Effetti di differenti livelli di fertilizzazione azotata sulla risposta produttiva e qualitativa in una coltura di tabacco Burley di tipo aromatico.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Effetti di differenti livelli di fertilizzazione azotata sulla risposta produttiva e qualitativa in una coltura di tabacco Burley di tipo aromatico."

Transcript

1 concimazione4.qxd 25/03/ Pagina 19 Effetti di differenti livelli di fertilizzazione azotata sulla risposta produttiva e qualitativa in una coltura di tabacco Burley di tipo aromatico. Eugenio Cozzolino Riassunto Una prova di fertilizzazione azotata è stata effettuata negli anni in un esperimento di campo con tre livelli di somministrazione(n0, N100, N200 unità per ettaro) allo scopo di valutare gli effetti sulla produttività e principalmente sulla qualità del prodotto curato. La fertilizzazione azotata sino alla dose massima ha migliorato la resa della coltura mentre relativamente alla qualità sono risultate migliorate le caratteristiche estrinseche e l'indice di qualità ed al contrario peggiorate la combustibilità ed il potere di riempimento. Dal punto di vista delle caratteristiche chimiche nessun effetto della concimazione è emerso per l'azoto totale e gli alcaloidi mentre per entrambi i parametri si è avuto per le corone fogliari. Per i nitrati la dose N100 ha manifestato una concentrazione significativamente inferiore sia ad N0 che ad N200 mentre nessun effetto si è avuto per le corone fogliari anche se presente una tendenza a diminuire dalla basali alle apicali. Abstract. Effects of various levels of nitrogenus fertilizing on the productive ano qualitative result in the cultivation of aromatic burley tobacco. A test of nitrogenous fertilization was made in in a field experiment with 3 level of supply (N0, N100, N200 unity per hectare) so as to evaluate the effects on productivity and first of all on the quality of the treated product. Nitrogenous fertilization up the maximum dose improved the yield while, as a regards quality, the outer characteristics were improved and the quality, while combustibility and filling were worsened. As for the chemical characteristics, no effect due to the fertilization emerged for the total nitrogen and the alkaloids, while for both parameters there were effects on the leaf crowns. As for nitrates, the N100 dose showed a concentration remarkably lower than N0 and N200, while there was no effect on the leafcrowns, though there was a tendency to decreasing from the base to the apical ones. Key words: burley tobacco, nitrogen fertilization, harvest date Premessa La tecnica della concimazione azotata del tabacco Burley rappresenta forse l'aspetto più critico della gestione della coltura. Infatti, l'eccesso di azoto che normalmente viene distribuito alle piante, in aziende caratterizzate nella maggior parte dei casi da suoli sciolti è da considerarsi negativo sia per la qualità del prodotto finale sia per l'effetto potenzialmente inquinante dell'ambiente. Eugenio Cozzolino, CTER Sezione per la Genetica, Istituto Sperimentale per il Tabacco, via P. Vitiello 108, Scafati (SA), Italia Razionalizzare e ridurre il consumo quasi sempre eccessivo dei fertilizzanti azotati nella coltivazione del tabacco risponde quindi a questa duplice esigenza di salvaguardia dell'ambiente come indicato anche dal Codice di Buona Pratica Agricola (Sequi e Benedetti, 1995) e di miglioramento della qualità del prodotto curato.una razionale coltivazione deve ottimizzare la gestione dell'azoto nel sistema suolo/pianta in presenza di colture agricole che si succedono e alle quali occorre assicurare un livello produttivo valido economicamente e sostenibile dal punto di vista ambientale, al fine di minimizzare le possibili perdite dell'elemento con le acque di ruscellamento e di drenaggio. Il Tabacco, 11, 2003: 19-27

2 concimazione4.qxd 25/03/ Pagina Il Tabacco, 11 Materiali e metodi La ricerca è stata condotta negli anni 2000/2001 nell'azienda dell'istituto Sperimentale per il Tabacco di Scafati (SA) su un suolo di origine vulcanica le cui caratteristiche sono riportate in tabella 1. E' stata utilizzata la cultivar C 104, ibrido maschiosterile di prima generazione, caratterizzato da una notevole precocità di sviluppo con circa 25 foglie di ampia paginatura e particolarmente adatto per l'ottenimento di un buon tabacco aromatico. Nel secondo anno la prova è stata ripetuta sullo stesso appezzamento rispettando la stessa disposizione parcellare dell'anno precedente. Ciò ha comportato la precessione colturale a tabacco in linea con l'uso tipico delle aree coltivate a Burley nella Regione Campania. L'esperimento ha previsto il confronto di tre livelli di concimazione azotata, e cioè un controllo non concimato (N0) e somministrazioni di 100 e 200 kg N ha -1 (N100 e N200) secondo uno schema sperimentale a blocchi randomizzati, con due ripetizioni. L'azoto è stato distribuito, in relazione alla buona dotazione del terreno, in una unica soluzione in copertura a circa 20 giorni dal trapianto come nitrato ammonico (26% di N). Il trapianto, in parcelle di 102 m2, è stato eseguito il 25 ed il 16 maggio nel 2000 e 2001, rispettivamente, con una densità di piante per ettaro. Per il trapianto sono state utilizzate piantine prodotte con la tecnica del float-system. Tenuto conto della buona dotazione naturale del terreno, non è stata effettuata alcuna concimazione fosfo-potassica in pre-trapianto. Il controllo dei parassiti è stato eseguito secondo le necessità durante l'intero ciclo colturale soddisfacendo sempre criteri di eco-sostenibilità. Le piante sono state irrigate con la restituzione dell'80% della quantità di acqua evapotraspirata della coltura. La scelta del livello di restituzione, inferiore al 100% è stata motivata dalla convenienza espressa in precedenti esperienze condotte nella stessa azienda e sempre su tabacco tipo Burley. La prova è stata effettuata adottando la tecnica colturale per la produzione di tabacco Burley di tipo americano(indicato come aromatico,viene utilizzato nelle miscele delle american blend fornendo aroma e corpo alle miscele), che prevede la cimatura, effettuata asportando l'infiorescenza insieme alle ultime foglie, poco sviluppate, in modo da conservare circa venti foglie utili. L'operazione è stata effettuata quando il 50% delle piante per ogni parcella presentava almeno un fiore aperto. Avendo tutte le parcelle in prova raggiunto lo stadio di fioritura pressoché contemporaneamente, la cimatura è stata effettuata in un'unica data sia nel 2000 che nel 2001, e cioè il 14 agosto e il 16 luglio, rispettivamente. Dopo la cimatura, è stato effettuato un trattamento chimico antigermogliante con un prodotto contattocida (p.c. Off-shoot a base di m-decanolo) effettuato somministrando 15 ml per pianta di una soluzione al 5% di principio attivo. Tab. 1. Caratteristiche fisiche e chimiche del terreno ad inizio sperimentazione.

3 concimazione4.qxd 25/03/ Pagina 21 Cozzolino Effetti concimazione azotata su Burley aromatico 21 Fig.1. Precipitazioni (mm) e temperature ( C) minime e massime mell anno 2000 e I simboli sono la somma (precipitazioni) e la media (temperature calcolate su base decennale). La raccolta è stata effettuata con tecnica mista: infatti le prime 3 foglie sono state raccolte a mano al viraggio, in data 7 agosto e 9 luglio nell'anno 2000 e nel 2001, mentre le altre sono state raccolte con l'intera pianta dopo circa 15 giorni dalla cimatura (il 31 e il 2 Agosto nel 2000 e 2001, rispettivamente). Alla raccolta, effettuata su un'area di 25m2 lasciata indisturbata al centro della parcella,le piante sono state recise al colletto e, dopo essere state infilzate su paletti di legno, sono state lasciate in campo per 24 ore per un preappassimento. Le piante sono state successivamente trasportate nel locale di cura ad aria, coperto con laminato plastico rigido e rete ombreggiante. La cura è durata 41 giorni nel 2000 e 36 nel Al termine di tale periodo è stata effettuata la sfogliettatura e la separazione del prodotto secondo i quattro palchi fogliari, e, quindi, determinata la produzione di foglie curate al 19% di umidità standard. Le foglie che erano state raccolte a mano sono state incluse nel computo della produzione in foglie curate, del numero di foglie per pianta e del peso medio delle foglie. Per quanto riguarda la qualità della produzione in foglie curate sono stati determinati: il potere di riempimento la combustibilità le caratteristiche estrinseche (sviluppo, tessuto, colore) l'indice di qualità,sulla base della classificazione secondo i gradi CEE (A, B, C e fuori grado) le caratteristiche intrinseche (N totale, alcaloidi totali, nitrati) Dall'esame del decorso termopluviometrico(fig.1) relativo ai periodi di prova si rileva che in entrambi gli anni le temperature sono risultate favorevoli allo sviluppo della coltura e le precipitazioni particolarmente scarse.

4 concimazione4.qxd 25/03/ Pagina Il Tabacco, 11 Tab. 2 - Effetto dell anno di sperimentazione e della concimazione azotata sulla produzione in foglie curate e sulle sue componenti nei due anni di sperimentazione. La tabella dell'analisi della varianza (ANOVA) riporta la significatività dei trattamenti e della loro interazione. Le lettere differenti indicano la minima differenza significativa (MDS) a P < 0.05; P < 0.01 (lettere maiuscole); N0 = controllo non concimato; N100 = concimato con 100 kg N ha -1 ; N200 = concimato con 200 kg Risultati L'effetto dell'anno di sperimentazione e della concimazione azotata sulla produzione in foglie curate e sulle sue componenti (numero di foglie per pianta e peso medio delle foglie curate) ed i risultati dell'analisi della varianza per questi parametri, sono riportati in tabella 2.E' risultata significativa l'interazione anno x concimazione azotata per la produzione di foglie curate (t ha - 1)(tab. 2; fig. 2). In entrambi gli anni la concimazione azotata ha influenzato positivamente e significativamente la produzione in foglie curate con incrementi, rispetto al testimone non concimato, sempre crescenti all'aumentare delle dosi (100 e 200 kg N ha -1 ) anche se in modo più marcato nel Il numero di foglie per pianta non è risultato differente nei due anni di sperimentazione (tab. 2). Esso è aumentato, invece significativamente con la concimazione azotata a partire dalla dose 100 kg N ha -1. Gli ulteriori apporti non hanno migliorato la risposta per questo parametro. E' risultata significati- Fig.2. Effetto dei livelli di concimazione azotata ( N0, N100 e N200 kg/ha -1 ) sulla produzione in foglie curate nell'anno 2000 e nel La barra indica la minima differenza significativa (MDS) a P<0.01. Fig. 3. Effetto dei livelli di concimazione azotata ( N0, N100 e N200 kg/ha -1 ) sul peso medio delle foglie curate nell'anno 2000 e nel La barra indica la minima differenza significativa (MDS) a P<0.05.

5 concimazione4.qxd 25/03/ Pagina 23 Cozzolino Effetti concimazione azotata su Burley aromatico 23 Tab. 3 - Effetto dell anno di sperimentazione e della concimazione azotata sulla combustibilità, sulle caratteristiche qualitative (estrinseche ed indice di qualità), sul potere di riempimento delle foglie curate. La tabella dell'analisi della varianza (ANOVA) riporta la significatività dei trattamenti e della loro interazione. Le lettere differenti indicano la minima differenza significativa (MDS) a P < 0.05; P < 0.01 (lettere maiuscole); N0 = controllo non concimato; N100 = concimato con 100 kg N ha -1 ; N200 = concimato con 200 kg N ha -1. va l'interazione anno x concimazione azotata per il parametro peso medio delle foglie curate (tab. 2; fig. 3): l'effetto della concimazione nei due anni sul parametro peso medio delle foglie curate è risultato simile a quello discusso per la produzione in foglie curate con differenze tra i due anni più marcate rispetto a quelle discusse precedentemente. In tabella 3 sono riportati gli effetti dell'anno e dei trattamenti di concimazione azotata sulla combustibilità, sulle caratteristiche estrinseche, sull'indice di qualità e sul potere di riempimento del tabacco curato nonché i risultati dell'analisi della varianza per questi parametri. Nessuna differenza significativa tra gli anni è emersa per tutti i parametri ad eccezione del potere di riem- Fig. 4. Effetto dei livelli di concimazione azotata ( N0, N100 e N200 kg/ha -1 ) sul contenuto di azoto totale delle lamine delle tre corone fogliari (B= Basali; M=Mediane; A=Apicali) nell'anno 2000 e nel La barra indica la minima differenza significativa (MDS) a P<0.05. Fig. 5. Effetto dei livelli di concimazione azotata ( N0, N100 e N200 kg/ha -1 ) sul contenuto di azoto totale delle lamine curate delle tre corone fogliari (B=Basale; M=Mediana; A=Apicale) nell'anno 2000 e nel La barra indica la minima differenza significativa (MDS) a P<0.01.

6 concimazione4.qxd 25/03/ Pagina Il Tabacco, 11 Tabella 4 - Effetto dell anno di sperimentazione, della concimazione azotata e del palco fogliare sul contenuto percentuale di alcaloidi totali, nitrati ed azoto totale (% SS), del prodotto curato dei diversi palchi fogliari nei due anni di sperimentazione. La tabella dell'analisi della varianza (ANOVA) riporta la significatività dei trattamenti e della loro interazione. Le lettere differenti indicano la minima differenza significativa (MDS) a P < 0.05; P < 0.01 (lettere maiuscole); N0 = controllo non concimato; N100 = concimato con 100 kg N ha -1 ; N200 = concimato con 200 kg N ha -1 ; B = palco basale, M = palco mediano; A = palco apicale. pimento che è risultato significativamente superiore nel Per quanto riguarda l'effetto della concimazione, essa ha ridotto significativamente la combustibilità rispetto al testimone non concimato già alle dosi di 100 kg N ha -1. La valutazione soggettiva, effettuata da esperto E.T.I. per il giudizio sulle caratteristiche estrinseche del prodotto curato, è risultata migliorata dalla concimazione azotata. Infatti, come si evince dai dati in tabella 3, le votazioni attribuite ai tabacchi curati sono aumentate significativamente passando dal testimone, non concimato, al dosaggio massimo, con incrementi significativi anche in corrispondenza della dose intermedia. Allo stesso modo ha risposto l'indice di qualità. In tabella 4 sono riportati i risultati relativi ad alcune caratteristiche intrinseche del prodotto curato, in particolare, il contenuto di azoto totale, nitrati ed alcaloidi totali. Per quanto riguarda la concentrazione di azoto totale delle foglie curate, sono risultate significative le interazioni anno x palco fogliare (fig. 4) e concimazione azotata x palco fogliare (tab.4; fig.5). Dall'analisi della figura 4 è emerso che la concentrazione di azoto delle foglie curate è aumentata nei due anni di sperimentazione passando dalle foglie basali alle apicali. In tutti i palchi fogliari è infine risultato evidente l'effetto della concimazione azotata (fig. 5). Nessun effetto significativo è stato registrato per effetto della concimazione azotata

7 concimazione4.qxd 25/03/ Pagina 25 Cozzolino Effetti concimazione azotata su Burley aromatico 25 Discussione e conclusioni Fig. 6. Effetto dei livelli di concimazione azotata ( N0, N100 e N200 kg/ha -1 ) sul contenuto di alcaloidi totali delle lamine delle tre corone fogliari (B=Basali; M=Mediane; A=Apicali) nell'anno 2000 e nel La barra indica la minima differenza significativa (MDS) a P<0.05. sul contenuto di alcaloidi totali (tab.4). E' risultata invece significativa l'interazione anno x palco fogliare (fig. 6); nel 2000 il contenuto percentuale di alcaloidi è aumentato significativamente nelle foglie del palco mediano rispetto a quelle appartenenti al palco basale mentre un leggero decremento, anche se non significativo è stato registrato passando dalle foglie mediane alle apicali. Nel 2001, invece, il contenuto percentuale di alcaloidi nelle foglie curate è risultato sempre crescente a partire dalle foglie basali alle mediane e, quindi, alle apicali. Infine il contenuto di nitrati nel 2001 è risultato molto inferiore al quello registrato nel 2000 (0.564 vs %). In particolare la dose N 100, nei valori medi dei due anni, ha manifestato una concentrazione di nitrati significativamente inferiore sia al controllo non concimato sia alla dose di 200 kg N ha -1 (0.122 vs e 0.386% rispettivamente). Nessun effetto significativo è stato infine registrato nei diversi palchi fogliari anche se presente una tendenza alla diminuizione passando dalle foglie basali alle apicali. La concimazione azotata anche alla dose massima ha migliorato la risposta della coltura in termini quantitativi. Relativamente alla qualità, mentre per effetto della concimazione sono risultate migliorate le caratteristiche estrinseche e l'indice di qualità, sono risultate, al contrario,peggiorate sia la combustibilità che il potere di riempimento. Nessun effetto della concimazione è emerso per quel che riguarda gli alcaloidi e l'azoto totale mentre è risultato importante in entrambi i parametri l'effetto dei palchi fogliari. La risposta produttiva alla concimazione di questa prova è in accordo con quanto riportato da diversi autori (Mc Cants e Woltz, 1967; Mylomas at al., 1979; Link e Terril, 1982) che segnalano risposte favorevoli sino a dosi di circa kg N ha -1. Tuttavia, va detto che in alcuni ambienti e condizioni colturali, anche livelli superiori a quelli appena citati possono non influenzare negativamente la qualità (Castelli et al., 1990). Va tenuto presente, in ogni caso, che l'efficienza di assorbimento dell'n nel tabacco Burley (MacKown e Sutton., 1997) è sempre piuttosto bassa (45-50%), e mostra una tendenza a diminuire all'aumentare delle dosi distribuite con la concimazione. Il peggioramento della combustibilità e del potere di riempimento, registrato per effetto della concimazione azotata, è stato ampiamente dimostrato in letteratura per diversi tipi di tabacco ed in diversi ambienti ed è generalmente inversamente correlato al contenuto percentuale di N fogliare (Akehurst, 1981; Tso,1990). Nel caso in esame, il peggioramento della combustibilità e del potere di riempimento poiché la concimazione non ha prodotto incrementi nel contenuto di N fogliare, sembra essere conseguenza dell'incremento di consistenza del tessuto fogliare: infatti tale caratteristica è aumentata con le dosi di N ed ha determinato una buona valutazione merceologica, sulla base sia delle caratteristiche estrinseche, che dell'elevato indice di qualità. Una riduzione di combustibilità e

8 concimazione4.qxd 25/03/ Pagina Il Tabacco, 11 potere di riempimento, come quella registrata, risulta quindi più che compensata dal guadagno globale di qualità. La concimazione azotata adottata ha avuto un effetto migliorativo sul colore delle foglie curate.nella presente prova in realtà quello che è risultato alla valutazione soggettiva da esperto è stato un incremento al crescere delle dosi di azoto adottate del tono nocciola che attualmente è un parametro qualitativo molto ricercato dalle industrie manifatturiere per il tabacco tipo Burley. Dal punto di vista chimico, la composizione del tabacco curato è risultata abbastanza equilibrata grazie ad una concentrazione di azoto totale inferiore al 5% e di alcaloidi totali inferiori al 3%. Il tenore in N totale, come detto precedentemente, non è variato con la concimazione, contrariamente a quanto segnalato in letteratura (Castelli et al.,1990; Cuocolo et al.,1993). Esso è cresciuto dalle foglie della corona basale a quelle della corona apicale, analogamente a quanto riportato da altri autori (Castelli et al., 1990), a causa del maggiore sfruttamento delle foglie in posizione nodale bassa rispetto a quelle in posizione apicale. Tale risultato deriva quindi dalle complesse dinamiche delle relazioni source/sink durante la fase di maturazione delle foglie, tipiche della coltura di tabacco cimata e raccolta a pianta. Il contenuto in alcaloidi totali è risultato in generale piuttosto contenuto, con valori che non hanno mai superato il 2%. I modesti contenuti, ottenuti nella presente prova, sono presumibilmente il risultato del ridotto intervallo di tempo(15gg) che è intercorso tra la cimatura e la raccolta.tale scelta si è resa necessaria per evitare peggioramenti della qualità come dimostrato da precedenti esperienze in loco. La concimazione azotata ha prodotto incrementi, anche se non significativi, nel contenuto di alcaloidi totali delle foglie curate in accordo con quanto riportato in letteratura poiché è ormai accertata l'esistenza di una relazione positiva tra dosi di azoto e contenuto percentuale di alcaloidi del prodotto curato. Il contenuto di alcaloidi, infine, è risultato influenzato dal palco fogliare ed è aumentato passando dalle foglie in posizione basale a quelle in posizione apicale. Per quanto concerne il contenuto di nitrati nelle foglie curate, la riduzione anche se non significativa registrata passando dalle foglie basali alle apicali era attesa e, presumibilmente, è dovuta al maggiore irraggiamento a carico delle foglie superiori. Infatti, la presenza di luce è riportata come principale fattore di innesco dell'attività nitrato-reduttasica, prima fase dell'assimilazione metabolica dell'n minerale (Wakhloo e Staudt, 1988). In generale, la concentrazione in nitrati delle foglie curate è risultata piuttosto contenuta rispetto ai valori medi di 1.7% e fino al 2.5% max indicati per il Burley in letteratura. Nel caso della presente prova, si è verificata una riduzione del contenuto di nitrati(dati non pubblicati) nelle ultime 2 settimane del ciclo (in piena fase di maturazione) in tutti i trattamenti di concimazione ma molto più consistente nel livello intermedio. Il materiale portato alla cura ha presentato perciò, già in partenza, un basso tenore di nitrati; tale risultato è certamente confortante poiché queste sostanze rappresentano uno dei maggiori fattori di rischio del fumo, essendo stati riconosciuti fra i principali precursori delle sostanze mutagene del fumo di tabacco (Mizusaki et al., 1977; Tso, 1990). Bibliografia Akehurst B.C Tobacco, 2nd ed. (Tropical agricultural series). Logman Inc., New York, pp Castelli F., Miceli F., Piro F., Effetti delle modalità di raccolta e cura in tabacco (Nicotiana tabacum L.) "Burley" a differente fertilizzazione azotata e densità di popolamento. Riv. di Agron., 4, Cuocolo, L., Caruso, G., Postiglione, L., Effetti della cultivar, della concimazione azotata e dell'epoca di raccolta sulla produzione del tabacco Burley di tipo americano. Il tabacco, 1, Link L. A., Terril T. R., Influence of nitrogen and potassium fertilization on the yield, quality and chemical composition of burley tobacco. Tob. Int. 184,l 26-29

9 concimazione4.qxd 25/03/ Pagina 27 Cozzolino Effetti concimazione azotata su Burley aromatico 27 MacKown, C.T., Sutton, T.G., Recovery of fertilizer nitrogen applied to Burley tobacco. Agron. J. 89, Mc Cants C.B., Woltz W.G., Growth and mineral nutrition of tobacco. Adv. Agron., 19, Mylonas V. A., Athanasiadis V. N., Peraxis X. A., Effects of nitrogen and potassium on yield, value and chemical composition of burley tobacco. Co.Res.Ta. Agron. study group report, Mizusaki, S., Okamoto,H., Akiyama,A., Fukuhara,Y., Relation between chemical constituents of tobacco and mutagenic activity of sigarette smoke condensate. Mutat. Res. 48, Sequi, P., Benedetti, A., Guida alla lettura ed interpretazione del Codice di Buona Pratica Agricola per la protezione della acque dai nitrati. Ministero delle Risorse Agricole, Alimentari e Forestali, Collana progetto finalizzato PANDA, Quaderno n 2, Ed agricole, pp Tso, T.C., Production, physiology and biochemistry of tobacco plant. Ideals Inc., Beltsville, Maryland, USA. 753 p.

Crop value response of burley tobacco to N application timing and rate*

Crop value response of burley tobacco to N application timing and rate* Interlandi et al. Produzione di Barley a diverse dosi e modalità di concimazione N 51 Crop value response of burley tobacco to N application timing and rate* Giuseppe Interlandi, Maria Grazia Tremola,

Dettagli

Regione Emilia-Romagna - Disciplinari di produzione integrata 2016 Norme tecniche di coltura > Colture erbacee > FARRO

Regione Emilia-Romagna - Disciplinari di produzione integrata 2016 Norme tecniche di coltura > Colture erbacee > FARRO Regione Emilia-Romagna - Disciplinari di produzione integrata 2016 Norme tecniche di coltura > Colture erbacee > FARRO CAPITOLO DELLE NORME GENERALI Scelta dell'ambiente di coltivazione e vocazionalità

Dettagli

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ CILIEGIO Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura. SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

Dettagli

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine FERTILIZZAZIONE RISULTATI DI UNA SPERIMENTAZIONE BIENNALE SU 4 VARIETÀ Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine L azoto è fondamentale per arrivare a rese soddisfacenti nei frumenti

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Aspetti quantitativi e qualitativi della produzione di frumento duro in Campania. Annata agraria 2009-2010

Aspetti quantitativi e qualitativi della produzione di frumento duro in Campania. Annata agraria 2009-2010 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II AZIENDA AGRARIA TORRE LAMA Via G. Fortunato, 3 84092 BELLIZZI ITALY Tel/Fax.: +39 089 51110 Convenzione tra Pastificio Lucio Garofalo e Azienda Torre Lama Aspetti

Dettagli

Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady

Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady Pinna Massimo ( ) -Gamba Ursula ( ) -Spagnolo Sandra ( ) ( ) CRAB-Centro di Riferimento per l Agricoltura Biologica della Provincia

Dettagli

Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale

Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale Ambienti terrestri Ambienti costruiti = aree urbane, industriali, infrastrutture: aree ristrette, ma ad elevato consumo energetico e produttrici

Dettagli

Numero nove 7 marzo 2014

Numero nove 7 marzo 2014 Numero nove 7 marzo 2014 La situazione dei mercati mondiali dei cereali - prospettive 4 marzo 2014 Powered by Aretè s.r.l. In questo numero Mercati: le quotazioni nazionali dei principali prodotti agricoli

Dettagli

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento dossier FRUMENTO 2 I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento Aumentare la resa del frumento, e contemporaneamente anche la qualità, è possibile solo con una concimazione azotata continua

Dettagli

CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale)

CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale) CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale) Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

Le avversità delle piante ornamentali

Le avversità delle piante ornamentali Seminario Grottammare (AP) Le avversità delle piante ornamentali La gestione delle avversità in ambito urbano Luigi Delloste Per avversità ambientale si intende qualsiasi evento, sia di origine climatica

Dettagli

Lotta alle infestanti nella coltura del tabacco orientale

Lotta alle infestanti nella coltura del tabacco orientale Greco et al. Lotta alle infestanti dei tabacchi orientali 41 Lotta alle infestanti nella coltura del tabacco orientale Pasquale Greco, Giuseppe Manzi, Alfredo Blago Riassunto. Si riferiscono i risultati

Dettagli

AZIENDA SPERIMENTALE Vittorio Tadini Loc. Gariga - 29027 Podenzano Piacenza

AZIENDA SPERIMENTALE Vittorio Tadini Loc. Gariga - 29027 Podenzano Piacenza AZIENDA SPERIMENTALE Vittorio Tadini Loc. Gariga - 29027 Podenzano Piacenza CONFRONTO TRA DIVERSI SISTEMI IRRIGUI SU POMODORO DA INDUSTRIA ANNO 2006 Questa attività promossa dall Azienda Sperimentale V.

Dettagli

La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema da latte: azienda, stalla, campi

La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema da latte: azienda, stalla, campi NITROGEN MANAGEMENT OPTIMISATION Gestione dell azoto in conformità alla Direttiva Nitrati Paolo Mantovi Convegno internazionale Reggio Emilia, 14 set 2007 La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema

Dettagli

La coltivazione del pomodoro da

La coltivazione del pomodoro da UNA FORMA CHE TA RICUOTENDO UN BUON UCCEO COMMERCIALE celta delle varietà di pomodoro Cuor di Bue Alcune prove in Piemonte hanno messo a confronto qualità e produzioni dei nuovi ibridi della tipologia

Dettagli

Ammendante Compostato Misto

Ammendante Compostato Misto Ammendante Compostato Misto Cos è il Compost? Il Compost deriva da rifiuti, come buona parte dei fertilizzanti, dal letame alla farina di carne, dal cuoio idrolizzato al solfato ammonico. Il Compost non

Dettagli

Progetto Life+ UNIZEO: Convegno Finale 27 Marzo 2015 Scuole Salesiane Lombriasco

Progetto Life+ UNIZEO: Convegno Finale 27 Marzo 2015 Scuole Salesiane Lombriasco Progetto Life+ UNIZEO: Convegno Finale 27 Marzo 2015 Scuole Salesiane Lombriasco UNIZEO LIFE10ENV/IT/347 Progetto Life+ UNIZEO: Urea-based nitrogenous fertilizers coated with zeolite: reducing drastically

Dettagli

PORRO AUTUNNALE. introduzione

PORRO AUTUNNALE. introduzione porro autunnale introduzione PORRO AUTUNNALE A livello nazionale (ISTAT 2008) la coltivazione del porro incide su una superficie di circa 600 ha per una produzione complessiva superiore a 15.000 t. Il

Dettagli

Soia. (Glicine max (L.) Merr.)

Soia. (Glicine max (L.) Merr.) Soia (Glicine max (L.) Merr.) Soia (Glicine max (L.) Merr.) La soia è la più importante fonte vegetale di olio e di proteine per uso alimentare a livello mondiale In Italia la coltura della soia oggi è

Dettagli

Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini

Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini Scegliere concimi di elevata qualità ed efficienza La concimazione del vigneto e del frutteto riveste

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO di AGRARIA - SACEG Scheda tecnica triticale Dott. Giovanni Pruneddu Tecnica colturale triticale Tipi di triticale Fra le varietà disponibili sul mercato possiamo

Dettagli

POSSIBILITÀ DI DIFESA DI ROSMARINO, TIMO E SALVIA ALLEVATI IN VASO DA PATOGENI FUNGINI

POSSIBILITÀ DI DIFESA DI ROSMARINO, TIMO E SALVIA ALLEVATI IN VASO DA PATOGENI FUNGINI ATTI Giornate Fitopatologiche, 2012, 2,, 593-598 POSSIBILITÀ DI DIFESA DI ROSMARINO, TIMO E SALVIA ALLEVATI IN VASO DA PATOGENI FUNGINI A. MINUTO, A. BOGLIOLO, P. VINOTTI, C. BRUZZONE, E. DANI, G. DELFINO,

Dettagli

Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi Infrastrutturali per l Agricoltura

Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi Infrastrutturali per l Agricoltura Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi Infrastrutturali per l Agricoltura 1 Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi

Dettagli

Metodi di campionamento per l'analisi del terreno già investito a vigneto

Metodi di campionamento per l'analisi del terreno già investito a vigneto LA CONCIMAZIONE DI PRODUZIONE Per quanto riguarda i vigneti che sono già impiantati, è importante che il viticoltore proceda ad una razionalizzazione degli interventi fertilizzanti. Di norma, infatti,

Dettagli

Indagine sugli ipotetici effetti collaterali dell impiego di miscele di gibberelline

Indagine sugli ipotetici effetti collaterali dell impiego di miscele di gibberelline Indagine sugli ipotetici effetti collaterali dell impiego di miscele di gibberelline Daniele Demaria 1, Giuseppe Monge 1, Alessandro Bevilacqua 1, Graziano Vittone 1, Guglielmo Costa 2 1 CReSO Consorzio

Dettagli

Mais: impianto e tecnica colturale

Mais: impianto e tecnica colturale Mais: impianto e tecnica colturale Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Tipologie di ibridi 1 2 Impianto 3 3 Fertilizzazione 4 4 Cure colturali 4 5 Raccolta

Dettagli

Come ottenere valori costanti di ph nelle coltivazioni

Come ottenere valori costanti di ph nelle coltivazioni Come ottenere valori costanti di ph nelle coltivazioni Esistono numerose prove ed informazioni sulla calcitazione dei terricci a base di torba, che danno i consigli per la risoluzione di numerosi problemi

Dettagli

CAL FERT 1.2 Calcolatore del piano di concimazione delle colture ortive di pieno campo

CAL FERT 1.2 Calcolatore del piano di concimazione delle colture ortive di pieno campo Ministero delle Politiche Agricole e Forestali Conferenza delle regioni e delle provincie Autonome Regione Siciliana Assessorato Agricoltura e Foreste CAL FERT 1.2 Calcolatore del piano di concimazione

Dettagli

La statistica nella ricerca scientifica

La statistica nella ricerca scientifica La statistica nella ricerca scientifica Pubblicazione dei risultati Presentazione dei dati e la loro elaborazione devono seguire criteri universalmente validi Impossibile verifica dei risultati da parte

Dettagli

L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione

L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione TECNICA L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione Solo conoscendo le frazioni e le trasformazioni dell azoto organico nel terreno è possibile risparmiare, rispettare l ambiente e nutrire al

Dettagli

Mais ad alto investimento: l interfila ridotta funziona

Mais ad alto investimento: l interfila ridotta funziona SPECIALE MAIS SPERIMENTAZIONE DI 5 ANNI SU SCALA AZIENDALE Mais ad alto investimento: l interfila ridotta funziona Passando dal sistema di semina tradizionale del mais a quello innovativo, più di 10 piante/m²

Dettagli

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA Fertilizzazioni 17 aprile 2012 Introduzione Concimazione: apporto di elementi nutritivi direttamente utilizzabili dalla pianta fertilizzazione Ammendamento: apporto di sostanze

Dettagli

La semina. Numero di piante per unità di superficie. Resa

La semina. Numero di piante per unità di superficie. Resa La semina La semina è quell operazione con la quale il seme (medica, pomodoro ecc.) o il frutto (cereali, girasole ecc.) vengono immessi nel terreno allo scopo di ottenere la nascita delle piante che avvieranno

Dettagli

Indice PARTE PRIMA - L AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E LE PIANTE. www.edagricolescolastico.it EDAGRICOLE SCOLASTICO

Indice PARTE PRIMA - L AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E LE PIANTE. www.edagricolescolastico.it EDAGRICOLE SCOLASTICO Indice PARTE PRIMA - L AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E LE PIANTE Sezione 1 Strutture, attrezzature e strumenti a disposizione degli studenti MODULO 1 L azienda agraria dell Istituto 12 1.1 La visita aziendale

Dettagli

EFFETTI INDOTTI DAI CONCIMI ORGANICI GUANITO E PHENIX SULLO SVILUPPO DELLA RUCOLA (ERUCA SATIVA) IN AMBIENTE PROTETTO, CON PARTICOLARE ATTENZIONE

EFFETTI INDOTTI DAI CONCIMI ORGANICI GUANITO E PHENIX SULLO SVILUPPO DELLA RUCOLA (ERUCA SATIVA) IN AMBIENTE PROTETTO, CON PARTICOLARE ATTENZIONE EFFETTI INDOTTI DAI CONCIMI ORGANICI GUANITO E PHENIX SULLO SVILUPPO DELLA RUCOLA (ERUCA SATIVA) IN AMBIENTE PROTETTO, CON PARTICOLARE ATTENZIONE ALLA SALINITA DEL TERRENO OBIETTIVO DELLA PROVA Valutazione

Dettagli

ARPA Umbria, Faber s.r.l. Tecnologie Avanzate per l Ambiente di Napoli, Vekos s.r.l. di Vicenza.

ARPA Umbria, Faber s.r.l. Tecnologie Avanzate per l Ambiente di Napoli, Vekos s.r.l. di Vicenza. INTRODUZIONE > Molti degli usi dell acqua non sono struttivi della stessa ma soltanto moficativi delle sue caratteristiche fisiche, chimiche e microbiologiche e, pertanto, a valle tali usi si producono

Dettagli

Un analisi dell uso dell acqua nel vivaismo ornamentale e possibili strategie per una maggiore efficienza dell irrigazione e della fertilizzazione

Un analisi dell uso dell acqua nel vivaismo ornamentale e possibili strategie per una maggiore efficienza dell irrigazione e della fertilizzazione Seminario tecnico La razionalizzazione dell irrigazione e della fertilizzazione nel settore vivaisttico Ce. Spe. Vi., 5 giugno 2008 Un analisi dell uso dell acqua nel vivaismo ornamentale e possibili strategie

Dettagli

Approvati i Piani di Sviluppo Rurale 2007-2013: novità per gli Ammendanti Compostati

Approvati i Piani di Sviluppo Rurale 2007-2013: novità per gli Ammendanti Compostati Approvati i Piani di Sviluppo Rurale 2007-2013: novità per gli Ammendanti Compostati Massimo Centemero, Werner Zanardi, Laura Bianconi Consorzio Italiano Compostatori Il Comitato sviluppo rurale della

Dettagli

PRODUZIONI FORAGGERE. Coordinatore del progetto Gian Attilio Sacchi Via Celaria, 2, 20133 Milano (Italia) Tel.: 00000 E-mail:

PRODUZIONI FORAGGERE. Coordinatore del progetto Gian Attilio Sacchi Via Celaria, 2, 20133 Milano (Italia) Tel.: 00000 E-mail: PRODUZIONI FORAGGERE Titolo del progetto Piattaforma di biotecnologie verdi e di tecniche gestionali per un sistema agricolo ad elevata sostenibilità ambientale - BIOGESTECA Coordinatore del progetto Gian

Dettagli

POMODORO DA INDUSTRIA

POMODORO DA INDUSTRIA home >> schede tecniche colturali di sintesi >> Pomodoro da industria POMODORO DA INDUSTRIA ZONA DI RIFERIMENTO Nord- Italia ESIGENZE PEDOCLIMATICHE Nel Nord-Italia il pomodoro da industria si adatta a

Dettagli

4 Analisi del suolo e interpretazione dei risultati

4 Analisi del suolo e interpretazione dei risultati 4 Analisi del suolo e interpretazione dei risultati DBC 2009 19 Preparazione dei campioni Parametro da analizzare (elemento nutritivo o caratteristica del suolo) Mezzo / metodo d estrazione Rapporto tra

Dettagli

POMODORO cuore di bue

POMODORO cuore di bue POMODORO cuore di bue Indicazioni variet ali SCOPO DELLA PROVA Approfondire, mediante una verifica in diverse località, la valutazione dell attitudine commerciale di 8 di pomodoro da mensa a cuore di bue,

Dettagli

Bioenergie da colture oleaginose: sostenibilità e potenzialità di riduzione e sequestro di CO 2 nei suoli

Bioenergie da colture oleaginose: sostenibilità e potenzialità di riduzione e sequestro di CO 2 nei suoli PROGETTO BIOENERGIE Finanziamento MIPAAF Sottoprogetto Realizzazione di filiere dimostrative per biocarburanti Bioenergie da colture oleaginose: sostenibilità e potenzialità di riduzione e sequestro di

Dettagli

I contenuti della Fertilizzazione

I contenuti della Fertilizzazione Fertilizzazione I contenuti della Fertilizzazione I contenuti della Fertilizzazione Selezionando la voce Fertilizzazione dell Indice Generale di AGRIMEDIA si passa all indice visualizzato accanto. Con

Dettagli

CONFRONTO FRA IBRIDI DI MAIS IN PIEMONTE NEL 2010. Ricerca finanziata dalla Regione Piemonte

CONFRONTO FRA IBRIDI DI MAIS IN PIEMONTE NEL 2010. Ricerca finanziata dalla Regione Piemonte CONFRONTO FRA IBRIDI DI MAIS IN PIEMONTE NEL 2010 Ricerca finanziata dalla Regione Piemonte OBIETTIVI Ottenimento di risultati produttivi, agronomici e di qualità dei prodotti, in areali piemontesi rappresentativi

Dettagli

In uno scenario di aumento dei costi di beni e servizi

In uno scenario di aumento dei costi di beni e servizi SPERIMENTAZIONE IRRIGUA DI 6 ANNI IN UNA LOCALITÀ IN TOSCANA Costi irrigui a confronto tra pioggia e goccia su pomodoro Dalla prova su sei anni descritta in questo articolo si evidenzia una migliore risposta

Dettagli

CLASSE 12/A - CHIMICA AGRARIA. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi

CLASSE 12/A - CHIMICA AGRARIA. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 12/A - CHIMICA AGRARIA Programma d'esame CLASSE 12/A - CHIMICA AGRARIA Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 12/A - CHIMICA AGRARIA Programma d'esame Classe 12/A CHIMICA AGRARIA L'esame

Dettagli

Marchio di qualità con indicazione di origine. Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige. Disciplinare. per il settore.

Marchio di qualità con indicazione di origine. Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige. Disciplinare. per il settore. Marchio di qualità con indicazione di origine Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige Disciplinare per il settore Piccoli frutti Decreto del Direttore della Ripartizione Economia n. 7868 del 18.06.2015

Dettagli

Calcolo dell Impronta Idrica dell Azienda Mutti

Calcolo dell Impronta Idrica dell Azienda Mutti Calcolo dell Impronta Idrica dell Azienda Mutti Dr. Monia Santini Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici e Università degli Studi della Tuscia Risorse idriche e cambiamento climatico nel Mediterraneo

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee 12.9.2001 IT Gazzetta ufficiale delle Comunità europee L 242/17 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 28 agosto 2001 che stabilisce i criteri per l'assegnazione di un marchio comunitario di qualità ecologica

Dettagli

AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione

AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione Introduzione Megna A. Spada V. Manzini V. A.D.M. srl Agricultural Data Management Via Cairoli, 71 97100 RAGUSA (RG) Italy info@agronix.com adm@adm.it

Dettagli

UTILIZZO EFFICIENTE DEL DIGESTATO: MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI SULLA FERTILITÀ DEL TERRENO

UTILIZZO EFFICIENTE DEL DIGESTATO: MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI SULLA FERTILITÀ DEL TERRENO FERTILIZZAZIONE CON DIGESTATO UTILIZZO EFFICIENTE DEL DIGESTATO: MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI SULLA FERTILITÀ DEL TERRENO Manuela Rancati Matteo Piombino Pioneer Hi-Bred Italia. Quando si parla di digestione

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 Misura 10 Pagamenti agro climatico ambientali Sottomisura 10.1 Pagamenti per impegni agro climatico ambientali Tipo di operazione 10.1.2 Miglioramento della gestione

Dettagli

APPLICAZIONI PRATICHE SULLE SPECIE AGRARIE COLTURE ORTICOLE

APPLICAZIONI PRATICHE SULLE SPECIE AGRARIE COLTURE ORTICOLE APPLICAZIONI PRATICHE SULLE SPECIE AGRARIE COLTURE ORTICOLE Cipolla La sensibilità della cipolla nei confronti della disponibilità di acqua è notevole. Ciò è determinato dall apparato radicale che tende

Dettagli

Distribuito da FISSORE Agency Macchinari per la triturazione e il riciclaggio

Distribuito da FISSORE Agency Macchinari per la triturazione e il riciclaggio Distribuito da FISSORE Agency Macchinari per la triturazione e il riciclaggio Schema di una completa unità di produzione di fertilizzanti naturali in 24 ore, composta da 5 bioreattori in linea I residui

Dettagli

Corso di Studio Magistrale in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio

Corso di Studio Magistrale in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TECHNICAL UNIVERSITY OF HAMBURG-HARBURG Corso di Studio Magistrale in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, EDILE E AMBIENTALE

Dettagli

Le indagini e i servizi di ARPA Veneto per la razionalizzazione della fertilizzazione

Le indagini e i servizi di ARPA Veneto per la razionalizzazione della fertilizzazione Le indagini e i servizi di ARPA Veneto per la razionalizzazione della fertilizzazione Paolo Giandon ARPAV - Servizio Suoli Riferimenti normativi Relazione fra pratiche agricole, in particolare fertilizzazione,

Dettagli

Confronto fra ibridi di mais in Piemonte nel 2012

Confronto fra ibridi di mais in Piemonte nel 2012 Confronto fra ibridi di mais in Piemonte nel 2012 Ricerca Finanziata dalla Regione Piemonte Carlo Ferrero, Andrea Pilati - Capac Soc, Coop. Agr. Roberta Pons - Cooperativa Agrovalli S. C. Nel 2012, nonostante

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

COLTIVAZIONI*OUT,*GROUND*!!! In!agricoltura!si!è!alla!ricerca!di!sistemi!di!coltivazioni!che!consentono!di!ottenere!prodotti! migliori!ottimizzando!

COLTIVAZIONI*OUT,*GROUND*!!! In!agricoltura!si!è!alla!ricerca!di!sistemi!di!coltivazioni!che!consentono!di!ottenere!prodotti! migliori!ottimizzando! COLTIVAZIONI*OUT,*GROUND* Inagricolturasièallaricercadisistemidicoltivazionicheconsentonodiottenereprodotti miglioriottimizzandol utilizzodelsuoloel usodisostanzechimiche. Lacoltivazioneinsuoloèilmetodopiùanticoeduniversalmenteritenutoilmiglioreper

Dettagli

SPERIMENTAZIONE 2014

SPERIMENTAZIONE 2014 Via Cuneo, 17-12030 CAVALLERMAGGIORE (CN) Tel. +39.0172.381066 - Fax +39.0172.382722 E-mail: amministrazione@medilabor.com P. I.V.A. 00280370040 - Cod.Fisc. DROCRL39A20A629K SPERIMENTAZIONE 2014 La sperimentazione

Dettagli

ACQUA, ARIA E TERRENO

ACQUA, ARIA E TERRENO ACQUA, ARIA E TERRENO PREMESSA Gli impianti d irrigazione a goccia svolgono un ruolo fondamentale negli apporti irrigui alle colture. Se utilizzato correttamente permette un sano sviluppo della pianta

Dettagli

NOVITà NATURAL POWER

NOVITà NATURAL POWER NOVITà per il florovivaismo NATURAL POWER Il nuovo fertilizzante biostimolante naturale e sicuro in ogni aspetto. Hicure aiuta a ridurre lo stress abiotico, migliora la qualità della pianta e ne aumenta

Dettagli

DIRETTIVE PER LA PRODUZIONE INTEGRATA DI UVA

DIRETTIVE PER LA PRODUZIONE INTEGRATA DI UVA 1 ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE PER IL CONTROLLO BIOLOGICO ED INTEGRATO DI ANIMALI E PIANTE NOCIVI DIRETTIVE PER LA PRODUZIONE INTEGRATA DI UVA III DIRETTIVA TECNICA IOBC 1999. 2nda Edizione (Testo originale

Dettagli

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Presentazione dei risultati del secondo biennio di attività Linee guida e disciplinari per la produzione di sementi biologiche D.ssa Alessandra Sommovigo

Dettagli

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA)

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) SEMINA su SODO CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) Il presente caso studio è stato sviluppato da AIPAS nell ambito di un progetto europeo di educazione ambientale

Dettagli

Tabella 1 - Superfici investite a colza (ha) in Italia anni 2006-2009 (dati ISTAT)

Tabella 1 - Superfici investite a colza (ha) in Italia anni 2006-2009 (dati ISTAT) colture energetiche colza Confronto varietale 21 Negli ultimi anni in Italia e in Veneto si è osservata una progressiva diffusione della coltivazione di colza. A livello nazionale, infatti, le superfici

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA. DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA Marco Acutis Corso di studi in Produzione e Protezione delle Piante e dei Sistemi del Verde L acqua Fondamentale

Dettagli

Cereali: tecnica colturale del frumento

Cereali: tecnica colturale del frumento Cereali: tecnica colturale del frumento Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Tecnica d impianto Scelta varietale 1. Qualità e destinazione del prodotto

Dettagli

FOOD AND WATER FOR LIFE

FOOD AND WATER FOR LIFE FOOD AND WATER FOR LIFE 1.000.000.000 di persone soffrono la fame, la malnutrizione e la sete Milioni di persone soffrono per malattie associate al sovraalimentazione o per nutrizione di scarsa qualità

Dettagli

ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST

ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della Provincia di Roma Roma, 20.09.2011

Dettagli

ATTIVITA DIDATTICO - SPERIMENTALE NELLE CLASSI III B - IV B, SULLA CONCIMAZIONE AZOTATA DEI CEREALI AUTUNNO VERNINI.

ATTIVITA DIDATTICO - SPERIMENTALE NELLE CLASSI III B - IV B, SULLA CONCIMAZIONE AZOTATA DEI CEREALI AUTUNNO VERNINI. ATTIVITA DIDATTICO - SPERIMENTALE NELLE CLASSI III B - IV B, SULLA CONCIMAZIONE AZOTATA DEI CEREALI AUTUNNO VERNINI. Pagina1 LA PRIMA FASE: LA SEMINA E LA PRIMA CONCIMAZIONE La differenza tra le cariossidi

Dettagli

La Sovranità alimentare in Europa: necessità di riciclare gli elementi fertilizzanti contenuti nei raccolti

La Sovranità alimentare in Europa: necessità di riciclare gli elementi fertilizzanti contenuti nei raccolti La Sovranità alimentare in Europa: necessità di riciclare gli elementi fertilizzanti contenuti nei raccolti 5 th FORUM FOR THE FUTURE OF AGRICULTURE Meeting for Food & Environmental Challenge Resource

Dettagli

Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale

Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale Capofila: Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura

Dettagli

La contaminazione da nitrati delle acque

La contaminazione da nitrati delle acque Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l analisi dell Economia Agraria La contaminazione da nitrati delle acque Anna Benedetti Attività svolta presso il centro di Ricerca per lo Studio delle relazioni

Dettagli

Lombriasco, 27 marzo 2015 Convegno Finale Progetto Life+ UNIZEO

Lombriasco, 27 marzo 2015 Convegno Finale Progetto Life+ UNIZEO Life + UNIZEO: Progettazione delle prove agronomiche e risultati della sperimentazione S. Monaco, N. Sanino, C. Grignani Università di Torino - Dip. Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari Lombriasco,

Dettagli

IL TABACCO ENERGETICO Nuove prospettive di sfruttamento del tabacco. Novembre 2012

IL TABACCO ENERGETICO Nuove prospettive di sfruttamento del tabacco. Novembre 2012 IL TABACCO ENERGETICO Nuove prospettive di sfruttamento del tabacco Novembre 2012 Il tabacco come coltura alternativa! (N.Tabacum come coltura Fitodepurativa) Perché TABACCO grande versatilità elevata

Dettagli

Scopo della concimazione è

Scopo della concimazione è PECIALE S DOSI, TIPOLOGIE DI CONCIMI E MODALITÀ DI SOMMINISTRAZIONE La concimazione azotata ideale dipende dall obiettivo produttivo È solo dopo aver definito quantità e qualità della produzione da ottenere

Dettagli

Sicurezza Alimentare, Qualità dell Ambiente, Garanzia per la Salute

Sicurezza Alimentare, Qualità dell Ambiente, Garanzia per la Salute Sicurezza Alimentare, Qualità dell Ambiente, Garanzia per la Salute Il Biologico nella Ristorazione Collettiva Sabato 7 novembre 2009 Sala Botticelli Palazzo dei Congressi Roma EUR IL BIOLOGICO: REALI

Dettagli

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, PROTEZIONE CIVILE E TURISMO Settore Servizi alle Imprese Agricole GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO Laboratorio Regionale Analisi Terreni e Produzioni

Dettagli

Prove in campo CONCIMAZIONE E PACCIAMATURA DEGLI ORTAGGI. a cura di Carlo Cavalli

Prove in campo CONCIMAZIONE E PACCIAMATURA DEGLI ORTAGGI. a cura di Carlo Cavalli Centro istruzione Professionale Agricola Assistenza Tecnica della Confederazione italiana agricoltori piazza Caiazzo 3 20124 Milano tel. 02/ 6701083 66982569 - fax 02/66984935 e-mail cipa-at.lombardia@cia.it

Dettagli

NITRATI: RICERCA & APPLICAZIONE

NITRATI: RICERCA & APPLICAZIONE LA DIRETTIVA NITRATI: RICERCA & APPLICAZIONE NELLA PROVINCIA DI FERRARA La fertilizzazione azotata nei diversi terreni della provincia di Ferrara è un argomento complesso la cui trattazione tt spazia dalla

Dettagli

MIGLIORAMENTO DEI SISTEMI D IRRIGAZIONE E DELLE TECNICHE COLTURALI (2015-2018)

MIGLIORAMENTO DEI SISTEMI D IRRIGAZIONE E DELLE TECNICHE COLTURALI (2015-2018) Centro Trasferimento Tecnologico MIGLIORAMENTO DEI SISTEMI D IRRIGAZIONE E DELLE TECNICHE COLTURALI (2015-2018) Stefano Pedò Franco Michelotti Riva del Garda - 26 febbraio 2016 Premesse Premessa La riorganizzazione

Dettagli

Tecnologie innovative di trattamento di fanghi di depurazione per la produzione di ammendanti compostati misti

Tecnologie innovative di trattamento di fanghi di depurazione per la produzione di ammendanti compostati misti PROGRAMMA DI MASSIMA DELL ATTIVITA DI DOTTORATO DI RICERCA IN TECNOLOGIE CHIMICHE ED ENERGETICHE INQUINAMENTO E DEPURAZIONE DELL AMBIENTE XXIII CICLO Dottoranda: Titolo dell attività di dottorato di ricerca:

Dettagli

Disciplinare di Produzione SEDANO BIANCO DI SPERLONGA I.G.P. -Art 1- Denominazione e sua tutela

Disciplinare di Produzione SEDANO BIANCO DI SPERLONGA I.G.P. -Art 1- Denominazione e sua tutela Disciplinare di Produzione SEDANO BIANCO DI SPERLONGA I.G.P. -Art 1- Denominazione e sua tutela L indicazione Geografica Protetta (IGP) Sedano Bianco di Sperlonga è riservata esclusivamente al sedano ecotipo

Dettagli

Botrite e Sclerotinia: due crittogame delle orticole Raito (Salerno), 19 settembre 2013

Botrite e Sclerotinia: due crittogame delle orticole Raito (Salerno), 19 settembre 2013 Botrite e Sclerotinia: due crittogame delle orticole Raito (Salerno), 19 settembre 2013 Dott.ssa Flavia Grazia Tropiano Servizio Fitosanitario Regione Campania Le orticole in Campania in cifre Nel 2012

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA po p i l i F ri Alleg Zurla G ia Barbi er i nluca Luca 2^C a.s. 2013/2014 COS È LA BIODIVERSITÀ È LA VARIETÀ DI SPECIE ANIMALI E VEGETALI PRESENTI NELLA BIOSFERA PERCHÉ

Dettagli

IL RISO n 1 del 19 giugno 2015 STRATEGIE DI LOTTA ALLE INFESTANTI RESISTENTI AGLI ERBICIDI NELLE RISAIE LOMBARDE

IL RISO n 1 del 19 giugno 2015 STRATEGIE DI LOTTA ALLE INFESTANTI RESISTENTI AGLI ERBICIDI NELLE RISAIE LOMBARDE IL RISO n 1 del 19 giugno 2015 STRATEGIE DI LOTTA ALLE INFESTANTI RESISTENTI AGLI ERBICIDI NELLE RISAIE LOMBARDE Premessa Negli anni la riduzione di prodotti utilizzabili per il contenimento delle infestanti

Dettagli

Guida alla concimazione

Guida alla concimazione Guida alla concimazione OLIVO 1 PREMESSA La Guida alla Concimazione, di breve e semplice consultazione, scientificamente corretta, non vuole essere un strumento esaustivo per tutti i casi verificabili

Dettagli

Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile

Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile Gentile utente, grano.net e granoduro.net sono servizi web interattivi sviluppati da Horta e nati con la funzione di fornire supporti

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE EUROPEA DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE che concede una deroga richiesta dall Italia con riguardo alle regioni Emilia - Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto a norma della direttiva

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Polysulphate. un concime minerale granulare dalle caratteristiche nutritive uniche

Polysulphate. un concime minerale granulare dalle caratteristiche nutritive uniche Polysulphate un concime minerale granulare dalle caratteristiche nutritive uniche SOIL ASSOCIATION L origine di Polysulphate TM, un concime naturale, sostenibile, affidabile ICL è la prima azienda a estrarre

Dettagli

RISOLUZIONE OIV-VITI 469-2012

RISOLUZIONE OIV-VITI 469-2012 RISOLUZIONE OIV-VITI 469-2012 GUIDA OIV PER L APPLICAZIONE DEL STEMA HACCP (HAZARD ANALYS AND CRITICAL CONTROL POINTS - Analisi del rischio e dei punti critici di controllo) IN VITICOLTURA L ASSEMBLEA

Dettagli

IRRIMET. Manuale d Uso. Previsioni meteo e gestione dell irrigazione in un click. Gestire l irrigazione non è mai stato così facile!

IRRIMET. Manuale d Uso. Previsioni meteo e gestione dell irrigazione in un click. Gestire l irrigazione non è mai stato così facile! Previsioni meteo e gestione dell irrigazione in un click IRRIMET Gestire l irrigazione non è mai stato così facile! Il primo sistema che fornisce in tempo reale mappe dell irrigazione e previsioni meteo

Dettagli

AMPLIARE L USO DEI REFLUI ZOOTECNICI E POSSIBILE E CONVENIENTE

AMPLIARE L USO DEI REFLUI ZOOTECNICI E POSSIBILE E CONVENIENTE Monica Bassanino Direzione Agricoltura, Settore Sviluppo Agroindustriale Ricerca finanziata dalla Regione Piemonte AMPLIARE L USO DEI REFLUI ZOOTECNICI E POSSIBILE E CONVENIENTE Al progetto di ricerca,

Dettagli