AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA"

Transcript

1 AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA - EFFETTI SUL TERZO ACQUIRENTE E SUL TERZO SUB-ACQUIRENTE - Va innanzitutto evidenziato che l effetto dell azione revocatoria, quale mezzo di conservazione della garanzia patrimoniale, consiste nella dichiarazione d inefficacia dell atto dispositivo nei soli confronti del creditore che ha agito il quale 1, una volta ottenuta la pronuncia di revoca, potrà conseguire il risultato utile aggredendo il bene oggetto della disposizione impugnata mediante la procedura di espropriazione forzata ex art c.c., nelle forme di cui all art. 602 c.p.c.. Inizialmente, in particolare sotto la vigenza del codice del 1865 e per alcuni anni successivi alla sua abrogazione, l azione revocatoria veniva intesa come sanzione di un illecito civile e, pertanto, come strumento di reazione a comportamenti fraudolenti del debitore. Con il passare del tempo si è avuta una lenta e progressiva evoluzione dell istituto da sanzione alla frode del debitore a mezzo di tutela oggettiva del diritto del creditore 2. Se l atto di disposizione fosse oggi qualificabile come illecito, il debitore dovrebbe essere tenuto a risarcire il danno, e risponderebbe di tale obbligo anche il terzo acquirente con tutto il suo patrimonio e non soltanto col bene che ha formato oggetto dell atto impugnato (art. 2902, co. 1). L attuale e dettagliata disciplina dell azione revocatoria, contenuta nell art c.c., come porta ad escludere l invalidità dell atto revocando così non permette di ravvisarvi un atto illecito (pur non escludendosi il concorso di un ulteriore ed autonoma responsabilità da illecito a carico del terzo revocato ex. art c.c. nei limiti in cui l ordinamento giuridico ammette la responsabilità aquiliana per lesione del credito altrui, in particolare si affronterà in seguito l ipotesi in cui il terzo acquirente ponga in essere atti di disposizione sul bene oggetto di revocatoria che abbiano reso irrealizzabile in tutto o in parte il ripristino della garanzia patrimoniale); è vero quanto 1 Si parla in tal senso di inefficacia relativa. 2 Manuale di diritto civile, Volume 2, Francesco Caringella, Giuffrè Editore, 2008.

2 affermato da chi vide nel passaggio dall art c.c. del 1865 all art c.c. del 1942 «una progressiva e lenta evoluzione dell istituto da sanzione alla frode del debitore a mezzo di tutela del creditore»: evoluzione favorita dalla dottrina e della giurisprudenza, le quali svuotarono dall interno il concetto di frode e costruirono uno strumento di protezione oggettiva del credito. Questa protezione tende quindi a conservare l integrità della garanzia patrimoniale: i beni alienati continuano ad essere sottoposti all eventuale esecuzione forzata pur non facendo più parte del patrimonio del debitore ed il terzo è esposto a tale esecuzione come se su quei beni gravasse un diritto di séguito del creditore, il quale è preferito ai creditori dell acquirente 3. La dottrina a tal proposito ritiene che in favore del creditore che abbia ottenuto la dichiarazione di inefficacia dell atto e che abbia provveduto, se del caso, alla regolare trascrizione della domanda di revocazione e all annotazione della successiva sentenza ai sensi dell art. 2625, n. 5 c.c., venga riconosciuta una sorta di garanzia specifica, una vera e propria causa di prelazione rispetto ai creditori del terzo acquirente. Il creditore potrà quindi agire sul ricavato della vendita forzata con preferenza rispetto ai creditori del terzo-acquirente-espropriato, fatti salvi i diritti maturati in virtù di un atto trascritto precedentemente alla trascrizione della domanda di revoca 4. 3 Responsabilità patrimoniale. I mezzi di conservazione, F. Roselli, Giappichelli Editore, Cfr. Codice Civile, a cura di Pietro Rescigno, Giuffrè, III edizione. Va precisato che l azione revocatoria incidente su atti di disposizione di beni immobili è oggetto di trascrizione nei registri immobiliari e la sentenza che accoglie la domanda di revoca, a sua volta oggetto di trascrizione, vedrà i propri effetti retroagire alla data della trascrizione della relativa domanda. Saranno così assicurati gli effetti della trascrizione di cui all articolo 2644 del codice civile, a norma del quale, in particolare, non può avere effetto nei confronti di colui che ha trascritto, alcuna trascrizione o iscrizione di diritti acquistati verso il suo autore, quantunque l acquisto risalga a data anteriore, se tale iscrizione o trascrizione avviene dopo la trascrizione della domanda revocatoria. In questo modo si previene il fenomeno della successione di alienazioni del medesimo bene, che renderebbe via via più difficile il recupero dello stesso alla garanzia patrimoniale. Solo in caso di anteriore trascrizione di un pignoramento vi sarà paritario concorso tra il creditore revocante e i creditori dell acquirente. In tema di atti opponibili al creditore revocante, anche se la dottrina citata fa espresso riferimento al solo caso di anteriorità della trascrizione, si ritiene che, in forza degli artt c.c. - Gli atti enunciati nell'articolo precedente (atti soggetti a trascrizione) non hanno effetto riguardo ai terzi che a qualunque titolo hanno acquistato diritti sugli immobili in base a un atto trascritto o iscritto anteriormente alla trascrizione degli atti medesimi e 2652, comma 1 n. 5 si devono trascrivere ( ) 5) le domande di revoca degli atti soggetti a trascrizione, che siano stati compiuti in pregiudizio dei creditori. La sentenza che accoglie la domanda non pregiudica i diritti acquistati a titolo oneroso dai terzi di buona fede in base a un atto trascritto o iscritto anteriormente alla trascrizione della domanda siano opponibili al creditore attore in revocatoria altresì le iscrizioni ipotecarie anteriori alla trascrizione della domanda di revocatoria.

3 Per quanto concerne i presupposti, oltre al consilium fraudis 5 del debitore ed il cd. eventus damni 6, qualora l atto dispositivo sia a titolo oneroso per agire in revocatoria è anche necessaria la cd. scientia damni del terzo, che dovrà essere consapevole, seppur genericamente, del pregiudizio arrecato alle ragioni del creditore. Dovrà risultare la sua malafede, intendendosi in tal caso sufficiente la possibilità del terzo di rendersi conto del danno arrecato alle ragioni creditorie (Cass. Civ., Sez. III, 11763/06) 7. La dimostrazione della malafede potrà essere fornita con qualunque mezzo, anche attraverso presunzioni semplici (Cass. Civ. Sez. III, n. 4077/96). Occorre chiarire che l acquirente in malafede, sia a titolo gratuito che oneroso, non potrà valersi della anteriorità della trascrizione per salvare il proprio acquisto. Il terzo acquirente è litisconsorte necessario del debitore alienante, poiché l accoglimento della domanda comporta, per effetto dell assoggettamento dello stesso terzo alle azioni esecutive sul bene oggetto dell atto di disposizione impugnato, l acquisto da parte di costui di ragioni di credito verso l alienante (art cc., comma 2), oltre ad altri effetti immediati e diretti (quali l obbligo della restituzione di prezzo a seguito di evizione della cosa) 8. * * * Descritto in via generale l istituto e i suoi presupposti occorre analizzare il rapporto esistente tra il creditore che abbia ottenuto la dichiarazione di inefficacia dell atto ed il terzo che ha acquistato il bene dal debitore, sottraendolo alla sua garanzia patrimoniale. 5 Vi deve essere stata frode del debitore. Tale frode consiste nella conoscenza del pregiudizio che l atto di disposizione può arrecare alle ragioni del creditore. Vi è, quindi, non una specifica intenzione di nuocere alle ragioni creditorie, bensì una situazione di semplice conoscenza (ovvero conoscibilità, secondo il parametro della media diligenza) Cass. Civ., Sez. II, 14274/99. Se l atto è stato compiuto prima che sorgesse il diritto di credito è necessario che l atto di disposizione fosse dolosamente preordinato al fine di danneggiare il futuro creditore. 6 L atto di disposizione posto in essere dal debitore deve essere di natura tale da poter danneggiare gli interessi del creditore. Di conseguenza se il patrimonio del debitore è composto di molti cespiti di rilevante valore, la vendita di alcuni di essi non potrà danneggiare gli interessi del creditore poiché quest ultimo, in caso di inadempimento, potrà sempre rivalersi sugli altri beni del patrimonio del debitore. 7 Qualora sia a titolo gratuito sarà invece sufficiente dimostrare i primi due requisiti essendo irrilevante il terzo, richiesto in caso di atti a titolo oneroso. 8 Detto litisconsorzio permane in tutti i gradi del giudizio, a nulla rilevando che nel primo una delle parti sia rimasta contumace; il difetto d integrità del contradittorio va rilevato, anche d ufficio, in qualsiasi grado e stato, Cass. Civ., Sez. II, 10 dicembre 2008, n

4 Si è detto che il terzo acquirente in malafede, se l atto è a titolo oneroso, è il soggetto passivamente legittimato alle azioni esecutive o cautelari che il creditore abbia deciso di esperire ottenuta la declaratoria di inefficacia dell atto impugnato, senza che si renda necessaria la preventiva escussione del debitore. Il terzo acquirente viene, dunque, a trovarsi in posizione analoga a quella del proprietario del bene gravata da pegno o ipoteca, ossia del proprietario di un bene assoggettato a garanzia per un debito altrui. L Art c.c. nel prevedere che le azioni esecutive e cautelari debbano promuoversi nei confronti del terzo acquirente, conferma che l inefficacia dell atto impugnato, conseguente all esperimento della revocatoria, giova solo al creditore procedente e non comporta alcun mutamento nell ambito della titolarità dei diritti trasferiti con il medesimo atto dispositivo, che al contrario conserva la sua efficacia sia inter partes, sia nei confronti dei terzi. Il creditore vittorioso è però legittimato all esercizio delle azioni necessarie al soddisfacimento del credito come se il bene di cui si è disposto facesse ancora parte del patrimonio del debitore 9. * * * Ulteriori atti di disposizione da parte del terzo acquirente nei confronti di terzi sub-acquirenti La più ampia tutela dell interesse creditorio impone di considerare la configurabilità di una responsabilità diretta (ovviamente extracontrattuale, ex art c.c.) del terzo acquirente nei confronti del creditore ogniqualvolta in cui la condotta dal primo tenuta abbia frustrato l esercizio dell azione revocatoria, rendendolo del tutto inutile od inidoneo alla ricostituzione della generica garanzia patrimoniale. Ciò accade qualora il terzo sottragga il bene al soddisfacimento coattivo 9 Considerata la relatività degli effetti dell inefficacia dichiarata con la sentenza di revoca, si ritiene che l esperimento delle azioni esecutive e cautelari (la scelta tra l azione è condizionata dalla natura del credito) spetti al solo creditore attore in revocatoria restando preclusa ai creditori che non hanno preso parte al giudizio di revocatoria sia la possibilità di esperire autonomamente tali azioni sia di intervenire nelle procedure già instaurate contro il terzo acquirente.

5 delle ragioni del creditore, alienandolo ad altri in modi e tempi tali che esso non possa essere raggiunto (o utilmente raggiunto) dall'azione conservativa o esecutiva del creditore, o determinandone una diminuzione di valore, o provocandone il perimetro, o costituendo una qualsiasi situazione giuridica che determini la riduzione o la perdita della garanzia patrimoniale del credito. La Corte di Cassazione 10 pronunciandosi sulla questione ha affermato la diretta responsabilità del terzo verso il creditore ove ricorrano quattro condizioni: revocabilità ex art c.c. dell atto di disposizione del patrimonio del debitore 11 ; compimento, da parte del terzo, dopo la stipulazione dell atto, di atti elusivi (totali e parziali) della garanzia patrimoniale; connotazione del fatto del terzo quale originaria posizione di illiceità concorrente con quella del debitore ovvero quale autonoma posizione di illiceità; concreta sussistenza dell eventus damni, causato dal fatto illecito del terzo. E, poiché la responsabilità del terzo non ha la sua fonte in un rapporto obbligatorio, l'illecito ha natura extracontrattuale (art c.c.)..il terzo acquirente di un bene del debitore, per un atto di disposizione patrimoniale assoggettabile a revocatoria ai sensi dell'art c.c., è responsabile direttamente nei confronti del creditore ex art c.c. degli atti illeciti, posti in essere dopo l'acquisto del bene, che abbiano in concreto reso irrealizzabile, in tutto o in parte il ripristino della garanzia patrimoniale per effetto dell'esercizio dell'azione revocatoria. Nel caso in cui lo scopo perseguibile con l'esercizio dell'azione revocatoria ai sensi dell'art c.c. non sia più realizzabile per fatto illecito successivo del terzo acquirente del bene, il creditore 10 Cass. Civ., 13 gennaio.1996, n. 251 in Foro It., 1996, I, c. 1274, richiamata da Trib. Roma, Sez. III, , n , Cass. Civ., 25 maggio 2001 n Trib. Messina, 04 luglio 2001.

6 potrà agire direttamente nei confronti del terzo per il risarcimento del danno ai sensi dell'art c.c., senza dover preventivamente esperire l'azione revocatoria, essendo rimesso al giudice di accertare che sussistevano i presupposti dell'azione revocatoria e che il suo scopo non era più realizzabile per il fatto illecito del terzo, quali momenti genetici dell'obbligazione risarcitoria 12. * * * Effetti per il terzo sub-acquirente Un altro aspetto che ha dato origine a numerosi dibattiti è la possibilità di impugnare con l'azione revocatoria ordinaria la doppia (o ancora più) disposizione patrimoniale, cioè qualora l'acquirente del bene abbia a sua volta trasferito a terzi il medesimo bene prima che l'azione revocatoria ordinaria fosse esperita dal creditore o comunque prima della trascrizione dell'atto introduttivo. La possibilità della impugnazione di tutti gli atti di disposizione è stata ammessa da una recente sentenza della Cassazione la quale ha precisato che anche verso i sub-acquirenti, per i quali il creditore deve dare la prova del consilium fraudis, è comunque utilizzabile la prova indiziaria 13. Nel caso in cui vi sia stato un ulteriore atto di disposizione del bene che il creditore intende aggredire con la revocatoria, il terzo sub-acquirente vedrà fatte salve le sue ragioni se era in buona fede al momento dell acquisto. Infatti l articolo 2901, 3 comma c.c. statuisce che l'inefficacia dell'atto non pregiudica i diritti acquistati a titolo oneroso dai terzi di buona fede, salvi gli effetti della trascrizione della domanda di revocazione. Occorre precisare che con riferimento all'ipotesi della trascrizione della domanda di revocatoria precedente la trascrizione dell'atto di acquisto del terzo (sub-acquirente dal terzo), la dichiarazione di inefficacia ottenuta all'esito del giudizio la cui domanda introduttiva è stata 12 Cass. Civ., Sez. III, 27 gennaio 2009, n parla di revocatoria risarcitoria : qualora il terzo acquirente del debitore venda il bene ad un terzo sub-acquirente, nei confronti del primo il creditore potrà esperire la cd. revocatoria risarcitoria, ossia la domanda volta ad ottenere la condanna al risarcimento dal terzo che, dopo aver acquistato un bene dal debitore altrui, lo abbia rivenduto a terzi, sottraendolo così all azione revocatoria. 13 Cass. Sez. III, n

7 trascritta è direttamente ed immediatamente opponibile a tutti coloro che, in buona o mala fede, abbiano trascritto od iscritto l'atto di acquisto del loro diritto dopo la trascrizione della domanda. Altrettanto corretta è l'affermazione per la quale, invece, in caso di trascrizione della domanda successiva alla trascrizione (od iscrizione) dell'atto d'acquisto del terzo (terzo sub-acquirente), questo non vedrebbe pregiudicati i propri diritti se acquirente di buona fede a titolo oneroso, mentre potrebbe subirne pregiudizio se acquirente di mala fede 14. Da quanto sopra evidenziato e dal coordinamento con le altre norme rilevanti in materia, risulta quindi che il conflitto tra creditore attore in revocatoria e sub-acquirente (colui che ha acquistato il bene dal terzo acquirente) si risolve diversamente a seconda che l atto di alienazione abbia avuto ad oggetto beni immobili o mobili registrati oppure beni mobili. Effetti nei confronti dei sub-acquirenti di beni immobili o mobili registrati. 1. Nel caso in cui l acquisto (e relativa trascrizione dell acquisto) di tali beni sia avvenuto dopo la trascrizione della domanda di revocazione l estensione degli effetti dell azione esercitata è automatico, non importando la natura onerosa o gratuita dell acquisto, né la buona o mala fede del sub-acquirente. 2. Nel caso, invece, di acquisto (e relativa sua trascrizione) del sub-acquirente di beni immobili o mobili registrati avvenuto prima della trascrizione della domanda di revocazione 15 sarà possibile distinguere due sotto-ipotesi: - se l atto è a titolo oneroso, l acquisto non viene pregiudicato se il subacquirente ha agito in buona fede, senza quindi aver la consapevolezza che l oggetto acquistato era stato in 14 Cass. Civ., Sez. III, 20 aprile 2012, n Sul punto, tra gli altri, Manuale di diritto civile e commerciale, Messineo, II, Milano, 1950, il quale, relativamente alla funzione della trascrizione della domanda, precisa: La trascrizione della domanda di revocazione ha lo scopo di mettere in guardia gli eventuali aventi causa dal terzo acquirente immediato, sul pericolo, che essi corrono nel subacquistare diritti, il cui tiolo di acquisto è impugnato con la revocatoria; ma, se il terzo abbia acquistato in buona fede e trascritto (o iscritto) il proprio titolo non può essere colpito dalla sentenza che accolga la domanda di revoca.

8 precedenza alienato dal debitore al primo acquirente con pregiudizio per i creditore 16. Nel caso contrario l acquisto verrà travolto dalla revocatoria se è stato concluso in mala fede. - se l atto dispositivo è a titolo gratuito invece l effetto della revocatoria si estende anche al subacquirente, senza che abbia alcuna rilevanza il suo stato soggettivo (di buona o di mala fede). Effetti nei confronti dei sub-acquirenti di beni mobili. 1. Qualora l atto è a titolo oneroso, la revocatoria ha effetto nei suoi confronti solamente qualora venga dimostrata la conoscenza in capo al suddetto del pregiudizio che l operazione negoziale nel suo complesso causava alle ragioni del creditore, o ancora nell ipotesi in cui la domanda di revocazione venga trascritta anteriormente rispetto al momento in cui avvenga l alienazione del bene medesimo Per Cass. Civ., , n resta comunque salvo il diritto del creditore verso il primo acquirente per la restituzione del corrispettivo che ha ricevuto dal sub-acquirente, dato che il creditore non può essere definitivamente privato della garanzia patrimoniale ex art c.c.. La Corte di Cassazione, tuttavia, enuncia che nel caso in cui la trascrizione della domanda di revocazione sia successiva alla trascrizione dell atto di acquisto del terzo, sia nel caso di mala che di buona fede, non si tratta.di inopponibilità/opponibilità diretta ed immediata della sentenza di revocatoria nei confronti del sub-acquirente; in particolare, non si tratta di opponibilità diretta della declaratoria di inefficacia dell'atto nei confronti del terzo acquirente di mala fede: se così fosse, non vi sarebbe differenza alcuna con l'ipotesi, invece, del tutto differente (e differenziata dal legislatore), della trascrizione della domanda di revocatoria precedente l'atto di acquisto del terzo. Per contro, mentre in tale ultima eventualità non è dato distinguere tra l'acquisto a titolo oneroso di buona o di mala fede, nella diversa eventualità in cui l'atto di acquisto del terzo sia stato trascritto anteriormente alla trascrizione della domanda di revocatoria è dato distinguere ai sensi dell'art c.c., n. 5, seconda parte: tuttavia, non operando in tale caso gli effetti della trascrizione della domanda di revocazione, per poter distinguere l'acquisto di buona fede da quello di mala fede ai sensi di tale ultima norma, è necessario un apposito accertamento giudiziale che si concluda, appunto, con la declaratoria di inefficacia dell'atto di acquisto del terzo, qualora si accerti che questo sia stato in mala fede. Soltanto quando l'efficacia di tale atto sia stata rimossa nei confronti del creditore, questi potrà agire esecutivamente contro il sub-acquirente ex artt. 602 e seg. cod. proc. civ.; prima di tale rimozione, l'azione esecutiva; gli è preclusa dalla permanente efficacia dell'atto di acquisto del terzo: questo resta opponibile al creditore, pur se abbia vittoriosamente esperito l'azione revocatoria nei confronti del primo acquirente, in forza della trascrizione dell'atto di acquisto del terzo sub-acquirente precedente la trascrizione della domanda di revocatoria. Presupposto richiesto dall'art. 602 cod. proc. civ. per poter agire contro il terzo proprietario è che il suo acquisto sia stato revocato per frode; la revoca ottenuta nei confronti del primo acquirente del debitore è sufficiente all'azione esecutiva nei confronti del sub-acquirente soltanto quando sia a questo opponibile, tenuto conto degli effetti della trascrizione della domanda di revocazione; in caso contrario, il creditore dovrà agire in revocatoria anche nei confronti del terzo sub-acquirente e provare la sua mala fede Cass. Civ., Sez. III, 20 aprile 2012, n Emerge chiaramente che, qualora l inefficacia dell atto di acquisto del debitore non si riflette sul titolo del sub-acquirente, il creditore dovrà per forza agire direttamente nei confronti di quest ultimo, dando prova della sussistenza della mala fede. 17 Tratto da Sulla posizione del sub-acquirente nell ipotesi di revocazione dell alienazione di beni mobili non iscritti in pubblici registri, Responsabilità Civile e Previdenza, fasc. 11, 2006, pag. 1956B.

9 2. Nel caso in cui l atto è a titolo gratuito, invece, il sub-acquirente si trova, in caso di acquisto in buona fede del possesso di un bene mobile, integralmente esposto all iniziativa del creditore revocante che intende soddisfarsi sull oggetto del suo acquisto. Per concludere, quindi, nel caso in cui l atto di alienazione di beni immobili o mobili registrati a titolo oneroso venga trascritto in precedenza rispetto alla trascrizione della domanda di revocazione, la revoca avrà effetto nei confronti del sub-acquirente solamente nel caso in cui sia possibile provare che egli abbia acquistato nella consapevolezza del pregiudizio che l operazione negoziale nel suo complesso arrecava alle ragioni del creditore. In ogni caso, condizione indispensabile per l opponibilità della revoca nei confronti del subacquirente è la sussistenza dei presupposti necessari per rilevare l inefficacia dell alienazione realizzata dal debitore a favore del suo avente causa immediato. Se il creditore non potrà incidere sul primo atto dispositivo (da debitore a terzo acquirente) per mancanza di tali presupposti, il medesimo creditore non potrà far valere la revoca nei confronti di chi si è reso a sua volta acquirente dal diretto destinatario dell alienazione posta in essere dal debitore (da terzo acquirente a terzo sub-acquirente), anche se il suo acquisto si configura come gratuito o come caratterizzato da mala fede Da considerare Manuale di diritto civile e commerciale, Messineo, II, Milano, 1950, secondo cui: la buona fede del terzo acquirente ed il carattere oneroso del suo acquisto giovano anche al sub-acquirente, nel senso che, se l acquisto sia invulnerabile nei confronti dell acquirente immediato, esso resta invulnerabile nei confronti del sub-acquirente, il quale acquista un diritto non maggiore di quello del proprio dante causa, ma anche un diritto non minore, trattandosi di acquisto a titolo derivativo.

FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.)

FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.) FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.) COSTITUZIONE AMMINISTRAZIONE EFFICACIA OPPONIBILITA REVOCATORIA CESSAZIONE REGIME FISCALE DOTT.SSA ALESSANDRA DE LEONARDIS OBIETTIVI DEL FONDO CONCETTO DI FAMIGLIA

Dettagli

Art. 2901 - Condizioni

Art. 2901 - Condizioni Art. 2901 - Condizioni [I]. Il creditore, anche se il credito è soggetto a condizione o a termine, può domandare che siano dichiarati inefficaci nei suoi confronti gli atti di disposizione del patrimonio

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO CODICE CIVILE - LIBRO SESTO/TITOLO IV TITOLO IV DELLA TUTELA GIURISDIZIONALE DEI DIRITTI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 2907 ATTIVITÀ GIURISDIZIONALE Alla tutela giurisdizionale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4 FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI. L ESPERIBILITÀ DELL AZIONE

Dettagli

www.studiofinpro.it SULL ELEMENTO SOGGETTIVO DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA

www.studiofinpro.it SULL ELEMENTO SOGGETTIVO DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA SULL ELEMENTO SOGGETTIVO DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA Art. 2901 c.c. Condizioni. Il creditore, anche se il credito è soggetto a condizione o a termine, può domandare che siano dichiarati inefficaci

Dettagli

CODICE CIVILE. Libro Sesto Della tutela dei diritti. Titolo IV Della tutela giurisdizionale dei diritti. Capo II Dell'esecuzione forzata

CODICE CIVILE. Libro Sesto Della tutela dei diritti. Titolo IV Della tutela giurisdizionale dei diritti. Capo II Dell'esecuzione forzata CODICE CIVILE Libro Sesto Della tutela dei diritti Titolo IV Della tutela giurisdizionale dei diritti Capo II Dell'esecuzione forzata Sezione I Dell'espropriazione 1 - Disposizioni generali Art. 2910.

Dettagli

FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA

FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA Il Fondo patrimoniale: profili di (in)utilità? Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Data 02/07/2015 FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA Negozio di destinazione(costituente)

Dettagli

La responsabilità da illeciti tributari

La responsabilità da illeciti tributari La responsabilità da illeciti tributari La disciplina della responsabilità amministrativa nei casi di violazioni che abbiano inciso sulla determinazione o sul pagamento del tributo è differente a seconda

Dettagli

Editrice PROPRETARIO EX ART. 2929-BIS C.C. (DOPO IL D.L. 83/2015) Formula annotata di Giulio SPINA TRIBUNALE DI...

Editrice PROPRETARIO EX ART. 2929-BIS C.C. (DOPO IL D.L. 83/2015) Formula annotata di Giulio SPINA TRIBUNALE DI... Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 24.9.2015 La Nuova Procedura Civile, 3, 2015 Editrice ATTO DI PIGNORAMENTO IMMOBILIARE CONTRO IL TERZO PROPRETARIO

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ISTITUZIONE PRIVILEGIO EX ART. 4 C. 5 L. 49/1985

REGIONE PIEMONTE ISTITUZIONE PRIVILEGIO EX ART. 4 C. 5 L. 49/1985 REGIONE PIEMONTE ISTITUZIONE PRIVILEGIO EX ART. 4 C. 5 L. 49/1985 INDICE-SOMMARIO 1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO. 2. LE GARANZIE PREVISTE DAL NOSTRO ORDINAMENTO. 2.1 Privilegi 2.2 Garanzie reali 3. LE GARANZIE

Dettagli

A tutela dei creditori del de cuius A tutela dei creditori del debitore chiamato A tutela degli uni e/o degli altri

A tutela dei creditori del de cuius A tutela dei creditori del debitore chiamato A tutela degli uni e/o degli altri Corso di formazione Le successioni mortis causa! "#$%&$' A tutela dei creditori del de cuius A tutela dei creditori del debitore chiamato A tutela degli uni e/o degli altri 1) actio interrogatoria 2) impugnazione

Dettagli

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ Assemblea TSRM Ferrara 28 maggio 2013 Avv. Roberta Li Calzi CONCETTO DI RESPONSABILITÀ Obbligo di rispondere di un'azione antigiuridica (contraria alle norme) cioè di

Dettagli

DIRITTO NOVITÀ. collana diretta da Paolo Cendon DIRITTO CIVILE

DIRITTO NOVITÀ. collana diretta da Paolo Cendon DIRITTO CIVILE DIRITTO NOVITÀ collana diretta da Paolo Cendon 2 DIRITTO CIVILE DIRITTO NOVITÀ collana diretta da Paolo Cendon Le sentenze che cambiano il diritto, l Europa e le sue regole, il legislatore speciale che

Dettagli

La trascrizione del preliminare immobiliare nella procedura esecutiva: il rapporto tra preliminare di compravendita e atto di pignoramento

La trascrizione del preliminare immobiliare nella procedura esecutiva: il rapporto tra preliminare di compravendita e atto di pignoramento ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 13/10/2015 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/37441-la-trascrizione-del-preliminare-immobiliarenella-procedura-esecutiva-il-rapporto-tra-preliminare-di-compravendita-e-atto-dipignoramento

Dettagli

Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si

Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si ricava, in primis, dal disposto di cui all art. 652 c.p.p. il quale prevede che la sentenza irrevocabile

Dettagli

LIBRO I TITOLO VI - DEL MATRIMONIO

LIBRO I TITOLO VI - DEL MATRIMONIO TITOLO VI - DEL MATRIMONIO 167 25 marzo 2009, n. 7210; Cass. 5 aprile 2007, n. 8610; Cass. 19 novembre 1999, n. 12864 (nella specie la Suprema Corte, in applicazione di tali principi, ha escluso che la

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust

Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust Palazzo della Ragione, Verona 18 novembre 2011 Prof. Avv. Matteo De Poli Gli strumenti

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A

R E P U B B L I C A I T A L I A N A N. 3121/12 R.A.C.C. R E P U B B L I C A I T A L I A N A TRIBUNALE DI UDINE- SEZIONE II CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il dott. Gianfranco PELLIZZONI, in funzione di GIUDICE UNICO, ha pronunciato la

Dettagli

Schema risolutivo. Iter:

Schema risolutivo. Iter: Schema risolutivo Iter: 1) Chi pretende cosa e da chi? A che titolo? a) Tizio pretende da Caio b) la restituzione del contenuto della cassetta di sicurezza e c) la revocazione della donazione. d) A che

Dettagli

FONDO, TRUST, VINCOLO DI DESTINAZIONE NOTAIO EMANUELE DE MICHELI

FONDO, TRUST, VINCOLO DI DESTINAZIONE NOTAIO EMANUELE DE MICHELI TUTELA PATRIMONIALE FONDO, TRUST, VINCOLO DI DESTINAZIONE NOTAIO EMANUELE DE MICHELI Fonti normative FONDO PATRIMONIALE: artt. 167 ss. cod. civ. Fonti normative FONDO PATRIMONIALE: artt. 167 ss. cod. civ.

Dettagli

CORPUS IURIS FISCALIS. Agenzia delle Entrate Risoluzione n. 10 del 2006

CORPUS IURIS FISCALIS. Agenzia delle Entrate Risoluzione n. 10 del 2006 CORPUS IURIS FISCALIS Agenzia delle Entrate Risoluzione n. 10 del 2006 RISOLUZIONE DEL 17/01/2006 N. 10 Oggetto: Istanza d interpello - Curatela del Fallimento Immobiliare X S.r.L. Procedura esecutiva

Dettagli

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE DPR 131/86 1 Prassi C.M. 11.7.91 n. 37; Circ. Agenzia delle Entrate 22.1.2008 n. 3 Giurisprudenza Cass. 5.2.90 n. 1963

Dettagli

RAPPRESE TA ZA (diretta) Artt. 1387 ss.

RAPPRESE TA ZA (diretta) Artt. 1387 ss. 1 RAPPRESE TA ZA (diretta) Artt. 1387 ss. Regola: coincidenza tra soggetto (parte) in senso formale (autore dell atto) e soggetto (parte) in senso sostanziale (sulla sfera giuridica del quale si producono

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco Venier, ha pronunciato, ai sensi dell art. 281 sexies c.p.c., la seguente

Dettagli

TRIBUNALE DI MODENA SEZIONE DISTACCATA DI CARPI. YY spa e Confezioni ZZ srl, con avv.ti Alberto Lotti e Fabrizio Bulgarelli

TRIBUNALE DI MODENA SEZIONE DISTACCATA DI CARPI. YY spa e Confezioni ZZ srl, con avv.ti Alberto Lotti e Fabrizio Bulgarelli Provvedimenti cautelari Sequestro conservativo Sequestro conservativo di quote sociali - Pendenza di azione revocatoria verso conferimento di ramo d azienda Decreto ingiuntivo nella disponibilità del creditore

Dettagli

Argomento 7 Costituzione di fondo patrimoniale ed azione revocatoria ordinaria

Argomento 7 Costituzione di fondo patrimoniale ed azione revocatoria ordinaria Argomento 7 Costituzione di fondo patrimoniale ed azione revocatoria ordinaria Il fondo patrimoniale: nozione, natura e costituzione Ciascuno o ambedue i coniugi (ovvero ancora un terzo, anche per testamento)

Dettagli

Anaao-Cref Servizio Tutela Lavoro

Anaao-Cref Servizio Tutela Lavoro 1 QUESITO Si chiede se un dirigente medico con incarico libero professionale sia pienamente autonomo nello svolgimento delle proprie mansioni nell ambito dell unità operativa di afferenza. Si chiede, inoltre,

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

CESPEC ORDINE AVVOCATI DI MILANO. 3 novembre 2015. Il versamento del saldo prezzo Avv. Gloria Gatti

CESPEC ORDINE AVVOCATI DI MILANO. 3 novembre 2015. Il versamento del saldo prezzo Avv. Gloria Gatti CESPEC ORDINE AVVOCATI DI MILANO 3 novembre 2015 Il versamento del saldo prezzo Avv. Gloria Gatti 1 Misure urgenti in materia fallimentare, civile e processuale civile e di organizzazione e funzionamento

Dettagli

INDENNIZZO DIRETTO EX ART. 149 CODICE DELLE ASSICURAZIONI

INDENNIZZO DIRETTO EX ART. 149 CODICE DELLE ASSICURAZIONI INDENNIZZO DIRETTO EX ART. 149 CODICE DELLE ASSICURAZIONI di Guido Belli Cultore di diritto civile nell Università di Bologna SOMMARIO: 1. Il risarcimento diretto. 2. Ambito di applicazione. 3. Questioni

Dettagli

6. I soggetti del procedimento di convalida.

6. I soggetti del procedimento di convalida. AMBITO OGGETTIVO E SOGGETTIVO DEL PROCEDIMENTO DI CONVALIDA 229 6. I soggetti del procedimento di convalida. I soggetti del procedimento di convalida sono, ovviamente, le parti del rapporto sostanziale

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

Compravendita: evizione parziale subita dal compratore dell immobile acquistato

Compravendita: evizione parziale subita dal compratore dell immobile acquistato STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO. Prof. Raffaele Tuccillo. Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia

DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO. Prof. Raffaele Tuccillo. Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO Prof. Raffaele Tuccillo Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia Pubblicità La PUBBLICITÀ è il sistema predisposto dal legislatore per

Dettagli

RISOLUZIONE N. 90 /E

RISOLUZIONE N. 90 /E RISOLUZIONE N. 90 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 17 ottobre 2014 OGGETTO: Interpello Acquisto per usucapione di beni immobili Applicabilità delle agevolazioni prima casa. Con l interpello in esame,

Dettagli

VENDITA DI COSA ALTRUI. CONTRATTO PRELIMINARE DI VEN- DITA

VENDITA DI COSA ALTRUI. CONTRATTO PRELIMINARE DI VEN- DITA 191 ARGOMENTO VENDITA DI COSA ALTRUI. CONTRATTO PRELIMINARE DI VEN- DITA 1. Traccia Tizio, dopo aver preso contatto con Caio, intenzionato ad acquistare un immobile, che crede di Tizio, ma che in realtà

Dettagli

Diritto Civile Contemporaneo

Diritto Civile Contemporaneo Diritto Civile Contemporaneo Rivista trimestrale online ad accesso gratuito ISSN 2384-8537 Anno I, numero II, luglio/settembre 2014 Le Sezioni Unite sul rapporto tra azione di rivendica ed azione di restituzione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA nella persona del giudice unico Dott. Manuela MASSENZ ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce PRELIMINARI DI PERMUTA E FALLIMENTO. IPOTESI SPECIFICHE PER LE AREE EDIFICABILI E GLI IMMOBILI DA COSTRUIRE. La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce fattispecie negoziali in

Dettagli

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione Premessa La disciplina del risarcimento del danno arrecato dalla Pubblica Amministrazione, qualora la stessa avesse occupato aree di proprietà

Dettagli

2. Formule di atti giudiziari

2. Formule di atti giudiziari 2. Formule di atti giudiziari Giuliano Scarselli, Giuseppe Camardi 2.1 Formule utilizzabili per promuovere l azione revocatoria ordinaria ex art. 2901 c.c. Revocatoria di donazione successiva al sorgere

Dettagli

La successione. Obiettivi

La successione. Obiettivi La successione Prof.ssa Elisa Esposito Obiettivi In questa lezione ci occuperemo delle vicende che possono condurre alla modifica delle parti originarie del rapporto processuale, in particolare, della

Dettagli

Il fondo patrimoniale

Il fondo patrimoniale Paolo Tonalini Notaio Il fondo patrimoniale Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO PAOLO

Dettagli

DEROGHE AI PRINCIPI DELLA SEPARAZIONE PATRIMONIALE

DEROGHE AI PRINCIPI DELLA SEPARAZIONE PATRIMONIALE DEROGHE AI PRINCIPI DELLA SEPARAZIONE PATRIMONIALE SOMMARIO 1)Il nuovo articolo 2929 bic c.c. (d.l. in corso di conversione); 2)Responsabilità patrimoniale; Azione revocatoria ; Alienazioni a titolo gratuito;

Dettagli

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE INFORMA. Circolare informativa - ottobre 2009 Materia Giuridica: Mediazione tipica e mediazione atipica: i nuovi profili di responsabilità delineati dalla pronuncia della Cassazione civile 14.07.2009 n.

Dettagli

LA SURROGA DELL ASSICURATORE

LA SURROGA DELL ASSICURATORE LA SURROGA DELL ASSICURATORE L ASSICURATORE CHE HA PAGATO L INDENNITÀ È SURROGATO, FINO ALLA CONCORRENZA DELL AMMONTARE DI ESSA NEI DIRITTI DELL ASSICURATO VERSO I TERZI RESPONSABILI. (Art. 1916 C.C.)

Dettagli

L AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA:

L AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA: L azione revocatoria ordinaria è prevista dagli artt. 2901-2904 c.c..; non è un caso che essa sia collocata nel codice tra i mezzi di conservazione della garanzia patrimoniale. La ratio sottesa alla disciplina

Dettagli

Indice. 1 Gli effetti del fallimento sugli atti pregiudizievoli per i creditori ------------------------------- 3

Indice. 1 Gli effetti del fallimento sugli atti pregiudizievoli per i creditori ------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO FALLIMENTARE LEZIONE V GLI EFFETTI DEL FALLIMENTO SUGLI ATTI PREGIUDIZIEVOLI PER I CREDITORI PROF. SIMONE LABONIA Indice 1 Gli effetti del fallimento sugli atti pregiudizievoli

Dettagli

RISOLUZIONE N. 49/E. Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso. Roma, 11 maggio 2015

RISOLUZIONE N. 49/E. Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso. Roma, 11 maggio 2015 RISOLUZIONE N. 49/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Permanenza dell agevolazione prima casa in caso di vendita infraquinquennale e riacquisto nell anno anche

Dettagli

! ! ! ! !! - INTERRUZIONE PER MORTE DI UNO DEI CONVIVENTI rimedio: il testamento - INTERRUZIONE VOLONTARIA rimedio: patto di convivenza INTERRUZIONE VOLONTARIA: - PROVA DELLA CONVIVENZA - ACCERTAMENTO

Dettagli

Circolare del Ministero delle Finanze (CIR) n. 221 /E del 30 novembre 2000

Circolare del Ministero delle Finanze (CIR) n. 221 /E del 30 novembre 2000 Circolare del Ministero delle Finanze (CIR) n. 221 /E del 30 novembre 2000 by www.finanzaefisco.it OGGETTO: Trattamento tributario degli atti di costituzione del fondo patrimoniale. L argomento oggetto

Dettagli

SEZIONE ESITO NUMERO ANNO MATERIA PUBBLICAZIONE PRIMA SEZIONE CENTRALE DI APPELLO SENTENZA 377 2015 RESPONSABILITA' 08/06/2015

SEZIONE ESITO NUMERO ANNO MATERIA PUBBLICAZIONE PRIMA SEZIONE CENTRALE DI APPELLO SENTENZA 377 2015 RESPONSABILITA' 08/06/2015 SEZIONE ESITO NUMERO ANNO MATERIA PUBBLICAZIONE PRIMA SEZIONE CENTRALE DI APPELLO SENTENZA 377 2015 RESPONSABILITA' 08/06/2015 Sentenza n.377/2015/a REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE

Dettagli

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo In caso di pagamento di tributi consortili, il contribuente riceve -da parte dell Ente Creditore (nella fattispecie dal Consorzio di bonifica)- delle comunicazioni consistenti

Dettagli

www.unijuris.it R E P U B B L I C A I T A L I A N A

www.unijuris.it R E P U B B L I C A I T A L I A N A N. /09 R.A.C.C. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Udine, sezione civile, composto dai Signori Magistrati: dott. Alessandra BOTTAN PRESIDENTE dott. Gianfranco

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 NATURA ED OGGETTO DEL PIGNORAMENTO PRESSO TERZI

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 NATURA ED OGGETTO DEL PIGNORAMENTO PRESSO TERZI INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... xv Capitolo 1 NATURA ED OGGETTO DEL PIGNORAMENTO PRESSO TERZI 1.1. L espropriazione in generale e l espropriazione persso terzi........ 2 1.2. Premesse

Dettagli

Legge 347/1990 IMPOSTA IPOTECARIA E CATASTALE. Ipotecaria si paga se c è trascrizione o annotazione nei RR II

Legge 347/1990 IMPOSTA IPOTECARIA E CATASTALE. Ipotecaria si paga se c è trascrizione o annotazione nei RR II IMPOSTA IPOTECARIA E CATASTALE Legge 347/1990 Ipotecaria si paga se c è trascrizione o annotazione nei RR II (ma fissa se non c è trasferimento, o iva, prima casa..) Catastale -> se c è voltura Es Servitù

Dettagli

Le procedure stragiudiziali per il risarcimento del danno

Le procedure stragiudiziali per il risarcimento del danno 115 Capitolo VI Le procedure stragiudiziali per il risarcimento del danno Sommario: 1. La denuncia di sinistro - 2. La procedura di risarcimento ordinario - 3. La procedura di risarcimento a favore dei

Dettagli

Deviazione degli effetti a favore del terzo e donazione di beni futuri donazione (indiretta) divieto di donazione di beni futuri ex 771 c.

Deviazione degli effetti a favore del terzo e donazione di beni futuri donazione (indiretta) divieto di donazione di beni futuri ex 771 c. Deviazione degli effetti a favore del terzo e donazione di beni futuri La volontà di Caio di deviare gli effetti dell acquisto dell immobile costruendo a favore del figlio Caietto impone di verificare:

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010 Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi IL QUESITO Il giudice, a conclusione di una causa tra me ed

Dettagli

Piccolo imprenditore

Piccolo imprenditore Piccolo imprenditore Art. 2083 c.c.: «Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente

Dettagli

Indice analitico. Capitolo I. Sezione Prima IL TITOLO ESECUTIVO ED IL PRECETTO

Indice analitico. Capitolo I. Sezione Prima IL TITOLO ESECUTIVO ED IL PRECETTO 491 Prefazione... p. 9 Capitolo I IL TITOLO ESECUTIVO ED IL PRECETTO 1. Premessa...» 11 2. Il titolo esecutivo, definizione e funzione (art. 474 c.p.c.)...» 11 2.1 Contenuto del titolo esecutivo...» 12

Dettagli

Fisco e beni del fondo patrimoniale - Sentenza 437/2010 Commissione Tributaria Milano

Fisco e beni del fondo patrimoniale - Sentenza 437/2010 Commissione Tributaria Milano Fisco e beni del fondo patrimoniale La Commissione Tributaria Provinciale di Milano, sezione XXI, con la sentenza n.ro 437 del 20 dicembre 2010, ha statuito che non sono ammesse azioni esecutive e cautelari

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna CIRCOLARE N. 8/2007 PROT. n. 49031 ENTE EMITTENTE: Direzione Agenzia del Territorio. OGGETTO: Contenzioso tributario - Riassunzione del giudizio a seguito di sentenze della Corte di Cassazione - Effetti

Dettagli

Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio

Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio Prof.ssa Elisa Esposito Obiettivi In questa lezione ci occuperemo del processo con pluralità di parti, in particolare, del litisconsorzio. Definizione

Dettagli

Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua.

Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua. Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua. Società di persone Efficacia verso i soci del titolo esecutivo ottenuto nei confronti della società Iscrizione di ipoteca nei confronti

Dettagli

Dr.ssa Marina Pesarin, Notaio in Livorno. - Vendita con ipoteca legale o fidejussione a garanzia del saldo prezzo;

Dr.ssa Marina Pesarin, Notaio in Livorno. - Vendita con ipoteca legale o fidejussione a garanzia del saldo prezzo; Dr.ssa Marina Pesarin, Notaio in Livorno - Vendita con ipoteca legale o fidejussione a garanzia del saldo prezzo; - Vendita con riserva di proprietà e con condizione di adempimento/indempimento (cd: buy

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Pubblicità immobiliare e affari legali Roma, 4 marzo 2015 OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali 2 INDICE Premessa... 3 1. Il decreto di

Dettagli

OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali

OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Pubblicità immobiliare e affari legali Roma, 4 marzo 2015 OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali 2 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. IL DECRETO

Dettagli

CONTRATTI DI LOCAZIONE: GIURISPRUDENZA

CONTRATTI DI LOCAZIONE: GIURISPRUDENZA CONTRATTI DI LOCAZIONE: GIURISPRUDENZA INDICE: Recesso dal contratto anzitempo per gravi motivi. Locazione di immobili commerciali. Prelazione e riscatto Durata del contratto Locazione di immobile realizzato

Dettagli

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.)

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.) Responsabilità da fatto illecito (art. 2043 c.c.) Qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno Responsabilità extra-contrattuale

Dettagli

Parere n. 55/2010 Vincolo convenzionale del prezzo di cessione di alloggi di edilizia economica popolare. Caducazione

Parere n. 55/2010 Vincolo convenzionale del prezzo di cessione di alloggi di edilizia economica popolare. Caducazione Parere n. 55/2010 Vincolo convenzionale del prezzo di cessione di alloggi di edilizia economica popolare. Caducazione Vengono posti al Servizio scrivente diversi quesiti in ordine alla caducazione del

Dettagli

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B.1 (DELIBERAZIONI SULLE PERDITE DI SOCIETÀ SOGGETTA A CONCORDATO PREVENTIVO O AD ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI OMOLOGATI 1 pubbl.

Dettagli

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA Battaglia Roberto (In memoria del Prof. Lino Guglielmucci). P&D.IT Nel diritto fallimentare il termine «azioni di massa» indica l

Dettagli

MASSIME CIVILE SUCCESSIONI. Corte di Cassazione Sez. II civ. 22 Marzo 2012, n 4621 (Pres. Triola;

MASSIME CIVILE SUCCESSIONI. Corte di Cassazione Sez. II civ. 22 Marzo 2012, n 4621 (Pres. Triola; MASSIME CIVILE SUCCESSIONI Corte di Cassazione Sez. II civ. 22 Marzo 2012, n 4621 (Pres. Triola; Rel. Giusti) Successioni e donazioni Eredità Capacità di succedere - Rappresentazione Il nascituro non concepito

Dettagli

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila)

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) Studio Legale Celotti www.studiolegalecelotti.it CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sezione Lavoro Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006 (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Dettagli

Le fasi iniziali del processo esecutivo

Le fasi iniziali del processo esecutivo Capitolo 4 Le fasi iniziali del processo esecutivo Caso 4.1 Come si procede alla stima dei beni pignorati? A norma dell art. 569, comma 1, c.p.c. il giudice nomina l esperto per procedere alla stima del

Dettagli

L'ATTO DI DISPOSIZIONE DELLA CD. QUOTINA ALLA LUCE DELLA SENTENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE S.U. N. 5068/2016

L'ATTO DI DISPOSIZIONE DELLA CD. QUOTINA ALLA LUCE DELLA SENTENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE S.U. N. 5068/2016 SCUOLA DI NOTARIATO DI CATANIA JACOPO DA LENTINI * * * * * CORSO DI SPECIALIZZAZIONE DI DIRITTO DELLE SUCCESSIONE 2015/2016 * * * * * L'ATTO DI DISPOSIZIONE DELLA CD. QUOTINA ALLA LUCE DELLA SENTENZA DELLA

Dettagli

Relatore: Avv. Maria Chiara CESARANI Moderatore: Avv. Roberta DI MAGGIO

Relatore: Avv. Maria Chiara CESARANI Moderatore: Avv. Roberta DI MAGGIO Relatore: Avv. Maria Chiara CESARANI Moderatore: Avv. Roberta DI MAGGIO Inquadramento Concettuale Il diritto, derivante dal latino rectus, indica la conformità ad un modello di cosa o di azione stabilita

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 59-2006/I Acquisto di quote o azioni proprie da parte di un confidi operante in forma di società cooperativa Approvato dal Gruppo di Studio Consorzi Fidi il

Dettagli

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione (Tribunale di Bari, G.E. dott. N.Magaletti, ord. del 18.11.2013) MUTUO FONDIARIO CONCORDATO PREVENTIVO DIVIETO AZIONI ESECUTIVE La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione di Walter

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che qualunque fatto doloso o colposo che cagioni ad altri un danno ingiusto obbliga colui

Dettagli

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014 PREVIDENZA SOCIALE Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico. a cura di Massimo Compagnino Il presupposto per l iscrizione nella gestione

Dettagli

Azione revocatoria ordinaria

Azione revocatoria ordinaria INDICE SOMMARIO Parte Prima Azione revocatoria ordinaria VINCENZO VITALONE CAPITOLO PRIMO LA NATURA DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA........... pag. 3 CAPITOLO SECONDO GLI ATTI REVOCABILI 1. Le esclusioni............................»

Dettagli

si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il realizzarsi di un' ipotesi di

si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il realizzarsi di un' ipotesi di LE OPERAZIONI SOGGETTIVAMENTE INESISTENTI L'intestazione fittizia della fattura o del documento, tale da far apparire che l'operazione si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il

Dettagli

LOCAZIONE DI COSE Durata della locazione immobili ad uso diverso. COMUNIONE E CONDOMINIO Assemblea dei condomini negli edifici, deliberazioni

LOCAZIONE DI COSE Durata della locazione immobili ad uso diverso. COMUNIONE E CONDOMINIO Assemblea dei condomini negli edifici, deliberazioni Durata della locazione immobili ad uso diverso La rinuncia da parte del locatore, in sede di stipula del contratto di locazione ad uso diverso dall'abitazione, alla facoltà di diniego del rinnovo alla

Dettagli

Giornata di studio I nuovi strumenti della programmazione urbanistica, perequazioni, compensazioni e diritti edificatori Como 8 aprile 2011

Giornata di studio I nuovi strumenti della programmazione urbanistica, perequazioni, compensazioni e diritti edificatori Como 8 aprile 2011 I crediti Edilizi: il loro riconoscimento e la loro circolazione (riflessioni basate sull esperienza della L.R.Veneto 11/2004) A cura di Giovanni Rizzi Giornata di studio I nuovi strumenti della programmazione

Dettagli

Convegno del 8 ottobre 2015 L'elaborazione giurisprudenziale in tema di anatocismo Avvocato Massimiliano Elia

Convegno del 8 ottobre 2015 L'elaborazione giurisprudenziale in tema di anatocismo Avvocato Massimiliano Elia Il tema dell'anatocismo ha acceso in questi anni un vivace dibattito alimentato tanto dal legislatore quanto dalla giurisprudenza, sull'inciso contenuto nell'art. 1283 c.c. - usi contrari- nel quadro della

Dettagli

Inesistenza del titolo esecutivo e acquisto dell immobile pignorato dal terzo in buona fede nella procedura espropriativa Avv.

Inesistenza del titolo esecutivo e acquisto dell immobile pignorato dal terzo in buona fede nella procedura espropriativa Avv. Inesistenza del titolo esecutivo e acquisto dell immobile pignorato dal terzo in buona fede nella procedura espropriativa Avv. Mario Pisano Filodiritto.it È controverso in giurisprudenza e in dottrina

Dettagli

SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE

SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE Situazioni giuridiche soggettive - dispense 1 DIRITTO PRIVATO LE SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE (dispense a cura di Carlo Dore) SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE Premesso che la principale funzione della

Dettagli

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO RISOLUZIONE N. 105/E Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Art. 19 bis 1,

Dettagli

L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d.

L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d. L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d.S- problemi procedurali Come è noto l ipoteca è un diritto reale di garanzia

Dettagli

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex. La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com La Corte Costituzionale, nell ormai lontano 1965, fu chiamata a pronunciarsi

Dettagli

La solidarietà tributaria passiva dei soci illimitatamente responsabili riceve lo stop della Cassazione.

La solidarietà tributaria passiva dei soci illimitatamente responsabili riceve lo stop della Cassazione. La solidarietà tributaria passiva dei soci illimitatamente responsabili riceve lo stop della Cassazione. di Enrico Larocca Dottore Commercialista e Revisore Contabile in Matera Una delle questioni più

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario CIRCOLARE N. 28/E Settore Fiscalità Generale e Indiretta Roma, 27 marzo 2008 OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario 2 1. Premessa 3 2. Il nuovo ambito

Dettagli