Dieci anni di scuola calabrese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dieci anni di scuola calabrese"

Transcript

1 REGIONE CALABRIA Dipartimento Istruzione, Università, Alta Formazione, Innovazione e Ricerca Osservatorio Regionale sull Istruzione e il Diritto allo Studio Dieci anni di scuola calabrese Luglio 2009

2 REGIONE CALABRIA Dipartimento 11 Cultura, Istruzione, Università, Ricerca, Innovazione Tecnologica, Alta formazione - Settore 2 Politiche dell'istruzione, Programmazione delle Reti Scolastiche e del Sistema Educativo Osservatorio Regionale sull Istruzione e il Diritto allo Studio Via Molé Catanzaro - tel Responsabile del progetto: Dott.ssa Sonia Tallarico, Dirigente Settore Politiche dell Istruzione, Programmazione delle Reti Scolastiche e del Sistema Educativo, Regione Calabria Gruppo di lavoro Dott.ssa Antonella Cauteruccio, Dirigente Servizio Istruzione, Regione Calabria Prof.ssa Maria De Paola, Università della Calabria Dott. Fabrizio Guzzo, ricercatore. Osservazioni, contributi e suggerimenti al contenuto del presente lavoro potranno essere inviati a: Settore 2 Politiche dell'istruzione, Programmazione delle Reti Scolastiche e del Sistema Educativo - Il rapporto è disponibile sul portale tematico Calabria Istruzione del sito istituzionale della Regione Calabria. I dati della presente pubblicazione, ove non diversamente specificato, sono patrimonio della Regione Calabria. È consentito l utilizzo e la pubblicazione dei dati con citazione della fonte: FONTE: Regione Calabria, Osservatorio Regionale Istruzione e Diritto allo Studio,

3 PRESENTAZIONE A cura del Prof. Domenico Cersosimo Vice Presidente della Giunta Regionale della Calabria Le politiche scolastiche sono politiche particolarmente complesse e fragili in quanto implicano padronanza di conoscenze disperse e multidisciplinari e incertezza degli esiti. Per questo bisogna tararle nel tempo e riaggiustarle sistematicamente, mostrando particolare attenzione ai risultati che non sono affatto scontati. Nell ultimo biennio, in Calabria sono state realizzate dalla Giunta regionale molte sperimentazioni e avviate politiche innovative nell intera filiera formativa, che hanno contribuito ad elevare conoscenze e competenze degli studenti, ad accrescere l accessibilità fisica delle aule e a sensibilizzare l attenzione dell opinione pubblica regionale verso la scuola che sta cambiando. Nonostante sia cresciuto l interesse e la mobilitazione progettuale e didattica di insegnanti, presidi, alunni, famiglie e sindaci, è ancora scarsamente diffusa, sia all interno della comunità scolastica che nella società nel suo insieme, la consapevolezza sulle non poche criticità che attanagliano il sistema scolastico regionale ma anche sulle enormi potenzialità di sviluppo che potrebbero scaturire per l intera Calabria da una scuola migliore e di qualità. Questa scarsa attenzione al mondo della scuola e ai cambiamenti che la interessano risente anche della difficoltà a reperire informazioni puntuali ed aggiornate sulle principali grandezze quanti-qualitative scolastiche e sulle loro dinamiche temporali. D altro canto, in presenza di informazioni frammentate e disperse è oggettivamente difficile costruire un comune sentire nei confronti della comunità scolastica, delle sue criticità e potenzialità. Allo scopo di mettere in agenda la formazione scolastica, l Assessorato regionale alla pubblica istruzione, in cooperazione con gli Uffici scolastici regionale e provinciali e con le organizzazioni sindacali, ha ideato e costruito un Piano straordinario intenzionalmente rivolto a creare una fiammata di interesse pubblico sulla scuola e l università e ad alimentare aspettative positive attraverso una massa critica temporalmente concentrata di strumenti, azioni e finanziamenti. Il Piano d azione , della portata di 101 milioni di euro, è stato costruito come un insieme integrato di interventi di natura sperimentale rivolti (i) ad elevare già nel breve periodo il livello delle capacità e delle competenze di quote significative della popolazione studentesca, (ii) a migliorare la capacità organizzativa e formativa delle istituzioni scolastiche e universitarie e (iii) a conseguire conoscenze e valutazioni aggiuntive sulla bontà del sistema degli incentivi messo in campo. I risultati sono stati molto soddisfacenti, in primo luogo per la vastità dei beneficiari coinvolti: singoli destinatari; 220 istituzioni scolastiche e 3 università soggetti attuatori di progetti; neodiplomati coinvolti nei percorsi di azzeramento dei deficit di competenze per la vita (matematica, comprensione del testo, logica); ragazzi coinvolti nei viaggi studio all estero; studenti protagonisti dei campi scuola; buoni premi erogati agli studenti migliori ; 400 ricercatori promotori di programmi intensivi di alta formazione all estero. E poi 50 laboratori matematicoscientifici, 47 laboratori linguistici, 81 laboratori musicali, 10 nuove scuole e tanto altro ancora. Nell anno appena trascorso abbiamo dato un nuovo impulso al sistema scolastico e universitario con l obiettivo di consolidare gli interventi che avevano dato i risultati più promettenti e per avviare nuove sperimentazioni con l avvio del Piano d azione Dopo un primo semestre di attività: studenti hanno seguito percorsi formativi ed itinerari didattici integrativi extracurriculari ; neodiplomati hanno 3

4 realizzato un percorso di formazione incentrato sulle competenze di base; studenti, con il coordinamento delle scuole, hanno svolto periodi di formazione all estero per lo studio della lingua inglese; 73 progetti, per un ammontare di 3,6 milioni di euro, sono stati finalizzati ad incrementare la dotazione strumentale e di risorse umane a supporto dell'integrazione scolastica degli alunni disabili; studenti disabili coinvolti in percorsi sperimentali volti a sostenere la continuità scolastica; docenti della scuola pubblica calabrese beneficeranno di un voucher di euro per contribuire all incremento delle competenze e favorire processi di innovazione nella scuola. Al fine di colmare il gap informativo sulla scuola calabrese, è stato avviato l Osservatorio regionale sull istruzione e il diritto allo studio e progettato il Sistema informativo regionale a supporto delle politiche dell istruzione in Calabria Sispical. L'Osservatorio si propone di monitorare costantemente i dati della scolarità nella regione, di fornire informazioni statistiche su fenomeni scolastici rilevanti e di realizzare indagini e studi sui temi di interesse per la programmazione degli interventi regionali in tema di istruzione. Le azioni finora attuate riguardano la costruzione delle anagrafi degli studenti dell ultimo anno della scuola secondaria di secondo grado, degli istituti secondari di secondo grado e dei diplomati. Tali anagrafi consentono di avere informazioni a livello di singolo istituto per analizzare lo stato e le caratteristiche degli istituti scolastici e l'efficacia interna dell'offerta formativa erogata. Inoltre, aspetto ancor più di rilievo, permettono di disporre informazioni di dettaglio sui singoli diplomandi, ovvero sulle caratteristiche sociodemografiche, sulla riuscita scolastica, sulle valutazioni e sulle aspirazioni, messe anche a confronto con i loro coetanei. Accanto a questi interventi sono stati realizzati una serie di servizi rivolti ai diplomati attraverso il sistema Almadiploma: bacheche con offerte di lavoro; inserimento del curriculum nella banca dati consultabile on-line; accesso alle informazioni per la scelta universitaria; possibilità di aggiornare continuamente il curriculum su internet; profilo personalizzato orientativo. Il Rapporto sulla scuola calabrese rientra nel quadro informativo di natura quantitativa che l Osservatorio intende garantire, con dati che riguardano tutti gli aspetti del mondo della scuola nell ultimo decennio. Il Rapporto di ricerca, che offre un quadro ricco e composito, per molti versi inedito, della realtà scolastica, rappresenta in primo luogo uno straordinario strumento di supporto all ideazione e implementazione delle politiche scolastiche a scala regionale. Esso intende anche costituire una piattaforma informativa per avviare riflessioni sui cambiamenti che caratterizzano la domanda regionale di istruzione e formazione, per verificare l impatto delle innovazioni anche di carattere normativo e regolamentare che interessano il sistema scolastico e gli impegni assunti in ambito europeo in tema di dispersione scolastica e di incremento delle competenze degli studenti. Il dato più preoccupante che emerge dal Rapporto è rappresentato dal costante e graduale decremento della popolazione scolastica regionale (-13,2% nel periodo ), a cui non si è contrapposto, come è invece avvenuto nelle regioni del Centronord, un significativo incremento di alunni stranieri. La contrazione maggiore si è avuta nella scuola secondaria di I grado, con il 20,5% di studenti in meno rispetto al 1999, seguita dalla scuola primaria con -19%. La perdita di alunni è il segnale eloquente dell acuta crisi demografica che attraversa da circa un decennio il Mezzogiorno e la Calabria. La sistematica riduzione del tasso di fertilità delle donne calabresi, ormai prossimo al valore registrato nelle regioni del Nord che, è noto, è tra i bassi del mondo occidentale, e la persistente emigrazione di 4

5 popolazione giovane dalla Calabria, alimentano una blanda crescita demografica che si traduce in una contrazione del flusso di ingresso nelle aule scolastiche regionali. Ciò è particolarmente evidente, e preoccupante, nelle comunità locali più piccole delle aree interne calabresi, che sono ormai esposte a fenomeni diffusi di spopolamento e di desertificazione umana. Scuole e classi con troppi pochi alunni rischiano una doppia penalizzazione: processi formativi inesorabilmente limitati e rischio di chiusura definitiva. Il tutto aggravato da una politica scolastica nazionale orientata prioritariamente a tagliare trasferimenti finanziari e personale, docente e non. Circa 8 miliardi di euro in meno e 131 mila insegnati e personale tecnico in meno nel prossimo triennio finiranno inesorabilmente per indebolire le già precarie perfomance formative e organizzative della scuola italiana e di quella meridionale e calabrese in particolare. Un intera fascia di scuole rischia l estinzione definitiva: quelle di montagna, dei paesi a più forte emigrazione, dei comuni polvere. E quando scompare una scuola si priva la comunità locale di un presidio civile decisivo, di un piccolo luogo di apprendistato democratico, si affievolisce l idea stessa di futuro. Le politiche regionali realizzate in quest ultimo biennio sono state anche politiche rivolte a contrastare le dinamiche regressive recenti. In primo luogo sostenendo le scuole ubicate nelle aree più a rischio e gli alunni più svantaggiati (disabili e appartenenti a famiglie economicamente meno dotate). Inoltre, immettendo nel circuito scolastico regionale abbondanti flussi di risorse finanziarie a compensazione dei tagli del governo centrale. La politica scolastica regionale per quanto importante non può tuttavia surrogare quella centrale: a tutt oggi, la scuola è, per fortuna, una materia unitaria di rango nazionale. Spettano allo Stato centrale le funzioni strategiche degli orientamenti e dell organizzazione didattica e formativa, il personale docente e tecnico, del diritto allo studio e, soprattutto, l unitarietà territoriale e culturale dell intera filiera scolastica nazionale. Alla Regione sono attribuiti compiti ben più modesti nel campo dell organizzazione della rete scolastica locale e dell eventuale sostegno alle attività didattiche extracurriculari. La Regione Calabria ha prodotto e sta producendo uno sforzo eccezionale nei confronti dell intera filiera scolastica, perché convinta che gli investimenti nella formazione siano determinanti non solo per l accrescimento cognitivo dei nostri giovani e per il loro futuro professionale ma anche per la qualità sociale generale: buone scuole contribuiscono a produrre, nel tempo, buona società. Uno sforzo teso a migliorare competenze e capacità degli studenti, a motivare e sostenere gli insegnanti, a potenziare dotazioni fisiche e tecnologiche, ad accrescere l accessibilità di istituti, aule e laboratori a tutti gli alunni. Uno sforzo anche in direzione di una maggiore conoscenza dell articolato e composito universo scolastico regionale, come si spera contribuisca questo ponderoso e ricco Rapporto di ricerca. La conoscenza pertinente rappresenta la base ineludibile per qualsiasi processo di programmazione e di valutazione delle politiche realizzate. Conoscere per programmare; valutare per ripensare obiettivi e strategie delle politiche scolastiche. E a questi capisaldi che si ispira la nostra azione di governo nei confronti della scuola, nella consapevolezza che soltanto dal sistematico accumulo di conoscenze e di esperienze è possibile progettare e implementare un sistema efficace di strumenti e di azioni adeguato alla complessità e all importanza della formazione scolastica. 5

6 INDICE Premessa Le scuole L articolazione delle istituzioni scolastiche Le istituzioni scolastiche e punti di erogazione Il nuovo quadro delle istituzioni scolastiche a partire dall anno scolastico 2009/ La dotazione strutturale delle scuole secondarie di II grado Gli alunni e le classi Gli alunni per ordine e grado di istruzione Gli alunni disabili Gli alunni stranieri Le sezioni e le classi L organico Il personale Il personale docente Il personale Amministrativo, Tecnico ed Ausiliario (ATA) I dirigenti scolastici Cessazioni dal servizio Tassi di scolarità e risultati Dispersione scolastica L abbandono scolastico Studenti ripetenti Studenti non ammessi alla classe successiva Studenti con debito formativo La scuola all interno di ospedali e carceri e l istruzione degli adulti Le risorse finanziarie investiste nel sistema dell istruzione...71 Bibliografia...76 Appendice statistica (allegato 1)

7 INDICE TABELLE Tabella 1.1 Scuole per tipo di gestione e livello scolastico in Calabria. 2007/ Tabella 1.2 Istituzioni scolastiche statali per provincia. Anno scolastico 2008/ Tabella 1.3 Punti di erogazione del servizio facenti capo alle istituzioni scolastiche statali per provincia Tabella 1.4 Piano di dimensionamento della rete scolastica regionale...15 Tabella 1.5 Presenza di laboratori di scienze per provincia e tipologia di scuola. 2008/ Tabella 1.6 Presenza di laboratori linguistici per provincia e tipologia di scuola. 2008/ Tabella 1.7 Presenza di aree sportive attrezzate per provincia e tipologia di scuola. 2008/ Tabella 2.1 Alunni frequentati la scuola statale in Italia Tabella 2.2 Alunni frequentanti la scuola statale in Calabria per ordine e grado di istruzione...21 Tabella 2.3 Popolazione scolastica per provincia e per ordine e grado di istruzione. 2008/ Tabella 2.4 Alunni disabili per ordine e grado di scuola statale in Calabria...29 Tabella 2.5 Alunni disabili su totale per ordine e grado di scuola statale in Calabria. Valori percentuali Tabella 2.6 Alunni con cittadinanza straniera per ordine scolastico e provincia. 2007/ Tabella 2.7 Alunni con cittadinanza straniera per continente di provenienza e provincia (valori assoluti). 2007/ Tabella 2.8 Classi per ordine e grado di istruzione in Italia Tabella 2.9 Classi per ordine e grado di istruzione in Calabria Tabella 2.10 Classi per ordine e grado di istruzione per provincia. 2008/ Tabella 3.1 Posti personale docente in Organico di fatto per ordine e grado di istruzione in Calabria...40 Tabella 3.2 Rapporto alunni posti totali per ordine e grado in Calabria...43 Tabella 3.3 Rapporto alunni posti normali per ordine e grado in Calabria...44 Tabella 3.4 Rapporto alunni posti di sostegno per ordine e grado in Calabria Tabella 4.1 Personale docente a tempo determinato e indeterminato nella scuola statale in Calabria Tabella 4.2 Presenza femminile nel personale docente con contratto a tempo indeterminato (valori percentuali). Prospetto provinciale. 2008/ Tabella 4.3 Personale docente a tempo indeterminato per classi di età (anno 2006, valori in percentuale) Tabella 4.4 Personale ATA in Calabria Tabella 4.5 Dirigenti scolastici per provincia. 2008/ Tabella 4.6 Cessazione dal servizio del personale docente in Calabria per ordine e grado di scuola statale...53 Tabella 4.7 Cessazione su personale docente di ruolo in Calabria (posti normali)...54 Tabella 5.1 Alcuni indicatori sulle Scuole secondarie di II grado. Anni scolastici 2000/01 e 2007/ Tabella 5.2 Diplomati per votazione conseguita. Prospetto provinciale Tabella 6.1 Tasso di abbandono nella secondaria di II grado. Abbandoni (*) sul complesso degli iscritti al primo ed al secondo (valori in %) Tabella 6.2 Ripetenti per provincia e anno di corso per 100 iscritti. Secondaria statale di I grado. 2007/ Tabella 6.3 Ripetenti per provincia e anno di corso per 100 iscritti. Secondaria statale di II grado. 2007/ Tabella 6.4 Alunni ripetenti per tipo di scuola e provincia. 2007/ Tabella 6.5 Studenti non ammessi all anno successivo per provincia e anno di corso. secondaria di II grado (per 100 scrutinati). 2006/ Tabella 6.6 Ammessi con debito per tipo di scuola in Calabria. secondaria di II grado (per 100 ammessi con debito). 2006/ Tabella 7.1 Particolari tipologie di scuole. Prospetto provinciale, 2008/09*...69 Tabella 7.2 Centri territoriali permanenti, corsi serali e alunni. Prospetto provinciale, 2008/09*..70 Tabella 8.1 Spesa della Pubblica Amministrazione per l istruzione Tabella 8.2 Spesa pubblica per l'istruzione per categoria economica. Composizioni percentuali Tabella 8.3 Spesa pubblica per l'istruzione per livelli di governo. Valori assoluti in milioni di euro

8 INDICE FIGURE Figura 2.1 Alunni frequentanti la scuola statale in Italia per ordine e grado di istruzione. Variazione percentuale periodo 1999/ Figura 2.2 Totale popolazione studentesca in Calabria (scuola statale). Numeri indice a base fissa ( 1999/00)...21 Figura Alunni frequentanti la scuola statale in Calabria per ordine e grado di istruzione. Variazione percentuale periodo 1999/ Figura 2.4 Alunni frequentanti la scuola statale in Calabria per ordine e grado di istruzione. 1999/ Figura 2.5 Alunni frequentanti la scuola statale per provincia. 2008/ Figura 2.6 Bambini frequentanti la scuola statale dell infanzia in Calabria. Numeri indice a base fissa ( )...24 Figura 2.7 Bambini frequentanti la scuola statale dell infanzia per provincia. Numeri indice a base fissa ( )...24 Figura 2.8 Alunni frequentanti la scuola statale primaria in Calabria. Numeri indice a base fissa ( 1999/00)...25 Figura 2.9 Alunni frequentanti la scuola statale primaria per provincia. Numeri indice a base fissa ( 2004/05)...25 Figura 2.10 Alunni frequentanti la scuola statale secondaria di I grado in Calabria. Numeri indice a base fissa ( )...26 Figura 2.11 Alunni frequentanti la scuola statale secondaria di I grado per provincia. Numeri indice a base fissa ( 2004/05) Figura 2.12 Alunni frequentanti la scuola statale secondaria di II grado in Calabria. Numeri indice a base fissa ( 1999/00) Figura 2.13 Alunni frequentanti la scuola statale secondaria di II grado per provincia. Numeri indice a base fissa ( 2004/05) Figura 2.14 Alunni frequentanti la scuola statale secondaria di II in Calabria per tipo di istituto. 2008/ Figura 2.15 Alunni frequentanti la scuola statale secondaria di II grado in Calabria per tipo di istituto. Numeri indice a base fissa ( 2004/05)...29 Figura 2.16 Distribuzione studenti disabili per ordine e grado di istruzione in Calabria Figura 2.17 Distribuzione studenti disabili per provincia. 2008/ Figura 2.18 Alunni con cittadinanza non italiana per cento iscritti. 2007/ Figura 2.19 Alunni con cittadinanza non italiana per ordine scolastico e provincia (per cento iscritti)..33 Figura 2.20 Alunni con cittadinanza straniera iscritti all interno del sistema scolastico calabrese per continente di provenienza. 2007/ Figura 2.21 Classi per ordine e grado di istruzione in Calabria. Variazione percentuale periodo 1999/ Figura 3.1 Posti personale docente in Calabria per ordine e grado. Variazione percentuale 1999/ Figura 3.2 Dotazioni organiche del personale docente in Organico di fatto per tipologia in Calabria: confronto 2007/ / Figura 3.3 Dotazioni organiche del personale docente in Organico di fatto per ordine e grado in Calabria. 2008/ Figura 3.4 Distribuzione delle dotazioni organiche del personale docente su posto normale in Organico di fatto per ordine e grado in Calabria: confronto 2007/ / Figura 3.5 Distribuzione delle dotazioni organiche del personale docente su posto di sostegno in Organico di fatto per ordine e grado in Calabria: confronto 2007/ / Figura 3.6 Andamento posti normali in Organico di fatto per grado e ordine in Calabria. Variazione in %. 1999/ / Figura 3.7 Andamento posti di sostegno in Organico di fatto per grado e ordine in Calabria. Variazione in %. 1999/ / Figura 4.1 Personale docente a tempo indeterminato nella scuola statale calabrese. Numeri indice a base fissa ( 1990/00)...46 Figura 4.2 Personale docente a tempo determinato nella scuola statale calabrese. Numeri indice a base fissa ( 1990/00)...47 Figura 4.3 Personale docente per tipologia di contratto in Calabria: confronto 2007/ /

9 Figura 4.4 Personale docente per tipologia di contratto e per ordine e grado di istruzione in Calabria. 2008/ Figura 4.5 Personale ATA con contratto a tempo indeterminato. Numeri indici a base fissa (anno base (1999/00) Figura 4.6 Personale ATA con contratto a tempo determinato. Numeri indici a base fissa (anno base (1999/00) Figura 4.7 Personale dirigente della scuola. Numeri indici a base fissa (anno base (1999/00)...52 Figura 4.8 Cessazione dal servizio del personale docente in Calabria. Numeri indici a base fissa (anno base (1999/00)...54 Figura 4.9 Cessazione dal servizio del personale docente per provincia. 2008/ Figura 5.1 Percentuale di diplomati per votazione conseguita in Calabria. A. S. 2006/ Figura 6.1 Percentuale di 18-24enni con la sola licenza media e non più in formazione (early school leavers). Confronti internazionali, anni 2000 e Figura enni con la sola licenza media e non più in formazione per Regione (per 100 coetanei) - Anni 2006 e

10 Premessa Il rapporto è stato realizzato nell ambito delle attività dell Osservatorio Regionale sull Istruzione e il Diritto allo Studio ed ha l obiettivo di fornire una base informativa, di natura quantitativa, a supporto dei processi decisionali di policy makers e altri attori che, a vario titolo, operano nel campo dell istruzione scolastica e della formazione. L idea di predisporre il primo volume di livello regionale contenente un decennio di dati riguardanti il sistema scolastico ha preso spunto dalla necessità di rispondere meglio alle accresciute esigenze di informazione e conoscenza sull assetto organizzativo del sistema Istruzione della Calabria e per tenere conto dei cambiamenti in atto nella distribuzione delle competenze fra i diversi livelli decisionali. Il lavoro fornisce un quadro di sintesi sulla scuola statale calabrese, attraverso la presentazione e il commento di dati, indicatori di sintesi e tendenze. Il rapporto è organizzato in 8 sezioni ed in una appendice statistica. Le prime quattro sono dedicate alle principali componenti del sistema scolastico: le scuole, gli alunni e le classi, l organico e il personale. La sezione 5 analizza i tassi di scolarità e i risultati scolastici degli alunni calabresi, mentre il fenomeno della dispersione scolastica è affrontato nella sezione successiva. La sezione 7 presenta una breve descrizione della scuola all interno di ospedali e carceri e dell istruzione degli adulti. La sezione 8 affronta, infine, l analisi delle risorse finanziarie impiegate nel sistema scolastico calabrese. 10

11 1. Le scuole 1.1 L articolazione delle istituzioni scolastiche All interno del sistema scolastico italiano le scuole possono essere suddivise in scuole statali e non statali a seconda che siano o meno gestite dallo Stato. La scuola non statale si suddivide a sua volta in pubblica e privata in base al tipo di gestione 1. Nel 2008, le scuole statali costituivano l 84,6% del totale delle scuole presenti in Calabria. La scuola secondaria di I grado rappresentava il livello scolastico con la più alta incidenza di scuole statali (98,2% del totale), seguita dalla scuola primaria (97,1%) e da quella secondaria di II grado (88,6%). Nelle scuole dell infanzia si registrava, viceversa, la maggiore presenza di scuole non statali, il 29,7% (cfr. tab. 1.1). Tabella 1.1 Scuole per tipo di gestione e livello scolastico in Calabria. 2007/08. Livello scolastico Totale Scuole statali % Scuole statali sul totale Scuole non statali Paritarie Non paritarie dell'infanzia , primaria , secondaria I grado ,2 8 0 secondaria II grado , Totale , Fonte: Elaborazione su dati del Ministero dell Istruzione, dell'università e della Ricerca Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi. 1.2 Le istituzioni scolastiche e punti di erogazione Con l introduzione dell autonomia (D.P.R. 233/1998), le istituzioni scolastiche sono state ridimensionate e riaccorpate secondo parametri comuni basati sulla numerosità della popolazione scolastica 2. Cosicché, se a livello nazionale, nel 1 Si parla di scuola non statale pubblica se il gestore è l'ente locale (Comune, Provincia e Regione), mentre si parla di scuola non statale privata quando essa viene gestita da enti o soggetti privati, laici o religiosi. Le scuole non statali, siano esse pubbliche o private, possono definirsi paritarie o non paritarie: le prime hanno richiesto ed ottenuto la parità dall'ufficio scolastico regionale. Fanno eccezione, pur rientrando nelle scuole non statali pubbliche, le scuole dipendenti dalla Regione a statuto speciale Valle d'aosta e quelle delle Province autonome di Trento e Bolzano, che non possono definirsi né paritarie né non paritarie, essendo invece assimilabili alla scuola statale. L'insieme delle scuole statali e non statali pubbliche definisce la scuola pubblica nel suo complesso (MPI 2008, p. 12). 2 Il DPR 233/1998 prevede che le istituzioni scolastiche devono avere una popolazione scolastica compresa tra i 500 e i 900 alunni. Secondo la normativa, le scuole che non raggiungono un numero di almeno 500 alunni vengono accorpate in un altra tipologia di istituto comprendente diversi livelli di istruzione (istituti comprensivi) o istituti di istruzione secondaria di II grado di differente tipologia (istituti di istruzione secondaria superiore). Nelle piccole isole, nei comuni montani ed in territori contraddistinti da specificità etniche o linguistiche gli indici di riferimento possono essere ridotti fino a 300 alunni. Alle istituzioni scolastiche è affidata la responsabilità organizzativa e amministrativa dei punti di erogazione del servizio scolastico in funzione nell ambito territoriale di propria competenza. 11

12 1998 c erano oltre istituzioni scolastiche, nel 2000, anno di introduzione della riforma, il loro numero si riduceva a , con una contrazione pari a unità (-14,7%); ad oggi, le istituzioni scolastiche sono Complessivamente, nel periodo vi è stata una flessione delle istituzioni scolastiche di oltre unità, corrispondente ad una riduzione superiore al 15% (MIUR, 2009a; MIUR, 2009b). I dati sopraesposti mostrano chiaramente come questo ridimensionamento è avvenuto prevalentemente nel biennio precedente all introduzione dell autonomia. Il quadro delle istituzioni scolastiche in Calabria presenta, dopo il dimensionamento di inizio decennio, una situazione di sostanziale stabilità sia nel numero che nella composizione: le istituzioni sono passate dalle 742, del 1998, alle 603, del 2001, con un ridimensionamento pari a 139 unità (-18,7%); successivamente, dal 2001 al 2008, il numero delle istituzioni scolastiche è invece rimasto invariato. In seguito alla marcata riduzione delle istituzioni scolastiche avvenuta nel biennio precedente l introduzione dell autonomia, si è registrata in Italia una sostanziale conservazione dell esistente, con qualche compensazione interna al sistema che ha favorito, in entrambi i cicli, la costituzione di istituti che aggregano diverse tipologie di scuole. Nello specifico, nel I ciclo è diminuito il numero dei circoli didattici degli istituti principali di scuola secondaria di I grado, mentre è cresciuto il numero di istituti comprensivi di scuola dell infanzia, elementare e media. Analogamente, nel II ciclo, sono diminuiti gli istituti di scuola secondaria di II grado, dando vita ai corrispondenti comprensivi del settore denominati istituti secondari superiori (unione orizzontale di istituti di II grado di diversa tipologia). Tale processo non ha, tuttavia, interessato in maniera omogenea il territorio nazionale. In particolare, nelle regioni del Centro e del Nord si è registrata una più consistente diminuzione di istituzioni scolastiche, anche a fronte di un incremento considerevole di alunni; nel Mezzogiorno, di contro, dove la popolazione scolastica è calata notevolmente, la riduzione delle istituzioni è stata molto più contenuta o addirittura nulla, come nel caso della Calabria, dove il numero non è più diminuito dal 2001, né tantomeno si ravvisano processi di compensazione interna, attraverso la chiusura di istituzioni scolastiche e la costituzione di istituti comprensivi 3. Per l anno scolastico 2009/2010 è comunque previsto un ridimensionamento sostanziale del numero di istituzioni scolastiche in conseguenza dell applicazione del processo di dimensionamento avviato a fine 2008 dalla Regione Calabria (cfr. paragrafo 1.3). I dati disaggregati per provincia mostrano una maggiore concentrazione delle istituzioni scolastiche nella provincia di Cosenza, 225 su un totale di 603, pari al 37,3% del totale, seguita dalla provincia di Reggio (26,7%), da quella di 3 Cfr. MIUR (2009a, pp ). 12

13 Catanzaro (18,4%) e infine da quelle più piccole di Crotone e Vibo Valentia con una percentuale che, per entrambe, non supera il 9% (cfr. tab. 1.2). Tabella 1.2 Istituzioni scolastiche statali per provincia. Anno scolastico 2008/09. Provincia Circoli didattici Istituti Comprensivi Sedi centrali di scuola secondaria I grado Sedi centrali di scuola secondaria II grado Istituti di istruzione secondaria superiore Totale va % va % va % va % va % va % Cosenza 50 36, , , , , ,3 Catanzaro 26 19, , , ,5 6 10, ,4 Crotone 10 7, ,9 5 5,1 10 8,5 4 7,1 52 8,6 Reggio Calabria 40 29, , , , , ,7 Vibo Valentia 11 8, ,3 7 7,1 11 9,4 3 5,4 54 9,0 Totale Fonte: Elaborazione su dati del Ministero dell Istruzione, dell'università e della Ricerca Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi. Nel periodo il numero dei punti di erogazione del servizio delle istituzioni scolastiche (plessi, scuole, istituti principali, sedi e sezioni associate), in Calabria, è diminuito sensibilmente: ad inizio periodo, i punti di erogazione erano 3.037; mentre, a fine periodo, il loro numero si è ridotto a (-378 unità; -12,4%) 4. Sono gli istituti comprensivi ad avere il maggior numero di punti di erogazione: a fronte dei dell anno scolastico ; mentre le scuole secondarie di I grado annoverano 133 punti di erogazione (100 istituti principali e 33 scuole associate). Cosenza è la provincia con il maggior numero di unità scolastiche (987), seguita da Reggio Calabria (680), Catanzaro (511), Vibo Valentia (275) e Crotone (206) (cfr. tab. 1.3). 4 Per punti di erogazione del servizio si intende tutte le scuole presso le quali viene erogato il servizio scolastico: scuole dell infanzia, plessi di scuola primaria, scuole secondarie di I e II grado, siano esse istituti principali o sezioni associate. Nel presente rapporto non sono conteggiate le succursali degli istituti principali delle scuole secondarie di I e II grado. La quantità e la dislocazione dei punti di erogazione del servizio sul territorio dipendono non solo dal livello e dell andamento demografico, ma anche dalle caratteristiche territoriali, dalle tipologie di insediamenti urbani, dai flussi migratori e dagli interventi di politica scolastica dei soggetti istituzionali preposti. 13

14 Tabella 1.3 Punti di erogazione del servizio facenti capo alle istituzioni scolastiche statali per provincia. Circoli didattici Istituti comprensivi secondaria di I grado secondaria di II grado Provincia Scuole dell'inf. Plessi di scuola prim. Scuole dell'infa. Plessi di scuola primar. Scuole secondari e di I grado Istituti princip. Scuole associa. Istituti principa. Scuole associate ad istituti principali di II grado Scuole associat e ad istituti second. Super. Totale Catanzaro Cosenza Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Totale Catanzaro Cosenza Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Totale Fonte: Elaborazione su dati del Ministero dell Istruzione, dell'università e della Ricerca Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi. Nota: nel prospetto non sono conteggiate le scuole carcerarie primarie e secondarie di I grado facenti capo ai Centri territoriali permanenti. 1.3 Il nuovo quadro delle istituzioni scolastiche a partire dall anno scolastico 2009/2010. Il D.P.R. n. 233 del 18 giugno 1998, emanato in attuazione dell art. 21 della legge 15 marzo 1997 n. 59, ha individuato i parametri per il raggiungimento, da parte delle istituzioni scolastiche, delle dimensioni ottimali necessarie affinché le stesse possano acquisire o mantenere la personalità giuridica, stabilendo che la popolazione scolastica, stabile per almeno un quinquennio, sia compresa fra 500 e 900 alunni. La Regione Calabria in attuazione della norma ha adottato il primo Piano regionale di dimensionamento delle istituzioni scolastiche nel 2000, riducendo a 603 il numero delle istituzioni presenti in regione. Per gli anni scolastici 14

15 successivi, tuttavia, la Regione non ha adempiuto all obbligo di programmazione annuale rinviando l organizzazione delle rete scolastica anche di fronte al consistente calo degli studenti. Nel 2008, dopo questo lungo periodo di stasi, vengono approvati dalla Giunta e dal Consiglio Regionale le linee di indirizzo in materia di programmazione territoriale dell offerta formativa e della rete scolastiche e recepiti i 5 Piani di dimensionamento provinciali della rete scolastica. Il Piano prevede, per l anno scolastico 2009/2010, una riduzione di 79 istituzioni scolastiche, che passano così da 603 a 524, e la concessione di 138 deroghe sulla base della presenza di minoranze linguistiche e della localizzazione in paesi montani (cfr. tab. 1.4). Tabella 1.4 Piano di dimensionamento della rete scolastica regionale. Istituzioni scolastiche 2008/2009 Dimensionamento 2009/2010 Deroghe Provincia va % va % va % Concesse Non concesse Cosenza , , ,8-21 Catanzaro , , , Crotone 52 8,6 3 3,8 49 9,4-9 Reggio Calabria , , ,9-32 Vibo Valentia ,1 50 9, Totale * Fonte: Elaborazione su dati Dipartimento Istruzione, Università, Alta Formazione, Innovazione e Ricerca della Regione Calabria. * Comprensivo dei 5 Centri Territoriali Permanenti per l educazione degli adulti di nuova istituzione. 1.4 La dotazione strutturale delle scuole secondarie di II grado Le rilevazioni realizzate nel 2009 con lo scopo di creare un anagrafe regionale degli istituti consentono di compiere una prima valutazione sulla dotazione strutturale delle scuole secondarie di II grado in Calabria 5. Il quadro che emerge dall analisi mostra preoccupanti criticità sia per l assoluta mancanza di laboratori, biblioteche e aree sportive attrezzate in un numero consistente di istituti che per la non agibilità/funzionalità (parziale o totale) delle strutture e delle attrezzature nei casi in cui queste sono presenti all interno delle scuole. Secondo i dati disponibili, nell anno scolastico 2008/09, sul totale dei 157 istituti censiti (che rappresentano la quasi totalità di quelli in funzione nella regione) gli istituti dotati di un laboratorio di scienze sono 110, corrispondenti al 70% del totale degli istituti censiti. La presenza di un laboratorio per ogni istituto si registra esclusivamente nei Licei scientifici; mentre sono meno della metà (15 su 5 La costruzione di un anagrafe degli istituti regionali rientra nella serie di interventi messi in campo dalla Regione Calabria finalizzati alla creazione di un Sistema Informativo a Supporto delle Politiche dell Istruzione della Regione Calabria (SISPICAL). 15

16 34) le scuole dotate di un laboratorio di scienze nell ambito degli Istituti professionali (cfr. tab. 1.5). Tabella 1.5 Presenza di laboratori di scienze per provincia e tipologia di scuola. 2008/09. Liceo Classico Liceo Psico Pedagogico** Liceo Scientifico Istituti Misti* Istituto Professionale Istituto Tecnico Totale Lab N Istit Lab N Istit Lab N Istit Lab N Istit Lab N Istit Lab N Istit Lab N Istit Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Totale Fonte: Anagrafe regionale degli istituti (SISPICAL) * La categoria "Istituti Misti" (o Istituti di istruzione secondaria superiore) è adoperata per classificare gli istituti che comprendono al proprio interno diverse tipologie di scuola secondaria di II grado (Liceo classico e scientifico insieme, Istituto tecnico e Liceo, ecc.). ** Dall anno scolastico 1998/99 gli Istituti magistrali sono stati trasformati in Licei socio-psico-pedagogici. Nota: I licei artistici sono presenti solo all interno di Istituti misti, mentre gli istituti d arte sono stati inclusi nella categoria Istituto Professionale. Dalla rilevazione effettuata risulta, però, che ben il 40% degli istituti con laboratorio dichiara la parziale agibilità/funzionalità dello stesso, in 41 casi, e la non agibilità/funzionalità totale in 3 casi. In merito alla mancata idoneità dei laboratori le cause più citate sono, per ordine di importanza, la presenza di apparecchiature e strumentazioni insufficienti rispetto alle esigenze didattiche, il grado di obsolescenza delle stesse e la mancata agibilità dei locali. I laboratori informatici sono presenti nella quasi totalità (156) degli istituti censiti; tuttavia, anche in questo caso 54 istituti (il 35% del totale delle scuole dotate di laboratorio informatico) dichiarano la totale (3) o parziale inagibilità dei laboratori (51). Dalla tabella 1.6 è possibile notare che gli istituti dotati di un laboratorio linguistico sono poco più di 100. La copertura totale si raggiunge solo nei Licei psico-pedagocici, mentre solo il 50% degli istituti professionali possiede un laboratorio linguistico. Per quanto riguarda l agibilità, sono 24 gli istituti che manifestano criticità nell utilizzo efficace dei laboratori. 16

17 Tabella 1.6 Presenza di laboratori linguistici per provincia e tipologia di scuola. 2008/09. Liceo Classico Liceo Psico Pedagogico** Liceo Scientifico Istituti Misti* Istituto Professionale Istituto Tecnico Totale Lab N Istit Lab N Istit Lab N Istit Lab N Istit Lab N Istit Lab N Istit Lab N Istit Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Totale Fonte: Anagrafe regionale degli istituti (SISPICAL) * La categoria "Istituti Misti" è adoperata per classificare gli Istituti che comprendono al proprio interno diverse tipologie di scuola secondaria di II grado (Liceo classico e scientifico insieme, Istituto tecnico e Liceo, ecc.). ** Dall anno scolastico 1998/99 gli Istituti magistrali sono stati trasformati in Licei socio-psico-pedagogici. Nota: I licei artistici sono presenti solo all interno di Istituti misti, mentre gli istituti d arte sono stati inclusi nella categoria Istituto Professionale. Le scuole con aula magna sono 119, corrispondenti al 76% degli istituti rilevati. L aula magna risulta, però, in oltre 15 scuole inagibile, in maniera parziale (15) o totale (1). Gli istituti che fruiscono di una biblioteca al proprio interno sono 138, pari all 88% del totale delle scuole secondarie di II grado censite; ciò nonostante, sono oltre 50 le biblioteche che risultano parzialmente o totalmente inidonee, a causa del numero insufficiente di posti, alla scarsa dotazione libraria e alla carente agibilità dei locali. Sono solo 42 (pari al 27% del totale) invece gli istituti dotati di sale cinema/proiezioni, di queste 6 sono totalmente inagibili e 1 risulta funzionante in modo parziale. Per quanto riguarda la presenza di aree sportive attrezzate ben 73 istituti ne risultano prive, corrispondente al 46% del totale. Delle 84 scuole dotate di aree sportive, 22 denunciano la parziale agibilità delle strutture e 4 la totale non idoneità/funzionalità (cfr. tab. 1.7). 17

18 Tabella 1.7 Presenza di aree sportive attrezzate per provincia e tipologia di scuola. 2008/09. Liceo Classico Liceo Psico Pedagogico** Liceo Scientifico Istituti Misti* Istituto Professionale Istituto Tecnico Totale Aree sport N Istit Aree sport N Istit Aree sport N Istit Aree sport N Istit Aree sport N Istit Aree sport N Istit Aree sport N Istit Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Totale Fonte: Anagrafe regionale degli istituti (SISPICAL) * La categoria "Istituti Misti" è adoperata per classificare gli Istituti che comprendono al proprio interno diverse tipologie di scuola secondaria di II grado (Liceo classico e scientifico insieme, Istituto tecnico e Liceo, ecc.). ** Dall anno scolastico 1998/99 gli Istituti magistrali sono stati trasformati in Licei socio-psico-pedagogici. Nota: I licei artistici sono presenti solo all interno di Istituti misti, mentre gli istituti d arte sono stati inclusi nella categoria Istituto Professionale. Sulla base dei dati raccolti, infine, nell anno scolastico 2008/09, sono 146 su 157 gli istituti di scuola secondaria di II grado a possedere un proprio sito internet; mentre, gli istituti dotati di una rete intranet sono 109, pari al 70% del totale. 18

19 2 Gli alunni e le classi 2.1 Gli alunni per ordine e grado di istruzione Nel corso dell ultimo decennio, la popolazione scolastica in Italia è aumentata progressivamente: nel 1990, essa era pari a unità, nel 2009, a , con un incremento rispetto ad inizio periodo di oltre studenti (+3%). Le ragioni di questo andamento positivo sono da ricercare nell introduzione del nuovo obbligo scolastico e, soprattutto, alla maggiore e crescente presenza di alunni di cittadinanza non italiana. Il trend di crescita ha interessato prevalentemente la scuola secondaria di II grado, +8% circa nel periodo preso in esame, e la scuola dell infanzia con un incremento di poco inferiore al 6%; viceversa, il numero degli studenti nella scuola secondaria di I grado è diminuito di quasi 2 punti percentuali ed è calato di pochissimo nella scuola primaria, alunni in meno rispetto ad inizio periodo (cfr. fig. 2.1 e tab. 2.1). Figura 2.1 Alunni frequentanti la scuola statale in Italia per ordine e grado di istruzione. Variazione percentuale periodo 1999/2009. Totale secondaria di II grado secondaria di I grado primaria dell'infanzia Fonte: Elaborazione su dati del Ministero dell Istruzione, dell'università e della Ricerca Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi. A differenza dell andamento nazionale, in Calabria si registra, nello stesso periodo, una flessione considerevole della popolazione scolastica (-13,2%). Al 2009, il numero di alunni è di , mentre era di nel 1999 (cfr. tab. 2.2 e fig. 2.2). 19

20 Tabella 2.1 Alunni frequentati la scuola statale in Italia dell'infanzia primaria secondaria I grado secondaria II grado Totale Variazioni annuali in percentuale dell'infanzia - 1,1 1,3 1,4 1,2 0,6 0,1-1,1 0,8 0,3 primaria - -0,6-1,0-0,7 0,3 0,1 0,8 1,1 0,3-0,3 secondaria di I grado - 0,1 1,2-0,2 0,4-0,8-1,6-2,1-0,5 1,6 secondaria di II grado - 0,9 1,6 0,9 0,9 0,6 1,7 1,6 0,3-0,1 Totale - 0,3 0,6 0,2 0,6 0,1 0,5 0,3 0,2 0,2 Fonte: Elaborazione su dati del Ministero dell Istruzione, dell'università e della Ricerca Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi. 20

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Indice (cliccabile) Premessa Terziarizzazione Regole per la definizione degli organici di ciascun profilo o DSGA o Assistenti Tecnici

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ORDINANZA MINISTERIALE n. 11 Prot. n. 320 del 29 maggio 2015 Istruzioni e modalità organizzative ed operative per lo svolgimento degli esami

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

Circolare n. 5 Roma 26.2.2015 Prot. n. 1665 AI DIRETTORI GENERALI DEGLI UFFICI SCOLASTICI REGIONALI LORO SEDI

Circolare n. 5 Roma 26.2.2015 Prot. n. 1665 AI DIRETTORI GENERALI DEGLI UFFICI SCOLASTICI REGIONALI LORO SEDI Circolare n. 5 Roma 26.2.2015 Prot. n. 1665 AI DIRETTORI GENERALI DEGLI UFFICI SCOLASTICI REGIONALI LORO SEDI AL SOVRINTENDENTE SCOLASTICO PER LA PROVINCIA DI BOLZANO AL DIRIGENTE DEL DIPARTIMENTO ISTRUZIONE

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Prof. Luigi d Alonzo

Prof. Luigi d Alonzo La complessità in classe Prof. Luigi d Alonzo Università Cattolica Ordinario di Pedagogia Speciale Centro Studi e Ricerche sulla Disabilità e Marginalità Presidente della Società Italiana di Pedagogia

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012 Di cosa si tratta Si tratta della possibilità che ha il personale della scuola di poter partecipare alla "mobilità annuale", e cioè di poter prestare servizio, per un anno, in una scuola diversa da quella

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135 VENEZIA Ufficio IV - Ordinamenti scolastici -

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI MIUR - Ministero dell'istruzione dell'università e della Rice,::]ca AOODGOSV - D.G. per gli Ordinamenti scolastici e la Valutazione del S.N.I. REGISTRO UFFICIALE _. Prot. n. 0006257-21Il 0/20 14 - USCITA

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici - Ufficio VII

Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici - Ufficio VII Circolare n. 20 Roma, 16 FEBBR. 2007 Prot. n. 1438 AI DIRETTORI GENERALI DEGLI UFFICI SCOLASTICI REGIONALI LORO SEDI AI SOVRINTENDENTI SCOLASTICI PER LE PROVINCE DI BOLZANO TRENTO AI DIRETTORI DEI CONSERVATORI

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

COMUNICATO N. 400. In allegato alla medesima nota è reperibile la modulistica da utilizzare per le istanze relative all a.s. 2014/15.

COMUNICATO N. 400. In allegato alla medesima nota è reperibile la modulistica da utilizzare per le istanze relative all a.s. 2014/15. Istituto Tecnico Statale Settore Tecnologico Via Tronconi, 22-31100 Treviso tel. 0422.430310 fax 0422.432545 mail: pallad@tin.it dirigente@palladio-tv.it pec: itspalladio@pec.palladio-tv.it url: www.palladio-tv.it

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

La ricostruzione della carriera del personale della scuola

La ricostruzione della carriera del personale della scuola La ricostruzione della carriera del personale della scuola Se guardiamo gli ultimi 50 anni, l evoluzione della progressione di carriera aveva subito parecchie variazioni, ma sostanzialmente un principio

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca SEZIONE SITUAZIONE ANAGRAFICA SEZIONE POSIZIONE GIURIDICA (barrare la casella relativa) Pagina 1 di 7 SEZIONE DATI DI INSEGNAMENTO SEZIONE TIPOLOGIA DOMANDA (Barrare la casella di interesse) Pagina 2 di

Dettagli

5 fondata sul lavoro

5 fondata sul lavoro 5 fondata sul lavoro In Italia abbiamo 700 mila disoccupati tra i 15-24enni, e 4 milioni 355 mila ragazzi che non studiano, non lavorano, non sono in formazione (c.d. NEET), in grossa parte alimentati

Dettagli

IPOTESI DI TRA PREMESSO

IPOTESI DI TRA PREMESSO IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO CONCERNENTE LE UTILIZZAZIONI E LE ASSEGNAZIONI PROVVISORIE DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO ED A.T.A. PER L ANNO SCOLASTICO 2015/16. L'anno 2015 il

Dettagli

Presentazione delle Schede DAT

Presentazione delle Schede DAT UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CAGLIARI CAMPUS UNICA Presentazione delle Schede DAT Dati e indicatori statistici Sono di seguito presentati dettagliatamente i dati e gli indicatori richiesti dal Modello CRUI per

Dettagli

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali Il sistema educativo italiano 29 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca (MIUR)

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

p e r i l c u r r i c u l u m

p e r i l c u r r i c u l u m F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Indirizzo Ferraina Caterina Rosaria Località Feudotto compl. AZUR Vibo Valentia Telefono 0963.94428 328/2888930

Dettagli

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricada durante gli scrutini di fine anno

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricada durante gli scrutini di fine anno Indicazioni operative per quanto riguarda l adesione allo sciopero proclamato da FLC Cgil, CISL scuola, UIL scuola, SNALS e GILDA per due giornate consecutive in concomitanza con l effettuazione degli

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli