Istruzione Operativa Terapia antibiotica empirica

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istruzione Operativa Terapia antibiotica empirica"

Transcript

1 UOC. DIREZIONE MEDICA Azienda U.L.S.S. 20 di Verona Ospedale "G.Fracastoro" San Bonifacio Istruzione operativa Terapia antibiotica empirica Reparti internistici Rev. 00 del Cod. Pag.1 di 14 Istruzione Operativa Terapia antibiotica empirica Approvato il : Nome Dr. Paolo Montresor Funzione Direttore UOC Direzione Medica Firma Redazione Verifica Data Funzione Nome Data Funzione Nome Luglio 2012 Medico Igienista Direzione Medica Agosto 2012 Dr.Mario Cruciani Consulente Infettivologo Medicina Comunitaria Dip. Dipendenze Dr.ssa Serena Pancheri Dr.Mario Cruciani Agosto 2012 Consulente Infettivologo Medicina Comunitaria Dip. Dipendenze Medico Igienista UOC Direzione Medica Dr.ssa Diana Pascu Lista di distribuzione UUOO Ospedale San Bonifacio UUOO Ospedale di Rete di Marzana Archiviazione UOC Direzione Medica UOC Qualità e Accreditamento

2 UOC. DIREZIONE MEDICA Azienda U.L.S.S. 20 di Verona Ospedale "G.Fracastoro" San Bonifacio Istruzione operativa Terapia antibiotica empirica Reparti internistici Rev. 00 del Cod. Pag.2 di 14 OGGETTO Il seguente documento riporta i consigli di terapia antibiotica empirica per le patologie di più frequente riscontro ed è basato sul testo The Sanford Guide for antimicrobial therapy, Si ricorda che le decisioni nel singolo paziente devono essere prese dal medico sulla base del giudizio clinico. Si sottolinea l importanza di eseguire prima dell inizio della terapia antibiotica gli esami atti ad individuare la precisa eziologia dell infezione in corso in modo da poter in seguito impostare terapia antibiotica ragionata sulla base dell isolamento del patogeno. Si ricorda infine che nel nostro ospedale è possibile avvalersi della consulenza di un infettivologo. CAMPO DI APPLICAZIONE La procedura di terapia antibiotica empirica di seguito descritta fornisce le indicazioni terapeutiche per pazienti adulti. Al termine della procedura stessa vi sono delle tabelle sinottiche che riportano i dosaggi degli antibiotici e la via di somministrazione oltre ai dovuti aggiustamenti per pazienti con ridotta funzionalità renale. Nelle situazioni in cui sono richieste delle variazioni di dosaggio particolari in relazione alla patologia trattata il dosaggio è stato inserito nella tabella relativa alla patologia stessa e si intende per adulti con normale funzionalità renale. La presente Istruzione operativa è rivolta alle Unità Operative del Dip. Medico Internistico e del Dip. Riabilitativo degli Ospedali di san Bonifacio e Marzana. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI Gilbert David N. Sanford Guide to Antimicrobial Therapy: Pocket Guide. Sanford Pag. 2 di 14

3 Patologia Prima scelta Allergia ai beta-lattamici Polmonite comunitaria Se fattori di rischio per MDR quali: Bronchiettasie o BPCO grave con uso frequente di antibiotici o steroidi, terapia antibiotica negli ultimi 3 mesi, attuale ricovero >4 gg., immunosoppressione Amoxicillina/clavulanato Ceftriaxone (in alternativa cefotaxime) + Azitromicina Ampicillina /sulbactam + azitromicina Beta lattamici anti Pseudomonas* + Levofloxacina Tobramicina + Azitromicina Levofloxacina Moxifloxacina * Beta lattamici anti Pseudomonas: Ceftazidime, Piperacillina ± Tazobactam, Cefepime, Imipenem, Meropenem Polmonite ospedaliera: Esordio dopo 48 ore di ospedalizzazione Beta lattamasi anti Pseudomonas* + /Levofloxacina o Amikacina/ Tobramicina ± Vancomicina/Linezolid Levofloxacina + Tobramicina (Amikacina) Levofloxacina o Aztreonam o Imipenem/Meropenem + Amikacina/Tobramicina ± Vancomicina o Linezolid Lo stesso tipo di trattamento si riserva alla polmonite associate a cure sanitarie: pazienti in emodialisi, sottoposti a chemioterapia ev. o che sono stati in ospedale negli ultimi 30 gg., pazienti ricoverati per due o più gg. o che hanno subito interventi chirurgici negli ultimi 90 gg., pazienti che provengono da case di cura o lungodegenza. * Beta lattamici anti Pseudomonas: Ceftazidime, Piperacillina ± Tazobactam, Cefepime, Imipenem, Meropenem BPCO riacutizzata Amoxicillina/Clavulanato Levofloxacina Se BPCO grave o uso di antibiotici negli ultimi 3 mesi Se fattori di rischio per Pseudomonas aeruginosa quali: Recente ricovero, frequente uso di antibiotici, grave BPCO, pregresso isolamento di Pseudomonas, uso di steroidi sistemici Levofloxacina Ampicillina/Sulbactam Ceftriaxone (in alternativa cefotaxime) Beta lattamici anti Pseudomonas* Levofloxacina Aztreonam Imipenem/Meropenem Pag. 3 di 14

4 Patologia Prima scelta Allergia ai beta-lattamici * Beta lattamici anti Pseudomonas: Ceftazidime, Piperacillina±Tazobactam, Cefepime, Imipenem, Meropenem Polmonite da aspirazione, Ascesso/empiema Se fattori di rischio per MDR: pazienti in emodialisi, sottoposti a chemioterapia ev. o che sono stati in ospedale negli ultimi 30 gg., pazienti ricoverati per due o più gg. o che hanno subito interventi chirurgici negli ultimi 90 gg., pazienti che provengono da case di cura o lungodegenza. Batteriuria asintomatica Cistite non complicata Pielonefrite senza fattori di rischio per MDR Ampicillina/Sulbactam Ceftriaxone (in alternativa cefotaxime) + Metronidazolo/Clindamicina Levofloxacina + Metronidazolo/Clindamicina Piperacillina/Tazobactam ± Vancomicina o Linezolid Aztreonam + Metronidazolo/Clindamicina Imipenem/Meropenem Va trattata solo in caso di gravidanza, immunosoppressione o interventi sulle vie urinarie Stesso trattamento della cistite non complicata Nitrufurantoina Fosfomicina Trimetorpim/Sulfametossazolo Amoxicillina/Clavulanato Ceftriaxone (in alternativa cefotaxime) Ampicillina/sulbactam Nitrofurantoina, Fosfomicina Aztreonam Fattori di rischio per MDR: pazienti in emodialisi, sottoposti a chemioterapia ev. o che sono stati in ospedale negli ultimi 30 gg., pazienti ricoverati per due o più gg. o che hanno subito interventi chirurgici negli ultimi 90 gg., pazienti che provengono da case di cura o lungodegenza. IVU complicata: Catetere vescicale e stent, alterazioni chirurgiche delle vie urinarie, idronefrosi, ristagno, reflusso, post-operatoria, diabetici. immunodepressi, Ceftriaxone (in alternativa cefotaxime) INFEZIONE GRAVE/ALTO RISCHIO DI MDR Beta-lattamici anti Pseudomonas* ± Amikacina/Tobramicina ± Amikacina/Tobramicina INFEZIONE GRAVE/ALTO RISCHIO DI MDR Aztreonam ± Amikacina/Tobramicina Pag. 4 di 14

5 Patologia Prima scelta Allergia ai beta-lattamici Qualsiasi IVU nel maschio Prostatite Prostatite in giovani adulti sessualmente attivi (N. gonorrheae) (in alternativa cefotaxime) INFEZIONE GRAVE Ceftriaxone (in alternativa cefotaxime) + Gentamicina Ceftriaxone (in alternativa cefotaxime) + Azitromicina Meropenem Trimetorpim/Sulfametossazolo INFEZIONE GRAVE /Levofloxacina ± Gentamicina Ceftriaxone + Azitromicina Fattori di rischio per MDR: pazienti in emodialisi, sottoposti a chemioterapia ev. o che sono stati in ospedale negli ultimi 30 gg., pazienti ricoverati per due o più gg. o che hanno subito interventi chirurgici negli ultimi 90 gg., pazienti che provengono da case di cura o lungodegenza. *Beta lattamici anti Pseudomonas: Ceftazidime, Piperacillina ± Tazobactam, Cefepime, Imipenem, Meropenem Gastroenterite comunitaria: Va trattata solo se grave (> 6 scariche/di, febbre, tenesmo, presenza di sangue nelle feci, paziente immunocompromesso o fragile) Gastroenterite ospedaliera: trattata come gastroenterite comunitaria ma va testata per Clostridium difficile Colite da Clostridium difficile Colite da Clostridium difficile grave (febbre >38 C, GB> 20000/mm3, albumina < 2,5 mg/dl, età > 65 a., megacolon tossico o perforazione, colectomia o shock settico): SOSPENDERE GLI ANTIBIOTICI NON NECESSARI Metronidazolo Vancomicina o Teicoplanina SOSPENDERE GLI ANTIBIOTICI NON NECESSARI Metronidazolo Vancomicina o Teicoplanina Pag. 5 di 14

6 Patologia Prima scelta Allergia ai beta-lattamici Peritonite da perforazione intestinale, rottura di diverticoli, perforazione dell appendice Peritonite batterica spontanea in cirrotico Emorragia da varici (profilassi) Colecistite, colangite Ostruzione delle vie biliari Colecistite, colangite Ostruzione delle vie biliari Grave o associata a fattori di rischio per MDR o in presenza di bilio-entero anastomosi Piperacillina/Tazobactam Ampicillina/Sulbactam SE GRAVE: Ampicillina+Metronidazolo+ o Levofloxacina Imipenem Meropenem Ceftriaxone (in alternativa cefotaxime) Piperacillina/Tazobactam Ampicillina/Sulbactam Ceftriaxone (va iniziato 30 min prima di EGDS); in alternativa cefotaxime. Ceftriaxone (in alternativa cefotaxime) + Metronidazolo Ertapenem Tigeciclina Beta lattamici anti Pseudomonas* (ad es.: Piperacillina/Tazobactam) ± Amikacina/Tobramicina Se si usano Ceftazidime o Cefepime aggiungere Metronidazolo + Metronidazolo Levofloxacina + Metronidazolo Aztreonam Aztreonam o + Metronidazolo Tigeciclina Aztreonam o + Metronidazolo + Amikacina/Tobramicina Tigeciclina + Amikacina Imipenem/Meropenem ± Amikacina/Tobramicina Fattori di rischio per MDR: pazienti in emodialisi, sottoposti a chemioterapia ev. o che sono stati in ospedale negli ultimi 30 gg., pazienti ricoverati per due o più gg. o che hanno subito interventi chirurgici negli ultimi 90 gg., pazienti che provengono da case di cura o lungodegenza. * Beta lattamici anti Pseudomonas: Ceftazidime, Piperacillina ± Tazobactam, Cefepime, Imipenem, Meropenem Pag. 6 di 14

7 Patologia Prima scelta Allergia ai beta-lattamici Meningite in adulto sano Ceftriaxone 2 g ogni 12h (in alternativa cefotaxime) + Desametasone Meningite in paziente immunocompromesso, defedato, etilista, età>60aa Ceftriaxone2 g ogni 12h (in alternativa cefotaxime) + Ampicillina 2g ogni 4h + Desametasone Meropenem 2g ogni 8h + Vancomicina 15mg/Kg ogni 12h + Desametasone SE ALLERGIA A PENICILLINA MOLTO GRAVE: Desametasone + Vancomicina 15 mg/kg ogni 12h + 5mg/Kg ogni 6h + Aztreonam 2g ogni 6h Considerare l uso dei fluorochinolonici (Levofloxacina 750 mg ogni 24h) Desametasone 10 mg ev. x4 sempre prima della somministrazione dell antibiotico Profilassi per l esposizione a Neisseria meningitidis negli adulti 500 mg per os in singola dose Endocardite valvola nativa Ampicillina/Sulbactam 3 g ogni 6h + Vancomicina 15 mg/kg ogni 12h ± Gentamicina 1mg/Kg ogni 8h Endocardite uso di droghe EV Vancomicina 15 mg/kg ogni 12h + Gentamicina 1mg/Kg ogni 8h Endocardite valvola artificiale Ampicillina/Sulbactam 3g ogni 6h + Vancomicina 15 mg/kg ogni 12h + Rifampicina 300 mg ogni 8h os/ev ± Gentamicina 1 mg/kg ogni 8h 500 mg per os in singola dose Vancomicina 15 mg/kg ogni 12h + Gentamicina 1 mg/kg ogni 8h Vancomicina 15 mg/kg ogni 12h + Gentamicina 1 mg/kg ogni 8h Vancomicina 15 mg/kg ogni 12h + Gentamicina 1 mg/kg ogni 8h + Rifampicina 300 mg ogni 8h os/ev Pag. 7 di 14

8 Patologia Prima scelta Allergia ai beta-lattamici Cellulite/erisipela Ampicillina/Sulbactam o Cefazolina Clindamicina o Tigeciclina Cellulite grave compresa la fascite necrotizzante (dolore molto forte, necrosi/ecchimosi, tossicità sistemica, consistenza lignea, no risposta alla terapia) Piede diabetico Infezione lieve: cellulite poco estesa, infezione limitata ai tessuti superficiali Piede diabetico Infezione moderata: cellulite estesa, infezione dei tessuti profondi (muscoli, tendini, ossa) senza segni sistemici Piede diabetico Infezione grave: tossicità sistemica, rischio arto Vancomicina/Daptomicina + Piperacillina/Tazobactam Vancomicina/Daptomicina + Aztreonam Amoxicillina/Clavulanato ± Ceftriaxone (in alternativa cefotaxime) + Metronidazolo Ertapenem Beta lattamici anti Pseudomonas* + Vancomicina/Daptomicina * Beta lattamici anti Pseudomonas: Ceftazidime, Piperacillina ± Tazobactam, Cefepime, Imipenem, Meropenem /Levofloxacina + Metronidazolo ± /Levofloxacina + Metronidazolo ± Aztreonam + Metronidazolo + Vancomicina/Daptomicina Imipenem/Meropenem Pag. 8 di 14

9 DEFINIZIONE DI SEPSI SIRS (Sindrome da Risposta Infiammatoria Sistemica): più di due tra i seguenti segni: o T>38 C o < 36 C o FC >90 bpm o F respiratoria >20 atti/min o GB >12000/μL o Sepsi: SIRS + infezione documentata/sospetta Sepsi grave: sepsi + disfunzione d organo (ipotensione o ipoperfusione, acidosi lattica, oliguria, alterazione dello stato mentale) Shock settico: ipotensione indotta da sepsi (PAO <90 mmhg) non responsiva a 500 cc di salina + ipoperfusione periferica. Patologia Prima scelta Allergia ai beta-lattamici Sepsi grave o shock settico di eziologia non nota Beta lattamici anti Pseudomonas* + Vancomicina ± Amikacina/Tobramicina Febbre in neutropenico Beta lattamici anti Pseudomonas* ± Amikacina/Tobramicina ± Vancomicina Aztreonam + Amikacina/Tobramicina + Vancomicina Imipenem/Merrem + Vancomicina ± Tobramicina/Amikacina Aztreonam + Amikacina/Tobramicina ± Vancomicina Imipenem o Merrem ± Amikacina/Tobramicina ± Vancomicina *Beta lattamici anti Pseudomonas: Ceftazidime, Piperacillina ± Tazobactam, Cefepime, Imipenem, Meropenem Infezione del CVC Vancomicina Daptomicina Considerare eziologia fungina se fattori di rischio e sintomatologia persistente (consulenza infettivologica) Infezione del CVC in paziente neutropenico Vancomicina + beta lattamici anti Pseudomonas* Imipenem + beta lattamici anti Pseudomonas* Vancomicina Daptomicina * Beta lattamici anti Pseudomonas: Ceftazidime, Piperacillina ± Tazobactam, Cefepime, Imipenem, Meropenem Pag. 9 di 14

10 PROFILASSI DELL ENDOCARDITE INFETTIVA Pazienti a rischio: Pazienti con valvola protesica o portatori di materiale protesico utilizzato per una riparazione valvolare Pazienti con pregressa endocardite infettiva Pazienti con patologi congenita cardiaca Procedure a rischio: Tutte le procedure odontoiatriche che prevedono la manipolazione del tessuto gengivale, della regione periapicale o perforazione della mucosa orale (drenaggio di ascessi, tonsillectomia, ecc.) Procedure del tratto respiratorio eseguite per trattare un infezione in corso (es. drenaggio di un ascesso) Procedure in pazienti con infezione del tratto gastrointestinale o nei casi in cui l antibiotico sia indicato per prevenire l infezione della ferita o la sepsi (se il paziente non presenta infezione la profilassi non è indicata) Procedure in pazienti con infezione del tratto genitourinario o nei casi in cui l antibiotico sia indicato per prevenire l infezione della ferita o la sepsi (se il paziente non presenta infezione la profilassi non è indicata) Procedure su cute, strutture cutanee o tessuto muscolo-scheletrico infetto (es. incisione di ascesso) PROFILASSI DELL ENDOCARDITE BATTERICHE Singola dose minuti prima della procedura Patologia Prima scelta Allergia ai beta-lattamici Cure Odontoiatriche Amossicillina 2 g per os Ampicillina 2 g ev Tratto respiratorio Cefazolina 1 g ev Vancomicina 1 g ev Gastrointestinale/genitourinario Amossicillina 2 g per os Ampicillina 2 g ev Clindamicina 600 mg po/ev Azitromicina o Claritromicina 500 mg po Vancomicina1 g ev Cute, strutture cutanee, ecc Cefazolina 1 g ev Clindamicina 600 mg po/ev Vancomicina 1 g ev Pag. 10 di 14

11 DOSE ANTIBIOTICI E AGGIUSTAMENTO IN INSUFFICIENZA RENALE Beta lattamici egfr >50 ml/min egfr ml/min egfr ml/min NOTE Amossicillina (PO) mg ogni 8h mg ogni 8h 250/500 mg ogni 12 h Amoxicillina/Clavulanato (PO) 1g ogni 8-12h 1g ogni 8-12h mg ogni 12h Ampicillina/Sulbactam (EV) 1,5-3g ogni 6-8h 1,5-3g ogni 8h 1,5-3g ogni 12h Ampicillina (EV) 1-2g ogni 4-6h 1-2g ogni 6-8h 1-2g ogni 8-12h Endocardite e meningite: 2g ogni 4h Oxacillina (EV) 2g ogni 4-6h No variazioni No variazioni Penicillina G (EV) 2-4 MU ogni 4h 2-3MU ogni 4h 2-3MU ogni 4h Endocardite: 4MU ogni 4h Piperacillina/Tazobactam (EV) 2,25-4,5g ogni 6-8h 4,5g ogni 8h 4,5g ogni 12h Cefazolina (EV) 1-1,5g ogni 6-8h 1g ogni 8h 0,5g ogni 12h Cefuroxima (EV) 1-2g ogni 8h 1-2g ogni 8h 0,75g ogni 12h Ceftriaxone (EV) 1-2g ogni 24h 1-2g ogni 24h 1-2g ogni 24h Meningite: 2g ogni 12h Cefepima (EV) 1-2g ogni12h 1-2g ogni 24h 0,5-1g ogni 24h Se neutropenia o meningite: 2g ogni 8h Aztreonam (EV) 1-2g ogni 6-8h 1-2g ogni 6-8h 2gx1 poi dimezzare la dose Se neutropenia o meningite: 2g ogni 6h Aminoglicosidi egfr >60 ml/min egfr ml/min egfr ml/min egfr ml/min Gentamicina (EV) 1-1,5 mg/kg ogni 8h 1-1,5 mg/kg ogni 12h 1-1,5 mg/kg ogni 24h 1-1,5 mg/kg ogni 48h Tobramicina (EV) 1-1,5 mg/kg ogni 8h 1-1,5 mg/kg ogni 12h 1-1,5 mg/kg ogni 24h 1-1,5 mg/kg ogni 48h Amikacina (EV) 5 mg/kg ogni 8h 5 mg/kg ogni 12h 5 mg/kg ogni 24h Dose carico poi monitorizzare i livelli Per il dosaggio degli aminoglicosidi utilizzare il Peso Ideale o il Peso Corretto Pag. 11 di 14

12 Altezza in cm Maschi (peso ideale in Kg) Femmine (peso ideale in Kg) Pazienti NON obesi: utilizzare il peso ideale a meno che il peso attuale sia inferiore Pazienti Obesi: utilizzare il peso corretto Peso corretto = peso ideale + 0,4 x (peso attuale-peso ideale) Pag. 12 di 14

13 Carbapenemici egfr >50 ml/min egfr ml/min egfr ml/min NOTE Meropenem 1 g ogni 8h 1g ogni 12h 0,5g ogni 12h Se meningite o infezione grave o pazienti obesi: 2g ogni 8h Imipenem/Cilastatina 2g ogni 8h 2g ogni 12h 1g ogni 12h Se infezione grave: 50 mg/kg/die (max 4 g/die) Ertapenem 0,5g ogni 6-8h 0,5g ogni 6-8h 0,25-0,5g ogni 12h Chinolonici egfr >50 ml/min egfr ml/min egfr ml/min Levofloxacina (PO/EV) mg ogni 24h 500 mg x 1 poi 250 mg ogni 24h 500 mg x 1 poi 250 mg ogni 48h (PO) mg ogni 12h mg ogni 12h mg ogni 24h (EV) 400 mg ogni 8-12h mg ogni 12h mg ogni 24h Anti MRSA egfr >50 ml/min egfr ml/min egfr ml/min Vancomicina (EV) 15 mg/kg ogni 12h 15mg/kg ogni 24h 15 mg/kg ogni 48-96h Vancomicina (OS) 125 mg ogni 6h idem idem Teicoplanina (EV, IM) 6-12 mg/kg ogni 24h 6-12mg/kg ogni 48h 6 mg/kg ogni 48h Linezolid (EV) 600 mg ogni 12h idem idem Linezolid (OS) mg ogni 12h idem idem Daptomicina 4-6 mg/kg ogni 24h idem 4-6 mg/kg ogni 48h Tigeciclina 100 mg x 1 poi 50 mg ogni 12h idem idem Pag. 13 di 14

14 Macrolidi egfr >50 ml/min egfr ml/min egfr ml/min Azitromicina (OS/EV) 500 mg ogni 24h idem idem Claritromicina (OS/EV) 500 mg ogni 12h idem idem Varie egfr >50 ml/min egfr ml/min egfr ml/min Clindamicina EV mg ogni 8h idem idem Metronidazolo (EV) 500 mg ogni 8-12h idem idem Metronidazolo (OS) mg ogni 6-8h idem idem 5mg/kg ogni 6h idem 50% della dose Nitrofurantoina mg ogni 6h controindicata controindicata Fosfomicina 3g (1 bustina) ripetibile dopo 24 h Assenza di dati Assenza di dati Pag. 14 di 14

LA PROFILASSI ANTIBIOTICA PERI-OPERATORIA

LA PROFILASSI ANTIBIOTICA PERI-OPERATORIA LA PROFILASSI ANTIBIOTICA PERI-OPERATORIA Dott.ssa A. Passariello Coordinamento Farmaceutico Ospedaliero ex Ce1 PROFILASSI PERI-OPERATORIA La somministrazione di chemioterapici secondo modalità ben definite,

Dettagli

Dati microbiologici I semestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA INTERNISTICA

Dati microbiologici I semestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA INTERNISTICA Dati microbiologici I semestre 2015 Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA INTERNISTICA Dott. Simone Ambretti U.O.Microbiologia simone.ambretti@aosp.bo.it Come interpretare i dati TIPI DI TABELLE 1.

Dettagli

FARMACOCINETICA E FARMACODINAMICA DEGLI ANTIBIOTICI

FARMACOCINETICA E FARMACODINAMICA DEGLI ANTIBIOTICI Progetto Formativo Aziendale Ottimizzazione dell uso degli antibiotici e dei chemioterapici antinfettivi FARMACOCINETICA E FARMACODINAMICA DEGLI ANTIBIOTICI 16 Novembre 2012 dott.ssa Laura Rocatti Direttore

Dettagli

Il punto di vista dell infettivologo : quando e quale terapia antibiotica

Il punto di vista dell infettivologo : quando e quale terapia antibiotica L TRATTAMENTO E PREVENZIONE DELLE FERITE DIFFICILI DEGLI ARTI INFERIORI Livorno 20 giugno 2015 Il punto di vista dell infettivologo : quando e quale terapia antibiotica Dr. Spartaco Sani Direttore U.O.

Dettagli

PROFILASSI DELL ENDOCARDITE INFETTIVA (BATTERICA)

PROFILASSI DELL ENDOCARDITE INFETTIVA (BATTERICA) Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia Autonoma di Bolzano Ärzte- und Zahnärztekammer der Autonomen Provinz Bozen PROFILASSI DELL ENDOCARDITE INFETTIVA (BATTERICA) AUTONOME PROVINZ

Dettagli

terapia antibiotica empirica delle affezioni respiratorie in medicina interna

terapia antibiotica empirica delle affezioni respiratorie in medicina interna terapia antibiotica empirica delle affezioni respiratorie in medicina interna terapia antibiotica empirica protocollo terapeutico elaborato ed adottato protocollo terapeutico in Medicina ERI - Medicina

Dettagli

PROTOCOLLI DI TERAPIA ANTIBIOTICA EMPIRICA TERAPIA INTENSIVA OMV

PROTOCOLLI DI TERAPIA ANTIBIOTICA EMPIRICA TERAPIA INTENSIVA OMV PROTOCOLLI DI TERAPIA ANTIBIOTICA EMPIRICA TERAPIA INTENSIVA OMV 1. Valutazione dati di Microbiologia anni 2007-2008 1.1 Numero isolamenti Frequenza principali isolamenti anni 2007-2008 in Terapia Intensiva

Dettagli

ANTIBIOTICI uso abuso autoprescrizione

ANTIBIOTICI uso abuso autoprescrizione Istituto Clinico Città di Brescia, 22 Maggio 2008 ANTIBIOTICI uso abuso autoprescrizione IL PUNTO DI VISTA DELL INFETTIVOLOGO G. Carosi Istituto di Malattie Infettive e Tropicali Università degli Studi

Dettagli

Sindromi urologiche (ivu)

Sindromi urologiche (ivu) Terapia empirica ragionata Delle Sindromi urologiche (ivu) Dr. Pg Bertucci Tropicalista NON CONFONDETE LA TERAPIA URINARIA CON LA URINOTERAPIA Gli Agenti Eziologici Oltre il 95% delle IVU sono monomicrobiche

Dettagli

Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze. I trimestre Azienda Ospedaliera S.

Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze. I trimestre Azienda Ospedaliera S. Epidemiologia isolamenti batteri e miceti e sorveglianza antibiotico-resistenze I trimestre 2012 Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA INTERNISTICA Dott. Simone Ambretti U.O.Microbiologia simone.ambretti@aosp.bo.it

Dettagli

ENDOCARDITE INFETTIVA

ENDOCARDITE INFETTIVA ENDOCARDITE INFETTIVA E NDOCARDITE INFETTIVA Infezione dell endocardio endocardio causata da microorganismi patogeni. Nella grandissima maggioranza dei casi l endocardio l interessato è l endocardio valvolare.

Dettagli

Terapia delle infezioni respiratorie. Dr Lorenzo Veronese Osp. Ciriè

Terapia delle infezioni respiratorie. Dr Lorenzo Veronese Osp. Ciriè Terapia delle infezioni respiratorie Dr Lorenzo Veronese Osp. Ciriè FARINGITE FARINGITE NON COMPLICATA INFEZIONE DELLO SPAZIO SOTTOMANDIBOL ARE (Angina di Ludwig) Cellulite dura a rapida diffusione, bilaterale,

Dettagli

Paziente con batteriemia da ceppo multi resistente, considerazioni su che fare

Paziente con batteriemia da ceppo multi resistente, considerazioni su che fare Paziente con batteriemia da ceppo multi resistente, considerazioni su che fare Elio Castagnola Unità di Malattie Infettive Istituto Giannina Gaslini - Genova diagnosi LLA-B in altro centro, esegue chemioterapia

Dettagli

Antibiogramma Nuovi criteri interpretativi e istruzioni per l uso

Antibiogramma Nuovi criteri interpretativi e istruzioni per l uso Agenzia sanitaria e sociale regionale Antibiogramma 2011 Nuovi criteri interpretativi e istruzioni per l uso Cosa cambia con l adozione dello standard europeo EUCAST Come utilizzare nella pratica clinica

Dettagli

ANTIBIOTICO PROFILASSI IN CHIRURGIA GENERALE

ANTIBIOTICO PROFILASSI IN CHIRURGIA GENERALE ANTIBIOTICO PROFILAS IN CHIRURGIA GENERALE 0. Indice 0. Indice... 1 1. Scopo e campo di applicazione... 1 2. Riferimenti...1 2.2 Documentali... 1 3. Modalità operative... 2 3.2 Classificazione degli interventi

Dettagli

Un caso di endocardite

Un caso di endocardite Un caso di endocardite G. Paternoster, N. Stigliano Reparto di Terapia Intensiva Cardiochirurgica, Casa di cura Villa Verde, Taranto Anamnesi patologica remota Paziente di sesso femminile, 82 anni, anamnesi

Dettagli

RACCOMANDAZIONI AZIENDALI SULLA PROFILASSI ANTIMICROBICA IN CHIRURGIA

RACCOMANDAZIONI AZIENDALI SULLA PROFILASSI ANTIMICROBICA IN CHIRURGIA Presidio Ospedaliero Nord Servizio di Farmacia Tel.: 0773/6553077-6553076- Fax.: 0773/6553074. Latina, 20/11/2006 RACCOMANDAZIONI AZIENDALI SULLA PROFILASSI ANTIMICROBICA IN CHIRURGIA La profilassi chirurgica

Dettagli

Empiema della colecisti da enterobatteri ESBL positivi. Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma

Empiema della colecisti da enterobatteri ESBL positivi. Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma Empiema della colecisti da enterobatteri ESBL positivi Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma C.A. 1940 Angina da sforzo Ipertensione arteriosa Diabete

Dettagli

Prevalenza di Escherichia coli uropatogeni multiresistenti isolati da cane e uomo

Prevalenza di Escherichia coli uropatogeni multiresistenti isolati da cane e uomo Prevalenza di Escherichia coli uropatogeni multiresistenti isolati da cane e uomo Un problema emergente riguardo al trattamento delle infezioni urinarie sostenute da E. coli è rappresentato dalla diffusione

Dettagli

Sepsi addominale da KPC in paziente con AIDS

Sepsi addominale da KPC in paziente con AIDS Casi difficili in Patologia Infettiva Sepsi addominale da KPC in paziente con AIDS Laura Sighinolfi U.O.Malattie Infettive Azienda Ospedaliero Universitaria -Ferrara Paziente G.F. Donna, trasmissione sessuale

Dettagli

Dati microbiologici I semestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA PEDIATRICA

Dati microbiologici I semestre Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA PEDIATRICA Dati microbiologici I semestre 2015 Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi AREA PEDIATRICA Dott. Simone Ambretti U.O.Microbiologia simone.ambretti@aosp.bo.it Come interpretare i dati 2 TIPI DI TABELLE 1.

Dettagli

SCELTA DEGLI ANTIBIOTICI

SCELTA DEGLI ANTIBIOTICI 3 DICEMBRE 2012 SCELTA DEGLI ANTIBIOTICI Dr. Matteo Curti Medico Medicina Generale Azienda Sanitaria Locale di Parma CATEGORIE DEGLI ANTIBIOTICI BATTERIOSTATICI BATTERICIDI MECCANISMO D AZIONE SULLA PARETE

Dettagli

PROFILASSI ANTITROMBOTICA IN CHIRURGIA GENERALE

PROFILASSI ANTITROMBOTICA IN CHIRURGIA GENERALE CHIRURGIA GENERALE MAGGIORE (tutti gli interventi di durata > 30 minuti o di chirurgia addominale) TIPO DI PATOLOGIA TIPO DI CHIRURGIA MIRE (tutti gli interventi di durata < 30 minuti, esclusa la chirurgia

Dettagli

Meningiti ed infezioni invasive da Pneumococco ed Haemophilus

Meningiti ed infezioni invasive da Pneumococco ed Haemophilus Meningiti ed infezioni invasive da Pneumococco ed Haemophilus Dott. Giovanni Pinelli Medicina d Urgenza NOCSAE PRINCIPALI MANIFESTAZIONI PATOLOGICHE AD EZIOLOGIA PNEUMOCOCCICA Sinusite Otite media Otomastoidite

Dettagli

INFEZIONI Epidemiologia

INFEZIONI Epidemiologia INFEZIONI Epidemiologia Fonte d infezione diretta Sano recettivo Indiretta (veicoli e vettori) Trasmissione delle infezioni INFEZIONI OSPEDALIERE Etiologia SCHIZOMICETI FUNGHI PROTOZOI VIRUS INFEZIONI

Dettagli

Scelta dei farmaci antimicrobici

Scelta dei farmaci antimicrobici Antibiotici Gram + Gram - Scelta dei farmaci antimicrobici Identita agente infettante Sensibilita ad un dato farmaco Sede dell infezione Fattori legati al paziente Sicurezza della terapia Costo della terapia

Dettagli

I costi delle HAI in cardiologia e cardiochirurgia. Dr.ssa Sechi Francesca

I costi delle HAI in cardiologia e cardiochirurgia. Dr.ssa Sechi Francesca I costi delle HAI in cardiologia e cardiochirurgia Dr.ssa Sechi Francesca Manuale costi antibiotici A.O. L. Sacco Nella realtà prescrittiva dell Ospedale L.Sacco i farmaci antimicrobici hanno un incidenza

Dettagli

Sorveglianza batterica e monitoraggio dell attivita degli antibiotici nel 2013 nella ASL BT

Sorveglianza batterica e monitoraggio dell attivita degli antibiotici nel 2013 nella ASL BT Epidemiologia Sorveglianza batterica e monitoraggio dell attivita degli antibiotici nel 2013 nella ASL BT Silvia Venitucci * Data la crescente diffusione del fenomeno dell antibiotico resistenza,la valutazione

Dettagli

Germi multiresistenti Profilo microbiologico

Germi multiresistenti Profilo microbiologico Germi multiresistenti Profilo microbiologico Valeria Gaia Servizio di microbiologia EOLAB Bellinzona Gli antibiotici Farmaci antibatterici - Battericidi (uccidono) - Batteriostatici (impediscono la crescita)

Dettagli

ASL 2 SAVONESE REVISIONE PRONTUARIO TERAPEUTICO ANTIBIOTICOTERAPIA - ANTIMICOTICOTERAPIA TERAPIA ANTIPARASSITARIA TERAPIA ANTIVIRALE edizione 2006

ASL 2 SAVONESE REVISIONE PRONTUARIO TERAPEUTICO ANTIBIOTICOTERAPIA - ANTIMICOTICOTERAPIA TERAPIA ANTIPARASSITARIA TERAPIA ANTIVIRALE edizione 2006 ASL 2 SAVONESE REVISIONE PRONTUARIO TERAPEUTICO ANTIBIOTICOTERAPIA - ANTIMICOTICOTERAPIA TERAPIA ANTIPARASSITARIA TERAPIA ANTIVIRALE edizione 2006 Dott.ssa Lorenza Repetto UO Farmacia Dott. Marco Anselmo

Dettagli

Antibiotici ß-lattamici

Antibiotici ß-lattamici Antibiotici ß-lattamici Penicilline Cefalosporine Monobattami Carbapenemi Inibitori delle ß-lattamasi Struttura degli antibiotici ß- lattamici Meccanismo d azione delle ß-lattamine Meccanismo d azione

Dettagli

I CARDINI DELLA TERAPIA ANTIBIOTICA

I CARDINI DELLA TERAPIA ANTIBIOTICA I CARDINI DELLA TERAPIA ANTIBIOTICA Quali sono le regole fondamentali che tutti i medici dovrebbero sapere sugli antibiotici? Il limite della maggior parte dei testi di antibioticoterapia è quello di perdersi

Dettagli

PROBLEMI NEONATALI INFEZIONI DELLE VIE URINARIE

PROBLEMI NEONATALI INFEZIONI DELLE VIE URINARIE PROBLEMI NEONATALI INFEZIONI DELLE VIE URINARIE DEFINIZIONE DI IVU Presenza di un numero significativo di germi nelle urine associata ad una clinica suggestiva. Importante distinguere fra: IVU Basse uretrite,

Dettagli

L antimaicrobialstiuarscip (antimicrobialstewardship)

L antimaicrobialstiuarscip (antimicrobialstewardship) L antimaicrobialstiuarscip (antimicrobialstewardship) Angelo Pan Area Rischio Infettivo E molto meglio somministrare l antibiotico giusto alla dose corretta ed al momento giusto, facendo guarire il paziente,

Dettagli

Domenico Careddu, Milena Lo Giudice. Le infezioni delle vie urinarie

Domenico Careddu, Milena Lo Giudice. Le infezioni delle vie urinarie Domenico Careddu, Milena Lo Giudice Le infezioni delle vie urinarie Banche dati utilizzate Valutazione AGREE Cosa fare nel sospetto di IVU? Nel sospetto clinico di IVU, è necessario raccogliere un campione

Dettagli

Casi di IFI in pazienti sottoposti a HSCT allogenico con GVHD

Casi di IFI in pazienti sottoposti a HSCT allogenico con GVHD Casi di IFI in pazienti sottoposti a HSCT allogenico con GVHD Sindrome polmonare Sindrome sino-facciale Terapia pre-emptive Sepsi Sindrome al CNS Sindrome cutanea 58 CASO #1 Sepsi nel HSCT allogenico:

Dettagli

Gli antibiotici in medicina generale

Gli antibiotici in medicina generale Gli antibiotici in medicina generale Anna Maria Marata Olbia 11 ottobre 2008 gli antibiotici quale posto nella prescrizione territoriale? Rapporto OSMED 2007: www.agenziafarmaco.it la prescrizione nella

Dettagli

CENNI SULLA INTERAZIONE TRA FARMACI. Dr. Pg Bertucci Tropicalista

CENNI SULLA INTERAZIONE TRA FARMACI. Dr. Pg Bertucci Tropicalista CENNI SULLA INTERAZIONE TRA FARMACI Dr. Pg Bertucci Tropicalista FARMACI ABITUALMENTE SOMMINISTRATI - DIGITALICI - ANTICOAGULANTI - ANTIIPERTENSIVI - DIURETICI - IPOGLICEMIZZANTI - RESPIRATORII - SOLUZIONI

Dettagli

8 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence, Governance, Performance

8 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence, Governance, Performance 8 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence, Governance, Performance Bologna, 15 marzo 2013 Polmonite acquisita in comunità Misurare l appropriatezza professionale e organizzativa Carlo Barbetta Centro di

Dettagli

A.I.E.O.P. Gruppo Immunodeficienze primitive SCHEDA DI REGISTRAZIONE

A.I.E.O.P. Gruppo Immunodeficienze primitive SCHEDA DI REGISTRAZIONE A.I.E.O.P. Gruppo Immunodeficienze primitive SCHEDA DI REGISTRAZIONE Questa scheda deve essere compilata ed inviata al più presto per ogni paziente affetto da XLA, CGD e CVID e THI. Centro / Istituto Cod.

Dettagli

Antimicrobial Stewardship

Antimicrobial Stewardship Antimicrobial Stewardship Insegnamenti Tradizionali Definire la diagnosi Scegliere l antibiotico Definire dosaggio e durata della terapia Prevenire gli effetti collaterali Ridurre la comparsa di antibiotico-resistenza

Dettagli

Pagina 1 di 5. Lotto 1 CIG 6738957B3B. S.C. Medicina di Laboratorio. Lotto Unico: Microbiologia Sistemi per Generazione Atmosfera Controllata

Pagina 1 di 5. Lotto 1 CIG 6738957B3B. S.C. Medicina di Laboratorio. Lotto Unico: Microbiologia Sistemi per Generazione Atmosfera Controllata MICROBIOLOGIA LOTTI DA 1 A 7 N.B.: Le Ditte, pena l'esclusione, dovranno produrre: - Conformità alle norme di prevenzione e sicurezza del lavoro (L.81/2008 e leggi correlate) - Marchio CE IVD per Reagenti

Dettagli

ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2

ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Le Infezioni nosocomiali nella realtà degli Ospedali liguri: un up to date con il contributo di casistiche personali ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Dott.. G. CALCAGNO Responsabile S.S. Prevenzione rischio

Dettagli

LA NEUTROPENIA FEBBRILE

LA NEUTROPENIA FEBBRILE LA NEUTROPENIA FEBBRILE Pazienti ematologici adulti a rischio infettivo Leucemie acute in terapia di induzione, consolidamento e salvataggio, sottoposte a trapianto di cellule staminali autologhe e allogeniche.

Dettagli

NOTE AIFA 2006-2007 per l'uso appropriato dei farmaci (CON AGGIORNAMENTI MAGGIO 2015) NOTA 1

NOTE AIFA 2006-2007 per l'uso appropriato dei farmaci (CON AGGIORNAMENTI MAGGIO 2015) NOTA 1 NOTE AIFA 2006-2007 per l'uso appropriato dei farmaci (CON AGGIORNAMENTI MAGGIO 2015) NOTA 1 Gastroprotettori: -Misoprostolo -esomeprazolo -lansoprazolo -omeprazolo -pantoprazolo -misoprostolo + diclofenac

Dettagli

Polmoniti. Linee guida

Polmoniti. Linee guida Linee guida Raccomandazioni sviluppate in modo sistematico per assistere medici e pazienti nelle decisioni sulla gestione appropriata di specifiche condizioni cliniche (Institute of Medicine1992) (IDSA

Dettagli

PREVENZIONE DELL ENDOCARDITE ENDOCARDITE BATTERICA. Lega Friulana per il Cuore

PREVENZIONE DELL ENDOCARDITE ENDOCARDITE BATTERICA. Lega Friulana per il Cuore Lega Friulana per il Cuore PREVENZIONE DELL ENDOCARDITE ENDOCARDITE BATTERICA Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR DAPTOMICINA

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR DAPTOMICINA RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI ATC J01XX09 (CUBICIN ) Presentata da : Commissione Prontuario terapeutico provinciale Cagliari In data novembre 2007 Per le seguenti motivazioni : La daptomicina possiede

Dettagli

Budget Impact di dalbavancina in pazienti affetti da ABSSSI nella prospettiva del Servizio Sanitario Nazionale

Budget Impact di dalbavancina in pazienti affetti da ABSSSI nella prospettiva del Servizio Sanitario Nazionale Budget Impact di dalbavancina in pazienti affetti da ABSSSI nella prospettiva del Servizio Sanitario Nazionale Dott. Andrea Marcellusi Marcellusi A, Bini C, Petrosillo N, Mennini FS Economic Evaluation

Dettagli

Antibatterici attivi sulla sintesi degli acidi nucleici

Antibatterici attivi sulla sintesi degli acidi nucleici Antibiotici Antibatterici attivi sulla sintesi degli acidi nucleici Chinoloni Cumarine Inibitori della diidrofolato reduttasi Sulfonamidi Rifamicine Inibitori della sintesi proteica Tetracicline Macrolidi

Dettagli

A.I.E.O.P. Gruppo Immunodeficienze primitive SCHEDA DI REGISTRAZIONE

A.I.E.O.P. Gruppo Immunodeficienze primitive SCHEDA DI REGISTRAZIONE A.I.E.O.P. Gruppo Immunodeficienze primitive Mod.1.03 SCHEDA DI REGISTRAZIONE Questa scheda deve essere compilata ed inviata al più presto per ogni paziente affetto da XLA, CGD e CVID. Centro / Istituto

Dettagli

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO (presidi ospedalieri Faenza Lugo Ravenna) anno 2006:

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO (presidi ospedalieri Faenza Lugo Ravenna) anno 2006: OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO (presidi ospedalieri Faenza Lugo Ravenna) anno 2006: L osservatorio epidemiologico locale fornisce una analisi periodica dei dati microbiologici e costituisce uno strumento

Dettagli

Il pediatra di famiglia nell approccio alle infezioni respiratorie nella pratica quotidiana. Massimo Landi Pediatria di gruppo - Torino

Il pediatra di famiglia nell approccio alle infezioni respiratorie nella pratica quotidiana. Massimo Landi Pediatria di gruppo - Torino Il pediatra di famiglia nell approccio alle infezioni respiratorie nella pratica quotidiana Massimo Landi Pediatria di gruppo - Torino Rapporto pediatria 2003 Campione Arno Dei 645 principi attivi i primi

Dettagli

Ricoverarsi a Roma: le infezioni ospedaliere presso l Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini

Ricoverarsi a Roma: le infezioni ospedaliere presso l Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini Ricoverarsi a Roma: le infezioni ospedaliere presso l Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini Faria S.*, Di Renzi M.*, Gabriele S.*, Sodano L.** * Università degli Studi La Sapienza, Roma ** Azienda

Dettagli

Penicilline: visione generale

Penicilline: visione generale Gram+ Gram- Penicilline: visione generale Sono antibiotici che inibiscono la transpeptidasi responsabile del processo di reticolazione del peptidoglicano(ultima tappa) Penicillina Parete batterica risulta

Dettagli

Update in Endocrinologia Clinica

Update in Endocrinologia Clinica 12 Congresso Nazionale AME Associazione Medici Endocrinologi Update in Endocrinologia Clinica 6th Joint Meeting with AACE Refreshment in Medicina Interna: Terapia antibiotica nel 2013 American Association

Dettagli

Principi di trattamento empirico e mirato delle infezioni batteriche e fungine postoperatorie. Prof. Ercole Concia Università degli Studi di Verona

Principi di trattamento empirico e mirato delle infezioni batteriche e fungine postoperatorie. Prof. Ercole Concia Università degli Studi di Verona Principi di trattamento empirico e mirato delle infezioni batteriche e fungine postoperatorie Prof. Ercole Concia Università degli Studi di Verona Vicenza 27 febbraio 2009 Major pathogens in SSI Pathogen

Dettagli

Salvatore Renna DEA Pediatrico UOC di PS Medico e Medicina d Urgenza IRCCS - Istituto G. Gaslini - Genova

Salvatore Renna DEA Pediatrico UOC di PS Medico e Medicina d Urgenza IRCCS - Istituto G. Gaslini - Genova Salvatore Renna DEA Pediatrico UOC di PS Medico e Medicina d Urgenza IRCCS - Istituto G. Gaslini - Genova La patologia (adeno) faringo tonsillare, per l aspetto flogistico - infettivo, rappresenta uno

Dettagli

Obiettivo della terapia è guarire l infezione in atto in collaborazione col sistema immunocompetente.

Obiettivo della terapia è guarire l infezione in atto in collaborazione col sistema immunocompetente. La profilassi non è una terapia Anna Maria Marata La profilassi non è una terapia Obiettivo della terapia è guarire l infezione in atto in collaborazione col sistema immunocompetente. Obiettivo della profilassi

Dettagli

La polmonite di origine extraospedaliera

La polmonite di origine extraospedaliera La polmonite di origine extraospedaliera Premessa La polmonite è una infezione acuta del parenchima polmonare che si associa a sintomi di infezione e alla presenza di un infiltrato alla radiografia del

Dettagli

Via di somministrazione

Via di somministrazione USO APPROPRIATO DI ANTIBIOTICI IN ETA' ADULTA APPROPRIATEZZA Indicazione clinica Principio attivo Dosaggio Durata terapia Per evitare conseguenze negative per il singolo e la collettività per il rischio

Dettagli

UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA MDRO

UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA MDRO UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2010-2011 MDRO MDRO = multi-drug resistant organisms Cosa sono? microrganismi (per di più batteri)

Dettagli

Urinocoltura : dal prelievo all antibiogramma

Urinocoltura : dal prelievo all antibiogramma Urinocoltura : dal prelievo all antibiogramma antibiogramma Dott.ssa Franca Benini U.O.Microbiologia Centro Sevizi Laboratorio Unico Pievesestina Forlì 17 maggio 2011 Il campione microbiologico: il percorso

Dettagli

TERAPIA EMPIRICA DELLE PRINCIPALI SINDROMI INFETTIVE

TERAPIA EMPIRICA DELLE PRINCIPALI SINDROMI INFETTIVE TERAPIA EMPIRICA DELLE PRINCIPALI SINDROMI INFETTIVE Estratto dal Corso ECM ASL TO4 Ottimizzazione della Terapia antibiotica (2015) TAVOLA SINOTTICA DELLA TERAPIA EMPIRICA ANTIBIOTICA Revisione Marzo 2016

Dettagli

CASO CLINICO. Tutto per un calcolo. R.Bassu, A. Alessandrì, M. Checchi, I. Lucchesi, L. Teghini, G. Panigada

CASO CLINICO. Tutto per un calcolo. R.Bassu, A. Alessandrì, M. Checchi, I. Lucchesi, L. Teghini, G. Panigada CASO CLINICO Tutto per un calcolo R.Bassu, A. Alessandrì, M. Checchi, I. Lucchesi, L. Teghini, G. Panigada - G.F. Uomo di 47 aa - In anamnesi: storia di poliposi nasale e nefrolitiasi per cui nel 2001

Dettagli

Per batteriemia si intende il saltuario e transitorio passaggio di germi nel torrente

Per batteriemia si intende il saltuario e transitorio passaggio di germi nel torrente SEPSI Dr. Gianluca Russo, Mingha Africa Onlus Definizione Per batteriemia si intende il saltuario e transitorio passaggio di germi nel torrente circolatorio, non accompagnato da sintomatologia clinica

Dettagli

REGIONE DEL VENETO Risultati dell indagine di prevalenza di infezioni ed uso di antibiotici negli ospedali per acuti

REGIONE DEL VENETO Risultati dell indagine di prevalenza di infezioni ed uso di antibiotici negli ospedali per acuti Risultati dell indagine di prevalenza di infezioni ed uso di antibiotici negli ospedali per acuti UGO FEDELI SER- Sistema Epidemiologico Regione del Veneto VENEZIA, 24 GENNAIO 2014 Obiettivi INDAGINI DI

Dettagli

Terapia antibiotica in combinazione nel trattamento di un infezione multiresistente in terapia intensiva

Terapia antibiotica in combinazione nel trattamento di un infezione multiresistente in terapia intensiva Università degli Studi di Catania Dipartimento di Anestesia Rianimazione e Terapia Intensiva Policlinico G.Rodolico Direttore Prof.ssa M. Astuto Terapia antibiotica in combinazione nel trattamento di un

Dettagli

EZIOLOGIA e TERAPIA delle SEPSI in RIANIMAZIONE. Dott.ssa A.M. Azzini Verona, 13 Ottobre 2011

EZIOLOGIA e TERAPIA delle SEPSI in RIANIMAZIONE. Dott.ssa A.M. Azzini Verona, 13 Ottobre 2011 EZIOLOGIA e TERAPIA delle SEPSI in RIANIMAZIONE Dott.ssa A.M. Azzini Verona, 13 Ottobre 2011 SIRS SINDROME di RISPOSTA INFIAMMATORIA SISTEMICA Risposta infiammatoria sistemica a VARIE TIPOLOGIE di grave

Dettagli

Impatto della diffusione delle carbapenemasi nell antibioticoterapia. Claudio Paternoster Malattie Infettive - Trento

Impatto della diffusione delle carbapenemasi nell antibioticoterapia. Claudio Paternoster Malattie Infettive - Trento Impatto della diffusione delle carbapenemasi nell antibioticoterapia Claudio Paternoster Malattie Infettive - Trento Impatto della diffusione delle carbapenemasi nell antibioticoterapia Le carbapenemasi

Dettagli

La terapia antibiotica delle infezioni intraaddominali

La terapia antibiotica delle infezioni intraaddominali Le Infezioni in Medicina, Supplemento 1, Febbraio Terapia: principi e protocolli applicativi per il trattamento delle infezioni intraddominali Antimicrobial management of intra-abdominal infections Ercole

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA n 2/2004. Revisione 0 LINEE GUIDA PER IL TRATTAMENTO DELLA POLMONITE ACQUISITA IN COMUNITA (CAP)

ISTRUZIONE OPERATIVA n 2/2004. Revisione 0 LINEE GUIDA PER IL TRATTAMENTO DELLA POLMONITE ACQUISITA IN COMUNITA (CAP) ISTRUZIONE OPERATIVA n 2/2004 Revisione 0 LINEE GUIDA PER IL TRATTAMENTO DELLA POLMONITE ACQUISITA IN COMUNITA (CAP) Ratificato dalla Commissione Aziendale per la Sorveglianza e il Controllo delle Infezioni

Dettagli

Intercettare il paziente con bisogni palliativi. Dr. Marco Barchetti

Intercettare il paziente con bisogni palliativi. Dr. Marco Barchetti Intercettare il paziente con bisogni palliativi Dr. Marco Barchetti Considerazioni Nella pratica clinica quotidiana si rende sempre più necessaria l identificazione di criteri clinici che conducano a considerare

Dettagli

L infettivologia del 3 millennio: AIDS ed altro

L infettivologia del 3 millennio: AIDS ed altro L infettivologia del 3 millennio: AIDS ed altro VI Convegno Nazionale 15-16 -17 maggio Centro Congressi Hotel Ariston Paestum (SA) Sepsi da Candida parapsilosis e da Pseudomonas aeruginosa CVC-correlata

Dettagli

LE INFEZIONI DEL TRATTO RESPIRATORIO

LE INFEZIONI DEL TRATTO RESPIRATORIO HOME LE DEL TRATTO RESPIRATORIO Dr. Alessandro Bernardini LE DEL TRATTO RESPIRATORIO Punto di suddivisione: laringe al tratto superiore mialgia e complicazioni batteriche 1 mialgia e complicazioni batteriche

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA TERAPIA ANTIBIOTICA EMPIRICA IN CHIRURGIA GENERALE E SPECIALISTICA LINEE GUIDA PER LA TERAPIA ANTIBIOTICA EMPIRICA

LINEE GUIDA PER LA TERAPIA ANTIBIOTICA EMPIRICA IN CHIRURGIA GENERALE E SPECIALISTICA LINEE GUIDA PER LA TERAPIA ANTIBIOTICA EMPIRICA Istruzione Operativa CIO PrCIO 02/2014 Rev. n. 1 Data 14/07/2014 Pag. 1 Rev. n. Data Causale modifica Redatto da: Dott. Stefano Mancini (UOC Chirurgia Generale e Oncologica) Dott. Emanuele Nicastri (INMI

Dettagli

The important decision in antibiotic treatment turns out to be the choice between present and future patients

The important decision in antibiotic treatment turns out to be the choice between present and future patients Antimicrobial stewardsip in FVG: linee guida regionali per l uso l appropriato degli antibiotici Matteo Bassetti, MD, PD Infectious Diseases Division Santa Maria Misericordia University Hospital Udine,

Dettagli

Torino, 31 gennaio 2014 II Sessione: I profili della stewardship L internista

Torino, 31 gennaio 2014 II Sessione: I profili della stewardship L internista Giornate di sinergia tra la Farmacia Ospedaliera, la Direzione Medica Ospedaliera, l Infettivologia, la Microbiologia e la Medicina Interna: Antimicrobial Stewardship Torino, 31 gennaio 2014 II Sessione:

Dettagli

INFEZIONI IN UTIC. Dr. Vjerica LUKIC UOS UTIC Ospedale S. Pertini

INFEZIONI IN UTIC. Dr. Vjerica LUKIC UOS UTIC Ospedale S. Pertini INFEZIONI IN UTIC Dr. Vjerica LUKIC UOS UTIC Ospedale S. Pertini UNITA TERAPIA INFETTIVA CARDIOLOGICA UTIC anni 90 IMA ARITMIE UTIC 2010 SEPSI CAP HAP ENDOCARDITI FUNGEMIE INFEZIONI CVC CORRELATE DIALISI

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA POLICLINICO PAOLO GIACCONE PALERMO

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA POLICLINICO PAOLO GIACCONE PALERMO AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA POLICLINICO PAOLO GIACCONE PALERMO PERIOPERATORIA NELL ADULTO REDAZIONE Prof.ssa M.V.Torregrossa - Dr.ssa S.Trapani APPROVAZIONE Dr. Luigi Aprea AUTORIZZAZIONE Dr. Renato

Dettagli

NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON LE AUTORITA REGOLATORIE EUROPEE E L AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO (AIFA)

NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON LE AUTORITA REGOLATORIE EUROPEE E L AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO (AIFA) NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON LE AUTORITA REGOLATORIE EUROPEE E L AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO (AIFA) Comunicazione diretta agli operatori sanitari relativa a reazioni avverse gravi conseguenti

Dettagli

Impiego e consumi di antibiotici nell A-USL 2 di Olbia

Impiego e consumi di antibiotici nell A-USL 2 di Olbia L INFORMAZIONE INDIPENDENTE SUL FARMACO: IL CORRETTO USO DEGLI ANTIBIOTICI OLBIA 11/10/08 Impiego e consumi di antibiotici nell A-USL 2 di Olbia Dr. Giuseppe Staico farmacista dirigente ospedaliero D.G.R.

Dettagli

Convegno CARD S. Bonifacio

Convegno CARD S. Bonifacio Convegno CARD S. Bonifacio 7-10-2016 La dimissione del paziente dall ospedale verso l ospedale di comunità. Valutazione di 6 anni di attività dell ospedale di comunità di Tregnago Dr. Roberto Borin Cure

Dettagli

La stratificazione del rischio nelle emorragie digestive del tratto superiore. Dott.ssa Anna Felletti Spadazzi Congresso regionale SIMEU 2013

La stratificazione del rischio nelle emorragie digestive del tratto superiore. Dott.ssa Anna Felletti Spadazzi Congresso regionale SIMEU 2013 La stratificazione del rischio nelle emorragie digestive del tratto superiore Dott.ssa Anna Felletti Spadazzi Congresso regionale SIMEU 2013 Emorragia acuta del tratto digestivo superiore : una patologia

Dettagli

Insidie nella notte. Un caso di addominalgia e ematochezia in Paziente fragile

Insidie nella notte. Un caso di addominalgia e ematochezia in Paziente fragile Insidie nella notte Un caso di addominalgia e ematochezia in Paziente fragile Zarantonello Fabio Remo, MD. U.O. Chirurgia Generale ULSS 4 Alto Vicentino Direttore: Dott. M.Rebonato Un Paziente di 25 anni

Dettagli

PROTOCOLLO AZIENDALE PER LA IDENTIFICAZIONE PRECOCE E GESTIONE FARMACOLOGICA DEL PAZIENTE AFFETTO DA SEPSI

PROTOCOLLO AZIENDALE PER LA IDENTIFICAZIONE PRECOCE E GESTIONE FARMACOLOGICA DEL PAZIENTE AFFETTO DA SEPSI PROTOCOLLO AZIENDALE PER LA IDENTIFICAZIONE PRECOCE E GESTIONE FARMACOLOGICA DEL PAZIENTE AFFETTO DA SEPSI INDICE Premessa Pag. 1 1. Definizioni Pag. 1 2. Fattori di rischio, patogenesi e clinica Pag.

Dettagli

INFEZIONI RESPIRATORIE NEL PAZIENTE GERIATRICO

INFEZIONI RESPIRATORIE NEL PAZIENTE GERIATRICO INFEZIONI RESPIRATORIE NEL PAZIENTE GERIATRICO POLMONITE EXTRAOSPEDALIERA Communty Acquired Pneumonia (CAP) EPIDEMIOLOGIA INCIDENZA: 16 casi/1000 abitanti/anno tra 65 e 74 anni 38 casi/1000 abitanti/anno

Dettagli

Gestione delle ferite traumatiche in Pronto Soccorso

Gestione delle ferite traumatiche in Pronto Soccorso Gestione delle ferite traumatiche in Pronto Soccorso Fabio Brunato Roma 3/11/2011 Nonostante la rilevanza di questa patologia per il medico d'urgenza permane tuttavia una notevole disomogeneità procedurale

Dettagli

CEFODIE Cefonicid. Categoria farmacoterapeutica Antibiotico iniettabile.

CEFODIE Cefonicid. Categoria farmacoterapeutica Antibiotico iniettabile. Foglio illustrativo CEFODIE Cefonicid Denominazione del medicinale CEFODIE 500 mg/2 ml polvere e solvente per soluzione iniettabile per uso intramuscolare. CEFODIE 1 g/2,5 ml polvere e solvente per soluzione

Dettagli

CHEMIOPROFILASSI PRIMARIA

CHEMIOPROFILASSI PRIMARIA CHEMIOPROFILASSI PRIMARIA Somministrazione di chemioterapici o antibiotici a persone recentemente esposte a un rischio di contagio con lo scopo di bloccare lo sviluppo del processo infettivo. CHEMIOPROFILASSI

Dettagli

DISPOSITIVI MEDICI: AIUTO OD OSTACOLO? Paola Vitiello U.O Malattie Infettive Ospedale di Circolo Busto Arsizio

DISPOSITIVI MEDICI: AIUTO OD OSTACOLO? Paola Vitiello U.O Malattie Infettive Ospedale di Circolo Busto Arsizio DISPOSITIVI MEDICI: AIUTO OD OSTACOLO? Paola Vitiello U.O Malattie Infettive Ospedale di Circolo Busto Arsizio ANAMNESI Pz donna di 68 anni, non fumatrice. Familiarità per malattie cardiovascolari, ipertensione

Dettagli

Legionellosi: diagnosi e trattamento tra teoria e prassi

Legionellosi: diagnosi e trattamento tra teoria e prassi Legionellosi: diagnosi e trattamento tra teoria e prassi Claudio Bellamoli UOC Geriatria ULSS 20 Verona Legionelle Battere Gram-negativo Aerobio obbligato Uno-due flagelli Il genere Legionella comprende

Dettagli

La gestione ambulatoriale del bambino con IVU: stato attuale e prospettive future. Marina Picca. Milano. www.sicupp.org

La gestione ambulatoriale del bambino con IVU: stato attuale e prospettive future. Marina Picca. Milano. www.sicupp.org La gestione ambulatoriale del bambino con IVU: stato attuale e prospettive future Marina Picca Milano www.sicupp.org Il caso di Lattante 6 mesi, maschio. Madre riferisce persistenza di urine maleodoranti.

Dettagli

CASO CLINICO 2. Presenter: R. Bicocchi. Discussant: P. Bassi

CASO CLINICO 2. Presenter: R. Bicocchi. Discussant: P. Bassi CASO CLINICO 2 Presenter: R. Bicocchi Discussant: P. Bassi Caso clinico Paziente maschio di 35 anni, nazionalità algerina. In data 10/03/11 viene trasferito presso il nostro reparto dalla Ematologia con

Dettagli

Requisiti di Qualità per la Medicina Interna Sezione B4 Requisiti relativi alla gestione della CAP (polmonite acquisita in comunità) Sommario

Requisiti di Qualità per la Medicina Interna Sezione B4 Requisiti relativi alla gestione della CAP (polmonite acquisita in comunità) Sommario pag. 1 di 16 Sommario Premessa... 2 Percorso diagnostico... 3 Esame clinico all ingresso in Reparto... 3 Indagini da eseguire... 3 Monitoraggio nel corso del ricovero... 5 Trattamento... 6 Trattamento

Dettagli

Le infezioni della cute e dei tessuti molli costituiscono

Le infezioni della cute e dei tessuti molli costituiscono Le Infezioni in Medicina, Suppl. 4, 64-76, Terapia delle SSTI e ruolo della tigeciclina Therapy of SSTI and role of tigecycline Ercole Concia Università degli Studi di Verona Le infezioni della cute e

Dettagli

Il cateterismo e la gestione del catetere vescicale

Il cateterismo e la gestione del catetere vescicale Il cateterismo e la gestione del catetere vescicale Infezioni correlate al cateterismo: epidemiologia e prevenzione Dr. Adriana Grasso Cristiana Longo EPIDEMIOLOGIA Le infezioni delle vie urinarie (IVU)

Dettagli

CONOSCERE IL VALORE DEL LABORATORIO DI MICROBIOLOGIA. P. Lanzafame U.O. Microbiologia e Virologia - Trento

CONOSCERE IL VALORE DEL LABORATORIO DI MICROBIOLOGIA. P. Lanzafame U.O. Microbiologia e Virologia - Trento CONOSCERE IL VALORE DEL LABORATORIO DI MICROBIOLOGIA P. Lanzafame U.O. Microbiologia e Virologia - Trento 12 gennaio 2007, h 7.51 a.m. : Stazione Enfant Plaza della metropolitana di Washington D.C. Un

Dettagli

LINEE GUIDA DIAGNOSTICHE E TERAPEUTICHE DELLE POLMONITI ACQUISITE IN COMUNITA' (CAP) E IN AMBIENTE OSPEDALIERO (HAP).

LINEE GUIDA DIAGNOSTICHE E TERAPEUTICHE DELLE POLMONITI ACQUISITE IN COMUNITA' (CAP) E IN AMBIENTE OSPEDALIERO (HAP). LINEE GUIDA DIAGNOSTICHE E TERAPEUTICHE DELLE POLMONITI ACQUISITE IN COMUNITA' (CAP) E IN AMBIENTE OSPEDALIERO (HAP). A cura del dott. Pasquale AIELLO e della dott.ssa Maria Caterina VOCI II DIVISIONE

Dettagli

INDAGINE MULTICENTRICA

INDAGINE MULTICENTRICA INDAGINE MULTICENTRICA Incidenza delle infezioni associate a catetere perinervoso per il controllo del dolore postoperatorio in chirurgia ortopedica Responsabile Scientifico Dr. Ugo CUGINI Anestesia Rianimazione

Dettagli