RFI RETE FERROVIARIA ITALIANA Piazza della Croce Rossa, Roma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RFI RETE FERROVIARIA ITALIANA Piazza della Croce Rossa, 1 00161 Roma"

Transcript

1 RFI RETE FERROVIARIA ITALIANA Piazza della Croce Rossa, Roma DIREZIONE COMUNICAZIONE DI MERCATO Telefono Fax Stampa GRAFICA ROMANA srl - ROMA 12/ Il sistema ERTMS/ETCS

2 Il sistema ERTMS/ETCS

3 LO SVILUPPO DEL SISTEMA ERTMS/ETCS E L INTEROPE Le ferrovie italiane hanno adottato, tra le prime in Europa, l European Rail Traffic Management System/European Train Control System (ERTMS/ETCS) di livello 2 sulle nuove linee della rete ad Alta Velocità/Alta Capacità. Il sistema è stato realizzato per assicurare un traffico interoperabile sulla rete ferroviaria europea ed è capace di garantire la circolazione in sicurezza dei treni con l adozione di funzionalità e tecnologie all avanguardia. Sono attualmente in corso le prove del sistema ERTMS/ETCS di livello 2, senza sistemi di riserva e senza la presenza di segnalamento laterale, sulla linea ad Alta Velocità/Alta Capacità Roma-Napoli che sarà attivata all esercizio commerciale il prossimo anno. Lo standard ERTMS/ETCS, da considerarsi tra le più significative innovazioni introdotte nel panorama ferroviario, consente la circolazione di treni di diversa nazionalità, sulla base di informazioni comuni, definite con un linguaggio comune, gestite con componenti interoperabili comuni a terra e a bordo. In particolare lo standard definisce le modalità di scambio delle informazioni di segnalamento tra gli impianti a terra e i treni, identificando le tecniche di trasmissione da utilizzare e il formato dei messaggi. Con l installazione a terra e a bordo di ERTMS/ETCS, i vincoli per la circolazione internazionale che derivavano dalla diversità tra i sistemi attualmente in uso nei diversi Paesi vengono sostanzialmente rimossi. Il sistema ERTMS/ETCS fornisce infatti al macchinista, in modo standard, tutte le informazioni necessarie per una condotta ottimale, controllando con continuità gli effetti del suo operato sulla sicurezza della marcia del treno e attivando la frenatura d urgenza nel caso di velocità del treno superiore a quella massima ammessa per la sicurezza. 2

4 RABILITA FERROVIARIA La missione industriale di RFI Rete Ferroviaria Italiana, la società dell infrastruttura del Gruppo Ferrovie dello Stato, opera in regime di Concessione pubblica e il suo rapporto con lo Stato è regolato dal Contratto di Programma, lo strumento che definisce gli investimenti che RFI deve realizzare. A RFI è affidato il compito di identificare, studiare e realizzare lo sviluppo dell infrastruttura ferroviaria, con l obiettivo di ottimizzare l offerta di capacità della rete; sviluppare l utilizzo dell infrastruttura, offrire servizi di circolazione ed altri servizi complementari ad essa, ripartendo e regolando l accesso alla rete. RFI assicura, inoltre, il mantenimento in efficienza dell infrastruttura ferroviaria, ne realizza la manutenzione e il rinnovo e ne garantisce i massimi standard di qualità e sicurezza. In uno scenario di mercato del trasporto liberalizzato qual è quello italiano, il ruolo di gestore dell infrastruttura assegnato a RFI comprende anche la responsabilità di rilasciare alle imprese provviste di licenza (concessa dal Ministero) il Certificato di Sicurezza, previa verifica del possesso da parte delle aziende dei requisiti previsti dalla legge. Inoltre assicura alle imprese l accesso all infrastruttura e commercializza le tracce incassandone il pedaggio. Con la costituzione di RFI, le Ferrovie dello Stato hanno realizzato la direttiva comunitaria che decreta la separazione fra gestore della rete e produttore dei servizi di trasporto.

5 Come si è arrivati al sistema ERTMS/ETCS A seguito della decisione presa dai Ministri dei Trasporti nel dicembre 1989, un gruppo di esperti ferroviari ha iniziato a studiare i requisiti funzionali per un sistema interoperabile europeo definendo la Project Declaration (Gruppo di studio UIC-ERRI-S 1069). La boa di trasmissione del sistema ERTMS/ETCS Figura 1 Lo schema a blocchi del sistema ERTMS/ETCS nella Project Declaration Spot data transmission Fixed info Discontinuous data transmission Continuous data transmission Track-side Train-side Transmitter and receiver Receiver/ Interrogator Interface LZB TVM Other functions KVB Train integrity Route map ETCS processor Interface TBL ZUB ETCS bus BACC Interface adometer unit Interface recording unit ATP/ATC driver interface Service brake interface Emergency brake interface 4

6 Nel giugno 1991, l industria (EUROSIG) e le ferrovie (UIC) concordarono i princìpi per una stretta collaborazione avente l obiettivo di sviluppare nuove apparecchiature per il sistema di controllo e comando europeo utilizzando le specifiche dei requisisti definite in ambito ERRI-UIC. L accordo prevedeva di sviluppare un nuovo cruscotto di bordo (EUROCAB), un nuovo sistema di trasmissione dati terra-treno discontinuo (EUROBALISE) e un nuovo sistema di trasmissione dati terra-treno continuo (EURORADIO). Dopo la definizione del Master Plan ERTMS/ETCS da parte della Commissione, le ferrovie francesi, tedesche e italiane hanno costituito, nel 1995, il Gruppo economico d interesse europeo ERTMS/ETCS - Gruppo di utilizzatori (EEIG-ERTMS/ETCS Users Group). Successivamente si sono aggiunte le ferrovie spagnole, inglesi e olandesi. L obiettivo dell EEIG (conosciuto anche con l acronimo francese GEIE), è stato quello di finalizzare le specifiche di ERTMS/ETCS prodotte dall UIC e gestire la sperimentazione sui siti sperimentali in Francia, Germania e Italia. Sulla base dell articolo 155 del trattato istitutivo della Comunità Europea, che stabilisce che i cittadini dell Unione, gli operatori economici e le autorità nazionali e regionali devono poter beneficiare pienamente dei vantaggi derivanti da un area senza frontiere interne, si decide di definire le condizioni per realizzare una più efficiente circolazione ferroviaria internazionale attraverso una direttiva europea per l interoperabilità. 5

7 La direttiva d interoperabilità per la rete AV/AC Il Consiglio dell Unione Europea del 23 luglio 1996 adotta la direttiva 96/48/EC che disciplina le condizioni per l interoperabilità del sistema ferroviario europeo ad Alta Velocità/Alta Capacità e che costituisce lo strumento per eliminare le barriere tecnologiche relative al traffico ferroviario alle frontiere. Per definire le soluzioni corrispondenti ai criteri stabiliti dalla direttiva è stata commissionata dall Unione Europea all AEIF (Associazione Europea per l Interoperabilità Ferroviaria) l elaborazione delle specifiche tecniche per l interoperabilità (STI) per la rete ferroviaria ad Alta Velocità/Alta Capacità. Le amministrazioni ferroviarie e le industrie hanno lavorato insieme, in ambito AEIF, per sviluppare le STI dove sono stati definiti i requisiti essenziali (sicurezza, affidabilità, salute, protezione operatori, compatibilità tecnica, esercizio), i componenti per l interoperabilità e le interfacce, le procedure europee di valutazione di conformità/idoneità all impiego, le specifiche funzionali e tecniche, la strategia di migrazione verso l interoperabilità. Le soluzioni indicate per l interoperabilità dovranno essere applicate in tutte le nuove realizzazioni e nei casi di rinnovamento delle linee della rete ad Alta Velocità/Alta Capacità europea. Nel 2001 viene adottata una nuova Direttiva che riguarda l interoperabilità (2001/16/EC) relativa alla rete Convenzionale. Il Comitato Articolo 21 ha approvato il 23 novembre 2004 le Specifiche Tecniche di Interoperabilità per il Control Command System relative alla nuova Direttiva. Elemento essenziale della STI per il Convenzionale è l adozione delle stesse specifiche dei requisiti ERTMS/ETCS, con piccoli aggiornamenti dei contenuti che poi, attraverso il processo di Change Control Management, saranno introdotti anche nelle STI per l Alta Velocità/Alta Capacità attualmente adottate. 6

8 Con la nuova direttiva ha assunto un rilievo decisivo il processo di Migration per le criticità associate alla utilizzazione di ERTMS/ETCS in linee tradizionali esistenti. Un grande sforzo è in atto per armonizzare i piani complessivi di migrazione delle diverse reti europee. Si sta discutendo sui criteri di priorità e sulle modalità ottimali, anche in termini di analisi costi benefici, per la realizzazione di una rete interoperabile costituita dai principali corridoi identificati nell ambito della rete TEN. Una mappa dei corridoi concordata di recente è riportata nella figura in alto. 7

9 CHE COS E IL SISTEMA ERTMS/ETCS ERTMS/ETCS è il sistema europeo di controllo automatico della marcia del treno e rappresenta la soluzione individuata dalle ferrovie e dalle industrie europee per realizzare l interoperabilità ferroviaria. Le specifiche dei requisiti sono pubbliche e definiscono il cosiddetto kernel e le sue interfacce con le apparecchiature di terra e di bordo. Le specifiche vigenti sono le specifiche ERTMS/ETCS di classe 1 pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale Europea nel Attualmente è in corso la fase di consolidamento delle specifiche, che consiste in modifiche e integrazioni delle stesse, finalizzata a rimuovere errori o ambiguità che si sono evidenziati nella sperimentazione e nelle applicazioni commerciali di ERTMS/ETCS. Il compito di valutare l ammissibilità delle richieste di modifica/integrazione delle specifiche e d indicare le modalità del loro recepimento nelle specifiche preesistenti è, secondo quanto stabilito nel processo per il Change Control Management (figura 2) in ambito AEIF, del Board e dello Steering Committee. In genere gli aspetti tecnici delle richieste di modifica e integrazione delle specifiche ERTMS/ETCS provenienti da reti ferroviarie vengono precedentemente analizzati da EEIG-ERTMS Users Group, che fornisce le sue indicazioni al CCB AEIF. Le decisioni relative alle richieste di modifica prodotte dal CCSC AEIF vengono presentate formalmente al Comitato Articolo 21 (rappresentanti ufficiali degli Stati membri dell Unione Europea) per l approvazione definitiva necessaria per la loro pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale Europea. La versione modificata delle specifiche che viene pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Europea sostituisce a tutti gli effetti la precedente versione. 8

10 Fra queste, particolarmente significativa è la specifica dei requisiti di sistema (SRS) che descrive il kernel ERTMS/ETCS che comprende l intero EUROCAB, le apparecchiature d interfaccia verso il GSM-R, quelle di gestione della trasmissione dati con EUROBALISE, EUROLOOP, EURORADIO, l interfaccia verso i sistemi di segnalamento a terra (interlocking, segnali) e verso gli altri sistemi di bordo (sistema di frenatura). Figura 2 Schema del processo di Change Control Management AEIF Change Control CCSC AEIF Board EC Art. 21 AEIF C.C.M. CCA AEIF CSG SSG Control/Command Other SSG Publication in the Official Journal CCB C R author Change Request CCA AEIF CSG SSG Control/Command

11 La funzionalità del sistema ERTMS/ETCS Concettualmente la funzionalità di ERTMS/ETCS è rappresentata nella figura 3. Le modalità con le quali possono essere ricevute dal treno le informazioni di terra dipendono dal livello d applicazione scelto per ERTMS/ETCS. Figura 3 La funzionalità di ERTMS/ETCS Attivazione della frenatura se la velocità attuale supera quella definita dal profilo dinamico Dati di terra via radio, balise, STM Localizzazione della posizione del treno e valutazione del profilo statico di velocità Confronto delle velocità Profilo dinamico di velocità (velocità attuale di sicurezza) Velocità attuate del treno Dati del treno Visualizzazione informazioni su DMI Esistono tre livelli d applicazione. Il livello d applicazione 1 (figura 4) utilizza, per la trasmissione a bordo delle informazioni di terra, una trasmissione di tipo discontinuo attraverso boe fisse o commutabili opportunamente posizionate e adeguatamente collegate agli impianti di segnalamento che costituiscono la sorgente informativa (segnali). I contenuti informativi e le modalità della loro codifica e della loro allocazione nel telegramma trasmesso dalla boa sono standard definiti nelle specifiche ERTMS/ETCS. 10

12 Figura 4 Schema di ERTMS/ETCS livello di applicazione 1 ERTMS/ ETCS LIVELLO 1 Antenna della Boa LEU Boa commutabile Boa fissa La posizione dei treni è determinata da sistemi di rilevamento della posizione convenzionali (circuiti di binario). La logica di bordo gestisce la funzionalità descritta nella figura 3 con le informazioni disponibili di terra e del treno. Il livello d applicazione 2 (figura 5) utilizza, per la trasmissione a bordo delle informazioni di terra, una trasmissione di tipo continuativo attraverso collegamenti radio in sicurezza tra un Radio Block Centre (RBC) e il treno. Figura 5 Schema di ERTMS/ETCS livello di applicazione 2 ERTMS/ ETCS LIVELLO 2 LIVELLO 1 Antenna della Boa APPARATO Boa fissa 11

13 I Radio Block Centre sono adeguatamente collegati agli impianti di segnalamento che costituiscono la sorgente informativa (apparati centrali). Per la trasmissione sono utilizzate antenne collegate al Radio Block Centre opportunamente posizionate lungo linea. I contenuti informativi dei messaggi radio e le modalità della loro codifica e della loro allocazione nel telegramma trasmesso sono standard definiti nelle specifiche ERTMS/ETCS. Anche per ERTMS/ETCS di livello 2 la posizione dei treni è determinata da sistemi di rilevamento della posizione convenzionali (circuiti di binario) e la logica di bordo gestisce una funzionalità analoga a quella descritta nella figura 3 utilizzando le informazioni disponibili di terra (dello stesso tipo, ma meglio definite e più tempestive rispetto al livello 1) e del treno. Il sistema trasmissivo utilizzato per il collegamento radio fra terra e bordo è il GSM-R, che si sta installando in prossimità di tutte le linee della rete italiana fondamentale, sui valichi e sulla rete AV/AC in costruzione (7.500 km di rete coperta entro il ). ERTMS/ETCS livello 2 implica per il bordo la capacità di percorrere linee attrezzate sia con il livello 2 sia con il livello 1 di ERTMS/ETCS. 12

14 Si è definito anche un livello d applicazione 3 di ERTMS/ETCS, a tutt oggi non utilizzato, che non prevede d usare dispositivi tradizionali per individuare la posizione del treno. La posizione del treno è determinata a bordo e a terra sono previste solo boe di calibrazione. Per tale soluzione è necessario garantire l integrità del treno, problema ancora lontano da una soluzione convincente. Il livello 3 può consentire, con l adozione del blocco mobile, non più legato a sezioni di linea, ma alla posizione reale dei treni in circolazione, un distanziamento ottimale. Anche per questo aspetto restano aperti molti problemi, fra i quali anche quelli relativi all impatto su norme e regolamenti d esercizio. I treni ERTMS/ETCS che hanno installato a bordo lo Specific Transmission Module (STM) del sistema nazionale possono transitare su linee equipaggiate con tale sistema. Le apparecchiature STM sono capaci di fornire a ERTMS/ETCS informazioni standard ricavate dalle informazioni dei sistemi nazionali installati a terra e consentono le prestazioni possibili con il sistema nazionale. Una sintesi delle apparecchiature necessarie per i diversi livelli d applicazione di ERTMS/ETCS è riportata nella tabella 1. Tabella 1 Apparecchiature per ERTMS/ETCS On board Track-side ERTMS/ETCS Check Data transmission Lineside Lineside Track Radioblock level of train electronic signals occupancy integrity units detection 1 no balises+loops (option) yes yes yes no 2 no balises+radio no no yes yes 3 (planned) yes balises+radio no no no yes 13

15 I PIANI DI SVILUPPO DEL SISTEMA ERTMS/ETCS Il sistema ERTMS/ETCS è considerato la soluzione tecnologica più appropriata per il segnalamento del futuro. Attrezzare con ERTMS/ETCS le nuove linee ad Alta Velocità/Alta Capacità significa limitare l uso di sistemi nazionali più datati ed evitare lo sviluppo di nuovi sistemi nazionali. Con l impiego di ERTMS/ETCS su larga scala, oltre al risultato dell interoperabilità, si ottiene anche un miglioramento della sicurezza della circolazione, specie nei Paesi che dispongono di sistemi di segnalamento più primitivi. Per le linee convenzionali, sulle quali in particolare l Austria e alcuni Paesi dell Est europeo stanno estesamente installando ERTMS/ETCS livello 1, la priorità più alta indicata nei documenti di politica dei trasporti europea è la realizzazione dell interoperabilità nei cosiddetti corridoi internazionali, prima a livello tecnico e poi anche a livello di regolamenti d esercizio. Entro i prossimi cinque anni alcuni corridoi internazionali saranno resi interoperabili, almeno a livello tecnico, attraverso l adozione del sistema ERTMS/ETCS a terra e a bordo, in alternativa e/o in aggiunta ai sistemi preesistenti. Spagna, Belgio, Francia, Italia, Germania, Olanda, Svezia, Svizzera, Austria, Bulgaria, Ungheria, Lussemburgo e Romania prevedono di introdurre ERTMS/ETCS su una parte significativa della loro rete. In particolare, le principali applicazioni in corso/pianificate relative alla rete europea ad Alta Velocità/Alta Capacità sono elencate nella tabella 2. 14

16 Tabella 2 Applicazioni di ERTMS/ETCS sulla rete europea Paese Anno Linea Livello Spagna 2003 Madrid-Lleida 1 e 2 Germania 2004 Ludwigsfelde-J-H/L 2 Italia 2005 Roma-Napoli 2 UK 2005 WCML 1 e 2 Olanda 2005 Linea Betuwe 2 Francia 2006 TGV Est 2 Olanda 2006 HSL-Sud 2 Italia 2008 Milano-Bologna 2 Italia 2008 Bologna-Firenze 2 Italia 2008 Milano-Torino 2 Italia 2010 Milano-Venezia 2 ERTMS/ETCS per la linea AV/AC Roma-Napoli La linea AV/AC Roma-Napoli è stata realizzata con il sistema ERTMS/ETCS livello 2, senza sistemi di riserva. Tale scelta è conseguente alla direttiva per l interoperabilità che prevede l attrezzaggio con ERTMS/ETCS delle nuove linee AV/AC e garantisce elevati standard di sicurezza della circolazione sulla rete ferroviaria nazionale, già oggi tra i migliori in Europa, e una gestione ottimale del traffico. Sulle linee AV/AC il distanziamento dei treni, il segnalamento in cabina di guida e la verifica della correttezza delle operazioni eseguite dai macchinisti saranno garantiti dall ERTMS/ETCS livello 2. Le linee AV/AC infatti non saranno attrezzate con i segnali luminosi laterali, di difficile interpretazione ad alte velocità. Il macchinista guiderà basandosi esclusivamente, in condizioni di full supervision, sulle informazioni visualizzate a bordo. Il sistema, in caso di superamento della velocità massima ammessa, comanderà immediatamente la frenatura d emergenza, garantendo l arresto del treno prima del superamento del punto protetto. 15

17 L ERTMS/ETCS livello 2, per la tecnologia di terra, è caratterizzato da un apparecchiatura centrale, il Radio Block Centre (RBC), situato in specifici posti centrali dai quali, tramite il Sistema di comando e controllo (SCC), viene gestita e controllata la circolazione ferroviaria. L RBC trasmette con continuità a ciascun treno, via radio GSM-R, la velocità e la distanza da rispettare in funzione sia della posizione di tutti i treni presenti sulla linea (distanziamento) sia dei vincoli imposti dal percorso (tracciato) o da eventuali rallentamenti temporanei in atto in quel momento. Nello stesso tempo i treni inviano, sempre via radio, la loro posizione al posto centrale. L RBC, sulla base dello stato dell infrastruttura (libertà della via, itinerari nelle stazioni, velocità di percorso, rallentamenti) e della posizione del treno, trasmette a bordo i dati relativi alla cosiddetta autorizzazione al movimento, rappresentata dalla distanza dal punto caratterizzato da condizioni restrittive e dalla velocità massima consentita in quel punto. Figura 6 Schema del sistema ERTMS/ETCS Train integrity TOU TIU Specific Train Equipment Juridical Juridical recorder recorder ERTMS/ETCS KERNEL KERNEL MMI STM Balise Radio Loop ON BOARD AIR GAP Balise Radio RBC TRACK-SIDE Existing systems Loop 16

18 L ERTMS/ETCS livello 2, per la tecnologia di bordo, è caratterizzato da apparecchiature in sicurezza che consentono al macchinista di condurre il treno avvalendosi esclusivamente delle informazioni del RBC al sottosistema di bordo EVC (European Vital Computer) visualizzate su uno schermo che fa parte dell interfaccia uomo-macchina DMI (Driver Machine Interface). Uno schema a blocchi di ERTMS/ETCS è mostrato nella figura 6. Figura 7 Il cruscotto DMI Il DMI (figura 7) è un cruscotto, unificato a livello europeo, che oltre alla velocità effettiva e alla distanza libera a valle del treno fornisce al macchinista indicazioni continue sulla velocità massima consentita al treno. Con tali informazioni (Full Supervision), il sottosistema di bordo attua le azioni opportune per garantire in sicurezza la marcia del treno (comando della frenatura nel caso di mancato intervento da parte del macchinista). L ERTMS/ETCS livello 2 utilizza per le comunicazioni fra il personale a terra e quello a bordo treno il sistema GSM-Railway (figura 8). Nella sua versione ferroviaria, il GSM-R consentirà sia le comunicazioni vocali sia le trasmissioni di dati per il controllo in sicurezza della marcia del treno. Figura 8 Schema dell architettura funzionale del GSM-R Train to base Radio shunting E RTMS Train control Tunnels coverage Ancillary services Yard Radio Works and maintenance Il progetto Rete radio GSM-R rientra negli accordi che il Gruppo Ferrovie dello Stato ha sottoscritto in ambito UIC per realizzare con le altre reti europee standard comuni e interoperabili. 17

19 La migration strategy di RFI L applicazione sia su linee AV/AC, sia sulla rete fondamentale, sia sui valichi del sistema ERTMS/ETCS rientra nel programma di rinnovamento tecnologico di RFI, la società dell infrastruttura del Gruppo Ferrovie dello Stato. La strategia di migrazione, comunicata ufficialmente dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti alla Commissione Europea al momento dell entrata in vigore delle STI CC, prevede quanto segue: Le linee ad Alta Velocità in corso di realizzazione (Roma-Napoli, Firenze-Bologna, Bologna-Milano, Torino-Milano), per le quali l attivazione all esercizio commerciale è prevista tra il 2005 (Roma-Napoli) e il 2008, e quelle attualmente in corso di progettazione (Milano-Venezia e 3 valico dei Giovi) saranno tutte attrezzate con ERTMS/ETCS di livello 2. I nuovi treni per l Alta Velocità saranno equipaggiati con ERTMS/ETCS livello 2 e con l STM nazionale per i sistemi riportati nell allegato B della TSI Control Command per consentire l interoperabilità interna sia verso le linee della rete convenzionale sia verso l esistente linea AV/AC Roma-Firenze fino al suo attrezzaggio, già previsto, con ERTMS/ETCS livello 2. Le linee di confine per la connessione con la rete AV/AC, necessarie per l interoperabilità europea, saranno attrezzate nel medio periodo con ERTMS/ETCS livello 2, mantenendo il sistema nazionale come sistema di fall-back. I sistemi esistenti e quelli in corso di realizzazione consentono comunque la circolazione ai mezzi interoperabili dotati di STM nazionale. Le principali linee della rete convenzionale saranno gradualmente attrezzate con ERTMS/ETCS in tempi più lunghi, avendo a riferimento i princìpi definiti nel capitolo 7 delle TSI Control Command. Un indicazione della rete interessata dall interoperabilità e dalla migrazione verso ERTMS è riportata nell allegata cartina Rete transeuropea Ferrovie dello Stato interoperabile (secondo decisione 1962/96/CE del Parlamento e del Consiglio) (figura 9). Per accelerare la migrazione verso l interoperabilità nei corridoi interoperabili individuati nella rete di trasporto transeuropea (Trans European Transport Network) e definiti prioritari nel giugno 2003 dal gruppo ad alto livello presieduto da Karel van Miert, si sono valutate le possibili opzioni tecniche capaci di ridurre i tempi per l interoperabilità di tali corridoi, cercando anche d armonizzare le iniziative e le tempistiche delle altre reti interessate agli stessi corridoi, in particolare Svizzera, Austria e Francia. Una soluzione praticabile in tempi brevi per quelle linee di valico caratterizzate da capacità di traffico e velocità commerciali modeste potrebbe essere l integrazione della funzionalità del sistema nazionale SCMT senza BACC con quella del sistema ERTMS/ETCS di livello 1 senza infill. Per tale soluzione, adottando alcune specifiche accortezze, le boe di SCMT sarebbero utilizzate anche da ERTMS/ETCS e consentirebbero il passaggio sia di un treno nazionale SCMT sia di uno interoperabile ERTMS/ETCS con prestazioni paragonabili. 18

20 Figura 9 Il programma di realizzazione della rete transeuropea FS interoperabile Rete AV/AC Rete Amenagees Rete convenzionale Figura 10 La doppia funzionalità dell EUROBALISE ERTMS/ETCS livello 1 Telegramma europeo Bordo ERTMS/ETCS Bordo SCMT Telegramma SCMT 250bit (Packet 44) Telegramma di bit di ERTMS/ETCS ERTMS/ETCS livello 1 Telegramma europeo Bordo Terra Sono in corso incontri con le ferrovie svizzere per organizzare una sperimentazione di tale soluzione su una linea di frontiera italo-svizzera (il valico di Luino). I test sono finalizzati a verificare che la soluzione consenta a un treno interoperabile SBB di percorrere la linea di RFI così equipaggiata senza dover aggiungere l STM per SCMT. La funzionalità doppia, SCMT e ERTMS/ETCS, che viene assolta dall EUROBALISE, è rappresentata concettualmente nella figura 10.

21 Tale soluzione, in caso di buon esito delle prove sulla linea sperimentale italo-svizzera, potrebbe costituire una soluzione per l interoperabilità in linee della rete convenzionale diverse sia da quelle di connessione della rete AV/AC nazionale con la rete europea ad Alta Velocità (comprendenti anche le linee di valico caratterizzate da capacità di traffico e velocità commerciali modeste) sia da quelle di connessione tra rete convenzionale fondamentale e rete AV/AC nazionale. Per parte delle linee suddette, siano esse attrezzate attualmente con blocco conta-assi o prive di sistemi di segnalamento evoluti, dove è previsto di installare l SCMT potrebbe essere appropriato prevedere fin dall inizio tale soluzione. Perché tale soluzione sia uno standard ERTMS/ETCS interoperabile occorrerà che nelle specifiche ERTMS/ETCS venga introdotta la modifica che consente di utilizzare il bordo ERTMS/ETCS con una funzionalità ridotta anche in presenza di un installazione di terra ERTMS/ETCS livello 1 completa. La possibilità di una piena funzionalità di bordo dovrebbe essere ottenuta anche con una installazione di terra ERTMS/ETCS livello 1 qualora venisse realizzata una adeguata funzionalità di infill (a mezzo GSM-R o loop). Figura 11 La carta ufficiale della rete interoperabile Milano-Domodossola (Berna) Milano-Chiasso (Zurigo) Milano-Torino (Lione) Verona-Brennero (Innsbruck) Milano-Alessandria-Genova Milano-Venezia Verona-Bologna Bologna-Firenze Milano-Bologna Firenze-Roma Roma-Napoli ERTMS/ETCS lev.2 only ERTMS/ETCS lev.1 overposed On SCMT Rete AV/AC Rete Amenagees Rete convenzionale Very short term before 2005 Short term before 2009 Medium term before 2012 Long term after 2012 (some other blue and yellow lines) 20

Allegato 2 Tabella 1 - Preliminary Risk Analysis. hazard Descrizione dell'hazard

Allegato 2 Tabella 1 - Preliminary Risk Analysis. hazard Descrizione dell'hazard ia Descrizione dell' Errore operatore di H1.1.1 - HL.23 F1 Alimentazione sistemi di ) H1.3.1 H2.1.1 Dati sulla alità e configurazione delle apparecchiature di (ERTMS e non) non corretti HL.20 Errore dell'evc

Dettagli

CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA

CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA 3.1 INTRODUZIONE (aggiornamento dicembre 2013) Il capitolo descrive le principali caratteristiche delle linee e degli impianti che costituiscono l infrastruttura

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

Allora CESAR fa per VOI!

Allora CESAR fa per VOI! www.cesar-online.com Se siete una società di logistica o di trasporti Se avete accesso a Internet Se siete clienti di Cemat, Hupac, Kombiverkehr, Novatrans o TRW Allora CESAR fa per VOI! CESAR Information

Dettagli

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Ing. Antonino Oscar Di Tommaso Università degli Studi di Palermo DIEET (Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni) Ing.

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Progetto I-Bus Telecontrollo Bus Turistici e pagamento elettronico dei permessi Sintesi Roma Servizi per la mobilità ha messo a punto un sistema di controllo

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

DISPOSIZIONI PER L ESERCIZIO IN TELECOMANDO

DISPOSIZIONI PER L ESERCIZIO IN TELECOMANDO 1 DISPOSIZIONI PER L ESERCIZIO IN TELECOMANDO Edizione 1987 Ristampa 2005 aggiornata con OS 24/1992-26/1994-10/1997 Disp. 5/2001 33/2001 50/2001 11/2002 16/2002 43/2002 15/2005 40/2005 48/2005 Poligrafica

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE Progetto SEE-ITS in breve SEE-ITS è un progetto transnazionale che mira a stimolare la cooperazione, l'armonizzazione e l'interoperabilità tra Sistemi di Trasporto Intelligenti (ITS) nel Sud-Est Europa.

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell economia

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Access Key per i vostri UBS Online Services Istruzioni

Access Key per i vostri UBS Online Services Istruzioni ab Access Key per i vostri UBS Online Services Istruzioni www.ubs.com/online ab Disponibile anche in tedesco, francese e inglese. Dicembre 2014. 83378I (L45365) UBS 2014. Il simbolo delle chiavi e UBS

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE FACILITÀ TECNOLOGIA DISPONIBILITÀ ASSISTENZA D USO WI-FI IN 8 LINGUE TECNICA Collegamento

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento Ing. GianPiero Pavirani Bologna, 21 Novembre 2012 Sommario 1. Le attività di manutenzione 2. La normativa di riferimento: 1. 2. 3. Istruzione

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana 1. Definizioni 1.1 I termini con la lettera iniziale maiuscola impiegati nelle presenti Condizioni Generali Parte II si intendono usati salvo diversa

Dettagli

Express Import system

Express Import system Express Import system Manuale del destinatario Sistema Express Import di TNT Il sistema Express Import di TNT Le consente di predisporre il ritiro di documenti, pacchi o pallet in 168 paesi con opzione

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

Codifica: RFI DMO TVM LG SVI 001 A I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI

Codifica: RFI DMO TVM LG SVI 001 A I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 1 di 29 PROGETTAZIONE DI PICCOLE STAZIONI E PARTE I PARTE TITOLO I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI PARTE II II.1 METODOLOGIA PER IL DIMENSIONAMENTO

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE FOCUS TECNICO IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DETRAZIONI FISCALI SUDDIVISIONE PIÙ EQUA DELLE SPESE RISPARMIO IN BOLLETTA MINOR CONSUMO GLOBALE DI TUTTO IL CONDOMINIO COSTO

Dettagli

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT)

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT) Wi-Fi Amantea Il Comune di Amantea offre a cittadini e turisti la connessione gratuita tramite tecnologia wi-fi. Il progetto inserisce Amantea nella rete wi-fi Guglielmo ( www.guglielmo.biz), già attivo

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

I - PRINCIPI GENERALI

I - PRINCIPI GENERALI D.Lgs. 17 agosto 1999, n. 334 Attuazione della direttiva 96/82/CE relativa al controllo dei pericoli di incidenti rilevanti connessi con determinate sostanze pericolose (G.U. 28.09.1999, n. 228, s. o)

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

ACCENDIAMO IL RISPARMIO

ACCENDIAMO IL RISPARMIO ACCENDIAMO IL RISPARMIO PUBBLICA ILLUMINAZIONE PER LA SMART CITY Ing. Paolo Di Lecce Tesoriere AIDI Amministratore Delegato Reverberi Enetec srl LA MISSION DI REVERBERI Reverberi Enetec è una trentennale

Dettagli

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. "Generate debugging information"

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. Generate debugging information FASE DEBUGGING: Prima della compilazione, si devono inserire 1 nel progetto informazioni per il debug cioè si devono visualizzare le opzioni di progetto seguendo il percorso: controllando che la voce Genera

Dettagli

Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese.

Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 245 del 19 ottobre 2012 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo VADEMECUM Finanziamenti diretti europei Come redigere un progetto di successo redazione: Petra Sevvi, Renata Tomi Info Point Europa della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione

Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione 2013. 12 (Revisione 2.6.) Esclusione di responsabilità legale SAMSUNG ELECTRONICS SI RISERVA IL DIRITTO DI MODIFICARE I PRODOTTI, LE INFORMAZIONI

Dettagli

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar:

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Doppio radar Doppia scala Controlli Radar 4G -Separazione - obiettivi -- Eliminazione

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Linee guida Documentazione Iniziale relativa alla manutenzione (Dossier di Manutenzione) e Piano di Manutenzione dei veicoli BOZZA

Linee guida Documentazione Iniziale relativa alla manutenzione (Dossier di Manutenzione) e Piano di Manutenzione dei veicoli BOZZA relativa alla manutenzione (Dossier di BOZZA Rev 0 REDATTO VERIFICATO APPROVATO M. Scrivani R. Cammarata M.G. Marzoni INDICE 1 Premessa... 3 2 Scopo e campo di applicazione... 3 3 Riferimenti legislativi

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Agata Landi Convegno ANIMP 11 Aprile 2014 IL GRUPPO ALSTOM Project management in IS&T L esperienza Alstom 11/4/2014 P 2 Il gruppo Alstom Alstom Thermal

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 Oggetto: Aiuto di Stato N 540/2009 - Francia Proroga dell aiuto NN 155/2003 Realizzazione di un servizio sperimentale di autostrada ferroviaria e Aiuto

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

La linea Genova-Ventimiglia IL RADDOPPIO DEL TRATTO ANDORA-SAN LORENZO LE NUOVE STAZIONI DI IMPERIA, DIANO E ANDORA

La linea Genova-Ventimiglia IL RADDOPPIO DEL TRATTO ANDORA-SAN LORENZO LE NUOVE STAZIONI DI IMPERIA, DIANO E ANDORA La linea Genova-Ventimiglia IL RADDOPPIO DEL TRATTO ANDORA-SAN LORENZO LE NUOVE STAZIONI DI IMPERIA, DIANO E ANDORA La linea Genova-Ventimiglia IL RADDOPPIO DEL TRATTO ANDORA-SAN LORENZO LE NUOVE STAZIONI

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

La nuova normativa di Farmacovigilanza

La nuova normativa di Farmacovigilanza La nuova normativa di Farmacovigilanza 1 Due nuove disposizioni in materia di farmacovigilanza Pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale Europea L 348 del 31 Dic 2010: Regulation (EU) 1235/2010 of the European

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

WQuesto orologio è un modello a W onde radio che riceve le onde radio dell orario standard trasmesso in Germania.

WQuesto orologio è un modello a W onde radio che riceve le onde radio dell orario standard trasmesso in Germania. LQuesto orologio indica con il terminale più corto della lancetta dei secondi, il livello di ricezione e il risultato di ricezione. Lancetta dei secondi Lancetta dei minuti Lancetta delle ore Pulsante

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA Allegato A alla deliberazione ARG/elt 99/08 - Versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/elt 179/08, 205/08, 130/09 e 125/10 TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Indice. 1. Scopo e ambito di applicazione... 4. 2. Principali attività svolte dall Agenzia nel 2013... 4

Indice. 1. Scopo e ambito di applicazione... 4. 2. Principali attività svolte dall Agenzia nel 2013... 4 ANDAMENTO DELLA SICUREZZA DELLE FERROVIE NELL ANNO 2013 Indice 1. Scopo e ambito di applicazione... 4 2. Principali attività svolte dall Agenzia nel 2013... 4 2.1. Dotazione organica e riduzione della

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli