I modelli logici dei da6. Relazione: tre accezioni. Il modello relazionale. Relazione matema6ca. Relazione matema6ca, esempio IL MODELLO RELAZIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I modelli logici dei da6. Relazione: tre accezioni. Il modello relazionale. Relazione matema6ca. Relazione matema6ca, esempio IL MODELLO RELAZIONALE"

Transcript

1 I modelli logici dei da6 Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di da6 Capitolo : IL MODELLO RELAZIONALE Tre modelli logici tradizionali Gerarchico e re6colare u6lizzano riferimen6 esplici6 (puntatori) fra record Relazionale "è basato su valori" anche i riferimen6 fra da6 in strudure (relazioni) diverse sono rappresenta6 per mezzo dei valori stessi Più recente (e poco diffuso) a oggeg Il modello relazionale Proposto da E. F. Codd nel 1970 per favorire l indipendenza dei da6 Disponibile in DBMS reali nel 1981 (non è facile implementare l indipendenza con efficienza e affidabilità!) Si basa sul concedo matema6co di relazione (con una variante) Le relazioni hanno naturale rappresentazione per mezzo di tabelle Relazione: tre accezioni relazione matema6ca: come nella teoria degli insiemi relazione (dall inglese rela6onship) che rappresenta una classe di fag, nel modello En6ty Rela6onship; tradodo anche con associazione o correlazione relazione secondo il modello relazionale dei da6 3 4 Relazione matema6ca, esempio Relazione matema6ca D 1 ={a,b} D ={x,y,z} prodotto cartesiano D 1 D una relazione r D 1 D a a a b b b a a b x y z x y z x z y D 1,, D n (n insiemi anche non dis6n6) prododo cartesiano D 1 D n : l insieme di tude le n uple (d 1,, d n ) tali che d 1 D 1,, d n D n relazione matema6ca su D 1,, D n : un sodoinsieme di D 1 D n. D 1,, D n sono i domini della relazione 5 6 1

2 Relazione matema6ca, proprietà una relazione matema6ca è un insieme di nuple ordinate: (d 1,, d n ) tali che d 1 D 1,, d n D n una relazione è un insieme: non c'è ordinamento fra le n uple le n uple sono dis6nte ciascuna n upla è ordinata: l i esimo valore proviene dall i esimo dominio Relazione matema6ca, esempio Partite string string int int Juve Lazio Juve Roma Lazio Milan Roma Milan Ciascuno dei domini ha due ruoli diversi, dis6nguibili adraverso la posizione: La strudura è posizionale StruDura non posizionale A ciascun dominio si associa un nome unico nella tabella (attributo), che ne descrive il "ruolo" Casa Juve Lazio Juve Roma Fuori RetiCasa RetiFuori Lazio Milan Roma Milan Tabelle e relazioni Una tabella rappresenta una relazione se le righe sono diverse fra loro le intestazioni delle colonne sono diverse tra loro i valori di ogni colonna sono fra loro omogenei In una tabella che rappresenta una relazione l ordinamento tra le righe è irrilevante l ordinamento tra le colonne è irrilevante 9 10 Il modello è basato su valori I riferimen6 fra da6 in relazioni diverse sono rappresenta6 per mezzo di valori dei domini che compaiono nelle ennuple studenti Data di nascita /1/ Paolo 03/11/ Verdi Luisa 1/11/ Maria 01/0/1978 esami corsi Studente Voto Corso Codice Titolo Docente 01 Analisi 0 Chimica Bruni 04 Chimica Verdi 11 1

3 Alterna6va Altri modelli (sia quelli "storici", re6colare e gerarchico, sia quello a oggeg) prevedono riferimen6 esplici6, ges66 dal sistema studenti Data di nascita /1/ Paolo 03/11/ Verdi Luisa 1/11/ Maria 01/0/1978 esami corsi Studente Voto Corso Codice Titolo Docente 01 Analisi 0 Chimica Bruni 04 Chimica Verdi studenti Data di nascita /1/ Paolo 03/11/ Verdi Luisa 1/11/ Maria 01/0/1978 esami corsi Studente Voto Corso Codice Titolo Docente 01 Analisi 0 Chimica Bruni 04 Chimica Verdi StruDura basata su valori: vantaggi indipendenza dalle strudure fisiche (si potrebbe avere anche con puntatori di alto livello) che possono cambiare dinamicamente si rappresenta solo ciò che è rilevante dal punto di vista dell applicazione l utente finale vede gli stessi da6 dei programmatori i da6 sono portabili piu' facilmente da un sistema ad un altro i puntatori sono direzionali Definizioni Schema di relazione: un nome R con un insieme di adribu6 A 1,..., A n : R(A 1,..., A n ) Schema di base di da6: insieme di schemi di relazione: R = {R 1 (X 1 ),..., R k (X k )} Definizioni, Una ennupla su un insieme di adribu6 X è una funzione che associa a ciascun adributo A in X un valore del dominio di A t[a] denota il valore della ennupla t sull'adributo A

4 Definizioni, 3 (Istanza di) relazione su uno schema R(X): insieme r di ennuple su X (Istanza di) base di da6 su uno schema R= {R 1 (X 1 ),..., R n (X n )}: insieme di relazioni r = {r 1,..., r n } (con r i relazione su R i ) Relazioni su singoli adribu6 studenti Data di nascita /1/ Paolo 03/11/ Verdi Luisa 1/11/ Maria 01/0/1978 studenti lavoratori StruDure nidificate Da Filippo Via Roma, Roma Ricevuta Fiscale del 1/10/00 3 Coperti 3,00 Antipasti 6,0 3 Primi 1,00 Bistecche 18,00 Da Filippo Via Roma, Roma Ricevuta Fiscale 140 del 13/10/00 Coperti,00 Antipasti 7,00 Primi 8,00 Orate 0,00 Caffè,00 StruDure nidificate Da Filippo Via Roma, Roma Ricevuta Fiscale del 1/10/00 3 Coperti 3,00 Antipasti 6,0 3 Primi 1,00 Bistecche 18,00 Da Filippo Via Roma, Roma Ricevuta Fiscale 140 del 13/10/00 Coperti,00 Antipasti 7,00 Primi 8,00 Orate 0,00 Caffè,00 Totale 39,0 Totale 39,00 Totale 39,0 Totale 39,00 1 StruDure nidificate Da Filippo Via Roma, Roma Ricevuta Fiscale del 1/10/00 3 Coperti 3,00 Antipasti 6,0 3 Primi 1,00 Bistecche 18,00 Da Filippo Via Roma, Roma Ricevuta Fiscale 140 del 13/10/00 Coperti,00 Antipasti 7,00 Primi 8,00 Orate 0,00 Caffè,00 StruDure nidificate Ricevute Numero Data Qtà Descrizione Importo 1/10/00 3 Coperti 3,00 Antipasti 6,0 3 Primi 1,00 Bistecche 18, /10/00 Coperti,00 Totale 39,0 39,00 Totale 39,0 Totale 39,00 Ma i valori debbono essere semplici, non relazioni! 3 4 4

5 Relazioni che rappresentano strudure nidificate Ricevute Numero Data 1/10/00 Totale 39, /10/00 39,00 Dettaglio Numero Qtà Descrizione Importo 3 Coperti 3,00 Antipasti 6,0 3 Primi 1,00 Bistecche 18, Coperti,00 StruDure nidificate, riflessione Abbiamo rappresentato veramente tug gli aspeg delle ricevute? Dipende da che cosa ci interessa! l'ordine delle righe e' rilevante? possono esistere linee ripetute in una ricevuta? Sono possibili rappresentazioni diverse 5 6 Rappresentazione alterna6va per strudure nidificate Ricevute Numero Data 1/10/00 Totale 39, /10/00 39,00 Dettaglio Numero Riga Qtà Descrizione Importo Coperti 3,00 Antipasti 6,0 3 Primi 1,00 Bistecche 18, Coperti,00 7 Informazione incompleta ll modello relazionale impone ai da6 una strudura rigida: le informazioni sono rappresentate per mezzo di ennuple solo alcuni forma6 di ennuple sono ammessi: quelli che corrispondono agli schemi di relazione I da6 disponibili possono non corrispondere al formato previsto 8 Informazione incompleta: mo6vazioni Informazione incompleta: soluzioni? Franklin Winston Charles Josip Secondo Delano Roosevelt Churchill De Gaulle Stalin Non conviene (anche se spesso si fa) usare valori del dominio (0, stringa nulla, 99,...): potrebbero non esistere valori non u6lizza6 valori non u6lizza6 potrebbero diventare significa6vi in fase di u6lizzo (nei programmi) sarebbe necessario ogni volta tener conto del significato di ques6 valori

6 Informazione incompleta nel modello relazionale Tecnica rudimentale ma efficace: valore nullo: denota l assenza di un valore del dominio (e non è un valore del dominio) t[a], per ogni adributo A, è un valore del dominio dom(a) oppure il valore nullo Si possono (e debbono) imporre restrizioni sulla presenza di valori nulli Tipi di valore nullo (Almeno) tre casi differen6 valore sconosciuto valore inesistente valore senza informazione I DBMS non dis6nguono i 6pi di valore nullo 31 3 studenti Troppi valori nulli Data di nascita /1/ Verdi Luisa 1/11/1979 Maria 01/0/1978 esami corsi Studente Voto Corso Codice Titolo Docente 01 Analisi 0 04 Chimica Verdi 33 Vincoli di integrità Esistono istanze di basi di da6 che, pur sintagcamente correde, non rappresentano informazioni possibili per l applicazione di interesse 34 Una base di da6 "scorreda" Esami Studente Voto Lode Corso e lode e lode Studenti Bianchi Luca Vincolo di integrità Proprietà che deve essere soddisfada dalle istanze che rappresentano informazioni correde per l applicazione Un vincolo è una funzione booleana (un predicato): associa ad ogni istanza il valore vero o falso

7 Vincoli di integrità, perché? descrizione più accurata della realtà contributo alla qualità dei da6 u6li nella progedazione (vedremo) usa6 dai DBMS nella esecuzione delle interrogazioni Vincoli di integrità, nota alcuni 6pi di vincoli (ma non tug) sono "supporta6" dai DBMS: possiamo quindi specificare vincoli di tali 6pi nella nostra base di da6 e il DBMS ne impedisce la violazione per i vincoli "non supporta6", la responsabilità della verifica è dell'utente o del programmatore Tipi di vincoli vincoli intrarelazionali vincoli su valori (o di dominio) vincoli di ennupla vincoli interrelazionali Esami Studente Voto Lode Corso e lode e lode Studenti Bianchi Luca Vincoli di ennupla Esprimono condizioni sui valori di ciascuna ennupla, indipendentemente dalle altre ennuple Caso par6colare: Vincoli di dominio: coinvolgono un solo adributo Sintassi ed esempi Una possibile sintassi: espressione booleana di atomi che confrontano valori di adributo o espressioni aritme6che su di essi (Voto 18) AND (Voto 30) (Voto = 30) OR NOT (Lode = "e lode")

8 Se... allora.. Vincoli di ennupla, altro esempio "Se piove prendo l'ombrello" Se non piove posso prenderlo o non prenderlo! NOT piove OR prendo l'ombrello Stipendi Impiegato Bruni Lordo Ritenute Netto Lordo = (Ritenute + Netto) Vincoli di ennupla, violazione Iden6ficazione delle ennuple Stipendi Impiegato Bruni Lordo Ritenute Lordo = (Ritenute + Netto) Netto Corso Nascita 10/7/79 non ci sono due ennuple con lo stesso valore sull adributo non ci sono due ennuple uguali su tug e tre gli adribu6, e Data di Nascita Chiave insieme di adribu6 che iden6ficano le ennuple di una relazione Formalmente: un insieme K di adribu6 è superchiave per r se r non con6ene due ennuple dis6nte t 1 e t con t 1 [K] = t [K] K è chiave per r se è una superchiave minimale per r (cioè non con6ene un altra superchiave) Una chiave Corso Nascita 10/7/79 è una chiave: è superchiave con6ene un solo adributo e quindi è minimale

9 Un'altra chiave Corso Nascita /7/ ,, Nascita è un altra chiave: è superchiave minimale Un'altra chiave?? Corso Ing Civile Nascita 10/7/79 Non ci sono ennuple uguali su e Corso: e Corso formano una chiave Ma è sempre vero? Vincoli, schemi e istanze i vincoli corrispondono a proprietà del mondo reale modellato dalla base di da6 interessano a livello di schema (con riferimento cioè a tude le istanze) ad uno schema associamo un insieme di vincoli e consideriamo correde (valide, ammissibili) le istanze che soddisfano tug i vincoli un'istanza può soddisfare altri vincoli ( per caso ) Studenti chiavi:,, Nascita Corso Nascita Corso Ing Civile È correda: soddisfa i vincoli Ne soddisfa anche altri ("per caso"):, Corso è chiave Nascita 10/7/79 Esistenza delle chiavi Una relazione non può contenere ennuple dis6nte ma uguali Ogni relazione ha come superchiave l insieme degli adribu6 su cui è definita e quindi ha (almeno) una chiave

10 Importanza delle chiavi L esistenza delle chiavi garan6sce l accessibilità a ciascun dato della base di da6 le chiavi permedono di correlare i da6 in relazioni diverse: il modello relazionale è basato su valori Chiavi e valori nulli In presenza di valori nulli, i valori della chiave non permedono di iden6ficare le ennuple di realizzare facilmente i riferimen6 da altre relazioni SLIDE Ing Civile Corso Nascita 10/7/79 La presenza di valori nulli nelle chiavi deve essere limitata Chiave primaria Chiave su cui non sono ammessi nulli Notazione: sodolineatura Corso Nascita Ing Civile 10/7/ Integrità referenziale informazioni in relazioni diverse sono correlate adraverso valori comuni in par6colare, valori delle chiavi (primarie) le correlazioni debbono essere "coeren6" Infrazioni Codice Vigili Data 1//95 4/3/95 5/4/96 5// Vigile Mori Prov Numero Luca Gino MI 39548K 10

11 Infrazioni Codice Data // /3/ /4/ //98 Vigile Prov Numero MI 39548K Vincolo di integrità referenziale Un vincolo di integrità referenziale ( foreign key ) fra gli adribu6 X di una relazione R 1 e un altra relazione R impone ai valori su X in R 1 di comparire come valori della chiave primaria di R Auto Prov Numero MI 39548K Luca 61 6 vincoli di integrità referenziale fra: l adributo Vigile della relazione INFRAZIONI e la relazione VIGILI gli adribu6 Prov e Numero di INFRAZIONI e la relazione AU Violazione di vincolo di integrità referenziale Infrazioni Codice Auto Data 1//95 4/3/95 5/4/96 5//98 Prov Numero MI F3468 Vigile Prov Numero MI 39548K Luca Vincoli di integrità referenziale: commen6 Giocano un ruolo fondamentale nel concedo di modello basato su valori In presenza di valori nulli i vincoli possono essere resi meno restrittivi Sono possibili meccanismi per il supporto alla loro gestione ("azioni" compensative a seguito di violazioni) Attenzione ai vincoli su più attributi Integrità referenziale e valori nulli Impiegati Progetti Progetto Verdi IDEA XYZ 7303 Bianchi IDEA Codice IDEA XYZ BOH Inizio 01/000 07/001 09/001 Durata Costo

12 Azioni compensa6ve Esempio: Viene eliminata una ennupla causando una violazione Comportamento standard : Rifiuto dell'operazione Azioni compensa6ve: Eliminazione in cascata Introduzione di valori nulli Eliminazione in cascata Impiegati Progetto IDEA XYZ 6451 Verdi 7303 Bianchi IDEA Progetti Codice IDEA XYZ Inizio 01/000 07/001 Durata 36 4 Costo BOH 09/ Impiegati Progetti Introduzione di valori nulli Progetto Verdi IDEA XYZ 7303 Bianchi IDEA Codice IDEA XYZ Inizio 01/000 07/001 Durata 36 4 Costo BOH 09/ Incidenti Codice Vincoli mul6pli su più adribu6 Auto Data 1//95 5/4/96 Prov Numero MI ProvA NumeroA 39548K ProvB NumeroB MI Luca 39548K Vincoli mul6pli su più adribu6, vincoli di integrità referenziale fra: gli adribu6 ProvA e NumeroA di INCIDENTI e la relazione AU gli adribu6 ProvB e NumeroB di INCIDENTI e la relazione AU L'ordine degli adribu6 è significa6vo 71 1

Partite string string int int. Perché studiare il Modello Relazionale? Capitolo 2. Relazione: tre accezioni. Basi di dati relazionali: definizioni

Partite string string int int. Perché studiare il Modello Relazionale? Capitolo 2. Relazione: tre accezioni. Basi di dati relazionali: definizioni Perché studiare il Modello Relazionale? Capitolo 2 Il modello relazionale È il modello più largamente usato Produttori: IBM, Informix, Microsoft, Oracle, Sybase, etc. Sistemi proprietari nei modelli più

Dettagli

Modulo 2 Data Base 2

Modulo 2 Data Base 2 Modulo 2 Data Base 2 Università degli Studi di Salerno Corso di Laurea in Scienze della comunicazione Informatica generale Docente: Angela Peduto A.A. 2004/2005 Relazioni: riepilogo Relazione : concetto

Dettagli

Modello Relazionale. Modello Relazionale. Relazioni - Prodotto Cartesiano. Relazione: tre accezioni. Es. Dati gli insiemi

Modello Relazionale. Modello Relazionale. Relazioni - Prodotto Cartesiano. Relazione: tre accezioni. Es. Dati gli insiemi Modello Relazionale Modello Relazionale Proposto agli inizi degli anni 70 da Codd Finalizzato alla realizzazione dell indipendenza dei dati Unisce concetti derivati dalla teoria degli insiemi (relazioni)

Dettagli

BASE DI DATI: sicurezza. Informatica febbraio 2015 5ASA

BASE DI DATI: sicurezza. Informatica febbraio 2015 5ASA BASE DI DATI: sicurezza Informatica febbraio 2015 5ASA Argomenti Privatezza o riservatezza Vincoli di integrità logica della base di dati intrarelazionali interrelazionali Principio generale sulla sicurezza

Dettagli

Modello Relazionale dei DBMS - Vincoli Tradizionalmente, esistono quattro modelli logici: Gerarchico Reticolare Relazionale A oggetti XML I modelli

Modello Relazionale dei DBMS - Vincoli Tradizionalmente, esistono quattro modelli logici: Gerarchico Reticolare Relazionale A oggetti XML I modelli Modello Relazionale dei DBMS - Vincoli Tradizionalmente, esistono quattro modelli logici: Gerarchico Reticolare Relazionale A oggetti XML I modelli gerarchico e reticolare sono più vicini alle strutture

Dettagli

2.2b: RELAZIONI E BASI DI DATI. Atzeni, cap. 2.1.4

2.2b: RELAZIONI E BASI DI DATI. Atzeni, cap. 2.1.4 2.2b: RELAZIONI E BASI DI DATI Atzeni, cap. 2.1.4 Il modello è basato su valori Una Base di Dati è generalmente costituita da più di una Tabella Le corrispondenze fra dati presenti in tabelle diverse sono

Dettagli

Basi di dati. 2. Il modello relazionale. Il modello relazionale. Relazione: tre accezioni. 2.1 Basi di dati relazionali. Giuseppe De Giacomo

Basi di dati. 2. Il modello relazionale. Il modello relazionale. Relazione: tre accezioni. 2.1 Basi di dati relazionali. Giuseppe De Giacomo asi di dati Giuseppe De Giacomo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Università di Roma La Sapienza Anno Accademico 2005/2006 Canale M-Z 2. Il modello relazionale 2.1 asi di dati

Dettagli

Vincoli di integrità

Vincoli di integrità Vincoli di integrità Non tutte le istanze di basi di dati sintatticamente corrette rappresentano informazioni plausibili per l applicazione di interesse Studenti Matricola Nome Nascita 276545 Rossi 23-04-72?

Dettagli

Il modello relazionale

Il modello relazionale Il modello relazionale Il modello relazionale è stato introdotto nel 1970 da E.F. Codd. Soltanto a metà degli anni ottanta ha trovato una buona diffusione sul mercato, in quanto all epoca della sua introduzione

Dettagli

Basi di dati. Il Modello Relazionale dei Dati. K. Donno - Il Modello Relazionale dei Dati

Basi di dati. Il Modello Relazionale dei Dati. K. Donno - Il Modello Relazionale dei Dati Basi di dati Il Modello Relazionale dei Dati Proposto da E. Codd nel 1970 per favorire l indipendenza dei dati Disponibile come modello logico in DBMS reali nel 1981 (non è facile realizzare l indipendenza

Dettagli

MODELLO RELAZIONALE. Introduzione

MODELLO RELAZIONALE. Introduzione MODELLO RELAZIONALE Introduzione E' stato proposto agli inizi degli anni 70 da Codd finalizzato alla realizzazione dell indipendenza dei dati, unisce concetti derivati dalla teoria degli insiemi (relazioni)

Dettagli

Elena Baralis 2013 Politecnico di Torino 1

Elena Baralis 2013 Politecnico di Torino 1 Modello relazionale Docente M2170 Fondamenti di informatica Verdi M4880 Sistemi di elaborazione Bianchi F0410 Basi di dati Neri Docenti Nome Dipartimento Telefono Verdi Informatica 123456 Bianchi Elettronica

Dettagli

SQL. Definizione dei da6 in SQL. SQL: "storia" CREATE TABLE: esempio. CREATE TABLE: esempio

SQL. Definizione dei da6 in SQL. SQL: storia CREATE TABLE: esempio. CREATE TABLE: esempio SQL Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di da6 Originariamente Structured Query Language, ora "nome proprio" Linguaggio con varie funzionalità: DDL Data Defini6on Language (insieme di comandi per la

Dettagli

Database: collezione di fatti, registrabili e con un ben preciso significato, relazionati fra di loro

Database: collezione di fatti, registrabili e con un ben preciso significato, relazionati fra di loro Database relazionali: un'introduzione Database: collezione di fatti, registrabili e con un ben preciso significato, relazionati fra di loro Rappresentazione astratta di aspetti del mondo reale (Universe

Dettagli

Sommario Ing. Gianluca Di Tomassi Sito Web: www.ditomassi.it Sistemi informativi e sistemi informatici Metodologie e modelli per il progetto Progettazione di una base di dati Un modello concettuale: Il

Dettagli

Il modello relazionale dei dati

Il modello relazionale dei dati Il modello relazionale dei dati Master Alma Graduate School Sistemi Informativi Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/alma_si1/ Versione elettronica: 04Relazionale.pdf Obiettivi della

Dettagli

SQL Laboratorio di Basi di Dati a.a. 2002/2003

SQL Laboratorio di Basi di Dati a.a. 2002/2003 1 SQL Laboratorio di Basi di Dati a.a. 2002/2003 dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 2 Cos'è SQL? Linguaggio di riferimento per le basi di dati relazionali

Dettagli

Il modello relazionale dei dati e stato introdotto da Codd. nel 1970 (E.F. Codd, \A relational model of data for large

Il modello relazionale dei dati e stato introdotto da Codd. nel 1970 (E.F. Codd, \A relational model of data for large Modello Relazionale Il modello relazionale dei dati e stato introdotto da Codd nel 1970 (E.F. Codd, \A relational model of data for large shared data banks", Comm. of the ACM, 1970) ed e basato sul concetto

Dettagli

Il Modello Relazionale

Il Modello Relazionale Il Modello Relazionale 1 Proposto da E. F. Codd nel 1970 per favorire l indipendenza dei dati e reso disponibile come modello logico in DBMS reali nel 1981 Si basa sul concetto matematico di relazione,

Dettagli

Lo schema concettuale risultante dalla progettazione concettuale è l input alla fase di progettazione logica.

Lo schema concettuale risultante dalla progettazione concettuale è l input alla fase di progettazione logica. Progettazione logica Lo schema concettuale risultante dalla progettazione concettuale è l input alla fase di progettazione logica. La progettazione logica è basata su un particolare modello logico dei

Dettagli

Il Modello Relazionale

Il Modello Relazionale Il Modello Relazionale Il modello relazionale 1 Il modello relazionale Proposto da E. F. Codd nel 1970 per favorire l indipendenza dei dati e reso disponibile come modello logico in DBMS reali nel 1981

Dettagli

Informatica. Il modello relazionale: Relazioni e tabelle. Relazioni con attributi

Informatica. Il modello relazionale: Relazioni e tabelle. Relazioni con attributi Informatica Basi di dati parte 3 Basi di dati relazionali: relazioni, tabelle, chiavi, vincoli Lezione 9 Laurea magistrale in Scienze della mente Laurea magistrale in Psicologia dello sviluppo e dell'educazione

Dettagli

Cardinalità. Informatica. Cardinalità. Cardinalità. Cardinalità. Cardinalità. Cardinalità delle associazioni:

Cardinalità. Informatica. Cardinalità. Cardinalità. Cardinalità. Cardinalità. Cardinalità delle associazioni: Informatica Lezione 3 Laurea magistrale in Psicologia Laurea magistrale in Psicologia dello sviluppo e dell'educazione Anno accademico: 2008-2009 delle associazioni: engono specificate per ciascuna partecipazione

Dettagli

Database - SQL. Database. Introduzione

Database - SQL. Database. Introduzione Database Introduzione Mo1vazioni In numerosi contes1 applica1vi la ges1one delle informazioni riveste un ruolo chiave: Banking: informazioni sui clien1, i con1 corren1, i mutui, bonifici e transazioni

Dettagli

Cardinalità e identificatori. Informatica. Generalizzazioni. Generalizzazioni. Generalizzazioni. Generalizzazioni

Cardinalità e identificatori. Informatica. Generalizzazioni. Generalizzazioni. Generalizzazioni. Generalizzazioni e identificatori Codice (0,1) (1,1) Dirige Informatica Lezione 8 Laurea magistrale in Scienze della mente Laurea magistrale in Psicologia dello sviluppo e dell'educazione Anno accademico: 2012 2013 1 Cognome

Dettagli

Il Modello Relazionale

Il Modello Relazionale Il Modello Relazionale Basi di dati 1 Il Modello Relazionale Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine Il Modello Relazionale Basi di dati 2 Introduzione Il modello

Dettagli

Basi di dati Il linguaggio SQL

Basi di dati Il linguaggio SQL Basi di dati Il linguaggio SQL teoria e pratica con Microsoft Access Riepilogando Nelle basi di dati esiste 1. una parte invariante nel tempo, lo schema, costituita dalle caratteristiche dei dati (nomi

Dettagli

Basi di dati Il linguaggio SQL

Basi di dati Il linguaggio SQL Riepilogando Basi di dati Il linguaggio SQL Nelle basi di dati esiste 1. una parte invariante nel tempo, lo schema, costituita dalle caratteristiche dei dati (nomi degli attributi, domini, 2. una parte

Dettagli

Corso di Informatica (Basi di Dati)

Corso di Informatica (Basi di Dati) Corso di Informatica (Basi di Dati) Lezione 6 (15 gennaio 2009) Linguaggio SQL: Data Definition Language (DDL) Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati 1, Prof.

Dettagli

70555 Informatica 3 70777 Sicurezza 2. 70555 Mario Rossi 70777 Anna Bianchi. Esempio istanza:

70555 Informatica 3 70777 Sicurezza 2. 70555 Mario Rossi 70777 Anna Bianchi. Esempio istanza: DOMANDE 1) Definire i concetti di schema e istanza di una base di dati, fornendo anche un esempio. Si definisce schema di una base di dati, quella parte della base di dati stessa che resta sostanzialmente

Dettagli

Data Base Relazionali

Data Base Relazionali Data Base Relazionali Modello Relazionale dei dati Basi di Dati Relazionali 1 Progettazione di DB METODOLOGIA DI PROGETTO IN TRE FASI Descrizione formalizzata e completa della realtà di interesse REALTA'

Dettagli

Algebra e calcolo relazionale. Ripasso. Le 7 Virtù del DBMS persistenza affidabilità volume condivisione riservatezza efficienza efficacia

Algebra e calcolo relazionale. Ripasso. Le 7 Virtù del DBMS persistenza affidabilità volume condivisione riservatezza efficienza efficacia Algebra e calcolo relazionale Ripasso Le 7 Virtù del DBMS persistenza affidabilità volume condivisione riservatezza efficienza efficacia I 4 Livelli di astrazione Le Tabelle Livello fisico (o interno)

Dettagli

Basi di dati. SQL: Amministrazione e Viste. Prof.ssa Rosalba Giugno Dott. Aurelio Giudice

Basi di dati. SQL: Amministrazione e Viste. Prof.ssa Rosalba Giugno Dott. Aurelio Giudice Basi di dati SQL: Amministrazione e Viste Prof.ssa Rosalba Giugno Dott. Aurelio Giudice SQL per definire ed amministrare Ad ogni utente tipicamente viene associata una base di dati, creata dall amministratore

Dettagli

Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici

Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici Coordinatore: Prof. Paolo Nesi Docenti: Prof. Paolo Nesi Dr.sa Michela Paolucci Dr. Emanuele Bellini SQL SQL = Structured Query Language Linguaggio

Dettagli

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 8: Basi di Dati. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 8: Basi di Dati. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 8: Basi di Dati Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Base di dati (accezione generica, metodologica) Insieme organizzato di dati utilizzati per il supporto

Dettagli

Basi di Dati. Modello dei Dati

Basi di Dati. Modello dei Dati Basi di Dati Il Modello Relazionale Concetti Generali Modello dei Dati Schema di rappresentazione dati: visione dei dati secondo un certo formalismo (ad es. alberi, grafi, tabelle) Modello dei dati: costrutti

Dettagli

DB - Modello relazionale dei dati. DB - Modello Relazionale 1

DB - Modello relazionale dei dati. DB - Modello Relazionale 1 DB - Modello relazionale dei dati DB - Modello Relazionale 1 Definizione Un modello dei dati è un insieme di meccanismi di astrazione per definire una base di dati, con associato un insieme predefinito

Dettagli

Il linguaggio SQL. Evoluzione del linguaggio. I linguaggi dentro SQL. I dialeu SQL. U@lizzo di SQL SQL. A. Ferrari 1

Il linguaggio SQL. Evoluzione del linguaggio. I linguaggi dentro SQL. I dialeu SQL. U@lizzo di SQL SQL. A. Ferrari 1 Il linguaggio SQL Structured Query Language SQL è un linguaggio di interrogazione per database proge

Dettagli

Corso sul linguaggio SQL

Corso sul linguaggio SQL Corso sul linguaggio SQL Modulo L2B (SQL) 2.2 Comandi sulle tabelle 1 Prerequisiti Introduzione ai DB Tabelle, relazioni e attributi Chiave primaria Chiave esterna Vincoli di integrità 2 1 Introduzione

Dettagli

Definizione di domini

Definizione di domini Definizione di domini Come nei linguaggi ad alto livello (es. C) è possibile definire nuovi domini (tipi di dati) a partire da quelli predefiniti, anche se il costruttore è più limitato. create domain

Dettagli

Introduzione ai Database

Introduzione ai Database Introduzione ai Database Le basi di dati Le basi di dati costituiscono uno dei maggiori campi di applicazione dell informatica Qualunque organizzazione (azienda, usl, scuola,...) ha un proprio sistema

Dettagli

Basi di Dati e Sistemi Informativi. Progettazione logica: Il modello relazionale

Basi di Dati e Sistemi Informativi. Progettazione logica: Il modello relazionale Basi di Dati e Sistemi Informativi Progettazione logica: Il modello relazionale Corso di Laurea in Ing. Informatica Ing. Gestionale Magistrale Introduzione Basato sul lavoro di Codd (~1970) E attualmente

Dettagli

Implicazioni. Codd, 1970. Relazione - Tabella. Struttura. Integrità. Manipolazione. memorizzati e gestiti dal sistema informatico.

Implicazioni. Codd, 1970. Relazione - Tabella. Struttura. Integrità. Manipolazione. memorizzati e gestiti dal sistema informatico. Adottato Il Definisce dalla modello come maggior sono parte dei DBMS in commercio relazionale organizzati i dati e non come sono poi Codd, 1970 Il di preoccuparsi modello concetto tabellaèintuitivo relazionale

Dettagli

Introduzione alle Basi di Dati

Introduzione alle Basi di Dati 1 Introduzione alle Basi di Dati Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Sistema Azienda 2 Sistema organizzativo è costituito da una serie di risorse e di regole necessarie

Dettagli

Progettazione di Basi di Dati

Progettazione di Basi di Dati Progettazione di Basi di Dati Prof. Nicoletta D Alpaos & Prof. Andrea Borghesan Entità-Relazione Progettazione Logica 2 E il modo attraverso il quale i dati sono rappresentati : fa riferimento al modello

Dettagli

SQL: concetti base SQL. Definizione dei dati in SQL. SQL: "storia"

SQL: concetti base SQL. Definizione dei dati in SQL. SQL: storia SQL SQL: concetti base originariamente "Structured Query Language", ora "nome proprio" linguaggio con varie funzionalità: contiene sia il DDL sia il DML ne esistono varie versioni vediamo gli aspetti essenziali,

Dettagli

Informatica (Basi di Dati)

Informatica (Basi di Dati) Corso di Laurea in Biotecnologie Informatica (Basi di Dati) Introduzione alle Basi di Dati Anno Accademico 2009/2010 Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati

Dettagli

SQL. Laboratorio di Progettazione di Basi di Dati (CdS in Informatica e TPS)

SQL. Laboratorio di Progettazione di Basi di Dati (CdS in Informatica e TPS) 1 SQL Laboratorio di Progettazione di Basi di Dati (CdS in Informatica e TPS) a.a. 2014/2015 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/basi-dati/bd2014-15.htm dott.ssa Francesca A. Lisi francesca.lisi@uniba.it

Dettagli

Data Base. Le basi di dati

Data Base. Le basi di dati Data Base Le basi di dati Le basi di dati costituiscono uno dei maggiori campi di applicazione dell informatica Qualunque organizzazione (azienda, usl, scuola,...) ha un proprio sistema informativo, non

Dettagli

Data Base. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 5

Data Base. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 5 Data Base Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 5 Sommario I concetti fondamentali Database e DBMS Tipi di Database Database Relazionale Attributi, Tupla, Vincoli di integrità, Chiavi, Vincolo

Dettagli

N ORE LEZIONI FRONTALI: STUDIO INDIVIDUALE ( ) N ORE ESERCITAZIONI/LABORATORIO: STUDIO INDIVIDUALE ( )

N ORE LEZIONI FRONTALI: STUDIO INDIVIDUALE ( ) N ORE ESERCITAZIONI/LABORATORIO: STUDIO INDIVIDUALE ( ) Invia modulo Basi di Dati + Laboratorio INSEGNAMENTO 214-215 ANNO ACCADEMICO Informatica Triennale sede di Brindisi CORSO DI LAUREA IN Paolo Buono DOCENTE 2 1 ANNO DI CORSO SEMESTRE 7 N CREDITI LEZIONI

Dettagli

Laboratorio di Basi di Dati e Web

Laboratorio di Basi di Dati e Web Laboratorio di Basi di Dati e Web Docente: Alberto Belussi Lezione 1 SQL Structured Query Language SQL è stato definito nel 1973 ed è oggi il linguaggio più diffuso per i DBMS relazionali Il linguaggio

Dettagli

Modello concettuale dei dati e Disegno Logico di un Database. L.Vigliano

Modello concettuale dei dati e Disegno Logico di un Database. L.Vigliano Modello concettuale dei dati e Disegno Logico di un Database Modello concettuale dei dati Progettare una base di dati significa definirne struttura, caratteristiche e contenuto. Uso di opportune metodologie.

Dettagli

SQL: Concetti Base -Prima Parte-

SQL: Concetti Base -Prima Parte- SQL: Concetti Base -Prima Parte- Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi Di Dati: Modelli e Linguaggi di Interrogazione, McGraw-Hill Italia Capitolo 4 SQL Structured Query Language Contiene: DDL (Data Definition

Dettagli

Linguaggio SQL: fondamenti D B M G. Gestione delle tabelle

Linguaggio SQL: fondamenti D B M G. Gestione delle tabelle Linguaggio SQL: fondamenti Creazione di una tabella Modifica della struttura di una tabella Cancellazione di una tabella Dizionario dei dati Integrità dei dati 2 2007 Politecnico di Torino 1 Creazione

Dettagli

Gestione delle tabelle

Gestione delle tabelle Linguaggio SQL: fondamenti Creazione di una tabella Modifica della struttura di una tabella Cancellazione di una tabella Dizionario dei dati Integrità dei dati 2 Creazione di una tabella (1/3) Si utilizza

Dettagli

Database/Banche Dati/Sistemi Informativi

Database/Banche Dati/Sistemi Informativi Database/Banche Dati/Sistemi Informativi Insieme di programmi in grado di: acquisire, elaborare, archiviare informazioni in genere ad uso di un organizzazione (azienda o istituzione). Dato Informazione

Dettagli

b) Costruire direttamente le relazioni e poi correggere quelle che presentano anomalie

b) Costruire direttamente le relazioni e poi correggere quelle che presentano anomalie TEORIA RELAZIONALE: INTRODUZIONE 1 Tre metodi per produrre uno schema relazionale: a) Partire da un buon schema a oggetti e tradurlo b) Costruire direttamente le relazioni e poi correggere quelle che presentano

Dettagli

Laboratorio di Basi di Dati

Laboratorio di Basi di Dati Laboratorio di Basi di Dati Docente: Alberto Belussi Lezione 1 SQL SQL (Structured Query Language) è stato definito nel 1973 ed è oggi il linguaggio più diffuso per i DBMS relazionali. Sono stati proposti

Dettagli

Il Modello Relazionale (1)

Il Modello Relazionale (1) Il Modello Relazionale (1) Il modello relazionale, sebbene non sia stato il modello usato nei primi DBMS, è divenuto lentamente il modello più importante al punto che è oggi comunemente usato in tutti

Dettagli

Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici

Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici Coordinatore: Prof. Paolo Nesi Docenti: Prof. Paolo Nesi Dr.sa Michela Paolucci Dr. Emanuele Bellini Cosa e l informatica? Scienza del trattamento

Dettagli

SQL SQL. Definizione dei dati. Domini. Esistono 6 domini elementari:

SQL SQL. Definizione dei dati. Domini. Esistono 6 domini elementari: SQL SQL (pronunciato anche come l inglese sequel: acronimo di Structured Query Language (linguaggio di interrogazione strutturato Linguaggio completo che presenta anche proprietà di: DDL (Data Definition

Dettagli

Corso di Informatica Generale 1 IN1. Linguaggio SQL

Corso di Informatica Generale 1 IN1. Linguaggio SQL Università Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. di Laurea in Matematica di Informatica Generale 1 Linguaggio SQL Marco (liverani@mat.uniroma3.it) Sommario Prima parte: le basi dati relazionali Basi di dati:

Dettagli

SQL - Tipi di dato Il linguaggio SQL

SQL - Tipi di dato Il linguaggio SQL SQL - Tipi di dato Il linguaggio SQL I tipi di dato in SQL:1999 si suddividono in tipi predefiniti tipi strutturati tipi user-defined ci concentreremo sui tipi predefiniti i tipi predefiniti sono suddivisi

Dettagli

Basi di Dati. Laboratorio Ing. G. Laboccetta Dott.ssa. V. Policicchio. Corso di Laurea in Informatica. a.a. 2010-2011

Basi di Dati. Laboratorio Ing. G. Laboccetta Dott.ssa. V. Policicchio. Corso di Laurea in Informatica. a.a. 2010-2011 Corso di Laurea in Informatica Basi di Dati a.a. 2010-2011 Laboratorio Ing. G. Laboccetta Dott.ssa. V. Policicchio PROGETTAZIONE FISICA SQL-DDL OBIETTIVO: Rappresentare i dati della realtà di interesse

Dettagli

Il linguaggio SQL. Il linguaggio SQL. Il linguaggio SQL. SQL - Tipi di dato. SQL - Tipi di dato numerici. SQL - Tipi di dato numerici

Il linguaggio SQL. Il linguaggio SQL. Il linguaggio SQL. SQL - Tipi di dato. SQL - Tipi di dato numerici. SQL - Tipi di dato numerici Il linguaggio SQL Il linguaggio SQL il linguaggio SQL è un linguaggio per la definizione e la manipolazione dei dati, sviluppato originariamente presso il laboratorio IBM a San Jose (California) è diventato

Dettagli

ESERCITAZIONI: II PROVA SCRITTA DI INFORMATICA

ESERCITAZIONI: II PROVA SCRITTA DI INFORMATICA ESERCITAZIOI: II PROVA SCRITTA DI IFORMATICA 1) Una casa editrice desidera archiviare in un database le informazioni riguardanti gli abbonamenti alle riviste ed ai giornali pubblicati tra il 1995 ed il

Dettagli

Attributi e domini. A per {A}; XY per X Y (pertanto A 1 A 2 A 3 denota

Attributi e domini. A per {A}; XY per X Y (pertanto A 1 A 2 A 3 denota Attributi e domini Assumiamo un universo infinito numerabile U = {A 0, A 1, A 2...} di attributi. Denotiamo gli attributi con A, B, C, B 1, C 1... e gli insiemi di attributi con X, Y, Z, X 1,... per brevità

Dettagli

Basi di Dati Relazionali

Basi di Dati Relazionali Corso di Laurea in Informatica Basi di Dati Relazionali a.a. 2009-2010 Laboratorio Ing. G. Laboccetta Dott.ssa. V. Policicchio Coadiutore: Dott.ssa D. Nicotera PROGETTAZIONE FISICA SQL-DDL OBIETTIVO: Rappresentare

Dettagli

Descrizione del linguaggio SQL Definizione del database. Giovanna Rosone 02-03/03/2010

Descrizione del linguaggio SQL Definizione del database. Giovanna Rosone 02-03/03/2010 Descrizione del linguaggio SQL Definizione del database Giovanna Rosone 02-03/03/2010 Database Il termine Database indica l insieme delle informazioni presenti in uno specifico sistema informativo. E composto

Dettagli

Corso di Basi di Dati A.A. 2013/2014

Corso di Basi di Dati A.A. 2013/2014 Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Sapienza Università di Roma Corso di Basi di Dati A.A. 2013/2014 Tiziana Catarci, Andrea Marrella Ultimo aggiornamento : 29/03/2014 SQL : Structured Query Language

Dettagli

Vincoli di Integrità

Vincoli di Integrità Vincoli di Integrità Antonella Poggi Dipartimento di informatica e Sistemistica Sapienza Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2010-2011 Questi lucidi sono stati prodotti

Dettagli

Il linguaggio SQL: le basi

Il linguaggio SQL: le basi Il linguaggio SQL: le basi Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: SQLa-basi.pdf Sistemi Informativi L-A SQL: caratteristiche generali

Dettagli

I database relazionali sono il tipo di database attualmente piu diffuso. I motivi di questo successo sono fondamentalmente due:

I database relazionali sono il tipo di database attualmente piu diffuso. I motivi di questo successo sono fondamentalmente due: Il modello relazionale I database relazionali sono il tipo di database attualmente piu diffuso. I motivi di questo successo sono fondamentalmente due: 1. forniscono sistemi semplici ed efficienti per rappresentare

Dettagli

Algebra Relazionale. algebra relazionale

Algebra Relazionale. algebra relazionale Algebra Relazionale algebra relazionale Linguaggi di Interrogazione linguaggi formali Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica linguaggi programmativi SQL: Structured Query Language

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

Informatica (Basi di Dati)

Informatica (Basi di Dati) Corso di Laurea in Biotecnologie Informatica (Basi di Dati) Modello Entità-Relazione Anno Accademico 2009/2010 Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati 1, Prof.

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2011-2012

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2011-2012 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2011-2012 2012 Docente: Gigliola Vaglini Docente laboratorio: Alessandro Lori 1 Lezione 3 Structured Query Language

Dettagli

Basi di Dati e Sistemi Informativi. Structured Query Language

Basi di Dati e Sistemi Informativi. Structured Query Language Basi di Dati e Sistemi Informativi Structured Query Language Corso di Laurea in Ing. Informatica Ing. Gestionale Magistrale SQL come DDL e DML SQL non è solo un linguaggio di interrogazione Linguaggio

Dettagli

Corso di Laboratorio di Basi di Dati

Corso di Laboratorio di Basi di Dati Corso di Laboratorio di Basi di Dati F1I072 - INF/01 a.a 2009/2010 Pierluigi Pierini Technolabs S.p.a. Pierluigi.Pierini@technolabs.it Università degli Studi di L Aquila Dipartimento di Informatica Technolabs

Dettagli

Corso di Informatica (Basi di Dati)

Corso di Informatica (Basi di Dati) Corso di Informatica (Basi di Dati) Lezione 1 (12 dicembre 2008) Introduzione alle Basi di Dati Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati 1, Prof. Carlo Batini,

Dettagli

Linguaggio SQL Descriviamo la notazione usata nel seguito:

Linguaggio SQL Descriviamo la notazione usata nel seguito: Descriviamo la notazione usata nel seguito: i termini del linguaggio sono sottolineati; i termini variabili sono scritti in corsivo; le parentesi angolari (< >)permettono di isolare un termine della sintassi;

Dettagli

INDICI. Prevediamo di effettuare spesso interrogazioni simili alle seguenti:

INDICI. Prevediamo di effettuare spesso interrogazioni simili alle seguenti: Date le tabelle: Clienti := < id, nome, cognome, indirizzo,città > Ordini := < id, data_ora_ordine, id_prodotto, id_cliente, quantità> Prodotti := < id, nome, descrizione, costo,scorte > INDICI Prevediamo

Dettagli

Il linguaggio SQL: le basi. Versione elettronica: SQLa-basi.pdf

Il linguaggio SQL: le basi. Versione elettronica: SQLa-basi.pdf Il linguaggio SQL: le basi Versione elettronica: SQLa-basi.pdf SQL: caratteristiche generali SQL (Structured Query Language) è il linguaggio standard de facto per DBMS relazionali, che riunisce in sé funzionalità

Dettagli

Basi di dati. Microsoft Access. Cosa è. Pietro Pala (pala@dsi.unifi.it) Come iniziare. Aprire un database. Creare un database. Creare un database

Basi di dati. Microsoft Access. Cosa è. Pietro Pala (pala@dsi.unifi.it) Come iniziare. Aprire un database. Creare un database. Creare un database Cosa è Basi di dati Pietro Pala (pala@dsi.unifi.it) Microsoft Access Access è un DBMS relazionale in grado di supportare: Specifica grafica dello schema della base dati Specifica grafica delle interrogazioni

Dettagli

Basi di dati. SQL: concetti base

Basi di dati. SQL: concetti base Basi di dati SQL: concetti base SQL originariamente "Structured Query Language", ora "nome proprio" linguaggio con varie funzionalità: contiene sia il DDL sia il DML ne esistono varie versioni vediamo

Dettagli

È fatta male? Perché? Come si può correggere?

È fatta male? Perché? Come si può correggere? UNA TABELLA N Inv Stanza Resp Oggetto Produttore Descrizione 1012 256 Ghelli Mac Mini Apple Personal Comp 1015 312 Albano Dell XPS M1330 Dell Notebook 2 GHZ 1034 256 Ghelli Dell XPS M1330 Dell Notebook

Dettagli

Basi di dati. Gabriella Trucco gabriella.trucco@unimi.it

Basi di dati. Gabriella Trucco gabriella.trucco@unimi.it Basi di dati Gabriella Trucco gabriella.trucco@unimi.it Esempio Quando si pensa ad un database, generalmente si immagina una tabella contenente grandi quantità di informazioni, sulla quale è possibile

Dettagli

Capitolo 4: SQL (Slides( da Atzeni,, Ceri, Paraboschi, Torlonee,, Basi di dati McGraw-Hill. Hill,, 2002)

Capitolo 4: SQL (Slides( da Atzeni,, Ceri, Paraboschi, Torlonee,, Basi di dati McGraw-Hill. Hill,, 2002) SQL, Definizione e interrogazione di basi di dati Capitolo 4: SQL (Slides( da Atzeni,, Ceri, Paraboschi, Torlonee,, Basi di dati McGraw-Hill Hill,, 2002) SQL Structured Query Language è un linguaggio con

Dettagli

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2014-2015 Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Strutture di dati: DB e DBMS DATO E INFORMAZIONE Dato: insieme

Dettagli

Sistemi Informativi e Basi di Dati

Sistemi Informativi e Basi di Dati Sistemi Informativi e Basi di Dati Laurea Specialistica in Tecnologie di Analisi degli Impatti Ecotossicologici Docente: Francesco Geri Dipartimento di Scienze Ambientali G. Sarfatti Via P.A. Mattioli

Dettagli

Gabriele Orlandi BASI DI DATI Database Informatica Dispense

Gabriele Orlandi BASI DI DATI Database Informatica Dispense Gabriele Orlandi BASI DI DATI Database Informatica Dispense INTRODUZIONE Una base di dati è una collezione di dati (fatti noti) che ha le seguenti proprietà: - rappresenta un aspetto del mondo reale (Universo

Dettagli

Modello Relazionale. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto san giovanni

Modello Relazionale. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto san giovanni Modello Relazionale Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto san giovanni Cronologia dei modelli per la rappresentazione dei dati Modello gerarchico (anni 60) Modello reticolare

Dettagli

Governo Digitale a.a. 2007/08

Governo Digitale a.a. 2007/08 Governo Digitale a.a. 2007/08 Lezioni 21/5 Titolare: Salvatore Tucci s.tucci@governo.it http://www.ce.uniroma2.it/people/tucci.html Corso integrativo: Mariateresa Celardo m.celardo@governo.it Gli strumenti

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2010-2011

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2010-2011 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2010-2011 2011 Docente: Gigliola Vaglini Docente laboratorio: Alessandro Lori 1 Obiettivi del corso Imparare

Dettagli

Documentazione SQL. Argomento Sintassi Note Definizione schema create schema [NomeSchema] [[authorization] Autorizzazione] {DefElementoSchema}

Documentazione SQL. Argomento Sintassi Note Definizione schema create schema [NomeSchema] [[authorization] Autorizzazione] {DefElementoSchema} Documentazione SQL Argomento Sintassi Note Definizione schema create schema [NomeSchema] [[authorization] Autorizzazione] {DefElementoSchema} Definizione tabella Definizione dominio Specifica di valori

Dettagli

Il linguaggio SQL: DDL di base

Il linguaggio SQL: DDL di base Il linguaggio SQL: DDL di base Sistemi Informativi T Versione elettronica: 04.1.SQL.DDLbase.pdf SQL: caratteristiche generali SQL (Structured Query Language) èil linguaggio standard de facto per DBMS relazionali,

Dettagli

Sui database ed altre questioni di analoga importanza (v 0.8.2)

Sui database ed altre questioni di analoga importanza (v 0.8.2) Sui database ed altre questioni di analoga importanza (v 0.8.2) Introduzione di Emanuele Ferri NB: IL DOCUMENTO POTREBBE SUBIRE VARIAZIONI Ho scritto queste pagine per chiarire alcuni concetti relativi

Dettagli

I livelli di progettazione possono essere così schematizzati: Esistono tre tipi diversi di modelli logici: Modello gerarchico: Esempio SPECIFICHE

I livelli di progettazione possono essere così schematizzati: Esistono tre tipi diversi di modelli logici: Modello gerarchico: Esempio SPECIFICHE I DATABASE o basi di dati possono essere definiti come una collezione di dati gestita dai DBMS. Tali basi di dati devono possedere determinati requisiti, definiti come specifiche, necessarie per il processo

Dettagli

5. Database relazionali

5. Database relazionali Corso di Laurea in Matema1ca Dipar9mento di Matema9ca e Fisica Sistemi per l elaborazione delle informazioni 5. Database relazionali Dispense del corso IN530 prof. Marco Liverani Archivi informa1ci (digitali)

Dettagli