LIVELLO STRATEGICO E TATTICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LIVELLO STRATEGICO E TATTICO"

Transcript

1 Corso di Laurea Triennale in INGEGNERIA GESTIONALE Anno Accademico 2012/13 Prof. Davide GIGLIO 1

2 ESEMPI DI PROBLEMI DECISIONALI LIVELLO STRATEGICO Capacity growth planning LIVELLO TATTICO Aggregate planning problem Inventory control Materials requirements planning (MRP) 2

3 CAPACITY GROWTH PLANNING Problema decisionale strategico a lungo termine La capacità di un impianto viene espressa in termini di: numero di pezzi/parti/prodotti che l impianto è in grado di produrre in un certo intervallo di tempo Il problema di espandere la capacità dell impianto (capacity growth planning problem) richiede la valutazione di numerosi fattori, tra cui: stima del pattern della domanda futura costi di costruzione, installazione e avvio di nuove facility adozione di nuove tecnologie strategie adottate dai competitor La prima decisione da prendere è se sia effettivamente conveniente procedere con la costruzione di nuove facility. Le alternative sono: raggiungimento della nuova capacità tramite l acquisto di pezzi/parti/ prodotti all esterno aggiornamento delle facility esistenti con nuove tecnologie 3

4 CARATTERISTICHE DEL MODELLO MAKE-OR-BUY DECISION PROBLEM L impianto può acquistare pezzi all esterno ad un prezzo (per unità) c 1 L impianto può produrre internamente tali pezzi ad un costo c 2 <c 1 (sempre per unità) Tuttavia, per poter produrre tali pezzi è necessario un investimento per l adeguamento o l espansione delle proprie strutture che ha un costo pari a K (in euro) Qual è la strategia che conviene adottare? Conviene acquistare all esterno o produrre internamente? Dipende al numero di pezzi che è necessario acquistare o produrre per raggiungere la capacità desiderata 4

5 Sia x MAKE-OR-BUY DECISION PROBLEM il numero di pezzi necessari per raggiungere la capacità desiderata Il costo di espansione nel caso di pezzi acquistati è c 1 x Il costo unitario di un pezzo acquistato è quantità di pezzi acquistati c 1, indipendentemente dalla Il costo di espansione nel caso di pezzi prodotti è K + c 2 x K Il costo unitario di un pezzo acquistato è x + c 2 Quest ultimo costo unitario diminuisce all aumentare del numero pezzi che vengono prodotti E evidente che al crescere di x risulti più conveniente produrre internamente piuttosto che acquistare all esterno x di 5

6 MAKE-OR-BUY DECISION PROBLEM COSTO COST-TO-BUY = c 1 x COST-TO-MAKE = K + c 2 x K QUANTITÀ BREAK-EVEN QUANTITY Determinazione della break-even quantity K + c 2 x = c 1 x x = K c 1 c 2 6

7 MAKE-OR-BUY DECISION PROBLEM Il modello make-or-buy è un modello estremamente semplificato che può essere utilizzato per un analisi di massima sulla possibilità di acquistare i pezzi all esterno invece che produrli internamente E un modello statico che non tiene conto di due aspetti fondamentali: la domanda varia nel tempo il valore dei soldi varia nel tempo Inoltre, potrebbe essere conveniente una soluzione intermedia in cui alcuni pezzi vengono comprati all esterno e altri vengono prodotti internamente a seguito di un espansione di capacità ridotta rispetto a quanto sarebbe necessario Le decisioni che riguardano le politiche di espansione della capacità devono essere prese in un contesto dinamico 7

8 CAPACITY GROWTH PLANNING Se si decide di procedere con la costruzione di nuove facility è necessario decidere quando costruire, dove costruire e quanto costruire Quando: è importante capire quando è necessario iniziare la costruzione delle nuove facilities sulla base dei lead time per la costruzione e sulla base della dinamica della domanda esterna Dove: la decisione su dove costruire nuove facility è complessa: potrebbe essere conveniente costruire vicino alle facility esistenti per ridurre i costi di trasferimento dei materiali dalle attuali alle nuove facility potrebbe invece essere conveniente delocalizzare le nuove facility in aree, anche geograficamente molto lontane, in cui vi sia un costo del lavoro minore o in cui vi siano degli incentivi fiscali Quanto: è necessario capire la dimensione esatta dell espansione: aggiungere troppa capacità potrebbe significare che parte di essa possa risultare non utilizzata in determinati intervalli di tempo aggiungere troppo poca capacità potrebbe significare non riuscire a soddisfare la domanda e quindi a doversi di nuovo espandere 8

9 POLITICA DI ESPANSIONE IN AMBIENTE DINAMICO Si supponga che la domanda aumenti linearmente nel tempo Risulta quindi necessario dovere espandere periodicamente l impianto in modo da adeguarsi alla nuova, più alta, domanda E pertanto fondamentale l adozione di una metodologia che consenta di determinare ogni quanto convenga espandere l impianto e con quale entità (in termini di nuovo volume di produzione) Sono possibili due diverse strategie / modelli di espansione: massimizzazione del soddisfacimento della domanda massimizzazione dell utilizzo 9

10 POLITICA DI ESPANSIONE IN AMBIENTE DINAMICO QUANTITÀ PEZZI xd DOMANDA IN AUMENTO (PENDENZA D ) QUANTITÀ PEZZI DOMANDA IN AUMENTO (PENDENZA D ) xd xd xd xd xd TEMPO TEMPO x x x Capacity LEADS Demand (la capacità sta davanti, cioè è superiore, alla domanda) x x x Capacity LAGS Demand (la capacità sta dietro, cioè è inferiore, alla domanda) 10

11 POLITICA DI ESPANSIONE IN AMBIENTE DINAMICO Nella politica di espansione capacity leads demand, il sistema viene espanso ogni x unità di tempo (anni) in modo da essere sempre in grado di soddisfare la domanda In questo modo si ottiene però un sistema sovradimensionato che ha costi dovuti alla non completa utilizzazione delle risorse produttive Un modello di questo tipo ha però il vantaggio di essere in grado di reagire facilmente a variazioni (in eccesso) della domanda (e può quindi acquisire, a seguito di tali variazioni, delle quote di mercato che i competitors non riescono a soddisfare) E necessario determinare il valore ottimo dell intervallo di tempo conseguenza, il valore ottimo dell entità dell espansione xd x e, di 11

12 POLITICA DI ESPANSIONE IN AMBIENTE DINAMICO Si considerino i seguenti valori: D : Incremento (costante) annuale della domanda x: Intervallo di tempo tra due espansioni successive r : Tasso di sconto annuale (con capitalizzazione composta continuamente, ovvero anatocismo o interessi sugli interessi ) Il tasso di sconto annuale si usa per determinare il valore attuale dei flussi di cassa futuri generati da un progetto di investimento valore attuale = costo del progetto f(y) : costo di apertura di un nuovo impianto di capacità con 0 <a<1, all aumentare della capacità diminuisce il costo unitario (economia di scala). Ad esempio, con a =0, 6 raddoppiare la capacità richiede un investimento di 1,52 volte, decuplicarla richiede un investimento di 3,98 volte k f(y) =ky a è una costante positiva di proporzionalità 0 <a<1 e rx y 12

13 POLITICA DI ESPANSIONE IN AMBIENTE DINAMICO Sia: C(x) il costo che si deve prevedere adesso per effettuare una espansione di capacità xd ogni x anni, da adesso fino all infinito, C(x) =f(xd) +e rx f(xd) +e 2rx f(xd) +e 3rx f(xd) +... = f(xd) 1+e rx +e 2rx +e 3rx +... = f(xd) 1 e rx Sostituendo il valore scelto per il costo di apertura di un nuovo impianto si ottiene: C(x) = k (xd)a 1 e rx 13

14 POLITICA DI ESPANSIONE IN AMBIENTE DINAMICO Il valore di x che minimizza C(x) si ottiene risolvendo d C(x) =0 dx d dx k (xd) a 1 e rx = k a(xd)a 1 D (1 e rx ) k (xd) a r e rx (1 e rx ) 2 =0 kad a x a 1 (1 e rx )=kx a D a r e rx a (1 a (e rx e rx )=xre rx 1) = xr Il valore di x che minimizza C(x) è quello che soddisfa la relazione e rx rx 1 = a 14

15 POLITICA DI ESPANSIONE IN AMBIENTE DINAMICO Essendo a un parametro è possibile determinare rx in base alla curva y illustrata in figura 2 1,5 y = rx e rx 1 Una volta noto rx si ricava immediatamente x (essendo anche r un parametro SI FISSA a ,5 rx -0,5 0 0,5 1 1,5 2 2,5 3 3,5 4-0,5...E SI TROVA rx 15

16 CAPACITY GROWTH PLANNING Il modello appena visto è alla base di metodologie più complesse Esso non tiene conto di alcuni aspetti particolari presenti nella realtà Le facility che vengono costruite non sono eterne (gli impianti possono venire chiusi perché obsoleti o per altri motivi legati alla convenienza economica) La crescita della domanda presenta un pattern più complesso rispetto al modello lineare considerato Gli sviluppi tecnologici consentiranno di ottenere più capacità a parità di investimenti Restrizioni normative, imposte dagli Stati, possono limitare la capacità I costi di overhead possono variare notevolmente nel tempo, rendendo quindi impossibile ottenere una certa capacità a parità di investimento Le decisioni relative alla costruzione di nuove facilities sono spesso influenzate da incentivi fiscali concessi dagli Stati 16

17 AGGREGATE PLANNING PROBLEM Problema decisionale tattico-strategico a medio-lungo termine A livello tattico-strategico è necessario determinare (in maniera macroscopica, facendo riferimento ad esempio ad intervalli temporali di settimane, mesi, quadrimestri): quanti pezzi produrre e/o comprare (se previsto l outsourcing) nei vari intervalli di tempo quanta mano d opera utilizzare nei vari intervalli di tempo per soddisfare (o tentare di soddisfare) una certa domanda (nota) del mercato. Questo è il problema della pianificazione aggregata della produzione La pianificazione aggregata della produzione si basa su una previsione della domanda che viene considerata deterministica Il risultato della pianificazione aggregata della produzione viene utilizzato per pianificare in maniera dettagliata la produzione e l acquisizione delle materie prime necessarie 17

18 AGGREGATE PLANNING PROBLEM GERARCHIA DELLE ATTIVITÀ DECISIONALI NELLA PIANIFICAZIONE DELLA PRODUZIONE PREVISIONE DELLA DOMANDA AGGREGATA (PER UN CERTO ORIZZONTE TEMPORALE) PIANIFICAZIONE AGGREGATA DELLA PRODUZIONE (DETERMINAZIONE DELLA PRODUZIONE E DELLA FORZA LAVORO NEGLI INTERVALLI DELL ORIZZONTE TEMPORALE) MASTER PRODUCTION SCHEDULE (MPS) (SPECIFICA DEI LIVELLI PRODUTTIVI PER TIPOLOGIA DI MATERIALI E PER OGNI INTERVALLO DI TEMPO) MATERIALS REQUIREMENTS PLANNING (MRP) (DETTAGLIO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE E DI ACQUISIZIONE MATERIALI IN OGNI INTERVALLO DI TEMPO) 18

19 AGGREGATE PLANNING PROBLEM Nella pianificazione aggregata della produzione è possibile adottare due diverse filosofie : variare frequentemente la dimensione della forza lavoro in modo da essere in grado di rispondere alla domanda del mercato in maniera la più precisa possibile VANTAGGIO: vengono minimizzati gli inventory (non è necessario produrre in anticipo per soddisfare future alte domande e non rimangono prodotti invenduti nei periodi di bassa domanda) SVANTAGGIO: forte insoddisfazione dei lavoratori (che sanno di poter essere licenziati nei periodi di bassa domanda e magari riassunti in seguito per affrontare periodi di alta domanda) mantenere la forza lavoro la più costante possibile in modo da minimizzare i disagi dovuti a frequenti assunzioni/licenziamenti SVANTAGGIO: alti costi di produzione e soprattutto di inventory (dovuti ai periodi caratterizzati da bassa domanda) La strategia migliore è una via di mezzo tra le due filosofie 19

20 AGGREGATE PLANNING PROBLEM PROBLEMATICHE CHE CARATTERIZZANO QUESTA TIPOLOGIA DI PROBLEMA Smoothing: si riferisce al disagio dovuto a frequenti cambiamenti del livello di produzione e della forza lavoro disagio per i frequenti licenziamenti: conseguenze sui lavoratori ma anche sull azienda la cui immagine pubblica viene impoverita disagio per le frequenti assunzioni: difficoltà nel reperire lavoratori qualificati (che non sono attratti da un azienda che assume/licenzia facilmente) Bottleneck: incapacità del sistema a soddisfare improvvisi cambiamenti della domanda a causa di limiti alla propria capacità produttiva si parla di bottleneck anche quando il limite della capacità produttiva è dovuto a guasti e rotture delle risorse fondamentali dell impianto 20

21 AGGREGATE PLANNING PROBLEM PROBLEMATICHE CHE CARATTERIZZANO QUESTA TIPOLOGIA DI PROBLEMA Orizzonte temporale: La scelta dell orizzonte temporale è fondamentale con orizzonti troppo brevi si rischia di pianificare una produzione che non consente di soddisfare le future domande con orizzonti troppo lunghi si rischia di pianificare la produzione sulla base di una domanda che non può essere così affidabile Gestione della domanda: nella pianificazione aggregata la domanda è considerata deterministica (cioè nota con certezza) questo fatto è da un lato irrealistico dall altro lato consente di modellare fluttuazioni stagionali e altri aspetti ciclici che caratterizzano la domanda (difficilmente rappresentabili con modelli stocastici) 21

22 COSTO DI SMOOTHING COSTI NELL AGGREGATE PLANNING PROBLEM si paga un costo per l aumento della forza lavoro che comprende le spese necessarie per la ricerca e l assunzione e di personale e i costi per l addestramento del nuovo personale si paga un costo per la diminuzione della forza lavoro che tiene conto della perdita di appeal dell azienda COSTO pendenza c F pendenza c H # DI LICENZIAMENTI F t # DI ASSUNZIONI H t 22

23 COSTI NELL AGGREGATE PLANNING PROBLEM COSTO DI INVENTORY / SHORTAGE si paga un costo di inventory (alla fine di ogni intervallo di tempo) proporzionale alla quantità di pezzi contenuta nei magazzini si paga un costo di shortage in presenza di inventory negativi (backlog della domanda e soddisfacimento di essa in futuro o perdita della domanda stessa) COSTO pendenza c I pendenza c P BACK ORDER INVENTORY POSITIVO 23

24 COSTO DI PRODUZIONE COSTI NELL AGGREGATE PLANNING PROBLEM si paga un costo per la produzione in orari regolari, che tiene conto dei costi di lavorazione dei materiali ma anche della paga ordinaria dei lavoratori si paga un costo per la produzione overtime che tiene conto sia dei costi per il pagamento degli straordinari sia dei costi per i subcontractor (che realizzano parte della produzione per conto dell azienda) 24

25 AGGREGATE PLANNING PROBLEM Il problema della pianificazione aggregata della produzione può essere formalizzato e risolto come un problema di programmazione matematica lineare La programmazione matematica lineare è una classe di problemi di ottimizzazione in cui: l obiettivo consiste nel determinare il valore di negative (variabili decisionali)... variabili reali non...che massimizzano o minimizzano una funzione lineare di tali variabili (funzione di costo o funzione obiettivo) e......che rispettano m vincoli lineari in tali variabili Il valore ottimo delle variabili decisionali ( soluzione ottima ) può essere determinato in maniera molto efficiente attraverso il metodo o algoritmo del simplesso Istanze molto gradi di un problema di programmazione matematica possono essere risolte (in poco tempo) facendo uso di specifici software n 25

26 PROBLEMI DI PROGRAMMAZIONE MATEMATICA LINEARI (ESEMPIO) max 100 x x 2 subject to x 1 apple 100 x 2 apple 120 x 1 +2x 2 apple 160 x 1 0 x 2 0 Esempio di soluzione non ammissibile: (viene violato il terzo vincolo) (x 1 = 100 ; x 2 = 100) Esempio di soluzione ammissibile non ottima: (x 1 = 50 ; x 2 = 50) (esistono altre soluzioni che forniscono valori più alti della funzione di costo) Soluzione ottima: (x 1 = 100 ; x 2 = 30) La soluzione ottima può essere determinata attraverso l algoritmo del simplesso 26

27 PROBLEMI DI PROGRAMMAZIONE MATEMATICA LINEARI (ESEMPIO) x 2 x1 apple 100 REGIONE DI AMMISSIBILITÀ x 1 +2x 2 apple 160 x 2 apple 160 (0, 80) (100, 30) x 1 (0, 0) (100, 0) 27

28 PROBLEMI DI PROGRAMMAZIONE MATEMATICA LINEARI (ESEMPIO) x x x 2 = c VALORE MASSIMO AMMISSIBILE DEL FUNZIONALE DI COSTO x 1 = 100 x 2 = 30 x 1 28

29 PARAMETRI DEL PROBLEMA AGGREGATE PLANNING PROBLEM costo unitario di assunzione costo unitario di licenziamento costo unitario di inventory costo unitario di produzione costo unitario incrementale per la produzione overtime costo unitario di non utilizzo delle risorse costo unitario di produzione tramite subcontractor DATI DEL PROBLEMA c H c F c I c R c O c U c S n t K I 0 W 0 D t numero di giorni produttivi nel periodo t numero di pezzi prodotti da un lavoratore in un giorno inventory iniziale forza lavoro iniziale previsione della domanda nel periodo t 29

30 VARIABILI DECISIONALI W t P t I t H t F t O t U t S t AGGREGATE PLANNING PROBLEM quantità di forza lavoro nel periodo t quantità di produzione nel periodo t livello di inventory alla fine del periodo t numero di lavoratori assunti nel periodo t numero di lavoratori licenziati nel periodo t numero di pezzi prodotti in overtime nel periodo t numero di pezzi non prodotti dovuti a lavoratori non utilizzati nel periodo t ( undertime ) numero di pezzi ottenuti da subcontractor nel periodo t se se P t >Kn t W t P t <Kn t W t O t = P t Kn t W t > 0 (U t = 0) U t = Kn t W t P t > 0 (O t = 0) 30

31 AGGREGATE PLANNING PROBLEM FUNZIONE DI COSTO min TX t=1 c H H t + c F F t + costo di smoothing +c I I t + costo di inventory +c R P t + c O O t + c U U t + c S S t costo di produzione subject to... 31

32 VINCOLI DEL PROBLEMA AGGREGATE PLANNING PROBLEM Vincolo di conservazione della forza lavoro W t = W t 1 + H t F t 1 apple t apple T Vincolo di conservazione del livello di inventory I t = I t 1 + P t + S t D t 1 apple t apple T Vincolo di conservazione della produzione P t = Kn t W t + O t U t 1 apple t apple T Vincoli di non negatività delle variabili decisionali W t,p t,i t,h t,f t,o t,u t,s t 0 1 apple t apple T Si noti che il fatto di aver considerato variabili decisionali reali invece che intere (come è in effetti nella realtà) è una grande semplificazione 32

33 AGGREGATE PLANNING PROBLEM ESTENSIONI AL MODELLO DI PROGRAMMAZIONE LINEARE Vincolo sulla quantità minima di pezzi nell inventory (per superare problemi dovuti all incertezza della domanda) I t B t 1 apple t apple T Vincolo sulla capacità produttiva P t apple C t 1 apple t apple T Inventory negativi (per gestire il backlog della domanda) I t = I + t I t, I + t 0, I t 0 1 apple t apple T in questo caso si può aggiungere nella funzione di costo il costo di shortage, ovvero Costi unitari più articolati (funzioni convesse lineari a tratti) 33

34 INVENTORY CONTROL Gli investimenti e i costi che vengono affrontati per la creazione e la gestione degli inventory sono molto elevati, soprattutto nel campo dei sistemi di produzione discreta Una gestione intelligente delle scorte può aumentare enormemente la competitività di un azienda Il problema che sta alla base della gestione degli inventory si può riassumere nei due seguenti quesiti: quando deve essere fatto un ordine? quanto materiale deve essere ordinato? A queste domande si può dare risposta adottando specifiche metodologie (da scegliere sulla base del particolare modello adottato) (cioè in base alle ipotesi fatte in relazione alla tipologia della domanda esterna, alla tipologia del funzionale di costo e alle assunzioni sulle caratteristiche fisiche del sistema) 34

35 INVENTORY CONTROL Le metodologie di gestione dell inventory sono comunque indipendenti sia dal tipo di materiale contenuto (materie prime, parti intermedie o prodotti finiti) che dal tipo di entità a cui vengono fatti gli ordini (fornitori esterni o reparti interni) In ogni caso si parla di: ordini esterni quando vengono ordinate materie prime (o parti intermedie) ad un fornitore esterno ordini interni quando vengono chieste parti intermedie o prodotti finiti ai reparti dell impianto che si occupano della produzione La necessità / convenienza di avere dell inventory è dovuta a numerosi fattori (spesso legati all economia), tra cui: economia di scala (producendo un numero elevato di pezzi, anche se non richiesti dalla domanda e quindi da immagazzinare e usare in seguito, vengono minimizzati i costi di setup) 35

36 INVENTORY CONTROL incertezza della domanda (l inventory accumulato può essere utilizzato nei periodi in cui la domanda effettiva risulta più alta di quella ipotizzata a priori), incertezza dei tempi di consegna e incertezza delle forniture (una certa classe di materie prime potrebbe essere carente per un certo intervallo di tempo) speculazioni (se il prezzo dei materiali da acquistare è destinato a salire può essere conveniente produrre il prima possibile) smoothing (avere un certo inventory consente di non dover aumentare la capacità produttiva in presenza di picchi di domanda) logistica (la gestione di sistemi logistici complessi si basa anche sull utilizzo di magazzini centralizzati localizzati in posizioni strategiche) costi di controllo (i costi per il controllo di un impianto sono minori nei sistemi in cui viene garantito un certo inventory) 36

37 INVENTORY CONTROL CARATTERISTICHE DEI MODELLI DI INVENTORY Tipologia della domanda: costante vs variabile nota (deterministica) vs incerta (stocastica) Tempo di consegna (lead time): è il tempo che passa da quando l ordine viene effettuato a quando le parti ordinate sono disponibili nell inventory Review time: continuous review (il livello di inventory è disponibile in ogni istante di tempo) vs periodic review (il livello di inventory è disponibile solamente in istanti discreti di tempo) Gestione della domanda non soddisfatta: la domanda che non è possibile soddisfare può essere soddisfatta in futuro oppure può essere considerata persa (sono anche possibili soluzioni intermedie) Deperibilità od obsolescenza dei materiali immagazzinati negli inventory 37

38 COSTI ASSOCIATI AGLI INVENTORY INVENTORY CONTROL Costo di inventory ( holding cost ), in genere proporzionale alla quantità ( livello ) di inventory Nella determinazione di tale costo si possono includere anche altri fattori tra cui i costi di installazione e gestione delle strutture fisiche (magazzini), tasse e assicurazioni, costi di deterioramento e obsolescenza, perdite dovute all impossibilità di fare investimenti alternativi LIVELLO DI INVENTORY C H = Z t2 t 1 I(t) dt COSTO DI INVENTORY t t 1 t 2 38

39 COSTI ASSOCIATI AGLI INVENTORY INVENTORY CONTROL Costo di ordine ( order cost ), che si compone in genere di una parte fissa e di una parte proporzionale alla quantità di materiali ordinati C O (x) = 0 if x =0 K + cx if x>0 COSTO DI ORDINE K x 39

40 COSTI ASSOCIATI AGLI INVENTORY INVENTORY CONTROL Costo di penalità ( shortage cost o stock-out cost ): è il costo che si paga quando non si ha sufficiente scorta di materiale e non è quindi possibile soddisfare la domanda La definizione di tale costo può includere diversi aspetti; in generale è più rilevante nei modelli in cui si assume che la domanda non soddisfatta sia persa rispetto a quelli in cui è previsto il back-ordering in cui la domanda non soddisfatta viene comunque recuperata più avanti Tale costo può essere proporzionale alle unità di materiale la cui domanda non viene soddisfatta (soprattutto nel caso in cui la domanda viene persa) oppure tenere conto anche del tempo in cui la domanda non soddisfatta è rimasta non soddisfatta (viene quindi calcolato l integrale del cosiddetto inventory negativo ) 40

41 IL MODELLO EOQ EOQ: Economic Order Quantity E il più semplice modello di inventory CARATTERISTICHE DEL MODELLO Domanda nota e costante La domanda è espressa come rate ( pezzi/unità di tempo) Non è consentito di avere un inventory negativo Il lead time è nullo (o comunque ininfluente) La funzione di costo include: costo fisso di ordine K (da pagare ad ogni ordine effettuato) costo proporzionale di ordine c (per ogni pezzo ordinato) costo di inventory h (per ogni pezzo immagazzinato per unità di tempo) 41

42 IL MODELLO EOQ Ipotizzando di effettuare un acquisto di dimensione Q ogni volta che il livello di inventory è 0, la dinamica del livello di inventory è la seguente LIVELLO DI INVENTORY I(t) pendenza Q t T L obiettivo è trovare il valore di Q ( lot size ) che minimizza il costo medio per unità di tempo 42

43 Il costo di ciascun ordine è unità di tempo è Il costo medio di inventory è IL MODELLO EOQ K + cq C O (Q) = K + cq T e pertanto il costo di ordine per = K Q + c C H (Q) =h Q 2 Il costo medio complessivo per unità di tempo è pertanto C(Q) =C O (Q) +C H (Q) = K Q + c + hq 2 Il valore di Q che minimizza C(Q) è dato dalle soluzioni di C 0 (Q) =0 C 0 (Q) = K Q 2 + h 2 =0 Q2 = 2K h Q? = r 2K h Q? è noto come Economic Order Quantity (EOQ) 43

44 IL MODELLO EOQ C(Q) hq 2 K Q Q? Il valore ottimo è in corrispondenza dell intersezione tra il costo fisso di ordine e il costo di inventory (il modello EOQ descrive infatti il trade-off tra tali componenti del costo) non dipende da c (costo unitario di ordine) Q? Q? 44

45 IL MODELLO EOQ L ipotesi di lead time nullo può essere rilassata abbastanza facilmente: con un lead time >0 sarà necessario effettuare l ordine istanti di tempo prima del momento in cui l inventory sarà nullo Il livello di inventory R che si ha in corrispondenza dell istante di tempo in cui è necessario effettuare l ordine prende il nome di punto di riordino LIVELLO DI INVENTORY I(t) R = R Vi sono complicazioni quando >T Q t 45

46 MATERIALS REQUIREMENTS PLANNING GERARCHIA DELLE ATTIVITÀ DECISIONALI NELLA PIANIFICAZIONE DELLA PRODUZIONE PREVISIONE DELLA DOMANDA AGGREGATA (PER UN CERTO ORIZZONTE TEMPORALE) PIANIFICAZIONE AGGREGATA DELLA PRODUZIONE (DETERMINAZIONE DELLA PRODUZIONE E DELLA FORZA LAVORO NEGLI INTERVALLI DELL ORIZZONTE TEMPORALE) MASTER PRODUCTION SCHEDULE (MPS) (SPECIFICA DEI LIVELLI PRODUTTIVI PER TIPOLOGIA DI MATERIALI E PER OGNI INTERVALLO DI TEMPO) MATERIALS REQUIREMENTS PLANNING (MRP) (DETTAGLIO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE E DI ACQUISIZIONE MATERIALI IN OGNI INTERVALLO DI TEMPO) 46

47 MATERIALS REQUIREMENTS PLANNING Le procedure di materials requirements planning (MRP) hanno lo scopo di definire il piano dettagliato di produzione a partire dalle informazioni fornite dal master production schedule Le procedure MRP operano a tempo discreto, suddividendo cioè l orizzonte di pianificazione in intervalli di uguale durata (ad esempio, una settimana) per ciascuno dei quali si dovranno definire le lavorazioni da effettuare e i componenti di base da acquisire. Le tecniche di tipo MRP traducono la domanda esterna (fornita dal MPS), che è relativa esclusivamente ai prodotti finiti, in domanda interna, che è relativa ai semilavorati e alle materie prime L approccio MRP è un tipico approccio push, in cui la produzione viene pianificata sulla base della conoscenza esatta (o di una previsione affidabile) della domanda esterna L approccio MRP è tipicamente un approccio centralizzato 47

48 MATERIALS REQUIREMENT PLANNING MPS MRP DETAILED SHOP FLOOR SCHEDULE REQUIREMENTS FOR RAW MATERIALS Dal master production schedule, attraverso l applicazione di una procedura MRP, possono essere determinati: il piano dettagliato di produzione ( detailed shop floor schedule ) il piano di acquisizione delle materie prime (e/o di alcuni semilavorati) dall esterno ( requirements for raw materials ) 48

49 EXPLOSION CALCULUS Explosion calculus è il termine usato per descrivere una procedura MRP che si basa sull utilizzo della distinta base ( bill-of-materials, BOM), cioè sulla esplosione di ogni prodotto finito nei suoi vari componenti (organizzati sulla base del processo fisico di realizzazione del prodotto) Tale metodologia consente di decomporre le richieste di prodotti finiti (ordini esterni), nei vari intervalli di tempo, in richieste di semilavorati e materie prime (ordini interni), sempre in riferimento ai vari intervalli di tempo La decomposizione alla base dell explosion calculus viene realizzata sulla base dei lead time associati alle varie operazioni e del numero di parti necessarie alla produzione dei vari componenti Nell utilizzo di questa metodologia è possibile sfruttare la commonality che caratterizza la produzione di alcuni prodotti finiti 49

50 EXPLOSION CALCULUS BILL OF MATERIAL 1 prodotto finito P1 2 semilavorati S1 1 componente R1 1 assemblato S2 2 componenti R2 3 assemblati S3 1 componente R1 2 componenti R3 Quello illustrato è un processo fisico a quattro livelli Sono ovviamente possibili configurazioni più articolate 50

51 PROCESSO FISICO DI REALIZZAZIONE EXPLOSION CALCULUS R1(1) R3(2) R1(1) R2(2) S3(3) 2 sett. S1(2) 2 sett. S2(1) 1 sett. P1 2 sett. I lead time sono espressi generalmente in settimane e, in una versione semplificata della procedura, possono essere considerati indipendenti dalla quantità di pezzi che vengono prodotti (cioè dal lot size) Estensioni che complicano il modello ma lo rendono più realistico: lead time dipendenti dal lot size, capacità finita delle risorse produttive 51

52 EXPLOSION CALCULUS Il risultato della procedura Explosion calculus è una pianificazione delle domande esterne ed interne, settimana per settimana (o giorno per giorno, mese per mese, ecc. a seconda del periodo di tempo adottato) COMPONENTE P1 S1 S2 S3 R1 R2 R3 SETTIMANA #1 #2 #3 #4 #5 #6 #7 # Le domande esterne ed interne dovranno poi essere opportunamente tradotte in piani dettagliati di produzione (per i prodotti finiti, i semilavorati e gli assemblati) e in piani dettagliati di acquisto (per le materie prime) 52

LIVELLO STRATEGICO E TATTICO

LIVELLO STRATEGICO E TATTICO Corso di Laurea Triennale in INGEGNERIA GESTIONALE Anno Accademico 2012/13 Prof. Davide GIGLIO LIVELLO STRATEGICO Capacity growth planning ESEMPI DI PROBLEMI DECISIONALI LIVELLO TATTICO Aggregate planning

Dettagli

Corso di Automazione Industriale 1. Capitolo 1

Corso di Automazione Industriale 1. Capitolo 1 Simona Sacone - DIST Corso di Automazione Industriale 1 Capitolo 1 Livelli decisionali nei processi produttivi Simona Sacone - DIST 2 Introduzione Marketing Livello strategico Design Ufficio commerciale

Dettagli

Programmazione della Produzione 32

Programmazione della Produzione 32 GESTIONE DELLE SCORTE Programmazione e Controllo Controllo delle scorte Controllo degli approvvigionamenti di materiale (arrivi) Controllo della produzione Controllo dei PF per la distribuzione Nomenclatura:

Dettagli

MRP. Pianificazione della produzione. Distinta base Bill Of Materials (BOM) MPS vs. MRP. Materials Requirements Planning (MRP)

MRP. Pianificazione della produzione. Distinta base Bill Of Materials (BOM) MPS vs. MRP. Materials Requirements Planning (MRP) MRP Pianificazione della produzione Materials Requirements Planning (MRP) 15/11/2002 16.58 Con l MRP si decide la tempificazione delle disponibilità dei materiali, delle risorse e delle lavorazioni. MRP

Dettagli

Gestione della produzione e della supply chain Logistica distributiva. Paolo Detti Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università di Siena

Gestione della produzione e della supply chain Logistica distributiva. Paolo Detti Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università di Siena Gestione della produzione e della supply chain Logistica distributiva Paolo Detti Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università di Siena Gestione della produzione e della supply chain Il corso

Dettagli

Pianificazione produzione. Pianificazione della produzione

Pianificazione produzione. Pianificazione della produzione Pianificazione Passi nella pianificazione della : Pianificazione della Pianificazione aggregata delle risorse 11/11/2002 13.49 previsione della domanda su orizzonte T, pianificazione aggregata a medio

Dettagli

LOGISTICA INDUSTRIALE L Prof. Ing. Cesare Saccani Dott. Ing. Marco Liverani

LOGISTICA INDUSTRIALE L Prof. Ing. Cesare Saccani Dott. Ing. Marco Liverani Corso di LOGISTICA INDUSTRIALE L Prof. Ing. Cesare Saccani Dott. Ing. Marco Liverani MODELLI DI GESTIONE DELLE SCORTE DIEM Facoltà di Ingegneria - Università di Bologna 1/28 Scorte Le scorte possono essere

Dettagli

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Previsioni della domanda Pianificazione delle scorte Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Lo scenario nel quale le aziende si trovano oggi ad operare è spesso caratterizzato da

Dettagli

Simulazione di una catena logistica

Simulazione di una catena logistica Simulazione di una catena logistica La logistica aziendale richiede l organizzazione di approvvigionamento e trasporto dei prodotti e dei servizi. La catena di distribuzione, supply chain, comprende il

Dettagli

Capitolo 9 Gestione delle scorte. Introduzione

Capitolo 9 Gestione delle scorte. Introduzione Capitolo 9 Gestione delle scorte Introduzione 1 Salvo rare eccezioni, le scorte di materie prime, semilavorati e prodotti finiti sono una presenza invitabile in ogni tipo di processo e in ogni rete di

Dettagli

La gestione delle scorte

La gestione delle scorte La gestione delle scorte Controllo delle scorte Sist. prod. / Fornitore ordini domanda I Magazzino R Lead Time T La gestione delle scorte Problema: uando ordinare uanto ordinare Obiettivi: Basso livello

Dettagli

Piano dei fabbisogni di materiali

Piano dei fabbisogni di materiali Piano dei fabbisogni di materiali MRP 1 Pianificazione dei fabbisogni Obiettivo generale è determinare: quali assiemi, sottoassiemi, parti e materie prime sono necessari per realizzare un determinato MPS;

Dettagli

Ottava Edizione. Gestione delle Scorte Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. Gestione delle Scorte Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione Gestione delle Scorte Prof. Sergio Cavalieri Fenomeni di obsolescenza 2 Determinati da: Prodotto inidoneo al segmento di mercato (es: computer) Effetto moda (es: abbigliamento) Mancato

Dettagli

Modello gestione scorte: E.O.Q. (Economic Order Quantity o del lotto economico)

Modello gestione scorte: E.O.Q. (Economic Order Quantity o del lotto economico) Modello gestione scorte: E.O.Q. (Economic Order Quantity o del lotto economico) Il modello EOQ (dall'inglese Economic Order Quantity) è stato proposto da F.W. Harris nel 1913, ma è attribuito principalmente

Dettagli

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA (CAP. 9) 1. Illustra le principali tipologie dei processi produttivi. Sulla base della diversa natura tecnologica del ciclo di produzione, i processi produttivi si distinguono

Dettagli

Ottava Edizione. La Programmazione e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. La Programmazione e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione La e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri e Controllo di Produzione : compiti 2 Rendere disponibili le informazioni necessarie per: Gestire in modo efficiente ed efficace il

Dettagli

La Pianificazione dei Fabbisogni

La Pianificazione dei Fabbisogni 1 La Pianificazione dei Fabbisogni Le tecniche di Gestione a Fabbisogno in contrapposizione alle tecniche di Gestione a Scorta La Tecnica del Material Requirement Planning o MRP: i dati d ingresso le fasi

Dettagli

RICERCA OPERATIVA RICERCA OPERATIVA RICERCA OPERATIVA (PROBLEMI

RICERCA OPERATIVA RICERCA OPERATIVA RICERCA OPERATIVA (PROBLEMI RICERCA OPERATIVA RICERCA OPERATIVA (PROBLEMI DI SCELTA) Il termine RICERCA OPERATIVA sembra sia stato usato per la prima volta nel 1939, ma già precedentemente alcuni scienziati si erano occupati di problemi

Dettagli

Logistica - La gestione del magazzino

Logistica - La gestione del magazzino Logistica - La gestione del magazzino Federico Di Palma 31 marzo 21 1 La gestione delle scorte In molti processi aziendali, produttivi e non, spesso risulta utile immagazzinare alcune quantità di materiali

Dettagli

La Gestione delle Scorte

La Gestione delle Scorte La Gestione delle Scorte Gestione delle scorte I materiali hanno un ruolo fondamentale nel processo produttivo infatti il 30-80% del fatturato viene speso per acquisto di materiali. Ma l immobilizzo di

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e della Produzione Ph.D. Ing. Mosè Gallo Introduzione La produzione di un bene o l erogazione di in servizio richiede

Dettagli

Ottava Edizione. Programmazione Aggregata e MPS Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. Programmazione Aggregata e MPS Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione Programmazione Aggregata e MPS Prof. Sergio Cavalieri Le fasi del processo di PPC 2 Pianificazione di lungo termine Pianificazione aggregata Elaborazione del piano principale di produzione

Dettagli

Pianificazione aggregata

Pianificazione aggregata Pianificazione aggregata Pianificazione aggregata 1 Programmazione della produzione: fasi La programmazione della produzione, tenuto conto degli obiettivi strategici, a partire da ordini e/o previsioni

Dettagli

Material Requirements Planning

Material Requirements Planning Material Requirements Planning SISTEMI DI GESTIONE PUSH Si preferiscono in generale, per codici posti a livelli inferiori della distinta base (a domanda dipendente); ed in particolare, in presenza del

Dettagli

Il caso FrescoMagic s.r.l.

Il caso FrescoMagic s.r.l. LE TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DELLE SCORTE Il caso FrescoMagic s.r.l. Le scorte servono a fronteggiare in ogni momento improvvise esigenze di produzione e di vendita Rilevano importanza perché

Dettagli

2. Politiche di gestione delle scorte

2. Politiche di gestione delle scorte Si supponga di non conoscere con certezza il tasso di domanda, né il tempo di riordino (lead time). In uesto caso le decisioni: Quanto ordinare Quando ordinare devono tener conto della condizione di incertezza.

Dettagli

I Sistemi di produzione PULL

I Sistemi di produzione PULL I Sistemi di produzione PULL Sistema Push Il sistema push pianifica e schedula la produzione basandosi sulla previsione di domanda o sull acquisizione di ordini dei clienti. Quindi si controlla il rilascio

Dettagli

Ottava Edizione. MRP Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. MRP Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione MRP Prof. Sergio Cavalieri critici La pianificazione dei fabbisogni Madio / Lungo Termine Master Production Schedule (MPS) Programmazione Aggregata Strategia Famiglie prodotti Lungo Termine

Dettagli

Dipartimento di Economia dell Università degli Studi di Parma Le scorte

Dipartimento di Economia dell Università degli Studi di Parma Le scorte dell Università degli Studi di Parma Le scorte La funzione delle scorte Le scorte sono un insieme di merci accumulate in attesa di un utilizzo futuro. Specializzazione geografica di una unità operativa

Dettagli

Teoria delle scorte. Ricerca operativa Met. e mod. per le decisioni (Informatica Matematica) Pierluigi Amodio

Teoria delle scorte. Ricerca operativa Met. e mod. per le decisioni (Informatica Matematica) Pierluigi Amodio Teoria delle scorte Ricerca operativa Met. e mod. per le decisioni (Informatica Matematica) Pierluigi Amodio Dipartimento di Matematica Università di Bari Teoria delle scorte p.1/26 definizione del problema

Dettagli

Pianificazione e controllo delle risorse

Pianificazione e controllo delle risorse Pianificazione e controllo delle risorse Pianificazione e controllo delle risorse Gestione dell allocazione delle risorse in modo che i processi dell azienda siano efficienti e riflettano la domanda di

Dettagli

La Gestione della Produzione

La Gestione della Produzione La Gestione della Produzione Gestione dei sistemi industriali Consiste nel: - predisporre i mezzi ed assumere le decisioni necessarie a realizzare gli obiettivi strategici aziendali - operare scelte tra

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Gestione delle scorte

Gestione delle scorte Magazzini 1 Introduzione Sistemi di gestione delle scorte gestione a fabbisogno dei materiali gestione a scorta dei materiali sistemi a PERIODO MULTIPLO modello a Quantità Fissa modello a Tempo Fisso ulteriori

Dettagli

Logistica industriale e gestione degli approvvigionamenti

Logistica industriale e gestione degli approvvigionamenti Logistica industriale e gestione degli approvvigionamenti ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE CAP. 16 Una definizione La logistica è il sistema di connessione tra l approvvigionamento dei materiali, la trasformazione

Dettagli

1. Considerazioni preliminari

1. Considerazioni preliminari 1. Considerazioni preliminari Uno dei principali aspetti decisionali della gestione logistica è decidere dove localizzare nuove facility, come impianti, magazzini, rivenditori. Ad esempio, consideriamo

Dettagli

Management Sanitario. Modulo di Ricerca Operativa

Management Sanitario. Modulo di Ricerca Operativa Management Sanitario per il corso di Laurea Magistrale SCIENZE RIABILITATIVE DELLE PROFESSIONI SANITARIE Modulo di Ricerca Operativa Prof. Laura Palagi http://www.dis.uniroma1.it/ palagi Dipartimento di

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DEI FABBISOGNI DI

PIANO DI GESTIONE DEI FABBISOGNI DI PIANO DI GESTIONE DEI FABBISOGNI DI CAPACITÀ (a cura di E. Padoano) [Bozza 2010] Indice 1 Introduzione 1 2 Capacity Requirements Planning (CRP) 2 3 Dati di input di CRP 2 4 La capacità disponibile 4 5

Dettagli

Ricerca Operativa Prima Parte

Ricerca Operativa Prima Parte 1 2 fasi Prima Parte 2 Testi didattici S. Martello, M.G. Speranza, Ricerca Operativa per l Economia e l Impresa, Ed. Esculapio, 2012. F.S. Hillier, G.J. Lieberman, Ricerca operativa - Fondamenti, 9/ed,

Dettagli

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE OBIETTIVI DELLA PIANIFICAZIONE E CONTROLLO: q PROGRAMMARE LA PRODUZIONE OTTIMIZZARE L UTILIZZO DELLA CAPACITA PRODUTTIVA

Dettagli

Strategie di Distribuzione. MBD è stata per molti anni una delle più grandi aziende di distribuzione libri negli USA.

Strategie di Distribuzione. MBD è stata per molti anni una delle più grandi aziende di distribuzione libri negli USA. 1. Studio di caso Strategie di Distribuzione La Modern Book Distribution, Inc. MBD è stata per molti anni una delle più grandi aziende di distribuzione libri negli USA. Serve le principali catene di vendita

Dettagli

La distinta base per l mrp

La distinta base per l mrp Gestione della produzione industriale La distinta base per l mrp mrp - prospettiva storica MRP II Manufacturing Resource Planning mrp material requirements planning UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA ERP-

Dettagli

Definizioni di scorte

Definizioni di scorte LA GESTIONE DELLE SCORTE Nozioni di base Definizioni di scorte insieme di materie, semilavorati e prodotti che in un determinato momento sono in attesa di partecipare ad un processo di trasformazione o

Dettagli

La gestione dell incertezza nella Supply Chain: la scorta di sicurezza. La scorta di sicurezza nella supply chain 1

La gestione dell incertezza nella Supply Chain: la scorta di sicurezza. La scorta di sicurezza nella supply chain 1 a gestione dell incertezza nella Supply Chain: la scorta di sicurezza a scorta di sicurezza nella supply chain 1 Il ruolo della giacenza nella supply chain Migliora l adattamento di domanda / fornitura

Dettagli

INVENTORY CONTROL. Ing. Lorenzo Tiacci

INVENTORY CONTROL. Ing. Lorenzo Tiacci INVENORY CONROL Ing. Lorenzo iacci esto di riferimento: Inventory Management and Production Planning and Control - hird Ed. E.A. Silver, D.F. Pyke, R. Peterson Wiley, 1998 Indice 1. IL MEODO DI WAGNER-WHIIN

Dettagli

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione 1 PROBLEMI DI SCELTA Problemi di Scelta Campo di Scelta Funzione Obiettivo Modello Matematico Scelte in condizioni di Certezza Scelte in condizioni di Incertezza Effetti Immediati Effetti Differiti Effetti

Dettagli

costo medio (atteso) di immagazzinamento mensile l indice di rotazione di magazzino semestrale (atteso)

costo medio (atteso) di immagazzinamento mensile l indice di rotazione di magazzino semestrale (atteso) Esercizio 1 La Office Services rivende articoli per ufficio. Dai dati storici relativi allo scorso semestre si prevede che la domanda media di toner sarà di 194 unità al mese, e la deviazione standard

Dettagli

Università degli Studi di Padova

Università degli Studi di Padova Università degli Studi di Padova Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Tesi di Laurea La gestione delle scorte: modelli discreti Inventory management: discrete models Relatore:

Dettagli

14.6 Effettuare scelte in presenza di vincoli 15

14.6 Effettuare scelte in presenza di vincoli 15 14 18-12-2007 19:04 Pagina 403 Le decisioni di breve termine fra alternative diverse 403 Fig. 14.5 Il trattamento analitico dei costi a gradino Costo Comportamento reale del costo Trattamento analitico

Dettagli

Pianificazione e Gestione delle Scorte Sergio Cavalieri Università degli Studi di Bergamo

Pianificazione e Gestione delle Scorte Sergio Cavalieri Università degli Studi di Bergamo Pianificazione e Gestione delle Scorte Sergio Cavalieri Università degli Studi di Bergamo http://progest.unibg.it 1 Perché detenere le scorte Per coprire i picchi di domanda Per coprire il tempo e la distanza

Dettagli

GESTIONE DELLA PRODUZIONE LEAN PRODUCTION E JIT

GESTIONE DELLA PRODUZIONE LEAN PRODUCTION E JIT GESTIONE DELLA PRODUZIONE LEAN PRODUCTION E JIT Corso di TECNOLOGIA, INNOVAZIONE, QUALITÀ Prof. Alessandro Ruggieri Prof. Enrico Mosconi A.A. 2012-2013 Oggetto della lezione Gestione della produzione Lean

Dettagli

CORSO DI Produzione e Logistica LA PIANIFICAZIONE DEI MATERIALI: LA PROCEDURA MRP

CORSO DI Produzione e Logistica LA PIANIFICAZIONE DEI MATERIALI: LA PROCEDURA MRP CORSO DI Produzione e Logistica LA PIANIFICAZIONE DEI MATERIALI: LA PROCEDURA MRP Agenda 1. Il Material Requirement Planning (MRP) Ripresa dei concetti fondamentali riguardanti lo MRP : a. sua collocazione

Dettagli

Laboratorio di Ricerca Operativa Cad Ingegneria Gestionale (BGER3 - I semestre) a.a. 2012-13 Homework n 6. Docente: Laura Palagi

Laboratorio di Ricerca Operativa Cad Ingegneria Gestionale (BGER3 - I semestre) a.a. 2012-13 Homework n 6. Docente: Laura Palagi Laboratorio di Ricerca Operativa Cad Ingegneria Gestionale (BGER3 - I semestre) a.a. 2012-13 Homework n 6 Docente: Laura Palagi PIANIFICAZIONE DELLA PRODUZIONE 2 Si distingue in: PRODUCTION PLANNING: Tentativo

Dettagli

Gestione delle scorte

Gestione delle scorte Gestione delle scorte Giovanni Righini Università degli Studi di Milano Corso di Logistica Terminologia e classificazione Sistemi di scorte Nella catena logistica esistono numerosi punti in cui si formano

Dettagli

della produzione in modo da segnare il confine entro il quale si intende sviluppare il discorso; si definiscono i problemi di Production Planning e

della produzione in modo da segnare il confine entro il quale si intende sviluppare il discorso; si definiscono i problemi di Production Planning e Introduzione La Ricerca Operativa è la disciplina che studia l utilizzo del metodo scientifico nei processi decisionali. Caratteristiche tipiche dell approccio del ricercatore operativo sono l analisi

Dettagli

12/04/2011. I costi aziendali possono essere classificati in modi differenti a seconda della finalità per la quale sono determinati.

12/04/2011. I costi aziendali possono essere classificati in modi differenti a seconda della finalità per la quale sono determinati. PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Prof. Luca Fornaciari Definizione e classificazione dei costi aziendali Riferimenti bibliografici: libro di testo capitolo 2 di BREWER P.C., GARRISON R.H., NOREEN E.W., Programmazione

Dettagli

IL PIANO PRINCIPALE DI PRODUZIONE

IL PIANO PRINCIPALE DI PRODUZIONE IL PIANO PRINCIPALE DI PRODUZIONE (a cura di E. Padoano) [Bozza 2010] Indice 1 Generalità 1 2 Elaborazione del piano principale per produzione MTS 2 2.1 MPS per produzione MTS...................... 2 2.2

Dettagli

prof. Paolo Aymon Piani operativi GIA-L04 seconda parte

prof. Paolo Aymon Piani operativi GIA-L04 seconda parte UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Piani operativi seconda parte Sommario della lezione Gestione dell Informazione nella Supply Chain Piani

Dettagli

LA GESTIONE E IL CONTROLLO DELLE SCORTE

LA GESTIONE E IL CONTROLLO DELLE SCORTE CORSO DI Gestione della produzione industriale Facoltà di Ingegneria LA GESTIONE E IL CONTROLLO DELLE SCORTE Prof. Fabrizio Dallari Università Carlo Cattaneo Istituto di Tecnologie e-mail: fdallari@liuc.it

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

Dimensionamento dei lotti di produzione: il caso con variabilità nota

Dimensionamento dei lotti di produzione: il caso con variabilità nota Dimensionamento dei lotti di produzione: il caso con variabilità nota A. Agnetis In questi appunti studieremo alcuni modelli per il problema del lot sizing, vale a dire il problema di programmare la dimensione

Dettagli

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese L impresa Il sistema impresa L impresa come sistema Le principali funzioni aziendali I principali processi aziendali La catena del valore

Dettagli

La Gestione della Produzione

La Gestione della Produzione La Gestione della Produzione E il processo decisionale attraverso il quale sono organizzate le risorse produttive al fine di conseguire determinati obiettivi. Si estrinseca temporalmente attraverso tre

Dettagli

Just-In-Time (JIT) eliminate tutte le motivazioni che costringono un sistema produttivo alla costituzione di scorte di materiali

Just-In-Time (JIT) eliminate tutte le motivazioni che costringono un sistema produttivo alla costituzione di scorte di materiali Just-In-Time (JIT) Filosofia produttiva nata presso l azienda giapponese Toyota negli anni 70. Ha l obiettivo di soddisfare la domanda del cliente in termini di cosa e quanto produrre, configurando l intero

Dettagli

"Cloud Business Solutions" di INTESA Descrizione del Servizio WPLAN

Cloud Business Solutions di INTESA Descrizione del Servizio WPLAN "s" di INTESA Descrizione del Servizio 1. Accesso ai Servizi Il Portale INTESA, le informazioni riguardanti l'utilizzo da parte del Cliente del Servizio Cloud le informazioni sulle credenziali ed il supporto,

Dettagli

Monetizzare significa letteralmente: valutare in denaro - convertire in denaro.

Monetizzare significa letteralmente: valutare in denaro - convertire in denaro. MONETIZZARE LE SCORTE, CON ALBERT. Quanto costa non gestire le scorte? Monetizzare significa letteralmente: valutare in denaro - convertire in denaro. Le scorte si formano e si stratificano nel tempo.

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUINTO I MODELLI DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE E DEI MATERIALI SOMMARIO: 1. I processi produttivi. - 2. Layout delle macchine operatrici. - 3. I sistemi flessibili di produzione. - 4. La scelta

Dettagli

CAPITOLO 15 CONTROLLO DELLE SCORTE

CAPITOLO 15 CONTROLLO DELLE SCORTE CAPITOLO 15 CONTROLLO DELLE SCORTE Domande di analisi e ripasso 1. Distinguete quali materiali possono essere a domanda dipendente e a domanda indipendente in un ristorante McDonald s, in un produttore

Dettagli

Scorte. Scorte. Scorte. Ragioni delle scorte. Concetti base 11/03/2006 8.42

Scorte. Scorte. Scorte. Ragioni delle scorte. Concetti base 11/03/2006 8.42 Scorte Scorte Concetti base 11/03/2006 8.42 che cosa sono? perché tenere delle scorte? come gestirle? quanto ordinare? quando ordinare? 1 2 Scorte Ragioni delle scorte Che cosa sono? sono i materiali all

Dettagli

Problemi di Programmazione Lineare Intera

Problemi di Programmazione Lineare Intera Capitolo 4 Problemi di Programmazione Lineare Intera La Programmazione Lineare Intera (PLI) tratta il problema della massimizzazione (minimizzazione) di una funzione di più variabili, soggetta a vincoli

Dettagli

LA LOGISTICA INTEGRATA

LA LOGISTICA INTEGRATA dell Università degli Studi di Parma LA LOGISTICA INTEGRATA Obiettivo: rispondere ad alcuni interrogativi di fondo Come si è sviluppata la logistica in questi ultimi anni? Quali ulteriori sviluppi sono

Dettagli

Progetto S.A.M. Strategic Assets Management

Progetto S.A.M. Strategic Assets Management Progetto S.A.M. Strategic Assets Management Gestione Strategica delle Scorte Synergic S.r.l. - Via Amola, 12-40050 Bologna Tel 051 320011 - Fax 0515880448 www.synergic.it cell.348/1315671 2007 Synergic

Dettagli

Capitolo 3: Ottimizzazione Discreta. E. Amaldi DEIB, Politecnico di Milano

Capitolo 3: Ottimizzazione Discreta. E. Amaldi DEIB, Politecnico di Milano Capitolo 3: Ottimizzazione Discreta E. Amaldi DEIB, Politecnico di Milano 3.1 Modelli di PLI e PLMI Moltissimi problemi decisionali complessi possono essere formulati o approssimati come problemi di Programmazione

Dettagli

I I SISTEMI INFORMATIVI INTEGRATI. Baan IV IV - Manufacturing e Automotive NOTE

I I SISTEMI INFORMATIVI INTEGRATI. Baan IV IV - Manufacturing e Automotive NOTE I I SISTEMI INFORMATIVI INTEGRATI Baan IV IV - Manufacturing e Automotive Obiettivi per i sistemi produttivi Riduzione dei costi totali nella catena logistica Maggior servizio ai clienti Riduzione dei

Dettagli

Just-In-Time: la definizione

Just-In-Time: la definizione 1 Just In Time Definizione e concetti generali Produzione a flusso continuo Vantaggi della flessibilità degli impianti e della riduzione del set-up Le relazioni con i fornitori Relazioni con i sistemi

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING)

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) EVOLUZIONE DEFINIZIONI SISTEMI INFORMATIVI E SISTEMI ERP I SISTEMI TRADIZIONALI I SISTEMI AD INTEGRAZIONE DI CICLO I SISTEMI

Dettagli

Pianificare il successo «programmando» la produzione: fasi e criticità

Pianificare il successo «programmando» la produzione: fasi e criticità Pianificare il successo «programmando» la produzione: fasi e criticità di Alberto Stancari Consulente Senior Mondaini Partners Srl - Dimensione Consulting Un processo di pianificazione della produzione

Dettagli

Laboratory for innovation MUSP. Macchine utensili e sistemi di produzione. Laboratorio MUSP www.musp.it

Laboratory for innovation MUSP. Macchine utensili e sistemi di produzione. Laboratorio MUSP www.musp.it Laboratory for innovation MUSP Macchine utensili e sistemi di produzione www.musp.it Sommario La schedulazione della produzione Gli obiettivi nella schedulazione Le problematiche legate alla schedulazione

Dettagli

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production)

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production) Sistemi produttivi Just In Time Just-In-Time Systems (Lean Production) 1 Origini del JIT e della Produzione Snella Introdotto da Toyota Adottato da altre aziende giapponesi Introdotto successivamente nelle

Dettagli

Le caratteristiche distintive di Quick Budget

Le caratteristiche distintive di Quick Budget scheda prodotto QUICK BUDGET Mercato imprevedibile? Difficoltà ad adeguare le risorse a una domanda instabile e, di conseguenza, a rispettare i budget?tempi e costi troppo elevati per la creazione di budget

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE

TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

Capitolo XIV. La gestione della produzione

Capitolo XIV. La gestione della produzione Capitolo XIV La gestione della produzione La funzione di produzione Approvvigionamenti La funzione di produzione riguarda il processo di trasformazione dei beni, ossia l insieme l di operazioni mediante

Dettagli

Prof. Ferdinando Azzariti

Prof. Ferdinando Azzariti Materiali di Economia e Organizzazione Aziendale, Università di Udine A.A. 2011-12 Prof. Ferdinando Azzariti www.ferdinandoazzariti.com 1 La gestione della produzione La programmazione e il controllo della

Dettagli

Logistica Integrata. Network configuration

Logistica Integrata. Network configuration Logistica Integrata Global Supply Chain Una rete globale di (fornitori) produttori e clienti, attraversata da flussi fisici ed informativi, supportata da infrastrutture fisiche ed informatiche Sistema

Dettagli

Ricerca Operativa 2 modulo

Ricerca Operativa 2 modulo Ricerca Operativa 2 modulo A.A. 2008/2009 4. Gestione delle scorte Sistemi di gestione delle scorte Definizioni (Dimensione del) Lotto : quantità acquistata/prodotta in un unica soluzione empo di riordino/consegna

Dettagli

Sistemi informativi aziendali struttura e processi

Sistemi informativi aziendali struttura e processi Sistemi informativi aziendali struttura e processi ERP: L area produttiva Copyright 2011 Pearson Italia Obiettivi Funzioni base dei sistemi per il flusso produttivo Trattamento dei processi di definizione

Dettagli

Specialisti della Supply Chain

Specialisti della Supply Chain Specialisti della Supply Chain Link Management Srl Via S. Francesco, 32-35010 Limena (PD) Tel. 049 8848336 - Fax 049 8843546 www.linkmanagement.it - info@linkmanagement.it Analisi dei Processi Decisionali

Dettagli

ALBERT. copyright hventiquattro

ALBERT. copyright hventiquattro ALBERT ALBERT MONETIZZARE LE SCORTE Il tuo magazzino: da deposito a risorsa Albert agisce sulle fonti di finanziamento interno. Non tanto in termini di puro taglio dei costi, quanto di recupero di flussi

Dettagli

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Opportunità per le PMI per ottimizzare la gestione della filiera logistico

Dettagli

Logistica. Giovanni Righini. Anno accademico 2010-11. Dipartimento di Tecnologie dell Informazione - Università degli Studi di Milano (Crema)

Logistica. Giovanni Righini. Anno accademico 2010-11. Dipartimento di Tecnologie dell Informazione - Università degli Studi di Milano (Crema) Logistica Giovanni Righini Dipartimento di Tecnologie dell Informazione - Università degli Studi di Milano (Crema) Anno accademico 2010-11 Definizione La logistica è la disciplina che studia come organizzare

Dettagli

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica ECCELLERE NELLA LOGISTICA Generare opportunità con la logistica INTRODUZIONE Il settore della logistica rappresenta una risorsa strategica per la competitività delle imprese e del territorio ed è attualmente

Dettagli

Il Rolling Kanban (ovvero come srotolare il servizio nel tempo) di Maurizio Boyer

Il Rolling Kanban (ovvero come srotolare il servizio nel tempo) di Maurizio Boyer Quaderni di Management n. (ovvero come srotolare il servizio nel tempo) di Summary La gestione a vista costituisce un ottimo sistema per regolare le attività, in particolare produttive, in quanto permette

Dettagli

IL VENERDÌ DELLA LOGISTICA Logistica e Supply Chain Management Incontri Tecnici anno 2012

IL VENERDÌ DELLA LOGISTICA Logistica e Supply Chain Management Incontri Tecnici anno 2012 Venerdì 16 marzo dalle ore 9 alle ore 13 LOGISTICA E SUPPLY CHAIN MANAGEMENT. CREARE VALORE CON UNA BUONA ORGANIZZAZIONE DELL'AZIENDA (LA PROPRIA E QUELLA DI FORNITORI E CLIENTI). Venerdì 23 marzo dalle

Dettagli

LA RICERCA OPERATIVA

LA RICERCA OPERATIVA LA RICERCA OPERATIVA Il termine Ricerca Operativa, dall inglese Operations Research, letteralmente ricerca delle operazioni, fu coniato per esprimere il significato di determinazione delle attività da

Dettagli

Gestione delle Scorte

Gestione delle Scorte Sapienza Università di Roma - Dipartimento di Ingegneria Informatica, Automatica e Gestionale Gestione delle Scorte Renato Bruni bruni@dis.uniroma.it Il materiale presentato è derivato da quello dei proff.

Dettagli

MBM Italia S.r.l. Via Pellizzo 14/a 35128 Padova. Tel. Fax E-mail. www.mbm.it. +39.049.2138422 +39.049.2106668 marketing@mbm.it

MBM Italia S.r.l. Via Pellizzo 14/a 35128 Padova. Tel. Fax E-mail. www.mbm.it. +39.049.2138422 +39.049.2106668 marketing@mbm.it ARCHITETTURA APPLICATIVA Il processo elaborativo si sviluppa in cinque passi. ERP XML PLANNING SERVER 1 Estrazione dei dati dai data base in cui sono gestiti e creazione di file XML che vengono trasferiti

Dettagli

Produzione e forza lavoro

Produzione e forza lavoro Produzione e forza lavoro Testo Un azienda produce i modelli I, II e III di un certo prodotto a partire dai materiali grezzi A e B, di cui sono disponibili 4000 e 6000 unità, rispettivamente. In particolare,

Dettagli

Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management. Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004

Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management. Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004 Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004 Punti da discutere La delocalizzazione produttiva come elemento della strategia

Dettagli

Esempi di modelli di programmazione lineare (intera) 2014

Esempi di modelli di programmazione lineare (intera) 2014 Esempi di modelli di programmazione lineare (intera) 2014 1) Combinando risorse Una ditta produce due tipi di prodotto, A e B, combinando e lavorando opportunamente tre risorse, R, S e T. In dettaglio:

Dettagli