Anna Palazzo, Marina Ghilardi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anna Palazzo, Marina Ghilardi"

Transcript

1 Anna Palazzo, Marina Ghilardi A chiare lettere Corso di educazione linguistica Le classi di parole: la morfologia B

2

3 Anna Palazzo, Marina Ghilardi A chiare lettere Per la Scuola secondaria di primo grado B Le classi di parole: la morfologia

4 Loescher I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo (compresi i microfilm e le copie fotostatiche) sono riservati per tutti i paesi. Fotocopie per uso personale (cioè privato e individuale) nei limiti del 15% di ciascun volume possono essere effettuate negli esercizi che aderiscono all accordo tra SIAE - AIE - SNS e CNA - Confartigianato - CASA - Confcommercio del 18 dicembre 2000, dietro pagamento del compenso previsto in tale accordo. Per riproduzioni ad uso non personale l editore potrà concedere a pagamento l autorizzazione a riprodurre un numero di pagine non superiore al 15% delle pagine del presente volume. Le richieste per tale tipo di riproduzione vanno inoltrate a: Associazione Italiana per i Diritti di Riproduzione delle Opere dell'ingegno (AIDRO) L editore, per quanto di propria spettanza, considera rare le opere fuori del proprio catalogo editoriale. La riproduzione a mezzo fotocopia degli esemplari di tali opere esistenti nelle biblioteche è consentita, non essendo concorrenziale all opera. Non possono considerarsi rare le opere di cui esiste, nel catalogo dell editore, una successiva edizione, le opere presenti in cataloghi di altri editori o le opere antologiche. Nel contratto di cessione è esclusa, per biblioteche, istituti di istruzione, musei ed archivi, la facoltà di cui all art ter legge diritto d autore. Maggiori informazioni sul nostro sito: Ristampe Loescher editore S.r.l. opera con sistema qualità certificato CERMET n 1679-A secondo la norma UNI EN ISO A chiare lettere è il risultato di un lavoro comune degli autori, che ne hanno insieme progettato e discusso ogni parte. Per quanto riguarda la stesura, il volume B è opera di Anna Palazzo. Coordinamento editoriale: Aldo De Matteis Redazione: Luciana Canavese, Paola Sanini Progetto grafico e copertina: Elio Vigna Design - Torino Disegni: Federica Iossa - Napoli Impaginazione: Graphic Center - Torino Stampa: La Grafica - Boves (CN)

5 Come orientarsi tra le pagine L opera è articolata in Unità di Apprendimento, in apertura alle quali vengono indicati gli obiettivi (conoscenze e competenze) che esse permettono di conseguire. Ciascuna Unità di Apprendimento è composta da diversi paragrafi Il nome e i suoi significati GLI OBIETTIVI DI QUESTA UNITÀ DI APPRENDIMENTO: CONOSCENZE COMPETENZE Sapere che il nome serve per indicare Riconoscere le parole che appartengono alla classe dei nomi. persone, animali, cose, luoghi ecc. Sapere che i nomi, sul piano del significato, possono essere comuni, propri, gnificato: comuni, propri, concreti, Individuare i nomi sul piano del si- concreti, astratti, individuali, collettivi. astratti, individuali, collettivi. Usare correttamente i nomi sul piano del significato. Che cos è il nome Accanto allo stagno, al posto del ranocchio, c era ora un bellissimo principe che guardava con riconoscenza la fata la quale, con un tocco della sua bacchetta magica, gli aveva restituito la libertà. Le parole in colore nelle frasi sono dei nomi e indicano realtà molto diverse tra loro: infatti, stagno indica un luogo, ranocchio un animale, principe una persona, riconoscenza un sentimento, fata un entità irreale, tocco un azione, bacchetta una cosa, libertà un concetto. Si può dire perciò che il nome è una parola che serve a indicare persone, animali, cose, luoghi, sentimenti, azioni, concetti, entità irreali Il nome è detto anche sostantivo. Sostantivo deriva da sostanza, termine che indica non solo la materia ma anche tutto ciò che esiste nella realtà o nel pensiero. Molte parole, pur appartenendo ad altre classi grammaticali, possono assumere la funzione di sostantivo, grazie anche alla capacità sostantivante dell articolo (cfr. p. 63). 52 APPROFONDIMENTO Nuovi primitivi e falsi alterati Vi sono dei nomi che originariamente erano alterati e poi, con il tempo, hanno acquisito un significato proprio, diventando primitivi: carta / cartella / cartone; paglia / paglietta; fumo / fumetto; signore / signorina; cavallo / cavalletta / cavalletto. Altri nomi, le cui sillabe finali possono essere facilmente confuse con suffissi di alterazione, sono invece dei veri e propri primitivi con significato autonomo. Essi sono chiamati perciò falsi alterati. Infatti: la focaccia non è una brutta foca, ma un pane di forma bassa e schiacciata; il bottone non è una grossa botte, ma un dischetto usato per chiudere i lembi di un indumento; il tacchino non è un piccolo tacco, ma un grosso uccello da cortile; il lampone non è un grosso lampo, ma un frutto rosso e profumato; il mattino non è un piccolo matto, ma una parte del giorno. VERIFICO SE HO CAPITO 1 Forma le coppie, unendo ogni nome primitivo al relativo alterato, scegliendoli tra quelli indicati nell elenco che segue (attenzione: ci sono due coppie in più). Segui l esempio. bottega, cosa, gentaglia, donnina, leprotto, matto, labbruzzo, scrittorucolo, verme, polpaccio, venticello, campana, lepre, polpo, bestia, scrittore, bestiola, mattino, botteghina, vermiciattolo, cosetta, labbro, gente, campanella, donna, vento.... bottega / botteghina; Separa la radice dal suffisso di alterazione dei seguenti nomi collocandoli al giusto posto nella tabella. Segui l esempio. stanzetta, poetucolo, amoruccio, orticello, pesciolino, orsacchiotto, muricciolo, vestina, manona, omaccione, mediconzolo, vialetto, maschiaccio, testona, gentaglia, poverello, bestione, palazzone, cuginastro, beccuccio. Accrescitivi Diminutivi Vezzeggiativi Dispregiativi stanz / etta D. IL NOME E L ARTICOLO D. IL NOME E L ARTICOLO Opportuni box di e di Osservazioni forniscono ulteriori elementi di conoscenza, aiutano l alunno a evitare errori o gli chiariscono eventuali dubbi. Le Verifiche formative, che concludono ogni Unità di Apprendimento, costituiscono un occasione di riepilogo e di controllo in itinere delle conoscenze e competenze acquisite. Per ogni esercizio è indicato il punteggio e, a fine prova, una griglia di valutazione offre la possibilità di verificare in maniera analitica il raggiungimento di ciascuno degli obiettivi dell Unità di Apprendimento. Verifica formativa UdA4 1 L interiezione (o esclamazione) CONOSCENZE Indica con una crocetta se ciascuna delle seguenti affermazioni è vera (V) o falsa (F). V F 1. Le interiezioni, o esclamazioni, sono parti invariabili del discorso. 2. Le interiezioni sono parole che si usano solo per esprimere rabbia o allegria. 3. Le interiezioni hanno un legame grammaticale con gli altri elementi della frase. 4. A seconda della forma, le interiezioni si distinguono in proprie, improprie e locuzioni esclamative. 5. Le interiezioni proprie sono costituite da nomi, aggettivi, verbi e avverbi. 6. Le interiezioni improprie possono anche essere modificate nel genere e nel numero. 7. Le locuzioni interiettive sono costituite da due parole. 8. Le onomatopee sono parole che imitano suoni, rumori o versi di animali. Punteggio: / 8 Gli esercizi, inclusi nella rubrica Verifico se ho capito, sono collocati subito dopo ciascun paragrafo. Organizzati in progressione graduata di difficoltà, sono numerosissimi, vari e, soprattutto, di tipo operativo. 3 Collega con una freccia ciascuna interiezione della prima colonna alla frase che la completa adeguatamente, scegliendola tra quelle della seconda colonna. Poi scrivi sui puntini quale sentimento o stato d animo esprime ciascuna di esse. Segui l esempio. 1. Boh, a. mi hanno rubato il motorino! Mamma mia, b. osa ancora discutere! Ohi! c. c è un uomo in mare! Sia lodato il cielo, d. non te la prendere! Perdinci, e. che mal di denti! Che scalogna! f. ho vinto un altro premio! Basta! g. chissà dov è finito!... dubbio 8. Suvvia, h. il bambino è fuori pericolo! Aiuto, i. com è tardi! Toh, j. hai oltrepassato ogni misura!... (2 punti per ogni interiezione adeguatamente valutata) Punteggio: / 18 4 In queste frasi sottolinea le esclamazioni ed eseguine l analisi grammaticale. 1. Attento, la strada è scivolosa! 2. Eh, eh! Lo sapevo che ti sarebbe piaciuta. 3. Boh! Chissà se ci conviene entrare. 4. Poveri noi, l insegnante ci ha visti. 5. Per carità, smettila con i tuoi lamenti! 6. Bravissimo! È il terzo gol che segna (2 punti per ogni esclamazione correttamente analizzata) Punteggio: / 12 Totale punteggio: / 48 COMPETENZE 2 Nelle frasi seguenti sottolinea le esclamazioni e indica nelle parentesi se sono proprie (P), improprie (I), locuzioni esclamative (LE) o onomatopee (O). 1. Per amor del cielo, non dirlo a papà! (... ) 2. Hurrà, faremo una gita scolastica a Venezia! (... ) 3. Toh, è arrivato anche tuo cugino! (... ) 4. Toc, poi la porta si è aperta. (... ) 5. Iih, uno scarafaggio sul letto! (... ) 6. Accidenti, il bus è appena passato! VERIFICA ANALITICA DEGLI OBIETTIVI CONOSCENZE COMPETENZE Conoscere tutte le caratteristiche Riconoscere onomatopee e interiezioni di interiezioni e onomatopee. e distinguerne i diversi tipi. Totale punteggio (es. 1): / 8 Totale punteggio (es. 2): / 10 Individuare significato e funzioni delle interiezioni. 364 (... ) 7. Ha alzato la pistola e, bang bang, mi ha colpito con uno spruzzo d acqua. (... ) 8. Zitti, sta parlando il preside! (... ) 9. Per tutti i diavoli, come sei riuscito ad arrampicarti là sopra? (... ) 10. Auff, ho la testa piena di date! (... ) Punteggio: / 10 H. LE PARTI INVARIABILI DEL DISCORSO Totale punteggio (es. 3): / 18 Eseguire l analisi grammaticale di interiezioni e onomatopee. Totale punteggio (es. 4): / L interiezione (o esclamazione) 365 III

6 Al termine di ciascuna macrosezione, chiamata Lettera (Il nome e l articolo; L aggettivo; Il pronome ecc.), gli esercizi Facciamo il punto permettono un ulteriore verifica, anche ai fini dell autovalutazione. In base al punteggio conseguito, ogni alunno potrà compilare le schede Il mio Portfolio presentate al termine del volume e sarà indirizzato a un percorso di recupero oppure di potenziamento, sviluppati nell apposito testo di esercitazioni. ETTERA EL L aggettivo Facciamo il punto 9 Indica con una crocetta le espressioni sbagliate e scrivi a lato la forma corretta. nessun aiuto... alcun zaino... alcuno invito... tal evento... alcun arma... CONOSCENZE 1 Completa il testo inserendo al posto dei puntini la giusta parola, scegliendola tra quelle sistemate in ordine alfabetico qui di seguito; aggiungi poi, a tua scelta, nelle parentesi, almeno due esempi, oltre a quelli già indicati in corsivo. qual esempio?... nessuno strappo... nessun uscita... Punteggio: / 5 alterati caratteristiche composti determinativi dimostrativi interrogativi nome numerali prefisso primitivi radice significato suffisso variabile L aggettivo è una parte del discorso che si aggiunge al per indicarne una qualità o per determinarne altre Sottolinea con colori diversi gli aggettivi qualificativi e quelli determinativi ed esegui sui puntini in forma abbreviata l analisi grammaticale di ciascuno di essi. ESEMPIO suo = agg. poss. masch. sing. Gli aggettivi si dividono in due gruppi: qualificativi e Gli aggettivi qualificativi possono essere se sono formati solo da radice e desinenza (bello, ); derivati, quando viene aggiunto alla radice un (invernale, ), un (infelice, ) o entrambi (immortale, ); sono quando vengono aggiunti alla suffissi di alterazione che ne modificano il (carino, ). Infine, gli aggettivi qualificativi si definiscono , se sono formati da due aggettivi primitivi o da un prefisso e un aggettivo (agrodolce, antiallergico, ). Gli aggettivi determinativi, invece, si distinguono in possessivi (mio, ), (questo, ), indefiniti (alcuno, ), (che, ), esclamativi (quale, ) e (due, ). Punteggio: / Il suo umore in questi giorni è più instabile che mai. 2. La mia sorellina ha occhi grigioazzurri e ciglia lunghissime. 3. Che amici inseparabili sono Marco e Sandro! 4. Quella sera in TV stavano trasmettendo Ultimo minuto. 5. Hai avuto un ottima valutazione, perché non c era nessun errore grave, ma solo imperfezioni minime (3 punti per ogni risposta completa) Punteggio: / 42 Totale punteggio: / 150 COMPETENZE Punteggio: / Nelle frasi che seguono sottolinea gli aggettivi qualificativi e poi scrivi nelle parentesi se sono primitivi (P), derivati (D), alterati (A) o composti (C). 1. Questo caffè è amaro. ( ) 2. I vincitori del concorso frequenteranno un corso di preparazione teorico-pratica. ( ) 3. Quei fiori hanno un profumo dolciastro. ( ) 4. Oggi c è un aria afosa. ( ) 5. L Ampollino è un lago artificiale. ( ) 6. Gli atleti della squadra sono tutti veloci. ( ) 7. La mia sarta è una donna anzianotta. ( ) 8. Lisa ha gli occhi verdeazzurri. ( ) Punteggio: / Punteggio da 0 a 76: non sufficiente Eseguire le esercitazioni di recupero Punteggio da 77 a 97: sufficiente Accedere al percorso di potenziamento e sviluppo Punteggio da 98 a 122: buono Punteggio da 123 a 135: distinto Punteggio da 136 a 150: ottimo In base al punteggio che hai conseguito, PER IL TUO PORTFOLIO puoi compilare la griglia di p Facciamo il punto E. L AGGETTIVO IV Le pagine di Portfolio possono essere ritagliate e inserite nel dossier personale che documenta il vissuto scolastico di ogni alunno. In apertura vengono offerte alcune indicazioni generali, mentre il test Per riflettere su come imparo permette all alunno di rendersi conto del proprio stile di apprendimento. IL MIO PORTFOLIO Mi chiamo:... Sono nato il:... a:... Abito a:... in via:... Frequento la scuola:... sono nella classe:... IN QUESTE PAGINE TROVERAI MATERIALI E INDICAZIONI PER: riflettere su come e su che cosa impari; renderti conto dei livelli di apprendimento raggiunti; registrare i tuoi progressi; mostrare ad altri i tuoi lavori più significativi. COME ORGANIZZARE IL TUO DOSSIER Procurati un raccoglitore ad anelli in cui potrai inserire, di volta in volta, per tutte le materie, le prove (elaborati scritti, ricerche, compiti in classe ecc.) che ti sembrano adatte a documentare la tua «storia» scolastica. Per la grammatica italiana, inserisci nel dossier, opportunamente compilate, anche le pagine che ti presentiamo di seguito e fotocopia le pagine degli esercizi e delle verifiche che ti sembrano più significative e che vorresti mostrare ad altri. Cambia, quando vuoi, i materiali che ti sembrano superati. PER RIFLETTERE SU COME IMPARO Per ciascuna delle seguenti affermazioni, indica con una crocetta l alternativa che ti sembra meglio corrispondere al tuo stile di apprendimento. 1. Imparo meglio se lavoro: da solo in coppia con un/una compagno/a in un piccolo gruppo con l insegnante e con tutta la classe 2. Raggiungo risultati soddisfacenti soprattutto quando: ascolto attentamente le spiegazioni dell insegnante studio con impegno i vari argomenti mi confronto con i miei compagni faccio molti esercizi 3. Riesco a fare meglio un esercizio se: leggo attentamente la consegna ascolto la consegna qualcuno mi spiega come si fa 4. Sono motivato a far bene gli esercizi quando: ne capisco lo scopo mi permettono di confrontarmi con altri mettono alla prova le mie capacità logiche mi procurano gratificazioni Per ciascuna macrosezione sono previsti quattro momenti di autovalutazione e di riflessione sul lavoro svolto: Per rendermi conto di ciò che ho imparato, Per registrare i miei progressi, Per ricordare il mio percorso, Per mostrare ad altri ciò che ho imparato. 369 LETTERA 370 D Nome e cognome:... Il nome e l articolo PER RENDERMI CONTO DI CIÒ CHE HO IMPARATO CONOSCENZE Valuta il tuo apprendimento segnalando con una crocetta la casella che ti sembra corrispondere al tuo livello di conoscenze. : ) : ) : ( : l So qual è la funzione del nome e ne conosco le varie tipologie sul piano del significato. Conosco le forme del nome e le sue modificazioni in rapporto al genere e al numero. Conosco le caratteristiche del nome rispetto alla sua struttura e distinguo nomi primitivi, derivati, alterati, composti. Conosco i vari tipi di articoli e le loro funzioni e significati. COMPETENZE Valuta adesso le tue competenze (non sempre conoscere un concetto o una nozione significa saperli applicare e viceversa). : ( : l So usare correttamente il nome, individuando nomi comuni, propri, concreti, astratti, individuali e collettivi. So operare modificazioni relative al genere e al numero del nome. Riconosco e uso correttamente nomi mobili e indipendenti, di genere comune e di genere promiscuo, difettivi e sovrabbondanti. Riconosco le parole che appartengono alla classe degli articoli e ne so individuare funzioni e significati. So usare in modo corretto e funzionale le diverse forme dell articolo. So eseguire l analisi grammaticale di nomi e articoli. : ) Molto bene Abbastanza bene Poco PORTFOLIO : l : ( Classe:. PER REGISTRARE I MIEI PROGRESSI Riporta nella tabella le informazioni relative alla data di svolgimento e ai risultati ottenuti nelle diverse prove di verifica formativa e negli esercizi Facciamo il punto. Indica i punteggi, in modo da renderti conto dei tuoi progressi nell apprendimento. Data Punteggio UdA 1 Il nome e i suoi significati Verifica formativa UdA 2 Le forme del nome: genere e numero Verifica formativa UdA 3 La struttura del nome Verifica formativa UdA 4 L articolo Verifica formativa Facciamo il punto PER RICORDARE IL MIO PERCORSO Scrivi sui puntini le tue considerazioni. Gli argomenti che ho capito meglio sono: Dovrei approfondire maggiormente: Per ottenere migliori risultati potrei: Ho seguito un percorso di potenziamento o di recupero per le seguenti UdA:... PER MOSTRARE AD ALTRI CIÒ CHE HO IMPARATO Individua le esercitazioni in cui hai ottenuto i migliori risultati, fotocopiale e aggiungile agli altri materiali del tuo dossier.

7 Indice MORFOLOGIA Il percorso... 2 LETTERA D Il nome e l articolo Il nome e i suoi significati Che cos è il nome Nomi propri e nomi comuni... 9 Da nome proprio a nome comune... 9 Nomi propri di persona Lo pseudonimo Nome patronimico e nome patrionimico Nomi concreti e nomi astratti Da nome concreto a nome astratto Nomi individuali e nomi collettivi Da nome individuale a nome collettivo Verifica formativa Le forme del nome: genere e numero Maschile e femminile Osservazioni Nomi mobili e nomi indipendenti Mestieri e professioni Nomi di genere comune e di genere promiscuo La spia e il soprano Falsi cambiamenti di genere Il numero del nome: singolare e plurale Nomi difettivi Nomi sovrabbondanti Verifica formativa La struttura del nome Nomi primitivi e nomi derivati Nomi alterati Nuovi primitivi e falsi alterati Nomi composti I sostantivi composti da capo + nome e il loro plurale Come si esegue l analisi morfologica o grammaticale di un nome Schema di sintesi Il nome Verifica formativa L articolo Che cos è l articolo Osservazioni V

8 VI 2 Articoli determinativi e articoli indeterminativi Quando si usa l articolo determinativo Significati dell articolo determinativo Articoli partitivi Attenzione ai partitivi Come si esegue l analisi morfologica o grammaticale di un articolo Schema di sintesi L articolo Verifica formativa Facciamo il punto LETTERA E L aggettivo Gli aggettivi qualificativi Che cosa sono e come si classificano Funzione attributiva e funzione predicativa dell aggettivo Aggettivi primitivi, derivati, alterati, composti Genere e numero Osservazioni La concordanza dell aggettivo qualificativo La collocazione dell aggettivo qualificativo Aggettivi qualificativi con valore di sostantivo o di avverbio I gradi dell aggettivo Il comparativo Altri tipi di comparazione Il superlativo Osservazioni Forme speciali di comparativi e superlativi Come si esegue l analisi morfologica o grammaticale di un aggettivo qualificativo Verifica formativa Gli aggettivi determinativi (o indicativi) Che cosa sono e come si classificano Aggettivi possessivi Il possessivo e l articolo Il possessivo sostantivato Aggettivi dimostrativi Aggettivi indefiniti Aggettivi interrogativi ed esclamativi I numerali: cardinali e ordinali In cifre o in lettere? Numerali moltiplicativi, frazionari, distributivi, collettivi Le varie funzioni di mezzo Come si esegue l analisi morfologica o grammaticale di un aggettivo determinativo Verifica formativa Schema di sintesi L aggettivo Facciamo il punto LETTERA F Il pronome I pronomi personali A cosa servono i pronomi e come si classificano I pronomi non fanno solo le veci del nome Pronomi personali Pronomi personali con funzione di soggetto Pronomi di cortesia e plurale maiestatico Pronomi personali con funzione di complemento Osservazioni Pronomi personali riflessivi

9 Come eseguire l analisi morfologica o grammaticale del pronome personale Verifica formativa Coniugazione del verbo ESSERE Coniugazione del verbo AVERE La coniugazione attiva dei verbi regolari Osservazioni sulle tre coniugazioni Verifica formativa Gli altri tipi di pronomi Pronomi possessivi Pronomi dimostrativi Osservazioni Pronomi indefiniti Pronomi interrogativi ed esclamativi Pronomi relativi Altri significati di che Pronomi relativi misti Come eseguire l analisi morfologica o grammaticale del pronome Verifica formativa Schema di sintesi Il pronome Facciamo il punto Il genere e la forma dei verbi Il funzionamento: verbi transitivi e intransitivi Transitivo o intransitivo? La forma: attiva e passiva I diversi modi di formare il passivo Da frase attiva a frase passiva Passivo o intransitivo? La forma riflessiva Intransitivi pronominali e forma pronominale I diversi valori della particella si Verifica formativa LETTERA G Il verbo Il verbo e la sua struttura Che cos è il verbo Le frasi «senza verbo» o frasi nominali La coniugazione del verbo La persona e il numero La concordanza I modi Osservazioni I tempi Gli aspetti del verbo Gli ausiliari essere e avere I diversi significati dei verbi essere e avere Uso dei modi e dei tempi del verbo L indicativo e i suoi tempi Il congiuntivo e i suoi tempi Congiuntivo o indicativo? Il condizionale e i suoi tempi L imperativo L infinito e i suoi tempi L infinito con valore di sostantivo Il participio e i suoi tempi Participio presente come nome o aggettivo La concordanza del participio passato Il gerundio e i suoi tempi Osservazioni Verifica formativa VII

10 VIII 4 Verbi irregolari e altri verbi particolari Verbi irregolari Irregolari della 1 a coniugazione Osservazioni Irregolari della 2 a coniugazione Irregolari della 3 a coniugazione Verbi difettivi Altri verbi difettivi Verbi sovrabbondanti Verbi servili Osservazioni Verbi fraseologici Verbi impersonali Osservazioni Come eseguire l analisi morfologica o grammaticale di un verbo Verifica formativa Schema di sintesi Il verbo Facciamo il punto LETTERA H Le parti invariabili del discorso L avverbio L avverbio: funzioni e forme. Le locuzioni avverbiali Osservazioni Avverbi di modo (o qualificativi) Avverbi di luogo Avverbi di tempo Osservazioni Avverbi di quantità (o di intensità) Osservazioni Avverbi di valutazione (affermazione, negazione, dubbio) Altri avverbi Gradi dell avverbio e sue alterazioni Come si esegue l analisi morfologica o grammaticale dell avverbio Schema di sintesi L avverbio Verifica formativa Le preposizioni Che cosa sono, a che cosa servono I vari tipi di preposizioni Il significato delle preposizioni L uso delle preposizioni Come si esegue l analisi morfologica o grammaticale di una preposizione Schema di sintesi Le preposizioni Verifica formativa Le congiunzioni Le congiunzioni: forma e funzioni Congiunzioni coordinanti Congiunzioni subordinanti Le diverse funzioni di che Come si esegue l analisi morfologica o grammaticale della congiunzione Schema di sintesi Le congiunzioni Verifica formativa L interiezione (o esclamazione) Che cos è, che cosa significa I diversi tipi di interiezioni Come eseguire l analisi morfologica o grammaticale di un interiezione Schema di sintesi L interiezione (o esclamazione) Verifica formativa Facciamo il punto IL MIO PORTFOLIO Glossario

11 MORFOLOGIA La morfologia (dal greco morphé = forma e -logìa = studio) è quella parte della grammatica che studia le forme delle parole e i loro mutamenti in relazione alla funzione che le parole stesse svolgono nel discorso. MORFOLOGIA

12 Il percorso PRIMA FASE DI LAVORO Acquisizione di competenze, intese come capacità di utilizzare e padroneggiare le conoscenze, attraverso lo svolgimento delle diverse Unità di Apprendimento. LETTERA D Il nome e l articolo UdA 1 Il nome e i suoi significati / Verifica formativa 1 UdA 2 Le forme del nome: genere e numero / Verifica formativa 2 UdA 3 La struttura del nome / Verifica formativa 3 UdA 4 L articolo / Verifica formativa 4 LE PARTI VARIABILI DEL DISCORSO LETTERA E L aggettivo LETTERA F Il pronome UdA 1 Gli aggettivi qualificativi / Verifica formativa 1 UdA 2 Gli aggettivi determinativi (o indicativi) / Verifica formativa 2 UdA 1 I pronomi personali / Verifica formativa 1 UdA 2 Altri tipi di pronomi / Verifica formativa 2 LETTERA G Il verbo UdA 1 Il verbo e la sua struttura / Verifica formativa 1 UdA 2 Il genere e la forma dei verbi / Verifica formativa 2 UdA 3 L uso dei modi e dei tempi del verbo / Verifica formativa 3 UdA 4 I verbi irregolari e altri verbi particolari / Verifica formativa 4 LE PARTI INVARIABILI DEL DISCORSO LETTERA H Le parti invariabili del discorso UdA 1 L avverbio / Verifica formativa 1 UdA 2 Le preposizioni / Verifica formativa 2 UdA 3 Le congiunzioni / Verifica formativa 3 UdA 4 L interiezione o esclamazione / Verifica formativa 4 SECONDA FASE DI LAVORO Facciamo il punto: verifica delle conoscenze e competenze acquisite, anche in vista della compilazione del proprio Portfolio (p. 369 sgg.). TERZA FASE DI LAVORO a. Esercitazioni di recupero, in caso di mancato raggiungimento degli obiettivi previsti. b. Esercitazioni per il potenziamento, al fine di accrescere i livelli di conoscenze (sapere) e di competenze (saper fare). 2 MORFOLOGIA

13 Per iniziare Le parti del discorso PARTI VARIABILI E PARTI INVARIABILI Questo volume di A chiare lettere è dedicato alla morfologia, cioè a quella parte della grammatica che studia le forme delle parole e i loro mutamenti, in relazione alla funzione che le parole stesse svolgono nel discorso. Leggi ora il testo che segue: Un uomo perse la sua scure e sospettò del figlio del suo vicino. Il ragazzo camminava come un ladro, aveva tutto l aspetto di un ladro e parlava alla maniera dei ladri. Ma l uomo ritrovò la sua scure, mentre vangava nella valle, e, la prima volta che rivide il figlio del suo vicino, il ragazzo camminava, appariva e parlava come qualsiasi altro ragazzo. (Adattamento da Lieh Tzu, Racconti della follia e dell avidità, Ed. Arcana) Ogni parola, nel breve racconto sopra riportato, svolge una sua funzione e costituisce, insieme alle altre, la trama del discorso. Ognuna di esse appartiene a una specifica categoria: Un è un articolo, uomo è un nome, perse è un verbo ecc. Infatti, in base alla diversa funzione che svolgono, le parole appartengono a una delle nove parti del discorso. Di esse, cinque parti sono dette variabili, perché possono variare le loro forme, cioè le loro terminazioni, secondo l opportunità e l esigenza degli accordi che devono reciprocamente osservare (un/una; uomo/uomini; perse/persero). Le altre quattro parti si dicono invece invariabili, perché non mutano mai la loro forma (e, che, a, sopra, ehi! ecc.). 3 MORFOLOGIA

14 Nello schema che segue elenchiamo le nove parti del discorso: Parti variabili Parti invariabili Articolo il, i, la, le Avverbio bene, sì, no, uno, una dolcemente Nome toro/tori; casa/case Preposizione a, di, da, con, per Aggettivo bello/belli, bella/belle Congiunzione e, o, se, anche, quando Pronome io, noi, tu, voi Interiezione oh, ehi, ohimè, questo/questi urrà Verbo essere, siete; avere, avrai; amiamo, amano Classificare le varie parole, determinando a quale parte del discorso appartengono e precisandone le caratteristiche della forma (tipo, genere, numero ecc.), significa fare l analisi grammaticale o morfologica di un testo ed è quello che, ci auguriamo, avrai imparato al termine di questa sezione. 4 VERIFICO SE HO CAPITO 1 Indica con una crocetta se le parole in corsivo nelle frasi che seguono appartengono alle parti variabili (V) o invariabili (I) del discorso. V I 1. L acqua termale è ricca di sostanze minerali. 2. Domani andrò in palestra. 3. Quel bambino dovrebbe vivere in un ambiente più sano. 4. Finalmente è arrivato il treno. 5. Stromboli è un isola incantevole. 6. Il kiwi e la banana sono frutti esotici. 7. C erano molti visitatori a Venezia alla mostra dei Maja. 8. Il clima della mia città è molto mite. 9. Vorrei un cornetto al cioccolato. 10. In Turchia ho acquistato un prezioso tappeto. 11. Evviva! Andremo in vacanza in Spagna. 12. Affrettati, oppure perderai l aereo. 13. Non ho altro da dirti. 14. Lucio ha colpito tutti i birilli. 15. Parla con lei: è meglio. MORFOLOGIA

15 MORFOLOGIA Il nome e l articolo LETTERA D

16 1 Il nome e i suoi significati GLI OBIETTIVI DI QUESTA UNITÀ DI APPRENDIMENTO: CONOSCENZE Sapere che il nome serve per indicare persone, animali, cose, luoghi ecc. Sapere che i nomi, sul piano del significato, possono essere comuni, propri, concreti, astratti, individuali, collettivi. COMPETENZE Riconoscere le parole che appartengono alla classe dei nomi. Individuare i nomi sul piano del significato: comuni, propri, concreti, astratti, individuali, collettivi. Usare correttamente i nomi sul piano del significato. 1 Che cos è il nome Accanto allo stagno, al posto del ranocchio, c era ora un bellissimo principe che guardava con riconoscenza la fata la quale, con un tocco della sua bacchetta magica, gli aveva restituito la libertà. 6 Le parole in colore nelle frasi sono dei nomi e indicano realtà molto diverse tra loro: infatti, stagno indica un luogo, ranocchio un animale, principe una persona, riconoscenza un sentimento, fata un entità irreale, tocco un azione, bacchetta una cosa, libertà un concetto. Si può dire perciò che il nome è una parola che serve a indicare persone, animali, cose, luoghi, sentimenti, azioni, concetti, entità irreali Il nome è detto anche sostantivo. Sostantivo deriva da sostanza, termine che indica non solo la materia ma anche tutto ciò che esiste nella realtà o nel pensiero. Molte parole, pur appartenendo ad altre classi grammaticali, possono assumere la funzione di sostantivo, grazie anche alla capacità sostantivante dell articolo (cfr. p. 63). D. IL NOME E L ARTICOLO

17 Possono essere sostantivati: gli aggettivi: Non sempre il bello coincide con il buono; i pronomi: Non mi dia del tu; gli articoli: Il è un articolo determinativo maschile singolare; i verbi: all infinito (Ridere fa bene), al participio presente (L insegnante corresse i compiti), al participio passato (Lo stufato è pronto); gli avverbi: Dimmi il dove e il quando; le congiunzioni: Vieni subito al dunque; le preposizioni: Tra ha lo stesso significato di fra; le interiezioni: Un ahi risuonò nel silenzio. VERIFICO SE HO CAPITO 1 Individua e cerchia nell elenco che segue sei parole che non appartengono alla classe dei nomi. albergo, uomo, vento, Massimo, risata, paesaggio, sognare, Gemma, favola, geografia, stazione, Trieste, mangusta, carota, bensì, biondo, lontra, Londra, Pacifico, carta, meteora, saetta, dolcemente, città, Oporto, vulcano, brindisi, Palermo, esaltante, chissà, lepre. 2 Caccia al nome: a quale persona ti fanno pensare? corona - castello... toga - tribunale... costumi - palcoscenico... terra - aratro... pennelli - tela... scrivania - registro... piatti - menù... bibita - banco... libri - cartella... forbici - tessuto... fili - lampadina... sirena - fuoco... siringa - ospedale... fischietto - multa... 3 A quale animale ti fanno pensare? criniera - foresta... aia - uova... ali - radar... corsa - ippodromo... latte - stalla... orecchie - carota... arena - corna... denti - fogne... fiore - arnia... caccia - fedeltà... gobba - deserto... zoo - palla... marsupio - salto... noccioline - albero Il nome e i suoi significati

18 4 A quale cosa ti fanno pensare? volante - freno... vela - mare... mattoni - fondamenta... antenna - video... pedali - manubrio... oro - anulare... ali - motore... uva - botte... monete - cuoio... davanzale - gerani... scheda - cabina... quadrante - lancette... ghiaccio - alimenti... materasso - rete... 5 Scrivi accanto a ciascuno dei seguenti nomi se si tratta di persona, animale, cosa, sentimento, azione, concetto, luogo ecc. pittore... crudeltà... pianoforte... fantino... ragazzo... regione... amore... arrivo... camicia... città... scuola... folletto... generosità... gnomo... giornalista... faina... fantasia... corsa... paese... stregone... scoiattolo... esplorazione... scrivania... timore... villaggio... angelo... falsità... palude Sottolinea con colori diversi i nomi e le parole appartenenti ad altre classi grammaticali che nella frase svolgono la funzione di nomi. 1. Il rosa e il verde sono i miei colori preferiti. 2. Correre dà benessere al corpo e allo spirito. 3. Non si comincia una frase con un infatti! 4. Da dove proviene quell ahi? 5. I suoi occhi cambiano spesso tinta senza un perché. 6. La cantante che preferisco è Mia Martini. 7. L entrata è dall altra parte. 8. Il freddo oggi è stato eccessivo. 9. Ma è una congiunzione. 10. Il fascismo proibì il lei e rese obbligatorio il voi. D. IL NOME E L ARTICOLO

19 2 Nomi propri e nomi comuni Lo scrittore Luis Sepùlveda, in un bellissimo libro, narra come il gatto Zorba, che viveva ad Amburgo, insegnò a volare alla gabbianella Fortunata. Esaminiamo i nomi in colore. Alcuni indicano specificamente: persone particolari Luis Sepùlveda luoghi particolari Amburgo animali particolari Zorba, Fortunata Altri indicano genericamente: persone scrittore cose libro animali gatto, gabbianella Distinguiamo perciò i nomi in: propri, quando indicano una persona precisa, un animale determinato o una cosa (località geografica, opera d arte ecc.) ben distinti e diversi da tutti gli altri della stessa specie; essi si scrivono con la lettera iniziale maiuscola; comuni, quando indicano in modo generico una persona, un animale o una cosa che hanno carattere comune con la categoria cui appartengono; si scrivono con la lettera iniziale minuscola. APPROFONDIMENTO Da nome proprio a nome comune I nomi di alcuni personaggi famosi sono diventati, con il tempo, nomi comuni. Questo passaggio è avvenuto per definire alcune persone con caratteristiche simili a quelle del personaggio da cui prendono il nome. Casanova, ad esempio, cognome dell avventuriero veneziano Giacomo Casanova vissuto nel Settecento, è diventato casanova, nome comune scritto con la minuscola indicante un «grande amatore di donne». Così pure abbiamo un ercole (= una persona forte; da Ercole, eroe greco celebre per il suo vigore fisico); una cenerentola (= una persona o cosa tenuta in scarsa considerazione; da Cenerentola, protagonista della fiaba omonima). Lo stesso passaggio da nome proprio a nome comune si può anche avere per situazioni e cose: un odissea (= una serie di disavventure; da Odissea, nome del poema di Omero che narra le disavventure di Ulisse od Odisseo); il cachemire (= un tipo di lana a pelo lungo; da Kashmir, regione dell India dove si allevano le capre da cui si ricava tale lana) e così via Il nome e i suoi significati

20 APPROFONDIMENTO Nomi propri di persona I nomi propri di persona sono costituiti dai nomi imposti alla nascita (Claudia, Oreste, Franca) e dai cognomi (Bianchi, De Filippo, Torre); questi ultimi si trasmettono di padre in figlio. Eccetto che negli elenchi alfabetici, il cognome generalmente segue il nome. Sarà bene che lo ricordi, soprattutto quando ti presenti a qualcuno o firmi una lettera o un documento. Lo pseudonimo È un nome diverso da quello vero ed è generalmente usato da artisti, scrittori, giornalisti che non intendono firmare le proprie opere per diversi motivi. Tra i più famosi ci sono Lewis Carroll, lo pseudonimo con cui il severo professore di matematica Charles L. Dogson firmò Alice nel paese delle meraviglie e Collodi, lo pseudonimo di Carlo Lorenzini, autore delle Avventure di Pinocchio: storia di un burattino. Nome patronimico e nome patrionimico Il nome patronimico, usato in letteratura, è un nome o cognome ricavato da quello paterno. Ulisse viene spesso chiamato da Omero Laerziade (= figlio di Laerte); così come Agamennone viene chiamato Atride (= figlio di Atreo). Il nome patrionimico invece, usato prevalentemente per gli artisti (soprattutto pittori), è un aggettivo sostantivato che indica il luogo di nascita: il Perugino (= oriundo di Perugia), il Veronese (= oriundo di Verona), il Caravaggio (= oriundo di Caravaggio). VERIFICO SE HO CAPITO 1 Trova, in ciascuno dei seguenti nomi comuni, un nome proprio e scrivilo, naturalmente, con l iniziale maiuscola. Segui l esempio. spinotto... Pino stivale... pagina... allenatore... portinaio... lezione... biliardo... contadino... obice... piombo... ringraziamento... alleanza... violenza... marzialità... dinamo... mulino... calice... capanna ribaldo... marinaio... palissandro... francobollo... D. IL NOME E L ARTICOLO

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

TEST D INGRESSO DI ITALIANO. Cognome...Nome...Classe IV...

TEST D INGRESSO DI ITALIANO. Cognome...Nome...Classe IV... TEST D INGRESSO DI ITALIANO Cognome...Nome...Classe IV... PUNTEGGIO FINALE.../50 VOTO ORTOGRAFIA Scegli l'alternativa corretta tra quelle proposte, barrando la lettera corrispondente. (1 punto in meno

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi:

GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi: GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi: Sono certo che Carlo è in ufficio perché mi ha appena telefonato. So che Maria ha superato brillantemente l esame. L ho appena incontrata nel

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse Unità 3 41 Il Vesuvio Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse affresco - Pompei Capri Il golfo di Napoli Pompei Napoli Pompei Capri 42 L imperfetto indicativo L alternanza passato prossimo e imperfetto

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

LE PREPOSIZIONI ITALIANE

LE PREPOSIZIONI ITALIANE LE PREPOSIZIONI ITALIANE LE PREPOSIZIONI SEMPLICI Esempi: DI A DA IN CON SU PER TRA FRA Andiamo in citta`. Torniamo a Roma. Viene da Palermo. LE PREPOSIZIONI ARTICOLATE Preposizione + articolo determinativo

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

IN CITTÀ UNITÁ 6. Paula non è molto contenta perché ha poche amiche e questa città le piace poco; invece le altre città italiane le piacciono molto.

IN CITTÀ UNITÁ 6. Paula non è molto contenta perché ha poche amiche e questa città le piace poco; invece le altre città italiane le piacciono molto. IN CITTÀ Paula è brasiliana ed è in Italia da poco tempo. Vive in una città del Nord. La città non è molto grande ma è molto tranquilla, perché ci sono pochi abitanti. In centro ci sono molti negozi, molti

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

SCHEDA N 2 PRECEDENTE PAROLA DATA SUCCESSIVA

SCHEDA N 2 PRECEDENTE PAROLA DATA SUCCESSIVA SCHEDA N 2 Cerca, sul dizionario, la parola precedente e quella successiva rispetto a quella data, che troverai, scritta in rosso, nella colonna in mezzo. PRECEDENTE PAROLA DATA SUCCESSIVA SALDO SALE SALGEMMA

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Se fossi... Nicole Pesce. Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone

Se fossi... Nicole Pesce. Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone Se fossi... Nicole Pesce Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone se fossi un coppa mi lascerei osservare da tutti, ed essere contenta di essere con te, te che mi

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

'' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari

'' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari '' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari Io ho tanto coraggio ma certe volte non lo dimostro. Per esempio: io ho coraggio a dire in faccia le cose, ma qualche volta no perché non mi fido e allora

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL LINGUAGGIO

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL LINGUAGGIO INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL LINGUAGGIO ANALISI GRAMMATICALE E ANALISI LOGICA Analisi grammaticale: procedimento che ha la funzione di associare ad ogni parola presente all'interno di una frase la propria

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS

VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS : VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS Un Viaggio indimenticabile attraverso la Storia Venice-Simplon Orient-Express è il treno più famoso del mondo, con una storia ultracentenaria che nasce nel 1864 e prosegue

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove I love Ci C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove poter crescere con gioia e buon senso, contribuendo

Dettagli