ABSTRACT. IL CONCETTO Dà DEMENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ABSTRACT. IL CONCETTO Dà DEMENZA"

Transcript

1 ALZHEIMER E LA SUA MALATTIA: UNA BREVE STORIA G. Cipriani, C. Dolciotti, L. Picchi M. (Neurologia, Ospedale di Viareggio) U. Bonuccelli (Dip.Neuroscienze UniversitÄ di Pisa) ABSTRACT PiÅ di 100 anni fa, Alois Alzheimer fu il primo a descrivere le caratteristiche cliniche e patologiche di una insolita malattia cerebrale durante il Convegno della Society of Southwest German Psychiatrists che si tenne a Tubingen: la paziente, Auguste Deter, soffriva di perdita di memoria, disorientamento, disturbi percettivi quali illusioni ed allucinazioni e morç all etä di 55 anni. Nel 1910, Emil Kraepelin denominñ la condizione con l eponimo di Malattia di Alzheimer (AD) che á, attualmente, la piå comune malattia neurodegenerativa con piå di 25 milioni di casi al mondo ed il principale problema medico che si avvicina a livelli catastrofici. Il presente articolo vuole chiarire il lavoro di Alzheimer nel contesto del suo tempo e della sua vita. IL CONCETTO Dà DEMENZA Il termine demenza ha una lunga storia; esso deriva dal termine latino demens (che significa senza mente) che á composta dal prefisso de (privativo) e la radice mens (mente); acquista una connotazione medica agli inizi del 18â secolo, ma la condizione di declino cognitivo etä-correlata era una affezione ben nota dall antichitä. Risale agli antichi Greci l iniziale formulazione del concetto di demenza. I primi passi riguardanti la classificazione della demenza risalgono invece al periodo greco-romano; Galeno ( AD) identificñ la demenza come un disordine mentale dell etä senile; egli ritenne che questa malattia fosse dovuta ad un danno cerebrale primario o secondario. Le osservazioni storiche riguardanti l etä e la demenza diminuirono molto a seguito della caduta dell Impero Greco-Romano; nel Medio-Evo, la demenza non suscitñ molto interesse, forse a seguito della prevalenza di morti per epidemie. L uso del termine demenza á stato a volte confuso. Dal 18â secolo, la demenza descrive uno stato di deficit intellettivo acquisito, indipendentemente da etä e causa. CosÇ un giovane adulto con seri danni al capo, per esempio, poteva essere etichettato come affetto da demenza. Prima del 1800 esistono numerosi case-reports aneddotici di demenza e numerosi profili concettuali speculativi dei disordini con demenza sotto i piå diversi titoli come letargia (Cosin 1592), stupiditä (Willis 1684) o insensibilitä (Battie 1758). Fu solo con Pinel ed Esquirol che la demenza senile cominciñ ad essere differenziata da altre forme di demenza e fu stabilito che rappresentava una propria ben definita classe di malattia mentale. Philippe Pinel( ) era un famoso medico francese, professore di igiene e patologia alla Paris Health School e medico personale di Napoleone. Egli distinse quattro ampi gruppi di disordini mentali: melanconia, mania, demenza, e ritardo mentale. Pinel mostrñ grande compassione verso i suoi pazienti e si battá per far integrare la malattia mentale nella medicina. Nel suo libro Treatise on insanity (1806), egli condannñ il sistema che teneva rinchiusi in prigione gli individui insani di mente compresi quelli con demenza senile. Il suo studente piå illustre, Jean Etienne Esquirol ( ), introdusse l osservazione clinica sistematica, creo termini per nuovi concetti, identificñ sottotipi e categorie di disordini mentali: gettñ le basi per la moderna classificazione della malattia mentale e fece la distinzione fondamentale tra demenza e amenza(o idiozia) dove demenza rappresenta la perdita delle capacitä mentali conseguenti alla malattia. Egli descrisse un uomo in uno stato di demenza come un uomo ricco che á divenuto povero. Al contrario l idiota á sempre stato in uno stato di necessitä e miseria. Fino al 19â secolo, il disordine veniva visto come un aspetto inevitabile dell etä. Un grosso cambiamento nel concetto di demenza fece seguito all adozione del modello anatomo-clinico degli psichiatri del 19â secolo. Dal 1860, sforzi cominciarono ad essere fatti per identificare una patologia cerebrale diversa dalla demenza senile in soggetti che non avevano in precedenza sofferto di malattia mentale.

2 Esquirol Pinel ALOIS ALZHEIMER: LA VITA Marktbreit sul Main Alois Alzheimer nacque il 14 giugno del 1864 e battezzato Aloysius nella cittadina tedesca di Marktbreit sul Main, un piccolo villaggio bavarese vicino Wuzburg nella Bassa Franconia; i suoi antenati (originariamente Alsheimer ) erano cattolici devoti. Egli era il secondo figlio di Edward, un notaio, e Therese Busch. Dopo gli studi secondari in Aschaffenburg, dove la famiglia si spostñ per dare al giovane l opportunitä di entrare al Royal Humanistic Gymnasium, egli studiñ medicina a Berlino, Tubingen e Wuzburg. Nel corso dell ultimo anno di studente, egli divenne membro di una associazione di scherma che era ben nota per la sua intensa attivitä sociale; durante questo periodo, il giovane Alzheimer ebbe modo di godersi la libertä di una vita di studente ed ebbe a pagare una multa di tre marchi tedeschi per disturbo alla quiete pubblica proprio di fronte alla locale stazione di polizia. Nel 1887, egli sostenne la sua tesi di dottorato Uber die Ohrenschmalzdrusen (Sulle ghiandole di cerume dell orecchio). Nel Dicembre 1888, egli accettñ il suo primo impiego ufficiale come Assistente presso la Casa di Cura Municipale per Malattia Mentale ed Epilettiche in Francoforte dove era direttore Emil Sioli. PassÑ in questo istituto 14 anni e qui incontrñ Franz Nissl che, nel 1884, aveva sviluppato un metodo completamente nuovo per la fissazione e la colorazione di preparazioni microscopiche del sistema nervoso. Si sviluppñ tra Nissl ed Alzheimer una intensa amicizia e collaborazione; insieme essi iniziarono una estesa ricerca sulla patologia del sistema nervoso, studiando in particolare, l anatomia della corteccia cerebrale, normale e patologica. F. Nissl A. Alzheimer E. Kraepelin

3 Le loro scoperte furono piå tardi pubblicate tra il 1906 e il 1918 in un libro di 6 volumi intitolato Histologische und histopatologische Arbeiten uber die Grosshirnrinde (Studi Istologici ed Istopatologici della Corteccia Cerebrale). L attenzione di Alzheimer era rivolta ai sintomi psichiatrici correlabili con i risultati istologici ottenuti dalle autopsie cerebrali. Nell Aprile 1894, egli sposñ una ricca vedova, Cecille Simonette Nathalie Geisenheimer, mediante rito civile in Francoforte e solo un anno piå tardi, quando sua moglie si convertç al Cattolicesimo, si sposarono in Chiesa. Sua moglie, che aveva incontrato in Algeria, gli fu presentata da Erb. MorÇ piuttosto giovane nel 1901 lasciandogli 3 figli (Gertrud, Hans e Maria) e abbastanza denaro per lavorare come assistente senza essere pagato in Monaco. Nel 1903, si era trasferito in questa cittä al Royal Psychiatic Clinic dell UniversitÄ e guidñ il laboratorio di Anatomia fino Psichiatri UniversitÄ di Monaco, Alzheimer compreso.

4 Venne invitato dal piå autorevole Psichiatra tedesco del tempo, Emil Kraepelin, con il quale egli aveva iniziato a lavorare l anno precedente in Heidelberg. Il Laboratorio di Alzheimer divenne un luogo di incontro per ricercatori quali Alfons Maria Jacob, Hans Gerhardt Creutzfeldt, Fritz Lewy, Gaetano Perusini, Ugo Cerletti, Francesco Bonfiglio. Qui, lui stesso si mostrñ gran lavoratore, trascorrendovi anche le vacanze a studiare attentamente al microscopio, a volte fumando un sigaro che tra l altro veniva spesso dimenticato non finito sul banco di lavoro. Nel 1904 pubblicñ una nuova tesi su Histological studies about the differential diagnosis of progressive paralysis (studi istologici riguardanti la diagnosi differenziale della paralisi progressiva) basata su 170 casi postmortem. A novembre dello stesso anno venne incaricato come docente nella FacoltÄ di Medicina alla Ludwig Maxmilian University; l anno dopo gli fu conferito il professorato presso la FacoltÄ di Medicina di Monaco. Tre anni piå tardi, nel luglio 1912, fu nominato Professore di Psichiatria e direttore del Neurologic and Psychiatric Institute del Silesian Friederich-Wilhelm University in Breslau(ora Wroclaw in Polonia), a quel tempo la settima piå grande cittä tedesca. L Imperatore Wilhelm II assegnñ personalmente l incarico. Durante il suo trasferimento a Breslau, Alzheimer andñ incontro ad una severa complicanza da freddo attraverso una sovra infezione batterica che poi sfocerä in una endocardite subacuta. Nel febbraio 1913, Alzheimer venne ospedalizzato in una clinica privata. Il suo stato di salute peggiorñ progressivamente e il 19 dicembre 1915 morç per complicanze renali e respiratorie all etä di 51 anni. LA PRIMA PAZIENTE Dà ALZHEIMER: LA SIGNORA DETER Auguste Deter nacque il 16 maggio 1850 in una cittä medievale della Germania, Cassel (nell ottobre del 1943 fu rasa al suolo); frequentñ normalmente gli studi scolastici e all etä di 23 anni sposñ Karl, un impiegato della ferrovia, ed andñ a vivere a 180 Km a sud di Francoforte. La sua ultima residenza fu un appartamento sul versante sud del fiume Main. Alzheimer vide per la prima volta la sua ora famosa paziente, Mrs Deter, il 26 novembre Ella era stata ricoverata il giorno prima alla Casa di Riposo Municipale di Francoforte. Stava seduta sul letto con una espressione di aiuto. Secondo il marito, la coppia era stata armoniosamente sposata dal 1873, ma di recente egli aveva notato nella moglie un graduale declino. I suoi sintomi iniziarono all etä di 51 anni. Per circa 8 mesi aveva sviluppato dei progressivi cambiamenti nella sua personalitä. Poi aveva presentato idee di gelosia nei riguardi di suo marito, un calo della memoria rapidamente progressivo ed un pronunciato danno psicosociale; a volte sentiva come se qualcuno volesse ucciderla e cominciava a gridare selvaggiamente. All esame clinico, appariva disorientata nel tempo e nello spazio, nonchä confusa. Inoltre, il suo stato generale era compromesso. La sua parola divenne completamente incomprensibile. Nel suo ultimo anno di vita, divenne completamente apatica e passava quasi tutto il suo tempo a letto con le gambe alzate. L 8 aprile 1906 alle 5 e 45 del mattino, dopo 5 settimane che aveva compiuto il suo 56â compleanno, Auguste D morç di setticemia da ulcere di decubito che aveva alla regione sacrale e alla regione trocanterica sinistra. A quel tempo Alzheimer stava lavorando a Monaco sotto la direzione di Emil Kraepelin, ma non aveva dimenticato la sua paziente e, dopo la morte di Auguste D, chiese ed ottenne la sua documentazione

5 medica ed il cervello. EsaminÑ quest ultimo in dettaglio e mostrava le caratteristiche istologiche che sono oggi associate con la AD: una massiva perdita neuronale e la presenza di placche amiloidi e di grovigli neuro fibrillari. Di interesse, le preparazioni istologiche di Alzheimer non comprendevano la regione entorinale e l ippocampo. Groviglio neurofibrillare al microscopio Il 3 novembre 1906 al Congresso del Southwest German Psychiatrists che si tenne a Tubingen, Alois Alzheimer riportñ i suoi dati clinici e patologici. La presentazione non attirñ alcuna attenzione o commento: l uditorio parve essere maggiormente interessato alla successiva relazione, sulla masturbazione compulsiva. Dopo la sua lettura non venne fatta alcuna domanda. Il Chiarman osservñ: a questo punto,salutiamo il collega Alzheimer, lo ringraziamo per le sue osservazioni, appare chiaro che non c á alcun desiderio per la discussione. Questa sua comunicazione venne poi pubblicata come abstract in una short paper. L anno seguente, nel 1907, Alzheimer pubblicñ la sua lettura sotto il titolo Una caratteristica grave malattia della corteccia cerebrale. In questo documento, egli diede la descrizione clinico-patologica della malattia di Auguste D: nel centro della cellula per il resto normale, spiccano una o piå fibrille per la loro caratteristica densitä e peculiare impregnabilitä. Numerosi piccoli foci miliari si riscontrano negli strati superiori. Essi sono determinati dal deposito di una peculiare sostanza nella corteccia cerebrale. Tutto sommato ci troviamo davanti una caratteristica malattia. Nella terminologia odierna, Alzheimer aveva individuato i grovigli e le placche. Nel capitolo sulle Demenze Senile e Presenile (7â Capitolo, 2â volume) della 8th edizione del suo Handbook of Psychiatry, Emil Kraepelin introdusse per la prima volta il termine Malattia di Alzheimer; egli distinse questa nuova malattia dalla demenza senile familiare. Egli notñ l incertezza del suo esatto inquadramento e a pag. 624 scrisse: L interpretazione clinica di questa Malattia di Alzheimer non á ancora chiara. Sebbene i reperti anatomici suggeriscono che abbiamo a che fare con una forma di demenza senile particolarmente seria, il fatto á che questa malattia iniziando occasionalmente giä prima dei 50 anni, sembra piuttosto contraddire questo. Non si sa se Kraepelin ha mai visto Auguste D. Rimane non chiaro il motivo che ha condotto a considerare la Malattia di Alzheimer come una entitä nosologica distinta dalla demenza senile. Egli ha basato la distinzione sulla giovane etä della paziente, sui gravi disturbi della parola, sui segni focali e sulla grave demenza come caratteristiche maggiormente distintive. Se Beach ipotizzñ che Kraepelin fece questo per ragioni scientifiche, perchä comprese che Alzheimer aveva scoperto una nuova malattia, altre opinioni fanno riferimento alla competizione esistente tra il suo dipartimento e quello di Arnold Pick di Praga ed il desiderio di enfatizzare le basi biologiche del disordine mentale e di mostrare il suo esempio dell esistenza di entitä di malattia naturale in contrasto con le teorie psicoanalitiche di Sigmund Freud. Una delle reali ragioni per l eponimo puñ essere stato il desiderio di Kraepelin di premiare il suo disinteressato collaboratore ed affermare il prestigio del laboratorio di Monaco.

6 Alzhemer E Perusini Tra il 1907 e il 1908, insieme con il suo giovane allievo italiano Gaetano Perusini ( ) che lavorñ come assistente nel laboratorio di Isto-Patologia della Clinica Psichiatrica di Monaco dal 1906 al 1911, Alzheimer studiñ i cervelli di altri tre pazienti con demenza presenile. I risultati comprendevano anche i reperti del cervello della Sig.ra Deter. La pubblicazione, scritta nel dicembre 1908, apparve nel 1909 con Perusini come unico autore sotto il titolo Sui reperti istologici e clinici di peculiari malattie mentali dell etä avanzata. In questa pubblicazione, parlando di Auguste D, Perusini trascrisse un estratto della storia clinica che á divenuta nuovamente eccitata ed emette urla terribili (Nov.1901), á in uno stato di paura, di ansia e completamente disorientata, violenta verso tutto (Feb.1902), completamente ribelle, urla e scalcia quando qualcuno le si avvicina (Giugno 1902). In questo lavoro e nei suoi successivi studi, Perusini diede il piå grosso contributo alla conoscenza neuropatologica e clinica della malattia che, in alcuni paesi, á anche denominata Demenza di Alzheimer-Perusini senza che fosse mai stata rivendicata la scoperta della nuova malattia. Perusini Per quasi 50 anni a seguito della presentazione del 1906, la Malattia di Alzheimer á stata relegata ad un ruolo minore in Psichiatria e in Neurologia ed á stata considerata come estremamente rara e limitata ai soggetti piå giovani mentre la demenza senile á stata da molti considerata come una esagerazione dell etä dovuta alle alterazioni aterosclerotiche nel cervello. La Demenza Senile e Presenile sono state ancora considerate come due distinte malattie fino al 1970: oggi gli studi clinico-patologici hanno chiarito che la Malattia di Alzheimer e la Demenza Senile sono parte dello stesso spettro di malattia e il nome di Alzheimer puñ essere legato per sempre con la piå comune causa di demenza. COSA C E DI NUOVO? Alzheimer ha descritto una nuova sindrome clinica o una variante di demenza senile? La malattia che aveva scoperto era semplicemente un processo legato all etä? Alzheimer stesso era insicuro se il caso di Auguste D rappresentasse una nuova entitä clinica; pensava di aver descritto una rara condizione e molto probabilmente aveva creduto che fosse semplicemente una forma peculiare di psicosi senile, una forma

7 atipica precoce di demenza senile. Egli aveva riportato alterazioni microscopiche nella corteccia di Auguste D descrivendo foci miliari di strutture extracellulari, che piå tardi saranno conosciute come placche e fasci intracellulari che saranno poi conosciute come grovigli neuro fibrillari. La descrizione di placche e grovigli non rappresentava nel 1906 una novitä. L esistenza di neurofibrille era giä nota da anni, anche nella demenza senile, ma non era stata ritenuta come un marker di malattia; in una comunicazione del 1905 Bianchi scrisse: la distruzione delle neuro-fibrille sembra essere piå estesa rispetto a quello che avviene nel cervello dei soggetti paralitici. Solomon Carter Fuller, un Psichiatra americano, riportñ la presenza di grovigli neuro fibrillari nella demenza senile ad un convegno dell American Medico-Psycological Association nel giugno del 1906, 5 mesi prima di Alzheimer. Il primo riferimento dell esistenza delle placche senili á contenuto in un documento di Paul Blocq e George Marinesco, che nel 1882 lavoravano alla Clinica Salpetriere di Parigi, a proposito di un paziente anziano affetto da Epilessia: nel loro studio descrissero la presenza di ammassi rotondi nella corteccia cerebrale ma non commentarono il loro possibile significato. Essi li chiamarono placche sclerotiche della nevroglia. Questa descrizione passñ senza fare notizia. Nel 1898, Redlich osservñ la stessa patologia in due casi di demenza senile denominandola come Sclerosi Miliare. A ciñ fece seguito una descrizione di Oskar Fisher(1907) di placche neuritiche nella demenza senile come caratteristiche specifiche. CONCLUSIONE Molto tempo á trascorso dalla comunicazione di Alzheimer nel 1906 e significativi progressi sono stati fatti in tutti i campi della malattia compreso le sue basi genetiche, la biologia molecolare e sperimentali con nuovi trattamenti come il vaccino diretto contro la proteina beta-amiloide. Oggi, possiamo affermare che Alzheimer sia stato al posto giusto e al tempo giusto e, probabilmente, puñ avere avuto una piccola idea che il suo nome sarebbe diventata una descrizione internazionalmente compresa di una malattia che colpisce milioni di persone in tutto il mondo. Traduzione e Grafica: Gennaro Barbato

Malattia di Alzheimer: le dimensioni del problema Nel Lazio e nella ASL RMD

Malattia di Alzheimer: le dimensioni del problema Nel Lazio e nella ASL RMD Malattia di Alzheimer: le dimensioni del problema Nel Lazio e nella ASL RMD Gabriele Carbone Centro Demenze Unità Alzheimer Guidonia (Roma) Ostia, 31-Marzo-2006 Cenni epidemiologici Le demenze, rappresentano

Dettagli

La Malattia di Alzheimer. Manuel Soldato

La Malattia di Alzheimer. Manuel Soldato La Malattia di Alzheimer Manuel Soldato Caratteristiche Più frequente forma di demenza Deterioramento ingravescente delle capacità cognitive Comparsa di disturbi comportamentali e dell affettività Progressiva

Dettagli

Dr.ssa Daniela Gragnaniello U.O. Neurologia-Ferrara LA MALATTIA DI ALZHEIMER

Dr.ssa Daniela Gragnaniello U.O. Neurologia-Ferrara LA MALATTIA DI ALZHEIMER Dr.ssa Daniela Gragnaniello U.O. Neurologia-Ferrara LA MALATTIA DI ALZHEIMER La Malattia di Alzheimer 1906 Tubinga: Congresso della Società degli Psichiatri Tedeschi del sud-ovest Una caratteristica malattia

Dettagli

MODENA NON TI LASCIA SOLO CON L ALZHEIMER

MODENA NON TI LASCIA SOLO CON L ALZHEIMER MODENA NON TI LASCIA SOLO CON L ALZHEIMER Dai primi sintomi alla diagnosi Roberto De Gesu Medico di Med. Generale - Responsabile della attività medica di base e del coordinamento sanitario RSA Cialdini

Dettagli

Il Morbo di Alzheimer

Il Morbo di Alzheimer Il Morbo di Alzheimer Il morbo di Alzheimer, detta anche demenza senile di tipo Alzheimer, demenza degenerativa primaria di tipo Alzheimer o semplicemente di Alzheimer, è la forma più comune di demenza

Dettagli

La PdV nella cura della depressione dell anziano. Marzia Corigliano

La PdV nella cura della depressione dell anziano. Marzia Corigliano La PdV nella cura della depressione dell anziano Marzia Corigliano Sempre più numerosi sono gli anziani che conservano un buono stato di salute fisica e mentale ma in questa fascia di età aumentano le

Dettagli

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016 Psicopatologia dell anziano 02 marzo 2016 Invecchiamento e Psicopatogia Salute mentale dell anziano: nuovo campo della psicopatologia. Affinamento dei criteri di diagnosi, costruzione e validazione di

Dettagli

Rischio psicopatologico

Rischio psicopatologico Rischio psicopatologico http://www.medicinalive.com/sindrome-di-down Corso di Disabilità cognitive - Prof. Renzo Vianello - Università di Padova Power Point per le lezioni a cura di Manzan Dainese Martina

Dettagli

Malattia di Alzheimer: I sintomi cognitivi e non cognitivi

Malattia di Alzheimer: I sintomi cognitivi e non cognitivi Malattia di Alzheimer: I sintomi cognitivi e non cognitivi Gabriele Carbone Centro Demenze Unità Valutativa Alzheimer Italian Hospital Group Guidonia (Roma) Auguste D., Nata il 16 (26) 05.1850, Ricoverata

Dettagli

La psichiatria geriatrica è un campo in rapida crescita in quanto la popolazione anziana è in aumento.

La psichiatria geriatrica è un campo in rapida crescita in quanto la popolazione anziana è in aumento. La psichiatria geriatrica è un campo in rapida crescita in quanto la popolazione anziana è in aumento. I disturbi mentali dell anziano comprendono tutti i disturbi ritrovabili nei giovani adulti e ad essi

Dettagli

I Disturbi Specifici di Apprendimento Forse non tutti sanno.

I Disturbi Specifici di Apprendimento Forse non tutti sanno. I Disturbi Specifici di Apprendimento Forse non tutti sanno. La dislessia sembra essere un tema molto recente ed attuale; in realtà la dislessia probabilmente è sempre esistita e in letteratura, nel corso

Dettagli

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento Agenzia Formativa del Comune di Gorgonzola CORSO A.S.A. 2009 Prof.ssa Chiara Bertonati 1 Il ciclo di vita: la vecchiaia Fasi evolutive (periodi): L

Dettagli

Jerome Lejeune: il medico, lo scienziato, l uomo

Jerome Lejeune: il medico, lo scienziato, l uomo Jerome Lejeune: il medico, lo scienziato, l uomo Jerome Lejeuene 1923-199.. Viaggio alla scoperta di un grande genetista e di un grande uomo Jerome Lejeune (Montrouge, 13 giugno 1926 Parigi, 3 aprile 1994)

Dettagli

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

La valutazione comportamentale. Dr. C. Marra e Dr. D. Quaranta Istituto di Neurologia - UCSC

La valutazione comportamentale. Dr. C. Marra e Dr. D. Quaranta Istituto di Neurologia - UCSC La valutazione comportamentale Dr. C. Marra e Dr. D. Quaranta Istituto di Neurologia - UCSC Ruolo dei disturbi comportamentali nella demenza sono la prima causa di stress nel care-giver (Rabins et al,

Dettagli

Il sistema immunitario reagisce contro la glia come se questa fosse estranea, aggredendola e distruggendola come farebbe con qualunque aggressore

Il sistema immunitario reagisce contro la glia come se questa fosse estranea, aggredendola e distruggendola come farebbe con qualunque aggressore SCLEROSI MULTIPLA Malattia autoimmune Colpisce in generale soggetti giovani: 15-35 anni Anticorpi contro le cellule gliali: i neuroni in linea di principio sono risparmiati Andamento a ricadute e remissioni

Dettagli

I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro

I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro Le riflessioni del Gruppo Geode Anna Porta Psicologa Hospice l Orsa Maggiore Biella HOSPICE EQUIPE Psicologo Medici Infermieri OSS Volontari

Dettagli

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 Versione 2016 1.CHE COS È LA FEBBRE RICORRENTE ASSOCIATA A NLRP12 1.1 Che cos è? La febbre ricorrente associata a NLRP12

Dettagli

VALUTAZIONE DELLO STATO EMOTIVO DEI BAMBINI ORFANI IN DIVERSE CONDIZIONIDI CURA

VALUTAZIONE DELLO STATO EMOTIVO DEI BAMBINI ORFANI IN DIVERSE CONDIZIONIDI CURA VALUTAZIONE DELLO STATO EMOTIVO DEI BAMBINI ORFANI IN DIVERSE CONDIZIONIDI CURA Igor A. Fourmanov Vice direttore per la ricerca scientifica dell'istituto Nazionale dell'istruzione della Repubblica Bielorussa

Dettagli

<1%familiare, 99% sporadica Incidenza: 1% tra 65-70anni; 8% > 80anni Durata: variabile (2-20anni) media 4anni

<1%familiare, 99% sporadica Incidenza: 1% tra 65-70anni; 8% > 80anni Durata: variabile (2-20anni) media 4anni Malattia di Alzheimer 80anni Durata: variabile (2-20anni) media 4anni 3-4 milioni di individui affetti da AD in USA Sintomi: Cognitivi: Perdita

Dettagli

LA MALATTIA DI ALZHEIMER: ASPETTI MEDICI E SOCIALI

LA MALATTIA DI ALZHEIMER: ASPETTI MEDICI E SOCIALI SEDE DI VARESE LA MALATTIA DI ALZHEIMER: ASPETTI MEDICI E SOCIALI Dott.ssa Cristina Morelli La malattia di Alzheimer è la più comune forma di demenza: colpisce l 1% della popolazione occidentale, il 6%

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE

CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE IX Legislatura Proposta di legge "Interventi regionali in favore di soggetti affetti da malattia di Alzheimer e sindromi dementigene ad essa correlate" Proponente Michelangelo

Dettagli

la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer

la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer Gruppo di studio SIGG LA CURA NELLA FASE TERMINALE DELLA VITA la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer evelina bianchi Firenze 53 Congresso nazionale SIGG 2008 Firenze 53 congresso SIGG evelina

Dettagli

LE BIOTECNOLOGIE APPLICATE ALLA RICERCA FARMACEUTICA LE CONOSCENZE E GLI ORIENTAMENTI DEGLI ITALIANI E DEI GIOVANI

LE BIOTECNOLOGIE APPLICATE ALLA RICERCA FARMACEUTICA LE CONOSCENZE E GLI ORIENTAMENTI DEGLI ITALIANI E DEI GIOVANI GfK Group e gli orientamenti degli italiani e dei giovani LE BIOTECNOLOGIE APPLICATE ALLA RICERCA FARMACEUTICA LE CONOSCENZE E GLI ORIENTAMENTI DEGLI ITALIANI E DEI GIOVANI Roma, Isabella Cecchini Direttore

Dettagli

Pensando a questa domanda certamente a ognuno di noi verrà in mente una definizione per la parola "salute".

Pensando a questa domanda certamente a ognuno di noi verrà in mente una definizione per la parola salute. Bianca Rita Cannavò Pensando a questa domanda certamente a ognuno di noi verrà in mente una definizione per la parola "salute". Le nostre risposte sono condizionate: dalla nostra cultura, dall'educazione

Dettagli

Alice Laita Raffaella Fornaseri Sofia Raffa

Alice Laita Raffaella Fornaseri Sofia Raffa PSICOPATOLOGICO PSICOPATOLOGICO Alice Laita Raffaella Fornaseri Sofia Raffa CAPITOLO V CAPITOLO V RISCHIO RISCHIO SINDROME DI DOWN È una malattia genetica causata dalla presenza di un cromosoma 21 in più:

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

ADOLESCENZA DROG HE E AIDS

ADOLESCENZA DROG HE E AIDS P rogramma Regionale sulle Dipendenze n 05 Anno 2009 ADOLESCENZA DROG HE E AIDS Programma Regionale sulle Dipendenze - Regione Veneto TEEN s PAPER n 05 - Anno 2009 A cura di: Dipartimento delle Dipendenze

Dettagli

Renzo Vianello Disturbi Pervasivi dello Sviluppo o Spettro autistico. Volume sulle Disabilità intellettive, cap. 5.

Renzo Vianello Disturbi Pervasivi dello Sviluppo o Spettro autistico. Volume sulle Disabilità intellettive, cap. 5. Renzo Vianello Disturbi Pervasivi dello Sviluppo o Spettro autistico Volume sulle Disabilità intellettive, cap. 5. I disturbi pervasivi dello sviluppo si caratterizzano per la presenza di disabilità almeno

Dettagli

Quadrex I segreti del cervello

Quadrex I segreti del cervello Quadrex I segreti del cervello Press kit 12/03/2013 COMUNICATO Alcuni movimenti del corpo potenzierebbero le capacità cerebrali dell uomo, aumentando la creatività e la capacità di problem solving, indipendentemente

Dettagli

Salute e Scienze Sclerosi multipla, SLA, Alzheimer e Parkinson: novità diagnostiche e terapeutiche

Salute e Scienze Sclerosi multipla, SLA, Alzheimer e Parkinson: novità diagnostiche e terapeutiche www.aggm.it Agenzia Giornalistica Global Media Salute e Scienze Sclerosi multipla, SLA, Alzheimer e Parkinson: novità diagnostiche e terapeutiche A Napoli il Congresso mondiale della Società Internazionale

Dettagli

Omosessualità e normalità

Omosessualità e normalità INTERVENTO DI JOSEPH NICOLOSI PSICOLOGO Omosessualità e normalità Il dott. Joseph Nicolosi si occupa da diversi anni di terapia riparativa dell'omosessualità; è cofondatore e direttore dell'associazione

Dettagli

Colloquio clinico in età evolutiva

Colloquio clinico in età evolutiva Colloquio clinico in età evolutiva Le capacità cognitive e il linguaggio dei bambini sono meno sviluppati I bambini e gli adolescenti sono accompagnati dagli adulti, generalmente i genitori, e raramente

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO

DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO 1. QUANDO INIZIA A PORSI IL PROBLEMA DELLA RELAZIONE GIURIDICA DEI RAPPORTI FAMILIARI? Nell ambito della nascita dello stato moderno nel secolo XIX.

Dettagli

SUPERARE 2014 INSIEME SI PUO FARE. Progetto sostenuto con i fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese (Unione delle Chiese Valdesi e Metodiste)

SUPERARE 2014 INSIEME SI PUO FARE. Progetto sostenuto con i fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese (Unione delle Chiese Valdesi e Metodiste) SUPERARE 2014 INSIEME SI PUO FARE Progetto sostenuto con i fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese (Unione delle Chiese Valdesi e Metodiste) La Sclerosi Tuberosa è una malattia genetica rara: 1 caso

Dettagli

Curriculum Vitae. Emanuele CASSETTA. Nato a Taranto il 9 ottobre 1967, residente in Roma, via Licinio Calvo, 56.

Curriculum Vitae. Emanuele CASSETTA. Nato a Taranto il 9 ottobre 1967, residente in Roma, via Licinio Calvo, 56. Curriculum Vitae Emanuele CASSETTA Nato a Taranto il 9 ottobre 1967, residente in Roma, via Licinio Calvo, 56. ATTIVITA' FORMATIVE Ha conseguito il diploma di Maturità Classica presso il Liceo Classico

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Dott.ssa Letizia Moretti

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Dott.ssa Letizia Moretti I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero Dott.ssa Letizia Moretti INDICE DELLE LEZIONI Cosa sono i DSA, quali le cause, i sintomi e i disturbi correlati

Dettagli

LCTLSN56M53F205Y alessandra.alciati @libero.it

LCTLSN56M53F205Y alessandra.alciati @libero.it F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ALCIATI ALESSANDRA Indirizzo Telefono 3381985310 CF E-mail VIA CAPRERA 4, 20144 MILANO LCTLSN56M53F205Y alessandra.alciati @libero.it

Dettagli

Fondazione San Germano ed. 1 rev. 0

Fondazione San Germano ed. 1 rev. 0 LE TIPOLOGIE DELL UTENZA Ammissione L ammissione dell ospite ha luogo a seguito di domanda scritta, redatta su apposito modulo predisposto dall Ente. Ciascuna domanda deve essere protocollata e aggiunta

Dettagli

Terapia Assistita Dall Animale (TAA) Pet-Therapy. Attività Assistita dall Animale (AAA)

Terapia Assistita Dall Animale (TAA) Pet-Therapy. Attività Assistita dall Animale (AAA) Un cane per sorridere ancora Interventi di Attività Assistita dall Animale rivolti ad utenti anziani Associazione di Promozione Sociale ChiaraMilla La nostra Associazione si occupa di Attività e Terapie

Dettagli

*DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO

*DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO *DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO *DSM: Manuale Diagnostico e Statistico delle malattie mentali APA *DSM IV : DISARMONIE COGNITIVE DELLO SVILUPPO *DSM-5: DISTURBO DEL NEUROSVILUPPO *DISTURBO NEUROBIOLOGICO

Dettagli

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Milano - Nonostante la sua aggressività è definito il tumore silenzioso. Data la sua scarsa pubblicizzazione, infatti,

Dettagli

Dir. Resp.: Roberto Napoletano

Dir. Resp.: Roberto Napoletano Lettori: n.d. Diffusione: n.d. 03-DIC-2013 Dir. Resp.: Roberto Napoletano da pag. 27 Lettori: n.d. Diffusione: n.d. Dir. Resp.: Roberto Napoletano 03-DIC-2013 da pag. 27 Quotidiano 097156 www.ecostampa.it

Dettagli

Un parere su bilinguismo e acquisizione del linguaggio

Un parere su bilinguismo e acquisizione del linguaggio 178 Interviews Interviste Intervjuoj 5 luglio 2011 Un parere su bilinguismo e acquisizione del linguaggio Intervista a Maria Teresa Guasti Mauro Viganò Presentazione Maria Teresa Guasti è professore ordinario

Dettagli

RITARDO MENTALE (DISABILITÀ INTELLETTIVE): CARATTERISTICHE GENERALI

RITARDO MENTALE (DISABILITÀ INTELLETTIVE): CARATTERISTICHE GENERALI LEZIONE: INTRODUZIONE PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 INTRODUZIONE -------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 1.1. MILLE DOMANDE, TUTTE

Dettagli

LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE

LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE E parte dell esperienza quotidiana che anche i bambini e gli adolescenti vengano colpiti da patologie a

Dettagli

IL CORPO IL COLPO. accusa MILANO 15-16-17 GENNAIO 2016. Mente, corpo e cervello nell elaborazione delle memorie traumatiche. Prof. Bessel Van Der Kolk

IL CORPO IL COLPO. accusa MILANO 15-16-17 GENNAIO 2016. Mente, corpo e cervello nell elaborazione delle memorie traumatiche. Prof. Bessel Van Der Kolk IL CORPO accusa IL COLPO Mente, corpo e cervello nell elaborazione delle memorie traumatiche Prof. Bessel Van Der Kolk MILANO 15-16-17 GENNAIO 2016 In collaborazione con: Per il Progresso nella Pratica

Dettagli

Malattie degenerative, sporadiche ed ereditarie, prevalentemente dementigene

Malattie degenerative, sporadiche ed ereditarie, prevalentemente dementigene Malattie degenerative, sporadiche ed ereditarie, prevalentemente dementigene Prof. Roberto Cotrufo 2009 Definizione di demenza La demenza è una sindrome caratterizzata da deterioramento di capacità cognitive

Dettagli

(10) Legalizzazione delle droghe. La posizione di Garattini e di altri opinionisti scientifici

(10) Legalizzazione delle droghe. La posizione di Garattini e di altri opinionisti scientifici (10) Legalizzazione delle droghe. La posizione di Garattini e di altri opinionisti scientifici S ilvio Garattini, da oltre 40 anni dirige l Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, uno dei massimi

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto IL SISTEMA NERVOSO Sistema nervoso centrale Sistema nervoso periferico encefalo midollo spinale sensoriale motorio -Cervello -Cervelletto somatico simpatico autonomo parasimpatico -Midollo allungato Il

Dettagli

CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE

CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE Dott.ssa Luisa Calliari Rovereto, 9 ottobre 2008 1 REGOLAMENTO PER FAVORIRE L INTEGRAZIONE E L INCLUSIONE DEGLI STUDENTI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

NICOLETTA LOCURATOLO

NICOLETTA LOCURATOLO C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono E-mail Nazionalità Data di nascita NICOLETTA LOCURATOLO ESPERIENZA LAVORATIVA ATTIVITÀ CLINICO-ASSISTENZIALE Dal 1998 a tutt

Dettagli

SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA. L esempio di un cittadino nell antichità

SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA. L esempio di un cittadino nell antichità SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA L esempio di un cittadino nell antichità Poiché Socrate non ha lasciato testi scritti, conosciamo la sua vita e il suo pensiero attraverso le opere di Platone, famoso filosofo,

Dettagli

Tu sei nel cuore di Fondo Est!

Tu sei nel cuore di Fondo Est! Tu sei nel cuore di Fondo Est! Prevenzione della Sindrome Metabolica 1 Fondo EST in collaborazione con Unisalute ti invita a partecipare alla campagna TU SEI NEL CUORE DI FONDO EST. Si tratta di uno screening

Dettagli

LA SALUTE. La malattia di Alzheimer: il progetto Cronos del Ministero della Salute. obiettivo sicurezza. a cura di Pompeo Pindozzi

LA SALUTE. La malattia di Alzheimer: il progetto Cronos del Ministero della Salute. obiettivo sicurezza. a cura di Pompeo Pindozzi a cura di Pompeo Pindozzi La malattia di Alzheimer: COS E IL PROGETTO CRONOS LA RETE ASSISTENZIALE DEL PROGETTO CRONOS: OPERATORI E STRUTTURE COINVOLTE Il progetto cronos è il più ampio studio clinico-epidemiologico

Dettagli

L AGOPUNTURA AURICOLARE NEI DISTURBI PSICHICI/PSICOSOMATICI

L AGOPUNTURA AURICOLARE NEI DISTURBI PSICHICI/PSICOSOMATICI A.M.A.B. ASSOCIAZIONE MEDICI AGOPUNTORI BOLOGNESI Fondata nel 1986 SCUOLA ITALO CINESE DI AGOPUNTURA L AGOPUNTURA AURICOLARE NEI DISTURBI PSICHICI/PSICOSOMATICI Relatore: Dott. Marco Romoli Responsabile

Dettagli

ASPETTI GENETICI, FISICI, MOTORI, MEDICI.

ASPETTI GENETICI, FISICI, MOTORI, MEDICI. LEZIONE: LA SINDROME DI DOWN (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 UN PO DI STORIA ----------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2

Dettagli

CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari

CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari La vita Le scoperte Le conseguenze delle sue teorie La vita Un ritratto di Darwin da giovane Charles Darwin nacque nel 1809 in Inghilterra da una famiglia colta e portata

Dettagli

Raso Margherita L ANORESSIA

Raso Margherita L ANORESSIA Raso Margherita L ANORESSIA L anoressia è,insieme alla bulimia,uno dei più importanti disturbi alimentari. Il rifiuto del cibo e la paura di ingrassare contraddistinguono i sintomi di questa malattia e

Dettagli

Progetto UN MODELLO D INCLUSIONE SCOLASTICA DEL BAMBINO CON PROBLEMI NEUROLOGICI

Progetto UN MODELLO D INCLUSIONE SCOLASTICA DEL BAMBINO CON PROBLEMI NEUROLOGICI Progetto UN MODELLO D INCLUSIONE SCOLASTICA DEL BAMBINO CON PROBLEMI NEUROLOGICI Associazione Uniti per Crescere Onlus Anno scolastico 2015-2016 CON IL PATROCINIO: COMUNE DI PADOVA Titolo del Progetto:

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

DR. ROBERTO MALANO. e-mail : malanor@tiscali.it

DR. ROBERTO MALANO. e-mail : malanor@tiscali.it DR. ROBERTO MALANO CENTRO DI SALUTE MENTALE III DISTRETTO, DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DELL AZIENDA SANITARIA LOCALE RM D - ROMA VIA E. FERMI, 161 00146 ROMA TEL 06 56485804; FAX 06 56485815 e-mail

Dettagli

OBSERVATION TREATMENT (AOT)

OBSERVATION TREATMENT (AOT) ABSTRACT Valutazione dell efficacia dell ACTION OBSERVATION TREATMENT (AOT) sull impairment funzionale in pazienti con Demenza di Alzheimer di grado lieve-moderato - Studio randomizzato e controllato Il

Dettagli

NUOVE PROSPETTIVE PER IL RIPRISTINO DELLO SVILUPPO CEREBRALE NELLA SINDROME DI DOWN

NUOVE PROSPETTIVE PER IL RIPRISTINO DELLO SVILUPPO CEREBRALE NELLA SINDROME DI DOWN NUOVE PROSPETTIVE PER IL RIPRISTINO DELLO SVILUPPO CEREBRALE NELLA SINDROME DI DOWN GRUPPO DI RICERCA Coordinamento Università Partner Progetto realizzato con il contributo di Assicurazioni Generali ABSTRACT

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

LEZIONE 1 1 INTRODUZIONE ALLA NEUROPSICOLOGIA

LEZIONE 1 1 INTRODUZIONE ALLA NEUROPSICOLOGIA INTRODUZIONE ALLA LEZIONE INTRODUZIONE ALLA 2007 Università degli studi e-campus - Via Isimbardi 0-22060 Novedrate (CO) - C.F. 0854905004 Tel: 03/7942500-7942505 Fax: 03/794250 - info@uniecampus.it INTRODUZIONE

Dettagli

Classificazione dei tessuti

Classificazione dei tessuti Tessuto nervoso Classificazione dei tessuti Tessuto nervoso Caratterizzato da eccitabilità e conduttività Costituito principalmente da due tipi di cellule: Cellule neuronali o neuroni che sono caratteristiche

Dettagli

Autismo. Potrebbe iniziare già in gravidanza. Ecco lo studio USA

Autismo. Potrebbe iniziare già in gravidanza. Ecco lo studio USA Autismo. Potrebbe iniziare già in gravidanza. Ecco lo studio USA http://www.quotidianosanita.it/stampa_articolo.php?articolo_id=20640 Pagina 1 di 2 28/03/2014 quotidianosanità.it Venerdì 28 MARZO 2014

Dettagli

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Sofferenza, disagio, disturbi psichici e del comportamento di adolescenti e giovani: i servizi si confrontano Varese, 16 novembre 2011 USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE

Dettagli

DISLESSIA (D.S.A.): PARLIAMONE INSIEME. Giorgio Pierucci Resp. settore giovani LEGA DIRITTI DEL MALATO

DISLESSIA (D.S.A.): PARLIAMONE INSIEME. Giorgio Pierucci Resp. settore giovani LEGA DIRITTI DEL MALATO DISLESSIA (D.S.A.): PARLIAMONE INSIEME Giorgio Pierucci Resp. settore giovani LEGA DIRITTI DEL MALATO COSA SONO I D.S.A.? In generale i dsa, sono disturbi specifici dell apprendimento che determinano difficoltà

Dettagli

L APPROCCIO PSICHIATRICO: DEPRESSIONE E BPSD. Lucio Ghio Clinica Psichiatrica - IRCSS A.O.U. San Martino-IST

L APPROCCIO PSICHIATRICO: DEPRESSIONE E BPSD. Lucio Ghio Clinica Psichiatrica - IRCSS A.O.U. San Martino-IST L APPROCCIO PSICHIATRICO: DEPRESSIONE E BPSD Lucio Ghio Clinica Psichiatrica - IRCSS A.O.U. San Martino-IST Approccio psichiatrico nelle Demenze Depressione Behavioral and Psychological Symptoms of Dementia

Dettagli

Anno Scolastico 2014/2015

Anno Scolastico 2014/2015 I.P.S.S.C.T. L. Einaudi - FOGGIA Anno Scolastico 2014/2015 Classe IV^ D Indirizzo: Servizi socio-sanitari Programma svolto di: Psicologia generale ed applicata Docente: Pellegrini Raffaele Testo di riferimento:

Dettagli

1. Psicolinguistica: caratteri generali. 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio

1. Psicolinguistica: caratteri generali. 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio Sommario LEZIONE 8 1. Psicolinguistica: caratteri generali 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio 3. Neurolinguistica Che cosêè la psicolinguistica...compito della psicolinguistica (o psicologia

Dettagli

La Polisportiva "INSIEME per SPORT La Società Polisportiva "Insieme per Sport" è nata nel maggio del 1995 all interno del Dipartimento di Salute Mentale dell ASL 3 Genovese, dall iniziativa di un piccolo

Dettagli

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO QUESTIONARIO DI GRADIMENTO Il BRUCO Asilo Nido e Scuola d Infanzia Via Case Basse San Vittore, 24 Pavia www.asiloilbruco.com Tel. 0382.1726.241 Tel. 393.900.6211 Cari Genitori, il questionario è stato

Dettagli

Lettori: n.d. Diffusione: n.d. Dir. Resp.: Giovanni Morandi. 04-FEB-2013 da pag. 31

Lettori: n.d. Diffusione: n.d. Dir. Resp.: Giovanni Morandi. 04-FEB-2013 da pag. 31 Lettori: n.d. Diffusione: n.d. Dir. Resp.: Giovanni Morandi 04-FEB-2013 da pag. 31 Lettori: n.d. Diffusione: n.d. Dir. Resp.: Giovanni Morandi 04-FEB-2013 da pag. 31 Calcola il tuo peso forma con la nuova

Dettagli

ASD Disturbo dello spettro autistico

ASD Disturbo dello spettro autistico ASD Disturbo dello spettro autistico Nel 2010 negli Stati Uniti ad 1 bambino ogni 68 è stata fatta una diagnosi di Disturbo dello Spettro Autistico (DSA), segnando un aumento del 30% rispetto a due anni

Dettagli

Lavoro di gruppo: Aspetti etici fondamentali sull utilizzo di test genetici negli embrioni

Lavoro di gruppo: Aspetti etici fondamentali sull utilizzo di test genetici negli embrioni Lavoro di gruppo: Aspetti etici fondamentali sull utilizzo di test genetici negli embrioni Introduzione Questo esercizio è idoneo al lavoro di gruppo. Ogni gruppo sceglie un testo di lavoro, e presenta

Dettagli

Quando i sintomi vengono interpretati

Quando i sintomi vengono interpretati Quando i sintomi vengono interpretati Ricordo quando il mio Professore di Semeiotica Medica parlandoci delle cause che determinano la fibrillazione atriale disse: rammentate che la fibrillazione atriale

Dettagli

IGIENE. disciplina che studia i mezzi e definisce le norme atte a conservare la salute fisica e mentale dell individuo e della collettività

IGIENE. disciplina che studia i mezzi e definisce le norme atte a conservare la salute fisica e mentale dell individuo e della collettività IGIENE branca della medicina che ha lo scopo di promuovere e mantenere lo stato di salute della popolazione disciplina che studia i mezzi e definisce le norme atte a conservare la salute fisica e mentale

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Presentazione progetti di ricerca Struttura Complessa Neuropsichiatria Infantile

Presentazione progetti di ricerca Struttura Complessa Neuropsichiatria Infantile Presentazione progetti di ricerca Struttura Complessa Neuropsichiatria Infantile Studio Epidemiologico su Mucopolisaccaridosi Ricerca Geni Coinvolti in alcune forme di paraplegia spastica ereditaria Screening

Dettagli

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA?

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA? CHE COSA È LA MALATTIA DI ALZHEIMER? La malattia di Alzheimer è una forma di demenza degenerativa primaria legata alla progressiva perdita di cellule nervose della corteccia cerebrale, dette neuroni. Essa

Dettagli

Evento formativo: SEMINARIO MALATTIE RARE, PAZIENTI STRANI E SINTOMI PECULIARI Camogli, 30 maggio - 2 giugno 2014

Evento formativo: SEMINARIO MALATTIE RARE, PAZIENTI STRANI E SINTOMI PECULIARI Camogli, 30 maggio - 2 giugno 2014 Evento formativo: SEMINARIO MALATTIE RARE, PAZIENTI STRANI E SINTOMI PECULIARI Camogli, 30 maggio - 2 giugno 2014 Responsabile Scientifico: Dott. Roberto Petrucci Medico Chirurgo, Esperto in Medicina Omeopatica,

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

Convegno: La Sclerosi sistemica Progressiva I progressi diagnostici e terapeutici nel 2016

Convegno: La Sclerosi sistemica Progressiva I progressi diagnostici e terapeutici nel 2016 S.C. Medicina Interna : prof. Marco Scudeletti Rapallo: Hotel Europa - 16 gennaio 2016 Convegno: La Sclerosi sistemica Progressiva I progressi diagnostici e terapeutici nel 2016 Il Ruolo del Paziente Informato.

Dettagli

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA )

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA ) Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA T. Mandarino (MMG ASL RMA ) La Malattia di Alzheimer La malattia di Alzheimer è la forma più frequente

Dettagli

Curriculum Vitae Prof.ssa Maria Rosaria Tola

Curriculum Vitae Prof.ssa Maria Rosaria Tola Curriculum Vitae Prof.ssa Maria Rosaria Tola Informazioni personali Nome e Cognome Telefono Email Nazionalità Data di nascita Maria Rosaria Tola +393496203366 tlr@unife.it marosaliatola@gmail.com Italiana

Dettagli

Unità 1 Introduzione alla Clinica Psichiatrica

Unità 1 Introduzione alla Clinica Psichiatrica Unità 1 Introduzione alla Clinica Psichiatrica Prevalenza e incidenza delle malattie psichiatriche, psichiatriche sistemi di classificazione lassificazione e principi per la valutazione Unità 1 Clinica

Dettagli

Conoscere i volti della demenza. Cosa si deve sapere della malattia di Alzheimer e delle altre demenze

Conoscere i volti della demenza. Cosa si deve sapere della malattia di Alzheimer e delle altre demenze Conoscere i volti della demenza Cosa si deve sapere della malattia di Alzheimer e delle altre demenze Vero o falso? Barrare una casella e controllare la risposta alle pagine seguenti Vero Falso 1 Chi ha

Dettagli

Curriculum Vitae del dott. Ubaldo Sagripanti. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative

Curriculum Vitae del dott. Ubaldo Sagripanti. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative Curriculum Vitae del dott. Ubaldo Sagripanti Sagripanti Ubaldo 13-02-1962 Dirigente Medico ASUR Marche Z T n.8 Civitanova Marche DSM Responsabile U.O. Psichiatria di Collegamento e Consultazione 0733 823352

Dettagli

AUTISMO : COME E COSA FARE

AUTISMO : COME E COSA FARE AUTISMO : COME E COSA FARE Quale formazione? Florinda Ferrara Psicologa 25/09/2015 Obiettivi del corso Introdurre alla problematica dell autismo e del suo trattamento Offrire stimoli per la programmazione

Dettagli

Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra

Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra 1 Caro collega, La invitiamo a rispondere alle domande del presente questionario sulla gestione dei Disturbi

Dettagli

CURRICULUM Dott.ssa PAOLA CARDINALE

CURRICULUM Dott.ssa PAOLA CARDINALE CURRICULUM Dott.ssa PAOLA CARDINALE Laurea in Medicina e Chirurgia conseguita in data 29.10.87 presso l Università degli Studi di Genova; punteggio 110/110 e lode e discussione tesi Aspetti psicosomatici

Dettagli

Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ

Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ Tesi di laurea La Sclerosi Multipla: disturbi cognitivi, dell'umore e d'ansia Relatore Prof.ssa

Dettagli

L insegnamento delle lingue e i dislessici

L insegnamento delle lingue e i dislessici L insegnamento delle lingue e i dislessici Anna Chiarenza - Vittoria Coniglione Un indagine proposta dalla Associazione Italiana Dislessia sottolinea come su circa 400.000 alunni iscritti nelle scuole

Dettagli