Piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale Monitoraggio del settore tessile 1 trimestre 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale Monitoraggio del settore tessile 1 trimestre 2009"

Transcript

1 piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale monitoraggio del settore tessile 1 trimestre 2009

2 2 Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

3 1 IMPRESE ATTIVE Le imprese attive in Friuli-Venezia Giulia per l intero settore tessile (DB 17 Industrie Tessili + DB 18 Confezionamento articoli di abbigliamento e preparazione di pellicce) hanno avuto una flessione di 8 unità nel corso dell anno 2008 (vedere tabella 3) essendo passate da 558 nel I trimestre a 550 nel IV trimestre: un calo in percentuale dell 1,4%. Le situazioni più delicate si sono registrate a Gorizia, con una diminuzione di 6 imprese attive (-9,8%) e a Trieste con un calo di 4 unità (-4%); in leggera flessione Pordenone (- 1 unità; -0,6%) ed in controtendenza Udine che alla fine del 2008 vede aumentare le imprese attive di 3 unità (+1,3%). Nel I trimestre 2009 si è avuto un aumento di 1 unità sia a Pordenone (+0,6% rispetto al IV trimestre 2008) sia a Trieste (+ 1%); Gorizia ha perso ancora 1 unità (-1,8%), mentre è continuata la crescita di Udine con altre 4 imprese attive in più, per un totale di + 7 unità su base 12 mesi (I trimestre 2009 su I trimestre 2008). La crescita di Udine (da 238 a 245 unità) ha bilanciato esattamente la diminuzione complessiva di Gorizia ( da 61 a 54; -7 unità, pari all 1,5% in meno). Pordenone, nel bilancio dei 12 mesi è rimasto fermo con 158 imprese attive, mentre Trieste ne ha perse 3 (da 101 a 98, pari al -3%). Nel complesso il settore con maggiori difficoltà è quello delle Industrie tessili (vedere tabella 1 - classe Ateco DB 17) dove le tre province di Gorizia, Pordenone e Trieste registrano complessivamente una diminuzione di 8 imprese attive tra il I trimestre 2009 e il I trimestre 2008 (Gorizia -11,1%; Pordenone - 2,7%; Trieste -6,3%). Anche in questo settore Udine è in controtendenza (+3 unità; +2,7%). Il totale Friuli Venezia Giulia del settore, che nei 12 mesi ha subito la maggiore contrazione (- 5 unità; 2% in meno), mostra fortunatamente nell ultimo periodo un andamento stazionario con 248 imprese attive sia nel I trimestre 2009 che nel IV Anche nel comparto Confezionamento articoli di abbigliamento e preparazione di pellicce (tabella 2 classe Ateco DB 18) Udine si distingue, crescendo di 4 unità su base annua (+3,1%); mentre Gorizia perde pesantemente (-3 unità; -12% su base 12 mesi), andamento negativo che si ripropone pure nel breve (I trimestre 2009 su IV trimestre 2008) dove il numero di imprese attive a Gorizia passa da 24 a 22 (-8,3%). Le altre tre province mostrano tutte un incremento nel breve - il dato più significativo è per Udine (+4 unità; +3,1%) - il che porta il totale della regione ad un recupero di 5 imprese in attività (da 302 a 307 pari all 1,7% in più). 2 I DATI OCCUPAZIONALI Il grafico 1 mostra in estrema sintesi le ricadute in termini occupazionali (avviamenti e cessazioni nell intero settore tessile) per il totale Friuli-Venezia Giulia. La crescita di 40 unità del primo trimestre 2008 (121 cessazioni e 161 assunzioni) è stata ampiamente compensata dalla perdita di 85 posti di lavoro nel IV trimestre 2008 ( ) e di altre 9 unità nel I trimestre 2009 ( ). Vediamo ora le situazioni dettagliate per gli avviamenti, le cessazioni ed i relativi saldi occupazionali sia a totale regione Friuli- Venezia Giulia sia per singola provincia. 2.1 Avviamenti Gli avviamenti nel settore tessile dell intera regione Friuli-Venezia Giulia (tabelle 4 e 5) sono stati 161 nel I trimestre 2008, sono scesi a 142 nel IV trimestre 2008 (pari al -11,8%) per arrivare a 116 nel I trimestre 2009 (per una variazione del -18% rispetto al IV trimestre 2008 e del -28% rispetto al I trimestre 2008). La riduzione del numero di avviamenti è stata più sensibile per le donne, che sono passate, nei tre periodi Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 3

4 considerati, rispettivamente, da 117 a 97 ( pari al -17,1% ) e a 79 avviamenti (pari al -19% sul IV trimestre 2008 e al -32% sul I trimestre 2008). Il peso degli avviamenti per tipologia di contratto è chiaramente evidenziato nel grafico 2: nel I trimestre 2009 gli avviamenti a tempo determinato pesano il 77,6% e quelli a tempo indeterminato il 21,6%. Per i contratti di apprendistato gli avviamenti sono numericamente poco rilevanti (0,9%) e nell ultimo trimestre si sono praticamente azzerati (1 solo avviamento nel I trimestre 2009, contro i 12 del IV trimestre 2008 e gli 8 del I trimestre 2008). Nelle altre due tipologie contrattuali la riduzione più significativa in termini percentuali tra il I trimestre 2009 e il primo trimestre 2008 è il -31% degli avviamenti a tempo determinato che sono passati da 36 a 25 (-11 avviamenti), praticamente tutti concentrati tra le donne con 10 avviamenti in meno (da 28 a 18), pari al -36%. Sempre confrontando i due trimestri di inizio d anno, la riduzione più rilevante si è avuta negli avviamenti con contratto a tempo determinato che sono passati da 117 a 90; anche in questo caso dei 27 avviamenti in meno la maggior parte (-23 ) è stata registrata tra le donne. Se si considerano gli avviamenti in base all età dei lavoratori al momento dell assunzione (tabella 10) i dati più significativi in termini di riduzione si registrano nella fascia anni (da 24 a 12 e a 16 avviamenti nei tre trimestri esaminati); anche la fascia anni ha avuto una riduzione significativa nei due trimestri del 2008, ma con una ripresa nel I trimestre 2009 (da 52 a 36 e a 38 avviamenti). La fascia di età più dinamica risulta invece quella dei anni (da 49 a 55 e a 35 avviamenti). Sul totale degli avviamenti in regione le fasce anni e anni sono anche quelle che pesano di più: rispettivamente il 32,8% e il 30,2% (grafico 4). La distribuzione percentuale degli avviamenti in base alla provenienza dei lavoratori nel I trimestre 2009 (grafico 5) assegna l 81,9% agli italiani, il 14,7% agli extracomunitari e il 3,4% ai neocomunitari; non ci sono stati avviamenti di personale con provenienza comunitaria in questo trimestre. In termini assoluti (tabella 11), sempre nell intero Friuli-Venezia Giulia, gli avviamenti di lavoratori italiani sono passati da 124 nel I trimestre 2008 a 112 nel IV trimestre 2008, per arrivare a 95 nel I trimestre 2009; gli avviamenti di lavoratori comunitari sono stati 4, tutti nel IV trimestre 2008; quelli di neocomunitari sono passati da 20 a 15 e a 4 nei tre trimestri considerati e quelli degli extracomunitari da 17 a 11 per tornare a 17 nel I trimestre La riduzione più significativa, considerando il confronto tra il primo trimestre 2009 e il primo trimestre 2008, si è riscontrata tra gli italiani (-29 avviamenti pari al 23,4% in meno) e tra i neocomunitari (-16 avviamenti pari al -80%). I dati degli avviamenti per singola provincia sono riportati nelle tabelle 6 (Gorizia), 7 (Pordenone), 8 (Trieste) e 9 (Udine). A Gorizia si è passati da 38 avviamenti nel I trimestre 2008, a 18 nel trimestre di fine anno e a 15 nel I trimestre Tra il primo e l ultimo trimestre considerato c è stata una riduzione di ben 23 avviamenti pari al -60,5%. Andamenti negativi anche in provincia di Pordenone dove si è passati da 47 a 27 e a 29 avviamenti nei tre trimestri considerati. A Udine ci sono stati 78 avviamenti nel IV trimestre 2008, in crescita rispetto ai 70 del primo Nel primo trimestre 2009 i 43 avviamenti rappresentano comunque una diminuzione di 27 avviamenti (- 71,1%) rispetto al pari periodo dello scorso anno. Trieste pesa meno, in valore assoluto, in termini di avviamenti complessivi, ma la tendenza è nettamente positiva: si è passati da 6 a 19 e a 29 avviamenti nei tre trimestri considerati. Tra il primo 2009 e il primo 2008 ci sono stati 23 avviamenti in più, pari al +383 %! Negli avviamenti del I trimestre 2009 il peso di quelli relativi alle donne è stato del 68% (79 su 116) un po sotto media Gorizia con il 53% (8 su 15) mentre spicca Udine con quasi l 80% di avviamenti femminili (34 su 43). Restano vicine alla media regionale le altre due province (65% per Pordenone e 62% per Trieste). Per quanto riguarda le tipologie contrattuali, sempre con riferimento agli avviamenti del I trimestre 2009, a Trieste quelli a tempo determinato hanno rappresentato quasi il 90% (26 su 29), a Udine, in perfetta media regionale il 77% (33 su 43), a Gorizia il 73% (11 su 15) e a Pordenone, sotto la media regionale, il 69% (20 su 29) 4 Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

5 2.2 Cessazioni Le cessazioni del settore tessile in Friuli-Venezia Giulia, suddivise per genere e per tipologia di contratto, relativamente ai tre trimestri oggetto di questa relazione, sono descritte nelle tabelle 12 (Totale Regione), 13 (Gorizia), 14 (Pordenone), 15 (Trieste) e 16 (Udine). Nel I trimestre 2009, a livello regionale si sono avute sostanzialmente cessazioni sovrapponibili con quelle dello stesso periodo dello scorso anno: 125 contro 121 (donne 93 contro 90; uomini 32 contro 31). Sicuramente critico è stato il IV trimestre 2008 con 187 cessazioni, 66 in più rispetto al I trimestre (pari al +54,5%). L aumento delle cessazioni è stato del 45,6% per le donne (da 90 a 131) e dell 80,6% per gli uomini (da 31 a 56). Circa le tipologie di contratto è da rilevare come l impennata del numero delle cessazioni in regione nell ultimo trimestre 2008 sia da attribuire tutta ai contratti a tempo determinato: 112 contro 49 cessazioni, 63 in più rispetto al I trimestre (pari al +129%). Questo andamento negativo in regione è stato causato in grande misura da Udine con un aumento di 57 cessazioni (da 40 a 97, pari al +142%). Nelle altre tre province, nel corso del 2008, non ci sono state variazioni significative sul totale delle cessazioni, salvo delle compensazioni tra i contratti a tempo determinato (più cessazioni) e i contratti a tempo indeterminato (meno cessazioni). Nel primo trimestre 2009 c è stata una riduzione delle cessazioni a Gorizia (14 contro le 20 del I trimestre 2008) e a Pordenone (18 contro 46) mentre sia a Trieste che a Udine sono sensibilmente aumentate (da 15 a 29 e da 40 a 64, rispettivamente). La distribuzione percentuale per provincia delle cessazioni del I trimestre 2009 è illustrata nel grafico 6, dove si vede che il peso maggiore è di Udine con il 51,2%, seguita da Trieste con il 23,2%, Pordenone con il 14,4% e Gorizia con l 11,2%. Le sintesi per fascia di età e per provenienza dei lavoratori sono riportate, a livello regionale; nelle tabelle 17 e 18. Come si può vedere, gli aumenti delle cessazioni sono concentrati nelle prime tre fasce di età nelle quali le cessazioni sono passate da 77 a 146 e a 103 nei tre trimestri considerati, con incrementi del 90% tra il quarto e il primo trimestre 2008 (146 contro 77) e del 34% tra i due trimestri di inizio anno (103 contro 77). Circa le provenienze, il peso degli italiani è evidente e determinante per le variazioni in termini assoluti; percentualmente gli andamenti peggiori si sono avuti invece tra gli extracomunitari, dove, rispetto alle cessazioni del I trimestre 2008, quelle del quarto sono oltre il doppio (19 contro 9) e quelle del primo 2009 sono quasi il doppio (17 contro 9). 2.3 Saldo Nel primo trimestre 2008, in Friuli-Venezia Giulia, (tabella 19) il saldo complessivo tra il flusso degli avviamenti e quello delle cessazioni è stato positivo (+ 40 unità; 27 tra le donne e 13 tra gli uomini); il saldo positivo di 68 nei contratti a tempo determinato ha compensato quello negativo dell apprendistato (-1) e dei contratti a tempo indeterminato (-27). Nel IV trimestre 2008 il bilancio tra avviamenti e cessazioni è stato negativo a tutti i livelli, ad eccezione degli apprendisti (+3) e dei contratti a tempo determinato per le donne (+7); il saldo negativo complessivo di -45 unità è dovuto in larghissima misura ai contratti a tempo indeterminato (-43, di cui -41 per le donne). La riduzione complessiva di addetti al settore tessile in regione è continuata anche nel I trimestre 2009, in misura meno violenta, ma con un ulteriore saldo di -9 unità (- 14 nei contratti a tempo indeterminato, di cui -11 tra le donne). Nelle forme contrattuali a tempo determinato c è stata una tendenza opposta, con un saldo positivo di 10 addetti (+11 uomini; -1 donna). Altri 5 addetti si sono persi nel comparto apprendisti (-2 donne; -3 uomini). Nella provincia di Gorizia (tabella 20), dopo il saldo di 18 occupati in più del I trimestre 2008, di cui 15 nei contratti a tempo determinato, equamente suddivisi tra uomini e donne, non si sono avute variazioni sensibili negli altri due trimestri considerati (-3 addetti nel IV trimestre 2008 e +1 nel I trimestre 2009). A Pordenone (tabella 21) da segnalare uno swich (+20 / -20) tra i contratti a tempo determinato e quelli a tempo indeterminato nel primo trimestre 2008, senza effetto sul totale del saldo occupazionale (+1). Nel Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 5

6 trimestre di fine 2008 si è concentrata la riduzione di addetti (-22), solo parzialmente recuperata nel primo trimestre 2009 (+11). Per Trieste (tabella 22) la riduzione è avvenuta tutta nel primo 2008 (saldo -9) e non ci sono state poi variazioni significative nei saldi degli altri due trimestri considerati. Anche in questo bilancio tra avviamenti e cessazioni, è la provincia di Udine (tabella 23) che trascina l andamento dell intera regione: dopo un significativo aumento nel primo trimestre dello scorso anno (+ 30 addetti), nel trimestre finale del 2008 e nel primo 2009 si sono avuti due saldi negativi, rispettivamente di 19 e 21 addetti. Le sintesi per fascia di età e per provenienza dei lavoratori sono riportate nelle tabelle 24 e 25. Come si può vedere i saldi positivi del primo trimestre 2008 sono concentrati nelle prime tre fasce d età, con un totale di 54 addetti in più (74% donne; 26% uomini). Nel IV trimestre 2008 il calo occupazionale si è concentrato invece nelle tre fasce comprese tra i 35 e i 64 anni, con -46 addetti (85% donne; 15% uomini) Circa le provenienze, sono gli italiani e i neocomunitari ad aver avuto i saldi più alti nel I trimestre 2008 (17 e 16, rispettivamente) seguiti dagli extracomunitari (8). La riduzione di addetti nel IV trimestre 2008 è dovuta tutta agli italiani (-49); c è stato poi uno swich +8 / -8 tra neocomunitari e extracomunitari mentre i comunitari guadagnano 4 addetti. I saldi leggermente negativi del primo trimestre 2009 sono da attribuirsi sostanzialmente agli italiani (-3) e ai neocomunitari (-5). 3 GLI INDICATORI DI CRISI 3.1 Cassa Integrazione Guadagni Le ore complessive di Cassa Integrazione Guadagni (CIG) concesse nella regione Friuli-Venezia Giulia per il settore tessile nel I trimestre 2009 (tabella 28) sono state , ore (tabella 26) di Cassa Integrazione Ordinaria (CIGO) e (tabella 27) di Cassa Integrazione Straordinaria (CIGS). Il confronto con i dati del primo trimestre 2008 mostra valori complessivi simili, con una diminuzione totale dell 8,8% ( ore); completamente invertito invece il ricorso alla CIG ordinaria e straordinaria: la CIGO aumenta infatti di ore, mentre la CIGS diminuisce di ore. Il grafico 7 illustra molto chiaramente questa situazione: la CIGO pesava soltanto il 5% nel I trimestre 2008; peso salito all 80% nel IV trimestre 2008 e al 92% nel I trimestre Quest ultima rilevazione, se scendiamo a livello provinciale, vede Gorizia a ore totali (tutte di CIGO), Pordenone a ore totali (tutte di CIGO), Trieste a ore totali (anche in questo caso tutte di CIGO) e Udine a ore, tutte da attribuire a interventi di CIGS. Per la diversa natura dei due ammortizzatori, la CIGO interessa quasi esclusivamente gli operai (il 98,5% nell ultimo trimestre considerato) mentre il ricorso alla CIGS riguarda anche gli impiegati (I trimestre 2009: 65% operai e 35% impiegati). 3.2 Le Liste di Mobilità In regione il numero totale dei lavoratori posti in mobilità nel corso del I trimestre 2009 relativamente alle aziende del settore tessile (tabella 29), è in diminuzione sia rispetto al pari periodo del 2008 (12 unità contro 49; -37 unità, pari al -75,5%) sia rispetto all ultimo trimestre 2008 (12 unità contro 31; -19 unità, pari al -41,3%). Nel I trimestre 2009 non ci sono stati nuovi ricorsi alla mobilità ai sensi della legge 223/91 (erano invece 39 nel I trimestre e 15 nel IV trimestre 2008). Le posizioni aperte ai sensi della legge 236/93 (che non dà diritto ad alcuna indennità al lavoratore) hanno avuto un andamento più omogeneo (10 nel I trimestre 2008, 16 nel IV 2008 e, appunto, 12 nel I trimestre 2009). In tutti e tre i periodi sono le donne che a larga maggioranza vengono poste in mobilità (67% nel I 2008; 77% nel IV 2008 e 92% nel I 2009). 6 Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

7 La tabella 30 illustra gli stessi dati, con la suddivisione per fasce di età. Non ci sono particolari tendenze da sottolineare, salvo quando il ricorso alla mobilità in base alla legge 223/91 è numericamente significativo (come nel I trimestre 2008) dove i lavoratori posti in mobilità appartengono in larga misura alla fascia di età più elevata, conseguenza chiara di accordi tra le parti sociali che prevedono di porre prioritariamente in mobilità i lavoratori più vicini alla pensione. Nella tabella 31 si riportano le suddivisioni per la provenienza dei lavoratori posti in mobilità nei diversi periodi esaminati: gli italiani costituiscono in tutti i casi la larga maggioranza (96% nel I 2008; 84% nel IV 2008 e 100% nell ultimo periodo considerato). Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 7

8 8 Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

9 ALLEGATO STATISTICO Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 9

10 SITUAZIONE DI GRAVE DIFFICOLTÀ OCCUPAZIONALE DEL SETTORE TESSILE 1 : MONITORAGGIO DEL I TRIMESTRE 2009 Tabella 1: Imprese attive in Friuli-Venezia Giulia (DB 17 Industrie tessili) e variazioni; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 I trim 2009 su I trim 2008 I trim 2009 su IV trim 2008 v.a. v.p. v.a. v.p. Gorizia ,1% 1 3,2% Pordenone ,7% -1-1,4% Trieste ,3% 0 0,0% Udine ,7% 0 0,0% Totale ,0% 0 0,0% Fonte: Movimprese Infocamere Tabella 2: Imprese attive in Friuli-Venezia Giulia (DB 18 Confezionamento articoli di abbigliamento; preparazione di pellicce) e variazioni; I I trim 2009 su I trim 2008 I trim 2009 su IV trim 2008 v.a. v.p. v.a. v.p. Gorizia ,0% -2-8,3% Pordenone ,4% 2 2,4% Trieste ,4% 1 1,5% Udine ,1% 4 3,1% Totale ,7% 5 1,7% Fonte: Movimprese Infocamere Tabella 3: Imprese attive in Friuli-Venezia Giulia (DB 17 + DB 18) e variazioni; I I trim 2009 su I trim 2008 I trim 2009 su IV trim 2008 v.a. v.p. v.a. v.p. Gorizia ,5% -1-1,8% Pordenone ,0% 1 0,6% Trieste ,0% 1 1,0% Udine ,9% 4 1,7% Totale ,5% 5 0,9% Fonte: Movimprese Infocamere Grafico 1: Avviamenti e cessazioni in Friuli-Venezia Giulia; I I 2008 IV 2008 I 2009 assunzioni cessazioni 1 Il settore tessile è individuato dalle classi Ateco DB17 e DB18 10 Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

11 Tabella 4: Avviamenti al lavoro in Friuli-Venezia Giulia, suddivisi in base al genere e alla tipologia di contratto; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 5: Variazioni assolute e percentuali degli avviamenti al lavoro del settore tessile in Friuli-Venezia Giulia, suddivisi in base al genere e alla tipologia di contratto; I I trim 2009 su I trim 2008 I trim 2009 su IV trim 2008 v.a. v.p. v.a. v.p. F M Tot. Apprendistato % -100% -88% % -100% -92% Tempo determinato % -12% -23% % 15% -16% Tempo indeterminato % -13% -31% % -46% 9% Totale % -16% -28% % -18% -18% Tabella 6: Avviamenti al lavoro del settore tessile nella provincia di Gorizia, suddivisi in base al genere e alla tipologia di contratto; I Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 7: Avviamenti al lavoro del settore tessile nella provincia di Pordenone, suddivisi in base al genere e alla tipologia di contratto; I Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 8: Avviamenti al lavoro del settore tessile nella provincia di Trieste, suddivisi in base alla tipologia di contratto Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 11

12 Tabella 9: Avviamenti al lavoro del settore tessile nella provincia di Udine, suddivisi in base al genere e alla tipologia di contratto; I Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Grafico 2: Distribuzione percentuale in base alla tipologia di contratto degli avviamenti del I trimestre ,6% 0,9% Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato 77,6% Grafico 3: Distribuzione percentuale per provincia degli avviamenti del I trimestre ,9% 37,1% 25,0% Gorizia Pordenone Trieste Udine 25,0% 12 Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

13 Tabella 10: Avviamenti al lavoro del settore tessile in Friuli-Venezia Giulia, suddivisi in base al genere e alla fascia d età del lavoratore; I I trim 2008 IV trim 2008 I trim Totale Grafico 4: Distribuzione percentuale in base alla fascia d età del lavoratore degli avviamenti del I trimestre ,8% 6,0% 0,9% 16,4% ,8% 30,2% Tabella 11: Avviamenti al lavoro del settore tessile in Friuli-Venezia Giulia, suddivisi in base al genere e alla provenienza del lavoratore; I I trim 2008 IV trim 2008 I trim 2009 Italiani Comunitari Neocomunitari Extracomunitari Totale Grafico 5: Distribuzione percentuale in base alla provenienza del lavoratore degli avviamenti del I trimestre ,4% 14,7% 0,0% Italiani Comunitari Neocomunitari Extracomunitari 81,9% Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 13

14 Tabella 12: Cessazioni del settore tessile in Friuli-Venezia Giulia, suddivise in base al genere e alla tipologia di contratto; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 13: Cessazioni del settore tessile nella provincia di Gorizia, suddivise in base al genere e alla tipologia di contratto; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 14: Cessazioni del settore tessile nella provincia di Pordenone, suddivise in base al genere e alla tipologia di contratto; I Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 15: Cessazioni del settore tessile nella provincia di Trieste, suddivise in base al genere e alla tipologia di contratto; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 16: Cessazioni del settore tessile nella provincia di Udine, suddivisi in base al genere e alla tipologia di contratto; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 17: Cessazioni del settore tessile in Friuli-Venezia Giulia, suddivise in base al genere e alla fascia d età del lavoratore; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre Totale Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

15 Tabella 18: Cessazioni del settore tessile in Friuli-Venezia Giulia, suddivise in base al genere e alla provenienza del lavoratore; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 Italiani Comunitari Neocomunitari Extracomunitari Totale Grafico 6: Distribuzione percentuale per provincia delle cessazioni del I trimestre ,2% 14,4% Gorizia Pordenone Trieste Udine 51,2% 23,2% Tabella 19: Saldo occupazionale del settore tessile in Friuli-Venezia Giulia, suddiviso in base al genere e alla tipologia di contratto; I I trim 2008 IV trim 2008 I trim 2009 Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 20: Saldo occupazionale del settore tessile nella provincia di Gorizia, suddiviso in base al genere e alla tipologia di contratto; I Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 15

16 Tabella 21: Saldo occupazionale del settore tessile nella provincia di Pordenone, suddiviso in base al genere e alla tipologia di contratto; I Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 22: Saldo occupazionale del settore tessile nella provincia di Trieste, suddiviso in base al genere e alla tipologia di contratto; I Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 23: Saldo occupazionale del settore tessile nella provincia di Udine, suddiviso in base al genere e alla tipologia di contratto; I Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 24: Saldo occupazionale del settore tessile in Friuli-Venezia Giulia, suddiviso in base al genere e alla fascia d età del lavoratore; I Totale Tabella 25: Saldo occupazionale del settore tessile in Friuli-Venezia Giulia, suddiviso in base al genere e alla provenienza del lavoratore; I Italiani Comunitari Neocomunitari Extracomunitari Totale Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

17 Tabella 26: Ore di Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria concesse nel settore tessile in Friuli-Venezia Giulia, suddivise per tipologia di lavoratori; I Operai Impiegati Totale Operai Impiegati Totale Operai Impiegati Totale Gorizia Pordenone Trieste Udine Totale Fonte: Elaborazione su dati INPS Tabella 27: Ore di Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria concesse nel settore tessile in Friuli-Venezia Giulia, suddivise per tipologia di lavoratori; I Operai Impiegati Totale Operai Impiegati Totale Operai Impiegati Totale Gorizia Pordenone Trieste Udine Totale Fonte: Elaborazione su dati INPS Tabella 28: Ore di Cassa Integrazione Guadagni Totali concesse nel settore tessile in Friuli-Venezia Giulia, suddivise per tipologia di lavoratori; I Operai Impiegati Totale Operai Impiegati Totale Operai Impiegati Totale Gorizia Pordenone Trieste Udine Totale Fonte: Elaborazione su dati INPS Grafico 7: Distribuzione percentuale in base alla tipologia di gestione delle ore di Cassa Integrazione Guadagni concesse; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre % 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Straordinaria Ordinaria Fonte: Elaborazione su dati INPS Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 17

18 Tabella 29 - Numero di lavoratori posti in mobilità suddivisi per genere e tipologia di lista e variazioni; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 I trim 2009 su I trim 2008 I trim 2009 su IV trim 2008 v.a. v.p. v.a. v.p. L. 223/ ,0% ,0% L.236/ ,0% -4-25,0% Totale ,5% ,3% Tabella 30 - Numero di lavoratori posti in mobilità suddivisi per genere, fascia d età e tipologia di lista; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 L. 223/ Totale L.236/ Totale Totale Totale Tabella 31 - Numero di lavoratori posti in mobilità suddivisi per genere, provenienza e tipologia di lista; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 L. 223/91 Italiani Comunitari Neocomunitari Extracomunitari Totale L.236/93 Italiani Comunitari Neocomunitari Extracomunitari Totale Totale Italiani Comunitari Neocomunitari Extracomunitari Totale Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale Monitoraggio del settore elettronico 1 trimestre 2009

Piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale Monitoraggio del settore elettronico 1 trimestre 2009 piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale monitoraggio del settore elettronico 1 trimestre 2009 Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 2 1

Dettagli

Piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale Monitoraggio del settore elettronico 4 trimestre 2009

Piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale Monitoraggio del settore elettronico 4 trimestre 2009 piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale monitoraggio del settore elettronico 4 trimestre 2009 La presente scheda è stata curata da Giorgio Plazzi, esperta dell Agenzia regionale

Dettagli

Sezione 2 Tendenze del mercato del lavoro a livello provinciale CREMONA Dicembre 2014

Sezione 2 Tendenze del mercato del lavoro a livello provinciale CREMONA Dicembre 2014 Sezione 2 Tendenze del mercato del lavoro a livello provinciale CREMONA Dicembre 214 I dati relativi al III trimestre 214 mostrano qualche segnale di miglioramento nel mercato del lavoro della provincia

Dettagli

della provincia di Padova Sintesi anno 2015 A cura del Servizio Studi - Padova, marzo 2016

della provincia di Padova Sintesi anno 2015 A cura del Servizio Studi - Padova, marzo 2016 Indicatori del mercato del lavoro della provincia di Padova Sintesi anno 2015 A cura del Servizio Studi - Padova, marzo 2016 Principali indicatori del mercato del lavoro provinciale Fonti disponibili Inps

Dettagli

C8. LE ASSUNZIONI PREVISTE DELL OCCUPAZIONE DIPENDENTE SECONDO LA RILEVAZIONE EXCELSIOR

C8. LE ASSUNZIONI PREVISTE DELL OCCUPAZIONE DIPENDENTE SECONDO LA RILEVAZIONE EXCELSIOR C8. LE ASSUNZIONI PREVISTE DELL OCCUPAZIONE DIPENDENTE SECONDO LA RILEVAZIONE EXCELSIOR Il Progetto Excelsior ha rilievo con riferimento alla previsione delle variazioni occupazionali a breve termine presso

Dettagli

2. Le assunzioni non stagionali

2. Le assunzioni non stagionali 53 2. Le assunzioni non stagionali Si riportano nella tabella che segue i dati delle assunzioni non stagionali previste per il 2011 sui quali è svolta l analisi delle caratteristiche (per genere, età,

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE FRA LE IMPRESE EDILI DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D'AOSTA. Torino, 10 marzo 2010

INDAGINE CONGIUNTURALE FRA LE IMPRESE EDILI DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D'AOSTA. Torino, 10 marzo 2010 INDAGINE CONGIUNTURALE FRA LE IMPRESE EDILI DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D'AOSTA Torino, 10 marzo 2010 L indagine congiunturale dell ANCE Piemonte, avviata a giugno del 2002 e svolta con cadenza semestrale,

Dettagli

Nel quarto trimestre 2014, dati economici contrastanti denotano ancora un clima di grande incertezza

Nel quarto trimestre 2014, dati economici contrastanti denotano ancora un clima di grande incertezza Nel quarto trimestre 2014, dati economici contrastanti denotano ancora un clima di grande incertezza I dati sul comparto industriale manifatturiero cremonese del quarto trimestre 2014 vedono la ricomparsa

Dettagli

IL LAVORO DEI CITTADINI STRANIERI

IL LAVORO DEI CITTADINI STRANIERI IL LAVORO DEI CITTADINI STRANIERI Roma e provincia nel 2014 Indice I numeri più significativi... 2 Le conseguenze della Crisi economica... 3 Il contesto nazionale... 3 I numeri di Roma: la condizione occupazionale...

Dettagli

Ottobre 2012 1. 1. La Cigo, la Cigs e la Cassa in deroga (settembre 2012 e primi nove mesi 2012)

Ottobre 2012 1. 1. La Cigo, la Cigs e la Cassa in deroga (settembre 2012 e primi nove mesi 2012) Dipartimento Mercato del Lavoro Osservatorio Cassa Integrazione, Occupazione, Politiche attive del lavoro Visita il portale dell Osservatorio: www.cisl.it/osservatoriomdl Ottobre 2012 1 Indice 1. La Cigo,

Dettagli

Una lettura ragionata dei dati INPS sulle assunzioni: aggiornamento ai primi 7 mesi del 2016

Una lettura ragionata dei dati INPS sulle assunzioni: aggiornamento ai primi 7 mesi del 2016 Una lettura ragionata dei dati INPS sulle assunzioni: aggiornamento ai primi 7 mesi del 2016 A cura di Lorenzo Birindelli (settembre 2016) Sommario Tempo indeterminato e altre tipologie contrattuali 2

Dettagli

SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA ED IN EMILIA- ROMAGNA DAL 2000 AL 2012

SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA ED IN EMILIA- ROMAGNA DAL 2000 AL 2012 SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA ED IN EMILIA- ROMAGNA DAL 0 AL 2012 L Istat ha recentemente pubblicato i dati relativi alla rilevazione delle separazioni e dei divorzi condotta nel 2012 presso le cancellerie

Dettagli

Note di sintesi sull andamento del mercato del lavoro in Liguria(*) (I trimestre I trimestre 2016)

Note di sintesi sull andamento del mercato del lavoro in Liguria(*) (I trimestre I trimestre 2016) Note di sintesi sull andamento del mercato del lavoro in Liguria(*) (I trimestre 2015- I trimestre 2016) OSSERVATORIO MERCATO DEL LAVORO Giugno 2016 (*) I dati e le informazioni contenute nelle Note di

Dettagli

Forze di lavoro in provincia di Brescia

Forze di lavoro in provincia di Brescia Forze di lavoro in provincia di Brescia 2004-2014 (abstract) Rapporto elaborato a cura dell Ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio di Brescia su dati Istat. 1 INDICE 1. Forze lavoro - Tasso

Dettagli

I PROTESTI DELLA PROVINCIA DI PERUGIA

I PROTESTI DELLA PROVINCIA DI PERUGIA I PROTESTI DELLA PROVINCIA DI PERUGIA IV TRIMESTRE 2009 A cura dell Ufficio Protesti e Prezzi e dell Ufficio Studi e Ricerche Economiche Camera di Commercio di Perugia Indice L andamento dei protesti nella

Dettagli

Osservatorio Nazionale Nota trimestrale novembre 2008

Osservatorio Nazionale Nota trimestrale novembre 2008 Nota trimestrale novembre 2008 Il lavoro in somministrazione nel terzo trimestre 2008: analisi dei dati degli archivi INAIL e INPS. Occupati, giornate retribuite e missioni avviate nel terzo trimestre

Dettagli

Indagine sulle imprese del terziario di Pordenone gennaio 2011 STUDIO SUI SALDI INVERNALI

Indagine sulle imprese del terziario di Pordenone gennaio 2011 STUDIO SUI SALDI INVERNALI Indagine sulle imprese del terziario di Pordenone gennaio 2011 STUDIO SUI SALDI INVERNALI Pordenone, 14 febbraio 2011 Codice ricerca: 2010-210kr 2 presentazione del lavoro Scheda tecnica Obiettivi del

Dettagli

IL SELL-OUT MERCATO FARMACIE ITALIANE: ANNO 2015 PREMESSA METODOLOGICA

IL SELL-OUT MERCATO FARMACIE ITALIANE: ANNO 2015 PREMESSA METODOLOGICA IL SELL-OUT MERCATO FARMACIE ITALIANE: ANNO 2015 PREMESSA METODOLOGICA a cura di NEW LINE RICERCHE di MERCATO Gennaio 2016 New Line Ricerche di Mercato svolge analisi basate sulla rilevazione delle vendite

Dettagli

I NUOVI CONTRATTI DI LAVORO PER I GIOVANI

I NUOVI CONTRATTI DI LAVORO PER I GIOVANI I NUOVI CONTRATTI DI LAVORO PER I GIOVANI Un confronto tra il 2007 ed il 2010 PANEL DATA P.tta Gasparotto, 8-35131 Padova Tel. 049 8046411 Fax 049 8046444 www.datagiovani.it info@datagiovani.it I NUOVI

Dettagli

L ATTUALE QUADRO ECONOMICO 1

L ATTUALE QUADRO ECONOMICO 1 + 0,3% PIL (Fonte Istat) L ATTUALE QUADRO ECONOMICO 1 L Istat non ha ancora diffuso i dati regionali sul PIL 2015. L incremento dello 0,3% del PIL abruzzese nel 2015 è un dato Prometeia diffuso dal Cresa.

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN UMBRIA NEL 2010

IL MERCATO DEL LAVORO IN UMBRIA NEL 2010 IL MERCATO DEL LAVORO IN UMBRIA NEL Introduzione Questa scheda ha lo scopo di illustrare per grandi linee la situazione occupazionale nella regione dell Umbria nell anno alla luce dei dati della Rilevazione

Dettagli

MOVIMPRESE La demografia delle imprese in provincia di Perugia.

MOVIMPRESE La demografia delle imprese in provincia di Perugia. Note per la Stampa - 26 luglio 2016 - MOVIMPRESE La demografia delle imprese in provincia di Perugia. Il Presidente della Camera di Commercio di Perugia Giorgio Mencaroni ha presentato i dati relativi

Dettagli

Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette nel primo semestre 2012

Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette nel primo semestre 2012 Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette nel primo semestre 2012 Osservatorio sul Mercato del Lavoro della Provincia di Padova 1 Il Collocamento

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE

INDAGINE CONGIUNTURALE Le pillole di Notizie, commenti, istruzioni ed altro Direttore responsabile: Edi Sommariva Numero 09-2010 INDAGINE CONGIUNTURALE SULLA RISTORAZIONE COMMERCIALE I trimestre 2010 Ufficio studi A cura di

Dettagli

NOTA Le assunzioni a tempo indeterminato. Le tendenze nazionali 2014-2015

NOTA Le assunzioni a tempo indeterminato. Le tendenze nazionali 2014-2015 Fvg prima regione per crescita di assunzioni a (+110%). Voucher boom: ne sono stati venduti 5 milioni nel 2015 Elaborazione Ires Fvg Nel 2015 il Friuli Venezia Giulia è la regione in cui si è registrata

Dettagli

EMILIA ROMAGNA. Le previsioni al 2016: impiego di lavoro

EMILIA ROMAGNA. Le previsioni al 2016: impiego di lavoro EMILIA ROMAGNA Le previsioni al 2016: impiego di lavoro Lo scenario di previsione relativo alle dinamiche occupazionali dell Emilia Romagna tra il 2010 e il 2016 1 indica una modesta crescita dell occupazione,

Dettagli

Fonte: elaborazione di dati demografici a cura del Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica

Fonte: elaborazione di dati demografici a cura del Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2014 Edizione 1/ST/st/09.01.2015 Supera: nessuno

Dettagli

Aggiornato il sistema informativo SMAIL Emilia-Romagna sul mercato del lavoro

Aggiornato il sistema informativo SMAIL Emilia-Romagna sul mercato del lavoro Aggiornato il sistema informativo SMAIL Emilia-Romagna sul mercato del lavoro Nei tre anni della crisi (2008-2010), l occupazione del settore privato in regione è scesa dell 1,3%. Più colpite l industria

Dettagli

PROFILO MERCATO DEL LAVORO Ambito 1.2 Trieste MERCATO DEL LAVORO... 2

PROFILO MERCATO DEL LAVORO Ambito 1.2 Trieste MERCATO DEL LAVORO... 2 Sommario PROFILO MERCATO DEL LAVORO Ambito 1.2 Trieste MERCATO DEL LAVORO... 2 Tab. 1 Indicatori del mercato del lavoro in Provincia di Trieste e in Regione FVG: anni 2008-2011. Variazione 2010-2011 e

Dettagli

VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca. I CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO. AGGIORNAMENTO AL 1 febbraio 2016

VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca. I CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO. AGGIORNAMENTO AL 1 febbraio 2016 VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca I CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO. AGGIORNAMENTO AL 1 febbraio 2016 MISURE/68 4 febbraio 2016 Introduzione La regolazione del mercato del lavoro è stata oggetto

Dettagli

Cassa Integrazione, licenziamenti e disoccupazione

Cassa Integrazione, licenziamenti e disoccupazione Rilasciato il 19 giugno 212 Studi e Analisi presenta elaborazioni e indagini prodotte dal Centro Studi nei suoi ambiti d interesse Cassa Integrazione, licenziamenti e disoccupazione maggio 212 a cura di

Dettagli

2 TRIMESTRE 2015: saldi positivi per imprese giovanili, femminili e straniere

2 TRIMESTRE 2015: saldi positivi per imprese giovanili, femminili e straniere 2 TRIMESTRE 215: saldi positivi per imprese giovanili, femminili e straniere Nel secondo trimestre 215 i saldi tra iscrizioni e cessazioni di imprese liguri giovanili, femminili e straniere ( * ) risultano

Dettagli

A cura di Federico Bianchi, esperto dell Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.

A cura di Federico Bianchi, esperto dell Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. GLI INCENTIVI ALL ASSUNZIONE DI LAVORATORI DISOCCUPATI AD ELEVATA QUALIFICAZIONE O DA IMPIEGARE IN ATTIVITÀ DI RICERCA Rapporto dii moniitoraggiio 1 semestre 2010 A cura di Federico Bianchi, esperto dell

Dettagli

LA SINTESI DEL XVIII RAPPORTO ALMALAUREA SULLA CONDIZIONE OCCUPAZIONALE DEI LAUREATI

LA SINTESI DEL XVIII RAPPORTO ALMALAUREA SULLA CONDIZIONE OCCUPAZIONALE DEI LAUREATI LA SINTESI DEL XVIII RAPPORTO ALMALAUREA SULLA CONDIZIONE OCCUPAZIONALE DEI LAUREATI Il XVIII Rapporto AlmaLaurea sulla condizione occupazionale dei laureati delle 71 Università delle 73 aderenti fotografa

Dettagli

2. Le assunzioni non stagionali

2. Le assunzioni non stagionali 81 2. Le assunzioni non stagionali L analisi delle caratteristiche delle assunzioni previste (cioè per genere, età, tipo di contratto, titolo di studio, ecc ) è svolta solo sulle assunzioni non stagionali,

Dettagli

Le retribuzioni medie si sono invece mantenute più o meno stabili intorno ai 2.400 euro mensili.

Le retribuzioni medie si sono invece mantenute più o meno stabili intorno ai 2.400 euro mensili. INTRODUZIONE La presente analisi si propone di approfondire l andamento economico che ha caratterizzato la città di Roma negli ultimi anni attraverso un quadro dei dati amministrativi INPS riguardanti

Dettagli

Occupati - Totale economia livello, migliaia

Occupati - Totale economia livello, migliaia VALLE D AOSTA Le previsioni al 215: impiego di lavoro Nel corso del periodo 28-215 1, la Valle d Aosta sperimenterà una dinamica occupazionale positiva. L incremento medio annuo sarà dello.9 per cento,

Dettagli

Occupati - Totale economia livello, migliaia

Occupati - Totale economia livello, migliaia PUGLIA Le previsioni 1 al 29: impiego di lavoro Lo scenario di previsione relativo alle dinamiche occupazionali della Puglia indica una sostanziale stabilità dell occupazione nel periodo di previsione,

Dettagli

LA CONDIZIONE OCCUPAZIONALE GIOVANILE

LA CONDIZIONE OCCUPAZIONALE GIOVANILE LA CONDIZIONE OCCUPAZIONALE GIOVANILE Un primo passo verso l autonomia: conoscere il mercato del lavoro e le opportunità occupazionali Tra le principali finalità perseguite dalla Regione Friuli Venezia

Dettagli

L ECONOMIA DI GENERE NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

L ECONOMIA DI GENERE NEL FRIULI VENEZIA GIULIA L ECONOMIA DI GENERE NEL FRIULI VENEZIA GIULIA novembre 2014 Via Morpurgo 4-33100 Udine - Tel. +39 0432 273223 273224 - fax +39 0432 512408 - email: unioncamerefvg@ud.camcom.it Le differenze di genere

Dettagli

Terziario: commercio, turismo e servizi Il mercato del lavoro in Veneto 2008-2102

Terziario: commercio, turismo e servizi Il mercato del lavoro in Veneto 2008-2102 Terziario: commercio, turismo e servizi Il mercato del lavoro in Veneto 2008-2102 Report - marzo 2013 IX Congresso Fisascat Cisl Veneto Il valore fatto dalle persone Dolo(Venezia) 9-10 aprile 2013 - 2

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO I.A.A. DI BERGAMO

CAMERA DI COMMERCIO I.A.A. DI BERGAMO CAMERA DI COMMERCIO I.A.A. DI BERGAMO RISULTATI DELL INDAGINE CONGIUNTURALE NEL COMMERCIO E NEI SERVIZI NEL PRIMO TRIMESTRE (GENNAIO-MARZO) Il commercio al dettaglio nel I trimestre L indagine congiunturale

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Osservatorio trimestrale sulle unicazioni (*) -Aggiornamento al 31 dicembre 2012 - (*) - I valori indicati nelle figure che seguono rappresentano elaborazioni

Dettagli

Il mercato del lavoro in provincia di Padova

Il mercato del lavoro in provincia di Padova Il mercato del lavoro in provincia di Padova Dinamica assunzioni-cessazioni lavoratori dipendenti Gennaio - settembre 2015 3 Il mercato del lavoro in provincia di Padova Dinamica assunzioni-cessazioni

Dettagli

DOSSIER IL LAVORO AUTONOMO GIORNALISTICO (CO.CO.CO. E FREE LANCE) NEL SETTORE DELL INFORMAZIONE

DOSSIER IL LAVORO AUTONOMO GIORNALISTICO (CO.CO.CO. E FREE LANCE) NEL SETTORE DELL INFORMAZIONE DOSSIER IL LAVORO AUTONOMO GIORNALISTICO (CO.CO.CO. E FREE LANCE) NEL SETTORE DELL INFORMAZIONE Roma, 22 gennaio 2013 IL LAVORO AUTONOMO NEL GIORNALISMO Per una valutazione reale della dimensione del lavoro

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Osservatorio trimestrale sulle Telecomunicazioni (*) - Aggiornato al 3 Settembre 211 - (*) - I valori indicati nelle figure che seguono rappresentano elaborazioni

Dettagli

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 1 Lavoratori atipici e mercato del lavoro

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 1 Lavoratori atipici e mercato del lavoro Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017 Dossier 1 Lavoratori atipici e mercato del lavoro Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio Alleva Commissioni riunite

Dettagli

Occupati e forze di lavoro in provincia di Bergamo nel Primi risultati medi annui provinciali dell Indagine sulle forze di lavoro

Occupati e forze di lavoro in provincia di Bergamo nel Primi risultati medi annui provinciali dell Indagine sulle forze di lavoro Occupati e forze di lavoro in provincia di Bergamo nel 2011 Primi risultati medi annui provinciali dell Indagine sulle forze di lavoro Servizio Documentazione economica della Camera di Commercio di Bergamo

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO EXCELSIOR

SISTEMA INFORMATIVO EXCELSIOR SISTEMA INFORMATIVO EXCELSIOR LA DOMANDA DI LAVORO DELLE IMPRESE NEL II TRIMESTRE 2016 a cura della dott.ssa Anna Cagnacci Responsabile Ufficio Studi e Ricerche Economiche Camera di Commercio di Perugia

Dettagli

Censimento della popolazione

Censimento della popolazione Censimento della popolazione Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Censimento della popolazione Il 9 Ottobre 2011 si è svolto in Italia

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO LOCALE Aprile 2010

IL MERCATO DEL LAVORO LOCALE Aprile 2010 IL MERCATO DEL LAVORO LOCALE Aprile 2010 a cura del Settore Formazione, Lavoro e Istruzione della Provincia di Ravenna In questo nuovo numero continua l analisi dei dati relativi al mercato del lavoro

Dettagli

Le imprese giovanili 1 in Piemonte

Le imprese giovanili 1 in Piemonte Le imprese giovanili 1 in Piemonte A fine 2015, le imprese giovanili registrate in Italia hanno raggiunto quota 623.755 unità, il 10,3% delle imprese complessivamente censite presso i Registri delle Camere

Dettagli

Gli effetti della crisi sul lavoro in Italia settembre 2012 (Osservatorio sul mercato del lavoro Ires CGIL a cura di Giuliano Ferrucci)

Gli effetti della crisi sul lavoro in Italia settembre 2012 (Osservatorio sul mercato del lavoro Ires CGIL a cura di Giuliano Ferrucci) Gli effetti della crisi sul lavoro in Italia settembre 2012 (Osservatorio sul mercato del lavoro Ires CGIL a cura di Giuliano Ferrucci) Sommario 1. La congiuntura: luglio 2012...2 1.1 La disoccupazione

Dettagli

L occupazione delle camere nelle strutture ricettive liguri nel trimestre gennaio-marzo

L occupazione delle camere nelle strutture ricettive liguri nel trimestre gennaio-marzo Occupazione camere gennaio-marzo 2012-2013 per tipologia ricettiva (%) Alberghiero 29,8 29,7 32,5 Open air 24,3 24,6 28,0 Altro extralberghiero 19,9 18,0 24,4 Variazione 2012- Alberghiero -1,9-2,5-3,7

Dettagli

la distribuzione di uomini e donne fra i diversi settori produttivi; la ripartizione dei due sessi fra le diverse qualifiche professionali 1.

la distribuzione di uomini e donne fra i diversi settori produttivi; la ripartizione dei due sessi fra le diverse qualifiche professionali 1. Differenziali retributivi fra uomini e donne nel lavoro interinale. Alcune evidenze ricavate dalla banca dati EBITEMP sui prestiti ai lavoratori per l anno 2004. 1. Premessa Attualmente non risulta disponibile

Dettagli

NTN , , , , ,62 IMI 2,25% 2,16% 2,35% 2,32% 2,48%

NTN , , , , ,62 IMI 2,25% 2,16% 2,35% 2,32% 2,48% 3.11 SARDEGNA scheda regionale In tutti i settori, la regione Sardegna mostra dei trend anologhi a quelli nazionali: ad una continua (anche se modesta) ascesa dei valori di stock in tutti i settori nel

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA nel II trimestre 2009

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA nel II trimestre 2009 IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA nel II trimestre 2009 Il volume di erogazioni per l acquisto di abitazioni da parte delle famiglie italiane registra, nel secondo trimestre del 2009, una flessione rispetto

Dettagli

CONFRONTI DELLA DISTRIBUZIONE GROCERY IN REGIONE EMILIA-ROMAGNA CON ALTRE REGIONI E ALTRE NAZIONI EUROPEE

CONFRONTI DELLA DISTRIBUZIONE GROCERY IN REGIONE EMILIA-ROMAGNA CON ALTRE REGIONI E ALTRE NAZIONI EUROPEE Osservatorio regionale del commercio CONFRONTI DELLA DISTRIBUZIONE GROCERY IN REGIONE EMILIA-ROMAGNA CON ALTRE REGIONI E ALTRE NAZIONI EUROPEE Aprile 2015 Andamento della rete al dettaglio alimentare e

Dettagli

L Imprenditoria Femminile in provincia di Sondrio in pillole

L Imprenditoria Femminile in provincia di Sondrio in pillole FOCUS ECONOMIA 2016 N. 1 L Imprenditoria Femminile in provincia di Sondrio in pillole Ufficio Studi e Progetti Speciali - CCIAA Sondrio 1 Le imprese femminili 1 in provincia di Sondrio Le imprese femminili

Dettagli

La stagione dei saldi invernali 2012 02/01-15/01. Marketing CartaSi

La stagione dei saldi invernali 2012 02/01-15/01. Marketing CartaSi La stagione dei saldi invernali 2012 02/01-15/01 Marketing CartaSi 1 CartaSi SpA Azienda del Gruppo ICBPI Osservatorio Acquisti CartaSi 2011 Due settimane opache per i saldi. Dopo uno sprint iniziale volgono

Dettagli

Rilevazione sulle forze di lavoro

Rilevazione sulle forze di lavoro 28 aprile 2010 Rilevazione sulle forze di lavoro Media 2009 Sul sito www.istat.it sono da oggi disponibili i dati della media 2009 della rilevazione sulle forze di lavoro. In questa statistica in breve

Dettagli

Il Jobs Act: gli ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro

Il Jobs Act: gli ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro Il Jobs Act: gli ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro lo schema di decreto legislativo A cura di Livia Ricciardi Dipartimento lavoro formazione contrattazione Gli strumenti Viene mantenuto

Dettagli

A cura di Federico Bianchi, esperto dell Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.

A cura di Federico Bianchi, esperto dell Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. GLI INCENTIVI ALL ASSUNZIONE DI LAVORATORI DISOCCUPATI AD ELEVATA QUALIFICAZIONE O DA IMPIEGARE IN ATTIVITÀ DI RICERCA Rapporto dii moniitoraggiio 2 semestre 2009 A cura di Federico Bianchi, esperto dell

Dettagli

I lavoratori stranieri nel settore delle costruzioni V rapporto IRES-FILLEA

I lavoratori stranieri nel settore delle costruzioni V rapporto IRES-FILLEA I lavoratori stranieri nel settore delle costruzioni V rapporto IRES-FILLEA Roma, 13 dicembre 2010 A cura di: Emanuele Galossi Maria Mora La presenza immigrata nel settore delle costruzioni Secondo i dati

Dettagli

Il lavoro a Milano Milano, 16 febbraio

Il lavoro a Milano Milano, 16 febbraio Il lavoro a Milano Milano, 16 febbraio 2009 PRIMA PARTE Gli indicatori del mercato del lavoro DATI DI FONTI ESTERNE Tasso di occupazione Tasso di disoccupazione Tasso di attività Occupazione per dimensioni

Dettagli

IL CENSIMENTO DELLA POPOLAZIONE 2011 LA POPOLAZIONE RESIDENTE NEL COMUNE DI FOLIGNO

IL CENSIMENTO DELLA POPOLAZIONE 2011 LA POPOLAZIONE RESIDENTE NEL COMUNE DI FOLIGNO COMUNE DI FOLIGNO Provincia di Perugia IL CENSIMENTO DELLA POPOLAZIONE 2011 LA POPOLAZIONE RESIDENTE NEL COMUNE DI FOLIGNO A cura di Umbertina Salvucci Servizio di Statistica del Comune di Foligno Revisione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 8 DEL 19 APRILE 2016

COMUNICATO STAMPA N. 8 DEL 19 APRILE 2016 COMUNICATO STAMPA N. 8 DEL 19 APRILE 2016 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Tra gennaio e marzo si sono iscritte al registro imprese delle Camere di commercio 3.208 nuove aziende mentre in 4.409 hanno

Dettagli

FACTS & FIGURES #12/2015

FACTS & FIGURES #12/2015 FACTS & FIGURES #12/2015 Nel mese di marzo 2015 il saldo è positivo per 30.603 assunzioni rispetto al marzo 2014 (avviamenti vs. cessazioni); Inoltre sono 17.918 le trasformazioni a tempo indeterminato

Dettagli

ADDETTA E ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE INTERNA D IMPRESA STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione?

ADDETTA E ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE INTERNA D IMPRESA STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? ADDETTA E ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE INTERNA D IMPRESA STATISTICHE Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? Laureati La principale facoltà che prepara gli ADDETTI

Dettagli

LA CONGIUNTURA MANIFATTURIERA NEL QUARTO TRIMESTRE 2015

LA CONGIUNTURA MANIFATTURIERA NEL QUARTO TRIMESTRE 2015 Comunicato stampa Mantova, 16 febbraio 2016 LA CONGIUNTURA MANIFATTURIERA NEL QUARTO TRIMESTRE 2015 I risultati dell indagine Secondo l analisi della congiuntura manifatturiera relativa all ultimo trimestre

Dettagli

Nota trimestrale. Agenzia del Lavoro Ufficio Osservatorio del Mercato del Lavoro. Il mercato del lavoro in sintesi

Nota trimestrale. Agenzia del Lavoro Ufficio Osservatorio del Mercato del Lavoro. Il mercato del lavoro in sintesi Agenzia del Lavoro Ufficio Osservatorio del Mercato del Lavoro Nota trimestrale Agenzia del Lavoro Osservatorio del mercato del lavoro IL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI TRENTO 2 TRIMESTRE Il mercato

Dettagli

3.14 VENETO e FRIULI VENEZIA GIULIA

3.14 VENETO e FRIULI VENEZIA GIULIA 3.14 VENETO e FRIULI VENEZIA GIULIA scheda regionale Le regioni Veneto e Friuli Venezia Giulia, mostrano, nel corso del quinquennio, una discreta crescita del numero di stock in tutti i settori; d altronde,

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE IV trimestre 2014

MERCATO IMMOBILIARE COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE IV trimestre 2014 28 Aprile 2015 MERCATO IMMOBILIARE COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE IV trimestre Dopo sette anni di calo, nel il mercato immobiliare ha ripreso a crescere. I trasferimenti a titolo oneroso di unità

Dettagli

Le imprese delle donne: l economia al femminile in provincia di Chieti

Le imprese delle donne: l economia al femminile in provincia di Chieti Le imprese delle donne: l economia al femminile in provincia di Chieti Presentazione a cura di Paola Sabella - Presidente Comitato provinciale per la promozione dell imprenditorialità femminile Il Comitato

Dettagli

20 RAPPORTO SULLE RETRIBUZIONI IN ITALIA. Settembre 2015

20 RAPPORTO SULLE RETRIBUZIONI IN ITALIA. Settembre 2015 20 RAPPORTO SULLE RETRIBUZIONI IN ITALIA Settembre 2015 20 RAPPORTO SULLE RETRIBUZIONI IN ITALIA Introduzione Il 20 Rapporto sulle retribuzioni in Italia fornisce nel dettaglio le informazioni sul mercato

Dettagli

ASSISTENTE SOCIALE STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione?

ASSISTENTE SOCIALE STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? ASSISTENTE SOCIALE STATISTICHE Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? Laureati La principale facoltà che prepara gli ASSISTENTI SOCIALI è Scienze Politiche.

Dettagli

CONGIUNTURA COOPERATIVE

CONGIUNTURA COOPERATIVE CONGIUNTURA COOPERATIVE INDAGINE SULLE IMPRESE COOPERATIVE DELLA PROVINCIA DI BIELLA 2 semestre 2010 A CURA DELL UFFICIO STUDI in collaborazione con 2 Semestre 2010 STRUTTURA: in continuo aumento le imprese

Dettagli

Nome indicatore DPSIR Fonte dati Parco veicolare pugliese D ACI. Disponibilità dati *** 2002-2012 P

Nome indicatore DPSIR Fonte dati Parco veicolare pugliese D ACI. Disponibilità dati *** 2002-2012 P TRASPORTI Trasporto stradale Parco veicolare pugliese Nome indicatore DPSIR Fonte dati Parco veicolare pugliese D ACI Obiettivo Monitorare la flotta veicolare circolante Disponibilità dati Copertura Temporale

Dettagli

OSSERVATORIO ECONOMICO INDICOD-ECR XIII EDIZIONE - SETTEMBRE 2011

OSSERVATORIO ECONOMICO INDICOD-ECR XIII EDIZIONE - SETTEMBRE 2011 1.1 I principali risultati OSSERVATORIO ECONOMICO INDICOD-ECR XIII EDIZIONE - SETTEMBRE 2011 Congiuntura e clima di fiducia. Il clima di fiducia crolla decisamente nella rilevazione di settembre 2011.

Dettagli

LA LOGISTICA: PRIME LINEE DI RICERCA E APPROFONDIMENTO. Rita Martufi

LA LOGISTICA: PRIME LINEE DI RICERCA E APPROFONDIMENTO. Rita Martufi 1 LA LOGISTICA: PRIME LINEE DI RICERCA E APPROFONDIMENTO Rita Martufi In questo primo articolo si vuole iniziare a dare una idea del concetto di logistica, di cosa significa e di come influenzi gli scambi

Dettagli

Livello di benessere organizzativo, grado di condivisione del sistema di valutazione e valutazione del superiore gerarchico

Livello di benessere organizzativo, grado di condivisione del sistema di valutazione e valutazione del superiore gerarchico Livello di benessere organizzativo, grado di condivisione del sistema di valutazione e valutazione del superiore gerarchico Sintesi dei risultati dell indagine 2013 svolta sul personale della Camera di

Dettagli

Ance Salerno: In Campania ed in provincia di Napoli boom di imprese con titolari stranieri

Ance Salerno: In Campania ed in provincia di Napoli boom di imprese con titolari stranieri Documento 1 Ance Salerno: In Campania ed in provincia di Napoli boom di imprese con titolari stranieri Napoli e la Campania guidano la graduatoria per incremento di imprese con il titolare straniero 1.

Dettagli

TOP SERVICES HEALTH OGGETTO: ASSUNZIONI AGEVOLATE: GUIDA AI NUOVI INCENTIVI

TOP SERVICES HEALTH OGGETTO: ASSUNZIONI AGEVOLATE: GUIDA AI NUOVI INCENTIVI Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: ASSUNZIONI AGEVOLATE: GUIDA AI NUOVI INCENTIVI Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza delle possibilità

Dettagli

OSSERVATORIO SULLE COMUNICAZIONI N. 1/2016. Servizio Economico Statistico

OSSERVATORIO SULLE COMUNICAZIONI N. 1/2016. Servizio Economico Statistico OSSERVATORIO SULLE COMUNICAZIONI N. 1/2016 Servizio Economico Statistico Indice 1. Comunicazioni elettroniche 1.1 Rete fissa: accessi diretti complessivi 1.2 Rete fissa: accessi diretti degli altri operatori

Dettagli

Le conseguenze della crisi sul lavoro degli immigrati in Italia

Le conseguenze della crisi sul lavoro degli immigrati in Italia Le conseguenze della crisi sul lavoro degli immigrati in Italia Abstract Considerando gli ultimi 5 anni (2011-2015), gli occupati stranieri sono aumentati complessivamente di 329 mila unità e la loro incidenza

Dettagli

TRASPORTI 2014 Trasporto stradale Parco veicolare pugliese

TRASPORTI 2014 Trasporto stradale Parco veicolare pugliese TRASPORTI 214 Trasporto stradale Parco veicolare pugliese Nome indicatore DPSIR Fonte dati Parco veicolare pugliese D ACI Disponibilità Copertura Obiettivo dati Temporale Spaziale Monitorare la flotta

Dettagli

Rapporto di monitoraggio sui piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale

Rapporto di monitoraggio sui piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale Agenzia regionale del lavoro e della formazione professionale della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 1 Il presente Rapporto è realizzato dall Agenzia Regionale del lavoro e della formazione professionale,

Dettagli

IL MERCATO DELLE COSTRUZIONI IN SARDEGNA. Rapporto annuale 2014 e Stime Previsionali 2015

IL MERCATO DELLE COSTRUZIONI IN SARDEGNA. Rapporto annuale 2014 e Stime Previsionali 2015 IL MERCATO DELLE COSTRUZIONI IN SARDEGNA Rapporto annuale 2014 e Stime Previsionali 2015 Aprile 2015 1 INDICE 1. INVESTIMENTI E VALORE DELLA PRODUZIONE DELLE COSTRUZIONI 3 1.1. Il valore della produzione

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA Nota congiunturale trimestrale Marzo 216 In breve Dalla seconda metà del 214 l economia lombarda sta registrando una leggera ripresa, sebbene ad un passo ancora molto

Dettagli

IL SISTEMA VITIVINICOLO COOPERATIVO

IL SISTEMA VITIVINICOLO COOPERATIVO Note e commenti n 30 Aprile 2015 Ufficio Studi AGCI Area Studi Confcooperative Centro Studi Legacoop IL SISTEMA VITIVINICOLO COOPERATIVO 1 L analisi relativa ai Numeri dell Alleanza delle Cooperative Italiane

Dettagli

3.14 PIEMONTE e VALLE D AOSTA

3.14 PIEMONTE e VALLE D AOSTA 3.14 PIEMONTE e VALLE D AOSTA Il Piemonte, dopo un 2004 in crescita su tutti i settori registra nel 2005 un ulteriore incremento del numero di NTN su tre dei quattro settori, mentre la Val d Aosta dopo

Dettagli

Il lavoro delle donne NOTA dell IRES Catania

Il lavoro delle donne NOTA dell IRES Catania 1 CATANIA Il lavoro delle donne NOTA dell IRES Catania In Sicilia, come in tutto il resto del mondo, il lavoro retribuito delle donne ( diverso dai lavori domestici e di cura che in famiglia toccano prevalentemente

Dettagli

l accesso al lavoro, nel 2009 le persone in cerca di occupazione ( unità) corrispondevano a ben il 12,1 per cento del complesso nazionale, e

l accesso al lavoro, nel 2009 le persone in cerca di occupazione ( unità) corrispondevano a ben il 12,1 per cento del complesso nazionale, e 3 LAVORO La crisi economica iniziata alla fine del 2007, continua a manifestare i propri effetti negativi sull andamento del mercato del lavoro in Sicilia anche nel corso del 2009. In tale periodo si è

Dettagli

FOCUS sulle INTEGRAZIONI SALARIALI settembre 2015 Gennaio > settembre 2008>2015

FOCUS sulle INTEGRAZIONI SALARIALI settembre 2015 Gennaio > settembre 2008>2015 FOCUS sulle INTEGRAZIONI SALARIALI settembre 215 Gennaio > settembre 28>215 1 LIGURIA, totale ore autorizzate per trattamenti di CIG per tipologia d intervento (DATI in % MESE di SETTEMBRE anni 214 e 215)

Dettagli

LE IMPRESE DEL SETTORE METALMECCANICO

LE IMPRESE DEL SETTORE METALMECCANICO LE IMPRESE DEL SETTORE METALMECCANICO I DATI DELLA PROVINCIA DI LECCO AGGIORNATI AL 31 DICEMBRE 215 OSSERVATORIO ECONOMICO PROVINCIALE Iscrizione presso il Tribunale di Lecco n. 4/98 del 26-5-1998 Direttore

Dettagli

Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento AA.SS. 2010/2011 e 2011/12

Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento AA.SS. 2010/2011 e 2011/12 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione, la Partecipazione

Dettagli

-5% -10% -15% -20% -25% -30%

-5% -10% -15% -20% -25% -30% 2 Premessa Le informazioni diffuse con i Bollettini mensili sulle entrate tributarie di Francia, Germania, Irlanda, Portogallo, Regno Unito e Spagna, pubblicati sui portali web istituzionali dalle Amministrazioni

Dettagli

Case, crollano i prezzi dell usato: -2,1% a luglio.

Case, crollano i prezzi dell usato: -2,1% a luglio. Case, crollano i prezzi dell usato: -2,1% a luglio. Con questo calo le case toccano i 2.006 euro/m 2 Soffrono anche i grandi mercati cittadini, primi fra tutti Napoli (-3,9%) e Roma (-3%). Giù anche a

Dettagli

VALUTAZIONI SCRUTINI I QUADRIMESTRE

VALUTAZIONI SCRUTINI I QUADRIMESTRE VALUTAZIONI SCRUTINI INTRODUZIONE Al termine del primo quadrimestre il numero totale di studenti è 1073, con differenze minimali rispetto all anno scorso: infatti c è una nuova classe, la quarta I, ma

Dettagli

Il censimento della popolazione straniera

Il censimento della popolazione straniera 19 dicembre 2012 Il censimento della popolazione straniera Nel corso dell ultimo decennio la popolazione straniera residente in Italia è triplicata: da poco più di 1 milione e 300 mila persone nel 2001

Dettagli