La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale"

Transcript

1 La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale Le iniziative della Regione Emilia- Romagna per l housing sociale Bologna 15 novembre 2012 Caterina Brancaleoni Nucleo di valutazione e verifica investimenti pubblici Regione Emilia-Romagna 1 Il quadro di contesto Si sono acuiti i fenomeni di tensione abitativa per l accesso alle case in affitto, derivanti da molteplici cause, tra cui la crisi economicofinanziaria del periodo , Considerevole aumento degli sfratti; E aumentato il numero della popolazione immigrata e di lavoratori che necessitano di stabilirsi temporaneamente nelle città della Regione; Il quadro demografico regionale: progressivo invecchiamento dei cittadini, incremento di anziani soli, costante riduzione della composizione dei nuclei familiari anche alla luce del forte incremento di persone che vivono sole 2 1

2 Politiche per la casa e coesione sociale La casa è un fattore di leva sociale e di sicurezza. Socialità come bene collettivo FARE COMUNITÀ Le politiche per la casa della Regione mirano a qualificare e allargare la disponibilità di case di proprietà pubblica. Un demanio pubblico è strumento di equità sociale e di contributo alla costruzione della comunità regionale 3 Integrare servizi per la socialità e l inclusione (a favore della popolazione anziana, giovani coppie, lavoratori precari, famiglie con bambini, disabili, popolazione immigrata ecc..) La strategia_1 Attenzione all uso del territorio, promuovere sistemi di qualità territoriale attraverso leve urbanistiche. e Incentivare la qualità edilizia delle costruzioni/recupero, attraverso l adozione di tecniche costruttive e di ristrutturazione all avanguardia per favorire il risparmio energetico e l efficientamento dei consumi (riducendo tra l altro l incidenza dei costi delle utenze) Consolidare e incrementare il patrimonio pubblico attraverso la realizzazione di alloggi ERP/ERS (secondo gli obiettivi di qualità di cui sopra) 4 2

3 La strategia_2 Favorire la costruzione di strumenti finanziari anche per l accesso ai fondi del piano casa nazionale. Affiancare gli EELL nella predisposizione dei materiali informativi e conoscitivi utili a identificare gli strumenti attuativi più adeguati se si intendono attivare rapporti pubblico/privato (PPP, Fondi immobiliari chiusi ecc.) 5 La filiera dell abitare: le politiche Target/profilo utenti Politiche pubbliche Utenti in grado di accedere al libero mercato fascia di bisogno temporaneo Fasce di bisogno sociale Regole pubbliche (urbanistica, qualità edilizia, politiche energetiche) Mercato regolato a finalità sociale: ERS, meccanismi di garanzia a supporto dell incontro di domanda e offerta (es.:garanzie per i proprietari), intervento pubblico a favore del patrimonio abitativo, Housing sociale, ecc.. ERP, intervento pubblico a favore del patrimonio abitativo,aggiornamento normativo su funzioni richieste gestori di beni pubblici, ruolo ACER, aumentare qualità edifici per diminuire consumi 6 3

4 Politiche per la casa: un approccio integrato Piano Territoriale Regionale: mette in primo piano il tema della coesione sociale e le politiche per la casa Politiche multidimensionali, concorrono all obiettivo della coesione sociale, territoriale ed economica Connessione tra politiche per la casa, politiche per la qualificazione urbana, politiche per l integrazione e l inclusione. 7 Politiche per la casa: un approccio integrato LR 6/2009 GOVERNO E RIQUALIFICAZIONE SOLIDALE DEL TERRITORIO Art. A-6-ter Misure per l'attuazione degli interventi di edilizia residenziale sociale Al fine di concorrere alla realizzazione del fabbisogno complessivo di alloggi di edilizia residenziale sociale, nel caso di nuovi insediamenti residenziali, si prevede la cessione al Comune, a titolo gratuito di una quota di aree definita dal POC, pari al 20 per cento delle aree destinate a nuove costruzioni C.7 Il Comune può realizzare, anche con la modalità della finanza di progetto, interventi di edilizia residenziale sociale. C. 8 Il Comune, allo scopo di promuovere la realizzazione degli interventi di edilizia residenziale sociale con il concorso di operatori privati, può conferire agli stessi, in diritto di superficie, le aree acquisite ai sensi del comma 1, quale concorso per la realizzazione dei medesimi interventi, secondo criteri di concorrenzialità e trasparenza 8 4

5 Politiche per la casa: un approccio integrato Un indirizzo di livello nazionale 133/2008 Piano nazionale di edilizia abitativa sostiene l Edilizia Privata Sociale (EPS) attraverso un Sistema Integrato di Fondi 2009 Fondazioni bancarie della regione, Regione Emilia- Romagna promuovono la realizzazione di uno studio di fattibilità per avviare un fondo immobiliare chiuso di rilevanza regionale (Sinloc e ERVET) 12 luglio 2010 sottoscrizione protocollo di intenti tra alcune Fondazioni bancarie della regione Emilia Romagna e RER per promuovere l attivazione di un fondo immobiliare chiuso per l Housing sociale, definendo obiettivi, priorità e metodo di lavoro 9 Disciplina della partecipazione della Regione Emilia-Romagna ai fondi immobiliari chiusi per il sostegno all edilizia residenziale sociale Motivazioni La Regione Emilia-Romagna ritiene funzionale integrare le proprie politiche sulla casa sostenendo la costituzione di fondi immobiliari chiusi per la realizzazione di alloggi di edilizia residenziale sociale nel territorio regionale 10 5

6 Art. 1 n attuazione di quanto previsto dal piano nazionale di edilizia abitativa, e nell'ambito delle politiche della Regione Emilia-Romagna per la casa, la presente legge disciplina la partecipazione della Regione ai fondi immobiliari chiusi il cui Regolamento comprende alla sezione Politiche di gestione prioritariamente l'incremento dell'offerta di alloggi di edilizia residenziale sociale e di ogni altra tipologia di alloggi accessibili dagli utenti a condizioni più favorevoli di quelle di mercato Art. 2 Finalità 1. La presente legge ha lo scopo di: a) ampliare la gamma degli strumenti per l'attuazione delle politiche per la casa attraverso il ricorso a strumenti finanziari innovativi; b) concorrere a creare le condizioni per incrementare i flussi finanziari destinati ad investimenti finalizzati ad accrescere l'offerta di alloggi di edilizia residenziale sociale; c) favorire lo sviluppo di forme di collaborazione e di partenariato pubblico-privato massimizzando gli effetti sociali della partecipazione di soggetti pubblici ai fondi immobiliari chiusi; d) fornire agli enti locali misure di sostegno per la verifica tecnica delle ipotesi di programmi di edilizia residenziale sociale di cui alla presente legge. 6

7 13 Art. 3 Partecipazione ai fondi 1. La Regione è autorizzata a sottoscrivere quote di fondi immobiliari chiusi attraverso: a) conferimento in danaro; b) apporti di beni immobili. 2. I fondi immobiliari chiusi ai quali partecipa la Regione devono: a) essere istituiti da una Società di Gestione del Risparmio (SGR) e, se previsto dalla normativa vigente, autorizzati dalla stessa Banca d'italia, nonché avere incaricato l'advisor tecnico; b) assicurare l'impiego di somme almeno pari alle risorse da essa conferite esclusivamente per la realizzazione di interventi nel territorio regionale; c) prevedere forme di partecipazione della Regione stessa alla definizione delle strategie di investimento; d) contemplare nelle proprie "Politiche di gestione" la realizzazione di alloggi di edilizia residenziale sociale ai sensi della normativa nazionale e regionale. Art.3 comma 2 La selezione dei fondi immobiliari chiusi ai quali la Regione partecipa avviene mediante procedura ad evidenza pubblica considerando, in particolare, i seguenti elementi di valutazione: a) la quota del valore complessivo del fondo riservata ad investimenti in attività immobiliare; b) la quota dell'investimento immobiliare destinata all'edilizia residenziale sociale e ad altre tipologie di alloggi accessibili agli utenti a condizioni più favorevoli di quelle di mercato; c) il rendimento atteso sul valore complessivo del fondo; d) il rendimento atteso e il profilo di rischio delle diverse classi di quote del fondo, qualora il suo capitale sia suddiviso in tali classi; e) i canoni di locazione applicati agli alloggi di edilizia residenziale sociale e alle altre tipologie di alloggi accessibili dagli utenti a condizioni più favorevoli di quelle di mercato; f) i canoni di locazione applicati ai restanti alloggi di edilizia residenziale; g) la durata del fondo; h) le regole di liquidazione del fondo; i) le regole di governo e di gestione del fondo 14 7

8 Art 3 4. I fondi immobiliari chiusi cui la Regione partecipa devono impegnarsi a indirizzare la propria attività nel territorio regionale tenendo conto delle esigenze connesse: a) al contenimento del consumo di territorio, privilegiando interventi di recupero e di riqualificazione urbana, oltre all'utilizzo del patrimonio immobiliare invenduto; b) all'applicazione, migliorativa rispetto a quanto prescritto dalla normativa vigente, di tecnologie e di tecniche costruttive a basso consumo di energia e a basso impatto ambientale, nonché al ricorso a fonti energetiche rinnovabili; c) all'ampia diffusione sul territorio regionale degli interventi. 5. I fondi immobiliari chiusi cui la Regione partecipa devono altresì trasmettere alla Giunta regionale una relazione annuale sulle attività svolte relativamente all'edilizia residenziale sociale nella regione. La relazione viene poi trasmessa dalla Giunta alla Commissione assembleare competente Art. 4 La Regione fornisce, a richiesta degli enti locali, assistenza tecnica in ordine agli aspetti normativi, legali, urbanistici, ambientali, contrattuali ed economicofinanziari attinenti ai programmi di investimento oggetto delle attività dei fondi immobiliari chiusi partecipati dalla Regione stessa. 2. A tal fine la Regione può: a) avvalersi delle proprie strutture tecnicoamministrative; b) avvalersi di competenze professionali esterne, anche con la sottoscrizione di apposite convenzioni con Università ed enti ed istituti di ricerca, altri centri di studio e assistenza agli Enti locali in materie di finanza locale costituiti da comuni e province; c) erogare contributi per l'acquisizione di assistenza tecnica da parte degli enti locali. 8

9 In attesa dei fondi immobiliari.. Programma di edilizia residenziale sociale 2010 La Regione si propone di realizzare alloggi di edilizia convenzionata-agevolata da concedere: in locazione o in godimento permanente; in locazione o godimento a termine di lungo periodo, non inferiore a 25 anni; in locazione o godimento a termine di medio periodo, anche con proprietà differita, non inferiore a 10 anni; Nel bando del 2011 sono stati erogati contributi per 60 milioni di euro per realizzare 685 alloggi In attesa dei fondi immobiliari.. Una casa alle giovani coppie ed altri nuclei familiari La Regione si propone di soddisfare celermente a condizioni più agevoli di quelle di mercato, la domanda di servizi abitativi di particolari categorie di cittadini che non dispongono dell'ammontare necessario per accedere alla proprietà della prima casa. L'obiettivo è favorire particolari categorie di cittadini nell'acquisto della prima casa con patto di futura vendita, dopo un periodo di locazione o assegnazione in godimento di massimo di 4 anni a canoni migliori di quello di mercato. Il prezzo viene determinato al momento della sottoscrizione del contratto di locazione o dell'atto di assegnazione in godimento con proprietà differita. L'importo del contributo regionale per alloggio è di ,00 euro, elevato a ,00 per i soggetti residenti nei Comuni della Regione interessati dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio

10 GRAZIE PER L ATTENZIONE Per ulteriori informazioni: (T) (F) 19 10

NOTA TECNICA SUL PIANO CASA

NOTA TECNICA SUL PIANO CASA NOTA TECNICA SUL PIANO CASA L art. 11 della legge 133/08 ha inteso rilanciare un Piano Casa per realizzare un offerta di alloggi in proprietà e in locazione prima casa nelle aree di bisogno abitativo,

Dettagli

Gli esiti del sondaggio sull Housing Sociale nel territorio bassanese Bassano del Grappa, 17 aprile 2015

Gli esiti del sondaggio sull Housing Sociale nel territorio bassanese Bassano del Grappa, 17 aprile 2015 Gli esiti del sondaggio sull Housing Sociale nel territorio bassanese Bassano del Grappa, 17 aprile 2015 Opportunità socioeconomica per rilanciare il settore edile, il mercato immobiliare e quello degli

Dettagli

SOCIAL HOUSING E FONDI IMMOBILIARI

SOCIAL HOUSING E FONDI IMMOBILIARI SOCIAL HOUSING E FONDI IMMOBILIARI Milano, 26 Novembre 2010 L intervento pubblico: principi di intervento Nel contesto odierno l intervento pubblico deve essere finalizzato a : Individuare soluzioni per

Dettagli

Veneto Casa. Storia e prospettive future 19/11/2012. Fondo di Investimento Immobiliare Etico per l Housing Sociale.

Veneto Casa. Storia e prospettive future 19/11/2012. Fondo di Investimento Immobiliare Etico per l Housing Sociale. 19/11/2012 Veneto Casa Fondo di Investimento Immobiliare Etico per l Housing Sociale Storia e prospettive future 15 Novembre 2012 I.I. BENI Beni STABILI Stabili Gestioni GESTIONI S.P.A S.P.A. SGR - SGR

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 400 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Promozione del progetto per la costituzione del Fondo di Housing Sociale Trentino

Dettagli

Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale

Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale IL FONDO INVESTIMENTI PER L ABITARE NEL SISTEMA INTEGRATO DI FONDI Stefano Brancaccio febbraio 2011 Il contesto di riferimento Con

Dettagli

Dal Saggio Il gestore sociale quale garante della sostenibilità negli interventi di Housing Sociale

Dal Saggio Il gestore sociale quale garante della sostenibilità negli interventi di Housing Sociale Dal Saggio Il gestore sociale quale garante della sostenibilità negli interventi di Housing Sociale Maria Luisa Del Gatto Dipartimento BEST, Politecnico di Milano Giordana Ferri Fondazione Housing Sociale

Dettagli

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA NOTA ANCAb SUL PIANO CASA Il Piano Casa del Governo, istituito dall art. 11 della legge n 133 del 2008, rivolto all incremento del patrimonio immobiliare ad uso abitativo attraverso l offerta di abitazioni

Dettagli

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi F/01_FASCICOLO 1_DESCRIZIONE DELLA RICERCA Indice 1. La ricerca 2. Gli obiettivi

Dettagli

3. SOCIALE. 3.3 Politiche abitative

3. SOCIALE. 3.3 Politiche abitative 3. SOCIALE 3.3 Politiche abitative INDICE Inquadramento strategico..................... pag. 65 Risorse impiegate........................ pag. 66-67 I progetti innovativi....................... pag. 68-69

Dettagli

PATTO PER LA CASA. Azioni realizzate e prospettive di sviluppo. Giugno 2012

PATTO PER LA CASA. Azioni realizzate e prospettive di sviluppo. Giugno 2012 PATTO PER LA CASA Azioni realizzate e prospettive di sviluppo Giugno 2012 OBIETTIVI Rilanciare l impegno pubblico attraverso una progettualita innovativa qualificata e sostenibile per rispondere concretamente

Dettagli

Piano nazionale di edilizia abitativa

Piano nazionale di edilizia abitativa ALLEGATO Piano nazionale di edilizia abitativa Art. 1 (Linee d intervento) 1. Il piano è articolato in sei linee di intervento, di seguito indicate: a) costituzione di un sistema integrato nazionale e

Dettagli

Decreto legge per l emergenza abitativa presentato dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi

Decreto legge per l emergenza abitativa presentato dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi Decreto legge per l emergenza abitativa presentato dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi Roma, 12 marzo 2014 1 miliardo e 741 milioni per Sostegno all affitto a canone concordato

Dettagli

UN PIANO NAZIONALE PER L'EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA, LA QUALITÀ URBANA E L'OCCUPAZIONE

UN PIANO NAZIONALE PER L'EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA, LA QUALITÀ URBANA E L'OCCUPAZIONE UN PIANO NAZIONALE PER L'EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA, LA QUALITÀ URBANA E L'OCCUPAZIONE 1. Investire sulla città per uno sviluppo urbano inclusivo e sostenibile Negli ultimi 20 anni, malgrado il lungo

Dettagli

L Attività di CDP Investimenti Sgr e del Fondo Investimenti per l Abitare

L Attività di CDP Investimenti Sgr e del Fondo Investimenti per l Abitare CREDITO AL CREDITO: IL MERCATO DEL CREDITO TRA SVILUPPO ECONOMICO ED EQUITÀ SOCIALE L Attività di CDP Investimenti Sgr e del Fondo Investimenti per l Abitare ABI Palazzo Altieri Roma, 24 novembre 2010

Dettagli

Dall edilizia residenziale pubblica al social housing

Dall edilizia residenziale pubblica al social housing Dall edilizia residenziale pubblica al social housing **** Fondi Immobiliari e Housing Sociale FORUM PA 2010 Roma, 20 maggio 2010 1 Premessa Per Social Housing, si intende l insieme delle iniziative e

Dettagli

Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale IL FONDO INVESTIMENTI PER L ABITARE NEL SISTEMA INTEGRATO DI FONDI

Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale IL FONDO INVESTIMENTI PER L ABITARE NEL SISTEMA INTEGRATO DI FONDI Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale IL FONDO INVESTIMENTI PER L ABITARE NEL SISTEMA INTEGRATO DI FONDI Stefano Marchettini Marzo 2011 Contenuti del documento Il mercato

Dettagli

Art. 41 (Immobili uso abitativo)

Art. 41 (Immobili uso abitativo) Articolo 41 (Incremento del patrimonio immobiliare destinato alla locazione di edilizia abitativa) Per incrementare il patrimonio immobiliare destinato alla locazione di edilizia abitativa, con particolare

Dettagli

ABITARE C O M U N E D I V I C E N Z A S E T T O R E S E R V I Z I A B I T A T I V I

ABITARE C O M U N E D I V I C E N Z A S E T T O R E S E R V I Z I A B I T A T I V I C O M U N E D I V I C E N Z A S E T T O R E S E R V I Z I A B I T A T I V I ABITARE IL PUNTO SULL ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI E GLI INTERVENTI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA PER GLI ANNI 2007-2009 ABITARE

Dettagli

SOMMARIO. Il Piano Nazionale di Edilizia Abitativa: a che punto è la sua attuazione? Il SIFI Sistema Integrato di Fondi Immobiliari

SOMMARIO. Il Piano Nazionale di Edilizia Abitativa: a che punto è la sua attuazione? Il SIFI Sistema Integrato di Fondi Immobiliari SOMMARIO Il Piano Nazionale di Edilizia Abitativa: a che punto è la sua attuazione? Il SIFI Sistema Integrato di Fondi Immobiliari Il Piano Coordinato Altre iniziative Accade in ITALIA: rassegna case studies

Dettagli

Misure urgenti per la riduzione del disagio abitativo. Istituzione delle commissioni territoriali per il contrasto del disagio abitativo

Misure urgenti per la riduzione del disagio abitativo. Istituzione delle commissioni territoriali per il contrasto del disagio abitativo ALLEGATO A Misure urgenti per la riduzione del disagio abitativo. Istituzione delle commissioni territoriali per il contrasto del disagio abitativo MODALITÀ ATTUATIVE E INDIRIZZI OPERATIVI La Regione,

Dettagli

Fondo Investimenti per l Abitare

Fondo Investimenti per l Abitare Fondo Investimenti per l Abitare Stato di avanzamento Incontro DSC Roma, 18 gennaio 2014 Fondo Investimenti per l Abitare (FIA) Il FIA è stato istituto per realizzare interventi di Edilizia Privata Sociale

Dettagli

A tal fine concordano di sottoscrivere il presente protocollo così articolato: ART. 1 IMPEGNI DELLE PARTI SOTTOSCRITTRICI

A tal fine concordano di sottoscrivere il presente protocollo così articolato: ART. 1 IMPEGNI DELLE PARTI SOTTOSCRITTRICI PROTOCOLLO DI INTESA TRA TRIBUNALE DI RIMINI, PREFETTURA DI RIMINI, PROVINCIA DI RIMINI, COMUNI DELLA PROVINCIA DI RIMINI, ISTITUTI DI CREDITO, SINDACATI CGIL CISL UIL E ASSOCIAZIONI DELLA PROPRIETA RECANTE

Dettagli

ANALISI E PROSPETTIVE DELLA CRISI ABITATIVA A GENOVA

ANALISI E PROSPETTIVE DELLA CRISI ABITATIVA A GENOVA Convegno ANALISI E PROSPETTIVE DELLA CRISI ABITATIVA A GENOVA Genova 5 Marzo 2013 Salone di rappresentanza di Palazzo Tursi INDICE DEGLI ARGOMENTI Introduzione al problema della casa pagina 3 Dati edilizia

Dettagli

PROPOSTE PER GLI IMMOBILI OGGETTO DI PROCEDURE GIUDIZIALI O DI DISMISSIONE

PROPOSTE PER GLI IMMOBILI OGGETTO DI PROCEDURE GIUDIZIALI O DI DISMISSIONE HOUSING SOCIALE PROPOSTE PER GLI IMMOBILI OGGETTO DI PROCEDURE GIUDIZIALI O DI DISMISSIONE Ing. Vincenzo Di Nardo Vice Presidente Ance Roma, 18 febbraio 2015 La nuova definizione di housing sociale L art.1

Dettagli

DL 112 del 25 giugno 2008 Convertito con modificazione dalla. L. 133 del 6 agosto 2008

DL 112 del 25 giugno 2008 Convertito con modificazione dalla. L. 133 del 6 agosto 2008 DL 112 del 25 giugno 2008 Convertito con modificazione dalla L. 133 del 6 agosto 2008 (G.U. n. 195 del 21/8/08) Capo IV Casa e infrastrutture Art. 11. Piano Casa 1. Al fine di garantire su tutto il territorio

Dettagli

febbraio 2011 Il sistema dei Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale

febbraio 2011 Il sistema dei Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale Il Sistema Integrato dei Fondi immobiliari per l edilizia privata Sociale FONDI IMMOBILIARI E HOUSING SOCIALE Roberto Brustia CBA Studio Legale e Tributario febbraio 2011 Premessa Per Social Housing si

Dettagli

che il Comune assume la definizione di alloggio sociale così come previsto dal decreto ministeriale 22 aprile 2008 (G.U. 146 del 24.06.

che il Comune assume la definizione di alloggio sociale così come previsto dal decreto ministeriale 22 aprile 2008 (G.U. 146 del 24.06. CDP Investimenti SGR ACER REGGIO EMILIA Prot. n. 3293 AVVISO PER LA RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI D'INTERESSE PER LA POSSIBILE CESSIONE DI IMMOBILI O INTERVENTI DI EDILIZIA RESIDENZIALE SOCIALE AD UN FONDO

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 2128 del 10 novembre 2014 pag. 1/5

ALLEGATOA alla Dgr n. 2128 del 10 novembre 2014 pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2128 del 10 novembre 2014 pag. 1/5 Giunta Regionale AVVISO PER LA RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI D'INTERESSE PER LA POSSIBILE CESSIONE DI IMMOBILI O INTERVENTI

Dettagli

Formazione. Università degli Studi di Genova Facoltà di Economia e Commercio, ottobre 1993. Diploma di maturità classica, 51/60

Formazione. Università degli Studi di Genova Facoltà di Economia e Commercio, ottobre 1993. Diploma di maturità classica, 51/60 Marco Segni nato a Genova, il 16 gennaio 1970, residente in Genova Telefono: +39 010 5488440 (ufficio), +39 3386782539 (mobile) E-mail: segni@ireliguria.it Formazione Università degli Studi di Genova Facoltà

Dettagli

Codice europeo per la trasparenza degli investimenti sostenibili e responsabili - Eurosif

Codice europeo per la trasparenza degli investimenti sostenibili e responsabili - Eurosif Codice europeo per la trasparenza degli investimenti sostenibili e responsabili - Eurosif Prospetto di adesione dei fondi immobiliari Aristotele ed Erasmo gestiti da Fabrica Immobiliare SGR SpA Dati al

Dettagli

Le politiche abitative Quali politiche per quali contesti? Giulia Cordella Corso politica sociale 2014-2015 giulia.cordella@gmail.com Cosa sono Interventi che si muovono per assicurare agli individui e

Dettagli

Housing Sociale in Friuli Venezia Giulia

Housing Sociale in Friuli Venezia Giulia Fare clic per Housing Sociale in Friuli Venezia Giulia Relatore: Prof. Ing. Edino Valcovich Correlatore: Laureando: Introduzione Premessa Social Housing Housing Sociale Edilizia Residenziale Pubblica (ERP)

Dettagli

CONVEGNO CASA IMMIGRATI.

CONVEGNO CASA IMMIGRATI. CONVEGNO CASA IMMIGRATI. Percorsi possibili Il contesto attuale Nello studio sugli insediamenti degli immigrati nella nostra provincia, si deduce che è avvenuto in modo omogeneo nell intero territorio

Dettagli

Ordinanza n. 39 del 6 Agosto 2015

Ordinanza n. 39 del 6 Agosto 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 39 del 6 Agosto 2015 Integrazioni e modifiche

Dettagli

Una risposta alla questione abitativa a Roma: l abitare, non solo case. Conferenza stampa - 27 Aprile 2015

Una risposta alla questione abitativa a Roma: l abitare, non solo case. Conferenza stampa - 27 Aprile 2015 Una risposta alla questione abitativa a Roma: l abitare, non solo case Conferenza stampa - 27 Aprile 2015 Famiglie e abitazioni a Roma 1971 2001 2011 Popolazione 2.781.993 2.546.804 2.617.465 Anziani per

Dettagli

UNA NUOVA FISCALITÀ' PER LA GESTIONE DELL EDILIZIA RESIDENZIALE SOCIALE

UNA NUOVA FISCALITÀ' PER LA GESTIONE DELL EDILIZIA RESIDENZIALE SOCIALE Loris Zaffra, Presidente ALER Milano UNA NUOVA FISCALITÀ' PER LA GESTIONE DELL EDILIZIA RESIDENZIALE SOCIALE Proposta in materia di defiscalizzazione dell housing sociale. Premessa La scarsa quantità di

Dettagli

SOCIAL HOUSING: IL QUADRO NORMATIVO IL NUOVO ANNO INIZIA MALE

SOCIAL HOUSING: IL QUADRO NORMATIVO IL NUOVO ANNO INIZIA MALE SOCIAL HOUSING: IL QUADRO NORMATIVO IL NUOVO ANNO INIZIA MALE E il 3 gennaio 2012, quasi il primo giorno lavorativo del nuovo anno, quando arriva il comunicato della Corte dei Conti. Il Piano Casa non

Dettagli

Assessorato Casa, Housing sociale e Valorizzazione patrimonio

Assessorato Casa, Housing sociale e Valorizzazione patrimonio Area Pianificazione urbana, Tutela ambientale e Casa Assessorato Casa, Housing sociale e Valorizzazione patrimonio Servizio Housing sociale e Piani di Zona Servizio Patrimonio ed Inventari Servizio Casa

Dettagli

Attività di CDP Investimenti Sgr nell edilizia sociale. Torino, 4 Febbraio 2010

Attività di CDP Investimenti Sgr nell edilizia sociale. Torino, 4 Febbraio 2010 Attività di CDP Investimenti Sgr nell edilizia sociale Torino, 4 Febbraio 2010 Premessa Nel febbraio 2009 Cassa Depositi e Presiti Spa (CDP), ACRI ed ABI hanno costituito CDP Investimenti Sgr S.p.A. (CDPI

Dettagli

CASA INTEGRA - BOCCALEONE UN OPPORTUNITÀ ABITATIVA TRA LA CITTÀ E IL QUARTIERE

CASA INTEGRA - BOCCALEONE UN OPPORTUNITÀ ABITATIVA TRA LA CITTÀ E IL QUARTIERE CASA INTEGRA - BOCCALEONE UN OPPORTUNITÀ ABITATIVA TRA LA CITTÀ E IL QUARTIERE AVVISO PUBBLICO PER LA RACCOLTA DI CANDIDATURE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE MODERATO E CON PATTO DI

Dettagli

NEL MEZZO DEL CAMMIN : IL SOCIAL HOUSING, A CHE PUNTO SIAMO? Angela Airoldi

NEL MEZZO DEL CAMMIN : IL SOCIAL HOUSING, A CHE PUNTO SIAMO? Angela Airoldi NEL MEZZO DEL CAMMIN : IL SOCIAL HOUSING, A CHE PUNTO SIAMO? Angela Airoldi Responsabile Area Economia Urbana e Immobiliare CERTeT Università L. Bocconi Ricercatore senior Gruppo CLAS 8 giugno 2011, fieramilano

Dettagli

Una Nuova Politica degli Affitti: Le Proposte dei Comuni. Considerazioni

Una Nuova Politica degli Affitti: Le Proposte dei Comuni. Considerazioni Una Nuova Politica degli Affitti: Le Proposte dei Comuni Considerazioni Il Mercato della Casa in Italia tra proprietari di casa e famiglie in affitto In Italia la percentuale di proprietari di case è molto

Dettagli

Ruolo delle Fondazioni di origine bancaria nei programmi di housing sociale. Padova, Palazzo Moroni, 22 febbraio 2011

Ruolo delle Fondazioni di origine bancaria nei programmi di housing sociale. Padova, Palazzo Moroni, 22 febbraio 2011 Ruolo delle Fondazioni di origine bancaria nei programmi di housing sociale Padova, Palazzo Moroni, 22 febbraio 2011 COS È LA FONDAZIONE La Fondazione ha come scopo la promozione dello sviluppo sociale

Dettagli

Art. 2 - Condizioni di alienabilità degli alloggi e destinazione dei relativi proventi

Art. 2 - Condizioni di alienabilità degli alloggi e destinazione dei relativi proventi ALLEGATO A Proposta di legge Alienazione degli immobili di edilizia residenziale pubblica finalizzata alla razionalizzazione e valorizzazione del patrimonio di edilizia residenziale pubblica (ERP) Sommario

Dettagli

Relazione introduttiva

Relazione introduttiva Convegno AZIENDE CASA & HOUSING SOCIALE Roma, 11 novembre 2009 Nazionale Hotel & Conference Center Sala Capranichetta, Piazza Montecitorio, 131 Relazione introduttiva Luciano Cecchi, Presidente di Federcasa

Dettagli

Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011

Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011 Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011 PROTOCOLLO D INTESA PROMOSSO DALLA PREFETTURA DI BOLOGNA TRA TRIBUNALE DI BOLOGNA, REGIONE EMILIA-ROMAGNA, PROVINCIA DI BOLOGNA, COMUNI DELLA PROVINCIA

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. 1 agosto 2014

CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. 1 agosto 2014 Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2014 03604/104 Area Edilizia Residenziale Pubblica Servizio Convenzioni e Contratti MP 1/C CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA per la promozione dell'utilizzo del contratto di locazione a canone concordato nel territorio del Comune di Rimini

PROTOCOLLO D INTESA per la promozione dell'utilizzo del contratto di locazione a canone concordato nel territorio del Comune di Rimini Allegato A) delibera G.C. n. 13 del 27.01.2015 PROTOCOLLO D INTESA per la promozione dell'utilizzo del contratto di locazione a canone concordato nel territorio del Comune di Rimini Il giorno del mese

Dettagli

REGIONE EMILIA ROMAGNA LEGISLATURA

REGIONE EMILIA ROMAGNA LEGISLATURA REGIONE EMILIA ROMAGNA LEGISLATURA VIII Al presidente dell Assemblea Legislativa Progetto di legge di iniziativa del Consigliere Leonardo Masella avente ad oggetto: "Norme dirette a favorire l inserimento

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 915/2012 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 02 del mese di luglio dell' anno 2012 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori: via

Dettagli

VIVERE VICINI IN VIA VOLTRI AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE SOCIALE NEL COMUNE DI MILANO VIA VOLTRI

VIVERE VICINI IN VIA VOLTRI AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE SOCIALE NEL COMUNE DI MILANO VIA VOLTRI VIVERE VICINI IN VIA VOLTRI AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE SOCIALE NEL COMUNE DI MILANO VIA VOLTRI Ai sensi della Convenzione tra Comune di Milano e Pessina Costruzioni S.P.A.

Dettagli

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Decreto Casa.

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Decreto Casa. Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Ministero delle Infrastrutture Decreto Casa. SOSTEGNO ALL AFFITTO 200 MILIONI DI EURO AL FONDO AFFITTO Ai 100 milioni

Dettagli

AAA GIOVANE PRECARIO CERCA CASA

AAA GIOVANE PRECARIO CERCA CASA AAA GIOVANE PRECARIO CERCA CASA RICERCA SULL EMERGENZA ABITATIVA A TORINO TORINO, 10 MARZO 2011 1 Ogni individuo ha il diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il benessere proprio

Dettagli

30 gennaio 2013. Il Dg Marco Sangiorgio alla Conferenza stampa di presentazione del bando per l assegnazione di 98 appartamenti Parma Social House

30 gennaio 2013. Il Dg Marco Sangiorgio alla Conferenza stampa di presentazione del bando per l assegnazione di 98 appartamenti Parma Social House Dossier Stampa a cura dell Ufficio stampa 30 gennaio 2013 Il Dg Marco Sangiorgio alla Conferenza stampa di presentazione del bando per l assegnazione di 98 appartamenti Parma Social House Parma, Residenza

Dettagli

Social Housing: residenzialità integrata e collaborativa tra pubblico e privato

Social Housing: residenzialità integrata e collaborativa tra pubblico e privato Social Housing: residenzialità integrata e collaborativa tra pubblico e privato 17.XII.2014 Obiettivo del seminario Fornire primi elementi per valutare interventi contenenti alloggi sociali I temi della

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART.

BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART. BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART. 1 Finanziamento 1. Al finanziamento degli interventi di edilizia

Dettagli

PIANO DEGLI INDICATORI DI AREA

PIANO DEGLI INDICATORI DI AREA Allegato alla Delib.G.R. n. 6/10 del 14.2.2014 PIANO DEGLI INDICATORI DI Quadro normativo: Delib.G.R. n. 34/15 del 2011 PREMESSA Punto di partenza per l elaborazione del sistema di indicatori sono la mission

Dettagli

Sommario: Proponiamo l esperienza della Fondazione Casa Amica di Bergamo, impegnata dal 1993 nel settore del social housing,

Sommario: Proponiamo l esperienza della Fondazione Casa Amica di Bergamo, impegnata dal 1993 nel settore del social housing, Casa e abitare come politica sociale. L esperienza di CasaAmica. Intervista a Giovanni Chiesa, fondatore e direttore di CasaAmica di Bergamo A cura di Marina Bettoni Sommario: Proponiamo l esperienza della

Dettagli

DAR nasce nel 1991 per dare risposta a una domanda crescente di casa da parte della popolazione immigrata.

DAR nasce nel 1991 per dare risposta a una domanda crescente di casa da parte della popolazione immigrata. DAR=CASA Master in housing sociale e collaborativo 6 giugno 2014 Maria Chiara Cela Chiara Soletta Sara Travaglini DAR=CASA Società Cooperativa www.darcasa.org La nostra mission Dare una risposta concreta

Dettagli

SOCIAL HOUSING: Quadro interpretativo dei metodi e delle esperienze in Italia Torino, 17 maggio 2007

SOCIAL HOUSING: Quadro interpretativo dei metodi e delle esperienze in Italia Torino, 17 maggio 2007 SOCIAL HOUSING: Quadro interpretativo dei metodi e delle esperienze in Italia Torino, 17 maggio 2007 Franco Prizzon Luisa Ingaramo Marco Bagnasacco SOCIAL HOUSING HOUSING Una prima definizione (derivata

Dettagli

FIA - Fondo Investimenti per l Abitare. Made Expo 2015. Milano, 20 Marzo 2015. Strettamente Riservato e Confidenziale

FIA - Fondo Investimenti per l Abitare. Made Expo 2015. Milano, 20 Marzo 2015. Strettamente Riservato e Confidenziale FIA - Fondo Investimenti per l Abitare Made Expo 2015 Milano, 20 Marzo 2015 Strettamente Riservato e Confidenziale 1 Il Fondo Investimenti per l Abitare in sintesi Il Fondo Investimenti per l Abitare («FIA»):

Dettagli

Il problema casa. La situazione a Trieste LA SITUAZIONE ABITATIVA NEL COMUNE DI TRIESTE

Il problema casa. La situazione a Trieste LA SITUAZIONE ABITATIVA NEL COMUNE DI TRIESTE LA SITUAZIONE ABITATIVA NEL COMUNE DI TRIESTE Il problema casa Da parecchi anni in Italia si registra un forte squilibrio tra la crescita dei valori immobiliari e quella dei redditi da lavoro dipendente

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE DI BENEFICIARI PER ALLOGGI DA ASSEGNARE IN LOCAZIONE

AVVISO DI SELEZIONE DI BENEFICIARI PER ALLOGGI DA ASSEGNARE IN LOCAZIONE AVVISO DI SELEZIONE DI BENEFICIARI PER ALLOGGI DA ASSEGNARE IN LOCAZIONE BENI STABILI GESTIONI S.P.A. S.G.R. FONDO VENETO CASA - SOCIETÀ PROPRIETARIA - ENERGIE SOCIALI ONLUS COOPERATIVA SOCIALE - GESTORE

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE MODIFICA DELL'ART. 14 DELLA CONVENZIONE RELATIVA ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA COSTRUTTIVO, CON CRITERI BIO ED ECOSOSTENIBILI, LOCALIZZATO AI SENSI DELL'ART. 51 DELLA LEGGE N. 865/71 IN LOCALITA' BELLOCCHI

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Premesso che:

PROTOCOLLO D INTESA. Premesso che: PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROGRAMMAZIONE DI INTERVENTI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA E ADOZIONE DI MISURE URGENTI PER FRONTEGGIARE L EMERGENZA ABITATIVA NELLA CITTÀ DI BARLETTA. Tra la Regione Puglia,

Dettagli

Fondo Housing Toscano

Fondo Housing Toscano Fondo Housing Toscano HOUSING SOCIALE_ Definizione Nuova offerta di alloggi e servizi con forte connotazione sociale per coloro che non riescono a soddisfare il proprio bisogno abitativo sul mercato per

Dettagli

Programma casa Housing sociale

Programma casa Housing sociale Segnalazioni Direzione Programmazione Strategica, Politiche Territoriali ed Edilizia giugno 2014 Programma casa Housing sociale LEGGE 23 maggio 2014, n. 80 Conversione in legge, con modificazioni, del

Dettagli

COMUNE DI SARONNO Servizi Sociali

COMUNE DI SARONNO Servizi Sociali COMUNE DI SARONNO Servizi Sociali Progetto Lo.ca.re. : Locazione a canone responsabile, concordato e garantito PREMESSA. Il Comune di Saronno è stato da tempo classificato tra quelli ad Alta tensione abitativa

Dettagli

COMUNE DI ALEZIO (Le)

COMUNE DI ALEZIO (Le) COMUNE DI ALEZIO (Le) Via S. Pancrazio - Tel. 0833/ 281020 - Fax 0833/ 282340 BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE SEMPLICE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA CHE SI RENDERANNO DISPONIBILI

Dettagli

Scheda informativa sulle condizioni generali per l accesso e le prestazioni erogate MILANO ABITARE AGENZIA SOCIALE PER LA LOCAZIONE

Scheda informativa sulle condizioni generali per l accesso e le prestazioni erogate MILANO ABITARE AGENZIA SOCIALE PER LA LOCAZIONE Scheda informativa sulle condizioni generali per l accesso e le prestazioni erogate da MILANO ABITARE AGENZIA SOCIALE PER LA LOCAZIONE Milano, 25 MAGGIO 2015 1. L AGENZIA SOCIALE PER LA LOCAZIONE 1.1.

Dettagli

Evoluzione del mercato immobiliare: fondi immobiliari per l'housing sociale

Evoluzione del mercato immobiliare: fondi immobiliari per l'housing sociale Evoluzione del mercato immobiliare: fondi immobiliari per l'housing sociale 17 Ottobre 2012 Giacomo Morri, Topic Leader Real Estate BAA, Docente SDA Bocconi Paola Delmonte, Dirigente CDP Investimenti SGR,

Dettagli

Art. 1. (Finalità) Art. 2. (Integrazione dell'offerta turistica)

Art. 1. (Finalità) Art. 2. (Integrazione dell'offerta turistica) 1 di 5 05/01/2009 22.14 Legge regionale 8 luglio 1999, n. 18. (Testo coordinato) Interventi regionali a sostegno dell'offerta turistica. (B.U. 14 luglio 1999, n. 28) Modificata da l.r. 20/2000, l.r. 22/2002,

Dettagli

L ESPERIENZA IN CORSO

L ESPERIENZA IN CORSO ATER PESCARA: una nuova politica per lo stock edilizio al sud Arch. Alfredo D Ercole Direttore A.T.E.R. Pescara PREMESSA Negli ultimi anni la questione casa è tornata nuovamente al centro del dibattito

Dettagli

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO dopo il TERREMOTO IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO Assicurare la ricostruzione di case e imprese secondo tempi certi e procedure snelle, garantendo

Dettagli

INDICE ART. 1 OGGETTO E FINALITA DELL INIZIATIVA ART. 2 MODALITA E CRITERI PER IL REPERIMENTO DEGLI ALLOGGI

INDICE ART. 1 OGGETTO E FINALITA DELL INIZIATIVA ART. 2 MODALITA E CRITERI PER IL REPERIMENTO DEGLI ALLOGGI REGOLAMENTO DELLE LOCAZIONI STIPULATE DAL COMUNE CON I PRIVATI PER LA SUBLOCAZIONE TEMPORANEA A FAVORE DI CITTADINI IN STATO DI EMERGENZA ABITATIVA, DI BISOGNO O DI EMARGINAZIONE SOCIALE INDICE ART. 1

Dettagli

Gestione del contratto di locazione immobili

Gestione del contratto di locazione immobili DATA EMISSIONE 04/10/2006 1^ REVISIONE 18/04/2007 2^ REVISIONE 09/06/2008 3^ REVISIONE APPROVAZIONE Responsabile Servizio Rapporti Utenza AUTORIZZAZIONE Direttore Generale Visto Responsabile Operativo

Dettagli

Politiche Abitative Report Gennaio 2014

Politiche Abitative Report Gennaio 2014 U. O. Ufficio Casa Politiche Abitative Report Gennaio 2014 Analisi del contesto socio economico Il disagio abitativo è una problematica rispetto alla quale si impone la necessità di avere una visione d'insieme

Dettagli

REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013. I servizi per l infanzia. Roma 27 ottobre 2011

REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013. I servizi per l infanzia. Roma 27 ottobre 2011 REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013 Politiche nel campo dell inclusione sociale I servizi per l infanzia Roma 27 ottobre 2011 1 LE PRIORITA DEL WELFARE PUGLIESE Rimettere le persone al centro delle politiche

Dettagli

LA GUIDA NEL SITO. Prefabbricazione: intervista a Giovanni Plizzari, presidente del Cte, l associazione dei tecnici specializzati

LA GUIDA NEL SITO. Prefabbricazione: intervista a Giovanni Plizzari, presidente del Cte, l associazione dei tecnici specializzati EDILIZIA n 19 E TERRITORIO 2010 3 SOMMARIO www.ediliziaterritorio.ilsole24ore.com LA GUIDA EDILIZIA PRIVATA SOCIALE PAGINA 6 Dalle norme al rischio gestione: una bussola per orientarsi nel Sistema Fondi

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

Allegato1 FUNZIONIGRAMMA DELL ENTE

Allegato1 FUNZIONIGRAMMA DELL ENTE Allegato1 FUNZIONIGRAMMA DELL ENTE 1.1 - SEGRETARIO GENERALE SEGRETARIO GENERALE - Partecipazione con funzioni consultive, referenti e di assistenza alle riunioni di Consiglio e Giunta - Segreteria Giunta

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/066/CR08/C4

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/066/CR08/C4 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/066/CR08/C4 DOCUMENTO SULLE POLITICHE ABITATIVE Il presente documento costituisce un primo risultato delle riflessioni avviate dalle Regioni e rappresenta

Dettagli

DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE - DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ABITATIVE

DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE - DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ABITATIVE DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE - DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ABITATIVE Linee guida agli Enti territoriali ai fini dell attuazione del Piano nazionale di

Dettagli

comune di montevarchi - provincia di arezzo approvazione Del.C.C. n.44 del 27.04.2011 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

comune di montevarchi - provincia di arezzo approvazione Del.C.C. n.44 del 27.04.2011 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE comune di montevarchi - provincia di arezzo approvazione Del.C.C. n.44 del 27.04.2011 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI BENEFICI DA APPLICARE AGLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

1. INQUADRAMENTO GENERALE

1. INQUADRAMENTO GENERALE INDICE 0. PREMESSA 1 1. INQUADRAMENTO GENERALE 1 1.1. Dati statistici 2 1.2. La legge 9 dicembre 1998, n. 431 (riforma delle locazioni) 3 1.3. La legge 8 febbraio 2007, n. 9 4 1.4 Il Fondo Nazionale di

Dettagli

COD. PRATICA: 2012-001-51. Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 112 DEL 06/02/2012

COD. PRATICA: 2012-001-51. Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 112 DEL 06/02/2012 Regione Umbria Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 112 DEL 06/02/2012 OGGETTO: D.Lgs. 192/2005 - Art. 6 Certificazione energetica degli edifici, commi 2-ter e 2-quater. Contratti e

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA DELLA DIREZIONE REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE PRESSO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE - P E R U G I A PARTE PRIMA.

REPUBBLICA ITALIANA DELLA DIREZIONE REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE PRESSO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE - P E R U G I A PARTE PRIMA. Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 44 del 10 ottobre 2012 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

REGOLAMENTO Per la disciplina della mobilità degli assegnatari negli alloggi E.R.P. ai sensi dell art. 28 della L.R. 8 Agosto 2001, n.

REGOLAMENTO Per la disciplina della mobilità degli assegnatari negli alloggi E.R.P. ai sensi dell art. 28 della L.R. 8 Agosto 2001, n. REGOLAMENTO Per la disciplina della mobilità degli assegnatari negli alloggi E.R.P. ai sensi dell art. 28 della L.R. 8 Agosto 2001, n. 24 Delibera di Consiglio n 61 del 12/10/2011 * * * PREMESSE: I comuni

Dettagli

Livio Cassoli Responsabile Investimenti CDP Investimenti SGR S.p.A. Bologna, 15 Novembre 2012

Livio Cassoli Responsabile Investimenti CDP Investimenti SGR S.p.A. Bologna, 15 Novembre 2012 Il Fondo Investimenti per l Abitare gestito da CDP Investimenti Sgr I criteri seguiti per verificare l ammissibilità delle proposte di investimento nei fondi immobiliari locali Livio Cassoli Responsabile

Dettagli

Finint ha incaricato quale soggetto che fungerà da Gestore Sociale la Società Consortile C.A.S.A. FVG (di seguito Gestore Sociale )

Finint ha incaricato quale soggetto che fungerà da Gestore Sociale la Società Consortile C.A.S.A. FVG (di seguito Gestore Sociale ) AVVISO PER LA RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE A SPORTELLO Alloggi in locazione nel sito AbitaPordenone Non solo una casa Viale Grigoletti 92-94/A - Pordenone PREMESSA Il Fondo Immobiliare Housing

Dettagli

Il Comune di Rosignano Marittimo

Il Comune di Rosignano Marittimo OGGETTO: AVVISO PUBBLICO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE A LOCARE A CANONE SOSTENIBILE, PER ALMENO 15 ANNI, FABBRICATI RESIDENZIALI ESISTENTI, FABBRICATI DA REALIZZARE SU AREE EDIFICABILI O FABBRICATI

Dettagli

Preambolo ART. 1. O G G E T T O

Preambolo ART. 1. O G G E T T O REGIONE: EMILIA ROMAGNA LEGGE REGIONALE 8 APRILE 1994, n.15 (G.U. n. 025 SERIE SPECIALE N. 3 del 25/06/1994 - BU n. 032 del 11/04/1994) RIORGANIZZAZIONE DELLA MOBILITÀ URBANA E MIGLIORAMENTO DELLA ACCESSIBILITÀ

Dettagli

PROGETTO EMERGENZA CASA

PROGETTO EMERGENZA CASA Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo 24 febbraio 2015 PROGETTO EMERGENZA CASA Nelle tre precedenti edizioni del progetto (EmergenzaCasa 1-2-3) sono stati stipulati 1.200 patti di solidarietà all interno

Dettagli

Fermo 25 gennaio 2013 Fabio Travagliati Regione Marche Funzionario P.F. Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE

Fermo 25 gennaio 2013 Fabio Travagliati Regione Marche Funzionario P.F. Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE Fermo 25 gennaio 2013 Fabio Travagliati Regione Marche Funzionario P.F. Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE MARCHE IL CENTRO STORICO - Verso un nuovo modello di sviluppo integrato del

Dettagli

Novità normative a sostegno del mercato delle locazioni

Novità normative a sostegno del mercato delle locazioni Novità normative a sostegno del mercato delle locazioni Francesco Calabria Milano, 24 Febbraio 2015 2015 Resta e Associati All rights reserved Il «doppio mercato» delle locazioni 1) Locazioni abitative

Dettagli

Bandi 2015 SERVIZI ALLA PERSONA. Housing sociale per persone fragili

Bandi 2015 SERVIZI ALLA PERSONA. Housing sociale per persone fragili Bandi 2015 SERVIZI ALLA PERSONA Housing sociale per persone fragili BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Housing sociale per persone fragili Il problema La casa e l abitare sono

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. Cernusco sul Naviglio

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. Cernusco sul Naviglio Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano 74 Cernusco sul Naviglio Cernusco sul Naviglio Cernusco sul Naviglio 75 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della

Dettagli

PUC3 PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO (D.G.R. N. 281 DEL 03/04/2013, art.4) Avviso pubblico

PUC3 PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO (D.G.R. N. 281 DEL 03/04/2013, art.4) Avviso pubblico PUC3 PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO (D.G.R. N. 281 DEL 03/04/2013, art.4) 1. Generalità Avviso pubblico La regione dell Umbria, con DGR 7 aprile 2013, n. 281, ha approvato l avviso per la presentazione

Dettagli