ABSTRACT. IL CONCETTO Dà DEMENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ABSTRACT. IL CONCETTO Dà DEMENZA"

Transcript

1 ALZHEIMER E LA SUA MALATTIA: UNA BREVE STORIA G. Cipriani, C. Dolciotti, L. Picchi M. (Neurologia, Ospedale di Viareggio) U. Bonuccelli (Dip.Neuroscienze UniversitÄ di Pisa) ABSTRACT PiÅ di 100 anni fa, Alois Alzheimer fu il primo a descrivere le caratteristiche cliniche e patologiche di una insolita malattia cerebrale durante il Convegno della Society of Southwest German Psychiatrists che si tenne a Tubingen: la paziente, Auguste Deter, soffriva di perdita di memoria, disorientamento, disturbi percettivi quali illusioni ed allucinazioni e morç all etä di 55 anni. Nel 1910, Emil Kraepelin denominñ la condizione con l eponimo di Malattia di Alzheimer (AD) che á, attualmente, la piå comune malattia neurodegenerativa con piå di 25 milioni di casi al mondo ed il principale problema medico che si avvicina a livelli catastrofici. Il presente articolo vuole chiarire il lavoro di Alzheimer nel contesto del suo tempo e della sua vita. IL CONCETTO Dà DEMENZA Il termine demenza ha una lunga storia; esso deriva dal termine latino demens (che significa senza mente) che á composta dal prefisso de (privativo) e la radice mens (mente); acquista una connotazione medica agli inizi del 18â secolo, ma la condizione di declino cognitivo etä-correlata era una affezione ben nota dall antichitä. Risale agli antichi Greci l iniziale formulazione del concetto di demenza. I primi passi riguardanti la classificazione della demenza risalgono invece al periodo greco-romano; Galeno ( AD) identificñ la demenza come un disordine mentale dell etä senile; egli ritenne che questa malattia fosse dovuta ad un danno cerebrale primario o secondario. Le osservazioni storiche riguardanti l etä e la demenza diminuirono molto a seguito della caduta dell Impero Greco-Romano; nel Medio-Evo, la demenza non suscitñ molto interesse, forse a seguito della prevalenza di morti per epidemie. L uso del termine demenza á stato a volte confuso. Dal 18â secolo, la demenza descrive uno stato di deficit intellettivo acquisito, indipendentemente da etä e causa. CosÇ un giovane adulto con seri danni al capo, per esempio, poteva essere etichettato come affetto da demenza. Prima del 1800 esistono numerosi case-reports aneddotici di demenza e numerosi profili concettuali speculativi dei disordini con demenza sotto i piå diversi titoli come letargia (Cosin 1592), stupiditä (Willis 1684) o insensibilitä (Battie 1758). Fu solo con Pinel ed Esquirol che la demenza senile cominciñ ad essere differenziata da altre forme di demenza e fu stabilito che rappresentava una propria ben definita classe di malattia mentale. Philippe Pinel( ) era un famoso medico francese, professore di igiene e patologia alla Paris Health School e medico personale di Napoleone. Egli distinse quattro ampi gruppi di disordini mentali: melanconia, mania, demenza, e ritardo mentale. Pinel mostrñ grande compassione verso i suoi pazienti e si battá per far integrare la malattia mentale nella medicina. Nel suo libro Treatise on insanity (1806), egli condannñ il sistema che teneva rinchiusi in prigione gli individui insani di mente compresi quelli con demenza senile. Il suo studente piå illustre, Jean Etienne Esquirol ( ), introdusse l osservazione clinica sistematica, creo termini per nuovi concetti, identificñ sottotipi e categorie di disordini mentali: gettñ le basi per la moderna classificazione della malattia mentale e fece la distinzione fondamentale tra demenza e amenza(o idiozia) dove demenza rappresenta la perdita delle capacitä mentali conseguenti alla malattia. Egli descrisse un uomo in uno stato di demenza come un uomo ricco che á divenuto povero. Al contrario l idiota á sempre stato in uno stato di necessitä e miseria. Fino al 19â secolo, il disordine veniva visto come un aspetto inevitabile dell etä. Un grosso cambiamento nel concetto di demenza fece seguito all adozione del modello anatomo-clinico degli psichiatri del 19â secolo. Dal 1860, sforzi cominciarono ad essere fatti per identificare una patologia cerebrale diversa dalla demenza senile in soggetti che non avevano in precedenza sofferto di malattia mentale.

2 Esquirol Pinel ALOIS ALZHEIMER: LA VITA Marktbreit sul Main Alois Alzheimer nacque il 14 giugno del 1864 e battezzato Aloysius nella cittadina tedesca di Marktbreit sul Main, un piccolo villaggio bavarese vicino Wuzburg nella Bassa Franconia; i suoi antenati (originariamente Alsheimer ) erano cattolici devoti. Egli era il secondo figlio di Edward, un notaio, e Therese Busch. Dopo gli studi secondari in Aschaffenburg, dove la famiglia si spostñ per dare al giovane l opportunitä di entrare al Royal Humanistic Gymnasium, egli studiñ medicina a Berlino, Tubingen e Wuzburg. Nel corso dell ultimo anno di studente, egli divenne membro di una associazione di scherma che era ben nota per la sua intensa attivitä sociale; durante questo periodo, il giovane Alzheimer ebbe modo di godersi la libertä di una vita di studente ed ebbe a pagare una multa di tre marchi tedeschi per disturbo alla quiete pubblica proprio di fronte alla locale stazione di polizia. Nel 1887, egli sostenne la sua tesi di dottorato Uber die Ohrenschmalzdrusen (Sulle ghiandole di cerume dell orecchio). Nel Dicembre 1888, egli accettñ il suo primo impiego ufficiale come Assistente presso la Casa di Cura Municipale per Malattia Mentale ed Epilettiche in Francoforte dove era direttore Emil Sioli. PassÑ in questo istituto 14 anni e qui incontrñ Franz Nissl che, nel 1884, aveva sviluppato un metodo completamente nuovo per la fissazione e la colorazione di preparazioni microscopiche del sistema nervoso. Si sviluppñ tra Nissl ed Alzheimer una intensa amicizia e collaborazione; insieme essi iniziarono una estesa ricerca sulla patologia del sistema nervoso, studiando in particolare, l anatomia della corteccia cerebrale, normale e patologica. F. Nissl A. Alzheimer E. Kraepelin

3 Le loro scoperte furono piå tardi pubblicate tra il 1906 e il 1918 in un libro di 6 volumi intitolato Histologische und histopatologische Arbeiten uber die Grosshirnrinde (Studi Istologici ed Istopatologici della Corteccia Cerebrale). L attenzione di Alzheimer era rivolta ai sintomi psichiatrici correlabili con i risultati istologici ottenuti dalle autopsie cerebrali. Nell Aprile 1894, egli sposñ una ricca vedova, Cecille Simonette Nathalie Geisenheimer, mediante rito civile in Francoforte e solo un anno piå tardi, quando sua moglie si convertç al Cattolicesimo, si sposarono in Chiesa. Sua moglie, che aveva incontrato in Algeria, gli fu presentata da Erb. MorÇ piuttosto giovane nel 1901 lasciandogli 3 figli (Gertrud, Hans e Maria) e abbastanza denaro per lavorare come assistente senza essere pagato in Monaco. Nel 1903, si era trasferito in questa cittä al Royal Psychiatic Clinic dell UniversitÄ e guidñ il laboratorio di Anatomia fino Psichiatri UniversitÄ di Monaco, Alzheimer compreso.

4 Venne invitato dal piå autorevole Psichiatra tedesco del tempo, Emil Kraepelin, con il quale egli aveva iniziato a lavorare l anno precedente in Heidelberg. Il Laboratorio di Alzheimer divenne un luogo di incontro per ricercatori quali Alfons Maria Jacob, Hans Gerhardt Creutzfeldt, Fritz Lewy, Gaetano Perusini, Ugo Cerletti, Francesco Bonfiglio. Qui, lui stesso si mostrñ gran lavoratore, trascorrendovi anche le vacanze a studiare attentamente al microscopio, a volte fumando un sigaro che tra l altro veniva spesso dimenticato non finito sul banco di lavoro. Nel 1904 pubblicñ una nuova tesi su Histological studies about the differential diagnosis of progressive paralysis (studi istologici riguardanti la diagnosi differenziale della paralisi progressiva) basata su 170 casi postmortem. A novembre dello stesso anno venne incaricato come docente nella FacoltÄ di Medicina alla Ludwig Maxmilian University; l anno dopo gli fu conferito il professorato presso la FacoltÄ di Medicina di Monaco. Tre anni piå tardi, nel luglio 1912, fu nominato Professore di Psichiatria e direttore del Neurologic and Psychiatric Institute del Silesian Friederich-Wilhelm University in Breslau(ora Wroclaw in Polonia), a quel tempo la settima piå grande cittä tedesca. L Imperatore Wilhelm II assegnñ personalmente l incarico. Durante il suo trasferimento a Breslau, Alzheimer andñ incontro ad una severa complicanza da freddo attraverso una sovra infezione batterica che poi sfocerä in una endocardite subacuta. Nel febbraio 1913, Alzheimer venne ospedalizzato in una clinica privata. Il suo stato di salute peggiorñ progressivamente e il 19 dicembre 1915 morç per complicanze renali e respiratorie all etä di 51 anni. LA PRIMA PAZIENTE Dà ALZHEIMER: LA SIGNORA DETER Auguste Deter nacque il 16 maggio 1850 in una cittä medievale della Germania, Cassel (nell ottobre del 1943 fu rasa al suolo); frequentñ normalmente gli studi scolastici e all etä di 23 anni sposñ Karl, un impiegato della ferrovia, ed andñ a vivere a 180 Km a sud di Francoforte. La sua ultima residenza fu un appartamento sul versante sud del fiume Main. Alzheimer vide per la prima volta la sua ora famosa paziente, Mrs Deter, il 26 novembre Ella era stata ricoverata il giorno prima alla Casa di Riposo Municipale di Francoforte. Stava seduta sul letto con una espressione di aiuto. Secondo il marito, la coppia era stata armoniosamente sposata dal 1873, ma di recente egli aveva notato nella moglie un graduale declino. I suoi sintomi iniziarono all etä di 51 anni. Per circa 8 mesi aveva sviluppato dei progressivi cambiamenti nella sua personalitä. Poi aveva presentato idee di gelosia nei riguardi di suo marito, un calo della memoria rapidamente progressivo ed un pronunciato danno psicosociale; a volte sentiva come se qualcuno volesse ucciderla e cominciava a gridare selvaggiamente. All esame clinico, appariva disorientata nel tempo e nello spazio, nonchä confusa. Inoltre, il suo stato generale era compromesso. La sua parola divenne completamente incomprensibile. Nel suo ultimo anno di vita, divenne completamente apatica e passava quasi tutto il suo tempo a letto con le gambe alzate. L 8 aprile 1906 alle 5 e 45 del mattino, dopo 5 settimane che aveva compiuto il suo 56â compleanno, Auguste D morç di setticemia da ulcere di decubito che aveva alla regione sacrale e alla regione trocanterica sinistra. A quel tempo Alzheimer stava lavorando a Monaco sotto la direzione di Emil Kraepelin, ma non aveva dimenticato la sua paziente e, dopo la morte di Auguste D, chiese ed ottenne la sua documentazione

5 medica ed il cervello. EsaminÑ quest ultimo in dettaglio e mostrava le caratteristiche istologiche che sono oggi associate con la AD: una massiva perdita neuronale e la presenza di placche amiloidi e di grovigli neuro fibrillari. Di interesse, le preparazioni istologiche di Alzheimer non comprendevano la regione entorinale e l ippocampo. Groviglio neurofibrillare al microscopio Il 3 novembre 1906 al Congresso del Southwest German Psychiatrists che si tenne a Tubingen, Alois Alzheimer riportñ i suoi dati clinici e patologici. La presentazione non attirñ alcuna attenzione o commento: l uditorio parve essere maggiormente interessato alla successiva relazione, sulla masturbazione compulsiva. Dopo la sua lettura non venne fatta alcuna domanda. Il Chiarman osservñ: a questo punto,salutiamo il collega Alzheimer, lo ringraziamo per le sue osservazioni, appare chiaro che non c á alcun desiderio per la discussione. Questa sua comunicazione venne poi pubblicata come abstract in una short paper. L anno seguente, nel 1907, Alzheimer pubblicñ la sua lettura sotto il titolo Una caratteristica grave malattia della corteccia cerebrale. In questo documento, egli diede la descrizione clinico-patologica della malattia di Auguste D: nel centro della cellula per il resto normale, spiccano una o piå fibrille per la loro caratteristica densitä e peculiare impregnabilitä. Numerosi piccoli foci miliari si riscontrano negli strati superiori. Essi sono determinati dal deposito di una peculiare sostanza nella corteccia cerebrale. Tutto sommato ci troviamo davanti una caratteristica malattia. Nella terminologia odierna, Alzheimer aveva individuato i grovigli e le placche. Nel capitolo sulle Demenze Senile e Presenile (7â Capitolo, 2â volume) della 8th edizione del suo Handbook of Psychiatry, Emil Kraepelin introdusse per la prima volta il termine Malattia di Alzheimer; egli distinse questa nuova malattia dalla demenza senile familiare. Egli notñ l incertezza del suo esatto inquadramento e a pag. 624 scrisse: L interpretazione clinica di questa Malattia di Alzheimer non á ancora chiara. Sebbene i reperti anatomici suggeriscono che abbiamo a che fare con una forma di demenza senile particolarmente seria, il fatto á che questa malattia iniziando occasionalmente giä prima dei 50 anni, sembra piuttosto contraddire questo. Non si sa se Kraepelin ha mai visto Auguste D. Rimane non chiaro il motivo che ha condotto a considerare la Malattia di Alzheimer come una entitä nosologica distinta dalla demenza senile. Egli ha basato la distinzione sulla giovane etä della paziente, sui gravi disturbi della parola, sui segni focali e sulla grave demenza come caratteristiche maggiormente distintive. Se Beach ipotizzñ che Kraepelin fece questo per ragioni scientifiche, perchä comprese che Alzheimer aveva scoperto una nuova malattia, altre opinioni fanno riferimento alla competizione esistente tra il suo dipartimento e quello di Arnold Pick di Praga ed il desiderio di enfatizzare le basi biologiche del disordine mentale e di mostrare il suo esempio dell esistenza di entitä di malattia naturale in contrasto con le teorie psicoanalitiche di Sigmund Freud. Una delle reali ragioni per l eponimo puñ essere stato il desiderio di Kraepelin di premiare il suo disinteressato collaboratore ed affermare il prestigio del laboratorio di Monaco.

6 Alzhemer E Perusini Tra il 1907 e il 1908, insieme con il suo giovane allievo italiano Gaetano Perusini ( ) che lavorñ come assistente nel laboratorio di Isto-Patologia della Clinica Psichiatrica di Monaco dal 1906 al 1911, Alzheimer studiñ i cervelli di altri tre pazienti con demenza presenile. I risultati comprendevano anche i reperti del cervello della Sig.ra Deter. La pubblicazione, scritta nel dicembre 1908, apparve nel 1909 con Perusini come unico autore sotto il titolo Sui reperti istologici e clinici di peculiari malattie mentali dell etä avanzata. In questa pubblicazione, parlando di Auguste D, Perusini trascrisse un estratto della storia clinica che á divenuta nuovamente eccitata ed emette urla terribili (Nov.1901), á in uno stato di paura, di ansia e completamente disorientata, violenta verso tutto (Feb.1902), completamente ribelle, urla e scalcia quando qualcuno le si avvicina (Giugno 1902). In questo lavoro e nei suoi successivi studi, Perusini diede il piå grosso contributo alla conoscenza neuropatologica e clinica della malattia che, in alcuni paesi, á anche denominata Demenza di Alzheimer-Perusini senza che fosse mai stata rivendicata la scoperta della nuova malattia. Perusini Per quasi 50 anni a seguito della presentazione del 1906, la Malattia di Alzheimer á stata relegata ad un ruolo minore in Psichiatria e in Neurologia ed á stata considerata come estremamente rara e limitata ai soggetti piå giovani mentre la demenza senile á stata da molti considerata come una esagerazione dell etä dovuta alle alterazioni aterosclerotiche nel cervello. La Demenza Senile e Presenile sono state ancora considerate come due distinte malattie fino al 1970: oggi gli studi clinico-patologici hanno chiarito che la Malattia di Alzheimer e la Demenza Senile sono parte dello stesso spettro di malattia e il nome di Alzheimer puñ essere legato per sempre con la piå comune causa di demenza. COSA C E DI NUOVO? Alzheimer ha descritto una nuova sindrome clinica o una variante di demenza senile? La malattia che aveva scoperto era semplicemente un processo legato all etä? Alzheimer stesso era insicuro se il caso di Auguste D rappresentasse una nuova entitä clinica; pensava di aver descritto una rara condizione e molto probabilmente aveva creduto che fosse semplicemente una forma peculiare di psicosi senile, una forma

7 atipica precoce di demenza senile. Egli aveva riportato alterazioni microscopiche nella corteccia di Auguste D descrivendo foci miliari di strutture extracellulari, che piå tardi saranno conosciute come placche e fasci intracellulari che saranno poi conosciute come grovigli neuro fibrillari. La descrizione di placche e grovigli non rappresentava nel 1906 una novitä. L esistenza di neurofibrille era giä nota da anni, anche nella demenza senile, ma non era stata ritenuta come un marker di malattia; in una comunicazione del 1905 Bianchi scrisse: la distruzione delle neuro-fibrille sembra essere piå estesa rispetto a quello che avviene nel cervello dei soggetti paralitici. Solomon Carter Fuller, un Psichiatra americano, riportñ la presenza di grovigli neuro fibrillari nella demenza senile ad un convegno dell American Medico-Psycological Association nel giugno del 1906, 5 mesi prima di Alzheimer. Il primo riferimento dell esistenza delle placche senili á contenuto in un documento di Paul Blocq e George Marinesco, che nel 1882 lavoravano alla Clinica Salpetriere di Parigi, a proposito di un paziente anziano affetto da Epilessia: nel loro studio descrissero la presenza di ammassi rotondi nella corteccia cerebrale ma non commentarono il loro possibile significato. Essi li chiamarono placche sclerotiche della nevroglia. Questa descrizione passñ senza fare notizia. Nel 1898, Redlich osservñ la stessa patologia in due casi di demenza senile denominandola come Sclerosi Miliare. A ciñ fece seguito una descrizione di Oskar Fisher(1907) di placche neuritiche nella demenza senile come caratteristiche specifiche. CONCLUSIONE Molto tempo á trascorso dalla comunicazione di Alzheimer nel 1906 e significativi progressi sono stati fatti in tutti i campi della malattia compreso le sue basi genetiche, la biologia molecolare e sperimentali con nuovi trattamenti come il vaccino diretto contro la proteina beta-amiloide. Oggi, possiamo affermare che Alzheimer sia stato al posto giusto e al tempo giusto e, probabilmente, puñ avere avuto una piccola idea che il suo nome sarebbe diventata una descrizione internazionalmente compresa di una malattia che colpisce milioni di persone in tutto il mondo. Traduzione e Grafica: Gennaro Barbato

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Congresso Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Nel corso degli ultimi anni lo studio degli aspetti nutrizionali, dei

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Non so cosa avrei fatto oggi senza di te MANUALE PER I FAMILIARI DELLE PERSONE CON DEMENZA

Non so cosa avrei fatto oggi senza di te MANUALE PER I FAMILIARI DELLE PERSONE CON DEMENZA Non so cosa avrei fatto oggi senza di te MANUALE PER I FAMILIARI DELLE PERSONE CON DEMENZA Non so cosa avrei fatto oggi senza di te MANUALE PER I FAMILIARI DELLE PERSONE CON DEMENZA Quando ti guardo sono

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA 1984 I criteri NINCDS-ADRDA regole La diagnosi di AD è clinico-patologico:

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

NON È PIÙ LUI, NON È PIÙ LEI

NON È PIÙ LUI, NON È PIÙ LEI NON È PIÙ LUI, NON È PIÙ LEI Malattia di Alzheimer Una guida per le famiglie per un assistenza ottimale al malato Premessa 3 L importante rete di servizi residenziali e domiciliari presente nella nostra

Dettagli

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche -

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA I SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN NEUROLOGIA Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - TESINA DI ANATOMIA DOCENTE Prof.

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Quando Studiare il DAT

Quando Studiare il DAT Quando Studiare il A.Piccardo, E.O. Ospedali Galliera F. Nobili Università di Genova 123 I-FP-CIT (SCAN ) Pre-sinaptico FP- CIT Post-sinaptico Non interazione tra farmaci dopaminergici e imaging In presenza

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

www.lacan-con-freud.it

www.lacan-con-freud.it JACQUES LACAN NOTE SUL BAMBINO Storia delle Note sul bambino e delle loro vicissitudini Le "Notes de Jacques Lacan sur l'enfant", come precisa Anne-Lise Stern in La France hospitaliere Drancy Avenir 1,

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

NON SO COSA AVREI FATTO OGGI SENZA DI TE

NON SO COSA AVREI FATTO OGGI SENZA DI TE Regione Emilia-Romagna NON SO COSA AVREI FATTO OGGI SENZA DI TE MANUALE PER I FAMILIARI DELLE PERSONE AFFETTE DA DEMENZA Quando ti guardo sono terrorizzata dall idea che tutto ciò finirà ben presto. Conosciamo

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

SOMMARIO. Editoriale 5. Messaggio del Direttore Generale 10. Schema del rapporto 12

SOMMARIO. Editoriale 5. Messaggio del Direttore Generale 10. Schema del rapporto 12 SOMMARIO Editoriale 5 Messaggio del Direttore Generale 10 Schema del rapporto 12 1. La salute mentale come parte della salute pubblica 17 Introduzione 17 Comprensione della salute mentale 19 I progressi

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

Conferenza stampa sulla campagna «La demenza può colpire chiunque.»

Conferenza stampa sulla campagna «La demenza può colpire chiunque.» Conferenza stampa sulla campagna «La demenza può colpire chiunque.» Seite 1 Benvenute e benvenuti Seite 2 Due organizzazioni, un tema Seite 3 Seite 4 Ordine del giorno - Rilevanza a livello sociale - Campagna

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

IL CERVELLO CHE INVECCHIA

IL CERVELLO CHE INVECCHIA IL CERVELLO CHE INVECCHIA Conoscere per affrontare al meglio il declino cognitivo i quaderni della salute 2 a cura dell Assessorato alla Salute INDICE il cervello che invecchia pag 02 Quali norme comportamentali

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

UIL Scuola Molise - IRASE Sezione Provinciale CAMPOBASSO - Corso preparazione L handicap nella scuola, quali strategie MAR/APR 2007

UIL Scuola Molise - IRASE Sezione Provinciale CAMPOBASSO - Corso preparazione L handicap nella scuola, quali strategie MAR/APR 2007 L handicap nella scuola, quali strategie INTEGRAZIONE DELL ALUNNO HANDICAPPATO: IL RUOLO DEL PERSONALE ATA CIO CHE CONOSCO MI FA MENO PAURA CORSO DI FORMAZIONE per Collaboratori scolastici su Ciò che conosco

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO Risultati di una ricerca su un campione di 135 bambini Massimiliano Petrillo Magda Di Renzo CAMPIONE DI RICERCA 135 bambini (106 M / 29 F) Età compresa tra 2,5-16,5

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE

LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE Rapporti tra DVE e CAS Valutazione e trattamento Irina Podda A.F.A. Centro REUL Genova UNIVERSITA DEGLI STUDI Genova Roma, 29-30 gennaio 2012 III Convegno Nazionale AIDEE

Dettagli

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS-IRCCS Centro S. Maria Nascente Milano 5 febbraio 2014 Organizzazione

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA.

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Raffello Cortina, Milano 2007 Benjamin Libet Il libro di Benjamin Libet ruota intorno alla problematica della relazione fra cervello ed esperienza

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute TAVOLO NAZIONALE DI LAVORO SULL AUTISMO RELAZIONE FINALE Il Tavolo di lavoro sulle problematiche dell autismo, istituito su indicazione del Ministro della Salute, composto da rappresentanti

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

DOMANDE SULL AUTISMO

DOMANDE SULL AUTISMO DOMANDE SULL AUTISMO Romeo Lucioni Tutte queste domande meriterebbero una ricerca ad hoc e, quindi, risulta impossibile rispondere ampiamente a tutte. Cercherò di essere conciso e preciso, lasciando ad

Dettagli

Qual è la prevalenza dell ADHD?

Qual è la prevalenza dell ADHD? Che cos'è l'adhd (Attention Deficit/Hyperactivity Disorder)? La Sindrome da Deficit di Attenzione ed Iperattività è una patologia neuropsichiatrica che insorge nei bambini in età evolutiva. L ADHD consiste

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA AIDS e sindromi correlate Presentazione al XXII Congresso Nazionale di POpolazione Sieropositiva ITaliana LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA Abitudini e stili di vita del paziente immigrato Survey

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

INTEGRAZIONE: CAPIRE COS È LA DIVERSITÀ. Il diverso che provoca il pregiudizio: come evitarlo per facilitare l integrazione

INTEGRAZIONE: CAPIRE COS È LA DIVERSITÀ. Il diverso che provoca il pregiudizio: come evitarlo per facilitare l integrazione Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro di Cittadella Il manifesto degli studenti sul dialogo interculturale: scriviamolo insieme! INTEGRAZIONE: CAPIRE COS È LA DIVERSITÀ Il diverso che provoca il pregiudizio:

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Sindromi da scarso Sé 1

Sindromi da scarso Sé 1 Roberto Carlo Russo* Sindromi da scarso Sé 1 È frequente il riscontro, di norma all inizio delle elementari, di segnalazioni da parte degli insegnanti di bambini timidi, particolarmente riservati, richiedenti

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Sostegno alla scuola St. Augustine

Sostegno alla scuola St. Augustine Con il ricavato della vendita del calendario del 2014 (2.500 euro), il Fermi ha potuto fare una donazione alla Scuola Secondaria St.Augustin di Isohe (Sud Sudan) per l acquisto di un computer, una stampante,

Dettagli

1) Il bambino in Ospedale

1) Il bambino in Ospedale Dal giorno in cui qualcuno ha avuto il coraggio di entrare in un reparto di terapia terminale con un naso rosso e uno stetoscopio trasformato in telefono, il mondo è diventato un posto migliore. Jacopo

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli