Padova Oltre il ghetto di via Anelli Azioni positive a sostegno della convivenza e dell inclusione sociale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Padova Oltre il ghetto di via Anelli Azioni positive a sostegno della convivenza e dell inclusione sociale"

Transcript

1 Padova Oltre il ghetto di via Anelli Azioni positive a sostegno della convivenza e dell inclusione sociale di Alessandra Ruggero Claudio Gamba Antonella Ferrandino Paper for the Espanet Conference Innovare il welfare. Percorsi di trasformazione in Italia e in Europa Milano, 29 Settembre 1 Ottobre 2011 Dott.ssa Antonella Ferrandino, Dirigente Unità di Progetto Accoglienza Immigrazione, Settore Gabinetto del Sindaco, Comune di Padova; Dott. Claudio Gamba, Dirigente Servizio Politiche Abitative, Settore Patrimonio Partecipazioni e Lavoro, Comune di Padova;

2 Dott.ssa Alessandra Ruggero, Servizio Politiche Abitative, Settore Patrimonio Partecipazioni e Lavoro, Comune di Padova; Introduzione Il caso di via Anelli a Padova è un caso che ha interessato la stampa e l opinione pubblica locale, ma non solo, per diversi anni. Si tratta di un complesso edilizio privato, principalmente abitato da stranieri, in cui la concentrazione di diversi fattori (sovraffollamento, emarginazione sociale, presenza di attività di spaccio, incuria dei proprietari degli appartamenti) ha portato ad una situazione di degrado edilizio e sociale che ha causato una condizione di malessere negli abitanti ed un clima di conflittualità con il quartiere e l intera città. Ora i riflettori sulla vicenda si sono per lo più spenti, ma le attività con gli ex abitanti del Complesso Serenissima non si sono arrestate. Continua il lavoro di accompagnamento e mediazione di questi nuclei all interno di un percorso di autonomia lavorativa e abitativa; il percorso di sensibilizzazione del territorio in un ottica di inclusione sociale e convivenza; ed il recupero degli alloggi temporaneamente sottratti all ERP per i trasferimenti da via Anelli. Attraverso un complesso progetto l Amministrazione comunale ha voluto da un lato liberare gli ex abitanti di via Anelli da questa situazione di ghettizzazione che condizionava la loro capacità di muoversi in autonomia nel mercato del lavoro e delle abitazioni, e di integrarsi nel territorio nel suo quotidiano; dall altro smontare i binomi immigrazione- degrado e immigrazione- criminalità di cui il Complesso Serenissima ne era l emblema e la rappresentazione nell immaginario collettivo. Il paper cerca di presentare come la complessa vicenda in questione abbia rappresentato l occasione per l amministrazione locale per interrogarsi sulla capacità degli strumenti ordinari delle politiche abitative di saper leggere la questione casa in tutta la sua attuale complessità, nonché per attivarsi nella sperimentazione e nell implementazione di politiche e strumenti innovativi che sappiano rispondervi in maniera integrata, soprattutto in risposta all emergente domanda da parte della popolazione di origine straniera. Il testo è elaborato da soggetti che lavorano all interno dell amministrazione comunale, e utilizza spesso riferimenti a documenti ufficiali (come delibere) o a documenti interni. In ogni caso si è tentato di rileggere l intera vicenda in tutto il suo percorso anche utilizzando fonti (principalmente pubblicazioni, report e rassegna stampa) e punti di vista esterni (dei diversi operatori esterni ). 2

3 Politiche della casa a Padova Padova è la terza città del Veneto per numero di popolazione residente, ma è la più densamente abitata. E considerata città ad alta tensione abitativa, anche in ragione della sua forte connotazione come città universitaria 1. Una presenza, quella dell Università di Padova, che condiziona anche i valori del mercato immobiliare, soprattutto per la parte in locazione, che rispetto alla media provinciale e regionale rappresenta una discreta quota del patrimonio, circa il 25% (dato ISTAT). Come città medio grande e come importante polo economico del nord est d Italia, Padova, e la sua provincia, si prestano ad attrarre anche molta popolazione di origine straniera in cerca di occupazione. Nel 2010 i residenti nel Comune di Padova di origine straniera erano circa 31mila, rappresentando il 14,4% dell intera popolazione residente. Sono per lo più provenienti dall Est d Europa (Romania, Moldavia e Albania), da Nigeria e Marocco o da Cina e Filippine. La metà dei nuovi iscritti all anagrafe raggiunge una famiglia già esistente. Ma solo il 10% della popolazione straniera è residente a Padova da almeno un decennio, mentre circa il 40% vi risiede da meno di 3 anni (Comune di Padova, Settore Programmazione Controllo e Statistica, 2011). La presenza della popolazione di cittadinanza straniera riveste un ruolo significativo anche nelle domande di edilizia residenziale pubblica e nelle assegnazioni. Nell ultima graduatoria pubblicata, relativa al bando 2009, gli stranieri che hanno presentato domanda rappresentano circa il 40% (a cui va aggiunto un 5% circa di domande da parte di cittadini dell Unione Europea). Le assegnazioni di alloggi ERP a cittadini di origine straniera rispettano le proporzioni delle domanda e circa un 8,6% dell intero patrimonio ERP (di proprietà del Comune di Padova e di ATER) è attualmente assegnato a nuclei stranieri. Come è facilmente immaginabile la popolazione straniera residente non si distribuisce uniformemente in tutto il territorio comunale, ma tende a concentrarsi in alcune zone piuttosto che in altre, secondo fattori relativi all accessibilità economica dell alloggio, la vicinanza con una comunità di persone di riferimento o con il luogo di lavoro. La percentuale di residenti stranieri più alta si incontra nella parte nord di Padova. L unità urbana di riferimento per la zona della Fiera e della Stanga, al cui interno si trova il Complesso Serenissima di via Anelli, oggetto di questo paper, ha una percentuale di cittadini di origine straniera del 28% (al ). Anche alcune parti della zona nord sopra la stazione ferroviaria registrano percentuali superiori al 20% (Arcella, San Carlo, 1 Con una popolazione di circa 213mila abitanti, il Comune di Padova ospita un Università con circa 60mila iscritti (fonte: 2 Comune di Padova, Settore Programmazione Controllo e Statistica, Annuario statistico

4 Pontevigodarzere). Sono aree talvolta marginali della città, ritagli urbani spesso stretti tra snodi infrastrutturali (linea ferroviaria, autostrada, circonvallazione) e aree industriali o destinate a servizi (centri commerciali, centri a servizi, fiera, ecc). In alcuni casi sono aree già in parte povere e socialmente degradate, luoghi di prostituzione e spaccio, ancor prima che si insediassero le comunità di popolazione straniera. Gli appartamenti lasciati liberi da quei padovani in grado di ambire a migliori soluzioni abitative vengono affittati ai primi cittadini stranieri. I proprietari, forti delle estreme difficoltà che incontra la popolazione immigrata nel reperire un alloggio, si garantiscono le proprie rendite immobiliari riuscendo a mettere in locazione, a canoni proibitivi, appartamenti di non elevata qualità. E questo l inizio di un processo speculativo che ha coinvolto, in maniera esponenziale il Complesso Serenissima di via Anelli, ma anche altre aree urbane, almeno dal punto di vista del mercato immobiliare. Per poter sostenere queste elevate spese di locazione, la popolazione finisce per essere disposta a dividere il proprio spazio abitativo con altre persone generando fenonemi di sovraffollamento, in cui sono più difficilmente controllabili e governabili eventuali commistioni con fenomeni di criminalità e spaccio. La creazione di un ghetto La costruzione del complesso Serenissima in via Anelli risale agli anni 70, anche in ragione della recente riforma universitaria relativa alla liberalizzazione degli accessi (legge n.910 del 1969). All epoca si trattava, infatti, di un operazione immobiliare da parte di privati destinata alla crescente popolazione universitaria, dal momento che la zona si trova in prossimità degli istituti universitari. Il complesso è costituito da sei palazzine di tre- quattro piani con una cinquantina di miniappartamenti ciascuna (276 appartamenti in tutto) di circa una quarantina di mq, una sorta di cittadella per gli universitari che potesse offrire disponibilità di alloggi agli studenti che ormai avevano saturato la zona del Portello. Nel corso degli anni, però, si è assistito ad un progressivo processo di degrado con l insediamento di prostitute. A queste, negli anni a seguire, son seguite famiglie di stranieri e singoli migranti di varie nazionalità, i quali hanno utilizzato la zona di via Anelli come luogo di prima sosta e spesso di definitivo insediamento, per la difficoltà incontrata a collocarsi altrove nel contesto urbano di Padova, fino a renderla una zona abitata esclusivamente da stranieri, facile preda per il radicamento di mercati illegali legati allo spaccio e alla microcriminalità. L area si è così sempre più impoverita, caratterizzandosi per il suo stato di trascuratezza e abbandono, decadimento edilizio, scarsa sicurezza e difficile abitabilità, dovuti sia al sovraffollamento dell area e sia a processi di 4

5 speculazione da parte dei proprietari degli alloggi. La quasi totalità dei proprietari degli alloggi non abitava più da tempo in via Anelli disinteressandosi della cura degli immobili. Nel frattempo la convivenza di questa realtà, non solo con il resto del quartiere circostante, ma con l intera città, è diventata sempre più conflittuale fino al costituirsi di una vera e propria situazione di emergenza, abitativa e sociale. Il complesso di via Anelli nell immaginario dell opinione pubblica è diventato il Bronx di Padova, un ghetto di immigrati e spacciatori. Ma un ghetto ha sempre un duplice aspetto, a seconda che tu ne sia incluso o meno. In quegli anni per molti via Anelli ha rappresentato anche un «luogo di aiuto», dove «si trova sempre un posto dove stare», dove si «riesce a spendere meno soldi e a mandarne così il più possibile a casa» dalle famiglie nei paesi di origine (Comune di Padova, 2005). Il Complesso Serenissima diventa un luogo in cui chi è fuori ha paura di entrare e chi è dentro ha paura di uscire. Nonostante la sporcizia, lo spaccio, la criminalità annidiata nel complesso per molti è l unico luogo sicuro dove incontrare solidarietà, ascolto e sostegno. Lo stato di emergenza L amministrazione locale è stata dunque chiamata a trovare una soluzione urgente e concreta che mettesse fine a quel fitto intreccio di emarginazione, degrado e illegalità che si era consolidato. La costruzione del piano di trasferimento dei nuclei dalle palazzine di via Anelli e la sua implementazione hanno spesso dovuto ricorrere ad un quadro di emergenza per poter legittimare l intervento e le risorse che si sono dovute investire con urgenza. Innanzitutto per intervenire in maniera perentoria su un complesso edilizio di proprietà privata le palazzine sono state dichiarate inagibili per motivi di igiene e sicurezza dal Settore Edilizia Privata ed è progressivamente stato ordinato lo sgombero immediato dei fabbricati tramite ordinanza del sindaco. In secondo luogo per il reperimento degli alloggi necessari per lo sgombero delle palazzine si è dovuto provvedere, considerati «i tempi assolutamente ridotti di tale operazione», destinando a tale scopo alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica disponibili, da cedersi temporaneamente (quattro anni per i nuclei familiari e due anni per i singoli) in uso esclusivo a favore di nuclei abitanti in Via Anelli 3. 3 Lo schema di concessione base conteneva le seguenti principali caratteristiche: la durata della concessione sarà di quattro anni per i nuclei familiari e due anni per i nuclei di sigle; gli assegnatari dovranno impegnarsi a reperire entro tale termine, anche con il sussidio delle strutture attivate a tale scopo, autonoma soluzione abitativa; i concessionari attiveranno a loro nome le utenze per luce, acqua e gas; il canone di concessione 5

6 Inoltre, durante il processo di svuotamento all interno del complesso Serenissima si inaspriscono alcune situazioni di conflittualità dovute da un lato al fatto che non tutti i residenti o domiciliati nel complesso erano in possesso delle condizioni per rientrare nel progetto e quindi vedersi garantito un percorso di accompagnamento ad una soluzione abitativa: migranti irregolari o collegabili alle attività di spaccio e criminalità, o persone che non avevano effitivamente domicilio in via Anelli. Dall altro, spacciatori e criminali (non necessariamente domiciliati in via Anelli) si vedono privare di uno spazio ormai noto e consolidato per lo svolgimento delle loro attività illegali. Si rendono, quindi, necessarie alcune azioni di ordine pubblico per garantire la sicurezza sia agli abitanti del complesso, sia agli abitanti dei palazzi vicini, sia più in generale al quartiere: la creazione di alcuni posti di blocco, l istituzione di una zona a traffico limitato, l innalzamento di una recizione di metallo a protezione di un condominio adiacente al complesso. Queste sono azioni che fanno molto parlare e richiamano anche in maniera sproporzionata rispetto alla realtà l opinione pubblica nazionale, e, nel caso del muro di via Anelli, perfino internazionale, sulla realtà di questo quartiere. Parallelamente a queste iniziative di ordine pubblico, con inizio nel 2003, c era stato il tentativo di offrire un servizio a bassa soglia, denominato Open windows. Finestre aperte in via Anelli: servizi integrati alle persone e alla famiglia. Le attività con cui questo servizio parte 4 vanno dal segretariato sociale all animazione per bambini e al sostegno degli anziani, dalla formazione linguistica all ascolto e alla prevenzione socio- sanitaria. Anche in azioni come queste, generalmente riconducibili ad un quadro di iniziative orientate alla socialità, non manca una dichiarata intezionalità ancora una volta al monitoraggio e, quindi, al controllo dell area con finalità educative. Forse anche in ragione di questo, il servizio non avrà il successo sperato nell intercettare la popolazione dell area: pochi gli stranieri che frequentano i servizi offerti. Le cause sembrano essere rinconducibili sia alla mancata risposta alle aspettative che lo stesso servizio aveva generato negli abitanti, sia il fatto che contrariamente alla denominazione che sembrava suggerire un servizio facilmente avvicinabile il servizio, i locali e gli operatori, erano costantemente presidiati e controllati dalle forze dell ordine (Faiella, Mantovan, 2011). sarà pari a /mq. 3,50 per le famiglie e /mq 5 per i single, oltre alle spese condominiali (Delibera di Giunta Comunale 2006/106 del ). 4 Delibera di Giunta Comunale n. 2003/261 del

7 Lo svuotamento del complesso: oltre l emergenza Nel febbraio 2005 il Comune di Padova decide di dare avvio allo Sportello Casa. Si tratta da un lato di un servizio per l accompagnamento ed il sostegno agli abitanti del complesso all interno del progetto di trasferimento e riqualificazione dell area, dall altro di un gruppo di lavoro qualificato per il raccordo e l integrazione di competenze e informazioni tra gli uffici comunali ed il lavoro sul campo da parte degli operatori presenti in via Anelli. Lo Sportello Casa, fisicamente collocato in alcuni locali del complesso Serenissima, svolge un lavoro di mappatura e inquadramento delle diverse unità abitative, grazie alla collaborazione di operatori con competenze diversificate: psicologiche, organizzative, di segretariato e comunicazione sociale, affiancati da un mediatore psicologo di cultura araba. La presenza quotidiana degli operatori allo Sportello Casa e, quindi, all interno del complesso edilizio ed il costante lavoro di incontro e conoscenza con gli abitanti di via Anelli ha permesso di comporre un quadro della realtà e delle singole situazioni che è diventato materiale indispensabile sia per l azione di svuotamento dei condomini di via Anelli, sia per il successivo progetto di accompagnamento nel mercato privato. Entrando di volta in volta nelle case e dialogando con gli abitanti è stato possibile comporre una analisi ed una valutazione dettagliata rispetto alla situazione amministrativa, formativa, lavorativa, delle abilità linguistiche e delle autonomie di spostamento, sanitaria, nonché delle reti sociali primarie e secondarie presenti nel territorio, di quelle presenti in patria, del progetto migratorio, dello status abitativo nel Complesso Serenissima, di specificità rispetto ad un trasferimento. Alla fine di febbraio 2005 iniziano anche le azioni di sgombero che, al ritmo di due palazzine svuotate all anno, si concluderanno nel luglio del 2007 coinvolgendo quasi seicento persone di cui una settantina di minori. Gli ex abitanti di via Anelli hanno provenienze varie, ma per lo più sono maschi originari della Nigeria e del Marocco. Nei trasferimenti sono stati utilizzati 144 alloggi temporanemante sottratti all ERP e dislocati nei sei quartieri della città. Una volta risolta l emergenza di via Anelli, con lo sgombero delle palazzine, si è reso necessario per l Amministrazione comunale trovare nuove strategie, strumenti e risorse che permettessero di completare e sviluppare il progetto di riqualificazione avviato, da un lato per ricondurre all autonomia abitativa e alla normalità soluzioni abitative temporanee, e recuperare così il patrimonio ERP, dall altro per intervenire nel territorio comunale con azioni finalizzate a favorire processi di conoscenza, convivenza e sviluppo di comunità al fine di prevenire il ricrearsi ed il degenerare di condizioni di emarginazione sociale ed abitativa. 7

8 Ancora durante le fasi di chiusura dei civici, e poi, dopo i trasferimenti dei nuclei nei nuovi alloggi, da parte dello Sportello Casa del Comune in collaborazione con una cooperativa incaricata 5, sono state attivate funzioni di accompagnamento sociale, di sostegno nel percorso di integrazione, e di presentazione dei servizi e delle nuove realtà istituzionali presenti nel quartiere di destinazione. L accompagnamento prevedeva un supporto costante per il primo periodo di tempo, indispensabile per un corretto inserimento nelle nuove abitazioni e nei relativi contesti di convivenza, attraverso attività di sostegno all integrazione sociale e culturale nei nuovi alloggi temporanei grazie all attivazione di percorsi di mediazione dei possibili conflitti e di attività di aiuto alla ricerca di abitazioni permanenti, anche in collaborazione con agenzie private o con le strutture pubbliche competenti. L accompagnamento si impegnava a seguire con costanza tutte le persone trasferite in situazioni di grave marginalità che necessitavano di aiuto da parte dei Servizi disponibili sul territorio, e a rivalutare le situazioni di persone assenti durante le fasi di trasloco per poter fornire loro adeguate sistemazioni provvisorie. Il progetto di inclusione sociale Oltre il ghetto di via Anelli : azioni integrate per la convivenza E il 2007 quando il Comune di Padova decide di partecipare ad un bando di finanziamento da parte della Direzione Generale dell Immigrazione del Ministero della Solidarietà Sociale per progetti volti a favorire l inclusione sociale dei migranti e dei loro familiari. E questa l occasione per l Amministrazione comunale di recuperare risorse da un lato per dare seguito con un progetto integrato al processo di inclusione sociale e abitativa degli ex abitanti di via Anelli. Dall altro per proporre altre due progetti rivolti l uno ai giovani stranieri di seconda generazione, e l altro alle comunità Rom/Sinti 6. Il progetto Oltre il ghetto di via Anelli: azioni positive a sostegno della convivenza e dell inclusione sociale viene finanziato e successivamente avviato nel settembre del L obiettivo generale del progetto è il completamento e lo sviluppo del progetto di riqualificazione di via Anelli attraverso il potenziamento delle risorse abitative per gli immigrati trasferiti e la costruzione di strumenti finalizzati a sostenere percorsi di autonomia abitativa e d inclusione sociale e favorire i processi di convivenza nei contesti abitativi. Quattro sono i filoni dentro cui si 5 Si tratta della Cooperativa Il Sestante, un soggetto che accompagnerà il Comune di Padova durante tutto il percorso. 6 Il progetto rivolto alle seconde generazioni non è stato ammesso a finanziamento, mentre sono stati finanziati gli altri due, di cui Oltre il ghetto di via Anelli presentato dai Settori Patrimonio, per la parte di competenza del Servizio Politiche Abitative e del Gabinetto del Sindaco, per la parte di competenza dell Unità di Progetto Accoglienza e Immigrazione; e Dal campo nomadi alla città. Il Villaggio della Speranza del Settore Servizi Sociali. 8

9 sviluppano le azioni del progetto che scegli di rivolgersi ai nuclei di single con i contratti (biennali) oramai in scadenza. 1_ Innanzi tutto la predisposizione di strutture di accoglienza temporanea per le situazioni di ancora forte precarietà lavorativa, e quindi economica, e in alcuni casi di emarginazione sociale e culturale. Per venire incontro a queste situazioni sono stati aperti quattro appartamenti, di cui tre per uomini ed uno per donne, che hanno ospitato rispettivamente 35 e 4 persone. Durante la permanenza nell alloggio veniva contemporaneamente attivato un servizio di accompagnamento e orientamento sia al mondo del lavoro ed alla ricerca del lavoro; sia al mercato immobiliare, alla ricerca della casa e all inserimento nel nuovo alloggio, per lo sviluppo ed il raggiungimento di una più completa autonomia. Il programma di accoglienza terminava quando il beneficiario veniva inserito in un alloggio privato, ed iniziava un percorso di accompagnamento sociale, della durata di circa due mesi, per un sostegno nelle pratiche contrattuali per l inserimento nel nuovo alloggio; per l orientamento ai servizi del territorio; e per favorire momenti di incontro e confronto con i nuovi vicini. 2_ In secondo luogo la ricerca di strumenti in grado di inserire nel mercato privato questi soggetti. Si è quindi provveduto ad accreditare un soggetto 7 in grado di individuare e proporre ai nuclei soluzioni alloggiative in locazione, ma anche da poter comprare. Per sostenere questi inserimenti anche finanziariamente il progetto ha previsto la creazione di un fondo per la riduzione delle spese di entrata nell alloggio, ovvero un contributo sui diritti dell agenzia e la copertura del deposito cauzionale. 3_ Il terzo gruppo di azioni fanno riferimento ad un percorso educativo, formativo e di inserimento sociale per gli immigrati singoli provenienti da via Anelli. Sono stati infatti attivati dei cosidetti Laboratori di cittadinanza, ossia degli incontri di formazione e confronto su alcuni temi strategici in un ottica di accompagnamento all autonomia con un approccio orientato all intercultura 8. 4_ Vi è, infine, un complesso e variegato quarto gruppo di azioni finalizzate allo sviluppo di comunità e alla prevenzione, monitoraggio e mediazione dei conflitti. Sono iniziative pensate come a sostegno dell integrazione fra inquilini stranieri e italiani a livello di convivenza in 7 L accreditamento è avvenuto tramite bando pubblico. L intenzione del Comune di Padova era quella di creare un elenco di soggetti accreditati per la ricerca di alloggio e la mediazione immobiliare e sociale per gli utenti del servizio politiche abitative temporaneamente accolti in alloggi ex erp. i soggetti dovevano dimostrare esperienza nell accompagnamento all inserimento abitativo, anche in rete con altri soggetti, di persone provenienti da paesi non comunitari; nella costruzione di percorsi di autonomia abitativa e mediazione immobiliare e sociale per abitanti immigrati e nell individuazione di strumenti idonei per affiancare le persone coinvolte, sia nella chiara definizione delle proprie necessità abitative (attraverso la definizione di un progetto di vita a medio e lungo termine), sia, nei successivi colloqui con i proprietari degli alloggi, fornendo a questi ultimi adeguate conoscenze su tutte le attività del progetto messe in atto per garantire una convivenza solidale. 8 Il percorso formativo era strutturato in quattro moduli i cui temi erano: orientamento ai servizi del territorio, orientamento al lavoro, orientamento alle politiche abitative, cittadinanza. 9

10 condominio e in quartiere organizzate su tre modalità: i Punti di Incontro di Mediazione Abitativa, i Facilitatori in unità mobili in strada ed i Coordinamenti territoriali di Quartiere. I Punti di Incontro di Mediazione Abitativa sono sportelli di mediatori che agiscono anche con interventi a domicilio per la gestione dei conflitti. Si tratta di una procedura tempestiva di risoluzione delle controversie tramite cui una terza persona neutrale, il mediatore sociale, assiste le parti in conflitto, orientandole verso la ricerca di accordi soddisfacenti. In questo modo le parti hanno un equa opportunità di esprimersi e ascoltarsi reciprocamente, decidendo la portata dell accordo e le modalità di formalizzazione. Nei 18 mesi della durata del progetto il servizio ha ricevuto circa 240 segnalazioni, coinvolgendo circa 650 persone. Al livello di quartiere, inoltre, erano attive unità mobili di facilitatori. Si è trattato in tutto di 18 persone di nazionalità diversa, scelte tramite bando pubblico in modo da coprire le aree linguistico culturali romena, moldava, araba, albanese, dell Africa francofona e anglofona, cinese e filippina. Sono state presenti nei quartieri lungo percorsi prestabiliti volta a favorire processi di convivenza civile e integrazione nella comunità locale. Lungo i tragitti i facilitatori raccoglievano segnalazioni (problemi esistenti, possibili modalità di risoluzione, richiesta di informazioni, etc) e affrontavano, dove possibile, le difficoltà di volta in volta espresse dai cittadini o li rinviavano agli uffici ed ai settori competenti. In alcuni casi si trattava di supportare il personale della Polizia Locale in interventi operativi. Sempre a livello di quartiere, ma con modalità differenti di azione, si sono costituiti dei Coordinamenti territoriali di Quartiere per le attività di mediazione dei conflitti tra gruppi. Con modalità e forme diverse cinque quartieri su sei hanno costituito questi Coordinamenti: in alcuni casi con la costituzione di Commissioni consiliari di quartiere ad hoc composte dei referenti di altre commissioni, in altri casi dal lavoro congiunto di commissioni di volta in volta su casi specifici, in altri ancora grazie alla disponibilità in prima persona del presidente di Circoscrizione di farsi carico di questo aspetto. E stato, infine, avviato un ciclo di workshop aperti alla cittadinanza su metodologia e strumenti di gestione dei conflitti. I workshop erano rivolti agli amministratori dei quartieri, ai cittadini esperti ed alle associazioni qualificate del territorio, per offrire spazi di approfondimento sulle questioni della convivenza e della coesione sociale, dell integrazione tra abitanti originari di un area e nuovi arrivati, e sul tema del corretto utilizzo degli spazi urbani. Gli incontri, condotti da esperti nei servizi della mediazione dei conflitti in città e aree metropolitane, avevano l obiettivo di proporre argomenti per la formazione di mediatori naturali, in grado di rispondere alle esigenze dei 10

11 cittadini e di mediare i potenziali conflitti tra diversi gruppi di residenti ed utilizzatori degli spazi urbani. Decostruzione e riformulazione di frame: dal ghetto alla convivenza Il caso di via Anelli è esemplificativo di come alla fine degli anni Novanta le amministrazioni pubbliche locali non fossero ancora né attrezzate, ma nemmeno, per così dire, ancora competenti di fronte alla complessità di un fenomeno come quello migratorio urbano di questa fine di secolo. Per le amministrazioni pubbliche che si sono succedute negli ultimi quindici anni a Padova il complesso Serenissima è stato una questione di difficile interpretazione e trattamento. Diversi nel corso degli anni gli approcci ed i tipi di azione. L aumento della presenza di immigrati nel contesto urbano, la domanda da un lato di sicurezza urbana, dall altro di integrazione sociale sono state l occasione per l amministrazione locale per misurarsi ed interrogarsi sulle proprie capacità di lettura della realtà e di risposta alle sempre più complesse questioni sociali emergenti. E interessante, in questo senso, ricostruire la storia di via Anelli mettendo in luce come nel tempo si siano lentamente, non sempre con un percorso lineare, modificate le cornici interpretative e di conseguenza le strategie e le azioni di intervento. Sembra possibile individuare tre principali fasi in questo percorso. La prima fase (seconda metà degli anni 90) è una fase di empasse: è un momento di osservazione, ma anche di incapacità, e forse anche impossibilità, di azione. Il complesso Serenissima è ancora in fase di trasformazione. Nuovi abitanti e nuovi proprietari si sostituiscono ai primi, la composizione degli inquilini degli appartamenti inizia a modificarsi. E di fatto un processo non direttamente controllabile dall amministrazione pubbica trattandosi di un complesso residenziale privato. E intanto Via Anelli inizia a definirsi come rifugio da un lato per i migranti (regolarizzati e meno) in cerca di un alloggio, dall altro per gli spacciatori (non necessariamente domiciliati nel Complesso Serenissima) e per i loro clienti. E la fase in cui si innesca il processo di degrado e affollamento dell area ed in cui i media iniziano a costruire la rappresentazione di via Anelli come il Bronx di Padova. Man mano che questi processi di degrado si aggravano e coinvolgono la sicurezza non solo degli abitanti del Complesso Serenissima, ma anche del quartiere circostante, l Amministrazione pubblica è chiamata ad agire e lo fa inquadrando la questione come un problema di ordine pubblico (fino al 2005 circa). L acquisto progressivo di alloggi nel Complesso e nel quartiere 11

12 nell ottica di inserirvi attività dei servizi sociali e presidi delle forze dell ordine, l istituzione della zona a traffico limitato, l innalzamento della recinzione a protezione degli adiacenti condomini sono azioni che si rifanno ad un quadro di azioni fortemente indirizzate al ripristino della sicurezza urbana e dell ordine pubblico. Il soggetto pubblico (ente locale, forze dell ordine) si fa presente nel quartiere nelle sue funzioni di controllo e regolamentazione. L inizio delle operazioni di sgombero delle palazzine e di trasferimento dei nuclei sembrano rappresentare la coda di questo approccio. Anche se avviati all interno di un quadro di emergenza e tempestività, i trasferimenti sono, nella durezza che comunque li ha caratterizzati per lo sradicamento nei confronti di una comunità e di un territorio che nel bene e nel male era per loro di riferimento, il primo e necessario passaggio nell ottica di porre le basi per un più complesso ed efficace percorso di inclusione sociale. Ecco, quindi, che l amministrazione si interroga (dal 2004 circa) su quali siano gli strumenti più adatti per accompagnare queste persone in un percorso di familiarizzazione con il territorio, maggiore consapevolezza come cittadini e autonomia. Termini come integrazione, inclusione sociale e accompagnamento non appaiono come semplici slogan, ma acquistano all interno del progetto Oltre il ghetto di via Anelli concretezza e complessità. Gli strumenti, le azioni ed i percorsi sono diversificati e proposti in un ottica di progressiva autonomia. Coinvolgono diversi aspetti della gestione autonoma del proprio quotidiano e si rivolgono con strumenti diversi a pubblici diversi, non dando per scontato l importanza di accompagnare anche i quartieri e l intera città in percorsi di accoglienza. Il recupero alloggi: sfatare il mito dell ERP Il percorso di accompagnamento degli ex abitanti del Complesso Serenissima di via Anelli ad una soluzione abitativa autonoma ha permesso di recuperare e rimettere a disposizione delle assegnazioni ERP un numero consistente di alloggi. E un percorso non semplice, ma necessario almeno da due punti di vista. Innanzitutto la necessità di recuperare alloggi in una situazione di scarsa disponibilità ed elevata domanda. Ed, in secondo luogo, la volontà di non avallare un passaggio scontato dalla concessione in emergenza abitativa ad una a tempo indeterminato. Il patrimonio di edilizia residenziale pubblica nel Comune di Padova, pur di discreta consistenza in relazione all intero patrimonio residenziale in locazione 9, si inserisce in un quadro nazionale in cui all edilizia residenziale sociale viene riservato un ruolo piuttosto esiguo. A questa situazione va a 9 Nel 2010 il patrimonio ERP ammonta a circa alloggi di proprietà sia comunale che dell ATER di Padova. Secondo i dati ISTAT, al 2001, le abitazioni occupate in locazione all interno del Comune di Padova sono circa

ABITATIVA EMERGENZA. Dal disagio abitativo all accompagnamento all abitare

ABITATIVA EMERGENZA. Dal disagio abitativo all accompagnamento all abitare Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO PER L INTEGRAZIONE DI CITTADINI DI PAESI TERZI Dire fare abitare Fondo Fei 2013, Azione 6, prog. 105060 - CUP D18D14000570008 EMERGENZA ABITATIVA Dal

Dettagli

Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà

Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà Titolo del progetto Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà Destinatari Nuclei familiari presenti in 3 insediamenti siti in Corso dei Martiri della Libertà a Catania: Nuclei familiari bulgari

Dettagli

Politiche Abitative - Comune di Empoli -

Politiche Abitative - Comune di Empoli - Politiche Abitative - Comune di Empoli - Con il trasferimento della funzione all Unione, è stato costituito un unico ufficio casa per tutto l Empolese Valdelsa. Fino al 2013 sul territorio erano presenti

Dettagli

SERVIZI AZIENDALI INNOVATIVI

SERVIZI AZIENDALI INNOVATIVI SERVIZI AZIENDALI INNOVATIVI L AGENZIA PUBBLICA PER LA LOCAZIONE La gestione di servizi attinenti al soddisfacimento delle esigenze abitative delle famiglie rappresenta una tra le iniziative più innovative

Dettagli

TUTOR DI QUARTIERE: RISPETTO, SICUREZZA E TUTELA

TUTOR DI QUARTIERE: RISPETTO, SICUREZZA E TUTELA TUTOR DI QUARTIERE: RISPETTO, SICUREZZA E TUTELA L abusivismo Il problema dell abusivismo edilizio deve essere affrontato con fermezza sia in tutti i quartieri popolari colpiti dal fenomeno sia in quelli

Dettagli

Comune di Trieste. Montebello

Comune di Trieste. Montebello Montebello Il nuovo insediamento ATER è inserito in un rione fortemente urbanizzato ma povero di servizi e luoghi di aggregazione. Comprende 10 condomini-180 alloggi- 480 persone. Presenza significativa

Dettagli

I SERVIZI IMMOBILIARI

I SERVIZI IMMOBILIARI I SERVIZI IMMOBILIARI Agec signifi ca Azienda di Gestione degli Edifici Comunali: l Azienda infatti è nata con l obiettivo istituzionale di amministrare e gestire gli immobili di civile abitazione di proprietà

Dettagli

Focus: il caso dell abitazione

Focus: il caso dell abitazione Focus: il caso dell abitazione I grafici sono stati elaborati nell indagine Le difficoltà d accesso all abitazione da parte degli immigrati curata da Paola Bertolini e Francesco Pagliacci in occasione

Dettagli

Edilizia popolare. Valore per la città. La casa pubblica a Milano: processi integrati di rigenerazione urbana

Edilizia popolare. Valore per la città. La casa pubblica a Milano: processi integrati di rigenerazione urbana Comune di Milano Direzione Centrale Casa Settore Politiche per la Casa e Valorizzazione Sociale Spazi Servizio Contratti di Quartiere e Rigenerazione Urbana Edilizia popolare. Valore per la città La casa

Dettagli

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali Allegato 3 Delibera di Giunta regionale n. 1206 del 30/7/2007 Linee di indirizzo per favorire la qualificazione e la regolarizzazione del lavoro di cura delle assistenti familiari nell ambito delle azioni

Dettagli

Le condizioni abitative dei cittadini stranieri assistiti dal Patronato Ital

Le condizioni abitative dei cittadini stranieri assistiti dal Patronato Ital Le condizioni abitative dei cittadini stranieri assistiti dal Patronato Ital L accesso alla casa rappresenta uno degli aspetti salienti del processo di integrazione sociale degli stranieri nel nostro paese.

Dettagli

Le politiche abitative Quali politiche per quali contesti? Giulia Cordella Corso politica sociale 2014-2015 giulia.cordella@gmail.com Cosa sono Interventi che si muovono per assicurare agli individui e

Dettagli

INDAGINE SUI FABBISOGNI DI SERVIZI ABITATIVI DEGLI IMMIGRATI

INDAGINE SUI FABBISOGNI DI SERVIZI ABITATIVI DEGLI IMMIGRATI INDAGINE SUI FABBISOGNI DI SERVIZI ABITATIVI DEGLI IMMIGRATI - SINTESI - L obiettivo di questa ricerca è quello di comprendere quali sono i fabbisogni di servizi abitativi della popolazione immigrata presente

Dettagli

Assessorato alle Politiche Sociali. Assessorato all Istruzione, Formazione e Lavoro

Assessorato alle Politiche Sociali. Assessorato all Istruzione, Formazione e Lavoro REGIONE TOSCANA Giunta Regionale Assessorato alle Politiche Sociali Assessorato all Istruzione, Formazione e Lavoro Progetto regionale Sistema integrato di servizi per le famiglie e gli assistenti familiari

Dettagli

PUNTO LAVORO CIELI APERTI. Gennaio dicembre 2012

PUNTO LAVORO CIELI APERTI. Gennaio dicembre 2012 Associazione Cieli Aperti ONLUS - Via Lazzerini n 1-59100 Prato Sede operativa: Via Marengo n 51 Cod. Fiscale: 92062880486 - P. Iva: 01939060974 Telefono: 0574 607226 3280809395 - Fax: 0574 607226 E-mail:

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA 1 Gruppo di lavoro n.6 Famiglia ed Immigrazione

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA 1 Gruppo di lavoro n.6 Famiglia ed Immigrazione OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA 1 Gruppo di lavoro n.6 Famiglia ed Immigrazione Il gruppo di lavoro assegnatario del tema famiglia ed immigrazione si è riunito per due volte, in data 24 maggio ed

Dettagli

REPORT CONCLUSIVO PREMESSA

REPORT CONCLUSIVO PREMESSA REPORT CONCLUSIVO PREMESSA Con quasi 100.0000 residenti stranieri la provincia di Treviso si colloca a livello regionale al 2 posto per presenza assoluta e al 1 per incidenza % sul totale dei residenti

Dettagli

"Immigrare e abitare nell'area vasta modenese. Fondazione MDM 16 gennaio 2012

Immigrare e abitare nell'area vasta modenese. Fondazione MDM 16 gennaio 2012 "Immigrare e abitare nell'area vasta modenese Fondazione MDM 16 gennaio 2012 1 Edilizia residenziale pubblica In Italia il patrimonio pubblico di case ècertamente ridotto percentualmente rispetto ad altri

Dettagli

"La riqualificazione di aree degradate nelle politiche di sicurezza urbana: il caso RNORD a Modena

La riqualificazione di aree degradate nelle politiche di sicurezza urbana: il caso RNORD a Modena "La riqualificazione di aree degradate nelle politiche di sicurezza urbana: il caso RNORD a Modena Giovanna Rondinone U.O. Politiche per la Legalità e le Sicurezze Genova, 2 luglio 2015 Macroaree Piano

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SCHEDA PROGETTO UN ANNO PER ES.SER.CI. PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SCHEDA PROGETTO UN ANNO PER ES.SER.CI. PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SCHEDA PROGETTO UN ANNO PER ES.SER.CI. PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE ENTE 1 ) Ente proponente il progetto: CINFORMI - PAT 2) Codice di iscrizione all albo e classe:_

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Firenze CARATTERISTICHE PROGETTO 2) Titolo del progetto: Bussola - Un sistema

Dettagli

GLOBAL SERVICE PER GESTIONE INTEGRATA DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE A DESTINAZIONE ERP ESTRATTO DELLA CARTA DEI SERVIZI

GLOBAL SERVICE PER GESTIONE INTEGRATA DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE A DESTINAZIONE ERP ESTRATTO DELLA CARTA DEI SERVIZI GLOBAL SERVICE PER GESTIONE INTEGRATA DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE A DESTINAZIONE ERP ESTRATTO DELLA CARTA DEI SERVIZI SPORTELLO DI CONTATTO via Benedetto Croce n.28 Sesto San Giovanni (MI) (c/o Uffici comunali)

Dettagli

2. CONTRIBUTI ECONOMICI E BENEFICI CONTINUATIVI

2. CONTRIBUTI ECONOMICI E BENEFICI CONTINUATIVI 2. CONTRIBUTI ECONOMICI E BENEFICI CONTINUATIVI I benefici che seguono sono continuativi. Potrebbero però modificarsi di anno in anno parte dei requisiti di accesso, periodo di raccolta delle domande e

Dettagli

REGOLAMENTO E ISTITUZIONE SERVIZIO ABITATIVO APPARTAMENTI CASALGRANDE ALTO

REGOLAMENTO E ISTITUZIONE SERVIZIO ABITATIVO APPARTAMENTI CASALGRANDE ALTO REGOLAMENTO E ISTITUZIONE SERVIZIO ABITATIVO APPARTAMENTI CASALGRANDE ALTO Premessa Il Comune di Casalgrande proprietario dell immobile, sito nella frazione di Casalgrande Alto, all incrocio tra Via Statutaria

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI MARANELLO Provincia di Modena Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 78 del 29/06/2010 OGGETTO : CRITERI PER LA GESTIONE DEGLI "AFFITTI IN GARANZIA" ALLOGGI SOCIALI". (ANNOTAZIONE

Dettagli

Scuola Primaria Statale Salvo D Acquisto I Circolo di Pioltello. PROGETTO SPAZIO, LINGUA, BAMBINO Laboratorio Interculturale di Italiano L2

Scuola Primaria Statale Salvo D Acquisto I Circolo di Pioltello. PROGETTO SPAZIO, LINGUA, BAMBINO Laboratorio Interculturale di Italiano L2 Scuola Primaria Statale Salvo D Acquisto I Circolo di Pioltello PROGETTO SPAZIO, LINGUA, BAMBINO Laboratorio Interculturale di Italiano L2 Premessa Il I circolo di Pioltello è composto da due plessi di

Dettagli

ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE PER SVILUPPARE COMUNI AZIONI DI SOSTEGNO SOCIALE NELLE PRINCIPALI STAZIONI ITALIANE

ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE PER SVILUPPARE COMUNI AZIONI DI SOSTEGNO SOCIALE NELLE PRINCIPALI STAZIONI ITALIANE ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE PER SVILUPPARE COMUNI AZIONI DI SOSTEGNO SOCIALE NELLE PRINCIPALI STAZIONI ITALIANE TRA L ASSOCIAZIONE NAZIONALE COMUNI ITALIANI, con sede legale in Roma, Via dei Prefetti

Dettagli

Dal Saggio Il gestore sociale quale garante della sostenibilità negli interventi di Housing Sociale

Dal Saggio Il gestore sociale quale garante della sostenibilità negli interventi di Housing Sociale Dal Saggio Il gestore sociale quale garante della sostenibilità negli interventi di Housing Sociale Maria Luisa Del Gatto Dipartimento BEST, Politecnico di Milano Giordana Ferri Fondazione Housing Sociale

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

Bando provinciale assegnazione alloggi E.R.P. 2000 2003 Domande accolte 1.001 1.063 - di cui stranieri 237 253 Fonte: Comune di Prato - Ufficio Casa

Bando provinciale assegnazione alloggi E.R.P. 2000 2003 Domande accolte 1.001 1.063 - di cui stranieri 237 253 Fonte: Comune di Prato - Ufficio Casa Emergenza casa L emergenza abitativa costituisce uno dei principali indicatori di disagio sociale diffuso sul territorio. Per valutare la portata del fabbisogno abitativo nell area, riportiamo di seguito

Dettagli

Comune di Venezia. Carta dei Servizi. Servizio Politiche Cittadine per l Infanzia e l Adolescenza

Comune di Venezia. Carta dei Servizi. Servizio Politiche Cittadine per l Infanzia e l Adolescenza Servizio Politiche Cittadine per l Infanzia e l Adolescenza Servizio Politiche Cittadine per l Infanzia e l Adolescenza Hanno collaborato alla costruzione di questa Carta dei servizi: gli operatori del

Dettagli

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture)

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) AREA IMMIGRATI Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) A - DESCRIZIONE SINTETICA DELL AZIONE Le finalità principali che il Centro Servizi Immigrati

Dettagli

Servizi ed interventi per i senza fissa dimora nel Comune di Cagliari

Servizi ed interventi per i senza fissa dimora nel Comune di Cagliari Relatore Simonetta Piras Comune di Cagliari[Soft Break]Assessorato alle Politiche Sociali Servizi ed interventi per i senza fissa dimora nel Comune di Cagliari La complessità della società attuale, le

Dettagli

Il Commissario Delegato

Il Commissario Delegato REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI VILLAGGI ATTREZZATI PER LE COMUNITA NOMADI NELLA REGIONE LAZIO Visto il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data 21 maggio 2008, recante la dichiarazione

Dettagli

Sommario: Proponiamo l esperienza della Fondazione Casa Amica di Bergamo, impegnata dal 1993 nel settore del social housing,

Sommario: Proponiamo l esperienza della Fondazione Casa Amica di Bergamo, impegnata dal 1993 nel settore del social housing, Casa e abitare come politica sociale. L esperienza di CasaAmica. Intervista a Giovanni Chiesa, fondatore e direttore di CasaAmica di Bergamo A cura di Marina Bettoni Sommario: Proponiamo l esperienza della

Dettagli

Il Sindacato del territorio per il welfare e l abitare sociale

Il Sindacato del territorio per il welfare e l abitare sociale SEGRETERIA TERRITORIALE DI MILANO Via B. Marcello 18 20124 Milano Tel. 02/29522100 02/29521797 Fax 02/29411670 milano.segreteria@sicet.it www.sicet.it 7 CONGRESSO TERRITORIALE SICET MILANO Il Sindacato

Dettagli

Interventi sul disagio abitativo Comune di Rimini

Interventi sul disagio abitativo Comune di Rimini Interventi sul disagio abitativo Comune di Rimini Realtà territoriale Il Comune di Rimini si distingue per realtà abitative disomogenee che fondano le loro radici nell economia ad indirizzo prevalentemente

Dettagli

Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in Sardegna

Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in Sardegna Provincia di Olbia Tempio Politiche abitative e Housing Sociale. Olbia, 13-14 Febbraio 2013 Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in

Dettagli

SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA. PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati)

SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA. PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati) PROVINCIA DI LATINA SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati) Ai sensi della Deliberazione di Giunta Regionale n. 792 del 31

Dettagli

SEGREGARE COSTA LA SPESA PER I CAMPI NOMADI A NAPOLI, ROMA E MILANO. a cura di. Berenice, Compare, Lunaria e OsservAzione SINTESI DEL RAPPORTO

SEGREGARE COSTA LA SPESA PER I CAMPI NOMADI A NAPOLI, ROMA E MILANO. a cura di. Berenice, Compare, Lunaria e OsservAzione SINTESI DEL RAPPORTO SEGREGARE COSTA LA SPESA PER I CAMPI NOMADI A NAPOLI, ROMA E MILANO a cura di Berenice, Compare, Lunaria e OsservAzione SINTESI DEL RAPPORTO Tra il 2005 e il 2011, a Napoli, Roma e Milano sono stati stanziati

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Tufino 2) Titolo del progetto: GARANZIAMBIENTE 3) Settore ed area di intervento del

Dettagli

offrire un abitazione migliore a chi già abita nell immobile da decenni e che costituisce la memoria storica del luogo.

offrire un abitazione migliore a chi già abita nell immobile da decenni e che costituisce la memoria storica del luogo. IL PROGETTO Il progetto Maison du monde è realizzato grazie al Fondo Immobiliare di Lombardia e si propone di recuperare e valorizzare un edificio collocato in Via Padova 36, realizzando e offrendo alloggi

Dettagli

CAPO 1 PRINCIPI GENERALI

CAPO 1 PRINCIPI GENERALI CITTÀ DI RAGUSA REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE (Approvato con deliberazione consiliare n. 4 del 15 febbraio 2007) CAPO 1 PRINCIPI GENERALI Art. 1

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER L EMERGENZA ABITATIVA TRA UNIONE DEI COMUNI CIRCONDARIO DELL EMPOLESE VALDELSA AZIENDA USL 11 PUBLICASA S.P.A.

PROTOCOLLO DI INTESA PER L EMERGENZA ABITATIVA TRA UNIONE DEI COMUNI CIRCONDARIO DELL EMPOLESE VALDELSA AZIENDA USL 11 PUBLICASA S.P.A. PROTOCOLLO DI INTESA PER L EMERGENZA ABITATIVA TRA UNIONE DEI COMUNI CIRCONDARIO DELL EMPOLESE VALDELSA AZIENDA USL 11 PUBLICASA S.P.A. Premesso che: - la L.R. 27 Dicembre 2011 n. 68, recante Norme sul

Dettagli

L obiettivo del progetto è quello di favorire l inclusione sociale di persone in situazioni di povertà estrema, soggetti che hanno rotto tutti i

L obiettivo del progetto è quello di favorire l inclusione sociale di persone in situazioni di povertà estrema, soggetti che hanno rotto tutti i STORIE DI CONFINE Campagna emergenza freddo 2011/2012 L obiettivo del progetto è quello di favorire l inclusione sociale di persone in situazioni di povertà estrema, soggetti che hanno rotto tutti i legami

Dettagli

Viva gli Anziani! Viva gli Anziani! Progetto di coabitazione tra anziani fragili a Milano. Via Mario Bianco 20. Referente per il progetto

Viva gli Anziani! Viva gli Anziani! Progetto di coabitazione tra anziani fragili a Milano. Via Mario Bianco 20. Referente per il progetto Progetto di coabitazione tra anziani fragili a Via Progetto di coabitazione tra anziani fragili a Referente per il progetto Comunità di Sant Egidio ONLUS Via Lanzone 13 20123 cf 97549060156 tel 0286451309

Dettagli

Help Center stazione

Help Center stazione Help Center stazione S t a z i o n e d i B o l o g n a c e n t r a l e B i n a r i o e s t L Help Center a Bologna Un nuovo Help Center è stato aperto in stazione, al piazzale est, in prossimità del binario

Dettagli

1A - Attività dell Associazione Differenza Maternità. Associazione Differenza Maternità. Ampliamento del servizio "Informanascita"- linea telefonica

1A - Attività dell Associazione Differenza Maternità. Associazione Differenza Maternità. Ampliamento del servizio Informanascita- linea telefonica 1A - Attività Differenza Maternità 1 Associazione responsabile e collaborazioni. Rete/Partners coinvolti Associazione Differenza Maternità Descrizione intervento / prodotto 2 Denominazione Informamamma:

Dettagli

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino I figli non sono vostri figli. Sono i figli e le figlie della sete che di sé stessa ha la vita... Voi siete gli archi da cui i figli, come frecce vive, sono scoccate in avanti. L'Arciere vede il bersaglio

Dettagli

VADEMECUM PER L ACCOGLIENZA DEI PROFUGHI

VADEMECUM PER L ACCOGLIENZA DEI PROFUGHI CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 11/88/CR06/C3-C7-C13 VADEMECUM PER L ACCOGLIENZA DEI PROFUGHI SOGGETTI GESTORI DEI SERVIZI DI ACCOGLIENZA a) organizzazioni di natura privata volti alla

Dettagli

COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEI MINI ALLOGGI RISERVATI A PERSONE ANZIANE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale In data 08.02.2007 N 7 1 I N D I C E Art.

Dettagli

COMUNE DI BOSA. Provincia di Oristano

COMUNE DI BOSA. Provincia di Oristano COMUNE DI BOSA Provincia di Oristano C.A.P. 08013 C.so Garibaldi S.n.c. C.C.P. 11870086 C.F. 83000090916 P.I. 00202690913 Tel. 0785/368000 Fax 0785/373949 REGOLAMENTO SULLA MOBILITA AI SENSI DEL TITOLO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ALLOGGI PER FAR FRONTE A SITUAZIONI DI DISAGIO ABITATIVO

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ALLOGGI PER FAR FRONTE A SITUAZIONI DI DISAGIO ABITATIVO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ALLOGGI PER FAR FRONTE A SITUAZIONI DI DISAGIO ABITATIVO (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 26 del 28.06.2007 e successivamente modificato con delibera di

Dettagli

Progetto INTERREG III A Grecia Italia 2000-2006 Asse 1 Mis. 1.2 SE.MI.NET. (SErvices for MIgrants NETwork)

Progetto INTERREG III A Grecia Italia 2000-2006 Asse 1 Mis. 1.2 SE.MI.NET. (SErvices for MIgrants NETwork) Progetto INTERREG III A Grecia Italia 2000-2006 Asse 1 Mis. 1.2 SE.MI.NET. (SErvices for MIgrants NETwork) Bari, 15 settembre 2008 OBIETTIVI DELLA RICERCA Identificazione del fabbisogno di servizi da parte

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/59/CUFS/C3

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/59/CUFS/C3 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/59/CUFS/C3 PROPOSTA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE PER FRONTEGGIARE IL FLUSSO STRAORDINARIO DI CITTADINI EXTRACOMUNITARI, ADULTI, FAMIGLIE E MINORI

Dettagli

ALLEGATO E LINEE GUIDA. Sportelli informativi per immigrati INDICE PRESTAZIONI OFFERTE DAGLI SPORTELLI INFORMATIVI

ALLEGATO E LINEE GUIDA. Sportelli informativi per immigrati INDICE PRESTAZIONI OFFERTE DAGLI SPORTELLI INFORMATIVI ALLEGATO E Sportelli informativi per immigrati LINEE GUIDA INDICE 1. PREMESSA 2. FINALITA E CARATTERISTICHE 3. DESTINATARI E MODALITA DI ACCESSO 4. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO 5. OBIETTIVI SPECIFICI DEL SERVIZIO

Dettagli

LABORATORIO FORMA MENTIS

LABORATORIO FORMA MENTIS LABORATORIO FORMA MENTIS Presentazione del Laboratorio Forma Mentis Il Laboratorio Forma Mentis del Polo Universitario Città di Prato 1 offre attività di ricerca, intervento, formazione, e diffusione di

Dettagli

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi LA COMUNITA CINESE IN ITALIA A cura di Federica Aurizi Acquisizione ed elaborazione dei dati riassunti nelle schede sono ricavati dalle seguenti fonti: Barbagli (a cura di), 1 Rapporto sugli immigrati

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO PATRIMONIO MOBILIARE E IMMOBILIARE

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO PATRIMONIO MOBILIARE E IMMOBILIARE CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO PATRIMONIO MOBILIARE E IMMOBILIARE CDR XII SERVIZIO PATRIMONIO MOBILIARE E IMMOBILIARE Il settore si occupa della gestione del Patrimonio Comunale, mobiliare e immobiliare, della

Dettagli

Sicurezza stradale e nuovi cittadini

Sicurezza stradale e nuovi cittadini Sicurezza stradale e nuovi cittadini Premessa Dall Unità d Italia ad oggi, la presenza straniera nel nostro Paese è profondamente mutata sia nei numeri che nella tipologia. Se, infatti, fino a qualche

Dettagli

LA MEDIAZIONE INTERCULTURALE NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE

LA MEDIAZIONE INTERCULTURALE NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE SEMINARIO FORMATIVO LA MEDIAZIONE INTERCULTURALE NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE dedicato al personale del Dipartimento della Protezione Civile e delle altre componenti del Sistema Nazionale Linee

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Milano. Ponte Lambro

Contratti di Quartiere II - Milano. Ponte Lambro Contratti di Quartiere II - Milano 44 Ponte Lambro Quartiere Ponte Lambro Quartiere Ponte Lambro 45 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della Progettazione Partecipata

Dettagli

PROGETTO INTEGRAZIONE SOCIALE IN QUARTIERI PERIFERICI

PROGETTO INTEGRAZIONE SOCIALE IN QUARTIERI PERIFERICI PROGETTO INTEGRAZIONE SOCIALE IN QUARTIERI PERIFERICI Sportelli, servizi di prossimità, portierato sociale e volontariato nei quartieri più periferici della città di Torino Un esperienza diretta di aiuto

Dettagli

3. SOCIALE. 3.3 Politiche abitative

3. SOCIALE. 3.3 Politiche abitative 3. SOCIALE 3.3 Politiche abitative INDICE Inquadramento strategico..................... pag. 65 Risorse impiegate........................ pag. 66-67 I progetti innovativi....................... pag. 68-69

Dettagli

PROGETTO SOCIAL MARKET LA CAMBUSA

PROGETTO SOCIAL MARKET LA CAMBUSA TITOLO IDEA : SOCIAL MARKET LA CAMBUSA Breve sintesi idea : La Cambusa consiste nella realizzazione di un MARKET SOCIALE: un punto di recupero e distribuzione di alimenti, prodotti per l igiene, utensili

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

DIDATTICA II CIRCOLO G. di Vittorio Via A. Capitini,2-06019 UMBERTIDE

DIDATTICA II CIRCOLO G. di Vittorio Via A. Capitini,2-06019 UMBERTIDE DIDATTICA II CIRCOLO G. di Vittorio Via A. Capitini,2-06019 UMBERTIDE PROGETTO INTERCULTURA: UNA STRADA PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE SCHEDA DI PROGETTO DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 APPROVATO

Dettagli

REGIONE EMILIA ROMAGNA LEGISLATURA

REGIONE EMILIA ROMAGNA LEGISLATURA REGIONE EMILIA ROMAGNA LEGISLATURA VIII Al presidente dell Assemblea Legislativa Progetto di legge di iniziativa del Consigliere Leonardo Masella avente ad oggetto: "Norme dirette a favorire l inserimento

Dettagli

LA PRESENZA DELLE FAMIGLIE IMMIGRATE NELL ERP A FIRENZE

LA PRESENZA DELLE FAMIGLIE IMMIGRATE NELL ERP A FIRENZE FONDAZIONEGIOVANNIMICHELUCCI LAPRESENZADELLEFAMIGLIEIMMIGRATENELL ERPAFIRENZE Il crescente e pericoloso clima di intolleranza si alimenta non solo dell allarme sulla sicurezza urbana, ma anche del paventato

Dettagli

Certifica il tuo Italiano. La lingua per conoscere e farsi conoscere

Certifica il tuo Italiano. La lingua per conoscere e farsi conoscere Ministero della Pubblica Istruzione Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l educazione interculturale Certifica il tuo Italiano. La lingua per conoscere e farsi conoscere

Dettagli

Dall osservazione al fronteggia mento nei processi di impoverimento: metodologia e strumenti per un efficace contrasto

Dall osservazione al fronteggia mento nei processi di impoverimento: metodologia e strumenti per un efficace contrasto Dall osservazione al fronteggia mento nei processi di impoverimento: metodologia e strumenti per un efficace contrasto R. Orlich - Gli interventi economici dei Comuni La legge regionale n. 6/06, relativa

Dettagli

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento Carta BISOGNI BISOGNI GLI ADULTI GLI ADULTI Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento in una struttura residenziale. Domiciliarità

Dettagli

SFRATTI DA CASE PRIVATE

SFRATTI DA CASE PRIVATE Unione Inquilini SFRATTI DA CASE PRIVATE UN EMERGENZA CHE NON SI PUO CONTINUARE AD IGNORARE. SUBITO LA GRADUAZIONE DELLE ESECUZIONI E IL PASSAGGIO DA CASA A CASA PER LE FAMIGLIE SFRATTATE. Conferenza Stampa

Dettagli

Contro la crisi accanto alle famiglie

Contro la crisi accanto alle famiglie Contro la crisi accanto alle famiglie Coesione sociale Servizi educativi Sicurezze Coesione sociale e sostegno alle persone in difficoltà Misure anticrisi e sostegno alle famiglie Protocollo d intesa fra

Dettagli

1) Ente proponente il progetto: UNA MANO PER TE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS REGIONE PUGLIA

1) Ente proponente il progetto: UNA MANO PER TE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS REGIONE PUGLIA Estratto scheda Progetto ENTE 1) Ente proponente il progetto: UNA MANO PER TE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS 2) Codice di accreditamento: NZ04068 3) Albo e classe di iscrizione: REGIONE PUGLIA 4 CARATTERISTICHE

Dettagli

Diversity Improvement as a Viable Enrichment Resource for Society and Economy. Policy Brief WP5

Diversity Improvement as a Viable Enrichment Resource for Society and Economy. Policy Brief WP5 Co-funded by the European Union DIVERSE Diversity Improvement as a Viable Enrichment Resource for Society and Economy Policy Brief WP5 1. L opportunità del progetto DIVERSE per la Società San Vincenzo

Dettagli

Legge Regionale Marche 2 marzo 1998, n. 2

Legge Regionale Marche 2 marzo 1998, n. 2 Legge Regionale Marche 2 marzo 1998, n. 2 Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati pubblicata su B.U.R. MARCHE n. 23 del 12 marzo 1998 Capo I Principi generali Art. 1 (Finalità) 1. La Regione,

Dettagli

L esperienza di Fondazione Housing Sociale MIlano, 29 novembre 2013

L esperienza di Fondazione Housing Sociale MIlano, 29 novembre 2013 RISERVATO E CONFIDENZIALE L esperienza di Fondazione Housing Sociale MIlano, 29 novembre 2013 Fondazione Housing Sociale nasce per rispondere a un bisogno La Fondazione Housing Sociale ( FHS o la Fondazione

Dettagli

AAA cercasi Anziani e Adolescenti Dialogo intergenerazionale su Amicizia, Ambiente, Amore

AAA cercasi Anziani e Adolescenti Dialogo intergenerazionale su Amicizia, Ambiente, Amore Associazione di Promozione Sociale CentroX100 corso Unione Sovietica 399 10135 Torino (TO) e-mail: centrox100@gmail.com C.F. 97743710010 AAA cercasi Anziani e Adolescenti Dialogo intergenerazionale su

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati stranieri in campania provenienti da paesi extra comunitari

Giunta Regionale della Campania. Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati stranieri in campania provenienti da paesi extra comunitari Legge regionale n. 33 del 3 novembre 1994 Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati stranieri in campania provenienti da paesi extra comunitari Il Consiglio Regionale ha approvato. Il Commissario

Dettagli

Proposta di accoglienza 1. Accoglienza, orientamento e integrazione in favore di richiedenti la protezione internazionale appena arrivati in Italia

Proposta di accoglienza 1. Accoglienza, orientamento e integrazione in favore di richiedenti la protezione internazionale appena arrivati in Italia Proposta di accoglienza 1 Accoglienza, orientamento e integrazione in favore di richiedenti la protezione internazionale appena arrivati in Italia Condizione necessaria L attuazione del presente progetto

Dettagli

Formazione Immigrazione

Formazione Immigrazione Formazione Immigrazione Programma di Formazione Integrata per l innovazione dei processi organizzativi di accoglienza e integrazione dei cittadini stranieri e comunitari I edizione Workshop conclusivo

Dettagli

AZIENDA SERVIZI PERSONA E FAMIGLIA AREA INTEGRAZIONE SOCIALE BANDO DI CONCORSO PER POSTI ALLOGGIO IN LOCAZIONE TEMPORANEA

AZIENDA SERVIZI PERSONA E FAMIGLIA AREA INTEGRAZIONE SOCIALE BANDO DI CONCORSO PER POSTI ALLOGGIO IN LOCAZIONE TEMPORANEA AZIENDA SERVIZI PERSONA E FAMIGLIA AREA INTEGRAZIONE SOCIALE BANDO DI CONCORSO PER POSTI ALLOGGIO IN LOCAZIONE TEMPORANEA Da assegnare a studenti di corsi universitari, stagisti, borsisti, ricercatori,

Dettagli

4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO

4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO 4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO Il sistema scolastico deve essere efficace ed efficiente affinché l alunno raggiunga il successo formativo e sia in grado di decodificare ed interagire in modo

Dettagli

PROGETTO ASSISTENTI FAMILIARI

PROGETTO ASSISTENTI FAMILIARI ALLEGATO B PROGETTO ASSISTENTI FAMILIARI ANALISI DEL CONTESTO L identikit della badante, di seguito denominata assistente familiare, al lavoro in Italia è quello di una donna straniera, spesso originaria

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN EMERGENZA ABITATIVA

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN EMERGENZA ABITATIVA CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN EMERGENZA ABITATIVA Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 93 del 13/12/2012 SOMMARIO ART. 1 ART. 2 ART.

Dettagli

COMUNE DI SPINEA UFFICIO SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA CASA

COMUNE DI SPINEA UFFICIO SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA CASA COMUNE DI SPINEA UFFICIO SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA CASA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA DI ALLOGGI IN CONVENZIONE CON IL COMUNE DI VENEZIA E ALTRI ALLOGGI PER INTERVENTI DI ASSISTENZA

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: IO NON HO PAURA: PROGETTO DI ACCOGLIENZA PER MINORI ADOLESCENTI 2014-2015 SETTORE e Area di intervento: A-02 MINORI Equality Cooperativa Sociale gestisce

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEGLI STRANIERI IMMIGRATI TRIENNIO 2011-2013

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEGLI STRANIERI IMMIGRATI TRIENNIO 2011-2013 ALLEGATO 1 PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEGLI STRANIERI IMMIGRATI TRIENNIO 2011-2013 SOMMARIO 1 - CONTESTO DI RIFERIMENTO...2 DATI DEMOGRAFICI...2 2 - OBIETTIVI GENERALI...6 3 - I COMPITI

Dettagli

PROTOCOLLO DI INFORMAZIONE, ACCESSO E ACCOGLIENZA DELL UTENZA IMMIGRATA NEI SERVIZI TERRITORIALI DEL TERRITORIO DELLA VALDICHIANA SENESE

PROTOCOLLO DI INFORMAZIONE, ACCESSO E ACCOGLIENZA DELL UTENZA IMMIGRATA NEI SERVIZI TERRITORIALI DEL TERRITORIO DELLA VALDICHIANA SENESE PROTOCOLLO DI INFORMAZIONE, ACCESSO E ACCOGLIENZA DELL UTENZA IMMIGRATA NEI SERVIZI TERRITORIALI DEL TERRITORIO DELLA VALDICHIANA SENESE TRA Comune di Sinalunga Assessorati Servizi Sociali e Istruzione

Dettagli

La Mediazione a Venezia

La Mediazione a Venezia Comune di Venezia Direzione Politiche Sociali, Partecipative e dell Accoglienza Servizio Immigrazione e Promozione dei Diritti di Cittadinanza e dell Asilo Castello 6122 - Campo Santa Maria Formosa, Venezia,

Dettagli

Sintesi dati XXIII Rapporto sull Immigrazione 2013

Sintesi dati XXIII Rapporto sull Immigrazione 2013 Sintesi dati XXIII Rapporto sull Immigrazione 2013 Cresce la popolazione mondiale, crescono i migranti Oltre 232 milioni di persone più del 3% della popolazione mondiale hanno lasciato il proprio paese

Dettagli

CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA. Documento

CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA. Documento CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA Documento Assemblea 27 marzo 2003 INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA II Rapporto a cura

Dettagli

LA COMUNITÀ SERBA IN ITALIA

LA COMUNITÀ SERBA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ SERBA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza degli

Dettagli

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità Legge Regionale 22 marzo 1990, n. 22 Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati extracomunitari in Toscana. Bollettino Ufficiale n. 20, parte prima, del 31.03.1990 Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

Il progetto Altrimenti nella città in cifre

Il progetto Altrimenti nella città in cifre Progetto co-finanziato dall Unione Europea Comune di Venezia Direzione Politiche Sociali, Partecipative e dell Accoglienza Servizio Immigrazione e Promozione dei Diritti di Cittadinanza e dell Asilo Fondo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI MINI ALLOGGI PROTETTI PER ANZIANI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI MINI ALLOGGI PROTETTI PER ANZIANI CITTÀ DI ALZANO LOMBARDO PROVINCIA DI BERGAMO ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI MINI ALLOGGI PROTETTI PER ANZIANI Articolo 1: Oggetto Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Comune di SCANDICCI. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi BROSHURË XHEPI E SCANDICCI-T. Udhëzues shërbimesh për qytetarët

Comune di SCANDICCI. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi BROSHURË XHEPI E SCANDICCI-T. Udhëzues shërbimesh për qytetarët Progetto cofinanziato da 1 UNIONE EUROPEA Comune di SCANDICCI Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi SCANDICCI IN TASCA Guida ai servizi per i cittadini SCANDICCI IN YOUR POCKET Guide

Dettagli

Allegato A alla delibera C.C. n. 3 del 12.02.2016 LINEE DI INDIRIZZO PER IL PIANO COMUNALE DI EDILIZIA ABITATIVA

Allegato A alla delibera C.C. n. 3 del 12.02.2016 LINEE DI INDIRIZZO PER IL PIANO COMUNALE DI EDILIZIA ABITATIVA Allegato A alla delibera C.C. n. 3 del 12.02.2016 LINEE DI INDIRIZZO PER IL PIANO COMUNALE DI EDILIZIA ABITATIVA SOMMARIO Premesse:... 2 I fattori di contesto... 2 Gli immobili facenti parte del patrimonio

Dettagli