Rappresentazione delle Immagini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rappresentazione delle Immagini"

Transcript

1 Rappresentazione delle Immagini Come si rappresenta un immagine Un immagine e di norma rappresentata come un raster, cioe una matrice di elementi discreti, detti pixel, ciascuno di un colore. Memorizzare un raster significa, in prima approssimazione, memorizzare la il colore di ciascun pixel Esistono diversi modi di memorizzare un immagine raster, corrispondenti a diversi formati di file immagine BMP, TIFF, JPEG, GIF, PNG, I formati differiscono per il modo in cui si memorizzano i colori dei pixel 2

2 Come si memorizza un informazione di colore La luce e un onda elettromagnetica, che colpisce il fondo della retina attraverso la pupilla Il fondo della retina e popolato di coni, che sono particolarmente sensibili a certe frequenze di luce Ci sono tre tipi di coni, sensibili in intervalli di frequenze differenti (ma non disgiunti) 3 Come si memorizza un informazione di colore L apparato visivo (occhi+cervello) non e in grado di distinguere la composizione di luce (metameria) 4

3 Sintesi Additiva di Colore I colori rappresentabili su un monitor sono riprodotti mescolando luce rossa, verde, blu (RGB) Per descrivere un dato colore, basta quindi stabilire l intensita di luce dei tre colori che lo compongono Sperimentalmente, si nota che 256 (=2 8 ) sfumature di ciascuno dei 3 colori bastano per comporre un numero sufficiente di colori Magenta (255,0,255) Rosso (255,0,0) Blu (0,0,255) Grigio (x,x,x) Nero (0,0,0) Bianco (255,255,255) Giallo (255,255,0) Ciano (0,255,255) Verde (0,255,0) 5 Memorizzazione del colore Diretta (true color) Memorizzo il colore (RGB) di ciascuno dei pixel 24 bit (=3 byte) per pixel Indicizzata (palette) Memorizzo una palette di n colori RGB (3 byte/colore) e Per ogni pixel, memorizzo l indice della riga della palette che gli corrisponde 6

4 Memorizzazione del colore (2) Casi particolari B/N (monocromatica): un bit per stabilire il colore di un pixel (1=bianco, 0=nero) scala di grigi (grayscale): un numero per rappresentare la percentuale di nero di un pixel (spesso 256 livelli di grigio, 0=bianco, 127=grigio medio, 255=nero). 1 byte per pixel 7 Quanti colori nell immagine? Pochi colori (e.g., disegno) Tipico: <=16, 256 colori Palette piccola Indice su pochi bit (4, 8) Molti colori (e.g., foto) Tipico: >=1000 colori Rappresentazione indicizzata poco (o per niente) conveniente Meglio true color 8

5 Esempi Immagine 640x480 pixel, 256 colori colore di ogni pixel rappresentabile su 8 bit (=1 byte) Dimensione dell immagine: 648x480= pixel Per la matrice sono necessari bytes Dimensione della palette: (almeno) 3*256=768 byte (trascurabile) Dimensione probabile del file in memoria: intorno a bytes. Immagine 512x384 pixel, colori colore di ogni pixel rappresentabile su 16 bit (=2 byte) Dimensione dell immagine: 512x384 = pixel Per la matrice sono necessari bytes Dimensione della palette: (almeno) 3*65536= byte (confrontabile con la dimensione della matrice) Dimensione probabile del file in memoria: intorno a bytes. 9 Formati delle immagini Non compresso Bitmap (BMP) Compresso Graphic Interchange Format (GIF) Portable Network Graphics (PNG) Joint Photographic Experts Group (JPEG) Tagged Image File Format (TIFF) Formato generico : supporta sia immagini compresse che non compresse Ciascun formato può consentire di memorizzare immagini con n. di colori diverso Bitmap a 16M colori (true color), a 256 colori, 10

6 Formato Bitmap Consente di salvare immagini True color Con palette a 16, 256 colori B/N Esempio: immagine 100x100 pixel Bytes per pixel Dimensione (minima) palette Dimensione matrice in byte Dimensione totale file (attesa) Dimensione totale file (osservata) True color colori bytes colori 1/2 48 bytes B/N 1/ Compressione delle immagini Immagine RxC pixel in true color, con un pixel rosso in alto a sinistra Ho davvero bisogno di RxCx3 byte per rappresentare l informazione associata a questa immagine? Mi costerebbe meno rappresentare l informazione come: {1; rosso}, {(RxC)-1; bianco} Run Length Encoding (RLE), usato ad es. nei fax C Formato compresso di rappresentazione: Meno spazio occupato sul disco Necessita di decomprimere l immagine per poterla visualizzare R 12

7 Due tipi di compressione Lossless (senza perdita) - dall immagine (dall informazione) compressa si ricava in modo esatto l informazione originale (es. RLE) - Obbligatorio per tutto cio che viene manipolato da un computer, ad esempio programmi o dati (un file di Word) Lossy (con perdita) - dall immagine (dall informazione) compressa si ricava un informazione simile a quella originale In cio che e oggetto di percezione umana (musica, immagini) si puo tollerare una limitata perdita di informazione 13 Immagini compresse La quantita di informazione associata all immagine (la sua dimensione sul disco) dipende da cosa c e nell immagine stessa (in una BMP non e cosi ) I due file, immagini compresse secondo RLE, hanno una dimensione diversa (33% di differenza) 14

8 Tagged Image File Format Piu flessibile che BMP Consente compressione delle immagini (sia RLE che LZW) Consente di definire un contorno dell immagine (non necessariamente rettangolare), che puo essere salvato insieme all immagine Maggiore portabilita Supportato da tutte le piattaforme grafiche 15 Formato GIF Numero limitato di colori N (tipicamente 3, 16 o 256) Memorizzazione di: Palette Immagine compressa secondo l algoritmo LZW (lossless) LZW e concettualmente simile a RLE, anche se piu complesso File tanto piu piccolo quanto piu l immagine e regolare Non si ha perdita di informazione purche l immagine originale abbia meno di N colori Altrimenti alcuni colori dell immagine originaria andranno persi 16

9 Formato GIF (2) Particolarmente adatto per comprimere immagini con colori pieni Banner pubblicitari Disegni, fumetti Immagini create artificialmente Pochi colori Pattern di colore che si ripetono in modo regolare BMP, 116 Kb GIF, 5.89 Kb 17 Formato GIF (3) Trasparenza Si puo specificare un colore della palette come sfondo I pixel cosi marcati prendono il colore di cio che sta sotto Animazione In uno stesso file GIF possono essere salvate piu immagini che vengono visualizzate in modo temporizzato Effetto di animazione (semplice) 18

10 Formato PNG Compressione lossless, simile a GIF Risolve alcuni problemi di brevetti (adesso scaduti) sull algoritmo di compressione LZW Trasparenza Possibili palette con piu di 256 colori Non possibili animazioni Meno supportato che GIF 19 Formato JPEG Compressione lossy Compressione come trade-off tra dimensione e resa Minor compressione, file piu grande, miglior resa Maggior compressione, file piu piccolo, peggior resa Piu adatto per fotografie Basa la compressione sulle peculiarita della visione umana L occhio e piu sensibile alle variazioni di luminosita che di cromaticita. variazioni elevate tra pixel vicini tendono ad essere difficilmente percepibili 20

11 Algoritmo di compressione JPEG Perdite di informazione 5 21 Piani di immagine Un immagine RGB puo essere scomposta nei suoi 3 piani di immagine R, G, e B R G B 22

12 Compressione JPEG (1) Cambio di coordinate nello spazio di colore Da RGB a YIQ (o YCrCb, ~equivalente). Y= luminanza I,Q=crominanza supponendo 0 min, 1 max: 23 Compressione JPEG (2) Le immagini I e Q sono piuttosto statiche Memorizzo un valore di I e Q (ad esempio) per ogni blocco di 2x2 pixel (standard subsampling) Perdo delle informazioni (ma l occhio, in genere, non se ne accorge piu di tanto) Memorizzo l informazione di luminanza Y per ogni pixel 25% compression (75% quality), no subsampling (4:4:4), 8096 bytes. 15% compression (85% quality), standard subsampling (4:2:2), 8822 bytes. 24

13 Compressione JPEG (3) Discrete Cosine Transform Per ogni blocco di 8x8 pixel, calcolo i coefficienti DCT Esprimo la coordinata (Y, I, Q) del blocco come somma pesata di 64 possibili pattern 8x8 block 64 coefficienti DCT 64 blocchi base 8x8 ~= (- 415) * + (-30) * + bassa freq. alta freq. 25 Compressione JPEG (4) Quantizzazione Divido ciascun coefficiente per un coefficiente di quantizzazione, ed arrotondo all intero piu vicino Coefficienti DCT Matrice di quantizzazione 26

14 Compressione JPEG (5) Entropy coding I coefficienti tendono ad essere nulli sulle controdiagonali, man mano che si scende verso il basso. Memorizzo la sequenza a zig-zag dei codici, e comprimo con RLE (e molto probabile che avro tantizeriin fila) 27 Decompressione Il processo inverso a quello visto finora Originale Compresso e decompresso 28

15 Decompressione (2) Confronto tra le matrici DCT Confronto tra i blocchi Y 29 Fattore qualita I programmi che consentono il salvataggio in formato JPEG danno la possibilita di impostare la qualita della compressione File piu piccolo, immagine meno precisa Bassa (1%) Qualita Alta (100%) File piu grande, immagine più precisa Il fattore qualita e (±) inversamente proporzionale al valore dei coefficienti della matrice di quantizzazione 30

16 Contenuto dell immagine e compressione Var. luminosita lenta BMP (256 KB) Var. luminosita veloce BMP (256 KB) JPEG Q=100% (17.5 KB) JPEG Q=100% (100 KB) 31 Esempio Q=100%, 80 KB Q=50%, 15 KB compressione Q=1%, 1.5 KB Q=10%, 5 KB 32

17 Esempio (2) Differenza singoli pixel (imm. originale vs JPEG Q=50%) Bianco: pixel identici; nero: massima differenza 33 GIF vs. JPEG GIF Piu adatta per immagini con colori pieni (e.g., disegni, loghi, etc.) Riduzione del n. di colori poco (o per niente) avvertibile Numero elevato di pixel consecutivi del medesimo colore Fattori di compressione nell ordine di 10:1 JPEG Piu adatta per immagini a colori sfumati (e.g. fotografie) Fattori di compressione nell ordine di 10:1 ed oltre Il livello di qualita puo essere variato 34

18 GIF vs. JPEG (esempio) JPEG (200x270) 11.9 Kb GIF (200x270) 14,8 Kb JPEG, 2,70 Kb GIF 3 colori 1,29 Kb 35 Modifica del numero di colori Supponiamo di avere una foto in formato BMP true color, con molti colori contemporaneamente presenti (migliaia) Cosa succede se la salviamo in formato bitmap a 256 colori? Si perde l informazione associata ai colori mancanti 36

19 Riduzione del numero di colori (2) Scelta di un n. di colori N con i quali l immagine sarà codificata Palette standard (ad esempio, web-safe) oppure Analisi dell immagine, per trovare al suo interno gli N colori piu rappresentativi Possibili diversi criteri: Frequenza Massima diversita di colore Combinazioni dei due precedenti Ogni colore dell immagine viene modificato in uno degli N scelti ogni pixel p=(r p,g p,b p ), e trasformato nel colore j=(r j,g j,b j ) tale che e minimo (, ) = ( p j) + ( p j) + ( p j) D p j R R G G B B 37 Riduzione del numero di colori (3) Palette standard vs palette basata sull immagine Immagine originale Palette 216 col. Web-safe Palette 256 col. ottimizzata 38

20 Riduzione del numero di colori (4) Dithering diffondere i colori di zone adiacenti per dare l illusione della continuita Eventualmente riusare altri colori della palette Rischio di creare falsi colori 256 colori 16 colori, no dithering 16 colori, dithering 39 Modifica del numero di punti Scalatura di un immagine Downsampling = verso il basso (meno punti) Scegliere alcuni punti tra quelli che costituiscono l immagine Upsampling = verso l alto (più punti) inventare i punti da aggiungere Se la scalatura non viene fatta con lo stesso passo su entrambi gli assi, l immagine risulta distorta Ne viene modificata l aspect ratio 40

21 Scalatura Downsampling di un fattore intero k Scelgo il colore di 1 punto ogni k Scelgo il colore medio in un quadrato di lato k Upsampling di un fattore intero k nearest neighbor da 1 pixel a 1 quadrato di 2x2 pixel Interpolazione (bilineare, bicubica) di pixel Scalatura di un fattore razionale M/L Upsampling di un fattore intero M Downsampling di un fattore intero L Esempi per k=2 41 Esempio Bitmap 284x212, true color 12 Kbyte sul disco scale 25% scale 400% 177 Kbyte sul disco 42

22 Periferiche Raster Monitor, stampante, scanner, fotocamera digitale Informazione grafica rappresentata sotto forma di matrice di pixel (raster) 43 Acquisizione di immagini raster Tramite periferiche di acquisizione (scanner, macchine fotografiche digitali) Ricavare una matrice di punti colorati (raster) da un immagine stampata su un foglio (scanner) dal vivo (macchina fotografica digitale) Risoluzione di scansione quanto precisamente l immagine verrà ricostruita quanto grande sarà il file che la contiene N. di colori dell immagine File piccolo, immagine poco precisa bassa risoluzione alta File grande, immagine più precisa 44

23 Scanner e risoluzione Uno scanner ha almeno due risoluzioni: Ottica: quella del passo di campionamento delle immagini Interpolata: lo scanner si inventa dei punti tra un campionamento e l altro Esempio HP Scanjet 4670V Risoluzione Ottica: dpi Interpolata: fino a dpi (a seconda della quantità di memoria disponibile, dello spazio su disco e di altri fattori di sistema) La risoluzione interpolata non ha nessuna rilevanza pratica Semplice upsampling via software 45 Effetto Moire Il passo di retinatura e di scansione danno fenomeni di frange interferenziali (Moire ) Particolarmente visibile quando si effettua scansione di immagini retinate (riviste) con risoluzione simile a quella di stampa Per eliminarlo: -Variare la risoluzione di scansione -Usare appositi filtri nei programmi di elaborazione delle immagini (e.g., Photoshop) o nelle impostazioni dello scanner (deretinatura) 46

24 Digital Camera Non si parla di risoluzione, ma di numero di pixel (oggi >= 5Mpixel) Se si possono fare foto con un numero minore di pixel L hardware della DC cattura sempre lo stesso numero di pixel (quello massimo) Viene fatto downsampling all interno della DC. Zoom ottico zoom digitale = upsampling via software 47 Acquisizione e scalatura L acquisizione determina la quantità di informazione associata ad un immagine (punti e numero di colori) Non si può creare informazione manipolando un immagine Downsampling: riduce la quantità di informazione ad essa associata, e quindi fa perdere dettaglio all immagine Upsampling di un immagine già acquisita fa crescere la dimensione del file ad essa associato, ma non migliora la qualità dell immagine 48

25 Visualizzazione - Schermo monitor da 17 area di visualizzazione 16 Dimensioni monitor (pollici) Area di visualizzazione (pollici) PARAMETRI Nitidezza (dimensione dei punti, risoluzione, velocità di aggiornamento) Tipo di schermo (CRT, LCD) 49 Pixel y x dot-pitch Dimensione dei punti (DOT-PITCH): distanza tra i centri di due pixel adiacenti Esempio: 0,28: 28 centesimi di mm pixel alternativamente N. di pixel per unità di misura lineare ( dpi, dots per inch) (risoluzione) quantità di punti che possono essere visualizzati sullo schermo del monitor Esempio: 640x480 (VGA), 800x600 (SVGA), 1024x768 pixel (XGA) 50

26 Schermi CRT (Cathode Ray Tube) pennello cannone elettronico elettronico griglia fosforo tubo a vuoto piatti di deflessione (verticale ed orizziontale) scansione non-interallacciata Frequenza di aggiornamento (verticale): numero di volte al secondo che i pixel vengono aggiornati per conservarne la luminosità (es.: volte il secondo) 51 CRT - Frequenze Frequenza di aggiornamento/refresh (verticale): numero di volte al secondo che i pixel vengono aggiornati per conservarne la luminosità ( Hz) Frequenza orizzontale: numero di righe orizzontali che possono essere dipinte in un secondo ( KHz) Banda video: il numero di pixel contigui che possono essere colorati con colori diversi in un secondo (ovvero la frequenza con cui è possibile cambiare l intensità del pennello). Valore tipico 200 MHz 52

27 CRT a colori Tre cannoni luminosi, uno per ognuno dei colori fondamentali (R,G,B) In realtà, un pixel è un agglomerato di 3 puntini molto vicini dei tre colori fondamentali L occhio umano sintetizza, e ricava l impressione di un Cannoni unico punto colorato elettronici Blu Fosfori spalmati sul vetro Verde Rosso Griglia metallica 53 Schermi LCD Cristalli liquidi vengono orientati in modo tale da impedire/consentire il passaggio di luce 54

28 LCD e CRT Accensione pixel CRT: per la maggior parte del tempo e spento. LCD: I pixel restano accesi tra un refresh e l altro Immagine molto piu stabile Qualche problema con immagini in movimento (tempo di risposta (1-10 ms) Consumo CRT: alto, LCD: molto basso Affidabilita I CRT sono tuttora piu affidabili degli LCD 55 Scheda Video (semplificata) rete di interconnessione (bus di sistema) processore memoria SCHEDA VIDEO memoria video adattatore grafico Sinc. O. Sinc. V. R G B 56

29 Memoria Video (semplificata) x SCHERMO MEMORIA VIDEO (frame buffer) y x p + (C y p ) (x p,y p ) R C bit che specificano il colore del pixel 57 Specifica del colore del pixel Diretta Celle di memoria di dimensione >= 24 bit Contengono direttamente la quantita di R, G, B, che compone il colore Indicizzata Celle di memoria di dimensione < 24 bit Contengono un indice di riga di una Color Lookup Table, La CLT contiene, alla riga j, la quantita di R, G, B, che compone il colore j 58

30 Adattatore Grafico (semplificato) L AG legge ad intervalli di tempo regolari le locazioni della MV Una volta che ha letto il contenuto di una locazione associata ad un certo pixel, l AG compie le seguenti azioni: 1. Considera i bit letti come la codifica del colore che dovrà caratterizzare il pixel 2. Genera tre segnali corrispondenti ai tre colori fondamentali 3. Trasmette tali segnali al monitor tramite i fili R, G e B 59 Memoria Video: esempio C = Numero dei colori P = Numero di pixel n = bit di indirizzo per la Memoria Video d = dimensione di una parola di Memoria Video n d = log2 P = log2 C N = Numero locazioni della Memoria Video = 2 n (N P) ESEMPIO Modalità Grafica: ; COLORI: 256 P = n = 19; d = 8 Memoria Video di 512 Kbyte 60

31 Pixel logici e pixel fisici rete di interconnessione (bus di sistema) processore memoria SCHEDA VIDEO memoria video adattatore grafico Sinc. O. Sinc. V. R G B 61 Dalla BMP alla visualizzazione La memoria video contiene, cella per cella, le informazioni di colore da visualizzare in ogni pixel dello schermo Celle di VRAM di dimensione maggiore di 24 bit (in pratica sempre): valori di R, G, B su 8 bit ciascuno Celle di VRAM di dimensione minore di 24 bit (in teoria): indice di colore in una color lookup table Se devo visualizzare un immagine bitmap, basta che la trasferisca nella memoria video cosi com e Il formato bitmap e il piu semplice che si puo immaginare per memorizzare un immagine, ed è quello che richiede meno operazioni per la visualizzazione sullo schermo 62

32 Visualizzare immagini compresse Un immagine compressa (e.g., JPEG) non puo essere copiata direttamente nella memoria video Deve prima essere decompressa Trade off tra spazio e tempo (tipico dell informatica) Chi fa la decompressione? Normalmente, la CPU Se la scheda grafica contiene un processore (GPU, o 3d accelerator), e possibile che ad esso sia affidata parte del lavoro 63 Schede Video AGP e PCI express L architettura AGP (Accelerated Graphics Port) permette uno scambio diretto delle informazioni tra CPU e memoria centrale e scheda grafica Incremento della velocita di comunicazione tra chipset e scheda grafica; il limite di comunicazione del bus PCI è 132 MB/s, lo standard AGP 3.0 8x arriva a 2.1 GB/s di picco Nuovo standard (~2007): PCI express, consente di Raggiungere velocita di trasferimento maggiori Inserire anche piu di una scheda video 64

33 Risoluzione nativa e cambio di risoluzione In un monitor CRT, il numero di fosfori di cui si compone lo schermo e fisso Il pennello, pero, si muove in maniera continua Se la scheda video invia immagini a risoluzione diversa (minore), il pennello colpisce di striscio alcuni fosfori La cosa avviene senza che l utente se ne accorga In un monitor LCD, il numero di contatti della matrice tramite la quale si polarizzano I cristalli Se la scheda video invia immagini a risoluzione diversa (minore), le stesse vengono scalate verso l alto dal monitor L effetto visivo e terribile 65 Stampanti Differiscono per: Tecnologia di stampa Getto di inchiostro Laser Capacità cromatica Bianco e nero Colore Velocità di stampa N. di pagine al minuto Risoluzione dpi Capacità di eseguire compiti complessi Stampanti PostScript 66

34 Stampanti laser Un raggio laser, tramite specchi che lo deflettono, scandisce per righe successive un tamburo e ne carica elettricamente solo i punti che dovranno corrispondere ai pixel da stampare Contemporaneamente un foglio di carta passa vicino ad un filo percorso da corrente e si carica elettrostaticamente Il tamburo, ruotando, pesca toner da una vaschetta Il toner, a carica opposta al tamburo, si fissa ad esso solo nei punti caricati dal raggio laser Quando la carta passa a contatto con il tamburo, dato che la carta è molto più carica, il toner viene attirato dalla carta Vasca del Toner Carta Raggio Laser Tamburo Fili a corona Filo a corona Lampada di scarica Elementi di fusione 67 Stampanti laser Il tamburo, continuando a ruotare, passa vicino alla lampada di scarica che lo scarica completamente La carta passa invece da sistema di fusione che, con una combinazione di calore e pressione, fissa in permanenza, fondendolo, il toner alla carta Raggio Laser Vasca del Toner Carta Tamburo Fili a corona Filo a corona Lampada di scarica Elementi di fusione 68

35 Stampanti Inkjet Al posto del toner, ci sono cartucce di inchiostro Le cartucce sono montate su una testina ancorata ad un braccio mobile che scandisce orizzontalmente il foglio Viene rilasciato inchiostro su ogni pixel da annerire Il foglio viene fatto avanzare per stampare nuove righe 69 Stampanti a colori Nelle stampanti a colori, ogni colore e rappresentato mescolando quattro colori Cyan, Magenta, Yellow, BlacK (CMYK) In realta, basterebbero i primi tre Nero usato per convenienza e precisione Il processo appena descritto viene ripetuto 4 volte, ogni volta con un inchiostro di colore differente Vale sia per stampanti laser che per stampanti inkjet Magenta (255,0,255) Rosso (255,0,0) Blu (0,0,255) Grigio (x,x,x) Nero (0,0,0) M Bianco (255,255,255) Giallo (255,255,0) C Ciano (0,255,255) Verde (0,255,0) Y 70

36 Il processo di stampa Come si passa da una pagina (ad esempio) di testo all insieme di operazioni che devono essere effettuate sulla stampante per ottenere la pagina stampata? Il software che elabora il documento (e.g. Word) interagisce con il driver della stampante Tale interazione avviene secondo criteri standard, che non dipendono dal modello di stampante Il driver invia alla stampante i comandi nella maniera ad essa comprensibile Tale interazione dipende dal modello di stampante. Infatti stampanti diverse hanno driver diversi 71 Stampanti PostScript Hanno dei processori (RIP, Raster Image Processor) che eseguono comandi in linguaggio PostScript /Times-Roman findfont 32 scalefont setfont translate 45 rotate 2 1 scale newpath 0 0 moveto (Example 4) true charpath 0.5 setlinewidth 0.4 setgray stroke Per inviare una pagina di testo, invece che convertirla in una matrice di punti posso darne una descrizione molto più sintetica in PS e lasciare che il RIP la interpreti L immagine viene creata all interno della stampante 72

37 Retinatura (Halftoning) Una stampante b/n (a colori) ha inchiostri di un colore (4 colori) Per realizzare (e.g.) il grigio o il magenta chiaro, si usa la retinatura Non tutti i pixel adiacenti vengono colorati Il cervello integra nello spazio punti bianchi e colorati vicini 73 Gamut Ogni dispositivo e in grado di rappresentare un sottoinsieme finito dei colori visibili, detto gamut Dispositivi diversi hanno gamut diversi Spettro di luce visibile Diagramma ufficiale della CIE (Commission Internationale de l Eclairage), 1931, che rappresenta I colori visibili in coordinate assolute (xyy) 74

38 Gamut (2) Il gamut di dispositivi a sintesi additiva (monitor) e sottrattiva (stampanti) e notevolmente differente Non tutti i colori visibili sono stampabili e viceversa Monitor diversi in cui i tre fosfori sono illuminati con una data intensita mostrano colori diversi 75 Stampanti 3d 5K $ (Feb 08) Costo del materiale: 1$/in 3 (Feb 08) 76

39 Regole per manipolare i raster Acquisire una quantità di informazione (colore, n. di pixel) adatta allo scopo finale Scansione di A4 per produrre un immagine 5x5 cm non ha senso lavorare a 1000 dpi abbassare la risoluzione di scansione Scegliere il formato tenendo conto dell effettivo numero di colori presente nell immagine. Impiego delle tecniche di compressione (GIF, JPEG) Evitare di comprimere/decomprimere un JPEG molte volte Ad ogni salvataggio, nuove approssimazioni (la parte frazionaria dei coefficienti DCT viene troncata) Manipolare l immagine in formato non compresso, e comprimere come ultima operazione. 77 Rappresentare disegni tecnici I disegni tecnici contengono oggetti, figure geometriche, descrivibili mediante curve e superfici (equazioni) Ruotare (traslare, stirare, etc.) un oggetto significa applicare ad esso una trasformazione descrivibile in termini geometrici Per conservare la possibilità di ruotare, muovere stirare, singoli oggetti all interno di un disegno, è necessario rappresentarli tenendo conto delle loro proprietà geometriche Posizione relativa ad un riferimento Forma, colore, etc. 78

40 Rappresentazione Vettoriale Si parla in tal caso di rappresentazione vettoriale di un immagine Non e memorizzato il colore di ogni pixel, ma una descrizione di alto livello (astratta), in un particolare linguaggio, delle proprieta geometriche degli oggetti che compongono l immagine Esempio (inventato) di linguaggio di descrizione: Image(1024,768,white) Rect(30,30,100,200,black) Circle(100,40,30,red) y x 79 Esempio Un file salvato con AutoCAD è memorizzato in un formato vettoriale (proprietario Autodesk) Il file salvato su disco contiene una descrizione ad alto livello di figure geometriche (poligoni e solidi contenuti nel progetto) 80

41 Formati grafici vettoriali Esistono diversi formati grafici vettoriali, corrispondenti a diversi prodotti commerciali di grafica vettoriale, ad esempio: Autocad (DWG) Corel Draw (CDR) Macromedia Freehand (FHx) Adobe Illustrator (AI) Microsoft Visio (VSD) Windows Metafile (WMF) PostScript ed Encapsulated PostScript (PS, EPS) Portable Document Format (PDF) Ognuno di questi definisce un proprio linguaggio di descrizione degli oggetti A meno che non incorporino dei raster, i file che contengono immagini vettoriali hanno dimensioni molto contenute 81 Periferiche Non-Raster Plotter a penna (caduti in disuso) Informazione grafica rappresentata sotto forma di comandi di movimento della penna (funzioni matematiche). 82

42 Visualizzare un immagine vettoriale Per visualizzare su una periferica raster (e.g., lo schermo) una scena descritta in modo vettoriale, e necessario creare in memoria video il raster che la contiene Processo di rendering Per ogni pixel logico (cella di memoria video), devo decidere un colore, calcolato sulla base della descrizione vettoriale di tutti gli oggetti contenuti in un immagine Image(1024,768,white) Rect(30,30,100,200,black) Circle(100,40,30,red) 83 Rendering in memoria video sulloschermo Rapp. Vettoriale j 255, 255, 255 Image(1024,768,white) Rect(30,30,100,200,black) Circle(100,40,30,red) j+1 255, 255, 255 j+2 0,0,0 in memoria video Se ci sono molti oggetti, è necessario fare molti conti per stabilire il colore di ogni singolo pixel 84

43 Rasterizzazione In generale, trasformazione di un immagine vettoriale in un raster Ad esempio, salvataggio in un formato di tipo raster (e.g., BMP) di un immagine memorizzata in un formato vettoriale (e.g., CDR) E (grossomodo) la stessa operazione che viene fatta in memoria video per visualizzare l immagine vettoriale 85 Vettorializzazione Processo estremamente complesso, realizzabile solo con programmi avanzati, e per casi molto semplici. Si tratta di analizzare un raster con l obiettivo di riconoscere contorni di forme descrivibili in modo matematico. Esempio: riconoscimento di caratteri scritti a mano (OCR) A 86

44 Modificare un immagine vettoriale Un immagine vettoriale può essere ingrandita o rimpicciolita senza perdita di qualità. Si tratta solo di manipolare equazioni, il che può essere fatto con precisione. formato WMF (Windows Metafile, vettoriale) scale 400% formato BMP (bitmap, raster) scale 400% 87

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

vrebbe apparire uguale o molto simile

vrebbe apparire uguale o molto simile Colore I fondamenti della gestione digitale Di Mauro Boscarol Fotocamere, monitor e stampanti non interpretano in modo univoco le informazioni cromatiche di un immagine. Per ottenere una corrispondenza

Dettagli

12 famiglie e tipi di file (estensioni più comuni)

12 famiglie e tipi di file (estensioni più comuni) 12 famiglie e tipi di file (estensioni più comuni) Ogni file è caratterizzato da un proprio nome e da una estensione, in genere tre lettere precedute da un punto; ad esempio:.est Vi sono tuttavia anche

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

SCEGLIERE UNO SCANNER

SCEGLIERE UNO SCANNER Tecnologie informatiche SCEGLIERE UNO SCANNER Con l utilizzo di uno scanner si può digitalizzare un documento in formato cartaceo, rendendolo così disponibile in formato elettronico. In questo approfondimento

Dettagli

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale !"$#%!" #% Nella prima lezione... Definizione di Informatica Cosa è una soluzione algoritmica Esempi di algoritmi cicalese@dia.unisa.it 2 Prima parte: Società dell informazione Ma cosa vuol dire società

Dettagli

per Scanner Serie 4800/2400

per Scanner Serie 4800/2400 Agosto, 2003 Guida d installazione e guida utente per Scanner Serie 4800/2400 Copyright 2003 Visioneer. Tutti i diritti riservati. La protezione reclamata per il copyright include tutte le forme, gli aspetti

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

1.3c: Font BITMAP e Font SCALABILI

1.3c: Font BITMAP e Font SCALABILI Prof. Alberto Postiglione Dipartimento di Scienze della Comunicazione Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Salerno : Font BITMAP e Font SCALABILI Informatica Generale (Corso di Studio

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Sistemi digitali per l ufficio sempre più efficienti e facili da usare Ottenere massima efficienza ed elevata professionalità, pur mantenendo

Dettagli

Fondamenti di Informatica 300 ed oltre esercizi di teoria

Fondamenti di Informatica 300 ed oltre esercizi di teoria Fondamenti di Informatica 300 ed oltre esercizi di teoria Fulvio Corno Antonio Lioy Politecnico di Torino Dip. di Automatica e Informatica v. 4.02 01/09/2009 Indice 1 Introduzione 2 1.1 Nota metodologica........................................

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Famiglie di font. roman ( normale ) corsivo o italic grassetto o bold grassetto corsivo o bold italic

Famiglie di font. roman ( normale ) corsivo o italic grassetto o bold grassetto corsivo o bold italic Famiglie di font Nella maggior parte dei casi, un font appartiene a una famiglia I font della stessa famiglia hanno lo stesso stile grafico, ma presentano varianti Le varianti più comuni sono: roman (

Dettagli

Compilazione con WinEdt

Compilazione con WinEdt Luciano Battaia Sommario Guida rapida ed elementare ai diversi modi di compilazione di un file L A TEX, usando WinEdt, con alcune indicazioni di base sui formati immagine supportati. Gli output standard

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

KV-S5055C. Innovativo meccanismo di alimentazione fogli. Scanner documenti a colori

KV-S5055C. Innovativo meccanismo di alimentazione fogli. Scanner documenti a colori Scanner documenti a colori KV-S5055C - Rilevamento documenti pinzati - Rilevamento ad ultrasuoni foglio doppio - Eccellente meccanismo del rullo. Inserimento documenti misti. Modalità carta lunga. 90 ppm

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Kingston Technology Programma di personalizzazione DataTraveler

Kingston Technology Programma di personalizzazione DataTraveler Kingston Technology Programma di personalizzazione DataTraveler KINGSTON.COM/US/USB/CUSTOMIZATION Inviare il modulo compilato al nostro responsabile vendite, via fax o email. Lato A: Logo Kingston Lato

Dettagli

Dal menù a tendina File, scegliere l opzione Open

Dal menù a tendina File, scegliere l opzione Open IMPORTAZIONE DA AUTOCAD A ILLUSTRATOR Dal menù a tendina File, scegliere l opzione Open Impostare come Tipo file Autocad drawing.dwg L importazione di file.dwg permette di definire la scala di rappresentazione

Dettagli

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame.

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. 1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. (a) Da quanti bit è costituito l indirizzo logico? (b) Da quanti bit

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

Introduzione agli oscilloscopi

Introduzione agli oscilloscopi o s c i l l o s c o p i Indice Introduzione...3 Integrità del segnale Significato dell integrità del segnale..................................4 Perché l integrità del segnale è un problema?...........................4

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

SPECIFICHE DISEGNI TECNICI

SPECIFICHE DISEGNI TECNICI SPECIFICHE DISEGNI TECNICI ISTRUZIONI DI LAVORO IO_SUP02_R1 Cod. file: IO_02_R1-Specifiche tecniche.docx Pagina 1 di 9 INDICE 1. GENERALITA 2. DENOMINAZIONE DISEGNI TECNICI 3. LAYER, LINEE, COLORI E SPESSORI

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

IMMAGIN-AZIONE. Come scegliere le immagini per il proprio sito web / blog, slide show, ipertesto multimediale,

IMMAGIN-AZIONE. Come scegliere le immagini per il proprio sito web / blog, slide show, ipertesto multimediale, IMMAGIN-AZIONE Come scegliere le immagini per il proprio sito web / blog, slide show, ipertesto multimediale, di Vincenzo Pasquali* Il laboratorio del liutaio (Olycom S.p.A.) 1. LE IMMAGINI SUL WEB Tutti

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei L OSCILLOSCOPIO L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei circuiti elettronici. Nel suo uso abituale esso ci consente di vedere le forme d onda

Dettagli

1 Stampanti HP Deskjet 6500 series

1 Stampanti HP Deskjet 6500 series 1 Stampanti HP Deskjet 6500 series Per trovare la risposta a una domanda, fare clic su uno dei seguenti argomenti: HP Deskjet 6540-50 series Avvisi Funzioni speciali Introduzione Collegamento alla stampante

Dettagli

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni ADOBE READER XI Guida ed esercitazioni Guida di Reader Il contenuto di alcuni dei collegamenti potrebbe essere disponibile solo in inglese. Compilare moduli Il modulo è compilabile? Compilare moduli interattivi

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

Tecnologie e metodi stampa su tessuti e supporti rigidi

Tecnologie e metodi stampa su tessuti e supporti rigidi Tecnologie e metodi stampa su tessuti e supporti rigidi Guida di orientamento tra le tecnologie e le problematiche nel mondo della stampa su tessuti e supporti rigidi Sviluppo crescita cambiamento Il lavoro

Dettagli

ELEMENTI DI GRAFICA IN AMBIENTE DEV-PASCAL v. 9.2

ELEMENTI DI GRAFICA IN AMBIENTE DEV-PASCAL v. 9.2 ELEMENTI DI GRAFICA IN AMBIENTE DEV-PASCAL v. 9.2 MODULI GRAPH, DOS E CRT Una volta entrati in ambiente DEV-Pascal possiamo cominciare ad editare un programma nel modo che conosciamo. Se dobbiamo far uso

Dettagli

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza?

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Con ALLIANCE Uvitec di Eppendorf Italia risparmi tempo e materiale di consumo, ottieni immagini quantificabili e ci guadagni anche in salute.

Dettagli

Stampante HP Color LaserJet serie CP1210

Stampante HP Color LaserJet serie CP1210 Stampante HP Color LaserJet serie CP1210 Guida dell'utente Copyright e licenza 2007 Copyright Hewlett-Packard Development Company, L.P. Sono vietati la riproduzione, l'adattamento e la traduzione senza

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Digital Photo Professional Ver. 3.11 Istruzioni

Digital Photo Professional Ver. 3.11 Istruzioni ITALIANO Software per elaborazione, visualizzazione e modifica d'immagini RAW Digital Photo Professional Ver.. Istruzioni Contenuto delle Istruzioni DPP è l'abbreviazione di Digital Photo Professional.

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Manuale tecnico avanzato per la Creazione dei Profili ICC e Device-Link tramite

Manuale tecnico avanzato per la Creazione dei Profili ICC e Device-Link tramite Manuale tecnico avanzato per la Creazione dei Profili ICC e Device-Link tramite 2 Indice Le caratteristiche di Power Profiler... 4 I vantaggi di Power Profiler.... 4 Lo standard ICC.... 5 Cosa sono i profili

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

Flops. Ad esempio nel caso del prodotto classico tra matrici, vengono eseguite 2*N 3 operazioni, quindi ad esempio:

Flops. Ad esempio nel caso del prodotto classico tra matrici, vengono eseguite 2*N 3 operazioni, quindi ad esempio: Flops FLOPS e' un'abbreviazione di Floating Point Operations Per Second e indica il numero di operazioni in virgola mobile eseguite in un secondo dalla CPU. (Top500 e il BlueGene) Ad esempio nel caso del

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico Illuminotecnica Introduzione al calcolo illuminotecnico 1 Illuminotecnica La radiazione luminosa Con il termine luce si intende l insieme delle onde elettromagnetiche percepibili dall occhio umano. Le

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Altre opzioni Optralmage

Altre opzioni Optralmage di Personalizzazione delle impostazioni............ 2 Impostazione manuale delle informazioni sul fax......... 5 Creazione di destinazioni fax permanenti................ 7 Modifica delle impostazioni di

Dettagli

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK LA TUA POSTA IN UN CLICK Clicca&Posta è una soluzione software per la gestione della

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Manuale d Uso. Ref: 04061

Manuale d Uso. Ref: 04061 Manuale d Uso Ref: 04061 1 Grazie per aver acquistato il lettore digitale ENERGY SISTEM INNGENIO 2000. Questo manuale fornisce istruzioni operative dettagliate e spiegazioni delle funzioni per godere al

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Controllo industriale SE-609

Controllo industriale SE-609 Controllo industriale SE-609 Controllo e visualizzazione uniti come soluzione per l automazione con comandi mediante touch Controlli industriali all avanguardia per impianti per il trattamento termico

Dettagli

Guida all'impostazione

Guida all'impostazione Guida all'impostazione dello scanner di rete Guida introduttiva Definizione delle impostazioni dalla pagina Web Impostazione delle password Impostazioni di base per la scansione di rete Impostazioni del

Dettagli

Codifica dei numeri negativi

Codifica dei numeri negativi E. Calabrese: Fondamenti di Informatica Rappresentazione numerica-1 Rappresentazione in complemento a 2 Codifica dei numeri negativi Per rappresentare numeri interi negativi si usa la cosiddetta rappresentazione

Dettagli

DECRETI PRESIDENZIALI

DECRETI PRESIDENZIALI DECRETI PRESIDENZIALI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013. Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi 3 e 5 -bis, 23-ter, comma

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

CAPITOLO 6 Colore e trasparenza

CAPITOLO 6 Colore e trasparenza 6 CAPITOLO 6 Colore e trasparenza... Fireworks offre un'ampia gamma di opzioni per la scelta dei colori di un grafico. Si possono usare i campioni di colore predefiniti per conservare quanto più possibile

Dettagli

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO Dipartimento di Ingegneria Civile Laura Magistrale in Ingegneria Civile per la Protezione dai Rischi Naturali A.A. 2014-2015 RELAZIONE DI FINE TIROCINIO INTRODUZIONE ALL'USO DEL SOFTWARE GIS UDIG Tirocinante:

Dettagli

Le novità di QuarkXPress 10

Le novità di QuarkXPress 10 Le novità di QuarkXPress 10 INDICE Indice Le novità di QuarkXPress 10...3 Motore grafico Xenon...4 Interfaccia utente moderna e ottimizzata...6 Potenziamento della produttività...7 Altre nuove funzionalità...10

Dettagli

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI Per aberrazione intendiamo qualsiasi differenza fra le caratteristiche ottiche di un oggetto e quelle della sua immagine, creata da un sistema ottico. In altre parole, ogni

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Guida pratica di base

Guida pratica di base Adolfo Catelli Guida pratica di base Windows XP Professional Dicembre 2008 Sommario Accedere a Windows XP 4 Avviare Windows XP 4 Uscire da Windows XP 5 L interfaccia utente di Windows XP 6 Il desktop di

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1 LATCH E FLIPFLOP. I latch ed i flipflop sono gli elementi fondamentali per la realizzazione di sistemi sequenziali. In entrambi i circuiti la temporizzazione è affidata ad un opportuno segnale di cadenza

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Passaporti. della. Repubblica Italiana

Passaporti. della. Repubblica Italiana Passaporti della Repubblica Italiana Passaporti Elettronici I nuovi passaporti elettronici italiani rappresentano un documento di nuova generazione conforme alle norme ICAO e alla risoluzione dell Unione

Dettagli

Setup e installazione

Setup e installazione Setup e installazione 2 Prima di muovere i primi passi con Blender e avventurarci nel vasto mondo della computer grafica, dobbiamo assicurarci di disporre di due cose: un computer e Blender. 6 Capitolo

Dettagli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli ITCG C. CATTANEO via Matilde di Canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (Reggio Emilia) Costruzione del grafico di una funzione con Microsoft Excel Supponiamo di aver costruito la tabella riportata in figura

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi.

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Guida all uso Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Legenda Singolo = Fax o SMS da inviare ad un singolo destinatario Multiplo = Fax o SMS da inviare a tanti destinatari

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE > MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE WorkNC V21 multicore 64 bits : Benefici di WorkNC Aumento generale della produttività, grazie alle nuove tecnologie multi-core, 64 bit e Windows 7 Calcolo di

Dettagli

Per risparmiare tempo, finanze e risorse digitalizzando i documenti cartacei. Presentazione della soluzione

Per risparmiare tempo, finanze e risorse digitalizzando i documenti cartacei. Presentazione della soluzione Scheda Software HP Digital Sending (DSS) 5.0 Per risparmiare tempo, finanze e risorse digitalizzando i documenti cartacei Presentazione della soluzione Rendendo più fluida la gestione di documenti e dati,

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Progetto Didattico di Informatica Multimediale

Progetto Didattico di Informatica Multimediale Progetto Didattico di Informatica Multimediale VRAI - Vision, Robotics and Artificial Intelligence 20 aprile 2015 Rev. 18+ Introduzione Le videocamere di riconoscimento sono strumenti sempre più utilizzati

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale RUOLO DELLA MODELLAZIONE GEOMETRICA E LIVELLI DI MODELLAZIONE PARTE 2 Prof. Caterina Rizzi... IN QUESTA LEZIONE Modelli 2D/3D Modelli 3D/3D Dimensione delle primitive di modellazione Dimensione dell oggettoy

Dettagli

8. Il radar ad apertura sintetica

8. Il radar ad apertura sintetica 8. Il radar ad apertura sintetica Il radar ad apertura sintetica (SAR Synthetic Aperture Radar) è stato sviluppato a partire dal 1951 in seguito alle osservazioni effettuate da Carl Wiley della Goodyear

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli