DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA."

Transcript

1 DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. MC2 Impresa è un Fondo Comune d Investimento Mobiliare chiuso e riservato (ex testo unico D.Lgs 58/98) costituito per iniziativa di Aureo Gestioni S.G.R. p.a., la società di gestione del risparmio del gruppo ICCREA, e del del, che sarà l advisor del fondo. Lo scopo del Fondo MC2 Impresa, che è destinato ad investitori qualificati, è l acquisizione di partecipazioni in società non quotate con l obiettivo di dismetterle solo nel medio-lungo periodo. L ammontare del patrimonio del Fondo è di 25 milioni di Euro, mentre la durata è di 10 anni, con la possibilità di una proroga (massimo 3 anni) per il completamento del programma di smobilizzo degli investimenti. Il Fondo investe prevalentemente in società di capitale operanti nell area del Nord Est, nel settore industriale, commerciale, dei servizi e del turismo, caratterizzate da buoni margini operativi ed interessanti prospettive di sviluppo, da un posizionamento competitivo ben definito e da una guida imprenditoriale valida e propensa all ingresso di investitori esterni. Oltre agli investimenti a supporto delle fasi di sviluppo dell attività dell impresa, il Fondo è destinato ad investimenti strutturati come operazioni di leva finanziaria (management o leveraged buyout/in). Il carattere distintivo del fondo MC2 Impresa rispetto ad analoghe iniziative destinate alla medesima area geografica è il fatto che il mercato target individuato è quello delle imprese di piccole e medie dimensioni con volumi di fatturato tra i 5 e i 50 milioni di Euro, anche se non è esclusa la possibilità di intervenire su aziende di dimensioni maggiori. Sotto il profilo territoriale è superfluo sottolineare che l area geografica individuata è caratterizzata dalla presenza di opportunità di investimento interessanti, che vengono trascurate dagli investitori a causa della loro ridotta dimensione. La difficoltà di valutazione ed i costi correlati all investimento nel capitale delle imprese di piccole dimensioni, infatti, fanno si che un numero consistente di potenziali operazioni di piccole dimensioni sia oggetto di razionamento. La scelta dell area del Nord Est dell Italia è anche correlata al fatto che il del, che svolgerà il ruolo di advisor del Fondo, opera sul territorio da molti anni direttamente. 1

2 STRATEGIE D INVESTIMENTO Il fondo MC 2 Impresa è destinato alle piccole e medie imprese ubicate prevalentemente nell area del Nord Est dell Italia, operanti nel settore industriale, commerciale, dei servizi e del turismo. Considerata la dimensione delle imprese target, è prevista la possibilità di investire in strumenti finanziari non quotati rappresentati da azioni, da obbligazioni convertibili, ma anche in quote di società a responsabilità limitata ed in quote di società cooperative a responsabilità limitata. Le partecipazioni saranno prevalentemente di minoranza, ma non è esclusa la possibilità di assumere partecipazioni di controllo. Per quanto concerne la tipologia di investimento, il segmento di operazioni a cui è destinato il Fondo è quello dell expansion financing, relativo cioè alle fasi di espansione e sviluppo dell impresa; non sono escluse le operazioni di start up, destinate al sostegno di imprese nello stadio iniziale di attività, che, tuttavia, verranno prese in considerazione se sussistono i presupposti e le condizioni che garantiscano il buon esito dell iniziativa. La selezione delle opportunità di investimento sarà effettuata in base a criteri dimensionali, alla tipologia delle operazioni ed alla collocazione geografica dell impresa, ma la condizione indispensabile di qualsiasi intervento sarà la valutazione dell azienda sotto il profilo qualitativo. Il Fondo infatti investirà in aziende caratterizzate da una gestione positiva, con buoni margini operativi, con una buona capacità di crescita ed una posizione solida nel mercato di riferimento. E esclusa la possibilità di intervenire a favore di imprese in crisi. Per quanto concerne le modalità di liquidazione è stata esclusa l ipotesi della quotazione del Fondo in quanto, considerata la tipologia di sottoscrittori e l entità della quota minima di investimento, è ragionevole ipotizzare che l investimento nel Fondo sarà di tipo non speculativo e che quindi i sottoscrittori saranno disposti a tenere le quote in portafoglio fino alla scadenza. Il processo di disinvestimento delle partecipazioni, che dovrebbe essere delineato nei patti parasociali all atto della definizione della trattativa, potrà essere realizzato in diversi modi: - la cessione attraverso trattativa privata, che può essere rivolta a nuovi soci (industriali o finanziari), ad un altro investitore istituzionale o può avvenire tramite la fusione con altre società; - la cessione della partecipazione al socio di maggioranza o al management della partecipata; - la quotazione nei mercati del segmento equity organizzati e gestiti da Borsa Italiana Spa. 2

3 MONITORAGGIO DELLE PARTECIPAZIONI Il monitoraggio delle partecipazioni sarà svolto dalla SGR, avvalendosi dell assistenza dell advisor. Per consentire un costante controllo della situazione delle società partecipate è previsto che le stesse forniscano alla SGR: - un aggiornamento periodico (cadenza trimestrale) dei dati economici, finanziari e gestionali della società partecipata, ivi compresi i budget annuali e le previsioni di preconsuntivo; - le situazioni semestrali ed annuali. E inoltre prevista la possibilità, se giudicato opportuno, che la SGR nomini un rappresentante nel consiglio di amministrazione e/o nel collegio sindacale della società partecipata. 3

4 MERCATI REGOLAMENTATI ITALIANI AUTORIZZATI DALLA CONSOB Mercati gestiti da Borsa Italiana Spa, nel segmento dell equity: - Mercato telematico azionario (MTA) (mercato che corrisponde alla definizione di borsa di cui all art. 2 del regolamento CONSOB concernente la disciplina degli emittenti n del 14 maggio 1999 e successive modifiche, ai sensi del quale per borsa si intendono i mercati regolamentati, ovvero i relativi comparti, nei quali l ammissione a quotazione risponde alle condizioni fissate dalla direttiva 2001/34/CE.) - STAR (segmento dell MTA) - Segmento Titoli ad Alti Requisiti segmento dedicato a società con capitalizzazione inferiore a 800 milioni di Euro, che rispondono a specifici requisiti in termini di liquidità, trasparenza e corporate governance. - Blue chip (segmento dell MTA) segmento che comprende i titolo di società con capitalizzazione superiore a 800 milioni di Euro. - SBO segmento borsa ordinario (segmento dell MTA) segmento dedicato alle società con una capitalizzazione inferiore a 800 milioni di Euro che non appartengono al segmento STAR. - MTF (segmento dell MTA) Mercato Telematico Fondi segmento del mercato telematico azionario dove si negoziano: ETF (Exchange Traded Fund); Fondi chiusi Immobiliari; Fondi chiusi Mobiliari. - Mercato Expandi mercato dedicato alle piccole e medie imprese con posizioni consolidate nei mercati di riferimento che presentano un track record di risultati economico-finanziari positivo. - Nuovo Mercato mercato in cui si negoziano titoli di emittenti nazionali ed esteri con elevate prospettive di crescita (high growth companies). Dopo avere deciso la quotazione in Borsa, l impresa si trova di fronte alla scelta del mercato di quotazione a cui richiedere l ammissione. Le possibilità concretamente disponibili per una piccola media impresa italiana, nell attuale contesto mobiliare, sono costituite da: - la Borsa Italiana; - il Nuovo Mercato; - il Mercato Expandi; 4

5 Borsa Italiana A partire dal 2 aprile 2001, con l avvio dell operatività del segmento STAR, il Mercato Telematico Azionario è stato suddiviso, in base alla capitalizzazione degli strumenti negoziati, in tre segmenti: blue chip (azioni con capitalizzazione superiore a 800 milioni di Euro); STAR (azioni con capitalizzazione inferiore a 800 milioni di Euro, che presentano specifici requisiti); segmento di Borsa ordinario. Questo terzo segmento si suddivide in due classi: nella prima si negoziano la azioni ordinarie emesse da società con capitalizzazione inferiore a 800 milioni di Euro e prive dei requisiti di ammissione al segmento STAR, nella seconda si negoziano le azioni ordinarie appartenenti alla categoria dei titoli sottili, ossia dei titoli a limitata liquidità. La creazione del segmento del mercato azionario per le piccole e medie imprese STAR, offre specifici vantaggi sia alle società emittenti e sia agli intermediari e agli investitori. Infatti le prime possono assicurarsi la visibilità necessaria a reperire capitali e valorizzare il proprio titolo azionario, mentre i secondi possono operare in un segmento con elevati standard qualitativi, facilità di accesso alle informazioni e liquidità. Per essere ammesse a quotazione sul segmento STAR le aziende devono pertanto presentare specifici requisiti aggiuntivi rispetto a quelli richiesti per la quotazione sugli altri segmenti ed in particolare deve aderire ai principi di governance contenuti nel Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana. I principali elementi che gli investitori apprezzano nelle società in via di quotazione sono: la capacità di gestione del business, la redditività e le prospettive di crescita. Per un buon rapporto con il mercato, le società quotate devono dimostrare un track record di risultati economico-finanziari positivo, business plans ambiziosi ma realistici, trasparenza nella contabilità e nell assetto proprietario, qualità e motivazione del management, efficacia del sistema di controllo di gestione, adesione alle regole di corporate governance e sviluppare un attività di Investor Relations continuativa. 5

6 Nuovo Mercato Per la quotazione delle società italiane prive dei requisiti di ammissione sul mercato ufficiale, è stato istituito nel 1977 il Mercato Ristretto, trasformatosi oggi in Mercato Expandi. Tuttavia, questo mercato non soddisfa pienamente le esigenze di finanziamento delle società di piccole e medie dimensioni. E per questo motivo che nel novembre 1999 è nato il Nuovo Mercato, per le piccole e medie imprese con elevate aspettative di crescita (high growth companies). All interno del Nuovo Mercato, il settore TECHSTAR individua le società che soddisfano più alti requisiti di crescita sostenibile e di trasparenza. Il Nuovo Mercato è stato costituito al fine di creare un segmento borsistico per rispondere alle specifiche esigenze di finanziamento delle imprese operanti in settori molto dinamici, innovativi e ad alto potenziale di sviluppo. Si tratta di imprese che operano in settori ad alto sviluppo tecnologico oppure in settori tradizionali, ma che puntano sull innovatività dei processi e dei prodotti, società giovani (start-up) che necessitano di capitali per portare avanti i propri progetti di sviluppo oppure di società già quotate su altri mercati che desiderano allargare la propria base azionaria. Possono candidarsi al Nuovo Mercato società italiane o estere e società già quotate su altri mercati europei o extraeuropei. I requisiti di ammissione al Nuovo Mercato sono meno stringenti rispetto a quelli del listino principale e la procedura di quotazione è più semplice. Mercato Expandi Il Mercato Expandi accoglie in quotazione le piccole e medie imprese operanti in settori tradizionali con posizioni consolidate nei mercati di riferimento, che presentano track record di risultati economico-finanziari positivi. Con il mercato Expandi, gli emittenti di piccole e medie dimensioni possono trovare un ambiente di mercato diverso da quello di Borsa (STAR e Segmento di Borsa Ordinario) e Nuovo Mercato caratterizzato da requisiti di ammissione più semplici e da un processo di quotazione più agile. Il mercato Expandi consente la quotazione e la negoziazione di strumenti finanziari non ancora maturi per essere ammessi sulla Borsa ufficiale oppure legati a clausole particolari di prelazione e gradimento tali da non consentire il regolare svolgimento delle negoziazioni di Borsa (azioni delle banche popolari). Il regolamento e le Istruzioni dei Mercati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Spa stabiliscono i requisiti per l ammissione e la permanenza sull MTA e sono sinteticamente riportati di seguito. 6

7 MERCATO MTA BLUE CHIP Segmento ordinario STAR Requisiti emittenti Requisiti azioni Obblighi di informativa e trasparenza - Capacità di generare ricavi in condizioni di autonomia gestionale; - Pubblicazione e deposito degli ultimi 3 bilanci annuali; - Ultimo bilancio sottoposto a revisione contabile; - L attivo di bilancio o i ricavi dell emittente non devono essere rappresentati in misura preponderante dall investimento o dai risultati dell investimento in società quotata. Capitalizzazione di mercato superiore a 800 milioni Capitalizzazione di mercato pari ad almeno 20 mil. e inferiore a 800 mil. Capitalizzazione di mercato pari ad almeno 20 mil. e inferiore a 800 mil. Flottante minimo del 25% Flottante minimo 25% Flottante minimo: - nuove quotazioni 35% - passaggi da altri segmenti e permanenza 20% Obblighi di informativa secondo la normativa vigente: - informativa periodica (trimestrale, semestrale e annuale); - informativa price sensitive; - informativa sul pagamento dei dividendi; - informativa relativa alle operazioni straordinarie (aumenti di capitale sociale, fusioni, scissioni, ecc.); - comunicazione relativa alle variazioni del capitale sociale; - informativa sulle modifiche statutarie rilevanti. Obblighi aggiuntivi: - nomina di un investor relation manager; - pubblicazione sul proprio sito in italiano e in inglese dei dati di bilancio annuali, semestrali e trimestrali e di comunicati stampa; - pubblicazione delle relazioni trimestrali entro 45 giorni. 7

8 Requisiti di Corporate Governance - Adozione del Codice di Comportamento ai sensi del Regolamento di Borsa Italiana; - Adesione facoltativa al Codice di Autodisciplina, con obbligo di dichiarazione annuale sulla sua implementazione. - Nomina di un adeguato numero di amministratori non esecutivi e indipendenti nel CdA; - Nomina di un Comitato di Controllo Interno, composto da amministratori non esecutivi, la maggioranza dei quali indipendenti; - Remunerazione incentivante per il top manager. Operatori di mercato Nomina di uno Sponsor che accompagni la società in quotazione e la supporti per almeno 1 anno producendo analisi finanziarie e organizzando incontri con investitori. Obblighi aggiuntivi: - Nomina di uno Specialista che garantisca la liquidità del titolo, produca analisi finanziarie e organizzi incontri con investitori. 8

9 NUOVO MERCATO Requisiti emittenti - Capacità di generare ricavi in condizioni di autonomia gestionale; - Ultimo bilancio annuale o relazione semestrale, anche consolidato, corredato da un giudizio positivo della società di revisione; - Pubblicazione e deposito del bilancio dell ultimo anno; - Patrimonio netto contabile minimo 1,5 milioni di Euro; - L attivo di bilancio o i ricavi dell emittente non devono essere rappresentati in misura preponderante dall investimento o dai risultati dell investimento in società quotata. Requisiti azioni - Flottante minimo 20% del capitale - Offerta minima 5 milioni di Euro; - Numero azioni destinate alla quotazione non inferiore a ; - Impegno degli azionisti/imprenditori e manager della società, per un anno a partire dall avvio delle negoziazioni, a non compiere operazioni su quantitativi di azioni complessivamente pari all 80% del capitale della società (quota massima detenibile dalla compagine societaria, rispetto alla quota minima del 20% da diffondere presso il pubblico); Obblighi di informativa e trasparenza Obblighi di informativa secondo la normativa vigente: - informativa periodica (trimestrale, semestrale e annuale); - informativa price sensitive; - informativa sul pagamento dei dividendi; - informativa relativa alle operazioni straordinarie (aumenti di capitale sociale, fusioni, scissioni, ecc.); - comunicazione relativa alle variazioni del capitale sociale; - informativa sulle modifiche statutarie rilevanti. L emittente ha l obbligo di fornire alla Borsa tutte le informazioni che la stessa ritenga opportuno chiedere e può disporre che queste informazioni vengano rese pubbliche. 9

10 Requisiti di Corporate Governance Operatori di mercato - Adozione del Codice di Comportamento ai sensi del Regolamento di Borsa Italiana; - Adesione facoltativa al codice di Autodisciplina, con obbligo di dichiarazione annuale sulla sua implementazione; - Nomina di un adeguato numero di amministratori non esecutivi e indipendenti nel CdA; - Nomina di un Comitato di Controllo Interno, composto da amministratori non esecutivi, la maggioranza dei quali indipendenti; - Remunerazione incentivante per il top manager. - Nomina di uno Sponsor che accompagni la società in quotazione e la supporti producendo analisi finanziarie e organizzando incontri con investitori; - Nomina di uno Specialista che garantisca la liquidità del titolo e produca analisi finanziarie e organizzi incontri con investitori. 10

11 MERCATO EXPANDI Requisiti emittenti Requisiti economicofinanziari Requisiti azioni Obblighi di informativa e trasparenza Requisiti di Corporate Governance Operatori di mercato - Capacità di generare ricavi in condizioni di autonomia gestionale; - Pubblicazione e deposito di almeno due bilanci, di cui l ultimo certificato; - L attivo di bilancio o i ricavi dell emittente non devono essere rappresentati in misura preponderante dall investimento o dai risultati dell investimento in società quotata. Negli ultimi due esercizi la società deve presentare: - un risultato ordinario consolidato ed un risultato netto sia civilistico che consolidato positivo; - margine operativo lordo consolidato positivo e il rapporto tra il debito finanziario netto, in valore assoluto, e il margine operativo lordo sia inferiore o pari a 4; - il risultato netto dell ultimo esercizio deve essere pari ad almeno Euro. - Capitalizzazione di mercato prevedibile 1 milione di Euro; - Flottante minimo 10% del capitale - Offerta minima Euro; Obblighi di informativa secondo la normativa vigente: - informativa periodica (trimestrale, semestrale e annuale); - informativa price sensitive; - informativa sul pagamento dei dividendi; - informativa relativa alle operazioni straordinarie (aumenti di capitale sociale, fusioni, scissioni, ecc.); - comunicazione relativa alle variazioni del capitale sociale; - informativa sulle modifiche statutarie rilevanti. L emittente ha l obbligo di fornire alla Borsa tutte le informazioni che la stessa ritenga opportuno chiedere e può disporre che queste informazioni vengano rese pubbliche. - Adozione del Codice di Comportamento ai sensi del Regolamento di Borsa Italiana; - Adesione facoltativa al codice di Autodisciplina, con obbligo di dichiarazione annuale sulla sua implementazione; - Adozione e utilizzo di un sistema di controllo di gestione. - Nomina di un Listing Partner che accompagni la società in quotazione, curi il collocamento delle azioni e verifichi la sussistenza dei criteri di selezione introdotti da Borsa Italiana; - Nomina di uno Specialista per le negoziazioni (facoltativa). 11

Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio

Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio 1 Mercati e strumenti finanziari gestiti Dal 1998 Borsa Italiana SpA regolamenta, sviluppa e gestisce i mercati italiani azionari (MTA e Mercato Expandi), il mercato degli strumenti derivati (IDEM), il

Dettagli

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini 1 DECIDERE DI QUOTARSI LA DECISIONE DI QUOTARSI RAPPRESENTA UNA SCELTTA STRATEGICA

Dettagli

La finanza per la crescita delle imprese familiari: private equity, quotazione e Azioni Sviluppo. Confidenziale

La finanza per la crescita delle imprese familiari: private equity, quotazione e Azioni Sviluppo. Confidenziale La finanza per la crescita delle imprese familiari: private equity, quotazione e Azioni Sviluppo 0 Indice L apertura del capitale L ingresso di un Private Equity La quotazione Le Azioni Sviluppo 1 Le alternative

Dettagli

STAR: il SEGMENTO TITOLI CON ALTI REQUISITI UNA GRANDE OPPORTUNITA PER TUTTI GLI ATTORI DEL MERCATO I REQUISITI DELLE AZIENDE STAR

STAR: il SEGMENTO TITOLI CON ALTI REQUISITI UNA GRANDE OPPORTUNITA PER TUTTI GLI ATTORI DEL MERCATO I REQUISITI DELLE AZIENDE STAR 1. STAR: il SEGMENTO TITOLI CON ALTI REQUISITI 2. UNA GRANDE OPPORTUNITA PER TUTTI GLI ATTORI DEL MERCATO 3. I REQUISITI DELLE AZIENDE STAR 4. LA PROCEDURA DI AMMISSIONE E IL MONITORAGGIO 5. I SERVIZI

Dettagli

AIM Italia. La quotazione su AIM Italia come strumento per la crescita

AIM Italia. La quotazione su AIM Italia come strumento per la crescita AIM Italia La quotazione su AIM Italia come strumento per la crescita 5 novembre 2015 Cos è AIM Italia Mercato Alternativo del Capitale è il mercato di Borsa Italiana dedicato alle piccole e medie imprese

Dettagli

APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI

APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI B. Glossario sulla quotazione: i 50 termini più utilizzati Termine Aftermarket performance Best practice Blue chip Bookbuilding Capitalizzazione

Dettagli

Aspetti finanziari del passaggio generazionale

Aspetti finanziari del passaggio generazionale Seminario Il passaggio generazionale delle PMI. Come facilitare il passaggio delle imprese alle nuove generazioni Bari, dicembre 2002 Aspetti finanziari del passaggio generazionale A cura di Massimo Leone

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI PER LA CRESCITA DELLE PMI

STRUMENTI FINANZIARI PER LA CRESCITA DELLE PMI STRUMENTI FINANZIARI PER LA CRESCITA DELLE PMI dott. ssa Francesca Bianchi Responsabile Quotazioni Direzione Advisory & Corporate Finance -Banca Finnat Euramerica SpA Genova, 10 dicembre 2008 1 AGENDA

Dettagli

BORSA ITALIANA S.P.A. Ruolo, funzioni e caratteristiche

BORSA ITALIANA S.P.A. Ruolo, funzioni e caratteristiche BORSA ITALIANA S.P.A. Ruolo, funzioni e caratteristiche Concetti Generali Borsa Italiana S.p.a. è una società per azioni che si occupa dell organizzazione, della gestione e del funzionamento della Borsa

Dettagli

Guida dell azionista privato

Guida dell azionista privato Guida dell azionista privato 1 Il Gruppo Pirelli Pirelli è un gruppo con una grande tradizione industriale, fra i leader a livello mondiale in tutti i segmenti in cui opera. La nostra forza competitiva

Dettagli

I mercati finanziari sono luoghi,, non necessariamente fisici, in cui vengono scambiate le attività finanziarie.

I mercati finanziari sono luoghi,, non necessariamente fisici, in cui vengono scambiate le attività finanziarie. I mercati finanziari sono luoghi,, non necessariamente fisici, in cui vengono scambiate le attività finanziarie. Si possono fare diverse classificazioni dei mercati finanziari a seconda del parametro di

Dettagli

L informativa obbligatoria

L informativa obbligatoria Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB L informativa obbligatoria Anno Accademico 2009-2010 1 INFORMATIVA OBBLIGATORIA Il sistema

Dettagli

L offerta di Borsa Italiana per le PMI MERCATI REGOLAMENTATI

L offerta di Borsa Italiana per le PMI MERCATI REGOLAMENTATI L offerta di Borsa Italiana per le PMI 1 MERCATI REGOLAMENTATI Il processo di quotazione PREPARAZIONE DUE DILIGENCE ISTRUTTORIA COLLOCAMENTO Eventuale riorganizzazione società / gruppo Eventuali modifiche

Dettagli

Pietro Boni - Pietro Ghigini - Clara Robecchi. Telepass 4.2 - Istituti tecnici. Compensi agli amministratori: aspetto previdenziale

Pietro Boni - Pietro Ghigini - Clara Robecchi. Telepass 4.2 - Istituti tecnici. Compensi agli amministratori: aspetto previdenziale MODULO G Le società di persone MODULO H Le società di capitali e le cooperative LEZIONE 83 LEZIONE 88 LEZIONE 93 LEZIONE 107 L utile d esercizio e la sua destinazione pag. 14 Il trattamento fiscale delle

Dettagli

CORPORATE FINANCE. Consulenza di Investimento dal 1985

CORPORATE FINANCE. Consulenza di Investimento dal 1985 CORPORATE FINANCE Consulenza di Investimento dal 1985 ADB Analisi Dati Borsa SpA ADB - Analisi Dati Borsa SpA è una società di Consulenza in materia di Investimenti, fondata nel 1985 a Torino. Offre servizi

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Fondi Gestiti e Progetti Futuri

Fondi Gestiti e Progetti Futuri S.I.C.I. SGR S.p.A. Fondi Gestiti e Progetti Futuri Prato, 9 Maggio 2013 S.I.C.I. SGR S.p.A. La Società Sviluppo Imprese Centro Italia è la società di gestione del risparmio indipendente del sistema finanziario

Dettagli

2 aprile 2015: unica convocazione

2 aprile 2015: unica convocazione SPACE S.P.A. ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI AZIONISTI 2 aprile 2015: unica convocazione Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione sulle proposte concernenti le materie all ordine

Dettagli

AIM Italia. Il mercato per fare impresa

AIM Italia. Il mercato per fare impresa AIM Italia Il mercato per fare impresa AIM Italia L accesso al capitale è un elemento fondamentale per lo sviluppo di ogni impresa. Dedicato alle PMI che vogliono investire nella propria crescita Un mercato

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Prof. Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo alessandro.berti@uniurb.it Urbino, a.a.

Dettagli

PMI e mercato dei capitali:

PMI e mercato dei capitali: PMI e mercato dei capitali: Focus su AIM Italia e programma ELITE Barbara Lunghi Head of Mid & Small Caps - Primary Markets Borsa Italiana London Stock Exchange Group L offerta di Borsa Italiana per le

Dettagli

Il mondo del Private Equity

Il mondo del Private Equity Pietro Busnardo Il mondo del Private Equity Obiettivi e modalità di intervento Reggio Emilia, 11 marzo 2014 Cosa si intende per Private Equity Finanza Debito Equity Mercati Corporate Il Private Equity

Dettagli

Hedge funds, private equity e fondi immobiliari: strategie vincenti per portafogli decorrelati Milano, 12 aprile 2008

Hedge funds, private equity e fondi immobiliari: strategie vincenti per portafogli decorrelati Milano, 12 aprile 2008 Claudio Cacciamani Professore di Economia degli Intermediari Finanziari Università di Parma Hedge funds, private equity e fondi immobiliari: strategie vincenti per portafogli decorrelati Milano, 12 aprile

Dettagli

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa Intervista alla dottoressa Barbara Lunghi, responsabile Mercato Expandi di Borsa Italiana Il percorso di quotazione in borsa consente oggi, anche alle

Dettagli

AVVISO n.3791 09 Marzo 2007

AVVISO n.3791 09 Marzo 2007 AVVISO n.3791 09 Marzo 2007 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche al Regolamento dei Mercati e relative Istruzioni: Revisione dei requisiti per ottenere

Dettagli

LA SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO

LA SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO LA SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO Oggetto sociale, capitale e soci La SGR esercita, nell interesse dei sottoscrittori del Fondo (partecipanti) e nel rispetto delle vigenti disposizioni normative e regolamentari

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

1. Finalità della quotazione 2. Disciplina del Prospetto 3. I meccanismi di offerta 4. Segmentazione dei Mercati. 2004 Marco FUMAGALLI

1. Finalità della quotazione 2. Disciplina del Prospetto 3. I meccanismi di offerta 4. Segmentazione dei Mercati. 2004 Marco FUMAGALLI 1. Finalità della quotazione 2. Disciplina del Prospetto 3. I meccanismi di offerta 4. Segmentazione dei Mercati Perché quotarsi? Differenti possono essere gli obiettivi che la società e i suoi azionisti

Dettagli

ASSEMBLEA DEI SOCI 2014

ASSEMBLEA DEI SOCI 2014 Comunicato Stampa ASSEMBLEA DEI SOCI 2014 Approvato il bilancio dell esercizio 2013 di Atlantia S.p.A. Deliberata la distribuzione di un dividendo per l esercizio 2013 pari a complessivi euro 0,746 per

Dettagli

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana S.p.A. del 29 aprile 2005 e approvato dalla Consob con delibera n. 15101 del 5 luglio

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE Private Equity e Venture Capital Il private equity e il venture capital Anni 80 Con venture capital si definiva l apporto di capitale azionario, da parte di operatori

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO TERZO STRUTTURA DELLA BORSA VALORI ITALIANA Sommario: 1. I comparti della Borsa valori italiana. - 2. Il sistema telematico. - 3. MTA. - 4. Il mercato Expandi. - 5. Idem. - 6. IL sedex. - 7. Il

Dettagli

Corrispettivi di quotazione

Corrispettivi di quotazione Corrispettivi di quotazione In vigore dal 2 Aprile 2007 Indice Pagina 1. Azioni 1.1 Prima quotazione... 3 1.2 Corrispettivo semestrale... 4 2. Obbligazioni 2.1 Obbligazioni già quotate alla data del 1

Dettagli

IN VIGORE DALL 1 GENNAIO 2009. Corrispettivi di ammissione e quotazione

IN VIGORE DALL 1 GENNAIO 2009. Corrispettivi di ammissione e quotazione IN VIGORE DALL 1 GENNAIO 2009 Corrispettivi di ammissione e quotazione Indice Pagina 1. Azioni 1.1 Prima quotazione o ammissione... 3 1.2 Corrispettivo semestrale... 5 2. Obbligazioni 2.1 Obbligazioni

Dettagli

La quotazione sul MAC 9 Maggio 2008

La quotazione sul MAC 9 Maggio 2008 La quotazione sul MAC 9 Maggio 2008 Index La Tessitura Pontelambro 3 Dati finanziari 6 Strategia 9 La scelta del Mac 10 Offerta globale Struttura dell operazione 13 Il risultato 14 L esperienza sul MAC

Dettagli

Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana del 21 aprile 2008 e approvato dalla Consob con delibera n. 16502 del 4 giugno 2008

Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana del 21 aprile 2008 e approvato dalla Consob con delibera n. 16502 del 4 giugno 2008 REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI EGESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana del 21 aprile 2008 e approvato dalla Consob con delibera n. 16502 del 4 giugno 2008 (data

Dettagli

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana S.p.A. del 26 aprile 2007 e approvato dalla Consob con delibera n. 15996 del 26 giugno

Dettagli

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana S.p.A. del 26 aprile 2007 e approvato dalla Consob con delibera n. 15996 del 26 giugno

Dettagli

MEMORANDUM D INTESA. tra. Consob - Commissione Nazionale per le Società e la Borsa. ABI - Associazione Bancaria Italiana

MEMORANDUM D INTESA. tra. Consob - Commissione Nazionale per le Società e la Borsa. ABI - Associazione Bancaria Italiana MEMORANDUM D INTESA tra Consob - Commissione Nazionale per le Società e la Borsa ABI - Associazione Bancaria Italiana AIFI - Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital ASSIREVI - Associazione

Dettagli

Mercato Alternativo del Capitale e private equity

Mercato Alternativo del Capitale e private equity Confindustria Palermo Mercato Alternativo del Capitale e private equity interventi di AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Palermo, 15 novembre 2007 1 Presentazione di Vertis SGR e

Dettagli

La quotazione in borsa delle PMI: il progetto STAR Prof. Angelo Tantazzi

La quotazione in borsa delle PMI: il progetto STAR Prof. Angelo Tantazzi La quotazione in borsa delle PMI: il progetto STAR Prof. Angelo Tantazzi Presidente, Borsa Italiana S.p.A. Fiera del Levante Bari, 14 settembre 2000 La quotazione in borsa delle PMI: il progetto STAR Contenuti

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. Capitolo 7 La Borsa valori e le operazioni in titoli Sommario 1. I servizi e le attività di investimento e gli strumenti finanziari. - 2. Il mercato mobiliare. 3. Le funzioni essenziali della Borsa valori.

Dettagli

L offerta di Borsa Italiana per le PMI

L offerta di Borsa Italiana per le PMI L offerta di Borsa Italiana per le PMI Paola Fico Responsabile Regolamentazione Emittenti quotati Borsa Italiana London Stock Exchange Group Convegno di studi Università di Macerata 14 Novembre 2014 I

Dettagli

DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE (24 aprile 2008 24 aprile 2009)

DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE (24 aprile 2008 24 aprile 2009) DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE (24 aprile 2008 24 aprile 2009) Sede legale: Piazza Annigoni, 9/b - Firenze Capitale sociale Euro 2.755.711,73 int. versato Registro Imprese di Firenze nr.fi017-68727

Dettagli

Fondo capitale di rischio per le PMI con sede sul territorio regionale

Fondo capitale di rischio per le PMI con sede sul territorio regionale Fondo capitale di rischio per le PMI con sede sul territorio regionale (POR Puglia 2000-2006) 1 IL FONDO Il Fondo per il capitale di rischio ha come obiettivo l acquisizione di quote temporanee di minoranza

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Orientamento al mercato: i mercati di borsa le quotazioni di borsa. Giuseppe Squeo

Orientamento al mercato: i mercati di borsa le quotazioni di borsa. Giuseppe Squeo Orientamento al mercato: i mercati di borsa le quotazioni di borsa Giuseppe Squeo La classificazione dei mercati Rapporto con impresa Mercato creditizio Formazione prezzo Mercato mobiliare Liquidità Mercato

Dettagli

I FONDI CHIUSI: STRUMENTI DI CRESCITA PER LE AZIENDE

I FONDI CHIUSI: STRUMENTI DI CRESCITA PER LE AZIENDE Confindustria Palermo I FONDI CHIUSI: STRUMENTI DI CRESCITA PER LE AZIENDE intervento di AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Palermo, 6 febbraio 2008 1 I FONDI CHIUSI: CARATTERISTICHE,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.p.A

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.p.A REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.p.A Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana del 10 settembre 2009 e approvato dalla Consob con delibera n. 17026 del 7 ottobre 2009

Dettagli

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE: PROFILI GIURIDICI, FISCALI ED ORGANIZZATIVI

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE: PROFILI GIURIDICI, FISCALI ED ORGANIZZATIVI IL PROCESSO DI QUOTAZIONE: PROFILI GIURIDICI, FISCALI ED ORGANIZZATIVI Camozzi & Bonissoni Studio Legale e Tributario Il processo di quotazione: profili giuridici, fiscali ed organizzativi Camozzi & Bonissoni

Dettagli

NAPOLI. III edizione Corso di Formazione CNDCEC / Borsa Italiana

NAPOLI. III edizione Corso di Formazione CNDCEC / Borsa Italiana NAPOLI III edizione Corso di Formazione CNDCEC / Borsa Italiana La terza edizione del corso di specializzazione sui mercati borsistici è organizzata nell ambito dell Accordo tra il Consiglio Nazionale

Dettagli

MODULO B I finanziamenti e gli investimenti aziendali

MODULO B I finanziamenti e gli investimenti aziendali MODULO B I finanziamenti e gli investimenti aziendali U.D. 2 Le forme aziendali: le società di persone Paragrafo 6 L utile d esercizio e la sua destinazione pag. 103 U.D. 3 Le società di capitali Paragrafo

Dettagli

IL PRIVATE EQUITY E IL VENTURE CAPITAL NEL MEZZOGIORNO

IL PRIVATE EQUITY E IL VENTURE CAPITAL NEL MEZZOGIORNO IL PRIVATE EQUITY E IL VENTURE CAPITAL NEL MEZZOGIORNO intervento di AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Cagliari, 5 marzo 2008 1 VENTURE CAPITAL E PRIVATE EQUITY Tali termini vengono

Dettagli

Loan Capital Union Merger & Acquisition

Loan Capital Union Merger & Acquisition Regulated by UIC n 37740 M&A L.BO M.BO FAMILY.BO VENTURE CAPITAL FIN.POOL-MUTUI-LEASING FAMILY OFFICE IPO-PRIVATE EQUITY APF-FINANZIAMENTI DESTINATI CASH & RISK MANGEMENT TRUST PRIVATE EQUITY START UP

Dettagli

La nuova articolazione dei mercati azionari di Borsa Italiana

La nuova articolazione dei mercati azionari di Borsa Italiana La nuova articolazione dei mercati azionari di Borsa Italiana Francesco Castagna Iscritto al Corso di Laurea in Economia Bancaria, indirizzo Economia e tecnica dei mercati c/o l Università degli Studi

Dettagli

I mercati degli Investment Vehicles gestiti da Borsa Italiana e la nuova AIFMD

I mercati degli Investment Vehicles gestiti da Borsa Italiana e la nuova AIFMD I mercati degli Investment Vehicles gestiti da Borsa Italiana e la nuova AIFMD Page 1 1. Il Mercato dedicato ai Veicoli di Investimento Page 2 Perché il MIV? MIV è stato creato con l obiettivo di offrire

Dettagli

SULLE CENERI DEL MERCATO RISTRETTO NASCE "EXPANDI"

SULLE CENERI DEL MERCATO RISTRETTO NASCE EXPANDI IMPRESE ITALIANE E BORSA SULLE CENERI DEL MERCATO RISTRETTO NASCE "EXPANDI" di Mario Panzeri Amministrazione e finanza >> Finanza aziendale LA RIPRESA DEI MERCATI AZIONARI L annunciata ripartenza delle

Dettagli

Presentazione di Intermonte

Presentazione di Intermonte Presentazione di Intermonte Offerta di servizi dedicati alle medie imprese nazionali per favorire l accesso al mercato borsistico Novembre 2013 Sommario 1. Descrizione dell intermediario: Presentazione

Dettagli

AVVISO n.905. 23 Gennaio 2015 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.905. 23 Gennaio 2015 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.905 23 Gennaio 2015 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : -- Oggetto : Modifiche al Regolamento dei Mercati e relative Istruzioni /Amendments to the Market

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. La quotazione in Borsa

Gestione Finanziaria delle Imprese. La quotazione in Borsa GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE La scelta di quotarsi in Borsa e l impatto sull azienda La scelta di quotarsi rappresenta una delle iniziative più importanti per la vita di un azienda, producendo una

Dettagli

Quotarsi in Borsa. La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitalia.it

Quotarsi in Borsa. La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitalia.it Quotarsi in Borsa La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana www.borsaitalia.it Indice 1. Introduzione 3 2. La decisione di quotarsi 5 3. La scelta del mercato di quotazione 9 4. I requisiti

Dettagli

Relazione annuale sulla adesione alle raccomandazioni contenute nel codice di autodisciplina delle società quotate

Relazione annuale sulla adesione alle raccomandazioni contenute nel codice di autodisciplina delle società quotate Relazione annuale sulla adesione alle raccomandazioni contenute nel codice di autodisciplina delle società quotate (Sez. IA.2.12 delle Istruzioni al Regolamento dei Mercati Organizzati gestiti dalla Borsa

Dettagli

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.p.A I N D I C E

REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.p.A I N D I C E REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.p.A Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana del 10 settembre 2009 e approvato dalla Consob con delibera n. 17026 del 7 ottobre 2009

Dettagli

MITTENTE: Comunicato stampa UNIFIND S.p.A. Cenate Sotto (BG) 11 aprile 2011

MITTENTE: Comunicato stampa UNIFIND S.p.A. Cenate Sotto (BG) 11 aprile 2011 MITTENTE: OGGETTO: GEWISS S.p.A. Comunicato stampa UNIFIND S.p.A. Cenate Sotto (BG) 11 aprile 2011 Si trasmette per conto di UNIFIND S.p.A. la comunicazione ai sensi degli articoli 102 e 114 del D.Lgs.

Dettagli

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA Introduzione: Il Decreto Legge n. 91 del 24 giugno 2014 (c.d. Decreto Competitività ) e la relativa Legge di Conversione (Legge n. 116

Dettagli

Sistema Pioneer Fondi Italia. Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Informazioni Generali

Sistema Pioneer Fondi Italia. Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Informazioni Generali Sistema Pioneer Fondi Italia Informazioni Generali Prospetto Semplificato Informazioni Generali La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore

Dettagli

CARRARO S.p.A. Sede legale in Campodarsego (PD) Via Olmo n. 37 Capitale Sociale Euro 23.914.696 i.v. Codice fiscale, Partita IVA e iscrizione

CARRARO S.p.A. Sede legale in Campodarsego (PD) Via Olmo n. 37 Capitale Sociale Euro 23.914.696 i.v. Codice fiscale, Partita IVA e iscrizione CARRARO S.p.A. Sede legale in Campodarsego (PD) Via Olmo n. 37 Capitale Sociale Euro 23.914.696 i.v. Codice fiscale, Partita IVA e iscrizione Registro Imprese di Padova n. 00202040283 REA di Padova 84.033

Dettagli

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento Sezione Terza I Fondi comuni di investimento 369. Nella valutazione dei beni del fondo comune di investimento, il valore degli strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni su mercati regolamentati è

Dettagli

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a.

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a. Offerta al pubblico e ammissione alle negoziazioni di quote del fondo comune di investimento immobiliare chiuso ad accumulazione ed a distribuzione dei proventi denominato MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito

Dettagli

Fondo Italiano d'investimento - Criteri e modalità operative

Fondo Italiano d'investimento - Criteri e modalità operative Fondo Italiano d'investimento - Criteri e modalità operative Roma, 9 Novembre 2010 Circolare N.19354 Confindustria Fisco, Finanza e Welfare Il Direttore Elio Schettino Con l obiettivo di sostenere le piccole

Dettagli

FONDI FLESSIBILI Vegagest Obb. Flessibile Vegagest Rendimento Vegagest Flessibile

FONDI FLESSIBILI Vegagest Obb. Flessibile Vegagest Rendimento Vegagest Flessibile FONDI ARMONIZZATI FONDI LIQUIDITÀ Vegagest Monetario FONDI OBBLIGAZIONARI Vegagest Obb. Euro Breve Termine Vegagest Obb. Euro Vegagest Obb. Euro Lungo Termine Vegagest Obb. Internazionale Vegagest Obb.

Dettagli

Regolamento del Nuovo Mercato Organizzato e Gestito DA BORSA ITALIANA S.P.A.

Regolamento del Nuovo Mercato Organizzato e Gestito DA BORSA ITALIANA S.P.A. Regolamento del Nuovo Mercato Organizzato e Gestito DA BORSA ITALIANA S.P.A. Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana S.p.A.del 23 settembre 2004 e approvato dalla Consob con delibera n. 14735 del 12

Dettagli

Screen Service Broadcasting Technologies S.p.A.: L Assemblea degli Azionisti approva il Bilancio e autorizza il piano di acquisto azioni proprie

Screen Service Broadcasting Technologies S.p.A.: L Assemblea degli Azionisti approva il Bilancio e autorizza il piano di acquisto azioni proprie Comunicato stampa Brescia, 27 febbraio 2008 Screen Service Broadcasting Technologies S.p.A.: L Assemblea degli Azionisti approva il Bilancio e autorizza il piano di acquisto azioni proprie Screen Service

Dettagli

Quotarsi in Borsa. La segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitaliana.it

Quotarsi in Borsa. La segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitaliana.it Quotarsi in Borsa La segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana www.borsaitaliana.it Indice 1. Introduzione 3 2. La decisione di quotarsi 5 3. La scelta del mercato di quotazione 9 4. I requisiti per

Dettagli

FONDO ALPHA IMMOBILIARE. Evoluzione e situazione al 31 dicembre 2004

FONDO ALPHA IMMOBILIARE. Evoluzione e situazione al 31 dicembre 2004 FONDO ALPHA IMMOBILIARE Evoluzione e situazione al 31 dicembre 2004 1 Agenda Il Fondo immobiliare Alpha Il mercato dei fondi immobiliari 2 Alpha: i risultati del collocamento RISULTATI DEL COLLOCAMENTO

Dettagli

Fondi Demetra. Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare

Fondi Demetra. Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare Fondi Demetra Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare Agenda 1.1 Lo scenario di riferimento 1.2 La Società di Gestione 1.3 La Governance della SGR 1.4 Il Fondo Demetra Demetra: dea greca del

Dettagli

Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Sistema Pioneer Fondi Italia. Informazioni Generali. Informazioni Generali

Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Sistema Pioneer Fondi Italia. Informazioni Generali. Informazioni Generali Sistema Pioneer Fondi Italia Informazioni Generali Prospetto Semplificato Informazioni Generali La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI PER LA DELEGA EX ART. 2443, C.C. AD AUMENTARE IL CAPITALE SOCIALE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI PER LA DELEGA EX ART. 2443, C.C. AD AUMENTARE IL CAPITALE SOCIALE RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI PER LA DELEGA EX ART. 2443, C.C. AD AUMENTARE IL CAPITALE SOCIALE predisposta ai sensi dell art. 72 e secondo lo schema n. 2 dell Allegato 3A del Regolamento

Dettagli

APPENDICI A. Q&A QUESTIONS & ANSWERS: LE 30 DOMANDE PIÙ FREQUENTI SULLA QUOTAZIONE

APPENDICI A. Q&A QUESTIONS & ANSWERS: LE 30 DOMANDE PIÙ FREQUENTI SULLA QUOTAZIONE APPENDICI A. Q&A QUESTIONS & ANSWERS: LE 30 DOMANDE PIÙ FREQUENTI SULLA QUOTAZIONE A. Q&A Questions and Answers: le 30 domande più frequenti sulla quotazione Q&A - Questions and Answear Su quale mercato

Dettagli

Sistema Pioneer Fondi Italia. Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Informazioni Generali

Sistema Pioneer Fondi Italia. Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Informazioni Generali Sistema Pioneer Fondi Italia Informazioni Generali Prospetto Semplificato Informazioni Generali La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore

Dettagli

dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A

dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A Regolamento 28 GIUGNO 2010 dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A Deliberato dall Assemblea di Borsa Italiana del 13 aprile 2010 e approvato dalla Consob con delibera n. 17302 del 4

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO

FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Documento di sintesi del progetto Roma, 16 dicembre 2009 Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Indice L obiettivo

Dettagli

Il presente documento costituisce un aggiornamento della ricerca sulla quotabilità del portafoglio del private equity italiano, svolta per la prima

Il presente documento costituisce un aggiornamento della ricerca sulla quotabilità del portafoglio del private equity italiano, svolta per la prima Il presente documento costituisce un aggiornamento della ricerca sulla quotabilità del portafoglio del private equity italiano, svolta per la prima volta nel 2009 e nata grazie alla convenzione stipulata

Dettagli

COMUNICARE L AZIENDA PER REPERIRE

COMUNICARE L AZIENDA PER REPERIRE COMUNICARE L AZIENDA PER REPERIRE CAPITALI UTILIZZANDO AL MEGLIO LE INFORMAZIONI. LE FONTI DI FINANZIAMENTO L attività d impresa, esaminata in un ottica puramente finanziaria, si sviluppa e si concretizza

Dettagli

INDICE. 2. Sintetica descrizione delle ragioni per l'adozione del Piano...3

INDICE. 2. Sintetica descrizione delle ragioni per l'adozione del Piano...3 DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AL PIANO DI STOCK OPTION RISERVATO AD ALCUNI DIPENDENTI E AMMINISTRATORI DEL GRUPPO ASCOPIAVE AVENTE AD OGGETTO N. 2.315.000 OPZIONI ASSEGNATE DEL PIANO DENOMINATO PHANTOM

Dettagli

AIFMD NOVITÀ INTRODOTTE CON I DECRETI ATTUATIVI: AMBITI DI APPLICAZIONE E PROFILI DI GOVERNANCE

AIFMD NOVITÀ INTRODOTTE CON I DECRETI ATTUATIVI: AMBITI DI APPLICAZIONE E PROFILI DI GOVERNANCE AIFMD NOVITÀ INTRODOTTE CON I DECRETI ATTUATIVI: AMBITI DI APPLICAZIONE E PROFILI DI GOVERNANCE Partner di: Private Equity LAB Associato a: Shadow Banking e AIFMD G20 Pittsburgh 2009 Rivedere l intero

Dettagli

DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE 27 aprile 2009-16 aprile 2010

DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE 27 aprile 2009-16 aprile 2010 DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE 27 aprile - 16 aprile 2010 Redatto ai sensi e per gli effetti dell art. 54 comma iii del regolamento emittenti adottato da consob con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999

Dettagli

A. Ritenete condivisibili le modifiche regolamentari proposte in relazione a: S / N

A. Ritenete condivisibili le modifiche regolamentari proposte in relazione a: S / N Denominazione: Assonime Indirizzo di posta elettronica: mercatomobiliare.quotate@assonime.it i autorizza la divulgazione: A. Ritenete condivisibili le modifiche regolamentari proposte in relazione a: /

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE 13 Come già ampiamente illustrato in occasione dell assemblea di approvazione del bilancio 2000,

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI

REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI Testo approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 26 ottobre 2011 Art. 1 Disposizioni preliminari 1.1 Il presente regolamento interno

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

GRUPPO CERAMICHE RICCHETTI S.P.A. Sede in Modena, Strada delle Fornaci 20 Registro delle Imprese di Modena n. 00327740379

GRUPPO CERAMICHE RICCHETTI S.P.A. Sede in Modena, Strada delle Fornaci 20 Registro delle Imprese di Modena n. 00327740379 GRUPPO CERAMICHE RICCHETTI S.P.A. Sede in Modena, Strada delle Fornaci 20 Registro delle Imprese di Modena n. 00327740379 DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE (Articolo 54 del Regolamento Emittenti- Delibera

Dettagli

Fondo di investimento nel capitale di rischio D.M. 11.03.2011 n.206 Finalità e Obiettivi Supportare gli investimenti delle Piccole e Medie Imprese (PMI), operanti nel settore agricolo, agroalimentare di

Dettagli