Piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale Monitoraggio del settore tessile 1 trimestre 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale Monitoraggio del settore tessile 1 trimestre 2009"

Transcript

1 piani di gestione delle situazioni di grave difficoltà occupazionale monitoraggio del settore tessile 1 trimestre 2009

2 2 Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

3 1 IMPRESE ATTIVE Le imprese attive in Friuli-Venezia Giulia per l intero settore tessile (DB 17 Industrie Tessili + DB 18 Confezionamento articoli di abbigliamento e preparazione di pellicce) hanno avuto una flessione di 8 unità nel corso dell anno 2008 (vedere tabella 3) essendo passate da 558 nel I trimestre a 550 nel IV trimestre: un calo in percentuale dell 1,4%. Le situazioni più delicate si sono registrate a Gorizia, con una diminuzione di 6 imprese attive (-9,8%) e a Trieste con un calo di 4 unità (-4%); in leggera flessione Pordenone (- 1 unità; -0,6%) ed in controtendenza Udine che alla fine del 2008 vede aumentare le imprese attive di 3 unità (+1,3%). Nel I trimestre 2009 si è avuto un aumento di 1 unità sia a Pordenone (+0,6% rispetto al IV trimestre 2008) sia a Trieste (+ 1%); Gorizia ha perso ancora 1 unità (-1,8%), mentre è continuata la crescita di Udine con altre 4 imprese attive in più, per un totale di + 7 unità su base 12 mesi (I trimestre 2009 su I trimestre 2008). La crescita di Udine (da 238 a 245 unità) ha bilanciato esattamente la diminuzione complessiva di Gorizia ( da 61 a 54; -7 unità, pari all 1,5% in meno). Pordenone, nel bilancio dei 12 mesi è rimasto fermo con 158 imprese attive, mentre Trieste ne ha perse 3 (da 101 a 98, pari al -3%). Nel complesso il settore con maggiori difficoltà è quello delle Industrie tessili (vedere tabella 1 - classe Ateco DB 17) dove le tre province di Gorizia, Pordenone e Trieste registrano complessivamente una diminuzione di 8 imprese attive tra il I trimestre 2009 e il I trimestre 2008 (Gorizia -11,1%; Pordenone - 2,7%; Trieste -6,3%). Anche in questo settore Udine è in controtendenza (+3 unità; +2,7%). Il totale Friuli Venezia Giulia del settore, che nei 12 mesi ha subito la maggiore contrazione (- 5 unità; 2% in meno), mostra fortunatamente nell ultimo periodo un andamento stazionario con 248 imprese attive sia nel I trimestre 2009 che nel IV Anche nel comparto Confezionamento articoli di abbigliamento e preparazione di pellicce (tabella 2 classe Ateco DB 18) Udine si distingue, crescendo di 4 unità su base annua (+3,1%); mentre Gorizia perde pesantemente (-3 unità; -12% su base 12 mesi), andamento negativo che si ripropone pure nel breve (I trimestre 2009 su IV trimestre 2008) dove il numero di imprese attive a Gorizia passa da 24 a 22 (-8,3%). Le altre tre province mostrano tutte un incremento nel breve - il dato più significativo è per Udine (+4 unità; +3,1%) - il che porta il totale della regione ad un recupero di 5 imprese in attività (da 302 a 307 pari all 1,7% in più). 2 I DATI OCCUPAZIONALI Il grafico 1 mostra in estrema sintesi le ricadute in termini occupazionali (avviamenti e cessazioni nell intero settore tessile) per il totale Friuli-Venezia Giulia. La crescita di 40 unità del primo trimestre 2008 (121 cessazioni e 161 assunzioni) è stata ampiamente compensata dalla perdita di 85 posti di lavoro nel IV trimestre 2008 ( ) e di altre 9 unità nel I trimestre 2009 ( ). Vediamo ora le situazioni dettagliate per gli avviamenti, le cessazioni ed i relativi saldi occupazionali sia a totale regione Friuli- Venezia Giulia sia per singola provincia. 2.1 Avviamenti Gli avviamenti nel settore tessile dell intera regione Friuli-Venezia Giulia (tabelle 4 e 5) sono stati 161 nel I trimestre 2008, sono scesi a 142 nel IV trimestre 2008 (pari al -11,8%) per arrivare a 116 nel I trimestre 2009 (per una variazione del -18% rispetto al IV trimestre 2008 e del -28% rispetto al I trimestre 2008). La riduzione del numero di avviamenti è stata più sensibile per le donne, che sono passate, nei tre periodi Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 3

4 considerati, rispettivamente, da 117 a 97 ( pari al -17,1% ) e a 79 avviamenti (pari al -19% sul IV trimestre 2008 e al -32% sul I trimestre 2008). Il peso degli avviamenti per tipologia di contratto è chiaramente evidenziato nel grafico 2: nel I trimestre 2009 gli avviamenti a tempo determinato pesano il 77,6% e quelli a tempo indeterminato il 21,6%. Per i contratti di apprendistato gli avviamenti sono numericamente poco rilevanti (0,9%) e nell ultimo trimestre si sono praticamente azzerati (1 solo avviamento nel I trimestre 2009, contro i 12 del IV trimestre 2008 e gli 8 del I trimestre 2008). Nelle altre due tipologie contrattuali la riduzione più significativa in termini percentuali tra il I trimestre 2009 e il primo trimestre 2008 è il -31% degli avviamenti a tempo determinato che sono passati da 36 a 25 (-11 avviamenti), praticamente tutti concentrati tra le donne con 10 avviamenti in meno (da 28 a 18), pari al -36%. Sempre confrontando i due trimestri di inizio d anno, la riduzione più rilevante si è avuta negli avviamenti con contratto a tempo determinato che sono passati da 117 a 90; anche in questo caso dei 27 avviamenti in meno la maggior parte (-23 ) è stata registrata tra le donne. Se si considerano gli avviamenti in base all età dei lavoratori al momento dell assunzione (tabella 10) i dati più significativi in termini di riduzione si registrano nella fascia anni (da 24 a 12 e a 16 avviamenti nei tre trimestri esaminati); anche la fascia anni ha avuto una riduzione significativa nei due trimestri del 2008, ma con una ripresa nel I trimestre 2009 (da 52 a 36 e a 38 avviamenti). La fascia di età più dinamica risulta invece quella dei anni (da 49 a 55 e a 35 avviamenti). Sul totale degli avviamenti in regione le fasce anni e anni sono anche quelle che pesano di più: rispettivamente il 32,8% e il 30,2% (grafico 4). La distribuzione percentuale degli avviamenti in base alla provenienza dei lavoratori nel I trimestre 2009 (grafico 5) assegna l 81,9% agli italiani, il 14,7% agli extracomunitari e il 3,4% ai neocomunitari; non ci sono stati avviamenti di personale con provenienza comunitaria in questo trimestre. In termini assoluti (tabella 11), sempre nell intero Friuli-Venezia Giulia, gli avviamenti di lavoratori italiani sono passati da 124 nel I trimestre 2008 a 112 nel IV trimestre 2008, per arrivare a 95 nel I trimestre 2009; gli avviamenti di lavoratori comunitari sono stati 4, tutti nel IV trimestre 2008; quelli di neocomunitari sono passati da 20 a 15 e a 4 nei tre trimestri considerati e quelli degli extracomunitari da 17 a 11 per tornare a 17 nel I trimestre La riduzione più significativa, considerando il confronto tra il primo trimestre 2009 e il primo trimestre 2008, si è riscontrata tra gli italiani (-29 avviamenti pari al 23,4% in meno) e tra i neocomunitari (-16 avviamenti pari al -80%). I dati degli avviamenti per singola provincia sono riportati nelle tabelle 6 (Gorizia), 7 (Pordenone), 8 (Trieste) e 9 (Udine). A Gorizia si è passati da 38 avviamenti nel I trimestre 2008, a 18 nel trimestre di fine anno e a 15 nel I trimestre Tra il primo e l ultimo trimestre considerato c è stata una riduzione di ben 23 avviamenti pari al -60,5%. Andamenti negativi anche in provincia di Pordenone dove si è passati da 47 a 27 e a 29 avviamenti nei tre trimestri considerati. A Udine ci sono stati 78 avviamenti nel IV trimestre 2008, in crescita rispetto ai 70 del primo Nel primo trimestre 2009 i 43 avviamenti rappresentano comunque una diminuzione di 27 avviamenti (- 71,1%) rispetto al pari periodo dello scorso anno. Trieste pesa meno, in valore assoluto, in termini di avviamenti complessivi, ma la tendenza è nettamente positiva: si è passati da 6 a 19 e a 29 avviamenti nei tre trimestri considerati. Tra il primo 2009 e il primo 2008 ci sono stati 23 avviamenti in più, pari al +383 %! Negli avviamenti del I trimestre 2009 il peso di quelli relativi alle donne è stato del 68% (79 su 116) un po sotto media Gorizia con il 53% (8 su 15) mentre spicca Udine con quasi l 80% di avviamenti femminili (34 su 43). Restano vicine alla media regionale le altre due province (65% per Pordenone e 62% per Trieste). Per quanto riguarda le tipologie contrattuali, sempre con riferimento agli avviamenti del I trimestre 2009, a Trieste quelli a tempo determinato hanno rappresentato quasi il 90% (26 su 29), a Udine, in perfetta media regionale il 77% (33 su 43), a Gorizia il 73% (11 su 15) e a Pordenone, sotto la media regionale, il 69% (20 su 29) 4 Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

5 2.2 Cessazioni Le cessazioni del settore tessile in Friuli-Venezia Giulia, suddivise per genere e per tipologia di contratto, relativamente ai tre trimestri oggetto di questa relazione, sono descritte nelle tabelle 12 (Totale Regione), 13 (Gorizia), 14 (Pordenone), 15 (Trieste) e 16 (Udine). Nel I trimestre 2009, a livello regionale si sono avute sostanzialmente cessazioni sovrapponibili con quelle dello stesso periodo dello scorso anno: 125 contro 121 (donne 93 contro 90; uomini 32 contro 31). Sicuramente critico è stato il IV trimestre 2008 con 187 cessazioni, 66 in più rispetto al I trimestre (pari al +54,5%). L aumento delle cessazioni è stato del 45,6% per le donne (da 90 a 131) e dell 80,6% per gli uomini (da 31 a 56). Circa le tipologie di contratto è da rilevare come l impennata del numero delle cessazioni in regione nell ultimo trimestre 2008 sia da attribuire tutta ai contratti a tempo determinato: 112 contro 49 cessazioni, 63 in più rispetto al I trimestre (pari al +129%). Questo andamento negativo in regione è stato causato in grande misura da Udine con un aumento di 57 cessazioni (da 40 a 97, pari al +142%). Nelle altre tre province, nel corso del 2008, non ci sono state variazioni significative sul totale delle cessazioni, salvo delle compensazioni tra i contratti a tempo determinato (più cessazioni) e i contratti a tempo indeterminato (meno cessazioni). Nel primo trimestre 2009 c è stata una riduzione delle cessazioni a Gorizia (14 contro le 20 del I trimestre 2008) e a Pordenone (18 contro 46) mentre sia a Trieste che a Udine sono sensibilmente aumentate (da 15 a 29 e da 40 a 64, rispettivamente). La distribuzione percentuale per provincia delle cessazioni del I trimestre 2009 è illustrata nel grafico 6, dove si vede che il peso maggiore è di Udine con il 51,2%, seguita da Trieste con il 23,2%, Pordenone con il 14,4% e Gorizia con l 11,2%. Le sintesi per fascia di età e per provenienza dei lavoratori sono riportate, a livello regionale; nelle tabelle 17 e 18. Come si può vedere, gli aumenti delle cessazioni sono concentrati nelle prime tre fasce di età nelle quali le cessazioni sono passate da 77 a 146 e a 103 nei tre trimestri considerati, con incrementi del 90% tra il quarto e il primo trimestre 2008 (146 contro 77) e del 34% tra i due trimestri di inizio anno (103 contro 77). Circa le provenienze, il peso degli italiani è evidente e determinante per le variazioni in termini assoluti; percentualmente gli andamenti peggiori si sono avuti invece tra gli extracomunitari, dove, rispetto alle cessazioni del I trimestre 2008, quelle del quarto sono oltre il doppio (19 contro 9) e quelle del primo 2009 sono quasi il doppio (17 contro 9). 2.3 Saldo Nel primo trimestre 2008, in Friuli-Venezia Giulia, (tabella 19) il saldo complessivo tra il flusso degli avviamenti e quello delle cessazioni è stato positivo (+ 40 unità; 27 tra le donne e 13 tra gli uomini); il saldo positivo di 68 nei contratti a tempo determinato ha compensato quello negativo dell apprendistato (-1) e dei contratti a tempo indeterminato (-27). Nel IV trimestre 2008 il bilancio tra avviamenti e cessazioni è stato negativo a tutti i livelli, ad eccezione degli apprendisti (+3) e dei contratti a tempo determinato per le donne (+7); il saldo negativo complessivo di -45 unità è dovuto in larghissima misura ai contratti a tempo indeterminato (-43, di cui -41 per le donne). La riduzione complessiva di addetti al settore tessile in regione è continuata anche nel I trimestre 2009, in misura meno violenta, ma con un ulteriore saldo di -9 unità (- 14 nei contratti a tempo indeterminato, di cui -11 tra le donne). Nelle forme contrattuali a tempo determinato c è stata una tendenza opposta, con un saldo positivo di 10 addetti (+11 uomini; -1 donna). Altri 5 addetti si sono persi nel comparto apprendisti (-2 donne; -3 uomini). Nella provincia di Gorizia (tabella 20), dopo il saldo di 18 occupati in più del I trimestre 2008, di cui 15 nei contratti a tempo determinato, equamente suddivisi tra uomini e donne, non si sono avute variazioni sensibili negli altri due trimestri considerati (-3 addetti nel IV trimestre 2008 e +1 nel I trimestre 2009). A Pordenone (tabella 21) da segnalare uno swich (+20 / -20) tra i contratti a tempo determinato e quelli a tempo indeterminato nel primo trimestre 2008, senza effetto sul totale del saldo occupazionale (+1). Nel Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 5

6 trimestre di fine 2008 si è concentrata la riduzione di addetti (-22), solo parzialmente recuperata nel primo trimestre 2009 (+11). Per Trieste (tabella 22) la riduzione è avvenuta tutta nel primo 2008 (saldo -9) e non ci sono state poi variazioni significative nei saldi degli altri due trimestri considerati. Anche in questo bilancio tra avviamenti e cessazioni, è la provincia di Udine (tabella 23) che trascina l andamento dell intera regione: dopo un significativo aumento nel primo trimestre dello scorso anno (+ 30 addetti), nel trimestre finale del 2008 e nel primo 2009 si sono avuti due saldi negativi, rispettivamente di 19 e 21 addetti. Le sintesi per fascia di età e per provenienza dei lavoratori sono riportate nelle tabelle 24 e 25. Come si può vedere i saldi positivi del primo trimestre 2008 sono concentrati nelle prime tre fasce d età, con un totale di 54 addetti in più (74% donne; 26% uomini). Nel IV trimestre 2008 il calo occupazionale si è concentrato invece nelle tre fasce comprese tra i 35 e i 64 anni, con -46 addetti (85% donne; 15% uomini) Circa le provenienze, sono gli italiani e i neocomunitari ad aver avuto i saldi più alti nel I trimestre 2008 (17 e 16, rispettivamente) seguiti dagli extracomunitari (8). La riduzione di addetti nel IV trimestre 2008 è dovuta tutta agli italiani (-49); c è stato poi uno swich +8 / -8 tra neocomunitari e extracomunitari mentre i comunitari guadagnano 4 addetti. I saldi leggermente negativi del primo trimestre 2009 sono da attribuirsi sostanzialmente agli italiani (-3) e ai neocomunitari (-5). 3 GLI INDICATORI DI CRISI 3.1 Cassa Integrazione Guadagni Le ore complessive di Cassa Integrazione Guadagni (CIG) concesse nella regione Friuli-Venezia Giulia per il settore tessile nel I trimestre 2009 (tabella 28) sono state , ore (tabella 26) di Cassa Integrazione Ordinaria (CIGO) e (tabella 27) di Cassa Integrazione Straordinaria (CIGS). Il confronto con i dati del primo trimestre 2008 mostra valori complessivi simili, con una diminuzione totale dell 8,8% ( ore); completamente invertito invece il ricorso alla CIG ordinaria e straordinaria: la CIGO aumenta infatti di ore, mentre la CIGS diminuisce di ore. Il grafico 7 illustra molto chiaramente questa situazione: la CIGO pesava soltanto il 5% nel I trimestre 2008; peso salito all 80% nel IV trimestre 2008 e al 92% nel I trimestre Quest ultima rilevazione, se scendiamo a livello provinciale, vede Gorizia a ore totali (tutte di CIGO), Pordenone a ore totali (tutte di CIGO), Trieste a ore totali (anche in questo caso tutte di CIGO) e Udine a ore, tutte da attribuire a interventi di CIGS. Per la diversa natura dei due ammortizzatori, la CIGO interessa quasi esclusivamente gli operai (il 98,5% nell ultimo trimestre considerato) mentre il ricorso alla CIGS riguarda anche gli impiegati (I trimestre 2009: 65% operai e 35% impiegati). 3.2 Le Liste di Mobilità In regione il numero totale dei lavoratori posti in mobilità nel corso del I trimestre 2009 relativamente alle aziende del settore tessile (tabella 29), è in diminuzione sia rispetto al pari periodo del 2008 (12 unità contro 49; -37 unità, pari al -75,5%) sia rispetto all ultimo trimestre 2008 (12 unità contro 31; -19 unità, pari al -41,3%). Nel I trimestre 2009 non ci sono stati nuovi ricorsi alla mobilità ai sensi della legge 223/91 (erano invece 39 nel I trimestre e 15 nel IV trimestre 2008). Le posizioni aperte ai sensi della legge 236/93 (che non dà diritto ad alcuna indennità al lavoratore) hanno avuto un andamento più omogeneo (10 nel I trimestre 2008, 16 nel IV 2008 e, appunto, 12 nel I trimestre 2009). In tutti e tre i periodi sono le donne che a larga maggioranza vengono poste in mobilità (67% nel I 2008; 77% nel IV 2008 e 92% nel I 2009). 6 Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

7 La tabella 30 illustra gli stessi dati, con la suddivisione per fasce di età. Non ci sono particolari tendenze da sottolineare, salvo quando il ricorso alla mobilità in base alla legge 223/91 è numericamente significativo (come nel I trimestre 2008) dove i lavoratori posti in mobilità appartengono in larga misura alla fascia di età più elevata, conseguenza chiara di accordi tra le parti sociali che prevedono di porre prioritariamente in mobilità i lavoratori più vicini alla pensione. Nella tabella 31 si riportano le suddivisioni per la provenienza dei lavoratori posti in mobilità nei diversi periodi esaminati: gli italiani costituiscono in tutti i casi la larga maggioranza (96% nel I 2008; 84% nel IV 2008 e 100% nell ultimo periodo considerato). Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 7

8 8 Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

9 ALLEGATO STATISTICO Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 9

10 SITUAZIONE DI GRAVE DIFFICOLTÀ OCCUPAZIONALE DEL SETTORE TESSILE 1 : MONITORAGGIO DEL I TRIMESTRE 2009 Tabella 1: Imprese attive in Friuli-Venezia Giulia (DB 17 Industrie tessili) e variazioni; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 I trim 2009 su I trim 2008 I trim 2009 su IV trim 2008 v.a. v.p. v.a. v.p. Gorizia ,1% 1 3,2% Pordenone ,7% -1-1,4% Trieste ,3% 0 0,0% Udine ,7% 0 0,0% Totale ,0% 0 0,0% Fonte: Movimprese Infocamere Tabella 2: Imprese attive in Friuli-Venezia Giulia (DB 18 Confezionamento articoli di abbigliamento; preparazione di pellicce) e variazioni; I I trim 2009 su I trim 2008 I trim 2009 su IV trim 2008 v.a. v.p. v.a. v.p. Gorizia ,0% -2-8,3% Pordenone ,4% 2 2,4% Trieste ,4% 1 1,5% Udine ,1% 4 3,1% Totale ,7% 5 1,7% Fonte: Movimprese Infocamere Tabella 3: Imprese attive in Friuli-Venezia Giulia (DB 17 + DB 18) e variazioni; I I trim 2009 su I trim 2008 I trim 2009 su IV trim 2008 v.a. v.p. v.a. v.p. Gorizia ,5% -1-1,8% Pordenone ,0% 1 0,6% Trieste ,0% 1 1,0% Udine ,9% 4 1,7% Totale ,5% 5 0,9% Fonte: Movimprese Infocamere Grafico 1: Avviamenti e cessazioni in Friuli-Venezia Giulia; I I 2008 IV 2008 I 2009 assunzioni cessazioni 1 Il settore tessile è individuato dalle classi Ateco DB17 e DB18 10 Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

11 Tabella 4: Avviamenti al lavoro in Friuli-Venezia Giulia, suddivisi in base al genere e alla tipologia di contratto; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 5: Variazioni assolute e percentuali degli avviamenti al lavoro del settore tessile in Friuli-Venezia Giulia, suddivisi in base al genere e alla tipologia di contratto; I I trim 2009 su I trim 2008 I trim 2009 su IV trim 2008 v.a. v.p. v.a. v.p. F M Tot. Apprendistato % -100% -88% % -100% -92% Tempo determinato % -12% -23% % 15% -16% Tempo indeterminato % -13% -31% % -46% 9% Totale % -16% -28% % -18% -18% Tabella 6: Avviamenti al lavoro del settore tessile nella provincia di Gorizia, suddivisi in base al genere e alla tipologia di contratto; I Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 7: Avviamenti al lavoro del settore tessile nella provincia di Pordenone, suddivisi in base al genere e alla tipologia di contratto; I Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 8: Avviamenti al lavoro del settore tessile nella provincia di Trieste, suddivisi in base alla tipologia di contratto Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 11

12 Tabella 9: Avviamenti al lavoro del settore tessile nella provincia di Udine, suddivisi in base al genere e alla tipologia di contratto; I Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Grafico 2: Distribuzione percentuale in base alla tipologia di contratto degli avviamenti del I trimestre ,6% 0,9% Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato 77,6% Grafico 3: Distribuzione percentuale per provincia degli avviamenti del I trimestre ,9% 37,1% 25,0% Gorizia Pordenone Trieste Udine 25,0% 12 Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

13 Tabella 10: Avviamenti al lavoro del settore tessile in Friuli-Venezia Giulia, suddivisi in base al genere e alla fascia d età del lavoratore; I I trim 2008 IV trim 2008 I trim Totale Grafico 4: Distribuzione percentuale in base alla fascia d età del lavoratore degli avviamenti del I trimestre ,8% 6,0% 0,9% 16,4% ,8% 30,2% Tabella 11: Avviamenti al lavoro del settore tessile in Friuli-Venezia Giulia, suddivisi in base al genere e alla provenienza del lavoratore; I I trim 2008 IV trim 2008 I trim 2009 Italiani Comunitari Neocomunitari Extracomunitari Totale Grafico 5: Distribuzione percentuale in base alla provenienza del lavoratore degli avviamenti del I trimestre ,4% 14,7% 0,0% Italiani Comunitari Neocomunitari Extracomunitari 81,9% Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 13

14 Tabella 12: Cessazioni del settore tessile in Friuli-Venezia Giulia, suddivise in base al genere e alla tipologia di contratto; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 13: Cessazioni del settore tessile nella provincia di Gorizia, suddivise in base al genere e alla tipologia di contratto; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 14: Cessazioni del settore tessile nella provincia di Pordenone, suddivise in base al genere e alla tipologia di contratto; I Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 15: Cessazioni del settore tessile nella provincia di Trieste, suddivise in base al genere e alla tipologia di contratto; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 16: Cessazioni del settore tessile nella provincia di Udine, suddivisi in base al genere e alla tipologia di contratto; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 17: Cessazioni del settore tessile in Friuli-Venezia Giulia, suddivise in base al genere e alla fascia d età del lavoratore; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre Totale Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

15 Tabella 18: Cessazioni del settore tessile in Friuli-Venezia Giulia, suddivise in base al genere e alla provenienza del lavoratore; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 Italiani Comunitari Neocomunitari Extracomunitari Totale Grafico 6: Distribuzione percentuale per provincia delle cessazioni del I trimestre ,2% 14,4% Gorizia Pordenone Trieste Udine 51,2% 23,2% Tabella 19: Saldo occupazionale del settore tessile in Friuli-Venezia Giulia, suddiviso in base al genere e alla tipologia di contratto; I I trim 2008 IV trim 2008 I trim 2009 Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 20: Saldo occupazionale del settore tessile nella provincia di Gorizia, suddiviso in base al genere e alla tipologia di contratto; I Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 15

16 Tabella 21: Saldo occupazionale del settore tessile nella provincia di Pordenone, suddiviso in base al genere e alla tipologia di contratto; I Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 22: Saldo occupazionale del settore tessile nella provincia di Trieste, suddiviso in base al genere e alla tipologia di contratto; I Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 23: Saldo occupazionale del settore tessile nella provincia di Udine, suddiviso in base al genere e alla tipologia di contratto; I Apprendistato Tempo determinato Tempo indeterminato Totale Tabella 24: Saldo occupazionale del settore tessile in Friuli-Venezia Giulia, suddiviso in base al genere e alla fascia d età del lavoratore; I Totale Tabella 25: Saldo occupazionale del settore tessile in Friuli-Venezia Giulia, suddiviso in base al genere e alla provenienza del lavoratore; I Italiani Comunitari Neocomunitari Extracomunitari Totale Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

17 Tabella 26: Ore di Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria concesse nel settore tessile in Friuli-Venezia Giulia, suddivise per tipologia di lavoratori; I Operai Impiegati Totale Operai Impiegati Totale Operai Impiegati Totale Gorizia Pordenone Trieste Udine Totale Fonte: Elaborazione su dati INPS Tabella 27: Ore di Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria concesse nel settore tessile in Friuli-Venezia Giulia, suddivise per tipologia di lavoratori; I Operai Impiegati Totale Operai Impiegati Totale Operai Impiegati Totale Gorizia Pordenone Trieste Udine Totale Fonte: Elaborazione su dati INPS Tabella 28: Ore di Cassa Integrazione Guadagni Totali concesse nel settore tessile in Friuli-Venezia Giulia, suddivise per tipologia di lavoratori; I Operai Impiegati Totale Operai Impiegati Totale Operai Impiegati Totale Gorizia Pordenone Trieste Udine Totale Fonte: Elaborazione su dati INPS Grafico 7: Distribuzione percentuale in base alla tipologia di gestione delle ore di Cassa Integrazione Guadagni concesse; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre % 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Straordinaria Ordinaria Fonte: Elaborazione su dati INPS Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 17

18 Tabella 29 - Numero di lavoratori posti in mobilità suddivisi per genere e tipologia di lista e variazioni; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 I trim 2009 su I trim 2008 I trim 2009 su IV trim 2008 v.a. v.p. v.a. v.p. L. 223/ ,0% ,0% L.236/ ,0% -4-25,0% Totale ,5% ,3% Tabella 30 - Numero di lavoratori posti in mobilità suddivisi per genere, fascia d età e tipologia di lista; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 L. 223/ Totale L.236/ Totale Totale Totale Tabella 31 - Numero di lavoratori posti in mobilità suddivisi per genere, provenienza e tipologia di lista; I trimestre 2008, IV trimestre 2008, I trimestre 2009 L. 223/91 Italiani Comunitari Neocomunitari Extracomunitari Totale L.236/93 Italiani Comunitari Neocomunitari Extracomunitari Totale Totale Italiani Comunitari Neocomunitari Extracomunitari Totale Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia Settore Sviluppo e Lavoro - Servizi alla Persona e all'impresa Servizi per l Impiego della Provincia di Pavia Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia 2 trimestre 2015 Premessa Il report sul mercato

Dettagli

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012)

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) report marzo 2013 IX congresso regionale Veneto Dal lavoro rinasce il futuro Dolo (Venezia) 4-5 aprile 2013 - 2 - Il quadro

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA Nota congiunturale trimestrale Giugno 21 In breve Il quadro del mercato del lavoro lombardo rimane nel complesso debole, sebbene con qualche segnale di miglioramento.

Dettagli

L'occupazione in FVG Dati al IV trimestre 2012

L'occupazione in FVG Dati al IV trimestre 2012 L'occupazione in FVG Dati al IV trimestre 2012 a regionale REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Assessore regionale alle finanze, patrimonio e programmazione, ambiente, energia e politiche per la montagna

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA Nota congiunturale trimestrale Giugno 213 In breve Nel I trimestre 213 permangono le criticità del mercato del lavoro lombardo. Il quadro ancora negativo dell economia

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 4 trimestre 2013 a cura del NETWORK SECO marzo 2014 Il Network SeCO è costituito da:

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 2 trimestre 2015 a cura del NETWORK SECO Settembre 2015 Il Network SeCO è costituito

Dettagli

ANDAMENTO OCCUPAZIONALE E AZIONI DI POLITICA ATTIVA DELLA PROVINCIA DI TRIESTE

ANDAMENTO OCCUPAZIONALE E AZIONI DI POLITICA ATTIVA DELLA PROVINCIA DI TRIESTE ASSESSORATO ALLE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO E COLLOCAMENTO MIRATO, PROGRAMMAZIONE SCOLASTICA E DIRITTO ALLO STUDIO, COOPERAZIONE SOCIALE Assessore Adele Pino ANDAMENTO OCCUPAZIONALE E AZIONI DI POLITICA

Dettagli

Lavoro occasionale Di tipo accessorio

Lavoro occasionale Di tipo accessorio Lavoro occasionale Di tipo accessorio PRIMO TRIMESTRE/ 211 Lavoro occasionale di tipo accessorio I trim 211 gennaio 212 Il Report è stato realizzato da Giorgio Plazzi e Chiara Cristini, ricercatori dell

Dettagli

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE Campania 2 2015 Tra aprile e giugno 2015, le imprese italiane prevedono di stipulare 282.000 nuovi contratti di lavoro,

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA Nota congiunturale trimestrale Settembre 213 In breve Il recente rafforzamento del ciclo internazionale ha portato qualche primo debole segnale di inversione di tendenza

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 1 trimestre 2014 a cura del NETWORK SECO Maggio 2014 Il Network SeCO è costituito

Dettagli

terziario friuli venezia giulia ottobre 2013

terziario friuli venezia giulia ottobre 2013 ! terziario friuli venezia giulia ottobre 2013 osservatorio trimestrale sull andamento delle imprese del terziario del friuli venezia giulia rapporto di ricerca terzo trimestre 2013 trieste, 17 ottobre

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

PREVISIONI DI ASSUNZIONE NELLE IMPRESE DEL NORDEST

PREVISIONI DI ASSUNZIONE NELLE IMPRESE DEL NORDEST PREVISIONI DI ASSUNZIONE NELLE IMPRESE DEL NORDEST 2009 Settembre 2009 FONDAZIONE LEONE MORESSA Via Torre Belfredo 81/d 30171 Mestre (Venezia) www.fondazioneleonemoressa.org info@fondazioneleonemoressa.org

Dettagli

I lavoratori domestici in Friuli Venezia Giulia

I lavoratori domestici in Friuli Venezia Giulia 1 luglio 2015 #lavoro Rassegna Stampa Messaggero Veneto2lug2015 Il Piccolo 2lug2015 TG3 RAI FVG 1lug2015 I lavoratori domestici in Friuli Venezia Giulia Anche in Friuli Venezia Giulia il mercato del lavoro

Dettagli

Dicembre 2014 Ufficio Studi Confartigianato Imprese Piemonte

Dicembre 2014 Ufficio Studi Confartigianato Imprese Piemonte Dicembre 2014 Ufficio Studi Confartigianato Imprese Piemonte Via Andrea Doria, 15-10123 Torino - Tel. 011/8127500 011/8127416 Fax 011/8125775 www.confartigianato.piemonte.it e-mail: info@confartigianato.piemonte.it

Dettagli

INDAGINE ANNUALE OCCUPAZIONALE

INDAGINE ANNUALE OCCUPAZIONALE INDAGINE ANNUALE OCCUPAZIONALE Anno 2014 Parma, giugno 2015 A cura di OSSERVATORIO ECONOMICO UFFICIO STUDI Introduzione La prima edizione dell indagine sull occupazione condotta dell Unione Parmense degli

Dettagli

Il fenomeno infortunistico in provincia di Rimini

Il fenomeno infortunistico in provincia di Rimini Il fenomeno infortunistico in provincia di Rimini Aggiornamento 2011 Indice 1 - Le dinamiche generali e la crisi economica pag. 2 2 - Una prospettiva settoriale pag. 5 3 - I lavoratori stranieri pag. 7

Dettagli

INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE. Sintesi per la stampa

INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE. Sintesi per la stampa INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE Sintesi per la stampa Roma, 11 settembre 2014 Sintesi per la Stampa L attività produttiva del settore metalmeccanico, dopo la fase recessiva protrattasi

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 4 trimestre 2014 a cura del NETWORK SECO Febbraio 2015 Il Network SeCO è costituito

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

LUNGO IL TUNNEL Economia e mercato del lavoro in provincia di Milano

LUNGO IL TUNNEL Economia e mercato del lavoro in provincia di Milano Settore Formazione e Lavoro LUNGO IL TUNNEL Economia e mercato del lavoro in provincia di Milano 24 giugno 2013 a cura dell Osservatorio Mercato del Lavoro 1 Ringraziamenti Ermes Cavicchini per la stesura

Dettagli

Newsletter ARIFL - IO LAVORO

Newsletter ARIFL - IO LAVORO Variazioni tendenziali e congiunturali del lavoro in somministrazione in Italia nel mese di dicembre 2009 secondo l Osservatorio nazionale Ebitemp - Formatemp Cassa Integrazione nelle province lombarde

Dettagli

Interventi formativi per lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali in deroga

Interventi formativi per lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali in deroga Fondo Sociale Europeo POR 2007-13 Misure di politica attiva del lavoro in Friuli Venezia Giulia Interventi formativi per lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali in deroga In base all accordo del

Dettagli

Pordenone, 23 aprile 2012 (rif. 2010-210kr I trim R02) osservatorio credito confcommercio pordenone. primo trimestre 2012. rapporto di ricerca

Pordenone, 23 aprile 2012 (rif. 2010-210kr I trim R02) osservatorio credito confcommercio pordenone. primo trimestre 2012. rapporto di ricerca Pordenone, 23 aprile 2012 (rif. 2010-210kr I trim R02) osservatorio credito confcommercio pordenone primo trimestre 2012 rapporto di ricerca fiducia andamento dell economia italiana congiuntura 2012 I

Dettagli

Nota congiunturale I trimestre 2002

Nota congiunturale I trimestre 2002 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA NOVARA Nota congiunturale I trimestre 2002 a cura dell Ufficio studi 81 80 79 78 77 76 75 74 73 72 6 4 2 0-2 -4-6 -8 71-10 I/98 II/98 III/98 IV/98

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 1 trimestre 2015 a cura del NETWORK SECO Giugno 2015 Il Network SeCO è costituito

Dettagli

TORINO CONGIUNTURA 1 SEMESTRE 2007

TORINO CONGIUNTURA 1 SEMESTRE 2007 TORINO CONGIUNTURA 1 SEMESTRE 2007 (fonte: Camera di Commercio di Torino) 1 ANDAMENTO PRODUZIONE INDUSTRIALE La produzione industriale torinese nel 2 trimestre del 2007 ha avuto un tasso di crescita del

Dettagli

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE Provincia di Cremona 1 2015 Nel primo 2015, le imprese italiane prevedono di stipulare quasi 210.000 nuovi contratti di

Dettagli

Regione Friuli. Venezia giulia

Regione Friuli. Venezia giulia Regione Friuli Venezia giulia Il presente rapporto è stato redatto a cura di Grazia Sartor, esperta dell Agenzia regionale del lavoro della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia. Coordinamento e revisione:

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

terziario friuli venezia giulia maggio 2015

terziario friuli venezia giulia maggio 2015 terziario friuli venezia giulia maggio 2015 osservatorio trimestrale sull andamento delle imprese del terziario del friuli venezia giulia rapporto di ricerca primo trimestre 2015 udine, 18 maggio 2015

Dettagli

Flash Industria 4.2011

Flash Industria 4.2011 15 febbraio 2011 Flash Industria 4.2011 Nel quarto trimestre 2011, sulla base dell'indagine VenetoCongiuntura, la produzione industriale ha registrato una flessione del -1,4 per cento rispetto allo stesso

Dettagli

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE Provincia di Piacenza 1 2015 Nel primo 2015, le imprese italiane prevedono di stipulare quasi 210.000 nuovi contratti di

Dettagli

Gli infortuni sul lavoro nel Friuli Venezia Giulia. Servizio statistica dicembre 2008

Gli infortuni sul lavoro nel Friuli Venezia Giulia. Servizio statistica dicembre 2008 Gli infortuni sul lavoro nel Friuli Venezia Giulia Servizio statistica dicembre 2008 Servizio statistica REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Corso Cavour, 1 34100 Trieste telefono: 040 3772218 fax:

Dettagli

Il mercato del lavoro in provincia di Padova

Il mercato del lavoro in provincia di Padova Osservatorio sul Mercato del Lavoro della Provincia di Padova Il mercato del lavoro in provincia di Padova Anno 2011 e I semestre 2012 1 ottobre 2012 A cura di Anna Basalisco 1 Fonti proprie - Cubi OLAP

Dettagli

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011 IL MERCATO DEL LAVORO NELLA PROVINCIA DI MODENA: ANDAMENTO CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA E DEGLI AMMORTIZZATORI IN DEROGA (CIGS E CIGO) NEL 2011 L andamento del mercato del lavoro nella provincia

Dettagli

Crisi e mercato del lavoro in provincia di Bergamo. Manuela Samek Lodovici Bergamo, 1 dicembre 2009

Crisi e mercato del lavoro in provincia di Bergamo. Manuela Samek Lodovici Bergamo, 1 dicembre 2009 Crisi e mercato del lavoro in provincia di Bergamo Manuela Samek Lodovici Bergamo, 1 dicembre 009 Gli indicatori strutturali Nel I semestre 009 la crisi colpisce soprattutto l occupazione maschile Tasso

Dettagli

economico congiunturale

economico congiunturale indicatori Economica Numero 6 novembre-dicembre 55 Osservatorio economico congiunturale indicatori ll punto sull economia della provincia di 56 Economica Numero 6 novembre-dicembre I RISULTATI DI BILANCIO

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Indagine Excelsior 2015 Provincia di Perugia

Indagine Excelsior 2015 Provincia di Perugia Note per la Stampa - Perugia 29 giugno 2015 - Indagine Excelsior 2015 Provincia di Perugia II trimestre 2015 Presentati dal Presidente della Camera di Commercio di Perugia Giorgio Mencaroni i risultati

Dettagli

Il mercato del lavoro in FVG

Il mercato del lavoro in FVG Il mercato del lavoro in FVG principali evidenze del 2013 Servizio osservatorio mercato del lavoro IL MERCATO DEL LAVORO IN FRIULI VENEZIA GIULIA Principali evidenze del 2013 Pubblicazione realizzata

Dettagli

LE PREVISIONI DI ASSUNZIONE DI GIOVANI NEL NORDEST PER IL 2011

LE PREVISIONI DI ASSUNZIONE DI GIOVANI NEL NORDEST PER IL 2011 LE PREVISIONI DI ASSUNZIONE DI GIOVANI NEL NORDEST PER IL Caratteristiche ed evoluzione rispetto al 2010 ed al pre-crisi P.tta Gasparotto, 8-35131 Padova Tel. 049 8046411 Fax 049 8046444 www.datagiovani.it

Dettagli

Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata. Anno 2012

Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata. Anno 2012 Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata Anno 2012 Premessa Nel settore della vigilanza privata il 2012 è stato un anno di record per gli ammortizzatori sociali, in particolare per

Dettagli

Saldi delle posizioni lavorative dal 30 giugno 2008 per genere e cittadinanza

Saldi delle posizioni lavorative dal 30 giugno 2008 per genere e cittadinanza LA GRANDE CRISI RACCONTATA DAI NUMERI di Maurizio Gambuzza Saldi delle posizioni lavorative dal 3 giugno 28 per genere e cittadinanza 5-5 -1-15 -2-25 Uomini italiani Donne italiane Uomini stranieri Donne

Dettagli

FOCUS ECONOMIA UMBRIA

FOCUS ECONOMIA UMBRIA FOCUS ECONOMIA UMBRIA UMBRIA Occupazione residente Avviamenti Mobilità Cassa Integrazione Guadagni Produzione Industriale Consumi Export Demografia d impresa Credito CGIL UMBRIA FOCUS ECONOMIA 2 2013 UMBRIA

Dettagli

NOTA METODOLOGICA. 1. Nota informativa sull interpretazione dei dati statistici. Tutti i contribuenti persone fisiche

NOTA METODOLOGICA. 1. Nota informativa sull interpretazione dei dati statistici. Tutti i contribuenti persone fisiche NOTA METODOLOGICA 1. Nota informativa sull interpretazione dei dati statistici 2. Base dati statistica 3. Tipologie di contribuenti Tutti i contribuenti persone fisiche Concetto di titolare di partita

Dettagli

Le previsioni occupazionali nella Provincia di Bologna

Le previsioni occupazionali nella Provincia di Bologna PROGETTO EXCELSIOR ANNO 2009 Le previsioni occupazionali nella Provincia di Bologna A cura di: Alessandro De Felice Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093445 Fax 051/6093467

Dettagli

L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO

L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO Venezia, 10 novembre 2008 COMUNICATO STAMPA Indagine congiunturale di Unioncamere del Veneto sulle imprese manifatturiere III trimestre 2008 L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO Trimestre negativo

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO 26 marzo. 2013 MONITORAGGIO DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO (legge n. 92/2012) Prime evidenze empiriche sulle forme contrattuali 1. INTRODUZIONE Il Ministero del Lavoro ha affidato all Isfol il compito

Dettagli

REGISTRO IMPRESE: 50indicatori. si rafforza la struttura imprenditoriale. I dati della movimentazione a fine settembre 2013 in provincia di Modena

REGISTRO IMPRESE: 50indicatori. si rafforza la struttura imprenditoriale. I dati della movimentazione a fine settembre 2013 in provincia di Modena 5indicatori REGISTRO IMPRESE: si rafforza la struttura imprenditoriale I dati della movimentazione a fine settembre 213 in provincia di SALDO TRA ISCRIZIONI E CESSAZIONI Nel 3 trimestre del 213 il tessuto

Dettagli

BOLLETTINO TRIMESTRALE SUI DATI DELL OCCUPAZIONE IN PROVINCIA DI TREVISO

BOLLETTINO TRIMESTRALE SUI DATI DELL OCCUPAZIONE IN PROVINCIA DI TREVISO Giugno 2015 Sintesi +4,2% ordinativi estero +1,7% produzione (1 trim. 2015) +4,6% le esportazioni (2014 su 2013) 30.860 nuove assunzioni di tipo dipendente nel 1 trim 2015; 26.420 nel 1 trim. 2014; 3.190

Dettagli

DEL LAVORO IN FRIULI VENEZIA GIULIA. Rapporto 2013. FrancoAngeli REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA

DEL LAVORO IN FRIULI VENEZIA GIULIA. Rapporto 2013. FrancoAngeli REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA POLITICHE DEL LAVORO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA IL MERCATO DEL LAVORO IN FRIULI VENEZIA GIULIA Rapporto 2013 A cura del Servizio Osservatorio mercato del lavoro FrancoAngeli Informazioni per

Dettagli

LA CONGIUNTURA ECONOMICA. Industria, artigianato, commercio, servizi e costruzioni in provincia di Bergamo nel primo trimestre 2013

LA CONGIUNTURA ECONOMICA. Industria, artigianato, commercio, servizi e costruzioni in provincia di Bergamo nel primo trimestre 2013 LA CONGIUNTURA ECONOMICA Industria, artigianato, commercio, servizi e costruzioni in provincia di Bergamo nel primo trimestre 2013 Servizio Studi della C C I A A di Bergamo 7 maggio 2013 Industria, artigianato,

Dettagli

MONITORAGGIO PROGETTI LSU: una prima analisi dei progetti avviati nel secondo semestre del 2009

MONITORAGGIO PROGETTI LSU: una prima analisi dei progetti avviati nel secondo semestre del 2009 MONITORAGGIO PROGETTI LSU: una prima analisi dei progetti avviati nel secondo semestre del 29 La presente scheda è stata curata da Thomas Ferlin, esperto dell Agenzia regionale del lavoro e del Friuli

Dettagli

Gli stranieri e il mondo del lavoro 1. Il lavoro degli extracomunitari residenti

Gli stranieri e il mondo del lavoro 1. Il lavoro degli extracomunitari residenti Gli stranieri e il mondo del lavoro 1 Attualmente le statistiche riguardanti l indagine Istat delle Forze Lavoro non permettono di reperire indicatori sugli stranieri (o sugli extracomunitari) a livello

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 4 TRIMESTRE 2015 STARTUP INNOVATIVE Elaborazioni a: 01 Gennaio 2016 Principali evidenze A fine dicembre 2015 il numero di startup innovative

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 23 novembre 2012 Anni 1995-2011 CONTI ECONOMICI REGIONALI In occasione della diffusione delle stime provvisorie per l anno 2011, l Istat pubblica le serie dei Conti economici regionali nella nuova classificazione

Dettagli

IL LAVORO RIPARTE? POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro. 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro

IL LAVORO RIPARTE? POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro. 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro Provincia di LECCO POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro IL LAVORO RIPARTE? Marzo 2014 Il rapporto di ricerca

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

LA CONGIUNTURA ECONOMICA. Industria, artigianato, commercio, servizi e costruzioni in provincia di Bergamo nel terzo trimestre 2014

LA CONGIUNTURA ECONOMICA. Industria, artigianato, commercio, servizi e costruzioni in provincia di Bergamo nel terzo trimestre 2014 LA CONGUNTURA ECONOMCA ndustria, artigianato, commercio, servizi e costruzioni in provincia di Bergamo nel terzo trimestre 2014 Servizio Studi della CCAA di Bergamo 4 novembre 2014 2 ndustria, artigianato,

Dettagli

OSSERVATORIO ECONOMICO AGROALIMENTARE

OSSERVATORIO ECONOMICO AGROALIMENTARE OSSERVATORIO ECONOMICO AGROALIMENTARE GLI OCCUPATI NEL SETTORE AGRICOLO VENETO NEL 2014 Report 2014 1 INDICE: 1. La fotografia della situazione secondo l indagine sulle Forze lavoro dell Istat 2. Un analisi

Dettagli

LA PUBBLICITA IN SICILIA

LA PUBBLICITA IN SICILIA LA PUBBLICITA IN SICILIA Quadro produttivo, articolazione della spesa e strategie di sviluppo Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici Istituto G. Tagliacarne Settembr e 2014 Gli obiettivi del

Dettagli

La competitività dei territori italiani nel mercato globale

La competitività dei territori italiani nel mercato globale La competitività dei territori italiani nel mercato globale Zeno Rotondi, Responsabile Ufficio Studi Italia Bologna, aprile 2011 Indice Quadro congiunturale La competitività dei territori e il ritorno

Dettagli

Legge regionale n. 18/2005, art. 48 ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO O INSERIMENTI LAVORATIVI IN COOPERATIVE

Legge regionale n. 18/2005, art. 48 ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO O INSERIMENTI LAVORATIVI IN COOPERATIVE Legge regionale n. 18/2005, art. 48 ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO O INSERIMENTI LAVORATIVI IN COOPERATIVE D.P.REG. 0237/PRES DEL 07.08.2006 entrato in vigore il 31.08.2006 e s.m.i. di cui al D.P.REG.

Dettagli

La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete

La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete Dinamiche occupazionali Il modello veneto è conosciuto come esempio di connubio vincente tra territorio e piccola impresa. Crescita e benessere economico

Dettagli

Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette al 30 giugno 2010

Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette al 30 giugno 2010 Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette al 30 giugno 2010 Osservatorio sul Mercato del Lavoro della Provincia di Padova 1 In sintesi: Prosegue la

Dettagli

INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA

INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Territoriale del Lavoro di Terni INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA Situazione al 31/12/2014 n. 8/2014 INDICE Sintesi 3 Il confronto con il dato regionale

Dettagli

Il mercato del lavoro in provincia di Piacenza nel 2010

Il mercato del lavoro in provincia di Piacenza nel 2010 PROVINCIA DI PIACENZA Assessorato Sistema scolastico e della formazione; Politiche del Lavoro; Sostegno all artigianato e al commercio; Innovazione tecnologica Il mercato del lavoro in provincia di Piacenza

Dettagli

Accordi di Cassa Integrazione Guadagni in deroga sottoscritti in sede Regionale ai sensi art. 2.2. linee guida anno 2012

Accordi di Cassa Integrazione Guadagni in deroga sottoscritti in sede Regionale ai sensi art. 2.2. linee guida anno 2012 Accordi di Cassa Integrazione Guadagni in deroga sottoscritti in sede Regionale ai sensi art. 2.2. linee guida anno 2012 MONITORAGGIO accordi sottoscritti al 31 ottobre 2012 1. Nota introduttiva Dal 1

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA

INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA RISULTATI GENERALI L andamento dell Industria di Roma e Provincia nel quarto trimestre del 2002 è risultato sostanzialmente negativo. Con riferimento al Comune, i

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 3 TRIMESTRE 2015 STARTUP INNOVATIVE Elaborazioni a: 07 Ottobre 2015 Principali evidenze A fine settembre 2015 il numero di startup innovative

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie

Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie Gianmarco Paglietti Consorzio Camerale per il credito e la finanza Cremona, 17 giugno 2013 L economia nel 2012 PIL

Dettagli

Comunicato Stampa Mantova, 18 febbraio 2014 I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE PER IL PRIMO TRIMESTRE 2014

Comunicato Stampa Mantova, 18 febbraio 2014 I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE PER IL PRIMO TRIMESTRE 2014 Comunicato Stampa Mantova, 18 febbraio 2014 I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE PER IL PRIMO TRIMESTRE 2014 Il Servizio Informazione e Promozione Economica della Camera di Commercio di Mantova rende

Dettagli

a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA

a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA Presentazione dei dati del 4 Studio sullo stato dell occupazione nella provincia di Messina a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA 1 Nell ormai consueto

Dettagli

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 CONGIUNTURA & APPROFONDIMENTI Report n. 7 Maggio 2015 La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 A cura dell Area Studi e Sviluppo Economico Territoriale

Dettagli

MOVIMPRESE I trimestre 2015

MOVIMPRESE I trimestre 2015 MOVIMPRESE estre L ANDAMENTO DEMOGRAFICO DOPO UN ANNO DIFFICILE. PRIMI SEGNALI DI UNA INVERSIONE DI TENDENZA? Il primo trimestre dell anno è di consueto caratterizzato da valori demografici negativi, a

Dettagli

SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA. Anno 2 0 1 0

SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA. Anno 2 0 1 0 SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Rapporto annuale del Collocam ento Obbligatorio Anno 2 1 dicembre 1 Gruppo di lavoro Ballardini Stefania De Caro Rosa Fariselli Mauro Graziani Alessandra

Dettagli

L EDILIZIA IN VENETO

L EDILIZIA IN VENETO Dal declino al nuovo ciclo delle 3R: Ristrutturazioni Riqualificazioni Rigenerazioni Luca Romano Direttore Local Area Network Villa Braida Mogliano Veneto 16 maggio 2014 IL PATRIMONIO EDILIZIO E LA CRESCITA

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 21 1 Pagina Pagina Pagina Demografia delle imprese reggiane Andamento congiunturale Fallimenti Pagina Pagina Protesti Credito

Dettagli

INCHIESTA CONGIUNTURALE SUL COMMERCIO

INCHIESTA CONGIUNTURALE SUL COMMERCIO INCHIESTA CONGIUNTURALE SUL COMMERCIO RISULTATI GENERALI Nel secondo trimestre del 2003 sono state confermate le valutazioni sostanzialmente negative sull andamento degli affari sia dagli imprenditori

Dettagli

Approfondimenti e tendenze

Approfondimenti e tendenze Provincia di Verona OSSERVATORIO MERCATO DEL LAVORO Approfondimenti e tendenze IL FLUSSO DEGLI AVVIAMENTI NELLA BASSA VERONESE E A VERONA NEL 2002 Servizi per l Impiego N. 1 Anno 2004 Marzo 2004 A cura

Dettagli

I NUMERI DELLA DMO. Rappresenta il 58% dei 222 Mdi degli acquisti che vengono fatti nei negozi (cd consumi commercializzabili)

I NUMERI DELLA DMO. Rappresenta il 58% dei 222 Mdi degli acquisti che vengono fatti nei negozi (cd consumi commercializzabili) 1 I NUMERI DELLA DMO Rappresenta il 58% dei 222 Mdi degli acquisti che vengono fatti nei negozi (cd consumi commercializzabili) Occupa oltre 450.000 dipendenti su 1.845.000 del commercio Investe ogni anno

Dettagli

Indagine di previsione per il I trimestre 2016 per le imprese della provincia di Cuneo

Indagine di previsione per il I trimestre 2016 per le imprese della provincia di Cuneo Nota congiunturale Indagine di previsione per il I trimestre 2016 per le imprese della provincia di Cuneo L indagine congiunturale di previsione per il primo trimestre 2016 di Confindustria Cuneo evidenzia

Dettagli

GLI INFORTUNI SUL LAVORO IN FRIULI VENEZIA GIULIA ATLANTE E ANALISI PREVENTIVA (2001-2006)

GLI INFORTUNI SUL LAVORO IN FRIULI VENEZIA GIULIA ATLANTE E ANALISI PREVENTIVA (2001-2006) GLI INFORTUNI SUL LAVORO IN FRIULI VENEZIA GIULIA ATLANTE E ANALISI PREVENTIVA (2001-2006) AGENZIA REGIONALE DELLA SANITÀ 2 Agenzia regionale della Sanità della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia GLI

Dettagli

3. LA DINAMICA TRIMESTRALE DELLE IMPRESE ATTIVE

3. LA DINAMICA TRIMESTRALE DELLE IMPRESE ATTIVE 3. LA DINAMICA TRIMESTRALE DELLE IMPRESE ATTIVE L analisi in chiave congiunturale della demografia delle imprese deve essere presa con cautela: le decisioni relative all avvio o alla cessazione di un attività

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 1 TRIMESTRE 2015 STARTUP INNOVATIVE Elaborazioni a: 06 Aprile 2015 1 Principali evidenze A fine marzo 2015 il numero di startup innovative

Dettagli

I giovani e il mondo del lavoro

I giovani e il mondo del lavoro I giovani e il mondo del lavoro Agosto 2015 REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Presidenza della Regione Direzione generale Servizio programmazione, pianificazione strategica, controllo di gestione

Dettagli

La situazione socio-economica della provincia di Trieste

La situazione socio-economica della provincia di Trieste La situazione socio-economica della provincia di Trieste Estratto dalla Relazione Previsionale E Programmatica 2013-2015 (approvata con delibera Consiglio provinciale n. 19 dd. 17/06/2013) Allegato B/1

Dettagli

Attività di monitoraggio del progetto Professionisti in Famiglia 2 trimestre 2009

Attività di monitoraggio del progetto Professionisti in Famiglia 2 trimestre 2009 La presente scheda è stata curata da Anna Cragnolini e Chiara Cristini, esperte dell Agenzia regionale del lavoro e Coordinatrici del Progetto Professionisti/e in famiglia 2 Agenzia regionale del lavoro

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 30 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 29 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

INDAGINE SULLA MEDIA E GRANDE DISTRIBUZIONE IN PIEMONTE

INDAGINE SULLA MEDIA E GRANDE DISTRIBUZIONE IN PIEMONTE INDAGINE SULLA MEDIA E GRANDE DISTRIBUZIONE IN PIEMONTE DINAMICHE IMPRENDITORIALI E CONDIZIONI DI LAVORO Coordinamento: Giovanni Ciarlo (Filcams Regionale) Francesco Montemurro (Ires L.Morosini) Lavoro

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013 INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013 Le previsioni delle imprese manifatturiere liguri per il terzo trimestre 2013 hanno confermato alcuni

Dettagli