GLI ANNI DELLE COSE. Media e società italiana negli anni settanta. contributi di: FRANCESCO A NZELMO ANDREA B ELLAVITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLI ANNI DELLE COSE. Media e società italiana negli anni settanta. contributi di: FRANCESCO A NZELMO ANDREA B ELLAVITA"

Transcript

1 GLI ANNI DELLE COSE Media e società italiana negli anni settanta a cura di FAUSTO COLOMBO contributi di: FRANCESCO A NZELMO ANDREA B ELLAVITA LORENZO FACCHINOTTI Pubblicazioni dell I.S.U. Università Cattolica

2 GLI ANNI DELLE COSE Media e società italiana negli anni settanta a cura di FAUSTO COLOMBO Contributi di: FRANCESCO ANZELMO ANDREA BELLAVITA LORENZO FACCHINOTTI Milano 2000

3 2000 I.S.U. Università Cattolica Largo Gemelli, 1 Milano ISBN

4 INDICE PREMESSA...5 GLI ANNI DELLE COSE...7 di Fausto Colombo 1. Una prospettiva di studio Un decennio contraddittorio Il sistema dei media...10 PIÙ DI UN DECENNIO. GLI ANNI SETTANTA E I LIBRI...13 di Francesco Anzelmo IL CINEMA DEI MOSTRI...55 di Andrea Bellavita Una premessa metodologica Il momento creativo: il cinema dei mostri Il secondo momento: la distribuzione Il pubblico: il momento del cambiamento...72 L INDUSTRIA DISCOGRAFICA TRA PRODUZIONE E CONSUMO...83 di Lorenzo Facchinotti Transizioni di fine decennio...83 La musica progressiva...91 I cantautori...96 La programmazione RAI...98 La musica ribelle delle radio libere Il riflusso: dalla disco-music alla nuova crisi degli anni Tabelle Le classifiche Bibliografia

5

6 PREMESSA Una dispensa universitaria è sempre la traccia di un lavoro durato diverso tempo. Spesso è anche il segno della volontà di rilanciare verso il futuro, buttando il cuore oltre l ostacolo. Questa dispensa non sfugge alla regola. Tenta di sedimentare una parte dei risultati provvisori e parziali del corso di Teoria e tecniche delle comunicazioni di massa da me tenuto presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell Università Cattolica del S. Cuore di Milano nell anno 1999/2000. In particolare, riguarda il lavoro svolto per le lezioni monografiche del corso, relative appunto all industria culturale italiana negli anni settanta, e riprende così idealmente una tradizione che ha già visto nascere altre due dispense ISU negli anni passati: Studi per una storia sociale dei media in Italia (1996) e L industria culturale italiana dal 1900 alla Seconda Guerra Mondiale. Tendenze della produzione e del consumo (1997). Da quelle prima prove è nato il mio volume La cultura sottile. Media e industria culturale italiana dall ottocento agli anni novanta 1, per cui sto attualmente pensando a una revisione, soprattutto per quanto concerne i capitoli della seconda parte, dedicata al secondo dopoguerra fino all oggi. Concretamente, questa dispensa presenta alcuni dei carotaggi che uno studio di storia sociale può compiere per dare conto della fisionomia di un sistema industriale di cultura in un arco di tempo dato. In particolare, vengono presentati il sistema editoriale-librario, il circuito cinematografico e l industria discografica. Durante le lezioni sono stati presentate anche riflessioni sul sistema informativo a stampa, nonché alcune analisi dettagliate su prodotti specifici, come la produzione musicale del duo Mogol Battisti, il cinema di Sergio Leone e i fumetti di Grazia Nidasio e di Hugo Pratt. Questi contributi non hanno trovato spazio qui, ma confidiamo di poter dare loro forma editoriale più avanti, così come ci proponiamo di continuare il nostro lavoro di ricognizione, ancora ben lontano dal potersi dire completo. 1 F. Colombo, La cultura sottile, Bompiani, Milano

7 Dunque, ciò che viene qui presentato è un work in progress, che però non mi vede più solo, perché questa volta sono stato accompagnato da alcuni preziosi collaboratori, che si sono appassionati all avventura di rileggere il passato della nostra storia attraverso la curiosa lente dell industria culturale, e che mi hanno ridato entusiasmo e voglia di continuare. Per la verità, gli ultimi anni hanno visto un fiorire di saggi su questo tema, e mi dà veramente soddisfazione accorgermi che una strada fino a poco tempo fa abbastanza negletta (per non dire soggetta all ostracismo di un congruo numero di intellettuali) si è ora popolata di tanti competenti compagni di strada. Proprio lo sviluppo crescente degli studi si questi temi ha reso indispensabile da un lato una forte specializzazione nei vari settori sia in termini di contenuto che di competenza rispetto alle fonti, dall altro il conseguente lavoro d équipe, e questo spiega perché soltanto grazie alla creazione di una vera e propria squadra mi sia stato possibile affrontare un tema come quello presentato in questa dispensa. Ecco allora la necessità di ringraziare in queste pagine sia gli estensori dei singoli saggi (Francesco Anzelmo, Andrea Bellavita, Lorenzo Facchinotti), sia Anna Sfardini, che pur non avendo lasciato traccia scritta dei suoi contributi, è stata come noi impegnata nello sforzo comune. Un altro ringraziamento va ai nostri studenti, davvero protagonisti come poche altre volte con la loro attenzione, le loro domande piene di curiosità e soprattutto la molta passione dimostrata durante alcune rievocazioni. 6

8 Fausto Colombo GLI ANNI DELLE COSE 1. Una prospettiva di studio La prima domanda che credo il lettore sia autorizzato a porsi aprendo questa dispensa è: quale significato culturale può avere studiare il sistema dell industria culturale di un decennio? La dimostrazione che questa prima, istintiva domanda non è affatto ingenua consiste nella complessità della risposta. In primo luogo: qual è l obiettivo finale di ogni indagine sull industria culturale affrontata come questa con gli strumenti della storia sociale? Vorrei ribadire quanto ho affermato in altra occasione presentando un lavoro assai complesso sull industria culturale milanese: La prospettiva della storia sociale non è quella filologica nei confronti del testo, o quella collezionistica di fronte all oggetto, bensì, molto più banalmente e umilmente, quella di chi vuole guardare al cuore degli uomini delle generazioni passate e presenti, e vuole scoprire e ricostruire i loro gusti, le loro invenzioni, le loro passioni 1. Il contributo consiste dunque nel trovare qualcosa che riguarda la vicenda umana, non quella dei sistemi, delle strutture o delle tecnologie della cultura. In secondo luogo: come si isola un periodo? Date le premesse che ho appena illustrato, credo che la risposta possa essere soltanto una: vi è una consonanza tra lo sviluppo dei media e dell industria della cultura e lo zeitgeist di un certo periodo, solcato all inizio e alla fine da cesure di ordine storico, sociale, economico e culturale. Il motivo di questa consonanza sta proprio nella radice dell industria e del mercato della cultura, che ha la forma di un circuito in cui il pubblico entra in gioco 1 F. Colombo, Commenti introduttivi, in Idem (a cura di), Libri giornali e riviste a Milano. Storia delle innovazioni nell editoria milanese dall ottocento ad oggi, Abitare Segesta-AIM, Milano 1998, p

9 quanto le istituzioni politiche, economiche e culturali, e in cui quindi le tendenze si materializzano con irrisoria facilità e si traducono in simboli, strategie produttive, tendenze di consumo. In terzo luogo: quali sono i limiti di questo tipo di studi? Risposta: non credo ci siano confini netti. Bisogna arrangiarsi, fare bricolage fra sociologia e storia, fra semiotica e critica. Bisogna trovare una bussola che in buona parte è data dall esperienza. Immergersi nei fatti passati. Farli risuonare dentro. Vecchie questioni che riguardano ogni storiografia, ma più in generale ogni disciplina delle scienze umane. Le spiegazioni sono finite, per quel tanto che si può dire. Cominciamo. 2. Un decennio contraddittorio Quando cominciano gli anni settanta? Prima del settanta, naturalmente. Solo che chi viveva allora non lo sapeva, e se ne è accorto che il decennio si avviava già alla conclusione. Un passo indietro: se identifichiamo gli anni sessanta con il boom e la prima esperienza del Centrosinistra (ossia con la seconda e questa volta definitiva spinta verso la modernizzazione del Paese), ossia con un periodo in cui si è tentato di costruire una modernizzazione ben temperata che mediasse i valori tradizionali con il nuovo che avanzava, allora non vi è dubbio che gli anni settanta cominciano con la crisi di quel periodo, che certamente è collocabile nel biennio 1967/68, anno della prima contestazione studentesca presso l Università di Trento (questa è appunto l ipotesi formulata dallo storico P. Ginsborg 2 ). Per comprendere il significato di quelle prime lotte occorre guardare alle loro cause prossime e remote: In primo luogo il sistema universitario pagava la sua arretratezza, spiazzata da un afflusso massiccio di nuovi studenti, in parte frutto del boom delle nascite, in parte causato dalle riforme che avevano elevato l obbligo scolastico fino ai 14 anni (la legge è del 1962) e che avevano aperto l accesso ai corsi universitari, prima piuttosto direttivo e 2 Cfr. P. Ginsborg, Storia d Italia dal dopoguerra a oggi. Società e politica , Einaudi, Torino 1989, in particolar modo i capitoli IX e X. Sulla storia del nostro Paese in questi anni si veda anche, tra gli altri, il volume di E. Santarelli, Storia critica della repubblica. L Italia dal 1945 al 1994, Feltrinelli, Milano

10 costrittivo (a certi corsi di laurea ci si poteva iscrivere soltanto con certi diplomi di media superiore). In secondo luogo la crisi espressa dal mondo studentesco era la prima avvisaglia di un sentire diffuso che avvertiva la fine della fase espansiva del boom, e che prefigurava un futuro assai più incerto di quanto certe ingenue promesse consumistiche continuavano a sottolineare nell ufficialità dei media. In terzo luogo era il mondo giovanile, nella sua complessità ad avvertire una nuova coerenza interna, che si radicava da un lato nelle trasformazioni strutturali (industrializzazione, urbanizzazione, meridionalizzazione delle grandi città del nord a causa dell immigrazione interna), dall altro nella omogeneità dei consumi sia di merci che di cultura. È tanto vera questa autoaffermazione di identità del mondo giovanile che anche il movimento operaio troverà proprio nei giovani meridionali, estranei alle tradizionali logiche del sindacato, i più forti sostenitori di nuove forme di lotta. La base culturale del movimento antagonista che inizia nel biennio 67/68 ha poco a che vedere con il marxismo tradizionale. È piuttosto una miscela composta di testi del giovane Marx, di Mao (con riferimenti alla cosiddetta rivoluzione culturale), di Marcuse, Laing e Cooper, e quindi presenta svariati elementi di anticonsumismo, antifamilismo, alternativismo giovanile, mito della liberazione sessuale. Interessante è anche definire il limite estremo del decennio, che questa volta coincide con il suo limite di calendario: è infatti ravvisabile nel 1980, anno della cosiddetta marcia dei , la celebre manifestazione con cui quadri e altre forze sociali chiesero a voce alta la fine dell ultimo grande sciopero alla Fiat. È infatti la fine del movimento antagonista e il segnale più evidente del riflusso che già serpeggiava sotto traccia dalla seconda metà del decennio. Scegliendo come inizio e fine del periodo eventi che riguardano la lotta sociale e politica si è dato un particolare taglio interpretativo alla ricostruzione storica, taglio che qualcuno potrà non condividere. Questa scelta è comunque motivata da due ordini di ragioni: Lo scontro politico e sociale ha segnato obiettivamente (anche se in modo non esclusivo) il periodo: basti pensare alla durata delle 9

11 contestazioni studentesche (assai più lunghe che in qualunque altro Paese dopo la fiammata del 68), o al terrorismo come svolta radicale e drammatica dei conflitti di piazza, culminata con il rapimento e l uccisione di Aldo Moro nel 1978; su un altro piano, anche l esperienza della corresponsabilizzazione del PCI di Enrico Berlinguer nell appoggio agli ultimi governi del periodo segna una stagione unica del Paese. La rivolta giovanile è stata un arma determinante nell imprimere alla società italiana una spinta alla modernizzazione dei costumi che forse avrebbe altrimenti richiesto più tempo e si sarebbe esercitata con più mediazioni. Si pensi invece che in questo periodo si modifica persino la legislazione sulla morale familiare e su alcune scelte riguardanti quella che potremmo definire etica della vita (abrogazione del reato di adulterio fra il 1967 e il 1968; leggi e poi referendum sulla legalizzazione del divorzio e dell aborto), base di una qualunque convivenza civile; e d altronde, assume definitiva visibilità la questione femminile. Infine, il contrasto evidente fra questo brusco scarto di modernizzazione e il successivo riflusso, che comunque fa propri gli elementi del consumismo accentuando la pulsione alla soggettività, segnala l ambiguità profonda delle istanze che attraversarono la società italiana, che da un lato potevano apparire antagoniste, dall altro possono essere lette sotto alcuni aspetti come puramente funzionali a uno sviluppo liberal-moderno, con l accentuazione dei diritti di consumo e di garanzia rispetto a quelli di partecipazione. 3. Il sistema dei media Se dallo sguardo sulla società nel suo complesso ci lanciamo in uno zoom sul sistema dei media, il dato dell ambiguità risulta ancora più illuminante. In effetti molte istanze possono essere interpretate in modo assolutamente legittimo come istanze di democratizzazione e di partecipazione o, viceversa, come spinte al diritto al consumo. 10

12 Facciamo qualche esempio, soffermandoci in particolare su quegli aspetti che non sono stati messi a tema in questa dispensa La stampa giornalistica è segnata in questo periodo da due fenomeni: Una trasformazione del sistema legata alla nascita e alla morte di alcune esperienze del tutto nuove, dai quotidiani alternativi ( Il manifesto, Lotta Continua ) ai quotidiani ideologicocommentativi come La Repubblica e Il Giornale, fino alle esperienze di popular all inglese, come L Occhio di Rizzoli, diretto da Maurizio Costanzo, destinato a una breve e sfortunata vita. Si aggiunga a questo l esperienza del Corriere della Sera di Piero Ottone, che riuscì, con una fortunata e originale formula, a innovare il più tradizionale dei quotidiani italiani lasciandone immutato il ruolo editoriale. La scalata al sistema giornalistico italiano della Loggia P2, emblema di una concezione tipicamente nazionale del controllo dell informazione come strumento di potere (occulto e non). 3.2.Il sistema radiotelevisivo è invece caratterizzato da un lato dalla riforma della Rai, dall altro dalla nascita dell emittenza privata, prima radiofonica, poi televisiva (non a caso, il 1980 è anche l anno della nascita di Canale 5 dell imprenditore Silvio Berlusconi). Le istanze di questa doppia nascita sono almeno quattro: In primo luogo si tratta di dare conto delle obiettive trasformazioni della società italiana. Nella riforma della Rai (la nascita della terza rete è del 1979) si evidenzia l ultimo grande tentativo di governare il cambiamento dal centro politico e istituzionale, dando vita in modo ottriato a un radicamento sul territorio della produzione 3 Rimando qui a tre possibili testi di approfondimento sulla vicenda dell industria culturale nazionale: D. Forgacs, Italian Culture in the Industrial Era Cultural Industries, Politics and the Public, Manchester University Press, Manchester and New York 1990; tr. it. L industrializzazione della cultura italiana ( ), Il Mulino, Bologna 1992; M. Sorice, L industria culturale in Italia, Editori Riuniti, Roma 1998; M. Morcellini, P. De Nardis (a cura di), Società e industria culturale in Italia, Meltemi, Roma

13 televisiva e aprendo spazi (le cosiddette trasmissioni dell accesso) alle identità sparse nel Paese. In secondo luogo esplode per la prima volta in modo così ampio il localismo che si esprime nelle radio e nelle televisioni libere : un localismo che si sviluppa attraverso non tanto lo scimmiottamento di modalità appartenenti alla tradizione mediatica italiana, ma attingendo a un altra Italia sommersa, fatta ancora di bar e di pruriti, di voglia di divertimento e di sberleffo. In terzo luogo, emerge una nuova creatività, ancorata almeno culturalmente ai movimenti alternativi, che trova nei media e non più nella politica il proprio spazio espressivo (le radio politiche, da Radio Popolare a Milano, fino a Radio Alice a Bologna, che in realtà hanno il proprio specifico anche nelle innovazioni linguistiche). Infine, nasce un nuovo terreno di professionalità e di consumi, per certi versi sorprendente: esplode il cinema in televisione, esplode la pubblicità al di fuori di ogni tentativo di mantenerla entro i confini delle rubriche dedicate come Carosello ; esplode soprattutto una tecnologia televisiva che è fatta di colore (contro il bianco e nero) e di zapping attraverso varie molte scelte possibili (contro la monoliticità dell offerta monopolistica). Fu tutto selvaggio. Spesso ai confini della legalità (come dimostrano le sentenze, le controsentenze, le battaglie giudiziarie). Ma fu vero quanto il movimento antagonista. E fu la matrice di ogni possibile riflusso. Ecco dunque alcune brevi tracce di sviluppo di un indagine che è appena cominciata, e i cui frutti più evidenti si trovano nei pezzi che seguono. In tutti, si ritrova l ambiguità che ho cercato sommariamente di segnalare qui. In tutti, si trova anche l idea che comunque questo decennio abbia avuto a che fare con le cose, ossia con la trasformazione del corpo della società italiana. Alla trasformazione radicale del suo immaginario avrebbe provveduto il decennio seguente. Ma questa come si dice è un altra storia. 12

14 Francesco Anzelmo PIÙ DI UN DECENNIO. GLI ANNI SETTANTA E I LIBRI Due date mi sono parse in un primo momento significative per raccontare cosa ne è stato dei libri in Italia nel decennio settanta. Il 1968, naturalmente: ma non tanto per quanto riguarda gli eventi politici e sociali legati alla nascita del movimento degli studenti (il quale, a voler essere precisi, soprattutto per ciò che riguarda il nostro paese, si è formato un anno prima. Dell autunno 67, infatti, sono le prime occupazioni universitarie: la facoltà di sociologia di Trento a ottobre e l Università Cattolica di Milano a novembre). Piuttosto, e questo fatto riguarda più da vicino il nostro problema, nel 1968 l editore Feltrinelli pubblica Cent anni di solitudine di Gabriel Garcia Marquez. Una vicenda editoriale esemplare: un editore tradizionalmente di sinistra pubblica il capolavoro di uno scrittore sud americano (che per altro è vissuto e ha lavorato lungamente in Italia come giornalista) e raggiunge un pubblico relativamente ristretto, costituito dai soli cultori della letteratura latino americana. Passano alcuni anni, e il lavoro di Garcia Marquez diventa un vero e proprio oggetto di culto di quanti fanno parte o si sentono vicini al movimento studentesco nella prima metà degli anni settanta. Infine i diritti del libro cambiano di proprietà e passano in mano a Mondadori. Il romanzo, all inizio degli anni ottanta (1982) torna di attualità: Garcia Marquez vince il premio Nobel per la Letteratura, e questo titolo, certamente il suo più famoso, balza nuovamente in cima alle classifiche dei libri più venduti. Vicenda editoriale esemplare per tanti motivi: secondo un percorso librario che si ripete spesso, un piccolo editore acquista i diritti e pubblica uno scrittore di una certa notorietà, ma sicuramente molto distante dall essere la personalità pubblica e mediatica che di lì a poco diventerà. Alcuni, non molti, amanti della letteratura latino americana lo leggono e lo apprezzano, ma saranno necessari alcuni anni perché diventi un best- 13

15 seller. Necessario sarà soprattutto il diffondersi di un clima politico e sociale molto particolare, di un gusto che si identifica volentieri nelle atmosfere di Garcia Marquez. Cosa è successo? Franco Moretti, in Opere Mondo 1, individua almeno due elementi in Cent anni di solitudine che fecero impazzire l Europa a cavallo dei nostri due decenni: il reale fantastico e l apertura al mondo. Reale fantastico, e non, come si indica solitamente, realismo (che è una cifra stilistica, e una poetica, prettamente europea): un dato di fatto, una caratteristica che appartiene a quel particolare mondo, a quella realtà: a Haiti, scrive Carpentier, il surrealismo è nelle cose stesse: è un fatto quotidiano, collettivo, che restituisce realtà alle tecniche moderniste: che prende l avanguardia e la rimette con i piedi per terra 2. Se l Europa ha perso ormai da decenni la fiducia nella capacità dei propri discorsi di dire la realtà senza mistificarla, senza piegarla all ideologia, improvvisamente si presenta ai lettori uno scrittore che sembra in grado di produrre un discorso innocente, portato avanti con una scrittura trasparente, priva di ironia e di moltiplicazioni dei piani di senso, che dice di una realtà meravigliosa (perché ai nostri occhi quella realtà non può che essere meravigliosa) e di ridare senso al mondo a partire dalle azioni degli individui. Il colonnello Aureliano Buendia promosse trentadue sollevazioni armate e le perse tutte. Ebbe diciassette figli maschi da diciassette donne diverse, che furono sterminati l uno dopo l altro in una sola notte, prima che il maggiore compisse trentacinque anni. Sfuggì a quattordici attentati, a settantatre imboscate, e a un plotone di esecuzione. Sopravvisse a una dose di stricnina nel caffè Niente di astratto qui: nessuna ragione oggettiva delle guerre. Tutto ha origine da un soggetto concreto, in carne e ossa, che si ripete identico, in principio di frase, per nove lunghi periodi consecutivi. È un modo mitico di spiegare gli eventi, come ha detto tante volte Karl Popper degli dei di Omero? Certo. Ma è una spiegazione. E dopo mezzo secolo di enigmi, di spiegazioni c è sempre un gran bisogno 3. 1 Franco Moretti, Opere Mondo, Einaudi, Torino Id., p Id., p Il brano di Garcia Marquez è citato dallo stesso Moretti. 14

16 Cent anni di solitudine è, come si disse allora, un ritorno alla narrazione. Una saga familiare, i Buendia, un paese, Macondo, e intorno il corso del mondo visto da questo esatto punto, raccontato senza il ricorso a schemi e strutture concettuali, con una passione per il reale (fantastico) di cui i nostri lettori ritrovano il gusto. Ma il romanzo di Garcia Marquez, sempre secondo Moretti, ha un altra peculiarità che lo distingue dai suoi parenti più prossimi europei: l apertura al mondo. Moretti, infatti, ancora in Opere Mondo, traccia la storia di una progressiva contrazione spaziale che colpisce tutti i romanzi europei (che condividono una medesima forma epica) a partire dall Ulisse di Joyce. Così, passando attraverso I Buddeenbrook, i Viceré, il Gattopardo, la Saga dei Forsyte, la forma simbolica romanzo epico subisce un processo di delimitazione continua dello spazio scelto per gli accadimenti: dallo Stato-nazione alla città, alla casa. Neppure Cent anni di solitudine si sposta da Macondo, ma questo luogo è continuamente attraversato dal mondo: è una realtà che affiora fin dalle primissime parole del romanzo, con il ghiaccio e le guerre: e prosegue poi con le invenzioni degli zingari e i mercanti arabi, i damerini italiani e le puttane francesi, il savio catalano, l ebreo errante, l aviatore fiammingo 4. Macondo, insomma, come uno spazio in cui il meraviglioso è reale e disponibile (cioè non costruito come un progetto d avanguardia), ed è nello stesso tempo un luogo straordinariamente aperto sul mondo in tutto la sua varietà, a fronte di una narrativa italiana, vedremo meglio in seguito, sempre più provinciale e ripiegata su se stessa. Probabilmente non è del tutto legittimo trarre conclusioni immediate e dirette sulla natura del pubblico e della società che accolse entusiasta, all inizio degli anni settanta, Cent anni di solitudine, ma certamente il lettore vi trovò qualcosa di profondamente rispondente alle proprie aspettative, alla propria ricerca di senso, rispetto al reale. E il reale raccontato da Garcia Marquez è senz altro multiforme, variegato e piuttosto caotico: è, come conclude Moretti, il mondo della possibilità. Infine, questo mondo non è fuori dalla storia: la storia gli appartiene, ed è una storia in divenire: nel realismo magico, infatti, la disomogeneità del tempo storico [per cui un evento viene annunciato all inizio nelle sue estreme conseguenze nel futuro, per tornare poi 4 Id., p

17 indietro, nel resto della narrazione, a raccontare quanto conduce a quella fine, inizio dell intreccio e fine della fabula] è [ ] l indizio di una storia in cammino 5. Insomma Cent anni di solitudine, il romanzo del movimento, il romanzo del 68 e oltre, è l opera della realtà riscoperta nella sua magia, dell apertura al mondo, dove il mondo è quello della possibilità, attraversato da una storia aperta, in cammino; è l opera senza ironia, dalla scrittura trasparente, in cui le parole, insomma, servono a dire le cose, per quello che sono: È lo stile di Cent anni di solitudine questa scrittura senza polifonia e senza ironia: questa scrittura trasparente, come una bella mattina d estate, cui il romanzo deve tanto del suo successo era divenuto da tempo impossibile per la letteratura europea, che aveva scoperto l onnipresenza delle ideologie, e dunque l inesistenza di un punto di vista oggettivo. Bene, è come se un colpo di genio avesse suggerito a Garcia Marquez il desiderio segreto del lettore colto europeo: avere di nuovo fiducia nel racconto. Leggere una storia strana e complicata quanto si vuole: però, oggettiva. Leggere, insomma, un romanzo senza ideologia 6. Nel 1982 Garcia Marquez vince il premio Nobel. L editore italiano, abbiamo detto, è ora Mondadori. Secondo una strategia che caratterizza questa casa editrice, a costo di spendere ingenti somme, Mondadori preferisce acquistare i diritti di un autore nel momento in cui il suo successo è già largamente consolidato: si fa valere, insomma, il peso delle proprie dimensioni economiche. Garcia Marquez, circa dieci anni dopo è tornato d attualità : ma il pubblico, come l editore, è sicuramente cambiato, come sono cambiati i motivi di interesse e i bisogni a cui il consumo di Garcia Marquez risponde. Al bisogno di una narrazione trasparente intorno a un mondo aperto, sembra ragionevole supporre che sia subentrata la volontà di essere a conoscenza dell opera di un autore ufficialmente riconosciuto far parte della Letteratura con la L maiuscola. Prima che a Garcia Marquez, nel 1977, il premio Nobel per la letteratura era stato assegnato a Eugenio Montale. Secondo il settimanale Tuttolibri il Quaderno di quattro anni compare nella classifica dei libri più venduti: fatto più unico che raro, per una raccolta di poesia; ma le ragioni sono le stesse. 5 Id., p Id., p

18 La seconda data da cui, inizialmente, mi è sembrato interessante aprire questa indagine sui libri negli anni settanta è l ultimo anno del decennio precedente: il Nel luglio di quest anno L Istituto finanziario italiano (direttamente legato alla Fiat e alla famiglia Agnelli) acquista il 53% delle azioni della Fratelli Fabbri editori e una delle più grosse cartiere d Italia, situata in Sardegna. Un gruppo estraneo, per la prima volta nella storia del nostro paese, interviene nel mondo editoriale. La Fabbri, in pochi anni, diventerà anch essa un gruppo industriale, assorbendo la Etas Kompass, la Sonzogno, la Bietti, la De Vecchi e la Bompiani; infine si fonderà con la Rizzoli, divenendo, a tutt oggi, il secondo gruppo editoriale italiano. L editoria, tra la fine degli anni sessanta e l inizio degli anni settanta, è un buon affare : i profitti sono in continuo aumento (dal 1968 al 1971 il fatturato complessivo dell editoria registrò un incremento del 46,7%, senza considerevoli aumenti del prezzo dei libri). Ma, oltre alla possibilità di buoni guadagni, l imprenditoria italiana sembra acquisire la consapevolezza: della necessità di una restaurazione politica e sociale dopo l esplosione delle rivolte studentesche e operaie; anche il controllo dell editoria libraria sembrava essere utile per ottenere il consenso di un numero di utenti ancora più vasto rispetto agli anni sessanta 7. Nel decennio che va dal 1970 al 1979 in Italia nascono ben 545 case editrici; in quello precedente ne sono nate solo Le tirature complessive passano, tra il 1971 e il 1974, da a , con un incremento di circa il quaranta per cento rispetto alla media del decennio precedente. Eppure questa proliferazione di editori e di nuovi titoli che appaiono sugli scaffali delle librerie non impedisce che si accentui sempre più la polarizzazione tra piccole o medie imprese editoriali, a carattere per lo più artigianale, non in grado di gestire secondo criteri industriali la produzione e la distribuzione, ed editori più grossi, sempre più attenti agli aspetti di marketing del proprio lavoro, capaci di (o avviati a) dare una 7 Alberto Cadioli, L industria del romanzo, Editori Riuniti, Roma 1981, p Da quest opera sono prese anche le informazioni statistiche riportate di seguito nel testo. 8 Giuliano Vigini, Il libro e la lettura, Editrice Bibliografica, Milano 1984, p

19 organizzazione razionale alla produzione e all immissione sul mercato del prodotto librario. La formazione di gruppi editoriali, avviata intorno alla Fabbri, ma che nei decenni successivi si attuerà anche intorno a Mondadori e Longanesi, almeno nelle intenzioni dovrebbe facilitare proprio questa razionalizzazione del lavoro editoriale. L accorpamento di più marchi consente infatti la condivisione degli uffici tecnici, degli uffici stampa, della distribuzione (con un conseguente risparmio di denaro) e permette di eliminare i titoli presenti contemporaneamente nei cataloghi di più editori. Così, da una parte, tra la fine degli anni sessanta e l inizio dei settanta, l Italia vede nascere (e spesso rapidamente morire) una grossa quantità di piccoli editori, impegnati nella pubblicazione di politica, storia, economia, filosofia, spesso come iniziative parallele e strettamente legate a gruppi politici o organizzazioni studentesche e operaie. La fortuna, brevissima e in verità piuttosto contenuta di queste iniziative, sta in un generale incremento di interesse, tra il 1968 e il 1973, per la saggistica legata ai temi e ai problemi che le agitazioni di questi anni aprono. Se, ad esempio, la tiratura di libri genericamente ascrivibili nella categoria Scienze politiche e economia politica è, nel 1967, di 1176 unità, l anno dopo questa balza a 2028 volumi 9. Era, in particolare nel 68 e dopo, l ondata della saggistica (ma è parola inadatta a descrivere quel tipo di testo): un numero molto elevato di titoli e di nuovi piccoli editori [ ] Vi si incontravano (ed era inevitabile, vista la forte articolazione raggiunta dalla cultura di ricerca, anche in senso generazionale) varie tendenze; sia la spinta alla demistificazione critica della tradizione, sia la scoperta della dimensione linguistica, e della storiografia, assunte come nuove basi per un sapere antiborghese. Ma nasceva anche l ideologia dell inchiesta collettiva, dello smontare e rimontare in gruppo un fenomeno culturale e sociale [ ] Proprio attraverso questa pratica, rafforzata dalla tempesta che si abbatteva sulla scuola e da una ripresa vigorosa della ricerca in campo educativo (che assestò colpi vistosi all asse idealistico ancora predominante) vasti settori giovanili, nelle università e poi nelle scuole, erano coinvolti in un meccanismo di acculturazione alternativa 10, 9 Alberto Cadioli, L industria del romanzo, cit. p Giovanni Ragone, Un secolo di libri, Einaudi, Torino 1999, p

20 La passione per la realtà (raccontata in maniera trasparente e soprattutto senza ironia) che si intravede nella rapida diffusione di Cent anni di solitudine, ha qui, mi sembra, una sua ulteriore manifestazione, per tanti motivi diversa, ma sicuramente accomunata da quel desiderio di far parte di una storia in cammino. Dall altra parte, invece, abbiamo visto che si vanno profilando sempre più delle vere e proprie industrie editoriali, che non rimangono però certo immobili rispetto ai nuovi andamenti di questo mercato. E quindi, nonostante Mondadori, solo per citare un esempio, non si possa certo dire legata dal punto di vista ideologico al movimento, e tanto meno dal punto di vista organizzativo (come invece sono molti piccoli editori), già nel 1968 presenta negli Oscar le opere di Trockij. Se esiste una domanda di marxismo, Mondadori è già pronto a soddisfarla. Eppure, probabilmente, per raccontare le vicende del libro, della sua industria e soprattutto dei suoi lettori in questi anni, si può fare un salto molto più indietro. Potremmo andare addirittura al 1951, anno dell apparizione di una delle prime e più significative forme simboliche che hanno attraversato questi anni: The Catcher in the Rye di J.D. Salinger. Nel 1952 ne esce nel nostro paese una traduzione pirata, pubblicata da Gherardo Casini Editore, intitolata Vita da uomo, ma non se ne accorge praticamente nessuno. I pochi critici che vengono a conoscenza dell opera di Salinger, lo fanno attraverso l edizione inglese. E prima che qualcuno ne parli positivamente, e lo faccia con sufficiente autorevolezza da attrarre l attenzione di un qualche importante editore, dovranno passare altri cinque anni, quando Alberto Arbasino, nel 1958, legge e recensisce l edizione inglese economica Penguin 11. Solo nel dicembre 1961 è pronta la traduzione ufficiale, intitolata Il giovane Holden e pubblicata da Einaudi; nel marzo dell anno successivo sarà già stata stampata la seconda edizione. Perché ci interessa questo lungo racconto che in fondo nasce molto prima del periodo per noi importante e che ha dimostrato di avere in sé la forza necessaria per non rimanere legato a esso? Per una sua particolare, forse unica, capacità di racchiudere dentro di sé la storia del decennio 11 Alberto Arbasino, Il Telemaco moderno, Il Mondo, 12 agosto

Maria Teresa Serafini COME SI LEGGE (E SCRIVE) UN RACCONTO

Maria Teresa Serafini COME SI LEGGE (E SCRIVE) UN RACCONTO Maria Teresa Serafini COME SI LEGGE (E SCRIVE) UN RACCONTO STRUMENTI BOMPIANI 2009 RCS Libri S.p.A. Via Mecenate 91-20138 Milano I edizione Strumenti Bompiani maggio 2009 ISBN 978-88-452-5929-6 INDICE

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE

COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE 273 COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE L articolo di giornale è principalmente un testo che informa su una notizia, che racconta un fatto, cercando di esporre il maggior numero di elementi necessari

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Dopo il Neorealismo anni 60 neorealismo esaurimento trasformazioni economiche sociali culturali boom economico mass media nuove problematiche

Dopo il Neorealismo anni 60 neorealismo esaurimento trasformazioni economiche sociali culturali boom economico mass media nuove problematiche Dopo il Neorealismo Intorno agli anni 60 del XX secolo il neorealismo in Italia conosce un naturale esaurimento viste le profonde trasformazioni economiche ma anche sociali e culturali: il boom economico,

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Un giornale può essere di carattere politico, economico, scientifico, sportivo, di attualità, di moda e di vita femminile, di costume ed altro.

Un giornale può essere di carattere politico, economico, scientifico, sportivo, di attualità, di moda e di vita femminile, di costume ed altro. Normalmente si usa la parola giornale per una pubblicazione quotidiana dove si trovano le notizie del giorno. In un senso più largo però, questa parola si usa anche per pubblicazioni settimanali, quindicinali

Dettagli

Stelio Mattioni Lo scrittore perduto

Stelio Mattioni Lo scrittore perduto Stelio Mattioni Lo scrittore perduto Intervista a Maria Mattioni Oblique Studio 2010 Stelio Mattioni. Lo scrittore perduto. Intervista a Maria Mattioni di Annalisa Bizzarri Oblique Studio 2010 La signora

Dettagli

Valerio Ortenzi Paola Corradini

Valerio Ortenzi Paola Corradini Scrivere libri ebook, letteratura e mercato Valerio Ortenzi Paola Corradini a cura di Giulia Salvi e Rachele Esposito 1 Libri una distinzione Narrativa (Romanzo, racconto) Saggistica (trattazioni monografica)

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino Sull inglese come lingua universale La decisione

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Le traduzioni italiane di letteratura danese, una breve storia

Le traduzioni italiane di letteratura danese, una breve storia Le traduzioni italiane di letteratura danese, una breve storia Prima di affrontare questa storia molto concisa delle traduzioni italiane di letteratura danese va fatta una precisazione: per letteratura

Dettagli

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua!

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua! Ora puoi studiare ed insegnare musica nella comodità di casa tua! Se stai leggendo questo report vuol dire che ti sei iscritto alla mia lista di utenti interessati a questo nuovo progetto. Mille grazie

Dettagli

Voglio trovare un senso a questa storia. Il successo dell editoria

Voglio trovare un senso a questa storia. Il successo dell editoria EDITORIA SOCIALE: CREARE UNA RIFLESSIONE COMUNE Un fenomeno in crescita, con un pubblico di nicchia, ma una nicchia motivata. L editoria sociale punta su una rete di contatti e sul feedback con il pubblico

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

SCRIVERE UNA (BUONA) TESINA PER L ESAME DI STATO

SCRIVERE UNA (BUONA) TESINA PER L ESAME DI STATO SCRIVERE UNA (BUONA) TESINA PER L ESAME DI STATO di Aurelio Alaimo I. I. S. Caduti della Direttissima - Castiglione dei Pepoli (Bologna) aurelio.alaimo@iperbole.bologna.it (critiche, osservazioni e commenti

Dettagli

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga,

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, Saggistica Aracne Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, missionario Oblato di Maria Immacolata.

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

L AUTORE DEL MESE DI DuDag

L AUTORE DEL MESE DI DuDag L AUTORE DEL MESE DI DuDag E Novecento di Baricco, ma senza speranza! Ha la capacità dei russi di raccontare le umane cose, ma non c è un briciolo di salvezza nella sua scrittura (Alcuni commenti a Il

Dettagli

Scrivere o digitare? Questo è il problema

Scrivere o digitare? Questo è il problema Scrivere o digitare? Questo è il problema Alla carta stampata si è affiancato un fedele compagno: il web. Libro ed E-Book, lettera ed e-mail: la loro sarà convivenza o antagonismo? 1 / 6 Tempo addietro,

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

ANICA, TRA PASSATO E FUTURO

ANICA, TRA PASSATO E FUTURO ANICA, TRA PASSATO E FUTURO Documentario di Massimo De Pascale e Saverio di Biagio Regia di Saverio Di Biagio PREMESSA Il rischio di ogni anniversario è quello di risolversi in una celebrazione, magari

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015)

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) Da circa otto mesi sto svolgendo un percorso di letture ad alta

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

Il Tempo del non tempo

Il Tempo del non tempo Il Tempo del non tempo Riflettere su quanto abbiamo cercato di fare insieme con la nostra esperienza teatrale ci costringe a ricercare una coerenza metodologica che nelle nostre intenzioni e nel nostro

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

Fare l editore una professione da non improvvisare. Parola di un editor cattiva.

Fare l editore una professione da non improvvisare. Parola di un editor cattiva. Fare l editore una professione da non improvvisare. Parola di un editor cattiva. N on sarò un esperta del settore, ma nel corsivo di Livia Belardelli sulla cosiddetta editoria a pagamento apparso su Liberal

Dettagli

Agli insegnanti delle scuole marchigiane Ai docenti delle Università marchigiane Alle associazioni con finalità educative marchigiane

Agli insegnanti delle scuole marchigiane Ai docenti delle Università marchigiane Alle associazioni con finalità educative marchigiane Agli insegnanti delle scuole marchigiane Ai docenti delle Università marchigiane Alle associazioni con finalità educative marchigiane L'Università per la pace, costituita ai sensi della L.R n. 9 del 2002

Dettagli

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale avanzato intermedio elementare C2 C1 B2 B1 A2 A1 È in grado di comprendere senza sforzo praticamente tutto ciò che ascolta o legge. Sa riassumere

Dettagli

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI COMUNICATO STAMPA PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI 2014 Cresce la propensione al risparmio. Le famiglie

Dettagli

Lucio Battisti - E penso a te

Lucio Battisti - E penso a te Lucio Battisti - E penso a te Contenuti: lessico, tempo presente indicativo. Livello QCER: A2/ B1 (consolidamento presente indicativo) Tempo: 1h, 10' Sicuramente il periodo degli anni Settanta è per l'italia

Dettagli

Rilevazioni audiovisive

Rilevazioni audiovisive TRASCRIZIONE Nº 47 RADIO 3 SCIENZA ORE 11:30 DATA 14/11/2007 PIETRO GRECO (CONDUTTORE): E' dunque in discussione al Parlamento Europeo una proposta che è quella che gli esperti chiamano di pubblicità diretta

Dettagli

GIACOMO BRUNO NETWORK MARKETING 3X PARTE 1

GIACOMO BRUNO NETWORK MARKETING 3X PARTE 1 GIACOMO BRUNO NETWORK MARKETING 3X PARTE 1 I 18 Segreti per Avere Successo nel Multi-Level Marketing 2 Titolo NETWORK MARKETING 3X Autore Giacomo Bruno Editore Bruno Editore Sito internet http://www.brunoeditore.it

Dettagli

Di solito è così. Questa volta no. Ho cominciato a leggere questo libro perché dovevo comprare un frullatore. Su Amazon. Steinway to heaven

Di solito è così. Questa volta no. Ho cominciato a leggere questo libro perché dovevo comprare un frullatore. Su Amazon. Steinway to heaven Oggi gli autori riescono a pubblicarsi da soli. E, a volte, è davvero un successo. Come accade a Luca Rossi con le sue opere. Lui davvero ha costruito la sua scala per il paradiso (narrativo) Ho voglia

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

prontiatutto un iniziativa di IL PROGETTO

prontiatutto un iniziativa di IL PROGETTO prontiatutto un iniziativa di IL PROGETTO #IOLEGGOPERCHÉ 2016 IL PROGETTO, LA DINAMICA, GLI ATTORI UNA NUOVA MISSIONE PER I MESSAGGERI DELLA LETTURA: SVILUPPARE E RILANCIARE LE BIBLIOTECHE SCOLASTICHE

Dettagli

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA Il sottoscritto Gianni Montali consigliere comunale di Forza Italia,

Dettagli

Giacomo Bruno I 5 SEGRETI DEI BLOG

Giacomo Bruno I 5 SEGRETI DEI BLOG Giacomo Bruno I 5 SEGRETI DEI BLOG Report tratto da: Fare Soldi Online con Blog e MiniSiti Puoi distribuire gratuitamente questo ebook a chiunque. Puoi inserire i tuoi link affiliato. I segreti dei Blog

Dettagli

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО И НАУКАТА ОЛИМПИАДА ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК TELEFONINI CHE PASSIONE

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО И НАУКАТА ОЛИМПИАДА ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК TELEFONINI CHE PASSIONE МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО И НАУКАТА ОЛИМПИАДА ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК ОБЛАСТЕН КРЪГ 01.02.2014 VIII клас I. PROVA DI COMPRENSIONE DI TESTI ORALI Per studiare la scheda avete 3 minuti. Sentirete il testo

Dettagli

Fondazione Pirelli Educational. Scuola secondaria di I grado

Fondazione Pirelli Educational. Scuola secondaria di I grado Fondazione Pirelli Educational 2015 2016 Laboratori Fondazione Pirelli Per l anno scolastico 2015-2016 la Fondazione organizza un programma gratuito di percorsi didattici e creativi rivolto alle scuole

Dettagli

Quali i rapporti futuri tra libri, scrittura, editori e giornalisti? Come cambiano queste figure? Una tavola rotonda, a Milano, per discuterne meglio.

Quali i rapporti futuri tra libri, scrittura, editori e giornalisti? Come cambiano queste figure? Una tavola rotonda, a Milano, per discuterne meglio. Quali i rapporti futuri tra libri, scrittura, editori e giornalisti? Come cambiano queste figure? Una tavola rotonda, a Milano, per discuterne meglio. Il Master in Professione Editoria cartacea e digitale

Dettagli

CINEMA E FORMAZIONE IL CINEMA CHE STA NEL MONDO CHE STA NEL CINEMA

CINEMA E FORMAZIONE IL CINEMA CHE STA NEL MONDO CHE STA NEL CINEMA CINEMA E FORMAZIONE IL CINEMA CHE STA NEL MONDO CHE STA NEL CINEMA appunti sul convegno tenutosi a Milano, Università degli studi Bicocca, il 17 e 18 ottobre 2003 venerdì 17 Intervento di Gianni Canova,

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Il Neorealismo italiano

Il Neorealismo italiano Il Neorealismo italiano La realtà è là perché manipolarla? (Roberto Rossellini) Le formule in cui si è cercato di racchiudere l esperienza del Neorealismo riassumibili nella frase di Rossellini che titola

Dettagli

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra 1 Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra STILEMA / UNOTEATRO di e con Silvano Antonelli collaborazione drammaturgica Alessandra Guarnero Ogniqualvolta si utilizzino e

Dettagli

Pensavamo fosse. invece..

Pensavamo fosse. invece.. Pensavamo fosse. invece.. La presentazione che segue racconta il percorso scolastico di uno studente straniero con una lunga serie di bocciature alle spalle. Istituto Comprensivo Darfo2 La storia O. è

Dettagli

Focus editoria per ragazzi: tutte le cifre A cura dell Ufficio studi AIE; speciale Giornale della Libreria

Focus editoria per ragazzi: tutte le cifre A cura dell Ufficio studi AIE; speciale Giornale della Libreria Focus editoria per ragazzi: tutte le cifre A cura dell Ufficio studi AIE; speciale Giornale della Libreria Bambini e ragazzi leggono più dei loro genitori e libri e lettura tengono il passo rispetto all

Dettagli

Centro Internazionale di Scrittura Drammaturgica La Loggia

Centro Internazionale di Scrittura Drammaturgica La Loggia 35 Centro Internazionale di Scrittura Drammaturgica La Loggia Centro Internazionale di Scrittura Drammaturgica La Loggia internet: www.teatrinodeifondi.it e-mail: cisd@teatrinodeifondi.it Gertjan Durmishi

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN 1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN Aprile 2013 ESAME FINALE LIVELLO 3 Nome: Cognome: E-mail & numero di telefono: Numero tessera: 1 2 1. Perché Maria ha bisogno di un lavoro? PROVA DI ASCOLTO

Dettagli

ilcorpodelledonne.net formazione: nuovi occhi per la tv i 14 mag 2009 Cattiva Maestra Televisione/1

ilcorpodelledonne.net formazione: nuovi occhi per la tv i 14 mag 2009 Cattiva Maestra Televisione/1 ilcorpodelledonne.net formazione: nuovi occhi per la tv i 14 mag 2009 Cattiva Maestra Televisione/1 Chi è in grado di criticare la televisione, non guarda più la televisione, o la guarda distrattamente.

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

T r a n s e u r o p A

T r a n s e u r o p A T r a n s e u r o p A EDIZIONI a cura di errico buonanno introduzione di chiara gamberale io, chiara e l oscuro t r a n s e u r o p a inaudita big La collana si propone di mostrare il laboratorio segreto

Dettagli

Esperimenti di cittadinanza con adolescenti stranieri: i laboratori teen press

Esperimenti di cittadinanza con adolescenti stranieri: i laboratori teen press Codici Agenziadiricercasocialesc Italy20124MilanopiazzaIVNovembre1 t.+390289053913fax+390236560403 codici@codiciricerche.it www.codiciricerche.it P.Iva/codicefiscale05064170961 NOTADI RICERCA acuradi StefanoLaffi

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B 08/06/2015 COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B - Grammatica: svolgi tutti gli esercizi da p. 3 a p. 19 (tranne l es. 6 p. 19) + leggi p. 24-25 (ripasso del verbo) e svolgi gli es. da 1

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

una distribuzione presenta una produzione

una distribuzione presenta una produzione una distribuzione presenta una produzione Un documentario in dieci capitoli che racconta attraverso un viaggio in auto i sogni e le visioni della Rockstar italiana. Sarà presentato alla 72a Mostra Internazionale

Dettagli

una distribuzione presenta una produzione

una distribuzione presenta una produzione una distribuzione presenta una produzione Un documentario in dieci capitoli che racconta attraverso un viaggio in auto i sogni e le visioni della Rockstar italiana. Sarà presentato alla 72a Mostra Internazionale

Dettagli

La vendita del libro online. Le nuove forme del commercio librario

La vendita del libro online. Le nuove forme del commercio librario La vendita del libro online. Le nuove forme del commercio librario di Francesca Vannucchi La presente ricerca focalizza l attenzione sul ruolo che la rete ha assunto nella distribuzione del libro. L obiettivo

Dettagli

Giovanna - Quali sono gli argomenti che si trattano all interno di questi colloqui?

Giovanna - Quali sono gli argomenti che si trattano all interno di questi colloqui? A PROPOSITO DI COACHING Giovanna Combatti intervista Giacomo Mosca Abbiamo chiesto a Giacomo Mosca, Formatore e Coach, Counsellor in Analisi Transazionale associato al CNCP (Coordinamento Nazionale Counsellor

Dettagli

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE Conversazioni e consigli di dieci famiglie italiane Disegni di Alfredo Pompilio Dellisanti MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE (Conversazioni

Dettagli

Convinzioni e Convenzioni

Convinzioni e Convenzioni Convinzioni e Convenzioni Il mio background accademico è l Antropologia Culturale, la scienza sociale che si occupa dello studio dell uomo dal punto di vista delle sue manifestazioni culturali, ossia quegli

Dettagli

Il Tempo libero nell 800 italiano

Il Tempo libero nell 800 italiano Il Tempo libero nell 800 italiano Il tempo libero dell 800 A partire dall 800, il tempo libero diviene elemento NON secondario dell organizzazione sociale La sua evoluzione è percepibile attraverso alcuni

Dettagli

L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI

L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI L a Storia perde i pezzi. Non capita sempre, soltanto qualche volta. Alcune cose vengono rimosse, dimenticate e spesso sono gli aspetti più

Dettagli

In libreria a OTTObre

In libreria a OTTObre In libreria a OTTObre Massimo Bucchi, Italia povera Uscita: 4 ottobre Michael Moritz, Ritorno al piccolo regno Uscita: 4 ottobre Andrea Gentile, L impero familiare delle tenebre future Uscita: 11 ottobre

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Programmazione didattica

Programmazione didattica Programmazione didattica di italiano IN BASE AL LIVELLO LOGICO COGNITIVO ESPRESSIVO DELLA CLASSE E DEI PROCESSI INTELLETTIVI E PSICODINAMICI DELL ETÀ EVOLUTIVA, SI INDIVIDUANO: GLI OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana)

Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana) FICTION DI PROTOTIPI Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana) Le location ed i poli produttivi della serialità televisiva in Italia: un sistema romanocentrico

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

Come scrivere una lettera di presentazione. micidiale! (Seconda edizione)

Come scrivere una lettera di presentazione. micidiale! (Seconda edizione) Come scrivere una lettera di presentazione micidiale! (Seconda edizione) INDICE Introduzione... 4 Le basi della lettera di vendita vincente... 6 Se vuoi fare business, devi sapere come vendere...6 Cosa

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza.

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza. Le metafore della scienza di Tommaso Castellani Un dialogo tra: F. Un fisico che fa ricerca all università. I. Un fisico che si occupa di insegnamento a scuola. S. Uno studente sulla strada della fisica.

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE Documento di sintesi del Progetto Pilota AttivaMente Questo documento rappresenta un punto di arrivo di un progetto pilota interreg chiamato AttivaMente. AttivaMente è una delle

Dettagli

Favorire l inserimento umano delle giovani leve nel mondo del lavoro

Favorire l inserimento umano delle giovani leve nel mondo del lavoro I giovani non sono otri da riempire ma lampade da accendere Igino Petrone Federazione Maestri del lavoro d Italia Consolato Regionale del Molise Il Progetto Pianeta Giovani in tutto il suo percorso, è

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 SOMMARIO CAPITOLO 1 I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7 CAPITOLO 2 Il volto è la maschera rivelatrice 21 CAPITOLO 3 I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 CAPITOLO 4 Le parole

Dettagli

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Apro gli occhi e mi accorgo si essere sdraiata su un letto. [ ] La prima cosa che mi viene in mente di chiedere è come mi chiamo e quanti anni ho. È

Dettagli

Anna e Alex alle prese con i falsari

Anna e Alex alle prese con i falsari Anna e Alex alle prese con i falsari Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato: insieme, ne hanno viste delle belle. Sono proprio due

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

Primi Passi Guadagno

Primi Passi Guadagno Primi Passi Guadagno Online Questo è un report gratuito. E possibile la sua distribuzione, senza alterare i contenuti, gratuitamente. E vietata la vendita INTRODUZIONE Mai come in questo periodo è scoppiato

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΑΡΧΗ 1ΗΣ ΣΕΛΙΔΑΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΠΑΝΕΛΛΗΝΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΕΙΣΑΓΩΓΗΣ ΣΤΗΝ ΤΡΙΤΟΒΑΘΜΙΑ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΕΙΔΙΚΟΥ ΜΑΘΗΜΑΤΟΣ ΞΕΝΗΣ ΓΛΩΣΣΑΣ ΚΕΙΜΕΝΟ PERCHÉ LEGGERE I CLASSICI

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità Il percorso in quinta elementare La proposta di lavoro è finalizzata a sostenere gli alunni nella fase di passaggio alla scuola media. È necessario infatti un azione orientativa che aiuti gli alunni a

Dettagli

Concorso educativo per la Scuola Primaria

Concorso educativo per la Scuola Primaria Concorso educativo per la Scuola Primaria anno scolastico 2015-2016 GUIDA E MATERIALI DI LAVORO PER L INSEGNANTE Progetto didattico e testi: Maria Corno Progetto grafico e realizzazione editoriale: Noesis

Dettagli

VESTIRE GLI ITALIANI

VESTIRE GLI ITALIANI CANTIERI DI STORIA VI La storia contemporanea in Italia oggi: ricerche e tendenze Forlì 22-24 settembre 2011 www.sissco.it VESTIRE GLI ITALIANI Coordinatrice Emanuela Scarpellini, Università degli Studi

Dettagli

di Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero di Alessandro Bottero Ciclicamente emerge il quesito: vende ciò che vale, o vale ciò che vende? Se Natale in Sudafrica ha incassato più de L Ultimo Terrestre, questo basta da solo, a poter dire che Natale

Dettagli

La vita quotidiana. Le Schede:

La vita quotidiana. Le Schede: Civiltà La vita Italia quotidiana Le Schede: 1 La scuola italiana 2 A scuola con gli immigrati 3 Il giovane volontario 4 Il giovane consumatore 5 Il giovane lettore 6 I giovani innamorati 7 I ragazzi e

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli