Presidenza del Consiglio dei Ministri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Presidenza del Consiglio dei Ministri"

Transcript

1 Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITÀ UFFICIO NAZIONALE ANTIDISCRIMINAZIONI RAZZIALI RASSEGNA STAMPA SETTIMANALE MONITORAGGIO E APPROFONDIMENTO DEI FENOMENI DISCRIMINATORI NEI MEDIA E SUL WEB A cura di Fernando FRACASSI Resp. Comunicazione Contact Center Anno IV - Roma, 4-8 Novembre 2013 Contact Center Collaborazione Monica D Arcangelis, Alessandro Tudino

2 COMUNICATO STAMPA (inviato il 7 novembre ore 10.00) 8 NOVEMBRE 2013: PRESENTAZIONE RAPPORTO SULL ANTISEMITISMO DELL AGENZIA DELL UNIONE EUROPEA PER I DIRITTI FONDAMENTALI (FRA) Questa settimana, l Agenzia dell Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) pubblicherà un rapporto sull antisemitismo in Europa. Il rapporto presenta i risultati di un sondaggio che è stato condotto nelle comunità ebraiche di otto paesi europei, tra i quali anche l Italia. Questo sondaggio rivela le percezioni degli ebrei per quanto riguarda la discriminazione e crimini d odio contro di loro. L'Agenzia FRA presenterà le prime cifre comparabili al livello europeo su questo argomento. Le cifre mostrano che l'antisemitismo persiste ed è ancora molto diffuso in Europa. I risultati saranno presentati alla 75 vigilia della ricorrenza dei pogrom antiebraici. Mandiamo i risultati del rapporto in anticipo della loro pubblicazione, in piena fiducia che rispettate l embargo fino all 8 novembre alle ore CET. Risultati principali: Il 66% degli intervistati ritiene che l antisemitismo sia un problema grave nei paesi in cui vive, mentre il 76% ha dichiarato che la situazione si è aggravata negli ultimi cinque anni. Il 21% di tutti gli intervistati ha subito uno o più episodi di antisemitismo caratterizzati da insulti verbali, molestie o aggressioni fisiche nei 12 mesi Contact Center Unar Ad uso interno 1

3 precedenti l indagine. Il 2% degli intervistati è stato vittima di un aggressione fisica di natura antisemita nell anno precedente. Scarsa segnalazione: il 76% delle vittime di molestie di natura antisemita non ha denunciato l episodio più grave alla polizia o ad altra organizzazione. Registrazione insufficiente: la carenza dei meccanismi di raccolta dei dati in numerosi Stati membri dell UE fa sì che la registrazione delle aggressioni antisemite rimanga insufficiente. L antisemitismo è considerato la quarta questione più urgente in ambito sociale o politico nei paesi oggetto dell indagine. Tre quarti degli intervistati ritengono che l antisemitismo online costituisca un problema. In basso troverà il rapporto completo (sotto embargo) in versione PDF. La preghiamo di notare che il rapporto è sotto embargo fino all 8 novembre alle ore CET. Il rapporto è disponibile qui: Il comunicato stampa è disponibile qui: Entrambi i documenti sono protetti con una password: as2013 Una conferenza stampa si terrà l 8 novembre alle CET a Vienna. La conferenza stampa verrà anche trasmessa in tempo reale tramite live stream sul nostro sito internet. Domande possono essere inviate tramite Twitter. Se desidera partecipare a distanza con Twitter, La chiediamo gentilmente di mandare una richiesta di seguirci all indirizzo Contact Center Unar Ad uso interno 2

4 EBREI: ANTISEMITISMO IN CRESCITA NEGLI ULTIMI 5 ANNI PER 76% COMUNITA' IN UE RAPPORTO AGENZIA UE PRESENTATO ALLA VIGILIA DEL 75 ANNIVERSARIO POGROM (8 novembre 2013) Roma - Antisemitismo in crescita in Europa per il 76% degli appartenenti a comunita' ebraiche europee, intervistati in otto paesi dell'unione. E' uno dei dati emergenti contenuti in una ricerca, presentata oggi a Vienna, dell'agenzia per i diritti fondamentali (Fra) dell'unione europea, alla vigilia della 75 ricorrenza dei pogrom antiebraici nel Vecchio continente. Il 66% degli intervistati (5.847 ebrei al di sopra dei 16 anni) ritiene che l'antisemitismo sia un problema grave nei paesi in cui vive, mentre il 76% ha dichiarato che la situazione si e' aggravata negli ultimi cinque anni. Il 21% di tutti gli intervistati ha subito uno o piu' episodi di antisemitismo caratterizzati da insulti verbali, molestie o aggressioni fisiche nei 12 mesi precedenti l'indagine. Il 2% e' stato vittima di un'aggressione fisica di natura antisemita nell'anno precedente. L'antisemitismo e' considerato la quarta questione piu' urgente in ambito sociale o politico nei paesi oggetto dell'indagine. tra gli altri problemi emersi, la scarsa segnalazione degli episodi: il 76% delle vittime di molestie di natura antisemita non ha denunciato l'episodio piu' grave alla polizia o ad altra organizzazione; la registrazione insufficiente, cioe' la carenza dei meccanismi di raccolta dei dati in numerosi Stati membri dell'ue, che fa si' che la registrazione delle aggressioni antisemite rimanga insufficiente. Infine, tre quarti degli intervistati ritengono che l'antisemitismo online costituisca un problema, con un picco addirittura dell'87% in Italia. Il rapporto mostra anche una notevole differenza tra paesi europei. Se in Gran Bretagna solo il 9% degli intervistati ha sentito l'accusa "gli ebrei sono i responsabili dell'attuale crisi economica", la percentuale sal al 59% in Ungheria; mentre attribuire all'annoso conflitto Contact Center Unar Ad uso interno 3

5 israelopalestinese la causa della scarsa sicurezza percepita ha percentuali che variano dall'8% della Latvia al 28% della Germania, fino al 73% della Francia. In particolare per le comunita' ebraiche italiane, oltre al citato antisemitismo online, i problemi sentiti come gravi secondo il rapporto sono l'esistenza di graffiti antisemiti sui muri (61%), la percezione di un antisemitismo dei media (59%) il vandalismo verso edifici o istituzioni ebraiche (43%), quello nei cimiteri (41%), l'antisemitismo nella politica (36%), le espressioni di ostilita' verso gli ebrei in luoghi pubblici (30%). (fonte Adnkronos) PRESENTAZIONE DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2013 DIRITTI E PARI OPPORTUNITÀ - RAPPORTO UNAR (8 novembre 2013) La ministra per l Integrazione, Cécile Kyenge, e la Viceministro con delega alle Pari Opportunità, Maria Cecilia Guerra, il 13 novembre presenteranno la nuova edizione del Dossier Statistico Immigrazione Diritti e discriminazioni. Il Dossier evidenzia, con il supporto di dati statistici, come l immigrazione stia modificando il tessuto sociale e i modelli di sviluppo attuali, attraverso una lente che si concentra sulla dinamica dei diritti e dei doveri. Un particolare focus sarà dedicato al problema delle discriminazioni che ostacolano il processo di una piena integrazione delle persone di origine straniera nella società, sottolineando le tante luci ed ombre che ha ancora l immigrazione in Italia, ma anche le prospettive di miglioramento derivanti da una piena attuazione dei principi di pari opportunità e parità di trattamento. La ricerca è stata curata dall UNAR con il Centro Studi e Ricerche IDOS/Immigrazione Dossier Statistico. Nei 75 capitoli previsti, i redattori di IDOS e numerosi esperti e studiosi esterni sono stati chiamati a collaborare e a fornire il proprio ausilio per offrire un panorama completo e a più voci di tutti gli aspetti del fenomeno migratorio, dal contesto internazionale allo scenario nazionale, con focus specifici dedicati alle singole regioni. Contact Center Unar Ad uso interno 4

6 Il Dossier UNAR 2013 sarà distribuito gratuitamente nei numerosi eventi di sensibilizzazione che si susseguiranno, a partire dalla presentazione del 13 novembre, che avverrà in contemporanea a Roma e in tutti i capoluoghi regionali. La presentazione del Dossier a Roma avverrà alle ore presso il Teatro Orione, Via Tortona 7 (Re di Roma). NO A MAGREBINI IN DISCOTECA, A PROCESSO Buttafuori rinviato a giudizio per aver impedito l'accesso al locale a un gruppo di ragazzi (8 novembre 2013) Questa sera tunisini e marocchini non possono entrare. Una frase che, secondo la denuncia della parte offesa, venne detta da Omar Passarella, all epoca addetto alla sicurezza di una discoteca in provincia di Ferrara. Per quelle parole, riportate ieri in aula dall avvocato di parte civile, l imputato dovrà affrontare un processo per violenza privata. La notte del 6 giugno 2009 il buttafuori sorvegliava l ingresso del locale, davanti al quale sostava una lunga fila di persone in attesa di entrare per una notte di divertimento. Tra questi c era anche la presunta vittima, un giovane nordafricano, assieme ad alcuni amici, che non riuscirono però a entrare. Secondo quanto riportato nella denuncia Passarella, difeso dall avvocato Flavio Cattabriga, avrebbe bloccato l ingresso ai ragazzi del gruppo, sostenendo che non li avrebbe fatti entrare a causa della loro nazionalità. Ne nacque un piccolo diverbio, con il buttafuori che allontanò il giovane con qualche spintone. La situazione fortunatamente non degenerò in uno scontro fisico, ma il ragazzo sporse denuncia contro Passarella, sottolineando la discriminazione etnica di cui sarebbe stato vittima, per poi costituirsi come parte civile Contact Center Unar Ad uso interno 5

7 attraverso l avvocato Cinzia Rizzatello. L accusa che pende sull addetto alla sicurezza è di violenza privata, aggravata dal fatto che la presunta vittima fosse minorenne e, naturalmente, dalla discriminazione razziale. Al termine dell udienza preliminare il gip ha accolto la richiesta di rinvio a giudizio della pm Ombretta Volta, e il caso verrà esaminato dal giudice dibattimentale. (fonte PIRELLONE, STAGE SOLO AI LOMBARDI: LA LEGA DICE NO AGLI ALTRI STUDENTI Via libera della commissione Cultura all'emendamento che limita ai residenti le borse di studio per i tirocini negli uffici della Regione: "Sono poche ed è giusto che vadano ai nostri giovani". E il Pd protesta: "Così perdiamo la nostra capacità attrattiva" (8 novembre 2013) Borse di studio per i tirocini al Pirellone solo per studenti residenti in Lombardia. Lo ha deciso la commissione regionale Cultura grazie a un blitz della Lega. Il partito del governatore Roberto Maroni ha presentato all ultimo momento un emendamento al progetto di legge dell Ufficio di presidenza che esclude chi non risiede in Lombardia dalla possibilità di usufruire delle 35 borse di studio finanziate con i risparmi derivanti dalla riduzione dei costi della politica in consiglio regionale. Una forzatura che ha mandato su tutte le furie l opposizione di centrosinistra. Che non solo ha votato contro alla modifica, ma alla fine per protesta si è astenuta nel voto finale sul provvedimento. Il testo iniziale dell articolo 1, comma 2, della legge prevedeva che «i tirocini e l attività di ricerca sono destinati a giovani laureati o laureandi residenti in Lombardia e/o provenienti da università lombarde». Con la modifica introdotta dalla Lega,(che ha eliminato la dicitura «e/o provenienti da università lombarde»), gli studenti non residenti nella regione non potranno beneficiare delle borse di studio né effettuare il tirocinio presso il consiglio regionale e le sue sedi istituzionali a Roma e Bruxelles. Una novità che lascia perplesso anche il presidente della commissione regionale Cultura, Luca Daniel Contact Center Unar Ad uso interno 6

8 Ferrazzi, ex assessore regionale quando militava in An, ora esponente di spicco della Lista Maroni: «Lo spirito del testo iniziale era chiaro. L effetto di questa modifica è inutile. Oltretutto in questo modo si crea l effetto paradossale di consentire l assegnazione di una borsa di studio anche a chi frequenta una università non lombarda solo perché ha la residenza qui». Il pd Fabio Pizzul va oltre e protesta: «La legge così riformulata depotenzia la capacità attrattiva della regione e non consente a tutti i giovani che, anche se provengono da fuori, vivono e studiano qui, di offrire un contributo alla crescita della Lombardia. Il paradosso è che se passa questa idea, potrebbe succedere che sul territorio lombardo lavoreranno e studieranno solo i residenti. Non dobbiamo avere paura degli apporti esterni, non ci dobbiamo difendere, ma dobbiamo accogliere e crescere grazie alle potenzialità di tutti». Il capogruppo della Lega in Regione, Massimiliano Romeo, si difende: «Le borse di studio sono poche ed è giusto che vadano agli studenti lombardi. Per noi è giusto che abbiano la priorità». Rispetto al passato, il progetto di legge licenziato dalla commissione Cultura prevede anche i cosiddetti tirocini curriculari che sono stati attivati dalle università lombarde con cui il consiglio regionale stipula convenzioni ad hoc. Ora la parola passerà all aula, che dovrà dare il via libera definitivo alla legge nella seduta del 19 novembre. (fonte Contact Center Unar Ad uso interno 7

9 SONO "STRANIERI", MA NATI A ROMA CITTADINANZA ONORARIA A 1500 BAMBINI Il 20 novembre l'iniziativa del municipio II con l'unicef e il sindaco. Gerace: "Questo è solo il primo passo per contrastare fenomeni di discriminazione e scarsa integrazione. Siamo tutti figli d'italia" (8 novembre 2013) Nati in Italia, ma non per questo italiani. Sulla scia dell'esperienza di Torino, anche a Roma bambini stranieri venuti alla luce nella capitale nell'ultimo anno e mezzo avranno la cittadinanza onoraria. Un sigillo civico importante che è un primo passo verso lo "ius soli", cioè il diritto, per chiunque nasca nel territorio italiano, di acquisire la cittadinanza. Il 20 novembre il presidente del municipio II, Giuseppe Gerace, insieme al sindaco Marino e a rappresentati istituzionali dell'unicef, con una cerimonia dall'alto valore simbolico nell'aula magna della Sapienza conferiranno, anche se solo simbolicamente, la cittadinanza agli ultimi nati. "Riteniamo doveroso dare dei segnali forti e concreti per stimolare un superamento dell'istituto dello "ius sanguinis" - spiega Gerace, che ieri ha approvato in giunta una delibera sul tema - I bambini nati in Italia, che parlano italiano e studiano la storia del nostro Paese, devono avere gli stessi diritti degli altri. Trasmetteremo formalmente la delibera al presidente della Repubblica". Sono centinaia i ragazzi di origine straniera, ma che per valori, esperienza, cultura sono italiani, ma non hanno lo status di cittadini. Già, perché la legge 91 regola la cittadinanza sulla base della discendenza di sangue, non tenendo conto dell'evoluzione sociale e demografica. Ogni Stato ha le sue regole: chi nasce negli Stati Uniti è cittadino americano, in Irlanda bastano tre anni di residenza, mentre in Germania è sufficiente che uno dei due genitori viva legalmente sul territorio da almeno 8 anni. "Questa sarà solo una delle tante iniziative del municipio per contrastare fenomeni di discriminazione e scarsa integrazione - continua il minsindaco dei Parioli - Siamo tutti Contact Center Unar Ad uso interno 8

10 figli d'italia. Ora confidiamo che questa iniziativa sia da stimolo per tante altre amministrazioni locali, affinché il tema diventi di vero interesse nazionale". L'evento è stato condiviso con l'unicef, che "ha dato il suo fondamentale supporto, e ci tengo a ringraziare l'assessore Alessandra Cattoi per il suo sostegno e l'attenzione all'argomento". Se a Torino il sindaco Fassino ha fatto da apripista, l'iniziativa a Roma non è nuova. Già l'ex presidente del parlamentino di Cinecittà, Sandro Medici, lanciò la "civil card", una sorta di carta di precittadinanza. Ora, però, il progetto è condiviso dal Campidoglio. (fonte NOTA DEL SERVIZIO ANTIDISCRIMINAZIONI DELL'ASGI SULLE PROPOSTE DI MODIFICA AL REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA DEL COMUNE DI PADOVA (8 novembre 2013) Riscontrati alcuni profili di illegittimità e che potrebbero portare a conseguenze discriminatorie. La lettera del servizio Antidiscriminazioni dell'asgi in merito alla deliberazione della Giunta comunale di Padova n. 2013/0458 dd. 01/10/2013 Il testo delle deliberazione della Giunta comunale di Padova n. 2013/0458 dd. 01/10/2013 Il servizio antidiscriminazioni dell ASGI ha inviato una lettera al Presidente del Consiglio comunale di Padova in merito alla deliberazione della Giunta Comunale di Padova n. 2013/0458 del 01/10/2013 con la quale è stata approvata una proposta di modifica del Regolamento di Polizia Urbana (R.P.U.) da sottoporre al Consiglio Comunale di Padova per la definitiva approvazione. Il servizio antidiscriminazioni dell ASGI ha inteso muovere alcuni rilievi critici sul testo dell art. 9 comma 2 della nuova Proposta di Regolamento, che presenterebbe profili di illegittimità e possibili profili discriminatori. Contact Center Unar Ad uso interno 9

11 Al fine di contrastare il fenomeno dell abusivismo commerciale su aree pubbliche a Padova, viene proposta l introduzione nel nuovo Regolamento di Polizia urbana del Comune di Padova di un divieto di trasporto, senza giustificato motivo, di mercanzia in grandi sacchi di plastica, borsoni od altri analoghi contenitori, nonché lo stazionamento con detenzione dei citati contenitori, su tutto il territorio comunale (art. 9 c. 2), con la previsione di una sanzione amministrativa pecuniaria in caso di violazione pari a 100 euro, nonchè la sanzione accessoria della confisca amministrativa della mercanzia contenuta nei contenitori, previo sequestro cautelare ai sensi di quanto disposto dalla legge n. 689/81. L ASGI ritiene che tale norma non soddisfi i principi di legalità, determinatezza e tassatività richiesti ai fini dell applicazione di sanzioni amministrative, possibile solo in forza di disposizioni di legge che le autorizzi (in questo senso anche TAR Veneto, sentenza n /2011 per una fattispecie del tutto analoga). Non vi sono dubbi che l esercizio commerciale abusivo o vendita abusiva su area pubblica costituisce un illecito previsto dalla disciplina legislativa vigente e ad esso può essere certamente ricondotta l attività di stazionamento prolungato con l offerta di vendita di prodotti prevista dal comma 3 dell art. 9 della nuova proposta di regolamento. Tuttavia, l estensione del comportamento illecito, e delle conseguenti sanzioni accessorie, a condotte diverse, di per sé almeno in astratto non necessariamente riconducibili all esercizio del commercio abusivo - quale il mero trasporto di mercanzia con determinati contenitori, potrebbe dunque considerarsi alla stregua dell introduzione di un illecito amministrativo non supportato da un fondamento legislativo e dunque contrario ai principi generali dell ordinamento. Inoltre, l ASGI ritiene che vi sia un illegittima indeterminatezza della fattispecie sanzionatoria proposta, non essendo comprensibile come si potrebbe valutare a priori dovendosi peraltro escludere un diritto di perquisizione riferito ad una ipotetica violazione amministrativa- la consistenza del contenuto di contenitori normalmente chiusi ed il carattere ingiustificato del possesso e/o del trasporto del medesimo contenuto dei contenitori, quando non sia in atto una condotta di offerta al pubblico di prodotti, al punto da configurare un vero e proprio processo arbitrario alle (solo) presunte intenzioni. In aggiunta, il servizio antidiscriminazioni dell ASGI si sofferma su possibili profili e rischi discriminatori indiretti della previsione che si vorrebbe introdurre. Contact Center Unar Ad uso interno 10

12 In base alla normativa europea e nazionale, sussiste una discriminazione indiretta quando una disposizione, un criterio, o una prassi apparentemente neutri possono mettere persone di una determinata razza od origine etnica in una posizione di particolare svantaggio rispetto ad altre persone, a meno che tale disposizione, criterio, prassi siano oggettivamente giustificati da una finalità legittima e i mezzi impiegati per i suo conseguimento siano appropriati e necessari (art. 2 c. b) direttiva europea 2000/43/CE sulla parità di trattamento tra le persone indipendentemente dalla razza e dell origine etnica, attuata in Italia con il d.lgs. n. 215/2003, in part. Art. 2 c. 1 lett. b)). E fatto notorio che la maggior parte delle persone che esercitano commercio ambulante, abusivo e non, a Padova così come in altri centri urbani, sono immigrati di colore. L ASGI ritiene, pertanto, che l introduzione di una norma nel regolamento di Polizia Urbana volta a vietare il trasporto di mercanzia in determinati contenitori quali borsoni e sacchi di plastica sarebbe suscettibile di indurre gli agenti di polizia municipale ad intensificare controlli ed accertamenti soprattutto nei confronti di persone con caratteristiche somatiche analoghe o simili a quelle che solitamente esercitano il commercio abusivo o vengono percepite come tali, anche in situazioni che nulla hanno avrebbero a che fare con dette illecite attività, come ad esempio traslochi, spostamenti per viaggi, o anche trasporto di mercanzia a mano finalizzata ad attività del tutto lecite. A tale riguardo si rileva che l utilizzo da parte della polizia, senza giustificazione obiettiva e ragionevole, di aspetti quali la razza, il colore, la lingua, la religione, la nazionalità o l origine nazionale o etnica, nelle attività di controllo, di sorveglianza e di investigazione costituisce una forma di discriminazione razziale, proibita dalle norme internazionali ed europee (Raccomandazione dell ECRI Commissione del Consiglio d Europa contro il razzismo e la discriminazione, n. 11).( [1]) Pertanto, anche alla luce della definizione di discriminazione indiretta sopraccennata, l ASGI ritiene che la proposta del nuovo testo dell art. 9 c. 2 del Regolamento di Polizia Urbana del Comune di Padova possa contenere profili di discriminazione indiretta per il particolare svantaggio che potrebbe derivare a persone sulla base delle loro caratteristiche etnico-razziali, e che appare sproporzionato rispetto alle finalità legittime della misura ovvero il contrasto al commercio abusivo e all offesa al decoro urbano, che possono essere infatti già sufficientemente perseguite con la repressione della vendita e dello stazionamento ai fini dell offerta effettiva abusiva di prodotti. (fonte Contact Center Unar Ad uso interno 11

13 OMOFOBIA: GAY CENTER, MAI REGISTRATE LE CHIAMATE DI SIMONE (8 novembre 2013) Roma,- "Alcuni organi di informazione stanno dando notizia di telefonate di Simone, il giovane ragazzo gay suicidatosi a Roma. Gay Center precisa che i contatti ricevuti alla Gay Help Line, la linea antiomofobia, sono anonimi e ci sono solo contenuti dei dati di sintesi". E' Fabrizio Marrazzo, portavoce di Gay Center, a sottolineare cosi' che "pertanto non possiamo noi attribuire con certezza tali dati a Simone". "Dunque i testi delle telefonate registrate di cui si sta dando notizia in queste ore - prosegue - non sono state ricevute dalla nostra linea ne' registrate anche perche' la Gay Help Line non registra le chiamate, che - puntualizza - sono coperte da una rigorosa privacy. Evidentemente Simone era entrato in contatto anche con altri servizi di sostegno". (fonte AGI) COPPIE DI FATTO, ARRIVA IL REGISTRO ANCHE PER I GAY PRONTA LA DELIBERA DI PD, SEL, CD E 5 STELLE Unioni civili equiparate ai matrimoni per l'accesso ai servizi. Le cerimonie potranno svolgersi a Caracalla o nella Sala rossa del Campidoglio. Ma insorge il Forum delle associazioni familiari (8 novembre 2013) Roma come Milano e altre centoquaranta città italiane che, da Ivrea a Castrovillari, hanno già istituito il registro delle coppie di fatto. Tempo qualche mese, anche nella capitale ogni forma di convivenza sarà equiparata al matrimonio sotto il profilo dell'accesso ai servizi e ai benefici comunali, e gli omosessuali potranno giurarsi amore eterno nella suggestiva Sala Rossa affacciata su piazza del Campidoglio oppure nella chiesetta sconsacrata di Caracalla. Il sindaco Marino lo aveva promesso in Contact Center Unar Ad uso interno 12

14 campagna elettorale, i partiti del centrosinistra avevano fatto a gara, addirittura litigato, per la primogenitura dell'iniziativa: ieri una maggioranza finalmente riconciliata (Pd, Sel, Lista civica, Cd) con l'innesto dei grillini ha depositato la proposta di delibera consiliare per il riconoscimento delle unioni civili. Ovvero tutti quei rapporti di "reciproca assistenza morale e materiale tra due persone maggiorenni, dello stesso sesso o di diverso sesso che non siano legate tra loro da vincoli giuridici e che abbiano chiesto l'iscrizione all'interno del registro" dedicato. Il documento approderà in commissione Statuto martedì e, al termine dell'istruttoria, potrà essere iscritto nell'ordine dei lavori dell'assemblea capitolina "speriamo entro fine novembre", auspica la vendoliana Imma Battaglia. Anche se, con la doppia sessione sul bilancio (2013 e 2014) alle porte, sarà difficile che venga votata prima dell'inizio dell'anno prossimo come invece vorrebbero i firmatari della delibera. Che prevede l'istituzione, "all'interno dell'anagrafe comunale, di un Registro delle unioni civili che sarà unico per tutti i municipi di Roma Capitale", al quale potranno iscriversi le coppie con almeno uno dei due conviventi residente in città. Coppie che potranno godere di tutte le "agevolazioni e i benefici" contemplati dal Campidoglio "per i soggetti coniugati", tant'è che l'amministrazione dovrà prevedere "pari condizioni di accesso ai servizi e alle attività" comunali "con particolare attenzione alle condizioni di disagio economico e sociale". E se le coppie sono tutte uguali, era naturale che venissero messi a disposizione "per lo svolgimento della "cerimonia di iscrizione" al registro delle unioni" i locali comunali "generalmente adibiti" ai matrimoni laici. Da celebrarsi "alla presenza di un ufficiale di stato civile o delegato del sindaco" che alla fine dovrà persino rilasciare uno specifico attestato. Ma il Forum delle Associazioni familiari del Lazio non ci sta: "Siamo assolutamente contrari e ci faremo sentire" avverte la presidente Emma Ciccarelli. "Non solo la delibera incide su una materia di competenza parlamentare, ma da questa iniziativa il matrimonio ne risulterebbe svilito". (fonte Contact Center Unar Ad uso interno 13

15 ACQUAPENDENTE: DISABILE DISCRIMINATO. IL SINDACO BAMBINI CHIARISCE L EQUIVOCO SOLO UN PROBLEMA BUROCRATICO (8 novembre 2013) La Leopardiana quiete dopo la tempesta. Oppure solo una momentanea tregua istituzionale. Non è dato sapere quali saranno gli strali di questa strana vicenda che si sta consumando negli androni del palazzo comunale di Acquapendente. Solo una certezza: c è un ragazzo che è stato ingiustamente destituito dagli uffici nei quali lavorava. Ma facciamo un passo indietro: un ragazzo disabile, in virtù di un servizio offerto dalla Asl provinciale volto al miglioramento della qualità della vita dei disabili, lavorava presso gli uffici comunali di Acquapendente per tre giorni alla settimana. D un tratto la routine viene interrotta bruscamente da una comunicazione ufficiale che lo esorta a presentarsi a lavoro solo il Sabato mattina. Non solo, quindi, gli vengono decurtati due giorni lavorativi ma il terzo giorno deve essere necessariamente il Sabato, quando il Comune è chiuso al pubblico. Tuttavia le giustificazioni dell amministrazione non latitano ad arrivare anche se quando giungono alle orecchie dei cittadini, risultano un tantino laconiche. Si parla di uffici occupati per altre mansioni che nel labirintico bizantinismo politichese puzza di manovra clientelare lontano un miglio. A questo punto scatta la querelle: i genitori del ragazzo minacciano di presentare un esposto alla magistratura per fare chiarezza ed ottenere giustizia mentre nel frattempo, il sindaco Bambini, rompe il silenzio con un messaggio su Facebook. Il ragazzo non è stato oggetto di nessuna ghettizzazione esordisce il primo cittadino - gli sono stati tolti i due pomeriggi semplicemente perché il comune, per una scelta Contact Center Unar Ad uso interno 14

16 organizzativa, dal primo Novembre è aperto dal lunedì al sabato compreso, soltanto la mattina. Questo quindi vale per tutti. Non è assolutamente vero continua Bambini - che il suo ufficio e' stato dato o verrà dato ad altri.c'è stata da subito la disponibilità e vi è ancora a trovare un'altro impiego nei pomeriggi oppure se vorrà -conclude il sindaco di Acquapendente - potrà venire in comune nello stesso ufficio la mattina. Risposta ruspante ed eccessivamente compassata che cerca di mettere una pezza alla polemica deflagrante. Bambini minimizza l accaduto additandolo come qui pro quo tra istituzioni e famiglia e apre ad un possibile trattato di pace, glissando su un particolare scomodo: la famiglia ha infatti parlato di numerosi tentativi, susseguitisi negli scorsi anni, volti ad estromettere il figlio dagli uffici comunali. Due versioni, due verità. Un classico. Adesso c è da capire perché anche in altre occasioni si è tentato di allontanarlo dal posto di lavoro. Ma soprattutto, perché la famiglia non è stata avvisata per tempo dell intransigente decisione. In tante incertezze avvolte dalla bruma autunnale che sta per arrivare, l unica certezza è l umore del ragazzo che sui social network scrive: Sto piangendo e sto male, aiutatemi. Come al solito, a perire nei gangli della politica sono sempre le persone per bene. Leonardo Geronzi (fonte Contact Center Unar Ad uso interno 15

17 INTEGRAZIONE: A ROMA DIALOGO TRA 20 ARTISTI Contact Center Unar Ad uso interno 16

18 Sabato 9 novembre alle ore 16, presso la Cripta della Basilica di Sant Antonio al Laterano, Via Merulana 124 Roma, avrà luogo la I edizione della mostra collettiva d arte contemporanea J o y I N m y h e A R T. L esposizione, realizzata dall Associazione Culturale Antoniana il Patriarchio, con il patrocinio del Ministro per l Integrazione On. Cécile KYENGE, dell UNAR (Ufficio Nazionale Antidiscriminazione Razziale - Dipartimento delle Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri), del Comune di Roma e dell Accademia delle Belle Arti di Roma, vedrà protagonisti 20 artisti, tra pittori, scultori, incisori e fotografi, differenti per età e provenienza territoriale. La manifestazione sarà introdotta dal Presidente dell Associazione Dott. Gianfranco Cascioli e dal curatore Dott. Francesco Auciello e vedrà l intervento del Padre Guardiano della Basilica, P. Ambrogio Nguyên Van Si, del Sindaco di Roma On. Ignazio Marino, del Direttore dell Accademia delle Belle Arti di Roma, Prof. Gerardo Lo Russo e del Direttore del Centro Culturale della Tunisia, Dott. Faouzi M rabet. J o y I N m y h e A R T - afferma il curatore Dott. Francesco Auciello - si prefigge lo scopo di utilizzare l arte, da sempre strumento idoneo a stimolare le abilità fisiche e relazionali dell essere umano senza distinzione di nazionalità, sesso e colore, come canale di collegamento tra le diverse culture. In un ottica di intercultura, l esposizione collettiva mette in scena l arte come occasione speciale di dialogo e incontro tra le diversità, come elemento di diffusione di una cultura in grado di abbattere le barriere del pregiudizio e favorire il rispetto reciproco, con il desiderio di rafforzare il bisogno di imparare a comunicare con un linguaggio universale in cui le differenze diventano ricchezze. La mostra, ad ingresso gratuito, si protrarrà fino al 17 novembre 2013 e sarà aperta al pubblico dal lunedì al sabato dalle alle e la domenica dalle alle e dalle alle Contact Center Unar Ad uso interno 17

19 «CALDEROLI È DA PROCESSARE» NEL MIRINO L INSULTO ALLA KYENGE (7 novembre 2013) Il ministro Cécile Kyenge l aveva perdonato (con riserva), la Procura di Bergamo no. E così il leghista Roberto Calderoli, vicepresidente del Senato, si ritrova sul capo una richiesta di giudizio immediato per diffamazione aggravata dalla discriminazione razziale. La storia è quella famosa dell «orango». A cui, durante un comizio a Treviglio il 12 luglio scorso, era stata accostata la titolare del dicastero dell Integrazione. «Quando vedo le sue immagini non posso non pensare alle sembianze di un orango», aveva esclamato il lumbard dal palco della «Festa de Treì», suscitando prima l ilarità dei presenti e poi (dal giorno successivo) un polverone mediatico di risonanza internazionale. Per la vicenda «orango» è entrata in campo la Procura di Bergamo. Nonostante Cécile Kyenge non abbia presentato querela, i magistrati bergamaschi hanno aperto comunque un fascicolo. Possibile l iniziativa, pur senza la denuncia della vittima? Sì, perché l aggravante della discriminazione razziale rende procedibile d ufficio la diffamazione. Per Calderoli i due pm hanno scelto di non passare dal filtro del gup, chiedendo il giudizio immediato. Un iter accorciato e consentito se, tra le altre cose, c è l evidenza della prova. Le registrazioni del comizio inchiodano l indagato alle sue responsabilità, è la convinzione della Procura. «Non ne so nulla»: cade dalle nuvole Calderoli. (fonte Contact Center Unar Ad uso interno 18

20 LEGHISTI CONTRO CHAIBI, CONSIGLIERE FIGLIO DI IMMIGRATI: "QUEL MAROCCHINO VA DISSOLTO" Sulla pagina facebook di una sezione del Carroccio attacco durissimo contro il membro del consiglio comunale di Treviso. E sotto commentano: Va sgozzato (7 novembre 2013) Roma - Said Chaibi è uno dei volti della nuova Treviso. La città che dopo un ventennio leghista ha detto addio a Giancarlo Gentilini ed è finita anche sul Guardian per la decisione di dare la cittadinanza onoraria ai figli degli immigrati, definita dal quotidiano britannico un gesto di speranza per gli immigrati. Chaibi ha 23 anni, è figlio di immigrati marocchini ed è stato eletto consigliere comunale nelle liste di Sel. Vogliamo tornare a far vivere la nostra città. Cacceremo via per sempre quella nebbia verde che per troppo tempo ci ha offuscato la vista disse a Stranieriinitalia.it dopo la sua elezione. Comprensibile che ai leghisti non veda molto a genio. E, soprattutto durante la campagna elettorale, Gentilini e i suoi non gli hanno risparmiato attacchi anche molto duri. A Ostiglia, comune del mantovano a oltre cento chilometri da Treviso, hanno però abbondantemente passato il segno, come dimostra un post pubblicato sulla loro pagina facebook della sezione locale del Carroccio. Come segnala il blogger Daniele Sensi, tutto nasce da un articolo segnalato online da un altro militante leghista, Davide Zanetta. Si intitola Treviso: Corano e prove di burqa alle bambine italiane ed è accompagnato dalla foto di chaibi, ma in realtà racconta, con molte distorsioni, di un corso di lingua e cultura araba attivato in una scuola elementare della città veneta. La sezione Lega Nord di Ostiglia condivide il link, e aggiunge un commento dedicato al consigliere: questa merda di marocchino va dissolto. Sotto, una decina di commenti, alcuni dei quali altrattanto terrificanti. Per Giacomo Consiglio va sgozzato come fanno loro giustamente con i cristiani a casa loro, e Mirko Fassa chiosa: un taglio netto alla gola. Roberto Maroni non può più fare finta di nulla di fronte alle offese rivolte a Said Chaibi, giovane consigliere di Treviso, cui va la nostra più totale solidarietà. I commenti lanciati sul web da parte dei militanti della Lega ci fanno rabbrividire e purtroppo dimostrano ciò che abbiamo sempre sostenuto, e cioè che la Lega Nord non può dirsi Contact Center Unar Ad uso interno 19

Un quesito sul sequestro probatorio trasformato in sequestro preventivo per reati ambientali ed a danno degli animali

Un quesito sul sequestro probatorio trasformato in sequestro preventivo per reati ambientali ed a danno degli animali Un quesito sul sequestro probatorio trasformato in sequestro preventivo per reati ambientali ed a danno degli animali Domanda: Sono un operatore di polizia giudiziaria e noto che molti colleghi con funzioni

Dettagli

PROGETTO SCIENZE UMANE La discriminazione tramite il web e le conseguenze giuridiche IL CYBERBULLISMO. A opera di: BEATRICE, LUCA, MARCO, NICOLA

PROGETTO SCIENZE UMANE La discriminazione tramite il web e le conseguenze giuridiche IL CYBERBULLISMO. A opera di: BEATRICE, LUCA, MARCO, NICOLA PROGETTO SCIENZE UMANE La discriminazione tramite il web e le conseguenze giuridiche IL CYBERBULLISMO A opera di: BEATRICE, LUCA, MARCO, NICOLA Il cyberbullismo o ciberbullismo (ossia BULLISMO" online)

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2128

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2128 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2128 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori PERDUCA e PORETTI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 22 APRILE 2010 Norme contro le discriminazioni fondate sull orientamento

Dettagli

Strumenti di prevenzione, rimozione e monitoraggio delle discriminazioni a cura dell UNAR

Strumenti di prevenzione, rimozione e monitoraggio delle discriminazioni a cura dell UNAR Progetto co-finanziato dall Unione Europea Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Strumenti di prevenzione, rimozione e monitoraggio delle discriminazioni a cura dell

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

FURTO DI STATO ROMA SOTTRAE ALLA LOMBARDIA 47 MILIARDI E 700 MILIONI ALL ANNO E

FURTO DI STATO ROMA SOTTRAE ALLA LOMBARDIA 47 MILIARDI E 700 MILIONI ALL ANNO E Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e siti web Regione Lombardia) FURTO DI STATO ROMA SOTTRAE ALLA LOMBARDIA

Dettagli

LEGITTIMA DIFESA. Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere

LEGITTIMA DIFESA. Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere LEGITTIMA DIFESA Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere Torino aprile 2013 LEGITTIMA DIFESA La legittima difesa, come disciplinata

Dettagli

Come inizia un procedimento per malpractice?

Come inizia un procedimento per malpractice? Come inizia un procedimento per malpractice? Quando si affronta il tema della responsabilità medica, si intercettano problemi e questioni di natura diversa. Nel presente contesto osserveremo taluni aspetti

Dettagli

POLI L ZI Z A A DI D STAT A O

POLI L ZI Z A A DI D STAT A O POLIZIA DI STATO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI Social Network e diffamazione online LA POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI Nascita nel 1981 con la riforma della Polizia di Stato Diffusione sul

Dettagli

«IL PIÙ FORTE SONO IO!» Progetto di prevenzione e di contrasto dello spaccio di droga e del bullismo nelle scuole

«IL PIÙ FORTE SONO IO!» Progetto di prevenzione e di contrasto dello spaccio di droga e del bullismo nelle scuole «IL PIÙ FORTE SONO IO!» Progetto di prevenzione e di contrasto dello spaccio di droga e del bullismo nelle scuole PERCHÉ UN PROGETTO DI PREVENZIONE? Perché da una delle indagini svolte recentemente in

Dettagli

2ª COMMISSIONE PERMANENTE

2ª COMMISSIONE PERMANENTE SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA 2ª COMMISSIONE PERMANENTE (Giustizia) Seduta n. 548 DISEGNI DI LEGGE IN SEDE DELIBERANTE 90º Resoconto stenografico SEDUTA DI MARTEDÌ 17 GENNAIO 2006 (Notturna)

Dettagli

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE INDICE pag. Prefazione.... XV PARTE I Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE 1.1. La garanzia costituzionale del diritto di difesa in

Dettagli

Nome e Cognome... Indirizzo abitazione... Telefono abitazione... Telefono cellulare... Indirizzo studio... Telefono studio...

Nome e Cognome... Indirizzo abitazione... Telefono abitazione... Telefono cellulare... Indirizzo studio... Telefono studio... dati personali Nome e Cognome.................................................... Indirizzo abitazione................................................... Telefono abitazione...................................................

Dettagli

SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO

SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE: i protagonisti SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE: i protagonisti e tanto altro. SIMULAZIONE DEL

Dettagli

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà Progetto/azione Il tifoso protagonista della sicurezza Responsabilità Gabinetto del Sindaco Politiche per la Sicurezza Urbana Soggetti coinvolti Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... XIX Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING 1.1. Introduzione... 1 1.2. I pregiudizi... 2 1.3. La tutela.... 4 1.4. La mancanza di una

Dettagli

Glossario minimo della protezione dei dati

Glossario minimo della protezione dei dati minimo della protezione dei dati www.garanteprivacy.it Glossario minimo della protezione dei dati N.B. Il glossario e le principali domande in tema di dati personali sono schematizzati e hanno una finalità

Dettagli

Il risultato dell indagine

Il risultato dell indagine DOMENDEYE Spazio comune di incontro/scambio tra i popoli. Azioni positive dirette ad evitare o compensare situazioni di svantaggio connesse alla razza o all origine etnica. Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni

Dettagli

I MINORI STRANIERI Introduzione. Divieti di espulsione e di respingimento. Diritto alla salute

I MINORI STRANIERI Introduzione. Divieti di espulsione e di respingimento. Diritto alla salute I MINORI STRANIERI Introduzione. I minori stranieri presenti in territorio italiano possono trovarsi in diverse condizioni giuridiche: alcuni di essi, infatti, sono entrati beneficiando delle disposizioni

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di TORINO SEZIONE I CIVILE PROTEZIONE INTERNAZIONALE Dott.ssa G. RATTI ORDINANZA

TRIBUNALE ORDINARIO di TORINO SEZIONE I CIVILE PROTEZIONE INTERNAZIONALE Dott.ssa G. RATTI ORDINANZA N. R.G. 2012/25444 TRIBUNALE ORDINARIO di TORINO SEZIONE I CIVILE PROTEZIONE INTERNAZIONALE Dott.ssa G. RATTI ha pronunciato la seguente: Pagina 1 ORDINANZA Ex artt. 35 del d. lgs. 28.1.2008 n. 25 e 19

Dettagli

Tribunale di Livorno. Ufficio Giudice Indagini Preliminari. Sentenza 31 dicembre 2012, n. 38912 IL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI

Tribunale di Livorno. Ufficio Giudice Indagini Preliminari. Sentenza 31 dicembre 2012, n. 38912 IL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI Tribunale di Livorno Ufficio Giudice Indagini Preliminari Sentenza 31 dicembre 2012, n. 38912 IL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI Presso il Tribunale di Livorno Dr. Antonio Pirato all udienza in Camera

Dettagli

www.dirittoambiente.net

www.dirittoambiente.net DOCUMENTI INformazione 2009 E vietato il plagio e la copiatura integrale o parziale di testi e disegni a firma degli autori - Dal volume Tutela Giuridica degli Animali di Maurizio Santoloci e Carla Campanaro

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP. rito ordinario

PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP. rito ordinario [Portici 5, 2008-2010] PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP rito ordinario 1. Dati identificativi del procedimento. Numeri di registro: 47391/10 R.G. N.R. 9716/11 R.G. GIP- 14175/11 R.G.Dib..

Dettagli

L UTILIZZO DI DATI E NOTIZIE ACQUISITI NEL CORSO DELLE INDAGINI. INTERFERENZE TRA INDAGINI FINANZIARIE IN SEDE AMMINISTRATIVA E IN SEDE PENALE

L UTILIZZO DI DATI E NOTIZIE ACQUISITI NEL CORSO DELLE INDAGINI. INTERFERENZE TRA INDAGINI FINANZIARIE IN SEDE AMMINISTRATIVA E IN SEDE PENALE Seminario di formazione LE INDAGINI FINANZIARIE Milano, 1 luglio 2008 L UTILIZZO DI DATI E NOTIZIE ACQUISITI NEL CORSO DELLE INDAGINI. INTERFERENZE TRA INDAGINI FINANZIARIE IN SEDE AMMINISTRATIVA E IN

Dettagli

DIFENDERE LA FAMIGLIA NATURALE

DIFENDERE LA FAMIGLIA NATURALE Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e siti web Regione Lombardia) DIFENDERE LA FAMIGLIA NATURALE Il consiglio

Dettagli

723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741

723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741 Codice di Procedura Penale articoli: 723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741 723. Poteri del ministro di grazia e giustizia. 1. Il ministro di grazia e giustizia

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA N. R.G. 2014/4163 TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria Il giudice, sciogliendo la riserva assunta all udienza del 27 marzo 2015, letti atti e documenti, OSSERVA

Dettagli

Sequestro Confisca Lavoro: conversazione sulla legalità alla presenza del Ministro Alfano

Sequestro Confisca Lavoro: conversazione sulla legalità alla presenza del Ministro Alfano Sequestro Confisca Lavoro: conversazione sulla legalità alla presenza del Ministro Alfano Il convegno, svoltosi ad Acireale il 27 febbraio 2015 per iniziativa della Diocesi di Acireale assieme alla Associazione

Dettagli

Carlo Giuliani, quando il padre diceva a sua moglie: "Speriamo di fargli presto un bel funerale"

Carlo Giuliani, quando il padre diceva a sua moglie: Speriamo di fargli presto un bel funerale Via Farini, 62-00185 Roma tel. 06 48903773/48903734 - fax +39 06 62276535 - coisp@coisp.it / www.coisp.it COISP COORDINAMENTO PER L INDIPENDENZA SINDACALE DELLE FORZE DI POLIZIA @COISPpolizia PAPA' GIULIANI

Dettagli

PROVINCIA DI PADOVA: VERSO IL PIANO STRATEGICO

PROVINCIA DI PADOVA: VERSO IL PIANO STRATEGICO PROVINCIA DI PADOVA: VERSO IL PIANO STRATEGICO Progetto di ricerca La sicurezza costruiamola insieme Ricerca sull opinione dei cittadini della Provincia di Padova -Rapporto di ricerca - Gennaio 2012 Indice

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SEDUTA DEL 25 MAGGIO 2015 R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A

PROVINCIA DI BERGAMO SEDUTA DEL 25 MAGGIO 2015 R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A PROVINCIA DI BERGAMO C O N S I G L I O P R O V I N C I A L E R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A CONSIGLIO PROVINCIALE RESOCONTO L'anno DUEMILAQUINDICI, il giorno 25 del mese di MAGGIO alle ore 9:00,

Dettagli

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG intervento di alfredo mantovano Care amiche e cari amici! una giornalista poco fa mi chiedeva di riassumere in poche parole-chiave il messaggio che il popolo

Dettagli

MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RISARCIMENTO DANNO DERIVANTE DA DIFFAMAZIONE CON IL MEZZO DELLA STAMPA

MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RISARCIMENTO DANNO DERIVANTE DA DIFFAMAZIONE CON IL MEZZO DELLA STAMPA MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RISARCIMENTO DANNO DERIVANTE DA DIFFAMAZIONE CON IL MEZZO DELLA STAMPA QUESTA GUIDA, SEMPLICE E ALLA PORTATA DI TUTTI, VUOLE FORNIRE AL MEDIATORE

Dettagli

Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità

Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità CITTA DI CASTENASO Provincia di Bologna Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione)

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, in virtù dell Articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d Europa,

Il Comitato dei Ministri, in virtù dell Articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d Europa, Raccomandazione CM/Rec(2010)5 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sulle misure volte a combattere la discriminazione fondata sull orientamento sessuale o sull identità di genere (Adottata dal Comitato

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... Presidente Avv. Bruno De Carolis.. Avv. Alessandro Leproux Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Indice. 1 Gli organi e i modi della notificazione. --------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Gli organi e i modi della notificazione. --------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI PROCEDURA PENALE I LEZIONE X LE NOTIFICAZIONI PROF. GIANLUCA D AIUTO Indice 1 Gli organi e i modi della notificazione. --------------------------------------------------------------- 3

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

ORDINANZA N. 378 ANNO 2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente -

ORDINANZA N. 378 ANNO 2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente - ORDINANZA N. 378 ANNO 2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente - Giovanni Maria FLICK Giudice - Francesco AMIRANTE " -

Dettagli

Uscire dalla violenza si può. Centro Antiviolenza. Thamaia. Guida per le donne che subiscono violenza

Uscire dalla violenza si può. Centro Antiviolenza. Thamaia. Guida per le donne che subiscono violenza Uscire dalla violenza si può Centro Antiviolenza Thamaia Guida per le donne che subiscono violenza SUCCEDE ANCHE A TE? Ti dice continuamente che è tutto suo perchè è lui che guadagna i soldi? Devi giustificare

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 1020/13 Reg.Sent. N. 8765/10 N.R. Il Giudice REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Ha pronunciato la seguente Nei confronti di: - P. J. Il Tribunale Penale di Treviso - Sezione Penale - S

Dettagli

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 Relazione Incontro del 30 Settembre 2008 BAMBINI ADOTTIVI E BIOLOGICI INSIEME IN FAMIGLIA Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 La genitorialità

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario)

PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario) Giugliano 5, 2001-02 PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento. - Numeri di registro:2057/02 R.G.N.R. 4322/03

Dettagli

INTERVENTO CONDOTTO DA MONICA MOLINARI, infermiera legale e forense MARITA CERETTO, esperta di web

INTERVENTO CONDOTTO DA MONICA MOLINARI, infermiera legale e forense MARITA CERETTO, esperta di web CONVEGNO ABUSO e MALTRATTAMENTO nell ETA EVOLUTIVA: IERI E OGGI EQUIPE ATTENTI AL LUPO 21 OTTOBRE 2014 INTERVENTO CONDOTTO DA MONICA MOLINARI, infermiera legale e forense MARITA CERETTO, esperta di web

Dettagli

Noi difendiamo i Vostri Diritti

Noi difendiamo i Vostri Diritti Noi difendiamo i Vostri Diritti LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LA TUTELA LEGALE: OPPORTUNITÀ O NECESSITÀ (di Mario Dusi, avvocato in Milano e Monaco di Baviera) per ROLAND WORK SHOPS SESSIONE AUTUNNO 2013

Dettagli

PARERE NON AVENTE ALCUN VALORE GIURIDICO VINCOLANTE. Luisa, persona con disabilità, vive in un Comune nel quale viene emanato un avviso pubblico per

PARERE NON AVENTE ALCUN VALORE GIURIDICO VINCOLANTE. Luisa, persona con disabilità, vive in un Comune nel quale viene emanato un avviso pubblico per XII Sessione Tribunale dei Diritti dei Disabili Ferrara 10 Ottobre 2009 PARERE NON AVENTE ALCUN VALORE GIURIDICO VINCOLANTE CASO 3. ʺLa colonia estiva non è per te, perchè sei una persona con disabilitàʺ

Dettagli

COMMISSIONI RIUNITE. I (Affari costituzionali, della Presidenza del Consiglio e interni) e XII (Affari sociali)

COMMISSIONI RIUNITE. I (Affari costituzionali, della Presidenza del Consiglio e interni) e XII (Affari sociali) Martedì 15 febbraio 2011 3 Commissioni riunite I e XII COMMISSIONI RIUNITE I (Affari costituzionali, della Presidenza del Consiglio e interni) e XII (Affari sociali) S O M M A R I O SEDE REFERENTE: Istituzione

Dettagli

Per un Italia rinnovata, nei valori dell Antifascismo, della Resistenza e della Costituzione

Per un Italia rinnovata, nei valori dell Antifascismo, della Resistenza e della Costituzione n. 61 25 gennaio / 1 febbraio 2013 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 Appello dell ANPI per le elezioni del 24 e 25 febbraio Per un Italia rinnovata, nei valori dell Antifascismo, della Resistenza e della

Dettagli

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà Caritas/Migrantes Dossier Statistico Immigrazione 2009 XIX Rapporto Immigrazione: conoscenza e solidarietà In Europa, e specialmente nel nostro Paese, l immigrazione continua a crescere nonostante la crisi,

Dettagli

"IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO"

IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO Intervento al Convegno organizzato dall associazione assistenti sociali il 3 dicembre 2011 sul tema "IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO" Titolo dell intervento:

Dettagli

RUBRICA ATTUALITÀ n. 2 Settembre 2009

RUBRICA ATTUALITÀ n. 2 Settembre 2009 www.excursus.org Direttore responsabile: Luigi Grisolia RUBRICA ATTUALITÀ n. 2 Settembre 2009 L irragionevole durata dei processi nel nostro Paese di Luigi Grisolia Un interessante documentario dell Anm

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente N. 00695/2015 REG.PROV.COLL. N. 03212/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

Osservatorio per la Giustizia Civile. Sezione Lavoro e Previdenza. del Tribunale di Reggio Calabria PREMESSA

Osservatorio per la Giustizia Civile. Sezione Lavoro e Previdenza. del Tribunale di Reggio Calabria PREMESSA Osservatorio per la Giustizia Civile Sezione Lavoro e Previdenza del Tribunale di Reggio Calabria VADEMECUM DELLE OPERAZIONI PERITALI per le controversie in materia di invalidità civile, handicap e disabilità,

Dettagli

All'attenzione della Commissione Europea

All'attenzione della Commissione Europea Risposta alla Consultazione pubblica della Commissione europea sul Libro verde "meno adempimenti amministrativi per i cittadini - promuovere la libera circolazione dei documenti pubblici e il riconoscimento

Dettagli

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA DONATA BIANCHI, SILVIA MAMMINI, ROSA DI GIOIA ...FINALITÀ verificare

Dettagli

MUNICIPIO DELLA CITTA' DI NARO

MUNICIPIO DELLA CITTA' DI NARO MUNICIPIO DELLA CITTA' DI NARO Provincia di Agrigento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERA N. 63 DEL 22/10/2015 OGGETTO : SENTENZA DI ASSOLUZIONE NEL PROCEDIMENTO PENALE RGNR N. 3272/12 ED RGGP

Dettagli

CODICE ETICO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI LINK CAMPUS UNIVERSITY

CODICE ETICO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI LINK CAMPUS UNIVERSITY CODICE ETICO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI LINK CAMPUS UNIVERSITY Preambolo: Valori fondamentali e obiettivi. 1. L Università degli Studi Link Campus University (di seguito LCU) si riconosce nei valori riconosciuti

Dettagli

RICHIESTA DI RIMBORSO DANNI PER UN INCIDENTE AUTOMOBILISTICO CAUSATO DA UN PORTATORE DI HANDICAP.

RICHIESTA DI RIMBORSO DANNI PER UN INCIDENTE AUTOMOBILISTICO CAUSATO DA UN PORTATORE DI HANDICAP. PARERE NON AVENTE VALORE GIURIDICO VINCOLANTE 2 CASO: RICHIESTA DI RIMBORSO DANNI PER UN INCIDENTE AUTOMOBILISTICO CAUSATO DA UN PORTATORE DI HANDICAP. R.M. è padre di due figli. Il primo di diciassette

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI OGGETTO: RICORSO AVVERSO ACCERTAMENTO DI INFRAZIONE VERBALE N / DEL VEICOLO TARG. I sottoscritti: - nato a NAPOLI il / /, C.F. e residente in alla VIA n, nella qualità di

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA N. RG. 648-10 REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA N. RG. 648-10 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA N. RG. 648-10 REPUBBLICA ITALIANA Il Giudice dott. cons. Massimo Moriconi nella causa tra Società in persona del suo legale rappresentante

Dettagli

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA. Il/La sottoscritto/a nato/a a il residente in CAP via tel. chiede

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA. Il/La sottoscritto/a nato/a a il residente in CAP via tel. chiede AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA Il/La sottoscritto/a nato/a a il residente in CAP via tel. chiede di essere iscritto/a al Registro dei Praticanti Avvocati. Il/La sottoscritto/a consapevole

Dettagli

IL RISULTATO DEI VOSTRI CONTRIBUTI

IL RISULTATO DEI VOSTRI CONTRIBUTI #NOVIOLENZA CONTRO LO STALKING, IL FEMMINICIDIO, ED OGNI ALTRA FORMA DI VIOLENZA SULLE DONNE IL RISULTATO DEI VOSTRI CONTRIBUTI CONCRETI Durante le due settimane (dal 16 al 29 aprile) dell iniziativa No

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI CAPITOLO I SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI CAPITOLO I SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO INDICE-SOMMARIO Introduzione... Avvertenze e abbreviazioni... XV XIX Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO 1.1.1. Sistemainquisitorioedaccusatorio...

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA Il/La sottoscritto/a nato/a a il residente in CAP via tel., chiede di essere iscritto/a al Registro Praticanti Avvocati per trasferimento dall Ordine

Dettagli

Donne e omicidio: una ricerca in Grecia. Dtinos Vassilis Associazione Euronem Atene

Donne e omicidio: una ricerca in Grecia. Dtinos Vassilis Associazione Euronem Atene Donne e omicidio: una ricerca in Grecia. Dtinos Vassilis Associazione Euronem Atene L indagine Donne e l omicidio, condotta dal Centro di Ricerca per Pari Opportunità (KETHI), ha cercato di investigare

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 78 15.04.2014 Licenziamento individuale: il punto dei CdL I CdL riepilogano le norme contenuti nell art. 18 dello Statuto dei

Dettagli

La rivolta di regioni ed enti locali contro il ritorno alla tesoreria unica

La rivolta di regioni ed enti locali contro il ritorno alla tesoreria unica 1 di 6 04/03/2012 21:47 Quotidiano di Informazione Giuridica Diretto da Avv. Carmelo Giurdanella 2 marzo 2012, 16:30 La rivolta di regioni ed enti locali contro il ritorno alla tesoreria unica Le iniziative

Dettagli

I Patti sulla sicurezza Scheda tecnica informativa a cura di Sergio Bontempelli (Dipartimento Nazionale Immigrazione PRC-SE)

I Patti sulla sicurezza Scheda tecnica informativa a cura di Sergio Bontempelli (Dipartimento Nazionale Immigrazione PRC-SE) 1 I Patti sulla sicurezza Scheda tecnica informativa a cura di Sergio Bontempelli (Dipartimento Nazionale Immigrazione PRC-SE) Come nascono i Patti per la sicurezza La legge finanziaria 2007 (Legge 296/2006,

Dettagli

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano TERMINE: 60gg dalla contestazione o dalla notificazione, sia per verbali con sanzioni pecuniarie, sia con aggiunta di sanzioni accessorie SOGGETTI

Dettagli

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 Contributi di licenziamento, nuova Aspi, «decantierizzazione». La macchina

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA DALLA PARTE DELLE DONNE: TUTELA ED ASSISTENZA NEI CASI DI VIOLENZA I L Q U A D R O N O R M AT I V O I R E AT I D E L C O D I C E P E N A L E : P E

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) SENTENZA N. 04086/2014REG.PROV.COLL. N. 05358/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente

Dettagli

I dati relativi al Tribunale di Trieste sono stati raccolti da:

I dati relativi al Tribunale di Trieste sono stati raccolti da: TRIBUNALE DI TRIESTE I dati relativi al Tribunale di Trieste sono stati raccolti da: Camera Penale di Trieste Responsabili della ricerca: Elisabetta Burla, Mariapia Maier Hanno partecipato al monitoraggio

Dettagli

Relazione sul tirocinio ex art. 73 D.L. 69/2013(convertito con legge 9 agosto 2013, n. 98) Introduzione

Relazione sul tirocinio ex art. 73 D.L. 69/2013(convertito con legge 9 agosto 2013, n. 98) Introduzione Relazione sul tirocinio ex art. 73 D.L. 69/2013(convertito con legge 9 agosto 2013, n. 98) Introduzione L articolo 73 del D.L. 69/2013 (convertito con legge 9 agosto 2013, n. 98), modificato dagli articoli

Dettagli

Veneto Pride LGBTQIE 2013

Veneto Pride LGBTQIE 2013 Veneto Pride LGBTQIE 2013 Manifesto Politico INTRODUZIONE Il 15 Giugno è la data che abbiamo individuato, come movimento per i diritti delle persone omosessuali e transgender, per la convocazione del Veneto

Dettagli

Renato Frisanco. (Settore Studi e Ricerche della Fondazione Italiana per il Volontariato di Roma)

Renato Frisanco. (Settore Studi e Ricerche della Fondazione Italiana per il Volontariato di Roma) Renato Frisanco (Settore Studi e Ricerche della Fondazione Italiana per il Volontariato di Roma) Vorrei portare un contributo come ricercatore. Avendo coordinato alcune indagini sul volontariato di settore

Dettagli

Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013. Classe II D. Prof.ssa Daniela Simone

Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013. Classe II D. Prof.ssa Daniela Simone Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013 Classe II D Prof.ssa Daniela Simone PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Radio Kreattiva, web radio scolastica per la diffusione della cultura della legalità,

Dettagli

DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO MAROTTA

DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO MAROTTA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 738 DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

Co.r.re.l.a.re: consolidare reti regionali e locali per un accoglienza responsabile

Co.r.re.l.a.re: consolidare reti regionali e locali per un accoglienza responsabile Co.r.re.l.a.re: consolidare reti regionali e locali per un accoglienza responsabile Convenzione di Sovvenzione n. 2011/FEI/PROG-100781 CUP ASSEGNATO AL PROGETTO B53I12000030003 Articolo curato da Patrizia

Dettagli

Corso Avvocato 2013. Il METODO Neldiritto. NOME Angelo Mattia COGNOME Greco

Corso Avvocato 2013. Il METODO Neldiritto. NOME Angelo Mattia COGNOME Greco NOME Angelo Mattia COGNOME Greco Corso Avvocato 2013 Il METODO Neldiritto Applicazione del metodo Parere motivato in materia regolata dal diritto penale Traccia da consegnare entro il 13/09/2013 Tizio

Dettagli

CAMERA MINORILE DI LECCE. In merito alle aree tematiche individuate nel Direttivo dell Unione Nazionale Camere

CAMERA MINORILE DI LECCE. In merito alle aree tematiche individuate nel Direttivo dell Unione Nazionale Camere CAMERA MINORILE DI LECCE In merito alle aree tematiche individuate nel Direttivo dell Unione Nazionale Camere Minorili del 29 gennaio 2005, ed in vista del congresso dell Unione che si terrà a Gallipoli

Dettagli

La comunità romena in Italia. A cura di Maria Eva Zurbakis

La comunità romena in Italia. A cura di Maria Eva Zurbakis La comunità romena in Italia A cura di Maria Eva Zurbakis Acquisizione ed elaborazione dei dati riassunti nelle schede sono ricavati dalle seguenti fonti: Barbagli (a cura di), 1 Rapporto sugli immigrati

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

C O M U N E D I S E L A R G I U S P R O V I N C I A D I C A G L I A R I

C O M U N E D I S E L A R G I U S P R O V I N C I A D I C A G L I A R I P R O V I N C I A D I C A G L I A R I Consiglio Comunale del 28 Settembre 2012 VERBALE DI SEDUTA RESOCONTO INTEGRALE ( t r a s m e s s o a i C a p i g r u p p o C o n s i l i a r i i n d a t a 1 0 o t

Dettagli

MARONI TOGLIE IL BOLLO AI MOTORINI La proposta della Lega Nord ora è realtà

MARONI TOGLIE IL BOLLO AI MOTORINI La proposta della Lega Nord ora è realtà Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e siti web Regione Lombardia) MARONI TOGLIE IL BOLLO AI MOTORINI La proposta

Dettagli

Cultura ed Istituzioni contro la strage. a cura di Laura Landi

Cultura ed Istituzioni contro la strage. a cura di Laura Landi Cultura ed Istituzioni contro la strage a cura di Laura Landi Famiglia e disagio È innegabile che la parte prevalente della formazione della persona avviene in famiglia e nei primi anni di vita. Quello

Dettagli

11 del 10 FEBBRAIO 2003 PROT. N. 3102 1

11 del 10 FEBBRAIO 2003 PROT. N. 3102 1 11 del 10 FEBBRAIO 2003 PROT. N. 3102 1 OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAI CONSIGLIERI MENGHI E MUNAFO DEL COMITATO ANNA MENGHI IN MERITO ALLE ASSUNZIONI DI PERSONALE ATTRAVERSO PROCEDURE PUBBLICHE DA PARTE

Dettagli

IL REATO DI ATTI PERSECUTORI ex art. 612 bis c.p.

IL REATO DI ATTI PERSECUTORI ex art. 612 bis c.p. IL REATO DI ATTI PERSECUTORI ex art. 612 bis c.p. Delitto contro la libertà morale. Delitto doloso che prevede la rappresentazione dell evento. L elemento soggettivo è la volontà della condotta e dell

Dettagli

Cota: Lamiagiunta. Èl oradiresistere. Tosi accorre da Verona e attacca la magistratura

Cota: Lamiagiunta. Èl oradiresistere. Tosi accorre da Verona e attacca la magistratura Cota: Lamiagiunta nontraballa Èl oradiresistere Tosi accorre da Verona e attacca la magistratura Retroscena «La mia giunta non traballa. Nei m o m e n t i difficili bisogna saper resistere». Roberto Cota,

Dettagli

I REATI PIU' FREQUENTI COMMESSI SU INTERNET E SOCIAL NETWORK

I REATI PIU' FREQUENTI COMMESSI SU INTERNET E SOCIAL NETWORK I REATI PIU' FREQUENTI COMMESSI SU INTERNET E SOCIAL NETWORK - ingiuria (art.594 c.p.) - diffamazione (art. 595 c.p.) - sostituzione di persona (art.494 c.p.) - violazione della Privacy (Legge 196/2003)

Dettagli

Carta dei Servizi. Tribunale di Salerno. Sezione GIP-GUP. Ed. marzo

Carta dei Servizi. Tribunale di Salerno. Sezione GIP-GUP. Ed. marzo Carta dei Servizi Tribunale di Salerno Ed. marzo 2012 Sezione GIP-GUP INDICE 0. La Carta dei Servizi 3 1. Il processo penale e il ruolo del GIP 4 1.1 La Sezione GIP-GUP del Tribunale di Salerno e i servizi

Dettagli

Qualche dato sulla magistratura onoraria

Qualche dato sulla magistratura onoraria Lo stato dell arte Da un punto di vista definitorio i giudici onorari sono soggetti abilitati alla giurisdizione non appartenenti all ordine dei giudici professionali. La loro esistenza nel nostro ordinamento

Dettagli

RAI EXPO DEVE RESTARE A MILANO

RAI EXPO DEVE RESTARE A MILANO Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e siti web Regione Lombardia) RAI EXPO DEVE RESTARE A MILANO Maroni:

Dettagli