1 PREMESSA. 1.2 La definizione delle Azioni. 1.1 Obiettivo minimo del PAES

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 PREMESSA. 1.2 La definizione delle Azioni. 1.1 Obiettivo minimo del PAES"

Transcript

1 ALLEGATO - Piano d per l Energia Sostenibile LE AZIONI COMUNE DI GUASTALLA Detto ciò, a partire dal suddetto valore emissivo al 2007 verranno valutate nella presente Fase 2 le azioni già messe in atto negli anni successivi fino ad oggi, e quelle da intraprendere da qui al 2020 al fine di raggiungere l obiettivo finale di riduzione pari almeno al 20% di emissioni climalteranti di CO2 rispetto l anno di riferimento considerato. 1 PREMESSA Per promuovere un metodo omogeneo e confrontabile per la realizzazione e rendicontazione delle azioni previste nei Piani di per l Energia e per agevolare i firmatari del Patto dei Sindaci, si sono adottate, come riferimento base, alcune schede metodologiche standardizzate utilizzate sia per la costruzione e implementazione dei PAES, tramite l identificazione delle possibili misure, delle azioni del piano e delle rispettive quote di riduzione, sia per il successivo monitoraggio, che si propone con scadenza almeno biennale, dell attuazione e dei risultati delle azioni intraprese. 1.1 Obiettivo minimo del PAES Una volta stabilito lo stato del Comune di Guastalla all anno base 2007 ( tonnellate di CO2 equivalente, gli sviluppi ottenuti negli anni successivi (fino all anno 2011) e lo stato di fatto (anno 2014) con gli interventi programmati e già realizzati ad oggi, restano da definire il gap da coprire da qui al 2020 e l obiettivo che, dunque, può ragionevolmente porsi l Amministrazione Comunale Il Piano d sotto proposto prevede una diminuzione minima del 20% delle emissioni, calcolate su base assoluta, configurandosi come un obiettivo ben più virtuoso rispetto alla riduzione quantificata su quota pro-capite (tenendo presente l incremento demografico ). L attuazione di un trend di contenimento delle emissioni, così come la messa in opera di interventi programmatici e di indirizzo orientati all efficientamento energetico, dipenderanno dalle politiche nazionali in termini di incentivi e di detrazioni fiscali ma a questi indispensabili strumenti è necessario affiancare una programmazione di strumenti urbanistici e regolamentari che spingano decisamente in questa direzione oltre alle buone pratiche e all esempio che la Pubblica Amministrazione deve attivare anche come volano esemplare nei confronti del privato. 1.2 La definizione delle Azioni La valutazione della scelta e delle possibili azioni future atte al contenimento delle emissioni di gas climalteranti, inizia dall analisi dello stato di fatto e dalla contestuale stima del potenziale energetico specifico del territorio studiato. Consci delle potenzialità territoriali e dell effettiva fattibilità di talune azioni, si sono esplicitate alcuni ipotesi di interventi, sia pubblici che privati, da portare avanti (o completare) entro il Tali azioni, rendicontate nella tabella seguente, permettono complessivamente di raggiungere l impegno di riduzione delle emissioni di CO2 superando l obiettivo minimo del 20%. La riduzione stimata di circa t porta ad una riduzione del 20,1% rispetto al valore assoluto del Si rimanda all analisi puntuale e dettagliata di ciascuna scheda allegata per un approfondimento completo delle azioni intraprese e di quelle proposte. All interno di tali schede è riportato in modo chiaro se le azioni messe in campo (o previste), così come i relativi risultati conseguiti (o attesi), riguardino un periodo temporale compreso tra il 2011 e il 2014 o siano in previsione futura, entro il Fermo restando il dettaglio delle azioni previste nelle schede allegate, le principali azioni che possono apportare il maggiore contributo di abbattimento di CO2 sono: 1) Fotovoltaico: Ad oggi risultano installati complessivamente kw di impianti FV privati, a questi si aggiunge la stima (al 2020) da Piano Energetico Comunale di ulteriori 7,7 MW. Si conteggiano inoltre 924 kw (campo fotovoltaico a terra) + 39,2 kw (presso scuole) e 451,6 kw (riparametrazione impianto SABAR) di impianti FV pubblici. Complessivamente gli impianti fotovoltaici attivi e da installare consentono la riduzione di 4,4 kt di CO2. 1

2 2) Biogas da discarica: La produzione di biogas a partire dalla quota di rifiuti indifferenziati prodotti sul territorio comunale nell Impianto di trattamento Sabar, consente la riduzione di 400 t di CO2. 3) Efficientamento energetico degli edifici: l ammodernamento del patrimonio edilizio riguarda sia il comparto pubblico che il privato ed è coadiuvato dagli incentivi, sia in termini strutturali, che di involucro ed impiantistici. Per l ambito pubblico rientrano gli interventi di ricostruzione completa dell asilo nido (1.300 mq) e il progetto di riqualificazione della scuola di musica. La stima effettuata sul patrimonio edilizio privata e sulla riqualificazione energetica dello stesso (con spostamento della classe energetica) è effettuata per mezzo dei parametri riportati nel PAEE 2014 (Piano nazionale d per l Efficienza Energetica). Complessivamente la riqualificazione energetica degli edifici rappresenta il 22% delle quote da ridurre. 4) Gestione rifiuti: Le percentuali di RD oltre i limiti di legge (65 % per l anno 2012, dal D.Lgs 152/06) abbattono circa 120 t di CO2. 5) Realizzazione/estensione di piste ciclabili: accanto ad 1,5 km realizzati ed 8,7 in previsione, si considera circa 1 km di posta ciclabile da realizzare cumulativamente all interno dei Piani Particolareggiati. Complessivamente tale azioni consente il contenimento di circa t di CO2. 6) Efficientamento del sistema di trasporti: Il valore di riduzione è calcolato in funzione dei dati di emissione INEMAR a livello Comunale per il Settore Trasporti ed in funzione dei target UE (obiettivo di 120 g di CO2/km e di 95 g/km al 2020, che confrontato alle emissioni medie attuali, corrisponde ad una riduzione complessiva almeno pari al 20%). Complessivamente l efficientamento dei trasporti privati consente un importante riduzione delle emissioni di gas serra corrispondente a circa 7 kt di CO2. 7) Tra le altre azioni che, sebbene in parte minore, contribuiscono al raggiungimento dell obiettivo ed al contenimento delle emissioni di anidride carbonica ci sono: la riqualificazione del sistema di Pubblica Illuminazione (-20% dei consumi attuali), la sostituzione di un veicolo ad uso della P.A., l ipotesi di sostituzione di impianti termici (caldaie) di privati, l installazione di impianti solari termici privati. La somma delle azioni già realizzate al 2014, con quelle previste e condivise dalla Pubblica Amministrazione e quelle da attribuire alla componente privata potranno consentire il raggiungimento dell obbiettivo di riduzione del 20,1 % delle emissioni al 2020, superiore al minimo richiesto all interno del Patto dei Sindaci (20%). Il grafico riportato nella pagina successiva mostra la distribuzione percentuale delle azioni intraprese/previste le quali garantiscono il raggiungimento dell obiettivo di Piano al Risulta lampante coma la quota di riduzione maggiore sia ricoperta da interventi di riqualificazione del patrimonio edilizio privato e di efficientamento del settore dei trasporti. Tra le ulteriori valide azioni non contemplate all interno del presente Piano d, ma ipotizzabili in previsione futura al fine di contenere ulteriormente le proprie emissioni si richiamano: - Car sharing Car Pooling: Incentivazione all uso dell auto condivisa - Mantenimento, riqualificazione ed incremento del sistema forestale comunale - Sostituzione degli incroci a impianto semaforico con rotatorie - Creazione di gruppi d acquisto per installazione di impianti FER - Incentivazione all uso/acquisto di clean vehicle - Realizzazione di aree ZTL e Zone Ambientali - Introduzione della Climate Tax e/o Congestion Tax Infine è importante comunque accompagnare queste azioni con una serie di interventi cosiddetti minori ma molto diffusi in quanto la somma di tanti piccoli interventi costituisce un valore al fine del raggiungimento del risultato complessivo di certo non trascurabile. Tale valore è a dimostrazione della diffusione della sensibilità della collettività a contribuire ad un risultato complessivo che è raggiungibile solo grazie al contributo di tutta la comunità del territorio e rappresenta il migliore esempio di pratiche locali che contribuiscono al raggiungimento di obiettivi globali. A titolo esemplificativo, se ne richiamano alcuni: - Campagne di comunicazione e sensibilizzazione su un corretto utilizzo delle risorse energetiche al fine di aumentare l efficienza energetica domestica ed aziendale (es. creazione di Sportello-Energia) - Campagne di comunicazione e sensibilizzazione sul contenimento ed il corretto trattamento dei rifiuti domestici (es. creazione di Eco-sportelli) - Eco-guide 2

3 - Incentivazione all utilizzo quotidiano di trasporti pubblici e mezzi di trasporto ecosostenibili per le brevi distanze, incremento dell intermodalità tra bicicletta, auto e treno. - Incentivazione del green procurement ed incoraggiamento all acquisto di prodotti certificati verdi (green label, carbon footprint, ecc). 3

4 Emissioni CO2 Anno base: 2005 Emissioni CO2 all'anno 2011: Emissioni CO2 Anni : Azioni attuate e/o previste AZIONI ATTUATE ( ) tco2 1a Realizzazione Impianti Fotovoltaici (Privati) 921,86 1b Realizzazione Impianti Fotovoltaici (Pubblici) 540,00 6 Recupero energetico da biogas di discarica 425,94 24 Raccolta differenziata al di sopra dei limiti di legge 119,46 27 Sostituzione di un veicolo della P.A. 1,00 30 Realizzazione percorsi ciclabili 173,42 AZIONI PREVISTE () 1a Realizzazione Impianti Fotovoltaici (Privati) 2.945,93 8 Installazione di pannelli solari termici 137,41 10a Riqualificazione energetica di edifici (Privati) 4.154,11 10b Riqualificazione energetica di edifici (Pubblici) 60,33 15 Riqualificazione Pubblica Illuminazione 151,06 18 Acquisto di energia elettrica da fonti rinnovabili 458,75 30 Realizzazione percorsi ciclabili 1121,45 9 Sostituizione impianti termici 737,18 16 Aumento dell'efficienza del sistema dei trasporti 7.194,06 t CO2 totali t CO2 totali t CO2 totali t CO2 evitate t CO2 evitate % riduzione rispetto al ,4 Riduzione complessiva al ,1 4

5 Acquisto energia verde 2% Trattamento/ge stione rifiuti 3% Interventi Pubblica Illuminazione 1% Altri 4% Impianti Fotovoltaici 23% Efficientamento trasporti 38% Realizzazione Percorsi Ciclabili 7% Riqualificazione energetica edifici 22% 5

6 Realizzazione Impianti Fotovoltaici (Privati) 1a realizzati 921, , ,93 Ad oggi installati 2,415 MW totali di potenza di impianti FV privati, installati ad oggi sul territorio comunale. A questi si aggiunge l'obiettivo definito dal PEC di raggiungere quota 12 MW di impianti fotovoltaici (ulteriori 7,7 MW rispetto al dato odierno di impianti FV Privati e Pubblici) 6

7 Recupero energetico di biogas da discarica 425,94 6 P.A.E.S. Comune di Guastalla - Fase 2: Le azioni Installazione di pannelli solari termici 8 137,41 0,00 425,94 0,00 137,41 Recupero energetico di biogas da t di rifiuti indifferenziati (dato 2013) da impianto Sabar. Installazione di 500 mq di pannelli solari termici (Stima per circa 50 famiglie) 7

8 P.A.E.S. Comune di Guastalla - Fase 2: Le azioni Riqualificazione energetica di edifici o spostamento di attività in classe energetica superiore (Privati) 10a Riqualificazione energetica di edifici o spostamento di attività in classe energetica superiore (Pubblici) 10b 4.154,11 60, ,11 Riqualifiche parziali o globali del patrimonio edilizio. Dato calcolato sul potenziale di riduzione dei consumi per interventi su edifici residenziali a partire dal 2014 del PAEE2014 Piano Nazionale d' per l'efficienza Enegeretica. 60,33 Ricostruzione della scuola asilo nido (1.300 m2 in classe A) e riqualificazione della scuola di musica (500 m2 in classe B) 8

9 Riqualificazione impianti termici (privati) 737,18 11 P.A.E.S. Comune di Guastalla - Fase 2: Le azioni Riqualificazione della Pubblica Illuminazione ,06 737,18 Stima effettuata in considerazione di n. 500 famiglie che sostituiscono la caldaia domestica con impianto standard ed altre n. 250 che la sostituiscono con caldaia a biomasse 151,06 Riqualificazione del sistema di pubblica illuminazione il quale conta, ad oggi, n punti luminosi con una potenza media pari a 140 W. La riqualificazione consente una riduzione del 20% dei consumi attuali. 9

10 Acquisto di energia elettrica da fonti rinnovabili 18 P.A.E.S. Comune di Guastalla - Fase 2: Le azioni Raccolta differenziata dei rifiuti sopra i limiti di legge ,75 119,46 458,75 Promozione all'acquisto di energia verde. Ipotesi effettuata sulla stima di n. 500 famiglie medie che stipulino contratti di acquisto di energia certificata rinnovabile 119,46 0,00 Rispetto al valore obiettivo 2012 pari al 65%. (Art. 205 D.Lgs 152/2006). Dato di RD riferito al 2013 (pari al 66,27%) 10

11 Efficientamento Parco Mezzi (PA) 27 P.A.E.S. Comune di Guastalla - Fase 2: Le azioni Realizzazione o estensione percorsi ciclabili 30 1,00 1,00 0,00 0,00 173, , ,87 Sostituzione di un veicolo della P.A. 1,5 km realizzati prima del 2014 e 8,7 km in previsione e stimato 1,0 km da Piani Particolareggiati 11

12 Aumento dell'efficienza nel sistema dei trasporti , ,06 Il valore di riduzione è calcolato in funzione dei dati di emissione INEMAR a livello Comunale per il Settore Trasporti ed in funzione dei target UE (obiettivo di 120 g di CO2/km e di 95 g/km al 2020, che confrontato alle emissioni medie attuali, corrisponde ad una riduzione complessiva almeno pari al 20%). 12

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE GUIDA ALLA LETTURA Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE 1) Indicazioni generali 2) Spiegazione singole schede dalla n. 15 a seguire INDICAZIONI GENERALI

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO Riccardo Tardiani Coordinamento Ambiente Comune di Verona Smart Energy Expo - Sala Smart City y & Communities

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

Oggetto: il PEAP (Piano Energetico Ambientale Provinciale) IL CONTESTO europeo nazionale provinciale

Oggetto: il PEAP (Piano Energetico Ambientale Provinciale) IL CONTESTO europeo nazionale provinciale Oggetto: il PEAP (Piano Energetico Ambientale Provinciale) IL CONTESTO europeo nazionale provinciale a livello comunitario: Direttiva Fonti Energetiche Rinnovabili (Direttiva 2009/28/EC) Direttiva Emission

Dettagli

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE 1. PREMESSA Le trasformazioni economiche, politiche, sociali e ambientali che in questi ultimi decenni hanno investito, in modo

Dettagli

Il Patto dei Sindaci a Bergamo: Le Azioni del PAES e le norme per l Edilizia Sostenibile. Verona 15 marzo 2013

Il Patto dei Sindaci a Bergamo: Le Azioni del PAES e le norme per l Edilizia Sostenibile. Verona 15 marzo 2013 Il Patto dei Sindaci a Bergamo: Le Azioni del PAES e le norme per l Edilizia Sostenibile Verona 15 marzo 2013 PERCHE E IMPORTANTE QUESTA FIRMA? Bruxelles, 5 Maggio 2010 QUANTO CRESCERA LA DOMANDA DI ENERGIA?

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES -

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Smart City Comuni in classe A 1 Indice 1. Il Patto dei Sindaci 2. Il Piano di Azione per l Energia Sostenibile PAES 3. Il progetto

Dettagli

urbanpromo 2013 Mercoledì 6 novembre 2013 - Circolo dei Lettori, Sala Musica Politiche e progetti dell Amministrazione in ambito ambientale

urbanpromo 2013 Mercoledì 6 novembre 2013 - Circolo dei Lettori, Sala Musica Politiche e progetti dell Amministrazione in ambito ambientale urbanpromo 2013 Mercoledì 6 novembre 2013 - Circolo dei Lettori, Sala Musica POLITICHE E PROGETTI PER LA QUALITA DELL AMBIENTE E LA VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO Assessore Lorena Pesaresi Politiche e progetti

Dettagli

INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio

INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio In collaborazione con Comune di Villa di Serio Comune di Nembro Comune di Pradalunga INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio 2011-2020: Prospettive di sostenibilità per la nostra città

Dettagli

Green Technologies in Provincia di Bolzano

Green Technologies in Provincia di Bolzano Green Technologies in Provincia di Bolzano Dott. Geol. Emanuele Sascor - Direttore dell Ufficio Piano CO2, Energia e Geologia TIS Innovation Park, 14 novembre 2012 OBIETTIVO: riduzione delle emissioni

Dettagli

1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006

1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006 Francesco Bicciato - Comune di Padova 1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006 2. METROTRAM In funzione da marzo 2007 (8

Dettagli

Comune di Cernusco sul Naviglio AZIONI PER UNA CITTÀ SOSTENIBILE: COSA FA IL COMUNE, COSA POSSIAMO FARE TUTTI

Comune di Cernusco sul Naviglio AZIONI PER UNA CITTÀ SOSTENIBILE: COSA FA IL COMUNE, COSA POSSIAMO FARE TUTTI In collaborazione con Comune di Cernusco sul Naviglio AZIONI PER UNA CITTÀ SOSTENIBILE: COSA FA IL COMUNE, COSA POSSIAMO FARE TUTTI 2011-2020: Prospettive di sostenibilità per la nostra città Emanuele

Dettagli

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE 2014 MALCESINE ORIZZONTE 2020 LE SCHEDE AZIONE

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE 2014 MALCESINE ORIZZONTE 2020 LE SCHEDE AZIONE PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE MALCESINE ORIZZONTE LE SCHEDE AZIONE PAES 2 3 4 INDICE SETTORE RESIDENZIALE... 6 CLASSIFICAZIONE TERMICA... 6 CALDAIE AD ALTA EFFICIENZA... 8 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA

Dettagli

Rinnovabili termiche: possibili strumenti di incentivazione per il settore privato e la P.A.

Rinnovabili termiche: possibili strumenti di incentivazione per il settore privato e la P.A. Rinnovabili termiche: possibili strumenti di incentivazione per il settore privato e la P.A. Sebastiano Serra Ministero dell Ambiente Capo Segreteria Tecnica Pompe di calore ad assorbimento a metano ed

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Il Piano Energetico Comunale di San Lazzaro di Savena

Il Piano Energetico Comunale di San Lazzaro di Savena Dipartimento di Chimica Industriale e dei Materiali Università di Bologna ONLUS Luce&Vita energia Noi nel nostro piccolo Il Piano Energetico Comunale di San Lazzaro di Savena Leonardo Setti Polo di Rimini

Dettagli

Motilità Elettrica l energia che sposta le persone. Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini

Motilità Elettrica l energia che sposta le persone. Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini Motilità Elettrica l energia che sposta le persone Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini Motilità ecologica? L automazione elettrica delocalizza l inquinamento? polveri

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

L analisi del sistema energetico comunale e Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Paolo Fabbri Alberto Rossini

L analisi del sistema energetico comunale e Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Paolo Fabbri Alberto Rossini L analisi del sistema energetico comunale e Piano d Azione per l Energia Sostenibile Paolo Fabbri Alberto Rossini Il Patto dei Sindaci L Unione Europea guida la lotta contro il cambiamento climatico e

Dettagli

IL PROGETTO EDIFICI VIRTUOSI PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO PUBBLICO

IL PROGETTO EDIFICI VIRTUOSI PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO PUBBLICO IL PROGETTO EDIFICI VIRTUOSI PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO PUBBLICO GLOBAL POWER SERVICE Il Consorzio Cev per l attuazione del Progetto EDIFICI VIRTUOSI si avvale del supporto

Dettagli

PAES piano d azione per l energia sostenibile

PAES piano d azione per l energia sostenibile capofila: LAVENO MOMBELLO ANGERA, BESOZZO, BREBBIA, BREGANO, COMABBIO, CADREZZATE, LEGGIUNO, MERCALLO, MONVALLE, OSMATE, RANCO, TAINO, VARANO BORGHI con il contributo per il bando 2011 _ Promuovere la

Dettagli

IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE

IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE Mauro Fasano U.O. Energia e Reti Tecnologiche Dino De Simone Direzione Energia Finlombarda IL PEAR

Dettagli

INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio

INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio In collaborazione con Comune di Villa di Serio Comune di Nembro Comune di Pradalunga INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio -: i consumi energetici e le emissioni a NEMBRO Domenico Leo

Dettagli

Le strategie energetiche nelle aree urbane dell Emilia-Romagna per il 2020

Le strategie energetiche nelle aree urbane dell Emilia-Romagna per il 2020 Dipartimento di Chimica Industriale «Toso Montanari» UNIVERSITA DI BOLOGNA Le strategie energetiche nelle aree urbane dell Emilia-Romagna per il 2020 Leonardo Setti Università di Bologna CIRI ENERGIA&

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE per il Comune di Ruffano. Ing. Matteo Morelli Presentazione della bozza PAES Ruffano, 26/02/2013

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE per il Comune di Ruffano. Ing. Matteo Morelli Presentazione della bozza PAES Ruffano, 26/02/2013 IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE per il Comune di Ruffano Ing. Matteo Morelli Presentazione della bozza PAES Ruffano, 26/02/2013 IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE ANALISI DEL TERRITORIO

Dettagli

Immagina il tuo PAES(e) Elabora il nostro PAES

Immagina il tuo PAES(e) Elabora il nostro PAES Comune di Castello d Argile Immagina il tuo PAES(e) Elabora il nostro PAES FORUM PARTECIPATO ALL ELABORAZIONE DEL PAES Primo incontro sabato 1 febbraio Costituzione del Forum della popolazione e degli

Dettagli

Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato

Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato Scheda R Azione R.1 Fabbisogni energetici dell edilizia residenziale esistente Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato Obiettivi

Dettagli

L utilizzo della potestà regolamentare degli Enti Locali per il risparmio e la certificazione energetica. Gli interventi per l esistente.

L utilizzo della potestà regolamentare degli Enti Locali per il risparmio e la certificazione energetica. Gli interventi per l esistente. L utilizzo della potestà regolamentare degli Enti Locali per il risparmio e la certificazione energetica. Gli interventi per l esistente. Luigi Mariani Assessore all Urbanistica e all Edilizia Privata

Dettagli

ELEMENTI CHIAVE. Allocazione di risorse (umane e finanziarie) per realizzazione di azioni e monitoraggio

ELEMENTI CHIAVE. Allocazione di risorse (umane e finanziarie) per realizzazione di azioni e monitoraggio Il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) del Comune di Napoli Prof. Massimo Dentice d Accadia Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Ingegneria Industriale Il PAES è il

Dettagli

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili ALBA AUDITORIUM FONDAZIONE FERRERO IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI NEL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DEL PIANO 20/20/20 Agostino Ghiglia Assessore all energia La nuova pianificazione regionale Nel dicembre

Dettagli

1.125 ENTI UNITI INCEV PER

1.125 ENTI UNITI INCEV PER 1.125 ENTI UNITI INCEV PER AFFRONTARE IL FUTURO Strumenti e Finanziamenti per raggiungere l obiettivo 20-20-20 ILPATTO DEISINDACI Il Patto dei Sindaci è la principale iniziativa Europea rivolta alle Autorità

Dettagli

PROGRAMMA AMBIENTALE TERRITORIALE DISTRETTO TESSILE DI PRATO SETTEMBRE 2014. Obiettivo Traguardo Scadenza Azioni Indicatore Risorse

PROGRAMMA AMBIENTALE TERRITORIALE DISTRETTO TESSILE DI PRATO SETTEMBRE 2014. Obiettivo Traguardo Scadenza Azioni Indicatore Risorse PROGRAMMA AMBIENTALE TERRITORIALE DISTRETTO TESSILE DI PRATO SETTEMBRE 2014 N 2010_ 45,72% 2011_ 48,55% 2012_ 48,52% 2013_ 51,32% 2014_ 53,02% 1 Incremento raccolta differenziata nella Provincia di Prato

Dettagli

COMUNI SPRECONI? SERVONO CIRCA 120 MILIONI DI EURO PER IL RISPARMIO ENERGETICO

COMUNI SPRECONI? SERVONO CIRCA 120 MILIONI DI EURO PER IL RISPARMIO ENERGETICO Comunicato stampa COMUNI SPRECONI? SERVONO CIRCA 120 MILIONI DI EURO PER IL RISPARMIO ENERGETICO Servono tra i 110 e i 120 milioni di euro per ridurre gli sprechi in campo energetico dei Comuni con meno

Dettagli

Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune

Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune I consumi energetici e le emissioni a Settala A CHE PUNTO SIAMO? Irene de Piccoli - Infoenergia 2 ottobre 211 SINTESI EMISSIONI AL FASE A EMISSIONI CO

Dettagli

Sviluppo dell efficienza e del risparmio energetico

Sviluppo dell efficienza e del risparmio energetico Gruppo di Lavoro 3 Sviluppo dell efficienza e del risparmio energetico Bozza di indice Quadro internazionale e nazionale L efficienza energetica rappresenta il principale strumento per ridurre le emissioni

Dettagli

Domanda di partecipazione sezione Azioni di eccellenza dei PAES

Domanda di partecipazione sezione Azioni di eccellenza dei PAES Quarta edizione - 2015 Segreteria organizzativa: Tel. 075.8554321 / Fa 075.8520429 Alleanza per il Clima Italia onlus coordinamento@climatealliance.it / mail@pec.climatealliance.it Via G. Marconi, 8 06012

Dettagli

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Relazione illustrativa sul SEAP (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il Parlamento Europeo nel dicembre 2008 ha approvato il pacchetto clima-energia volto a conseguire

Dettagli

Benefici sui cambiamenti climatici, l efficienza energetica e le emissioni

Benefici sui cambiamenti climatici, l efficienza energetica e le emissioni Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Conto termico e titoli di efficienza energetica per le biomasse Benefici sui cambiamenti climatici, l efficienza energetica e le emissioni

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

Linee strategiche per la riduzione delle emissioni di CO 2 nel Comune di Milano. Sabrina Melandri

Linee strategiche per la riduzione delle emissioni di CO 2 nel Comune di Milano. Sabrina Melandri Linee strategiche per la riduzione delle emissioni di CO 2 nel Comune di Milano Sabrina Melandri Seminario IEFE Università Bocconi, 29 gennaio 2010 Agenda Introduzione I confini spazio-temporali Stima

Dettagli

Comune di Cucciago. Strumenti per l efficienza energetica negli Enti locali 16 ottobre 2014 Como. L amministrazione: La stufona, l impianto a led,..

Comune di Cucciago. Strumenti per l efficienza energetica negli Enti locali 16 ottobre 2014 Como. L amministrazione: La stufona, l impianto a led,.. Strumenti per l efficienza energetica negli Enti locali 16 ottobre 2014 Como Comune di Cucciago L amministrazione: La stufona, l impianto a led,.. e i Cittadini: Informazione, Regolamento edilizio Sommario

Dettagli

La pianificazione energetica Regioni e comunità a confronto L ESPERIENZA DEL COMUNE DI TAVAGNACCO(UD)

La pianificazione energetica Regioni e comunità a confronto L ESPERIENZA DEL COMUNE DI TAVAGNACCO(UD) La pianificazione energetica Regioni e comunità a confronto L ESPERIENZA DEL COMUNE DI TAVAGNACCO(UD) Udine, Palazzo della Regione 27 giugno 2014 La pianificazione energetica Regioni e comunità a confronto

Dettagli

L esperienza del Comune di Reggio Emilia

L esperienza del Comune di Reggio Emilia Convegno di presentazione IL PATTO DEI SINDACI PER I COMUNI DELL UNIONE VAL D ENZA L esperienza del Comune di Reggio Emilia Montecchio, 16 febbraio 2013 I firmatari del Patto si impegnano a ridurre di

Dettagli

Corso di aggiornamento

Corso di aggiornamento REGIONE LOMBARDIA - Accompagnamento e formazione degli Enti Locali nella predisposizione di Piani d Azione Locali per l attuazione del Protocollo di Kyoto nell ambito dei processi di Agenda 21 Locale AZIONI

Dettagli

IL NUOVO PIANO PER L ENERGIA PULITA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA

IL NUOVO PIANO PER L ENERGIA PULITA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA IL NUOVO PIANO PER L ENERGIA PULITA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA Il Progetto Fotovoltaico a Reggio Emilia si inserisce nell ambito di una serie di azioni che il Comune sta realizzando a seguito dell adesione

Dettagli

Politiche energetiche e Comuni. Maurizio Mangialardi

Politiche energetiche e Comuni. Maurizio Mangialardi Politiche energetiche e Comuni Maurizio Mangialardi 1 L eccellenza del nostro territorio marchigiano è fatta di sapiente equilibrio tra la sua crescita, la necessaria innovazione, e la curadel suo prezioso

Dettagli

11 / 2030-2050: gli scenari di lungo termine

11 / 2030-2050: gli scenari di lungo termine Piano energetico-ambientale provinciale 2013/2020 11 / 2030-2050: gli scenari di lungo termine Provincia autonoma di Trento 1,4% 1,4% 1,4% 0,8% 0,8% 125 Provincia autonoma di Trento Piano energetico-ambientale

Dettagli

CONFRONTO DEL BILANCIO DEI GAS SERRA TRA 2006, 2007 e 2008

CONFRONTO DEL BILANCIO DEI GAS SERRA TRA 2006, 2007 e 2008 CONFRONTO DEL BILANCIO DEI GAS SERRA TRA 2006, 2007 e 2008 2.000.000 1.591.931 1.534.367 1.502.149 1.500.000 tco2eq 1.000.000 500.000 0 449.193 341.267 257.853 2006 2007 2008-500.000-1.000.000-1.500.000-1.142.738-1.193.100-1.244.296

Dettagli

Formazione tecnici di settore EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO

Formazione tecnici di settore EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO Formazione tecnici di settore EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO Particolare attenzione alla mobilità ciclabile QUESTIONI Difficoltà di realizzazione di piste ciclabili Ci sono i percorsi che servono? L

Dettagli

COMUNE DI PRAMAGGIORE PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE SCHEDE DI PIANO AZIONI DI MITIGAZIONE DEL PAES

COMUNE DI PRAMAGGIORE PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE SCHEDE DI PIANO AZIONI DI MITIGAZIONE DEL PAES COMUNE DI PRAMAGGIORE PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE SCHEDE DI PIANO 2 AZIONI DI MITIGAZIONE DEL PAES A01 EDIFICI PUBBLICI Impianto di riscaldamento Servizio Territorio, Ambiente, LLPP, Manutenzione

Dettagli

Dall analisi dei consumi energetici, censiti al 2006, nel territorio comunale risulta l impiego di : 43.080 MW/anno

Dall analisi dei consumi energetici, censiti al 2006, nel territorio comunale risulta l impiego di : 43.080 MW/anno EMISSIONI DA RIDURRE Dall analisi dei consumi energetici, censiti al 2006, nel territorio comunale risulta l impiego di : 43.080 MW/anno Questo dato ci ha consentito l individuazione delle emissioni totali

Dettagli

Il comune di Ornago ha aderito al Patto dei Sindaci.

Il comune di Ornago ha aderito al Patto dei Sindaci. IL PATTO DEI SINDACI NEL COMUNE DI ORNAGO QUESTIONARIO RIVOLTO ALLA CITTADINANZA Il comune di Ornago ha aderito al Patto dei Sindaci. Il Patto dei Sindaci proposto dalla Comunità Europea è un azione volontaria,

Dettagli

Piano Energetico Comunale di Prato. Relazione di Sintesi

Piano Energetico Comunale di Prato. Relazione di Sintesi Piano Energetico Comunale di Prato Relazione di Sintesi 05/06/2013 Indice 1 OBIETTIVI DEL PEC... 3 2 MODALITA OPERATIVE... 3 3 LE FASI DEL PEC... 4 4 IL PIANO D AZIONE... 7 2 1 OBIETTIVI DEL PEC Gli obiettivi

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE - PAES Baseline e individuazione azioni

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE - PAES Baseline e individuazione azioni IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE - PAES Baseline e individuazione azioni SPES Consul>ng Società di consulenza in materia energetica ed ambientale. Ci occupiamo di pianificazione energetica a

Dettagli

L ALLEGATO ENERGETICO COMUNALE CINQUE ANNI DI APPLICAZIONE

L ALLEGATO ENERGETICO COMUNALE CINQUE ANNI DI APPLICAZIONE CITTA DI SETTIMO TORINESE L ALLEGATO ENERGETICO COMUNALE CINQUE ANNI DI APPLICAZIONE VENERDI 7 NOVEMBRE 2014, ORE 16,30 SALA LEVI, BIBLIOTECA ARCHIMEDE PIAZZA CAMPIDOGLIO, SETTIMO TORINESE QUANDO NASCE

Dettagli

INCONTRO COL GSE, AU E PAT: 5 CONTO ENERGIA E ALTRE FONTI RINNOVABILI, RAPPORTI CON L ACQUIRENTE UNICO E NUOVO PIANO ENERGETICO PROVINCIALE

INCONTRO COL GSE, AU E PAT: 5 CONTO ENERGIA E ALTRE FONTI RINNOVABILI, RAPPORTI CON L ACQUIRENTE UNICO E NUOVO PIANO ENERGETICO PROVINCIALE INCONTRO COL GSE, AU E PAT: 5 CONTO ENERGIA E ALTRE FONTI RINNOVABILI, RAPPORTI CON L ACQUIRENTE UNICO E NUOVO PIANO ENERGETICO PROVINCIALE 26 ottobre 2012 ore 14,30 Trento, Cantine Le Meridiane Fabio

Dettagli

LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY

LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY Pisa, 26 maggio 2011 LE CITTA PROTAGONISTE NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI Le città sono responsabili di oltre il 50% delle emissioni di gas

Dettagli

QUINTA CONFERENZA NAZIONALE SULLE FONTI RINNOVABILI TERMICHE

QUINTA CONFERENZA NAZIONALE SULLE FONTI RINNOVABILI TERMICHE QUINTA CONFERENZA NAZIONALE SULLE FONTI RINNOVABILI TERMICHE Roma, 27 e 28 Novembre 2013 IL RUOLO DELLE POMPE DI CALORE Fernando Pettorossi Associazione Co.Aer GLI USI EFFICIENTI DEL VETTORE ELETTRICO

Dettagli

1 RAPPORTO DI MONITORAGGIO. Piano d Azione Energia Sostenibile Comune di Teolo. -Marzo 2014-

1 RAPPORTO DI MONITORAGGIO. Piano d Azione Energia Sostenibile Comune di Teolo. -Marzo 2014- 1 RAPPORTO DI MONITORAGGIO Piano d Azione Energia Sostenibile Comune di Teolo -Marzo 2014- COMUNE DI TEOLO SUPPORTO TECNICO: CONSORZIO UNIVERSITARIO DI RICERCA APPLICATA C/O UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

Dettagli

Politiche europee e nazionali in tema di efficienza energetica

Politiche europee e nazionali in tema di efficienza energetica Politiche europee e nazionali in tema di efficienza energetica Convegno su: EFFICIENZA ENERGETICA, POLITICHE TERRITORIALI E TELERISCALDAMENTO Alba,18 novembre 2011 Luigi De Paoli, Università Bocconi Schema

Dettagli

PIANO ENERGETICO PROVINCIALE E OBIETTIVI DELL UNIONE EUROPEA DI BURDEN SHARING

PIANO ENERGETICO PROVINCIALE E OBIETTIVI DELL UNIONE EUROPEA DI BURDEN SHARING PROTOCOLLO EUREGIO PER L EDILIZIA SOSTENIBILE E LE GREEN TECH SEMINARIO INFORMATIVO: LE POLITICHE PROVINCIALI E IL SISTEMA DISTRETTUALE TRENTINO DELL EDILIZIA SOSTENIBILE E GREEN TECH PIANO ENERGETICO

Dettagli

Longarone, 4 novembre 2011

Longarone, 4 novembre 2011 Acqua buona, città pulite, servizi di qualità, prezzi equi oggi e nel futuro nei Comuni che ci affidano la gestione dei servizi pubblici locali. Longarone, 4 novembre 2011 Il contesto in cui opera Etra

Dettagli

L'efficienza energetica nell'industria: una leva per il rilancio competitivo delle imprese

L'efficienza energetica nell'industria: una leva per il rilancio competitivo delle imprese Assolombarda e Fondazione EnergyLab L'efficienza energetica nell'industria: una leva per il rilancio competitivo delle imprese Il piano energetico ambientale regionale Mauro Fasano Regione Lombardia, DG

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

(SEAP) The Covenant of Mayors (D.C.C. 48/2009) Campagna Commissione Europea SEE Sustainable Energy for Europe

(SEAP) The Covenant of Mayors (D.C.C. 48/2009) Campagna Commissione Europea SEE Sustainable Energy for Europe PIANO di AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (SEAP) The Covenant of Mayors (D.C.C. 48/2009) Campagna Commissione Europea SEE Sustainable Energy for Europe 1 Indice INDICE... 2 1. SOMMARIO SEAP... 6 2. INTRODUZIONE

Dettagli

L efficienza energetica in edilizia

L efficienza energetica in edilizia EDIFICI A ENERGIA QUAZI ZERO VERSO IL 2020 Il roadshow per l efficienza energetica L efficienza energetica in edilizia Ing. Nicola Massaro ANCE Roma, 9 maggio 2014 www.edifici2020.it Sostenibilità è (anche)

Dettagli

Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni

Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni Provincia di Modena Assessorato Ambiente e Sviluppo Sostenibile Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni Verso il Piano di Risanamento della qualità dell aria Modena, 21 febbraio 2006 Sviluppo

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

QUESTIONARIO. 2. Puoi indicare i consumi termici ed elettrici della tua abitazione e/o i relativi costi?

QUESTIONARIO. 2. Puoi indicare i consumi termici ed elettrici della tua abitazione e/o i relativi costi? QUESTIONARIO A) Risparmio energetico e fonti rinnovabili nelle abitazioni residenziali. Indagine conoscitiva ai fini dello sviluppo del Piano d Azione per l Energia Sostenibile 1.Quale tipo di abitazione

Dettagli

IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. Stili di vita, consumi e mobilità urbana. 1 sessione del Tavolo di lavoro

IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. Stili di vita, consumi e mobilità urbana. 1 sessione del Tavolo di lavoro IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Stili di vita, consumi e mobilità urbana 1 sessione del Tavolo di lavoro COS È IL PAES Impegno volontario e unilaterale per contribuire al superamento degli

Dettagli

Il Piano Clima del Comune di Reggio Emilia. Incontri con la Provincia di Reggio Emilia 13 e 22 maggio 2013

Il Piano Clima del Comune di Reggio Emilia. Incontri con la Provincia di Reggio Emilia 13 e 22 maggio 2013 Il Piano Clima del Comune di Reggio Emilia Incontri con la Provincia di Reggio Emilia 13 e 22 maggio 2013 Da dove siamo partiti L impegno della cittàdi Reggio Emilia per la sostenibilitàambientale e la

Dettagli

comune di cagliari Versione in sintesi PIP! Il PAES in pillole Piano di Azione per l Energia Sostenibile

comune di cagliari Versione in sintesi PIP! Il PAES in pillole Piano di Azione per l Energia Sostenibile Piano di Azione per l Energia Sostenibile Versione in sintesi comune di cagliari PIP! Il PAES in pillole Ottobre 2014 Sommario COSA E IL PAES?... 1 LA PIANIFICAZIONE DI AREA VASTA... 2 IL CONTESTO: DATI

Dettagli

L importanza strategica dell efficienza energetica, le politiche europee e una introduzione agli strumenti finanziari

L importanza strategica dell efficienza energetica, le politiche europee e una introduzione agli strumenti finanziari La riqualificazione energetica del patrimonio edilizio L importanza strategica dell efficienza energetica, le politiche europee e una introduzione agli strumenti finanziari Edo Ronchi Presidente della

Dettagli

L Efficienza Energetica per gli Hotel Investire nel Risparmio. Relatore: Ing. Roberto Canu, A.D. Myenergy S.p.A.

L Efficienza Energetica per gli Hotel Investire nel Risparmio. Relatore: Ing. Roberto Canu, A.D. Myenergy S.p.A. L Efficienza Energetica per gli Hotel Investire nel Risparmio Relatore: Ing. Roberto Canu, A.D. Myenergy S.p.A. INTERNATIONAL TOURFILM FESTIVAL 2012 Convegno Nazionale su ECOTURISMO, IL FUTURO COMPATIBILE

Dettagli

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2 La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui energetici ed emissioni di CO 2 Rapporto di Sostenibilità 2011 I benefici di BIOCASA su energetici e emissioni di CO 2 Il Progetto BIOCASA è la risposta di

Dettagli

Piano di Azione per l Energia Sostenibile e il Clima del Comune di Milano. Sintesi

Piano di Azione per l Energia Sostenibile e il Clima del Comune di Milano. Sintesi Piano di Azione per l Energia Sostenibile e il Clima del Comune di Milano Sintesi Dicembre 2009 Piano di Azione per l Energia Sostenibile e il Clima del Comune di Milano Sintesi tecnica Edizione Dicembre

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE: ESPERIENZE E OPPORTUNITÀ PER I COMUNI

RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE: ESPERIENZE E OPPORTUNITÀ PER I COMUNI RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE: ESPERIENZE E OPPORTUNITÀ PER I COMUNI Forlì, 15 giugno 2009 Premessa Nel 1800 meno del 3% della popolazione mondiale viveva nelle città. Nel 1900 erano 150 milioni le persone

Dettagli

Programma Culturale Experimentdays Milano 2015 #xdaysmi15

Programma Culturale Experimentdays Milano 2015 #xdaysmi15 Programma Culturale Experimentdays Milano 2015 #xdaysmi15 Risparmiare energia collaborando A cura di Legambiente Risparmiare energia collaborando Le nuove offerte di riqualificazione energetica integrata

Dettagli

Piano Energetico Provinciale

Piano Energetico Provinciale Provincia di Piacenza Piano Energetico Provinciale Solare termico, fotovoltaico ed energia idroelettrica Piacenza, 8 maggio 2009 Antonio Siciliano Istituto di Ricerche Ambiente Italia Contenti trattati

Dettagli

Villa Contarini, Piazzola sul Brenta 21 giugno 2013. Laura Bano, Galileia srl. Slide 1

Villa Contarini, Piazzola sul Brenta 21 giugno 2013. Laura Bano, Galileia srl. Slide 1 Normativa, vincoli e strategie per l efficienza energetica: la diagnosi energetica/audit energetico, strumento strategico per conseguire il potenziale di efficienza energetica Villa Contarini, Piazzola

Dettagli

PIANO DI EFFICIENZA ENERGETICA DEL COMUNE DI PADOVA

PIANO DI EFFICIENZA ENERGETICA DEL COMUNE DI PADOVA PIANO DI EFFICIENZA ENERGETICA DEL COMUNE DI PADOVA Ente Locale Promotore Comune di Padova - Settore Ambiente Ufficio Agenda 21 c/o Informambiente via vlacovich 4-35126 Padova Tel. 049 8022488 Fax. 049

Dettagli

L IMPEGNO DI CONFINDUSTRIA PER FONTI RINNOVABILI ED EFFICIENZA ENERGETICA

L IMPEGNO DI CONFINDUSTRIA PER FONTI RINNOVABILI ED EFFICIENZA ENERGETICA WORKSHOP RISPARMIO ENERGETICO: STRUMENTO PER LA COMPETITIVITA L IMPEGNO DI CONFINDUSTRIA PER FONTI RINNOVABILI ED EFFICIENZA ENERGETICA BARBARA MARCHETTI Palazzo Torriani 7 novembre 2007 L impegno di Confindustria

Dettagli

Come i modelli GBE FACTORY rientrano nello spirito delle ESCO

Come i modelli GBE FACTORY rientrano nello spirito delle ESCO Come i modelli GBE FACTORY rientrano nello spirito delle ESCO Ing. Roberto Udali ForGreen S.p.A. ForGreen e il progetto GBE Factory Il GBE Factory- Green Blue Energy Factory rientra nel programma della

Dettagli

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori 1 Rapporto sullo Stato dell Ambiente nel Comune di Padova - 2002 91 4.4 Energia Negli ultimi 10 anni le politiche energetiche italiane ed europee si sono indirizzate verso scenari legati alle diffusioni

Dettagli

Comune di Vallarsa frazione Raossi, 13 38060 Vallarsa (TN) tel. 0464 860860 fax. 0464 869147 comune@comune.vallarsa.tn.it

Comune di Vallarsa frazione Raossi, 13 38060 Vallarsa (TN) tel. 0464 860860 fax. 0464 869147 comune@comune.vallarsa.tn.it Comune di Vallarsa frazione Raossi, 13 38060 Vallarsa (TN) tel. 0464 860860 fax. 0464 869147 comune@comune.vallarsa.tn.it Vallarsa, lì 10 dicembre 2013 Oggetto: questionario relativo ai consumi energetici

Dettagli

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Effetto Serra Il fenomeno di riscaldamento dell atmosfera e della superficie terrestre è, in parte, un fenomeno naturale, dato dalle caratteristiche

Dettagli

I PROMOTORI I DESTINATARI OBIETTIVI I SETTORI. Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG

I PROMOTORI I DESTINATARI OBIETTIVI I SETTORI. Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG 3 I PROMOTORI Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG I DESTINATARI - Sistema Produttivo - Pubblica Amministrazione - Cittadini OBIETTIVI Incentivare il

Dettagli

Presentazione del software

Presentazione del software Presentazione del software Giuseppe Maffeis, Daniele Roncolato, Roberta Gianfreda, Giorgio Fedeli via M. Gioia 132, 20125 Milano tel: 02.8708.5650, fax: 02.9737.6569 Sito: www.co20.it, E-mail: co20@terraria.com

Dettagli

La riqualificazione energetica nello scenario normativo europeo

La riqualificazione energetica nello scenario normativo europeo Dipartimento di Chimica Industriale e dei Materiali UNIVERSITA DI BOLOGNA La riqualificazione energetica nello scenario normativo europeo Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO

Dettagli

6,00 Dicembre 2012-Gennaio 2014. Marzo 2011-Maggio 2014 235,00 0,076% Gennaio 2011 - Ottobre 2013 61,40 0,579% 21,06 Gennaio 2011 - Ottobre 2012

6,00 Dicembre 2012-Gennaio 2014. Marzo 2011-Maggio 2014 235,00 0,076% Gennaio 2011 - Ottobre 2013 61,40 0,579% 21,06 Gennaio 2011 - Ottobre 2012 CODICE AZIONE PEIODO IDUZIONE CO2 COINVOLGIMENTO tonnellate CO2/anno % IDUZIONE CO2 SETTOE COINVOLGIMENTO 1 Giornata nazionale della bicicletta e Sfida europea in bicicletta Maggio 2014 Nessuna riduzione

Dettagli

COMUNE DI TREVIGLIO PROVINCIA DI BERGAMO. A L L E G A T O E N E R G E T I C O al Regolamento Edilizio Comunale

COMUNE DI TREVIGLIO PROVINCIA DI BERGAMO. A L L E G A T O E N E R G E T I C O al Regolamento Edilizio Comunale COMUNE DI TREVIGLIO PROVINCIA DI BERGAMO A L L E G A T O E N E R G E T I C O al Regolamento Edilizio Comunale adottato con deliberazione consiglio comunale n. 92 in data 30.10.2012 approvato con deliberazione

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI STEFANO SCALERA

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI STEFANO SCALERA EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI STEFANO SCALERA Direzione per la valorizzazione dell attivo e del patrimonio dello Stato, Dipartimento del Tesoro, Ministero dell economia e delle finanze INDICE

Dettagli

Patto dei sindaci. Comune di Genova. Pinuccia Montanari Città e cambiamento climatico: l'azione locale Milano, 28 Novembre 2011

Patto dei sindaci. Comune di Genova. Pinuccia Montanari Città e cambiamento climatico: l'azione locale Milano, 28 Novembre 2011 Patto dei sindaci Comune di Genova Pinuccia Montanari Città e cambiamento climatico: l'azione locale Milano, 28 Novembre 2011 Dati caratteristici della città di Genova Superficie città Superficie urbanizzata

Dettagli

Sicurezza, ambiente, efficienza e mercato

Sicurezza, ambiente, efficienza e mercato Sicurezza, ambiente, efficienza e mercato Aprire nuovi fronti nel paese per rispondere alla sfida economica, a quella climatica e delle risorse GIANNI SILVESTRINI PRESIDENTE GREEN BUILDING COUNCIL ITALIA,

Dettagli

Gruppo di Lavoro Agende 21 Locali per Kyoto

Gruppo di Lavoro Agende 21 Locali per Kyoto Gruppo di Lavoro Agende 21 Locali per Kyoto Daniela Luise Padova Verifica dello stato di avanzamento delle iniziative in corso di realizzazione e programma delle attività per il 2008 Rimini, 6 giugno 2008

Dettagli

Conoscere le f Conoscer e le f nti di emissione di CO2 L In v In e v ntario di Base delle Emissioni Dr. Dr Davide Lionello vide Lionello Servizio

Conoscere le f Conoscer e le f nti di emissione di CO2 L In v In e v ntario di Base delle Emissioni Dr. Dr Davide Lionello vide Lionello Servizio Conoscere le fonti di emissione di CO2 L Inventario di Base delle Emissioni Dr. Davide Lionello, Servizio Ambiente 08 Ottobre 2012 08 Ottobre 2012 San Donà di Piave VE L Inventario di Base delle Emissioni

Dettagli

2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni

2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni 2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni Nel quadro delle disposizioni stabilite dalla Conferenza di Kyoto, riconoscendo la coerenza e la validità degli orientamenti programmatici comunitari

Dettagli

FASE PARTECIPATIVA. INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti. L impegno verso un futuro sostenibile. Arch. Lea Quintavalle

FASE PARTECIPATIVA. INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti. L impegno verso un futuro sostenibile. Arch. Lea Quintavalle Piano d azione per l energia sostenibile FASE PARTECIPATIVA INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti Progettista Consulente R.U.P. Coordinamento Ing. Bartolomeo Sciannimanica Arch. Lea Quintavalle Arch.

Dettagli