modello gravitazionale per municipi. Anni Flussi Matrice Popolazione Indice di Coefficienti delle variabili esplicative determinazione K b c a Casacchia 0,10 Totale 0,76-20,9 0,82 1,30-0,80 Casacchia Totale 0,50-30,2 1,20 1,68-1,26 Mudu Totale 0,64-29,5 1,21 1,69-1,46 Mudu Italiani 0,61-29,9 1,24 1,69-1,50 Mudu Stranieri 0,59-11,9 0,87 0,89-1,06 5 Il modello log-normale è rappresentato nella seguente forma: lnm ij = ln(k) + b*ln(p i) + c*ln(p j) + a*ln(d ij), in cui M ij rappresenta il numero di individui che si spostano dal luogo i al luogo j, P i l ammontare della popolazione del luogo i, P j quello della popolazione del luogo j, D ij la distanza tra i e j. Infine k, b, c e a sono parametri da valutare, con questi ultimi tre che rappresentano l effetto, rispettivamente, della popolazione di origine, della popolazione di destinazione e della distanza. 24

15 Figura 6 Valore dei coefficienti delle variabili esplicative per cittadinanza Italiani Stranieri Origine Destinazione Distanza Per tutti e 3 i modelli 6 si può notare un valore più elevato per il parametro c, che rappresenta l entità della popolazione presente nel municipio di destinazione. L effetto distanza è, come ci si aspettava, negativo e prevale in valore assoluto rispetto alla massa che popola il municipio di origine, tranne nel modello con la matrice Casacchia 0,10 in cui l effetto della distanza è in parte attenuato dal valore arbitrario. Analizzando i flussi per cittadinanza tramite il modello con la matrice Mudu, l indice di determinazione si abbassa: per gli italiani (R 2 =0,61) prevale l effetto destinazione, mentre per gli stranieri (R 2 =0,59) osserviamo un maggiore effetto della distanza. Tabella 8 Risultati del modello gravitazionale per macrozone. Anni Flussi Macrozone Popolazione Indice di Coefficienti delle variabili esplicative determinazione K b c a Totali Totale 0,54-16,3 1,03 0,81-1,17 Totali Maschi 0,54-18,4 1,10 0,98-1,19 Totali Femmine 0,53-13,3 0,98 0,66-1,17 Infra-Gra Totale 0,75-22,1 1,16 1,18-1,60 6 All interno del modello per municipi sono state applicate matrici di due tipi: quella costruita da Oliviero Casacchia è stata ricavata utilizzando il calcolo della distanza geodetica tra due punti della superficie terrestre, nell ipotesi che la Terra sia una sfera perfetta. Per ovviare al problema dei valori nulli sulla diagonale principale infatti anche per i cambi intermunicipali occorre considerare una distanza - in primo luogo si è pensato di inserire un valore arbitrario pari a 0,10 km, ottenendo risultati soddisfacenti (R 2 =0,76). In secondo luogo si è considerata l area di ogni municipio come se avesse una forma a cerchio, e che il raggio rappresenti la distanza media tra un municipio e se stesso. Ma in questo caso l indice di determinazione risulta essere molto più basso (R 2 =0,50). La matrice costruita da Pierpaolo Mudu è stata realizzata in base ai criteri della distanza euclidea (teorema di Pitagora), inserendo sulla diagonale principale il valore del raggio per ogni municipio: in questo caso l indice di determinazione risulta migliore (R 2 =0,64). 25

16 Figura 7 Valore dei coefficienti delle variabili esplicative per il totale dei flussi e per solo quelli interni al Grande Raccordo Anulare Flussi Totali Flussi Infra-Gra Origine Destinazione Distanza Figura 8 Valore dei coefficienti delle variabili esplicative per sesso Maschi Femmine Origine Destinazione Distanza Per costruire la matrice delle distanze tra macrozone si è considerato il baricentro geografico 7 ed il problema della diagonale principale è stato risolto col metodo del raggio descritto in precedenza. Applicando il modello gravitazionale alle 56 macrozone il valore dell indice di determinazione è più basso (R 2 =0,54), quindi si evidenzia un adattamento ai dati meno soddisfacente rispetto al caso 7 Il baricentro geografico la media ponderata di tutte le coordinate delle zone urbanistiche che compongono la singola macroarea, con pesi pari all ampiezza della popolazione di ciascuna zona urbanistica. 26

17 dei municipi con la matrice Mudu o Casacchia 0,10. Tuttavia, se consideriamo solo i flussi delle macrozone interne al Grande Raccordo Anulare il valore dell indice R 2 sale a 0,75. L osservazione principale che si può effettuare sui risultati del modello è la prevalenza dell effetto distanza su quello popolazione, per la quale ha più importanza l ampiezza della popolazione nel luogo di origine, altro risultato in contrasto con quanto visto per i municipi se consideriamo i flussi nell intero comune. Le differenze tra i 3 parametri emergono con più chiarezza nelle donne che negli uomini. Il fatto che il modello funzioni meno bene che per i Municipi è assolutamente in linea con quanto è espresso nella letteratura, in cui si afferma che inasprendo il dettaglio territoriale la correlazione si indebolisce. Tuttavia è probabile che nei risultati influisca anche l effetto "troncamento" in periferia, per il quale una zona all'orlo del comune non può comunicare che verso il centro, ed in questo senso si spiega anche l elevato valore di R 2 per quanto riguarda i flussi interni al Raccordo. Da qui potrebbe nascere l esigenza di dover ampliare l analisi confrontando gli spostamenti che intercorrono tra l area metropolitana ed il resto del territorio. Stefano Cappuccia 27

18 BIBLIOGRAFIA Baccaini Brigitte Interurban migrations and socio-professional categories in France between 1982 and 1990 in: Studi di popolazione, Temi di ricerca nuova, P. Giorgi e S. Strozza (a cura di) Dipartimento di Scienze Demografiche, (1996) Comune di Roma Ufficio di Statistica Progetto di revisione anagrafe (2006) Distaso Salvatore La popolazione delle città italiane: tendenze in atto e prospettive Cacucci editore Bari (1992) Favero Giovanni La mobilità urbana nelle città italiane tra Ottocento e Novecento: le statistiche municipali (2004) Gorio F. e Stucchi S. (a cura di) Modelli descrittivi ed interpretativi della struttura urbana, documento di lavoro n. 1, Facoltà di Ingegneria di Roma, Istituto di Architettura Urbanistica, Cattedra di Urbanistica III, settembre 1972, pp (appendici). Lamonica Giuseppe Ricciardo, Zagaglia Barbara I flussi migratori nelle regioni adriatiche: interazioni e determinanti in E. Moretti (a cura di), Lungo le sponde dell Adriatico. Flussi migratori e percorsi di integrazione, Franco Angeli - Milano (2008) Lee Colin I modelli nella pianificazione urbanistica Marsilio Padova (1973) Mattioli Elvio, Lamonica Giuseppe Ricciardo L affidabilità del modello gravitazionale nell analisi e nella storia dei flussi migratori interni, in: L.Di Comite, O.Garavello e F.Galizia (a cura di), Sviluppo demografico ed economico nel Mediterraneo, Cacucci - Bari (2008) Poulain Michel Entre la gravitation et l entropie. Un modèle spatial de la migration interne et son estimation, communication présentée à la Table Ronde sur la démographie mathématique organisée au Congrès Général de l UIESP, Manila, 9-16 décémbre 1981, Département de Démographie, Université Catholique de Louvain. Sanzo Roberto Modelli per l analisi delle migrazioni metropolitane: applicazioni al caso di Roma Tesi di Laurea (1993) Sargento Ana Lùcia M. Empirical Examination of the Gravity Model in two Different Contexts: Estimation and Explanation Jahrbuch f ur Regionalwissenschaft (2007) 28

380 I RESIDENTI NEI MUNICIPI DI ROMA

380 I RESIDENTI NEI MUNICIPI DI ROMA 380 I RESIDENTI NEI MUNICIPI DI ROMA MUNICIPIO 1 (Centro storico, Trastevere, Esquilino, Aventino, Testaccio) 1 Numero residenti 133.590 45.380 Bangladesh 4.651 10,2 % pop. immigrata - 33,0 Romania 2.866

Dettagli

I QUARTIERI DEGRADANO I TUOI DIRITTI MAI!

I QUARTIERI DEGRADANO I TUOI DIRITTI MAI! A TUTTI I CITTADINI DI ROMA I QUARTIERI DEGRADANO I TUOI DIRITTI MAI! OLTRE UN MILIONE DI CITTADINI ROMANI VIVONO IN ZONE DEGRADATE DELLA CITTA!!! ISTRUZIONI PER FAR VALERE I TUOI DIRITTI Tutti i cittadini

Dettagli

ANALISI ELABORATA DAL SICeT di ROMA e LAZIO

ANALISI ELABORATA DAL SICeT di ROMA e LAZIO ANALISI ELABORATA DAL SICeT di ROMA e LAZIO SU UN CAMPIONE DI CONTRATTI DI LOCAZIONE STIPULATI AI SENSI DELL ART. 2 COMMA 3 DELLA LEGGE 431/98 NELL AREA METROPOLITANA DI ROMA. E stato sviluppato uno studio

Dettagli

GLI INDICI DI DISAGIO SOCIALE ED

GLI INDICI DI DISAGIO SOCIALE ED Ragioneria Generale I Direzione Sistemi informativi di pianificazione e controllo finanziario U.O. Statistica GLI INDICI DI DISAGIO SOCIALE ED EDILIZIO A ROMA Analisi per municipio e zona urbanistica Censimento

Dettagli

I fatti e le cifre Spendere in città

I fatti e le cifre Spendere in città numero 2 anno 2010 Statistica e Censimento Marketing territoriale I fatti e le cifre Spendere in città L inflazione a Roma : ad agosto ancora in lieve aumento +0,2% Ad agosto l inflazione romana ha registrato

Dettagli

COMUNE DI COMO. I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004. (1 Edizione)

COMUNE DI COMO. I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004. (1 Edizione) COMUNE DI COMO I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004 (1 Edizione) Settore Statistica - Agosto 2007 I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004

Dettagli

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 aprile 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Direttore Settore Statistica: Redazione a cura di: Gianluigi Bovini Franco Chiarini Brigitta Guarasci L'uso

Dettagli

Flussi di cittadini in Italia

Flussi di cittadini in Italia Flussi di cittadini in Italia Il fenomeno dell immigrazione in Italia secondo gli ultimi dati del Ministero del lavoro riguarda più di 4 milioni di stranieri con un incidenza sulla popolazione

Dettagli

I modelli insediativi della popolazione straniera nei Sistemi Locali del Lavoro Italiani

I modelli insediativi della popolazione straniera nei Sistemi Locali del Lavoro Italiani I modelli insediativi della popolazione straniera nei Sistemi Locali del Lavoro Italiani Mauro Albani*, Antonella Guarneri*, Frank Heins**, Conferenza AISRe - Torino, 15-17 settembre 2011 * Istat Servizio

Dettagli

LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA AL 1/1/2006 A CONFRONTO CON QUELLA RESIDENTE A FAENZA

LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA AL 1/1/2006 A CONFRONTO CON QUELLA RESIDENTE A FAENZA COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO Servizio Aziende e Partecipazioni comunali LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA AL 1/1/2006 A CONFRONTO CON QUELLA RESIDENTE A FAENZA Edizione 1/ST/st/26.10.2006

Dettagli

n. 6/2010 Il confronto tra anagrafe e censimento 2001 nel Comune di Roma G. Gallo, E. Paluzzi, A. Silvestrini e P.F. Cortese

n. 6/2010 Il confronto tra anagrafe e censimento 2001 nel Comune di Roma G. Gallo, E. Paluzzi, A. Silvestrini e P.F. Cortese n. 6/2010 Il confronto tra anagrafe e censimento 2001 nel Comune di Roma G. Gallo, E. Paluzzi, A. Silvestrini e P.F. Cortese ISTAT Servizio Editoria - Centro stampa n. 6/2010 Il confronto tra anagrafe

Dettagli

GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA

GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA Nel corso degli anni 90, il numero di permessi di soggiorno per l ingresso in Italia di minori stranieri è aumentato notevolmente. Si calcola infatti che negli ultimi

Dettagli

A cura di Stefano Suraniti 1 Marco Bodrato 2 Serena Caruso Bavisotto 3 Anna Alessandra Massa 4

A cura di Stefano Suraniti 1 Marco Bodrato 2 Serena Caruso Bavisotto 3 Anna Alessandra Massa 4 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Gli di nelle scuole della provincia di Torino 2013/2014 A cura di Stefano Suraniti 1 Marco Bodrato

Dettagli

Flussi di cittadini nella UE

Flussi di cittadini nella UE Flussi di cittadini nella UE Immigrazione UE-27, 2009-2011. Fonte Eurostat. Immigrati ogni 1000 abitanti, 2011. Fonte Eurostat. Quota di immigrati per gruppo cittadinanza, UE-27, 2011. Fonte Eurostat.

Dettagli

Comune di Bologna Settore Programmazione, Controlli e Statistica. Cittadini stranieri a Bologna: Il profilo delle donne straniere in città

Comune di Bologna Settore Programmazione, Controlli e Statistica. Cittadini stranieri a Bologna: Il profilo delle donne straniere in città Comune di Bologna Settore Programmazione, Controlli e Statistica Cittadini stranieri a Bologna: Il profilo delle donne straniere in città Direttore: Gianluigi Bovini Coordinamento: Franco Chiarini Redazione

Dettagli

Quanti sono gli immigrati a Verona e da dove vengono?

Quanti sono gli immigrati a Verona e da dove vengono? MAT E RIALI D IDAT TI C I SULL I M M I GRAZ I O N E C E STIM TEMA DELL INCONTRO/UNITA DIDATTICA OBIETTIVO Quanti sono gli immigrati a Verona e da dove vengono? Fornire agli studenti alcuni dati utili a

Dettagli

1. LA POPOLAZIONE TORINESE

1. LA POPOLAZIONE TORINESE 1. LA POPOLAZIONE TORINESE 1.1. UNA CITTÀ UN PO PIÙ PICCOLA Torino continua a spopolarsi. Non solo nel 1999, ma durante tutta la seconda metà degli anni novanta, la città continua a perdere popolazione.

Dettagli

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi LA COMUNITA CINESE IN ITALIA A cura di Federica Aurizi Acquisizione ed elaborazione dei dati riassunti nelle schede sono ricavati dalle seguenti fonti: Barbagli (a cura di), 1 Rapporto sugli immigrati

Dettagli

capitolo 1 territorio e climatologia

capitolo 1 territorio e climatologia capitolo 1 territorio e climatologia Avvertenze La superficie territoriale è l'estensione del territorio comunale in ettari (ha). La popolazione che compare in questo capitolo è la popolazione anagrafica.

Dettagli

La Città e i suoi Quartieri al 2014

La Città e i suoi Quartieri al 2014 La Città e i suoi Quartieri al 2014 Un quadro demografico del Quartiere Don Bosco Popolazione residente nel Quartiere per grandi classi di età e sesso FEMMINE MASCHI 65 e più 45-64 30-44 15-29 0-14 0 200

Dettagli

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE Le presenze straniere in regione I residenti Secondo i dati Istat, a fine 2010 i residenti stranieri in Lombardia sono 1.064.447,

Dettagli

Sicurezza stradale e nuovi cittadini

Sicurezza stradale e nuovi cittadini Sicurezza stradale e nuovi cittadini Premessa Dall Unità d Italia ad oggi, la presenza straniera nel nostro Paese è profondamente mutata sia nei numeri che nella tipologia. Se, infatti, fino a qualche

Dettagli

Sportello informativo Casa delle Culture Comune di Arezzo Report 3 Bimestre 2013

Sportello informativo Casa delle Culture Comune di Arezzo Report 3 Bimestre 2013 Sportello informativo Casa delle Culture Comune di Arezzo Report 3 Bimestre 2013 A cura di Giovanna Tizzi 1. Gli accessi allo Sportello Informativo della Casa delle Culture Questo terzo report, relativo

Dettagli

QUINTO RAPPORTO ANNUALE

QUINTO RAPPORTO ANNUALE QUINTO RAPPORTO ANNUALE I migranti nel mercato del lavoro in Italia a cura della Direzione Generale dell Immigrazione e delle Politiche di Integrazione 20 15 LE NOVITA DEL QUINTO RAPPORTO ANNUALE 2015.

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare Continua la rivalutazione del settore immobiliare romano iniziata nel 1999 e proseguita, con velocità diverse ma sempre crescenti, fino ad oggi. Tornando indietro nel tempo, sino

Dettagli

Il 2012 anno in trincea per il 40,5% delle imprese di costruzioni italiane

Il 2012 anno in trincea per il 40,5% delle imprese di costruzioni italiane Comunicato stampa Il 2012 anno in trincea per il 40,5% delle imprese di costruzioni italiane Il dato è emerso dall indagine realizzata in occasione della presentazione della quinta edizione di Expoedilizia

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

LA POPOLAZIONE IERI, OGGI E DOMANI

LA POPOLAZIONE IERI, OGGI E DOMANI LA POPOLAZIONE IERI, OGGI E DOMANI Trieste novembre 2012 Riproduzioni e stampe dovranno riportare in modo visibile la fonte e la proprietà dell informazione. Inoltre, su richiesta al Servizio Statistica

Dettagli

Le condizioni abitative dei cittadini stranieri assistiti dal Patronato Ital

Le condizioni abitative dei cittadini stranieri assistiti dal Patronato Ital Le condizioni abitative dei cittadini stranieri assistiti dal Patronato Ital L accesso alla casa rappresenta uno degli aspetti salienti del processo di integrazione sociale degli stranieri nel nostro paese.

Dettagli

1. LA POPOLAZIONE 1.1. RALLENTA LO SPOPOLAMENTO DEL CAPOLUOGO

1. LA POPOLAZIONE 1.1. RALLENTA LO SPOPOLAMENTO DEL CAPOLUOGO 1. LA POPOLAZIONE 1.1. RALLENTA LO SPOPOLAMENTO DEL CAPOLUOGO Ormai da quasi vent anni il comune di Torino sta perdendo popolazione. Dopo il boom demografico durato fino alla metà degli anni settanta,

Dettagli

Comune di Padova. La statistica per la città

Comune di Padova. La statistica per la città Comune di Padova La statistica per la città Il movimento migratorio a Padova nel 2008 Sistema Statistico Nazionale Dicembre 2009 Comune di Padova Settore Programmazione Controllo e Statistica Via del Municipio,

Dettagli

7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi

7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi 544 7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi La seconda sottocomponente analizzata per l analisi demografica concerne le dinamiche dei flussi, considerando come tali i

Dettagli

Lo scenario migratorio italiano e lombardo e gli orientamenti dei migranti verso il ritorno al Proprio Paese d origine

Lo scenario migratorio italiano e lombardo e gli orientamenti dei migranti verso il ritorno al Proprio Paese d origine Lo scenario migratorio italiano e lombardo e gli orientamenti dei migranti verso il ritorno al Proprio Paese d origine d di Alessio Menonna Fondazione Ismu Milano, 12 marzo 2015 Negli ultimi 18 anni, dal

Dettagli

COMUNE DI SERIATE ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2007 ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2007

COMUNE DI SERIATE ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2007 ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2007 ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2007 i Autore Antonio Rinaldi Responsabile progetto Dirigente Settore Affari Generali - Monica Vavassori Avvertenze: I dati fanno riferimento all anno 2006 salvo diversa indicazione.

Dettagli

LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA

LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA 22 settembre 2011 1 gennaio 2011 LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA Gli stranieri residenti in Italia al 1 gennaio 2011 sono 4.570.317, 335mila in più rispetto all anno precedente (+7,9%). L

Dettagli

I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007

I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007 I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007 Natalità in ripresa Mortalità stazionaria Immigrazione in aumento Giovani (0-14) in aumento Giovani (25-35) in diminuzione I giovani

Dettagli

LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA

LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza

Dettagli

Milano. Settore Sistemi Integrati per i Servizi e Statistica. Scuole dell infanzia, Primarie e Secondarie di I grado. Anno scolastico 2008 2009

Milano. Settore Sistemi Integrati per i Servizi e Statistica. Scuole dell infanzia, Primarie e Secondarie di I grado. Anno scolastico 2008 2009 Milano Settore Sistemi Integrati per i Servizi e Statistica Scuole dell infanzia, Primarie e Secondarie di I grado Anno scolastico 28 29 Comune di Milano A cura di: Vittoria Carminati Elaborazione dati:

Dettagli

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà Caritas/Migrantes Dossier Statistico Immigrazione 2009 XIX Rapporto Immigrazione: conoscenza e solidarietà In Europa, e specialmente nel nostro Paese, l immigrazione continua a crescere nonostante la crisi,

Dettagli

Ufficio di Statistica n 4 - ottobre/dicembre 2009

Ufficio di Statistica n 4 - ottobre/dicembre 2009 n 4 - ottobre/dicembre 2009 Sposarsi a Roma Sempre più tardi e sempre di meno. Introduzione Il matrimonio è sempre stato considerato fin dall antichità il pilastro per la creazione di una famiglia e per

Dettagli

La relazione tra banche e migranti in Italia

La relazione tra banche e migranti in Italia La relazione fra migranti e banche in Italia è venuta emergendo come un tema di grande interesse, suscitando l attenzione sia delle istituzioni pubbliche che del mondo economico e finanziario. Ciò ha comportato

Dettagli

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative:

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative: L Immigrato La complessità dei problemi sociali degli immigrati, le caratteristiche, organizzative dei servizi sanitari e la mancanza di strumenti di rilevazione sistematici ad hoc hanno reso difficoltoso

Dettagli

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane L EVOLUZIONE DEL MODELLO FAMILIARE A BASSANO DEL GRAPPA Traccia di lettura dei

Dettagli

QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE

QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE COSVILUPPO 1 e QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE LORENZO TODESCHINI IMMIGRATI: PROBLEMA O RISORSA? L immigrazione è spesso percepita come fatto negativo e non è facile cambiare mentalità 2 solo di recente

Dettagli

All'origine del fenomeno si trovano un insieme di fattori che riguardano:

All'origine del fenomeno si trovano un insieme di fattori che riguardano: Scheda di sintesi Rapporto di ricerca Il matrimonio forzato in Italia: conoscere, riflettere, proporre Come costruire una stima del numero delle donne e bambine vittime in Italia di matrimoni forzati e

Dettagli

Evoluzione del fenomeno migratorio in Italia Salvatore Geraci Area Sanitaria Caritas di Roma Società Italiana di Medicina delle Migrazioni

Evoluzione del fenomeno migratorio in Italia Salvatore Geraci Area Sanitaria Caritas di Roma Società Italiana di Medicina delle Migrazioni Bologna 21 settembre 2011 Evoluzione del fenomeno migratorio in Italia Salvatore Geraci Area Sanitaria Caritas di Roma Società Italiana di Medicina delle Migrazioni I migranti sono un importante risorsa

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

LAVORATORI STRANIERI E INFORTUNI SUL LAVORO

LAVORATORI STRANIERI E INFORTUNI SUL LAVORO I.N.A.I.L Direzione Regionale del Piemonte. LAVORATORI STRANIERI E INFORTUNI SUL LAVORO A cura di Mirko Maltana 1 e Maria Luigia Tomaciello 2 Nel corso del 2010 sono stati denunciati all Istituto Nazionale

Dettagli

CASA.IT ROMA MARKET REPORT

CASA.IT ROMA MARKET REPORT CASA.IT ROMA MARKET REPORT NOTA METODOLOGICA Prezzi di Offerta: sono i prezzi medi ricavati dall analisi degli immobili residenziali in vendita a Roma Prezzi di Domanda: sono i prezzi medi ricavati dalle

Dettagli

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079)

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) AUDIZIONE DELLA SVIMEZ c/o Camera dei Deputati Commissione VIª: Finanze INDICE DELL

Dettagli

Alunni con cittadinanza non italiana

Alunni con cittadinanza non italiana Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione, la partecipazione

Dettagli

L immigrazione straniera in Provincia di Cremona

L immigrazione straniera in Provincia di Cremona L immigrazione straniera in Provincia di Cremona di Alessio Menonna, Università degli Studi Milano-Bicocca Fondazione Ismu Cremona, 16 dicembre 2014 Stranieri residenti ogni 100 residenti nei comuni italiani

Dettagli

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag.

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag. Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Le retribuzioni dei e i gap retributivi con gli italiani Anno 2011 Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2 L appartenenza di genere pag.

Dettagli

Famiglia, infanzia e povertà.

Famiglia, infanzia e povertà. Università Politecnica delle Marche Facoltà di Economia G. Fuà Convegno Povertà, Infanzia, Immigrazione in occasione del 70 Anniversario della Mensa del Povero Ancona, 5 aprile 2008 Famiglia, infanzia

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

LA POPOLAZIONE SCOLASTICA NEL COMUNE DI ROMA E NEL I MUNICIPIO (indagine conoscitiva della Commissione Scuola)

LA POPOLAZIONE SCOLASTICA NEL COMUNE DI ROMA E NEL I MUNICIPIO (indagine conoscitiva della Commissione Scuola) LA POPOLAZIONE SCOLASTICA NEL COMUNE DI ROMA E NEL I MUNICIPIO (indagine conoscitiva della Commissione Scuola) I ANDAMENTO DEMOGRAFICO Il grafico riporta il numero dei nati per anno di età compiuta al..,

Dettagli

MIGRAZIONI INTERNAZIONALI E INTERNE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE

MIGRAZIONI INTERNAZIONALI E INTERNE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE 27 gennaio 2014 Anno 2012 MIGRAZIONI INTERNAZIONALI E INTERNE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE Nel 2012 gli immigrati in Italia sono 351 mila, 35 mila in meno rispetto all anno precedente (-9,1). Il calo delle

Dettagli

IL MATRIMONIO IN ITALIA

IL MATRIMONIO IN ITALIA IL MATRIMONIO IN ITALIA Anno 2012 Fonte: rapporto ISTAT del 13 novembre 2013 (htttp://www.istat.it) Nel 2012 sono stati celebrati in Italia 207.138 matrimoni (3,5 ogni 1.000 abitanti), 2.308 in più rispetto

Dettagli

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la Migranti nel mondo Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la popolazione immigrata periodo 2000/2001

Dettagli

ROMA Capitale d Italiad Città e piani regolatori dal 1870

ROMA Capitale d Italiad Città e piani regolatori dal 1870 Universita degli studi di Roma La Sapienza - Facolta di Architettura L. Quaroni Corso di Laurea Specialistica Quinquennale in Architettura UE Corso di FONDAMENTI DI URBANISTICA a.a. 2008/2009 II semestre

Dettagli

GLI STRANIERI A GENOVA Diamo un po di numeri. Venerdì 3 febbraio 2012

GLI STRANIERI A GENOVA Diamo un po di numeri. Venerdì 3 febbraio 2012 GLI STRANIERI A GENOVA Diamo un po di numeri Venerdì 3 febbraio 2012 L immigrazione in Liguria: un fenomeno strutturale - Residenti al 31 dicembre 2010 = 125.320 - Stima dossier al 31 dicembre 2010= 136.000

Dettagli

Il commercio internazionale dei servizi: il turismo

Il commercio internazionale dei servizi: il turismo Il commercio internazionale dei servizi: il turismo Grafico 1 Andamento del tasso di cambio fra Euro e Dollaro Usa La situazione di instabilità politica e sociale che ha come epicentro il Medio Oriente

Dettagli

IL CAPOLUOGO AL MICROSCOPIO

IL CAPOLUOGO AL MICROSCOPIO IL CAPOLUOGO AL MICROSCOPIO Il Servizio Statistica della Provincia di Mantova coltiva il progetto di costituire una banca dati provinciale di provenienza anagrafica che non vuole divenire una duplicazione

Dettagli

Popolazione. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014

Popolazione. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Popolazione Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Popolazione L'Istat calcola che al 31 dicembre 2012 risiedono in Italia 59.685.227 persone.

Dettagli

Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università (Aprile 2013)

Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università (Aprile 2013) Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università Diplomati Anno Scolastico 2011/2012 Immatricolati Anno Accademico 2012/2013 (Aprile 2013) La presente pubblicazione fa riferimento

Dettagli

Capitolo 1 I dati in sintesi

Capitolo 1 I dati in sintesi Capitolo 1 I dati in sintesi 1.1 - Le sedi Nell anno scolastico 2006/07 gli istituti scolastici coinvolti nell istruzione degli adulti sono stati 1.403. Il presente rapporto è però realizzato utilizzando

Dettagli

Roma Capitale ha adottato un Piano Strategico per la Mobilità Sostenibile per garantire lo sviluppo e la

Roma Capitale ha adottato un Piano Strategico per la Mobilità Sostenibile per garantire lo sviluppo e la Il caso di Roma Capitale: interventi prioritari nell area metropolitana e regionale Stazioni, città e ferrovie verso l Europa - Bologna, 17 ottobre 2012 Piano Strategico della Mobilità Sostenibile Roma

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Indagine conoscitiva sulla immigrazione e l'integrazione. Audizione dell Istituto Nazionale di Statistica

Indagine conoscitiva sulla immigrazione e l'integrazione. Audizione dell Istituto Nazionale di Statistica Indagine conoscitiva sulla immigrazione e l'integrazione Audizione dell Istituto Nazionale di Statistica Roma, 21 febbraio 2007 Camera dei Deputati Senato della Repubblica Comitato Parlamentare di Controllo

Dettagli

8. Mercato immobiliare

8. Mercato immobiliare 8. Mercato immobiliare Indice delle tabelle 8.1 Andamento dei prezzi medi di vendita del mercato residenziale a Roma e Milano. Serie storica dal 1986 al 2002. 8.2 Andamento dei prezzi medi di vendita del

Dettagli

Roma 35.484 + 188. esercizi con attività primaria di commercio al dettaglio, II semestre 2012 variazione assoluta sul primo semestre 2012

Roma 35.484 + 188. esercizi con attività primaria di commercio al dettaglio, II semestre 2012 variazione assoluta sul primo semestre 2012 Superficie (chilometri quadrati) 1.287,4 Popolazione (abitanti, censimento 2011) 2.617.175 Densità abitativa (abitanti per chilometro quadrato) 2.032,98 Numero di imprese esercizi con attività primaria

Dettagli

2. GLI INTERNATIONAL STUDENT A MILANO: QUANTI SONO

2. GLI INTERNATIONAL STUDENT A MILANO: QUANTI SONO CAPITOLO 2 indagine QuAntitAtivA Maria Teresa Morana 1. INTRODUZIONE Gli studenti stranieri che decidono di studiare nel Comune di per un breve o lungo periodo possono scegliere tra i corsi di istruzione

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE OSSERVATORIO NAZIONALE IMMIGRATI E CASA 9 RAPPORTO LUGLIO 2012 VIA LORENZO MAGALOTTI, 15 00197 ROMA TEL. 06/8558802 FAX 06/84241536 E' in corso

Dettagli

Famiglia e nuzialità sono due fenomeni strettamente collegati,

Famiglia e nuzialità sono due fenomeni strettamente collegati, c - PARTE 2 -comune di ROMA_ A introduzione 1-14 22/11/12 17.45 Pagina 146 146 Romina Polverini* I matrimoni misti e tra stranieri a Roma 1 L andamento della nuzialità e della famiglia in Italia Famiglia

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

RELAZIONE SULL INDAGINE EPIDEMIOLOGICA: INFORMAZIONI SULLA SALUTE DELLA POPOLAZIONE DI ROMA. (DATI , pubblicata nel 2007 da DPE Lazio)

RELAZIONE SULL INDAGINE EPIDEMIOLOGICA: INFORMAZIONI SULLA SALUTE DELLA POPOLAZIONE DI ROMA. (DATI , pubblicata nel 2007 da DPE Lazio) RELAZIONE SULL INDAGINE EPIDEMIOLOGICA: INFORMAZIONI SULLA SALUTE DELLA POPOLAZIONE DI ROMA (DATI 2001-2005, pubblicata nel 2007 da DPE Lazio) Rev. 1.0 23 Aprile 2015 1 1 INTRODUZIONE E SINTESI... 3 2

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

Censimento della popolazione 2011. Gli esiti della revisione anagrafica post-censuaria

Censimento della popolazione 2011. Gli esiti della revisione anagrafica post-censuaria Censimento della popolazione 2011 Gli esiti della revisione anagrafica post-censuaria giugno 2014 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione

Dettagli

Saldo Migratorio - Anno 2007. Saldo Migratorio Emigrati Immigrati -1050-900 -750-600 -450-300 -150 0 150 300 450 600 750. Estero.

Saldo Migratorio - Anno 2007. Saldo Migratorio Emigrati Immigrati -1050-900 -750-600 -450-300 -150 0 150 300 450 600 750. Estero. Reports statistici relativi all immigrazione nella città di Aosta. I grafici di cui sotto, riguardano il lavoro svolto dal personale dell Ufficio di Statistica del Comune di Aosta e sono stati estratti

Dettagli

LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA

LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza

Dettagli

PROGETTO DITER. Secondaria di I grado

PROGETTO DITER. Secondaria di I grado Scheda D.I.Ter N. 9/aggiornamento a giugno 2013 Allievi stranieri a scuola in Piemonte. Aggiornamento 2012 La crescita del numero di allievi stranieri in Piemonte è proseguita nell anno scolastico 2011/12

Dettagli

1 Rapporto sugli immigrati in Italia

1 Rapporto sugli immigrati in Italia 1 Rapporto sugli immigrati in Italia Dicembre 2007 1 Rapporto sugli immigrati in Italia Dicembre 2007 INDICE CAPITOLO I - IL QUADRO NORMATIVO E LE POLITICHE LOCALI 26 I.1. Introduzione 26 I.2. Le leggi

Dettagli

Nel 2013 la domanda di credito dei nuovi italiani e stata pari al 11% del totale (era del 11,9% nel 2012)

Nel 2013 la domanda di credito dei nuovi italiani e stata pari al 11% del totale (era del 11,9% nel 2012) Nel 2013 la domanda di credito dei nuovi italiani e stata pari al 11% del totale (era del 11,9% nel 2012) Rumeni ancora in testa con il 21,1% della quota parte; si conferma modesta l incidenza dei cinesi.

Dettagli

Allievi di cittadinanza non italiana nelle scuole di ogni ordine e grado nell'anno scolastico 2005-2006

Allievi di cittadinanza non italiana nelle scuole di ogni ordine e grado nell'anno scolastico 2005-2006 Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Allievi di cittadinanza non italiana nelle scuole di ogni ordine e grado nell'anno scolastico 2005-2006 a cura di Silvana Mosca, Lorenzo Capisani, Antonio D

Dettagli

SILP per la CGIL. Sindacato Italiano Lavoratori Polizia. Segreteria Provinciale di Roma. Nuovo modello di Sicurezza metropolitana per la città di Roma

SILP per la CGIL. Sindacato Italiano Lavoratori Polizia. Segreteria Provinciale di Roma. Nuovo modello di Sicurezza metropolitana per la città di Roma SILP per la CGIL Sindacato Italiano Lavoratori Polizia Segreteria Provinciale di Roma Nuovo modello di Sicurezza metropolitana per la città di Roma POLITICA SINDACALE Le proposte SILP per la CGIL Segreteria

Dettagli

I matrimoni a Padova dal 2010 al 2014

I matrimoni a Padova dal 2010 al 2014 Comune di Padova Settore Programmazione Controllo e Statistica La statistica per la città I matrimoni a Padova dal 21 al 214 Analisi dei matrimoni celebrati nel comune di Padova nel quinquennio 21/214

Dettagli

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

Paesaggi dell abitare contemporaneo oltre GRA

Paesaggi dell abitare contemporaneo oltre GRA Sapienza Università di Roma Prima Facoltà d architettura Ludovico Quaroni Laboratorio Urbanistica I - AA 2011-2012 Paesaggi dell abitare contemporaneo oltre GRA Delimitare il quadro attraverso l uso dei

Dettagli

L immigrazione straniera nella Provincia di Monza e della Brianza. Monza, 26 novembre 2014

L immigrazione straniera nella Provincia di Monza e della Brianza. Monza, 26 novembre 2014 L immigrazione straniera nella Provincia di Monza e della Brianza Monza, 26 novembre 2014 L immigrazione straniera nella Provincia di Monza e della Brianza di Alessio Menonna, Università degli Studi Milano-Bicocca

Dettagli

SUL PRIVATA SUL PUBBLICA Distanza da infrastrutture di trasporto. _Salone (FR2 Roma - Tivoli) _La Rustica (FR2 Roma - Tivoli)

SUL PRIVATA SUL PUBBLICA Distanza da infrastrutture di trasporto. _Salone (FR2 Roma - Tivoli) _La Rustica (FR2 Roma - Tivoli) HOUSING SOCIALE NUOVI AMBITI DI RISERVA ELENCO 3 Categorie A-B - Proposte con distanza da infrastrutture di trasporto inferiore al minimo richiesto dall'invito pubblico (2,5 km) e con estensione territoriale

Dettagli

Immigrazione e lavoro

Immigrazione e lavoro Immigrazione e lavoro I flussi migratori regolari e irregolari influenzano notevolmente il mercato del lavoro di una nazione. Gli immigrati costituiscono di certo una grande risorsa per l economia di un

Dettagli

RICHIESTE BABY SITTER

RICHIESTE BABY SITTER RICHIESTE BABY SITTER cod rich data zona età bimbi giorni orario compenso note 18 12 18-dic Prati Fiscali 1 bo 4 anni MA/ME/GIO 15,30-20,30 6,50 l'ora Automunita. 17 12 18-dic C.so Trieste 1 ba 7 mesi

Dettagli

n Indicatore Descrizione UdM Trend # Densità della Numero di abitanti per chilometro quadrato di A1 popolazione sul superficie urbana territorio

n Indicatore Descrizione UdM Trend # Densità della Numero di abitanti per chilometro quadrato di A1 popolazione sul superficie urbana territorio GRUPPO A POPOLAZIONE n Indicatore Descrizione UdM Trend # Densità della Numero di abitanti per chilometro quadrato di A1 popolazione sul superficie urbana territorio A2 A3 A4 A5 A6 Saldo naturale e saldo

Dettagli

Gli immobili in Italia - 2015

Gli immobili in Italia - 2015 LO STOCK IMMOBILIARE IN ITALIA: ANALISI DEGLI UTILIZZI Gli immobili in Italia - 2015 LO STOCK IMMOBILIARE IN ITALIA: ANALISI DEGLI UTILIZZI Il primo capitolo è dedicato alla presentazione dei risultati

Dettagli

Analisi comparata tra le Province piemontesi relativa alla popolazione straniera residente (1996-2007).

Analisi comparata tra le Province piemontesi relativa alla popolazione straniera residente (1996-2007). Provincia di Torino Ufficio Statistica Analisi comparata tra le Province piemontesi relativa alla popolazione straniera residente (1996-2007). di Franco A. Fava 1. La popolazione straniera residente. Secondo

Dettagli

Minori e seconde generazioni

Minori e seconde generazioni Minori e seconde generazioni Sono 509mila le nascite in Italia nel 2014, il livello minimo dall Unità d Italia: così segnala l Istituto nazionale di Statistica nel comunicato di febbraio che diffonde le

Dettagli

Milano. Settore Statistica e S.I.T. Scuole Secondarie di II grado. Anno scolastico 2009 2010. Comune di Milano. - Dati di sintesi -

Milano. Settore Statistica e S.I.T. Scuole Secondarie di II grado. Anno scolastico 2009 2010. Comune di Milano. - Dati di sintesi - Milano Settore Statistica e S.I.T. Scuole Secondarie di II grado Anno scolastico 2009 2010 Comune di Milano - Dati di sintesi - A cura di: Vittoria Carminati Elaborazione dati: Ugo Rosario Maria David

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2013

Le imprese a Bologna nel 2013 Le imprese a Bologna nel 2013 Aprile 2014 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

AGENZIA GIORNALISTICA TRASPORTI&MOBILITA - UFFICIO STAMPA

AGENZIA GIORNALISTICA TRASPORTI&MOBILITA - UFFICIO STAMPA Roma, 9 gennaio 2008 Metropolitana e nuova rete di bus Cambia il trasporto notturno Nei fine settimana, la sotterranea resterà aperta sino all 1.30 In superficie 27 linee; 40 nuove zone raggiunte e più

Dettagli

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO ANNUARIO COMUNALE. Anno 2004

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO ANNUARIO COMUNALE. Anno 2004 DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO ANNUARIO COMUNALE Anno 2004 Edizione 2005 ANNUARIO COMUNALE Anno 2004 Edizione 2005 Capitolo 1 POPOLAZIONE PREMESSA Redatta dalla Direzione Demografia - Servizio Anagrafe

Dettagli