Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante"

Transcript

1 ANALISI DELL UNIVERSITÀ DI TORINO SU BIOCHAR OTTENUTO DA DIVERSE MATRICI Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante di L. Petruzzelli, R. Subedi, C. Bertora, E. Remogna, C. Grignani Dal processo di combustione delle biomasse in assenza di ossigeno (pirolisi) è possibile ottenere un gas (il syngas) con un medio potere calorifico, che può essere utilizzato per la produzione di energia elettrica e calore, e un sottoprodotto solido, il biochar. L interesse per il biochar si è diffuso quando i processi legati alla produzione di energia rinnovabile hanno reso disponibili questi sottoprodotti aventi origine da una notevole varietà di materie. Quindi, esistono diverse tipologie di biochar che possono essere classificate in base alle diverse tecniche di combustione (pirolisi veloce, intermedia o lenta, gassificazione, con materiale più o meno umido) o al materiale in ingresso (residui legnosi, biomasse da colture energetiche, residui colturali, letami, effluenti zootecnici, compost, fanghi di depurazione). Impiego del biochar in agricoltura Aspetti positivi. Sebbene le caratteristiche di stabilità della sostanza organica del biochar e le conseguenti capacità di accumulare carbonio nel suolo fossero conosciute dai primi anni Ottanta, gli effetti della sua applicazione al suolo sono studiati solo dalla fine degli anni Novanta. Secondo studi recenti (Lehmann e Joseph, 2009), l applicazione al suolo presenta effetti positivi in termini di maggiore produttività delle colture e fertilità, con il miglioramento di caratteristiche quali permeabilità, porosità, aerazione, capacità di trattenere l umidità, e di riduzione delle emissioni di gas serra dai suoli attraverso il sequestro di carbonio. Il carbonio del biochar è però poco impiegato dai microorganismi e non rientra nel ciclo di produzione dell hu- Il biochar è un prodotto solido spesso usato come ammendante; le sue caratteristiche (contenuto in carbonio e azoto, ph, ecc.) dipendono dal processo di produzione energetica, di cui è sottoprodotto, e dalla materia prima utilizzata nello stesso mus (come invece fa la parte organica del compost). Infatti gran parte del carbonio del biochar rimane incorporato nel terreno per centinaia di anni fornendo un modo economico per ridurre le immissioni di CO 2 in atmosfera o addirittura permettendo un sequestro permanente del carbonio. Effetti negativi. Di contro, tra i possibili aspetti negativi legati al suo impiego in agricoltura, sono stati riportati da alcuni autori (Deenik et al., 2010) effetti fitotossici dovuti principalmente alla presenza di composti organici volatili tossici sulla superficie del biochar. Inoltre, il biochar ha problemi di natura fisica, essendo costituito da materiale molto friabile e polveroso, che ne rende difficile la distribuzione. Infine il biochar può avere caratteristiche molto variabili e gli studi su tale variabilità sono poco diffusi. Obiettivo delle analisi Sfruttando il caso di studio del progetto Fruitgas in corso in Piemonte (vedi approfondimento a pag. 25) si presentano in questo articolo le caratteristiche di alcuni biochar, analizzati dal Dipartimento di scienze agrarie forestali e alimentari dell Università degli studi di Torino, e della loro variabilità intrinseca. Dal momento che uno degli obiettivi del progetto Fruitgas è quello di studiare le proprietà fondamentali del biochar prodotto dai residui di potatura e di valutarne il suo utilizzo in Benefici dell utilizzo agronomico del biochar Per l atmosfera Sequestro di carbonio dall aria e fissazione nel suolo Ridotte emissioni di protossido di azoto dal suolo Ridotte emissioni di metano dal suolo Riduzione degli odori Per il suolo Riduzione della lisciviazione di azoto Aumento della sostanza organica nel suolo Aumento della fertilità del suolo Miglioramento della struttura del suolo 27/2014 supplemento a L Informatore Agrario 23

2 TABELLA 1 - Caratteristiche chimico-fisiche dei biochar ottenuti da diverse matrici e loro variazione in funzione della temperatura di pirolisi Matrice di origine Temperatura di pirolisi ( C) Carbonio totale Azoto totale Sostanze volatili Ceneri ph Area CSC (*) superficiale (cmol/kg) (m 2 /g) Pollina ,8 5,85 44,9 25,3 9,5 27,9 5, ,1 4,00 24,7 35,4 10,4 25,6 6,3 Liquame ,9 2,23 29,9 27,5 10,0 29,4 5,8 suino ,9 1,79 17,8 34,5 10,4 29,5 10,6 Residui circa di potatura ,3 0,27 15,3 7,8 11,0 28,9 178,3 (*) CSC: capacità di scambio cationico. Il contenuto di azoto risulta più elevato nel biochar derivante da pollina rispetto a quello prodotto da liquame suino, ma per entrambi diminuisce all aumentare della temperatura di pirolisi. Il biochar ottenuto da residui di potatura presenta invece il più elevato contenuto di carbonio. mg C (CO 2 )/kg suolo secco ( 2 ) campo agronomico, sono state misurate le principali caratteristiche fisico-chimiche del biochar prodotto e sono state effettuate prove in condizioni potenziali in vaso, in cella climatica e in campo per determinarne l effetto sulle dinamiche di mineralizzazione del carbonio organico, sul rilascio di nitrati e soprattutto sulle emissioni di anidride carbonica (CO 2 ) e protossido di azoto (N 2 O). Il biochar, infatti, modificando le proprietà fisiche, chimiche e biologiche del suolo, può interferire con i cicli del carbonio e dell azoto. Dal momento che esistono, come già evidenziato, biochar ottenuti da differenti matrici, le prove sperimentali sono state condotte non solo sul biochar da residui di potatura del progetto Fruitgas, ma per confronto anche su quelli derivanti da altre biomasse quali pollina e liquame suino prodotti con pirolisi a diverse temperature (400 e 600 C). Caratteristiche chimico-fisiche In tabella 1 sono riportate le caratteristiche chimico-fisiche di biochar prodotti da tre matrici differenti, pollina, liquame suino e residui di potatura. GRAFICO 1 - Emissioni di gas serra da suoli concimati con 170 kg N/ha di nitrato ammonico e ammendati con biochar ottenuti da differenti matrici a differenti temperature di pirolisi 1A - Emissioni di anidride carbonica (CO 2 ) 1B - Emissioni di protossido di azoto (N 2 O) μg N (N 2 O)/kg suolo secco ( 3 ) 0 Sabbioso Franco-limoso Sabbioso Franco-limoso Terreno Terreno Testimone ( 1 ) Pollina 400 C Pollina 600 C Liquame suino 400 C Liquame suino 600 C Residui potatura ( 1 ) Il testimone è il terreno che non ha ricevuto alcun biochar. ( 2 ) Peso del carbonio contenuto nella anidride carbonica emessa per kg di suolo secco. ( 3 ) Peso dell azoto contenuto nel protossido di azoto emesso per kg di suolo secco. Su entrambi le tipologie di terreno i biochar prodotti a temperature di pirolisi più elevate emettono meno, sia in termini di anidride carbonica (grafico 1A) sia di protossido di azoto (grafico 1B), di quelli prodotti con le stesse matrici a temperature più basse. Il biochar da residui di potatura si è dimostrato il più efficace nella riduzione delle emissioni rispetto a quelli ottenuti da altri matrici Come si può osservare dalla tabella, il contenuto di azoto (N), sostanze organiche volatili e ceneri risulta più elevato nel biochar derivante da pollina rispetto a quello prodotto dai residui di potatura, mentre andamento opposto è stato riscontrato per il contenuto di carbonio, probabilmente poiché i residui contengono un carbonio più stabile (lignina, cellulosa, emicellulosa, ecc.) con presenza di forti strutture aromatiche. Tutti i tipi di biochar hanno ph alcalino dovuto all abbondanza di carbonati e anioni organici oltre alla perdita di gruppi funzionali acidi (ad esempio i gruppi carbossilici). Questo aspetto è molto importante poiché lo rende idoneo a migliorare il ph di terreni acidi. Anche l area superficiale decisamente elevata del biochar da residui di potatura è in relazione a forti strutture aromatiche e a più alta porosità (Lee et al., 2010), il che spiega la maggior ritenzione di acqua e nutrienti e l assorbimento di molecole organiche e inorganiche. Influenza della temperatura di pirolisi. Anche la temperatura del processo di pirolisi porta a variazioni delle proprietà chimico-fisiche della stessa matrice (come si può vedere sempre dalla tabella 1). Ad esempio, il contenuto di azoto diminuisce all aumentare della temperatura di pirolisi e questo 24 supplemento a L Informatore Agrario 27/2014

3 IL PROGETTO FRUITGAS è probabilmente dovuto alla volatilizzazione di composti organici alle alte temperature. Riduzione di gas serra nei suoli ammendati Il progetto «Fruitgas - Energia dal frutteto», finanziato dall Unione Europea mediante il Piano di sviluppo rurale (Misura 124, Azione 1), mira alla creazione di una filiera «test» (primo esempio in Piemonte) per la produzione di energia rinnovabile tramite pirolisi dei residui di potatura e degli espianti delle principali colture frutticole dell areale cuneese. L obiettivo è quello di realizzare un processo che sia in grado, da un lato, di semplificare la gestione del materiale vegetale per l azienda frutticola, valorizzando un sottoprodotto altrimenti destinato ad essere bruciato per problemi fitopatologici, e dall altro di assicurare un mantenimento, o un incremento, della fertilità del suolo attraverso il ritorno al terreno del biochar. Il progetto Fruitgas vede la cooperazione di sei attori del mondo scientifico, agricolo e industriale il Dipartimento di scienze agrarie In riferimento alla presunta capacità del biochar di ridurre l emissione di gas serra, sono state condotte prove sperimentali in cella climatica, per quantificare l emissione di CO 2 e N 2 O da due tipi differenti di suolo (sabbioso e franco-limoso) ammendati con biochar prodotti da pollina, liquame suino e residui di potatura. Dal grafico 1 risulta evidente che il biochar da pollina a 400 C ha emesso in assoluto la maggiore quantità di CO 2 e N 2 O mentre al contrario il biochar da residui di potatura si è dimostrato il più efficace nella riduzione delle emissioni rispetto a tutti gli altri trattamenti studiati. I valori di emissione risultano anche ben correlati alle proprietà specifiche dei biochar, quali il contenuto in carbonio stabile, il ph e la capacità di scambio cationico (Ippolito et al., 2012). In generale, infatti, biochar prodotti a temperature di pirolisi più elevate emettono meno di quelle prodotte a temperature più basse e ciò è principalmente dovuto al fatto che, alle basse temperature e in particolar modo per biomasse quali letame e liquami, i biochar contengono una percentuale più elevata di carbonio labile, facilmente attaccabile dai microrganismi del suolo. Al contrario, le basse emissioni di CO 2 (grafico 1A) da suoli ammendati con biochar da residui di potatura, possono essere spiegate dal fatto che esso contiene una frazione di carbonio più stabile, maggiormente recalcitrante alla degradazione microbica e che può, quindi, rimanere nel terreno anche per diversi anni dopo l incorporazione (Kuzyakov et al., 2009). Inoltre, in generale, il suolo franco-limoso presenta emissioni di CO 2 più elevate rispetto a quello sabbioso in tutti i trattamenti a causa di una sua maggiore attività biologica. L elevata emissione di N 2 O (grafico 1B) dai due tipi di suolo ammendati con biochar derivante da pollina a 400 C è associata al suo alto contenuto di azoto che a bassa temperatura potrebbe essere stato velocemente mineralizzato dopo l incorporazione nel suolo con seguente denitrificazione, rafforzando in tal modo le emissioni dopo la fertilizzazione con nitrato ammonico. Al contrario, la bassa emissione di N 2 O dai suoli ammendati con biochar derivante da residui di potatura potrebbe essere dovuta all immobilizzazione di azoto tramite adsorbimento chimico-fisico sulle superfici del biochar con elevata area superficiale e maggiore porosità (Kuzyakov et al., 2009). È anche possibile che tale immobilizzazione di azoto avvenga nel momento in cui il biochar ad elevato rapporto C/N (carbonio/azoto) (per i residui di potatura il rapporto C/N è circa 330) viene aggiunto ad un suolo con basso rapporto C/N. Vantaggi del biochar da residui di potatura Il biochar (nel dettaglio) ottenuto dalla pirolisi di residui di potatura può essere utilizzato per incrementare la fertilità del suolo forestali e alimentari (Disafa) dell Università degli Studi di Torino, con le Sezioni di meccanica e agronomia; l azienda Agrindustria di Cuneo; op Ortofruit Italia di Saluzzo (Cuneo); due aziende agricole, Brunetti Paolo di Verzuolo (Cuneo) e Cascina Colonna di Olmo Michele di Costigliole Saluzzo (Cuneo). In generale, mettendo a confronto le diverse tipologie di biochar studiati, risulta che per i suoli ammendati con biochar derivante da pollina o liquami si hanno emissioni elevate di gas serra, mentre, al contrario, si ottiene una riduzione delle emissioni nel caso del biochar prodotto da residui di potatura, in quanto tale matrice organica contiene una frazione di carbonio più stabile. Quindi, sembra preferibile utilizzare biochar da residui di potatura in suoli poveri di carbonio per mantenerne la fertilità, essendo i residui di potatura anche più facilmente reperibili su scala commerciale rispetto agli altri sottoprodotti. Sono in corso le verifiche produttive sulle colture frutticole di aziende soggette alla sperimentazione citata che consentiranno di verificare tali effetti anche in termini agronomici. Laura Petruzzelli, Raghunath Subedi, Chiara Bertora, Emiliano Remogna, Carlo Grignani Dipartimento di scienze agrarie, forestali e alimentari, Università di Torino Gli autori ringraziano Stefano Dolzan del Settore fitosanitario della Regione Piemonte e le aziende agricole Brunetti Paolo e Cascina Colonna di Olmo Michele, che hanno consentito lo svolgimento delle prove sperimentali sui propri appezzamenti. GLOSSARIO. Per le definizioni dei vocaboli tecnici presenti in questo articolo si veda il Glossario pubblicato a pag. 27. Per commenti all articolo, chiarimenti o suggerimenti scrivi a: Per consultare gli approfondimenti e/o la bibliografi a: rdlia/14ia27_7563_web 27/2014 supplemento a L Informatore Agrario 25

4 ARTICOLO PUBBLICATO SUL SUPPLEMENTO A L INFORMATORE AGRARIO N. 27/2014 A PAG. 23 Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante BIBLIOGRAFIA Deenik, J.L., McClellan T., Uehara G., Antal M.J., Campbell S. (2010) - Charcoal volatile matter content influences plant growth and soil nitrogen transformation. Soil Science Society of America Journal, 74: Ippolito J.A., Liard D.A., Busscher W.J. (2012) - Environmental benefits of biochar. Journal of Environmental Quality, 41: Kuzyakov Y., Subbotina I., Chen H.Q., Bogomolova I., Xu X.L. (2009) - Black carbon decomposition and incorporation into soil microbial biomass estimated by C-14 labeling. Soil Biology and Biochemistry, 41: Lee J.W., Kidder M., Evans B.R., Paik S., Buchanan A.C., Garten C.T. (2010) - Characterization of biochars produced from corn stovers for soil amendment. Environmental Science and Technology, 44: Lehmann J., Joseph S. (2009) - Biochar for Environmental Management: science and technology. Earthscan publications Ltd., United Kingdom: 1-12.

5 Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi da quello personale e privato è tassativamente vietato. Edizioni L Informatore Agrario S.r.l. non potrà comunque essere ritenuta responsabile per eventuali malfunzionamenti e/o danni di qualsiasi natura connessi all uso dell opera.

Il biochar per la valorizzazione agronomica dei residui di potatura

Il biochar per la valorizzazione agronomica dei residui di potatura "FRUITGAS" L'ENERGIA DAL FRUTTETO: ESEMPIO DI FILIERA PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE DA RESIDUI DI POTATURA DEI FRUTTETI Il biochar per la valorizzazione agronomica dei residui di potatura Carlo

Dettagli

Congresso sulle Biotecnologie Roma 27/06/2015 Palazzo delle Esposizioni.

Congresso sulle Biotecnologie Roma 27/06/2015 Palazzo delle Esposizioni. Congresso sulle Biotecnologie Roma 27/06/2015 Palazzo delle Esposizioni. Relatore Prof. Roberto Matutini - Capo Divisione Ricerche CNREUROPE. Un ammendante particolare, una risposta immediata per fare

Dettagli

VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION

VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION La VER è un azione volontaria che ha lo scopo di ridurre la propria impronta di carbonio (CO2), principale causa dell effetto serra. La VER viene attivata da Aziende sensibili

Dettagli

L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione

L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione TECNICA L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione Solo conoscendo le frazioni e le trasformazioni dell azoto organico nel terreno è possibile risparmiare, rispettare l ambiente e nutrire al

Dettagli

PROGETTO ENERGIE RINNOVABILI FOTOVOLTAICO MINIEOLICO BIOMASSE

PROGETTO ENERGIE RINNOVABILI FOTOVOLTAICO MINIEOLICO BIOMASSE PROGETTO ENERGIE RINNOVABILI FOTOVOLTAICO MINIEOLICO BIOMASSE 1 In ingegneria energetica con il termine energie rinnovabili si intendono quelle forme di energia generate da fonti di energia che per loro

Dettagli

Certificazione del biochar: il percorso di ICHAR

Certificazione del biochar: il percorso di ICHAR Il sistema Biochar: un opportunità sostenibile per agricoltura, energia, ambiente 31 ottobre 2014 Vertemate con Minoprio Certificazione del biochar: il percorso di ICHAR Francesco Primo Vaccari CNR-IBIMET

Dettagli

Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi Infrastrutturali per l Agricoltura

Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi Infrastrutturali per l Agricoltura Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi Infrastrutturali per l Agricoltura 1 Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi

Dettagli

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, PROTEZIONE CIVILE E TURISMO Settore Servizi alle Imprese Agricole GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO Laboratorio Regionale Analisi Terreni e Produzioni

Dettagli

Biochar: black revolution per agricoltura e ambiente?

Biochar: black revolution per agricoltura e ambiente? Biochar: black revolution per agricoltura e ambiente? di Anita Maienza Il 17 e 18 Gennaio 2013 presso la sede della Fondazione Minoprio a Vertemate con Minoprio in provincia di Como si è tenuto un incontro

Dettagli

Possibili pre-trattamenti dei residui colturali e delle biomasse impiegabili negli impianti di digestione anaerobica

Possibili pre-trattamenti dei residui colturali e delle biomasse impiegabili negli impianti di digestione anaerobica Possibili pre-trattamenti dei residui colturali e delle biomasse impiegabili negli impianti di digestione anaerobica S. Menardo, P. Balsari Università degli Studi di Torino, Dipartimento di Scienze Agrarie,

Dettagli

BIOGAS: UN OPPORTUNITÀ PER LA GESTIONE SOSTENIBILE IN AGRICOLTURA Merigo Giambattista Dipartimento agricoltura, sviluppo sostenibile ed energie rinnovabili CONAF Giorgio Provolo Dipartimento di Scienze

Dettagli

Il digestato alla luce del nuovo decreto

Il digestato alla luce del nuovo decreto Rimini, 10-11-12 Il digestato alla luce del nuovo decreto Giorgia Zaffrani DIGESTATO 1. CARATTERISTICHE OGGETTIVE: - Valore agronomico 2. DEFINIZIONI NORMATIVE: - Possibilità d uso: - Esclusione dalla

Dettagli

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA IL BIOGAS IN AGRICOLTURA CIB - Consorzio Italiano Biogas e Gassificazione G. Bezzi IL BIOGAS Biogas: prezioso combustibile gassoso naturale che nasce dalla fermentazione di materia organica e vegetale,

Dettagli

COSTI E REALIZZAZIONE IMPIANTO DI 200 KW

COSTI E REALIZZAZIONE IMPIANTO DI 200 KW COSTI E REALIZZAZIONE IMPIANTO DI 200 KW L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI PIROGASSIFICAZIONE PER LO SVILUPPO DI UN ATTIVITA ECOSOSTENIBILE NELL OTTICA DELL EFFICIENZA ENERGETICA E DELL AGRICOLTURA SOSTENIBILE

Dettagli

Lombriasco, 27 marzo 2015 Convegno Finale Progetto Life+ UNIZEO

Lombriasco, 27 marzo 2015 Convegno Finale Progetto Life+ UNIZEO Life + UNIZEO: Progettazione delle prove agronomiche e risultati della sperimentazione S. Monaco, N. Sanino, C. Grignani Università di Torino - Dip. Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari Lombriasco,

Dettagli

BIO DIGESTORI. Elementi tecnologici per una scelta consapevole 2010

BIO DIGESTORI. Elementi tecnologici per una scelta consapevole 2010 BIO DIGESTORI Elementi tecnologici per una scelta consapevole 2010 Indice 1. Definizione di bio digestore 2. Un esempio per chiarire 3. Schemi i biodigestori 4. Tipi di impianti: classificazione 5. L alimentazione

Dettagli

La pirolisi: il processo, i punti di forza, le opportunità

La pirolisi: il processo, i punti di forza, le opportunità www.consorziosies.it Università degli Studi di Sassari www.sardegnambiente.com La pirolisi: il processo, i punti di forza, le opportunità Leonetto Conti Energia da biomasse e rifiuti: quale ruolo per la

Dettagli

04-04: Frazioni varie di biomassa Proprietà e processi Introduzione

04-04: Frazioni varie di biomassa Proprietà e processi Introduzione Chapter 04-04 page 1 04-04: Frazioni varie di biomassa Proprietà e processi Introduzione Ci sono essenzialmente cinque diversi processi tra cui scegliere per la produzione di energia utile da qualsiasi

Dettagli

L INTERPRETAZIONE DELLE ANALISI DEL TERRENO PER MIGLIORARE LA CONCIMAZIONE

L INTERPRETAZIONE DELLE ANALISI DEL TERRENO PER MIGLIORARE LA CONCIMAZIONE L INTERPRETAZIONE DELLE ANALISI DEL TERRENO PER MIGLIORARE LA CONCIMAZIONE Dr.Agr. Paolo Bortolami ARPAV Settore per la Prevenzione e la Comunicazione Ambientale Servizio valutazioni ambientali e degli

Dettagli

LE BIOMASSE PER L ENERGIA

LE BIOMASSE PER L ENERGIA Aula Magna dell Istituto Tecnico Agrario Statale F.lli Navarra Martedì 12 Aprile 2011 LE SPERIMENTAZIONI SUL CAMPO DI AGRIUNIFE: RICERCHE APPLICATE ALL AGRICOLTURA ING. ANNA VACCARI DI COSA PARLEREMO Il

Dettagli

La conversione biologica può essere ottenuta con la fermentazione alcolica e la digestione, mentre la conversione fisica con la spremitura.

La conversione biologica può essere ottenuta con la fermentazione alcolica e la digestione, mentre la conversione fisica con la spremitura. Biomassa La materia organica vegetale è prodotta per effetto del processo di fotosintesi clorofilliana, che grazie all apporto dell energia del sole consente di trasformare semplici elementi minerali in

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA Marco Acutis marco.acutis@unimi.it Il quadro generale Nel 2050 l incremento numerico e

Dettagli

economia e politica agraria

economia e politica agraria Il progetto europeo LIFE Seq-Cure: Sistemi integrati per accrescere il sequestro di carbonio attraverso la produzione di colture energetiche fertilizzate con residui organici A cura di CRPA 1 ed Agronomica

Dettagli

UTILIZZO EFFICIENTE DEL DIGESTATO: MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI SULLA FERTILITÀ DEL TERRENO

UTILIZZO EFFICIENTE DEL DIGESTATO: MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI SULLA FERTILITÀ DEL TERRENO FERTILIZZAZIONE CON DIGESTATO UTILIZZO EFFICIENTE DEL DIGESTATO: MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI SULLA FERTILITÀ DEL TERRENO Manuela Rancati Matteo Piombino Pioneer Hi-Bred Italia. Quando si parla di digestione

Dettagli

ECOMASTER: I rifiuti se li conosci, li usi

ECOMASTER: I rifiuti se li conosci, li usi ECOMASTER: I rifiuti se li conosci, li usi Asti 7 marzo 2013 Gestione biomasse e sottoprodotti Dr. Franco Parola agronomo Responsabile Servizio Ambiente e Territorio Coldiretti Piemonte Le conseguenze

Dettagli

Progetto E2BEBIS Environmental and economic benefit from biochar clusters in the Central Area

Progetto E2BEBIS Environmental and economic benefit from biochar clusters in the Central Area Progetto E2BEBIS Environmental and economic benefit from biochar clusters in the Central Area Pinerolo 27 luglio 2015 A cura di Ostorero A. Uncem Piemonte Progetto finanziato dal Programma Europeo Central

Dettagli

ANCORA ENERGIE RINNOVABILI : BIOMASSA E BIOGAS

ANCORA ENERGIE RINNOVABILI : BIOMASSA E BIOGAS ANCORA ENERGIE RINNOVABILI : BIOMASSA E BIOGAS di Avv. Rosa Bertuzzi Quando si affronta l istituto delle energie rinnovabili riguardanti l utilizzazione delle risorse dell'agricoltura spesso di genera

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

IO DIFFERENZIO, MA POI? LA FILIERA DEI RIFIUTI. QUALE È IL DESTINO DEI

IO DIFFERENZIO, MA POI? LA FILIERA DEI RIFIUTI. QUALE È IL DESTINO DEI Dicomano, 5 giugno 2015 IO DIFFERENZIO, MA POI? LA FILIERA DEI RIFIUTI. QUALE È IL DESTINO DEI MATERIALI PROVENIENTI DA RACCOLTA DIFFERENZIATA? QUALE LA POSSIBILITÀ DI RIUTILIZZO E RIUSO LA GESTIONE DEL

Dettagli

Energia termica da biomasse: aspetti tecnici e ambientali

Energia termica da biomasse: aspetti tecnici e ambientali Nuove forme di integrazione ambientale in agricoltura Energia termica da biomasse: aspetti tecnici e ambientali Luca Castellazzi Ancona, 25 marzo 2004 Cos è la biomassa Il termine biomassa comprende tutte

Dettagli

Strategie per la delocalizzazione e l abbattimento delle emissioni dai reflui zootecnici

Strategie per la delocalizzazione e l abbattimento delle emissioni dai reflui zootecnici Strategie per la delocalizzazione e l abbattimento delle emissioni dai reflui zootecnici Gestione dei reflui zootecnici Problematiche ambientali Paolo BALSARI DEIAFA Sez.. di meccanica Università degli

Dettagli

Valorizzazione di materiali organici in ammendanti e substrati per l agricoltura: il progetto europeo REFERTIL

Valorizzazione di materiali organici in ammendanti e substrati per l agricoltura: il progetto europeo REFERTIL Valorizzazione di materiali organici in ammendanti e substrati per l agricoltura: il progetto europeo Università di Massimo Pugliese Università ità di - Agroinnova IF2015, 17 marzo 2015 Introduzione Mancanza

Dettagli

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento dossier FRUMENTO 2 I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento Aumentare la resa del frumento, e contemporaneamente anche la qualità, è possibile solo con una concimazione azotata continua

Dettagli

Bioelettricitàmicrobica

Bioelettricitàmicrobica Bioelettricitàmicrobica Anna Benedetti e Melania Migliore Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura Centro di Ricerca per lo Studio delle Relazione tra Pianta e Suolo CRA-RPS Roma, 29

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA:BIOPOWER

PRODUZIONE DI ENERGIA:BIOPOWER LE BIOMASSE Le biomasse sono le materie prime rinnovabili capaci di produrre energia che si ottengono sia dagli scarti che dai residui delle attività agricole, zootecniche e forestali. PRODUZIONE DI ENERGIA:BIOPOWER

Dettagli

IMPIANTI A BIOMASSE GenGas

IMPIANTI A BIOMASSE GenGas TECN.AV. SRL LA TECNOLOGIA INNOVATIVA DELL IMPIANTO A BIOMASSE IMPIANTI A BIOMASSE GenGas La produzione di energia da fonti rinnovabili rappresenta il futuro dell Energia e dello sviluppo sostenibile.

Dettagli

Il Percorso al Biometano

Il Percorso al Biometano www.biogasmax.eu Biogasmax Training 1 Il Percorso al Biometano STEFANO PROIETTI ISTITUTO DI STUDI PER L INTEGRAZIONE DEI SISTEMI Biogasmax Training 2 Struttura della presentazione Raccolta dei rifiuti;

Dettagli

DR. MICHAEL NIEDERBACHER BTS BIOGAS SRL. TSenergyGroup 2015 1

DR. MICHAEL NIEDERBACHER BTS BIOGAS SRL. TSenergyGroup 2015 1 DR. MICHAEL NIEDERBACHER BTS BIOGAS SRL TSenergyGroup 2015 1 Principi per la valorizzazione della biomassa Produzione di fertilizzante rinnovabile made in Italy Un problema (digestato) viene trasformato

Dettagli

Le principali tipologie di biomassa utilizzabili per la produzione di energia sono:

Le principali tipologie di biomassa utilizzabili per la produzione di energia sono: PascaleCave e Costruzioni S.r.l. Biomassa -Biogas Biomassa La Biomassa utilizzabile ai fini energetici consiste in tutti quei materiali organici che possono essere utilizzati direttamente come combustibili

Dettagli

Le indagini e i servizi di ARPA Veneto per la razionalizzazione della fertilizzazione

Le indagini e i servizi di ARPA Veneto per la razionalizzazione della fertilizzazione Le indagini e i servizi di ARPA Veneto per la razionalizzazione della fertilizzazione Paolo Giandon ARPAV - Servizio Suoli Riferimenti normativi Relazione fra pratiche agricole, in particolare fertilizzazione,

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

Caratterizzazione dei digestati da fermentazione anaerobica ai fini del corretto uso agronomico

Caratterizzazione dei digestati da fermentazione anaerobica ai fini del corretto uso agronomico Caratterizzazione dei digestati da fermentazione anaerobica ai fini del corretto uso agronomico Andrea Manfredini**, Marco Negri**, Giovanni Cabassi* **Dipartimento di Produzione Vegetale Sez. Agronomia

Dettagli

Scopo della concimazione è

Scopo della concimazione è PECIALE S DOSI, TIPOLOGIE DI CONCIMI E MODALITÀ DI SOMMINISTRAZIONE La concimazione azotata ideale dipende dall obiettivo produttivo È solo dopo aver definito quantità e qualità della produzione da ottenere

Dettagli

La sostanza organica

La sostanza organica La sostanza organica La frazione solida di un suolo comprende anche la componente organica. Il contenuto di sostanza organica in un suolo è molto variabile, in genere nell intervallo 0.5-10 %, (5% in media).

Dettagli

Digestato: criteri di valutazione per il riutilizzo in agricoltura, una proposta del Gruppo RICICLA del Di.Pro.Ve.

Digestato: criteri di valutazione per il riutilizzo in agricoltura, una proposta del Gruppo RICICLA del Di.Pro.Ve. GRUPPO RICICLA DI.PRO.VE. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Via Celoria, 2-20133 - MILANO (MI) Tel. +39 02 503 16545 Fax + 39 02 503 16521 - e-mail: fabrizio.adani@unimi.it Prof. Fabrizio Adani Milano 01/10/2009

Dettagli

Tecnologie innovative di trattamento di fanghi di depurazione per la produzione di ammendanti compostati misti

Tecnologie innovative di trattamento di fanghi di depurazione per la produzione di ammendanti compostati misti PROGRAMMA DI MASSIMA DELL ATTIVITA DI DOTTORATO DI RICERCA IN TECNOLOGIE CHIMICHE ED ENERGETICHE INQUINAMENTO E DEPURAZIONE DELL AMBIENTE XXIII CICLO Dottoranda: Titolo dell attività di dottorato di ricerca:

Dettagli

Dr. Agr. Guido Bezzi Resp. Area Agronomia CIB IL DIGESTATO: Quadro Normativo e Aspetti Tecnico-Economici

Dr. Agr. Guido Bezzi Resp. Area Agronomia CIB IL DIGESTATO: Quadro Normativo e Aspetti Tecnico-Economici Dr. Agr. Guido Bezzi Resp. Area Agronomia CIB IL DIGESTATO: Quadro Normativo e Aspetti Tecnico-Economici 11 INFOBIOGAS BTS - PalaExpo di Verona - 11 Marzo 2015 Il Consorzio Il CIB - Consorzio Italiano

Dettagli

Ammendante Compostato Misto

Ammendante Compostato Misto Ammendante Compostato Misto Cos è il Compost? Il Compost deriva da rifiuti, come buona parte dei fertilizzanti, dal letame alla farina di carne, dal cuoio idrolizzato al solfato ammonico. Il Compost non

Dettagli

1. Calcolo delle emissioni climalteranti nel settore trattamento rifiuti

1. Calcolo delle emissioni climalteranti nel settore trattamento rifiuti ALLEGATO B PAES Rosignano M.mo NB. I valori riportati nel presente documento sono espressi in termini di CO 2eq Il Covenant of Mayors tiene conto delle emissioni di CO 2 legate ai consumi energetici dei

Dettagli

Richiesta di interventi a favore della Sostenibilità delle Fonti di Energia Rinnovabile con particolare riferimento al Biogas.

Richiesta di interventi a favore della Sostenibilità delle Fonti di Energia Rinnovabile con particolare riferimento al Biogas. Richiesta di interventi a favore della Sostenibilità delle Fonti di Energia Rinnovabile con particolare riferimento al Biogas. PREMESSE Il ricorso alle Fonti di Energia Rinnovabile è una strada obbligata

Dettagli

PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO

PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO CLAUDIO COCOZZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI La digestione anaerobica è un processo biologico per mezzo del quale, in assenza di ossigeno, la sostanza organica

Dettagli

Per esemplificare qualche tipologia di biomassa, tra le più comuni, si possono citare:

Per esemplificare qualche tipologia di biomassa, tra le più comuni, si possono citare: DEFINIZIONE Si definisce biomassa qualsiasi sostanza di matrice organica, vegetale o animale, destinata a fini energetici o alla produzione di ammendante agricolo, e rappresenta una sofisticata forma di

Dettagli

Perché è importante l analisi del terreno?

Perché è importante l analisi del terreno? Perché è importante l analisi del terreno? Indice 1. Terreno e piante, uniti per la vita 2. Le proprietà fisiche del terreno 3. La composizione chimica del terreno 4. L analisi del terreno 1. Terreno e

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Produzione di energia termica P.8. Biomassa scarti organici P.8

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Produzione di energia termica P.8. Biomassa scarti organici P.8 Biomassa scarti organici 97 Situazione attuale Con il termine «scarti organici» ci si riferisce a sostanze di origine organica, animale o vegetale. È possibile classificare tali sostanze in funzione delle

Dettagli

PROSPETTIVE E COMPATIBILITA NELLA PRODUZIONE DI ENERGIA DA RESIDUI Asti, 5 marzo 2012 Prof. Ing GENON Giuseppe Ing PANEPINTO Deborah Forme di conversione energetica delle biomasse Conversione delle biomasse

Dettagli

Torino, 23 Marzo 2010 FILIPPO RANDAZZO

Torino, 23 Marzo 2010 FILIPPO RANDAZZO LA PRODUZIONE ENERGETICA DEL LEGNO tecnologie disponibili Torino, 23 Marzo 2010 FILIPPO RANDAZZO Sommario Tecnologie tradizionali Ciclo Rankine a vapore Ciclo Rankine a fluido organico (ORC) Motore Stirling

Dettagli

L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA. BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015

L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA. BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015 L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015 L utilizzo delle biomasse in chiave ecologica Vito Pignatelli ENEA - Dipartimento Tecnologie

Dettagli

Approvati i Piani di Sviluppo Rurale 2007-2013: novità per gli Ammendanti Compostati

Approvati i Piani di Sviluppo Rurale 2007-2013: novità per gli Ammendanti Compostati Approvati i Piani di Sviluppo Rurale 2007-2013: novità per gli Ammendanti Compostati Massimo Centemero, Werner Zanardi, Laura Bianconi Consorzio Italiano Compostatori Il Comitato sviluppo rurale della

Dettagli

Oggi dalle bioenergie, intese nel senso più ampio, ci si attende:

Oggi dalle bioenergie, intese nel senso più ampio, ci si attende: Oggi dalle bioenergie, intese nel senso più ampio, ci si attende: Una diminuzione della concentrazione dei gas ad effetto serra in atmosfera Una riduzione della dipendenza energetica dai combustibili importati

Dettagli

Scenari gestionali per il digestato equiparabile ai concimi minerali

Scenari gestionali per il digestato equiparabile ai concimi minerali Scenari gestionali per il digestato equiparabile ai concimi minerali 4 dicembre 2014 - Carpaneta Silvia R. Motta - ERSAF IMPIANTI DI BIOGAS IN LOMBARDIA 2014 380 impianti 290 Mwe 250 Separatori solido

Dettagli

Gestione e valorizzazione dei reflui zootecnici

Gestione e valorizzazione dei reflui zootecnici Gestione e valorizzazione dei reflui zootecnici P. BALSARI, E. Dinuccio Università degli Studi di Torino D.I.S.A.F.A - Meccanica Agraria e-mail: paolo.balsari@unito.it Il patrimonio zootecnico italiano

Dettagli

Scheda 4. «Agricoltura e Agroenergie» AGRICOLTURA SOSTENIBILE E GREEN ECONOMY. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4. «Agricoltura e Agroenergie» AGRICOLTURA SOSTENIBILE E GREEN ECONOMY. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Agricoltura e Agroenergie» AGRICOLTURA SOSTENIBILE E GREEN ECONOMY GREEN JOBS Formazione e Orientamento In una visione di green economy, l agricoltura sostenibile integra le risorse naturali

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 4 5 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

PTI Distretto delle Valli Olimpiche, del Pinerolese e della Val Sangone

PTI Distretto delle Valli Olimpiche, del Pinerolese e della Val Sangone [B1.3.2] Indagine pilota per la realizzazione di piccoli impianti modulari a basso costo per la gestione anaerobica dei reflui e produzione di biogas per centrali termiche aziendali REGIONE PIEMONTE BANDO

Dettagli

Cagliari 12 Marzo 2009. Laboratorio Biomasse labbiomasse@sardegnaricerche.it

Cagliari 12 Marzo 2009. Laboratorio Biomasse labbiomasse@sardegnaricerche.it Dessì Alessandro Cagliari 12 Marzo 2009 Laboratorio Biomasse labbiomasse@sardegnaricerche.it IL LABORATORIO BIOMASSE E BIOCOMBUSTIBILI Il laboratorio è stato realizzato nell ambito del Cluster Tecnologico

Dettagli

Il digestato: aspetti tecnici e normativa

Il digestato: aspetti tecnici e normativa tecnici e normativa USO DEL DIGESTATO PER IL MANTENIMENTO DELLA FERTILITÀ DEI TERRENI Paolo Mantovi Centro Ricerche Produzioni Animali Giovedì 14 Marzo 2013 - Ore 14,00 Sala Convegni Azienda Sperimentale

Dettagli

Fertilizzazione con digestato da effluenti suini: aspetti agronomici ed igienico sanitari

Fertilizzazione con digestato da effluenti suini: aspetti agronomici ed igienico sanitari Seminario tecnico Fertilizzazione con digestato da effluenti suini: aspetti agronomici ed igienico sanitari Allevamento suinicolo sostenibile Monticelli Terme (PR), 9 settembre 2015 Lorella Rossi, Centro

Dettagli

: Produzione Energia Elettrica da Biomassa : Società Agricole/ Industriali : Remo Uccellari

: Produzione Energia Elettrica da Biomassa : Società Agricole/ Industriali : Remo Uccellari Progetto Società Relatore : Produzione Energia Elettrica da Biomassa : Società Agricole/ Industriali : Remo Uccellari INTRODUZIONE Nelle pagine successive verranno velocemente illustrate le caratteristiche

Dettagli

Giornate zootecniche di Fossano APS. 5 Aprile 2008. Azoto e dieta

Giornate zootecniche di Fossano APS. 5 Aprile 2008. Azoto e dieta Giornate zootecniche di Fossano APS 5 Aprile 2008 Tecnologie disponibili per il trattamento e la gestione degli effluenti zootecnici Claudio Fabbri Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia, www.crpa.it

Dettagli

Sicurezza e recupero delle biomasse nel processo di potatura meccanizzata dei noccioleti

Sicurezza e recupero delle biomasse nel processo di potatura meccanizzata dei noccioleti Centro Studi e Ricerche sul Nocciolo e Castagno Sicurezza e recupero delle biomasse nel processo di potatura meccanizzata dei noccioleti Prof. Ing. Danilo Monarca monarca@unitus.it Giornata di Studio INNOVAZIONE

Dettagli

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente La gestione sostenibile dei rifiuti Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente Cenni sulla normativa Le prime direttive europee sui rifiuti risalgono alla seconda metà degli anni 70 1975:

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI Negli ultimi anni in Italia sono stati costruiti diversi impianti funzionanti a biomasse (biogas). BIOMASSE: in base all art. 2 del D.Lgs 387/2003

Dettagli

2. BENEFICI AMBIENTALI NELL UTILIZZO DEL COMPOST

2. BENEFICI AMBIENTALI NELL UTILIZZO DEL COMPOST 2. BENEFICI AMBIENTALI NELL UTILIZZO DEL COMPOST L impiego del compost può fornire un contributo significativo nel fronteggiare le sfide poste oggi al settore agricolo, di cui si pone sempre in maggior

Dettagli

La determinazione del ph

La determinazione del ph La determinazione del ph Claudio Marzadori, Claudio Ciavatta Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali (DiSTA) Università di Bologna Bologna 31/03/2011 La revisione dei metodi ufficiali di analisi

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI 8. SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE

Dettagli

I film plastici in agricoltura tra opportunità e criticità

I film plastici in agricoltura tra opportunità e criticità Giacomo Scarascia Mugnozza Dipartimento di Progettazione e Gestione dei Sistemi Agro-zootecnici e Forestali Università di Bari I film plastici in agricoltura tra opportunità e criticità Bologna 12 Novembre

Dettagli

Produzione efficiente di biogas da digestione anaerobica di matrici agroalimentari: attuale in Piemonte e indicazioni di sviluppo razionale

Produzione efficiente di biogas da digestione anaerobica di matrici agroalimentari: attuale in Piemonte e indicazioni di sviluppo razionale Produzione efficiente di biogas da digestione anaerobica di matrici agroalimentari: quadro attuale in Piemonte e indicazioni di sviluppo razionale P. Balsari, F. Gioelli Facoltà di Agraria, Università

Dettagli

La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema da latte: azienda, stalla, campi

La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema da latte: azienda, stalla, campi NITROGEN MANAGEMENT OPTIMISATION Gestione dell azoto in conformità alla Direttiva Nitrati Paolo Mantovi Convegno internazionale Reggio Emilia, 14 set 2007 La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema

Dettagli

Il Comune di Predazzo da anni è impegnato nella promozione e realizzazione di impianti di produzione energetica derivanti dalle energie rinnovabili.

Il Comune di Predazzo da anni è impegnato nella promozione e realizzazione di impianti di produzione energetica derivanti dalle energie rinnovabili. Il Comune di Predazzo da anni è impegnato nella promozione e realizzazione di impianti di produzione energetica derivanti dalle energie rinnovabili. Per creare una sensibilità e maggior conoscenza di questa

Dettagli

ecofarm Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda

ecofarm Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda Domino Come funziona un impianto biogas Il biogas si ottiene dalla fermentazione anaerobica di biomasse

Dettagli

Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria

Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Meccanica Corso di Tecnologie di Chimica Applicata LA CORROSIONE Nei terreni

Dettagli

ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST

ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della Provincia di Roma Roma, 20.09.2011

Dettagli

Energia dalle biomasse

Energia dalle biomasse Energia dalle biomasse Cosa si intende per biomassa? Si definisce biomassa qualsiasi sostanza di matrice organica, vegetale o animale, che non ha subito alcun processo di fossilizzazione, utilizzata per:

Dettagli

QUADERNO N. 2 IMPIANTI BIOGAS GUIDA TECNICA LA BIOLOGIA DEGLI IMPIANTI. Agosto 2011. Rev. 1.01 Dr. F. Appendino

QUADERNO N. 2 IMPIANTI BIOGAS GUIDA TECNICA LA BIOLOGIA DEGLI IMPIANTI. Agosto 2011. Rev. 1.01 Dr. F. Appendino QUADERNO N. 2 IMPIANTI BIOGAS GUIDA TECNICA LA BIOLOGIA DEGLI IMPIANTI Agosto 2011 Rev. 1.01 Dr. F. Appendino Consorzio Monviso Agroenergia Via del Gibuti, 1 10064 - Pinerolo (TO) Tel 0121/325901 - Fax

Dettagli

LA SOSTENIBILITÀ IN AGRICOLTURA E I CRITERI PER LA PRODUZIONE DI BIOCARBURANTI

LA SOSTENIBILITÀ IN AGRICOLTURA E I CRITERI PER LA PRODUZIONE DI BIOCARBURANTI LA SOSTENIBILITÀ IN AGRICOLTURA E I CRITERI PER LA PRODUZIONE DI BIOCARBURANTI Bilanci ambientali in agricoltura e modelli di certificazione Cremona 15 marzo 2012 Lorenzo D Avino Luca Lazzeri Centro di

Dettagli

Lo sviluppo del biometano e la strategia di decarbonizzazione in Italia

Lo sviluppo del biometano e la strategia di decarbonizzazione in Italia Il ruolo fondamentale del biometano nella transizione energetica italiana Il Consorzio Italiano Biogas, Snam S.p.A. e la Confagricoltura condividono la visione di un ruolo fondamentale per il biometano

Dettagli

I rifiuti organici: una fonte "rinnovabile" di energia chimica per l'agricoltura e di efficienza nel ciclo di produzione degli alimenti

I rifiuti organici: una fonte rinnovabile di energia chimica per l'agricoltura e di efficienza nel ciclo di produzione degli alimenti I rifiuti organici: una fonte "rinnovabile" di energia chimica per l'agricoltura e di efficienza nel ciclo di produzione degli alimenti DIBAF Dipartimento/per/l Innovazione/nei/sistemi/ Biologici,/Agroalimentari/e/Forestali

Dettagli

LA DETERMINAZIONE DELLA STABILITÀ MEDIANTE INDICE DI RESPIRAZIONE IN MATRICI ORGANICHE SOGGETTE A TRATTAMENTO BIOLOGICO E COMPOSTAGGIO

LA DETERMINAZIONE DELLA STABILITÀ MEDIANTE INDICE DI RESPIRAZIONE IN MATRICI ORGANICHE SOGGETTE A TRATTAMENTO BIOLOGICO E COMPOSTAGGIO CONSORZIO ITALIANO COMPOSTATORI GRUPPO DI LAVORO FOS E STABILITÀ LA DETERMINAZIONE DELLA STABILITÀ MEDIANTE INDICE DI RESPIRAZIONE IN MATRICI ORGANICHE SOGGETTE A TRATTAMENTO BIOLOGICO E COMPOSTAGGIO 1.

Dettagli

tecnologia che migliora il mondo

tecnologia che migliora il mondo tecnologia che migliora il mondo Company profile AURORA energy solution è l unione di due società la AURORA INVEST Srl e ICMEA Srl società di ingegneria dedicata alla progettazione e realizzazione di

Dettagli

Pensa verd. Pensa verde. Informativa per la centrale a biomasse Castiglione d Orcia

Pensa verd. Pensa verde. Informativa per la centrale a biomasse Castiglione d Orcia Pensa verd verde Pensa verde Informativa per la centrale a biomasse biomasse di di Castiglione d Orcia La provincia pensa verde Pensare verde. Sono queste le parole chiave che negli ultimi anni caratterizzano

Dettagli

Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti

Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti Alessandro Ragazzoni Dipartimento di Scienze Agrarie (Dip.S.A.) Università di Bologna Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti Giovedì

Dettagli

Biogas, l importanza di una buona codigestione

Biogas, l importanza di una buona codigestione Workshop Rassegna suinicola di Cremona - Italpig 19 edizione Claudio Fabbri, Mirco Garuti Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia 30 Ottobre 2015 Centro Ricerche Produzioni Animali C.R.P.A. S.p.A.

Dettagli

Il bilancio della CO 2

Il bilancio della CO 2 Biomassa La biomassa utilizzabile ai fini energetici consiste in tutti quei materiali organici che possono essere utilizzati direttamente come combustibili ovvero trasformati in altre sostanze (solide,

Dettagli

Bioraffinerie. Riciclaggio dei rifiuti organici. Produzione di biocarburanti. Chimica verde. Energia rinnovabile. Uso sostenibile del suolo.

Bioraffinerie. Riciclaggio dei rifiuti organici. Produzione di biocarburanti. Chimica verde. Energia rinnovabile. Uso sostenibile del suolo. Acronimo: Titolo: Sommario: Settore: Area di mercato: Attuatore: Tipo impresa Localizzazione BIO-RECODING BIO-REFINERY FOR COMPOST, DIESEL AND NATURAL GAS AND OTHER GREEN CHEMICALS FROM BIOWASTE Il progetto

Dettagli

BIOMASSA: Aspetti chimico-fisici della combustione delle biomasse. Riccardo Ceccato. Dipartimento di Ingegneria Industriale Università di Trento

BIOMASSA: Aspetti chimico-fisici della combustione delle biomasse. Riccardo Ceccato. Dipartimento di Ingegneria Industriale Università di Trento BIOMASSA: OPPORTUNITA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE? VENERDI 5 GIUGNO 2015 TAIO (TN), SALA CONVEGNI C.O.CE.A. Aspetti chimico-fisici della combustione delle biomasse Riccardo Ceccato Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Power Syn. Impianto di cogenerazione a biomassa per produzione di energia da fonti rinnovabili. da 199 a 999 kwe

Power Syn. Impianto di cogenerazione a biomassa per produzione di energia da fonti rinnovabili. da 199 a 999 kwe Power Syn Impianto di cogenerazione a biomassa per produzione di energia da fonti rinnovabili da 199 a 999 kwe INTRODUZIONE La gassificazione è un processo di conversione termochimica di una massa organica

Dettagli