Con angelica voce in sua favella

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Con angelica voce in sua favella"

Transcript

1 Con angelica voce in sua favella CARLOS LÓPEZ CORTEZO Universidad Complutense de Madrid Asociación Complutense de Dantología RESUMEN: En una primera parte del trabajo, y a la luz de la teología agustiniana, se considera el significado verbal de Beatriz; en la segunda parte se analiza el episodio de Giovanna-Primavera, evidenciándose una implícita referencia a los bautismos de Juan y de Cristo, en cuanto claves que permiten diferenciar cualitativamente dos poéticas, la de Guido Cavalcanti y la del propio Dante. Palabras clave: Verbo encarnado, verbo interior, verbo exterior, bautismo, Gracia, significado literal, alegoría. ABSTRACT: The first part of the essay considers, under the light of Augustine theology, the verbal significance of Beatrice; the second part analyses the episode of Giovanna-Primavera, revealing an implicit reference to the baptism of John and Christ, the key to distinguishing the quality of two different poetics, that of Guido Calvacanti, and that of Dante himself. Key words: Incarnated Verb, interior Verb, exterior Verb, baptism, Grace, literal meaning, allegory. 11

2 Tenzone nº Nel canto II dell Inferno, Dante concede al personaggio Virgilio il privilegio di fare la prima descrizione di Beatrice: 12 Lucevan li occhi suoi più che la stella; e cominciommi a dir soave e piana, con angelica voce, in sua favella (55-57) In questi versi si mettono già in risalto i due tratti fisici di Beatrice più significativi: la luce dei suoi occhi e la sua angelica voce. Sul significato intellettuale e spirituale di questo sguardo illuminante e, a sua volta, illuminato dalla luce divina, si è detto forse a sufficienza; non invece, o almeno non convincentemente, sullo specifico modo di favellare della gentilissima 1. Angelica voce, infatti, non è «una libera indicazione metaforica», come difende F. Salsano (E. D. vox angelico ), ma piuttosto un espressione denotativa: Beatrice parla proprio come parlano gli angeli, cioè, «per spiritualem speculationem», a differenza degli umani, che lo fanno mediante segni allo stesso tempo razionali e sensibili, come si dice nel De vulgari eloquentia: Cum igitur homo non nature instinctu, sed ratione moveatur, et ipsa ratio vel circa discretionem vel circa iudicium vel circa electionem diversificetur in singulis, adeo ut fere quilibet sua propria specie videatur gaudere, per proprios actus vel passiones, ut brutum animal, neminem alium intelligere opinamur. Nec per spiritualem speculationem, ut angelum, alterum introire contingit, cum grossitie atque opacitate mortalis corporis humanus spiritus sit obtectus. Oportuit ergo genus humanum ad comunicandas inter se conceptiones suas aliquod rationale signum et sensuale habere: quia, cum de ratione accipere habeat et in rationem portare, rationale esse oporuit; cumque de una ratione in aliam nichel deferii possit nisi per medium sensuale, sensuale esse oportuit. Quare, si tantum rationale esset, pertransire non posset; si tantum sensuale, nec a ratione accipere nec in rationem deponete potuisset. Hoc equidem sigum est ipsum subiectum nobile de quo loquimur: nam sensuale quid est in quantum sonus est; rationale vero in quanto aliquid significare videtur ad placitum (I, III).

3 Carlos LÓPEZ CORTEZO Con angelica voce in sua favella Alla natura spirituale di questo linguaggio bisogna aggiungere anche il suo motore divino; è l amore di Dio, infatti, a far parlare Beatrice, un argomento sul quale si tornerà più avanti: I son Beatrice che ti faccio andare; vegno del loco ove tornar disio; amor mi mosse, che mi fa parlare (70-72) Questo carattere verbale della gentilissima ed il suo particolare modo di parlare, non si giustificano soltanto dal fatto che sia una beata : Beatrice, oltre ad essere un anima gaudente, ha un suo specifico significato, attinente all ambito della contemplazione, e perciò gnoseologico. Non a caso, nell empireo siede accanto a Rachele, simbolo della vita contemplativa: Lucia, nimica di ciascun crudele, si mosse, e venne al loco dov i era, che mi sedea con l antica Rachele (If. II ) Non si dimentichi al riguardo che l ultima felicità dell uomo consista proprio nella conoscenza di Dio, vale a dire nella sua contemplazione, dalla quale deriva la beatitudine (Beatrix). Fin qui mi sono riferito alla Beatrice paradisiaca della Commedia; ma le dimensioni e i contorni del personaggio erano già stati più e meno delineati nella Vita nova con mire ad una sua proiezione futura, a cominciare dall episodio di Giovanna-Primavera, nel quale la gentilissima si manifesta palesemente come figura Christi, mentre la Giovanna di Guido Cavalcanti è destinata a svolgere il ruolo di Giovanni Battista, vale a dire, quello di precedere la verace luce 2 : E se anche vòli considerare lo primo nome suo, tanto è quanto dire Primavera, però che lo suo nome Giovanna è da quello Giovanni lo quale precedette la verace luce dicendo: «Ego vox clamantis in deserto: parate viam Domini». E anche mi parve che mi dicesse dopo queste parole: «E chi volesse sottilmente considerare, quella Beatrice chiamerebbe Amore per molte somiglianze che à meco». Tralascio le implicite e pertinenti considerazioni letterarie 3, per affrontare quelle teologiche esplicitamente messe in rilievo dal poeta: 13

4 Tenzone nº se Beatrice è figura Christi, in buona logica dovrebbe esserlo anche delle sue due nature, l umana e la divina. In altre parole, la gentilissima, oltre che immagine di Cristo, lo è pure della seconda persona della Trinità, il Figlio, il Verbo di Dio, di cui Cristo è l incarnazione. Questo fatto spiega che sia qualificata di miracolo, essendo i miracoli causati della Trinità: Ma più sottilmente pensando, e secondo la infallibile veritade, questo numero fue ella medesima: per similitudine dico, e ciò intendo così. Lo numero del tre è la radice del nove, però che, sanza numero altro alcuno, per sé medesimo fa nove, sì come vedemo manifestamente che tre via tre fa nove. Dunque se lo tre è factore per sé medesimo del nove, e lo factore per sé medesimo delli miracoli è tre, cioè Padre e Figlio e Spirito Sancto, li quali sono tre e uno, questa donna fue acompagnata da questo numero del nove a dare ad intendere ch ella era uno miracolo, la cui radice, cioè del miracolo, è solamente la mirabile Trinitade (19) 4 San Tommaso, infatti, valuta di «miracolum omnium miracolorum» l incarnazione del Figlio (III Sent., d. 3, q. 2, a. 2). Si tenga anche presente a questo proposito il capitolo 14 del libello, nel quale Dante vede Beatrice salire al cielo in forma di «una nebuletta bianca», senza che possa distinguere la sua figura, allo stesso modo che Cristo agli occhi degli apostoli: «Et cum haec dixisset illis, elevatus est: et nubes suscepit eum ab oculis eorum» (Actus Apostolorum, I, 1, 9); così come il fatto, che la gentilissima non muoia né di malattia né di vecchiaia 5 ; come nel caso di Cristo, di cui è figura, resta soltanto la possibilità di una morte violenta, non inflitta da altri, ma dal proprio Dante che pone il suo personaggio nell empireo. Questa doppia natura di Beatrice, analoga a quella del Cristo, complica fino all esasperazione l esegesi del libello, se si considera che, se è figura del Verbo incarnato, cioè, della seconda persona della Trinità, e come tale, consustanziale al Padre e allo Spirito santo, non dovrebbero mancare nella Vita nova altri personaggi che siano a sua volta figurae non solo dei genitori di Cristo (cioè, della sua natura umana in quanto incarnazione del Figlio), ma anche delle due 14

5 Carlos LÓPEZ CORTEZO Con angelica voce in sua favella restanti persone trinitarie, riguardanti la sua natura divina: il Padre e lo Spirito santo. BEATRICE E LA TRINITÀ Il fatto che Beatrice, in quanto che figura Christi, sia anche immagine della seconda persona della Trinità, facilita il rinvenimento del suo significato o al meno di uno dei suoi significati. Dante, infatti, aveva letto nel De Trinitate di Agostino, la fonte dottrinale più importante al riguardo, che nell anima umana si possono rintracciare diversi vestigi della Trinità, tra i quali il primo base di una gerarchia progressiva che culmina nella scoperta dell immagine di Dio nell anima razionale è quello dell amante, l amato e l amore (VIII, 10, 14: amans, et quod amatur, et amor), una triade analoga a quella costituita da Dante, Beatrice e Amore, i tre protagonisti della Vita nova, tenendo sempre conto che in questo caso l oggetto dell amore (quod amatur) dell amante è la propria anima. Le immagini trinitarie rilevate da Agostino nell uomo sono nove, forse non per caso il numero di Beatrice 6 : PADRE FIGLIO SPIRITO SANTO amans quod amatur amor mens notitia eius amor mens verbum eius amor memoria intelligentia voluntas corpus ipsa visio intentio (quod videtur) memoria interna visio voluntas fides cogitatio amor memoria intelligentia amor memoria Dei intelligentia Dei amor Dei 15

6 Tenzone nº La prima colonna corrisponde alle successive immagini del Padre; la seconda a quelle del Figlio; la terza, a quelle dello Spirito santo. Si noti come in quella del Figlio prevalgono i tratti intelligentia e verbum, gli stessi rilevati da Virgilio nella sua descrizione di Beatrice (If. II 55-57), ai quali va aggiunto quello di immagine, dato che il Figlio è anche Immagine del Padre, come si vedrà. In questo senso, alla gentilissima corrisponderebbe la colonna centrale delle nove immagini trinitarie di Agostino, mentre nella terza colonna, quella che riguarda le immagini dello Spirito santo, non è difficile rintracciare il terzo personaggio della Vita nova, cioè, Amore; anche perché Amore è il nome proprio dello Spirito santo, allo stesso modo che Verbo è quello del Figlio: Il termine amore, parlando di Dio, può riferirsi all essenza o alle persone. Se è riferito a una persona è un nome proprio dello Spirito santo: come Verbo è un nome proprio del Figlio. Per chiarire la cosa si deve tener presente che in Dio ci sono due processioni: una di ordine intellettivo, cioè la processione del Verbo, l altra di ordine volitivo, cioè la processione dell Amore (S. Teol. I, q. 37, a. 1). Verbo, applicato a Dio in senso proprio, è un termine o nome proprio della persona del Figlio. Infatti esso significa una emanazione intellettuale, e la persona che in Dio procede per emanazione intellettuale è detta Figlio, e tale emanazione è detta generazione. Resta quindi che in Dio soltanto il Figlio è detto propriamente Verbo (ib. q. 34, a. 2). Si noti a questo proposito che se Dante ama Beatrice tramite Amore, nella Trinità «il Padre e il Figlio si amano per lo Spirito santo» (S. Teol. I, q. 37, a.2), essendo lo Spirito santo l amore per cui il Figlio è amato dal Padre e il Padre dal Figlio (De Trin. VI, 5, 7). Riguardo a chi svolge nel libello il ruolo d immagine del Padre, cioè della memoria (ma anche della mente) 7, c è da considerare che la parte dell amante corrisponde al personaggio Dante; ma anche l importante funzione che nella Vita nova svolge questa facoltà: «In quella parte del libro della mia memoria dinanzi alla quale poco si potrebbe leggere 8, si trova una rubrica la quale dice Incipit Vita 16

7 Carlos LÓPEZ CORTEZO Con angelica voce in sua favella Nova». Come osserva Gorni, «Copista, autore e responsabile prima di questa oculata trascrizione è la memoria stessa, come dirà a chiare lettere il poema: o mente che scrivesti ciò ch io vidi, / qui si parrà la tua nobilitate (Inf. II 8-9)» (1996: 243). Qui la memoria appartiene al Dante che ricorda se stesso e scrive ciò che ricorda di se stesso, dovendosi distinguere quindi tra il Dante che ricorda e il Dante ricordato, il quale, in quanto rimembrato, è immagine della memoria del Dante che ricorda. Ne risultano, quindi, tre trinità, delle quali due sono immagini rimandanti alla suprema e unica Trinità divina: Dante, Beatrice e Amore, sono immagini rispettivamente della memoria, dell intelligenza e della volontà; e tramite loro, del Padre, del Figlio e dello Spirito santo: Dante (pers) immagine della memoria immagine del Padre (di Dante) Beatrice immagine dell intelligenza immagine del Figlio Amore immagine della volontà immagine dello Spirito S. (di Dante) Beatrice, quindi, in quanto che è immagine dell intelligenza e del verbo di Dante, diventa anche immagine dell Intelligenza e del Verbo divini, anche se ci sono forti dissimilitudini tra la Trinità e le tre potenze dell anima umana: Aliud est itaque trinitas res ipsa, aliuh imago trinitatis in re alia, propter quam imaginem simul et illud in quo sunt haec tria, imago dicitur; sicut imago dicitur simul et tabula, et quod in ea pictum est; sed propter picturam quae in ea est, simul et tabula nomine imaginis appellatur [ ] Nec rursus quemadmodum ista imago quod est homo habens illa tria una persona est, ita est illa Trinitas; sed tres personae sunt, Pater Filii, et Filius Patris, et Spiritus Patris et Filii (De Trin. XV, 23, 43). Il processo operato da Dante consiste, quindi, nel personificare, o piuttosto personaggificare, le tre potenze dell anima; immagini, a loro volta, delle tre persone della Trinità. Nell operazione, però, ciò che nella realtà è accidente, diventa nella finzione sostanza. Le 17

8 Tenzone nº potenze dell anima, infatti, a differenza di quello che accade in Dio 9, sono accidenti della sostanza: 18 Sede o soggetto delle potenze dell anima o è la sola anima, la quale appunto può essere soggetto di accidenti in quanto ha in sé una certa potenzialità, oppure è il composto. Ma il composto è reso attuale dall anima. È chiaro quindi che tutte le potenze dell anima, sia che loro sede si trovi nell anima sola, sia che si trovi nel composto, emanano dall essenza dell anima come dal loro principio: poiché, come si è già detto, l accidente è causato dal suo soggetto secondo che quest ultimo è in atto, ma viene ricevuto in esso in quanto è in potenza (S. Teol. I, q. 77, a. 6). Il poeta, a questo punto, si vede costretto a giustificare questo fatto nell unico capitolo teorico del libello, cioè in quello che segue l episodio della Giovanna-Primavera, limitando però la sua spiegazione al personaggio Amore, anche se i suoi ragionamenti riguardano pure gli altri due protagonisti, il personaggio Dante e Beatrice 10 : Potrebbe qui dubitare persona degna da dichiararle ogne dubitatione, e dubitare potrebbe di ciò che io dico d Amore come se fosse una cosa per sé, e non solamente sustantia [separata da materia, cioè] intelligentia, ma sì come fosse sustantia corporale: la quale cosa, secondo la verità, è falsa, ché Amore non è per sé sì come sustantia, ma è uno accidente in sustantia. E che io dica di lui come se fosse corpo, ancora come se fosse uomo, appare per tre cose ch io dico di lui. Dico che lo vidi venire: onde, con ciò sia cosa che venire dica moto locale, e localmente mobile per sé, secondo lo Phylosofo, sia solamente corpo, appare che io ponga Amore essere corpo. Dico anche di lui che ridea, anche che parlava; le quali cose paiono essere proprie dell uomo, e specialmente essere risibile; e però appare ch io ponga lui essere uomo [ ] Dunque, se noi vedemo che li poete ànno parlato alle cose inanimate sì come se avessero senso o ragione, e fattele parlare insieme; e non solamente cose vere, ma cose non vere: cioè che detto ànno, di cose le quali non sono, che parlano, e detto che molti accidenti parlano, sì come se fossero sustantie e uomini, degno è lo dicitore per rima di fare lo somigliante; ma non sanza

9 Carlos LÓPEZ CORTEZO Con angelica voce in sua favella ragione alcuna, ma con ragione la quale poscia sia possibile d aprire per prosa (Vn. 16). I due significati fondamentali di Beatrice, cioè l intelligenza e il verbo, sono fortemente connessi tra di loro, essendo l uno espressione dell altra. Tommaso, appoggiandosi in Agostino, spiega con precisione le differenze tra il verbo umano e quello divino: Se il termine Verbo è presso in senso proprio, in Dio è un nome personale, e in nessun modo essenziale. Per capire questo si deve notare che noi prendiamo il termine verbo in tre sensi propri, mentre un quarto senso è improprio o metaforico. Più comunemente, e in modo più ovvio, chiamiamo verbo [cioè parola] ciò che viene espresso con suoni vocali. Ma esso proviene dal nostro interno quanto ai due elementi che si riscontrano nel verbo esterno, cioè la voce stessa e il suo significato. Infatti, secondo il Filosofo [Periherm. 1, 1], la voce significa il concetto della mente; ed essa ancora nasce dall immaginazione [cfr. De anima 2, 8]. Invece i suoni vocali che non significano nulla non possono essere detti parola [verbo]. Quindi la voce esteriore è detta verbo perché esprime il concetto interiore della mente. Di qui si ha che in primo luogo e principalmente si dice verbo il concetto interiore della mente, secondariamente la voce che lo esprime e in terzo luogo il fantasma [o immagine sensibile interiore] della voce [che servirà ad esprimerlo]. E queste tre accezioni del verbo sono indicate dal Damasceno [De fide orth. I, 13] quando egli afferma che si chiama verbo quel moto naturale della mente per cui essa è in atto, pensa e intende, e che è come la luce e lo splendore : prima accezione. Ancora, il verbo è ciò che non si proferisce con la bocca, ma si pronuncia nel cuore : terza accezione. Finalmente il verbo è ancora l angelo, cioè il nunzio, dell intelligenza : seconda accezione. In senso traslato poi, o metaforico, si dice verbo, quarta accezione, la stessa cosa significata o fatta mediante la parola: come quando per indicare semplicemente un fatto o per accennare a un comando siamo soliti dire: questo è il verbo che ti ho detto, o [il verbo] che fu comandato dal re. 19

10 Tenzone nº Ora in Dio il verbo in senso proprio indica il concetto dell intelletto. Quindi S. Agostino [De Trin. XV, 10] afferma: Chi è in grado di capire che cosa sia il verbo non solo prima che risuoni, ma anche prima che il suono si rivesta di un immagine nella fantasia, può già intravedere una certa sembianza di quel Verbo di cui fu detto: In principio era il Verbo. Ora, lo stesso verbo mentale ha la proprietà di procedere da altro, cioè dalla conoscenza di chi lo ha concepito. Se quindi il verbo si applica a Dio in senso proprio significa qualcosa che procede da altro: e questa è una caratteristica dei nomi personali, poiché le persone divine si distinguono appunto in base alle origini. Quindi si deve dire che il nome Verbo, applicato a Dio in senso proprio, è un nome non essenziale, ma solo personale (S. Teol. I, q. 34, a. 1). Il rimando di Tommaso al De Trinitate è pertinente al nostro caso. Agostino, infatti, descrive il processo verbale umano partendo da ciò che lui chiama verbo interiore, non appartenente a nessun idioma, e diverso quindi dal verbo esteriore o parola, sia questo proferito o pensato, che si esprime sempre in una lingua. Il verbo interiore è generato dalla scienza, mentre il verbo esteriore è soltanto segno e voce di quello interiore. Il fatto che questo verbo interiore sia concepito dalla conoscenza o dalla scienza nella mente dell uomo, ci rivela la sua entità: il concetto (cfr. Cv. I v 12: «Lo latino molte cose manifesta concepute ne la mente che lo volgare far non può») 11. In altre parole, il verbo interiore o concetto, per potersi manifestare ai sensi dell uomo, si fa parola, allo stesso modo che il Verbo di Dio si fecce carne per potersi manifestare ai sensi degli uomini 12 : Proinde verbum quod foris sonat, signum est verbi quod intus lucet, cui magis verbi competit nomen. Nam illud quod profertur carnis ore, vox verbi est: verbumque et ipsum dicitur, propter illud a quo ut foris appareret assumptum est. Ita enim verbum nostrum vox quodam modo corporis fit, assumendo eam in qua manifestetur sensibus hominum; sicut Verbum Dei caro factum est, assumendo eam in qua et ipsum manifestaretur sensibus hominum (XV, 11, 20). 20

11 Carlos LÓPEZ CORTEZO Con angelica voce in sua favella È in questo verbo interiore dove possiamo intravedere un immagine, anche se imperfetta, del Verbo di Dio: Sed transeunda sunt haec, ut ad illud perveniatur hominis verbum, per cuius qualemcumque similitudinem sicut in aenigmate videatur utcumque Dei Verbum [ ] Perveniendum est ergo ad illud verbum hominis, ad verbum rationalis animantis, ad verbum non de Deo natae, sed a Deo factae imaginis Dei, quod neque prolativum est in sono, neque cogitativum in similitudine soni, quod alicuius linguae esse nocesse sit, sed quod omnia quibus significatur signa praecedit, et gignitur de scientia quae manet in animo, quando eadem scientia intus dicitur, sicuti est (De Trin. XV, 11, 20). Abbiamo fin qui considerato la doppia natura concettuale e verbale di Beatrice servendoci delle analogie stabilite da Agostino, nelle quali il verbo interiore si fa verbo esteriore, come il Verbo di Dio s incarna nella persona di Cristo, di cui Beatrice è figura; ma non abbiamo contemplato l accenno a Giovanni a proposito di Giovanna, rinviante, come detto, all incontro tra il Battista e Cristo, cioè, all inizio del vangelo di Giovanni e al suo prologo, quando il precursore stava, come di solito, svolgendo la sua attività battesimale, essenzialmente diversa da quella analoga di Cristo, come si vedrà più avanti. Dante non ignorava di certo che la figura di Giovanni e le parole a lui attribuite nel libello («Ego vox clamantis in deserto: parate viam Domini») erano già state interpretate allegoricamente almeno da Allano di Lillo (vid. Liber in distinctionibus dictionum theologicalium: «vox: dicitur Joannes Baptista, unde Evangelio: Vox clamantis in deserto, quia, sicut vox praecedit verbum, sic Joannes praecessit Christum») e da Ugo di San Vittore: Praeco Domini vocem Christi se confitetur, quod nullus praecedentium dicere potuti. Est enim vox animi interpretes, quae sine fructus est, nisi eam verbum sequatur. Sic et Joannes vox est, id est praeco animi, id est Christi, qui est sapientia Patris, et mens quae vox omnino inutilis esset, nisi Verbum eam sequeretur. Vel vox dicitur Joannes, quod nullus aliorum dici potuit, quia quemadmodum 21

12 Tenzone nº inter vocem et verbum nihil est, sic inter Joannem et Verbum Dei nihil medium fuit (ib. pp ). Giovanni dunque è voce, interprete e banditore (verbo esteriore) del verbo interiore (Cristo), qualcosa che non si può dire di nessuno di quelli che lo precedettero. Quest interpretazione, però, contraddice, almeno apparentemente, ciò che il Vittorino aveva scritto previamente, dove il Verbo divino significava il concetto della mente, ed il Verbo incarnato, cioè Cristo, la sua manifestazione orale: Hem quaeritur quare Verbum Filius hic dicatur Verbum autem duo significat, sicut et logos Graecum, cui aequipollet, scilicet mentis conceptum, et oris prolationem. Mens enim prius intus concipit, quod postea oris prolatione manifestat. Sic et Pater Filium de substantia sua gignit per quem omnia disponendo ipse innotuit, et eum in tempore incarnando visibilem mundo exhibuit, et sic maxime mundo innotuit (Hugonis de S. Victore opp. pars I.-Exegetica dubbia. Allegoriae in Evangelia, liber V, In Joannem, p. 831). La contraddizione si risolve se si considera che Giovanni è voce di Cristo soltanto fino al momento del loro incontro; cioè, prima che Cristo si manifestasse in pubblico e parlasse personalmente, il che implicherebbe allegoricamente che il verbo interiore si era manifestato prima con una voce non propriamente sua, e dopo con quella sua. Ugo stabilisce, infatti, tre tappe: quella rappresentata da quelli che precedettero Giovanni, dei quali non si può dire, però, che fossero voce del Cristo, ma solo che lo annunciano 13 ; quella rappresentata da Giovanni, la cui voce sostituisce quella ancora non manifestata di Cristo (vita occulta ); ed infine quella rappresentata dal proprio Cristo che parla da sé (vita pubblica ): La divinità di Cristo non doveva essere svelata alla sua nascita, ma piuttosto venire occultata nella debolezza dell età infantile. Una volta però raggiunta l età matura, in cui egli doveva insegnare, fare miracoli e attirare gli uomini a sé, allora bisognava che il Padre proclamasse la sua divinità, affinché il suo insegnamento fosse più 22

13 Carlos LÓPEZ CORTEZO Con angelica voce in sua favella credibile [ ] E ciò soprattutto nel battesimo, mediante il quale gli uomini rinascono come figli adottivi di Dio (S. Teol. III, q. 39, a. 8). Se si applicano alla Beatrice-Cristo-Verbo interiore le tre fasi rilevate in Ugo di San Vittore, vuol dire, che anche riguardo alla sua espressione verbale, si possono stabilire tre tappe: una prima nella quale non c è una corrispondenza tra lei (verbo interiore) e quella che dovrebbe essere la sua voce, ma non lo è (verbo esteriore), rinviante al periodo che si chiude con le donne schermo; una seconda in cui la sua voce paradossalmente non è la sua, ma quella di un altro, di cui la Giovanna-Giovanni-Guido è figura: il rinvio alla tappa cavalcantiana della Vita nova (cap. 6-9 [XIII-XVI]) 14, in cui «la voce era quella del Cavalcanti» (De Robertis 1970: 73) 15 mi sembra chiaro; ed una terza, quella dello stile della lode, in cui la gentilissima si mostra di persona a tutti, e «par che sia una cosa venuta / da cielo in terra a miracol mostrare» 16, come il Cristo di cui è figura (cfr. Donne ch avete intellecto d amore e Tanto gentile con Tommaso: «Ma una volta raggiunta l età matura, in cui doveva insegnare, far miracoli e attirare gli uomini a sé, allora bisognava che il Padre proclamasse la sua divinità»). Quando parliamo di voce, però, intendiamo naturalmente non solo il suono, ma anche il suo significato (senso letterale), dato che la voce dovrebbe essere «animi interpretes, quae sine fructu est, nisi eam verbum sequatur», secondo Ugo di San Vittore. L interpretazione del Vittorino sarebbe dunque applicabile, per analogia, anche alla Giovanna (Giovanni) dantesca, che precede a Beatrice (Cristo), come il senso letterale precede a quello allegorico, vale a dire, alla verità. Nel prologus del vangelo di Giovanni, infatti, si dice del Battista che Non erat ille lux; mentre di Cristo che Erat lux vera, / quae illuminat omnem hominem / venientem in hunc mundi. In questo senso, la figura di Giovanni rimanda alla poesia di Guido sì, ma anche al periodo cavalcantiano di Dante, cioè, all influenza di Guido 17, attinente però alla lettera, non all allegoria (lux vera): E in dimostrar questo, sempre lo litterale dee andare innanzi, sì come quello ne la cui sentenza li altri sono inchiusi, e sanza lo quale sarebbe impossibile ed inrazionale intendere a li altri, e 23

14 Tenzone nº massimamente a lo allegorico. È impossibile, però che in ciascuna cosa che ha dentro e di fuori, è impossibile venire al dentro se prima non si viene al di fuori: onde, con ciò che sia cosa che ne le scritture [la litterale sentenza] sia sempre lo di fuori, impossibile è venire a l altre, massimamente a l allegorica, sanza prima venire a la litterale. Ancora, è impossibile però che in ciascuna cosa, naturale ed artificiale, è impossibile procedere a la forma, sanza prima essere disposto lo subietto sopra che la forma dee stare: sì come impossibile la forma de l oro è venire, se la materia, cioè lo suo subietto, non è digesta e apparecchiata; e la forma de l arca venire, se la materia, cioè lo legno, non è prima disposta e apparecchiata. Onde con ciò sia cosa che la litterale sentenza sempre sia subietto e materia de l altre, massimamente de l allegorica, impossibile è prima venire a la conoscenza de l altre che a la sua. Ancora, è impossibile però che in ciascuna cosa, naturale ed artificiale, è impossibile procedere, se prima non è fatto lo fondamento, sì come ne la casa e sì come ne lo studiare: onde, con ciò sia cosa che l dimostrare sia edificazione di scienza, e la litterale dimostrazione sia fondamento de l altre, massimamente de l allegorica, impossibile è a l altre venire prima che a quella. Ancora, posto che possibile fosse, sarebbe inrazionale, cioè fuori d ordine, e però con molta fatica e con molto errore si procederebbe. Onde, sì come dice lo Filosofo nel primo de la Fisica, la natura vuole che ordinatamente si proceda ne la nostra conoscenza, cioè procedendo da quello che conoscemo meglio in quello che conoscemo non così bene: dico che la natura vuole, in quanto questa via di conoscere è in noi naturalmente innata. E però se li altri sensi dal litterale sono meno intesi che sono, sì come manifestamente pare, inrazionale sarebbe procedere ad essi dimostrare, se prima lo litterale non fosse dimostrato. Io adunque, per queste ragioni, tuttavia sopra ciascuna canzone ragionerò prima la litterale sentenza, e appresso di quella ragionerò la sua allegoria, cioè la nascosa verità; e talvolta de li altri sensi toccherò incidentemente, come a luogo e a tempo si converrà (Cv. II i 8-15). Una chiave per la teoria dei sensi e per come questi si relazionano tra loro, la troviamo nelle considerazioni teologiche sulla doppia natura, umana e divina, di Cristo, di cui Beatrice è figura. Il

15 Carlos LÓPEZ CORTEZO Con angelica voce in sua favella problema di come la natura divina, spirituale, abbia potuto mischiarsi alla carne viene spiegato, infatti, dai teologi ricorrendo, analógicamente, al processo verbale: Lo spirito nell unire la nostra parola alla voce non funge da intermediario formale, ma efficiente: infatti dalla parola pensata interiormente procede lo spirito, che forma la voce. E similmente dal Verbo eterno procede lo Spirito Santo, che ha formato il corpo di Cristo (S. Teol. III, q. 6, a. 6). Ma c è da avvertire che qui voce comprende non solo il suono, ma anche il significato, allo stesso modo che per corpo s intende il corpo animato, vale a dire, umano 18, inseparabile nei mortali dall anima razionale se non con la morte. Quest analogia permette a sua volta di spiegare il processo verbale basandoci in quello dell incarnazione, così descritto da Origene, L anima di Cristo serve di vincolo d unione tra Dio e la carne, poiché non sarebbe possibile che la natura divina si mescolasse direttamente con la carne; è allora che sorge il Dio-uomo. L anima è come una sostanza intermedia, poiché non è contro la sua natura l assumere un corpo, e, d altra parte, essendo una sostanza razionale, nemmeno è contro la sua natura ricevere Dio, al quale ella tende come al Verbo, alla Sapienza e alla Verità (De Principiis, II, 6, 1; in Vives, J. 1971: ). e più estesamente da Tommaso: Il Damasceno [De fide orth. 3, 2] scrive: Nel medesimo istante il Verbo di Dio si fece carne, la carne ebbe un anima, l anima fu razionale e intellettuale. Il corpo umano è assumibile dal Verbo per il rapporto in cui sta con l anima razionale, che è la sua forma. Ma tale rapporto non lo ha prima di ricevere l anima razionale, poiché non appena la materia viene disposta a una forma, subito riceve quella forma: per cui in un medesimo istante giunge a compimento l alterazione preparatoria e viene introdotta la forma sostanziale. Quindi il corpo non doveva 25

16 Tenzone nº essere assunto prima di essere un corpo umano, il che avviene al momento dell infusione dell anima razionale. Come dunque l anima non fu assunta prima del corpo, essendo innaturale per l anima esistere prima dell unione con esso, così il corpo non doveva essere assunto prima dell anima, non essendo esso un corpo umano prima di avere l anima razionale (S. Teol. III, q. 6, a. 4). In altre parole è l anima razionale a servire d intermediaria tra l elemento spirituale (divinità) e quello sensibile (corpo); ma l anima razionale, a sua volta, è razionale e intellettuale; cioè, svolge due funzioni, a proposito delle quali Agostino parla di ragione superiore e ragione inferiore: Dice Agostino [De Trin. 12,4] che la ragione superiore e quella inferiore non si distinguono che per le loro funzioni. Non sono quindi due potenze. La ragione superiore e la ragione inferiore, come le intende S. Agostino, in nessun modo possono essere due potenze. Infatti egli dice che la ragione superiore è quella che è ordinata a contemplare e a consultare le verità eterne : a contemplarle in quanto le considera in se stesse, a consultarle in quanto ricava da esse le regole dell agire. Invece la ragione inferiore è, a suo dire, la facoltà che si applica a disporre delle realtà temporali. Ora, questi due tipi di realtà, le temporali e le eterne, rispetto alla nostra conoscenza si presentano in questo rapporto, che le une sono il mezzo per conoscere le altre. Seguendo infatti la via dell indagine, mediante le realtà temporali arriviamo alla conoscenza delle realtà eterne, secondo il detto dell Apostolo [Rm. I, 20]: «Le perfezioni invisibili di Dio possono essere contemplate con l intelletto nelle opere da lui compiute»; seguendo invece la via del giudizio, mediante le verità eterne già conosciute giudichiamo delle realtà temporali, e in base ai valori eterni le ordiniamo [ ] Quindi la ragione superiore e quella inferiore non sono che un unica e identica potenza. Si distinguono però, secondo Agostino, per le funzioni dei loro atti e in base ai loro 26

17 Carlos LÓPEZ CORTEZO Con angelica voce in sua favella diversi abiti: infatti alla ragione superiore è attribuita la sapienza e a quella inferiore la scienza (S. Teol. I, q. 79, a. 9). Dunque il Verbo divino, assimilato al verbo interiore o concetto, assunse il corpo (verbo esteriore) mediante l anima intellettuale e razionale (significato) (Damasceno, De fide orth. 3, 6); ma l anima è razionale e intellettuale, a seconda che «si applica a disporre delle realtà temporali» (scienza) o «a contemplare e a consultare le verità eterne» (sapienza). Quindi, il significato (anima) può riguardare le realtà temporali (in questo caso è razionale, e legato al sensibile) o le verità eterne (in quest altro è intellettuale, e separato dal sensibile). Questi due tipi di significato, come le realtà alle quali si riferiscono, hanno tra loro un rapporto tale che l uno, quello razionale, è mezzo per conoscere l altro. In altre parole, si tratta del senso letterale, legato alla lettera, e di quello allegorico o spirituale, al quale si può arrivare mediante quello letterale. Si noti, a questo proposito, come nel caso di Giovanna-Giovanni, nel separare l averroista Guido dall anima l intelletto, viene a mancare il significato allegorico. Ho considerato fin qui alcuni aspetti relativi alla natura di Beatrice quale figura dell incarnazione del Verbo divino. Bisogna dunque distinguere, come in Cristo, una Beatrice immagine del Verbo divino, da quella che è figura del Verbo incarnato, cioè, di Cristo; rimandante la prima ad un esistenza non ancora verbale, ma concettuale (verbo interiore); mentre la seconda è rappresentata dalla manifestazione sensibile della prima (verbo esteriore), vale a dire, dalla Beatrice che si mostra agli altri uomini, come in Tanto gentil. Va osservato al riguardo che la gentilissima, come verbo interiore, non si esprime in nessun idioma, il che spiega il suo speciale modo di favellare in If. II, 55-57; mentre che come verbo esteriore, lo fa in volgare 19. Il processo verbo interiore > verbo esteriore riguarda ovviamente il processo di scrittura di Dante (cfr. Rime LXXXIV: «Parole mie che per lo mondo siete») 20, tale quale lo descrive nel canto XXIV del Purgatorio, dove Amore (nome dello Spirito santo: mi spira ) 21, detta dentro (verbo interiore), e Dante 27

18 Tenzone nº significa i concetti dettati, cioè, li trasforma in segni (voce esteriore): I mi son un che, quando Amor mi spira, noto, e a quel modo ch e ditta dentro vo significando (52-54). Ma questo processo di significazione, che si svolge dall interno (concetto) verso l esterno (segno), trova la sua giustificazione e la sua completezza nella sua ricezione da parte di un ascoltatore o lettore, la cui operazione si muove in senso contrario; vale a dire, partendo dal segno (esterno) deve arrivare al concetto (interno). In altre parole, la poesia, oltre che essere scritta, deve essere letta e capita, e questo implica un altro processo: l interpretazione (vid. Baránski, Z ). E acciò che ne pigli alcuna baldanza persona grossa, dico che né li poete parlavano così sanza ragione, né quelli che rimano deono parlare così non avendo alcuno ragionamento in loro di quello che dicono; però che grande vergogna sarebbe a colui che rimasse cose sotto vesta di figura o di colore retorico, e poscia domandato non sapesse denudare le sue parole da cotale vesta, in guisa che avessero verace intendimento. E questo mio primo amico e io ne sapemo bene di quelli che così rimano stoltamente (Vn. 17, 10). IL BATTESIMO C è una forte tendenza a considerare soltanto ciò che è esplicito nei testi danteschi; ma come si fa a separare la figura di Giovanni dalla sua attività fondamentale, vale a dire, il battezzare? Non a caso, come già ricordato, è chiamato il Battista (nomina sunt consequentia rerum). È ovvio, dunque, che quando Dante, a proposito di Giovanna e Beatrice, paragona le figure di Giovanni e di Cristo, implicitamente sta comparando pure i loro battesimi, anche perché le parole del Battista, citate nell episodio, furono pronunciate appunto quando stava battezzando, come si legge nel vangelo di Giovanni. Il 28

19 Carlos LÓPEZ CORTEZO Con angelica voce in sua favella sacramento del battesimo e il verbo esteriore hanno in comune, infatti, l essere signa visibili di qualcosa d invisibile: Sacramentum est in aliqua celebratione, cum res gesta ita fit ut aliquid significare intellegatur, quod sancte accipiendum est [ ] Quae ob id sacramenta dicuntur, quia sub tegumento corporalium rerum virtus divina secretius salutem eorundem sacramentum operatur; unde et a secretis virtutibus vel a sacris sacramenta dicuntur. Quae ideo fructuose penes Ecclesiam fiunt, quia sanctus in ea manens Spiritus eundem sacramentorum latenter operatur effectum» (Etym. VI, 19, 39-41). Ma forse è S. Agostino, in XIX Contra Faustum, a mettere in risalto più palesemente il carattere verbale dei sacramenti: «Che altro sono i sacramenti materiali se non delle parole visibili?». Tommaso commenta così questo passo: «Le realtà visibili usate nei sacramenti sono chiamate parole in senso metaforico. Cioè in quanto partecipano la capacità di significare che risiede principalmente nelle parole stesse» (S. Teol. III, q. 60, a. 6). Le parole, infatti, sono signa del pensiero (vid. Etym. I, 9: «Sunt autem verba mentis signa, quibus homines cogitationes suas invicem loquendo demonstrat»), cioè, di qualcosa di non visibile e di non trasmissibile se non mediante un mezzo sensibile, come Dante spiega nel De vulgari: Oportuit ergo genus humanum ad comunicandas inter se conceptiones suas aliquod rationale signum et sensuale habere; quia, cum de ratione accipere habeat et in rationem portare, rationale esse oportuit; cumque de una ratione in aliam nichel deferii possit nisi per medium sensuale, sensuale esse oportuit. Quare, si tantum rationale esset, pertransire non posset; si tantum sensuale, nec a ratione accipere nec in rationem deponete potuisset. Hoc equidem signum est ipsum subiectum nobile de quo loquimur: nam sensuale quid est, in quantum sonus est; rationale vero, in quantum aliquid significare videtur ad placitum (I, iii, 2-3). L Alighieri, dunque, si serve implicitamente del battesimo per spiegare come il verbo interiore si possa unire ad un elemento sensibile quale il suono, divenendo così verbo esteriore. La base la 29

20 Tenzone nº trova in Tommaso, che si rifà, come Agostino riguardo al verbo interiore, all incarnazione del Verbo divino, cioè, ad un fatto misterioso e miracoloso : In primo luogo infatti si può considerare in essi [i sacramenti] la causa santificante, che è il Verbo incarnato: al quale il sacramento in certo qual modo si conforma per il fatto che aggiunge a una realtà sensibile la parola, come nel mistero dell incarnazione il Verbo di Dio si unì alla carne sensibile (S. Teol. III, q. 60, a. 6). Ne risulta, quindi, un analogia tra le due coppie concetto-suono e parola-acqua, in cui, essendo il suono e l acqua gli elementi sensibili, necessariamente il concetto e la parola rappresentano quelli non sensibili : infatti, nel paragone di Tommaso, la parola viene assimilata al Verbo divino, un essere spirituale, la cui immagine, per Agostino, sarebbe il verbo interiore. In altre parole, il verbo esteriore è signum di quello interiore, come il sacramento è un segno sensibile ed esterno che rimanda ad un significato interiore segreto, cioè, occulto e difficilmente accessibile (cfr. Ugo di San Vittore, De Sacram. I. 1, p. 9, c. 2; PL 176, 317: «il sacramento significa qualcosa per istituzione divina»). Si ricordi a questo proposito come per Dante il suono equivale anche al senso letterale: «E non è qui mestiere di procedere dividendo e a lettera esponendo; chè volta la parola fittizia di quello ch ella suona in quello ch ella ntende, per la passata sposizione questa sentenza fia sufficientemente palese» (Cv. II xii 10). Il battesimo, inoltre, quale sacramento della fede (Mt 28, 18-19: «Chi crederà e sarà battezzato sarà salvo»), e il verbo esteriore, cioè, la poesia quale retorica (cfr. VE II, IV: «que nichel aliud est quam fictio rethorica musicaque poita») hanno in comune altri effetti importanti tra cui la fede del ricettore ed il conseguente stimolo ad operare. A questo riguardo basti considerare questo passo della Retorica di Brunetto: chi considera la verità di quest arte e troverà che tutto intendimento del parliere è di far credere le sue parole all uditore. Dunque questo è lo fine, cioè far credere; ché mmanente che l uomo crede ciò ch è 30

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana Dante Alighieri Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana 1 Biografia di: Dante Alighieri Nacque a Firenze nel 1265 da una famiglia della piccola nobiltà fiorentina e la sua vita fu profondamente

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia Il Credo del Popolo di Dio è una Professione di Fede che Paolo VI ha formulato e presentato il 30 giugno

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1

LA PASQUA SETTIMANALE DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 Spunti per la meditazione personale e per la riflessione agli alunni Fr. Donato Petti 1. Perché cercate tra i morti

Dettagli

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 Dal Vangelo secondo Giovanni 9, 1.6-9.13-17.34-38 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita. Sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò

Dettagli

CAPITOLO I LA RIVELAZIONE

CAPITOLO I LA RIVELAZIONE COSTITUZIONE DOGMATICA Dei Verbum SULLA DIVINA RIVELAZIONE PROEMIO 1. In religioso ascolto della parola di Dio e proclamandola con ferma fiducia, il santo Concilio fa sue queste parole di san Giovanni:

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

La fede cristiana in Dio uno e trino

La fede cristiana in Dio uno e trino 1 La fede cristiana in Dio uno e trino Luis F. Ladaria La fede nel Dio uno e trino costituisce il principio e il culmine della fede cristiana, la prima verità dalla quale scaturiscono e nella quale si

Dettagli

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE.

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. Oh Dio, suscita in noi la volontà di andare incontro con le buone opere al tuo Cristo che viene, perchè egli ci chiami

Dettagli

Lo statuto teologico dell embrione

Lo statuto teologico dell embrione Lo statuto teologico dell embrione ----- + Jean LAFFITTE ----- 22 marzo 2014 ----- Mi sia permesso, nel momento di introdurre questa riflessione, di evocare un ricordo personale. Si tratta di quando iniziò,

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

TESARIO PER LA PROVA ORALE DI BACCALAUREATO

TESARIO PER LA PROVA ORALE DI BACCALAUREATO TESARIO PER LA PROVA ORALE DI BACCALAUREATO 1. Piacque a Dio nella sua bontà e sapienza rivelare se stesso e far conoscere il mistero della sua volontà mediante il quale gli uomini per mezzo di Cristo,

Dettagli

La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola.

La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola. La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola.it LETTERA AGLI EFESINI 1 1 Paolo, apostolo di Cristo Gesù per volontà

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

II. Il matrimonio nella Gaudium et Spes e la sua interpretazione postconciliare

II. Il matrimonio nella Gaudium et Spes e la sua interpretazione postconciliare II. Il matrimonio nella Gaudium et Spes e la sua interpretazione postconciliare 1. Il contesto Nei numeri 47-52 della Costituzione Pastorale Gaudium et Spes troviamo i punti principali in cui il Concilio

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo

III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo Obiettivo generale: L'incontro di questa domenica è incentrato sul cammino del discernimento della

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Chiunque beve di quest acqua don GIACOMINO PIANA

Chiunque beve di quest acqua don GIACOMINO PIANA approfondimenti biblici 07 Chiunque beve di quest acqua don GIACOMINO PIANA In verità, in verità vi dico, se uno non nasce da acqua e da Spirito, non può entrare nel regno di Dio Quel che è nato dalla

Dettagli

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo:

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo: universale viva in ogni popolo. Ogni giorno, da soli, in famiglia o in comunità, insieme con Maria, la Madre di Dio e dell umanità, percorriamo i continenti per seminarvi la preghiera e il sacrificio,

Dettagli

Libro gratuito di filosofia

Libro gratuito di filosofia Libro gratuito di filosofia La non-mente Introduzione Il libro la non mente è una raccolta di aforismi, che invogliano il lettore a non soffermarsi sul significato superficiale delle frasi, ma a cercare

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

LMC 25 ottobre 2003 - da GRUPPO LMC a COMUNITA LMC pag. 1

LMC 25 ottobre 2003 - da GRUPPO LMC a COMUNITA LMC pag. 1 At 4,31-33 Quand'ebbero terminato la preghiera, il luogo in cui erano radunati tremò e tutti furono pieni di Spirito Santo e annunziavano la parola di Dio con franchezza. La moltitudine di coloro che eran

Dettagli

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015)

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) Conferenza Episcopale Italiana MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) SOLIDALI PER LA VITA «I bambini e gli anziani costruiscono il futuro dei popoli; i bambini perché porteranno

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

L infinito nell aritmetica. Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton

L infinito nell aritmetica. Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton L infinito nell aritmetica Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton Poi lo condusse fuori e gli disse: . E soggiunse:

Dettagli

Giovanni 15, 26-27; 16, 12-15

Giovanni 15, 26-27; 16, 12-15 Giovanni 15, 26-27; 16, 12-15 Venuta del Paraclito 15, 26 In quel tempo. Gesù disse ai suoi discepoli: «Quando verrà il Paràclito, che io vi manderò dal Padre, lo Spirito della verità che procede dal Padre,

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio.

Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. 1 È BELLO LODARTI 2 CANTERÒ IN ETERNO 5 NOI VENIAMO A TE 6 POPOLI TUTTI È bello cantare il tuo amore, è bello lodare il tuo amore, è bello cantare il tuo amore, e bello lodarti Signore, è bello cantare

Dettagli

Dante Alighieri «Amor che ne la mente mi ragiona»

Dante Alighieri «Amor che ne la mente mi ragiona» [Convivio, III] Dante Alighieri «Amor che ne la mente mi ragiona» «Amor che ne la mente mi ragiona» condivide alcuni elementi di *poetica con la Vita nuova. In particolare vi è assunto lo «stilo de la

Dettagli

Confini: la norma e il suo contrario

Confini: la norma e il suo contrario COLLOQUIA 2011 Il Festival delle Idee (Foggia marzo 2011) Confini: la norma e il suo contrario Intervento di Vito Mancuso trasposizione da audio registrazione NON RIVISTA DALL AUTORE. Nota: la trasposizione

Dettagli

Al cor gentil rempaira sempre amore

Al cor gentil rempaira sempre amore Percorso I generi Al cor gentil rempaira sempre amore in Poeti del Duecento, a cura di G. Contini, Ricciardi, Milano-Napoli, 1960 TESTO IN MAPPA pp. 3-4 La canzone è composta di sei stanze (o strofe) di

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Dal «ragionar d amore» all «Amor che nella mente mi ragiona»: verso la consolazione di Casella

Dal «ragionar d amore» all «Amor che nella mente mi ragiona»: verso la consolazione di Casella Dal «ragionar d amore» all «Amor che nella mente mi ragiona»: verso la consolazione di Casella EMILIO PASQUINI Partiamo, come sempre, da una traduzione fedele del testo dantesco, nel tentativo quasi disperato

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Parrocchia S. Michele Arc. e S. Sebastiano M. Maria donna dell annuncio

Parrocchia S. Michele Arc. e S. Sebastiano M. Maria donna dell annuncio Parrocchia S. Michele Arc. e S. Sebastiano M. Maria donna dell annuncio Castel Madama, 8 novembre 2013 Il racconto In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Ma Lo Sai Tu Che...?

Ma Lo Sai Tu Che...? Ma Lo Sai Tu Che...? ...che il battesimo in acqua fatto nei titoli di Padre, Figlio e Spirito Santo (Matteo 28:19) per Dio non è valido? Tu dirai: Perché non è valido?. La risposta è semplice: Non è valido

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

2. La struttura formale del problema dell essere.

2. La struttura formale del problema dell essere. Indice Introduzione... 7 2. La struttura formale del problema dell essere.... 9 7. Il metodo fenomenologico della ricerca.... 14 7(c). Il concetto preliminare di fenomenologia... 16 8. Schema dell opera...

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Sintesi primo incontro preparazione Colloqui Fiorentini Poco noto ad altrui, poco a me stesso. Conoscere Manzoni attraverso i testi 2 novembre 2010

Sintesi primo incontro preparazione Colloqui Fiorentini Poco noto ad altrui, poco a me stesso. Conoscere Manzoni attraverso i testi 2 novembre 2010 Sintesi primo incontro preparazione Colloqui Fiorentini Poco noto ad altrui, poco a me stesso. Conoscere Manzoni attraverso i testi 2 novembre 2010 Scopo di questo primo incontro è assumere l ipotesi interpretativa

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Nessuno ha mai visto Dio; l'unigenito Dio, che è nel seno del Padre, è quello che l'ha fatto conoscere (NR, 1994).

Nessuno ha mai visto Dio; l'unigenito Dio, che è nel seno del Padre, è quello che l'ha fatto conoscere (NR, 1994). Giovanni 1:18 Nessuno ha mai visto Dio; l'unigenito Dio, che è nel seno del Padre, è quello che l'ha fatto conoscere (NR, 1994). (1) Introduzione (2) Esegesi e analisi testo (3) Contributi di vari studiosi

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione»

Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione» CONGREGATIO DE CULTO DIVINO ET DISCIPLINA SACRAMENTORUM Prot. N.1139/11/L Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione» Probatum. Ex aedibus Congregationis de Cultu

Dettagli

MA FU PROPRIO UNA MELA?

MA FU PROPRIO UNA MELA? MA FU PROPRIO UNA MELA? Per molti anni ci è stato insegnato che nel Giardino dell Eden c era un albero di mele. Al primo uomo, Adamo, e a sua moglie Eva, Dio comandò di non mangiare il frutto di questo

Dettagli

DECRETO Inter mirifica SUGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE SOCIALE INTRODUZIONE

DECRETO Inter mirifica SUGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE SOCIALE INTRODUZIONE Significato dei termini DECRETO Inter mirifica SUGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE SOCIALE INTRODUZIONE 1. Tra le meravigliose invenzioni tecniche che, soprattutto nel nostro tempo, l ingegno umano è riuscito,

Dettagli

LA LEGGE DI CRISTO E LA LEGGE DI MOSÈ

LA LEGGE DI CRISTO E LA LEGGE DI MOSÈ GESÙ DICE: «Chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica sarà paragonato a un uomo avveduto che ha costruito la sua casa sopra la roccia. La pioggia è caduta, sono venuti i torrenti, i venti

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

La santità al femminile

La santità al femminile Chiavari, 25 settembre 2010. La santità al femminile Introduzione Prima di parlare di santità al femminile, vorrei dedicare la prima parte della nostra riflessione alla santità e alla sua condizione nella

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli