CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE COMANDO Ufficio Studi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE COMANDO Ufficio Studi"

Transcript

1 CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE COMANDO Ufficio Studi CIRCOLARE N. 39 OGGETTO: Attività produttive. Chiusura festiva e domenicale degli esercizi commerciali in sede fissa al dettaglio. D.G.R. Piemonte n del 5 settembre () Integrazione alla circolare del Corpo n. 65/99 (2). Per opportuna conoscenza e norma di servizio si comunica che, con la D.G.R. Piemonte in oggetto, sono stati approvati i criteri per l applicazione e la graduazione delle sanzioni amministrative pecuniarie per i casi di violazione dell obbligo della chiusura festiva e domenicale degli esercizi commerciali in sede fissa al dettaglio, determinati dall'art. 8/2 bis della legge regionale n. 28/99, secondo i contenuti dell Allegato A, sotto riportato, che costituisce parte integrante e sostanziale del provvedimento normativo regionale. Allegato "A" alla D.G.R. n del 5/09/05 A A () B.U.R.P. n. 38 del 22/09/05 (2) Decreto Legislativo 3 marzo 998, n. 4 Riforma della disciplina relativa al settore del commercio.

2 A La sanzione pecuniaria per le medie e grandi strutture di vendita [ad eccezione del caso delle grandi strutture di vendita con superficie superiore a mq. e degli esercizi di vicinato, casi in cui la sanzione è "rigida"], si applica nell'ammontare indicato nella tabella sopra riportata, con riferimento al limite massimo di superficie (3). Nell'ipotetico caso di una media struttura di vendita con superficie di 400 mq. (situata in un comune con popolazione avente più di abitanti) la sanzione amministrativa pecuniaria da applicare è uguale al massimo e cioè di.500,00. La sanzione varia invece, a partire dal massimo, verso importi inferiori in proporzione alla specifica superficie di vendita di volta in volta considerato: Esempio: nello stesso caso, se la superficie di vendita della media struttura di vendita risulta essere di 300 mq., la sanzione da applicare sarà determinata dalla seguente proporzione 400 :.500 = 300 : X X=.500x300.25, Ai fini di una corretta applicazione della normativa regionale in commento, si riporta, qui di seguito, le altre principali disposizioni che completano e disciplinano la nuova normativa sanzionatoria per le specifiche violazioni dell obbligo di chiusura festiva e domenicale degli esercizi commerciali in sede fissa. Graduazione degli importi della sanzione edittale. La sanzione pecuniaria prevista dall'art. 8, comma 2 bis della L.R. n. 28/99 (4), per i casi di violazione dell'obbligo di chiusura festiva e domenicale degli esercizi commerciali in sede fissa [esercizi di vicinato, medie e grandi strutture di vendita], è graduata, entro i limiti di legge compresi fra 500,00 e ,00 euro, in relazione alla superficie di vendita degli esercizi, secondo i parametri indicati nella sopra riportata tabella. Si evidenzia che il provvedimento regionale non ha preso in considerazione la prescrizione legislativa dell'obbligo di chiusura della mezza giornata infrasettimanale che, come noto, nel Comune di Torino è obbligatoria a fronte dell'ordinanza n. 206 del 2 aprile 999 (vds. circolare del Corpo n. 67/99). Pertanto, tale inosservanza rimane sanzionata amministrativamente dal combinato disposto dell'art. e 22 del D.L.vo n. 4/98 e dell'ordinanza dirigenziale n. 206/99 da 56,00 a 3098,00 (p.m.r. di 032,00). Nel caso dei centri commerciali (5) la sanzione pecuniaria è irrogata con riferimento ad ogni singolo esercizio che compone il centro medesimo, in relazione alla tipologia di ciascuno, esercizio di vicinato, media o grande struttura di vendita, secondo le modalità applicative della tabella sopra riportata. Nel caso in cui il centro commerciale sia presente la figura del promotore, lo stesso ed i titolari dei singoli esercizi di cui è composto il centro commerciale concorrono nella violazione; il promotore rispondendo per l'intero centro commerciale ed i singoli titolari che abbiano violato le disposizioni sulla chiusura festiva degli esercizi commerciali, ognuno in base alle dimensioni del proprio esercizio. Competenza sanzionatoria. La sanzione principale pecuniaria di cui all'art. 8/2 bis e la sanzione accessoria della sospensione dell'attività di vendita nei casi di recidiva, di cui all'art. 8/2 ter della L.R. n. 28/99, sono irrogate dal Comune nel quale hanno avuto luogo le violazioni, così come previsto dall'art. 22/7 del D.L.vo n. 4/98. (3) Per superficie di vendita si intende l area destinata alla vendita compresa quella occupata dai banchi, scaffalature e simili. Non costituisce superficie di vendita quella destinata a magazzini, depositi, locali di lavorazione, uffici e servizi. (4) Vds. l'allegato n. 2 alla presente circolare del Corpo. (5) Si intende per centro commerciale: una media o una grande struttura di vendita nella quale più esercizi commerciali sono inseriti in una struttura a destinazione specifica e usufruiscono di infrastrutture comuni e spazi di servizio gestiti unitariamente. Ai fini del presente decreto per superficie di vendita di un centro commerciale si intende quella risultante dalla somma delle superfici di vendita degli esercizi al dettaglio in esso presenti. 2

3 Applicazione delle sanzioni. Il provvedimento regionale ribadisce che si applicano le disposizioni in materia di sanzioni amministrative di cui alla Legge n. 689/8 fra le quali richiama, in particolare: a) le modalità di contestazione e notificazione della violazione, ai sensi dell'art. 4 della L. n. 689/8, secondo cui la violazione, quando è possibile, deve essere contestata immediatamente. Se non è avvenuta la contestazione immediata, gli estremi della violazione (verbale di accertamento mod. 76 bis) devono essere notificati all'interessato entro 90 gg. dalla data dell'accertamento; b) la facoltà di pagamento della sanzione pecuniaria in misura ridotta di una somma pari ad /3 del massimo della sanzione edittale, ai sensi dell'art. 6 della l. n. 689/8; c) l'obbligo del rapporto ai sensi dell'art. 7 della L. n. 689/8, da presentarsi, da parte dell'organo accertatore, nel caso in cui non sia stato effettuato il pagamento in misura ridotta; d) le modalità di adozione dell'ordinanza ingiunzione di pagamento della sanzione, ai sensi dell'art. 8 della L. n. 689/8; e) le modalità di opposizione all'ordinanza ingiunzione ai sensi degli artt. 22, 22 bis e 23 della L. n. 689/8. La sanzione amministrativa accessoria della sospensione dell'attività di vendita nei casi di recidiva, di cui all'art.8/2 ter della L.R. n. 28/99, si applica anche in caso di pagamento in misura ridotta della sanzione amministrativa pecuniaria. La sanzione della sospensione si applica: a) nel caso in cui l'interessato si sia avvalso della facoltà di pagamento della sanzione pecuniaria in misura ridotta, successivamente all'effettuazione del pagamento; b) nel caso in l'interessato non si sia avvalso della facoltà di pagamento della sanzione pecuniaria in misura ridotta, contestualmente al provvedimento di ordinanza ingiunzione di pagamento, ai sensi del richiamato art. 8 della L. n. 689/8. L'ipotesi sanzionatoria riportata a pag. 30 del prontuario in materia di commercio, diramato con la circolare del Corpo n. 9/03, deve essere aggiornata alla luce delle modifiche apportate dalla D.G.R. n del 5/09/05 in materia delle sole violazioni dell'obbligo di chiusura festiva e domenicale degli esercizi commerciali di vendita in sede fissa al dettaglio. MC/mc/LM Addì, 6/0/05 F.to IL DIRIGENTE DI P.M. Dr. Gaetano NOE' ALLEGATI: - Allegato n.. Diagramma di flusso; - Allegato n. 2. Art. 8 della Legge Regionale n. 28/99. 3

4 CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE COMANDO Ufficio Studi ALLEGATO N. DIAGRAMMA DI FLUSSO ESERCIZI COMMERCIALI AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA Esercizi di vicinato articolo 7 D.L.vo n. 4/98. Attività aventi una superficie di vendita non superiore a 50 mq nei Comuni aventi una popolazione residente fino a abitanti e a 250 mq nei Comuni con popolazione residente superiore a abitanti. L apertura, il trasferimento di sede e l ampliamento della superficie non sono soggetti ad autorizzazione, ma a una semplice comunicazione al Comune e l attività può essere iniziata decorsi trenta giorni dal ricevimento della comunicazione. Nella comunicazione occorre dichiarare il possesso dei requisiti morali e, per il settore alimentare, professionali, l aver rispettato i regolamenti locali di polizia urbana, annonaria, igienico sanitaria, edilizio e urbanistico e quelli di destinazione d uso. Inoltre deve essere specificato il settore merceologico, la superficie e l ubicazione dell esercizio. Agli esercizi di vendita dei prodotti di cui all articolo 4 della Legge n. 77/97 (servizi sostitutivi di mensa) è consentito il consumo immediato dell alimento a condizione che sia escluso il servizio di somministrazione con attrezzature ad esso finalizzate. Medie strutture di vendita articolo 8 D.L.vo n. 4/98. Attività aventi una superficie di vendita superiore ai limiti dell esercizio di vicinato e fino a.500 mq nei Comuni aventi una popolazione residente sino a abitanti e sino a mq nei Comuni aventi popolazione residente superiore a abitanti. L apertura, il trasferimento di sede e l ampliamento della superficie sono soggetti ad autorizzazione rilasciata dal Comune. Nella domanda necessita dichiarare il possesso dei requisiti morali e, per il settore alimentare, professionali, i settori merceologici, l ubicazione e la superficie di vendita. Grandi strutture di vendita articolo 9 D.L.vo n. 4/98. Attività aventi una superficie di vendita superiore ai limiti dettati per le medie strutture di vendita. L apertura, il trasferimento di sede e l ampliamento della superficie di una grande struttura di vendita sono soggetti ad autorizzazione rilasciata dal Comune con parere favorevole del rappresentante della Regione. Nella domanda devono essere dichiarati il possesso dei requisiti sopra indicati di cui all articolo 5, i settori merceologici, l ubicazione e la superficie di vendita. Orario di apertura e di chiusura articolo D.L.vo n. 4/98. L orario di apertura e di chiusura degli esercizi al dettaglio non può superare le tredici ore giornaliere ed è rimesso alla libera determinazione dei titolari tra le ore 07,00 e le ore 22,00 nel rispetto dei criteri emanati dal Comune, fatta salva la chiusura domenicale e festiva (con deroga per il mese di dicembre e di altre otto domeniche o festività nel corso degli altri mesi dell anno) e la mezza giornata di chiusura infrasettimanale. L orario dell attività deve essere reso noto al pubblico mediante cartelli o altri idonei mezzi d informazione. Non rientrano nella sfera di applicazione della presente disposizione le attività commerciali all ingrosso. Disposizioni speciali articolo 3 D.L.vo n. 4/98. Individua i soggetti ai quali non è applicabile la presente disposizione e precisamente: le rivendite di generi di monopolio; gli esercizi di vendita interni ai campeggi, ai villaggi ed ai complessi turistici ed alberghieri; gli esercizi di vendita al dettaglio situati nelle aree di servizio lungo le autostrade, nelle stazioni ferroviarie, marittime e aeroportuali; alle rivendite di giornali; le gelaterie e gastronomie; le rosticcerie e le pasticcerie; gli esercizi specializzati nella vendita di bevande, fiori, piante e articoli da giardinaggio, mobili, libri, dischi, nastri magnetici musicassette, videocassette, opere d arte, oggetti d antiquariato, stampe, cartoline, articoli da ricordo e artigianato locale e le sale cinematografiche, qualora le attività di vendita siano previste in maniera esclusiva e prevalente. 4

5 VIOLAZIONI E SANZIONI INOSSERVANZA degli orari di esercizio (e del cartello indicante tali orari) ai sensi dell'art. d.l.vo n. 4/98 della mezza giornata di chiusura infrasettimanale ai sensi dell'ordinanza n. 206 del 2 aprile 999 (vds. circolare del corpo n. 67/99). INOSSERVANZA Delle giornate di chiusura festiva e domenicale ai sensi dell'art. 8/2 bis - 2ter L.R. n. 28/99 - D.G.R DEL 5/09/05 Fatte salve le deroghe per il mese di dicembre e di altre otto domeniche o festività nel corso degli altri mesi dell anno (vds. la c.d. scacchiera). Art. /2-3 e 4 - Art. 22/2 e 3 D.L.vo n. 4/98. Sanzione amministrativa pecuniaria da 56,00 a 3098,00 (p.m.r. di 032,00 entro 60 gg.). Autorità competente il Comune La sanzione pecuniaria per le medie e grandi strutture di vendita [ad eccezione del caso delle grandi strutture con superficie superiore a mq. e degli esercizi di vicinato, caso in cui la sanzione è "rigida"], si applica nell'ammontare indicato nella tabella sopra riportata, con riferimento al limite massimo di superficie. Nel caso di una media struttura di vendita con superficie di 400 mq. (situata in un comune con popolazione avente più di abitanti) la sanzione amministrativa pecuniaria da applicare è uguale al massimo e cioè di.500,00. La sanzione varia invece, a partire dal massimo, verso importi inferiori in proporzione alla specifica superficie di vendita di volta in volta considerato: Esempio: nello stesso caso, se la superficie di vendita della media struttura di vendita risulta essere di 300 mq., la sanzione da applicare sarà determinata dalla seguente proporzione 400:.500=300:X X=.500x300.25, Al trasgressore è concessa la facoltà di pagamento della sanzione pecuniaria in misura ridotta di una somma pari ad /3 del massimo della sanzione edittale, ai sensi dell'art. 6 della l. n. 689/8. MC/mc 5

6 CITTA' DI TORINO- CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE -SETTORE COMANDO Ufficio Studi ALLEGATO N. 2 LEGGE REGIONALE n. 28/99 DISCIPLINA, SVILUPPO ED INCENTIVAZIONE DEL COMMERCIO IN PIEMONTE, IN ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO 3 MARZO 998 N. 4 Art. 8 così come modificato dalla Legge regionale n. 4 del 28/02/05 Capo IV. ORARI DI VENDITA Art. 8. (Principi in tema di orari di vendita). In applicazione del disposto dell'articolo del d.lgs. 4/98 gli orari di apertura e chiusura al pubblico degli esercizi di vendita al dettaglio sono rimessi alla libera determinazione degli esercenti nel rispetto delle disposizioni di cui al suindicato articolo e dei criteri emanati dai Comuni in applicazione dell'articolo 36 della legge n. 42/990 (ora D.L.vo n. 267/00). 2. I Comuni conformano la predisposizione dei criteri in materia di orari di apertura e di chiusura degli esercizi di vendita ai seguenti principi: a) armonizzazione degli orari di apertura degli esercizi commerciali agli orari dei servizi pubblici e degli uffici locali, in relazione alle esigenze complessive degli utenti, in attuazione della legge regionale 6 aprile 995, n. 52 (Norme per la formulazione e l'adozione dei piani comunali di coordinamento degli orari PCO ai sensi dell'articolo 36, comma 3, della legge n. 42/90) e dell'articolo 36, comma 3, della l. 42/90; b) promozione di un costante processo di confronto fra le parti sociali interessate ed i soggetti pubblici per avviare sperimentazioni di nuove soluzioni di servizio alla collettività; c) coordinamento degli orari degli esercizi di vendita, con particolare riguardo alle caratteristiche delle zone, cosi' come individuate dagli indirizzi e dai criteri di cui all'articolo 3, attraverso l'articolazione della mezza giornata di chiusura infrasettimanale, qualora prevista, e delle deroghe all'obbligo della chiusura festiva e domenicale secondo aree omogenee dello stesso Comune, e, qualora necessario, anche a livello sovracomunale, previa intesa con i Comuni interessati; d) ottimizzazione del servizio al consumatore attraverso:. l'individuazione dei giorni domenicali e festivi nei quali consentire la deroga di cui alla lettera c) in modo tale da garantire per ogni area omogenea l'apertura degli esercizi per ulteriori otto domeniche o festività oltre a quelle comunque previste per il mese di dicembre; 2. la definizione degli ambiti territoriali entro i quali e' consentito l'esercizio dell'attività di vendita ad un limitato numero di esercizi di vicinato in orario notturno; 3. la definizione del regime di orari da applicarsi alle attività miste di uno stesso esercizio commerciale, con particolare riguardo ai centri polifunzionali e ai centri commerciali, secondo criteri che, oltre al settore merceologico o all'attività prevalente, tengano conto delle esigenze complessive dell'utenza; 4. l'uniformità del regime degli orari delle attività artigiane, agricole ed industriali esercenti la vendita al dettaglio a quello dei negozi; 5. la definizione delle modalità in base alle quali gli esercizi del settore alimentare devono garantire l'apertura al pubblico in caso di più di due festività consecutive. 2 bis. Chiunque violi le disposizioni in ordine all'obbligo della chiusura festiva e domenicale, fatte salve le deroghe previste nei commi precedenti, è punito con una sanzione amministrativa del pagamento di una somma commisurata alla superficie di vendita dell'esercizio commerciale. La Giunta regionale, entro 60 giorni dall'entrata in vigore del presente provvedimento, adotta i criteri di graduazione proporzionale, tra i limiti di 500,00 e ,00 euro. Fino all'entrata in vigore della presente norma e delle relative norme attuative, restano in vigore le norme previste dall'articolo 22 del d.lgs. 4/ ter. In caso di recidiva, ovvero quando sia stata commessa la stessa violazione per due volte in un anno solare, anche se si è proceduto al pagamento della sanzione mediante oblazione, il Sindaco dispone la sospensione dell'attività di vendita per un periodo non superiore a venti giorni. MC/mc 6

Comune di Viadana Provincia di Mantova

Comune di Viadana Provincia di Mantova Ufficio Commercio e Attività Produttive Prot.n. Ordinanza n. DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA DEI NEGOZI E DELLE ALTRE ATTIVITA' DI VENDITA AL DETTAGLIO IL SINDACO VISTI gli artt.11 e 13 del D.LGS. 31/3/98,

Dettagli

ORDINANZA SINDACALE. Provincia di Ancona. Proponente: U.O.C. ATTIVITÀ ECONOMICHE. Numero: 136 Data: 20/11/2006 OGGETTO:

ORDINANZA SINDACALE. Provincia di Ancona. Proponente: U.O.C. ATTIVITÀ ECONOMICHE. Numero: 136 Data: 20/11/2006 OGGETTO: ALBO: dal 21.11.2006 al 06.12.2006 Prot. n. 37914/2006 COMUNE DI JESI Provincia di Ancona Proponente: U.O.C. ATTIVITÀ ECONOMICHE ORDINANZA SINDACALE Numero: 136 Data: 20/11/2006 OGGETTO: ORARI DI APERTURA

Dettagli

CITTA DI SAN DONA DI PIAVE (Decorata con Croce al Merito di Guerra e con medaglia d Argento al Valor Militare) ORDINANZA SINDACALE

CITTA DI SAN DONA DI PIAVE (Decorata con Croce al Merito di Guerra e con medaglia d Argento al Valor Militare) ORDINANZA SINDACALE CITTA DI SAN DONA DI PIAVE (Decorata con Croce al Merito di Guerra e con medaglia d Argento al Valor Militare) Settore IV Pianificazione - Gestione del territorio Attività produttive ORDINANZA SINDACALE

Dettagli

Oggetto: DISCIPLINA DEGLI ORARI DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO. IL SINDACO

Oggetto: DISCIPLINA DEGLI ORARI DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO. IL SINDACO Comune di Bologna Ord. P.G. 294395/08 integrata da Ord. 106104/11 Oggetto: DISCIPLINA DEGLI ORARI DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO. IL SINDACO Premesso che con propria ordinanza P.G.n.

Dettagli

COMUNE DI MONIGA DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA Area Servizi Amministrativi SEGRETERIA GENERALE

COMUNE DI MONIGA DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA Area Servizi Amministrativi SEGRETERIA GENERALE ORARIO DI APERTURA E CHIUSURA AL PUBBLICO DEGLI ESERCIZI DI VENDITA AL DETTAGLIO N. 07 del Registro delle Ordinanze IL SINDACO (Lorella Lavo) VISTI l'art. 54 del DPR 24 luglio 1977 n. 616 e l art. 50 comma

Dettagli

Testo coordinato dell ordinanza prot. n n. 32 del 28/05/2008 con le modifiche apportate con ordinanza prot. n n.

Testo coordinato dell ordinanza prot. n n. 32 del 28/05/2008 con le modifiche apportate con ordinanza prot. n n. Testo coordinato dell ordinanza prot. n. 7364 - n. 32 del 28/05/2008 con le modifiche apportate con ordinanza prot. n. 14068 n. 93 del 26/10/2009 ORDINANZA SINDACALE PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ORARI DI

Dettagli

COMUNE DI ESINE. Provincia di Brescia. Ufficio commercio ORARIO DI APERTURA E CHIUSURA AL PUBBLICO DEGLI ESERCIZI DI VENDITA AL DETTAGLIO IL SINDACO

COMUNE DI ESINE. Provincia di Brescia. Ufficio commercio ORARIO DI APERTURA E CHIUSURA AL PUBBLICO DEGLI ESERCIZI DI VENDITA AL DETTAGLIO IL SINDACO COMUNE DI ESINE Provincia di Brescia Ufficio commercio N. 78 Registro Ordinanze N. 12300 Protocollo ORARIO DI APERTURA E CHIUSURA AL PUBBLICO DEGLI ESERCIZI DI VENDITA AL DETTAGLIO VISTI l'art. 54 del

Dettagli

COPIA CONFORME ALL ORIGINALE PER USO AMMINISTRATIVO E D UFFICIO DELLA ORDINANZA N. 5 DEL ORDINANZA N. 5 DEL

COPIA CONFORME ALL ORIGINALE PER USO AMMINISTRATIVO E D UFFICIO DELLA ORDINANZA N. 5 DEL ORDINANZA N. 5 DEL COPIA CONFORME ALL ORIGINALE PER USO AMMINISTRATIVO E D UFFICIO DELLA ORDINANZA N. 5 DEL 17-01-2012 Registro Generale n. 5 ORDINANZA N. 5 DEL 17-01-2012 Ufficio: COMMERCIO Oggetto: CRITERI PER L'APERTURA

Dettagli

COMUNE DI PASSIRANO Provincia di Brescia

COMUNE DI PASSIRANO Provincia di Brescia COMUNE DI PASSIRANO Provincia di Brescia 25050 - Piazza Europa, 16 Codice Fiscale 00455600171 - Tel. 0306850557 - Fax 030653454 info@comune.passirano.bs.it www.comune.passirano.bs.it Preliminare n. 19

Dettagli

ORDINANZA n. 43 Protocollo n Chianciano Terme, 19 marzo 2010

ORDINANZA n. 43 Protocollo n Chianciano Terme, 19 marzo 2010 COMUNE DI CHIANCIANO TERME PROVINCIA DI SIENA SERVIZIO ATTIVITA PRODUTTIVE via Solferino n. 3-53043 Chianciano Terme (Siena) Italia Tel. 0039 0578 6521 Fax. 0039 0578 31607 www.comune.chianciano-terme.siena.it

Dettagli

Orario di apertura e chiusura degli esercizi di vendita al dettaglio in sede fissa e del commercio su aree pubbliche in forma itinerante.

Orario di apertura e chiusura degli esercizi di vendita al dettaglio in sede fissa e del commercio su aree pubbliche in forma itinerante. COMUNE DI CASTEL SAN GIORGIO Provincia di Salerno Settore Commercio ORDINANZA N 22 Castel San Giorgio lì, 24/ 02/2011 Orario di apertura e chiusura degli esercizi di vendita al dettaglio in sede fissa

Dettagli

CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE AMMINISTRAZIONE E COMANDO Ufficio Studi e Formazione

CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE AMMINISTRAZIONE E COMANDO Ufficio Studi e Formazione CITT' DI TORINO CORPO DI POLIZI MUNICIPLE SETTORE MMINISTRZIONE E COMNDO Ufficio Studi e Formazione CIRCOLRE N. 164 Operativa OGGETTO: ttività Produttive. Commercio in sede fissa. pertura festiva facoltativa

Dettagli

COMUNE DI PIANEZZA PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI PIANEZZA PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI PIANEZZA PROVINCIA DI TORINO ORDINANZA N. 64 PROT. N. 0007841 SETTORE TECNICO TERRITORIO OGGETTO: DETERMINAZIONE DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DELLE ATTIVITA COMMERCIALI E ARTIGIANALI ESERCITATE

Dettagli

COMUNE DI CENTO PROVINCIA DI FERRARA Via M. Provenzali, Cento (FE) Web:

COMUNE DI CENTO PROVINCIA DI FERRARA Via M. Provenzali, Cento (FE) Web: COMUNE DI CENTO PROVINCIA DI FERRARA Via M. Provenzali, 15 44042 Cento (FE) Web: www.comune.cento.fe.it ORDINANZA DEL SINDACO n.17/2008 di repertorio IL SINDACO PREMESSO che con gli artt. 11-12-13 del

Dettagli

COMUNE DI RESCALDINA PROVINCIA DI MILANO UFFICIO COMMERCIO

COMUNE DI RESCALDINA PROVINCIA DI MILANO UFFICIO COMMERCIO COMUNE DI RESCALDINA PROVINCIA DI MILANO UFFICIO COMMERCIO Prot. n. 22849 A TUTTI GLI ESERCIZI DEL COMMERCIO FISSO AI TITOLARI DI PUBBLICO ESERCIZIO LORO INDIRIZZI OGGETTO: Calendario di apertura e chiusura

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile

COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile -ESERCIZI COMMERCIALI -PUBBLICI ESERCIZI -MERCATI DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA, DELLE GIORNATE DI RIPOSO SETTIMANALE

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile

COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile -ESERCIZI COMMERCIALI -PUBBLICI ESERCIZI -MERCATI DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA, DELLE GIORNATE DI RIPOSO SETTIMANALE

Dettagli

IL SINDACO IL SINDACO. Luigi Costi

IL SINDACO IL SINDACO. Luigi Costi Mirandola lì. 11.04.2009 Prot. 5526./8.4 Ordinanza n. 6 Oggetto: Modifica alla disposizione n.13 del 11.05.2000 prot.9314 Orari di apertura e chiusura degli esercizi di vendita al dettaglio in sede fissa

Dettagli

APERTURE DOMENICALI E CCNL

APERTURE DOMENICALI E CCNL APERTURE DOMENICALI E CCNL Le aperture domenicali degli esercizi commerciali e la disciplina del lavoro domenicale dei dipendenti delle stesse sono regolate, innanzitutto, da due distinti decreti legislativi,»

Dettagli

Comune di Volterra. Disciplina orari e aperture festive degli esercizi di vendita al dettaglio in sede fissa. IL SINDACO

Comune di Volterra. Disciplina orari e aperture festive degli esercizi di vendita al dettaglio in sede fissa. IL SINDACO Provvedimento del Sindaco n 21 dell 01/04/2010 OGGETTO: Disciplina orari e aperture festive degli esercizi di vendita al dettaglio in sede fissa. IL SINDACO VISTA la L.R. 7 febbraio 2005, n. 28, ed in

Dettagli

Modifiche alla legge regionale 18 maggio 2006, n. 5 (Disciplina generale delle attività commerciali). Il Consiglio regionale ha approvato

Modifiche alla legge regionale 18 maggio 2006, n. 5 (Disciplina generale delle attività commerciali). Il Consiglio regionale ha approvato Sardegna L.R. 6-12-2006 n. 17 Modifiche alla legge regionale 18 maggio 2006, n. 5 (Disciplina generale delle attività commerciali). Pubblicata nel B.U. Sardegna 14 dicembre 2006, n. 41. L.R. 6 dicembre

Dettagli

Gli orari di apertura e di chiusura al pubblico degli esercizi di vendita al dettaglio in sede fissa nel territorio comunale sono così disciplinati:

Gli orari di apertura e di chiusura al pubblico degli esercizi di vendita al dettaglio in sede fissa nel territorio comunale sono così disciplinati: TESTO COORDINATO DEL DISPOSITIVO DELL ORDINANZA N. 139 DEL 23.11.2009 CON LE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI INTRODOTTE CON L ORDINANZA N. 188 DEL 22.10.2010 Gli orari di apertura e di chiusura al pubblico degli

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ORARI DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ORARI DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ORARI DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 45 del 09.11.2000 Modificato ed integrato con delibera di Consiglio Comunale:

Dettagli

Comune di Licciana Nardi

Comune di Licciana Nardi ORDINANZA N. 53 DEL 23 OTTOBRE 2010 Comune di Licciana Nardi IL SINDACO - Viste le precedenti ordinanze inerenti la disciplina degli orari degli esercizi di vendita al dettaglio in sede fissa e della somministrazione

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile

COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile -ESERCIZI COMMERCIALI -PUBBLICI ESERCIZI -MERCATI DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA, DELLE GIORNATE DI RIPOSO SETTIMANALE

Dettagli

COMUNE di PULFERO. Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI

COMUNE di PULFERO. Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI COMUNE di PULFERO Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 9 del 10.02.2004 1 Art. 1 NASTRO ORARIO Il

Dettagli

Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile

Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile -ESERCIZI COMMERCIALI -PUBBLICI ESERCIZI -MERCATI DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA, DELLE GIORNATE DI RIPOSO SETTIMANALE

Dettagli

COMUNE DI ARTEGNA Provincia Di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI

COMUNE DI ARTEGNA Provincia Di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI COMUNE DI ARTEGNA Provincia Di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI Approvato con deliberazione dl Consiglio Comunale n. 45 del 26.11.2001. Art. 1 Nastro

Dettagli

ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE

ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DEGLI ESERCIZI DI VENDITA AL DETTAGLIO E FISSAZIONE DEI CRITERI E DEGLI INDIRIZZI PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE ESERCITATO

Dettagli

DISCIPLINA ORARI DEGLI ESERCIZI DI COMMERCIO IN SEDE FISSA, DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE, ATTIVITA ARTIGIANALI

DISCIPLINA ORARI DEGLI ESERCIZI DI COMMERCIO IN SEDE FISSA, DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE, ATTIVITA ARTIGIANALI C O M U N E D I M O N T E R I G G I O N I P R O V I N C I A D I S I E N A DISCIPLINA ORARI DEGLI ESERCIZI DI COMMERCIO IN SEDE FISSA, DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE, ATTIVITA ARTIGIANALI 1 SOMMARIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI COMUNE DI CARLINO PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI Approvato con delibera n. 26 del 28.06.2000 Affisso all Albo Pretorio del Comune di Carlino dal

Dettagli

LOCALITA AD ECONOMIA TURISTICA

LOCALITA AD ECONOMIA TURISTICA LOCALITA AD ECONOMIA TURISTICA APPLICAZIONE DELLE DEROGHE ALLA CHIUSURA DOMENICALE E FESTIVA DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI Biella, 17 Marzo 2008 RIFERIMENTI NORMATIVI D.lgs. 31 marzo 1998, n. 114 (Decreto

Dettagli

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA Provincia di Milano Via Roma, Trezzo sull Adda

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA Provincia di Milano Via Roma, Trezzo sull Adda COMUNE DI TREZZO SULL ADDA Provincia di Milano Via Roma, 5 20056 Trezzo sull Adda Trezzo sull Adda, 06/02/2008 ORDINANZA Registro Ordinanze N 14 del 19/02/2008 Prot. 2739 Agli OPERATORI COMMERCIALI DI

Dettagli

Comune di Mori Provincia di Trento

Comune di Mori Provincia di Trento Comune di Mori Provincia di Trento Mori, 7 novembre 2011 COMUNE di Mori Prot.N. 201100022326 07-11-11 15:23 f_728 ORDINANZA N. 180 OGGETTO: Orari di apertura e di chiusura al pubblico degli esercizi commerciali

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE

REGOLAMENTO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE COMUNE DI CASTEL SAN PIETRO TERME PROVINCIA DI BOLOGNA AREA SERVIZI PER LA COLLETTIVITA E IL TERRITORIO REGOLAMENTO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL C.C.

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Provincia di Arezzo

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Provincia di Arezzo COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Provincia di Arezzo Reg. Ordinanze N 55 Castiglion Fiorentino, 07-05-2012 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO ASSUNTI i poteri del Sindaco in virtù del Decreto del Presidente della

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al valor militare ed al merito civile

COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al valor militare ed al merito civile COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al valor militare ed al merito civile -ESERCIZI COMMERCIALI -PUBBLICI ESERCIZI -MERCATI DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA, DELLE GIORNATE

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria CRITERI COMUNALI PER LE AUTORIZZAZIONI DELLE RIVENDITE NON ESCLUSIVE DI QUOTIDIANI E PERIODICI

Città di Tortona Provincia di Alessandria CRITERI COMUNALI PER LE AUTORIZZAZIONI DELLE RIVENDITE NON ESCLUSIVE DI QUOTIDIANI E PERIODICI Città di Tortona Provincia di Alessandria CRITERI COMUNALI PER LE AUTORIZZAZIONI DELLE RIVENDITE NON ESCLUSIVE DI QUOTIDIANI E PERIODICI Sommario PARTE I - DEFINIZIONI... 3 Art. 1 - Richiami normativi

Dettagli

OGGETTO: Disciplina degli orari delle attività di vendita al dettaglio. IL SINDACO

OGGETTO: Disciplina degli orari delle attività di vendita al dettaglio. IL SINDACO Prot. n. 5471 Ordinanza n. 23 Lì 30 aprile 2011 OGGETTO: Disciplina degli orari delle attività di vendita al dettaglio. IL SINDACO Visti gli artt. 11, 12 e 13 del D.Lgs. 31 marzo 1998, n. 114; Visto l'art.

Dettagli

COMUNE SAN MARTINO DI VENEZZE

COMUNE SAN MARTINO DI VENEZZE COMUNE SAN MARTINO DI VENEZZE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE INDICE Art. 1 (Fonti normative)... 3 Art. 2 (Esercizio dell'attività)... 3 Art. 3 (Autorizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI TELEFONICI E TELEMATICI

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI TELEFONICI E TELEMATICI Comune di Reggio Emilia Servizio di Sportello alle Imprese, Commercio e Tutela Ambientale REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI TELEFONICI E TELEMATICI (Approvato con deliberazione

Dettagli

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO ATTIVITÀ INTEGRATE Ufficio Studi e Formazione

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO ATTIVITÀ INTEGRATE Ufficio Studi e Formazione CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO ATTIVITÀ INTEGRATE Ufficio Studi e Formazione CIRCOLARE N. 48 Operativa OGGETTO: Attività produttive. Esercizi pubblici. Disciplina degli

Dettagli

COMUNE DI CESANO BOSCONE Settore territorio e ambiente Servizio sviluppo del territorio

COMUNE DI CESANO BOSCONE Settore territorio e ambiente Servizio sviluppo del territorio COMUNE DI CESANO BOSCONE Settore territorio e ambiente Servizio sviluppo del territorio ORDINANZA N 29 del 16/12/2008 IL SINDACO Nel rispetto dei principi stabiliti: dal Decreto Legislativo 31.3.1998,

Dettagli

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO ATTIVITÀ INTEGRATE Ufficio Studi e Formazione Ufficio Studi

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO ATTIVITÀ INTEGRATE Ufficio Studi e Formazione Ufficio Studi CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO ATTIVITÀ INTEGRATE Ufficio Studi e Formazione Ufficio Studi CIRCOLARE N. 106 Operativa OGGETTO: Attività Produttive. Videogiochi. Ordinanza

Dettagli

COMUNE DI CESANO BOSCONE Settore territorio e ambiente Servizio sviluppo del territorio

COMUNE DI CESANO BOSCONE Settore territorio e ambiente Servizio sviluppo del territorio COMUNE DI CESANO BOSCONE Settore territorio e ambiente Servizio sviluppo del territorio ORDINANZA N 12 del 30.11.2009 IL SINDACO Nel rispetto dei principi stabiliti: dal Decreto Legislativo 31.3.1998,

Dettagli

(art. 26 L.R. 8/99) (art 8 L.R. 14/99)

(art. 26 L.R. 8/99) (art 8 L.R. 14/99) C O M U N E d i A R T A T E R M E P r o v i n c i a d i U d i n e U f f i c i o Pol i z i a Municipal e R E G O L A M E N T O C O M U N A L E P E R L A D I S C I P L I N A D E G L I O R A R I D E G L I

Dettagli

Ordinanza nr. 125 del 10 luglio 1998 e s.m.i. COMMERCIO SU AREE PRIVATE

Ordinanza nr. 125 del 10 luglio 1998 e s.m.i. COMMERCIO SU AREE PRIVATE Ordinanza nr. 125 del 10 luglio 1998 e s.m.i. COMMERCIO SU AREE PRIVATE 1 - LIMITI ORARI GIORNALIERI Le attività commerciali al dettaglio devono rispettare i seguenti limiti giornalieri intesi come facoltà

Dettagli

ORDINANZA ATTUATIVA DELLA NUOVA DISCIPLINA DEGLI ORARI PREVISTA DAL D.LGS. 31 MARZO 1998 N.114 E DALLA LEGGE REG.LE 5 LUGLIO 1999 N.14.

ORDINANZA ATTUATIVA DELLA NUOVA DISCIPLINA DEGLI ORARI PREVISTA DAL D.LGS. 31 MARZO 1998 N.114 E DALLA LEGGE REG.LE 5 LUGLIO 1999 N.14. Prot. 1864 Oggetto: ORDINANZA ATTUATIVA DELLA NUOVA DISCIPLINA DEGLI ORARI PREVISTA DAL D.LGS. 31 MARZO 1998 N.114 E DALLA LEGGE REG.LE 5 LUGLIO 1999 N.14. I L S I N D A C O Visto il Decreto Legislativo

Dettagli

COMUNE DI CESENA. SETTORE SVILUPPO PRODUTTIVO E RESIDENZIALE Servizio Attività Economiche. P.G.N /453 Cesena,

COMUNE DI CESENA. SETTORE SVILUPPO PRODUTTIVO E RESIDENZIALE Servizio Attività Economiche. P.G.N /453 Cesena, COMUNE DI CESENA SETTORE SVILUPPO PRODUTTIVO E RESIDENZIALE Servizio Attività Economiche P.G.N. 78587/453 Cesena, 10.12.2010 ORARI D APERTURA E CHIUSURA AL PUBBLICO DEGLI DI VENDITA AL DETTAGLIO ANNO 2011

Dettagli

COMUNE DI NIMIS PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DEI PUBBLICI ESERCIZI E DELLE ATTIVITA COMMERCIALI

COMUNE DI NIMIS PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DEI PUBBLICI ESERCIZI E DELLE ATTIVITA COMMERCIALI COMUNE DI NIMIS PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DEI PUBBLICI ESERCIZI E DELLE ATTIVITA COMMERCIALI - Adottato con deliberazione di Consiglio comunale n. 44 del 27/12/2001 TITOLO

Dettagli

COMUNE DI ROVATO (provincia di Brescia)

COMUNE DI ROVATO (provincia di Brescia) COMUNE DI ROVATO (provincia di Brescia) NORME E CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI DI MEDIE STRUTTURE DI VENDITA - articolo 8 - Dlgs 31.3.1998 n. 114 - - d.g.r. 5.12.2007 n. 8/6024 - Approvato

Dettagli

ORDINANZA IN MATERIA DI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEI NEGOZI DI VENDITA AL DETTAGLIO A SEGUITO DELL ACCORDO D AREA DEL 26/02/2003.

ORDINANZA IN MATERIA DI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEI NEGOZI DI VENDITA AL DETTAGLIO A SEGUITO DELL ACCORDO D AREA DEL 26/02/2003. COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE (Provincia di Pistoia) C.F. - P.I. 00185430477 Via Garibaldi 50 Serravalle Pistoiese Tel. 0573 9170 Fax. 0573 51064 e-mail: amministrazione@comune.serravalle-pistoiese.pt.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DEI PUBBLICI ESERCIZI. ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DEI PUBBLICI ESERCIZI. ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DEI PUBBLICI ESERCIZI. ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1 Le norme del presente Regolamento si applicano ai pubblici esercizi classificati alle lettere a), b) e d),

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I PUBBLICI ESERCIZI: DISCIPLINA DEGLI ORARI E DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO COMUNALE PER I PUBBLICI ESERCIZI: DISCIPLINA DEGLI ORARI E DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO COMUNALE PER I PUBBLICI ESERCIZI: DISCIPLINA DEGLI ORARI E DELLE ATTIVITA A cura dell A.O. Sviluppo Economico Ufficio Commercio Regolamento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.28

Dettagli

Città di Marsala IL SINDACO

Città di Marsala IL SINDACO Città di Marsala Medaglia d oro al Valore Civile P.I. 00139550818 Settore Attività Produttive, Sport Turismo e Attività Culturali Dirigente Dott. Giuseppe Fazio Via Prof. E. Del Giudice n 16 Protocollo

Dettagli

SETTORE TRIBUTI E COMMERCIO Ordinanza n. 2007/00677 del 17/12/2007 ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEI NEGOZI NELL ANNO 2008 IL SINDACO

SETTORE TRIBUTI E COMMERCIO Ordinanza n. 2007/00677 del 17/12/2007 ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEI NEGOZI NELL ANNO 2008 IL SINDACO SETTORE TRIBUTI E COMMERCIO Ordinanza n. 2007/00677 del 17/12/2007 ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEI NEGOZI NELL ANNO 2008 IL SINDACO Visto il D.Lgs. 31/3/1998 n 114 "Riforma della disciplina relativa al

Dettagli

Prot. n Lì, 11 aprile 2008 ORDINANZA N. 7 IL SINDACO O R D I N A

Prot. n Lì, 11 aprile 2008 ORDINANZA N. 7 IL SINDACO O R D I N A Prot. n. 5192 Lì, 11 aprile 2008 ORDINANZA N. 7 OGGETTO: Determinazione degli orari degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande. Legge Regionale 21.09.2007, n. 29. IL SINDACO VISTO che in

Dettagli

COMUNE DI APRILIA PROVINCIA DI LATINA

COMUNE DI APRILIA PROVINCIA DI LATINA COMUNE DI APRILIA PROVINCIA DI LATINA ORDINANZA N. 01 DEL 08.01.2009 SULLA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE IL SINDACO Visti gli artt. 11, 12 e 13 del D.Lgs. 31 marzo 1998 n. 114 recanti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTI VI TÀ DI CENTRO DI TELEFONIA

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTI VI TÀ DI CENTRO DI TELEFONIA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTI VI TÀ DI CENTRO DI TELEFONIA Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 48 del 23.9.2008 1 INDICE GENERALE Art. 1 - Campo di applicazione e definizioni Art. 2

Dettagli

ORDINANZA. N. 211 del 27/04/2011.

ORDINANZA. N. 211 del 27/04/2011. COMUNE DI MONTECATINI TERME SERVIZIO SVILUPPO E AFFARI GENERALI C O P I A ORDINANZA N. 211 del 27/04/2011. OGGETTO: ORDINANZA IN MATERIA DI APERTURA E CHIUSURA DEGLI ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO

Dettagli

COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA ORDINANZA DEL SINDACO N. 1 DEL Ufficio: SETTORE POLIZIA E ATT. PRODUTTIVE

COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA ORDINANZA DEL SINDACO N. 1 DEL Ufficio: SETTORE POLIZIA E ATT. PRODUTTIVE COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA ORDINANZA DEL SINDACO N. 1 DEL 19-01-2012 Ufficio: SETTORE POLIZIA E ATT. PRODUTTIVE Oggetto: Liberalizzazioni in materia di orari e di chiusura domenicale e

Dettagli

Promemoria delle principali norme sulla vendita e/o somministrazione di alcol

Promemoria delle principali norme sulla vendita e/o somministrazione di alcol Promemoria delle principali norme sulla vendita e/o somministrazione di alcol Promemoria delle principali norme sulla vendita e/o somministrazione di alcol (Decreto Legge n 158/2012 e Regolamento di Polizia

Dettagli

Città di Marsala IL SINDACO

Città di Marsala IL SINDACO Città di Marsala Medaglia d oro al Valore Civile P.I. 00139550818 Settore Attività Produttive, Sport Turismo e Attività Culturali Dirigente Dott. Giuseppe Fazio Via Prof. E. Del Giudice n 16 Protocollo

Dettagli

COMUNE DI VIETRI SUL MARE. Strumento di intervento per il commercio su aree private Norme di attuazione

COMUNE DI VIETRI SUL MARE. Strumento di intervento per il commercio su aree private Norme di attuazione COMUNE DI VIETRI SUL MARE Comune di antica tradizione ceramica Provincia di Salerno Strumento di intervento per il commercio su aree private Norme di attuazione (deliberazione Consiglio Comunale n.51 del

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 26 DEL REGIONE LAZIO. Disciplina dell'orario, dei turni e delle ferie delle farmacie aperte al pubblico

LEGGE REGIONALE N. 26 DEL REGIONE LAZIO. Disciplina dell'orario, dei turni e delle ferie delle farmacie aperte al pubblico 20 agosto 2002 SUPPLEMENTO ORDINARIO N. 5 al BOLLETTINO UFFICIALE N.23 Regione Lazio LEGGE REGIONALE N. 26 DEL 30-07-2002 REGIONE LAZIO Disciplina dell'orario, dei turni e delle ferie delle farmacie aperte

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO. Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CENTRO DI TELEFONIA

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO. Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CENTRO DI TELEFONIA COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CENTRO DI TELEFONIA approvato con deliberazione consiliare nr. 70 del 11/09/2008 1 REGOLAMENTO PER

Dettagli

COMUNE DI MONTEROSSO AL MARE Cinque Terre - Provincia della Spezia

COMUNE DI MONTEROSSO AL MARE Cinque Terre - Provincia della Spezia COMUNE DI MONTEROSSO AL MARE Cinque Terre - Provincia della Spezia DISCIPLINA DEGLI ORARI DI ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE Considerato: Ordinanza n 59 del 06/11/2010 IL SINDACO che l art. 11 del

Dettagli

MUNICIPIO DI CREMA SETTORE GESTIONE FINAZIARIA, TRIBUTARIA E COMMERCIALE

MUNICIPIO DI CREMA SETTORE GESTIONE FINAZIARIA, TRIBUTARIA E COMMERCIALE MUNICIPIO DI CREMA SETTORE GESTIONE FINAZIARIA, TRIBUTARIA E COMMERCIALE SERVIZIO COMMERCIO ORDINANZA n. 2010/00571 del 06/12/2010 CALENDARIO DELLE APERTURE DOMENICALI E FESTIVE AL PUBBLICO DELLE ATTIVITA

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA ASSEMBLEA LEGISLATIVA. VIII Legislatura

REGIONE EMILIA-ROMAGNA ASSEMBLEA LEGISLATIVA. VIII Legislatura REGIONE EMILIA-ROMAGNA ASSEMBLEA LEGISLATIVA VIII Legislatura Deliberazione legislativa n. 37/2007 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE Approvata dall'assemblea legislativa nella seduta

Dettagli

Attività Produttive. Attività di vendita - Medie strutture di vendita - AUTORIZZAZIONE. Descrizione

Attività Produttive. Attività di vendita - Medie strutture di vendita - AUTORIZZAZIONE. Descrizione Attività Produttive Attività di vendita - Medie strutture di vendita - AUTORIZZAZIONE Descrizione Sono medie strutture di vendita gli esercizi commerciali per la vendita al dettaglio in area privata con

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE Comune di Borgosatollo Provincia di Brescia COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE REGOLAMENTO PER IL PROCEDIMENTO AUTORIZZATIVO approvato con Delibera di C.C. n.33 del 03/10/2000 Art. 1 AMBITO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE ALLE VIOLAZIONI AI REGOLAMENTI ED ALLE ORDINANZE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE ALLE VIOLAZIONI AI REGOLAMENTI ED ALLE ORDINANZE COMUNALI C.F. 83001170303 - P.IVA 00673160305 COMUNE DI RIVIGNANO Provincia di Udine Piazza IV Novembre, 34 tel. 0432773440 - telefax 0432775236 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE ALLE

Dettagli

PIANO COMUNALE DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA DELLA STAMPA QUOTIDIANA E PERIODICA

PIANO COMUNALE DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA DELLA STAMPA QUOTIDIANA E PERIODICA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 6 del 18.04.2012 PIANO COMUNALE DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA DELLA STAMPA QUOTIDIANA E PERIODICA ***** Decreto Legislativo 24 aprile 2001.

Dettagli

COMUNE DI PINETO PROVINCIA DI TERAMO REGOLAMENTO DEL COMMERCIO IN FORMA ITINERANTE

COMUNE DI PINETO PROVINCIA DI TERAMO REGOLAMENTO DEL COMMERCIO IN FORMA ITINERANTE COMUNE DI PINETO PROVINCIA DI TERAMO AREA TECNICA URBANISTICA ASSETTO DEL TERRITORIO ATTIVITA PRODUTTIVE SERVIZIO ATTIVITA PRODUTTIVE REGOLAMENTO DEL COMMERCIO IN FORMA ITINERANTE Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO COMUNE DI PORRETTA TERME Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CENTRO DI TELEFONIA APPROVATO CON D.C.C. N. 11 DEL 16/03/09 REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CENTRO

Dettagli

COMUNE DI BORGO SAN LORENZO

COMUNE DI BORGO SAN LORENZO COMUNE DI BORGO SAN LORENZO (Provincia di Firenze) Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative e di determinazione degli importi delle sanzioni amministrative pecuniarie previste da Regolamenti

Dettagli

P.G. n /04 IL SINDACO

P.G. n /04 IL SINDACO Calendario annuale coordinato delle aperture e chiusure domenicali, festive e infrasettimanali degli esercizi commerciali di vendita al dettaglio, per l'anno 2005 [1] P.G. n. 58110/04 IL SINDACO RICHIAMATA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE COMUNALI COMUNE DI BIENTINA Provincia di Pisa PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE COMUNALI Sommario Art. 1 Ambito di applicazione Art. 2 Pagamento in misura ridotta delle sanzioni amministrative pecuniarie

Dettagli

Attività Produttive. Attività di vendita - Medie e grandi strutture di vendita. Descrizione

Attività Produttive. Attività di vendita - Medie e grandi strutture di vendita. Descrizione Attività Produttive Attività di vendita - Medie e grandi strutture di vendita Descrizione Sono medie strutture di vendita gli esercizi commerciali per la vendita al dettaglio in area privata con superficie

Dettagli

NORME URBANISTICHE PER L ADEGUAMENTO DEI PIANI REGOLATORI GENERALI ALLA DISCIPLINA DELL ATTIVITA COMMERCIALE IN PROVINCIA DI TRENTO

NORME URBANISTICHE PER L ADEGUAMENTO DEI PIANI REGOLATORI GENERALI ALLA DISCIPLINA DELL ATTIVITA COMMERCIALE IN PROVINCIA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SERVIZIO URBANISTICA E TUTELA DEL PAESAGGIO NORME URBANISTICHE PER L ADEGUAMENTO DEI PIANI REGOLATORI GENERALI ALLA DISCIPLINA DELL ATTIVITA COMMERCIALE IN PROVINCIA DI TRENTO

Dettagli

Comune di Montelibretti. Piano Urbanistico Commerciale REGOLAMENTO AUTORIZZAZIONI PER LE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA

Comune di Montelibretti. Piano Urbanistico Commerciale REGOLAMENTO AUTORIZZAZIONI PER LE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA Comune di Montelibretti (Provincia di Roma) Piano Urbanistico Commerciale REGOLAMENTO AUTORIZZAZIONI PER LE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA ART. 1 Contenuti Il presente atto detta le norme sul procedimento

Dettagli

COMUNE DI CAPURSO. (Prov. di Bari) REGOLAMENTO COMUNALE PER ACCERTAMENTO ED APPLICAZIONE SANZIONI AMMINISTRATIVE

COMUNE DI CAPURSO. (Prov. di Bari) REGOLAMENTO COMUNALE PER ACCERTAMENTO ED APPLICAZIONE SANZIONI AMMINISTRATIVE COMUNE DI CAPURSO (Prov. di Bari) REGOLAMENTO COMUNALE PER ACCERTAMENTO ED APPLICAZIONE SANZIONI AMMINISTRATIVE (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 28 del 30/10/2012) 1 ART. 1 OGGETTO

Dettagli

ORDINANZA SINDACALE N. 10 DEL 5 MARZO 2002

ORDINANZA SINDACALE N. 10 DEL 5 MARZO 2002 ORDINANZA SINDACALE N. 10 DEL 5 MARZO 2002 "DISCIPLINA ORARIA DEGLI ESERCIZI DI VENDITA AL DETTAGLIO. PARZIALE MODIFICA ALLA Ordinanza Sindacale N. 8 DEL 22.02.2002" Premesso che con Ordinanza Sindacale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI CENTRI DI TELEFONIA E COMUNICAZIONE

REGOLAMENTO COMUNALE DEI CENTRI DI TELEFONIA E COMUNICAZIONE Comune di Modena Settore Politiche Economiche Servizio Attività Economiche e Commercio REGOLAMENTO COMUNALE DEI CENTRI DI TELEFONIA E COMUNICAZIONE ai sensi della Legge Regionale n. 6 del 21/05/2007 Approvato

Dettagli

Attività Produttive. Attività di vendita - Esercizi di vicinato. Descrizione

Attività Produttive. Attività di vendita - Esercizi di vicinato. Descrizione Attività Produttive Attività di vendita - Esercizi di vicinato Descrizione Sono definiti negozi o "esercizi di vicinato" le attività commerciali aventi superficie di vendita non superiore a 250 mq. SETTORI

Dettagli

COMUNE DI NORMA. (Approvato Del. C.C. n. 18 del 27/06/2008 Modificato con Del. C.C. n. 24 del 17/07/2008)

COMUNE DI NORMA. (Approvato Del. C.C. n. 18 del 27/06/2008 Modificato con Del. C.C. n. 24 del 17/07/2008) COMUNE DI NORMA DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA AL PUBBLICO DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE ED ATTIVITA ASSIMILABILI E DEGLI ESERCIZI DI VENDITA AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA (Approvato

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE CAPO I - COMMERCIO IN SEDE FISSA

COMUNE DI ALBIATE CAPO I - COMMERCIO IN SEDE FISSA COMUNE DI ALBIATE DISCIPLINA DEGLI ORARI DI: NEGOZI E ALTRE ATTIVITA' DI VENDITA AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA, ATTIVITA' DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE, ATTIVITA' DI SOMMINISTRAZIONE NEI PUBBLICI ESERCIZI,

Dettagli

Comune di Costacciaro (Provincia di Perugia)

Comune di Costacciaro (Provincia di Perugia) Comune di Costacciaro (Provincia di Perugia) C O P I A D I O R D I N A N Z A N.14 DEL 20-02-2012 Oggetto: LIBERALIZZAZIONI IN MATERIA DI ORARI E DI CHIUSURA DOMENICALE E FESTIVA DELLE ATTIVITA' COMMERCIALI

Dettagli

COMUNE DI NAVE PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELL'ATTIVITA' DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE

COMUNE DI NAVE PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELL'ATTIVITA' DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE COMUNE DI NAVE PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELL'ATTIVITA' DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE Approvato con Delibera C.C. n.3 del 15/1/2001 Modificato con Delibera

Dettagli

Calendario delle aperture domenicali e festive al pubblico delle attività commerciali - anno 2012 COMUNE DI CREMA

Calendario delle aperture domenicali e festive al pubblico delle attività commerciali - anno 2012 COMUNE DI CREMA COMUNE DI CREMA SETTORE GESTIONE FINAZIARIA, TRIBUTARIA E COMMERCIALE SERVIZIO COMMERCIO ORDINANZA n. 2011/446 del 30.11.2011 CALENDARIO DELLE APERTURE DOMENICALI E FESTIVE AL PUBBLICO DELLE ATTIVITA COMMERCIALI

Dettagli

COMUNE DI CAPERGNANICA. Provincia di Cremona

COMUNE DI CAPERGNANICA. Provincia di Cremona COMUNE DI CAPERGNANICA Provincia di Cremona Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 16 del 26/04/2007 Il Segretario Comunale CLEMENTE Dott. Giovanni Il Sindaco Cristian CHIZZOLI 1 SOMMARIO Art.

Dettagli

CRITERI PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA.

CRITERI PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA. CRITERI PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA. ^^^^^^^ APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 68 DELL'11.7.2000 1 ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

RIFORMA DEL COMMERCIO

RIFORMA DEL COMMERCIO IL PRONTUARIO VERTE SULLE PRINCIPALI VIOLAZIONI IN MATERIA DI: RIFORMA DEL COMMERCIO IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI (quadri 1 80) (quadri 81 84) IMPRENDITORI AGRICOLI EDICOLE - QUOTIDIANI E PERIODICI (quadri

Dettagli

COMUNE DI NOVE Provincia di Vicenza

COMUNE DI NOVE Provincia di Vicenza COMUNE DI NOVE Provincia di Vicenza UFFICIO LICENZE Ordinanza N 12. Protocollo N 14330. DETERMINAZIONE DEGLI ORARI DEGLI ESERCIZI PUBLICI, DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE E DI

Dettagli

C I T T A D I T E R R A C I N A P r o v i n c i a d i L a t i n a

C I T T A D I T E R R A C I N A P r o v i n c i a d i L a t i n a P r o v i n c i a d i L a t i n a ---------- ORDINANZA NR. 050/AG DEL 06 OTTOBRE 2008 OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA DEI NEGOZI E DELLE ATTIVITA ESERCENTI LA VENDITA AL DETTAGLIO, DEGLI ESERCIZI

Dettagli

Calendario aperture e chiusure degli esercizi commerciali per il 2006 [1]

Calendario aperture e chiusure degli esercizi commerciali per il 2006 [1] Calendario aperture e chiusure degli esercizi commerciali per il 2006 [1] Calendario annuale coordinato delle aperture e chiusure domenicali, festive e infrasettimanali degli esercizi commerciali di vendita

Dettagli

Comune di Castelfiorentino

Comune di Castelfiorentino REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONE A NORME DI REGOLAMENTI E ORDINANZE COMUNALI (Approvato con deliberazione C.C. n. 15 del 31/3/2004) INDICE Art. 1 - Oggetto del

Dettagli