GUIDA ALL ARCHIVIO STORICO COMUNALE DI FRATTA POLESINE. Comune di Fratta Polesine

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA ALL ARCHIVIO STORICO COMUNALE DI FRATTA POLESINE. Comune di Fratta Polesine"

Transcript

1 GUIDA ALL ARCHIVIO STORICO COMUNALE DI FRATTA POLESINE Comune di Fratta Polesine

2 GUIDA ALL ARCHIVIO STORICO COMUNALE DI FRATTA POLESINE Maria Lodovica Mutterle Amelia Zagato

3 L Amministrazione Comunale, convinta dell importanza della conservazione e della divulgazione della memoria comune, prosegue con questa nuova pubblicazione l attività di tutela e valorizzazione dell archivio storico. Dopo la stampa dell inventario nella collana regionale degli archivi non statali della Regione del Veneto, questa Guida, con il suo apparato di riproduzioni fotografiche, costituisce un agile strumento di consultazione per chiunque voglia acquisire informazioni sulla storia istituzionale del Comune, sul municipio, sull archivio, sulla biblioteca legale d ufficio e sulle modalità di consultazione. Alla Fondazione della Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, che ha sostenuto con convinzione gli interventi relativi all archivio storico, e alle autrici, che continuano ad impegnarsi con il consueto entusiasmo e con competenza per Fratta Polesine, il sincero ringraziamento dell Amministrazione Comunale. Il Sindaco Riccardo Resini

4 Fratta Polesine e la sua storia... pag. 9 L archivio storico comunale... pag. 17 La storia in Comune... pag. 23 I libri d archivio... pag. 31 Il palazzo municipale... pag. 35 La sala di studio... pag. 41 Modalità di consultazione... pag. 43

5 FRATTA POLESINE E LA SUA STORIA Fratta Polesine è un museo diffuso le cui teche più significative contengono reperti archeologici, opere d arte, palazzi e dimore signorili che testimoniano l importanza di un territorio e di una comunità che ha lasciato un segno non solo nella storia del Polesine ma anche in quella nazionale con la cospirazione carbonara e la figura di Giacomo Matteotti. In età proto villanoviana (XII-IX sec. a. C.) il nucleo abitativo di Frattesina è un importante snodo artigianale e commerciale con l Italia centrale, meridionale e il mare Egeo come attestano i reperti esposti nel Museo Archeologico Nazionale. Nel Medioevo Fratta si sviluppa attorno alla chiesa e diventa, con la costruzione di un castello (1142), un punto militare strategico e zona di scontro tra le famiglie che si contendono il dominio politico di Ferrara. All indomani della Guerra del Sale ( ), che ha ridefinito i confini tra Venezia e la dominazione estense, insediata nel territorio dal Medioevo, Fratta fa parte della Terraferma veneta e presenta una economia prevalentmente agricola e artigianale. La fertilità del terreno bonificato, la facilità di collegamento con Venezia garantita dalle vie fluviali insieme ad una vantaggiosa politica fiscale della Serenissima, favoriscono gli insediamenti agrari 8 9

6 Estratto della mappa estimi 1775 Presa Frattesina, copia conforme del 7 luglio 1864 ACFP, b. 422 Anche il fulcro della vita spirituale, la chiesa dei santi Pietro e Paolo, viene ampliata e adornata con cicli pittorici e statue marmoree. I primi segnali di un rivolgimento politico si manifestano fin dal giugno del Il vento dell esperienza democratico-repubblicana portata dalle truppe napoleoniche spazza via l organizzazione politico amministrativa della Serenissima sostituendola con i nuovi corpi municipali. Il 19 maggio del 1797 si costituisce la Municipalità di Fratta con Ramedello e Gognano. Con il trattato di pace di Campoformio (17 ottobre 1797) Napoleone ottiene il riconoscimento dell indipendenza della Redelle famiglie veneziane e la costruzione di palazzi e dimore come la villa palladiana Badoera, dichiarata dall Unesco patrimonio dell Umanità, e quella Grimani Molin ora Avezzù Pignatelli. Nel Cinquecento diventa, anche, luogo prediletto per intellettuali e letterati che amano coltivare lo spirito cortese e sono aperti all eterodossia e all esoterismo come Lucrezia Gonzaga e Giovanni Maria Bonardo. Tra il Seicento e l inizio dell Ottocento il centro di Fratta si abbellisce di altri pregevoli palazzi e ville costruiti da famiglie veneziane (Dolfin, Lippomano, Labia, Campanari) e da ricchi proprietari terrieri locali (Davì, Villa, Oroboni, Matteotti). pubblica Cisalpina e cede Venezia, con la Terraferma, all Austria che si insedia nelle terre venete il 23 gennaio La sconfitta austriaca a Marengo (1800) e la pace di Luneville (1801) riportano la dominazione francese in Italia fino al 1814, quando ritornano gli Austriaci e viene costituito il Regno Lombardo-Veneto. Le occupazioni straniere scatenano momenti di ribellione scomposta come le insorgenze contro la tassazione esagerata e la coscrizione obbligatoria (1809), la cospirazione carbonara di cui Fratta fu un focolaio importante nella storia nazionale (1818) e la breve parentesi della Repubblica democratica (aprile-giugno 1848)

7 Organigramma del Comune di Fratta, 1835 ACFP, b. 10, fasc. 1 Le truppe austriache lasciano Fratta alla fine di giugno del 1866 dopo la conclusione della III guerra di Indipendenza. Nel mese di ottobre il Regno Lombardo- Veneto viene unito al Regno d Italia. Nel plebiscito i cittadini di Fratta si esprimono all unanimità per l annessione. Nel 1867 Fratta assume il nome di Fratta Polesine per distinguersi da altri comuni omonimi. Nel 1871 ha abitanti ed è un paese a vocazione prevalentemente agricola. Gli avvenimenti più significativi che connotano la storia polesana di questi anni come la rotta dell Adige del 1882 con il conseguente allagamento di molte campagne e il fenomeno della protesta con- tadina della Boje del 1884, toccano solo marginalmente Fratta anche se la carestia diffusa e la povertà costringono molte famiglie all emigrazione, specialmente in Brasile, alla ricerca di condizioni di vita migliori. La contrapposizione politica tra i nascenti partiti politici e la drammatica situazione post-bellica, contrassegnata da disoccupazione e tensioni sociali, caratterizzano i primi decenni del Novecento. L evoluzione del fascismo in regime coinvolge direttamente la comunità di Fratta con la barbara uccisione del suo concittadino Giacomo Matteotti, esponente di spicco, a livello nazionale, del partito socialista e per diversi anni amministratore del Comune. Il suo corpo riposa dal 1924 nella tomba di famiglia nel cimitero di Fratta Polesine e la sua abitazione dal 2008 è stata trasformata in Casa Museo. Le conseguenze degli avvenimenti che tra i mesi di luglio e dicembre del 1943 comportano le dimissioni di Mussolini, il breve governo Badoglio, la soppressione del Partito nazionale fascista e la nascita della Repubblica Sociale di Salò condizionano anche la vita politica e sociale di Fratta: alla guida del Comune si succedono diversi commissari prefettizi, il territorio è presidiato da truppe germaniche e da un distaccamento della Brigata Nera Polesa

8 na ma non mancano gruppi attivi nella Resistenza. Il 22 aprile 1945 reparti alleati raggiungono Fratta Polesine e i militari tedeschi si ritirano definitivamente. Dopo la caduta del fascismo il Comune è retto da sindaci di nomina prefettizia. Le prime elezioni a suffragio universale si tengono a Fratta Polesine il 31 marzo In seguito allo svolgimento del referendum sulla forma istituzionale dello Stato del 2 giugno 1046, l Italia diviene una Repubblica democratica, retta dalla costituzione approvata il 22 dicembre 1947, in vigore dal 1 gennaio Con la disastrosa alluvione del Po del 14 novembre 1951, la disoccupazione cresce ulteriormente e si accentua il flusso migratorio verso le province industriali del Nord. La ripresa economica degli anni Sessanta interessa anche Fratta Polesine dove si sviluppa l artigianato calzaturiero, mentre oggi sono il turismo e la cultura il volano della valorizzazione e promozione del territorio

9 L ARCHIVIO STORICO COMUNALE L archivio del Comune di Fratta inizia a formarsi durante il periodo della dominazione francese, ma poche sono le carte di questo periodo oggi conservate. Nel luglio del 1809 la documentazione è distrutta durante l incendio provocato, come in altre località del Polesine, da frange della popolazione insorte contro la miseria e la vessatoria tassazione, mentre nel 1821, per disposizione dell autorità austriaca, l archivio della cessata municipalità è trasportato a Lendinara, presso l ufficio del Commissario distrettuale. Documenti dello stato civile della Comune di Fratta dal 1806 al 1815 sono conservati presso l Archivio di Stato di Rovigo, nel fondo dello stato civile napoleonico. L archivio comunale del periodo della dominazione austriaca inizia a formarsi nel 1816 ed è oggetto di numerosi traslochi per i frequenti cambi di sede della Deputazione Comunale che utilizza locali in affitto. Nel 1855 il Comune ottiene la restituzione di quasi tutti i documenti asportati dall archivio e requisiti l anno precedente presso l abitazione dell ex agente Giuseppe Monti. Nello stesso anno il Commissario distrettuale autorizza un primo intervento di riordino dell archivio, eseguito dall agente comunale Antonio Alvisaro. Documenti dell archivio comunale di Fratta degli anni Venti dell Ottocento 16 17

10 Mandato di pagamento, 8 gennaio 1807 ACFP, b. 1 sono conservati presso l Accademia dei Concordi di Rovigo, nel fondo Bellettato. Notizie sullo stato dell archivio comunale dopo l annessione al Regno d Italia sono fornite dalla Statistica degli archivi della regione veneta pubblicata nel 1880 a cura di Bartolomeo Cecchetti, direttore dell Archivio di Stato di Venezia e sovrintendente degli Archivi del Veneto, che fornisce la consistenza e dall Inventario dei beni mobili, crediti ed attività del Comune del 15 marzo 1880, che descrive dislocazione e arredi. Nella stanza dell archivio, all ultimo piano del municipio, che dal 1874 ha sede presso palazzo Campanari, vi sono due ar- chivi d abete, colorati, con inferriate, cassetti e scansie. Nella stanza del segretario ci sono un armadio di abete per registri di stato civile, con vetri e cassetto, un archivio di abete colorato, con vetri, cassetti a chiave e scansie e un canterale portacarte di noce; in quella dello scrittore un canterale portacarte, un archivio di abete con lastre, cassetti, scansie e uno scrittoio di abete per l anagrafe. L archivio consta di 538 pezzi: 256 buste, 136 registri, due disegni del 1841 e 144 mazzi di leggi e decreti. Nel 1898 il Commissario straordinario del Comune dispone il riordino dell archivio comunale secondo le disposizioni diramate nell anno precedente con la circolare Specifica delle spese per il trasferimento dell archivio comunale, 28 luglio 1821 ACFP, b. 15, fasc

11 Inventario dei beni mobili, 1829 ACFP, b. 24, fasc. 1 della Direzione generale dell Amministrazione civile del Ministero dell Interno. L incarico conferito ad Annibale Cavaliere, sotto la direzione e la sorveglianza del Segretario Comunale, comporta non solo l applicazione della nuova classificazione secondo le quindici categorie del cosiddetto titolario Astengo alla documentazione di quell anno, ma anche la riclassificazione di quella precedente, con la manomissione dell ordine originario dei documenti dell archivio, come verificatosi in molti comuni italiani. Nel Novecento l archivio, collocato nel seminterrato del municipio ed assicurato contro gli incendi, risulta ancora in corso di sistemazione. Ulteriori incarichi di riordino dell archivio sono conferiti nel 1926 a due applicati comunali, nel 1944 a Delfo Mazzucchi e dal 1958 in poi ancora a personale comunale, ma non viene mai realizzato alcun inventario, nonostante i ripetuti solleciti della Soprintendenza archivistica per il Veneto. Dalla documentazione consultata non risulta che l archivio abbia subito danni a causa dei bombardamenti del 1945 e dell alluvione del fiume Po del 21 novembre 1951 che però danneggia gravemente il palazzo municipale. L archivio, temporaneamente trasferito durante i lavori di restauro, viene ricollocato nel seminterrato del municipio nel luglio del Dopo l accurato elenco di consistenza di una parte dei documenti d archivio realizzato nel 1998 da Adriano Azzi e Carlo Maria Prando, il complesso documentario sopravissuto a traslochi, dispersioni e scarti è stato riordinato ed inventariato scientificamente sino al 1966 nell ambito di un articolato progetto di tutela e valorizzazione del patrimonio dell archivio storico, promosso dall Amministrazione comunale, approvato dalla Soprintendenza Archivistica per il Veneto e finanziato dalla Regione del Veneto e dalla Fondazione della Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo

12 LA STORIA IN COMUNE La storia in Comune perché tra le carte dell archivio comunale non solo c è la storia dell ente, ma anche il vissuto di una comunità e il riflesso dei grandi avvenimenti storici su di essa. L archivio storico conserva il fondo del Comune e nove archivi aggregati per un totale di unità archivistiche e pezzi tra buste, fascicoli e registri descritti in maniera dettagliata nell inventario a stampa, pubblicato dalla Regione del Veneto nella collana Archivi non statali nel 2009, al quale si rinvia per un eventuale approfondimento. La parte più consistente raccoglie la documentazione propria del Comune dal 1807 al 1966 articolata, con riferimento al contesto istituzionale, in Regno d Italia, Regno Lombardo-Veneto e periodo postunitario. Del periodo del Regno d Italia napoleonico si conserva solo una serie, costituita in prevalenza da atti contabili del periodo dal 1807 al 1813 inviati dal Comune, tra il 1815 e il 1816, al Podestà e al Cancelliere censuario di Lendinara e restituiti successivamente al trasferimento dell intero archivio della cessata municipalità al Commissario distrettuale, avvenuto nel Del periodo del Regno Lombardo-Veneto sono pervenute due serie: il carteggio e la contabilità

13 Il sistema di amministrazione comunale, inizialmente mantenuto invariato, è disciplinato dalle disposizioni del 1816 in vigore, salvo minime modifiche, per tutta la durata della dominazione austriaca. Il carteggio, dal 1821, è ordinato secondo le classificazioni originarie utilizzate nel tempo, che rappresentano le funzioni svolte dai comuni: amministrazione, censo, acque e strade, opere pubbliche, beneficenza, istruzione pubblica, sanità, culto, poste, militare, polizia. La serie della contabilità raccoglie conti preventivi e consuntivi, registri delle attività e passività, bollette e mandati ordinati per rubriche di entrata e di spesa. L archivio del periodo unitario testimonia l attività del Comune prima nel Regno d Italia e poi nella Repubblica Italiana e si articola in 21 serie: atti deliberativi del Consiglio comunale, della Giunta municipale e del podestà, carteggi degli affari e riservato, registri di protocollo, amministratori, personale, contratti, spedalità, vaccinazioni, cimitero, contabilità, imposte e tasse, servizio elettorale, leva, lavori pubblici, commercio, stato civile, anagrafe e mappe catastali. Il carteggio sino al 1897 è ordinato ancora con il sistema utilizzato durante la dominazione austriaca, quello successivo secondo la classificazione in quindici ca- zione originaria recuperandoli dalle carte dell archivio del comune cui erano mescolati: la Congregazione di carità, l Ufficio di conciliazione, l Ente comunale di assistenza. Altri sono piccoli fondi, rintracciati nel corso del riordino, come quelli del Comitato per la costruzione del monumento ai martiri dello Spielberg e del Comitato per la costruzione del monumento ai caduti. Di alcuni, infine, sono pervenuti solo uno spezzone o poche carte superstiti come nel caso degli archivi della Società operaia di mutuo soccorso, del Consorzio veterinario fra i comuni di Villamarzana, Fratta Polesine, San Bellino e Villanova del Ghebbo, del Fascio di combattimentegorie del cosiddetto titolario Astengo (amministrazione; opere pie e beneficenza; polizia urbana e rurale; sanità ed igiene; finanze; governo; grazia, giustizia e culto; leva e truppe; istruzione pubblica; lavori pubblici, poste, telegrafi, telefoni; agricoltura, industria e commercio; stato civile, censimento e statistica; esteri; oggetti diversi; sicurezza pubblica). A questo patrimonio si aggiungono nove archivi aggregati conservati nell archivio storico comunale e prodotti da enti che nel tempo hanno avuto, per motivi diversi, stretti rapporti istituzionali con il Comune. Alcuni sono archivi già noti, in parte ricostruiti nella loro conforma

14 to e del Comitato comunale di patronato dell Opera Nazionale Maternità e Infanzia (ONMI). Il patrimonio del Comune si è arricchito nel 2007 di una raccolta di sei manifesti del Regno Lombardo-Veneto donati dal maestro Adriano Azzi e di un fondo di materiali attinenti la figura di Domenico Guerrini, donati dall avv. Antonio Avezzù Pignatelli. Domenico Guerrini (Ravenna, 12 novembre Fratta Polesine, 27 maggio 1928), generale dell Esercito, autore di numerosi saggi di carattere storico e di articoli editi da riviste militari, dopo la prima guerra mondiale si è ritirato a Fratta Polesine dove è stato amministratore del Comune ed ha curato la pubblicazione periodica de Il Tesoretto, raccolta di curiosità storiche, letterarie e filosofiche. ELENCO DELLE SERIE DELL ARCHIVIO E DEI FONDI AGGREGATI Regno d Italia 1. Amministrazione e contabilità ( ) Consistenza: 1 carta sciolta, 1 fascicolo, 6 buste Regno Lombardo-Veneto 2. Carteggio ( ) Consistenza: 3 fascicoli, 65 buste 3. Contabilità ( ) Consistenza: 1 fascicolo, 53 buste Periodo unitario Regno d Italia - Repubblica Italiana 4. Deliberazioni del Consiglio comunale ( ) Consistenza: 37 fascicoli, 34 buste, 43 registri 5. Deliberazioni della Giunta municipale ( ) Consistenza: 21 fascicoli, 37 buste, 19 registri 6. Deliberazioni del Podestà ( ) Consistenza: 2 fascicoli, 16 buste, 6 registri 7. Protocolli ( ) Consistenza: 55 registri 8. Amministratori e Commissioni comunali ( ) Consistenza: 14 fascicoli, 3 registri 9. Personale dipendente e segretari comunali ( ) Consistenza: 2 buste 10. Contratti ( ) Consistenza: 3 buste, 2 registri 11. Carteggio ( ) Consistenza: 135 buste, 2 registri 12. Corrispondenza riservata ( ) Consistenza: 4 fascicoli, 1 registro 13. Spedalità ( ) Consistenza: 4 registri 14. Vaccinazioni ( ) Consistenza: 18 registri 15. Cimitero ( ) Consistenza: 1 fascicolo, 2 registri 16. Contabilità ( ) Consistenza: 293 buste, 165 registri 17. Imposte e tasse ( ) Consistenza: 3 fascicoli 18. Servizio elettorale ( ) Consistenza: 1 fascicolo, 13 buste, 12 registri 26 27

15 19. Leva ( ) Consistenza: 48 buste, 156 registri 20. Lavori pubblici ( ) Consistenza: 40 fascicoli, 6 buste 21. Commercio ( ) Consistenza: 4 buste, 7 registri 22. Stato civile ( ) Consistenza: 395 registri 23. Anagrafe ( ) Consistenza: 10 buste, 8 registri 24. Mappe catastali (1890) Consistenza: 1 cartella Archivi aggregati 1. Congregazione di carità ( ) Consistenza: 61 fascicoli, 21 registri 2. Ufficio di conciliazione ( ) Consistenza: 84 fascicoli, 6 registri 3. Società operaia di mutuo soccorso ( ) Consistenza: 1 fascicolo 4. Consorzio veterinario fra i Comuni di Fratta Polesine, San Bellino, Villamarzana, Villanova del Ghebbo ( ) Consistenza: 3 fascicoli, 3 buste, 10 registri 5. Ente comunale di assistenza ( ) Consistenza: 82 fascicoli, 63 registri 6. Comitato di Fratta per l erezione del monumento ai martiri dello Spielberg (1925) Consistenza: 1 fascicolo 7. Fascio di combattimento ( ) Consistenza: 1 busta 8. Comitato pro monumento ai caduti di Fratta Polesine (1928) Consistenza: 1 fascicolo 9. ONMI. Comitato comunale di patronato ( ) Consistenza: 5 fascicoli STRUMENTI DI RICERCA Catalogo generale dei documenti e degli atti dell Archivio comunale dal 1804 al 1936, 1998 [a cura di A. Azzi e C. M. Prando] (datt.) A. Zagato, Fratta Polesine in Archivi comunali della provincia di Rovigo. Indagine conoscitiva per la ricerca storica, a cura di G. Migliardi O Riordan, Rovigo 2007, p Archivio comunale di Fratta Polesine. Inventario della sezione separata ( ), a cura di M. L. Mutterle e A. Zagato, Venezia 2009 (Archivi non statali della Regione del Veneto. Inventari, 13) 28 29

16 I LIBRI D ARCHIVIO La biblioteca legale d ufficio, nata contestualmente all archivio, recentemente recuperata, consta di circa volumi che coprono l arco temporale che va dalla dominazione francese alla Repubblica Italiana. è costituita da raccolte normative, testi giuridici e manuali tecnico-amministrativi acquisiti dall Ente a supporto dell attività amministrativa e collocati, a conclusione del loro utilizzo, al pianterreno dell edificio comunale, in contiguità con la documentazione archivistica. Rappresentano una memoria scritta sinergica a quella documentaria, che favorisce la conoscenza del contesto istituzionale e normativo nel quale ebbero origine i documenti rivestendo, a tal fine, un grande spessore culturale. La raccolta più antica è il Bollettino delle leggi del Regno d Italia dal 1802 al La prima notizia dei libri d archivio si riscontra nel verbale di passaggio delle consegne tra i vecchi e i nuovi deputati del Comune di Fratta del 1827 nel quale si elenca, tra gli atti d archivio, anche 12 fascicoli di stampe pubblicate, patenti sovrane, il Bollettino delle leggi del cessato regime italiano in tomi 24; n. 57 tomi della Biblioteca italiana; il Codice civile austriaco; il Codice penale austriaco; il Regolamento generale del processo civile. Notizie sulla consistenza di questi fondi sono presenti in tutti gli inventari succes

17 sivi conservati. Durante il Regno Lombrado-Veneto era obbligatorio il Bollettino delle leggi e degli atti di Governo e il Bollettino provinciale e rilegarli per una migliore conservazione. Con l Unità d Italia le spese per l abbonamento alla raccolta ufficiale degli atti di Governo diventano obbligatorie. Nella Guida amministrativa ossia commentario della legge comunale e provinciale del 20 marzo 1865 e del relativo regolamento con l aggiunta di moduli e formulari ad uso delle Amministrazioni Comunali pubblicata da Carlo Astengo nel 1865 sono elencati i trattati di diritto amministrativo, manuali, dizionari e formulari che ogni Comune dovrebbe possedere perchè «il Consiglio Comunale che desidera che l andamento dei servizi cammini il più rettamente possibile, non sarà mai quello che censurerà la Giunta per avere provveduto l archivio del Comune dei libri che saranno ravvisati utili al più facile disbrigo di tale servizio». Nella seduta del 21 novembre 1922 la Giunta Municipale, su proposta dell assessore alle Finanze, valuta la vendita della raccolta completa del Le leggi e degli editti del governo austriaco nel Lombardo Veneto (dal compresi) e la raccolta del le leggi della repubblica Cisalpina e del regno Napoleonico d Italia dal 1803 al 1812 motivando che «le due collane sono benissimo conservate e rilegate. Possono essere utilissime ad una biblioteca in un centro di alta cultura ma sono assolutamente inutili qui, dove solo ingombrano una scansia». All unanimità la Giunta Municipale «autorizza l assessore a raccogliere elementi per una accurata proposta» che fortunatamente non ha avuto seguito. Il catalogo dei libri d archivio è consultabile sul sito web del Comune (www.comune.frattapolesine.ro.it)

18 IL PALAZZO MUNICIPALE Palazzo Campanari, casa domenicale del XVIII secolo, viene acquistato dal Comune in due stralci tra il 1873 e il 1881 per utilizzarlo come sede degli uffici municipali, del telegrafo, della posta e delle scuole comunali femminili. Fino al 1808 l immobile risulta intestato a Giovan Battista Campanari, nel 1829 viene ereditato dal figlio Domenico e alla sua morte, avvenuta nel 1842, dai figli Antonio e Giovan Battista. Quest ultimo cede la sua metà nel 1849 a Lodovico Valente e alla moglie Maria Luigia Emo che lo vendono al Comune nel 1873, mentre l altra metà viene ceduta nel 1877 ad Antonio Bellettato che lo vende al Comune nel Nella relazione di stima e divisione del 1848 tra i due fratelli Antonio e Giovan Battista la casa viene così descritta: «situata nel centro del maggior abitato del Comune alla destra del Canal Scortico, colla facciata principale a questo Canale rivolta, avente la plaga di levante-mezzodì nel cui davanti vi scorre la strada Argine comunale che mette a Lendinara, capoluogo distrettuale ( ); a mezzodì confina con Monti Francesco mediante la mura, a ponente la corte del caseggiato rurale della Campagnola di proprietà Campanari Giovan Battista; a tramontana lo scolo Valdentro. ( ) Porta il comunale numero 175. è composta di quattro piani compre

19 Planimetria di Palazzo Campanari, 25 settembre 1848 ACFP, fasc. 426 so il terreno e sotterraneo relativamente all argine della strada suddetta. è divisa in cinque così detti fitte o riparti di fabbrica, quattro di mezzo doppi, i laterali semplici e di soli tre piani, al didietro dei quali si innalzano altri due laterali ai fianchi della facciata essi pure di quattro piani. è costrutta di cotto in cemento di calce ( ), ha un cortile e adiacenze. Il coperto è in pianelle con coppi, tutto di cotto, sostenuti da morali e travi di monte di robusta costruzione. è a quattro spioventi. Il portone d ingresso di legno dipinto è composto da due pilastri con laterali di muro per quanto comprende il prospetto verso la strada con sopra due coppe di pietre dure. Un muro di cinta in cotto in due teste di cemento di calce chiude il palazzo avente a tratto a tratto qualche pilatrata». Il portone di ingresso al cortile è fiancheggiato da due pilastri in cotto sormontati da due vasi macigni. Sulla strada davanti al fabbricato esiste un lastricato di macigno di Monselice con otto paracarri. Il pianterreno contiene tredici locali: una sala, due stanze da letto per la servitù, una cantina, una cucina,un secchiaio, due dispense, una latrina, una legnaia e stanzini ad uso pollaio. Il primo piano comprende un salone e una distribuzione degli spazi analoga al piano inferiore. Il piano nobile conta undici locali. Il terzo piano consta di una sala e otto locali di dimensioni minori di quelle degli altri piani. L adiacenza principale posta lungo lo scolo Valdentro è costruita «tutta di cotto cemento di calce», composta di n. 9 locali al pian terreno: tinazzara (a ponente), la cantina e sottoscala (a tramontana); lisciara, barchessa, rimessa, forno, pollaio e latrina (a mezzodì). Sopra la tinazzara vi sono due piani ad uso di granaio; sopra il forno un pollaio e una latrina e un granaio. Sul restante degli altri locali descritti il grande granaio tutto aperto. Vicino alla porta domenicale tra questa e la mura di circonvallazione lungo lo scolo Valdentro vi sono eretti due porcili per maiali di cotto coperti di coppi

20 Fascicolo degli atti d acquisto del Palazzo Campanari, ACFP, fasc. 426 All interno della corte, oltre ad un vivaio di gelsi, vi è anche una stalla per cavalli, un fienile e un magazzino per gli attrezzi. Un primo intervento di ristrutturazione viene effettuato nel Dopo l acquisto della seconda metà del palazzo, il prospetto principale viene modificato nel 1884 per creare un ingresso agli uffici comunali dalla pubblica strada: il terrapieno con selciato macigno che sta a ridosso della facciata del palazzo municipale viene tolto per liberare i locali del piano terreno dall ostacolo della luce, si aprono finestre in corrispondenza a quelle dei piani superiori e si costruisce una gradinata con pianerottolo di pietra. All in- terno si realizzano nuovi muri divisori per adattare le stanze ad uso ufficio, si installa una bussola d ingresso «con portiera a due partite» e l ingresso alla scala è chiuso con un «serramento a portiera a due partite». Nel 1949, a seguito dei gravi danni subiti dai muri maestri durante la seconda guerra mondiale, viene affidato un incarico, che non ha avuto seguito, per la progettazione di una nuova sede municipale nel piazzale ex Ca Pepoli dato che alcuni locali del municipio sono ancora adibiti a scuola elementare. Negli anni Cinquanta del Novecento dopo l alluvione del fiume Po, l edificio viene completamente ristrutturato con radicali trasformazioni interne. Nel 1986 il trasferimento in altra sede della scuola elementare è l occasione per un importante intervento di restauro dell edificio con l eliminazione delle barriere architettoniche, la riorganizzazione funzionale degli ambienti e il recupero del secondo piano per i servizi culturali. Questi nuovi spazi oggi ospitano la biblioteca comunale, la sala civica polivalente «Giacomo Matteotti» attrezzata con videoproiettore e schermo e una accogliente sala di studio dell archivio storico, realizzando una felice simbiosi tra funzione culturale e aspetto architettonico

21 LA SALA DI STUDIO La sala di studio, al secondo piano del palazzo municipale, è stata inaugurata l 8 maggio 2009 in concomitanza con la presentazione dell inventario a stampa dell archivio storico comunale. Occupa un locale un tempo sede della Società Operaia di Mutuo Soccorso, come testimonia la lapide muraria con i nomi dei benefattori. Nella sala è stata collocata una parte della biblioteca legale d ufficio e la raccolta di interesse locale costituita da pubblicazioni su Fratta Polesine o prodotte in ambito comunale, destinata ad arricchirsi con tesi di laurea, articoli e studi prodotti dalla consultazione dei documenti dell archivio storico. A disposizione degli studiosi vi sono anche gli inventari della collana degli Archivi non statali della Regione del Veneto ed altre pubblicazioni sugli archivi del territorio. Il Regolamento comunale dell archivio stabilisce le modalità di accesso alla sala di studio

22 MODALITÀ DI CONSULTAZIONE La consultazione dell archivio storico comunale è disciplinata dal regolamento approvato dal Consiglio comunale. I documenti dell archivio storico sono consultabili gratuitamente da chiunque, cittadino italiano o straniero, con uguali diritti e doveri, ad eccezione di quanti risultino essere stati formalmente esclusi dalle sale di studio con provvedimento ministeriale. Fanno eccezione, secondo la normativa di legge, i documenti di carattere riservato relativi alla politica estera o interna dello Stato che divengono consultabili cinquanta anni dopo la loro data; quelli contenenti dati sensibili e dati relativi a provvedimenti di natura penale espressamente indicati dalla normativa in materia che divengono consultabili quaranta anni dopo la loro data. Il termine è di settanta anni se i dati sono idonei a rivelare lo stato di salute, la vita sessuale o rapporti riservati di tipo familiare. L accesso, per motivi di studio, ai documenti esclusi dalla consultazione può essere autorizzata dal Ministero dell Interno, tramite domanda da indirizzare direttamente alla Prefettura di Rovigo. I documenti in cattivo stato di conservazione possono essere esclusi dalla consultazione

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 922 DEL 12/11/2013 PROPOSTA N. 191 Centro di Responsabilità: Servizi Sociali, Istruzione, Associazionismo, Cultura, Promozione del Territorio

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

CATASTO EDILIZIO URBANO

CATASTO EDILIZIO URBANO CATASTO, CARTOGRAFIA ED EDILIZIA collana a cura di Antonio Iovine catasto edilizio urbano AI5 MARIO IOVINE NICOLA CINO CATASTO EDILIZIO URBANO GUIDA PRATICA N.3 ESEMPI DI DICHIARAZIONI DI VARIAZIONI DI

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici Indicazione delle dotazioni strumentali, anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell automazione dell ufficio Segreteria SS.DD. - Affari Generali Anagrafe, Stato Civile, Elettorale Segreteria,

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI MODELLO N. 15 (PARL. EUR.) Verbale delle operazioni dell ufficio elettorale di sezione per l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA

PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA FONDAZIONE VITAE MYSTERIUM NUOVO STATUTO DELLA FONDAZIONE VITAE MYSTERIUM Preambolo La Fondazione autonoma "Vitae Mysterium" è stata eretta canonicamente dall'em.mo Card. Angelo

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

Strutture a disposizione delle Parrocchie

Strutture a disposizione delle Parrocchie ARCIDIOCESI DI MILANO Ufficio Amministrativo Diocesano Strutture a disposizione delle Parrocchie MANUTENZIONE PROGRAMMATA DEGLI IMMOBILI: FASCICOLO TECNICO DEL FABBRICATO E PIANO DI MANUTENZIONE 1 Don

Dettagli

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Modificato dalle decisioni del Consiglio costituzionale

Dettagli

Il Mobile Significante 2015 XII edizione

Il Mobile Significante 2015 XII edizione Internazionale Fondazione Aldo Morelato sull arte applicata nel mobile. Il Mobile Significante XII edizione I Luoghi del relax 2.0 oggetti d arredo per il relax domestico Art. 1 Tema del concorso Lo spazio

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI 1 OGGETTO DEL PREMIO l Amministrazione Comunale di Pregnana Milanese Assessorato alla Cultura istituisce un premio annuale di laurea intitolato alla memoria

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

3C) MULINI COMUNITA DI CUTIGLIANO SK 11) CUTIGLIANO/MELO

3C) MULINI COMUNITA DI CUTIGLIANO SK 11) CUTIGLIANO/MELO 3C) MULINI COMUNITA DI CUTIGLIANO SK 11) CUTIGLIANO/MELO Anno 1781 Mulino di Gallina Località: Rio Piastroso Fiume: Dx Rio Piastroso Palmenti: 2 1781, Arch. Stor. S. Marcello, Lettere e Negozi, Vol. 799

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

ACQUA CHE CANTA ACQUA CHE INCANTA: DOV E IL VALORE DEL LAVORO DELLE DONNE? Concorso Artistico per il recupero dei lavatoi

ACQUA CHE CANTA ACQUA CHE INCANTA: DOV E IL VALORE DEL LAVORO DELLE DONNE? Concorso Artistico per il recupero dei lavatoi ACQUA CHE CANTA ACQUA CHE INCANTA: DOV E IL VALORE DEL LAVORO DELLE DONNE? Concorso Artistico per il recupero dei lavatoi Bando e Regolamento L Associazione culturale La rosa e la spina di Villanuova sul

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO dopo il TERREMOTO IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO Assicurare la ricostruzione di case e imprese secondo tempi certi e procedure snelle, garantendo

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92)

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) REGOLAMENTO RECANTE APPROVAZIONE DELLE DELIBERAZIONI IN DATA 16 MAGGIO

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO (Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI S T A T U T O Art. 1 - Al fine di collaborare con g1i Organi preposti alla tutele dell ambiente lagunare, nonché per conservare e razionalizzare le attività sportive che in esso vengono svolte durante

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

Dettagli

Informazioni per gli spettatori

Informazioni per gli spettatori Informazioni per gli spettatori Fondazione Arena di Verona si riserva il diritto di apportare alla programmazione annunciata variazioni di data, orario e/o programma che si rendano necessarie. L acquisto

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO CITTA' DI ALZANO LOMBARDO PROVINCIA DI BERGAMO Partita IVA 00220080162 Codice Fiscale 220080162 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N 27 DEL

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli