Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado"

Transcript

1 DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE DIREZIONE CENTRALE ATTIVITÀ PRODUTTIVE, COMMERCIO, COOPERAZIONE, RISORSE AGRICOLE E FORESTALI Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado Il sistema di zone umide della laguna di Marano e Grado, compreso fra le foci dei fiumi Isonzo e Tagliamento, caratterizza il profilo costiero dell Alto Adriatico lungo un arco di 32 km per 5 km di larghezza. Sono più di gli ettari di canali, piane di marea, isole e ampie aree emerse che testimoniano e segnano il graduale e antico passaggio tra terra e mare. La laguna è quindi una delle aree naturali più estese e caratterizzanti il Friuli Venezia Giulia, ed è pertanto uno dei principali nodi del sistema delle aree protette regionali. Per tutelare un ambiente così delicato la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia lo ha designato quale Sito della Rete Natura 2000, ovvero la Rete di aree dell Unione Europea di valore naturalistico per la tutela della biodiversità. Pertanto, ai sensi della Direttiva Habitat 92/43/CEE, è Zona Speciale di Conservazione (ZSC IT ), per la protezione di habitat e specie animali e vegetali significative a livello europeo, così come, ai sensi della Direttiva Uccelli 2009/147/CE, è Zona di Protezione Speciale (ZPS IT ), per la tutela delle specie di uccelli e dei loro habitat. Fra i diversi habitat che compongono il mosaico di zone umide della laguna, i banchi sabbiosi e le spiagge che bordano le isole perilagunari rivestono una importanza particolare, in quanto ospitano nei diversi periodi dell anno una moltitudine di specie floristiche e faunistiche tutelate dalle suddette Direttive comunitarie. Qui di seguito vengono brevemente illustrati i principali elementi naturalistici che caratterizzano i banchi sabbiosi e le spiagge. Banco d Orio. Nel periodo primaverile il banco d Orio si presenta così. Sabbie nude verso il mare, spazzate dai venti e dalle onde, e vegetazione pioniera che sfida le condizioni microclimatiche estreme e colonizza le sabbie meno battute. Nella foto sono ben visibili i fiori rosacei del Ravastrello marittimo (Cakile maritima), una fra le prime specie a vegetare sulle sabbie più stabili e alla base delle prime dune.

2 Banco d Anfora (sopra) e banco dei Trataúri (sotto). Le sabbie con vegetazione rada che colonizza le porzioni più alte dei banchi ovvero la base delle prime dune, rappresenta l ambiente d elezione per la nidificazione delle specie di uccelli che rendono la nostra laguna tanto importante a livello nazionale: Fratino (Charadrius alexandrinus), Fraticello (Sternula albifrons) e Beccaccia di mare (Haematopus ostralegus).

3 Isola di Sant Andrea. La porzione orientale di questa estesa isola perilagunare ospita una delle spiagge più ampie del litorale. Le condizioni morfologiche, unitamente alla vegetazione rada o assente, rappresentano una situazione idonea per l insediamento di specie estremamente rare come nidificanti in Italia e quindi particolarmente protette dalla Direttiva Uccelli, quali il Fratino ed il Fraticello. Le potenzialità naturalistiche di questa spiaggia sono però limitate dalla fruizione balneare incontrollata. Ad oggi nel sito nidificano infatti le specie che meglio riescono a fronteggiare il disturbo antropico: la Beccaccia di mare ed il Corriere piccolo (Charadrius dubius). Isola di Martignano. Coppia di beccacce di mare nei pressi del nido, a ridosso della vegetazione dove nidifica il Gabbiano reale (Larus michahellis). Le beccacce approfittano spesso dell aggressività dei gabbiani per proteggere il loro nido dai predatori.

4 Beccaccia di mare (sopra) e Fraticello (sotto) in cova.

5 Banco d Anfora. Uova di Beccaccia di mare. Il nido consiste semplicemente in una piccola depressione nella sabbia, arricchita con frammenti di vegetazione spiaggiata. Banco dei Trataúri. Nido con 2 uova di Beccaccia di mare e nido con 3 uova di Fraticello. Le due specie qui si associano, confermando la predilezione per le porzioni dei banchi sabbiosi dove vegeta il Ravastrello marittimo.

6 Banco dei Trataúri. Nido di Fraticello (sopra) e fraticelli in cova (sotto). Anche questa specie è contraddistinta da un nido estremamente semplice. In questo banco sabbioso, nelle stagioni riproduttive 2013 e 2014 la nidificazione in forma coloniale del Fraticello (23-31 coppie nel 2013, nel 2014) ha interrotto un quindicennio di assenza dai litorali lagunari. L auspicio è che la specie possa riprendersi, anche grazie ad interventi di tutela attiva, da un trend che la vede attualmente in declino sull intero territorio nazionale, magari ristabilizzandosi sui nostri litorali con le 200 e più coppie nidificanti alla fine degli anni 80 del secolo scorso. Nel 2014 ha nidificato anche una coppia di Fratino, l unica nell intero litorale lagunare e che rappresenta la quota parte di una popolazione che nella nostra regione non arriva nemmeno a 10 coppie. Anche il Fratino fa parte infatti delle specie in marcato declino come nidificanti in Italia.

7 Isola di Sant Andrea. Le specie che nidificano sui banchi sabbiosi si giocano le carte del loro successo riproduttivo puntando sul mimetismo. In questa spiaggia, le uova della Beccaccia di mare (sopra) e del Corriere piccolo (sotto) si confondono molto bene con le sabbie e la vegetazione spiaggiata, minimizzando così il rischio di predazione, ma massimizzando il rischio di essere schiacciate dai bagnanti ignari e dai cani che troppo spesso vagano senza guinzaglio.

8 Facendo seguito alle criticità naturalistiche riscontrate sui banchi sabbiosi lagunari e al fine di tutelare le specie e gli habitat protetti ed elencati nelle Direttive Habitat ed Uccelli, nel 2014 il Servizio tutela del paesaggio e biodiversità della Regione ha individuato 5 aree in cui limitare la fruizione balneare, da aprile a luglio. Queste aree, perimetrate con cartelli (foto in basso), sono state individuate per la loro importanza in termini di densità di nidi e numero di specie nidificanti. Pertanto la loro delimitazione, che individua una superficie totale pari ad appena il 10% circa dei banchi sabbiosi lagunari, garantisce la tutela della biodiversità ed il rispetto delle Direttive comunitarie, pur non precludendo l accesso alle vaste aree sabbiose disponibili.

9 L individuazione delle 5 aree è stata parte integrante delle attività previste dal Programma di monitoraggio regionale delle specie e degli habitat Natura 2000, coordinato dal Servizio tutela del paesaggio e biodiversità della Regione, allo scopo di individuare e pianificare le misure e gli interventi di conservazione. In questo contesto si inserisce l attività di monitoraggio delle specie di uccelli acquatici nidificanti nella zona costiero-lagunare, affidata al Dipartimento di Matematica e Geoscienze dell Università degli Studi di Trieste. Questo lavoro ha previsto l impiego di strumentazione GPS, per mezzo della quale è stato possibile georiferire e quindi localizzare su mappa ogni singolo nido. Qui viene riportata la dislocazione dei nidi rinvenuti nella stagione riproduttiva 2014, relativi alle specie maggiormente legate alle spiagge e ai banchi sabbiosi come la Beccaccia di mare, il Fraticello e il Fratino, ovvero per specie di aironi come la Garzetta (Egretta garzetta), in quanto l importante colonia dell isola di Martignano ricade nell area di interesse.

10 I banchi sabbiosi lagunari rivestono una importanza particolare per l avifauna non solo nella stagione riproduttiva, ma anche durante le migrazioni e lo svernamento. In questi periodi infatti sono migliaia i limicoli (uccelli che si alimentano sui limi e le sabbie) che si radunano giornalmente in determinati punti dei banchi sabbiosi durante le fasi di alta marea. Il 90% di questi individui appartiene a 3 specie: Piovanello pancianera (Calidris alpina), Pivieressa (Pluvialis squatarola) e Chiurlo maggiore (Numenius arquata). Le zone umide costiere del Friuli Venezia Giulia rappresentano una importanza fondamentale per la localizzazione lungo i corridoi di migrazione (flyways) nonché come stop-over site, ovvero come punti di sosta e di alimentazione durante le migrazioni da e verso le aree di nidificazione nord europee. In termini di abbondanza, la laguna di Marano e Grado rappresenta una delle aree più importanti in Italia per questi affascinanti migratori. Banco dei Trataúri. Stormo di centinaia di limicoli, prevalentemente Piovanelli pancianera e Pivieresse. Piovanelli pancianera Pivieressa Chiurlo maggiore

STUDIO B.6.72 B/9 ATTIVITÀ DI RILEVAMENTO PER IL MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI PRODOTTI DALLA COSTRUZIONE DELLE OPERE ALLE BOCCHE LAGUNARI

STUDIO B.6.72 B/9 ATTIVITÀ DI RILEVAMENTO PER IL MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI PRODOTTI DALLA COSTRUZIONE DELLE OPERE ALLE BOCCHE LAGUNARI Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia Palazzo Franchetti S. Marco 2847 30124 Venezia Tel. +39.041.2402511 Fax +39.041.2402512 Progetto STUDIO B.6.72 B/9

Dettagli

Siepi, filari e alberi vetusti: antico patrimonio da preservare. Analisi dello stato di fatto all interno del Parco Agricolo Sud Milano

Siepi, filari e alberi vetusti: antico patrimonio da preservare. Analisi dello stato di fatto all interno del Parco Agricolo Sud Milano Siepi, filari e alberi vetusti: antico patrimonio da preservare. Analisi dello stato di fatto all interno del Parco Agricolo Sud Milano Relazione a cura di Elena Aldisquarcina LIPU Birdlife Italia 1 1.

Dettagli

La Strategia Nazionale per la Biodiversità

La Strategia Nazionale per la Biodiversità La Strategia Nazionale per la Biodiversità Sommario Premessa... 4 Il percorso della Strategia... 8 L attuazione della Strategia... 9 Durata, monitoraggio e valutazione dell attuazione della Strategia...

Dettagli

1 PREMESSA... 3 2 INQUADRAMENTO... 4

1 PREMESSA... 3 2 INQUADRAMENTO... 4 1 PREMESSA... 3 2 INQUADRAMENTO... 4 3 RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE... 5 4 SUDDIVISIONE DEL TERRITORIO IN AMBITI TERRITORIALI OMOGENEI (ATO)... 5 5 METODOLOGIA DI STIMA ADOTTATA... 7 5.1 GLI INDICATORI

Dettagli

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it 1 Informazioni legali L istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le persone che agiscono per conto dell Istituto non sono responsabili per l uso che può essere fatto delle

Dettagli

MANUALE PER LA GESTIONE SOSTENIBILE ED IL RECUPERO DEI RESIDUI SPIAGGIATI DI POSIDONIA

MANUALE PER LA GESTIONE SOSTENIBILE ED IL RECUPERO DEI RESIDUI SPIAGGIATI DI POSIDONIA ISPA COMUNE DI MOLA DI BARI ISTITUTO DI SCIENZE DELLE PRODUZIONI ALIMENTARI Progetto LIFE09 ENV/IT/000061 Posidonia Residues Integrated Management for Eco-sustainability MANUALE PER LA GESTIONE SOSTENIBILE

Dettagli

Sistema statistico nazionale Istituto nazionale di statistica. italia. 100 statistiche. per capire il Paese in cui viviamo

Sistema statistico nazionale Istituto nazionale di statistica. italia. 100 statistiche. per capire il Paese in cui viviamo Sistema statistico nazionale Istituto nazionale di statistica italia 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo 2014 Sistema statistico nazionale Istituto nazionale di statistica italia 100 statistiche

Dettagli

Manuale didattico per gli insegnanti

Manuale didattico per gli insegnanti Manuale didattico per gli insegnanti LIFE08 NAT IT/000325 WOLFNET Development of coordinated protection measures for Wolf in Apennines Sviluppo di misure coordinate di protezione per il lupo in Appennino

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA DGR n 896 del 24/06/2003 Pubblicata sul Bur n 62 del 11/07/2003 2 OGGETTO: Legge n.447/1995 Legge quadro sull inquinamento acustico e legge regionale 14 novembre 2001, n.28 Norme per

Dettagli

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces. .2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 2Modifiche in atto. Gli impatti Il riscaldamento globale Evidenze

Dettagli

CRITERI e INDIRIZZI per la TUTELA del PAESAGGIO

CRITERI e INDIRIZZI per la TUTELA del PAESAGGIO Regione Piemonte Assessorato ai Beni Ambientali Direzione Pianificazione e Gestione Urbanistica Settore Gestione Beni Ambientali CRITERI e INDIRIZZI per la TUTELA del PAESAGGIO 1 REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO

Dettagli

PARERE n. 91 del 28 Settembre 2012 (o.d.g. 2 del 28 Settembre 2012)

PARERE n. 91 del 28 Settembre 2012 (o.d.g. 2 del 28 Settembre 2012) PARERE n. 91 del 28 Settembre 2012 (o.d.g. 2 del 28 Settembre 2012) OGGETTO: Comune di Piazzola sul Brenta (PD). Rapporto Ambientale al Piano di Assetto del Territorio. PREMESSO CHE ai sensi dell art.

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE DOCUMENTO CONCLUSIVO DEL TAVOLO TECNICO STATO REGIONI INDIRIZZI OPERATIVI

Dettagli

2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale Servizio della Statistica regionale Via XXIX Novembre

Dettagli

La giurisprudenza costituzionale relativa al riparto di competenze tra Stato e Regioni in materia di «ambiente» e di «beni culturali» Indice sommario

La giurisprudenza costituzionale relativa al riparto di competenze tra Stato e Regioni in materia di «ambiente» e di «beni culturali» Indice sommario La giurisprudenza costituzionale relativa al riparto di competenze tra Stato e Regioni in materia di «ambiente» e di «beni culturali» Indice sommario a cura di M. Bellocci e P. Passaglia Parte I Le principali

Dettagli

1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA. 1.1 - L erosione dell acqua

1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA. 1.1 - L erosione dell acqua 1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA 1.1 - L erosione dell acqua Gocce d acqua precipitano urtando con violenza il suolo coperto da detriti (foglie, rami, steli d erba,... fig. 1.1). A qualche centimetro

Dettagli

Introduzione... 3. 4.2 Passi metodologici per la definizione delle classi acustiche parametriche II, III, IV...7

Introduzione... 3. 4.2 Passi metodologici per la definizione delle classi acustiche parametriche II, III, IV...7 Criteri e linee guida per la redazione dei Piani comunali di classificazione acustica del territorio, ai sensi dell articolo 18, comma 1, lettera a) della legge regionale 18 giugno 2007, n. 16. INDICE

Dettagli

Il lupo in Emilia-Romagna Strategie di convivenza e gestione dei conflitti

Il lupo in Emilia-Romagna Strategie di convivenza e gestione dei conflitti Il lupo in Emilia-Romagna Strategie di convivenza e gestione dei conflitti Disegno di Edoardo Velli Il lupo in Emilia-Romagna Strategie di convivenza e gestione dei conflitti A cura di Ettore Randi, Romolo

Dettagli

exz ÉÇx _té É DOCUMENTO STRATEGICO PRELIMINARE 2007-2013 22 marzo 2006

exz ÉÇx _té É DOCUMENTO STRATEGICO PRELIMINARE 2007-2013 22 marzo 2006 exz ÉÇx _té É DOCUMENTO STRATEGICO PRELIMINARE 2007-2013 22 marzo 2006 Vers_22_marzo_ 2006 INDICE Presentazione.......2 1. IL SISTEMA REGIONE...4 1.1 Analisi di contesto... 4 1.1.1 Caratteri strutturali

Dettagli

LA MIGRAZIONE DEGLI UCCELLI di Tomasz Cofta

LA MIGRAZIONE DEGLI UCCELLI di Tomasz Cofta LA MIGRAZIONE DEGLI UCCELLI di Tomasz Cofta 1. La migrazione e l esistenza delle specie La migrazione è un processo in cui gli animali compiono viaggi ricorrenti da un area ad un altra. Molti animali (vertebrati

Dettagli

DOCUMENTO STRATEGICO PER LO SVILUPPO RURALE PROGRAMMAZIONE 2014-2020

DOCUMENTO STRATEGICO PER LO SVILUPPO RURALE PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DOCUMENTO STRATEGICO PER LO SVILUPPO RURALE PROGRAMMAZIONE 2014-2020 SETTEMBRE 2013 Sommario 1 Il quadro di riferimento 1.1 La Politica Agricola Comune 1.2 Gli obiettivi tematici e le priorità per i PSR

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA)

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) COMUNE DI STAZZEMA Medaglia d oro al valor militare PROVINCIA DI LUCCA REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA Marzo 2013 INDICE 1. LE RAGIONI E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Studio sul verde pubblico nel Comune di Roma

Studio sul verde pubblico nel Comune di Roma Studio sul verde pubblico nel Comune di Roma Roma, ottobre 2004 SOMMARIO 1. Premessa 3 2. Quadro di riferimento 4 2.1 Il sistema ambientale del Comune di Roma 4 2.2 Il verde previsto dal nuovo piano regolatore

Dettagli

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino L esperienza di lavoro intorno ai fiumi, ed in particolare nel caso

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

Free Time Area All in one Programma d intervento e Piano finanziario

Free Time Area All in one Programma d intervento e Piano finanziario DAT DEL BREMBO E DEI COLLI DI BERGAMO Distretto dell attrattività territoriale integrata turistica e commerciale Free Time Area All in one Programma d intervento e Piano finanziario Novembre 2014 PREMESSA

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

NORMATIVA INERENTE ALLA GESTIONE DEI CENTRI DI RECUPERO PER GLI ANIMALI SELVATICI (C.R.A.S.)

NORMATIVA INERENTE ALLA GESTIONE DEI CENTRI DI RECUPERO PER GLI ANIMALI SELVATICI (C.R.A.S.) NORMATIVA INERENTE ALLA GESTIONE DEI CENTRI DI RECUPERO PER GLI ANIMALI SELVATICI (C.R.A.S.) 1.1 INTRODUZIONE A partire dalla fine degli anni Sessanta si sono sviluppati in Italia dei centri adibiti alla

Dettagli