Le prestazioni della Supply Chain

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le prestazioni della Supply Chain"

Transcript

1 Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1

2 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento dell adattamento strategico L espansione della portata strategica Le prestazioni della Supply Chain 2

3 Cosa è il Supply Chain Management? La gestione dei flussi delle risorse della supply chain, per massimizzare il supply chain surplus Cosa è il supply chain surplus? Le prestazioni della Supply Chain 3

4 Strategie Competitiva e della Supply Chain Strategia competitiva: definisce l insieme delle necessità del cliente che l azienda cerca di soddisfare tramite i suoi servizi e prodotti Strategia di sviluppo prodotto: specifica il portafoglio di nuovi prodotti che l azienda cerca di sviluppare strategia di marketing e vendite: specifica come segmentare il mercato e come posizionare, fissare il prezzo e promuovere il prodotto Strategia della Supply chain: determina la natura dell approvvigionamento dei materiali, delle loro modalità di trasporto, della produzione del prodotto e della creazione del servizio, della distribuzione del prodotto È importante garantire la coerenza ed il supporto tra la strategia della supply chain, la strategia competitiva e le altre strategie funzionali Le prestazioni della Supply Chain 4

5 La catena del valore: il collegamento tra le strategie della supply chain e del Business Finanza, Contabilità, Information Technology, Risorse Umane Sviluppo di un nuovo prodotto Marketing e vendite Operations Distribuzione Servizio Le prestazioni della Supply Chain 5

6 L ottenimento dell adattamento strategico Adattamento strategico: Consistenza tra le priorità per il cliente delineate nella strategia competitiva e le caratteristiche della supply chain specificate dalla strategia della supply La strategia competitiva e la strategia della supply devono avere gli stessi obiettivi Una azienda potrebbe fallire a causa della mancanza di adattamento strategico o in quanto i suoi processi e risorse non sono in grado di fornire le capacità di mettere in essere le strategie desiderate. Le prestazioni della Supply Chain 6

7 Come raggiungere l adattamento strategico? Passo 1: comprensione dell incertezza del cliente e della supply chain Passo 2: comprensione della the supply chain Passo 3: ottenimento dell adattamento strategico Le prestazioni della Supply Chain 7

8 Passo 1: comprensione dell incertezza del cliente e della supply chain Riconoscimento dei fabbisogni del segmento del cliente da servire Quantità di prodotto necessario in ogni lotto Tempo di risposta tollerato dal cliente Varietà dei prodotti necessari Livello di servizio richiesto Prezzo del prodotto Tasso di innovazione del prodotto richiesto Le prestazioni della Supply Chain 8

9 Passo 1: comprensione dell incertezza del cliente e della supply chain Attributi generali della domanda del cliente Incertezza della domanda: incertezza della domanda del cliente per un prodotto Incertezza implicita della domanda: incertezza risultante per la supply chain dati la quota della domanda che la supply chain deve gestire e gli attributi che il cliente desidera Le prestazioni della Supply Chain 9

10 Passo 1: comprensione dell incertezza del cliente e della supply chain L incertezza implicita della domanda è anche legata alle esigenze del cliente ed agli attributi del prodotto Il primo passo verso l adattamento strategico consiste nel comprendere i clienti mappando la loro domanda sullo spettro dell incertezza implicita Le prestazioni della Supply Chain 10

11 L ottenimento dell adattamento strategico Comprendere il cliente Dimensione dei lotti Tempo di risposta Livello di servizio Varietà di prodotto Prezzo Innovazione Incertezza Implicita della domanda Le prestazioni della Supply Chain 11

12 Impatto delle necessità del cliente sull incertezza implicita della domanda Le necessità del cliente I campi delle quantità aumentano Il Lead time decresce Causano un aumento dell incertezza implicita della domanda a causa di Maggiori campi delle quantità implicano maggiore varianza della domanda Meno tempo per reagire agli ordini La varietà dei prodotti richiesti aumenta Il numero dei canali aumenta Il tasso di innovazione aumenta Il livello di servizio richiesto aumenta La domanda per prodotto diventa più disaggregata La domanda totale del cliente è disaggregata su più canali I prodotti nuovi sono affetti da domanda più incerta L azienda deve affrontare incrementi inusuali della domanda Le prestazioni della Supply Chain 12

13 Il livelli di incertezza della domanda implicita Domanda e fornitura prevedibili Fornitura prevedibile e domanda incerta Fornitura incerta e domanda prevedibile Fornitura e domanda incerte Domanda e fornitura altamente incerte Sale al supermercato Un modello esistente di automobile Un nuovo apparato di comunicazione Lo spettro dell incertezza implicita (domanda e fornitura) Le prestazioni della Supply Chain 13

14 Correlazione tra l incertezza della domanda implicita ed altri attributi Attributo Margine sul prodotto Errore medio di previsione Tasso medio di stock-out Ribasso medio di fine stagione Incertezza implicita bassa basso 10% 1%-2% 0% Incertezza implicita alta alto 40%-100% 10%-40% 10%-25% Le prestazioni della Supply Chain 14

15 Passo 2: comprendere la Supply Chain In che modo l azienda meglio incontra la domanda? La dimensione che descrive la supply chain è la prontezza di risposta della supply chain La prontezza di risposta della supply chain è la sua capacità di Rispondere ad ampi campi di quantità richieste Adattarsi a lead time brevi Gestione grandi varietà di prodotti Realizzare prodotti altamente innovativi Garantire un elevato livello di servizio Le prestazioni della Supply Chain 15

16 Passo 2: comprendere la Supply Chain La velocità di risposta ha un costo efficienza della Supply chain: legata al costo di produzione e consegna del prodotto al cliente La crescita della velocità di risposta causa un incremento di costo che fa calare l efficienza Il secondo passo verso l ottenimento dell adattamento strategico consiste nel mappare la supply chain sullo spettro della prontezza di risposta Le prestazioni della Supply Chain 16

17 Comprendere la supply chain: la frontiera efficiente Costo-Prontezza di risposta Prontezza di risposta Alta Bassa Alto Basso Costo Le prestazioni della Supply Chain 17

18 Passo 3: come ottenere l adattamento strategico Il passo 3 deve assicurare che le operazioni effettuate dalla supply chain siano consistenti con gli obiettivi definiti dai fabbisogni del cliente Lo scopo consiste nell associare una elevata prontezza di risposta per supply chain caratterizzate da elevata incertezza implicita ed una elevata efficienza a supply chain distinte da un basso livello di incertezza implicita Le prestazioni della Supply Chain 18

19 Spettro della prontezza di risposta Altamente efficiente Alquanto efficiente Alquanto pronta Altamente pronta Produzione acciaio Abbigliamento Settore automobilistico Alcuni produttori di personal computer Le prestazioni della Supply Chain 19

20 Supply chain pronta L adattamento strategico sulla mappa incertezza prontezza di risposta Spettro della prontezza Zona di adattamento strategico Supply chain efficiente Domanda certa Spettro della incertezza implicita Domanda incerta Le prestazioni della Supply Chain 20

21 La distribuzione dell incertezza il fornitore assorbe una piccola parte dell'incertezza implicita e deve essere molto efficiente implicita il produttore assorbe una certa parte dell'incertezza implicita e deve essere alquanto efficiente il rivenditore assorbe una rilevante parte dell'incertezza implicita e devve essere molto pronto Supply Chain I Fornitore Produttore Rivenditore Estensione dell'incertezza implicita della supply chain Supply Chain II Fornitore Produttore Rivenditore il fornitore assorbe una certa parte dell'incertezza implicita e deve essere alquanto efficiente il produttore assorbe una rilevante parte dell'incertezza implicita e deve essere molto pronto il rivenditore assorbe una piccola parte dell'incertezza implicita e deve essere molto efficiente Le prestazioni della Supply Chain 21

22 Passo 3: come ottenere l adattamento strategico Tutte le funzioni all interno della catena del valore devono supportate la strategia competitiva per ottenere l adattamento strategico Due estremi: supply chain efficiente e supply chain pronta Due punti chiave Non esiste una strategia della supply chain indipendente dalla strategia competitiva Tesiste una corretta strategia della supply chain data una strategia competitiva Le prestazioni della Supply Chain 22

23 Adattamento tra strategie competitiva e funzionale Strategia Competiiva Strategia di Sviluppo Prodotto Strategia della Supply Chain Produzione Giacenza Lead time Acquisti Trasporti Strategia Marketing e Vendite Strategia Information Technology Strategia della Finanza Strategia Risorse Umane Le prestazioni della Supply Chain 23

24 Confronto tra Supply Chain Efficiente e Pronta Efficiente Pronta Obiettivo primario Strategia di progetto prodotto Strategia di prezzo Strategia produttiva Costo minimo Minimo costo di produzione Margini inferiori (il prezzo è fondamentale per il cliente) Elevato utilizzo Risposta veloce Modularità per consentire la differenziazione del prodotto Margini più elevati Flessibilità di capacità Strategia giacenza Strategia di Lead time Strategia per selezione fornitori Strategia di trasporto Riduzione della giacenza Riduzione ma non a scapito di un costo maggiore Costo e qualità Maggiore attenzione a modelli dal basso costo Mantenimento di giacenza per fronteggiare l incertezza della domanda Riduzione aggressiva anche in caso di costi elevati velocità, flessibilità, qualità Maggiore attenzione a modelli veloci Le prestazioni della Supply Chain 24

25 Elementi che influenzano dell adattamento strategico Prodotti multipli e segmenti di clienti Ciclo di vita del prodotto Cambiamenti nel tempo tra i competitori del mercato Le prestazioni della Supply Chain 25

26 Prodotti multipli e segmenti di clienti Le aziende vendono prodotti diversi a clienti di segmenti differenti (con diversa incertezza implicita della domanda) La supply chain deve essere in grado di bilanciare efficienza e prontezza dato il suo portafoglio di prodotti e di segmenti di clienti Due approcci: Supply chain differenti Adattare la supply chain per meglio incontrare le esigenze della domanda di ogni prodotto Le prestazioni della Supply Chain 26

27 Ciclo di vita del prodotto Le caratteristiche della domanda di un prodotto ed le necessità del segmento di clienti cambiano mentre il prodotto di muove lungo il suo ciclo di vita La strategia della Supply chain deve evolversi con il ciclo di vita del prodotto Fasi iniziali: domanda incerta, alti margini, la disponibilità del prodotto risulta molti importante, il costo è secondario Fasi finali: domanda prevedibile, margini inferiori, il prezzo è importante Le prestazioni della Supply Chain 27

28 Ciclo di vita del prodotto Mentre il prodotto percorre il suo ciclo di vita la supply chain si modifica da situazioni in cui enfatizzata la prontezza verso casi in cui si enfatizza l efficienza Le prestazioni della Supply Chain 28

29 Cambiamenti nel tempo tra i competitori del mercato Le pressioni competitive possono cambiare nel tempo La presenza di più competitori può determinare una maggiore enfasi su varietà di prodotti a prezzo ragionevole Internet facilita l offerta di una ampia varietà di prodotti La supply chain deve modificarsi per adattarsi a condizioni competitive variabili Le prestazioni della Supply Chain 29

30 Espandere la Portata Strategica La portata dell adattamento strategico Le funzioni e gli stadi all interno della supply chain che collegano una strategia integrata ad un obiettivo condiviso Ad una estremità: ogni funzione ad ogni stadio sviluppa la sua propria strategia All altra estremità: tutte le funzioni in tutti gli stadi concepiscono congiuntamente una strategia Cinque categorie: Portata intraaziendale intraoperazionale Portata intraaziendale intrafunzionale Portata intraaziendale interfunzionale Portata interaziendale interfunzionale Portata interaziendale interfunzionale agile Le prestazioni della Supply Chain 30

31 Portata intraaziendale intraoperazionale:l ottica della minimizzazione del costo locale L adattamento strategico è visto come una operazione all interno di un area funzionale dell azienda Pratica dominante negli anni 50 e 60 Ogni operation all interno di uno stadio della supply chain tenta di minimizzare il proprio costo Le prestazioni della Supply Chain 31

32 Portata intraaziendale intrafunzionale:l ottica della minimizzazione del costo funzionale Per ogni azienda più operations individuano una funzione La supply chain comprende operations quali fabbricazione, stoccaggio e trasporto L adattamento strategico si espande per includere tutte le operations all interno di una funzione Le prestazioni della Supply Chain 32

33 Portata intraaziendale interfunzionale:l ottica della massimizzazione del profitto aziendale Differenti funzioni possono avere obiettivi contrastanti L azienda espande l adattamento strategico fino a comprendere tutte le sue funzioni Tutte le strategie funzionali sono sviluppate per supportarsi a vicenda e per facilitare la strategia competitiva Le prestazioni della Supply Chain 33

34 Portata interaziendale interfunzionale:l ottica della massimizzazione del surplus della supply chain Il surplus della supply chain è massimizzato solo quando tutti gli stadi coordinano le loro strategie soddisfando i bisogni del cliente La chiave di successo sta diventano la prontezza di risposta dell azienda La mancanza di velocità di risposta dipende largamente da fattori esterni all azienda, ai confini di diversi stadi della supply chain Le prestazioni della Supply Chain 34

35 Portata interaziendale interfunzionale:l ottica della massimizzazione del surplus della supply chain La portata interaziendale dell adattamento strategico è oggi essenziale in quanto la competizione si à spostata dal livello azienda contro azienda al livelli supply chain contro supply chain Aziende partner possono determinare il successo aziendale in quanto ogni azienda è strettamente collegata alla propria supply chain Le prestazioni della Supply Chain 35

36 Portata interaziendale interfunzionale agile Lo scenario di riferimento non è statico ma dinamico I cicli di vita dei prodotti si accorciano e le aziende devono soddisfare i cambiamenti dei bisogni dei clienti La agilità consiste nella capacità dell azienda di ottenere l adattamento strategico in presenza di partner ai diversi stadi della supply chain che cambiano nel tempo L azienda deve ragionare in termini di una supply chain con la presenza di più attori per ogni stadio Le prestazioni della Supply Chain 36

37 La portata dell adattamento strategico nella supply chain Strategia Competitiva Fornitore Produttore Distributore Rivenditore Cliente Strategia di sviluppo prodotto Strategia della Supply Chain Strategia di marketing Interaziendale Interfunzionale Intraaziendale Interfunzionale al distributore Intraaziendale Intrafunzionale al distributore Intraaziendale Interoperazionale al distributore Le prestazioni della Supply Chain 37

La scelta del livello ottimo della disponibilità del prodotto. La disponibilità del prodotto 1

La scelta del livello ottimo della disponibilità del prodotto. La disponibilità del prodotto 1 La scelta del livello ottimo della disponibilità del prodotto La disponibilità del prodotto 1 Linea guida Importanza della disponibilità del prodotto Fattori influenzanti il livello ottimo della disponibilità

Dettagli

Lean & Agile. Corso di Progettazione e Gestione della Supply Chain (PGSC) Prof. Andrea Sianesi. Facoltà di Ingegneria. Politecnico di Milano

Lean & Agile. Corso di Progettazione e Gestione della Supply Chain (PGSC) Prof. Andrea Sianesi. Facoltà di Ingegneria. Politecnico di Milano Corso di Progettazione e Gestione della Supply Chain (PGSC) Facoltà di Ingegneria Lean & Agile Prof. Andrea Sianesi Politecnico di Milano Centro di Ricerca sulla Logistica I prodotti I prodotti (prevalentemente)

Dettagli

Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione

Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione Docente di Gestione dei Processi e dei Progetti La Sapienza Università di Roma Agenda Perché le ICT a supporto dei processi di gestione della

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 4 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Modulo 4 Il Sistema Informativo per la gestione della catena di fornitura: Supply Chain Management; Extended

Dettagli

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1 Analisi della catena logistica Analisi della catena logistica 1 La visione tradizionale della logistica nel settore manifatturiero Utile 4% Costi della Logistica 21% Utile Costi logistici Costi del Marketing

Dettagli

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA (CAP. 9) 1. Illustra le principali tipologie dei processi produttivi. Sulla base della diversa natura tecnologica del ciclo di produzione, i processi produttivi si distinguono

Dettagli

Confini del business e supply chain management

Confini del business e supply chain management Confini del business e supply chain management Roberta Bocconcelli a.a. 2011/2012 DESP Dipartimento di Eonomia, Società, Politica 1/27 La soddisfazione del cliente e la qualità totale Il cliente e la sua

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

Strategie di produzione

Strategie di produzione Strategie di produzione Strategie di produzione 1 Aspetti generali Nel contesto industriale una strategia è in estrema sintesi un piano finalizzato al raggiungimento di un obiettivo. Il piano deve esplicitare

Dettagli

Supply Chain Management

Supply Chain Management Supply Chain Management Cosa è la Supply chain "il Supply Chain Management è un approccio integrato, orientato al processo per l'approvvigionamento, la produzione e la consegna di prodotti e servizi ai

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione italiana Più di venticinque anni fa Masaaki Imai, guru della strategia di miglioramento continuo, introduceva il mondo occidentale al concetto di Kai Zen e ai sistemi che nelle

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Le 5 forze di Porter Nella formulazione di una strategia un passo fondamentale è la definizione e lo studio delle principali caratteristiche del settore in cui si opera. Lo schema di riferimento più utilizzato

Dettagli

La gestione dell incertezza nella Supply Chain: la scorta di sicurezza. La scorta di sicurezza nella supply chain 1

La gestione dell incertezza nella Supply Chain: la scorta di sicurezza. La scorta di sicurezza nella supply chain 1 a gestione dell incertezza nella Supply Chain: la scorta di sicurezza a scorta di sicurezza nella supply chain 1 Il ruolo della giacenza nella supply chain Migliora l adattamento di domanda / fornitura

Dettagli

Questionario per l Innovazione

Questionario per l Innovazione Questionario per l Innovazione Confindustria, con il progetto IxI - Imprese per l Innovazione - intende offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura dell innovazione e dell

Dettagli

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM RICONOSCERE I CLIENTI PROFITTEVOLI : GLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM DEFINIRE IL GRADO DI PROFITTABILITA DEL CLIENTE Avere un'organizzazione orientata al cliente

Dettagli

STRATEGIC Management Partners

STRATEGIC Management Partners STRATEGIC Management Partners Strategic Report Dall'ottimizzazione della produzione alla gestione integratadellasupplychain Ing. Giulio Cavitelli Ing. Stefano Garisto Sintesi 2 La gestione della produzione

Dettagli

Informatica Industriale Modello organizzativo Enterprise Resource Planner

Informatica Industriale Modello organizzativo Enterprise Resource Planner DIIGA - Università Politecnica delle Marche A.A. 2006/2007 Informatica Industriale organizzativo Enterprise Resource Planner Luca Spalazzi spalazzi@diiga.univpm.it www.diiga.univpm.it/~spalazzi/ Informatica

Dettagli

Mercati e industria del solare: scenari economico - finanziari e business model vincenti dopo la revolution

Mercati e industria del solare: scenari economico - finanziari e business model vincenti dopo la revolution Mercati e industria del solare: scenari economico - finanziari e business model vincenti dopo la revolution Antonio Nodari Amministratore Delegato Pöyry Management Consulting Italia Roma, 15 marzo 2011

Dettagli

AGENDA. Modelli di gestione del supply network per fronteggiare la variabilità della domanda. A. F. De Toni, Università di Udine

AGENDA. Modelli di gestione del supply network per fronteggiare la variabilità della domanda. A. F. De Toni, Università di Udine Modelli di gestione del supply network per fronteggiare la variabilità della domanda A. F. De Toni, Università di Udine AGENDA > Introduzione: i supply network > Effetti della variabilità della domanda

Dettagli

PowerSchedo. Un sistema di supporto alla decisione nel settore dell'oil&gas. For further information: www.mbigroup.it

PowerSchedo. Un sistema di supporto alla decisione nel settore dell'oil&gas. For further information: www.mbigroup.it PowerSchedo Un sistema di supporto alla decisione nel settore dell'oil&gas For further information: Introduzione PowerSchedO è uno strumento software di supporto alle decisioni per problemi nel settore

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

ALBERT. copyright hventiquattro

ALBERT. copyright hventiquattro ALBERT ALBERT MONETIZZARE LE SCORTE Il tuo magazzino: da deposito a risorsa Albert agisce sulle fonti di finanziamento interno. Non tanto in termini di puro taglio dei costi, quanto di recupero di flussi

Dettagli

LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI

LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI Edizione fuori commercio - Vietata la riproduzione anche parziale www.adaci adaci.itit A JOB RIGHT NOW! Anno accademico 2008-2009 2009 LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Consulenza Direzionale www.kvalue.net. Presentazione Società. Key Value for high performance business

Consulenza Direzionale www.kvalue.net. Presentazione Società. Key Value for high performance business Key Value for high performance business Consulenza Direzionale www.kvalue.net KValue Srl Via E. Fermi 11-36100 Vicenza Tel/Fax 0444 149 67 11 info@kvalue.net Presentazione Società L approccio KValue KValue

Dettagli

ID e Operations. KPI produttivi e logistici con il supporto della identificazione automatica. Bologna, 15 Maggio 2012

ID e Operations. KPI produttivi e logistici con il supporto della identificazione automatica. Bologna, 15 Maggio 2012 ID e Operations KPI produttivi e logistici con il supporto della identificazione automatica Bologna, 15 Maggio 2012 Dott. Alessandro Pacelli Partner Opta Dott. Gianluca Spada Partner Opta Presentazione

Dettagli

Clark, Fujimoto, Product Development performance, Harvard Business School Press, 1991.

Clark, Fujimoto, Product Development performance, Harvard Business School Press, 1991. BIBLIOGRAFIA Clark, Fujimoto, Product Development performance, Harvard Business School Press, 1991. Joseph Blackburn (a cura di), Competere sul tempo, Etas, 1993 Bartezzaghi, Spina, Verganti, Nuovi modelli

Dettagli

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi concorrenti. IL VANTAGGIO COMPETITIVO NASCE DA FONTI ESTERNE E/O

Dettagli

Le barriere all entrata

Le barriere all entrata Le barriere all entrata Derivano da: maggiori i costi minori ricavi della nuova entrante rispetto alle imprese già presenti nel settore Le nuove entranti devono considerare: Condizioni d ingresso: ostacoli

Dettagli

GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE

GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE Nozioni di base In questo modulo: La logistica aziendale Il magazzino Le scorte di magazzino La logistica integrata e la supply chain 2 1 La logistica aziendale Qualsiasi impresa

Dettagli

FLESSIBILITA : Una leva strategica per la gestione del cambiamento

FLESSIBILITA : Una leva strategica per la gestione del cambiamento POLITECNICO DI BARI Corso di GESTIONE DEI PROGETTI DI INNOVAZIONE A.A. 2006/07 2 semestre Corso di Laurea in Ingegneria Informatica, Automatica, delle Telecomunicazioni, Elettronica FLESSIBILITA : Una

Dettagli

IL MODELLO SCOR. Agenda. La Supply Chain Il Modello SCOR SCOR project roadmap. Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla. Engineering.

IL MODELLO SCOR. Agenda. La Supply Chain Il Modello SCOR SCOR project roadmap. Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla. Engineering. Production Engineering Research WorkGROUP IL MODELLO SCOR Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla Dipartimento di Tecnologia Meccanica, Produzione e Ingegneria Gestionale Università di Palermo Agenda

Dettagli

Presentazione di Arthur D. Little Integrazione di sistemi di gestione

Presentazione di Arthur D. Little Integrazione di sistemi di gestione Presentazione di Arthur D. Little Integrazione di sistemi di gestione Presentazione a: Novembre 2010 Arthur D. Little S.p.A. Corso Sempione, 66 20124 Milano Telefono (39) 02.673761 Telefax (39) 02.67376251

Dettagli

COLLABORARE CON LA DISTRIBUZIONE

COLLABORARE CON LA DISTRIBUZIONE COLLABORARE CON LA DISTRIBUZIONE Agenda Il mercato e le spinte all ottimizzazione dei costi Le leve potenziali di ottimizzazione I centri di consolidamento come leva di ottimizzazione inbound La riduzione

Dettagli

SG Soluzioni Logistiche. SG Soluzioni Logistiche

SG Soluzioni Logistiche. SG Soluzioni Logistiche SG Soluzioni Logistiche SG Soluzioni Logistiche Information CommunicationTechnology elemento strategico per il consolidamento Information del vantaggio competitivo CommunicationTechnology elemento strategico

Dettagli

www.plannet.it La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain

www.plannet.it La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain - VANTAGGI L introduzione della soluzione software COMPASS e la contemporanea realizzazione di cambiamenti di carattere organizzativo

Dettagli

Strategie e percorsi alternativi di sviluppo aziendale

Strategie e percorsi alternativi di sviluppo aziendale Lezione 7 Strategie e percorsi alternativi di sviluppo aziendale prof. ssa Clara Bassano Corso di Economia e Gestione delle Imprese A.A. 2005-2006 I percorsi di sviluppo: la formulazione delle strategie

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la logistica industriale

Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la logistica industriale Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la logistica industriale dott. Matteo Rossi La funzione produzione La produzione assume caratteristiche differenti da impresa a impresa,

Dettagli

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Università : Università degli studi di Bologna Facoltà : Economia Indice di questo documento L' Appunto Le Domande d'esame e' un sito di

Dettagli

Il modello di Kraljic, una strategia a 4 step

Il modello di Kraljic, una strategia a 4 step articolo n. 2 marzo 2014 Il modello di Kraljic, una strategia a 4 step CLAUDIO VETTOR, SISTEMIC MANAGER Claudio Vettor, Temporary Manager, Esperto di Theory of Constraints, ha dedicato la propria carriera

Dettagli

GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI

GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI a.a. 2009-10 Prof. Corrado lo Storto DIEG, Dipartimento di Ingegneria Economico-gestionale Facoltà di Ingegneria, Università di Napoli Federico

Dettagli

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Piani integrati per lo sviluppo locale Progetti di marketing territoriale Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Sviluppo di prodotti turistici Strategie e piani di comunicazione Percorsi

Dettagli

Novità e implicazioni della nuova ISO 14001: l'analisi e le riflessioni del Gruppo di Lavoro Qualità Ambientale

Novità e implicazioni della nuova ISO 14001: l'analisi e le riflessioni del Gruppo di Lavoro Qualità Ambientale Novità e implicazioni della nuova ISO 14001: l'analisi e le riflessioni del Gruppo di Lavoro Qualità Ambientale Michela Melis - IEFE Università Bocconi Alberto Riva - Gdl Qualità Ambientale, Assolombarda

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP ALL AVANGUARDIA CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è una soluzione di gestione

Dettagli

Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM. Alice Pavarani

Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM. Alice Pavarani Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM Alice Pavarani Un ERP rappresenta la maggiore espressione dell inseparabilità tra business ed information technology: è un mega-package di applicazioni

Dettagli

CHE COSA È IL MARKETING

CHE COSA È IL MARKETING 01_giacomazzi 3-12-2001 9:10 Pagina 1 CHE COSA È IL MARKETING BUSINESS TO BUSINESS (MARKETING INDUSTRIALE) Capitolo 1 1.1 MARKETING BUSINESS TO BUSINESS I Paesi industrializzati sono nel pieno di una rivoluzione

Dettagli

Il tuo partner perfetto

Il tuo partner perfetto tecnologico Partner Il tuo partner perfetto Le soluzioni per la supply chain di Avnet I nostri partner 2 Le soluzioni per la supply chain di Avnet Il tuo partner perfetto La tua logistica è in buone mani,

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING LEZIONI N. 13 e 14 La Gestione dei Canali di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI

Dettagli

Il magazzino e le scorte

Il magazzino e le scorte Albez edutainment production Il magazzino e le scorte Classe IV ITC In questo modulo: La logistica aziendale Il magazzino Le scorte di magazzino La logistica integrata e la supply chain 2 La logistica

Dettagli

Capitolo 4 L AMBIENTE ESTERNO

Capitolo 4 L AMBIENTE ESTERNO Capitolo 4 L AMBIENTE ESTERNO L ambiente L ambiente è infinito e comprende tutto ciò che sta all esterno dell organizzazione. Si definisce ambiente organizzativo, l insieme di tutti gli elementi, al di

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e della Produzione Ph.D. Ing. Mosè Gallo Introduzione La produzione di un bene o l erogazione di in servizio richiede

Dettagli

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS TOYOTA Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS 1 1. ANALISI DEL SETTORE 2. TOYOTA 3. LANCIO AYGO 4. CONCLUSIONI 2 INDUSTRIA Più IMPORTANTE PER FATTURATO La rilevanza del settore si

Dettagli

Pianificazione e controllo delle risorse

Pianificazione e controllo delle risorse Pianificazione e controllo delle risorse Pianificazione e controllo delle risorse Gestione dell allocazione delle risorse in modo che i processi dell azienda siano efficienti e riflettano la domanda di

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

VII Forum Politeia. Supply Chain sostenibile end-to-end. Angelo Spina

VII Forum Politeia. Supply Chain sostenibile end-to-end. Angelo Spina VII Forum Politeia Supply Chain sostenibile end-to-end Angelo Spina 1 www.acquistiesostenibilita.org 4 ACQUISTI &SOSTENIBILITA - Vietata la riproduzione anche parziale ed il ri-editing ad hoc Vers.1.0

Dettagli

Il nostro concetto di business

Il nostro concetto di business Il nostro concetto di business Il concetto di business GOANDPLY ruota attorno a tre elementi principali: la volontà di mettere a disposizione delle aziende le proprie idee, creatività, knowledge ed esperienza

Dettagli

LOGISTICA Laurea Specialistica-Università di Mantova Anno accademico 2009-2010. Federico Di Palma

LOGISTICA Laurea Specialistica-Università di Mantova Anno accademico 2009-2010. Federico Di Palma LOGISTICA Laurea Specialistica-Università di Mantova Anno accademico 2009-2010 Federico Di Palma Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia Tel: 0382-985796 - Fax:0382-985373 email:federico.dipalma@unipv.it

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

Capitolo 1. Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente. Capitolo 1- slide 1

Capitolo 1. Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente. Capitolo 1- slide 1 Capitolo 1 Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente Capitolo 1- slide 1 Obiettivi di apprendimento Che cos è il marketing? Comprendere il mercato e i bisogni del consumatore Obiettivi

Dettagli

Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML

Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML Corsi internazionali, corsi in house, master e convegni: la qualità dell insegnamento è sempre garantita da docenti selezionati,

Dettagli

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Per TECNOLOGIA si intendono i processi, le tecniche, i macchinari e le azioni utilizzati per trasformare gli input organizzativi (materiali,

Dettagli

CUSTOMERIZATION: THE NEXT REVOLUTION IN MASS CUSTOMIZATION

CUSTOMERIZATION: THE NEXT REVOLUTION IN MASS CUSTOMIZATION I. INTRODUZIONE Un nuovo tipo di mass customization sta ridefinendo le strategie di business e di marketing. Molte aziende offrono prodotti altamente personalizzati in una vasta gamma di categorie. Queste

Dettagli

Indice di un Business Plan (2)

Indice di un Business Plan (2) Il Piano di Marketing www.docenti.unina unina.it/mario.raffa Corso di Gestione dello Sviluppo Imprenditoriale Prof. Mario Raffa raffa@unina.it it Indice di un Business Plan (2)! 3. Il piano di marketing

Dettagli

INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V. Indice

INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V. Indice INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V Indice Gli autori XIII XVII Capitolo 1 I sistemi informativi aziendali 1 1.1 INTRODUZIONE 1 1.2 IL MODELLO INFORMATICO 3 1.2.1. Il modello applicativo 3 Lo strato di presentazione

Dettagli

Conoscenza di mercato e internazionalizzazione. Simone Guercini Università degli Studi di Firenze. Prato, 24 maggio 2005

Conoscenza di mercato e internazionalizzazione. Simone Guercini Università degli Studi di Firenze. Prato, 24 maggio 2005 Conoscenza di mercato e internazionalizzazione Simone Guercini Università degli Studi di Firenze Prato, 24 maggio 2005 Sommario 1) La conoscenza di mercato nella prospettiva del decisore aziendale 2) Interazione

Dettagli

Dott.ssa Federica Ceci Corso di Economia e Gestione delle Imprese

Dott.ssa Federica Ceci Corso di Economia e Gestione delle Imprese Dott.ssa Federica Ceci Corso di Economia e Gestione delle Imprese 1 1 Cos è un business game?!"!#$%&%'( )*(+,-./0(!"!#$%&%'(/.(1.23-,4.0*5(/5--,(+.6,(/.(.27851,( 9%'$'( )*( 9%'$'(.*( :3,*60( 785+5/5( -;51.165*4,(

Dettagli

Competere nei mercati internazionali

Competere nei mercati internazionali Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani Competere nei mercati internazionali A cura di: Martina Fiordigigli Silvia Gardini Cap. 7, Thompson A., Strickland

Dettagli

Il linguaggio per la moderna progettazione dei processi aziendali

Il linguaggio per la moderna progettazione dei processi aziendali Il linguaggio per la moderna progettazione dei processi aziendali Organizzare un azienda sotto il profilo dei processi è oramai diventata una disciplina a cavallo tra la competenza aziendalistica ed informatica.

Dettagli

L indagine La congiuntura industriale in Piemonte : potenziali criticità della supply chain nelle imprese. Alcune osservazioni preliminari

L indagine La congiuntura industriale in Piemonte : potenziali criticità della supply chain nelle imprese. Alcune osservazioni preliminari L indagine La congiuntura industriale in Piemonte : potenziali criticità della supply chain nelle imprese. Alcune osservazioni preliminari Giolito Piercarlo Università degli Studi di Torino Dipartimento

Dettagli

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT Maturità di molte applicazioni su cliente, interlocutori sempre più tecnicamente preparati e esigenti, banalizzazione di know how e di processo nelle diverse offerte spingono

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Supply Chain nell azienda estesa della conoscenza. L'E-Procurement nell'azienda estesa della conoscenza. Agenda. Il Gruppo Snaidero

Supply Chain nell azienda estesa della conoscenza. L'E-Procurement nell'azienda estesa della conoscenza. Agenda. Il Gruppo Snaidero BICOCCA PER LE IMPRESE seminario Tecnologie Informatiche e Supply Chain Management (SCM), Università di Milano Bicocca 18.09.2003 Milano, 18 Settembre 2003 Supply Chain nell azienda estesa della conoscenza

Dettagli

Pricing & Costing Soluzioni Caso One-O-One

Pricing & Costing Soluzioni Caso One-O-One Pricing & Costing Soluzioni Caso One-O-One G.TOSCANO e A.VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università di Castellanza Ottobre 2010 Anno accademico 2010/11 Lucidi di Giuseppe Toscano 1 Domande guida per

Dettagli

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche 1. La e-company: definizione e caratteristiche 2. Le tre direttrici di sviluppo del

Dettagli

Parte 1 La strategia di espansione internazionale

Parte 1 La strategia di espansione internazionale Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore XIII XVI XVIII Parte 1 La strategia di espansione internazionale Capitolo 1 L internazionalizzazione delle imprese: scenari e tendenze

Dettagli

Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti

Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti Raffaele Secchi Operations & Technology Management Unit Agenda Il progetto di ricerca Fashion e SCM: gli

Dettagli

La logistica e il commercio elettronico (e-business)

La logistica e il commercio elettronico (e-business) La logistica e il commercio elettronico (e-business) Webbit 2003, Padova andrea.payaro@unipd.it 1 Agenda La logistica Il commercio elettronico e il business elettronico Opportunità e vincoli dei modelli

Dettagli

Introduzione a PowerSchedO

Introduzione a PowerSchedO Il sistema di supporto alle tue decisioni Introduzione a PowerSchedO White paper Per maggiori informazioni http://www.powerschedo.it http://www.mbigroup.it PowerSchedO è un marchio registrato MBI. Questo

Dettagli

Microeconomia Settima edizione

Microeconomia Settima edizione Robert S. Pindyck Daniel L. Rubinfeld Microeconomia Settima edizione Edizione italiana a cura di Emanuele Bacchiega Sommario breve PARTE I Introduzione: mercati e prezzi Capitolo 1 Concetti di base 3 Capitolo

Dettagli

2 Come analizzare un caso aziendale

2 Come analizzare un caso aziendale 25 2 Come analizzare un caso aziendale SOMMARIO: 2.1. Sezione 1: raccolta, interpretazione e classificazione delle informazioni del testo. 2.1.1. I consumatori (Customer analysis). 2.1.2. L impresa (Company

Dettagli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media INFORMAZIONI Materiale

Dettagli

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie dell informazione e controllo 2 Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale IT e coordinamento esterno IT e

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

Industrial Equipment Manufacturing. Industrial Equipment Manufacturing per Microsoft Dynamics AX

Industrial Equipment Manufacturing. Industrial Equipment Manufacturing per Microsoft Dynamics AX Industrial Equipment Manufacturing Industrial Equipment Manufacturing per Microsoft Dynamics AX Vantaggi principali ñ Aumento dell efficienza operativa. ñ Integrazione di innovazioni nella produzione.

Dettagli

INDICE. Prefazione... XIII

INDICE. Prefazione... XIII INDICE VII INDICE SOMMARIO Prefazione... XIII CAPITOLO PRIMO IL NUOVO MERCATO (THE NEW MARKET)...1 1. I cambiamenti del mercato...1 2. La concentrazione del potere d acquisto...4 3. La frammentazione dei

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella

Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella Analisi delle aree funzionali produzione e marketing PRODUZIONE: Nelle precedenti lezioni abbiamo inteso

Dettagli

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT Esperienza e Innovazione SUPPLY CHAIN MANAGEMENT L approccio proposto da M&IT per il miglioramento degli Acquisti e per l integrazione dei Fornitori Consulenza di Direzione Risorse Umane Sistemi Normati

Dettagli

Tecnologie per la produzione manifatturiera e per i servizi

Tecnologie per la produzione manifatturiera e per i servizi ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie per la produzione manifatturiera e per i servizi 2 Processo di trasformazione di base per un azienda manifatturiera Organizzazione Risorse umane Contabilità R&S Marketing

Dettagli

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI LARGO CONSUMO

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI LARGO CONSUMO IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI LARGO CONSUMO 1 LE ORIGINI q I primi studi sul marketing relazionale risalgono alla seconda metà degli anni ' 70 e sono riferiti al settore dei beni industriali

Dettagli

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca La valutazione delle performance competitive di un prodotto rappresenta una fase centrale del processo di decision

Dettagli

STRATEGIA COMPETITIVA. Gestione strategica ed operativa. Obiettivi strategici

STRATEGIA COMPETITIVA. Gestione strategica ed operativa. Obiettivi strategici STRATEGIA COMPETITIVA Nei confronti dell evoluzione dell ambiente esterno, l imprenditore può adottare differenti atteggiamenti: atteggiamento di attesa: risposta al verificarsi di cambiamenti ambientali;

Dettagli

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Opportunità per le PMI per ottimizzare la gestione della filiera logistico

Dettagli

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE Fermo, 31 Gennaio 2015 CHE COS E IL MARKETING? Il marketing può intendersi come il complesso di attività che un azienda

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP integrata CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è un ERP innovativo, flessibile

Dettagli

Cash Cycle Management Solutions: la rivoluzione nella gestione del contante

Cash Cycle Management Solutions: la rivoluzione nella gestione del contante In molti paesi, le aziende retail trasferiscono i contanti ai cash center avvalendosi di servizi portavalori (CiT). I gestori di distributori di carburanti o i piccoli negozi in franchising portano spesso

Dettagli