Le professioni nello studio medico dentistico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le professioni nello studio medico dentistico"

Transcript

1 Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS

2 L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione scolastica di base. Caratteristiche personali le assistenti dentali (AD) amano lavorare a contatto con le persone, lavorano volentieri all interno di un team, sono dotate di una buona abilità manuale, amano la pulizia e l ordine, hanno buone conoscenze linguistiche (capacità comunicativa), sono in grado di sostenere grossi carichi di lavoro e sono empatiche, sono dotate di resistenza fisica, hanno uno spiccato senso dell organizzazione. L attività professionale L assistente dentale accoglie e assiste i pazienti, li accompagna alla poltrona e, con un sorriso, fa in modo che l atmosfera sia rilassata. Assiste il dentista alla poltrona, gli porge gli strumenti, aspira la saliva e l acqua di raffreddamento del trapano e prepara il materiale per le otturazioni e le impronte. Pulisce, disinfetta e sterilizza la postazione di lavoro e gli strumenti. Risponde al telefono, organizza la giornata di lavoro,

3 fissa gli appuntamenti, gestisce la cartella dei pazienti, cura la corrispondenza e registra i pagamenti in entrata. Gestisce le scorte dei materiali in uso nello studio dentistico e smaltisce i rifiuti nel rispetto dell ambiente. Esegue radiografie sotto il controllo del dentista. La formazione La formazione dura tre anni. La formazione professionale pratica può essere svolta negli studi medico dentistici o nelle cliniche dentarie, quella scolastica viene impartita in una scuola professionale, che si frequenta un giorno alla settimana. I corsi interaziendali completano e ampliano la formazione professionale pratica. In questi corsi, le aspiranti assistenti dentali imparano, per esempio, a reagire correttamente in una situazione di urgenza, a curare gli apparecchi e gli strumenti e apprendono le tecniche radiologiche e le disposizioni di radioprotezione. La procedura di qualificazione All esame finale, le candidate vengono esaminate nelle seguenti materie. Lavoro pratico - Assistenza dei pazienti, misure profilattiche, assistenza diretta durante i trattamenti. - Misure igieniche. - Lavori amministrativi. - Radiologia e radioprotezione. Conoscenze professionali - Lavori amministrativi, lingua straniera. - Fondamenti di scienze naturali. - Misure igieniche. - Assistenza indiretta / cura di apparecchiature e strumenti. - Misure profilattiche, assistenza diretta durante i trattamenti. - Radiologia e radioprotezione.

4 Chi supera l esame finale ottiene l attestato federale di capacità di assistente dentale. La maturità professionale Le assistenti dentali con un buon rendimento scolastico possono frequentare durante o dopo la formazione professionale di base una scuola che permette di conseguire la maturità professionale. La maturità professionale federale permette di accedere a una scuola universitaria professionale. Le AD sono responsabili dell accoglienza, assistono il dentista alla poltrona, eseguono radiografie e motivano i pazienti a curare la loro igiene orale.

5 Possibilità di specializzazione per le AD L assistente di profilassi (AP) Requisiti Attestato federale di capacità di assistente dentale, buone prestazioni lavorative, abilità manuale, capacità di lavorare in gruppo e piacere di lavorare a contatto con le persone. L attività professionale L assistente di profilassi (AP) lavora prevalentemente negli studi privati, ma anche nelle case per anziani, negli ospedali, nelle scuole e nelle cliniche dentarie popolari. Oltre ai compiti specifici di un assistente dentale, l assistente di profilassi svolge anche i seguenti compiti: aiuta a prevenire le affezioni ai denti e al parodonto; motiva e istruisce i pazienti a curare la loro igiene orale; rimuove i depositi di placca dentaria; applica misure per lo sbiancamento dei denti. La formazione La formazione di AP permette a un assistente dentale AFC di ampliare il suo campo di attività. L assistente di profilassi svolge il proprio lavoro sotto la guida e la responsabilità del medico dentista. Le AD interessate a questa ulteriore formazione devono aver esercitato la loro professione per almeno un anno e aver superato l esame di ammissione. Le assistenti di profilassi vengono formate in una delle scuole per AP riconosciute dalla SSO. Questa formazione può essere seguita a Lugano, Basilea, Berna, Losanna e Zurigo, dura almeno otto mesi e avviene parallelamente all esercizio della professione. La formazione prevede un periodo di pratica di almeno sei mesi in uno studio medico dentistico SSO. Dopo aver superato l esame finale, si ottiene il certificato di AP riconosciuto dalla SSO.

6 La segretaria odontoiatrica Requisiti Attestato federale di capacità di assistente dentale, buone prestazioni lavorative, capacità comunicativa, buone conoscenze linguistiche e piacere nell organizzare il lavoro. L attività professionale La segretaria odontoiatrica sgrava il medico dentista dei lavori amministrativi. In particolare si occupa, prevalentemente in modo autonomo: del sistema informatico dello studio; della corrispondenza; della contabilità; della gestione del personale; della gestione dei pazienti; della formazione delle apprendiste; della gestione delle scorte di materiali e medicamenti. La formazione La formazione di segretaria odontoiatrica permette alle assistenti dentali AFC di occuparsi, prevalentemente in modo autonomo, dei lavori amministrativi dello studio. Le assistenti dentali interessate a questa ulteriore formazione devono aver esercitato la loro professione per almeno un anno e aver superato l esame di ammissione. Le segretarie odontoiatriche vengono formate in una delle scuole per segretarie odontoiatriche riconosciute dalla SSO. Attualmente questa formazione, che dura almeno otto mesi e avviene parallelamente all esercizio della professione, può essere seguita a Basilea e Zurigo. La formazione prevede un periodo di pratica di sei mesi in uno studio medico dentistico SSO. Nella formazione è integrato anche il corso per formatori. Dopo aver superato l esame finale, si ottiene il certificato di segretaria odontoiatrica riconosciuto dalla SSO.

7 L igienista dentale SSS Requisiti Le candidate devono aver concluso una formazione di livello secondario II (formazione professionale di tre anni, maturità professionale o liceale) e aver superato un esame attitudinale. L attestato federale di capacità di assistente dentale rappresenta un buon presupposto per questa professione, per la quale sono richieste abilità manuale, capacità di concentrazione, resistenza fisica e psichica, empatia e capacità comunicativa. L attività professionale L igienista dentale SSS lavora soprattutto negli studi medico dentistici privati, ma anche nelle cliniche dentarie, negli ospedali, nelle case per anziani, nell industria e nei centri di formazione (scuole per igieniste dentali). In ambito odontoiatrico, l igienista dentale si occupa della profilassi, della promozione della salute orale, della terapia parodontale conservativa e non chirurgica.

8 L igienista dentale SSS: effettua esami clinici e radiologici, riconosce le alterazioni patologiche ai denti, alle gengive, alle mucose e al parodonto; allestisce il piano di cura per le misure di igiene dentale con il paziente, tenendo conto del piano di cura generale previsto dal dentista; esegue la terapia parodontale non chirurgica e rimuove la placca e il tartaro dai denti e dalle radici; motiva e istruisce i pazienti a curare la loro igiene orale; fornisce consulenza su alimentazione e salute e illustra ai pazienti gli effetti del consumo di tabacco; lucida le otturazioni, le corone e i ponti; sigilla i solchi; si occupa della fluorazione dei denti; cura i colletti sensibili; sbianca i denti vitali.

9 La formazione La formazione presso una scuola specializzata superiore (SSS) dura tre anni e può essere seguita a Berna (medi Zentrum für medizinische Bildung), Ginevra (École d hygiénistes dentaires) e Zurigo (Careum Bildungszentrum e PZZ Prophylaxe-Zentrum Zürich). Nei primi due anni di formazione si acquisiscono conoscenze teoriche di base, nozioni di psicologia per trattare con i pazienti e competenze manuali esercitandosi sul modello e nel centro di formazione. Nel corso del terzo anno di formazione, le aspiranti igieniste dentali fanno pratica in studi medico dentistici o presso le cliniche universitarie. Il diploma Chi supera l esame finale consegue il titolo legalmente protetto di «Igienista dentale dipl. SSS». L igienista dentale è specializzata nella cura parodontale non chirurgica dei pazienti.

10 Indirizzi utili Servizio stampa e d informazione SSO Commissione Team studio medico dentistico Postgasse 19 Casella postale 3000 Berna 8 Tel Fax Servizio di collocamento SSO Münzgraben 2 Casella postale Berna 7 Tel Fax a edizione: luglio 2011, tiratura: 3500 esemplari, Art Associazione svizzera delle assistenti dentali SVDA Stadthof Bahnhofstrasse 7b 6210 Sursee Tel Fax svda.ch Swiss Dental Hygienists Segretariato centrale Bahnhofstrasse 7b 6210 Sursee Tel Fax dentalhygienists.ch Informazioni generali sulla formazione professionale (guida del tirocinio, disposizioni legali, documentazione dell apprendimento): Per ragioni di leggibilità, in questo opuscolo viene usata solo la forma femminile, che vale anche per i professionisti di sesso maschile.

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Riforma "Specialista del commercio al dettaglio" Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al

Riforma Specialista del commercio al dettaglio Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al Specialista del commercio al Riforma "Specialista del commercio al " Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al (La designazione di persone o gruppi

Dettagli

«specialista in attivazione dipl. SSS» «specialista in attivazione dipl. SSS»

«specialista in attivazione dipl. SSS» «specialista in attivazione dipl. SSS» Programma quadro d insegnamento per i cicli di formazione delle scuole specializzate superiori «attivazione» con il titolo legalmente protetto «specialista in attivazione dipl. SSS» «specialista in attivazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

PREMESSA. L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche.

PREMESSA. L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche. PREMESSA L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche. delle amministrazioni Una cospicua parte è dedicata al concorso, che costituisce la principale procedura con la

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Documentazione per la formazione

Documentazione per la formazione La mia formazione professionale di base come assistente di farmacia Documentazione per la formazione Versione luglio 2007 Nome/cognome Farmacia Inizio della formazione professionale Fine della formazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO PROCEDURE TERMINI E TASSE (Modificato con D.R. n.1508 del 31/07/2013) INDICE PARTE I NORME GENERALI Art. 1 Art. 2 Ambito di applicazione Definizioni PARTE

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

delle qualifiche professionali in favore dei soggetti provenienti da fuori Regione Piemonte che se

delle qualifiche professionali in favore dei soggetti provenienti da fuori Regione Piemonte che se FAQ REQUISITI PER IL COMMERCIO D: La pratica svolta per 2 anni negli ultimi 5, in qualità di coadiuvante in un attività di commercio al dettaglio di alimentari, può essere riconosciuta valida, ai fini

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

GARANZIA GIOVANI: PRONTI A PARTIRE? Una guida pratica sulla Garanzia Giovani e su come entrare nel mondo del lavoro SEGUICI SU

GARANZIA GIOVANI: PRONTI A PARTIRE? Una guida pratica sulla Garanzia Giovani e su come entrare nel mondo del lavoro SEGUICI SU GARANZIA GIOVANI: PRONTI A PARTIRE? Una guida pratica sulla Garanzia Giovani e su come entrare nel mondo del lavoro SEGUICI SU Sommario Prefazione, di Stefano Colli-Lanzi, AD Gi Group e Presidente Gi Group

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee Scuole Europee Ufficio del Segretario generale Segretariato Generale Rif. : 2009-D-422-it-5 Orig. : FR Versione: IT Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e

Dettagli

Come presentare una buona candidatura

Come presentare una buona candidatura Come presentare una buona candidatura Ricerca di un impiego Candidatura Colloquio di presentazione AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL Abteilung 19 - Arbeit PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI 00187 Roma Via di San Basilio, 72 Tel. +39 06.42.00.84 Fax +39 06.42.00.84.44/5 www.cnpi.it cnpi@cnpi.it C.F. 80191430588 Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI V- MOD2 - LA GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI LAVORO AUTONOMO DECRETO LEGISLATIVO 185/2000 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per facilitare la

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 10 settembre 2010, n. 249 Regolamento concernente: «Definizione della disciplina dei requisiti e delle modalita' della formazione iniziale

Dettagli

Guida alla salute in Svizzera

Guida alla salute in Svizzera In 18 lingue Guida alla salute in Svizzera Il sistema sanitario svizzero in breve un manuale per i migranti che vivono in Svizzera Salute Informazioni su migrazione e sanità: migesplus.ch la piattaforma

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PREMESSA. Il nuovo sistema classificatorio del personale è volto:

PREMESSA. Il nuovo sistema classificatorio del personale è volto: PREMESSA La riforma del sistema di classificazione del personale civile del Ministero della difesa è stata realizzata in applicazione del CCNL 2006/2009. Nel quadro di adeguamento delle competenze e delle

Dettagli