Presidenza del Consiglio dei Ministri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Presidenza del Consiglio dei Ministri"

Transcript

1 Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITÀ UFFICIO NAZIONALE ANTIDISCRIMINAZIONI RAZZIALI RASSEGNA STAMPA SETTIMANALE MONITORAGGIO E APPROFONDIMENTO DEI FENOMENI DISCRIMINATORI NEI MEDIA E SUL WEB A cura di Fernando FRACASSI Resp. Comunicazione Contact Center Anno IV - Roma, 4-8 Novembre 2013 Contact Center Collaborazione Monica D Arcangelis, Alessandro Tudino

2 COMUNICATO STAMPA (inviato il 7 novembre ore 10.00) 8 NOVEMBRE 2013: PRESENTAZIONE RAPPORTO SULL ANTISEMITISMO DELL AGENZIA DELL UNIONE EUROPEA PER I DIRITTI FONDAMENTALI (FRA) Questa settimana, l Agenzia dell Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) pubblicherà un rapporto sull antisemitismo in Europa. Il rapporto presenta i risultati di un sondaggio che è stato condotto nelle comunità ebraiche di otto paesi europei, tra i quali anche l Italia. Questo sondaggio rivela le percezioni degli ebrei per quanto riguarda la discriminazione e crimini d odio contro di loro. L'Agenzia FRA presenterà le prime cifre comparabili al livello europeo su questo argomento. Le cifre mostrano che l'antisemitismo persiste ed è ancora molto diffuso in Europa. I risultati saranno presentati alla 75 vigilia della ricorrenza dei pogrom antiebraici. Mandiamo i risultati del rapporto in anticipo della loro pubblicazione, in piena fiducia che rispettate l embargo fino all 8 novembre alle ore CET. Risultati principali: Il 66% degli intervistati ritiene che l antisemitismo sia un problema grave nei paesi in cui vive, mentre il 76% ha dichiarato che la situazione si è aggravata negli ultimi cinque anni. Il 21% di tutti gli intervistati ha subito uno o più episodi di antisemitismo caratterizzati da insulti verbali, molestie o aggressioni fisiche nei 12 mesi Contact Center Unar Ad uso interno 1

3 precedenti l indagine. Il 2% degli intervistati è stato vittima di un aggressione fisica di natura antisemita nell anno precedente. Scarsa segnalazione: il 76% delle vittime di molestie di natura antisemita non ha denunciato l episodio più grave alla polizia o ad altra organizzazione. Registrazione insufficiente: la carenza dei meccanismi di raccolta dei dati in numerosi Stati membri dell UE fa sì che la registrazione delle aggressioni antisemite rimanga insufficiente. L antisemitismo è considerato la quarta questione più urgente in ambito sociale o politico nei paesi oggetto dell indagine. Tre quarti degli intervistati ritengono che l antisemitismo online costituisca un problema. In basso troverà il rapporto completo (sotto embargo) in versione PDF. La preghiamo di notare che il rapporto è sotto embargo fino all 8 novembre alle ore CET. Il rapporto è disponibile qui: Il comunicato stampa è disponibile qui: Entrambi i documenti sono protetti con una password: as2013 Una conferenza stampa si terrà l 8 novembre alle CET a Vienna. La conferenza stampa verrà anche trasmessa in tempo reale tramite live stream sul nostro sito internet. Domande possono essere inviate tramite Twitter. Se desidera partecipare a distanza con Twitter, La chiediamo gentilmente di mandare una richiesta di seguirci all indirizzo Contact Center Unar Ad uso interno 2

4 EBREI: ANTISEMITISMO IN CRESCITA NEGLI ULTIMI 5 ANNI PER 76% COMUNITA' IN UE RAPPORTO AGENZIA UE PRESENTATO ALLA VIGILIA DEL 75 ANNIVERSARIO POGROM (8 novembre 2013) Roma - Antisemitismo in crescita in Europa per il 76% degli appartenenti a comunita' ebraiche europee, intervistati in otto paesi dell'unione. E' uno dei dati emergenti contenuti in una ricerca, presentata oggi a Vienna, dell'agenzia per i diritti fondamentali (Fra) dell'unione europea, alla vigilia della 75 ricorrenza dei pogrom antiebraici nel Vecchio continente. Il 66% degli intervistati (5.847 ebrei al di sopra dei 16 anni) ritiene che l'antisemitismo sia un problema grave nei paesi in cui vive, mentre il 76% ha dichiarato che la situazione si e' aggravata negli ultimi cinque anni. Il 21% di tutti gli intervistati ha subito uno o piu' episodi di antisemitismo caratterizzati da insulti verbali, molestie o aggressioni fisiche nei 12 mesi precedenti l'indagine. Il 2% e' stato vittima di un'aggressione fisica di natura antisemita nell'anno precedente. L'antisemitismo e' considerato la quarta questione piu' urgente in ambito sociale o politico nei paesi oggetto dell'indagine. tra gli altri problemi emersi, la scarsa segnalazione degli episodi: il 76% delle vittime di molestie di natura antisemita non ha denunciato l'episodio piu' grave alla polizia o ad altra organizzazione; la registrazione insufficiente, cioe' la carenza dei meccanismi di raccolta dei dati in numerosi Stati membri dell'ue, che fa si' che la registrazione delle aggressioni antisemite rimanga insufficiente. Infine, tre quarti degli intervistati ritengono che l'antisemitismo online costituisca un problema, con un picco addirittura dell'87% in Italia. Il rapporto mostra anche una notevole differenza tra paesi europei. Se in Gran Bretagna solo il 9% degli intervistati ha sentito l'accusa "gli ebrei sono i responsabili dell'attuale crisi economica", la percentuale sal al 59% in Ungheria; mentre attribuire all'annoso conflitto Contact Center Unar Ad uso interno 3

5 israelopalestinese la causa della scarsa sicurezza percepita ha percentuali che variano dall'8% della Latvia al 28% della Germania, fino al 73% della Francia. In particolare per le comunita' ebraiche italiane, oltre al citato antisemitismo online, i problemi sentiti come gravi secondo il rapporto sono l'esistenza di graffiti antisemiti sui muri (61%), la percezione di un antisemitismo dei media (59%) il vandalismo verso edifici o istituzioni ebraiche (43%), quello nei cimiteri (41%), l'antisemitismo nella politica (36%), le espressioni di ostilita' verso gli ebrei in luoghi pubblici (30%). (fonte Adnkronos) PRESENTAZIONE DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2013 DIRITTI E PARI OPPORTUNITÀ - RAPPORTO UNAR (8 novembre 2013) La ministra per l Integrazione, Cécile Kyenge, e la Viceministro con delega alle Pari Opportunità, Maria Cecilia Guerra, il 13 novembre presenteranno la nuova edizione del Dossier Statistico Immigrazione Diritti e discriminazioni. Il Dossier evidenzia, con il supporto di dati statistici, come l immigrazione stia modificando il tessuto sociale e i modelli di sviluppo attuali, attraverso una lente che si concentra sulla dinamica dei diritti e dei doveri. Un particolare focus sarà dedicato al problema delle discriminazioni che ostacolano il processo di una piena integrazione delle persone di origine straniera nella società, sottolineando le tante luci ed ombre che ha ancora l immigrazione in Italia, ma anche le prospettive di miglioramento derivanti da una piena attuazione dei principi di pari opportunità e parità di trattamento. La ricerca è stata curata dall UNAR con il Centro Studi e Ricerche IDOS/Immigrazione Dossier Statistico. Nei 75 capitoli previsti, i redattori di IDOS e numerosi esperti e studiosi esterni sono stati chiamati a collaborare e a fornire il proprio ausilio per offrire un panorama completo e a più voci di tutti gli aspetti del fenomeno migratorio, dal contesto internazionale allo scenario nazionale, con focus specifici dedicati alle singole regioni. Contact Center Unar Ad uso interno 4

6 Il Dossier UNAR 2013 sarà distribuito gratuitamente nei numerosi eventi di sensibilizzazione che si susseguiranno, a partire dalla presentazione del 13 novembre, che avverrà in contemporanea a Roma e in tutti i capoluoghi regionali. La presentazione del Dossier a Roma avverrà alle ore presso il Teatro Orione, Via Tortona 7 (Re di Roma). NO A MAGREBINI IN DISCOTECA, A PROCESSO Buttafuori rinviato a giudizio per aver impedito l'accesso al locale a un gruppo di ragazzi (8 novembre 2013) Questa sera tunisini e marocchini non possono entrare. Una frase che, secondo la denuncia della parte offesa, venne detta da Omar Passarella, all epoca addetto alla sicurezza di una discoteca in provincia di Ferrara. Per quelle parole, riportate ieri in aula dall avvocato di parte civile, l imputato dovrà affrontare un processo per violenza privata. La notte del 6 giugno 2009 il buttafuori sorvegliava l ingresso del locale, davanti al quale sostava una lunga fila di persone in attesa di entrare per una notte di divertimento. Tra questi c era anche la presunta vittima, un giovane nordafricano, assieme ad alcuni amici, che non riuscirono però a entrare. Secondo quanto riportato nella denuncia Passarella, difeso dall avvocato Flavio Cattabriga, avrebbe bloccato l ingresso ai ragazzi del gruppo, sostenendo che non li avrebbe fatti entrare a causa della loro nazionalità. Ne nacque un piccolo diverbio, con il buttafuori che allontanò il giovane con qualche spintone. La situazione fortunatamente non degenerò in uno scontro fisico, ma il ragazzo sporse denuncia contro Passarella, sottolineando la discriminazione etnica di cui sarebbe stato vittima, per poi costituirsi come parte civile Contact Center Unar Ad uso interno 5

7 attraverso l avvocato Cinzia Rizzatello. L accusa che pende sull addetto alla sicurezza è di violenza privata, aggravata dal fatto che la presunta vittima fosse minorenne e, naturalmente, dalla discriminazione razziale. Al termine dell udienza preliminare il gip ha accolto la richiesta di rinvio a giudizio della pm Ombretta Volta, e il caso verrà esaminato dal giudice dibattimentale. (fonte PIRELLONE, STAGE SOLO AI LOMBARDI: LA LEGA DICE NO AGLI ALTRI STUDENTI Via libera della commissione Cultura all'emendamento che limita ai residenti le borse di studio per i tirocini negli uffici della Regione: "Sono poche ed è giusto che vadano ai nostri giovani". E il Pd protesta: "Così perdiamo la nostra capacità attrattiva" (8 novembre 2013) Borse di studio per i tirocini al Pirellone solo per studenti residenti in Lombardia. Lo ha deciso la commissione regionale Cultura grazie a un blitz della Lega. Il partito del governatore Roberto Maroni ha presentato all ultimo momento un emendamento al progetto di legge dell Ufficio di presidenza che esclude chi non risiede in Lombardia dalla possibilità di usufruire delle 35 borse di studio finanziate con i risparmi derivanti dalla riduzione dei costi della politica in consiglio regionale. Una forzatura che ha mandato su tutte le furie l opposizione di centrosinistra. Che non solo ha votato contro alla modifica, ma alla fine per protesta si è astenuta nel voto finale sul provvedimento. Il testo iniziale dell articolo 1, comma 2, della legge prevedeva che «i tirocini e l attività di ricerca sono destinati a giovani laureati o laureandi residenti in Lombardia e/o provenienti da università lombarde». Con la modifica introdotta dalla Lega,(che ha eliminato la dicitura «e/o provenienti da università lombarde»), gli studenti non residenti nella regione non potranno beneficiare delle borse di studio né effettuare il tirocinio presso il consiglio regionale e le sue sedi istituzionali a Roma e Bruxelles. Una novità che lascia perplesso anche il presidente della commissione regionale Cultura, Luca Daniel Contact Center Unar Ad uso interno 6

8 Ferrazzi, ex assessore regionale quando militava in An, ora esponente di spicco della Lista Maroni: «Lo spirito del testo iniziale era chiaro. L effetto di questa modifica è inutile. Oltretutto in questo modo si crea l effetto paradossale di consentire l assegnazione di una borsa di studio anche a chi frequenta una università non lombarda solo perché ha la residenza qui». Il pd Fabio Pizzul va oltre e protesta: «La legge così riformulata depotenzia la capacità attrattiva della regione e non consente a tutti i giovani che, anche se provengono da fuori, vivono e studiano qui, di offrire un contributo alla crescita della Lombardia. Il paradosso è che se passa questa idea, potrebbe succedere che sul territorio lombardo lavoreranno e studieranno solo i residenti. Non dobbiamo avere paura degli apporti esterni, non ci dobbiamo difendere, ma dobbiamo accogliere e crescere grazie alle potenzialità di tutti». Il capogruppo della Lega in Regione, Massimiliano Romeo, si difende: «Le borse di studio sono poche ed è giusto che vadano agli studenti lombardi. Per noi è giusto che abbiano la priorità». Rispetto al passato, il progetto di legge licenziato dalla commissione Cultura prevede anche i cosiddetti tirocini curriculari che sono stati attivati dalle università lombarde con cui il consiglio regionale stipula convenzioni ad hoc. Ora la parola passerà all aula, che dovrà dare il via libera definitivo alla legge nella seduta del 19 novembre. (fonte Contact Center Unar Ad uso interno 7

9 SONO "STRANIERI", MA NATI A ROMA CITTADINANZA ONORARIA A 1500 BAMBINI Il 20 novembre l'iniziativa del municipio II con l'unicef e il sindaco. Gerace: "Questo è solo il primo passo per contrastare fenomeni di discriminazione e scarsa integrazione. Siamo tutti figli d'italia" (8 novembre 2013) Nati in Italia, ma non per questo italiani. Sulla scia dell'esperienza di Torino, anche a Roma bambini stranieri venuti alla luce nella capitale nell'ultimo anno e mezzo avranno la cittadinanza onoraria. Un sigillo civico importante che è un primo passo verso lo "ius soli", cioè il diritto, per chiunque nasca nel territorio italiano, di acquisire la cittadinanza. Il 20 novembre il presidente del municipio II, Giuseppe Gerace, insieme al sindaco Marino e a rappresentati istituzionali dell'unicef, con una cerimonia dall'alto valore simbolico nell'aula magna della Sapienza conferiranno, anche se solo simbolicamente, la cittadinanza agli ultimi nati. "Riteniamo doveroso dare dei segnali forti e concreti per stimolare un superamento dell'istituto dello "ius sanguinis" - spiega Gerace, che ieri ha approvato in giunta una delibera sul tema - I bambini nati in Italia, che parlano italiano e studiano la storia del nostro Paese, devono avere gli stessi diritti degli altri. Trasmetteremo formalmente la delibera al presidente della Repubblica". Sono centinaia i ragazzi di origine straniera, ma che per valori, esperienza, cultura sono italiani, ma non hanno lo status di cittadini. Già, perché la legge 91 regola la cittadinanza sulla base della discendenza di sangue, non tenendo conto dell'evoluzione sociale e demografica. Ogni Stato ha le sue regole: chi nasce negli Stati Uniti è cittadino americano, in Irlanda bastano tre anni di residenza, mentre in Germania è sufficiente che uno dei due genitori viva legalmente sul territorio da almeno 8 anni. "Questa sarà solo una delle tante iniziative del municipio per contrastare fenomeni di discriminazione e scarsa integrazione - continua il minsindaco dei Parioli - Siamo tutti Contact Center Unar Ad uso interno 8

10 figli d'italia. Ora confidiamo che questa iniziativa sia da stimolo per tante altre amministrazioni locali, affinché il tema diventi di vero interesse nazionale". L'evento è stato condiviso con l'unicef, che "ha dato il suo fondamentale supporto, e ci tengo a ringraziare l'assessore Alessandra Cattoi per il suo sostegno e l'attenzione all'argomento". Se a Torino il sindaco Fassino ha fatto da apripista, l'iniziativa a Roma non è nuova. Già l'ex presidente del parlamentino di Cinecittà, Sandro Medici, lanciò la "civil card", una sorta di carta di precittadinanza. Ora, però, il progetto è condiviso dal Campidoglio. (fonte NOTA DEL SERVIZIO ANTIDISCRIMINAZIONI DELL'ASGI SULLE PROPOSTE DI MODIFICA AL REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA DEL COMUNE DI PADOVA (8 novembre 2013) Riscontrati alcuni profili di illegittimità e che potrebbero portare a conseguenze discriminatorie. La lettera del servizio Antidiscriminazioni dell'asgi in merito alla deliberazione della Giunta comunale di Padova n. 2013/0458 dd. 01/10/2013 Il testo delle deliberazione della Giunta comunale di Padova n. 2013/0458 dd. 01/10/2013 Il servizio antidiscriminazioni dell ASGI ha inviato una lettera al Presidente del Consiglio comunale di Padova in merito alla deliberazione della Giunta Comunale di Padova n. 2013/0458 del 01/10/2013 con la quale è stata approvata una proposta di modifica del Regolamento di Polizia Urbana (R.P.U.) da sottoporre al Consiglio Comunale di Padova per la definitiva approvazione. Il servizio antidiscriminazioni dell ASGI ha inteso muovere alcuni rilievi critici sul testo dell art. 9 comma 2 della nuova Proposta di Regolamento, che presenterebbe profili di illegittimità e possibili profili discriminatori. Contact Center Unar Ad uso interno 9

11 Al fine di contrastare il fenomeno dell abusivismo commerciale su aree pubbliche a Padova, viene proposta l introduzione nel nuovo Regolamento di Polizia urbana del Comune di Padova di un divieto di trasporto, senza giustificato motivo, di mercanzia in grandi sacchi di plastica, borsoni od altri analoghi contenitori, nonché lo stazionamento con detenzione dei citati contenitori, su tutto il territorio comunale (art. 9 c. 2), con la previsione di una sanzione amministrativa pecuniaria in caso di violazione pari a 100 euro, nonchè la sanzione accessoria della confisca amministrativa della mercanzia contenuta nei contenitori, previo sequestro cautelare ai sensi di quanto disposto dalla legge n. 689/81. L ASGI ritiene che tale norma non soddisfi i principi di legalità, determinatezza e tassatività richiesti ai fini dell applicazione di sanzioni amministrative, possibile solo in forza di disposizioni di legge che le autorizzi (in questo senso anche TAR Veneto, sentenza n /2011 per una fattispecie del tutto analoga). Non vi sono dubbi che l esercizio commerciale abusivo o vendita abusiva su area pubblica costituisce un illecito previsto dalla disciplina legislativa vigente e ad esso può essere certamente ricondotta l attività di stazionamento prolungato con l offerta di vendita di prodotti prevista dal comma 3 dell art. 9 della nuova proposta di regolamento. Tuttavia, l estensione del comportamento illecito, e delle conseguenti sanzioni accessorie, a condotte diverse, di per sé almeno in astratto non necessariamente riconducibili all esercizio del commercio abusivo - quale il mero trasporto di mercanzia con determinati contenitori, potrebbe dunque considerarsi alla stregua dell introduzione di un illecito amministrativo non supportato da un fondamento legislativo e dunque contrario ai principi generali dell ordinamento. Inoltre, l ASGI ritiene che vi sia un illegittima indeterminatezza della fattispecie sanzionatoria proposta, non essendo comprensibile come si potrebbe valutare a priori dovendosi peraltro escludere un diritto di perquisizione riferito ad una ipotetica violazione amministrativa- la consistenza del contenuto di contenitori normalmente chiusi ed il carattere ingiustificato del possesso e/o del trasporto del medesimo contenuto dei contenitori, quando non sia in atto una condotta di offerta al pubblico di prodotti, al punto da configurare un vero e proprio processo arbitrario alle (solo) presunte intenzioni. In aggiunta, il servizio antidiscriminazioni dell ASGI si sofferma su possibili profili e rischi discriminatori indiretti della previsione che si vorrebbe introdurre. Contact Center Unar Ad uso interno 10

12 In base alla normativa europea e nazionale, sussiste una discriminazione indiretta quando una disposizione, un criterio, o una prassi apparentemente neutri possono mettere persone di una determinata razza od origine etnica in una posizione di particolare svantaggio rispetto ad altre persone, a meno che tale disposizione, criterio, prassi siano oggettivamente giustificati da una finalità legittima e i mezzi impiegati per i suo conseguimento siano appropriati e necessari (art. 2 c. b) direttiva europea 2000/43/CE sulla parità di trattamento tra le persone indipendentemente dalla razza e dell origine etnica, attuata in Italia con il d.lgs. n. 215/2003, in part. Art. 2 c. 1 lett. b)). E fatto notorio che la maggior parte delle persone che esercitano commercio ambulante, abusivo e non, a Padova così come in altri centri urbani, sono immigrati di colore. L ASGI ritiene, pertanto, che l introduzione di una norma nel regolamento di Polizia Urbana volta a vietare il trasporto di mercanzia in determinati contenitori quali borsoni e sacchi di plastica sarebbe suscettibile di indurre gli agenti di polizia municipale ad intensificare controlli ed accertamenti soprattutto nei confronti di persone con caratteristiche somatiche analoghe o simili a quelle che solitamente esercitano il commercio abusivo o vengono percepite come tali, anche in situazioni che nulla hanno avrebbero a che fare con dette illecite attività, come ad esempio traslochi, spostamenti per viaggi, o anche trasporto di mercanzia a mano finalizzata ad attività del tutto lecite. A tale riguardo si rileva che l utilizzo da parte della polizia, senza giustificazione obiettiva e ragionevole, di aspetti quali la razza, il colore, la lingua, la religione, la nazionalità o l origine nazionale o etnica, nelle attività di controllo, di sorveglianza e di investigazione costituisce una forma di discriminazione razziale, proibita dalle norme internazionali ed europee (Raccomandazione dell ECRI Commissione del Consiglio d Europa contro il razzismo e la discriminazione, n. 11).( [1]) Pertanto, anche alla luce della definizione di discriminazione indiretta sopraccennata, l ASGI ritiene che la proposta del nuovo testo dell art. 9 c. 2 del Regolamento di Polizia Urbana del Comune di Padova possa contenere profili di discriminazione indiretta per il particolare svantaggio che potrebbe derivare a persone sulla base delle loro caratteristiche etnico-razziali, e che appare sproporzionato rispetto alle finalità legittime della misura ovvero il contrasto al commercio abusivo e all offesa al decoro urbano, che possono essere infatti già sufficientemente perseguite con la repressione della vendita e dello stazionamento ai fini dell offerta effettiva abusiva di prodotti. (fonte Contact Center Unar Ad uso interno 11

13 OMOFOBIA: GAY CENTER, MAI REGISTRATE LE CHIAMATE DI SIMONE (8 novembre 2013) Roma,- "Alcuni organi di informazione stanno dando notizia di telefonate di Simone, il giovane ragazzo gay suicidatosi a Roma. Gay Center precisa che i contatti ricevuti alla Gay Help Line, la linea antiomofobia, sono anonimi e ci sono solo contenuti dei dati di sintesi". E' Fabrizio Marrazzo, portavoce di Gay Center, a sottolineare cosi' che "pertanto non possiamo noi attribuire con certezza tali dati a Simone". "Dunque i testi delle telefonate registrate di cui si sta dando notizia in queste ore - prosegue - non sono state ricevute dalla nostra linea ne' registrate anche perche' la Gay Help Line non registra le chiamate, che - puntualizza - sono coperte da una rigorosa privacy. Evidentemente Simone era entrato in contatto anche con altri servizi di sostegno". (fonte AGI) COPPIE DI FATTO, ARRIVA IL REGISTRO ANCHE PER I GAY PRONTA LA DELIBERA DI PD, SEL, CD E 5 STELLE Unioni civili equiparate ai matrimoni per l'accesso ai servizi. Le cerimonie potranno svolgersi a Caracalla o nella Sala rossa del Campidoglio. Ma insorge il Forum delle associazioni familiari (8 novembre 2013) Roma come Milano e altre centoquaranta città italiane che, da Ivrea a Castrovillari, hanno già istituito il registro delle coppie di fatto. Tempo qualche mese, anche nella capitale ogni forma di convivenza sarà equiparata al matrimonio sotto il profilo dell'accesso ai servizi e ai benefici comunali, e gli omosessuali potranno giurarsi amore eterno nella suggestiva Sala Rossa affacciata su piazza del Campidoglio oppure nella chiesetta sconsacrata di Caracalla. Il sindaco Marino lo aveva promesso in Contact Center Unar Ad uso interno 12

14 campagna elettorale, i partiti del centrosinistra avevano fatto a gara, addirittura litigato, per la primogenitura dell'iniziativa: ieri una maggioranza finalmente riconciliata (Pd, Sel, Lista civica, Cd) con l'innesto dei grillini ha depositato la proposta di delibera consiliare per il riconoscimento delle unioni civili. Ovvero tutti quei rapporti di "reciproca assistenza morale e materiale tra due persone maggiorenni, dello stesso sesso o di diverso sesso che non siano legate tra loro da vincoli giuridici e che abbiano chiesto l'iscrizione all'interno del registro" dedicato. Il documento approderà in commissione Statuto martedì e, al termine dell'istruttoria, potrà essere iscritto nell'ordine dei lavori dell'assemblea capitolina "speriamo entro fine novembre", auspica la vendoliana Imma Battaglia. Anche se, con la doppia sessione sul bilancio (2013 e 2014) alle porte, sarà difficile che venga votata prima dell'inizio dell'anno prossimo come invece vorrebbero i firmatari della delibera. Che prevede l'istituzione, "all'interno dell'anagrafe comunale, di un Registro delle unioni civili che sarà unico per tutti i municipi di Roma Capitale", al quale potranno iscriversi le coppie con almeno uno dei due conviventi residente in città. Coppie che potranno godere di tutte le "agevolazioni e i benefici" contemplati dal Campidoglio "per i soggetti coniugati", tant'è che l'amministrazione dovrà prevedere "pari condizioni di accesso ai servizi e alle attività" comunali "con particolare attenzione alle condizioni di disagio economico e sociale". E se le coppie sono tutte uguali, era naturale che venissero messi a disposizione "per lo svolgimento della "cerimonia di iscrizione" al registro delle unioni" i locali comunali "generalmente adibiti" ai matrimoni laici. Da celebrarsi "alla presenza di un ufficiale di stato civile o delegato del sindaco" che alla fine dovrà persino rilasciare uno specifico attestato. Ma il Forum delle Associazioni familiari del Lazio non ci sta: "Siamo assolutamente contrari e ci faremo sentire" avverte la presidente Emma Ciccarelli. "Non solo la delibera incide su una materia di competenza parlamentare, ma da questa iniziativa il matrimonio ne risulterebbe svilito". (fonte Contact Center Unar Ad uso interno 13

15 ACQUAPENDENTE: DISABILE DISCRIMINATO. IL SINDACO BAMBINI CHIARISCE L EQUIVOCO SOLO UN PROBLEMA BUROCRATICO (8 novembre 2013) La Leopardiana quiete dopo la tempesta. Oppure solo una momentanea tregua istituzionale. Non è dato sapere quali saranno gli strali di questa strana vicenda che si sta consumando negli androni del palazzo comunale di Acquapendente. Solo una certezza: c è un ragazzo che è stato ingiustamente destituito dagli uffici nei quali lavorava. Ma facciamo un passo indietro: un ragazzo disabile, in virtù di un servizio offerto dalla Asl provinciale volto al miglioramento della qualità della vita dei disabili, lavorava presso gli uffici comunali di Acquapendente per tre giorni alla settimana. D un tratto la routine viene interrotta bruscamente da una comunicazione ufficiale che lo esorta a presentarsi a lavoro solo il Sabato mattina. Non solo, quindi, gli vengono decurtati due giorni lavorativi ma il terzo giorno deve essere necessariamente il Sabato, quando il Comune è chiuso al pubblico. Tuttavia le giustificazioni dell amministrazione non latitano ad arrivare anche se quando giungono alle orecchie dei cittadini, risultano un tantino laconiche. Si parla di uffici occupati per altre mansioni che nel labirintico bizantinismo politichese puzza di manovra clientelare lontano un miglio. A questo punto scatta la querelle: i genitori del ragazzo minacciano di presentare un esposto alla magistratura per fare chiarezza ed ottenere giustizia mentre nel frattempo, il sindaco Bambini, rompe il silenzio con un messaggio su Facebook. Il ragazzo non è stato oggetto di nessuna ghettizzazione esordisce il primo cittadino - gli sono stati tolti i due pomeriggi semplicemente perché il comune, per una scelta Contact Center Unar Ad uso interno 14

16 organizzativa, dal primo Novembre è aperto dal lunedì al sabato compreso, soltanto la mattina. Questo quindi vale per tutti. Non è assolutamente vero continua Bambini - che il suo ufficio e' stato dato o verrà dato ad altri.c'è stata da subito la disponibilità e vi è ancora a trovare un'altro impiego nei pomeriggi oppure se vorrà -conclude il sindaco di Acquapendente - potrà venire in comune nello stesso ufficio la mattina. Risposta ruspante ed eccessivamente compassata che cerca di mettere una pezza alla polemica deflagrante. Bambini minimizza l accaduto additandolo come qui pro quo tra istituzioni e famiglia e apre ad un possibile trattato di pace, glissando su un particolare scomodo: la famiglia ha infatti parlato di numerosi tentativi, susseguitisi negli scorsi anni, volti ad estromettere il figlio dagli uffici comunali. Due versioni, due verità. Un classico. Adesso c è da capire perché anche in altre occasioni si è tentato di allontanarlo dal posto di lavoro. Ma soprattutto, perché la famiglia non è stata avvisata per tempo dell intransigente decisione. In tante incertezze avvolte dalla bruma autunnale che sta per arrivare, l unica certezza è l umore del ragazzo che sui social network scrive: Sto piangendo e sto male, aiutatemi. Come al solito, a perire nei gangli della politica sono sempre le persone per bene. Leonardo Geronzi (fonte Contact Center Unar Ad uso interno 15

17 INTEGRAZIONE: A ROMA DIALOGO TRA 20 ARTISTI Contact Center Unar Ad uso interno 16

18 Sabato 9 novembre alle ore 16, presso la Cripta della Basilica di Sant Antonio al Laterano, Via Merulana 124 Roma, avrà luogo la I edizione della mostra collettiva d arte contemporanea J o y I N m y h e A R T. L esposizione, realizzata dall Associazione Culturale Antoniana il Patriarchio, con il patrocinio del Ministro per l Integrazione On. Cécile KYENGE, dell UNAR (Ufficio Nazionale Antidiscriminazione Razziale - Dipartimento delle Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri), del Comune di Roma e dell Accademia delle Belle Arti di Roma, vedrà protagonisti 20 artisti, tra pittori, scultori, incisori e fotografi, differenti per età e provenienza territoriale. La manifestazione sarà introdotta dal Presidente dell Associazione Dott. Gianfranco Cascioli e dal curatore Dott. Francesco Auciello e vedrà l intervento del Padre Guardiano della Basilica, P. Ambrogio Nguyên Van Si, del Sindaco di Roma On. Ignazio Marino, del Direttore dell Accademia delle Belle Arti di Roma, Prof. Gerardo Lo Russo e del Direttore del Centro Culturale della Tunisia, Dott. Faouzi M rabet. J o y I N m y h e A R T - afferma il curatore Dott. Francesco Auciello - si prefigge lo scopo di utilizzare l arte, da sempre strumento idoneo a stimolare le abilità fisiche e relazionali dell essere umano senza distinzione di nazionalità, sesso e colore, come canale di collegamento tra le diverse culture. In un ottica di intercultura, l esposizione collettiva mette in scena l arte come occasione speciale di dialogo e incontro tra le diversità, come elemento di diffusione di una cultura in grado di abbattere le barriere del pregiudizio e favorire il rispetto reciproco, con il desiderio di rafforzare il bisogno di imparare a comunicare con un linguaggio universale in cui le differenze diventano ricchezze. La mostra, ad ingresso gratuito, si protrarrà fino al 17 novembre 2013 e sarà aperta al pubblico dal lunedì al sabato dalle alle e la domenica dalle alle e dalle alle Contact Center Unar Ad uso interno 17

19 «CALDEROLI È DA PROCESSARE» NEL MIRINO L INSULTO ALLA KYENGE (7 novembre 2013) Il ministro Cécile Kyenge l aveva perdonato (con riserva), la Procura di Bergamo no. E così il leghista Roberto Calderoli, vicepresidente del Senato, si ritrova sul capo una richiesta di giudizio immediato per diffamazione aggravata dalla discriminazione razziale. La storia è quella famosa dell «orango». A cui, durante un comizio a Treviglio il 12 luglio scorso, era stata accostata la titolare del dicastero dell Integrazione. «Quando vedo le sue immagini non posso non pensare alle sembianze di un orango», aveva esclamato il lumbard dal palco della «Festa de Treì», suscitando prima l ilarità dei presenti e poi (dal giorno successivo) un polverone mediatico di risonanza internazionale. Per la vicenda «orango» è entrata in campo la Procura di Bergamo. Nonostante Cécile Kyenge non abbia presentato querela, i magistrati bergamaschi hanno aperto comunque un fascicolo. Possibile l iniziativa, pur senza la denuncia della vittima? Sì, perché l aggravante della discriminazione razziale rende procedibile d ufficio la diffamazione. Per Calderoli i due pm hanno scelto di non passare dal filtro del gup, chiedendo il giudizio immediato. Un iter accorciato e consentito se, tra le altre cose, c è l evidenza della prova. Le registrazioni del comizio inchiodano l indagato alle sue responsabilità, è la convinzione della Procura. «Non ne so nulla»: cade dalle nuvole Calderoli. (fonte Contact Center Unar Ad uso interno 18

20 LEGHISTI CONTRO CHAIBI, CONSIGLIERE FIGLIO DI IMMIGRATI: "QUEL MAROCCHINO VA DISSOLTO" Sulla pagina facebook di una sezione del Carroccio attacco durissimo contro il membro del consiglio comunale di Treviso. E sotto commentano: Va sgozzato (7 novembre 2013) Roma - Said Chaibi è uno dei volti della nuova Treviso. La città che dopo un ventennio leghista ha detto addio a Giancarlo Gentilini ed è finita anche sul Guardian per la decisione di dare la cittadinanza onoraria ai figli degli immigrati, definita dal quotidiano britannico un gesto di speranza per gli immigrati. Chaibi ha 23 anni, è figlio di immigrati marocchini ed è stato eletto consigliere comunale nelle liste di Sel. Vogliamo tornare a far vivere la nostra città. Cacceremo via per sempre quella nebbia verde che per troppo tempo ci ha offuscato la vista disse a Stranieriinitalia.it dopo la sua elezione. Comprensibile che ai leghisti non veda molto a genio. E, soprattutto durante la campagna elettorale, Gentilini e i suoi non gli hanno risparmiato attacchi anche molto duri. A Ostiglia, comune del mantovano a oltre cento chilometri da Treviso, hanno però abbondantemente passato il segno, come dimostra un post pubblicato sulla loro pagina facebook della sezione locale del Carroccio. Come segnala il blogger Daniele Sensi, tutto nasce da un articolo segnalato online da un altro militante leghista, Davide Zanetta. Si intitola Treviso: Corano e prove di burqa alle bambine italiane ed è accompagnato dalla foto di chaibi, ma in realtà racconta, con molte distorsioni, di un corso di lingua e cultura araba attivato in una scuola elementare della città veneta. La sezione Lega Nord di Ostiglia condivide il link, e aggiunge un commento dedicato al consigliere: questa merda di marocchino va dissolto. Sotto, una decina di commenti, alcuni dei quali altrattanto terrificanti. Per Giacomo Consiglio va sgozzato come fanno loro giustamente con i cristiani a casa loro, e Mirko Fassa chiosa: un taglio netto alla gola. Roberto Maroni non può più fare finta di nulla di fronte alle offese rivolte a Said Chaibi, giovane consigliere di Treviso, cui va la nostra più totale solidarietà. I commenti lanciati sul web da parte dei militanti della Lega ci fanno rabbrividire e purtroppo dimostrano ciò che abbiamo sempre sostenuto, e cioè che la Lega Nord non può dirsi Contact Center Unar Ad uso interno 19

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

La Piramide dell Odio

La Piramide dell Odio Lezione La Piramide dell Odio Partecipanti: Studenti di scuola media inferiore o superiore/ max. 40 Materiali: Foglio Domande (una copia per ciascuno studente) Lucido con la definizione di Genocidio (allegato)

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO ALL. D) REGOLA 5 Persone ammesse nel recinto di gioco 1) Per le gare organizzate dalla LNP, dalla Lega PRO e dalla Lega Nazionale Dilettanti in ambito nazionale sono ammessi

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale La fase amministrativa Nella prima fase, amministrativa, le autorità competenti in materia di protezione sono la Polizia uffici di frontiera

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Cybermobbing: tutto ciò prevede la legge

Cybermobbing: tutto ciò prevede la legge Cybermobbing: tutto ciò prevede la legge Informazioni sul tema del cybermobbing e relativo quadro giuridico Una pubblicazione della polizia e della Prevenzione Svizzera della Criminalità (PSC) un centro

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Dipartimento della Pubblica Sicurezza Stagione sportiva 2011/2012 Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Determinazione n. 26/2012 del 30 maggio 2012 L Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Guida per genitori, bambini e giovani

Guida per genitori, bambini e giovani Guida per genitori, bambini e giovani Conseils régionaux de préven on et de sécurité (CRPS) Italiano - luglio 2012 Département de la sécurité et de l environnement (DSE) Département de la forma on, de

Dettagli

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Affidati al monitoraggio di ADAPT e Repubblica degli Stagisti ben 3mila racconti: il problema principale sono i lunghi

Dettagli

Foglio per gli studenti Domande

Foglio per gli studenti Domande Domande Rispondi Sì o No a ciascuna delle seguenti domande (Rispondi con sincerità. Questo questionario è visto solo da te!): Domande: 1. Hai mai sentito una barzelletta che prendeva in giro una persona

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI 11 luglio 2012 Anno 2011 I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI Il 59,5% dei cittadini afferma che nel nostro Paese gli immigrati sono trattati meno bene degli italiani. In particolare, la maggior parte degli

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

Dichiarazione dei diritti dell uomo

Dichiarazione dei diritti dell uomo Dichiarazione dei diritti dell uomo Politica dei diritti sul posto di lavoro Per noi è importante il rapporto che abbiamo con i nostri dipendenti. Il successo della nostra azienda dipende da ogni singolo

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli