INTRODUZIONE. ENERGIA ELETTRICA 6 Quantità prodotte In milioni di kwh

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INTRODUZIONE. ENERGIA ELETTRICA 6 Quantità prodotte 1897 1901 1908 1914 In milioni di kwh 75 220 1.150 2.575"

Transcript

1 INTRODUZIONE 4 Nella storia economica dell Italia l epoca in cui si colloca la ricerca è definito gli anni del decollo Nel predetto intervallo 1 : - Il Reddito nazionale che indica il valore dei beni prodotti, in un anno. Va progressivamente aumentando, cresce, tra 1897 e 1914, di più del 50%. - Il Reddito pro-capite che misura il reddito del singolo cioè la disponibilità di denaro di ogni persona si incrementa di circa il 35% - L'agricoltura scende dal 47% al 43%. l'italia è ancora, nella sostanza, un paese rurale. L'industria assume via via maggior peso, e passa dal 20% al 25%. I servizi sono stabili, stanno tra il 33% e il 32%. La situazione economica migliorò notevolmente, ma di questo accresciuto benessere, tuttavia, il Mezzogiorno partecipò in misura limitata, Si accrebbe, anzi in questo periodo il divario tra sud e nord, nonostante le leggi speciali approvate in quel periodo dal governo giolittiano a favore di alcune regioni meridionali. Unica via d uscita per i contadini, oppressi dalla miseria, rimase l emigrazione, che registrò un notevole aumento. 2 La retribuzione giornaliera, 3 salario nominale medio, era nel 1899 di L. 1,50 ( 9.482) per gli adulti e L. 0,30 ( 1.890) per i ragazzi, per una giornata di 12, 13 perfino 14 ore di lavoro. Il salario reale in Italia in quel periodo era assai basso. I beni di prima necessità erano nel 1899 in Italia nei valori medi i seguenti: Beni 4 L.1899 L.1988 Euro Pane al Kg. 0,30 0, ,97-1,13 carne bovina al Kg. 2, ,13 Vino al lt. Secondo la qualità 0,30 0, ,97-1,13 Pasta al Kg. 0, ,62 Riso al kg. 0, ,30 carne di maiale al kg. 1, ,85 sapone da bucato al pezzo 0, ,95 l'olio d'oliva al lt. 1, ,85 carbone da legna al kg. 1, ,25 Latte al lt. 0, ,81 la farina meliga (di mais) al kg. 0, ,65 i fagioli bianchi al kg. 0, ,97 In quel periodo nasce e si sviluppa il ramo dell energia elettrica. È il settore del futuro, il simbolo del progresso industriale. Il punto di svolta è la scoperta del trasporto a distanza dell'energia elettrica: può così essere utilizzato il vasto patrimonio delle cadute d'acqua. L'Italia pare liberarsi dalla schiavitù del carbone, che non possiede, ma di cui ha assoluto bisogno. Si utilizza l'acqua dei tanti fiumi e torrenti di montagna: è l'età di quello che, con un po' di esagerazione, è stato chiamato il carbone bianco. Milano è la culla dell'industria elettrica; la Banca Commerciale Italiana è la grande finanziatrice di tante imprese, nate proprio in quegli anni, la Ercole Marelli, la Compagnia Generale di Elettricità, la Tecnomasio, la Edison, la Società adriatica di elettricità. 5 ENERGIA ELETTRICA 6 Quantità prodotte In milioni di kwh C. Cartiglia Il Novecento (nella Storia 3.3) pag AA.VV. Il libro della storia volume III pag A. Esta Le origini del movimento socialista in Ciociaria pag.35 4 A. Esta op. cit. pag Statistica riportata sull Avanti! Del 21 ottobre

2 5 A Milano si fecero i primi esperimenti di illuminazione stradale permanente e fu la prima grande città d Europa che ebbe l illuminazione elettrica. Però la prima città italiana illuminata a luce elettrica fu Tivoli7 nel L inaugurazione fu effettuata il 29 agosto Nel 1892 fu attuato in campo europeo il primo trasporto di energia elettrica a grandi distanze, essa veniva trasmessa a Roma con una linea diretta di 25 chilometri di lunghezza alla tensione di volt. La produzione d energia elettrica (grafico a lato) presso ché nullo prima del 900, ebbe nel primo decennio del nuovo secolo un notevole sviluppo Un mestiere che scomparse, fu quello del lampionaio. Egli accendeva e spegneva i lampioni a gas o a petrolio, che un tempo assicuravano l illuminazione delle strade. Solo nei primi anni del 900 l illuminazione elettrica sostituì nelle città quella a gas o a petrolio. 5 C. Cartiglia Il Novecento (nella Storia 3.3) pag.735 C. Cartiglia Il Novecento (nella Storia 3.3) pag.736 e R.Lefevre Lunario Romano XI Tivoli prima città italiana illuminata ad elettricità (1886) di V.G. Pacifici. 6 5

3 6 A Paderno d Adda (Milano)[vedi foto] furono costruiti dalla società Edison gli impianti di presa e di produzione di una delle prime centrali idroelettriche del mondo, ed entrarono in funzione nel settembre La centrale idroelettrica costruita in Guarcino dalla società Noerremberg, confrontando le diverse date, fu tra le prime ad essere costruite in Italia. Divenne operativa alla fine del 1897,in quanto il 19 agosto 1897 il comune di Guarcino firmò con la suddetta società il contratto di gestione del servizio d illuminazione pubblica. Nel 1902 nel circondario di Frosinone le città che erano fornite d illuminazione elettrica erano Guarcino, Alatri, Veroli e Ferentino (alimentate dalla centrale di Guarcino) e la città di Ceprano con un impianto autonomo. 8 In quel periodo l efficienza delle lampade era espressa in candele. Per confrontare i valori espressi in candele con quelli in watt (con i quali oggi si esprime la potenza,) abbiamo utilizzato per le lampade ad incandescenza il rapporto 1 candela = 4 watt, per le lampade ad arco 1 candela = ½ watt. Le motivazioni tecniche delle suddette scelte sono descritte nella prima parte della ricerca. Analoga corrispondenza è stata fatta per confrontare i valori in lire degli anni dell epoca con il valore della lira al 1 aprile 1988 e all euro. A tale scopo è stata costruita la tabella riportata in nota 9 Il lavoro della ricerca è articolato in due parti, nella prima è descritta una breve storia dell elettricità e delle lampade, nella seconda parte ci siamo occupati degli eventi relativi all impianto dell illuminazione pubblica in Ferentino. PARTE PRIMA L EVOLUZIONE DELL ELETTRICITÀ DALLE ORIGINI FINO AL A. Esta op. cit. pag.35 9 valore storico della lira: AnnoCoefficientiCoeff. euroannocoefficienticoeff. euro ,71053, ,48143, ,89843, ,08733, ,08783, ,4128 3, ,08783, ,13923, ,08783, ,13702, ,65963, ,341 42, ,49233, ,49183, ,74093, ,32932,9873I coefficienti sono calcolati con riferimento agli indici dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, dati ISTAT. La base è stabilita pari a 1 con riferimento al mese di aprile Per l euro si è applicato il valore di cambio 1 euro = 1936,27 6

4 7 Questo periodo comprende tutta la serie di tentativi e della trasformazione incessante dei metodi tecnici attraverso cui dalle prime conoscenze dei fenomeni elettrici si è pervenuti a fissare le linee principali di quella che poi è divenuta l industria elettrica moderna. E particolarmente importante seguire le fasi di questa evoluzione per comprendere per quali ragioni la tecnica definitiva stabilì a certi livelli e quali furono le difficoltà incontrate. Le prime realizzazioni. Mentre prima di Alessandro Volta le esperienze elettriche formavano oggetto di pura curiosità, dopo la scoperta delle pile e della corrente elettrica i fisici videro la possibilità di trarne partito per risultati d interesse pratico. Sir Humphry Davy nel 1807 riuscì con la corrente elettrica a ricavare dagli alcali il potassio e il sodio liberi e a effettuare un gran numero di decomposizioni che aprirono la via all elettrochimica. J.F.D. Arago nel 1820 e negli anni successivi mostrò che con la corrente elettrica si poteva magnetizzare il ferro, compì esperienze di elettromagnetismo e costruì apparecchi che costituivano il germe di applicazioni importanti. L. Nobili nel 1825 inventò il galvanometro astatico, che fu il primo apparecchio di misura adatto per la tecnica e dal quale l industria delle misure elettriche trasse la sua origine; più tardi costruì il primo modello di motore elettrico, che è rimasto dimenticato e il cui originale si conserva nel Museo scientifico di Firenze. INVENZIONI FONDAMENTALI Macchine generatrici Dopo i primi modelli di M. Faraday e di L. Nobili 10, H. Pixii nel 1832 ideò una macchina magnetoelettrica, con un fascio di magneti che rotavano e un indotto in forma di elettromagnete fisso che poté costruire pure commercialmente, per piccole applicazioni. Appena conosciuta questa macchina, gli inventori cercarono d aumentarne la potenza. La soluzione definitiva del problema delle macchine elettriche, generatrici e motori, a corrente continua, si deve ad A. Pacinotti, sua fu l invenzione dell indotto cilindrico dentato ad anello (1864) e successivamente a tamburo.. Pacinotti comprese esattamente la ragion d essere teorica del suo tipo di macchina, la reversibilità di essa e l importanza tecnica che doveva assumere, ma non brevettò né costruì industrialmente la sua macchina. Prime lampade a incandescenza Realizzato il modo di generare le correnti, si presentò agl inventori il problema di avere sorgenti di luce elettrica. Fin ad allora si conosceva solo l arco voltaico, che non consentiva un frazionamento sufficiente. I vari tentativi che furono fatti nell intervallo fra il 1870 e il 1879 da diversi scienziati, non portarono la soluzione. Ma nell inverno quasi contemporaneamente sia l americano Thomas Alva Edison sia l inglese Joseph W. Swan inventarono la lampadina elettrica ad incandescenza, il primo, con un filamento di cotone leggermente carbonizzato, e il secondo con filamento di carbone posto in un ampolla di vetro sotto vuoto. Tecnica costruttiva delle macchine produttrici. Le prime due centrali elettriche per illuminazione pubblica furono quelle di Appleton nel Wisconsin, che alimentava 250 lampadine, e quella di Pearl Street a New York, con quattro motrici a vapore da 125 cavalli e quattro dinamo che Edison costruì con nuovi metodi per raggiungere la potenza, fino allora inusitata, di 80 kw per macchina. Ambedue queste centrali 10 il quale costruì anche un generatore a induzione 7

5 furono inaugurate nel Nello stesso anno anche a Londra fu inaugurata una centrale elettrica. 8 Prime trasmissioni di energia Attraverso questi progressi, si discuteva sulle modalità di come realizzare il trasporto elettrico della forza motrice, ma questo veniva esaminato come se fosse una tecnica separata dal resto. Le idee sulla questione, anche dal punto di vista economico, erano poco precise. In quanto si pensava che al trasporto della forza solamente nei casi in cui il costo della forza motrice fosse minore nel luogo di produzione rispetto a quello del consumo. Per avere forze motrici a buon mercato, furono messi in funzionante sin dal 1884 impianti produttivi con macchine idrauliche, così in Europa come in America. Nel 1873 il francese Fontaine diede una prima dimostrazione pratica del principio tecnico del trasporto di energia elettrica a distanza con linee a corrente continua, all Esposizione di Vienna. Nel 1890 la società Thury di Ginevra realizzò con speciali cautele dinamo ad alta tensione, per trasportare a distanza con corrente continua, ma solamente la tecnica delle correnti alternate fornì i mezzi per risolvere i problemi tecnici che sorgevano nella trasmissione a distanza l uso delle correnti continue. I SUCCESSIVI SVILUPPI DAL 1890 AL 1914 L'epoca intorno al segnò per l'elettricità il vero passaggio dalla fase eroica alla fase dello sviluppo e di progresso regolare delle diverse utilizzazioni, da quel momento la tecnica era avviata a diventare industriale regolare. Centrali elettriche produttrici. Fino al si distinguevano gli impianti produttori secondo le singole per applicazioni: impianti per luce, per trazioni elettriche e così via. Ma in seguito essi divennero presto grandi e con raggio d'azione vasto. Ragioni economiche condussero e produrre in grande, non per una o per l'altra applicazione, ma per alimentare città e anche intere provincie e vaste zone, la cui utenza comprendeva le più svariate applicazioni. Le centrali idriche furono dapprima impiantate da principio là dove erano cascate d'acqua appariscenti e importanti: Niagara, Tivoli e Terni. Successivamente furono utilizzati quei tratti di fiume dove una sufficiente portata d'acqua unita a una pendenza sufficiente era in grado di assicurare una forza motrice abbastanza concentrata ed economicamente utilizzabile. Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica. La tecnica della trasmissione a distanza prese un rapido sviluppo dal 1891 in poi. A quella data, le linee di trasmissione negli impianti industriali raggiungevano 30 e 40 km, monofasi con tensioni di e volt, e potenza di trasmissione da a kw. Il rendimento delle linee di trasmissione raggiungeva valori elevati dal 90% al 95%. Per utilizzare voltaggi più alti si ricorse al sistema trifase. La prima grande trasmissione trifase fu quella Paderno - Milano, inaugurata nel 1898 con volt tra fase e fase. La tecnica si perfezionò in seguito e verso il 1900 si arrivò a costruire linee da e volt e le distanze superate arrivarono presto ai 100 e 150 km. Nel 1910 una linea di trasmissione di 40 km era considerata modesta. Illuminazione elettrica. La lampadina elettrica a filamento di carbone nel vuoto si perfezionò dai tempi di Edison e Swan in poi. Il suo consumo specifico era diminuito (passò da 4 a 2,5 watt per candela) 8

6 mentre aumentarono notevolmente le sue ore di vita. Fino al 1906 la lampadina fu impiegata insieme con la lampada ad arco. Di quest ultima il suo impiego fu sempre limitato nonostante il suo rendimento che era di 2 e 3 candele per watt, perché richiedeva spese di consumo e servizio. 9 Grazie alle ricerche e ai diversi esperimenti l elettricità divenne una forma di energia commercialmente utile, prima nelle comunicazioni, poco tempo dopo nei processi metallurgici e di chimica leggera e infine nell'illuminazione. Dei tre l'ultimo impiego ebbe effetto economico di maggior rilievo, a causa delle sue implicazioni sociali e culturali, per la prima volta fu fornito qualcosa di utile non solo all'industria o al commercio, o al palcoscenico, ma a ogni famiglia. La dinamo di Gramme (1889) (1879) Lampada a filamento di carbone incandescente di Edison DALLE LAMPADE ALLA LAMPADINA Prima dell invenzione della lampada ad incandescenza l unico sistema per illuminazione era quello con la fiamma. La forma delle lampade era la più varia, potevano essere fisse a sospensione oppure portatili. Nel corso dei secoli la fantasia degli artisti elaborò le forme più varie, mente la tecnica costruttiva e di funzionamento rimase sostanzialmente immutata fino al 9

7 10 secolo XVIII. Nel 1780 A. Argand migliorò il tiraggio e questo produsse una migliore combustione, meno fumo, e quindi più luce. Egli inventò un becco consistente di due cilindri vuoti, concentrici tra i quali si fa passare un lucignolo circolare. Il tubo centrale vuoto, porta una corrente d aria, alla parte interna della fiamma, mentre la parte esterna è aerata per mezzo di un tubo di vetro o di mica che circonda e protegge la fiamma, appoggiandosi a una galleria traforata situata un po al di sotto del becco. In base alla natura dei corpi usati e alle condizioni d uso, si possono distinguere quatto grandi categorie di lampade: Lampade a fiamma In questo tipo di lampade, la combustione chimica è provocata, con intenso sviluppo di calore di determinate sostanze, per lo più a base di idrocarburi,(carbone, olio, petrolio) con l ossigeno dell aria. La combustione dà luogo ad una fiamma, la cui temperatura dipende dal calore che si è sviluppato. La luce prodotta è costituita è costituita dalla fiamma propriamente detta, cioè dalle particelle incandescenti emesse dal carbonio. La quantità di luce è pari al valore della temperatura raggiunta dal carbonio nella combustione. La luce emessa da questo tipo di lampade era poca e variava in base al tipo di combustibile utilizzato. Lampade ad incandescenza La luce, con questo tipo di lampade, è ottenuta portando all incandescenza dei filamenti conduttori per mezzo della corrente elettrica di conveniente intensità (effetto Joule). Si tratta sempre di luce emessa per temperatura, come nelle lampade a fiamma, però s impiega l energia elettrica, malgrado il suo costo relativamente elevato, soltanto perché questa è la forma più conveniente per somministrare calore ai fili senza eccessive perdite. Si sono costruite dapprima lampade a filamento di carbonio, funzionanti a temperature prossime a 1800, con efficienza vicine a 3 lumen per watt. Poi trovato il modo di fabbricare anche filamenti fatti di metalli poco fusibili, si sono cominciate a fabbricare lampade a filamento metallico, di efficienza prossima a 8-10 lumen per watt. Questo miglioramento è dipeso una parte dalla più elevata temperatura di funzionamento dei filamenti metallici, e in parte dalla maggiore proporzione di luce rispetto al carbonio, che quei metalli emettono a parità di temperatura. Un ulteriore progresso fu fatto intorno al 1913, nelle lampade costruite sino a quell epoca i fili erano portati all incandescenza entro palloncini di vetro nei quali era praticato il vuoto molto spinto che serviva sia ad impedire la combinazione chimica dei fili con l ossigeno dell aria, sia ad impedire che l aria portasse via calore al filamento. Lampade ad arco Sono composte da due aste conduttrici, fra le quali si mantenga una conveniente differenza di potenziale elettrico, vengono prima messe a contatto per gli estremi, e poi lievemente allontanate, si forma nell intervallo un arco elettrico: un piccolo ponte di vapori portato ad altissima temperatura dal passaggio della corrente. L arco emette una luce intensa dovuta in parte dall incandescenza dell estremità delle aste e una parte all emissione, prevalentemente per elettro luminescenza, del ponte dei vapori. Il materiale più adatto per le aste è il carbone, sotto forma di bacchette ottenute con speciali procedimenti di agglomerazione, compressione e cottura di carbone in polvere. Alla sua pasta possono essere aggiunti sali metallici adatti, i quali, volatilizzando, aumentano con la loro elettro luminescenza la luce dell arco e ne modificano il colore. La parte assiale delle bacchette è generalmente di materiale conduttore per mantenere l arco meglio centrato. 10

8 Lampade elettriche a luminescenza Sono basate sull elettro luminescenza che acquistano i gas rarefatti, allorché sono attraversati, in condizioni convenienti, dalla scarica elettrica. Le più antiche di questa categoria sono i tubi di Geissler. Sino a pochissimi anni addietro erano noti quasi esclusivamente i vapori di mercurio, il neo e l anidride carbonica, le lampade avevano la forma di tubi più o meno ripiegati o di ampolla, nelle quali penetravano gli elettrodi fra i quali veniva prodotta la scarica. 11 Vari tipi di lampadine elettriche ad incandescenza, iniziando dall alto, da sinistra verso destra, anni 1880; 1881; 1881; 1884; 1886; 1888; 1892; 1894;

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

POSTAZIONE 6: LAMPADINE, DAL CALORE ALLA LUCE

POSTAZIONE 6: LAMPADINE, DAL CALORE ALLA LUCE APPROFONDIMENTI 1. Risposta alle domande La luce viene solo dal calore? Le lampadine sono tutte uguali? Cosa sappiamo? La maggior parte della luce arriva da lampadine o candele che sono calde. I LED però

Dettagli

La seconda rivoluzione industriale

La seconda rivoluzione industriale La seconda rivoluzione industriale L Inghilterra, che si era industrializzata per prima, rimase per tutto il XIX secolo il principale paese nel commercio internazionale. Dal 1870 in poi, però, l industria

Dettagli

Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA

Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA COS È L ELETTRICITÀ Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA si produce con i generatori di corrente che possono essere chimici, meccanici oppure utilizzare l'energia del sole Generatori meccanici che producono

Dettagli

Tesina di scienze. L Elettricità. Le forze elettriche

Tesina di scienze. L Elettricità. Le forze elettriche Tesina di scienze L Elettricità Le forze elettriche In natura esistono due forme di elettricità: quella negativa e quella positiva. Queste due energie si attraggono fra loro, mentre gli stessi tipi di

Dettagli

Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce 3.1 Lampade ad incandescenza

Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce 3.1 Lampade ad incandescenza Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce Il Sole è sicuramente la sorgente più comune e facilmente disponibile. In realtà però al giorno d oggi molte attività sono svolte sotto sorgenti artificiali di tipo

Dettagli

GREEN SCHOOL COMPETITION 3. ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO «Martini» SCUOLA PRIMARIA «Colombo» Castelfranco Veneto 21 maggio 2015

GREEN SCHOOL COMPETITION 3. ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO «Martini» SCUOLA PRIMARIA «Colombo» Castelfranco Veneto 21 maggio 2015 GREEN SCHOOL COMPETITION 3 ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO «Martini» SCUOLA PRIMARIA «Colombo» Castelfranco Veneto 21 maggio 2015 RISPARMIO ENERGETICO La nostra scuola partecipa al concorso

Dettagli

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI Giovanni Petrecca Dipartimento di Ingegneria Elettrica- Facoltà di Ingegneria

Dettagli

Filtri per la saldatura e tecniche connesse requisiti di trasmissione e utilizzazioni raccomandate

Filtri per la saldatura e tecniche connesse requisiti di trasmissione e utilizzazioni raccomandate allegato 3 - protezione personale degli occhi Allegato 3 (*) Si riportano di seguito le appendici delle norme UNI EN 169 (1993), UNI EN 170 (1993) e UNI EN 171 (1993) Protezione personale degli occhi (*)

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO IPIA C.A. DALLA CHIESA OMEGNA PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO classi 4 e 5 MANUTENTORI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO prof. Massimo M. Bonini MACCHINE PER LA GENERAZIONE

Dettagli

POSTAZIONE 5: PILA, ENERGIA ELETTRICA IN TASCA

POSTAZIONE 5: PILA, ENERGIA ELETTRICA IN TASCA APPROFONDIMENTI 1. Risposta alle domande Per avere luce occorre energia? Cosa sappiamo? Per accendere la luce in casa dobbiamo collegarla alla rete elettrica, in bicicletta dobbiamo pedalare per far funzionare

Dettagli

Dreamled Enjoy the light

Dreamled Enjoy the light Dreamled Enjoy the light Soluzioni Innovative per l'illuminazione Altissimo risparmio energetico Basso impatto ambientale Altissima qualità dei prodotti SOLUZIONI INNOVATIVE PER L'ILLUMINAZIONE Dreamled

Dettagli

COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA

COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA VANTAGGI E SVANTAGGI DELLE PRINCIPALI LAMPADE UTILIZZATE NELL ILLUMINAZIONE DI FABBRICATI NON RESIDENZIALI, FABBRICHE,

Dettagli

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia 1778 Alessandro Volta, in analogia al potenziale gravitazionale definito

Dettagli

ILLUMINIAMO IL TUO FUTURO

ILLUMINIAMO IL TUO FUTURO ILLUMINIAMO IL TUO FUTURO TECNOLOGIA LED Il LED è un dispositivo elettronico che trasforma la corrente da cui è attraversato in luce e calore, non irradiato, da dissipare attraverso un apposita struttura

Dettagli

Il Risparmio Energetico

Il Risparmio Energetico Comune di Asti Settore Ambiente ed Edilizia Pubblica Il Risparmio Energetico Ing. Valerio Vittone RESPONSABILE UNITÀ OPERATIVA ACUSTICA ED ENERGIA DEL COMUNE DI ASTI Comune di Asti Settore Ambiente ed

Dettagli

Lampade a induzione magnetica:

Lampade a induzione magnetica: Lampade a induzione magnetica: tecnica e strategie Scopo di questo articolo è quello di analizzare i vantaggi e i motivi del notevole sviluppo di applicazioni illuminotecniche con l impiego di LAMPADE

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica Corrente elettrica LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Cos è la corrente elettrica? La corrente elettrica è un flusso di elettroni che si spostano dentro un conduttore dal polo negativo verso il polo positivo

Dettagli

Area Comunicazione ALLUMINIO COS' E ' COME SI RACCOGLIE. COSA DIvENTA

Area Comunicazione ALLUMINIO COS' E ' COME SI RACCOGLIE. COSA DIvENTA Area Comunicazione ALLUMINIO COS' E ' COME SI RACCOGLIE COSA DIvENTA L' ALLUMINIO Vi siete mai chiesti da dove vengono i metalli? Ce ne sono di tanti tipi e vengono tutti dalle miniere. Le miniere sono

Dettagli

invenzionii i La 2^ Rivoluzione industriale scoperte

invenzionii i La 2^ Rivoluzione industriale scoperte telefono Telegrafo senza fili automobile invenzionii i 1800 Sviluppo Industriale elettricità aereo cinema La 2^ Rivoluzione industriale Italia e altri paesi medicina ferro scoperte progressi petrolio coloranti

Dettagli

Percorso di educazione allo sviluppo sostenibile. Liceo scientifico statale B. Croce Azione F 2 FSE 2009 290 Obiettivo F2

Percorso di educazione allo sviluppo sostenibile. Liceo scientifico statale B. Croce Azione F 2 FSE 2009 290 Obiettivo F2 Educazione ambientale Percorso di educazione allo sviluppo sostenibile Liceo scientifico statale B. Croce Azione F 2 FSE 2009 290 Obiettivo F2 http://educazioneambientale.ning.com è lo spazio web dove

Dettagli

La RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

La RIVOLUZIONE INDUSTRIALE La RIVOLUZIONE INDUSTRIALE PAROLE CHIAVE Inghilterra Incremento demografico Macchina a vapore Lavoro a domicilio Carbone Mezzi di trasporto Campagne Cambiamenti sociali nel mondo lavorativo Associazioni

Dettagli

La protezione attiva

La protezione attiva LEZIONE 33 La protezione attiva L insieme delle misure di protezione che richiedono l azione di un uomo o l azionamento di un impianto sono quelle finalizzate alla precoce rilevazione dell incendio, alla

Dettagli

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone Unità n 7 Le particelle dell atomo 1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone 5. L esperimento

Dettagli

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari.

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari. Corso Per Addetto Antincendio pag. 15 CAPITOLO 3 LA COMBUSTIONE e L INCENDIO Per combustione si intende una reazione chimica di una sostanza combustibile con un comburente che da luogo allo sviluppo di

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

configurazione in un sistema) Grandezza fisica connessa al movimento reale o potenziale, macro o microscopico, di un sistema

configurazione in un sistema) Grandezza fisica connessa al movimento reale o potenziale, macro o microscopico, di un sistema ENERGIA Capacità di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: atto di produrre un cambiamento di configurazione in un sistema) Grandezza fisica connessa al movimento reale o potenziale, macro o microscopico,

Dettagli

L ENERGIA. L energia si trasforma. L energia compie lavoro. A cura di M. Aliberti

L ENERGIA. L energia si trasforma. L energia compie lavoro. A cura di M. Aliberti A cura di M. Aliberti L ENERGIA Spunti per la ricerca Che cos è l energia? Come si manifesta concretamente l energia? Quali forme può assumere? E possibile passare da una forma di energia all altra? Con

Dettagli

FONTI DI ENERGIA. Fonti energetiche primarie. Fonti energetiche secondarie. sostanza o fenomeno capace di dar luogo ad una liberazione di energia

FONTI DI ENERGIA. Fonti energetiche primarie. Fonti energetiche secondarie. sostanza o fenomeno capace di dar luogo ad una liberazione di energia FONTI DI ENERGIA sostanza o fenomeno capace di dar luogo ad una liberazione di energia Fonti energetiche primarie quelle che si trovano disponibili in natura si possono classificare in: Fonti energetiche

Dettagli

SINTESI C1. Materia ed energia

SINTESI C1. Materia ed energia Le proprietà fisiche della materia Il mondo che ci circonda è formato da un gran numero di oggetti diversi. Siano essi di origine naturale o creati dagli esseri umani questi oggetti in chimica e fisica

Dettagli

Le centrali idroelettriche

Le centrali idroelettriche Le centrali idroelettriche 1 Una centrale idroelettrica può definirsi una macchina in grado di trasformare l'energia potenziale dell'acqua, legata al fatto che l'acqua si trova ad un livello superiore

Dettagli

Forme di energia alternative

Forme di energia alternative Forme di energia alternative L energia, bene primario della nostra società, è utilizzata costantemente durante tutto l arco della giornata, da quando ci svegliamo la mattina fino a quando andiamo a dormire

Dettagli

Lavoro eseguito dalla classe III H a.s. 2012/13

Lavoro eseguito dalla classe III H a.s. 2012/13 Lavoro eseguito dalla classe III H a.s. 2012/13 La macchina a vapore macchina a vapore è stata l innovazione tecnologica fondamentale della prima rivoluzione industriale. E un dispositivo che permette

Dettagli

La combustione. Docente: prof.ssa Lobello Carmela

La combustione. Docente: prof.ssa Lobello Carmela La combustione Percorso didattico realizzato dalla classe II D Istituto d Istruzione secondaria di I grado S Francesco d Assisi Francavilla Fontana (Br) Docente: prof.ssa Lobello Carmela Perché la combustione?

Dettagli

Il trasformatore. Avvolgimento primario 220 V

Il trasformatore. Avvolgimento primario 220 V AREA 7 Elettricità e macchine Il trasformatore L induzione elettromagnetica è alla base anche del funzionamento del trasformatore, un dispositivo in grado di innalzare o abbassare la tensione alternata

Dettagli

Impianti elettrici. Impianti Meccanici 1

Impianti elettrici. Impianti Meccanici 1 Impianti Meccanici 1 Gli impianti sono soggetti ad una ampia normativa nazionale. Tali norme sono in continua evoluzione anche al fine di unificare internazionalmente le regole della buona tecnica e dell

Dettagli

Concetto di energia. La parola energia viene dal greco e significa lavoro interno en-ergon. Quindi energia è la capacità di produrre lavoro utile.

Concetto di energia. La parola energia viene dal greco e significa lavoro interno en-ergon. Quindi energia è la capacità di produrre lavoro utile. Concetti e numeri per capire meglio l energia Edgardo Curcio Presidente AIEE Verona, 7 maggio 2009 Concetto di energia Oggi si parla molto di energia e con questa parola si intendono molteplici cose alcune

Dettagli

Con i nostri prodotti si riducono i costi della bolletta elettrica fino al 90%.

Con i nostri prodotti si riducono i costi della bolletta elettrica fino al 90%. CATALOGO 2012 Tecnologia LED Mentre le altre fonti di illuminazione da anni non introducono innovazioni significative, a tecnologia LED e in forte crescita e l efficacia luminosità dei LED aumenta rapidamente

Dettagli

Generatore di Forza Elettromotrice

Generatore di Forza Elettromotrice CIRCUITI ELETTRICI Corrente Elettrica 1. La corrente elettrica è un flusso ordinato di carica elettrica. 2. L intensità di corrente elettrica (i) è definita come la quantità di carica che attraversa una

Dettagli

Antonio Meucci: inventore e tecnologo 1

Antonio Meucci: inventore e tecnologo 1 Antonio Meucci: inventore e tecnologo 1 1. Un secolo di inventori Prima di trattare specificatamente della vita di Antonio Meucci (Firenze 1808 New York 1889) conviene ricordare che essa si sovrappone

Dettagli

Fondamenti e didattica delle scienze

Fondamenti e didattica delle scienze Fondamenti e didattica delle scienze Energia Daniela Allasia Andrea De Bortoli CORSI SPECIALI - Indirizzo Scuola Primaria 73 L energia e le sue proprietà L energia e le sue proprietà La parola energia

Dettagli

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 01 - GENERALITA SUL TRASPORTO FERROVIARIO Docente: Ing. Marinella Giunta CENNI

Dettagli

Affinché un incendio si sviluppi, è necessario che si verifichino tre condizioni indicate nel "cerchio del fuoco".

Affinché un incendio si sviluppi, è necessario che si verifichino tre condizioni indicate nel cerchio del fuoco. Via Tatti, 5 20029 Turbigo (MI) Ing. Marco Cagelli Teoria della combustione Nozioni base Il cerchio del fuoco Affinché un incendio si sviluppi, è necessario che si verifichino tre condizioni indicate nel

Dettagli

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Misure e grandezze Grandezze fondamentali Grandezza fisica Simbolo della grandezza Unità di misura Simbolo dell unità di misura lunghezza

Dettagli

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA L ENERGIA e IL LAVORO Non è facile dare una definizione semplice e precisa della parola energia, perché è un concetto molto astratto che

Dettagli

LE MACCHINE ELETTROSTATICHE

LE MACCHINE ELETTROSTATICHE LE MACCHINE ELETTROSTATICHE Le macchine elettrostatiche, ideate nel XVIII secolo, sono strumenti in grado di generare elettricità statica. I generatori elettrostatici furono fra gli strumenti più importanti

Dettagli

GENERATORI DI CALORE A BIOMASSE - www.semsystem.it

GENERATORI DI CALORE A BIOMASSE - www.semsystem.it GENERATORI DI CALORE A BIOMASSE - www.semsystem.it Si definisce biomassa qualsiasi sostanza di matrice organica, vegetale o animale, destinata a fini energetici o alla produzione di ammendante agricolo,

Dettagli

Ridurre le emissioni di gas serra adeguando i sistemi in depressione

Ridurre le emissioni di gas serra adeguando i sistemi in depressione Ridurre le emissioni di gas serra adeguando i sistemi in depressione A cura di Josef Karbassi, PIAB Business Unit Manager, Automotive Introduzione Oggi, il biossido di carbonio è considerato da molti ricercatori

Dettagli

Indicatore Stato Tendenza Conoscenze Rispetto a

Indicatore Stato Tendenza Conoscenze Rispetto a Relazione sullo stato dell ambiente a Parabiago - 1 - IL FUOCO (ENERGIA)!"#$ % &''(&&")*!+ Indicatore Stato Tendenza Conoscenze Rispetto a Consumi di gas pro capite, Corretto funzionamento degli impianti

Dettagli

l energia meccanica si trasforma, integralmente e spontaneamente, in energia termica.

l energia meccanica si trasforma, integralmente e spontaneamente, in energia termica. Lezione 26 - pag.1 Lezione 26: Le macchine termiche 26.1. La conversione di energia meccanica in energia termica Sappiamo che quando un corpo cade, nel corso della caduta la sua energia meccanica, se gli

Dettagli

Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo

Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 2 Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 3 ESTINZIONE DI UN INCENDIO Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 4 5 6 Come si spegne un incendio 7 8 9 ESTINZIONE DI UN INCENDIO Come si spegne

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

Relazione descrittiva sui vantaggi di utilizzare la tecnologia a diodi led nel campo dell illuminazione. dell'illuminazione Civile ed industriale.

Relazione descrittiva sui vantaggi di utilizzare la tecnologia a diodi led nel campo dell illuminazione. dell'illuminazione Civile ed industriale. Relazione descrittiva sui vantaggi di utilizzare la tecnologia a diodi led nel campo dell illuminazione. LED Le lampade che Rappresentano il futuro dell'illuminazione Civile ed industriale. Con la recente

Dettagli

Corso competenze di base Ambito chimico

Corso competenze di base Ambito chimico Laboratorio di Chimica dell ITIS E.Majorana di Grugliasco (www.itismajo.it/chimica) Corso competenze di base Ambito chimico (Prima parte) La dispensa è stata realizzata dalla prof. A. Martini con la collaborazione,

Dettagli

caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza

caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza 6 La caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza 47 Consigli generali Lo sapete che In media una famiglia italiana spende ogni anno circa 500 per il riscaldamento, che rappresenta

Dettagli

NORME DI PRONTO INTERVENTO IN CASO DI INCENDIO DPR 577/82

NORME DI PRONTO INTERVENTO IN CASO DI INCENDIO DPR 577/82 ALLEGATO 5 PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO ART. 91 DEL D.LGS. 81/08 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA Via Bianchi n. 7/9 BRESCIA TERZO LOTTO APPALTO RIMOZIONE

Dettagli

L era delle grandi civiltà L età medioevale

L era delle grandi civiltà L età medioevale Capitolo I L ENERGIA L'energia è la capacità di un sistema fisico di compiere un lavoro. Esistono numerose forme in cui si presenta l'energia, ed è sempre possibile trasformare l'energia da una forma all'altra,

Dettagli

Progetto Ricordi Secondo Biennio - Corso di Impianti Tecnici Modulo 1 UD 3 Lez. 1 Fonti energetiche pag. 1

Progetto Ricordi Secondo Biennio - Corso di Impianti Tecnici Modulo 1 UD 3 Lez. 1 Fonti energetiche pag. 1 Modulo 1 UD 3 Lez. 1 Fonti energetiche pag. 1 Contenuto della lezione 1. Le fonti energetiche... 2 1.1. Le fonti energetiche dopo la rivoluzione industriale... 2 1.2. L energia elettrica... 3 2. Principali

Dettagli

GRANDEZZE FISICHE. Prof.ssa Paravizzini M.R.

GRANDEZZE FISICHE. Prof.ssa Paravizzini M.R. GRANDEZZE FISICHE Prof.ssa Paravizzini M.R. PROPRIETA DEL CORPO SOGGETTIVE OGGETTIVE PR.SOGGETTIVE: gusto, bellezza, freschezza, forma MISURABILI PR. OGGETTIVE: massa, temperatura, diametro, ecc.. Le misure

Dettagli

LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE Alla fine del 1700 in Inghilterra c è un grande sviluppo dell industria. Gli inventori costruiscono delle macchine per lavorare il cotone. Le macchine fanno in poco tempo e in

Dettagli

AZIONAMENTI ELETTRICI

AZIONAMENTI ELETTRICI AZIONAMENTI ELETTRICI SORGENTE ENERGIA UTENTE SUPERVISORE PROCESSO C I R C U I T O D ' I N T E R F A C C I A CONVERTITORE STATICO CIRCUITO DI CONTROLLO SENSOR I \ \ MOTORE TRASMISSIO NE MECCANICA CARICO

Dettagli

Impianti di produzione dell energia elettrica

Impianti di produzione dell energia elettrica Impianti di produzione dell energia elettrica Alberto Berizzi Dipartimento di Elettrotecnica, Politecnico di Milano e-mail: alberto.berizzi@polimi.it Energia e lavoro Lavoro è l atto di produrre un cambiamento

Dettagli

IL RISCHIO INCENDIO IL RISCHIO INCENDIO CAUSE DI INCENDI

IL RISCHIO INCENDIO IL RISCHIO INCENDIO CAUSE DI INCENDI IL RISCHIO INCENDIO Dopo aver affrontato (in parte) i temi della sicurezza trattati nel Decreto Legislativo 81/2008 affrontiamo adesso uno dei rischi più frequenti e pericolosi che potremmo trovarci di

Dettagli

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica Liceo Scientifico G. TARANTINO ALUNNO: Pellicciari Girolamo VG PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: Verificare la Prima leggi di Ohm in un circuito ohmico (o resistore) cioè verificare che l intensità di corrente

Dettagli

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico.

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico. 01 Che cosa è la fisica? In questa lezione iniziamo a studiare questa materia chiamata fisica. Spesso ti sarai fatto delle domande su come funziona il mondo e le cose che stanno attorno a te. Il compito

Dettagli

I FORNI FUSORI. Combustibile solido; Energia elettrica per produrre calore; Gas (solitamente naturale).

I FORNI FUSORI. Combustibile solido; Energia elettrica per produrre calore; Gas (solitamente naturale). I FORNI FUSORI La fusione avviene in appositi forni fusori che hanno la funzione di fornire alla carica la quantità di calore necessaria per fonderlo e surriscaldarlo (cioè portarlo ad una temperatura

Dettagli

Le sorgenti di radiazioni ottiche artificiali (ROA) non coerenti

Le sorgenti di radiazioni ottiche artificiali (ROA) non coerenti Le sorgenti di radiazioni ottiche artificiali (ROA) non coerenti Dr. Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo - Pavia Principali applicazioni

Dettagli

Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro

Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro SOMMARIO Premessa pag. 7 SEZIONE 1 - FONDAMENTI Che cosa è un incendio? pag. 9 Il triangolo del

Dettagli

Un marchio di eccellenza

Un marchio di eccellenza www.froeling.com Un marchio di eccellenza Froling si occupa da quasi cinquant anni dell utilizzo efficiente del legno come fonte di energia. Oggi il marchio Froling è sinonimo di moderna tecnica per il

Dettagli

Prodotti. Energia e telecomunicazioni Produzione e distribuzione di energia Marcella Spadoni Ottobre 2009 Testo per Storiaindustria.

Prodotti. Energia e telecomunicazioni Produzione e distribuzione di energia Marcella Spadoni Ottobre 2009 Testo per Storiaindustria. Prodotti. Energia e telecomunicazioni Produzione e distribuzione di energia Marcella Spadoni Ottobre 2009 Testo per Storiaindustria.it 1 Ad esclusivo uso didattico. Gli altri diritti riservati. Le prime

Dettagli

Lezione 42: l'induzione elettromagnetica

Lezione 42: l'induzione elettromagnetica Lezione 42 - pag.1 Lezione 42: l'induzione elettromagnetica 42.1. Gli esperimenti di Faraday L'esperimento di Oersted del 1820 dimostrò che una corrente elettrica produce un campo magnetico. Subito gli

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA Prof. Ceccarelli Antonio ITIS G. Marconi Forlì Articolazione: Elettrotecnica Disciplina: Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici A.S. 2012/13 FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA CHE COSA

Dettagli

3ULQFLSLGHOODFRPEXVWLRQH,FRPEXVWLELOL

3ULQFLSLGHOODFRPEXVWLRQH,FRPEXVWLELOL ,FRPEXVWLELOL I FRPEXVWLELOL sono sostanze capaci di bruciare, cioè in grado di dar luogo alla reazione chimica sopra descritta. Possono essere:,frpexvwlelol Solidi: ad esempio legno, carbone, carta, tessuto,

Dettagli

Tipologia dei flussi energetici

Tipologia dei flussi energetici Tipologia dei flussi energetici Corso: SISTEMI ENERGETICI - Classe: INGEGNERIA INDUSTRIALE, Laurea: INGEGNERIA MECCANICA Pag. 1 Crescita del fabbisogno di energia - Costi Legge del raddoppio del fabbisogno

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Capitolo 7 Le particelle dell atomo

Capitolo 7 Le particelle dell atomo Capitolo 7 Le particelle dell atomo 1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone 5. L esperimento

Dettagli

Le scelte energetiche

Le scelte energetiche Le scelte energetiche Il costo energetico incide sempre più nei bilanci delle aziende ristorative, per cui la scelta delle attrezzature non può più essere considerata solo in funzione delle caratteristiche

Dettagli

CONFRONTO TRA ELETTRODOTTO IN CAVO ED AEREO.

CONFRONTO TRA ELETTRODOTTO IN CAVO ED AEREO. CONFRONTO TRA ELETTRODOTTO IN CAVO ED AEREO. E luogo comune sostenere che un elettrodotto in cavo sia preferibile ad uno aereo: non è sempre vero. Parametro determinante a tal fine è la tensione nominale

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

5. I Trasferitori di Energia

5. I Trasferitori di Energia 5.1. Fonti e ricevitori trasferiscono energia 5. I Trasferitori di Le fonti di energia, come il nome lascia ben intuire, cedono energia. Da dove ricevono però l energia che cedono? La ricevono da altre

Dettagli

Tulikivi Oyj, 08.02.2010. Tulikivi-Green W10 - una soluzione per il fabbisogno di calore della vostra casa

Tulikivi Oyj, 08.02.2010. Tulikivi-Green W10 - una soluzione per il fabbisogno di calore della vostra casa Tulikivi Oyj, 08.02.2010 Tulikivi-Green W10 - una soluzione per il fabbisogno di calore della vostra casa Dati L'aumento dei costi energetici induce il consumatore ad aquistare soluzioni di riscaldamento

Dettagli

GARA NAZIONALE OPERATORI ELETTRICI Prova teorica di Elettrotecnica ed Applicazioni

GARA NAZIONALE OPERATORI ELETTRICI Prova teorica di Elettrotecnica ed Applicazioni ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO PIER ANGELO FIOCCHI Via Belfiore n.4-23900 LECCO - Tel. 0341-363310 - Fax.0341-286545 Sito web: www.istitutofiocchi.it E-mail: segreteriafiocchi@genie.it

Dettagli

Medicina Democratica

Medicina Democratica -- Rivista - Articoli della Rivista -- Articoli della Rivista Impatto ambientale causato dalla liberalizzazione della enegia elettrica in Italia II.Produzione e consumi di energia elettrica in Italia 15

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore 1 Temperatura e Calore Stati di Aggregazione Temperatura Scale Termometriche Dilatazione Termica Il Calore L Equilibrio Termico La Propagazione del Calore I Passaggi di Stato 2 Gli

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Monitor conta energia EcoDHOME serie MCEE

Monitor conta energia EcoDHOME serie MCEE Monitor conta energia EcoDHOME serie MCEE software di analisi incluso MCEE; una famiglia di monitor per ogni esigenza di monitoraggio dei consumi e della generazione di energia elettrica. Possono essere

Dettagli

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2 Approfondimento Analisi dei fumi La regolazione della combustione basata su regole pratiche pecca evidentemente di precisione anche se presenta l indubbio vantaggio dell immediatezza di esecuzione; una

Dettagli

Induzione. La nuova frontiera della cottura LE DOMANDE PIU FREQUENTI IN TEMA DI COTTURA AD INDUZIONE. TUTTE LE RISPOSTE DI

Induzione. La nuova frontiera della cottura LE DOMANDE PIU FREQUENTI IN TEMA DI COTTURA AD INDUZIONE. TUTTE LE RISPOSTE DI Induzione La nuova frontiera della cottura LE DOMANDE PIU FREQUENTI IN TEMA DI COTTURA AD INDUZIONE. TUTTE LE RISPOSTE DI B 1) L induzione è una tecnologia nuova NO, l induzione è una tecnologia innovativa,

Dettagli

1 - Tipologie di lampade per l illuminazione artificiale

1 - Tipologie di lampade per l illuminazione artificiale Marraffa Orazio, matr. 263439 Mesto Emanuele, matr. 257491 Lezione dell 11/05/2016, ore 10:30 / 13:30 INDICE: 1. Tipologie di lampade per l illuminazione artificiale 2. Apparecchi per la diffusione luminosa

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE

Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE Le proprietà degli elementi mostrano delle tendenze che possono essere predette usando il sistema periodico ed essere spiegate e comprese analizzando la

Dettagli

CENTRALE IDROELETTRICA (lettera A) ITALIA E EGITTO DOMANDE SULL ENERGIA

CENTRALE IDROELETTRICA (lettera A) ITALIA E EGITTO DOMANDE SULL ENERGIA CENTRALE IDROELETTRICA (lettera A) ITALIA E EGITTO 1. Posso utilizzare l energia delle onde? In linea di principio è possibile convertire almeno cinque tipi di energia presenti nel mare: quella delle correnti,

Dettagli

Relazione tecnica impianto autonomo per l illuminazione votiva ad alimentazione fotovoltaica

Relazione tecnica impianto autonomo per l illuminazione votiva ad alimentazione fotovoltaica 1 Relazione tecnica impianto autonomo per l illuminazione votiva ad alimentazione fotovoltaica Sistema fotovoltaico che utilizza l energia solare per alimentare lampade votive a 12V a Led a bassissimo

Dettagli

AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO. Risparmiare energia nell illuminazione

AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO. Risparmiare energia nell illuminazione Questa guida è stata realizzata in collaborazione con AIMB - Associazione Industriali Monza e Brianza e Lyte & Lyte Italy Srl Nova Milanese (MI). Suggerimenti per migliorare l utilità di queste guide e

Dettagli

Guglielmo Marconi. Reginald Fessenden Nikola Tesla

Guglielmo Marconi. Reginald Fessenden Nikola Tesla Guglielmo Marconi Reginald Fessenden Nikola Tesla Telefono mobile Telefono fisso L'invenzione della radio è frutto di una serie di esperimenti tenuti alla fine dell'ottocento che dimostravano la possibilità

Dettagli