Scheda di Sintesi (Abstract) Progetto Premiale. Elettronica Organica per Strumentazione Innovativa di Ricerca. Articolo 5 DM n... del...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scheda di Sintesi (Abstract) Progetto Premiale. Elettronica Organica per Strumentazione Innovativa di Ricerca. Articolo 5 DM n... del..."

Transcript

1 Scheda di Sintesi (Abstract) Progetto Premiale EOS: Elettronica Organica per Strumentazione Innovativa di Ricerca Articolo 5 DM n.... del... Titolo progetto: Ambito di Intervento: Struttura di riferimento: Coordinatore di progetto: Elettronica Organica per Strumentazione Innovativa di Ricerca ICT e DISPOSITIVI SENSORIALI Sezione di Napoli Alberto Aloisio Altri EPR coinvolti: Progetto congiunto con il CNR Altri Organismi e soggetti coinvolti: Universita di Napoli Federico II, Universita di Roma 3, Universita di Milano Bicocca, Universita del Salento Descrizione breve progetto: Il progetto propone lo sviluppo di strumentazione innovativa basata sull impiego dell Elettronica Organica con particolare riferimento ad applicazioni di diretto interesse per esperimenti di fisica fondamentale. Attraverso l impiego di materiali organici polimerici, oligomerici, cristallini e nanostrutturati, l Elettronica Organica permette la realizzazione di sensori e transistor a film sottile dalle caratteristiche fortemente innovative. I dispositivi sono realizzati con processi a basse temperature e sono compatibili con supporti non convenzionali (plastica, carta, tessuto, materiali bio-compatibili). Le ricerche a livello internazionale vanno nella direzione di un elettronica a basso costo, con ingombri, masse e potenze dissipate trascurabili, in grado teoricamente di equipaggiare e rendere intelligente un generico manufatto tradizionalmente considerato passivo (vestiti, imballaggi, supporti, involucri, arredamento, generici beni di consumo). Attraverso la sinergia di competenze tipiche del CNR e dell INFN, questo progetto si propone di sviluppare circuiti complessi in tecnologia organica per equipaggiare strumentazione di ricerca in fisica fondamentale e applicata. Questo include, da una parte, la ricerca di nuovi materiali e processi costruttivi di transistor e sensori chimici organici a film sottile; successivamente prevede la progettazione di circuiti integrati organici sia analogici sia digitali (amplificatori, discriminatori, blocchi logici sequenziali e combinatori). Una tale elettronica potrebbe essere stampata, depositata o addirittura immersa in un qualunque tipo di strumento, realizzando una sorta di interfacciamento intrinseco tra grandezza fisica da misurare e segnale elettrico d uscita analogico o digitale. Obiettivi del progetto: Il progetto intende perseguire due obiettivi principali.

2 a) Si intendono studiare e realizzare dispositivi e circuiti integrati organici con prestazione migliori di quelli riportati in letteratura. Tali circuiti saranno progettati per rendere attivi (o anche funzionalizzare) strumenti, rivelatori o trasduttori che tipicamente necessitano di elettronica esterna, remota e ingombrante. Il risultato desiderato supera la semplice miniaturizzazione del circuito (peraltro gia ampiamente raggiungibile con l elettronica tradizionale) ma va nella direzione di includere l elettronica di controllo e di lettura nella struttura stessa dello strumento/trasduttore, intervenendo direttamente, ove possibile, sui principi di funzionamento al fine di esaltarne le caratteristiche. b) Si intende quindi sfruttare la sinergia tra CNR e INFN per formare un gruppo di lavoro che possa mettere a fattore comune competenze diverse, contribuire alla realizzare un polo di eccellenza nello sviluppo di Elettronica Organica e fare da attrattore anche di altre risorse. Lo stato dell arte delle ricerche nel campo mostra che un tale obiettivo e alla portata della comunita di ricerca che propone questo progetto. Occorre tuttavia un importante investimento scientifico e economico per colmare un gap di conoscenze e tecnologie che rischia di allontanare in modo irreversibile l Italia e l Europa da una posizione di leadership in uno dei settori applicativi e di ricerca piu promettenti e fecondi degli ultimi dieci anni. Nel primo anno di attivita si individueranno i semiconduttori organici piu promettenti, saranno realizzati OFET con caratteristiche innovative e si avviera la progettazione di veri e propri circuti integrati organici. Nel secondo anno si completera lo sviluppo di librerie di simulazione circuitale e si collauderanno circuiti complessi su substrato flessibile, che saranno interfacciati con sensori e strumentazione di ricerca. Linea di intervento ai sensi dell'articolo 3 (indicare una sola linea di intervento): Criteri di valutazione Sviluppo delle competenze: Linea di intervento 2 Il progetto valorizza le competenze di un ampia comunita di ricerca, suddivisa in Sezioni e Istituti diversi dell INFN e del CNR e presso le Universita di Napoli Federico II, del Salento, di Milano Bicocca e di Roma 3. Le ricerche proposte richiedono la collaborazione di fisici, chimici e ingegneri di diversa

3 formazione e con esperienze complementari, figure queste difficilmente disponibili in una sola struttura. Lo formazione di un polo di eccellenza va nella direzione di offrire una continuita scientifica che massimizzi gli investimenti effettuati e permetta ai ricercatori coinvolti di essere presenti sullo scenario internazionale nel medio-lungo termine, ben oltre il completamento del progetto proposto. Grado di coinvolgimento di soggetti pubblici e privati: Attrazione degli investimenti, impatto socio-economico e sostenibilità economico finanziari: Team di programma/progetto e governance (con dimostrazione dei profili coinvolti e dei giovani): Lo sviluppo di tecnologie allo stato dell arte nel settore dell Elettronica Organica richiede all interno di questo progetto l interazione con Agenzie di innovazione tecnologica (in primis l ENEA), Distretti Tecnologici, Centri di Competenza, PMI specializzate in trattamenti di materiali e superfici, grandi Industrie del settore chimico e dei semiconduttori. Questo progetto si configura quindi come baricentro di tutta una serie di soggetti pubblici e privati indispensabili per il successo dell iniziativa. L Elettronica Organica e senza dubbio considerata tra i settori di ricerca a piu ampio impatto sociale e economico. L aspetto sociale riguarda la possibilita di un uso pervasivo dell elettronica, fino a trasformarla da valore aggiunto di un manufatto a sua parte integrante e sostanziale. A questo va aggiunta la sua intrinseca bio-compatibilita, che apre scenari applicativi che si estendono dalle protesi intelligenti, a nuovi strumenti diagnostici fino all interfacciamento bio-elettrico con organismi viventi. Le principali Industrie elettroniche e quelle del settore chimico e dei materiali (Bell, Lucent, Samsung, Sony, Philips, BASF, per citarne alcune) hanno investito negli ultimi dieci anni cifre ingenti in queste ricerche. Alcuni risultati sono gia maturi per il mercato e riguardano schermi attivi ultraflessibili, emettitori di luce organici, cellule solari ad alto rendimento. Un attivita di eccellenza sullo sviluppo di circuiti integrati organici offre le migliori garanzie di attrazione di fondi sia da finanziamenti pubblici regionali e europei, sia da privati interessati allo sfruttamento industriale delle tecnologie sviluppate. I partecipanti hanno una lunga e comprovata esperienza a livello internazionale sulle tematiche di interesse del progetto. Le Università di Napoli, del Salento, di Milano Bicocca e di Roma 3 partecipano con personale associato agli Enti proponenti e conducono da tempo ricerche di eccellenza su aspetti sia teorici sia sperimentali legati al tema dell Elettronica Organica. Lo sviluppo di un progetto congiunto tra INFN e CNR implica la suddivisione dei compiti in piu workpackages. Sono di competenza CNR le ricerche su nuovi materiali organici, lo

4 sviluppo di modelli teorici e la realizzazione di prototipi di dispositivi e circuiti integrati. Sono invece responsabilita dell INFN il loro studio e caratterizzazione funzionale, lo sviluppo di modelli di simulazione circuitale, la progettazione di circuiti integrati per applicazioni specifiche su strumentazione e trasduttori. In un tale schema sono coinvolti: - fisici della materia - chimici, ingegneri chimici e specialisti di materiali innovativi - ingegneri elettronici e progettisti di sistemi - fisici sperimentali delle interazioni fondamentali - specialisti di modelli numerici e simulazioni MonteCarlo - tecnologi con competenze di sensori e rivelatori Ad essi si affiancheranno le competenze di ditte e Agenzie esterne, che saranno via via coinvolte in base alle necessita e allo stadio di avanzamento del progetto. Per quanto riguarda la governance, il cofinaziamento e la rendicontazione del progetto, la sua natura congiunta tra due EPR richiedera la stipula di oppurtune Convenzioni che normino i principali aspetti burocratico-amministrativi del suo funzionamento. La composizione del progetto e paritetica tra INFN e CNR,. La divisione dei compiti, del budget e del cofinanziamento segue proporzionalmente. Come gia menzionato in precedenza, questo progetto offre inequivocabili garanzie di sviluppo per il sistema Paese sia in termini di crescita in un settore ad alta tecnologia, sia di ricaduta sulla formazione accademica, sulle attivita di ricerca e sul trasferimento tecnologico. Il progetto si propone di contribuire in modo significativo al recupero da parte dell Italia di una posizione di primo piano nei settori dei semiconduttori organici e dello sviluppo di circuiti complessi su di essi basati. Si propone inoltre di giocare un ruolo fortemente innovativo nella progettazione di strumentazione di misura di nuova generazione, equipaggiata con elettronica organica. Viene di seguito riportato il numero di persone coinvolte per i diversi profili 2 ricercatori INFN - Sezione di Roma 3 1 tecnologo INFN - Sezione di Roma 3 1 tecnico INFN - Sezione di Roma 3 2 ricercatore INFN - Sezione di Napoli 2 tecnologi INFN - Sezione di Napoli 2 tecnici INFN - Sezione di Napoli

5 7 ricercatori CNR del Dip. di Scienze Fisiche e Tecnologie della Materia 3 ricercatori CNR del Dip. di Scienze Chimiche e Tecnologie dei Materiali (Il 15% dei dipendenti EPR partecipanti al progetto e costituito da donne - 1 ricercatrice INFN e due CNR) 6 Ricercatori dell Università di Napoli Federico II 2 Ricercatori dell Università di Roma 3 1 Ricercatore dell Università di Milano Bicocca 1 Ricercatore dell Università del Salento (tutti associati all INFN e/o CNR) Valore economico stimato e dimostrazione dei costi futuri di gestione e manutenzione occorrenti per la vita utile del programma/progetto ed evidenziazione della previsione di copertura dell'eventuale autofinanziamento: La durata complessiva del progetto e di 24 mesi. Il costo totale e stimato in 2,5 M, di cui: 2 M a carico del MIUR (per il primo anno) 0.5 M a titolo di cofinanziamento (per il secondo anno) Il cofinanziamento esposto si basa sulla valorizzazione del costo dei partecipanti normalizzato alla percentuale di tempo dedicata al progetto. Si prevedono inoltre le seguenti disponibilita aggiuntive: - fondi di Ricerca di Ateneo - fondi derivanti da Contratti e Progetti di Ricerca - attrazione di fondi Regionali e di programmi PON Si prevede che i costi relativi alla gestione e manutenzione della strumentazione successivamente alla fine del progetto siano a carico di un polo di eccellenza attivo nei settori della ricerca e del trasferimento tecnologico. Potenziali ulteriori coperture finanziare: Status del progetto (avviato, nuovo, fasi concluse...): durata del progetto (anni e mesi): Parole chiavi proposte: Partecipazione a Progetti Europei, PRIN, FIRB NUOVO 24 mesi Elettronica organica, ofet, semiconduttori organici n-type, circuiti integrati organici, elettronica embedded, acquisizione dati di sensori e rivelatori

6 STIMA dei COSTI del PROGETTO Macrovoci di spesa INFN + CNR (WP2 + WP1) Personale INFN + CNR (come da elenco dei Ammontare previsto Fonte FOE7% Cofinanziamento. Altre fonti di copertura Incidenza percentuale (sul totale di 2500 k ) 570 k 300 k 270 k 23 % partecipanti) Prestazione di terzi 170 k 160 k 10 k 7 % Materiali 440 k 380 k 60 k 18 % Attrezzature 825 k 795 k 30 k 32 % Infrastrutture 200 k 150 k 50 k 8 % Spese generali 155 k 95 k 60 k 6 % Altre tipologie (missioni, conferenze) 140 k 120 k 20 k 6 % Totale 2500 k 2000 k 500 k 100%

Titolo progetto: ConsoliData. Ambito di intervento: ICT e dispositivi sensoriali. Struttura di riferimento : Coordinatore di progetto: INFN

Titolo progetto: ConsoliData. Ambito di intervento: ICT e dispositivi sensoriali. Struttura di riferimento : Coordinatore di progetto: INFN Titolo progetto: ConsoliData Ambito di intervento: ICT e dispositivi sensoriali Struttura di riferimento : Coordinatore di progetto: INFN Altri EPR coinvolti: - Altri organismi e soggetti coinvolti: Descrizione

Dettagli

INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca

INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca La ricerca come strumento per lo sviluppo aziendale: sinergia tra università e industria

Dettagli

Dipartimento di Chimica

Dipartimento di Chimica F Dipartimento di Chimica SmartMatLab in partnership con Istituto di Scienze e Tecnologie Molecolari del CNR (ISTM-CNR) e con Petroceramics S.p.A., CISI scrl, Laboratori Alchemia, Industrie De Nora con

Dettagli

SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER

SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER Progetto di riqualificazione e riconversione dell edificio Ex-Westinghouse in centro di competenza nel campo dell innovazione energetico-ambientale

Dettagli

Il fotovoltaico di Terza Generazione

Il fotovoltaico di Terza Generazione Regione Lazio Il fotovoltaico di Terza Generazione Monica Coppola CHOSE - Polo Solare Organico - Regione Lazio Università di Roma Tor Vergata Sabato, 15 Novembre 2008 Energie rinnovabili Si definisce Energia

Dettagli

1) IDEA PROGETTUALE (max. 4 pagine).

1) IDEA PROGETTUALE (max. 4 pagine). Proposta preliminare di sviluppo di un Progetto Integrato di Frontiera (PIF FORMULARIO Nome del PIF: Area Tematica ( a scelta fra quelle indicate nell appendice 1 dell Avviso Pubblico Abstract (1 pagina

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (d ora innanzi denominato CNR) in persona del suo Presidente Prof.

CONVENZIONE TRA. Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (d ora innanzi denominato CNR) in persona del suo Presidente Prof. CONVENZIONE TRA Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (d ora innanzi denominato CNR) in persona del suo Presidente Prof. Fabio Pistella E Il Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Scienze Fisiche

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

PoCN Regolamento del Progetto PROOF OF CONCEPT NETWORK REGOLAMENTO DEL PROGETTO

PoCN Regolamento del Progetto PROOF OF CONCEPT NETWORK REGOLAMENTO DEL PROGETTO PROOF OF CONCEPT NETWORK REGOLAMENTO DEL PROGETTO REGOLAMENTO PoCN Articolo 1 - Definizione del Progetto Proof of Concept Network (PoCN) è un progetto finalizzato a favorire la valorizzazione commerciale

Dettagli

(L.R. n. 4/2006, art. 2 lett. A, punti 3 e 4: attrattività e investimenti in capitale umano). PREMESSO CHE:

(L.R. n. 4/2006, art. 2 lett. A, punti 3 e 4: attrattività e investimenti in capitale umano). PREMESSO CHE: Accordo tra Regione Piemonte, Università degli Studi di Torino, Politecnico di Torino, Università del Piemonte Orientale e Università di Scienze Gastronomiche per il potenziamento del sistema della ricerca

Dettagli

Opportunità di stage all'università

Opportunità di stage all'università Opportunità di stage all'università L'esperienza di laboratorio L attività è rivolta agli studenti di Liceo e Istituti Tecnici, che frequentano il IV o il V anno Quali sono le opportunità? fare (per capire)

Dettagli

Regolamento per il fondo di Ateneo per la ricerca scientifica

Regolamento per il fondo di Ateneo per la ricerca scientifica Regolamento per il fondo di Ateneo per la ricerca scientifica La gestione del fondo di Ateneo per la ricerca scientifica dei ricercatori e docenti strutturati si articola in quattro parti: la prima riguarda

Dettagli

Avviso n. 713/Ric. del 29/10/2010 - Titolo III - " Creazione Di nuovi Distretti e/o nuove Aggregazioni Pubblico Private "

Avviso n. 713/Ric. del 29/10/2010 - Titolo III -  Creazione Di nuovi Distretti e/o nuove Aggregazioni Pubblico Private BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO DI N.52 BORSE DI STUDIO RELATIVE AI PROGETTI DI FORMAZIONE: - NEMBO (PROGETTAZIONE E SVILUPPO DEI SISTEMI EMBEDDED) PON 03PE_00159_1/F7; - APPS4SAFETY (FRONTIERE DELLA

Dettagli

CROMATURA PEVD SOTTOVUOTO

CROMATURA PEVD SOTTOVUOTO CROMATURA PEVD SOTTOVUOTO Causa i ben noti problemi legati ai processi di cromatura galvanica, da alcuni anni ormai si parla di procedimenti alternativi con basso impatto ambientale e ridotti consumi energetici.

Dettagli

«Priority Setting: identificazione delle priorità tecnologiche Roma, 3-4 ottobre 2013. Tavolo tematico: Innovazione non basata sulla R&S

«Priority Setting: identificazione delle priorità tecnologiche Roma, 3-4 ottobre 2013. Tavolo tematico: Innovazione non basata sulla R&S PON GAT 2007-2013 Asse I Obiettivo Operativo I.4 Progetto «Supporto alla definizione e attuazione delle politiche regionali di ricerca e innovazione (Smart Specialisation Strategy Regionali)» «Priority

Dettagli

TOTALE (IVA inclusa) 2009 12.083.077,17

TOTALE (IVA inclusa) 2009 12.083.077,17 PROSPETTO GENERALE DI SINTESI DEL PIANO ECONOMICO VOCE DI COSTO IMPORTO A - Costi di personale Personale interno 1.301.510,00 Personale esterno 1.449.800,00 Subtotale A 2.751.310,00 B - Costi servizi/consulenze

Dettagli

È possibile caratterizzare un percorso formativo per gli studenti sulla base di due aree di specializzazione (indirizzi):

È possibile caratterizzare un percorso formativo per gli studenti sulla base di due aree di specializzazione (indirizzi): Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica Percorso Video Game Docenti di riferimento: Dario Maggiorini, Laura Anna Ripamonti Sede di erogazione: Milano LIKE THIS! Obiettivi generali Il mercato dei

Dettagli

MODULO RICHIESTA DI BREVETTO

MODULO RICHIESTA DI BREVETTO MODULO RICHIESTA DI BREVETTO Università degli Studi di Bari Servizio trasferimento tecnologico Piazza Umberto I, n.1 70121 BARI A. TITOLO DELL INVENZIONE Creare un breve titolo che descriva la natura dell

Dettagli

CLUSTER TECNOLOGICI NAZIONALI

CLUSTER TECNOLOGICI NAZIONALI CLUSTER TECNOLOGICI NAZIONALI Leda Bologni ASTER Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura CINECA 22 aprile 2015 AGENDA L iniziativa CTN I cluster costituiti Le attività di sistema I progetti di R&S

Dettagli

Settore Materiali. Rassegna e Posizionamento delle attività ENEA. Roma, 20 marzo 2006

Settore Materiali. Rassegna e Posizionamento delle attività ENEA. Roma, 20 marzo 2006 Settore Materiali Rassegna e Posizionamento delle attività ENEA Roma, 20 marzo 2006 Sommario I laboratori I consorzi Quadro di riferimento Progetti Conclusioni Laboratorio Analisi microstrutturale e microanalitica

Dettagli

N. 512 FISCAL NEWS. Regione Campania: contributi per dottorati 21.11.2011. La circolare di aggiornamento professionale. A cura di Carlo De Luca

N. 512 FISCAL NEWS. Regione Campania: contributi per dottorati 21.11.2011. La circolare di aggiornamento professionale. A cura di Carlo De Luca a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 512 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 21.11.2011 Categoria Previdenza e lavoro Sottocategoria Agevolazioni

Dettagli

REGIONANDO 2001. REGIONE PIEMONTE Assessorato Industria, Lavoro, New economy, Coordinamento politiche e fondi comunitari BIOINDUSTRY PARK CANAVESE

REGIONANDO 2001. REGIONE PIEMONTE Assessorato Industria, Lavoro, New economy, Coordinamento politiche e fondi comunitari BIOINDUSTRY PARK CANAVESE REGIONANDO 2001 REGIONE PIEMONTE Assessorato Industria, Lavoro, New economy, Coordinamento politiche e fondi comunitari BIOINDUSTRY PARK CANAVESE Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: BIOINDUSTRY PARK

Dettagli

Per una nuova Bicocca della condivisione, della responsabilità e della valorizzazione

Per una nuova Bicocca della condivisione, della responsabilità e della valorizzazione Per una nuova Bicocca della condivisione, della responsabilità e della valorizzazione Proposte di Cristina Messa La nostra università, nata 15 anni fa, ha bisogno di proseguire nel percorso di crescita,

Dettagli

Dopo il diploma in Elettrotecnica Elettronica

Dopo il diploma in Elettrotecnica Elettronica !! !!!#! %&! (#%) Dopo il diploma in Elettrotecnica Elettronica Sbocchi lavorativi Progettista e installatore di impianti elettrici civili e industriali Progettista e installatore di impianti fotovoltaici

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO. TITOLO I Principi e disposizioni generali

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO. TITOLO I Principi e disposizioni generali REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO TITOLO I Principi e disposizioni generali Articolo 1 Principi e finalità del regolamento 1. Il presente regolamento ha come obiettivo la

Dettagli

POLO DI RICERCA E INNOVAZIONE ENERGIA SOSTENIBILE

POLO DI RICERCA E INNOVAZIONE ENERGIA SOSTENIBILE POLO DI RICERCA E INNOVAZIONE ENERGIA SOSTENIBILE attività e risultati Carlo Ruggeri, Amministratore Delegato di I.P.S. S.c.p.A. La ricerca che crea innovazione per un futuro sostenibile Genova, 20 febbraio

Dettagli

ENERGIA DA FOTOVOLTAICO: PROSPETTIVE, INNOVAZIONE E RICERCA

ENERGIA DA FOTOVOLTAICO: PROSPETTIVE, INNOVAZIONE E RICERCA FIERA DEL LEVANTE, 17 SETTEMBRE 2009 ENERGIA DA FOTOVOLTAICO: PROSPETTIVE, INNOVAZIONE E RICERCA Prof. GIUSEPPE GRASSI UNIVERSITA DEL SALENTO 1 FONTI ENERGETICHE Negli ultimi 300 anni l umanità ha cambiato

Dettagli

Parte 1) Codice unico di progetto - CUP: il Codice unico di progetto - CUP è inserito a cura del Servizio Gestione Rapporti con il Territorio.

Parte 1) Codice unico di progetto - CUP: il Codice unico di progetto - CUP è inserito a cura del Servizio Gestione Rapporti con il Territorio. SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE PER ATTIVITA' CONVENZIONALE ISTITUZIONALE (Art. 1 c. 2 lettera a) del Regolamento di Ateneo per lo svolgimento di attività convenzionale) Parte 1) Codice unico di progetto - CUP:

Dettagli

Programmi europei: opportunità per Regioni ed Enti Locali

Programmi europei: opportunità per Regioni ed Enti Locali Programmi europei: opportunità per Regioni ed Enti Locali ForumPA - Roma, 22 Maggio 2007 Flavia Marzano flavia.marzano2@unibo.it Roma, 22 Maggio 2007 Flavia Marzano 1 Ricerca europea? Arrivare al 3% del

Dettagli

Agenda. 1. Obiettivi 2. Metodologia 3. Aree tecnologiche d intervento 4. Azioni 5. Utilizzo delle risorse 6. Valutazione 7.

Agenda. 1. Obiettivi 2. Metodologia 3. Aree tecnologiche d intervento 4. Azioni 5. Utilizzo delle risorse 6. Valutazione 7. Elementi di sintesi del piano Progetto di Innovazione Industriale Efficienza energetica per la competitività e lo sviluppo sostenibile Industria 2015 1 Agenda 1. Obiettivi 2. Metodologia 3. Aree tecnologiche

Dettagli

Circolare n 10. Oggetto. Quartu S.E., 03 ottobre 2011

Circolare n 10. Oggetto. Quartu S.E., 03 ottobre 2011 Quartu S.E., 03 ottobre 2011 Circolare n 10 Oggetto Legge di Finanziamento: Comunitaria Nazionale Regionale Comunale Settore: Artigianato, Commercio, Servizi, Industria ed Agricoltura La circolare fornisce

Dettagli

Center for Research on Innovation, Organization and Strategy. Organizzazione e Governance della Conoscenza.

Center for Research on Innovation, Organization and Strategy. Organizzazione e Governance della Conoscenza. Centro permanente di ricerca Permanent research centre Acronimo Denominazione Oggetto di attività CRIOS Center for Research on Innovation, Organization and Strategy Strategia, Economia e Management dell

Dettagli

SEZIONE I PROGETTI DI RICERCA E COLLABORAZIONI FONDI PER LA RICERCA E MODALITÀ DI ACCESSO

SEZIONE I PROGETTI DI RICERCA E COLLABORAZIONI FONDI PER LA RICERCA E MODALITÀ DI ACCESSO REGOLAMENTO SULLE MODALITA' DI ASSEGNAZIONE E UTILIZZO DEI FONDI PER LA RICERCA (Emanato con D.D. n. 45 del 23.01.2002, modificato con i D.D. n. 618 del 2003, n. 103 del 2005, n. 99 e n. 552 del 2006,

Dettagli

Percorso Video Game. Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica. Obiettivi generali. Sbocchi professionali

Percorso Video Game. Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica. Obiettivi generali. Sbocchi professionali Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica Percorso Video Game Docenti di riferimento: Dr. Dario Maggiorini, Dr. Laura Anna Ripamonti Sede di erogazione: Milano Obiettivi generali Il mercato dei

Dettagli

9/10 GIUGNO 2015 TOSCANA LIVORNO. TEATRO GOLDONI REGENERATION CONVEGNO. La rigenerazione urbana ed edilizia

9/10 GIUGNO 2015 TOSCANA LIVORNO. TEATRO GOLDONI REGENERATION CONVEGNO. La rigenerazione urbana ed edilizia GIUGNO LIVORNO. TEATRO GOLDONI REGENERATION La rigenerazione urbana ed edilizia CONVEGNO Con il Patrocinio di Media Partner CONVEGNO REGENERATION La rigenerazione urbana ed edilizia --------------- DATE

Dettagli

L ELETTRONICA ORGANICA

L ELETTRONICA ORGANICA L ELETTRONICA ORGANICA Indice 1. Introduzione... 3 1.1 Cosa è l elettronica organica... 3 1.2 Visione di insieme: Elementi chiave dell elettronica organica... 5 2. APPLICAZIONI: stato dell arte e prospettive

Dettagli

Open Hardware nell'ottica sociale

Open Hardware nell'ottica sociale Open Hardware nell'ottica sociale di Marco Frau e Davide Deiana Ingegneria Senza Frontiere - Cagliari Associazione Ingegneria senza Frontiere Ingegneria Senza Frontiere Cagliari (ISF-Ca) nasce nel 2005

Dettagli

Regione Siciliana P R E S I D E N Z A

Regione Siciliana P R E S I D E N Z A REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana P R E S I D E N Z A D I P A R T I M E N T O D E L L A P R O G R A M M A Z I O N E Servizio Risorse Umane, Ricerca, Politiche Trasversali Strategia regionale dell innovazione

Dettagli

PROGETTO DI UN SERVIZIO WEB SPERIMENTALE PER LA TRADUZIONE DI BOLLETTINI NIVOMETEOROLOGICI Fondazione Bruno Kessler-IRST Proposta di progetto per AINEVA Progetto di studio e realizzazione di un servizio

Dettagli

Contratti di Sviluppo Informativa sulle domande presentate al 31 maggio 2012 Comitato di Sorveglianza Roma, 15 giugno 2012

Contratti di Sviluppo Informativa sulle domande presentate al 31 maggio 2012 Comitato di Sorveglianza Roma, 15 giugno 2012 Punto 5 dell Ordine del Giorno: Contratti di Sviluppo Informativa sulle domande presentate al 31 maggio 2012 Comitato di Sorveglianza Roma, 15 giugno 2012 Cosa sono i Contratti di Sviluppo Strumento attuativo

Dettagli

BANDI 2013 2. Bando con scadenza 30 settembre 2013. Contesto di riferimento. Premessa. Linee guida

BANDI 2013 2. Bando con scadenza 30 settembre 2013. Contesto di riferimento. Premessa. Linee guida Bando con scadenza 30 settembre 2013 BANDI 2013 2 Bando ad invito Promuovere progetti internazionali finalizzati ad incrementare l attrattività del sistema ricerca regionale FASE 2 Individuazione dei progetti

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica L indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica propone una formazione polivalente che unisce i principi, le tecnologie e le pratiche

Dettagli

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI:

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: La cella solare è un spositivo per la trasformazione energia luminosa in energia elettrica. L applicazione più nota questi tipi spositivi

Dettagli

Gli incentivi nazionali alla Ricerca. Unit Coordinamento Operativo e Sviluppo Strategico Department Finanza per lo Sviluppo

Gli incentivi nazionali alla Ricerca. Unit Coordinamento Operativo e Sviluppo Strategico Department Finanza per lo Sviluppo Gli incentivi nazionali alla Ricerca Unit Coordinamento Operativo e Sviluppo Strategico Department Finanza per lo Sviluppo Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca (FAR) - MIUR Caratteristiche generali (1)

Dettagli

Il Progetto Efficienza Energetica

Il Progetto Efficienza Energetica Alleanze tra imprese: creare reti e aggregazioni per creare valore aggiunto Il Progetto Efficienza Energetica Ing. Stefano Nicolodi Amministratore unico e partner Enertech Solution S.r.l. Milano, 5 luglio

Dettagli

Gli assetti a popolazione

Gli assetti a popolazione Gli assetti a popolazione Lo strategic network (mercato auto) L industrial network (filiera, distretto) I business network (eterarchia-relazione) Il policy network (politica pubblica) Le filiere IL SETTORE

Dettagli

Coopstartup FarmAbility

Coopstartup FarmAbility Coopstartup FarmAbility Bando per la selezione di idee di impresa cooperativa innovativa nell agroalimentare Art. 1 Contesto e obiettivi Coopstartup FarmAbility è un progetto sperimentale per favorire

Dettagli

Energia: una necessità e un opportunità di sviluppo per la Sardegna

Energia: una necessità e un opportunità di sviluppo per la Sardegna Cagliari, 15 luglio 2011 T Hotel, Via dei Giudicati, Cagliari Convegno Regionale della CGIL e della FILCTEM sul tema Energia: una necessità e un opportunità di sviluppo per la Sardegna Allegato 4 IL SOLARE

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA

Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA Finalità Formare laureati specialistici in grado di effettuare la pianificazione, la progettazione, lo sviluppo, la direzione dei lavori, la stima, il collaudo

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE 2000

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE 2000 RELAZIONE DEL 2000 EXECUTIVE SUMMARY La presente relazione si riferisce all attività dell Ateneo nell anno accademico 1999/2000, con alcune anticipazioni sull anno accademico 2000/2001, ed è articolata

Dettagli

Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno. Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro

Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno. Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro Contesto della proposta (1) La conoscenza costituisce il fulcro dell Agenda di

Dettagli

L esperienza dell 'Area di Crisi di Tossilo. Il PSL dell Areadi Crisi di Porto Torres

L esperienza dell 'Area di Crisi di Tossilo. Il PSL dell Areadi Crisi di Porto Torres Contenuti del seminario 3 Modello I PFSL: un nuovo modello di intervento per contrastare la crisi a favore dello sviluppo locale Esperienze L esperienza dell 'Area di Crisi di Tossilo Focus Area di Crisi

Dettagli

ORIENTAMENTO ELETTRONICA. Progettazione di Sistemi Elettronici Elettronica per la Robotica Elettronica per l automazione industriale

ORIENTAMENTO ELETTRONICA. Progettazione di Sistemi Elettronici Elettronica per la Robotica Elettronica per l automazione industriale ORIENTAMENTO ELETTRONICA Progettazione di Sistemi Elettronici Elettronica per la Robotica Elettronica per l automazione industriale Progettazione di Sistemi Elettronici a.a. 20011-2012 Michele Corrà michele.corra@3tec.it

Dettagli

Infrastruttura ReCaS. Roberto Bellotti Università degli Studi di Bari A. Moro & INFN

Infrastruttura ReCaS. Roberto Bellotti Università degli Studi di Bari A. Moro & INFN Infrastruttura ReCaS Roberto Bellotti Università degli Studi di Bari A. Moro & INFN Il PON ReCaS http://www.pon-recas.it Rete di Calcolo per SuperB e altre applicazioni Finanziamento totale ReCaS: 13.7

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO. Art. 1 Definizioni

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO. Art. 1 Definizioni FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Definizioni a) per Facoltà: la Facoltà

Dettagli

Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca

Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca Pisa, 8 febbraio 08 Aula Magna Polo didattico Carmignani, Il nuovo sistema di sostegno alla ricerca industriale dal 2001 è operativo il Decreto Ministeriale

Dettagli

Competenze e attività di ISMAC nel settore dell imballaggio alimentare

Competenze e attività di ISMAC nel settore dell imballaggio alimentare Regione Lombardia Progetto n. 310372 - Metalaboratorio Competenze e attività di ISMAC nel settore dell imballaggio alimentare Palmira Bonassi Castello di San Gaudenzio, Gervasina 27 ottobre 2006 Consiglio

Dettagli

MISSION E STORIA. La nostra Mission: La Scienza per l Uomo. L istituzione e la sua organizzazione. Quattro tappe della nostra storia

MISSION E STORIA. La nostra Mission: La Scienza per l Uomo. L istituzione e la sua organizzazione. Quattro tappe della nostra storia MISSION E STORIA La nostra Mission: La Scienza per l Uomo L Università Campus Bio-Medico di Roma promuove strutture integrate d insegnamento, ricerca e assistenza sanitaria, perseguendo come fine ultimo

Dettagli

Anche api punta sul biodiesel

Anche api punta sul biodiesel Anche api punta sul biodiesel Proprio in considerazione dei vantaggi derivati all ambiente (e alla sicurezza) api sta puntando sul biodiesel, perseguendo la strada dello sviluppo sostenibile e la sua missione

Dettagli

Tesi di Laurea Automazione del testing delle Interfacce utente di applicazioni WEB:

Tesi di Laurea Automazione del testing delle Interfacce utente di applicazioni WEB: Tesi di Laurea Automazione del testing delle Interfacce utente di applicazioni WEB: un caso di studio Anno accademico 2009 / 2010 Relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana Correlatore Ch.mo Ing. Domenico

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. TRA Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale SAM SOCIETA AEROSPAZIALE MEDITERRANEA S.C.R.L.

PROTOCOLLO D INTESA. TRA Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale SAM SOCIETA AEROSPAZIALE MEDITERRANEA S.C.R.L. PROTOCOLLO D INTESA TRA Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale SAM SOCIETA AEROSPAZIALE MEDITERRANEA S.C.R.L. PER LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITA E PROGETTI PER LO SVILUPPO

Dettagli

Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO. dell Università degli Studi di Perugia

Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO. dell Università degli Studi di Perugia Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO dell Università degli Studi di Perugia (Emanato con decreto rettorale n. 66 del 26 gennaio 2015) 1 Indice TITOLO I DEFINIZIONI

Dettagli

Il mio parere sull argomento.

Il mio parere sull argomento. Un giovane Collega, iscritto al nostro Ordine Professionale, mi scrive segnalando una questione sorta sulle competenze professionali degli Ingegneri (Sez. A), iscritti in una delle sezioni (a, b, c), in

Dettagli

Distretto Tecnologico Aerospaziale del Lazio. Ing. Gerardo Lancia Filas S.p.A. STRATEGIE E PROGRAMMI DEI DISTRETTI REGIONALI

Distretto Tecnologico Aerospaziale del Lazio. Ing. Gerardo Lancia Filas S.p.A. STRATEGIE E PROGRAMMI DEI DISTRETTI REGIONALI Distretto Tecnologico Aerospaziale del Lazio Ing. Gerardo Lancia Filas S.p.A. STRATEGIE E PROGRAMMI DEI DISTRETTI REGIONALI Confindustria 9 luglio 2009 1 Il Distretto Tecnologico Aerospaziale del Lazio

Dettagli

Amplificatori Audio di Potenza

Amplificatori Audio di Potenza Amplificatori Audio di Potenza Un amplificatore, semplificando al massimo, può essere visto come un oggetto in grado di aumentare il livello di un segnale. Ha quindi, generalmente, due porte: un ingresso

Dettagli

Crescita. Sostenibilità Ottimizzazione. Investimenti

Crescita. Sostenibilità Ottimizzazione. Investimenti Crescita Sostenibilità Ecologia Efficienza Ottimizzazione Sviluppo Competitività Investimenti Il futuro viaggia sulle strade dell efficienza energetica Efficienza: un obiettivo da raggiungere Parlare di

Dettagli

Elettronica ed Elettrotecnica. Tecnico in Elettronica ed Elettrotecnica

Elettronica ed Elettrotecnica. Tecnico in Elettronica ed Elettrotecnica DIPLOMATO INDIRIZZO Elettronica ed Elettrotecnica FIGURA PROFESSIONALE Tecnico in Elettronica ed Elettrotecnica con specializzazione in domotica Denominazione della figura professionale Descrizione sintetica

Dettagli

MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA

MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA Microsoft Dynamics: soluzioni gestionali per l azienda Le soluzioni software per il business cercano, sempre più, di offrire funzionalità avanzate

Dettagli

Consorzio TecnoTib.E.R.I.S. Consorzio Tecnologico Tiburtino per l Eccellenza nella Ricerca, l Innovazione e lo Sviluppo industriale

Consorzio TecnoTib.E.R.I.S. Consorzio Tecnologico Tiburtino per l Eccellenza nella Ricerca, l Innovazione e lo Sviluppo industriale SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NEL TERRITORIO REGIONALE Art. 182 comma 4 lettera c) della L.R. n. 4 del 28 Aprile 2006 Valorizzazione del ruolo dei Parchi Scientifici e Tecnologici Consorzio TecnoTib.E.R.I.S.

Dettagli

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Il POR FESR Emilia Romagna ASSE 1 Ricerca industriale e trasferimento tecnologico 115 milioni

Dettagli

Progetto di Domotica

Progetto di Domotica Progetto di Domotica Titolo dell esercitazione: Progetto di Domotica Descrizione sommaria dell esperienza: Realizzazione di un circuito che permette il controllo di vari sensori all interno di un edificio.

Dettagli

RETI DI LABORATORI PUBBLICI DELLA REGIONE PUGLIA

RETI DI LABORATORI PUBBLICI DELLA REGIONE PUGLIA RETI DI LABORATORI PUBBLICI DELLA REGIONE PUGLIA Statistiche A cura di Annamaria Fiore Editing a cura di Annamaria Monterisi ARTI Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione Copyright 2011 ARTI

Dettagli

Le figure professionali di riferimento per l Ingegneria Biomedica

Le figure professionali di riferimento per l Ingegneria Biomedica Quali sono le attività ità di un laureato in Ingegneria Biomedica? Ingegnere biomedico junior inserito in una azienda di progetto e/o produzione di dispositivi medici Tecnico delle apparecchiature biomediche

Dettagli

Technology and Quality of Life. [Incubatore & Polo Tecnologico]

Technology and Quality of Life. [Incubatore & Polo Tecnologico] Technology and Quality of Life W W W. P O N T - T E C H. I T [Incubatore & Polo Tecnologico] [Location] [Finalità e Servizi] A Pontedera, una delle aree economicamente ed industrialmente maggiormente sviluppate

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE PIEMONTE FESR 2007/2013 Asse 1: Innovazione e transizione produttiva Attività I.1.3 Innovazione e P.M.I.

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE PIEMONTE FESR 2007/2013 Asse 1: Innovazione e transizione produttiva Attività I.1.3 Innovazione e P.M.I. PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE PIEMONTE FESR 2007/2013 Asse 1: Innovazione e transizione produttiva Attività I.1.3 Innovazione e P.M.I. ALLEGATO 2 al Bando Progetti innovativi di Creatività Digitale ideati

Dettagli

Commenti alle osservazioni pervenute sul documento provvisorio. di accreditamento dei corsi di dottorato

Commenti alle osservazioni pervenute sul documento provvisorio. di accreditamento dei corsi di dottorato Commenti alle osservazioni pervenute sul documento provvisorio di accreditamento dei corsi di dottorato 21 febbraio 2014 1. Introduzione La pubblicazione del documento provvisorio contenente i criteri/indicatori

Dettagli

Attuali proposte di finanziamento di progetti in discussione in gruppo V nel 2014

Attuali proposte di finanziamento di progetti in discussione in gruppo V nel 2014 Attuali proposte di finanziamento di progetti in discussione in gruppo V nel 2014 - Progetti a call - Progetti bottom-up - Progetti simil-firb La metodologia di sottomissione attuale Storicamente, da quando

Dettagli

Tecnologie innovative in materiali a memoria di forma: strutture autoassemblanti e stampa 4D

Tecnologie innovative in materiali a memoria di forma: strutture autoassemblanti e stampa 4D Tecnologie innovative in materiali a memoria di forma: strutture autoassemblanti e stampa 4D Elena Mauro Relatore prof Ferdinando Auricchio Correlatore Elisa Boatti Correlatore Giulia Scalet Dipartimento

Dettagli

Il Programma nazionale per la Ricerca 2005-2007. Una premessa e una sintesi.

Il Programma nazionale per la Ricerca 2005-2007. Una premessa e una sintesi. Il Programma nazionale per la Ricerca 2005-2007. Una premessa e una sintesi. Sono lieta di presentare, a seguito di una consistente, attenta opera di consultazione, documentazione ed analisi il Programma

Dettagli

Il VQR 2004-2010 www.anvur.org

Il VQR 2004-2010 www.anvur.org Il VQR 2004-2010 www.anvur.org Sergio Benedetto Consiglio Direttivo ANVUR sergio.benedetto@anvur.org CRUI, Roma, 21 luglio 2011 Dalla Valutazione Quinquennale della Ricerca (VQR) 2004-2008 2 Alla Valutazione

Dettagli

I progetti di ricerca del Dipartimento

I progetti di ricerca del Dipartimento Università di Pisa Dipartimento di Informatica I progetti di ricerca del Dipartimento Pisa, 12 13 giugno 2003 Progetti di ricerca Mix di progetti in essenziale alla luce dell evoluzione delle tecnologie

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, EDILE E AMBIENTALE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, EDILE E AMBIENTALE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, EDILE E AMBIENTALE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL

Dettagli

1. TITOLO DELLA INFRASTRUTTURA DI RICERCA (titolo esteso e acronimo)

1. TITOLO DELLA INFRASTRUTTURA DI RICERCA (titolo esteso e acronimo) Page 1 of 9 Scheda per la segnalazione di Infrastrutture di Ricerca (IR) per la Roadmap Italiana 1. TITOLO DELLA INFRASTRUTTURA DI RICERCA (titolo esteso e acronimo) TITOLO ESTESO ACRONIMO Laboratorio

Dettagli

Bando per progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile

Bando per progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile Bando per progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile budget complessivo del bando 450.000 euro termine per la presentazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione MIUR.AOODPIT.REGISTRO DECRETI DIPARTIMENTALI.0001137.30-10-2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca IL DIRIGENTE il Decreto del Presidente della Repubblica n. 567 del 10 ottobre

Dettagli

Piano operativo di razionalizzazione delle società e delle partecipazioni societarie dell Università degli Studi di Trento

Piano operativo di razionalizzazione delle società e delle partecipazioni societarie dell Università degli Studi di Trento Piano operativo di razionalizzazione delle società e delle partecipazioni societarie dell Università degli Studi di Trento ai sensi dell art. 1 commi 611 e 612 della Legge 23.12.2014 n 190 approvato dal

Dettagli

L Integrazione dei Processi di Gestione delle Risorse Umane

L Integrazione dei Processi di Gestione delle Risorse Umane L Integrazione dei Processi di Gestione delle Risorse Umane 1 L integrazione dei processi della gestione delle Risorse Umane 3 2 Come i Modelli di Capacità consentono di integrare i processi? 5 pagina

Dettagli

Le specializzazioni tecnologiche delle Regioni

Le specializzazioni tecnologiche delle Regioni Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Le specializzazioni tecnologiche delle Regioni Luigi Gallo Invitalia Napoli, Febbraio 2013 Il lavoro di mappatura delle

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni IX RAPPORTO DI RICERCA NOBEL

Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni IX RAPPORTO DI RICERCA NOBEL Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni IX RAPPORTO DI RICERCA NOBEL SINTESI a cura di Giacomo Vendrame e Paolo Vallese ottobre 2008 Nobel è un progetto dell Ires Veneto promosso da Il Veneto letto dai

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO SUI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO SUI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con D.R. n. 417 del 24 marzo 2015) INDICE Pag. Art. 1 Oggetto 2 Art. 2 Caratteristiche dei corsi 2 Art. 3 Istituzione - attivazione - rinnovo 2 Art.

Dettagli

IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE

IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE LA PROGRAMMAZIONE DEI FONDI STRUTTURALI 2014-2020 ACCORDO DI PARTENARIATO 2014-2020 Obiettivo Tematico 1 - Ricerca, Sviluppo Tecnologico e Innovazione Obiettivo Tematico 10 - Istruzione e Formazione IL

Dettagli

SCHEMI di FINANZIAMENTO: cenni sulla configurazione e utilizzo in contabilità

SCHEMI di FINANZIAMENTO: cenni sulla configurazione e utilizzo in contabilità Pisa, 20 marzo 2013 SCHEMI di FINANZIAMENTO: cenni sulla configurazione e utilizzo in contabilità Università di Pisa Direzione Finanza Silvia Pala SCHEMA FINANZIAMENTO: definizione e obiettivi Lo schema

Dettagli

PROCESSO DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ DI ATENEO

PROCESSO DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ DI ATENEO PROCESSO DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ DI ATENEO Organizzazione del processo di assicurazione della qualità Le funzioni di progettazione, osservazione e controllo del processo di assicurazione della qualità

Dettagli

In attuazione di quanto prescritto dalla circolare 13 maggio 2010 n. 7 si redige di seguito la Relazioni illustrativa.

In attuazione di quanto prescritto dalla circolare 13 maggio 2010 n. 7 si redige di seguito la Relazioni illustrativa. ISTITUTO COMPRENSIVO G.GALILEI Scuola dell infanzia, primaria, secondaria di primo grado VIA CAPPELLA ARIENZO TEL. 0823/755441 FAX 0823-805491 e-mail ceic848004@istruzione.it C.M. CEIC848004 Relazione

Dettagli

Prefazione e ringraziamenti

Prefazione e ringraziamenti Prefazione e ringraziamenti Ho accettato con sincero piacere l'invito rivoltomi da Lorenzo Rossano, che ricordo brillante allievo del corso di Dispositivi Elettronici da me tenuto presso l'università di

Dettagli

ATI SPEED AUTOMAZIONE

ATI SPEED AUTOMAZIONE DG Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione SCHEDE TECNICHE INTERVENTI CONCLUSI ATI SPEED AUTOMAZIONE - SPEED AUTOMAZIONE Srl Milano - SALMOIRAGHI Spa Monza (MB) - SPEED R&D Srl (ex IICS Srl) Milano

Dettagli

Premio per l'innovazione 2013 - CNR idee che ci aiutano a stare meglio

Premio per l'innovazione 2013 - CNR idee che ci aiutano a stare meglio Premio per l'innovazione 2013 - CNR idee che ci aiutano a stare meglio Sezione A proponente Numero univoco progetto: 291729731485 Anagrafica Promotore Codice univoco progetto 291729731485 Componenti totali

Dettagli

COMUNE DI CASTELFIDARDO REGOLAMENTO IN MATERIA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE. - Indice

COMUNE DI CASTELFIDARDO REGOLAMENTO IN MATERIA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE. - Indice COMUNE DI CASTELFIDARDO REGOLAMENTO IN MATERIA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE - Indice Art. 1 - Fasi del ciclo di gestione della performance Art. 2 Nucleo di Valutazione Art. 3 - Sistema

Dettagli