La microarchitettura. Didattica della strumentazione digitale e sistemi a microprocessore anno accademico pagina 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La microarchitettura. Didattica della strumentazione digitale e sistemi a microprocessore anno accademico 2006 2007 pagina 1"

Transcript

1 La microarchitettura. anno accademico pagina 1

2 Integer Java virtual machine Ogni microprocessore può avere una microarchitettura diversa, ma la modalità di funzionamento per certi aspetti è generale. Sebbene IJVM sia piccola è un buon punto di partenza per descrivere il controllo e la sequenza di una istruzione. anno accademico pagina 2

3 Esempio di microprocessore JAVA 2 bus ( uno a 64 bit per la memoria, l altro di 32 bit PCI); Cache: 16 kb per i dati e 16 kb per il programma 2M di transistor per il core e 1.5M per la cache. anno accademico pagina 3

4 anno accademico pagina 4

5 JAVA virtual machine Particolare dei registri d interfacciamento con la memoria anno accademico pagina 5

6 JAVA virtual machine Particolare dell ALU anno accademico pagina 6

7 JAVA virtual machine Particolare dei restanti registri anno accademico pagina 7

8 MAR:memory address register MDR: memory data register PC: program counter MBR: memory byte register SP: stack pointer LV: local variable CPP. Constant pool TOS: top of stack OPC anno accademico pagina 8

9 Arithmetic logic unit. Riferimenti Bibliografici: 1) Paolo Spirito Elettronica digitale, Mc Graw Hill Capitolo 10 2) Tanenbaum Structured computer organization, Prentice hall International anno accademico pagina 9

10 Somma tra due bit (A e B) Somma di due bit Tabella della verità S Funzione logica S = AB + AB = A B C = AB OR esclusivo (XOR) anno accademico pagina 10

11 S Half adder S S anno accademico pagina 11

12 Somma di due bit più il carry Costruzione della tabella della verità Sintesi della funzione S S i = Ai BiCi 1 + Ai BiCi 1 + Ai BiCi 1 + Ai Bi Ci 1 S i i ( A B + A B ) + C ( A Bi A B ) S + = Ci 1 i i i i i 1 A B = ( A + B) AB = A + B + AB = AB + AB A B = ( A + B) AB = AB + BA ( A B ) + C ( A B ) = C i 1 i i i 1 i i i i i C + C i i = i i i A B C Sintesi della funzione C A B C i i 1 i 1 + = A i B i + C i 1 A B C i i i 1 + ( A B ) i i A B C i i i 1 + anno accademico pagina 12

13 Schema di un full-adder anno accademico pagina 13

14 Schema logico di un addizionatore (sinistra) e di un sottrattore (destra) anno accademico pagina 14

15 anno accademico pagina 15

16 Circuiti bit slice Bit-slice (b):i dati di N bit sono elaborati da N circuiti uguali che processano in parallelo ognuno degli N bit del dato anno accademico pagina 16

17 Alu nell IJVM anno accademico pagina 17

18 Funzioni dell ALU anno accademico pagina 18

19 Temporizzazione di un ciclo del data path anno accademico pagina 19

20 Mapping del MAR sul data bus anno accademico pagina 20

21 Scrittura del dato nel bus C nel relativo registro Segnali di controllo Scrittura del dato nel registro sul bus B 2 modalità di Scrittura del dato nel registro MBR sul bus B: signed o unsigned anno accademico pagina 21

22 Segnali per il governo delle Microistruzioni 9 per controllare la scrittura dei dati dal bus C nei registri. 9 per abilitare la scrittura di un registro sul bus B. 8 per la gestione delle funzioni dell ALU e dello shifter. 2 (non mostrati) per indicare la lettura o scrittura in memoria attraverso MAR/MDR. 1 (non mostrato) per gestire il fetch via PC/MBR anno accademico pagina 22

23 Formato delle microistruzioni anno accademico pagina 23

24 anno accademico pagina 24

25 Variabili locali di una procedura Sono variabili create quando la procedura viene chiamata e distrutte quando la stessa procedura ritorna al chiamante. Dove memorizzarle? Non possono avere indirizzi assoluti perché le procedure possono essere ricorsive; vengono memorizzate nell area dello stack, in una area di memoria chiamata local variable frame.

26 Un registro per es. LV punta alla base delle variabili locali (a1, a2,e a3) della procedura in esecuzione, mentre un altro SP punta all estremo superiore Le variabili vengono riferite dando un offset dall indirizzo puntato da LV. La struttura dei dati fra LV e SP viene chiamata local variable frame. anno accademico pagina 26

27 Esempi di chiamata di procedure anno accademico pagina 27

28 Operand stack Lo Stack può essere usato per memorizzare un operando durante il calcolo di un operazione aritmetica. Supponiamo che prima di chiamare B, la procedura A deve eseguire il seguente calcolo: a1=a2+a3; anno accademico pagina 28

29 Operand stack: esempio a) push a2 sullo stack; b) push a3 sullo stack; c) pop a3 e a2 esegui l istruzione e push il risultato sullo stack. d) pop lo stack e riponi il contenuto in a1 anno accademico pagina 29

30 Local variable frame e operand stack sulle diverse macchine local variable frames di diverse procedure e operand stacks sono aree dello stacks che possono essere mescolate. Tutte le macchine usano lo stack per le variabili locali, mentre non tutte usano eseguire l aritmetica sullo stack operand stack. JVM and IJVM funzionano eseguendo le operazioni aritmetiche sullo stack, mentre il 68HC08 si avvale dei registri interni anno accademico pagina 30

31 Il modello di memoria dello IJVM Principalmente consiste di una memoria che può essere vista come un array di 4,294,967,296 bytes (4 GB) o un array di 1,073,741,824 words Come molte altre macchine, gli indirizzi della JVM non sono indirizzi assoluti, ma sono offset che combinati con puntatori forniscono l indirizzo fisico. anno accademico pagina 31

32 Aree di memoria 1. Constant Pool: (puntata dal registro CPP); 2. Local Variable Frame.(puntata dal registro LV); 3. Operand Stack (puntata da SP); 4. The Method Area (puntata da PC). anno accademico pagina 32

33 anno accademico pagina 33

34 Costant Pool Non può essere scritta da un programma IJVM e consiste di costanti,stringhe e puntatori ad altre aree di programma. E caricata in memoria nello stesso istanti in cui viene caricato il programma e non viene più modificata. Inizia dall indirizzo puntato dal registro CPP anno accademico pagina 34

35 Local Variable Frame Per ciascuna chiamata a subroutine (method) viene allocata un area per memorizzare le variabili della subroutine per tutto il tempo di vita della stessa subroutine. All inizio di quest area ci sono i parametri (chiamati anche argomenti) con cui la subroutine è stata chiamata. Quest area trova spazio nella pila insieme allo stack operand. C è un registro che punta all inizio di quest area è: LV. anno accademico pagina 35

36 Operand Stack. Lo spazio destinato all operand stack è posto immediatamente sopra lo spazio delle variabili local local variable frame. Diversamente da CPP e LV, durante l esecuzione di un method, il valore dello SP cambia. Lo spazio di memoria dedicato allo stack non può oltrepassare una certa dimensione che è prevista dal compilatore Java. anno accademico pagina 36

37 Method Area. E la regione di memoria che contiene il programma C è un implicito registro (PC) che contiene l indirizzo dell istruzione che deve essere prelevata Diversamente dalle altre regioni l area di method è indirizzabile come byte. anno accademico pagina 37

38 Precisazioni sui registri CPP,LV,SP e PC I registri CPP, LV, e SP sono puntatori a words. Per esempio, LV, LV + l, e LV + 2 si riferiscono alle prime tre words ( LV=0: -> indirzo in byte 0; LV+1:indirizzo in byte 4) PC contiene indirizzi espressi in byte anno accademico pagina 38

39 Il set di istruzioni di IJVM anno accademico pagina 39

40 INVOKEVIRTUAL Situazione prima della esecuzione della istruzione Invokevirtual anno accademico pagina 40

41 INVOKEVIRTUAL disp Constant Pool CPP + Meccanismo di Puntatore alla routine chiamata di una routine Method Area Numero dei parametri Opcode Dimensione variabili locali.. anno accademico pagina 41

42 Stack dopo l esecuzione di invoke virtual anno accademico pagina 42

43 Stack prima e dopo l esecuzione di Invokevirtual anno accademico pagina 43

44 IRETURN anno accademico pagina 44

45 JAVA Assembler Programma in esadecimale anno accademico pagina 45

46 Stack istruzione per istruzione

47 ISA: NOP anno accademico pagina 47

48 IADD,ISUB,IAND,IOR anno accademico pagina 48

49 anno accademico pagina 49

50 WIDE anno accademico pagina 50

51 anno accademico pagina 51

52 IF anno accademico pagina 52

53 Invokevirtual anno accademico pagina 53

54 Ireturn anno accademico pagina 54

06 Livello di micro architettura

06 Livello di micro architettura Livello di micro architettura Pagina 2 Introduzione il livello di micro architettura implementa le funzioni del livello sovrastante (ISA) come livello ISA di riferimento si sceglie una parte della JVM

Dettagli

Integer Java Virtual Machine (IJVM)

Integer Java Virtual Machine (IJVM) Integer Java Virtual Machine (IJVM) Calcolatori Elettronici II Prof. Antonino Mazzeo mazzeo@unina.it Ing. Luigi Romano Ing. Alessandro Cilardo Ing. Luigi Coppolino lrom@unina.it acilardo@unina.it lcoppoli@unina.it

Dettagli

Progettare l'isa. Progettare l'isa. Corso di Architettura degli Elaboratori. Interpretazione

Progettare l'isa. Progettare l'isa. Corso di Architettura degli Elaboratori. Interpretazione Corso di Architettura degli Elaboratori Il livelo ISA: ISA IJVM, tipi di dati e formato delle istruzioni Matteo Baldoni Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino C.so Svizzera, 185 I-10149

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI

CALCOLATORI ELETTRONICI CALCOLATORI ELETTRONICI Giuseppe Coldani Tel. 0382 985678 e-mail: giuseppe.coldani@unipv.it giuseppe.coldani@tin.it orario delle lezioni: Mercoledì 14.00-18.00 orario di ricevimento: su appuntamento 1

Dettagli

ARCHITETTURA DI UN SISTEMA A MICROPROCESSORE

ARCHITETTURA DI UN SISTEMA A MICROPROCESSORE ARCHITETTURA DI UN SISTEMA A MICROPROCESSORE 1. INTRODUZIONE In questo capitolo viene presentata la struttura, sia interna che esterna, di un microprocessore generico riprendendo i concetti esposti nella

Dettagli

Programmazione dello Z80

Programmazione dello Z80 Il microprocessore si incarica di: gestire il programma e i suoi dati di eseguire i calcoli richiesti. Le azioni appena elencate rendono necessario che il microprocessore abbia da qualche parte, al suo

Dettagli

AXO Achitettura dei Calcolatori e Sistema Operativo. Instruction Set Architecture (ISA) e 68000

AXO Achitettura dei Calcolatori e Sistema Operativo. Instruction Set Architecture (ISA) e 68000 AXO Achitettura dei Calcolatori e Sistema Operativo Instruction Set Architecture (ISA) e 68000 introduzione a ISA ISA - Instruction Set Architecture insieme delle istruzioni (instruction set) che possono

Dettagli

Struttura del calcolatore

Struttura del calcolatore Struttura del calcolatore Proprietà: Flessibilità: la stessa macchina può essere utilizzata per compiti differenti, nessuno dei quali è predefinito al momento della costruzione Velocità di elaborazione

Dettagli

Calcolatori Elettronici Parte VII: il Livello delle Istruzioni Macchina

Calcolatori Elettronici Parte VII: il Livello delle Istruzioni Macchina Anno Accademico 2013/2014 Calcolatori Elettronici Parte VII: il Livello delle Istruzioni Macchina Prof. Riccardo Torlone Universita Roma Tre Instruction Set Architecture Il livello ISA è l interfaccia

Dettagli

Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Il processore Lezione 18

Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Il processore Lezione 18 Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Il processore Lezione 18 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Calcolatore: sottosistemi Processore o CPU (Central Processing

Dettagli

CAP. 4: Aspetti generali del Sistema Operativo Linux. l http://home.dei.polimi.it/silvano/acso.htm

CAP. 4: Aspetti generali del Sistema Operativo Linux. l http://home.dei.polimi.it/silvano/acso.htm Struttura interna del sistema Operativo Linux CAP. 4: Aspetti generali del Sistema Operativo Linux CAP. 5: Funzionalità del calcolatore l http://home.dei.polimi.it/silvano/acso.htm Funzionalità del Sistema

Dettagli

ARCHITETTURE MICROPROGRAMMATE. 1. Necessità di un architettura microprogrammata 1. Cos è un architettura microprogrammata? 4

ARCHITETTURE MICROPROGRAMMATE. 1. Necessità di un architettura microprogrammata 1. Cos è un architettura microprogrammata? 4 ARCHITETTURE MICROPROGRAMMATE. 1 Necessità di un architettura microprogrammata 1 Cos è un architettura microprogrammata? 4 Struttura di una microistruzione. 5 Esempi di microprogrammi 9 Esempio 1 9 Esempio

Dettagli

CPU. Maurizio Palesi

CPU. Maurizio Palesi CPU Central Processing Unit 1 Organizzazione Tipica CPU Dispositivi di I/O Unità di controllo Unità aritmetico logica (ALU) Terminale Stampante Registri CPU Memoria centrale Unità disco Bus 2 L'Esecutore

Dettagli

Cenni ad Assembly Intel

Cenni ad Assembly Intel Cenni ad Assembly Intel Luca Abeni April 17, 2015 Architerrura Intel Utilizzata sulla maggior parte dei laptop, desktop e server moderni Lunga storia Dagli anni 70 (Intel 8080-8 bit!)......fino ad oggi

Dettagli

Esempio di moltiplicazione come somma e spostamento

Esempio di moltiplicazione come somma e spostamento Esempio di moltiplicazione come somma e spostamento Implementare una moltiplicazione coinvolge algoritmi di shift e somma Istruzioni di Shift:movimento di bit: ROL Rd ROR Rd LSL Rd LSR ASR Rd Rd 22 x 35

Dettagli

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore Il processore Architettura dell elaboratore Il processore La esegue istruzioni in linguaggio macchina In modo sequenziale e ciclico (ciclo macchina o ciclo ) Effettuando operazioni di lettura delle istruzioni

Dettagli

Tutta la famiglia dei processori Intel (x86) si basa ed e' compatibile con il primo processore di questo tipo: l'8086.

Tutta la famiglia dei processori Intel (x86) si basa ed e' compatibile con il primo processore di questo tipo: l'8086. I processori Intel Tutta la famiglia dei processori Intel (x86) si basa ed e' compatibile con il primo processore di questo tipo: l'8086. L'8086 e' un processore a 16 bit quindi i suoi registri potranno

Dettagli

La macchina di Von Neumann. Central Processing Unit (CPU) Elementi base. Architettura computer. Bus di sistema MEMORIA CENTRALE PERIFERICHE A B INTR

La macchina di Von Neumann. Central Processing Unit (CPU) Elementi base. Architettura computer. Bus di sistema MEMORIA CENTRALE PERIFERICHE A B INTR Architettura di un computer La macchina di Von Neumann Architettura organizzata secondo il modello della macchina di von Neumann definita nei tardi anni 40 all Institute for Advanced Study di Princeton.

Dettagli

Calcolatori Elettronici

Calcolatori Elettronici Calcolatori Elettronici ISA di riferimento: MIPS Massimiliano Giacomin 1 DOVE CI TROVIAMO Livello funzionale Livello logico Livello circuitale Livello del layout istruzioni macchina, ISA Reti logiche:

Dettagli

Architettura hw. La memoria e la cpu

Architettura hw. La memoria e la cpu Architettura hw La memoria e la cpu La memoria centrale e la CPU Bus controllo Bus indirizzi Bus dati Bus di collegamento con la cpu indirizzi controllo dati Bus Indirizzi 11 Bus controllo Leggi/scrivi

Dettagli

Architettura del Calcolatore. Prof.Ing.S.Cavalieri

Architettura del Calcolatore. Prof.Ing.S.Cavalieri Architettura del Calcolatore Prof.Ing.S.Cavalieri 1 Evoluzione: tecnologia Sistemi Meccanici Sistemi Elettro-Meccanici (uso di Valvole) Sistemi Interamente Elettronici (basati su Valvole) Sistemi Interamente

Dettagli

Architettura di un computer

Architettura di un computer Architettura di un computer Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Architettura A.A. 2012-2013 1 / 36 La tecnologia Cerchiamo di capire alcuni concetti su

Dettagli

Architettura della CPU e linguaggio assembly Corso di Abilità Informatiche Laurea in Fisica. prof. ing. Corrado Santoro

Architettura della CPU e linguaggio assembly Corso di Abilità Informatiche Laurea in Fisica. prof. ing. Corrado Santoro Architettura della CPU e linguaggio assembly Corso di Abilità Informatiche Laurea in Fisica prof. ing. Corrado Santoro Schema a blocchi di una CPU Arithmetic Logic Unit Control Unit Register File BUS Control

Dettagli

Lezione n.9. Introduzione al linguaggio macchina

Lezione n.9. Introduzione al linguaggio macchina Lezione n.9 Autore:Luca Orrù 1 Sommario Esecuzione delle istruzioni Architettura interna ed esterna Linguaggio assembler e modi d indirizzamento Consideriamo ora la singola istruzione e la scomponiamo

Dettagli

Architettura degli Elaboratori

Architettura degli Elaboratori Architettura degli Elaboratori Corso di Laurea Triennale in Informatica Università degli Studi di Bari Anno Accademico 2009-2010 Laboratorio lez1: il processore 8086/88 Prof. S.Pizzutilo I processori Intel

Dettagli

Architettura degli elaboratori (A)

Architettura degli elaboratori (A) Laurea in Informatica a.a. 2010-2011 Laboratorio del corso di Architettura degli elaboratori (A) Modulo 1: l Architettura dell 8086 Valeria Carofiglio Linguaggi a vari livelli e loro relazioni Programma

Dettagli

che vengano generati nell ordine corretto i sistema (es., la memoria, l unità aritmetico-

che vengano generati nell ordine corretto i sistema (es., la memoria, l unità aritmetico- Principi di architetture dei calcolatori: l unità di controllo Mariagiovanna Sami L unità di controllo Per eseguire le istruzioni di macchina, occorre che vengano generati nell ordine corretto i segnali

Dettagli

Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore

Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Dispensa 01 Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore Marzo 2009 L architettura del calcolatore 1 Nota bene Alcune parti

Dettagli

Sommario Introduzione al linguaggio Assembly. Calcolatori Elettronici Prof. Gian Luca Marcialis. Le operazioni fondamentali

Sommario Introduzione al linguaggio Assembly. Calcolatori Elettronici Prof. Gian Luca Marcialis. Le operazioni fondamentali Prof. Gian Luca Marcialis Corso di Laurea di Ingegneria Elettronica Capitolo 5 Linguaggio Assembly Fonti principali: Patterson, A.D., Hennessy, J., "Struttura, organizzazione e progetto dei calcolatori

Dettagli

Calcolatori Elettronici L-A

Calcolatori Elettronici L-A 1 Calcolatori Elettronici L-A Obiettivo del modulo è lo studio dei seguenti aspetti dell hardware dei calcolatori: l architettura i principi di funzionamento le tecniche di progettazione l impatto dell'architettura

Dettagli

L architettura di riferimento

L architettura di riferimento Architetture degli elaboratori e delle reti Lezione 10 L architettura di riferimento Proff. A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L 10 1/27

Dettagli

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE Ing. Paolo Domenici SISTEMI A MICROPROCESSORE PREFAZIONE Il corso ha lo scopo di fornire i concetti fondamentali dei sistemi a microprocessore in modo semplice e interattivo. È costituito da una parte

Dettagli

Lezione 3: Architettura del calcolatore

Lezione 3: Architettura del calcolatore Lezione 3: Architettura del calcolatore Architettura di Von Neumann BUS, CPU e Memoria centrale Ciclo di esecuzione delle istruzioni Architettura del calcolatore Il calcolatore è: uno strumento programmabile

Dettagli

Calcolatori Elettronici Parte VI: Microarchitetture, Cache e Pipeline

Calcolatori Elettronici Parte VI: Microarchitetture, Cache e Pipeline Anno Accademico 2013/2014 Calcolatori Elettronici Parte VI: Microarchitetture, Cache e Pipeline Prof. Riccardo Torlone Universita di Roma Tre Ritorniamo all approccio di San Clemente.. Riccardo Torlone

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

Quinto Homework. Indicare il tempo necessario all'esecuzione del programma in caso di avvio e ritiro fuori ordine.

Quinto Homework. Indicare il tempo necessario all'esecuzione del programma in caso di avvio e ritiro fuori ordine. Quinto Homework 1) Si vuole progettare una cache a mappatura diretta per un sistema a 32 bit per una memoria da 2 GB (quindi sono solo 31 i bit utili per gli indirizzi) e blocchi di 64 byte. Rispondere

Dettagli

ARCHITETTURA DELLE CPU come ARCHITETTURA DEL SET DI ISTRUZIONI

ARCHITETTURA DELLE CPU come ARCHITETTURA DEL SET DI ISTRUZIONI PROGETTO DELLA CPU MEMORIZZAZIONE DEGLI OPERANDI DOVE SONO MEMORIZZATI GLI OPERANDI NELLA CPU? ARCHITETTURA DELLE CPU come ARCHITETTURA DEL SET DI ISTRUZIONI SCELTE PROGETTUALI: 1. DOVE SONO MEMORIZZATI

Dettagli

90.1 Sistemi di numerazione. 90.1.1 Sistema decimale. 605 Capitolo 90 Dai sistemi di numerazione all organizzazione della memoria

90.1 Sistemi di numerazione. 90.1.1 Sistema decimale. 605 Capitolo 90 Dai sistemi di numerazione all organizzazione della memoria 605 Capitolo 90 Dai sistemi di numerazione all organizzazione della memoria 90.1 Sistemi di numerazione.................................................... 605 90.1.1 Sistema decimale..................................................

Dettagli

Architettura dei computer

Architettura dei computer Unità di apprendimento Architettura dei computer Prerequisiti specifici CONOSCENZE Capire perché è importante conoscere i componenti fisici di un computer Comprendere le peculiarità dei vari componenti

Dettagli

prof. Nunzio Brugaletta PC inside pag. 1 PC inside come funziona un Sistema di Elaborazione (2007.05)

prof. Nunzio Brugaletta PC inside pag. 1 PC inside come funziona un Sistema di Elaborazione (2007.05) prof. Nunzio Brugaletta PC inside pag. 1 PC inside come funziona un Sistema di Elaborazione (2007.05) Indice Premessa......2 Struttura a bus......2 La memoria principale......3 Collegamenti con le periferiche......5

Dettagli

Ciclo di Istruzione. Ciclo di Istruzione. Controllo. Ciclo di Istruzione (diagramma di flusso) Lezione 5 e 6

Ciclo di Istruzione. Ciclo di Istruzione. Controllo. Ciclo di Istruzione (diagramma di flusso) Lezione 5 e 6 Ciclo di Istruzione Può essere suddiviso in 4 tipi di sequenze di microoperazioni (cioè attività di calcolo aritmetico/logico, trasferimento e memorizzazione dei dati), non tutte necessariamente da realizzare

Dettagli

Modulo 2 L architettura dei calcolatori

Modulo 2 L architettura dei calcolatori Modulo 2 L architettura dei calcolatori La macchina di von Neumann I moderni sistemi di elaborazione oggi in commercio non sono tutti uguali, anzi presentano notevoli differenze in termini di velocità,

Dettagli

E una notazione per descrivere gli algoritmi.

E una notazione per descrivere gli algoritmi. Linguaggio di Programmazione E una notazione per descrivere gli algoritmi. Programma:: e la rappresentazione di un algoritmo in un particolare linguaggio di programmazione. In generale, ogni linguaggio

Dettagli

PROVA INTRACORSO TRACCIA A Pagina 1 di 6

PROVA INTRACORSO TRACCIA A Pagina 1 di 6 PROVA INTRACORSO DI ELEMENTI DI INFORMATICA MATRICOLA COGNOME E NOME TRACCIA A DOMANDA 1 Calcolare il risultato delle seguenti operazioni binarie tra numeri interi con segno rappresentati in complemento

Dettagli

ARCHITETTURA DELLE CPU come ARCHITETTURA DEL SET DI ISTRUZIONI

ARCHITETTURA DELLE CPU come ARCHITETTURA DEL SET DI ISTRUZIONI PROGETTO DELLA CPU ARCHITETTURA DELLE CPU come ARCHITETTURA DEL SET DI ISTRUZIONI SCELTE PROGETTUALI: 1. DOVE SONO MEMORIZZATI GLI ERANDI NELLA CPU? 2 QUANTI ERANDI SONO CHIAMATI IN MODO ESPLICITO 3. DOVE

Dettagli

La macchina programmata Instruction Set Architecture (1)

La macchina programmata Instruction Set Architecture (1) Corso di Laurea in Informatica Architettura degli elaboratori a.a. 2014-15 La macchina programmata Instruction Set Architecture (1) Schema base di esecuzione Istruzioni macchina Outline Componenti di un

Dettagli

Lezione 16: L architettura LC-3

Lezione 16: L architettura LC-3 Lezione 16: L architettura LC-3 Laboratorio di Elementi di Architettura e Sistemi Operativi 15 Maggio 2013 Ricorda... Il ciclo di esecuzione di un istruzione è composto da sei fasi: FETCH DECODE ADDRESS

Dettagli

ARCHITETTURA DELL ELABORATORE

ARCHITETTURA DELL ELABORATORE 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ANGIOY ARCHITETTURA DELL ELABORATORE Prof. G. Ciaschetti 1. Tipi di computer Nella vita di tutti giorni, abbiamo a che fare con tanti tipi di computer, da piccoli o piccolissimi

Dettagli

Laboratorio di Informatica Corso di Laurea in Matematica A.A. 2007/2008

Laboratorio di Informatica Corso di Laurea in Matematica A.A. 2007/2008 Laboratorio di Informatica Corso di Laurea in Matematica A.A. 2007/2008 Dott.Davide Di Ruscio Dipartimento di Informatica Università degli Studi di L Aquila Lezione del 11/01/08 Nota Questi lucidi sono

Dettagli

Lezione 3 Prof. Angela Bonifati

Lezione 3 Prof. Angela Bonifati Lezione 3 Prof. Angela Bonifati Complemento a 2 Algebra booleana Le infrastrutture hardware Esercizi sulla codifica dei numeri Eseguire le seguenti conversioni: Da base 2 e 16 in base 10: 110 2 =???? 10

Dettagli

Il sistema di I/O. Calcolatori Elettronici 1. Architettura a bus singolo. Memoria. Unità di I/O. Interfaccia. Unità di I/O.

Il sistema di I/O. Calcolatori Elettronici 1. Architettura a bus singolo. Memoria. Unità di I/O. Interfaccia. Unità di I/O. Il sistema di I/O Calcolatori Elettronici 1 Architettura a bus singolo Memoria CPU Interfaccia Unità di I/O Interfaccia Unità di I/O Calcolatori Elettronici 2 1 Interfaccia Svolge la funzione di adattamento

Dettagli

Le componenti fisiche di un computer: l hardware

Le componenti fisiche di un computer: l hardware Le componenti fisiche di un computer: l hardware In questa sezione ci occuperemo di come è strutturato e come funziona l hardware di un computer. In particolare, nella Sezione ci occuperemo del punto di

Dettagli

SISTEMI A MICROPROCESSORE

SISTEMI A MICROPROCESSORE Istituto Tecnico Industriale Statale EUGENIO BARSANTI 80038 POMIGLIANO D ARCO (NA) Via Mauro Leone, 105 Specializzazioni: Meccanica Tel. (081) 8841350 - Fax (081) 8841676 Elettrotecnica e Automazione Distretto

Dettagli

Il livello architettura e set di istruzioni

Il livello architettura e set di istruzioni Corso di Informatica 2 Prof. Sciuto Il livello architettura e set di istruzioni Daniele Paolo Scarpazza Dipartimento di Elettronica e Informazione Politecnico di Milano 7 Giugno 2004 Daniele Paolo Scarpazza

Dettagli

' Z80:' archite:ura'ed'esperienze'di' laboratorio' ' P.'Vicini' ' P.Vicini'('Lab.'Sistemi'e'Segnali' 1'

' Z80:' archite:ura'ed'esperienze'di' laboratorio' ' P.'Vicini' ' P.Vicini'('Lab.'Sistemi'e'Segnali' 1' ' Z80:' archite:ura'ed'esperienze'di' laboratorio' ' P.'Vicini' ' P.Vicini'('Lab.'Sistemi'e'Segnali' 1' Calcolatori Prodotto di una tecnologia estremamente vitale con alto impatto economico e sociale Tecnologia

Dettagli

Programmazione per Bioinformatica Il Calcolatore e la Programmazione. Dr Damiano Macedonio Università di Verona

Programmazione per Bioinformatica Il Calcolatore e la Programmazione. Dr Damiano Macedonio Università di Verona Programmazione per Bioinformatica Il Calcolatore e la Programmazione Dr Damiano Macedonio Università di Verona Architettura del calcolatore La prima decomposizione di un calcolatore è relativa a due macrocomponenti:

Dettagli

Linguaggio Assembly. Architettura di riferimento Formato istruzioni Classi di istruzioni Modalità di indirizzamento Direttive Codice macchina

Linguaggio Assembly. Architettura di riferimento Formato istruzioni Classi di istruzioni Modalità di indirizzamento Direttive Codice macchina Linguaggio Assembly Architettura di riferimento Formato istruzioni Classi di istruzioni Modalità di indirizzamento Direttive Codice macchina Modello di architettura di riferimento Nel seguito faremo riferimento

Dettagli

Architettura. Indice:

Architettura. Indice: Architettura Indice: Architettura 1 Architettura degli elaboratori (3 / 10 / 2006)...4 Livelli di astrazione...4 Architettura di Von Neumann...4 La CPU...5 La memoria...5 Rappresentare gli interi...6 Rappresentazione

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI I PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO DI UN CALCOLATORE ELETTRONICO

CALCOLATORI ELETTRONICI I PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO DI UN CALCOLATORE ELETTRONICO CALCOLATORI ELETTRONICI I PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO DI UN CALCOLATORE ELETTRONICO L architettura di un calcolatore Informatica Linguaggi ad alto livello/applicazioni Sistema operativo Assembler ISA Architettura

Dettagli

Lezione 1: L architettura LC-3 Laboratorio di Elementi di Architettura e Sistemi Operativi 10 Marzo 2014

Lezione 1: L architettura LC-3 Laboratorio di Elementi di Architettura e Sistemi Operativi 10 Marzo 2014 Lezione 1: L architettura LC-3 Laboratorio di Elementi di Architettura e Sistemi Operativi 10 Marzo 2014 Ricorda... Il ciclo di esecuzione di un istruzione è composto da sei fasi: FETCH DECODE ADDRESS

Dettagli

Architettura del Set di Istruzioni (ISA)

Architettura del Set di Istruzioni (ISA) Architettura del Set di Istruzioni (ISA) Maurizio Palesi Maurizio Palesi 1 Instruction Set Architecture (ISA) Software instruction set Hardware Maurizio Palesi 2 1 Instruction Set Architecture (ISA) Applicazioni

Dettagli

STACK, istruzioni PUSH e POP; PROCEDURE, istruzioni CALL e RET

STACK, istruzioni PUSH e POP; PROCEDURE, istruzioni CALL e RET Lo stack STACK, istruzioni PUSH e POP; PROCEDURE, istruzioni CALL e RET Lo stack (tradotto talvolta in italiano con pila o catasta) è un'area di memoria privilegiata, dove il microprocessore può salvare

Dettagli

Guida rapida all'insegnamento

Guida rapida all'insegnamento Guida rapida all'insegnamento Architettura degli elaboratori Docente: Giuseppe Scollo Università di Catania Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica, AA 2010-11

Dettagli

IL DSP - Digital Signal Processor

IL DSP - Digital Signal Processor IL DSP - Digital Signal Processor Processore dei segnali digitali 1. Generalità Il Digital Signal Processor (DSP, processore di segnali digitali) è un particolare tipo di microprocessore, ottimizzato per

Dettagli

L Architettura di un Calcolatore

L Architettura di un Calcolatore ASTE Information Technology Excellence oad (I.T.E..) L Architettura di un Calcolatore aurizio Palesi Salvatore Serrano aster ITE Informatica di Base aurizio Palesi, Salvatore Serrano 1 Sommario Architettura

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI A cura di Luca Orrù. Lezione n.6. Unità di controllo microprogrammata

CALCOLATORI ELETTRONICI A cura di Luca Orrù. Lezione n.6. Unità di controllo microprogrammata Lezione n.6 Unità di controllo microprogrammata 1 Sommario Unità di controllo microprogrammata Ottimizzazione, per ottimizzare lo spazio di memoria occupato Il moltiplicatore binario Esempio di architettura

Dettagli

JPD132. Microprocessore e assembly

JPD132. Microprocessore e assembly JPD132 Microprocessore e assembly Il processore JPD132 Il JPD132 è un ipotetico processore che estende le possibilità del PD32 principalmente con un linguaggio assembly comprendente nuovi metodi di indirizzamento,

Dettagli

Fondamenti di informatica: un po di storia

Fondamenti di informatica: un po di storia Fondamenti di informatica: un po di storia L idea di utilizzare dispositivi meccanici per effettuare in modo automatico calcoli risale al 600 (Pascal, Leibniz) Nell ottocento vengono realizzati i primi

Dettagli

UNITÀ DI ELABORAZIONE (CPU) UNITÀ DI ELABORAZIONE (CPU) Opcode OpCode Operazione

UNITÀ DI ELABORAZIONE (CPU) UNITÀ DI ELABORAZIONE (CPU) Opcode OpCode Operazione RCHITETTUR DI UN ELORTORE MCCHIN DI VON NEUMNN Ispirata al modello della Macchina di Von Neumann (Princeton, Institute for dvanced Study, anni 40). UNITÀ FUNZIONLI fondamentali Processore (CPU) Centrale

Dettagli

Fondamenti di Informatica - 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2011/2012

Fondamenti di Informatica - 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2011/2012 Fondamenti di Informatica - 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2011/2012 Sommario Architetture del Calcolatore e sue componenti principali Macchina di Von Neumann CPU L unità aritmetico logica La memoria centrale

Dettagli

Calcolatori Elettronici A a.a. 2008/2009

Calcolatori Elettronici A a.a. 2008/2009 Calcolatori Elettronici A a.a. 2008/2009 ISA e LINGUAGGIO ASSEMBLY MIPS Massimiliano Giacomin 1 Architettura MIPS Architettura RISC e load-store sviluppata da John Hennessy nel 1981 Usata da NEC, Nintendo,

Dettagli

Architettura di tipo registro-registro (load/store)

Architettura di tipo registro-registro (load/store) Caratteristiche principali dell architettura del processore MIPS E un architettura RISC (Reduced Instruction Set Computer) Esegue soltanto istruzioni con un ciclo base ridotto, cioè costituito da poche

Dettagli

Programma ARCHITETTURA DI UN ELABORATORE MACCHINA DI VON NEUMANN CPU & MEMORIA UNITÀ DI ELABORAZIONE (CPU) Questa settimana:

Programma ARCHITETTURA DI UN ELABORATORE MACCHINA DI VON NEUMANN CPU & MEMORIA UNITÀ DI ELABORAZIONE (CPU) Questa settimana: Progma La settimana scorsa: cos è l informatica? cos è un algoritmo? cos è un progma? come si descrive un algoritmo? di cosa si compone un? che cos è il software? a cosa serve? Questa settimana: qual è

Dettagli

start informazioni e calcolatori Piero Gallo Pasquale Sirsi

start informazioni e calcolatori Piero Gallo Pasquale Sirsi start informazioni e calcolatori Piero Gallo Pasquale Sirsi Competenze n n Abilità n n n n n n n Riconoscere le tecniche di rappresentazione dei dati all interno di un computer Sviluppare capacità operative

Dettagli

Linguaggio macchina. 73.1 Organizzazione della memoria. 73.1.1 Pila per salvare i dati. 73.1 Organizzazione della memoria... 37

Linguaggio macchina. 73.1 Organizzazione della memoria. 73.1.1 Pila per salvare i dati. 73.1 Organizzazione della memoria... 37 37 Linguaggio macchina Capitolo 73 73.1 Organizzazione della memoria.............................................. 37 73.1.1 Pila per salvare i dati............................................... 37 73.1.2

Dettagli

Introduzione. Indice. Linguaggio macchina. Linguaggio assembler

Introduzione. Indice. Linguaggio macchina. Linguaggio assembler Indice Linguaggio ad alto livello, linguagio assembler e linguaggio macchina Il linguaggio assembler MIPS: istruzioni aritmetiche, di trasferimento dati e di salto Conversione linguaggio assembler in linguaggio

Dettagli

ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI VOLUME I

ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI VOLUME I Graziano Frosini ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI VOLUME I ASSEMBLER E CORRISPONDENZA FRA C++ E ASSEMBLER CON RIFERIMENTO AL PERSONAL COMPUTER E ALL AMBIENTE DI PROGRAMMAZIONE DJGPP Copyright MMIX ARACNE editrice

Dettagli

Versione A: caricamento ed esecuzione del codice

Versione A: caricamento ed esecuzione del codice Versione A: caricamento ed esecuzione del codice «Nella sua prima versione, la CPU si compone soltanto di registri utili ad accedere alla memoria per leggere il codice operativo da eseguire, come di vede

Dettagli

Il Processore: i registri

Il Processore: i registri Il Processore: i registri Il processore contiene al suo interno un certo numero di registri (unità di memoria estremamente veloci) Le dimensioni di un registro sono di pochi byte (4, 8) I registri contengono

Dettagli

ARCHITETTURA DI UN CALCOLATORE ELETTRONICO

ARCHITETTURA DI UN CALCOLATORE ELETTRONICO Lezione di informatica del 31 marzo 2008 (appunti prelevati sulla rete) - Paolo Latella ARCHITETTURA DI UN CALCOLATORE ELETTRONICO Per architettura di un calcolatore elettronico si intende l'insieme delle

Dettagli

In realtà, non un solo microprocessore, ma un intera famiglia, dalle CPU più semplici con una sola pipeline a CPU molto complesse per applicazioni ad

In realtà, non un solo microprocessore, ma un intera famiglia, dalle CPU più semplici con una sola pipeline a CPU molto complesse per applicazioni ad Principi di architetture dei calcolatori: l architettura ARM. Mariagiovanna Sami Che cosa è ARM In realtà, non un solo microprocessore, ma un intera famiglia, dalle CPU più semplici con una sola pipeline

Dettagli

I Digital Signal Processors 1

I Digital Signal Processors 1 I Digital Signal Processors 1 martedì 11 aprile 2006 in termini rozzi possiamo definirli come dei microcontrollori ottimizzati per avere prestazioni spinte nella realizzazione di filtri di segnali analogici,

Dettagli

Introduzione. Ullteriiorii consiideraziionii

Introduzione. Ullteriiorii consiideraziionii Appunti di Calcolatori Elettronici Appendice 1 Concetti vari STRUTTURE ASTRATTE DI DATI... 1 Introduzione... 1 Ulteriori considerazioni... 1 Lista... 2 Coda, Pila, Doppia Coda... 3 Matrice o Array... 3

Dettagli

Aritmetica dei Calcolatori 2

Aritmetica dei Calcolatori 2 Laboratorio di Architettura 13 aprile 2012 1 Operazioni bit a bit 2 Rappresentazione binaria con segno 3 Esercitazione Operazioni logiche bit a bit AND OR XOR NOT IN OUT A B A AND B 0 0 0 0 1 0 1 0 0 1

Dettagli

Modulo 8. Elettronica Digitale. Contenuti: Obiettivi:

Modulo 8. Elettronica Digitale. Contenuti: Obiettivi: Modulo 8 Elettronica Digitale Contenuti: Introduzione Sistemi di numerazione posizionali Sistema binario Porte logiche fondamentali Porte logiche universali Metodo della forma canonica della somma per

Dettagli

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Microcontrollori Microchip PIC 8 bit. namoroso@mrscuole.

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Microcontrollori Microchip PIC 8 bit. namoroso@mrscuole. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008 Microcontrollori Microchip PIC 8 bit Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net NA L2 1 Microcontrollori Microchip PIC 8 bit PIC: Peripheral Interface

Dettagli

Università degli Studi di Cassino Corso di Fondamenti di Informatica Codifica di dati e istruzioni. Anno Accademico 2010/2011 Francesco Tortorella

Università degli Studi di Cassino Corso di Fondamenti di Informatica Codifica di dati e istruzioni. Anno Accademico 2010/2011 Francesco Tortorella Corso di Fondamenti di Informatica Codifica di dati e istruzioni Anno Accademico 2010/2011 Francesco Tortorella La codifica dei dati e delle istruzioni La più piccola unità di informazione memorizzabile

Dettagli

Il corso di INFORMATICA

Il corso di INFORMATICA Docente: Maurizio QUARTA Il corso di INFORMATICA BIOTECNOLOGIE 25/6 6 CFU E-mail: maurizio.quarta@unisalento.it m.quarta@alice.it Tel: 832-297532 Ricevimento: martedi dalle 9.3 alle.3 altri giorni per

Dettagli

Organizzazione della memoria

Organizzazione della memoria Memorizzazione dati La fase di codifica permette di esprimere qualsiasi informazione (numeri, testo, immagini, ecc) come stringhe di bit: Es: di immagine 00001001100110010010001100110010011001010010100010

Dettagli

UN PO DI STORIA, CONCETTI BASE e DEFINIZIONI GENERALI

UN PO DI STORIA, CONCETTI BASE e DEFINIZIONI GENERALI 1 RICHIAMI SUL MIPS UN PO DI STORIA, CONCETTI BASE e DEFINIZIONI GENERALI L ARCHITETTURA DI RIFERIMENTO: LA MACCHINA MIPS INSTRUCTION SET MIPS R2000 ISTRUCTION SET SEMPLIFICATO: emips ESEMPI DI PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e Biomedica. Fondamenti di Informatica II A.A. (2002-2003)

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e Biomedica. Fondamenti di Informatica II A.A. (2002-2003) Università degli Studi Magna Græcia di Catanzaro Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e Biomedica Fondamenti di Informatica II A.A. (2002-2003) Docente: Prof. Mario Cannataro cannataro@unicz.it www.isi.cs.cnr.it/isi/cannataro

Dettagli

Microprocessori, Microcontrollori e DSP (Digital Signal Processors)

Microprocessori, Microcontrollori e DSP (Digital Signal Processors) Microprocessori, Microcontrollori e DSP (Digital Signal Processors) Il microprocessore è un dispositivo integrato digitale che può essere programmato con una serie di istruzioni per effettuare una specifica

Dettagli

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato software che: opera direttamente sull hardware; isola dai dettagli dell architettura hardware; fornisce un insieme di funzionalità di alto livello.

Dettagli

Il calcolatore elettronico. Parte dei lucidi sono stati gentilmente forniti dal Prof. Beraldi

Il calcolatore elettronico. Parte dei lucidi sono stati gentilmente forniti dal Prof. Beraldi Il calcolatore elettronico Parte dei lucidi sono stati gentilmente forniti dal Prof. Beraldi Introduzione Un calcolatore elettronico è un sistema elettronico digitale programmabile Sistema: composto da

Dettagli

FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira

FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira Possibili domande 1 --- Caratteristiche delle macchine tipiche dell informatica Componenti hardware del modello funzionale di sistema informatico Componenti software

Dettagli

Le costanti Le modalità di indirizzamento L assembly del MIPS

Le costanti Le modalità di indirizzamento L assembly del MIPS Le costanti Le modalità di indirizzamento L assembly del MIPS Prof. Alberto Borghese Dipartimento di Scienze dell Informazione borghese@dsi.unimi.it Università degli Studi di Milano 1/45 Sommario Le costanti

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale E. Fermi - Ascoli Piceno. Appunti delle Lezioni di Teoria dei Sistemi

Istituto Tecnico Industriale E. Fermi - Ascoli Piceno. Appunti delle Lezioni di Teoria dei Sistemi Istituto Tecnico Industriale E. Fermi - Ascoli Piceno Specializzazione Elettronica e Telecomunicazioni Classe IV Sez. A Appunti delle Lezioni di Teoria dei Sistemi Sistemi a Microprocessore Linguaggio

Dettagli

UN PO DI STORIA, CONCETTI BASE e DEFINIZIONI GENERALI

UN PO DI STORIA, CONCETTI BASE e DEFINIZIONI GENERALI 1 RICHIAMI SUL MIPS UN PO DI STORIA, CONCETTI BASE e DEFINIZIONI GENERALI L ARCHITETTURA DI RIFERIMENTO: LA MACCHINA MIPS INSTRUCTION SET MIPS R2000 ISTRUCTION SET SEMPLIFICATO: emips ESEMPI DI PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Linguaggio macchina e linguaggio assembler

Linguaggio macchina e linguaggio assembler FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Linguaggio macchina e linguaggio assembler 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright

Dettagli

Hardware di un Computer

Hardware di un Computer Hardware di un Computer Monitor Mouse Tastiera Printer Disk CPU Graphics Adapter USB Controller Parallel Port Disk Controller BUS Memoria RAM Memoria ROM (BIOS) DMA CPU esegue istruzioni, effettua calcoli,

Dettagli